CREMA TRATTAMENTO PSORIASI OFFERTA -50% !

Home Blog Page 40

Psorilax:Salva |crema corpo migliore per psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, dove si compra

Plaquenil (idrossiclorochina) e clorochina sono usati per prevenire o curare la malaria causata da punture di zanzara. Non funziona contro alcuni tipi di malaria (resistente alla clorochina).

E, Plaquenil (idrossiclorochina) è approvato dalla FDA per il trattamento dell'artrite reumatoide, del lupus eritematoso sistemico e del commercio della porfiria cutanea. L'idrossiclorochina è un metabolita più solubile e meno tossico della clorochina, che provoca meno effetti collaterali ed è quindi ritenuto più sicuro.

L'idrossiclorochina solfato è un solido cristallino incolore, solubile in acqua per almeno il 20 percento; chimicamente il farmaco è 2 – ((4 – ((7-cloro-4-chinolil) ammino) pentil) etilammino) etanolo solfato (1: 1).

Gli studi indicano che la clorochina è stata inizialmente utilizzata come profilassi e trattamento per la malaria. La clorochina (CQ) è un farmaco antimalarico lisosomotropico che neutralizza l'acidificazione lisosomiale, bloccando così la degradazione autofagosomica.

L'idrossiclorochina (Plaquenil) può trattare efficacemente manifestazioni di malattia, come dolori articolari ed eruzioni cutanee; ridurre gli eventi trombotici; e prolungare la sopravvivenza. L'uso della clorochina per la prevenzione dell'influenza è stato studiato per anni.

La FDA degli Stati Uniti ha rilasciato l'autorizzazione per consentire l'uso di emergenza dell'idrossiclorochina solfato per il trattamento di adulti e adolescenti ricoverati in ospedale con la malattia COVID-19. Sulla base di dati in vitro e aneddotici limitati, la clorochina o l'idrossiclorochina sono attualmente raccomandate per il trattamento dei pazienti ospedalizzati con COVID-19 in diversi paesi.

Mentre le prove a sostegno dell'uso di farmaci antimalarici per la malattia di COVID-19 sono ambigue, le prove per l'uso di questi farmaci per il trattamento di malattie immuno-mediate non lo sono.

Il 7 aprile 2020, la FDA ha approvato una nuova domanda abbreviata di droga (ANDA) per idrossiclorochina (plaquenil) compresse di solfato USP, 200 mg. per il trattamento della malaria semplice dovuta a P. falciparum, P. malariae, P. ovale e P. vivax. Lupus eritematoso cronico discoide e lupus eritematoso sistemico negli adulti e; Trattamento dell'artrite reumatoide acuta e cronica negli adulti.

E, il 14 maggio 2020, la FDA ha approvato un altro ANDA per le compresse di solfato di idrossiclorochina USP, 200 mg per il trattamento della malaria semplice dovuta a P. falciparum, P. malariae, P. ovale e P. vivax; Lupus eritematoso discoide cronico e lupus eritematoso sistemico negli adulti; Trattamento dell'artrite reumatoide acuta e cronica negli adulti.

Gli effetti collaterali dell'idrossiclorochina comprendono danni alla retina irreversibili, effetti cardiaci (inclusa cardiomiopatia e prolungamento dell'intervallo QT, peggioramento della psoriasi e della porfiria, miopatia prossimale e neuropatia, eventi neuropsichiatrici e ipoglicemia.

  • 28 maggio 2020 – Più di un terzo delle persone con lupus ha avuto problemi significativi nel riempire le prescrizioni di idrossiclorochina (Plaquenil) durante la pandemia di COVID-19 secondo i risultati di un nuovo sondaggio condotto dalla Lupus Research Alliance.

  • 27 maggio 2020 – I Paesi europei vietano i trattamenti con idrossiclorochina per i pazienti con COVID-19.

  • 26 maggio 2020 – La Food and Drug Administration statunitense ha approvato artesunato per iniezione per il trattamento della malaria grave nei pazienti adulti e pediatrici. Il trattamento della malaria grave con artesunato per via endovenosa deve sempre essere seguito da un ciclo di trattamento completo di un regime antimalarico orale appropriato.

  • 25 maggio 2020 – L'OMS ha temporaneamente sospeso il suo processo di idrossiclorochina per motivi di sicurezza. “Il gruppo esecutivo ha messo in atto una pausa temporanea del braccio idrossiclorochina nell'ambito della prova di solidarietà mentre i dati sulla sicurezza vengono esaminati dal comitato per il monitoraggio della sicurezza dei dati”, ha dichiarato il direttore generale dell'OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ai giornalisti durante un briefing informativo.

  • 24 maggio 2020 – “Abbiamo ricevuto una lettera dall'MHRA in cui ci hanno comunicato le loro preoccupazioni relative all'uso dell'idrossiclorochina come trattamento per i pazienti con COVID-19 alla luce della recente pubblicazione di Mehra et al in The Lancet il 22 maggio 2020. Abbiamo tenuto due videoconferenze con l'MHRA e fornito una risposta dettagliata che è sintetizzata di seguito. Questa mattina abbiamo ricevuto conferma scritta dall'MHRA che “è accettabile consentire la randomizzazione continua (di ulteriori pazienti) nel braccio dell'idrossiclorochina dello studio”.

  • 23 maggio 2020 – Vizient, un'organizzazione di acquisto di gruppo che serve circa 3.000 ospedali negli Stati Uniti, ha affermato che la domanda di idrossiclorochina ad aprile è stata di circa 17 volte maggiore rispetto a gennaio 2020. Sebbene l'offerta sia aumentata durante il periodo, il volume disponibile il mese scorso è stato solo circa la metà delle unità ordinate.

  • 22 maggio 2020 – L'Indian Council of Medical Research, l'organo dell'apice dell'India sul campo, ha scoperto che consumare il farmaco idrossiclorochina riduce le possibilità di contrarre la malattia di Covid-19.

  • 22 maggio 2020 – Un nuovo studio pubblicato su The Lancet non è stato in grado di confermare un beneficio dell'idrossiclorochina o della clorochina, se usato da solo o con un macrolido, sugli esiti ospedalieri per COVID-19. Ognuno di questi regimi farmacologici era associato a una ridotta sopravvivenza in ospedale e ad una maggiore frequenza di aritmie ventricolari quando usato per il trattamento della malattia COVID-19 “.

  • 20 maggio 2020 – Il Ministero della Salute brasiliano ha pubblicato nuove linee guida per un più ampio uso dell'idrossiclorochina a base di farmaci antimalarici nei casi di coronavirus lieve. Con le nuove linee guida, il ministero della salute ora raccomanda l'uso della clorochina o dell'idrossiclorochina da parte di tutti i pazienti Covid-19, compresi i bambini, a partire dalle prime fasi dell'infezione. Devono essere prescritti da un medico e i pazienti dovranno firmare un documento in cui affermano di comprendere i rischi dell'assunzione del farmaco.

  • 20 maggio 2020 – I rapporti dei media indicano che il farmaco anti-malariale idrossiclorochina viene acquistato all'ingrosso dal Regno Unito nel caso in cui si rivelasse un efficace trattamento della malattia COVID-19 e / o utilizzato a fini di prevenzione. Il contratto, che è stato caricato su un sito Web del governo il 15 maggio 2020, è una “opportunità aperta” per i fornitori di prodotti farmaceutici di fornire più di 33 milioni di compresse di vari farmaci tra giugno e gennaio 2021.

  • 20 maggio 2020 – Progenabiome ha annunciato che sta iniziando due studi clinici approvati dalla FDA che includono l'idrossiclorochina. Uno studio clinico è per la prevenzione della malattia COVID-19. Il secondo studio clinico è per il trattamento di COVID-19, una volta infetto dal coronavirus.

  • 19 maggio 2020 – Il leader della FDA degli Stati Uniti ha affermato che l'assunzione del farmaco antimalarico idrossiclorochina al di fuori di un ospedale è un'opzione. “La decisione di assumere qualsiasi farmaco è in definitiva una decisione tra un paziente e il loro medico”, ha dichiarato il commissario della FDA, il dott. Stephen Hahn, in una dichiarazione alla CNBC.

  • 19 maggio 2020 – JAMA ha pubblicato un articolo in cui si afferma che 'la FDA degli Stati Uniti ha emesso un EUA per l'uso dell'idrossiclorochina per alcuni pazienti ospedalizzati con diagnosi di coronavirus nel 2019 (COVID-19). L'idrossiclorochina è stata a lungo approvata dalla FDA per la profilassi e il trattamento della malaria e utilizzata nel trattamento del lupus eritematoso sistemico e dell'artrite reumatoide. Sebbene questo farmaco sembra inibire la replicazione del coronavirus in vitro, al momento dell'EUA, non vi erano prove cliniche affidabili a supporto dell'uso di questi farmaci per il trattamento di COVID-19 nei pazienti.

  • 14 maggio 2020 – L'US NIH inizia uno studio clinico di fase 2b su idrossiclorochina e azitromicina per il trattamento della malattia COVID-19. Questo studio sta arruolando 2.000 adulti con COVID-19 da lieve a moderato negli Stati Uniti. L'idrossiclorochina è approvata dalla FDA per prevenire e curare la malaria, nonché per curare le malattie autoimmuni l'artrite reumatoide e il lupus. A dirigere lo studio è Davey Smith, M.D., virologa della ricerca traslazionale, responsabile di Malattie infettive e Global Public Health presso la University of California San Diego School of Medicine.

  • 14 maggio 2020 – BMJ: efficacia clinica dell'idrossiclorochina nei pazienti con polmonite COVID-19 che richiedono ossigeno: uno studio comparativo osservazionale che utilizza i dati delle cure di routine.

  • 14 maggio 2020 – I primi studi clinici su un farmaco antivirale L'idrossiclorochina in Russia hanno dato risultati “promettenti” nel trattamento del nuovo coronavirus, una joint venture annunciata mercoledì mentre la Russia si trovava a dover affrontare casi di Covid-19.

  • 14 maggio 2020, la FDA degli Stati Uniti ha emesso un ANDA per idrossiclorochina di solfato in compresse USP, 200 mg per il trattamento della malaria semplice dovuta a P. falciparum, P. malariae, P. ovale e P. vivax; Lupus eritematoso discoide cronico e lupus eritematoso sistemico negli adulti; Trattamento dell'artrite reumatoide acuta e cronica negli adulti. Nome completo del titolare del richiedente: HAVIX GROUP INC DBA AAVIS PHARMACEUTICALS.

  • 13 maggio 2020 – Studio clinico di fase 2 su idrossiclorochina vs placebo per prevenire l'infezione da COVID-19 nei pazienti sottoposti a radioterapia lanciata dal Memorial Sloan Kettering Cancer Center.

  • 11 maggio 2020 – Il presente studio suggerisce un potenziale interesse per la terapia di combinazione con HCQ / azitromicina per il trattamento di COVID-19 in pazienti ospedalieri.

  • 7 maggio 2020 – Studio osservazionale sull'idrossiclorochina nei pazienti ospedalizzati con Covid-19, pubblicato dal NEJM. Questi ricercatori hanno scoperto che i pazienti che hanno ricevuto idrossiclorochina avevano lo stesso rischio di intubazione o morte, rispetto ai pazienti che non avevano ricevuto il farmaco per la malaria.

  • 5 maggio 2020 – Trattamento precoce di pazienti COVID-19 con idrossiclorochina e azitromicina: un'analisi retrospettiva di 1061 casi a Marsiglia, Francia.

  • 29 aprile 2020 – Nella più ampia coorte finora segnalata di pazienti COVID-19 trattati con clorochina / idrossiclorochina più meno azitromicina, non sono stati segnalati casi di TdP o morte aritmogenica. Sebbene l'uso di questi farmaci abbia comportato un prolungamento dell'intervallo QT, i medici raramente avevano bisogno di interrompere la terapia.

  • 27 aprile 2020 – In una lettera al governatore Doug Ducey dell'Arizona, l'Associazione dei medici e chirurghi americani, ha presentato una tabella di studi aggiornata che riporta i risultati del trattamento di pazienti COVID-19 con clorochina (CQ) e idrossiclorochina (HCQ, Plaquenil ). 'Sulla base di queste prove, ti chiediamo di annullare i tuoi ordini esecutivi che impediscono l'uso di CQ e HCQ e di ordinare inoltre che le agenzie amministrative non impongano alcun requisito sulla prescrizione di CQ, HCQ, azitromicina o altri farmaci destinati a trattare o prevenire malattia da coronavirus che non si applica allo stesso modo a tutti i farmaci approvati che possono essere utilizzati off-label per qualsiasi scopo. “

  • 26 aprile 2020 – Almeno 22 stati e Washington, DC, hanno assicurato le spedizioni del farmaco, idrossiclorochina, secondo le informazioni raccolte da funzionari statali e federali.

  • 24 aprile 2020 – FDA mette in guardia contro l'uso di idrossiclorochina o clorochina per il trattamento della malattia COVID-19 al di fuori del contesto ospedaliero o di uno studio clinico a causa del rischio di problemi del ritmo cardiaco.

  • 24 aprile 2020 – Idrossiclorochina o clorochina per COVID-19: FDA Drug Safety Communication.

  • 24 aprile 2020 – Il Consiglio Federale di Medicina del Brasile ha autorizzato l'uso dell'idrossiclorochina, anche se non ci sono prove scientifiche che il farmaco sia un trattamento efficace per il nuovo coronavirus.

  • 22 aprile 2020 – L'idrossiclorochina potrebbe essere presa in considerazione dagli operatori sanitari per i pazienti pediatrici a cui è stata diagnosticata una grave malattia COVID-19 e che non sono candidati a remdesivir o quando remdesivir non è disponibile.

  • 21 aprile 2020 – Uno studio senza revisione paritaria “Esiti dell'uso dell'idrossiclorochina nei veterani degli Stati Uniti ricoverati in ospedale con COVID-19” non ha trovato prove che l'uso dell'idrossiclorochina, con o senza azitromicina, abbia ridotto il rischio di ventilazione meccanica nei pazienti ricoverato in ospedale con malattia COVID-19. Un'associazione di aumento della mortalità complessiva è stata identificata nei pazienti trattati con idrossiclorochina da sola.

  • 20 aprile 2020 – I farmacisti aiutano a valutare i rischi cardiaci di idrossiclorochina. È più probabile che si verifichino effetti collaterali cardiovascolari con una terapia prolungata a dosi elevate, ha affermato il Dr. White, quindi i farmacisti dovrebbero esortare i fornitori a mantenere dosi più basse di idrossiclorochina per non più di 10 giorni e includere un cardiologo nella valutazione e nel monitoraggio dei pazienti.

  • 20 aprile 2020 – Novartis ha annunciato di aver raggiunto un accordo con la Food and Drug Administration (FDA) statunitense per procedere con uno studio clinico di fase III con circa 440 pazienti per valutare l'uso dell'idrossiclorochina per il trattamento di pazienti ospedalizzati con COVID-19 patologia. La fornitura di farmaci per la sperimentazione clinica sarà fornita da Sandoz, la divisione generici e biosimilari di Novartis.

  • 17 aprile 2020 – Il governo russo ha autorizzato gli ospedali a curare i pazienti con coronavirus con il farmaco non testato idrossiclorochina, che gli studi hanno collegato a effetti collaterali potenzialmente mortali. Questo decreto incarica il centro di ricerca nazionale di cardiologia medica della Russia di distribuire gratuitamente 68.600 confezioni di idrossiclorochina donate da una società farmaceutica di Shanghai agli ospedali di tutta la Russia.

  • 17 aprile 2020 – Il Consiglio indiano per la ricerca medica, sotto il Ministero della salute e del benessere della famiglia, ha raccomandato la chemioprofilassi con idrossiclorochina (400 mg due volte al giorno 1, quindi 400 mg una volta alla settimana in seguito) per gli operatori sanitari asintomatici che trattano i pazienti con sospetto o confermato COVID-19, e per contatti familiari asintomatici di casi confermati.

  • 16 aprile 2020 – Idrossiclorochina: la droga Costa Rica utilizza con successo per combattere Covid-19.

  • 14 aprile 2020 – La somministrazione di HCQ non ha comportato un tasso di conversione negativo più elevato ma una riduzione dei sintomi clinici maggiore rispetto al solo trattamento standard nei pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19 senza ricevere un trattamento antivirale, possibilmente attraverso effetti anti-infiammatori. Gli eventi avversi sono stati significativamente aumentati nei destinatari di HCQ ma nessun aumento apparente di eventi avversi gravi. Registrazione di prova ChiCTR2000029868.
  • 13 aprile 2020 – Il governatore del South Dakota ha annunciato che sta lanciando il primo processo in tutto lo stato di un possibile trattamento per COVID-19 nella nazione. Il farmaco idrossiclorochina in genere tratta la malaria, il lupus e l'artrite reumatoide.
  • 13 aprile 2020 – L'FDA statunitense ha annunciato “data questa emergenza sanitaria pubblica, e come discusso nell'avviso del Registro federale del 13 aprile 2020, intitolato” Linee guida specifiche per prodotto; Guida per l'industria “, disponibile presso il Registro federale – Guida: linee guida specifiche del prodotto Il PSG per la clorochina fosfato, idrossiclorochina, viene implementato senza commenti pubblici perché la FDA ha stabilito che la partecipazione del pubblico precedente a questa guida non è fattibile o appropriata (vedere sezione 701 (h) (1) (C) della legge FD&C e 21 CFR 10.115 (g) (2)). Il presente documento di orientamento viene immediatamente implementato, ma rimane soggetto a commenti in conformità con le buone pratiche di orientamento della FDA.
  • 11 aprile 2020 – Un nuovo studio è stato condotto da ricercatori dell'IHU Méditerranée Infezione, Marsiglia, Francia, su 1.061 pazienti con infezione da coronavirus che sono stati trattati interamente con idrossiclorochina e azitromicina, la mortalità è di circa lo 0,5% e che il tasso di guarigione è estremamente elevato. Evita il peggioramento e cancella la persistenza del virus e nella maggior parte dei casi contagiosamente.
  • 9 aprile 2020 – I risultati relativi a COVID-19 trattati con idrossiclorochina tra i pazienti con studio di malattia sintomatica o studio ORCHID sono condotti dalla rete di studi clinici di prevenzione e trattamento precoce delle lesioni polmonari acute (PETAL) del National Heart, Lung, and Blood Institute (NHLBI), parte del National Institutes of Health.
  • 8 aprile 2020 – Lo studio ORCHID (risultati relativi a COVID-19 trattati con idrossiclorochina tra i pazienti con malattia sintomatica), finanziato dal National Heart, Lung and Blood Institute del National Institutes of Health, ha arruolato il suo primo paziente ad aprile 2 e includerà centinaia di pazienti per determinare se l'idrossiclorochina è un trattamento efficace contro il virus progettato per ricoverare in ospedale migliaia di residenti negli Stati Uniti nelle prossime settimane.
  • 8 aprile 2020 – I ricercatori di Intermountain Healthcare e dell'Università dello Utah Health a Salt Lake City hanno avviato due studi clinici fondamentali per testare l'efficacia e la sicurezza di due farmaci – idrossiclorochina e azitromicina – per trattare i pazienti con COVID-19 (infezione da nuovo coronavirus). I ricercatori dei due sistemi sanitari hanno in programma di arruolare circa 2.300 pazienti che sono positivi al COVID-19 o sospettati di essere positivi per il virus.
  • 7 aprile 2020 – La FDA ha approvato una nuova domanda di farmaco abbreviata per compresse di solfato di idrossiclorochina USP, 200 mg.
  • 3 aprile 2020: Novartis ha annunciato la donazione di una notevole quantità di idrossiclorochina per il trattamento di pazienti COVID-19 ospedalizzati in Svizzera. Lo scopo della donazione è consentire ai pazienti di accedere a un potenziale trattamento, promuovendo nel contempo la ricerca clinica nella lotta contro COVID-19.
  • 2 aprile 2020 – Henry Ford Health System condurrà uno studio nazionale per determinare l'efficacia del farmaco nella prevenzione della malattia COVID-19.
  • 31 marzo 2020: uso di idrossiclorochina e clorochina durante la pandemia di COVID-19: ciò che ogni medico dovrebbe sapere. American College of Physicians.
  • 30 marzo 2020: nessuna evidenza di una rapida clearance antivirale o di benefici clinici con la combinazione di idrossiclorochina e azitromicina in pazienti con grave infezione da COVID-19.
  • 30 marzo 2020: L'efficacia dell'idrossiclorochina nei pazienti con malattia COVID-19 in uno studio clinico randomizzato, ha scoperto che l'uso dell'HCQ potrebbe ridurre significativamente il TTCR e promuovere l'assorbimento della polmonite.
  • 30 marzo 2020: circa l'83 percento dei farmacisti indipendenti negli Stati Uniti ha dichiarato di essere in grado di erogare una scorta limitata di farmaci per la malaria, a condizione che il paziente sia risultato positivo ….. e sia sotto la cura di un medico.
  • 29 marzo 2020: l'amministratore delegato di Novartis Vas Narasimhan ha dichiarato che la sua unità di generici di Sandoz, la malaria, il lupus e l'artrite, farmaco idrossiclorochina, prevede di donare fino a 130 milioni di dosi da 200 mg entro la fine di maggio, compreso l'attuale stock di 50 milioni di dosi da 200 mg sostiene gli studi clinici necessari prima che il medicinale possa essere approvato per l'uso contro il coronavirus.
  • 28 marzo 2020: la FDA ha rilasciato un'autorizzazione all'uso di emergenza per l'uso di formulazioni orali di clorochina fosfato e idrossiclorochina solfato per il trattamento della malattia di coronavirus 2019 (COVID-19) quando somministrato da un operatore sanitario in base a una prescrizione valida di una licenza medico come descritto nel campo di applicazione dell'autorizzazione (sezione II) di questa lettera.
  • 25 marzo 2020: l'FDA ha aggiunto l'idrossiclorochina solfato alla categoria 1 ai sensi della Politica interinale sulla composizione utilizzando sostanze sfuse, ai sensi della Sezione 503B della legge federale sugli alimenti, i medicinali e i cosmetici.
  • 25 marzo 2020: L'OMS esorta i paesi a garantire la continuità dei servizi per la malaria nel contesto della pandemia di COVID-19.
  • 22 marzo 2020: il Segretario alla Salute indiano ha rilasciato una dichiarazione secondo cui la Task Force Nazionale per la malattia COVID-19 raccomanda ufficialmente l'uso profilattico dell'idrossiclorochina per gli operatori sanitari e le famiglie di pazienti positivi confermati in laboratorio COVID-19.
  • 22 agosto 2005: la clorochina è un potente inibitore dell'infezione e della diffusione del coronavirus SARS.
  • L'idrossiclorochina è attualmente allo studio in studi clinici per la profilassi pre-esposizione o post-esposizione dell'infezione da SARS-CoV-2 e nel trattamento di pazienti con COVID-19 lieve, moderato e grave. Negli Stati Uniti sono previsti numerosi studi clinici sull'idrossiclorochina per la profilassi o il trattamento dell'infezione da SARS-CoV-2 che arriveranno presto.

    Un piccolo studio ha riferito che l'idrossiclorochina da sola o in combinazione con azitromicina (Z-Pak) ha ridotto la rilevazione dell'RNA SARS-CoV-2 nei campioni del tratto respiratorio superiore rispetto a un gruppo di controllo non randomizzato, ma non ha valutato il beneficio clinico.

    Prova clinica NCT04332991: Esiti correlati a COVID-19 trattati con idrossiclorochina tra i pazienti con malattia sintomatica (ORCHID) (Fase 3).

    Prova clinica NCT04308668: Profilassi post-esposizione / terapia preventiva per SARS-Coronavirus-2 (COVID-19 PEP) (Fase 3)

    Prova clinica NCT04333654: Idrossiclorochina negli adulti ambulatoriali con COVID-19 (Fase 1). Obiettivo primario: valutare l'effetto dell'idrossiclorochina rispetto al placebo sulla carica virale SARS-CoV-2 nasofaringea negli adulti ambulatoriali con COVID-19.

    Prova clinica NCT04321278: Sicurezza ed efficacia dell'idrossiclorochina associata all'azitromicina nel virus SARS-CoV2 (fase 3).

    Prove cliniche NCT04358068: Valutazione dell'efficacia dell'idrossiclorochina e dell'azitromicina per prevenire il ricovero o la morte in persone con COVID-19.

    Nota: questo contenuto è aggregato dal CDC, dall'OMS, dagli studi clinici e dalla rete di notizie Precision Vax. Queste informazioni sono verificate dai professionisti sanitari, come il Dr. Robert Carlson.

    Psorilax:Migliore online |crema ai sali del mar morto per psoriasi

    0

    Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, ingredienti

    L'ansia causata dalla pandemia di coronavirus potrebbe portare a problemi con la pelle delle persone, ha detto un terapeuta della pelle di alto livello.

    Eavanna Breen, terapeuta della pelle irlandese, ha affermato che i nostri livelli di ansia sono aumentati dalle nostre preoccupazioni per la salute, dalle preoccupazioni per la salute di coloro che amiamo e anche dalle preoccupazioni finanziarie dovute alla pandemia.

    Breen aggiunge che lo stress aggiuntivo può causare condizioni come acne, psoriasi ed eczema.

    Parlando del notevole aumento dei problemi della pelle delle persone irlandesi a causa dello stress di Covid-19, ha detto: “Ho visto un enorme aumento del numero di clienti che mi stanno contattando con preoccupazioni su insoliti scoppi, congestione, arrossamento, occhiaie e una maggiore sensibilità dall'inizio della pandemia di Covid-19.

    “Un altro modo in cui lo stress può manifestarsi sulla pelle è la comparsa di un'eruzione cutanea o orticaria. La risposta dell'istamina allo stress può causare la pelle a scoppiare in grumi sollevati macchiati”.



    Eavanna Breen

    Iscriviti alla nostra newsletter oggi!

    Basta inserire la tua e-mail nella casella nella parte superiore di questo articolo e ottenere tutte le ultime notizie e intrattenimento direttamente a te

    Ogni giorno ti invieremo un'e-mail di riepilogo con tutte le ultime notizie. Notizie locali irlandesi, notizie britanniche e internazionali, notizie sportive e di intrattenimento locali e nazionali, il tutto in una comoda e-mail.

    Puoi annullare l'iscrizione a questo servizio in qualsiasi momento. E stai certo che i tuoi dati non saranno condivisi con nessun'altra parte.

    Ma Eavanna è stata a disposizione per fornire alcuni suggerimenti a coloro che potrebbero avere problemi di pelle e stress.

    Aggiunge: “Al fine di combattere gli effetti dello stress sulla pelle, non esiste un unico consiglio per tutti, ogni caso deve essere considerato individualmente.

    “Il miglior consiglio che possiamo dare è di parlare con un professionista per affrontare i diversi modi in cui si manifesta questo stress. Alcune cliniche di bellezza irlandesi, come Akina, stanno offrendo consulenze online sulla pelle in questo momento.”

    Il consiglio generale è quello di mantenere semplice la tua routine di cura della pelle, usando detergenti delicati e creme idratanti di base, se non diversamente indicato dal tuo professionista della cura della pelle. Stai lontano dai principi attivi dei tuoi prodotti per la cura della pelle come acido glicolico e retinoidi mentre la pelle è infiammata. “

    “Tuttavia, ci sono cinque importanti passi che possiamo intraprendere da casa per aiutare la nostra pelle a superare indenne questa esperienza non convenzionale. Il consiglio dell'esperto è che se segui questi semplici passaggi, sei nel migliore dei modi possibile iniziare da combattere gli effetti stressanti di questa pandemia sulla nostra pelle:

    Leggi di più

    Consigli sulla salute del coronavirus

    Passo 1: Dai un'occhiata alla tua dieta ed esamina se potrebbe essere cambiata dal blocco. Ridurre la quantità di alimenti e zucchero trasformati e aumentare l'assunzione di verdure e acqua.

    Passo 2: Aiuta a bilanciare gli ormoni e migliora la pelle assumendo il supplemento pelle Skin Accumax.

    Passaggio 3: Metti da parte il tempo importante ogni giorno per te stesso. La gestione dello stress può essere qualcosa di semplice come impiegare 5 minuti per concentrarsi sulla respirazione. È importante trovare ciò che funziona per te, che si tratti di una passeggiata nel parco, una meditazione guidata o un pisolino.

    Step 4: Il sonno è molto importante per aiutare la pelle a recuperare. Pratica una buona igiene del sonno e raccogli i frutti del tuo sonno di bellezza.

    Passaggio 5: Prenota una consulenza online con un terapista della pelle per ottenere i migliori consigli su quali prodotti dovresti utilizzare, in base alla tua pelle individuale. Eavanna Breen è ora sottoposta a consultazioni sulla pelle virtuale ogni giorno. Vedi www.akina.ie o @eavannabreen su Instagram.

    Psorilax:opinioni |gambe psoriasi crema

    0

    Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, originale

    introduzione

    La psoriasi è una malattia sistemica associata al sistema immunitario di natura multifattoriale con un'importanza dominante dei fattori genetici nello sviluppo, caratterizzata da una proliferazione accelerata degli epidermociti e una violazione della loro differenziazione, risposte immunitarie nel derma e nelle membrane sinoviali, uno squilibrio tra citochine pro-infiammatorie e antinfiammatorie, chemochine; frequenti cambiamenti patologici nel sistema muscolo-scheletrico. La psoriasi è una delle malattie della pelle più comuni e si verifica nell'1-2% della popolazione dei paesi sviluppati (17). Il problema del trattamento patogenetico della psoriasi rimane rilevante, nonostante l'emergenza annuale di nuovi farmaci (16). Le vitamine del gruppo B sono ampiamente utilizzate nel complesso trattamento della psoriasi (B1, B6, B12), E e A. La loro azione in questa malattia, ad eccezione dell'ultima vitamina, non è specifica. Dato che la malattia si basa su processi infiammatori e proliferativi che portano ad una maggiore mitosi delle cellule epidermiche, negli ultimi decenni i dermatologi hanno utilizzato con successo, oltre a farmaci anti-infiammatori, farmaci citostatici (metotrexato, ciclosporina A, retinoidi, ecc.) (5). Tuttavia, questi farmaci hanno effetti collaterali, quindi sono principalmente usati per le forme gravi di psoriasi (psoriasi artropatica, eritroderma psoriasico). Un pronunciato effetto antinfiammatorio e citostatico locale viene esercitato dagli unguenti steroidei e dal ditranolo. Tuttavia, l'uso prolungato di unguenti steroidi porta all'atrofia cutanea, l'effetto degli unguenti steroidei è a breve termine e più efficace nelle fasi acute della psoriasi. Il nitranolo provoca spesso dermatite da contatto, grave iperpigmentazione e quindi viene usato meno spesso e principalmente su aree chiuse della pelle (15). Nel trattamento della psoriasi, è importante un effetto anti-cheratinizzante, che si basa sulla soppressione della proliferazione dei cheratinociti epidermici, sulla normalizzazione della differenziazione dell'epitelio non cheratinizzato e su una diminuzione dell'adesione delle cellule del corno. Ciò porta alla normalizzazione del tasso di mitosi nelle cellule dell'epidermide, rapida esfoliazione delle cellule del corno. L'ultimo decennio è caratterizzato da una comprensione approfondita delle proprietà biologiche e del meccanismo d'azione della vitamina D, un regolatore del metabolismo del calcio e del fosforo. I suoi rappresentanti principali sono ergocalciferolo (vitamina D2) e colcalciferolo (vitamina D3) (7). Vitamina D2 convertito in vivo in D3 a seguito di trasformazioni fotochimiche e termiche di steroli animali. Un ruolo importante nella produzione di vitamina D.3 giochi cutanei, in cui cheratinociti, fibroblasti, cellule di mieloma e macrofagi possono sintetizzarlo attivamente. Come risultato di una serie di trasformazioni di provitamina D3 in pre-vitamina D3 e infine in vitamina D3 quest'ultimo entra nel flusso sanguigno. Tuttavia vitamina D3 non ha attività biologica; da due idrossilazioni successive, a cui prendono parte fegato e reni, viene sintetizzata la forma attiva – calcitriolo (1,25-idrossivitamina D3) Il calcitriolo regola il livello di calcio nel corpo. L'analogo sintetico del calcitriolo è ossidevit (1α-idrossivitamina D3) I farmaci vengono utilizzati per via orale in una dose di 1-2 mg, una volta di notte, mentre è necessario controllare il livello di calcio nel siero del sangue.

    scopo del lavoro – valutare l'efficacia degli analoghi della vitamina D.3 per il trattamento della psoriasi.

    Materiali e metodi

    Un'analisi retrospettiva di studi multicentrici in doppio cieco, randomizzati sull'efficacia degli analoghi della vitamina D.3 per il trattamento della psoriasi in Russia e cliniche straniere. L'indice PASI nella valutazione delle manifestazioni cliniche della psoriasi (10).

    risultati e discussione

    I risultati di uno studio sull'efficacia clinica delle forme di vitamina per via orale indicano che si ottiene un effetto terapeutico positivo nel 70-90% dei pazienti, ma ciò richiede in media 2,8 mesi. Pertanto, per il trattamento della psoriasi, l'analogo sintetico dell'1,25-diidrossicolcoliciferiferolo (vitamina D3) – calcipotriolo (MS-903), sviluppato esclusivamente per uso topico. Il calcipotriolo ha effetti collaterali minimi e ha un intenso effetto antipsoriatico (9). Il meccanismo d'azione del calcipotriolo si basa sull'interazione con recettori specifici nei cheratinociti, che provoca l'inibizione della proliferazione, accelera la differenziazione morfologica delle cellule psoriasiche, inibisce l'attività dell'interleuchina-1, riduce la produzione di interleuchina-2 (7), cioè influenza i meccanismi patogenetici della psoriasi. Gli studi sugli animali con calcipotriolo radiomarcato hanno mostrato che il riassorbimento transdermico del farmaco nei pazienti con psoriasi era inferiore all'1% della dose applicata. Negli studi con volontari è stata scelta la concentrazione terapeutica ottimale di calcipotriolo – 50 μg per 1 g di base. Numerosi studi multicentrici in doppio cieco sono stati condotti sia all'estero che in Russia. Un confronto di unguenti di calcipotriolo di 50 μg / ge 0,1% di betametasone 17-valerato (celestoderma) ha mostrato un vantaggio significativo di calcipotriolo (4, 11). È stato anche condotto uno studio comparativo dell'unguento con calcipotriolo – psorcutan – e il premycobate di farmaco corticosteroide attivo. È stato scoperto che dopo 2-4 settimane, i risultati del trattamento con psorcutan hanno superato significativamente quelli con l'uso di premicobate (2). Gli studi non hanno rivelato l'effetto di psorcutan sul metabolismo del calcio nel corpo. È dimostrato che è combinato con qualsiasi forma di fototerapia, nonché con la terapia sistemica (metotrexato, tigazone, ciclosporina A). La combinazione di psorcutane + terapia ultravioletta era più efficace della monoterapia. Esiste esperienza sull'uso del calcipotriolo nel nostro paese (1, 3, 12). Formulazioni analogiche di vitamina D.3, applicato alle aree interessate della pelle 2 volte al giorno per 6-8 settimane. Con un trattamento prolungato, la dose giornaliera non deve superare 15 g e settimanalmente – 100 g di crema o unguento. Non è raccomandato applicare il farmaco su ampie aree della pelle, la cui area supera il 30% della superficie corporea. È possibile condurre cicli ripetuti di trattamento con esacerbazioni successive. L'uso del preparato combinato di calcipotriolo e corticosteroide betametasone dipropionato può accelerare il raggiungimento dell'effetto clinico. Il farmaco sotto forma di unguento è prescritto agli adulti 1 volta al giorno per non più di 4 settimane. La dose massima giornaliera non è superiore a 15 g, la dose massima settimanale è di 100 g Il farmaco sotto forma di gel viene prescritto agli adulti una volta al giorno. La durata raccomandata del trattamento per la psoriasi del cuoio capelluto è di 4 settimane, con lesioni cutanee di altre parti del corpo – 8 settimane. L'area di applicazione del farmaco non deve superare il 30% della superficie corporea. Il farmaco deve rimanere sulla pelle durante la notte o il giorno per ottenere l'effetto terapeutico ottimale. Forse l'uso ripetuto del farmaco sotto la supervisione di un medico. Non sono state osservate complicanze dopo il trattamento con psorcutan, nonché deviazioni negli esami del sangue clinici e nei parametri biochimici. La base di emulsione acquosa del farmaco fornisce un rapido assorbimento, consentendo di eseguire procedure fisioterapiche immediatamente dopo l'applicazione sulla pelle. Analoghi della vitamina D.3 (calcipotriolo) ha un graduale aumento (4-8 settimane se applicato due volte al giorno), ma l'efficacia clinica persistente, l'irritazione della pelle viene occasionalmente notata e il metabolismo del calcio può essere alterato quando si usano quantità eccessivamente elevate del farmaco (più di 100 g a settimana).

    La combinazione di calcipotriolo e betametasone (Daivobet) è di particolare interesse in questo insieme di agenti antipsoriatici esterni, la cui efficacia è dovuta all'effetto sinergico dei suoi componenti sulla proliferazione e differenziazione dei cheratinociti e sull'infiammazione immunitaria nella pelle con psoriasi. Utilizzato come etere stearilico al 5% di base di 15 poli-polipropilene garantisce un rilascio ottimale di principi attivi sulla pelle. In questa base, sia il calcipotriolo che il betametasone si dissolvono bene. Aumenta la permeabilità della pelle alle sostanze attive e ne garantisce l'elevata stabilità (8). Il preparato contiene lo 0,005% di calcipotriolo e lo 0,05% di betametasone, che, grazie all'esclusiva tecnologia di produzione, hanno una biodisponibilità ottimale e il farmaco combinato “Daivobet”, quindi, è più efficace di ciascuno dei principi attivi in ​​esso contenuti singolarmente, il che è stato dimostrato in particolare, in un ampio studio comparativo su 1603 pazienti con psoriasi (6, 9). Allo stesso tempo, Daivobet è l'unico farmaco contenente un forte corticosteroide, la cui sicurezza è stata documentata con un uso prolungato da cicli ripetuti durante tutto l'anno (10). Raggiunto questo studio, oltre il 70% di riduzione dell'indice PASI dopo quattro settimane di utilizzo di “Daivobet” una volta al giorno è stato mantenuto per 52 settimane sullo sfondo dell'uso del farmaco, se necessario con brevi cicli intermittenti. Il calcipotriolo e il betametasone, che fanno parte di Daivobet, espandono in modo significativo le possibilità di trattamento esterno dei pazienti con psoriasi, poiché questi componenti sono efficaci in tutte le fasi della malattia, a cominciare dal progressivo. L'uso a lungo termine di Daivobet in cicli intermittenti una volta al giorno aumenta significativamente la compliance del paziente e l'aderenza al trattamento. I dermatologi russi hanno acquisito una vasta esperienza nell'uso di Daivobet nella psoriasi a placche (8, 13, 14). In questi studi, con la monoterapia Daivobet, è stato dimostrato che dinamiche positive nelle manifestazioni della psoriasi sono state osservate già il terzo giorno di terapia e un chiaro effetto clinico nella maggior parte dei casi è stato osservato dopo 7-10 giorni dall'inizio del trattamento. Alla fine, tra il 10 e il 14 ° giorno di trattamento, la maggior parte dei pazienti ha raggiunto la regressione completa di piccoli elementi, si è verificato un appiattimento significativo di focolai di grandi dimensioni e intensità di peeling. Alla fine della terza – quarta settimana di terapia, l'indice PASI si è ridotto del 60–80%. I pazienti hanno valutato la tolleranza di Daivobet come buona e molto buona. Non ci sono stati effetti collaterali e complicazioni significative durante il suo utilizzo, così come cambiamenti nei parametri di laboratorio di sangue e urina. Tutti i pazienti hanno notato la comodità di usare il farmaco. Vi sono anche segnalazioni sull'uso riuscito di Daivobet in combinazione con altri tipi di terapia, in particolare nel trattamento sistemico della psoriasi (2). È stato dimostrato che l'uso combinato di alfa-bloccanti dei fattori di necrosi tumorale, in particolare adalimumab, con Daivobet ha portato significativamente a una regressione delle eruzioni psoriasiche, soprattutto nelle prime settimane di trattamento, rispetto alla monoterapia con adalimumab. Tutto ciò, nel complesso, ci consente di dire che il farmaco combinato “Daivobet” è un agente antipsoriatico esterno altamente efficace che porta rapidamente a una regressione delle eruzioni cutanee, che ha un'elevata conformità e sicurezza per un uso prolungato. Può essere combinato con successo con trattamenti sistemici per la psoriasi e utilizzato in regime ambulatoriale. I pazienti hanno valutato l'effetto clinico della terapia esterna con Daivobet come stabilizzante, supportando la remissione e prevenendo l'insorgenza di esacerbazioni.

    risultati

    Sulla base dell'esperienza acquisita con analoghi della vitamina D.3, si possono notare le seguenti caratteristiche dei farmaci.

    1. Sono efficaci farmaci antipsorotici, che vengono utilizzati sia sotto forma di monoterapia che nel complesso trattamento di pazienti con psoriasi grave.
    2. Possono essere utilizzati per eritroderma psoriasico, nonché per danni al cuoio capelluto e al viso.
    3. È ben assorbito, non provoca effetti collaterali, combinato con la nomina di fattori fisici preformati, potenziando la loro azione, privo di effetti indesiderati inerenti agli unguenti corticosteroidi e agli unguenti con catrame sintetico.

    Inna V. Petrova

    City Hospital di Norilsk n. 2, Ministero della sanità della Federazione Russa

    Autore di corrispondenza.
    Email: doctorinna07@mail.ru

    Federazione Russa, Norilsk

    Dermatologo, capo della divisione di dermatologia e Venereologia

    Rasul M. Radzhabov

    North-Western State Medical University intitolata a I.I. Mechnikov

    Email: K281ua05rus@mail.ru

    Federazione Russa, San Pietroburgo

    Studente del 6 ° anno della Facoltà di Medicina Generale

    Abdul R. Abdulov

    North-Western State Medical University intitolata a I.I. Mechnikov

    Email: Abdulov_97@list.ru

    Federazione Russa, San Pietroburgo

    Studente del 6 ° anno della Facoltà di Medicina Generale

    Magomed G. Manatov

    North-Western State Medical University intitolata a I.I. Mechnikov

    Email: Dr.7gv@yandex.ru

    Federazione Russa, San Pietroburgo

    Residente clinico del 2 ° anno del Deaprtment of Surgery intitolato a Opel

    Ruslan I. Glushakov

    Università medica pediatrica dello stato di San Pietroburgo

    Email: glushakovruslan@gmail.com

    Federazione Russa, San Pietroburgo

    Professore associato del Dipartimento di Farmacologia, Farmacologia Clinica e Farmaceconomia

    Sergey N. Proshin

    North-Western State Medical University intitolata a I.I. Mechnikov

    Email: psnjsn@rambler.ru

    Federazione Russa, San Pietroburgo

    Capo del dipartimento di farmacologia

    Psorilax:Confronto |crema psoriasi lola

    0

    Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, quanto costa

    Positive Adjusted EBITDA1 and Cash Flow

    LAVAL, QC, May 27, 2020 /PRNewswire/ – Crescita Therapeutics Inc. (TSX: CTX) and (OTC US: CRRTF) (“Crescita” or “the Company”), a growth-oriented, innovation-driven Canadian commercial dermatology company with in-house research & development (“R&D”) and manufacturing capabilities, today reported its financial results for the first quarter ended March 31, 2020 (“Q1-F2020”).

    All amounts are in thousands of Canadian dollars except for share and per share amounts, unless otherwise noted.

    Financial Highlights

    Q1-F2020 vs. Q1-F2019

    • Revenue was $3,815, a decrease of $434 or 10.2%;
      • Q1-F2020 revenue included $1,453 from Pliaglis® royalties, while Q1-F2019 included a sales milestone of $1,321 and $482 from royalties – See Revenue;
    • Gross margin of $2,464 or 64.6% of revenue, a decrease of $558 or 6.5% of revenue;
    • Operating expenses (excluding COGS) of $2,825, an increase of $270 or 10.6%;
    • Adjusted EBITDA1 of $112, a decrease of $844 or 88.3%;
    • Generated $66 in cash during the quarter, resulting in an ending cash position of $9,334.

    “The COVID-19 pandemic has created unprecedented business, social and economic conditions that have affected people and businesses globally. Our team has been both challenged and inspired to conceive new ways to conduct our business and to reach and engage with our customers,” said Serge Verreault, President and CEO. “The Crescita team has shown its resilience and commitment by accelerating various commercial initiatives, including the launch of a new digital marketing campaign, and the manufacturing and commercialization of hand sanitizer, with the view to help mitigate the impact of COVID-19 on customer demand.”

    “We are progressively resuming our operations and have taken the necessary safety precautions to protect the health and wellness of our people, customers, suppliers and the community. As our clients in the aesthetic and medical aesthetic sectors approach the restart, we will continue to support them to succeed in a post-COVID-19 environment. We are cautiously optimistic about the future and are supported by a strong cash balance of $9.3 million and additional flexibility through our line of credit. We continue to advance business development discussions that are a critical part of our long-term growth strategy and focus on the fundamentals of our business,” Mr. Verreault added.


    1

    Please refer to the Non-IFRS Financial Measures and EBITDA and Adjusted EBITDA Reconciliation sections of this press release.

    Q1-F2020 and Subsequent Corporate Developments

    • On May 11, the Company started progressively re-opening its manufacturing facility following authorization from the Québec government, and as at the date of this press release, had rehired approximately 60% of the employees that had been temporarily laid off.
    • On May 5, the Company received a Natural Product Number (“NPN”) from Health Canada for production of hand sanitizer.
    • On March 31, the United States Patent and Trademark Office granted U.S. Patent No. 10,603,293 for Solid-Forming Anesthetic Formulations for Pain Control, with validity through January 14, 2031, which was listed in the FDA’s Orange Book on April 14, 2020 for an enhanced formulation of Pliaglis.
    • On March 24, the Company announced the following measures in response to the COVID-19 pandemic:
      • the temporary closure of its office and production facility in Laval, Québec, effective March 24, resulting in the temporary layoff of production, sales, and most office personnel, with others working remotely and with reduced hours;
      • temporary base salary reductions for the executive team as well as fee reductions for all members of the Company’s board of directors between 25% and 40%; and
      • the termination of the Company’s automatic securities purchase plan in connection with its normal course issuer bid.
    • On February 11, the Company announced positive topline results from two pivotal Phase 3 clinical trials for CTX-101 (formerly MiCal 1), an ultra-potent topical corticosteroid product being developed in partnership, for the treatment of plaque psoriasis using the Company’s patented MMPE technology.
    • On January 24, the Company announced that its wholly owned subsidiary, INTEGA Skin Sciences Inc. was awarded a cannabis research license by Health Canada, allowing the Company to possess cannabis for the purpose of R&D.
    • On January 22, the Company announced that it had secured a $3,500 revolving operating credit facility with the Royal Bank of Canada, which remains undrawn.
    • On January 20, the Company announced that it had entered into a distribution agreement with Laboratoires FILLMED for the exclusive distribution of the ART-FILLER® range of injectables and the New Cellular Treatment Factor (“NCTF®“) in Canada.

    Q1-F2020 Financial Results

    Note: All figures are in Canadian dollars. The Management’s Discussion and Analysis (“MD&A”), Condensed Consolidated Interim Financial Statements and accompanying notes for the three months ended March 31, 2020 can be found at www.crescitatherapeutics.com/investors and have been filed with SEDAR at www.sedar.com.

    Revenue
    The Company generates revenue from its three reportable segments: 1) Commercial Skincare (“Commercial”), which manufactures branded non-prescription skincare products for sale in both the Canadian and international markets; 2) Licensing and Royalties (“Licensing”), through the licensing of intellectual property related to Pliaglis or for the use of its transdermal delivery technologies; and 3) Manufacturing and Services, which includes contract manufacturing and product development services (“CDMO”) offered to our clients.

    Total revenue was $3,815 for the three months ended March 31, 2020, compared to $4,249 for the comparable period of 2019. The year-over-year decrease of $434 or 10.2% came primarily from: 1) our Licensing segment for $350, due to a $1,321 sales milestone recognized in Q1-F2019 under our out-licensing agreement for Pliaglis in the U.S. with Taro Pharmaceutical Industries Ltd. (“Taro”), partly offset by higher royalties on the U.S. product sales of Pliaglis of $971; 2) our Commercial segment for $179, driven by the impact of spa and medispa closures across Canada due to the pandemic, as well as the launch of Dermazulene in China in Q1-F2019 which generated higher sales in that period; partly offset by 3) an increase in our Manufacturing and Services segment mainly due to the timing of CDMO shipments.

    Cost of Goods Sold (“COGS”) and Gross Profit
    For the three months ended March 31, 2020, total COGS were $1,351, compared to $1,227 for the three months ended March 31, 2019, representing an increase of $124 or 10.1%. The year-over-year increase was mainly due to higher COGS related to the timing and mix of CDMO sales in our Manufacturing and Services segment, partly offset by the lower cost of earning Pliaglis royalties in the Licensing segment.

    For the three months ended March 31, 2020, gross profit was $2,464, representing a margin of 64.6%, compared to $3,022 or 71.1%, respectively, for the comparable three-month period of 2019, a decrease of $558 or 6.5% of revenue. The decrease was mainly attributable to lower sales in the Commercial Skincare segment and lower royalty revenue from the Licensing segment.

    Operating Expenses (excluding COGS)
    Total operating expenses, for the three months ended March 31, 2020 were $2,825, compared to $2,555 for the three months ended March 31, 2019, representing a net year-over-year increase of $270 or 10.6%. The increase was mainly driven by: 1) higher selling, general and administrative (“SG&A”) expenses of $251, mainly in connection with higher advertising and promotion expenses, headcount-related costs and consulting services; 2) higher amortization and depreciation charges of $58 due to the accelerated amortization of intangible assets; partly offset by 3) a decrease in R&D expenses of $39.

    Income (Loss) before Income Taxes
    For the three months ended March 31, 2020, the Company reported a loss before income taxes of $(314), compared to income of $278 reported for the three months ended March 31, 2019. The year-over-year decrease of $592 was mainly attributable to: 1) the reduction in gross margin of $558 across all segments; 2) the increase in SG&A costs of $251; 3) higher depreciation and amortization charges of $58, partly offset by 4) a reduction in R&D expenses of $39; 5) a reduction in net interest expense of $121, mainly as a result of the repayment in full of the Knight Loan in Q4-F2019 and the interest income accretion on contract assets; as well as 6) the favourable impact of foreign exchange gains year-over-year in the amount of $115.

    Cash and Cash Equivalents
    Cash and cash equivalents were $9,334 as at March 31, 2020, compared to $10,879 as at March 31, 2019, representing a year-over-year decrease of $1,545. In Q4-F2019, the Company repaid the Knight Loan in full in the amount of $3,570.

    Non-IFRS Financial Measures
    The Company reports its financial results in accordance with IFRS. However, we use certain non-IFRS financial measures to assess our Company’s performance. We believe these to be useful to management, investors, and other financial stakeholders in assessing Crescita’s performance from both a financial and operational standpoint. The non-IFRS measures used in this press release do not have any standardized meaning prescribed by IFRS and are therefore not comparable to similar measures presented by other issuers. These measures should be considered as supplemental in nature and not as a substitute for the related financial information prepared in accordance with IFRS. The following are the Company’s non-IFRS measures along with their respective definitions:

    1. EBITDA is defined as earnings (loss) from continuing operations before interest, income taxes, depreciation, and amortization.
    2. Adjusted EBITDA is defined as earnings (loss) from continuing operations before interest, income tax expense (recovery), depreciation and amortization, gain on settlement, other income, equity-settled stock-based compensation (“SBC”), gain on debt renegotiations, goodwill and intangible assets impairment, termination and other costs, and foreign currency gains (losses), as applicable.

    Management believes that Adjusted EBITDA is an important measure of operating performance and cash flow and provides useful information to investors as it highlights trends in the underlying business that may not otherwise be apparent when relying solely on IFRS measures. A reconciliation of EBITDA and adjusted EBITDA to their closest IFRS measure can be found below.

    In thousands of CAD dollars

    Three months ended March 31,

    2020

    2019

    Change $

    Change %

    Net income (loss)

    (494)

    42

    (536)

    -1,276.2%

    Add:





    Depreciation and amortization

    414

    356

    58

    16.3%

    Interest expense, net

    3

    124

    (121)

    -97.6%

    Deferred income tax expense

    180

    236

    (56)

    -23.7%

    EBITDA

    103

    758

    (655)

    -86.4%

    Equity-settled stock-based compensation

    59

    133

    (74)

    -55.6%

    Foreign currency loss

    65

    (65)

    -100.0%

    Less:





    Foreign exchange gain

    50

    50

    n/a

    Adjusted EBITDA

    112

    956

    (844)

    -88.3%

    Summary Financial Results

    In thousands of CAD dollars except earnings per share and number of shares

    Three months ended March 31,

    2020

    2019

    Change ($)

    Change (%)

    Revenues


    3,815


    4,249

    (434)

    -10.2%

    Cost of goods sold


    1,351


    1,227

    124

    10.1%

    Gross Profit


    2,464


    3,022

    (558)

    -18.5%

    Gross margin as a percentage of total revenue


    64.6%


    71.1%

    n/a

    -6.5%








    Research & development


    228


    267

    (39)

    -14.6%

    Selling, general & administrative


    2,183


    1,932

    251

    13.0%

    Amortization and depreciation


    414


    356

    58

    16.3%

    Total operating expenses (excl. COGS)


    2,825


    2,555

    270

    10.6%








    Operating profit (loss)


    (361)


    467

    (828)

    -177.3%

    Total other (income) expenses


    (47)


    189

    (236)

    -124.9%

    Income (loss) before income taxes


    (314)


    278

    (592)

    -212.9%

    Deferred income tax expense


    180


    236

    (56)

    -23.7%








    Net income (loss)


    (494)


    42

    (536)

    -1,276.2%

    Net (loss) per share







    – Basic

    $

    (0.02)

    $

    (0.02)

    n/a

    – Diluted

    $

    (0.02)

    $

    (0.02)

    n/a

    Weighted average number of common shares







    – Basic


    20,700,133


    21,016,059

    (315,926)

    -1.5%

    – Diluted


    22,288,869


    21,016,059

    1,272,810

    6.1%

    Selected Balance Sheet Information







    Cash and cash equivalents, end of period


    9,334


    10,879

    (1,545)

    -14.2%

    Long-term debt



    3,552

    (3,552)

    -100.0%

    Selected Cash Flow Information







    Cash provided by operating activities


    266


    2,398

    (2,132)

    -88.9%

    Cash used in investing activities


    (24)


    (34)

    10

    -29.4%

    Cash used in financing activities


    (203)


    (75)

    (128)

    170.7%

    Caution Concerning Limitations of Summary Financial Results Press Release
    This summary earnings press release contains limited information meant to assist the reader in assessing Crescita’s performance, but it is not a suitable source of information for readers who are unfamiliar with Crescita and is not in any way a substitute for the Company’s Consolidated Audited Financial Statements and notes thereto, MD&A and Annual Information Form (“AIF”).

    About Crescita Therapeutics Inc.
    Crescita (TSX: CTX and OTC US: CRRTF) is a growth-oriented, innovation-driven Canadian commercial dermatology company with in-house R&D and manufacturing capabilities. The Company offers a portfolio of non-prescription skincare products and early to commercial stage prescription drug products and owns multiple proprietary drug delivery platforms that support the development of patented formulations that can facilitate the delivery of active ingredients into or through the skin.

    Supported by a sales force covering Canada and executing a business to business to consumer marketing approach, Crescita sells its non-prescription skincare products domestically through spas, medispas, and medical clinics, as well as internationally, through distributors.

    Crescita’s portfolio also includes a prescription product called Pliaglis®, that utilizes the Company’s proprietary phase-changing topical cream Peel technology, a part of the DuraPeel family, which are self-occluding, film-forming cream/gel formulations, that provide extended release delivery of the active ingredients to the site of application. Pliaglis is a topical local anaesthetic cream that provides safe and effective local dermal analgesia on intact skin prior to superficial dermatological procedures. The product is currently approved in over 25 different countries and sold by commercial partners in the U.S., Italy, and Brazil, and sold in Canada by the Company.

    Crescita’s expertise in product formulation and development can be leveraged in combination with its patented transdermal delivery technologies to develop and manufacture creams, liquids, gels, ointments and serums under its contract development and manufacturing organization (“CDMO”) infrastructure. The Company operates out of a 50,000 square-foot facility located in Laval, Québec, which produces the majority of its non-prescription skincare products, such as LDR, Pro-Derm, Dermazulene and Alyria. Formulations manufactured by or for Crescita include cosmetics, natural health products (“NHP”) and products with Drug Identification Numbers (“DIN”). For additional information, please visit www.crescitatherapeutics.com.

    About Pliaglis®
    Pliaglis is a topical local anaesthetic cream that provides safe and effective local dermal analgesia on intact skin prior to superficial dermatological procedures. The formulation contains a eutectic mixture of 7% lidocaine and 7% tetracaine that utilizes the Company’s proprietary phase-changing topical cream Peel technology. The Peel technology consists of a drug-containing cream which, once applied to a patient’s skin, dries to form a pliable layer that releases drug into the skin. Pliaglis is applied to intact skin for 20 to 30 minutes prior to superficial dermatological procedures such as dermal filler injections, non-ablative laser facial resurfacing, or pulsed-dye laser therapy and 60 minutes prior to procedures such as laser-assisted tattoo removal. Following the application period, the pliable layer is easily removed from the skin allowing the procedure to be performed with minimal to no pain. In clinical studies, the mean duration of anesthesia has been shown to be in the range of 7 to 9 hours after the application of Pliaglis.

    About Dermazulene®
    Dermazulene is a skincare brand developed specifically to address the skincare needs of Asian consumers. The brand differentiates itself through effective anti-aging, whitening and anti-pollution formulas, while offering novel packaging such as encapsulated products. The brand was launched in China in the first quarter of 2019 through NetEase Kaola, an e-commerce platform of Alibaba Group Holding Limited. Crescita owns the trademark rights to Dermazulene in Canada, China, and the United States.

    About MMPE
    The MMPE™ technology uses synergistic combinations of certain specific pharmaceutical excipients included on the FDA’s Inactive Ingredient Guide for improved topical delivery of active ingredients into or through the skin. The benefits of this technology include the potential for increased penetration of APIs with the possibility of improved efficacy, lower API concentration and/or reduced dosing. Issued U.S. patents provide intellectual property protection through March 6, 2027. Applications are pending in Australia, Canada, Europe, Mexico, New Zealand and the United States, with the latest expiry date in 2036.

    About Peel and DuraPeel
    The Peel and DuraPeel technologies are self-occluding, film-forming cream/gel formulations that provide extended release delivery of the active ingredients to the site of application. The cream/gel contains a drug, that when applied to a patient’s skin, forms a pliable layer that releases the active ingredient into the skin for up to 12 hours. The benefits of the Peel and DuraPeel™ technologies include proven compatibility with a variety of active pharmaceutical ingredients (“APIs”). A self-occluding film reduces product transference risk, provides fast drying time, facilitates easy application and removal, and enables application to large and irregular skin surfaces. While the Peel technology typically involves a single solvent that dries to form a pliable film, the DuraPeel technology involves a two-solvent system which includes: 1) a volatile solvent component that dries to form a self-occluding film and 2) a non-volatile solvent component that remains in the formulation to facilitate prolonged release of the active from the formulation into the skin. Peel technology patents have been issued in 21 countries including the U.S., with the latest expiring in 2031. Patent applications are pending in 2 countries. DuraPeel™ patents have been issued in Australia, Canada, Japan and the U.S. with the latest expiry in 2027. The European patent application is pending.

    Forward-Looking Statements
    This press release contains “forward-looking information” as defined under Canadian securities laws (collectively, “forward-looking statements”). The words “plans”, “expects”, “does not expect”, “goals”, “seek”, “strategy”, “future”, “estimates”, “intends”, “anticipates”, “does not anticipate”, “projected”, “believes” or variations of such words and phrases or statements to the effect that certain actions, events or results “may”, “will”, “could”, “would”, “should”, “might”, “likely”, “occur”, “be achieved” “continue” or “temporary”  and similar expressions identify forward-looking statements and include statements regarding the Company’s plans, objectives and responses to the COVID-19 pandemic. In addition, any statements that refer to expectations, intentions, projections or other characterizations of future events or circumstances contain forward-looking statements.

    Forward-looking statements are not historical facts but instead represent management’s expectations, estimates, projections and assumptions regarding future events or circumstances. Such forward-looking statements are qualified in their entirety by the inherent risks, uncertainties and changes in circumstances surrounding future expectations which are difficult to predict and many of which are beyond the control of the Company. Forward-looking statements are necessarily based on a number of estimates and assumptions that, while considered reasonable by management of the Company as of the date of this press release, are inherently subject to significant business, economic and competitive uncertainties and contingencies. Material factors and assumptions used to develop the forward-looking statements, and material risk factors that could cause actual results to differ materially from the forward-looking statements, include but are not limited to the risks of, and future impacts related to, COVID-19, including the response of domestic and international governments to the virus; the impact of COVID-19 on the Company’s operations, personnel, supply chain, product sales, royalties, customer demand and financial flexibility; changes in the business or affairs of Crescita; the ability of Crescita’s licensees to successfully market its products; competitive factors in the industries in which Crescita operates; relationships with customers, suppliers and licensees; changes in legal and regulatory requirements; foreign exchange and interest rates; prevailing economic conditions; and other factors, many of which are beyond the control of Crescita.

    Additional factors that could cause Crescita’s actual results and financial condition to differ materially from those indicated in the forward-looking statements include, among others, the risk factors included in Crescita’s most recent Annual Information Form under the heading “Risks Factors”, and as described from time to time in the reports and disclosure documents filed by Crescita with Canadian securities regulatory authorities and commissions. These and other factors should be considered carefully, and readers should not place undue reliance on Crescita’s forward-looking statements when making decisions, as forward-looking statements involve significant risks and uncertainties. Forward-looking statements should not be read as guarantees of future performance or results and will not necessarily be accurate indications of whether or not the times at or by which such performance or results will be achieved.

    All forward-looking statements are based only on information currently available to the Company and are made as of the date of this press release. Except as expressly required by applicable Canadian securities law, the Company assumes no obligation to publicly update or revise any forward-looking statement, whether as a result of new information, future events or otherwise. All forward-looking statements in this press release are qualified by these cautionary statements.

    SOURCE Crescita Therapeutics Inc.

    Related Links

    www.crescitatherapeutics.com

    Psorilax:Veloce |crema doccia psoriasi

    0

    Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, ingredienti

    Trattamento della psoriasi | Trattamento della psoriasi del cuoio capelluto | Chirurgia plastica

    Trattamento della psoriasi: La psoriasi (ad esempio “suh-RY-uh-sus”) è una malattia cronica che provoca la crescita troppo rapida delle cellule della pelle, causando macchie di pelle spesse, bianche, argentate o rosse. Si sviluppa quando il sistema immunitario di una persona invia segnali difettosi che fanno crescere le cellule della pelle troppo rapidamente. Nuove cellule della pelle si formano in giorni anziché settimane. Il corpo non perde queste cellule in eccesso della pelle. Le cellule della pelle si accumulano sulla superficie della pelle, causando la comparsa di chiazze.

    Normalmente, le cellule della pelle crescono gradualmente e si sfaldano ogni 4 settimane circa. Nuove cellule della pelle crescono per sostituire gli strati esterni della pelle mentre si liberano.

    Ma in esso, le nuove cellule della pelle si spostano rapidamente sulla superficie della pelle in pochi giorni anziché settimane. Si accumulano e formano spesse macchie chiamate placche. Le patch variano in dimensioni da piccole a grandi. Appaiono spesso su ginocchia, gomiti, cuoio capelluto, mani, piedi o parte bassa della schiena.

    è più comune negli adulti. Ma anche bambini e adolescenti possono ottenerlo. Per saperne di più clicca qui.

    tipi

    Di seguito sono riportati i tipi più comuni:

    • Placca
    • guttata
    • Inverso
    • pustoloso
    • eritrodermica

    Alcune persone ottengono più di un tipo. A volte una persona ne ottiene un tipo e quindi il tipo cambia.

    segni e sintomi

    I sintomi si manifestano in diversi modi. può essere mite, con piccole aree di eruzione cutanea. Quando è moderata o grave, la pelle si infiamma di aree rosse sollevate sormontate da pelle flaccida, argentea e desquamante. Se è grave, la pelle diventa pruriginosa e tenera. E a volte si formano grandi patch e possono essere scomodi. Le toppe possono unirsi e coprire vaste aree della pelle, come l'intera schiena.

    può anche influenzare le unghie e le unghie dei piedi, causando la rottura delle unghie, il cambio di colore e la separazione dal letto ungueale.

    In alcune persone, provoca articolazioni gonfie, tenere e dolorose. Questo è chiamato Artrite psoriasica.

    I sintomi spesso scompaiono (vanno in remissione), anche senza trattamento, e poi ritornano (riacutizzati).

    Placca

    (chiamato anche vulgaris)

    La placca provoca spesso spesse macchie di pelle ricoperte da una scala bianco-argenteo.
    Macchie in rilievo e rossastre sulla pelle chiamate placca (plak).

    • Le patch possono essere coperte con un rivestimento bianco argenteo, che i dermatologi chiamano scala.
    • Le patch possono apparire ovunque sulla pelle.
    • La maggior parte delle patch appare su ginocchia, gomiti, parte bassa della schiena e cuoio capelluto.
    • Le patch possono prudere.
    • Graffiare le patch pruriginose spesso provoca l'ispessimento delle patch.
    • Le patch possono variare di dimensioni e possono apparire come patch separate o unirsi per coprire una vasta area.
    • Problemi alle unghie: punte delle unghie, unghie sgretolate, unghie cadenti.

    guttata

    Questo tipo provoca piccoli punti che possono apparire su tutta la pelle.

    • Piccole macchie rosse (di solito sul tronco, sulle braccia e sulle gambe ma possono apparire sul cuoio capelluto, sul viso e sulle orecchie).
    • I punti possono apparire su tutta la pelle.
    • Le macchie compaiono spesso dopo una malattia, in particolare mal di gola.
    • Le macchie possono risolversi in poche settimane o mesi senza trattamento.
    • Potrebbero apparire punti in cui la persona aveva la psoriasi a placche.

    pustoloso

    Pustolosa provoca protuberanze piene di pus che di solito compaiono sul piede o sulla mano.

    • I dossi di solito compaiono solo su palmi e suole.
    • Dolore e dolore dove compaiono i dossi.
    • I dossi pieni di pus si asciugano e lasciano punti marroni e / o scaglie sulla pelle.

    Se le protuberanze piene di pus compaiono in tutto il corpo, portare subito la persona in ospedale. La vita della persona potrebbe essere in pericolo.

    Quando le protuberanze piene di pus coprono il corpo, la persona può anche avere:

    • Pelle rosso brillante.
    • Mi sono sentito male ed esausto.
    • Febbre.
    • Brividi
    • Forte prurito
    • Polso veloce.
    • Perdita di appetito.
    • Debolezza muscolare.

    Inverso

    (chiamato anche flessurale o intertriginoso)

    Questo tipo si sviluppa in aree in cui la pelle tocca la pelle, come l'ascella.

    • Macchie di pelle lisce e rosse che sembrano crude.
    • Le patch si sviluppano solo dove la pelle tocca la pelle, come le ascelle, intorno all'inguine, ai genitali e ai glutei. Le donne possono sviluppare una macchia rossa e grezza sotto il seno.
    • La pelle è molto dolorante dove appare inversa.

    eritrodermica

    (chiamato anche esfoliativo)

    L'eritrodermico può far sembrare che la pelle sia gravemente bruciata.

    • La pelle sembra bruciata.
    • La maggior parte (o tutta) della pelle del corpo diventa rosso vivo.
    • Il corpo non riesce a mantenere la sua temperatura normale di 98,6 ° F. La persona diventa molto calda o molto fredda.
    • Il cuore batte troppo forte.
    • Prurito intenso
    • Dolore intenso

    Se sembra che una persona sia eritrodermica, portarla immediatamente in ospedale. La vita della persona potrebbe essere in pericolo.

    Chi lo ottiene?

    Le persone che lo ottengono di solito hanno una o più persone nella loro famiglia che ce l'hanno. Non tutti coloro che hanno un membro della famiglia avranno la psoriasi. Ma è comune Negli Stati Uniti ce l'hanno circa 7,5 milioni di persone. La maggior parte delle persone, circa l'80%, ha la psoriasi a placche.

    Può iniziare a qualsiasi età. I bianchi lo ottengono più spesso di altre razze.

    Neonati e bambini piccoli hanno maggiori probabilità di avere la psoriasi inversa e la psoriasi guttata.

    Effetti sociali

    Avere questo può essere imbarazzante e molte persone, in particolare gli adolescenti, evitano il nuoto e altre situazioni in cui possono essere mostrate le patch. Ma ci sono molti tipi di trattamento che possono aiutare a tenerlo sotto controllo.

    causa

    Può sembrare contagioso, ma assolutamente no. Non puoi ottenerlo toccando qualcuno che ce l'ha. Non puoi ottenerlo nuotando nella stessa piscina o facendo sesso. Gli esperti ritengono che la psoriasi si verifichi quando il sistema immunitario reagisce in modo eccessivo, causando infiammazione e desquamazione della pelle. In alcuni casi, la psoriasi corre nelle famiglie.

    Per ottenerlo, una persona deve ereditare i geni che la causano. Gli scienziati hanno appreso che il sistema immunitario e i geni di una persona svolgono ruoli importanti. Sembra che molti geni debbano interagire per causarlo. Gli scienziati sanno anche che non tutti coloro che ereditano i geni se avranno la psoriasi. Sembra che una persona debba ereditare il mix “giusto” di geni. Quindi la persona deve essere esposta a un grilletto.

    Molte persone affermano che la loro psoriasi è iniziata dopo aver sperimentato uno di questi fattori scatenanti comuni della psoriasi:

    • Un evento stressante.
    • Mal di gola.
    • Assunzione di alcuni medicinali, come litio o medicinali per prevenire la malaria.
    • Clima freddo e secco.
    • Una scottatura tagliata, graffiata o difettosa.

    Le persone con esso spesso notano momenti in cui la loro pelle peggiora. Le cose che possono causare queste riacutizzazioni includono un clima freddo e secco, infezioni, stress, pelle secca e l'assunzione di determinati medicinali.

    Per diagnosticare questo, un dermatologo:

    • Esamina la pelle, le unghie e il cuoio capelluto di un paziente per segni di esso.
    • Chiede se i membri della famiglia ce l'hanno.
    • Scopri cosa è successo nella vita del paziente. Un dermatologo potrebbe voler sapere se un paziente è stato molto stressato, ha avuto una malattia recente o ha appena iniziato a prendere un farmaco.

    A volte un dermatologo rimuove anche un po 'di pelle. Un dermatologo può chiamare questo confermando la diagnosi. Osservando la pelle rimossa al microscopio, si può confermare se una persona ce l'ha.

    La maggior parte dei casi è lieve e il trattamento inizia con la cura della pelle. Ciò include mantenere la pelle umida con creme e lozioni. Questi sono spesso usati con altri trattamenti tra cui shampoo, luce ultravioletta e medicinali prescritti dal medico.

    In alcuni casi, può essere difficile da trattare. Potrebbe essere necessario provare diverse combinazioni di trattamenti per trovare ciò che funziona per te. Il trattamento per la psoriasi può continuare per tutta la vita.

    La cura della pelle a casa può aiutare a controllarla. Segui questi suggerimenti per occupartene:

    • Usa creme o lozioni, bagni o ammollo per mantenere la pelle umida.
    • Prova una breve esposizione alla luce solare o ai raggi ultravioletti (UV).
    • Seguire le istruzioni per i prodotti per la pelle e le medicine prescritte. Potrebbe essere necessario un periodo di prova ed errore prima di sapere quali prodotti o metodi per la pelle funzionano meglio per te. Per i sintomi lievi, alcuni medicinali da banco, come l'aloe vera, possono essere lenitivi.

    Cose da evitare

    È anche importante evitare quelle cose che possono far divampare i sintomi della psoriasi o peggiorare la condizione. Le cose da evitare includono:

    • Lesioni alla pelle. Una lesione alla pelle può causare la formazione di cerotti in qualsiasi parte del corpo, incluso il sito della lesione. Ciò include lesioni alle unghie o alla pelle vicina durante il taglio delle unghie.
    • Stress e ansia. Lo stress può far apparire improvvisamente (bagliore) o peggiorare i sintomi.
    • Infezione. Infezioni come mal di gola possono farla apparire all'improvviso, specialmente nei bambini.
    • Alcuni medicinali. Alcuni medicinali, come i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), i beta-bloccanti e il litio, hanno aggravato i sintomi. Parli con il medico. Potrebbe essere possibile assumere una medicina diversa.
    • Sovraesposizione alla luce solare. Brevi periodi di esposizione al sole lo riducono nella maggior parte delle persone, ma troppo sole può danneggiare la pelle e causare il cancro della pelle. E le scottature solari possono scatenarne i razzi.
    • alcool. L'uso di alcol può far divampare i sintomi.
    • fumo . Il fumo può peggiorare le cose. Se fumi, prova a smettere.

    Gli studi non hanno scoperto che diete specifiche possono curare o migliorare la condizione, anche se alcuni annunci pubblicitari sostengono. Per alcune persone, non mangiare determinati alimenti aiuta la loro psoriasi. La maggior parte dei medici consiglia di seguire una dieta equilibrata per rimanere in salute e mantenere un peso sano.

    Il trattamento della psoriasi ha benefici. Il trattamento può ridurre segni e sintomi della psoriasi, che di solito fa sentire meglio una persona. Con il trattamento, alcune persone vedono la loro pelle completamente chiara. Il trattamento può persino migliorare la qualità della vita di una persona.

    Quali cose che puoi fare che aiuteranno a controllare la psoriasi?

    La psoriasi è una malattia di lunga durata. Ecco alcune cose che puoi fare che ti aiuteranno a prendere il controllo.

    • Ulteriori informazioni sulla psoriasi. La conoscenza è davvero potere. Conoscere la psoriasi ti aiuterà a gestire la malattia, a prendere decisioni informate su come trattare la psoriasi ed evitare cose che possono peggiorare la psoriasi. Ti aiuterà anche a parlare della psoriasi con gli altri.
    • Prendersi cura di voi stessi. Mangiare una dieta sana, fare esercizio fisico, non fumare e bere pochissimo alcool aiuterà. Fumare, bere ed essere in sovrappeso peggiorano la psoriasi. Anche questi possono rendere il trattamento meno efficace. Le persone che hanno la psoriasi hanno anche un aumentato rischio di sviluppare malattie cardiache, diabete e altre malattie, quindi è essenziale prendersi cura di se stessi.
    • Sii consapevole delle tue articolazioni. Se le articolazioni si sentono rigide e doloranti, soprattutto quando ti svegli, consulta un dermatologo. Le articolazioni rigide o doloranti possono essere il primo segno di artrite psoriasica. Circa il 10% – 30% delle persone che hanno la psoriasi soffre di questo tipo di artrite. Il trattamento è essenziale. Questo tipo di artrite può divorare le articolazioni. Il trattamento può prevenire articolazioni deformate e disabilità.
    • Nota le tue unghie. Se le unghie iniziano a staccarsi dal letto ungueale o sviluppano vaiolatura, creste o un colore giallo-arancio, consultare un dermatologo. Questi sono segni di artrite psoriasica.
    • Presta attenzione al tuo umore. Se ti senti depresso, potresti voler unirti a un gruppo di supporto per la psoriasi o consultare un professionista della salute mentale. Depressione, ansia e comportamento suicidario sono più comuni nelle persone che hanno la psoriasi. Ottenere aiuto non è un segno di debolezza.
    • Ulteriori informazioni sul trattamento per la psoriasi. Alcune persone scelgono di non trattare la psoriasi, ma è importante conoscere le tue opzioni. Questo ti aiuterà a prendere una decisione informata e sentirti in controllo.
    • Parla con il tuo dermatologo prima di interrompere l'assunzione di medicine per la psoriasi. La sospensione immediata di un farmaco per la psoriasi può avere gravi conseguenze. Può causare la trasformazione di un tipo di psoriasi in un altro tipo di psoriasi più grave. Diciamo che una persona che ha la psoriasi a placche prende un medicinale chiamato metotrexato. Se la persona smette di assumere metotrexato, ciò può causare la psoriasi a placche che si trasforma in psoriasi guttata o psoriasi eritrodermica. Questo può essere molto serio
    • Competenza ed esperienza. I medici della Cosmetique Dermatology Clinic hanno una vasta esperienza nel trattamento di bambini e adulti affetti da psoriasi.
    • Trattamento specializzato. Cosmetique offre tutti i trattamenti per questa malattia, incluso uno per la psoriasi da moderata a grave che non è disponibile in molti luoghi. Il trattamento Goeckerman, che prevede l'esposizione giornaliera alla luce ultravioletta e l'applicazione di catrame di carbone su tutto il corpo.
    • La giusta diagnosi. Ogni forma di psoriasi ha caratteristiche uniche e i loro effetti sulle persone vanno da lievi a quasi totalmente invalidanti. Il medico lavorerà con te per determinare la diagnosi corretta, che è essenziale per un trattamento efficace.

    Ricerca più correlata:

    Psorilax:Basso costo |psoriasi guttata creme

    0

    Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, quanto costa

    27/05/2020 | 03:38 EDT

    Maggio 2020

    Presentazione aziendale

    RIGEL PHARMACEUTICALS, INC. 1180 Veterans Boulevard South San Francisco, CA 94080 www.rigel.com

    Dichiarazione lungimirante

    Queste diapositive contengono dichiarazioni previsionali, incluse dichiarazioni relative al successo commerciale di TAVALISSE®negli Stati Uniti.; Gli sforzi di Rigel per espandere l'uso di fostamatinib nelle linee precedenti e per espandere la sua forza vendita nei mercati chiave; aspettative relative all'opportunità di mercato di ITP nel mercato globale, inclusa la capacità di Rigel di aumentare le vendite di TAVALISSE negli Stati Uniti e nei mercati ITP globali; gli impatti attuali e potenziali della pandemia di COVID-19 sull'attività e le operazioni di Rigel; l'utilità di fostamatinib in altre indicazioni, inclusa l'anemia emolitica autoimmune calda e la capacità di Rigel di completare quindi la registrazione degli studi; La capacità di Rigel di promuovere la sua pipeline; la logica scientifica per esplorare l'uso di fostamatinib per il trattamento di COVID-19 e condizioni correlate; Gli sforzi di partnership di Rigel; e, i risultati operativi previsti di Rigel per il trimestre conclusosi al 31 marzo 2020, inclusi vendite nette e liquidità, equivalenti di cassa e investimenti a breve termine.

    Qualsiasi affermazione contenuta in queste diapositive che non sono dichiarazioni di fatti storici può essere considerata come dichiarazioni previsionali. Parole come “anticipare”, “piani”, “intendono”, “aspettarsi”, “potenziale”, “crede” ed espressioni simili hanno lo scopo di identificare queste dichiarazioni previsionali. Queste dichiarazioni previsionali si basano sulle aspettative attuali di Rigel e comportano rischi e incertezze.

    Esistono numerosi fattori importanti che potrebbero far sì che i risultati di Rigel differiscano materialmente da quelli indicati da queste dichiarazioni previsionali, inclusi i rischi associati alla tempistica e al successo degli studi clinici e altri rischi dettagliati nelle relazioni SEC di Rigel, inclusa la sua relazione annuale Modulo 10-K per l'esercizio chiuso al 31 dicembre 2019 e successive dichiarazioni presso la SEC, inclusa la relazione trimestrale sul modulo 10-Q per il trimestre chiuso al 31 marzo 2020. Rigel declina espressamente qualsiasi obbligo o impegno ad aggiornare l'inoltro- dichiarazioni dall'aspetto discusse in questa presentazione.

    2Per informazioni importanti sulla sicurezza e informazioni complete sulla prescrizione, consultare www.TAVALISSE.com.

    Esecuzione su driver di valore chiave

    Sforzi di transizione verso un approccio virtuale tra Pandemia di COVID-19

    Coltiva TAVALISSE®

    Acquisisci valore in

    vendite negli Stati Uniti ITP

    mercato globale ITP

    Prodotto netto Q1 da $ 12,7 milioni

    Riconosciuto $ 43,1 milioni

    i saldi; 57% anno su anno

    entrate di collaborazione in

    aumentare

    Q1 su approvazione UE di

    1.398 bottiglie spedite a

    fostamatinib

    pazienti e cliniche

    Grifols2prevede di fare

    prodotto disponibile per

    pazienti nel secondo trimestre del '20

    Capitalizzare su wAIHA1Opportunità

    • 41 pazienti arruolati nello studio di fase 3 cardine
    • Interazioni in corso con
      FDA

    Espandi pipeline

    programmi

    • Supportare l'esplorazione di TAVALISSE inPolmonite COVID-19 e condizioni correlate, nonché indicazioni non COVID-19
    • Cercareaccordo / i di co-sviluppo / co-promozione per far avanzare i programmi RIP1 e IRAK1 / 4

    Posizione finanziaria $ 95,9 milioni in contanti alla fine del primo trimestre

    3

    1Composto investigativo in questa indicazione e non è stato presentato per la revisione della FDA. 2Grifols, S.A. è il partner collaborativo di Rigel in Europa e commercializzerà fostamatinib con il nome

    TAVLESSE®.Si prega di consultare le diapositive 29 e 30 per importanti informazioni sulla sicurezza. Visitare www.TAVALISSE.com per informazioni complete sulla prescrizione.

    Esecuzione su driver di valore chiave

    I mercati target iniziali per TAVALISSE hanno oltre $ 3 miliardi di valore potenziale

    Coltiva TAVALISSE®

    Acquisisci valore in

    Capitalizzare

    Espandi pipeline

    vendite negli Stati Uniti ITP

    mercato globale ITP

    wAIHA3Opportunità

    programmi

    $ 1.1B

    $ 900M

    $ 1B

    Sostanziale

    Mercato

    Mercato

    Mercato potenziale

    Mercato

    Opportunità1

    Opportunità1

    Opportunità2

    Opportunità

    1Stima interna dell'azienda basata sulle vendite del 2018 di terapie ITP utilizzate per pazienti refrattari agli steroidi. 2Ricerca DelveInsight “Anemia emolitica autoimmune calda (wAIHA) – Mercato

    4Insight, epidemiologia e previsioni del mercato “. 3Composto investigativo in questa indicazione e non è stato presentato per la revisione della FDA. Si prega di consultare le diapositive 29 e 30 per importanti informazioni sulla sicurezza. Visitare www.TAVALISSE.com per informazioni complete sulla prescrizione.

    Inibitore della chinasi indicato per il trattamento della trombocitopenia in pazienti adulti con trombocitopenia immunitaria cronica (cITP) che hanno avuto una risposta insufficiente a un precedente trattamento.

    Seleziona Informazioni importanti sulla sicurezza

    Reazioni avverse

    • Gravi reazioni avverse da farmaco nell'ITPstudi in doppio cieco sono stati neutropenia febbrile, diarrea, polmonite e crisi ipertensiva, verificatasi nell'1% dei pazienti con TAVALISSE. Inoltre, si sono verificate gravi reazioni avverse tra cui dispnea e ipertensione (entrambi 2%), neutropenia, artralgia, dolore toracico, diarrea, vertigini, nefrolitiasi, dolore alle estremità, mal di denti, sincope e ipossia (tutto l'1%).
    • Reazioni avverse comuni (≥5% e più comuni del placebo) daFIT-1 e FIT-2 inclusi: diarrea, ipertensione, nausea, vertigini, aumento di ALT e AST, infezione respiratoria, rash, dolore addominale, affaticamento, dolore toracico e neutropenia.

    5Si prega di consultare le diapositive 29 e 30 per importanti informazioni sulla sicurezza. Visitare www.TAVALISSE.com per informazioni complete sulla prescrizione.

    L'utilizzo precoce guida il mercato ITP

    81.300 pazienti adulti adulti affetti da cITP1

    “Vigile

    In attesa”

    43.900

    Indirizzabile

    21.300Mercato (Opzioni

    Post-steroidi)

    16.100

    steroidi

    Il paziente attiva e disattiva il ciclo

    Popolazione di pazienti per linea di terapia

    12.000

    10.000

    8.000

    6.000

    11.300

    4.000

    2.000

    5.200

    2.600

    2.200

    0

    2L

    3L

    4L

    5+

    • > 75% del mercato indirizzabile è composto da 2NDlinea e 3rdlinea
    • La maggior parte delle vendite di TAVALISSE ad oggi sono state ≥4esimolinea

    1Stima interna dell'azienda basata sulle vendite del 2018 di terapie ITP utilizzate per pazienti refrattari agli steroidi.

    6Si prega di consultare le diapositive 29 e 30 per importanti informazioni sulla sicurezza. Visitare www.TAVALISSE.com per informazioni complete sulla prescrizione.

    Nessuno standard di cura nel mercato post-steroide

    Il Rapporto di consenso internazionale su ITP approva TAVALISSE (fostamatinib) come trattamento di seconda linea per ITP cronico

    Dopo i trattamenti di prima linea falliscono negli adulti con ITP, l'Internazionale

    Rapporto di consenso1,2Raccomanda:

    TRATTAMENTO SUCCESSIVO

    Opzioni mediche

    Opzione chirurgica

    PROVA ROBUSTA

    La splenectomia

    FOSTAMATINIB (TAVALISSE)

    eltrombopag

    romiplostim

    Avatrombopag

    rituximab

    MENO ROBUSTA PROVA

    azatioprina

    Dapsone

    Ciclosporina A

    Micofenolato Mofetile

    ciclofosfamide

    Alcaloidi della Vinca

    Danazol

    Le decisioni terapeutiche si basano su:

    • Sicurezza ed efficacia
    • Situazione specifica del paziente
    • Esperienza medica
    • Preferenze del paziente (orale vs. subQ, trattamento con effetto cibo, eventi avversi)

    7

    1Adattato dalla pubblicazione 2019 dell'International Consensus Report on ITP. 2I trattamenti di prima linea raccomandati sono definiti come corticosteroidi, IVIG e anti-D.

    Si prega di consultare le diapositive 29 e 30 per importanti informazioni sulla sicurezza. Visitare www.TAVALISSE.com per informazioni complete sulla prescrizione

    Nuovo meccanismo nel panorama del trattamento ITP

    TPO-RA, agonista del recettore della trombopoietina. 1. Ghanima W, et al. Sangue. 2012; 120 (5): 960-969. 2. Kistangari G, McCrae KR. Hematol Oncol Clin North Am. 2013; 27 (3): 495-520. 3. WinRho®SDF (pacchetto

    8inserire). Berwyn, Pennsylvania: Aptevo BioTherapeutics, LLC; Agosto 2016. 4. Mizutani H, et al. Sangue. 1992; 79 (4): 942-947. 5. Stasi R, et al. Sangue. 2001; 98 (4): 952-957. 6. TAVALISSE ™ (foglietto illustrativo). South San

    Francisco, California: Rigel Pharmaceuticals, Inc .; Aprile 2018. 7. NPLATE®(foglietto illustrativo). Thousand Oaks, CA: Amgen, Inc .; Ottobre 2017. 8. PROMACTA®(foglietto illustrativo). East Hanover, NJ: Novartis Pharmaceuticals; Maggio 2018. Consultare le diapositive 29 e 30 per importanti informazioni sulla sicurezza. Visitare www.TAVALISSE.com per informazioni complete sulla prescrizione

    Incoraggiare l'analisi post-hoc dell'uso precoce della linea1

    • Risposta complessiva del 78% negli studi di fase 3 (inclusa la fase di estensione) quando usato come trattamento di 2a linea1,2
    • Gli eventi avversi nel sottogruppo erano coerenti con quelli trattati con TAVALISSE negli studi controllati con placebo
    • L'uso precoce della linea supporta un maggiore tasso di persistenza

    Risposta globale (> 50.000 / µL a

    qualsiasi visita) per linea di terapia1,2

    78%

    Vota

    47%

    Risposta

    2NDLinea

    ≥3rdLinea

    (N = 32)

    (N = 113)

    9

    1Presentazione poster ASH 2019:Risposte avanzate a Fostamatinib come terapia di seconda linea e nei pazienti con trombocitopenia immunitaria persistente (ITP), presentazione poster ASH 2019

    2Terapia di prima linea: steroidi con o senza immunoglobuline. Si prega di consultare le diapositive 29 e 30 per importanti informazioni sulla sicurezza. Visitare www.TAVALISSE.com per informazioni complete sulla prescrizione

    Il profilo di sicurezza supporta l'uso cronico1

    • Gli eventi avversi più comuni negli studi di fase 3 sono stati diarrea e ipertensione
      • Eventi avversi gestibili con titolazione della dose e misure di supporto (ad es. Cambiamenti nella dieta, idratazione, farmaci OTC)
    • Nessun evento tromboembolico (TEE) correlato al trattamento è stato riportato nello studio di fase 3 di TAVALISSE (inclusa la fase di estensione)
    • Database di sicurezza di oltre 3.500 pazienti – il totale dei pazienti esposti a TAVALISSE è superiore a 6.000

    10

    1Dati interni rigidi. Si prega di consultare le diapositive 29 e 30 per importanti informazioni sulla sicurezza. Visitare www.TAVALISSE.com per informazioni complete sulla prescrizione.

    Sostenere TAVALISSE praticamente

    Risorse virtuali per supportare gli impegni remoti con gli operatori sanitari

    • Incontri 1: 1 con i medici
    • In-servizi:
      • Nuovo prescrittoreon-boarding
      • Supporto prescrittore esistente
    • Programma di campionamento remoto
    • Peer to peerprogrammi relatori

    11Si prega di consultare le diapositive 29 e 30 per importanti informazioni sulla sicurezza. Per favore visita www.TAVALISSE.comper informazioni complete sulla prescrizione.

    Posizionato per il successo in $ 900M Ex-U.S. Mercato ITP1

    Europa – Grifols, S.A.

    • Ricevuta l'approvazione EMA di fostamatinib
      • Rigel ha ricevuto un pagamento di $ 20 milioni
    • TAVLESSE®lancio nell'UE previsto per il secondo trimestre '20

    Giappone / Asia – Kissei Pharmaceuticals

    • Sperimentazione clinica di fase 3 in corso su pazienti giapponesi
    • Designazione di farmaco orfano ricevuta

    Canada / Israele – Medison Pharma

    • New Drug Submission (NDS) presentata in Canada

    12

    1Stima interna dell'azienda basata sulle vendite del 2018 di terapie ITP utilizzate per pazienti refrattari agli steroidi.

    Generare entrate a breve termine e conservare il valore

    $ 68 milioni in anticipo

    pagamenti in contanti

    $ 500 milioni in potenziale

    pietre miliari

    Royalties comparabili

    per la partecipazione agli utili

    Opportunità attraente in AIHA caldo

    • L'anemia emolitica autoimmune calda (wAIHA) è caratterizzata dalla distruzione del corpo dei suoi globuli rossi
    • Significativo bisogno medico insoddisfatto
      • NoTerapia approvata dalla FDA
      • Difficoltà respiratorie, affaticamento, vertigini, impatto significativo sulla qualità della vita
      • Casi gravi possono portare a patologie cardiache, tasso di mortalità dell'8% circa1
    • Le sinergie con ITP consentono un'opportunità altamente redditizia
      • Infrastruttura commerciale consolidata
      • Stessi medici mirati
      • Stesso profilo del prodotto

    13

    1Rigel AIHA Market Assessment – 20 marzo 2018

    45.000 pazienti adulti adulti negli Stati Uniti1

    “Vigile attesa”

    ≥ 2NDlinea

    50%

    terapia

    ~ 20-30%

    ~ 20-30%

    steroidi

    Il paziente attiva e disattiva il ciclo

    (Simile a ITP)

    I risultati della fase 2 supportano l'ottimismo della fase 3

    Fase 2 Dati incoraggianti1

    • 25 pazienti di prova,etichetta aperta
    • L'endpoint primario è la risposta definita come:
      • Hgb> 10 g / dL e> 2 g / dL maggiore del basale
    • Tasso di risposta del 44% (48% compresa la settimana
      30 responder)
      • Aumento dell'Hgb generalmente sostenuto
    • AE gestibili e coerenti con il database di sicurezza di fostamatinib di> 3.500 pazienti

    Progetto di prova di fase 3

    • 90 studi clinici, randomizzati,controllato con placebo
    • L'endpoint primario è una risposta duratura definita come:
      • Hgb> 10 g / dL e> 2 g / dL maggiore del basale
      • Misura di durabilità

    1Presentazione poster ASH 2019: Fostamatinib, un inibitore della milos tirosina chinasi (SYK), per il trattamento dell'anemia emolitica autoimmune anticorpale calda (wAIHA):

    14Risultati dello studio di fase 2, multicentrico, in aperto

    Eseguire TAVALISSE Fase 3 in Warm AIHA1

    Progressi dell'iscrizione

    • 41 pazienti attualmente randomizzati
    • Le iscrizioni sono state posticipate temporaneamente nella maggior parte dei siti a causa diCOVID-19
    • Aspettatevi di riprendere slancio in modo rapido ed efficiente quando le condizioni si normalizzeranno, dato che> 80 siti di prova in 22 paesi

    Interazione FDA

    • Aggiunto potere di studio incrementale aumentando l'arruolamento a 90 pazienti
    • Finalizzare la misura della durabilità – dovrebbe stabilire lo standard per gli endpoint nelle prove future

    1Composto investigativo in questa indicazione e non è stato presentato per la revisione della FDA

    15Si prega di consultare le diapositive 29 e 30 per importanti informazioni sulla sicurezza. Visitare www.TAVALISSE.com per informazioni complete sulla prescrizione

    Adattamento della fase 3 di prova all'ambiente attuale

    Condotta di prova

    Durante COVID-19

    Pandemia

    Mantieni potenziale

    First mover

    Vantaggio

    • La FDA ha recentemente fornito indicazioni per la condotta della sperimentazione clinica
    • Estrazioni di sangue locale, analisi di laboratorio e visite di studio virtuali ritenute accettabili
    • Concentrati su un set di dati completo e affidabile
    • Solo molecola nello studio cardine di fase 3 per AIHA caldo
    • Conoscenza ed esperienza esistenti all'interno del pubblico HCP target
    • Altri studi clinici in corso probabilmente influenzati in modo simile dalla pandemia

    16Si prega di consultare le diapositive 29 e 30 per importanti informazioni sulla sicurezza. Visitare www.TAVALISSE.com per informazioni complete sulla prescrizione.

    Espandi lo sviluppo della pipeline

    • Incentrato sull'inibizione delle vie di segnalazione critichemalattie immuno-mediate
    • Massimizzare il valore degli asset attraverso opzionalità nell'approccio allo sviluppo
      • Mercati grandi o piccoli
      • Company-sponsorizzato,co-sviluppo con partner farmaceutico, con licenza
      • Mercati nazionali contro mercati globali
    • Esplora TAVALISSE1in polmonite COVID-19 e ARDS correlate
      • Pre-clinicai dati nella sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS) forniscono una logica scientifica
      • Ricerche sponsorizzate dallo sperimentatore oRigel-led

    3 programmi clinici in corso

    4 inibitori della via non autorizzati

    e in sviluppo

    JAKJAK

    AXLMDM2

    1Composto investigativo in questa indicazione e non è stato presentato per la revisione della FDA

    17Si prega di consultare le diapositive 29 e 30 per importanti informazioni sulla sicurezza. Visitare www.TAVALISSE.com per informazioni complete sulla prescrizione

    Ampio potenziale nei percorsi immunitari mirati

    L'inibizione di SYK, IRAK1 / 4 e RIP1 potrebbe avere un impatto in un'ampia gamma di malattie immunomediate:

    AIHA

    Sindrome da distress respiratorio acuto

    Malattia infiammatoria intestinale

    Lupus

    Artrite psoriasica

    AML

    ITP

    Psoriasi

    Artrite reumatoide

    CLL

    Sclerosi multipla

    GvHD

    Alzheimer

    dermatomiosite

    18

    1Composto investigativo in questa indicazione e non è stato presentato per la revisione della FDA.

    TAVALISSE Potenziale di polmonite COVID-19 e ARDS1

    La polmonite COVID-19 può progredire

    SYK media gli aspetti della patogenesi COVID-192,3

    a difficoltà respiratoria acuta

    sindrome (ARDS) ed è responsabile per ~ 50%4di decessi per pazienti

    • Il percorso di SYK svolge un ruolo noto nel mediare il rilascio di citochine in risposta avirus COVID-192
    • SYK inibizionee le proprietà antinfiammatorie di TAVALISSE forniscono la logica per esplorare il potenziale trattamento dei pazienti con COVID-19 e condizioni correlate

    1Composto investigativo in questa indicazione e non è stato presentato per la revisione della FDA 2Fu Y. et al. Comprensione delle risposte infiammatorie mediate dalla SARS-CoV-2: dai meccanismi ai potenziali terapeutici

    19Utensili. Virologica Sinica. 3 marzo 2020 3Nadeem A. et al. L'inibizione della segnalazione della tirosina chinasi della milza protegge dal danno polmonare acuto attraverso il blocco di NADPH ossidasi e IL-17A nei neutrofili e nelle cellule T γδ rispettivamente nei topi. International Immunopharmacology 68 (2019) 39-47.4www.cdc.gov. Consultare le diapositive 29 e 30 per importanti informazioni sulla sicurezza. Visitare www.TAVALISSE.com per informazioni complete sulla prescrizione

    R406 (inibitore SYK) nel modello murino indotto da LPS1,2

    R406 (SYKinhib)

    • Il metabolita attivo di fostamatinib (TAVALISSE), inibisceVia di segnalazione SYK
    • Migliora le ARDS murine indotte dalla sfida dell'LPS nei polmoni

    Esame istopatologico tramite H&E

    Tasso di sopravvivenza in diversi gruppi alla fine di cinque-

    periodo del giorno rappresentato come curve di Kaplan-Meier

    colorazione delle sezioni polmonari (× 100)

    1Braselmann S. et al. R406, un inibitore della tirosina chinasi della milza disponibile per via orale blocca la segnalazione del recettore fc e riduce l'infiammazione mediata dal complesso immunitario. J Pharmacol Exp Ther. 2006

    20Dec; 319 (3): 998-1008. Epub 2006 31 agosto 2Nadeem A. et al. L'inibizione della segnalazione della tirosina chinasi della milza protegge dal danno polmonare acuto attraverso il blocco di NADPH ossidasi e IL-17A nei neutrofili e nelle cellule T γδ rispettivamente nei topi. International Immunopharmacology 68 (2019) 39-47

    Programma inibitore IRAK1 / 4

    • R835 è l'unico doppio inibitore di IRAK1 e IRAK4
      • Indicato, preclinicamente, per bloccare la produzione di citochine infiammatorie in risposta a TLR eSegnalazione della famiglia IL-1R
    • Risultati dello studio di fase 1 di R8351
      • In LPS ChallengeLo studio sull'uomo Proof-Mechanism (PoM) ha mostrato l'inibizione della produzione di citochine
      • Indicato per essere tollerato in soggetti sani
      • Incoraggiare le caratteristiche PK

    21

    1R835 è un composto sperimentale non approvato dalla FDA.

    Inibitore IRAK1 / 4 (R8351) Prova del meccanismo

    Studio umano

    Gruppo Placebo

    • LPS amministrato i.v. innescare una risposta proinfiammatoria (n = 8 / gruppo)
    • I soggetti a cui è stato somministrato R835 hanno mostrato inibizione diProduzione di IL-6 e TNFa2

    Placebo

    dose

    concentrazione

    Gruppo R835

    IL-6

    LPS

    sfida

    R835

    citochine

    dose

    tempo (ora)

    Profilo di citochine individuali

    Profilo medio del gruppo

    22

    1

    R835 è un composto sperimentale non approvato dalla FDA.

    2

    Dati interni rigidi

    Programma Inibitore RIP1

    • RIP1 è un fattore chiave della necroptosi, un tipo di morte cellulare regolata
      • Innesca l'infiammazione in risposta alle molecole delle cellule rotte
      • Può progredire fino al danno tissutale nelle malattie infiammatorie e neurodegenerative
    • R5521, inibitore sistemico RIP1, nella fase 1 di prova
      • 14 orel'emivita può essere adatta per la formulazione una volta al giorno
    • Identificazione di più serie chimiche al piombo di inibitori RIP1 penetranti nel SNC
      • Selezionare il candidato nel 2020 per gli studi clinici

    23

    1R552 è un composto sperimentale non approvato dalla FDA.

    Risultati affidabili dal modello murino mediato da RIP1

    • R5521è dimostrato per prevenire l'infiammazione delle articolazioni / della pelle e danni ai tessuti in modo dose-dipendente2
    • Altre valutazioni dell'infiammazione dei tessuti in corso

    Infiammazione articolare

    Infiammazione della pelle

    Giunti: punteggio istologico totale

    16

    (Inizia al giorno 35)

    (infiammazione, fibrosi, iperplasia sinoviale)

    Veicolo

    6

    *

    14

    R552 10 mg / kg offerta

    (A.U.)

    12

    R552 30 mg / kg offerta

    5

    Histologygrade

    4

    Punteggio di Totalseverity

    10

    2

    8

    4

    3

    6

    1

    2

    0

    0

    48 51

    55 58

    62 65

    69 72

    76 79

    111114 118

    37

    41 44

    83 86

    90 93

    97

    littermate

    SharpinCPDM

    SharpinCPDM

    100 104107

    controllo

    Veicolo

    R552 30 mg / kg

    Giorno

    Inizio del dosaggio R552: giorno 35

    24

    1

    R552 è un composto sperimentale non approvato dalla FDA.

    2

    Dati interni rigidi

    La pipeline supporta la crescita incrementale a lungo termine

    Indicazione

    Bersaglio

    Pre-clinico

    Fase 1

    Fase 2

    Fase 3

    Regulatory

    Approvato

    Sviluppando

    limatura1

    Prodotto

    commercializzata

    TAVALISSE®(Fostamatinib)

    ITP cronico per adulti

    SYK

    Mercati globali

    Fostamatinib (Europa)

    ITP cronico per adulti

    SYK

    Fostamatinib (Giappone / Asia)

    ITP cronico per adulti

    SYK

    Fostamatinib (Canada / Israele)

    ITP cronico per adulti

    SYK

    Test clinici2

    TAVALISSE (fostamatinib)

    Caldo AIHA

    SYK

    BGB3234

    Oncologia / C-19 ARDS

    AXL

    ATI-501 e 502

    Dermatologia

    JAK

    DS-3032

    Oncologia

    MDM2

    R835

    Malattie immunitarie

    IRAK1 / 4

    R552

    Malattie infiammatorie

    RIP1

    AZ-D0449

    Asma cronico

    JAK

    1Kissei esegue una sperimentazione di Fase 3B su pazienti giapponesi, secondo i requisiti delle autorità regolatorie giapponesi per la presentazione di prodotti farmaceutici per l'approvazione.

    25

    2Composti sperimentali in queste indicazioni e non sono stati sottoposti a revisione FDA.

    Si prega di consultare le diapositive 29 e 30 per importanti informazioni sulla sicurezza. Visitare www.TAVALISSE.com per informazioni complete sulla prescrizione.

    Principali aspetti finanziari del primo trimestre 2020

    Vendite nette di prodotti LTD ($ M)

    • $ 12,7 milioni nelle vendite nette del prodotto

    Da allora, 70,4 milioni di dollari di vendite nette di prodotti

    13.8

    lanciare

    11.7

    12,7

    1.393 bottiglie totali spedite

    10.2

    1.398 spediti ai pazienti e

    8.1

    cliniche

    7.3

    Riduzione di 5 bottiglie nella distribuzione

    4.9

    canali1

    1.8

    Q2 '18

    Q3 '18

    Q4 '18

    Q1 '19

    Q2 '19

    Q3 '19

    Q4 '19

    Q1 '20

    1591 bottiglie totali sono rimaste nei canali di distribuzione al 31 marzo 2020.

    26Si prega di consultare le diapositive 29 e 30 per importanti informazioni sulla sicurezza. Visitare www.TAVALISSE.com per informazioni complete sulla prescrizione

    Risultati finanziari Q1 2020

    Tre mesi terminati il ​​31 marzo

    (In migliaia, ad eccezione degli importi per azione, non sottoposti a revisione)

    2020

    2019

    ricavi:

    Vendite di prodotti, al netto

    $

    12.680

    $

    8054

    Entrate contrattuali derivanti da collaborazioni

    43.081

    4.570

    Entrate totali

    55.761

    12.624

    Costi e spese:

    Costo delle vendite del prodotto

    155

    107

    Ricerca e sviluppo

    16.149

    10.949

    Vendita, generale e amministrativa

    18.430

    19.946

    Totale costi e spese

    34.734

    31.002

    Perdita da operazioni

    21.027

    (18.378)

    Interessi attivi

    358

    780

    Interessi passivi

    (142)

    Utile (perdita) netto

    $

    21.243

    $

    (17.598)

    Utile (perdita) netto per azione, base e diluito

    $

    0,13

    $

    (0,11)

    • Entrate contrattuali di $ 43,1 milioni, costituite principalmente da entrate riconosciute dalla commissione iniziale che non è più rimborsabile a Grifols e pagamento di $ 20,0 milioni per l'approvazione dell'UE
    • Contanti &il saldo degli investimenti a breve termine ammontava a $ 95,9 milioni al 31 marzo 2020
    • Nel maggio 2020, ha raggiunto $ 10,0 milioni di tranche da $ 60,0 milioni di prestito a termine. Avere accesso a $ 40,0 milioni aggiuntivi subordinatamente al raggiungimento di determinate condizioni

    27Si prega di consultare le diapositive 29 e 30 per importanti informazioni sulla sicurezza. Visitare www.TAVALISSE.com per informazioni complete sulla prescrizione.

    Prossimi traguardi previsti per i driver di valore chiave

    Sfrutta team di talento e risorse preziose per navigare in tempi incerti e difficili

    Coltiva TAVALISSE®

    Acquisisci valore in

    Capitalizzare su wAIHA1

    Espandi pipeline

    vendite negli Stati Uniti ITP

    mercato globale ITP

    Opportunità

    programmi

    Aumentare l'uso in precedenza

    Grifols2prevede di fare

    Come condizioni COVID-19

    Supportare l'esplorazione di

    linee di terapia

    prodotto disponibile per

    normalizzare, pianificare

    TAVALISSE in COVID-19

    Sfrutta le vendite virtuali

    pazienti nel secondo trimestre del '20

    riguadagnare l'iscrizione

    polmonite e affini

    momento rapidamente e

    condizioni, nonché

    piattaforma

    La Germania sarà iniziale

    in modo efficiente nell'esistente

    Indicazioni COVID-19

    mercato nell'UE

    > 80 siti di prova in 22

    Cerca co-sviluppo / co-

    paesi

    accordi di promozione a

    Mantieni il potenziale prima

    anticipo RIP1 e IRAK1 / 4

    vantaggio del motore

    programmi

    Seleziona la molecola CNS per

    Programma RIP1

    28

    1Composto investigativo in questa indicazione e non è stato presentato per la revisione della FDA. 2Grifols, S.A. è il partner collaborativo di Rigel in Europa e commercializzerà fostamatinib con il nome

    TAVLESSE®.Si prega di consultare le diapositive 29 e 30 per importanti informazioni sulla sicurezza. Visitare www.TAVALISSE.com per informazioni complete sulla prescrizione.

    TAVALISSE®(fostamatinib disodium hexahydrate) Compresse

    Indicazioni e informazioni importanti sulla sicurezza

    Indicazione

    TAVALISSE®(fostamatinib disodium hexahydrate) è indicato per il trattamento della trombocitopenia in pazienti adulti con trombocitopenia immunitaria cronica (ITP) che hanno avuto una risposta insufficiente a un precedente trattamento.

    Informazioni importanti sulla sicurezza

    Avvertenze e precauzioni

    • L'ipertensione può verificarsi con il trattamento TAVALISSE. Pazienti conipertensione preesistente può essere più suscettibile agli effetti ipertesi. Monitorare la pressione sanguigna ogni 2 settimane fino a quando non è stabile, quindi mensile e regolare o avviare la terapia antiipertensiva per il mantenimento del controllo della pressione sanguigna durante la terapia. Se l'aumento della pressione sanguigna persiste, può essere necessaria l'interruzione, la riduzione o l'interruzione di TAVALISSE.
    • Con TAVALISSE possono verificarsi test elevati di funzionalità epatica (LFT), principalmente ALT e AST. Monitorare mensilmente le LFT durante il trattamento. Se ALT o AST aumentano a> 3 volte il limite superiore del normale, gestire l'epatotossicità usando l'interruzione, la riduzione o l'interruzione di TAVALISSE.
    • La diarrea si è verificata nel 31% dei pazienti e la diarrea grave si è verificata nell'1% dei pazienti trattati con TAVALISSE. Monitorare i pazienti per lo sviluppo di diarrea e gestirli utilizzando misure di terapia di supporto subito dopo l'insorgenza dei sintomi. Se la diarrea diventa grave (≥ 3 ° grado), interrompere, ridurre la dose o interrompere TAVALISSE.
    • La neutropenia si è verificata nel 6% dei pazienti trattati con TAVALISSE; neutropenia febbrile si è verificata nell'1% dei pazienti. Monitorare mensilmente l'ANC e l'infezione durante il trattamento. Gestire la tossicità con l'interruzione, la riduzione o l'interruzione di TAVALISSE.
    • TAVALISSE può causare danni al feto quando somministrato a donne in gravidanza. Consiglia alle donne in gravidanza il potenziale rischio per un feto. Consigliare alle donne in età fertile di usare un metodo contraccettivo efficace durante il trattamento e per almeno 1 mese dopo l'ultima dose. Verificare lo stato di gravidanza prima di iniziare TAVALISSE. Non è noto se TAVALISSE o il suo metabolita siano presenti nel latte materno. A causa della possibilità di gravi reazioni avverse in un bambino allattato al seno, consiglia a una donna che allatta di non allattare durante il trattamento con TAVALISSE e per almeno 1 mese dopo l'ultima dose.

    29

    TAVALISSE®(fostamatinib disodium hexahydrate) Compresse

    Informazioni importanti sulla sicurezza (cont.)

    Interazioni farmacologiche

    • L'uso concomitante di TAVALISSE con potenti inibitori del CYP3A4 aumenta l'esposizione al principale metabolita attivo di TAVALISSE (R406), che può aumentare il rischio di reazioni avverse. Monitorare le tossicità che potrebbero richiedere una riduzione della dose di TAVALISSE.
    • Non è raccomandato l'uso di TAVALISSE con potenti induttori del CYP3A4, poiché l'uso concomitante riduce l'esposizione a R406.
    • L'uso concomitante di TAVALISSE può aumentare le concentrazioni di alcuni farmaci per substrato del CYP3A4 e può richiedere una riduzione della dose del farmaco per substrato del CYP3A4.
    • L'uso concomitante di TAVALISSE può aumentare le concentrazioni di farmaci substrato BCRP (ad es. Rosuvastatina) eFarmaci del substrato della P-glicoproteina (P-gp) (ad es. Digossina), che possono richiedere una riduzione della dose del farmaco del substrato BCRP e P-gp.

    Reazioni avverse

    • Gravi reazioni avverse da farmaco nell'ITPstudi in doppio cieco sono stati neutropenia febbrile, diarrea, polmonite e crisi ipertensiva, verificatasi nell'1% dei pazienti con TAVALISSE. Inoltre, si sono verificate gravi reazioni avverse tra cui dispnea e ipertensione (entrambi 2%), neutropenia, artralgia, dolore toracico, diarrea, vertigini, nefrolitiasi, dolore alle estremità, mal di denti, sincope e ipossia (tutto l'1%).
    • Reazioni avverse comuni (≥5% e più comuni del placebo) daFIT-1 e FIT-2 inclusi: diarrea, ipertensione, nausea, vertigini, aumento di ALT e AST, infezione respiratoria, rash, dolore addominale, affaticamento, dolore toracico e neutropenia.

    Perfavore guarda http://www.tavalisse.com/per informazioni complete sulla prescrizione

    Per segnalare gli effetti collaterali dei farmaci da prescrizione alla FDA, visitare http://www.fda.gov/medwatcho chiama il numero 1-800-FDA-1088 (1-800-332-1088)

    TAVA_ITP-20095

    30

    disconoscimento

    Rigel Pharmaceuticals Inc. pubblicato questo contenuto su 27 maggio 2020 ed è il solo responsabile delle informazioni ivi contenute. Distribuito dal pubblico, inedito e inalterato, il 27 maggio 2020 07:37:06 UTC

    Ultime notizie su RIGEL PHARMACEUTICALS, INC

    Vendite 2020 104 M
    EBIT 2020 -45,0 M
    Utile netto 2020 -44,2 M
    Debito 2020
    Resa 2020
    Rapporto P / E 2020 -7,64x
    Rapporto P / E 2021 -7,22x
    Capi. / Vendite2020 3,20x
    Capi. / Vendite 2021 2,83x
    capitalizzazione 334 M

    Grafico RIGEL PHARMACEUTICALS, INC.

    Durata :

    Periodo:

    Grafico di analisi tecnica di Rigel Pharmaceuticals, Inc. | MarketScreener

    Tendenze analisi tecniche RIGEL PHARMACEUTICALS, INC

    Breve termine Mid-Term Lungo termine
    tendenze bullish bearish bearish

    Evoluzione del conto economico

    Consenso

    Vendere

    Acquistare

    Consenso medio ACQUISTARE
    Numero di analisti 7
    Prezzo target medio

    7,14 $

    Ultimo prezzo di chiusura

    1,98 $

    Diffusione / Target più alto 304%
    Diffusione / target medio 261%
    Target esteso / più basso 153%

    ->

    Psorilax:Offerte |crema per psoriasi con cortisone fuori commercio

    0

    Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, composizione

    Joel M. Gelfand

    Cominciamo con ciò che attualmente sappiamo di COVID-19, una malattia causata dalla sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2, nota anche come SARS-CoV-2. È un virus a RNA a singolo filamento trasmesso principalmente da goccioline respiratorie da tosse e starnuti.

    Il virus può rimanere vitale su superfici come plastica e acciaio per un massimo di 3 giorni. La malattia di COVID-19 è altamente variabile; molte persone sono asintomatiche (e possono diffondere il virus) e una minoranza richiede ricovero ospedaliero, ventilatori e alla fine muoiono. Le stime dei tassi di mortalità variano da meno dello 0,5% al ​​2% o superiore. L'ampia variazione dei tassi di mortalità è probabilmente dovuta al sottostima di infezioni lievi o asintomatiche, nonché alla variazione delle popolazioni studiate. Età avanzata, sesso maschile e comorbidità come ipertensione, obesità, diabete, malattie cardiovascolari e malattie polmonari croniche sembrano aumentare il rischio di esiti gravi e morte per COVID-19.

    COVID-19 è la più grave minaccia alle malattie infettive per la salute pubblica in oltre un millennio perché è nuova (e quindi non vi è immunità nell'uomo) e più contagiosa dell'influenza, e il suo corso altamente variabile consente una diffusione rapida e silenziosa in tutta comunità, che non risultano evidenti, in assenza di test diffusi, fino a quando non vengono infettate da centinaia a migliaia di persone. Anche se il rischio assoluto di mortalità per gli individui è inferiore alle stime attuali, in particolare quelli che sono giovani e senza le suddette comorbidità, centinaia di migliaia di americani sono a rischio di morte per SARS-CoV-2.

    Che cosa sappiamo della psoriasi rilevante per la pandemia di COVID-19? Innanzitutto, la psoriasi è una malattia autoimmune in cui il rischio di ipertensione, diabete, malattie cardiovascolari, malattie polmonari croniche e mortalità prematura aumenta con l'aumentare della gravità della malattia della pelle. Pertanto, come popolazione, i pazienti con psoriasi, in particolare quelli con malattia più grave, sono a rischio di esiti peggiori da COVID-19. In secondo luogo, la maggior parte dei nostri trattamenti, a parte forse l'acitretina e la fototerapia, sono “immunosoppressori” e in genere hanno avvertenze per l'infezione nelle informazioni di prescrizione della FDA.

    Trattamento della psoriasi a modulazione immunitaria

    Ciò che non sappiamo sul trattamento della psoriasi e il rischio di COVID-19 supera di gran lunga ciò che sappiamo attualmente. Un modello su COVID-19 è che l'immunosoppressione è dannosa all'inizio, rendendo un paziente più suscettibile e a rischio di progressione dell'infezione con SARS-CoV-2, ma l'immunosoppressione può essere utile in seguito nel corso della malattia sopprimendo la disregolazione risposta immunitaria nei polmoni che porta alla sindrome da distress respiratorio acuto e alla morte. Questo modello è semplicemente un'ipotesi che viene testata in studi clinici su pazienti COVID-19 con grave malattia di agenti come adalimumab, Taltz (ixekizumab, Lilly), apremilast (Otezla, Amgen), inibitori JAK e IL-6 bloccanti. Stanno iniziando a emergere studi preliminari su pazienti affetti da psoriasi. Uno studio condotto a New York su 86 pazienti con malattia immuno-mediata e COVID-19 (di cui 14 e 21 avevano rispettivamente psoriasi o artrite psoriasica) non ha trovato una relazione tra trattamento biologico e risultati peggiori di COVID-19. Uno studio del Nord Italia ha scoperto che i pazienti con psoriasi sotto controllo biologico avevano un rischio più elevato di contrarre SARS-CoV-2 e ricoverati in ospedale per COVID-19 ma non hanno riscontrato differenze nella mortalità o nell'uso di un ventilatore. Nessuno di questi studi è stato adeguatamente potenziato o utilizzato il tipo di analisi statistica necessaria per determinare se le associazioni osservate fossero dovute a trattamento biologico o fattori di confondimento come l'età o la comorbilità.

    Recentemente abbiamo calcolato una meta-stima del rischio di infezioni del tratto respiratorio (RTI) e sintomi in pazienti con psoriasi trattati con inibitori dell'IL-17 negli studi di fase 3. Questa analisi ha dimostrato un aumento del rischio dal 30% al 60% per RTI causato da inibitori dell'IL-17; tuttavia, non sappiamo se questi sintomi di RTI fossero dovuti a cause virali, batteriche, allergiche o fungine. Questa meta-stima suggerisce un potenziale segnale di sicurezza per RTI associato con l'inibizione dell'IL-17, che potrebbe non essere stato clinicamente importante prima della pandemia, ma ai tempi di COVID-19 evidenzia la necessità di ulteriori dati.

    L'assenza di dati rigorosi per guidare le decisioni di trattamento della psoriasi al tempo di COVID-19 sottolinea la necessità per i medici di fare ciò che fanno meglio: bilanciare l'incertezza dei problemi di sicurezza rilevanti con i comprovati benefici del trattamento. La guida rilasciata dall'American Academy of Dermatology raccomanda ai medici di usare il loro giudizio clinico per fermare o continuare i pazienti su farmaci biologici o agenti immunosoppressori in coloro che non hanno testato sintomi positivi o hanno mostrato sintomi di COVID-19 e per fermare questi agenti nei pazienti che risultano positivi o presentano sintomi COVID-19 (www.aad.org/member/practice/coronavirus/clinical-guidance/biologics).

    Come dermatologi, siamo fortunati ad avere una varietà di trattamenti sicuri ed efficaci per la psoriasi, che ci consente di bilanciare le nostre attuali conoscenze scientifiche con l'arte di aiutare i nostri pazienti a selezionare la giusta scelta di trattamento che rifletta il loro stato di salute di base e circostanze individuali uniche e preferenze. Nella mia esperienza, soppesando il noto beneficio del loro trattamento con le incertezze, quasi tutti i miei pazienti hanno scelto di continuare il trattamento della psoriasi.

    Divulgazione: Gelfand riferisce di essere consulente per AbbVie, Bristol-Myers Squibb, Boehringer Ingelheim, Dermira, Dr. Reddy, GlaxoSmithKline, Janssen Pharmaceuticals, Menlo Therapeutics, Novartis Pharmaceuticals, Pfizer, Regeneron, Sanofi US Services, UB e Valeant Pharmaceuticals North America.

    Joel M. Gelfand

    Cominciamo con ciò che attualmente sappiamo di COVID-19, una malattia causata dalla sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2, nota anche come SARS-CoV-2. È un virus a RNA a singolo filamento trasmesso principalmente da goccioline respiratorie da tosse e starnuti.

    Il virus può rimanere vitale su superfici come plastica e acciaio per un massimo di 3 giorni. La malattia di COVID-19 è altamente variabile; molte persone sono asintomatiche (e possono diffondere il virus) e una minoranza richiede ricovero ospedaliero, ventilatori e alla fine muoiono. Le stime dei tassi di mortalità variano da meno dello 0,5% al ​​2% o superiore. L'ampia variazione dei tassi di mortalità è probabilmente dovuta al sottostima di infezioni lievi o asintomatiche, nonché alla variazione delle popolazioni studiate. Età avanzata, sesso maschile e comorbidità come ipertensione, obesità, diabete, malattie cardiovascolari e malattie polmonari croniche sembrano aumentare il rischio di esiti gravi e morte per COVID-19.

    COVID-19 è la più grave minaccia alle malattie infettive per la salute pubblica in oltre un millennio perché è nuova (e quindi non vi è immunità nell'uomo) e più contagiosa dell'influenza, e il suo corso altamente variabile consente una diffusione rapida e silenziosa in tutta comunità, che non risultano evidenti, in assenza di test diffusi, fino a quando non vengono infettate da centinaia a migliaia di persone. Anche se il rischio assoluto di mortalità per gli individui è inferiore alle stime attuali, in particolare quelli che sono giovani e senza le suddette comorbidità, centinaia di migliaia di americani sono a rischio di morte per SARS-CoV-2.

    Che cosa sappiamo della psoriasi rilevante per la pandemia di COVID-19? Innanzitutto, la psoriasi è una malattia autoimmune in cui il rischio di ipertensione, diabete, malattie cardiovascolari, malattie polmonari croniche e mortalità prematura aumenta con l'aumentare della gravità della malattia della pelle. Pertanto, come popolazione, i pazienti con psoriasi, in particolare quelli con malattia più grave, sono a rischio di esiti peggiori da COVID-19. In secondo luogo, la maggior parte dei nostri trattamenti, a parte forse l'acitretina e la fototerapia, sono “immunosoppressori” e in genere hanno avvertenze per l'infezione nelle informazioni di prescrizione della FDA.

    Trattamento della psoriasi a modulazione immunitaria

    INTERRUZIONE DI PAGINA

    Ciò che non sappiamo sul trattamento della psoriasi e il rischio di COVID-19 supera di gran lunga ciò che sappiamo attualmente. Un modello su COVID-19 è che l'immunosoppressione è dannosa all'inizio, rendendo un paziente più suscettibile e a rischio di progressione dell'infezione con SARS-CoV-2, ma l'immunosoppressione può essere utile in seguito nel corso della malattia sopprimendo la disregolazione risposta immunitaria nei polmoni che porta alla sindrome da distress respiratorio acuto e alla morte. Questo modello è semplicemente un'ipotesi che viene testata in studi clinici su pazienti COVID-19 con grave malattia di agenti come adalimumab, Taltz (ixekizumab, Lilly), apremilast (Otezla, Amgen), inibitori JAK e IL-6 bloccanti. Stanno iniziando a emergere studi preliminari su pazienti affetti da psoriasi. Uno studio condotto a New York su 86 pazienti con malattia immuno-mediata e COVID-19 (di cui 14 e 21 avevano rispettivamente psoriasi o artrite psoriasica) non ha trovato una relazione tra trattamento biologico e risultati peggiori di COVID-19. Uno studio del Nord Italia ha scoperto che i pazienti con psoriasi sotto controllo biologico avevano un rischio più elevato di contrarre SARS-CoV-2 e ricoverati in ospedale per COVID-19 ma non hanno riscontrato differenze nella mortalità o nell'uso di un ventilatore. Nessuno di questi studi è stato adeguatamente potenziato o utilizzato il tipo di analisi statistica necessaria per determinare se le associazioni osservate fossero dovute a trattamento biologico o fattori di confondimento come l'età o la comorbilità.

    Recentemente abbiamo calcolato una meta-stima del rischio di infezioni del tratto respiratorio (RTI) e sintomi in pazienti con psoriasi trattati con inibitori dell'IL-17 negli studi di fase 3. Questa analisi ha dimostrato un aumento del rischio dal 30% al 60% per RTI causato da inibitori dell'IL-17; tuttavia, non sappiamo se questi sintomi di RTI fossero dovuti a cause virali, batteriche, allergiche o fungine. Questa meta-stima suggerisce un potenziale segnale di sicurezza per RTI associato con l'inibizione dell'IL-17, che potrebbe non essere stato clinicamente importante prima della pandemia, ma ai tempi di COVID-19 evidenzia la necessità di ulteriori dati.

    L'assenza di dati rigorosi per guidare le decisioni di trattamento della psoriasi al tempo di COVID-19 sottolinea la necessità per i medici di fare ciò che fanno meglio: bilanciare l'incertezza dei problemi di sicurezza rilevanti con i comprovati benefici del trattamento. Le linee guida rilasciate dall'American Academy of Dermatology raccomandano ai medici di usare il loro giudizio clinico per fermare o continuare i pazienti con farmaci biologici o agenti immunosoppressori in coloro che non hanno testato sintomi positivi o hanno mostrato sintomi di COVID-19 e per fermare questi agenti nei pazienti che risultano positivi o presentano sintomi COVID-19 (www.aad.org/member/practice/coronavirus/clinical-guidance/biologics).

    Come dermatologi, siamo fortunati ad avere una varietà di trattamenti sicuri ed efficaci per la psoriasi, che ci consente di bilanciare le nostre attuali conoscenze scientifiche con l'arte di aiutare i nostri pazienti a selezionare la giusta scelta di trattamento che rifletta il loro stato di salute di base e circostanze individuali uniche e preferenze. Nella mia esperienza, soppesando il noto beneficio del loro trattamento con le incertezze, quasi tutti i miei pazienti hanno scelto di continuare il trattamento della psoriasi.

    Divulgazione: Gelfand riferisce di essere consulente per AbbVie, Bristol-Myers Squibb, Boehringer Ingelheim, Dermira, Dr. Reddy, GlaxoSmithKline, Janssen Pharmaceuticals, Menlo Therapeutics, Novartis Pharmaceuticals, Pfizer, Regeneron, Sanofi US Services, UB e Valeant Pharmaceuticals North America.

    Psorilax:Dove acquistare online |migliore crema o gel per la cura della psoriasi

    0

    Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, ingredienti

    Panoramica:

    Solo un medico può confermare se hai la psoriasi o meno, quindi se manifesti i sintomi descritti nella pagina Sintomi, fissa un appuntamento per vedere il tuo medico, che ti darà un esame fisico e possibilmente fare una biopsia della pelle interessata.

    Se hai una psoriasi lieve, potresti essere in grado di gestire la tua condizione senza farmaci con obbligo di prescrizione evitando cose che sai scatenare la psoriasi (ad es. Stress), facendo il bagno regolarmente, applicando una crema idratante ed esponendo la tua pelle a piccole quantità di luce solare.

    Tuttavia, se la tua psoriasi è più aggressiva, ci sono diversi farmaci da banco e da prescrizione che possono aiutarti ad alleviare i sintomi.

    Questi farmaci mirano a portare la tua psoriasi sotto controllo rapido, ridurre la superficie corporea che colpisce, eliminare le lesioni, aiutare a mantenere la pelle chiara ed evitare una ricaduta e migliorare la qualità della vita.

    Loro includono attuale farmaci che applichi direttamente alla tua pelle, fototerapia, e sistemico farmaci che assumi per via orale in una pillola o mediante iniezione o infusione.
    Di seguito una breve panoramica dei diversi tipi di trattamento più comunemente usati per la psoriasi. Discuti con il tuo medico quale trattamento è giusto per te e quali possono essere i benefici e gli effetti collaterali. Il medico può suggerire un farmaco, prescrivere una combinazione, ruotare tra diversi farmaci o utilizzare i farmaci in un ordine specifico per liberare la pelle. Dopo aver provato un'opzione, non esitare a discutere con il tuo medico un piano di trattamento diverso se l'approccio che stai attualmente adottando non funziona per te.

    Per ottenere il massimo dalla terapia, utilizzare sempre i farmaci secondo le istruzioni del medico.

    Farmaci topici

    Circa l'80% al 90% delle persone ha una psoriasi da lieve a moderata e la maggior parte può essere trattata con agenti topici – trattamenti applicati sulla pelle – tra cui creme, gel, pomate, soluzioni, schiume, nastri, spray, oli, shampoo e lozioni. Gli agenti topici possono essere usati da soli o in combinazione con altre terapie, come la fototerapia o i farmaci sistemici.

    Corticosteroidi topici
    I corticosteroidi sono versioni sintetiche degli ormoni prodotti nel corpo e sono i farmaci più comunemente prescritti per la psoriasi. Creme, lozioni, schiume, gel, pomate e spray per corticosteroidi sono gli agenti topici più comunemente prescritti per la psoriasi da lieve a moderata. Quando applicati sulla pelle, riducono l'infiammazione nell'area, rendendoli utili trattamenti per molte forme di psoriasi. Sono disponibili in preparati a basso dosaggio, ad alto dosaggio e ad altissimo dosaggio.

    I corticosteroidi di solito funzionano rapidamente e le formulazioni a basso dosaggio possono essere applicate quasi ovunque sul corpo. Per la psoriasi lieve limitata a poche piccole placche, potrebbe essere necessario un dosaggio basso, senza prescrizione medica. Tuttavia, se le croste delle placche sono spesse o se sono diffuse, gli steroidi topici ad alte dosi possono essere prescritti da soli o in combinazione con altri trattamenti.

    Potenziali effetti collaterali
    Se i corticosteroidi vengono utilizzati per un lungo periodo su una vasta area, è possibile che parte del farmaco venga assorbita dall'organismo. Questo si chiama assorbimento sistemico e può portare alla sindrome di Cushing, alla cataratta, al glaucoma e all'osteoporosi. È importante seguire le istruzioni fornite dal medico sull'uso di una crema o una lozione corticosteroidi. Gli effetti collaterali includono:

    • Pelle fragile, sottile, facile lividi
    • Aspetto di piccoli vasi sanguigni
    • Fasce di pelle sottile e rossa che si trasformano in linee slanciate (smagliature)
    • Infezione dei follicoli piliferi
    • Piccoli punti rossi o viola
    • Dermatite da contatto (eruzione cutanea)
    • Vulnerabilità alle infezioni
    • Crescita dei capelli

    I corticosteroidi topici possono peggiorare la rosacea, le eruzioni cutanee intorno alla bocca, il piede dell'atleta e infezioni simili. I prodotti ad alta potenza sono generalmente limitati nell'uso a sole due o quattro settimane alla volta per limitare i rischi di assorbimento sistemico e altri effetti collaterali. Dopo che la psoriasi scompare, i corticosteroidi topici vengono gradualmente ridotti, quindi interrotti per ridurre il rischio di epidemie di rimbalzo. Vi sono alcune controversie sul fatto che le persone possano sviluppare nel tempo una resistenza ai corticosteroidi topici.

    Derivati ​​della vitamina D3

    I derivati ​​della vitamina D3, come il calcipotriolo, sono disponibili come creme, pomate e soluzioni in genere per il trattamento della psoriasi da lieve a moderata.

    I derivati ​​della vitamina D3 sono risparmiatori di corticosteroidi: consentono di utilizzare meno corticosteroidi topici. Di solito vengono applicati una o due volte al giorno per circa 8 settimane. Se combinati con corticosteroidi topici, possono spesso funzionare meglio nelle persone con psoriasi a placche rispetto a entrambi i farmaci da soli.

    Potenziali effetti collaterali

    I potenziali effetti collaterali includono bruciore, prurito, gonfiore, desquamazione, secchezza ed eruzione cutanea. Non dovrebbero essere usati sul viso. Nei pazienti che diffondono dosi maggiori su gran parte del loro corpo, i derivati ​​della vitamina D3 possono causare un aumento dei livelli di calcio nel sangue, che si inverte quando il trattamento viene sospeso. Possono anche causare sensibilità alla luce e possono provocare una sensazione di bruciore se applicati prima della fototerapia UVB.

    Attualmente è disponibile anche l'unguento al calcitriolo, una forma attiva di vitamina D.

    Trattamento topico combinato

    Attualmente esiste una terapia topica di combinazione disponibile per i pazienti conpsicosi in Canada. Contiene calcipotriolo (un analogo della vitamina D) e betametasone dipropionato (un corticosteroide).

    Poiché è una combinazione misurata di calcipotriolo e betametasone, è stato dimostrato che è più efficace per il trattamento della psoriasi e agisce più rapidamente rispetto a quando i due ingredienti vengono usati da soli. Anche se applichi entrambi gli ingredienti separatamente ma allo stesso tempo, è difficile ottenere le proporzioni ottimali. Entrambi gli ingredienti lavorano insieme per controllare la psoriasi e ridurre il tempo impiegato per l'applicazione dei farmaci.

    Questo unguento o gel viene applicato una volta al giorno, direttamente sulle placche di psoriasi. Dopo che la psoriasi è migliorata, l'applicazione può essere fermata e riavviata se necessario.

    Potenziali effetti collaterali

    L'effetto collaterale più comune è il lieve prurito e quegli effetti collaterali associati ai singoli ingredienti sopra elencati.

    Retinoidi topici

    I retinoidi topici possono essere un trattamento efficace per la psoriasi da lieve a moderata. Almeno un retinoide topico, il tazarotene, è disponibile in Canada. In combinazione con corticosteroidi topici, il tazarotene può aiutare a prevenire l'assottigliamento della pelle, che è un effetto collaterale comune dei corticosteroidi.

    La combinazione di un retinoide topico con la fototerapia UVB può migliorare i benefici e ridurre la quantità di esposizione ai raggi UV necessaria per una buona risposta.

    Potenziali effetti collaterali
    Un effetto collaterale comune è l'irritazione della pelle all'interno o intorno alle placche, che può essere ridotta utilizzando una crema idratante, applicando il prodotto a giorni alterni, trattamenti a contatto breve (da 30 a 60 minuti) o combinando questo prodotto con un corticosteroide topico.

    Le donne in gravidanza e in allattamento non possono assumere retinoidi topici a causa dell'elevato rischio di difetti alla nascita.

    Altri agenti topici
    Idratanti da banco (emollienti) lasciano un film sulla superficie della pelle, formando una barriera per trattenere l'umidità negli strati superiori della pelle. Questi prodotti possono essere lenitivi e possono aiutare a rimuovere le squame che si formano nelle placche psoriasiche. Possono anche aumentare l'efficacia di altri trattamenti topici. L'uso di un idratante fino a tre volte al giorno è una terapia aggiuntiva per la psoriasi: non controllerà i razzi da solo.

    Acido salicilico può ridurre il ridimensionamento e ammorbidire le macchie rossastre (placche) della psoriasi. È spesso combinato con altri agenti topici. Non dovrebbe essere applicato a più del 20% dell'area corporea. Non è raccomandato per l'uso in bambini o persone con problemi al fegato o ai reni. Questo agente può ridurre l'efficacia della fototerapia UVB e può interagire con alcuni farmaci orali.

    anthralin è una crema giallastra che viene principalmente utilizzata come terapia a contatto breve (da 20 a 30 minuti) per la psoriasi da lieve a moderata e la psoriasi del cuoio capelluto difficile da trattare. Il suo inconveniente e il suo scarso aspetto estetico sono gravi cadute. Non è efficace quanto i corticosteroidi topici prescritti o i derivati ​​della vitamina D. Anthralin può macchiare la pelle, i vestiti e altri oggetti che vengono toccati. Altri effetti collaterali includono irritazione cutanea. Non è più disponibile in commercio ma può essere aggravato dai farmacisti.

    Preparazioni di catrame di carbone non sono usati tutte le volte che erano una volta per curare la psoriasi. Oggi sono disponibili principalmente come shampoo da banco e gel per la psoriasi da lieve a moderata. Le formulazioni non sono standardizzate e l'efficacia del catrame di carbone differisce da una preparazione all'altra. Ad esempio, alcuni studi hanno scoperto che l'1% di lozione funziona meglio del 5% di estratto di carbone. Problemi di odore, colorazione e cosmetici possono scoraggiare molti pazienti dall'uso del catrame di carbone. I potenziali effetti collaterali includono fotosensibilità alla luce UVA, dermatite da contatto e infezione dei follicoli piliferi.

    fototerapia

    La fototerapia è l'uso della luce ultravioletta (UV) come forma di trattamento. Sono disponibili diverse forme di trattamento della luce per la psoriasi, inclusa l'esposizione alla luce solare naturale quando le condizioni lo consentono.
    L'obiettivo della fototerapia è quello di esporre la pelle colpita del paziente alla luce UV. I trattamenti sono disponibili presso gli studi medici, le cliniche di fototerapia o anche a casa. È usato per trattare la psoriasi da moderata a grave con placche che coprono più del 3% della pelle. I tipi più comuni di “bande d'onda” di luce UV realizzate da dispositivi medici di fototerapia sono:

    • UVB-Narrowband (di gran lunga il più comune, soprattutto per uso domestico)
    • Banda larga UVB (la banda d'onda UVB originale, utilizzata da oltre 50 anni)
    • UVA (per i casi più gravi, e sempre usato in combinazione con un farmaco fotosensibilizzante chiamato psoralen; un trattamento chiamato PUVA)

    I raggi UVA e UVB sono presenti alla luce solare naturale, ma le quantità variano notevolmente in base alla distanza dall'equatore terrestre, al periodo dell'anno (nell'emisfero settentrionale terrestre il massimo è il 21 giugno e il minimo il 21 dicembre), l'ora del giorno (il massimo è a mezzogiorno), altitudine e fattori ambientali come la copertura nuvolosa. Queste variabili rendono difficile l'uso della luce solare naturale per tutti, tranne i pazienti con psoriasi più dedicati e, nella migliore delle ipotesi, per i canadesi solo in estate. Se si utilizza la luce solare naturale, si prega di discuterne con il proprio dermatologo. Ancora più importante: NON ESSERE MAI BRUCIATO!

    Alcuni pazienti affetti da psoriasi riportano i risultati dell'uso di abbronzanti cosmetici, ma questi apparecchi emettono principalmente luce UVA (che provoca l'abbronzatura ma di per sé non è efficace per la psoriasi) e solo una piccola quantità di UVB terapeutico desiderato (fino a un governo regolato massimo di circa il 5%). I dermatologi sconsigliano vivamente questa pratica. Per la psoriasi, la grande quantità di energia UVA non è necessaria, quasi certamente dannosa, e meglio evitata usando invece un dispositivo medico che crea solo UVB.

    Per TUTTE le forme di fototerapia UV, è importante notare che:

    • Probabilmente NON è adatto a soggetti con patologie sensibili alla luce, allergie al sole, tumori della pelle; e quelli che assumono farmaci fotosensibilizzanti.
    • L'esposizione ripetuta ai raggi UV può causare l'invecchiamento precoce della pelle e il cancro della pelle, pertanto è necessario sottoporsi a un esame annuale della pelle per rilevare eventuali effetti negativi; un “controllo della pelle”.
    • Non dovresti MAI ESSERE BRUCIATO, poiché ciò potrebbe esacerbare la malattia primaria e aumentare notevolmente il rischio di cancro della pelle e invecchiamento precoce della pelle.
    • Molti farmaci (assunti per via orale, con ago o per via topica), cosmetici e rimedi erboristici possono aumentare la sensibilità della pelle alle radiazioni ultraviolette. Se si utilizzano tali prodotti, consultare il proprio medico prima di utilizzare la fototerapia UV.
    • Gli occhi devono essere protetti dalla luce ultravioletta indossando occhiali anti-UV o occhiali da sole. I raggi UV possono danneggiare permanentemente gli occhi!
    • La pelle non colpita dalla psoriasi può essere protetta dall'esposizione ai raggi UV utilizzando la protezione solare o un materiale opaco (come gli indumenti) per bloccare la luce
    • Per la massima efficacia, i raggi UV devono penetrare in profondità nella lesione della psoriasi. Poiché la pelle morta blocca parzialmente i raggi UV, i risultati possono essere migliorati facendo il bagno prima della fototerapia per ammorbidire la pelle morta in modo che possa essere delicatamente rimossa.
    • C'è un periodo di latenza da 3 a 24 ore prima del massimo arrossamento della pelle, quindi i trattamenti UV non devono essere ripetuti entro ventiquattro ore. Parla con il tuo medico di un piano di trattamento ottimale

    Fototerapia UVB a banda stretta e UVB a banda larga

    La fototerapia UVB è sicura ed efficace e può essere somministrata da una clinica di fototerapia o a casa. Quando i raggi UVB penetrano nella pelle, rallenta la rapida crescita delle cellule della pelle che creano lesioni alla psoriasi. I protocolli di trattamento prevedono che la pelle sia esposta a una fonte di luce UVB per un periodo di tempo crescente per diverse settimane o mesi. La banda stretta UVB è considerata più efficace della banda larga UVB poiché cancella la pelle più velocemente, offre periodi più lunghi tra le epidemie e ha meno potenziale di bruciore della pelle. Di solito sono necessarie da 20 a 40 trattamenti, da due a tre volte alla settimana, a seconda della gravità. Una volta che la psoriasi si schiarisce, il trattamento di solito termina fino a quando le placche iniziano a riapparire, ma la continuazione della fototerapia UVB per otto trattamenti al mese può prolungare il tempo tra le epidemie. Molti pazienti possono mantenere la pelle chiara per anni trovando un equilibrio tra la frequenza del trattamento UVB (numero di trattamenti a settimana) e il tempo di trattamento (dose). La fototerapia UVB è sicura da usare durante la gravidanza. La fototerapia UVB può essere combinata con farmaci topici come gli steroidi per risultati migliori.

    Studi recenti mostrano che la fototerapia tratta anche i maggiori rischi che i pazienti affetti da psoriasi hanno per altre malattie comorbide come il diabete e le malattie cardiache. Ciò può essere dovuto alle grandi quantità di vitamina D creata nella pelle dalla luce UVB.

    Se acquisti o noleggi un'unità di fototerapia domestica per comodità, assicurati di parlarne con il tuo medico (anche se non è richiesta una prescrizione in Canada). Alcuni piani assicurativi coprono le unità domestiche mentre altri no. In Canada, le unità domestiche sono un “Credito d'imposta sulle spese mediche” (METC) ammissibile, ai sensi della legge sull'imposta sul reddito, 118.2 (2) (i) “apparecchiature di fototerapia per il trattamento della psoriasi e di altri disturbi della pelle”.

    Psoralen Ultraviolet-A Light Therapy (PUVA)

    Psoralen è un farmaco sensibilizzante che migliora gli effetti dei raggi ultravioletti A (UVA) sulla psoriasi, da cui il nome PUVA. Come la fototerapia UVB, PUVA rallenta la rapida crescita delle cellule della pelle che creano lesioni alla psoriasi. Psoralen può essere assunto per via orale o applicato localmente sulla pelle, ad esempio facendo un “bagno” PUVA appena prima del trattamento. Una volta che alti livelli di psoralene sono presenti nella pelle, la psoriasi viene esposta alla luce UVA sotto controllo medico.

    Il PUVA può eliminare le placche in circa l'85% delle persone con psoriasi da moderata a grave, e la remissione può durare da pochi mesi a più di un anno. È leggermente più efficace della fototerapia UVB ma presenta più rischi ed effetti collaterali, motivo per cui la fototerapia UVB viene quasi sempre provata per prima. Anche i costi e i tempi necessari per amministrare questo trattamento sono più alti e quindi il suo uso in tutto il mondo e in Canada è in declino.

    Una media di 25 trattamenti PUVA sono necessari prima che la psoriasi si schiarisca. A causa dell'uso di psoralene, i trattamenti PUVA sono quasi sempre somministrati in ambito clinico. La psoriasi grave può richiedere più tempo. Uno o due trattamenti di follow-up al mese possono aiutare a prevenire le epidemie.

    Potenziali effetti collaterali – PUVA

    Lo psoralene orale può causare nausea, vomito, mal di testa e sensibilità ai raggi UV. Le applicazioni topiche possono concentrare livelli più elevati di psoralene su placche difficili da trattare.

    Alcuni rischi a lungo termine sono associati al PUVA, in particolare il cancro della pelle, la lentiggine e l'invecchiamento precoce della pelle. E poiché psoralene rimane nell'occhio fino a 24 ore dopo la sua ingestione, gli occhi devono essere protetti dalla luce solare dagli occhiali da sole che bloccano i raggi UV, anche al chiuso, per prevenire la cataratta.

    Trattamenti sistemici

    I trattamenti sistemici sono qualsiasi forma di terapia che viene erogata per via orale (in compresse o in forma liquida) o tramite iniezione o infusione endovenosa (flebo), che agisce all'interno del corpo rispetto ai trattamenti topici, che vengono applicati direttamente sulla pelle.

    ciclosporina

    La ciclosporina è un farmaco di prescrizione che sopprime le risposte immunitarie. È stato a lungo considerato uno dei trattamenti più efficaci per la psoriasi per alcune persone. I medici di solito prescrivono ciclosporina per i pazienti con razzi gravi o quando la psoriasi si ripresenta dopo altri trattamenti. Spesso cancella rapidamente la pelle.

    Potenziali effetti collaterali

    L'uso a lungo termine della ciclosporina comporta un rischio di reni, fegato e altri problemi, come il cancro ai linfonodi, l'aumento della pressione sanguigna e il cancro della pelle. Per questo motivo, la ciclosporina è di solito limitata a corsi brevi e di solito non viene presa per più di un anno o due al massimo. Questo farmaco interagisce con numerosi farmaci, quindi è importante informare il medico di altri farmaci e integratori che assumi.

    Altri potenziali effetti collaterali includono ipertensione, crescita eccessiva dei capelli, mal di testa, maggiore rischio di infezione, dolori e dolori muscolari / ossei, tremore, stanchezza, tosse, naso che cola, mancanza di respiro, mal di stomaco, nausea, vomito, diarrea, intorpidimento o formicolio la pelle, perdita di forza e altro ancora. Esami del sangue di routine sono prescritti per monitorare problemi metabolici come troppo magnesio o acido urico nel sangue.

    Methotrexate

    Questo farmaco ha trattato la psoriasi da moderata a grave per più di 50 anni. Il metotrexato agisce sopprimendo il sistema immunitario, impedendo al corpo di attaccarsi, in modo da prevenire l'infiammazione della pelle che porta alla psoriasi. Può essere molto efficace e alcuni pazienti rispondono molto bene e lo prendono per molti anni.

    Potenziali effetti collaterali

    Sebbene efficace in molti pazienti, il metotrexato può comportare un rischio maggiore di infezione perché sopprime il sistema immunitario.
    I potenziali effetti collaterali comuni includono nausea, anoressia, ulcere della bocca e stanchezza. Effetti collaterali più gravi comprendono problemi al fegato, ai reni, ai polmoni e al midollo osseo. Molti esperti raccomandano alle persone di assumere integratori di folati durante questo trattamento per evitare problemi gastrointestinali e del midollo osseo.

    Questo farmaco non è per tutti; i medici non lo prescrivono a donne in gravidanza o in allattamento o persone con problemi al fegato o ai reni, epatite, leucemia o una storia di non assunzione di droghe o alcolismo. Le persone che assumono metotrexato devono sottoporsi a periodici esami del sangue per verificare la presenza di problemi al fegato e altri effetti collaterali.

    Dovrebbero essere prese in considerazione le interazioni farmacologiche con i seguenti farmaci:

    • FANS comuni come ibuprofene, salicilati, naprossene, indometacina e fenilbutazone
    • Antibiotici comuni, tra cui penicilline, sulfamidici, trimetoprim / sulfametossazolo, minociclina e ciprofloxacina
    • Diuretici tiazidici, sulfoniluree, fenitoina, barbiturici, furosemide.

    I retinoidi

    I retinoidi orali, come l'acitretina, sono derivati ​​dalla vitamina A. Di solito sono riservati per il trattamento della psoriasi grave che copre oltre il 10% del corpo o causa disabilità fisiche, occupazionali o psicologiche. Sono particolarmente utili per la psoriasi del palmo e della suola. I retinoidi orali sono spesso combinati con la fototerapia UVB o PUVA e la terapia biologica per maggiori benefici.

    Questi farmaci agiscono rallentando la crescita delle cellule della pelle, prevenendo il gonfiore della pelle e interrompendo l'attacco del corpo su se stesso. In combinazione con altri agenti, agiscono in sinergia, consentendo l'uso di dosi più basse di ciascun farmaco.

    I retinoidi orali sono sicuri per l'uso a lungo termine e sono spesso prescritti come terapia di mantenimento.

    Potenziali effetti collaterali

    I potenziali effetti collaterali includono secchezza degli occhi, della bocca o del naso, sangue dal naso, pelle secca, labbra gonfie o screpolate, unghie fragili, perdita di capelli, nausea, mal di stomaco, dolori muscolari o articolari, sensazioni di spilli e prurito, bruciore o appiccicoso pelle-

    I retinoidi orali non devono essere usati nelle donne in età fertile a meno che non utilizzino una forma contraccettiva affidabile. Poiché il farmaco persiste per lunghi periodi nel corpo, le donne dovrebbero evitare di rimanere incinta durante l'assunzione di acitretina e per tre anni interi dopo aver smesso di prenderlo. Anche le donne che allattano non devono assumere acitretina.

    Gli esami del sangue di routine vengono utilizzati per monitorare i livelli di colesterolo e trigliceridi, nonché la funzionalità epatica e renale.
    Le interazioni farmacologiche sono possibili con altri farmaci per la psoriasi, come la ciclosporina, e le persone devono evitare integratori che contengono vitamina A per prevenire il sovradosaggio.

    Biologics

    I modificatori della risposta biologica, più comunemente indicati come biologici, sono l'ultima entrata nell'arsenale terapeutico del trattamento della psoriasi e sono considerati un'opzione di trattamento altamente efficace per i pazienti con psoriasi da moderata a grave.

    Finora il biologico è stato utilizzato principalmente da persone che non possono usare altri trattamenti o la cui psoriasi non risponde più con altri tipi di terapia.
    I biologici sono prodotti con proteine ​​simili o uguali alle proteine ​​del sistema immunitario. Bloccano le interazioni tra alcune cellule del sistema immunitario che impediscono al sistema immunitario di causare infiammazione della pelle. Tuttavia, questa attività indebolisce la capacità di combattere le infezioni. Per questo motivo, prima di iniziare la terapia biologica, le persone di solito hanno vaccinazioni standard per influenza, epatite A e B, polmonite, tetano, difterite e altre malattie infettive.

    Prima dell'inizio del trattamento, le persone hanno generalmente test di routine per rilevare problemi al fegato, epatite e tubercoli. Se hai o sviluppi un'infezione grave, la terapia biologica deve interrompere fino a quando non stai meglio.

    Le persone con insufficienza cardiaca congestizia, sclerosi multipla (SM) o malattie simili o SM nella loro famiglia non possono assumere farmaci biologici. Questi farmaci devono essere usati con cautela nelle persone con una storia o una storia familiare di cancro.

    La maggior parte dei prodotti biologici, tra cui adalimumab, alefacept, etanercept e ustekinumab, vengono somministrati per iniezione appena sotto la pelle (iniezione sottocutanea) e possono essere somministrati da un'infermiera o dai pazienti stessi dopo un adeguato allenamento. Gli effetti indesiderati comuni comprendono lievi reazioni cutanee nel sito di iniezione, nausea, infezione del tratto respiratorio superiore, rash e mal di testa.

    Un altro biologico, infliximab, viene somministrato per infusione endovenosa o “flebo” in una clinica diurna o in un reparto di reumatologia dell'ospedale sotto controllo medico. Le infusioni di infliximab vengono somministrate a due settimane, quindi a sei settimane dalla prima infusione, quindi ogni otto settimane. Ogni infusione dura circa due ore, con un periodo di osservazione di circa un'ora o più dopo. Gli effetti collaterali comuni possono includere febbre, rash, mal di testa e dolori muscolari o articolari.

    Come funzionano

    Cinque modificatori della risposta biologica (biologici) sono usati per trattare la psoriasi da moderata a grave in Canada. Sono generalmente divisi in tre gruppi in base al loro funzionamento:

    • Inibitori del TNF
    • Inibitori dell'interleuchina
    • Inibitori delle cellule T.

    Inibitori del TNF Alcuni biologici, come adalimumab, etanercept e infliximab, bloccano l'azione del fattore di necrosi tumorale (TNF) prodotto dal sistema immunitario. Alcune persone con psoriasi hanno troppo TNF nei loro corpi e questa sovrabbondanza di TNF può causare infiammazione della pelle. I bloccanti del TNF possono ridurre la quantità di TNF nel corpo a livelli normali.

    Gli inibitori del TNF, che influenzano il sistema immunitario, possono influire sulla capacità di combattere le infezioni. Assicurati di dire al tuo medico se hai qualche segno di infezione o se hai una storia di tubercolosi (TB) o epatite B. Informa anche il tuo medico se hai infezioni che continuano a tornare o se hai una condizione come il diabete , che potrebbe aumentare il rischio di infezioni. In caso di gravidanza o allattamento, è necessario discutere con il proprio medico se interrompere temporaneamente l'assunzione del farmaco.

    Effetti collaterali comuni:

    • Adalimumab: dolore, infiammazione, sanguinamento o gonfiore nel sito di iniezione. Potresti anche provare infezioni del tratto respiratorio superiore, mal di testa, eruzione cutanea, nausea, dolori addominali o infezione del tratto urinario.
    • Etanercept: una lieve reazione che coinvolge dolore, infiammazione, sanguinamento o gonfiore nel sito di iniezione, infezioni e infezioni del tratto respiratorio superiore.
    • Infliximab: infezioni, affaticamento, dolori articolari, dolori addominali o mal di schiena. Potresti anche provare respiro corto, orticaria o mal di testa a seguito di un'infusione.

    Gli anti-TNF sono stati ampiamente utilizzati in altre indicazioni come l'artrite reumatoide o l'artrite psoriasica e quindi hanno dimostrato una storia più lunga con un profilo prevedibile di effetti collaterali.

    Inibitori dell'interleuchina

    Gli inibitori delle interleuchine, come ustekinumab, possono impedire a specifiche proteine ​​del corpo, chiamate interleuchine, di provocare l'attacco del sistema immunitario alla pelle e alle unghie.

    Effetti collaterali comuni
    Gli inibitori dell'interleuchina possono influire sulla capacità di combattere le infezioni. Informi il medico se ha segni di infezione o se ha una storia di tubercolosi (TB) o epatite B. Se ha bisogno di un vaccino vivo o se è incinta o sta allattando, deve discutere con il medico se sta è necessario interrompere temporaneamente l'assunzione del farmaco.

    Altri effetti indesiderati comuni comprendono infezioni delle vie respiratorie superiori come infezione del seno e mal di gola.

    Altri trattamenti

    Sono disponibili anche altri tipi di trattamenti per la psoriasi, compresi i farmaci approvati per altre condizioni, terapie nuove ed emergenti e terapie alternative e complementari.

    Farmaci approvati per altre condizioni

    I farmaci ufficialmente approvati per il trattamento di altre condizioni / malattie sono stati provati nella psoriasi con successo variabile. Questi includono inibitori della calcineurina (ad es. Tacrolimus, pimecrolimus) e altri immunosoppressori (ad es. Idrossiurea, azatioprina, daclizumab, paclitaxel).

    Terapie nuove ed emergenti

    Molte nuove terapie per la psoriasi sono state sviluppate di recente, aumentando continuamente il numero di opzioni per i pazienti con psoriasi. Nuovi farmaci e nuovi approcci al trattamento continueranno ad evolversi nei prossimi anni. La ricerca futura aiuterà a ottimizzare diverse combinazioni di trattamento per aiutare in situazioni in cui una terapia non funziona. Con la comprensione in continua espansione della genetica, le terapie personalizzate possono persino diventare comuni. Parla con il tuo medico delle opzioni di trattamento.

    Terapie alternative e complementari

    Fino al 36% degli adulti statunitensi ha dichiarato di utilizzare una qualche forma di medicina complementare o alternativa per curare i propri problemi di salute. Parla con il tuo medico di terapie complementari che potrebbero essere adatte a te. Ecco una breve panoramica di alcuni dei più comuni:

    Dieta sana

    Molti studi scientifici hanno dimostrato che una dieta equilibrata e povera di grassi può migliorare la tua salute e prevenire molte malattie gravi. Alcuni medici riferiscono che la perdita di peso aiuta a migliorare la psoriasi dei loro pazienti, mentre l'aumento di peso innesca i razzi. Alcune persone hanno scoperto che alcuni alimenti scatenano un focolaio. Eliminare questi alimenti dalla loro dieta li aiuta a gestire la loro psoriasi. Tuttavia, ridurre l'assunzione di questi alimenti non aiuterà necessariamente la psoriasi. Questi alimenti includono:

    • Caffeina
    • Prodotti che contengono glutine, ad esempio farina di grano
    • alcool
    • zucchero

    Un'alimentazione sana può anche migliorare il tuo benessere generale. Alcuni esperti ritengono che la psoriasi possa causare carenze nutrizionali in proteine, folati (correlati ai farmaci), acqua e calorie. Correggere queste carenze, se presenti, può aiutare a migliorare la salute generale.

    Agopuntura

    Le culture orientali hanno praticato questa forma di medicina olistica per oltre 2000 anni. Un agopuntore inserisce aghi sottili in posizioni specifiche del corpo per bilanciare l'energia vitale (Qi) e consentirgli di fluire naturalmente in tutto il corpo. La maggior parte delle persone riferisce che la procedura è rilassante e causa un minimo disagio. Il numero e la durata dei trattamenti di agopuntura variano da un paziente all'altro, ma i trattamenti multipli per settimane o mesi sono i più comuni.

    Non ci sono prove scientifiche per raccomandare l'uso dell'agopuntura per la psoriasi e la sua efficacia non è stata dimostrata negli studi clinici. Le persone con psoriasi riportano risultati contrastanti, alcuni sostengono che aiuti; altri non segnalano alcun beneficio.

    Se segui questa strada, scegli attentamente il tuo medico. Cerca un agopuntore qualificato e certificato presso la Acupuncture Foundation of Canada. Assicurarsi che vengano utilizzati solo aghi sterili monouso per evitare il rischio di malattie infettive trasmissibili, come l'epatite o l'HIV.

    Supplementi di erbe

    I supplementi di erbe di qualsiasi tipo possono cambiare il modo in cui funzionano i farmaci. Prima di assumere integratori, consultare il medico e non superare le dosi raccomandate sull'etichetta del prodotto. Nessun integratore a base di erbe può curare la psoriasi, ma ci sono alcune prove scientifiche solide che favoriscono l'uso di alcuni integratori rispetto ad altri.

    • Cardo mariano
    Il cardo mariano può interferire con l'attivazione delle cellule T nel sistema immunitario. Si ritiene che le cellule T iperattive causino la psoriasi. Non ci sono studi sulla sua efficacia nelle persone con psoriasi, quindi nessuno sa se questo integratore a base di erbe funzionerà davvero o quanto ne prenderà. Le persone che assumono farmaci antipsicotici o ormoni maschili non devono assumere cardo mariano. Questo integratore può causare effetti collaterali e interferire con alcuni farmaci. Si rivolga al medico prima di usarlo.

    • Olio di enotera
    Due studi su pazienti con artrite psoriasica hanno dimostrato che i supplementi orali e gli oli topici che contengono enotera non hanno effetti benefici sulla psoriasi. Questo integratore può causare effetti collaterali e interferire con alcuni farmaci. Le donne in gravidanza non devono assumere olio di enotera.

    Aloe Vera
    • Può ridurre arrossamenti, desquamazione, prurito e gonfiore
    • La crema deve essere applicata più volte al giorno per almeno uno o più mesi prima che la pelle migliori

    Olio di pesce
    • Gli acidi grassi omega-3 da 3 go meno di integratori di olio di pesce al giorno possono migliorare la psoriasi

    Zinco piritione
    • Disponibile come spray, sapone o soluzione per piccole chiazze di psoriasi e psoriasi del cuoio capelluto
    • Può ridurre prurito, arrossamento, desquamazione e desquamazione
    • In some people, it may eliminate psoriasis scales and sores

    • Tea tree oil
    First used for surgery and dentistry in the 1920s, tea tree oil is an extract of the Australia tea tree (Melaleuca alternifolia). With antibacterial and antiseptic properties, it was traditionally used to treat colds, headaches, toothaches, sore muscles and skin disorders. The oil is applied to the skin; it is poisonous when taken orally. There are no studies to show that it works, whether it is safe to use and how much to use to get benefits. A variety of products are available in pharmacies and other stores, including lotions, creams, soaps and shampoos. They contain various concentrations of tea tree oil, and some may irritate your skin. Some people get contact dermatitis from tea tree oil.

    • Vitamins
    The recommended daily doses of vitamin supplements have not improved psoriasis in scientific studies. Before taking larger doses – a dangerous practice that can harm your health – consult a registered dietitian, certified nutritionist or your doctor.

    • Oregano oil
    Oregano has antibacterial and antifungal properties, which may help to improve infections that are commonly associated with psoriasis. Oral or topical forms are available. Oregano may cause contact allergy when applied to the skin.

    Psorilax:Per gli studenti |psoriasi crema eos

    0

    Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, quanto costa

    Creato: 26 febbraio 2012 | Ultimo aggiornamento: 6 settembre 2019

    introduzione

    La psoriasi è un disturbo infiammatorio e proliferativo comune, geneticamente determinato, della pelle, le lesioni più caratteristiche costituite da placche croniche, nettamente demarcate, rosso opaco, squamose, in particolare sulle protuberanze degli estensori e sul cuoio capelluto. Le varianti morfologiche sono comuni. Una valutazione di qualsiasi paziente con psoriasi dovrebbe includere la gravità della malattia, l'impatto della malattia sul benessere fisico, psicologico e sociale, se hanno l'artrite psoriasica e il targeting di fattori di rischio modificabili per le malattie cardiovascolari.

    Questo capitolo fornisce una panoramica della psoriasi e della psoriasi a placche croniche ed è illustrato come segue:


    Eziologia

    Incidenza e prevalenza

    • Colpisce circa il 3% della popolazione

    • È raro in alcune popolazioni come le popolazioni orientali, gli indiani nativi americani e gli africani occidentali

    • Entrambi i sessi sono ugualmente colpiti

    fisiopatologia

    • Ricerche recenti suggeriscono che la psoriasi è una malattia autoimmune

    • Un numero anormalmente elevato di cellule T provoca il rilascio di citochine nella pelle causando infiammazione, arrossamento, prurito e chiazze cutanee squamose caratteristiche della psoriasi

    Eziologia

    • I fattori genetici sono importanti, specialmente nella fascia di età più giovane: una storia familiare è presente nel 40-50% dei casi e fino al 75% se l'insorgenza è precedente ai 20 anni

    • Vi è un'alta concordanza nei gemelli monozigoti e minore (15-20%) nei gemelli dizigotici

    • Rischio di una vita – 4% se nessuna storia familiare, 28% se un genitore ha colpito, 65% se entrambi i genitori hanno colpito

    trigger

    • Fatica – è fortemente associato alla psoriasi
    • alcool – bere pesante è più comune nei pazienti con psoriasi. L'alcool eccessivo può avere un effetto diretto sulla psoriasi, inoltre, è probabile che una ridotta aderenza al trattamento aggrava i sintomi
    • fumo – è un rischio sia per la pustulosi palmoplantare che per la psoriasi a placche cronica
    • Trauma – la psoriasi può verificarsi nel sito di lesione cutanea (fenomeno di Köebner)
    • Infezioneinfezione da streptococco, soprattutto della gola, è noto per provocare la psoriasi guttata. L'infezione subclinica continua può anche svolgere un ruolo nella psoriasi a placche cronica refrattaria. HIV aggrava la psoriasi
    • farmaci – si dice che una vasta gamma di farmaci influenzi la psoriasi. Le associazioni più importanti includono litio e alcuni antimalarici come l'idrossiclorochina
    • Gravidanza – se la psoriasi si altera, è più probabile che migliori in gravidanza ma peggiori dopo il parto
    • Luce del sole – sebbene la luce solare sia generalmente benefica, una piccola minoranza presenta sintomi provocati da una forte luce solare

    Storia

    Pelle

    • La psoriasi può svilupparsi a qualsiasi età, sebbene si presenti più frequentemente nei giovani adulti e nel sesto e settimo decennio

    • È generalmente asintomatico sebbene alcuni pazienti avvertano prurito


    Artropatia Psoriasica
    • Studi recenti suggeriscono che la prevalenza dell'artrite psoriasica nei pazienti con psoriasi può arrivare fino al 30%

    • C'è un forte legame con la malattia delle unghie

    • Tutti i pazienti con psoriasi devono essere valutati per artropatia psoriasica in quanto un intervento precoce può ridurre il danno articolare, fare riferimento al relativo capitolo su Artrite psoriasica per maggiori informazioni


    Risultati clinici

    Distribuzione di placche

    • Simmetrico

    • Superfici estensori o possono essere diffuse

    Morfologia

    • La maggior parte dei casi di psoriasi a placche cronica sono descritti come psoriasi a placche grandi o psoriasi a placche piccole

    • Le placche sono rosso rubino e ben definite con una scala superficiale argentea. Le placche possono unirsi per coinvolgere aree molto estese della pelle, in particolare sul tronco e sugli arti

    • Segno di Auspitz – quando le squame psoriasiche aderenti vengono raschiate o rimosse dal sanguinamento puntuale, noto come segno di Auspitz, può verificarsi da capillari che ondulano verticalmente attraverso la pelle psoriasica ispessita

    • Le lesioni alla parte inferiore delle gambe possono essere meno tipiche

    Altri siti interessati come segue:


    immagini

    Fare clic sulle immagini per ingrandirle o scaricarle. Il PCDS desidera ringraziare Dermatoweb, DermQuest (Galderma) e altri che hanno contribuito con le immagini. Tutti gli individui e le organizzazioni nominati mantengono il copyright per le immagini pertinenti. Questo sito Web non ha scopo di lucro e contiene le immagini solo a scopo didattico. Qualsiasi immagine scaricata deve essere utilizzata esclusivamente a scopo didattico e non commerciale. Avviso e credito devono essere dati al PCDS o ad altri collaboratori nominati. Seguire questo collegamento se si dispone di immagini di alta qualità che è possibile contribuire al sito Web.

    Figura 1

    Psoriasi a placche di grandi dimensioni

    Grandi placche e aree confluenti in cui le lesioni si sono fuse

    Figura 2

    Grande psoriasi a placche sui gomiti

    Figura: 3

    Grande psoriasi a placche sulle ginocchia

    Figura: 4

    Grande psoriasi a placche sulle ginocchia

    Figura: 5

    Grande psoriasi a placche sugli avambracci

    Figura: 6

    Primo piano grande psoriasi a placche

    Figura: 7

    Segno di Auspitz

    Scala rimossa per mostrare le aree di spurgo individuate (freccia)

    Figura 8

    Grande psoriasi a placche sulle gambe

    Figura: 9

    Psoriasi a placche di grandi dimensioni

    Figura: 10

    Psoriasi a placche di grandi dimensioni con scala molto spessa

    Figura: 11

    Psoriasi a placche di grandi dimensioni nella pelle scura

    Figura: 12

    Primo piano della figura 11

    Placche squamose ben definite

    Figura: 13

    Psoriasi a placche di grandi dimensioni

    Placche grandi e confluenti

    Figura: 14

    Grande psoriasi a placche sulle gambe

    Placche sottili grandi e confluenti

    Figura: 15

    Psoriasi a placche piccole

    Le lesioni sono più sottili con una scala più fine rispetto alla psoriasi a placche di grandi dimensioni

    Figura: 16

    Psoriasi a placche piccole

    Figura: 17

    Primo piano della figura 16

    Figura: 18

    Psoriasi

    Figura: 19

    La psoriasi colpisce le mani

    Figura: 20

    Stesso paziente della figura 19

    Figura: 21

    Psoriasi della mano: primo piano

    Figura: 22

    Psoriasi infantile

    La diagnosi della psoriasi nei bambini può essere difficile, a volte la diagnosi diventa evidente solo con il tempo

    Figura: 23

    Psoriasi della schisi glutea – un sito comune

    Il cuoio capelluto, le orecchie, le unghie, l'ombelico, la fessura e i genitali possono fornire ulteriori indizi per la diagnosi della psoriasi

    Figura: 24

    Psoriasi del cuoio capelluto e concha dell'orecchio

    Figura: 25

    Psoriasi ungueale

    Pitting e onicolisi

    Figura: 26

    Psoriasi che colpisce l'ombelico

    Figura: 27

    Psoriasi dei genitali

    Chiedi sempre informazioni sul coinvolgimento dei genitali in quanto i pazienti potrebbero non presentare tale storia

    Figura: 28

    Una placca solitaria di psoriasi

    Se questa lesione non avesse risposto al trattamento topico sarebbe stata necessaria una biopsia per escludere diagnosi alternative come la malattia di Bowen

    Figura: 29

    Psoriasi a placche di grandi dimensioni

    Queste placche non erano del tutto tipiche

    Figura: 30

    Psoriasi nelle linee di Blaschko

    Fare riferimento al capitolo sulle linee di Blaschko per ulteriori informazioni

    Figura: 31

    Post dithranol

    Questa immagine è stata scattata sei mesi dopo l'interruzione del dithranol. Se questo fosse stato su un altro sito del corpo, la colorazione sarebbe probabilmente migliorata molto più rapidamente

    Copyright dell'immagine di South Tees Foundation Trust

    Figura: 32

    Linfoma cutaneo a cellule T (CTCL)

    CTCL è uno dei grandi imitatori di malattie della pelle. Sebbene possa presentarsi in molti modi, le lesioni tendono a iniziare in modo piatto e rispondere male ai trattamenti topici. Nel corso degli anni le lesioni diventano simili a placche e iniziano a ulcerare. Una biopsia di CTCL precoce può non comprendere la diagnosi: le eruzioni cutanee insolite sono meglio riferite a uno specialista senza una biopsia


    Gestione

    Step 1: misure generali

    • Come con altre patologie cutanee croniche, il medico di medicina generale o l'infermiera pratica il tempo per discutere la condizione

    • Fornire un opuscolo informativo per il paziente

    • Consigliare un certificato di pagamento anticipato, se del caso

    Passaggio 2: valutare le comorbidità correlate

    • Artrite psoriasica

      • Studi recenti suggeriscono che la prevalenza dell'artrite psoriasica nei pazienti con psoriasi può arrivare fino al 30%

      • I pazienti con artrite psoriasica dovrebbero ricevere trattamento tempestivo in modo da contribuire a ridurre il complicanze a lungo termine della distruzione articolare

      • Per ulteriori informazioni si prega di fare riferimento al relativo capitolo sulla psoriasi: l'artrite psoriasica

    • Malattie cardiovascolari (CVD)

      • Esistono numerose prove che indicano un'associazione tra psoriasi e CVD. Ciò è più evidente in caso di psoriasi grave

      • È importante che gli operatori sanitari che lavorano con pazienti affetti da psoriasi, compresi quelli in cardiologia, dermatologia e medicina generale, debbano prendere di mira fattori di rischio modificabili e avere una soglia inferiore per lo studio di pazienti con sintomi cardiovascolari

    Passaggio 3: emollienti

    • Prescrivere abbondanti emollienti: questi rendono la pelle più confortevole e riducono la quantità di squame

    • I trattamenti attivi di seguito dovrebbero essere usati per le riacutizzazioni della psoriasi fino al controllo delle placche, con una vacanza di trattamento tra le riacutizzazioni quando l'uso di emollienti regolari dovrebbe essere ancora incoraggiato

    Step 4: trattamenti topici

    • Molti medici di base e GPSI utilizzano la prima linea di prodotti combinati di calcipotriolo e betametasone per incoraggiare un rapido miglioramento e quindi l'adesione alla psoriasi a placche cronica: NB qui il nostro consiglio differisce dalla linea guida della psoriasi NICE che suggerisce di iniziare con i suoi singoli componenti

      • Tale prodotto combinato sia da Dovobet gel ®, Dovobet unguento ® o la nuova versione di schiuma spray (Enstilar ®) è spesso considerato un'opzione di prima linea per la psoriasi a placche cronica sul corpo come terapia efficace e cosmeticamente accettabile. Gli evidenti benefici della formulazione della schiuma sul gel saranno valutati col passare del tempo. Devono essere prescritte quantità appropriate (cioè 2 x 60 g) e si deve sempre avvisare il paziente di agitare bene la lattina prima dell'applicazione. La preparazione della schiuma ha un avvertimento sull'infiammabilità

      • Tale terapia deve essere interrotta quando la pelle è liscia, anche se sembra ancora rosa-rossa. Il trattamento in corso con un analogo della vitamina D (calcipotriolo o calcitriolo) o semplici emollienti è un seguito logico

      • Dovobet gel ® dovrebbe essere preso in considerazione per il cuoio capelluto, dove è anche disponibile in un meccanismo di erogazione dell'applicatore che offre un'applicazione precisa sulla zona interessata. Il gel può anche essere usato sul corpo se lo preferisce alla schiuma (Enstilar ®). L'applicatore Dovobet gel ® offre la possibilità di un'applicazione no-touch oltre alla pompa che eroga 0,05 g ad ogni pressione

    • I prodotti contenenti betametasone (un potente steroide) sono meglio evitare su aree di pelle sottile, ad es il viso, le flessioni e i genitali

      • Il calcitriolo (Silkis ®) può essere più accettabile sul viso e le flessioni poiché il calcipotriolo (Dovonex ®) può essere irritante soprattutto in queste aree sensibili

    • Preparazioni di catrame (ad es. Exorex lozione ®) può essere preferibile per placche sottili di grandi dimensioni (NB assicurarsi che la lozione sia prescritta poiché altri prodotti Exorex non contengono il principio attivo)
    • Altre opzioni di trattamenti includono:

      • Tazarotene (Zorac ® gel 0,05% o 0,1%) OD – può causare irritazione significativa e quindi potrebbe essere necessario uno steroide topico all'altra estremità della giornata per ridurre l'irritazione

      • I preparati di Dithranol, come il regime di Dithrocream ®, rimangono i trattamenti topici più efficaci soprattutto per le placche solitarie, ma l'accettabilità del paziente limita il loro uso poiché il dithranol può essere molto disordinato e può lasciare le aree trattate più profondamente pigmentate per qualche tempo dopo che il trattamento è completo, attaccato è un opuscolo informativo per il paziente

    • Nei pazienti che presentano lesioni che presentano scala spessa potrebbe essere necessario utilizzare agenti decalcificanti prima di iniziare i trattamenti di cui sopra. Uno di questi trattamenti è l'acido salicilico al 5% in BD di paraffina morbida gialla applicato fino a quando la scala non si assottiglia: questo può essere molto costoso se somministrato nella comunità e spesso ci sono variazioni sostanziali di costo tra le diverse farmacie. La combinazione di un potente steroide con acido salicilico (Diprosalic Unguento ®) è un'utile aggiunta per lesioni moderatamente squamose


    Step 5: trattamenti di seconda linea

    I pazienti con psoriasi moderata-grave all'inizio e quelli che non rispondono adeguatamente ai trattamenti topici come tali possono essere sottoposti a considerazione per trattamenti di seconda linea, che includono:

    • Fototerapia: la maggior parte dei pazienti riceve UVB a banda stretta noto come terapia TL01. Talvolta viene utilizzata la terapia UVA mediante PUVA. Esiste una dose massima di terapia della luce che un paziente può ricevere in una vita per limitare i rischi di cancro della pelle

    • Ciclosporina: agisce rapidamente. È un agente immunosoppressivo e quindi è meglio usato nei pazienti più giovani che non hanno già ricevuto la terapia della luce. I principali rischi sono ipertensione e danno renale, che limitano la durata della terapia. Può essere utilizzato in impulsi trimestrali per estenderne l'utilizzo

    • Metotrexato: è ancora uno dei trattamenti più efficaci e può anche aiutare alcuni pazienti con artrite psoriasica. I principali rischi sono danni al fegato e soppressione del midollo osseo che possono verificarsi nelle prime fasi del trattamento – i pazienti devono essere informati di riferire immediatamente per un FBC se hanno mal di gola o altri segni di infezione. Il metotrexato non può essere usato in gravidanza

    • Acitretina: è uno dei trattamenti più delicati ma più sicuri. Può essere particolarmente utile nella psoriasi ipercheratotica mano / piede. L'acitretina è altamente teratogena e la gravidanza deve essere evitata durante l'assunzione di acitretina e per due anni dopo, per questo motivo è generalmente evitata nelle donne in età fertile

    • Altri farmaci includono i fumarati e l'idrossiurea

    Step 6: il biologico

    • I farmaci biologici sono il più recente trattamento per la psoriasi e possono beneficiare i pazienti con psoriasi e artrite psoriasica. Funzionano interferendo con componenti specifici della risposta autoimmune. A differenza degli immunosoppressori generali che sopprimono l'intero sistema immunitario, i biologici combattono in modo più selettivo e prendono di mira solo quelle sostanze chimiche coinvolte nella causa della psoriasi

    • Etanercept, Infliximab, Adalimumab e Ustekinumab appartengono alla classe di medicinali biologici chiamati bloccanti del fattore di necrosi tumorale (TNF). Questi funzionano bloccando l'attività del TNF, la citochina primaria coinvolta nella psoriasi. Alefacept è un bloccatore di cellule T e blocca le cellule T iperattive

    • Mentre i prodotti biologici sono efficaci per molti pazienti con psoriasi, i loro effetti a lungo termine sono ancora sconosciuti e quindi sono utilizzati solo in conformità con le linee guida NICE, il che significa che sono riservati per i pazienti che sono stati trattati con i trattamenti di seconda linea indicati sopra e dove questi sono stati inefficaci o non tollerati


    Altre risorse


    Psorilax:Acquista |psoriasi topialyse creme

    0

    Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, come si usa

    Scopri i migliori shampoo per alleviare e / o trattare la psoriasi del cuoio capelluto. Decodifica per guidarti nella tua scelta.

    Sommario
    Fai clic sulla parte che ti interessa

    Uno shampoo per psoriasi naturale molto efficace

    Un buon shampoo prurito

    Shampoo anti-prurito con tempo di esposizione

    Un buon shampoo idratante

    Shampoo quotidiano anti-psoriasi

    Psoriasi del cuoio capelluto, consigli extra

    Rimedi naturali per la psoriasi del cuoio capelluto

    La psoriasi è una malattia cronica legata a una predisposizione genetica che colpisce 3 milioni di persone in Francia. Tra i francesi affetti da questa malattia della pelle, l'80% soffre di psoriasi sul cuoio capelluto (1). Sei in questo caso? Quindi questo articolo è per te!

    Psoriasi del cuoio capelluto è una malattia lieve ma causa due importanti inconvenienti: il prurito, chiamato anche prurito (2), e la sgradevole preoccupazione per questi sottili film bianchi che cadono sulle tue spalle e danno un aspetto forfora. Scopriamo insieme i migliori shampoo per la psoriasi che pensiamo di avere e tutti gli altri consigli e informazioni necessari per combattere la psoriasi del cuoio capelluto.

    Quando la psoriasi è localizzata sul corpo, è possibile nascondere le macchie rosse e le gocce con i vestiti, ma in caso di psoriasi del cuoio capelluto, l'esercizio fisico è quasi impossibile, la forfora cade sulle spalle, macchia le vesti e rivelare il problema a tutti. Per non parlare del fatto che peli e prurito a volte causano la caduta dei capelli.

    Come trattare la psoriasi?

    Trattare la tua psoriasi ti consente di acquisire sia un conforto di vita che una maggiore fiducia nella società, e questo è del tutto possibile. La psoriasi è una malattia autoimmune cronica, in breve, va e viene, molto spesso a seconda del livello di stress, dei periodi nervosi che innescano attacchi. Può succedere una volta nella vita e poi scomparire quando è stato trattato. Le situazioni sono variabili, senza che sia possibile evocare alcuna regola. Vediamo insieme come trattare questa psoriasi nell'applicazione locale, puntualmente, tramite shampoo, nel tempo e senza cortisone.

    Abbiamo selezionato per te 5 shampoo per la psoriasi che abbiamo classificato in ordine di efficienza, con il nostro Shampoo dermatologico Pso Natura. Ti diamo anche alcuni consigli in caso di psoriasi del cuoio capelluto. Questi shampoo sono validi anche in caso di eczema del cuoio capelluto.

    Qual è lo shampoo più efficace per la psoriasi?

    1-11-2-PSO-cuoio capelluto

    Laboratoires Mascareignes – Shampoo dermatologico Pso Natura

    Ti stiamo raccontando del nostro soluzione naturale, lo shampoo per la psoriasi. In primo luogo, perché oggettivamente, è vero che non abbiamo trovato di meglio come trattamento efficace. Il fondatore dei nostri laboratori soffre di psoriasi. Ha avuto questo trattamento locale sviluppato con i suoi requisiti. I segreti della sua efficacia?

    Prima una formula ultra-concentrata. L'acqua, sai, non funziona contro la psoriasi. Quindi abbiamo sviluppato una formula SENZ'ACQUA, per concentrare un massimo di ingredienti attivi, inclusa una grande dose diOlio di procera di carapa, l'olio che usiamo esclusivamente per proprietà anti-infiammatorie e curative.

    risultati:

    – Egli aiuta a lenire il prurito la psoriasi in pochi giorni, dalla prima applicazione. Prima per alcune ore, poi tutto il giorno e tutta la notte.
    – Egli aiuta a eliminare il pelo biancastro e arrossamento in quindici giorni in media. Inizia con un trattamento quotidiano di shampoo e poi usalo di volta in volta, in manutenzione o in caso di riacutizzazione. Lavare i capelli ogni giorno per la durata del trattamento è importante in caso di psoriasi.

    Lo shampoo dermatologico Pso Natura combatte la psoriasi e, in questo caso, contro tutti i sintomi di questa malattia.

    Aiuta a lenire e purificare il cuoio capelluto e la pelle sensibile, senza seccare i capelli, al contrario, alcuni clienti ci dicono che questo shampoo ridurrebbe la caduta dei capelli. Con contro su questo punto, non saremo categorici, perché nei Labs, fintanto che non abbiamo uno studio clinico sull'argomento, stiamo attenti. Avanziamo certezze solo quando siamo sicuri del nostro fatto.

    Il 100% dei principi attivi di questo shampoo è NATURALE.

    L'efficacia di questo shampoo per psoriasi si basa sulla forza dei principi attivi vegetali naturali. L'ingrediente principale, l'olio di carapa procera ha importanti proprietà antinfiammatorie e curative. La sua ricchezza di antiossidanti, acidi grassi e omega 6 spiega anche la sua forza per aiutare nella rigenerazione e nella sanificazione del cuoio capelluto. Anche questo shampoo arricchito con vitamina E, per rafforzare le sue proprietà antinfiammatorio e cheratolitico.

    Lo shampoo dermatologico è un vero rimedio naturale per le condizioni squamose del cuoio capelluto senza parabeni, coloranti o profumo sintetico e senza EDTA. Grazie alla sua formulazione delicata, lo shampoo dermatologico può essere adatto anche in caso di psoriasi sui genitali. Anche le regole del commercio equo sono rispettate. Non è testato su animali.

    Molto delicato sui capelli, può anche essere usato come shampoo quotidiano, anche se si consiglia di variare gli shampoo in generale per evitare effetti di dipendenza. Preferisci l'uso di uno shampoo delicato. Ecco perché, ecco alcune altre alternative.

    Come alleviare il prurito del cuoio capelluto?

    shampoo di altre marche 1

    Shampoo anti-psoriasi TGel

    Questo shampoo è indicato per le persone che soffrono di forte prurito, formicolio e desquamazione dovuti alla psoriasi e alla dermatite atopica, nonché alle persone soggette a forfora.

    Per lo più va lenire il cuoio capelluto irritato. Fornisce una buona azione idratante per il cuoio capelluto secco, che è essenziale, ma insufficiente per la rimozione significativa di croste e peli.

    Neutrogena, è un marchio di cosmetici che offre numerosi trattamenti per il mantenimento, l'idratazione e la protezione della pelle e dei capelli. Il marchio ha una filosofia con cui lavorare dermatologi al fine di avere un supporto professionale sulla qualità dei suoi prodotti.

    T-Gel è stato uno dei leader nel mercato della psoriasi fino ad ora, ma ora è denigrato per la sua composizione. La sua composizione comprende l'acido di cocco, che è un acido grasso di cocco, usato per ammorbidire e rendere la pelle più morbida.

    Cosa hai bisogno di sapere: oltre a questa sostanza grassa, gli altri ingredienti sono quasi tutti sintetici e molti sono sospettati di essere interferenti endocrini come BHT, EDTA, PEG e diversi parabeni. Il catrame di carbone (0,5%) è presente in quantità molto ridotte (0,5), è stato riconosciuto come trattamento topico per la psoriasi da diversi anni ma sta iniziando a essere controverso.

    Inoltre, fai attenzione perché contiene T-Gel Fort solfato di sodio chi, come ricordiamo, può irritare la pelle.

    T-Gel Fort non è raccomandato per le donne in gravidanza e deve essere usato alternativamente con uno shampoo delicato.

    In conclusione, certamente relativamente efficace ma non dovrebbe essere abusato.

    Shampoo pruriginoso, ma poco pratico

    shampoo di altre marche 2

    Bioderma – Nodé K concentrato

    Nodé K concentrato ridurrà il bisogno di graffiare mentre fornisce levigatezza del cuoio capelluto e ridando forza ai capelli.

    Il laboratorio Bioderma vuole rispettare la pelle con una scelta di principi attivi puri, per una migliore efficienza e rispetto per ogni pelle, inclusa la pelle molto secca.

    Nodé K è un shampoo detergente che potrebbe accelerare l'eliminazione del pelo e ridurre il prurito in quanto contiene zantossi, che è un estratto di un albero dai tropici.

    L'olio di cade è un olio vegetale che ha proprietà curative utilizzate nel trattamento della psoriasi. Molti di voi potrebbero conoscere questo olio, spesso trasformato in catrame per una migliore efficacia contro la psoriasi, con il principale svantaggio del suo forte odore. Questo trattamento contiene anche sodio cethyl isethionate, che è una polvere di cocco utilizzata per rendere più morbidi gli shampoo e creare una schiuma. È formulato senza profumo.

    La nostra opinione : moderatamente efficace per il trattamento del pelo e specialmente : l'uso è laborioso, poiché richiede un tempo di esposizione di 20 minuti. E questo, per non parlare del fatto che, per avere un trattamento completo, devi prima usare la cura della pelle K Nodé che si presenta sotto forma di una crema, un unguento con un nuovo tempo di esposizione da 15 a 20 minuti.

    In bocca al lupo !

    Come idratare il cuoio capelluto?

    shampoo di altre marche 3

    Unico – Shampoo idratante

    Non vedrai indicazioni specifiche per la psoriasi, l'eczema o altri nomi per la pelle traballante. Questo è normale, questo shampoo non è specifico per le persone con psoriasi del cuoio capelluto, ma è destinato a un uso più ampio cute e capelli stanchi, secchi, irritati con pelle secca. In breve, il cuoio capelluto che necessita di idratazione, come nel caso del cuoio capelluto psoriasico.

    Il 42% degli ingredienti è certificato biologico e il 99% è di origine naturale. Unique è un marchio impegnato nell'ambiente: il 20% degli ingredienti proviene da risorse sostenibili, il 20% dal commercio equo e il 100% prodotto con energia eolica.

    Adoriamo questi shampoo psoriasi unici perché lo sono naturale e porterà conforto e sollievo per un cuoio capelluto irritato e sofferente. La pelle è idratata, proprio come le placche, che è essenziale per la cura del cuoio capelluto tra due trattamenti più dedicati alla psoriasi.

    Se è così morbido e piacevole, è perché, a differenza della maggior parte degli shampoo nel mercato di massa, non contiene sodio lauril solfato (SLS), un composto chimico altamente irritante. I tre ingredienti principali che forniranno i principali ingredienti attivi sono proteine ​​del latte, Aloe Vera e acqua floreale di mirtillo. Le proteine ​​del latte apportano forza ai capelli e lucentezza. L'aloe vera aiuta ad alleviare prurito e desquamazione, grazie al suo forte potere idratante e rigenerante. Acqua floreale di fiordaliso, antinfiammatoria, lenisce e riduce l'irritazione tonificando il cuoio capelluto.

    Uno degli shampoo essenziali per la psoriasi da tenere presente, ma di più per un uso extra.

    Puoi lavare i capelli ogni giorno quando hai la psoriasi?

    shampoo di altre marche 4

    Elsève de L’Oréal – Shampoo per cute sensibile

    Cerchiamo di essere chiari: questo shampoo non è una cura per la psoriasi del cuoio capelluto. Tuttavia, si è riscontrato che la maggior parte delle persone con questa condizione sviluppa anche una maggiore sensibilità del cuoio capelluto e reagisce a molti shampoo con prurito o persino alla comparsa di placche di psoriasi.

    Il fondatore dei nostri Laboratori, a sua volta affetto da psoriasi, ha cercato a lungo in para-farmacie o ipermercati, uno shampoo che rispetti il ​​suo cuoio capelluto e abbastanza delicato per uno shampoo quotidiano. Shampoo per la psoriasi di tutti i giorni? Sì, è noto per molte persone che lo shampoo ogni giorno aiuta a pulire meglio il cuoio capelluto.

    Alla fine è lo shampoo giallo Elvesve che si adatta meglio a lui. Gli altri colori provocano reazioni in lei. Se, da parte tua, soffri di questa ipersensibilità del cuoio capelluto, non esitare a commentare questo articolo e informare su shampoo lievi che non attaccano il cuoio capelluto.

    Come alleviare la psoriasi del cuoio capelluto

    • Il cuoio capelluto reagisce male al clima eccessivamente caldo: l'acqua nella doccia deve essere tiepida, l'asciugacapelli adeguatamente regolato o la psoriasi peggiorerà.
    • Il calore secco di una casa non fa bene alla pelle. Valuta di mettere una ciotola d'acqua nella stanza e abbassa un po 'il termostato.
    • Grandi differenze di temperatura in generale: il passaggio da una stanza climatizzata a una calda, ad esempio, peggiora la psoriasi.
    • Prenditi cura del tuo cranio e massaggialo regolarmente. Smetti di districare i capelli eccessivamente brutali con la spazzola o un pettine aggravante con denti aggressivi.
    • Fai attenzione ai panini troppo stretti. Molto morbido, molto morbido! Prenditi cura della pelle.
    • Puoi massaggiare il cranio con oli vegetali o aloe vera con la punta delle dita. Da un lato, il massaggio stimolerà la microcircolazione del sangue, dall'altro limiterai la secchezza cutanea. Non il prurito però.
    • Prurito: possiamo dirti di non graffiare, lo farai comunque, è irresistibile quando prude. D'altra parte, fallo con la punta delle dita, non con le unghie per evitare sanguinamenti e infezioni secondarie! O, di notte, indossa guanti di cotone.
    • In caso di psoriasi del cuoio capelluto, lavare i capelli ogni giorno con shampoo allevia il prurito e dona una sensazione di freschezza. Per essere in grado di usare uno shampoo ogni giorno, passa a shampoo delicati adatti a cute sensibile e fragile.

    Scopri il nostro articolo Psoriasi e cura dei capelli, il nostro consiglio.

    Rimedi naturali per la psoriasi del cuoio capelluto

    Oli vegetali per lenire la psoriasi del cuoio capelluto

    Per la psoriasi, oltre agli shampoo, citiamo gli oli vegetali con proprietà curative, antinfiammatorie e / o rigeneranti:

    • Olio di cocco puro (2) da utilizzare come maschera prima dello shampoo. Aiuterà l'epidermide a rilassarsi, ammorbidire e idratare le squame e rigenerare la pelle. Ideale per problemi di pelle.
    • Olio di mandorle dolci, olio di moringa, olio di calendula e io'olio d'oliva, olio di borragine, olio di jojoba può anche essere usato.

    Il nostro consiglio: metti alcune gocce di olio vegetale sul cuoio capelluto, massaggia un po ', lascia agire qualche minuto e poi applica il tuo shampoo.

    Puoi anche prendere in considerazione l'idea di creare una maschera per capelli per la notte, avvolgendola in un asciugamano. Questi oli sono anche molto utili in caso di psoriasi sulle parti del corpo, quindi vengono regolarmente utilizzati nella formulazione di gel doccia e saponi contro la psoriasi.

    Oli essenziali contro la psoriasi

    psoriasi del cuoio capelluto idratazione oli essenziali

    Per la psoriasi, sceglieremo oli essenziali in base alle loro proprietà antibatteriche, antisettiche, antinfiammatorie e / o lenitive (3).

    Citeremo l'olio essenziale di tea tree, camomilla, camomilla romana, timo, palmarosa, timo, geranio, olio essenziale di lavanda o persino achillea.

    Ci siamo davvero nella ricetta della nonna, ma non dimenticarlo gli olii essenziali non hanno potere idratante o nutriente.

    Il nostro consiglio: questi oli devono essere combinati con un olio vegetale. Attenzione alle miscele e al dosaggio. Gli olii essenziali usati male possono essere pericolosi e portare a forti allergie nel tempo. Ricorda di collegare un nuovo rossore localizzato all'applicazione di un olio essenziale, anche un mese dopo l'applicazione, gli oli essenziali devono essere applicati con cura. Alcuni possono essere assunti per via orale, ma consultare un medico o un farmacista prima dell'uso.

    Bicarbonato di sodio, un bene anti-psoriasi

    Ancora una volta, un buon vecchio rimedio per la nonna e una semplice ricetta: 2 cucchiaini di bicarbonato di sodio, un po 'd'acqua, un po' di olio vegetale, per fare una pasta.

    Applicare con la punta delle dita, con movimenti circolari, lasciare in posa alcuni minuti e risciacquare.

    Attenzione, qui è in genere un prodotto a doppia sfaccettatura. Da un lato ha proprietà anti-psoriasichedall'altro, può capelli asciutti e asciutti. Ricorda di nutrire le punte dei capelli dopo il trattamento.

    Conclusione

    In conclusione, ci sono quindi buoni shampoo per combattere la psoriasi e il prurito, ma fai attenzione alla loro composizione o consulta un dermatologo.

    Generalmente, una persona che soffre di psoriasi del cuoio capelluto dovrà lavarsi i capelli molto frequentemente o anche quotidianamente per limitare la ricrescita. Dovrà usare uno shampoo dedicato alla lotta contro la psoriasi in una crisi e trovare anche uno shampoo delicato, idratante, ma non necessariamente trattato nel frattempo.

    I rimedi della nonna che menzioniamo possono essere utilizzati in aggiunta, per agire ancora meglio contro la psoriasi. Buona cura!

    fonti:

    (1) Francia Psoriasi
    (2) Passaporto sanitario, olio di cocco
    (3) Top Health, oli essenziali