CREMA TRATTAMENTO PSORIASI OFFERTA -50% !

Home Blog Page 297

Psorilax:Recupera |crema per psoriasi al catrame di carboneenza cortisone

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, quanto costa

What could be causing the bumps, pimples or blister on buttocks, are this bumps common? For most people, it is not uncommon for them to develop this painful bumps. In most cases, these bumps can be as a result of:

  • Wearing tight clothing,
  • dirt from sweating on the area around the buttocks and sometimes
  • friction from exercises such as cycling and sitting
  • Infections, allergic reactions, and skin conditions.

In this article, we explore some of the possible causes of a blister on bum crack, how these bumps appear, treatment and how to relieve and get rid of bumps and blister on buttocks and other parts of the body.

Itchy bumps in buttock crack

painful bumps on buttocks

painful bumps on buttocks
source: Pixabay

Itchy bumps in buttock crack or blister on buttocks appear in toddlers, adult females, and males. This is as a result of many reasons, including jock itch.

Heat rash, fungal infection and skin conditions like eczema or psoriasis. These conditions have been already discussed in this article.

It is hard to deal with an itchy bump in the butt crack if you don’t know the cause. That is why you need a doctor to diagnose the problem.

1. Shingles on butt crack

This infection is caused by varicella-zoster-virus. The virus tends to live in the nervous system. Shingles can also be referred to as herpes zoster. The symptoms of this viral infection include a red painful skin rash with burning feeling

You will be at risk to suffer from shingles if:

  • You have a weakened immune system, including HIV, AIDS or Cancer patients
  • Taking medications that weaken your immune system such as steroids or drugs are given after organ transplant
  • You are 60 or older
  • You have had a treatment for cancer such chemotherapy or radiation

Medication can be provided to ease the symptoms and reduce the length of infection. Oral antiviral medication such as acyclovir and Valacyclovir are used to ease the symptoms.

RECOMMENDED:

  1. How to get rid of bumps on back of arm
  2. 15 causes of anal itching and how to relieve it at home
  3. How to get rid of lump on inner thighs and groin
  4. Causes and treatment for hard bumps on face

2. Miliaria

Miliaria is also known as heat rash. It normally occurs when your sweat ducts become blocked because of humidity and heat.

It can be characterized by the appearance of a red rash that comprises of small bumps. The itching accompanying the rash on buttocks and butt crack is because of the sweat that is present below the skin and may range from mild annoyance to extreme discomfort.

3. Hives rash

This condition is also known as urticaria and it is characterized by skin rash on the affected area. Usually, you will notice an itchy skin that appears as raised bump either pale or red. Hives are triggered by an allergic reaction.

Other names used to refer to hives include welts, nettle rash, wheel or heat rash.

This condition can be acute or chronic depending on its severity. The common symptoms of hives include:

  • skin redness
  • itching,
  • raised blister on buttocks and other parts of the body

You should seek urgent medical attention if you experience life-threatening symptoms. Drugs such as hydroxyzine, fexofenadine and cetirizine are commonly used to cure hives rash on buttocks.

4. Fungal infections

There exist a large number of fungi that may produce the rash in the butt crack. In some cases, the rash may be accompanied with an itchy blister on buttocks, on inner thighs and around the groin area.

Fungal infections may occur for varied reasons, but immediately the infection takes place, the end result will be the emergence of a red, circular rash in the butt crack

You can treat a fungal infection by using antifungal powders, creams, or sprays.

Sore on upper bum crack

A sore bump or blister on bum crack can be painful and discomforting to have. Sore bumps on bum crack are in most cases likely to be a pilonidal cyst. Pilonidal cysts are sacs filled with hair and skin debris that form at the top of the crease of buttocks.

A sore on upper bum crack is most probably a pilonidal cyst that may become infected and require specific treatment. You may experience this situation when your hair punctures your skin and enters it. When the cyst gets infected, it leads to an abscess which is usually painful.

Symptoms

How do you know that the sore on upper bum crack is as a result of a pilonidal cyst? A pilonidal cyst is characterized by redness of the skin, pain over your lower spine, fever, discharge of blood or pus and localized swelling.

Causes on upper bum crack

Most common cause of pilonidal cysts is loose hairs that penetrate the skin- the hair is forced down into the skin through friction and pressure. Responding to the hair as a foreign substance creates cyst around the hair.

How to treat pilonidal cyst

Phenol injection– this type of treatment involves a doctor injecting a local anesthetic, phenol. This chemical compound is used as an antiseptic into the cyst. For this to be effective, it will need to be repeated several times. It will cause the lesion to harden and close.

blister on buttocks

pilonidal cyst on bum crack

Lancing- Before this procedure, a doctor will administer a local anesthetic. A scalpel will then be used to open the abscess so that it will clean away hair, blood, and pus from inside the abscess.

Surgery– your doctor will recommend a surgical procedure.

  • You will be given local anesthetic
  • The surgeon will open the lesions and remove all the pus and debris.

After the procedure, the surgeon will stitch the wounds closed to ensure that it heals from inside

Fungal rash on buttocks

A fungal infection on buttocks is a very common infection among people. This condition affects people regardless of age and gender. A fungal rush will most likely be accompanied by symptoms such as severe itching, a painful and annoying rash and rare cases painful blister on buttocks and on the inner thighs.

Fungal rash on buttocks occurs uniformly on both buttock cheeks. These rashes can occur to people who use skin care products that irritate the skin, those in long-term use of antibiotics, diabetic and those with obesity among others.

There are several types of fungal infections that can affect your buttocks, these include; ringworm, jock itch, and yeast infection. Here are common causes of fungal rash on buttocks, how to care and prevent this condition.

Jock itch skin rash

Jock itch can affect your inner thighs and buttocks or even the skin of your genital area. It is common in warm, wet climates. It is as ringworm infection and causes ring-shaped skin rashes. Jock itch affects the outer layers of the buttocks and it is characterized by the following symptoms:

  • Flaking, peeling, or cracking skin
  • A circular, red, raised rash with elevated edges
  • Itching and reddening in the affected area.
  • Pain and burning sensation in the affected area causing difficulties in sitting

Causes

Jock itch is a type of fungal infection that is spread from one person to another through contact with infected surfaces, these include towels and clothing.

Treatment

Jock itch is not a serious infection for someone healthy. This condition can be treated using over-the-counter topical antifungal medicines.

You can also use home remedies to treat this condition, some of which include;

1. Treating blister on buttocks with Vinegar

Vinegar helps alkalize the body. To ensure you balance out the pH present in the diapers, vinegar plays that role perfectly.

  • If using cloth diapers, or reusable diapers, ensure you rinse the diapers in a solution containing vinegar
  • You can add half a cup of vinegar to half a bucket of water and then use it to rinse the diapers. It will help in eliminating any soap buildup present in the diapers and also eliminate the urine smell
  • You can also make a weak vinegar solution by adding a single teaspoon of white vinegar to a single cup of water. The weak vinegar solution should then be used to wipe the baby’s bottom whenever you want to change the diaper.
  • The solution though simple will ensure that the baby’s bottom is resistant to yeast

2. Baking soda for small blisters on buttocks

Baking soda has healing properties and will, therefore, be effective for treating fungal rash on buttocks

  • Take two teaspoons of baking soda and dissolve them into four cups of water. Use the baking soda solution to wipe the area with the rashes. Once this is done, you can then use a dry washcloth to pat this area lightly
  • You could also add two teaspoons of baking soda to a bathtub filled with warm water. Use the water to take a bath.
  • It is recommended that you bath use baking soda at least three times each day, and remember to pat the area dry once you have taken the bath

3. Treating infected blisters with Coconut Oil

Coconut has antibacterial, antifungal, and antimicrobial properties that easily treat any fungal infection. The following is how you use coconut oil on the affected area:

  • The coconut oil works perfectly as any other moisturizer. You will need to apply the coconut oil on the buttock areas that have been affected by the rash
  • You may also choose to add several teaspoons of this oil to your bath water for increased benefits. When you do this, it helps in killing yeast such as candida, which can also cause rashes in adults.

Ringworm fungal infection

This infection affects both children and adults. Ringworm is as a result of parasitic microorganisms that live on the outer part of the skin. This infection is characterized by a circular rash on the buttocks, they have a raised border.

If left alone, ringworm may clear on its own. You can also use several over the counter topical medicines to treat this condition

You can consider doctor’s prescription if the infection spreads over a larger area. You can also use home remedies to treat this condition.

Yeast infection rash on buttocks

Yeast infections are caused by the overgrowth of the Candida Albicans fungus within the body.  This infection can affect the areas where there are folds of skin. Babies can also develop this infection (characterized by a red rash) from a diaper that tends to provide an ideal environment.

People with weakened immune system may also develop this condition. in such cases, a yeast infection is often characterized by an itchy rash, inflammation, and development of itchy painful bumps and in severe cases, infected persons may develop painful blood filled blister on buttocks, on inner thighs and around the groin area.

Treatment

Diaper rash on babies can be easily managed at home; this is done by keeping the baby’s bottom clean and dry and avoids using diapers that are too tight.

Apply topical cream or lotion on the affected area- you should ensure that the skin is dry and clean.

You can also try home remedies to get rid of yeast infections, these include;

4. Oatmeal

Oatmeal contains anti-irritating, anti-inflammatory and soothing properties that help heal irritated, inflamed and itchy skin. The following is the procedure on how to use oatmeal to heal fungal rash;

  • Mix 1 to 2 cups of colloidal oatmeal or unprocessed oat flour in a bathtub filled with lukewarm water.
  • Soak in this water for about 15 to 20 minutes.
  • You can take an oatmeal bath 1 or 2 times a day.

5. Garlic

Garlic has antibacterial, antifungal and antiseptic properties that help to treat any fungal rashes.

  • You can rub a piece of peeled garlic on the affected area.
  • Another option is to boil 2 crushed garlic cloves in a ½ cup of milk. Drink it on an empty stomach for a week.

6. Yogurt

For treating fungal infection you can use yogurt. Not all types of yogurt will be beneficial though, you should, therefore, ensure the yogurt has no sugar in it. The following is how you use yogurt to heal fungal rush:

  • Rub some plain yogurt on the affected skin. Let it sit for at least 20 to 30 minutes, or preferably overnight. Then rinse it off with warm water and dry the area thoroughly.
  • Also, take 2 to 3 cups of plain yogurt daily.

Rash between buttocks cheeks

Rash between buttock can be said to be the main cause of painful blisters on buttocks. Buttocks region is a part of your body prone to developing rashes. The rash is a symptom that causes the affected area of skin to turn red and blotchy.

This condition could be because of exposure to poor hygiene like sharing public restrooms. Rashes are a clear indication of underlying health issue.

Rash between buttock cheeks causing a painful blister on buttocks can be caused by any of the following conditions.

Allergic reactions or inflammatory causes

Contact dermatitis (skin inflammation) is caused by an adverse reaction to something that touches the detergent, soap or a fragrance. You may develop a rash on your buttock when you wear pants or underwear that is washed with a particular detergent or treated with a chemical.

Infectious causes of buttock rash

A rash can be as a result of skin conditions such as eczema, psoriasis, and impetigo. Some of these chronic conditions occur due to autoimmune disorders that occur when a body is attacked by its own immune system.

For instance, psoriasis is a chronic, non-contagious skin condition caused by overproduction of skin cells and loves showing up at lower back and crack. It can be treated with prescription steroid creams.

Eczema is the condition as a result of trapped heat and sweat between your skin and the synthetic material, triggering this itchy, red skin condition. This condition can be treated by applying moisturizer or an over the counter hydrocortisone cream.

Diaper rash: this condition affects infants and toddlers; it causes redness and itching between the buttocks, skin fold between buttocks are warm and moist and this makes it a perfect environment for germs to grow. Changing your baby’s diaper frequently can help prevent this condition from developing.

Allergic purpura is a serious, often life-threatening allergic reaction that can cause a skin rash but can also affect the joints, gastrointestinal tract, and kidneys.

Itchy bumps on buttocks crack

Just noticed some itchy bumps on your buttocks? The painful bumps or blister on buttocks can more likely to be caused by a bacterial or a fungal infection.  Bacteria and fungi feed on dead cells and the debris and for this reason infect a clogged pore. They may infect the follicle through an abrasion after you scratch the itchy bump.

This condition can be very embarrassing and could be as a result of several causes including; allergic reactions, skin conditions, infections among others. The following is an insight of some of the reasons you may experience itchy bumps on your buttocks:

They may infect the follicle through an abrasion after you scratch the itchy bump. This condition can be very embarrassing and could be as a result of several causes including; allergic reactions, skin conditions, infections among others. The following is an insight of some of the reasons you may experience itchy bumps on your buttocks:

There are some common infecting organisms that might be because of itching:

Staphylococcus aureus: it is the most common skin bacteria, and it’s also a frequent reason of folliculitis. Pseudomonas aeruginosin, on the other hand, is a less common infecting bacterium.

It is usually picked up in a contaminated, under-chlorinated swimming pools and spas. With this type of infection, there are normally multiple red bumps on buttocks, back and other areas that darken as they heal.

Pityrosporum ovule is common skin yeast, can infect hair follicles and lead to folliculitis, though they happen more commonly on the upper chest and back than on the buttocks.

Candida is skin yeast, which leads to a skin rash or a pimple if it infects the follicle.

These infectious organisms may pass from one person to another.

Causes of itchy bumps on buttocks

What causes water blisters on buttocks? There is an array of causes that might be causing you the bumps or the painful blister on buttocks. The symptoms in terms of how severe itching or pain is will depend on what the underlying cause of the blisters is.

Some causes might be mild and clear on their own without any medical treatment. For some causes, due to their infectious nature, urgent treatment to limit its spread is highly recommended. Some of the common cause of blister on buttocks might include the following.

  1. Bug bites: this is characterized by the red bumpy area around the affected area. These bumps are normally very sensitive but could be easily treated using hydrocortisone cream.
  2. Lice: Head lice are tiny insects that infest the hair and scalp causing itching around the affected area.
  3. Pilonidal cysts: these cysts form under the skin at the tailbone, and usually contain skin debris and hair.
  4. Chickenpox: this condition leads to red, itchy blisters especially at the back.
  5. Allergic reaction: allergic reaction causes an itchy red rash. The rash may consist of raised, red bumps that ooze or crust.
  6. Psoriasis: this skin disease causes scaly, itchy, red patches to appear on buttocks. It can also affect any area of the body.
  7. Eczema: it is a common cause of skin rash especially in children. It leads to redness, bumps, swelling, and itchiness.

Picture of Sores on buttocks

What do sores on buttock look like? Usually, they appear as small raised bumps on the skin. Here are pictures and photos of how sores and blister on buttocks look looks like.

sores on baby buttocks

sores on baby buttocks

blisters on buttocks

sores on buttocks

Blister on upper buttock treatment

You can treat a blister on buttocks using home remedies and over-the-counter medicines. Sometimes you may need a combination of treatments or to be treated by a doctor. The following is an insight on some of the most effective remedies for getting rid of blisters;

1. Over- the- counter medicines

You can use the topical antibiotic such as Neosporin or Bacitracin if the blisters show any signs of infection. Take the prescribed antibiotics for the number of days that are prescribed.

Get a steroid injection

This is an effective treatment for large blisters. Steroid injections reduce the size and pain in the blister in less than one day

2. Comfrey

This herbal treatment is rich in medicinal properties that can help in regeneration of the tissues. It can also help reduce pain inflammation. The following is the procedure on how to apply comfrey:

  • Mix equal amounts of powdered comfrey leaves and slippery elm.
  • Add a little water to make a paste.
  • Apply it on the blister and cover it with a bandage.
  • Leave it on overnight.
  • The next morning, clean the affected area with saline water.
  • Repeat this procedure daily.

3. Goldenseal

Herbal goldenseal is recommended to get rid of blisters since it provides a soothing effect and helps reduce pain and inflammation. Its antiseptic properties also help in preventing further infections. The following is how to apply goldenseal:

  • Prepare a cup of herbal tea by mixing 1 teaspoon of goldenseal powder with 1 cup of hot water. Strain and allow it to cool.
  • Use the tea to clean the affected area 2 times daily. This will help dry up the bed sores quickly.

Alternatively,

  • Prepare a mixture with 1 teaspoon goldenseal powder and the oil of a few vitamin E capsules.
  • Apply it to the affected area 3 times a day.

4. Zinc

Zinc is an essential mineral essential for regular cell growth and regeneration. It also supports the immune system and promotes healing of the affected area by repairing damaged skin tissues. The following is how you increase zinc levels in the body;

  • Take zinc in supplement form to help the blisters heal. Be sure to consult a doctor first.
  • You can apply a zinc ointment on the blisters, after consulting a doctor.
  • You can also include zinc-based foods like oysters, wheat germ, spinach, pumpkin, nuts, and mushrooms in your diet.

5. Warm compress

Warm compressing will help you reduce inflammation and increases circulation, this way the blisters will reduce and after a while, they will be all gone. The following is how you warm press;

  • Soak clean cotton swab in warm water
  • Place it on the blister and hold it for a while
  • If the cloth cools, repeat the procedure once again

How to manage; get rid of blister on buttocks at home

How do you get rid of a blister? There are some simple and natural ways you can manage and relieve some of the symptoms associated with a blister on buttocks. Though this home remedies might help relieve the symptoms, the best way would be to treat the underlying cause of the blisters. This way, you are able to not only get rid of the blisters but also prevent them from recurring or spreading to other parts of the body.

To manage and get rid of a blister on buttocks, you can try the following remedies. (Seek medical assistance if the blisters become too painful, too large, or start to spread to other parts of the body)

1. Aloe Vera

Aloe Vera is a natural soothing agent which cures the blister on buttocks easily. It keeps affected skin moisturized and thus it reduces inflammation and heals effectively. The following is the procedure on how to apply aloe Vera:

  • Cut open an aloe Vera leaf and extract the gel.
  • Apply this gel on the affected area and rub gently for a few minutes.
  • Allow it to dry on its own, then wipe it off with a clean cloth.
  • Repeat this 3 times a day.

You can also use aloe Vera cream or ointment to help promote healing.

2. Coconut oil

Coconut has natural disinfectant properties. It contains capric acid and lauric acid which is naturally anti-microbial. It kills bacteria and neutralizes any inflammations. This makes it an ideal remedy for getting rid of blisters.

3. Tea tree oil

Tea tree oil is a natural disinfectant and anti-bacterial properties that act as an antiseptic. It helps fight the bacteria that cause blisters. The following is the procedure on how to apply this oil:

  • Take a cotton ball and soak in warm water
  • Add several drops of tea tree oil on it
  • Rub the cotton ball gently on the affected area
  • You should do this frequently before you go to sleep- this way the oil can absorb overnight

4. Turmeric

Turmeric contains anti-inflammatory, antiseptic and antioxidant properties that help your body deal with the infection. Turmeric accelerates the healing process of the blisters. The following is the procedure on how to apply turmeric effectively:

  • Clean the affected area with sterile water or a saline solution.
  • Sprinkle enough turmeric powder to cover the blisters.
  • Cover the area with a clean bandage.
  • Repeat 3 times daily for quick healing.
  • You can also drink warm turmeric milk 2 times daily.

5. Honey

Honey is used to soothe the skin where the blisters affect. This is because it contains natural antiseptic properties. The following is how to use honey to cure blisters:

  • Prepare a thick mixture with equal amounts of honey and sugar. Apply this mixture to the affected body area and cover it with a clean bandage. Follow this treatment once daily.

Alternatively,

  • You can spread honey over a large banana leaf. Lie down on this banana leaf for a few hours. Repeat that procedure daily until blisters are fully recovered.

6. Use oatmeal scrub

Oatmeal is widely used to get rid of blisters that show up on buttocks. It can be used as a mask and for exfoliation to rejuvenate skin. The following is how you apply oatmeal scrub:

  • Add warm water to uncooked oatmeal- just to make it damp
  • Apply this onto your bum
  • Use your fingers or soft washcloth to smooth it over your buttocks
  • Rub gently in circular motions
  • Rinse of warm water and pat dry

7. Garlic

Garlic works as an antibacterial and antifungal agent; this makes it an effective remedy for blisters on your buttocks. This is how to apply garlic;

  • You will need to take a clove of garlic, peel the outer skin and crush it to paste.
  • Apply the paste on the affected area of your buttocks.
  • Rinse it off after around 30 minutes.
  • Do this process three to four times a week for best results.

8. Baking soda

Did you ever think that baking soda is useful for the removal of blisters?  Actually, baking soda is one of the most effective remedies to get rid of blisters on your buttocks. The following is the procedure on how you use baking soda:

  • Prepare a thick paste out of the baking soda and water.
  • Keep this paste on the pimple and lie down on your belly.
  • Hold it for about 10 to 15 minutes and then rinse off.
  • This remedy cleans and treats the blisters after a couple of days.

9. Neem oil

This oil is considered a remedy for all kinds of skin infections. This is because this oil contains antifungal and antiseptic properties that help in curing blisters on the buttocks. You should apply this oil directly on the blisters for around 5 or 6 times in a day for fast recovery.

Topic references:

  1. Itchy skin on buttocks: http://www.livestrong.com/article/299590-itchy-skin-on-the-buttocks/
  2. Sore on upper bum crack: http://www.enkivillage.org/sore-at-top-of-butt-crack.html
  3. Fungal rash on buttocks: http://www.webmd.com/skin-problems-and-treatments/guide/fungal-infections-skin#1
  4. Rash between buttock cheeks: http://www.healthmeds.org/skin/rash-on-buttocks-itchy-butt-crack/

Psorilax:prezzo |crema coprente per psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, ingredienti

La migliore dieta per chi soffre di psoriasi

Una dieta adeguata è spesso raccomandata per aiutare i malati di psoriasi con le loro condizioni della pelle.

Mangiare bene controllerebbe l'impatto della psoriasi, ridurrebbe l'area della lesione e migliorerebbe la qualità della vita.

La psoriasi è una malattia autoimmune della pelle che colpisce il ciclo vitale delle cellule epidermiche (che si rinnova troppo rapidamente: in 4-6 giorni invece di 21 di solito). È una condizione della pelle comune, non contagiosa, che colpisce più di 130 milioni di persone sul nostro pianeta, ma nessun rimedio può curare completamente.

La psoriasi provoca l'accumulo rapido delle cellule sulla superficie della pelle. Questo accumulo forma strati di film argenteo che ricordano piccole squame, chiamati peli, così come aree rosse (ma non tutti sviluppano queste macchie rosse) o piccoli brufoli dalla punta bianca (nel caso psoriasico chiamato “in caduta”).

Questi peli di peli rossi e rossi sono asciutti. Queste lesioni spesso causano prurito e talvolta sono dolorose. Sono innocui, ma hanno lo svantaggio di rovinare l'estetica dei pazienti.

Si evolvono in modo casuale, con periodi di ricadute seguite da remissioni (le scale e le placche scompaiono, parzialmente o quasi completamente a seconda dell'individuo).

Per alcuni, la psoriasi è un semplice fastidio. Per altri, è disabilitante, specialmente per coloro che hanno anche l'artrite. Non esiste una cura per guarire completamente e definitivamente, ma ci sono alcuni trattamenti e una dieta adeguata che possono offrire un significativo sollievo ai malati di psoriasi.

Ma prima di iniziare, potresti invitare i tuoi follower su Twitter a partecipare a questa mega discussione. Per farlo, accedi semplicemente al tuo account Twitter, quindi fai clic sulla barra speciale in basso, niente di più …

☀️ La migliore dieta per chi soffre di psoriasi – Una guida completa per una vita migliore … Clicca per Tweet

Grazie per averlo fatto!

Migliori trattamenti e dieta per chi soffre di psoriasi


Le misure da integrare nello stile di vita del paziente possono migliorare i sintomi di questa malattia cronica: utilizzo di una crema al cortisone venduta senza prescrizione medica, come “Cortizone.10“Ed esporre la pelle a piccole quantità di luce solare, evitare di essere stressati e di alcuni alimenti (ma il carattere del cibo non è scientificamente provato, si tratta di semplici osservazioni fatte da alcuni pazienti).

Ricordiamo che una malattia autoimmune è spiegata da un'attività esagerata del sistema immunitario contro sostanze / tessuti la cui presenza nell'organo è generalmente accettata.

La causa delle malattie autoimmuni non è ancora ben nota, ma gli esperti sostengono una combinazione di molteplici fattori: predisposizione genetica (nel 30% dei pazienti), innescata da infezione, presenza di una sostanza chimica o di un prodotto alimentare scarsamente tollerata dall'organismo.

Ci sono alcuni alimenti che dovresti preferire e alcuni da mangiare con moderazione per alleviare i sintomi della psoriasi (senza pretendere di guarire).

Una dieta dimagrante può aiutare chi soffre di psoriasi


Prima di iniziare, tieni presente che quando sei in sovrappeso o obeso, perdita di peso può essere utile nel controllo delle lesioni psoriasiche.

Tuttavia, anche se molti malati di psoriasi scoprono che una certa dieta può aiutare a purificare la pelle o che alcuni alimenti peggiorano le condizioni del derma, sappi che nessuno studio scientifico ha ancora stabilito saldamente un legame tra l'alimentazione e questa dermatosi cronica.

Non esiste quindi una “dieta miracolosa per la psoriasi”, in senso stretto per curare questa malattia. Tuttavia, le persone che soffrono di questo disturbo dovrebbero provare una dieta riequilibrante per perdere peso se sono in sovrappeso.

In effetti, gli specialisti in questa condizione sanno che le persone obese hanno un rischio maggiore di sviluppare questa dermatosi cronica e che perdere peso può aiutare a migliorare i suoi sintomi.

Raggiungere un peso sano e mangiare in generale più sani sono gli obiettivi principali quando dietologi e nutrizionisti lavorano con pazienti che soffrono di questa condizione.

È una malattia infiammatoria e questi specialisti sanno che la perdita di peso può ridurre il livello della proteina C-reattiva (CRP), che è una proteina prodotta dall'organismo in risposta all'infiammazione. Aumentare il livello di attività fisica e dimagrimento può aiutare a ridurre il livello di CRP.

Alimenti dietetici su cui concentrarsi per aiutare chi soffre di psoriasi


1 – Prova la “Piramide dei guaritori dell'alimento”

L'immagine a sinistra riassume cosa consumare secondo il principio di questa piramide.

Scegli alimenti che contengono antiossidanti (come frutta, verdura, cereali integrali, fagioli, ecc.) Che possono ridurre l'infiammazione.

Alcuni pazienti psoriasici affermano di aver notevolmente ridotto le remissioni da quando hanno iniziato a seguire una dieta povera di proteine ​​e grassi cattivi, concentrandosi su cibi vegetariani e acqua.

Questa dieta speciale si chiama “Piramide degli alimenti curativi“.

È stato progettato dalla Integrative Medicine Clinic dell'Università del Michigan (USA) nel 2005.

Ecco i punti salienti di questa dieta specifica:

  • acqua: 2-3 litri (4-6 pinte) al giorno.
  • Frutta e verdura: 4 porzioni di frutta e 8 porzioni di verdura al giorno.
  • carboidrati (cereali, cereali integrali, cibi ricchi di amido, ecc.): da 4 a 11 porzioni al giorno (principalmente cereali integrali).
  • Legumi tra cui la soia: Da 2 a 5 porzioni / giorno.
  • Grassi buoni: Da 3 a 9 porzioni / giorno.
  • condimenti: una varietà di spezie, erbe (incluso aglio) ogni giorno.
  • Latticini: 1-3 porzioni al giorno, principalmente latte scremato.
  • Uova: Solo 1 al giorno al massimo, ad eccezione delle persone che hanno già il colesterolo alto e che devono limitare il consumo di colesterolo alimentare (in questo caso 1 o 2 uova alla settimana al massimo).
  • Pesce e frutti di mare: Da 2 a 4 porzioni a settimana, prendere integratori di acidi grassi omega-3 pure.
  • Carni magre: 1-3 porzioni a settimana.
  • alcool: 1 drink massimo al giorno.
  • Cioccolato fondente: fino a 200 g a settimana.
  • : Da 2 a 4 tazze (25 cl / 8,4 US fluidi US) al giorno.
  • caffè: anche da 2 a 4 tazze (25 cl / 8,4 US fluidi US) al giorno

Adottare la dieta raccomandata come visto nella piramide dei guaritori alimentari può alleviare i sintomi della psoriasi in alcuni pazienti

Anche se non puoi apportare tutte le modifiche, fai piccoli aggiustamenti (mangia più verdure, sostituisci il pane bianco e il riso bianco con cereali integrali, elimina i cibi trasformati) per migliorare la tua salute e alleviare i sintomi di questa malattia infiammatoria. Falli al tuo ritmo e concentrati su scelte alimentari positive.

2 – Frutta e verdura

Anche se non segui la dieta specifica sopra elencata, i malati di psoriasi dovrebbero mangiare da 2 a 4 porzioni di frutta e un minimo di 5 porzioni di verdura ogni giorno.

frutta e verdura colorate come dieta per chi soffre di psoriasi
Frutta e verdura colorate come dieta per chi soffre di psoriasi!

Frutta e verdura sono piene di antiossidanti che aiutano a controllare l'infiammazione in modo naturale. Gli esperti consigliano spesso ai pazienti di selezionare una varietà di frutta e verdura profondamente colorate quando vogliono scegliere alimenti ad alto contenuto di antiossidanti.

Alcuni esempi sono peperoncino, ananas, spinaci, lamponi, mirtilli, carote. È meglio trovare antiossidanti negli alimenti, piuttosto che come integratori. Ciò ti consente di ottenere tutti i benefici disponibili in questo frutto, non solo ciò che è stato estratto e confezionato in una pillola.

Cos'è una porzione? In poche parole, ricorda che una porzione di frutta è una mela, un'arancia, una banana media, 110 g / 4 oz di bacche, 80 g / 3 oz di verdure cotte o crude.

3 – Grani

Mangia da 4 a 11 porzioni di grano al giorno, preferibilmente pane integrale, cereali e pasta integrale, farina d'avena, riso integrale.

I cereali integrali contengono una varietà di antiossidanti che combattono l'infiammazione. Sono anche ricchi di fibre alimentari, che sono associate a un livello inferiore di infiammazione.

Cos'è una porzione? Esempi semplici sono una fetta di pane integrale, 50 g / 1,8 once di pasta cotta, 25 g / 0,88 once di cereali, 70 g / 2,5 once di riso cotto.

4 – Fagioli e lenticchie

Mangia da 1 a 3 porzioni di lenticchie, fagioli, arachidi o piselli al giorno. Questi alimenti sono eccellenti fonti di proteine ​​vegetali e contengono molti antiossidanti e fibre.

Una porzione di lenticchie o fagioli cotti pesa circa 100 grammi.

5 – Soia

Mangia 1 o 2 porzioni di latte di soia, edamame, tofu e noci di soia ogni giorno.

Perché questo tipo di cibo sarebbe una dieta utile per chi soffre di psoriasi? Vari studi hanno mostrato un legame tra infiammazione ridotta e consumo di soia. Inoltre, la soia è un'ottima fonte di proteine ​​e contiene isoflavoni, che possono ridurre l'infiammazione secondo i ricercatori.

Cos'è una porzione? 75 edamame (non ancora sbucciato), 1 bicchiere grande (25 cl / 8,45 fl oz) di latte di soia, 30 g / 1 oz di noci di soia, 120 g / 4,23 oz di tofu.

6 – Lipidi

Ogni giorno, mangia da 3 a 9 porzioni di olio d'oliva, olio di arachidi, olio di canola, noci, avocado, semi o burro di noci.

Questi sono grassi buoni, che possono aiutare il corpo a combattere l'infiammazione. Evita la margarina che contiene grassi trans e oli idrogenati. Questi grassi aggravano l'infiammazione.

Cos'è una porzione grassa? 1 cucchiaino di olio, 1 mezzo cucchiaio di burro di noci, 2 noci.

7 – Pesce e frutti di mare

Dieta salmone grigliata e insalata per chi soffre di psoriasi
Salmone Alla Griglia E Insalata

Mangia da 2 a 4 porzioni a settimana. Scegli pesci che contengono molti acidi grassi omega-3: salmone, acciughe, sgombro, tonno, sardine, in particolare varietà selvatiche.

Questi alimenti sono utili perché i loro omega-3 aiutano a ridurre l'infiammazione.

🙂 Se non ti piace mangiare pesce, potresti prendere in considerazione l'idea di prendere integratori di omega-3.

Una porzione di pesce pesa tra 110 e 170 grammi / 4-6 once.

Cibi da mangiare con moderazione o da evitare


Se si desidera una riduzione (più o meno forte da un paziente all'altro) di questa malattia infiammatoria, vale a dire la sua remissione, consisterà nel ridurre il consumo di determinati prodotti alimentari.

Gli alimenti che possono contribuire all'infiammazione dovrebbero effettivamente essere consumati in piccole quantità o addirittura eliminati (almeno durante il periodo in cui si sta tentando di ottenere la remissione). Questi includono cibi industriali pronti da mangiare, cibi spazzatura venduti in fast food, cibi ricchi di grassi saturi e trans, cibi ricchi di amido e zucchero.

Quando si ha un tale disturbo infiammatorio, è davvero necessario evitare cibi fritti e carni grasse, poiché promuovono l'infiammazione. Se li mangi una volta al mese, potrebbe essere tollerato, ma sicuramente NON una volta alla settimana.

Se trovi un altro cibo che aggrava i sintomi psoriasici quando mangi o bevi, non ti farà male provare a rimuoverlo dalla tua dieta.

Inoltre, qui ci sono cibi solidi e bevande che sono spesso citati dai pazienti come causa di focolai della loro malattia. Dovresti considerare di rimuoverli dalla tua dieta regolare uno per uno al fine di osservare i potenziali effetti sui sintomi:

1 – Alcol

Bevi bevande alcoliche il meno possibile, almeno fino a quando i sintomi scompaiono. Sebbene il meccanismo preciso non sia ancora noto (l'infiammazione è una possibilità), alcuni esperti ritengono che l'alcool scateni focolai psoriasici.

Perché gli esperti consigliano ai pazienti di smettere di bere? L'alcool apre i vasi sanguigni all'interno della pelle. Ma quando i vasi sanguigni si dilatano, i globuli bianchi nel sangue, compresi i linfociti T (comunemente indicati come timociti, un tipo di linfociti) che si pensa siano la causa della psoriasi, possono insinuarsi negli strati più esterni della pelle più facilmente, quindi non è necessario aumentare il numero di cellule. I sintomi psoriasici possono peggiorare anche se si beve solo un po 'di alcol.

2 – Cibi spazzatura

Il cibo spazzatura non è una buona dieta per chi soffre di psoriasi
Il cibo spazzatura non è una buona dieta per chi soffre di psoriasi!

Qui abbiamo a che fare con una malattia infiammatoria. Ma i cibi spazzatura hanno la tendenza ad essere ricchi di grassi saturi e grassi trans, cibi ricchi di amido e zuccheri. Tutti questi promuoveranno l'infiammazione.

E, un altro motivo per evitare cibi spazzatura, è a causa del suo alto contenuto calorico. Sebbene abbia scarso interesse nutrizionale, i pazienti psoriasici hanno spesso problemi di peso. Se soffri di questa malattia dermatologica, hai un rischio maggiore di malattie cardiovascolari. Il sovrappeso aumenta questo rischio.

3 – Carni rosse

Mangia un massimo di 3 porzioni (da 60 a 90 grammi / 2 a 3 once) di carne al giorno. Scegli tagli magri di pollo o tacchino, fianco, controfiletto, filetto di maiale. Evita i tagli di grasso (incluso il grasso visibile, compresa la pelle) che contengono più grassi saturi (contribuendo all'infiammazione).

La carne rossa contiene grassi polinsaturi chiamati acidi arachidonici. Questo tipo di lipidi può aggravare i sintomi psoriasici in quanto può essere facilmente convertito in alcuni composti infiammatori. Dovresti anche evitare tutte le carni lavorate come salsicce, salumi e pancetta.

4 – Solanaceae

Alcuni pazienti riferiscono che il consumo di piante di solanaceae (che includono peperoni, melanzane, patate bianche e pomodori) aggrava i loro sintomi.

Queste verdure contengono anche un composto chimico chiamato solanina, che provoca dolore in alcune persone. Alcuni pazienti pensano che quando si evitano queste verdure, si riducono i sintomi.

5 – Glutine

Alcuni ricercatori ritengono che vi sia un aumento dell'incidenza della celiachia nei pazienti psoriasici.

I pazienti con celiachia non digeriscono una proteina chiamata glutine, che è presente nel grano, nella segale e nell'orzo. Mangiare questi alimenti può danneggiare il rivestimento dell'intestino tenue, causando spesso diarrea cronica e malnutrizione. Alcune persone con celiachia, tuttavia, non riscontrano alcun sintomo.

Se pensi che l'intolleranza al glutine possa essere un problema per te, chiedi al tuo medico se dovresti essere sottoposto a screening per la celiachia.

Se sei intollerante al lattosio, la tua psoriasi può migliorare quando segui una dieta rigorosa senza glutine (evitando tutto ciò che contiene grano, segale o orzo).

Ci vorrà un impegno molto forte per raggiungere questo obiettivo, ma in alcuni pazienti con intolleranza al lattosio, evitare questi alimenti li ha portati a una remissione dei sintomi psoriasici per diversi anni consecutivi senza trovare prove di effetti collaterali negativi.

6 – Agrumi

Evita gli agrumi nella tua dieta poiché chi soffre di psoriasi
Evita gli agrumi nella tua dieta come chi soffre di psoriasi!

A volte, le reazioni allergiche possono causare una spinta. Gli agrumi, come arance, pompelmi, lime e limoni, sono un allergene standard. Prova a rimuoverli dalla tua dieta per vedere se migliora le condizioni della tua pelle.

Se sei una delle persone che non tollerano gli agrumi, estendi il test dei derivati ​​come limonate o succhi di pompelmo.

7 – Condimenti

Alcuni pazienti scoprono che spezie e condimenti sono i loro nemici. Quelli che sembrano causare il maggior numero di problemi alle persone che soffrono di psoriasi sono pepe, cannella, aceto, maionese, paprika, ketchup, salsa Worcestershire, salsa Tabasco, ecc. Le sostanze presenti in tali condimenti possono peggiorare l'infiammazione.

8 – Zucchero

Cerca di evitare i dolci il più possibile, poiché lo zucchero aumenta l'infiammazione all'interno del corpo.

Sebbene la scienza non abbia ancora confermato una connessione tra i cibi che consumi e i breakout psoriasici, potresti notare un miglioramento delle tue condizioni quando elimini uno o più di questi alimenti.

Non esitare a condividere le tue scoperte con il tuo medico in modo da non perdere un nutriente essenziale.

Combattere lo stress allo stesso tempo


Ci sono persone per le quali lo stress è chiaramente un fattore scatenante per l'insorgenza di questa malattia dermatologica.

Nel 2004, un sondaggio condotto da ricercatori scandinavi ha rilevato che oltre il 66% degli intervistati ha affermato che i loro sintomi psoriasici sono stati esacerbati dallo stress. E il 35% ha affermato che l'insorgenza di questa condizione è iniziata durante un periodo di preoccupazione e stress.

Mentre non ci sono studi che dimostrano che la riduzione dello stress può migliorare la psoriasi, molti pazienti giurano strategie di gestione dello stress per controllare i loro sintomi.

Essendo stato un mio malato di psoriasi praticamente per tutta la vita, ho avuto un sacco di tempo per determinare quali sono i miei fattori scatenanti, e uno che è certo è lo stress. È sufficiente che quando qualcosa mi turba, mi frustra o mi preoccupa, anche inconsciamente, i miei razzi tendono a riapparire entro 24 ore, o anche meno.

C'è un sacco di buon materiale disponibile su Amazon …

1 – Meditazione

Uno studio del 1998 condotto dal University of Masschusetts Medical Center (USA) ha scoperto che i pazienti affetti da psoriasi che hanno ascoltato i nastri di meditazione antistress durante le sessioni di fototerapia hanno fatto sì che le loro lesioni fossero più veloci di quelle che non lo facevano.

Ci sono molte risorse per aiutarti a iniziare. Si consiglia di meditare per 15-20 minuti ogni giorno. Puoi trovare lezioni soprattutto nei centri di yoga. Puoi anche cercare CD, DVD o MP3 su Amazon …

2 – Sposta

Che si tratti di corsa, ciclismo, nuoto, yoga o solo camminata, l'esercizio fisico è utile per ridurre lo stress in modo globale.

Ad esempio, puoi provare a correre almeno 5 volte a settimana, per circa 40 minuti ogni volta. Hai buone probabilità di vedere migliorare le condizioni della tua pelle.

Molte persone hanno visto il loro primo bagliore di psoriasi durante il periodo in cui erano molto fisicamente inattive e stressate.

3 – Impara a dire di no

Se la tua lista di cose da fare è più lunga della tua giornata, dovresti riaggiustare le tue priorità. Quando non hai tempo per te stesso, qualcosa deve essere cambiato.

Se decidi che la tua salute merita tutta l'attenzione, riorganizza le tue priorità di conseguenza. Rivedi il tuo programma e le tue responsabilità e elimina (o delega) le cose meno importanti.

4 – Ottieni supporto

Uno studio condotto nel 1991 ha scoperto che i pazienti psoriasici possono sentirsi estremamente vulnerabili e sperimentare l'isolamento sociale. Tuttavia, i ricercatori hanno scoperto che un gruppo di supporto ha migliorato il loro benessere psicologico.

I gruppi di supporto possono essere molto preziosi. Ti consentono di condividere le tue esperienze, che possono essere molto catartiche (la catarsi è una terapia che mette in luce esperienze traumatizzate) e di conoscere le strategie di coping di altre persone.

Ti consiglieranno anche su come spiegare a chi ti sta vicino questo disturbo epidermico non è contagioso.

5 – Ottieni assistenza professionale

Uno studio del 2007 condotto presso la Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health (USA) ha valutato 265 persone con psoriasi. Ha scoperto che il 32% di loro aveva la depressione.

Molti pazienti affetti da psoriasi scoprono che la psicoterapia li aiuta a controllare lo stress, l'ansia e la depressione associati a questa malattia infiammatoria.

La psicoterapia può aiutarti a sviluppare abilità di coping per gestire questo problema di pelle. Il tuo dermatologo può consigliare un terapista che ha esperienza con i pazienti psoriasici.

Altri rimedi per controllare questa malattia


Sebbene al momento nessun metodo definito possa affermare di curare completamente questa condizione dermatologica, l'obiettivo principale è piuttosto quello di migliorare l'aspetto della pelle danneggiata.

Oltre a evitare l'alcol e alcuni cibi (caso per caso), oltre a mangiare i cibi giusti, ecco alcune altre cose che possono essere utili per la psoriasi:

Cosa c'è di buono …

buona dieta per chi soffre di psoriasi
  • Fai il bagno tutti i giorni: lavarti ogni giorno aiuta a ridurre il pelo e lenire la pelle infiammata. Includi olio da bagno, Sali del Mar Morto, farina d'avena, sali di Epsom (sale di Sedlitz), farina d'avena colloidale, ecc. nell'acqua del bagno e lasciarti in ammollo per almeno quindici minuti. Evita bagni di acqua troppo caldi e saponi irritanti, in quanto può peggiorare i sintomi. Invece, l'acqua del tuo bagno dovrebbe essere tiepida e preferire un sapone delicato che contenga oli o grassi aggiunti.
buona dieta per chi soffre di psoriasi
  • Usa creme idratanti: tamponare la pelle immediatamente dopo il bagno, quindi applicare una lozione e unguento idratanti pesanti mentre la pelle rimane bagnata. Se la tua pelle è molto secca, potresti stare meglio usando gli oli perché durano più a lungo delle creme / lozioni e saranno più efficaci nel prevenire l'evaporazione dell'acqua dalla pelle. Durante le stagioni fredde e secche, è necessario applicare una buona crema idratante sulla pelle più volte durante il giorno.
buona dieta per chi soffre di psoriasi
  • Coprire le aree danneggiate durante la notte: per migliorare l'aspetto del rossore e aiutare a sfaldarsi, applicare creme idratanti a base di unguento sulla tua pelle e poi avvolgi in un involucro di plastica per la notte. Il mattino seguente, rimuovi questa busta e lava il peli facendo una doccia o un bagno tiepidi.
buona dieta per chi soffre di psoriasi
  • Esporre la pelle in piccoli periodi di luce solare: solo una quantità controllata di luce naturale può migliorare considerevolmente le lesioni, ma una quantità eccessiva di sole innescherà o aggraverà le rotture, aumentando il rischio di un cancro della pelle. Quando ti stai abbronzando, fai sessioni brevi 3 o anche più volte ogni settimana. Assicurati di mantenere una cronologia della durata e della data delle sessioni di abbronzatura per evitare la sovraesposizione.

Applica una crema solare …

Assicurati anche di proteggere la pelle con una protezione solare con un SPF di almeno 40. Applica la crema generosamente, quindi riapplica ogni 2 ore o anche più spesso nel caso in cui nuoti o sudi. Prima di iniziare un programma di abbronzatura, chiedi al tuo medico come utilizzare al meglio la luce naturale per trattare la tua pelle.

  • Applicare creme medicate: Applicare un unguento o una crema non prescritti che contenga acido salicilato o idrocortisone per ridurre il prurito e lo squamazione. Se soffri di psoriasi sul cuoio capelluto, prova alcuni shampoo medicato contenente catrame di carbone. Segui le istruzioni sull'etichetta del prodotto per risultati migliori.
  • Evita i trigger il più possibile: prova a scoprire i trigger (se presenti) che causano un peggioramento delle tue condizioni e fai quello che serve per evitarli o prevenirli. Infezioni e lesioni alla pelle, intensa esposizione al sole, fumo e stress possono aggravare questa malattia infiammatoria (diffondendola su tutto il corpo: gomiti, ascelle, piedi, mani, schiena, intorno agli occhi sul viso, unghie, ecc. .).

Per saperne di più …

Ci sono anche molti materiali su questo sito Web che puoi leggere e mettere in atto alcuni dei metodi. E ricorda che se sei uno dei tanti malati di psoriasi o conosci qualcuno che soffre di questa condizione, è meglio iniziare con una dieta adeguata.

Se anche tu hai questa condizione, quali alimenti mangi ed eviti di controllarla? Se ti è piaciuto questo articolo, ti preghiamo di consigliarlo su Facebook, twittarlo, dargli un voto +1 su Google Plus.

Altri articoli consigliati:

Spero ti sia piaciuto leggere questa recensione …


Inoltre, ricorda che ho una mailing list, quindi se desideri essere avvisato non appena l'ultimo articolo è disponibile, compila il modulo sottostante:

John

Se sei anche uno dei tanti chi soffre di psoriasi e seguendo un successo dieta, ci piacerebbe saperlo.

Qualsiasi domanda? Si prega di utilizzare la casella qui sotto e io, o qualcuno, risponderò al più presto.

Come un Membro Premium di Wealthy Affiliate, Sto imparando come condividere le mie passioni con il mondo.

Ricco affiliato è 100% GRATUITO per partecipare, imparare e guadagnare! Fai clic sul pulsante qui sotto per saperne di più …

dieta per chi soffre di psoriasi



->

Psorilax:Dove acquistare online |clobesol crema psoriasi prezzo

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, originale

Psoriasi è una malattia autoimmune di lunga durata caratterizzata da chiazze di pelle anormale.(6) Questi cerotti sono in genere rossi, secchi, pruriginosi e squamosi.(3) Su persone con pelle più scura i cerotti possono essere di colore viola.(9) La psoriasi varia in gravità da piccoli cerotti localizzati a una copertura completa del corpo.(3) Le lesioni alla pelle possono innescare cambiamenti psoriasici della pelle in quel punto, noto come fenomeno di Koebner.(10)

Esistono cinque tipi principali di psoriasi: placca, guttata, inversa, pustolosa ed eritrodermica.(6) La psoriasi a placche, nota anche come psoriasi vulgaris, costituisce circa il 90 percento dei casi.(4) Si presenta in genere come macchie rosse con squame bianche in alto.(4) Le aree del corpo più comunemente colpite sono la parte posteriore degli avambracci, degli stinchi, dell'area dell'ombelico e del cuoio capelluto.(4) La psoriasi guttata presenta lesioni a forma di goccia.(6) La psoriasi pustolosa si presenta come piccole vesciche piene di pus non infettive.(11) La psoriasi inversa forma chiazze rosse nelle pieghe della pelle.(6) La psoriasi eritrodermica si verifica quando l'eruzione cutanea diventa molto diffusa e può svilupparsi da uno qualsiasi degli altri tipi.(4) Le unghie e le unghie dei piedi sono colpite nella maggior parte delle persone con psoriasi ad un certo punto nel tempo.(4) Ciò può includere fossette nelle unghie o cambiamenti nel colore delle unghie.(4)

La psoriasi è generalmente considerata una malattia genetica scatenata da fattori ambientali.(3) Se un gemello ha la psoriasi, l'altro gemello ha tre volte più probabilità di essere colpito se i gemelli sono identici rispetto a se non sono identici.(4) Ciò suggerisce che i fattori genetici predispongono alla psoriasi.(4) I sintomi spesso peggiorano durante l'inverno e con alcuni farmaci, come i beta-bloccanti o i FANS.(4) Anche le infezioni e lo stress psicologico possono svolgere un ruolo.(3)(6) La psoriasi non è contagiosa.(4) Il meccanismo sottostante coinvolge il sistema immunitario che reagisce alle cellule della pelle.(4) La diagnosi si basa in genere su segni e sintomi.(4)

Non esiste una cura per la psoriasi; tuttavia, vari trattamenti possono aiutare a controllare i sintomi.(4) Questi trattamenti includono creme steroidee, crema di vitamina D3, luce ultravioletta e farmaci per la soppressione del sistema immunitario, come il metotrexato.(6) Circa il 75 percento del coinvolgimento cutaneo migliora solo con le creme.(4) La malattia colpisce il 2-4 percento della popolazione.(8) Uomini e donne sono colpiti con uguale frequenza.(6) La malattia può iniziare a qualsiasi età, ma in genere inizia in età adulta.(5) La psoriasi è associata ad un aumentato rischio di artrite psoriasica, linfomi, malattie cardiovascolari, malattia di Crohn e depressione.(4) L'artrite psoriasica colpisce fino al 30 percento degli individui con psoriasi.(11)

segni e sintomi(modificare)

Psoriasi a placche(modificare)

Placca psoriasica, che mostra un centro argenteo circondato da un bordo arrossato.

La psoriasi vulgaris (nota anche come psoriasi stazionaria cronica o psoriasi a placche) è la forma più comune e colpisce l'85% -90% delle persone con psoriasi.(12) La psoriasi a placche appare tipicamente come aree sollevate di pelle infiammata ricoperta da una pelle squamosa bianco-argenteo. Queste aree sono chiamate placche e si trovano più comunemente su gomiti, ginocchia, cuoio capelluto e schiena.(12)(13) L'eritroderma psoriasico (psoriasi eritrodermica) comporta infiammazione diffusa ed esfoliazione della pelle su gran parte della superficie corporea. Può essere accompagnato da grave secchezza, prurito, gonfiore e dolore. Spesso è il risultato di un'esacerbazione della psoriasi a placche instabile, in particolare a seguito della brusca sospensione dei glucocorticoidi sistemici.(14) Questa forma di psoriasi può essere fatale poiché l'estrema infiammazione e l'esfoliazione interrompono la capacità del corpo di regolare la temperatura ed eseguire le funzioni di barriera.(15)

Altre forme(modificare)

Altri tipi di psoriasi comprendono circa il 10% dei casi. Includono forme simili a pustolose, inverse, tovagliolo, guttate, orali e seborroiche.(16)

Psoriasi pustolosa(modificare)

La psoriasi pustolosa appare come protuberanze sollevate piene di pus non infettivo (pustole).(17) La pelle sotto e intorno alle pustole è rossa e tenera.(18)

Psoriasi inversa(modificare)

La psoriasi inversa (nota anche come psoriasi a flessione) appare come chiazze di pelle lisce e infiammate. I cerotti colpiscono spesso le pieghe della pelle, in particolare intorno ai genitali (tra la coscia e l'inguine), le ascelle, nelle pieghe della pelle di un addome sovrappeso (noto come panniculus), tra i glutei nella fessura intergluteo e sotto il seno nella piega inframammaria. Si ritiene che calore, traumi e infezioni svolgano un ruolo nello sviluppo di questa forma atipica di psoriasi.(19)

Psoriasi del tovagliolo(modificare)

La psoriasi del tovagliolo è un sottotipo di psoriasi comune nei neonati caratterizzato da papule rosse con scala d'argento nella zona del pannolino che può estendersi al busto o agli arti.(20) La psoriasi del tovagliolo è spesso diagnosticata erroneamente come dermatite da tovagliolo (dermatite da pannolino).(21)

Psoriasi guttata(modificare)

La psoriasi guttata è caratterizzata da numerose piccole lesioni (papule) piccole, squamose, rosse o rosa. Queste numerose macchie di psoriasi compaiono su vaste aree del corpo, principalmente sul tronco, ma anche sugli arti e sul cuoio capelluto. La psoriasi guttata è spesso innescata da un'infezione da streptococco, in genere faringite streptococcica.(19) Il contrario non è vero.

Bocca(modificare)

La psoriasi in bocca è molto rara,(22) in contrasto con il lichen planus, un altro disturbo papulosquamous comune che coinvolge comunemente sia la pelle che la bocca. Quando la psoriasi coinvolge la mucosa orale (il rivestimento della bocca), può essere asintomatica,(22) ma può apparire come placche bianche o grigio-gialle.(22) La lingua fissurata è il reperto più comune in quelli con psoriasi orale ed è stato riportato che si verifica nel 6,5-20% delle persone con psoriasi che colpiscono la pelle. L'aspetto microscopico della mucosa orale colpita dalla lingua geografica (stomatite migratoria) è molto simile all'aspetto della psoriasi.(23) Tuttavia, gli studi moderni non sono riusciti a dimostrare alcun legame tra le due condizioni.(24)

Psoriasi seborroica(modificare)

La psoriasi simil-seborroica è una forma comune di psoriasi con aspetti clinici della psoriasi e della dermatite seborroica e può essere difficile distinguere da quest'ultima. Questa forma di psoriasi si manifesta in genere come placche rosse con squame unte in aree di maggiore produzione di sebo come il cuoio capelluto, la fronte, le pieghe della pelle vicino al naso, la pelle che circonda la bocca, la pelle sul petto sopra lo sterno e nelle pieghe della pelle.(20)

Artrite psoriasica(modificare)

L'artrite psoriasica è una forma di artrite infiammatoria cronica che presenta una presentazione clinica molto variabile e si verifica spesso in associazione con la psoriasi della pelle e delle unghie.(25)(26) In genere comporta un'infiammazione dolorosa delle articolazioni e del tessuto connettivo circostante e può verificarsi in qualsiasi articolazione, ma colpisce più comunemente le articolazioni delle dita delle mani e dei piedi. Ciò può provocare un gonfiore a forma di salsiccia delle dita delle mani e dei piedi noto come dattilite.(25) L'artrite psoriasica può interessare anche fianchi, ginocchia, colonna vertebrale (spondilite) e articolazione sacroiliaca (sacroiliite).(27) Circa il 30% delle persone con psoriasi svilupperà l'artrite psoriasica.(12) Le manifestazioni cutanee della psoriasi tendono a manifestarsi prima delle manifestazioni artritiche in circa il 75% dei casi.(26)

Cambiamenti delle unghie(modificare)

Psoriasi di un'unghia, con vaiolatura visibile.

Una fotografia che mostra gli effetti della psoriasi sulle unghie dei piedi.

La psoriasi può colpire le unghie e produce una varietà di cambiamenti nell'aspetto delle unghie delle dita e dei piedi. La psoriasi delle unghie si verifica nel 40–45% delle persone con psoriasi che colpiscono la pelle e ha un'incidenza nell'80-90% nelle persone con artrite psoriasica.(28) Questi cambiamenti includono la vaiolatura delle unghie (si osserva una depressione delle dimensioni di una punta dell'unghia nel 70% con la psoriasi dell'unghia), lo sbiancamento dell'unghia, piccole aree di sanguinamento dai capillari sotto l'unghia, lo scolorimento giallo-rossastro delle unghie noto come il goccia d'olio o macchia di salmone, secchezza, ispessimento della pelle sotto l'unghia (ipercheratosi subunguale), allentamento e separazione dell'unghia (onicolisi) e sbriciolatura dell'unghia.(28)

Segni medici(modificare)

Oltre all'aspetto e alla distribuzione dell'eruzione cutanea, i medici possono utilizzare specifici segni medici per facilitare la diagnosi. Questi possono includere il segno di Auspitz (individuare l'emorragia quando viene rimossa la scala), fenomeno di Koebner (lesioni cutanee psoriasiche indotte da traumi alla pelle),(20) e prurito e dolore localizzati a papule e placche.(19)(20)

La causa della psoriasi non è completamente compresa, ma esistono diverse teorie.

Genetica(modificare)

Circa un terzo delle persone con psoriasi riferisce una storia familiare della malattia e i ricercatori hanno identificato i loci genetici associati alla condizione. Studi identici sui gemelli suggeriscono una probabilità del 70% di un gemello che sviluppa psoriasi se l'altro gemello ha il disturbo. Il rischio è di circa il 20% per i gemelli non identici. Questi risultati suggeriscono sia una suscettibilità genetica che una risposta ambientale nello sviluppo della psoriasi.(29)

La psoriasi ha una forte componente ereditaria e molti geni sono associati ad essa, ma non è chiaro come questi geni lavorino insieme. La maggior parte dei geni identificati si riferisce al sistema immunitario, in particolare il principale complesso di istocompatibilità (MHC) e le cellule T. Gli studi genetici sono preziosi grazie alla loro capacità di identificare meccanismi e percorsi molecolari per ulteriori studi e potenziali target terapeutici.(30)

L'analisi classica del collegamento a livello del genoma ha identificato nove loci su diversi cromosomi associati alla psoriasi. Sono chiamati suscettibilità alla psoriasi da 1 a 9 (PSORS1 attraverso PSORS9). All'interno di questi loci ci sono geni su percorsi che portano all'infiammazione. Alcune variazioni (mutazioni) di questi geni si trovano comunemente nella psoriasi.(30) Le scansioni di associazione a livello del genoma hanno identificato altri geni che sono stati alterati in varianti caratteristiche della psoriasi. Alcuni di questi geni esprimono proteine ​​del segnale infiammatorio, che colpiscono le cellule del sistema immunitario coinvolte anche nella psoriasi. Alcuni di questi geni sono anche coinvolti in altre malattie autoimmuni.(30)

Il principale determinante è PSORS1, che probabilmente rappresenta il 35% -50% dell'ereditabilità della psoriasi.(31) Controlla i geni che colpiscono il sistema immunitario o codificano le proteine ​​della pelle che sono sovrabbondanti di psoriasi. PSORS1 si trova sul cromosoma 6 nel complesso maggiore di istocompatibilità (MHC), che controlla importanti funzioni immunitarie. Tre geni nel PSORS1 il locus ha una forte associazione con la psoriasi vulgaris: HLA-C variante HLA-Cw6,(32) che codifica per una proteina MHC di classe I; cchcr1, variante WWC, che codifica una proteina a spirale arrotolata che è sovraespressa nell'epidermide psoriasica; e CDSN, variante allele 5, che codifica per la corneodesmosina, una proteina che viene espressa negli strati granulari e cornificati dell'epidermide e sovraregolata nella psoriasi.(30)

Due principali geni del sistema immunitario in esame sono la subunità beta interleuchina-12 (IL12B) sul cromosoma 5q, che esprime l'interleuchina-12B; e IL23R sul cromosoma 1p, che esprime il recettore dell'interleuchina-23, ed è coinvolto nella differenziazione delle cellule T. Recettore dell'interleuchina-23 e IL12B sono stati entrambi fortemente collegati alla psoriasi.(32) Le cellule T sono coinvolte nel processo infiammatorio che porta alla psoriasi.(30) Questi geni sono sulla via che sovraregolano il fattore necrosi tumorale-α e il fattore nucleare κB, due geni coinvolti nell'infiammazione.(30) Recentemente,(quando?) è stato identificato il primo gene direttamente collegato alla psoriasi. Una rara mutazione nel gene che codifica per il CARD14 le proteine ​​e un fattore scatenante ambientale erano sufficienti per causare la psoriasi a placche (la forma più comune di psoriasi).(33)(34)

Stile di vita(modificare)

Le condizioni riportate come peggioramento della malattia includono infezioni croniche, stress e cambiamenti nella stagione e nel clima.(32) Altri che potrebbero peggiorare la condizione includono acqua calda, graffi di lesioni cutanee alla psoriasi, secchezza della pelle, consumo eccessivo di alcol, fumo di sigaretta e obesità.(32)(35)(36)(37) Gli effetti della sospensione del fumo di sigaretta o dell'abuso di alcool devono ancora essere studiati a partire dal 2019.(37)

HIV(modificare)

Il tasso di psoriasi negli individui sieropositivi è paragonabile a quello degli individui sieropositivi; tuttavia, la psoriasi tende ad essere più grave nelle persone infette dal virus dell'immunodeficienza umana (HIV).(38) Un tasso molto più alto di artrite psoriasica si verifica in soggetti sieropositivi con psoriasi rispetto a quelli senza infezione.(38) La risposta immunitaria nei soggetti con infezione da HIV è tipicamente caratterizzata da segnali cellulari provenienti dal sottoinsieme Th2 di cellule T helper CD4 +,(39) mentre la risposta immunitaria nella psoriasi vulgaris è caratterizzata da uno schema di segnali cellulari tipici del sottogruppo Th1 delle cellule T helper CD4 + e delle cellule T helper Th17.(40)(41) Si ipotizza che la ridotta presenza di cellule CD4 + -T causi una iperattivazione delle cellule CD8 + -T, che sono responsabili dell'esacerbazione della psoriasi nelle persone sieropositive. La psoriasi nei soggetti con HIV / AIDS è spesso grave e può non essere curabile con la terapia convenzionale.(42) In quelli con psoriasi a lungo termine ben controllata, la nuova infezione da HIV può innescare un grave flare di psoriasi e / o artrite psoriasica.(citazione medica necessaria)

microbi(modificare)

La psoriasi è stata descritta come insorgenza dopo mal di gola e può essere aggravata dalla colonizzazione della pelle o dell'intestino con Staphylococcus aureus, Malassezia, e candida albicans.(43)

farmaci(modificare)

La psoriasi indotta da farmaci può verificarsi con beta-bloccanti,(11) litio,(11) farmaci antimalarici,(11) farmaci antinfiammatori non steroidei,(11) terbinafina, bloccanti dei canali del calcio, captopril, glyburide, fattore stimolante le colonie di granulociti,(11) interleuchine, interferoni,(11) farmaci ipolipemizzanti,(16):197 e paradossalmente inibitori del TNF come infliximab o adalimumab.(44) La sospensione dei corticosteroidi (crema steroidea topica) può aggravare la psoriasi a causa dell'effetto rimbalzo.(45)

Meccanismo(modificare)

La psoriasi è caratterizzata da una crescita anormalmente eccessiva e rapida dello strato epidermico della pelle.(46) La produzione anomala di cellule della pelle (specialmente durante la riparazione della ferita) e una sovrabbondanza di cellule della pelle derivano dalla sequenza di eventi patologici nella psoriasi.(18) Le cellule della pelle vengono sostituite ogni 3-5 giorni nella psoriasi anziché nei normali 28-30 giorni.(47) Si ritiene che questi cambiamenti derivino dalla maturazione prematura dei cheratinociti indotta da una cascata infiammatoria nel derma che coinvolge cellule dendritiche, macrofagi e cellule T (tre sottotipi di globuli bianchi).(12)(38) Queste cellule immunitarie si spostano dal derma all'epidermide e secernono segnali chimici infiammatori (citochine) come interleuchina-36γ, fattore di necrosi tumorale-α, interleuchina-1β, interleuchina-6 e interleuchina-22.(30)(48) Si ritiene che questi segnali infiammatori secreti stimolino la proliferazione dei cheratinociti.(30) Un'ipotesi è che la psoriasi comporta un difetto nelle cellule T regolatorie e nell'interleuchina-10 delle citochine regolatorie.(30)

Le mutazioni geniche delle proteine ​​coinvolte nella capacità della pelle di funzionare come barriera sono state identificate come marcatori di suscettibilità per lo sviluppo della psoriasi.(49)(50)

L'acido desossiribonucleico (DNA) rilasciato dalle cellule morenti agisce come uno stimolo infiammatorio nella psoriasi(51) e stimola i recettori su alcune cellule dendritiche, che a loro volta producono l'interferone-α delle citochine.(51) In risposta a questi messaggi chimici da cellule dendritiche e cellule T, i cheratinociti secernono anche citochine come interleuchina-1, interleuchina-6 e fattore necrosi tumorale-α, che segnalano alle cellule infiammatorie a valle di arrivare e stimolano un'infiammazione aggiuntiva.(30)

Le cellule dendritiche collegano il sistema immunitario innato e il sistema immunitario adattivo. Sono aumentati nelle lesioni psoriasiche(46) e indurre la proliferazione di cellule T e cellule T helper di tipo 1 (Th1). L'immunoterapia mirata nonché la terapia con psoraleni e ultravioletti A (PUVA) possono ridurre il numero di cellule dendritiche e favorire un modello di secrezione di citochine delle cellule Th2 rispetto a un profilo di citochine delle cellule Th1 / Th17.(30)(40) Le cellule T psoriasiche si spostano dal derma nell'epidermide e secernono l'interferone-γ e l'interleuchina-17.(52) L'interleuchina-23 è nota per indurre la produzione di interleuchina-17 e interleuchina-22.(46)(52) L'interleuchina-22 funziona in combinazione con l'interleuchina-17 per indurre i cheratinociti a secernere citochine che attraggono i neutrofili.(52)

Diagnosi(modificare)

Microfotografia della psoriasi vulgaris. Parakeratosi confluente, iperplasia epidermica psoriasiforme ((A), EH), ipogranulosi e afflusso di numerosi neutrofili nello strato corneale ((A), freccia). (B) Migrazione transepidermica dei neutrofili dal derma allo strato corneale (frecce).(53)

Una diagnosi di psoriasi si basa generalmente sull'aspetto della pelle. Le caratteristiche della pelle tipiche della psoriasi sono squame, placche eritematose, papule o chiazze di pelle che possono essere dolorose e pruriginose.(19) Di solito non sono richiesti esami del sangue o procedure diagnostiche speciali per effettuare la diagnosi.(18)(54)

La diagnosi differenziale della psoriasi comprende condizioni dermatologiche simili nell'aspetto come eczema discoide, eczema seborroico, pityriasi rosea (può essere confuso con psoriasi guttata), fungo del chiodo (può essere confuso con la psoriasi dell'unghia) o linfoma cutaneo a cellule T (50% degli individui con questo cancro sono inizialmente diagnosticati erroneamente con la psoriasi).(45) Le manifestazioni dermatologiche di malattie sistemiche come l'eruzione cutanea della sifilide secondaria possono anche essere confuse con la psoriasi.(45)

Se la diagnosi clinica è incerta, può essere eseguita una biopsia cutanea o raschiamento per escludere altri disturbi e confermare la diagnosi. La pelle di una biopsia mostrerà proiezioni epidermiche in circolo che si interdigono con il derma al microscopio. L'ispessimento epidermico è un altro risultato istologico caratteristico delle lesioni della psoriasi.(18)(55) Lo strato di strato granuloso dell'epidermide è spesso mancante o significativamente ridotto nelle lesioni psoriasiche; le cellule della pelle dallo strato più superficiale della pelle sono anche anormali in quanto non maturano mai completamente. A differenza delle loro controparti mature, queste cellule superficiali mantengono il loro nucleo.(18) Gli infiltrati infiammatori in genere possono essere visualizzati al microscopio quando si esaminano i tessuti della pelle o delle articolazioni colpiti dalla psoriasi. Il tessuto epidermico della pelle affetto da infiammazione psoriasica ha spesso molte cellule T CD8 + mentre una predominanza di cellule T CD4 + costituisce gli infiltrati infiammatori dello strato cutaneo della pelle e delle articolazioni.(18)

Classificazione(modificare)

morfologico(modificare)

La psoriasi è classificata come un disturbo papulosquamous ed è più comunemente suddivisa in diverse categorie in base alle caratteristiche istologiche.(3)(11) Le varianti comprendono la psoriasi a placche, pustolosa, guttata e flessionale. Ogni modulo ha un codice ICD-10 dedicato.(56) La psoriasi può anche essere classificata in tipi non pustolosi e pustolosi.(57)

patogenetiche(modificare)

Un altro schema di classificazione considera i fattori genetici e demografici. Il tipo 1 ha una storia familiare positiva, inizia prima dei 40 anni ed è associato all'antigene leucocitario umano, HLA-Cw6. Al contrario, il tipo 2 non mostra una storia familiare, si presenta dopo i 40 anni e non è associato HLA-Cw6.(58) Il tipo 1 rappresenta circa il 75% delle persone con psoriasi.(59)

La classificazione della psoriasi come malattia autoimmune ha suscitato un ampio dibattito. I ricercatori hanno proposto diverse descrizioni della psoriasi e dell'artrite psoriasica; alcuni autori li hanno classificati come malattie autoimmuni(18)(32)(60) mentre altri li hanno classificati come distinti dalle malattie autoimmuni e indicati come malattie infiammatorie immuno-mediate.(30)(61)(62)

Gravità(modificare)

Non vi è consenso su come classificare la gravità della psoriasi. La psoriasi lieve è stata definita come una percentuale di superficie corporea (BSA) ≤10, un punteggio PASI (Psoriasis Area Severity Index) ≤10 e un indice di qualità della vita dermatologica (DLQI) ≤10.(63) La psoriasi da moderata a grave è stata definita dallo stesso gruppo come BSA> 10 o punteggio PASI> 10 e un punteggio DLQI> 10.(63)

DLQI è uno strumento di 10 domande utilizzato per misurare l'impatto di diverse malattie dermatologiche sul funzionamento quotidiano. Il punteggio DLQI varia da 0 (danno minimo) a 30 (danno massimo) ed è calcolato con ogni risposta a cui vengono assegnati 0–3 punti con punteggi più alti che indicano un danno sociale o professionale maggiore.(64)

L'indice di gravità dell'area della psoriasi (PASI) è lo strumento di misurazione più utilizzato per la psoriasi. PASI valuta la gravità delle lesioni e l'area interessata e combina questi due fattori in un unico punteggio da 0 (nessuna malattia) a 72 (malattia massima).(65) Tuttavia, la PASI può essere troppo ingombrante da utilizzare al di fuori delle impostazioni di ricerca, il che ha portato a tentativi di semplificare l'indice per uso clinico.(66)

Gestione(modificare)

Schema della scala di trattamento della psoriasi

Sebbene non sia disponibile alcuna cura per la psoriasi,(45) esistono molte opzioni di trattamento. Gli agenti topici sono in genere utilizzati per malattie lievi, fototerapia per malattie moderate e agenti sistemici per malattie gravi.(67)

Agenti topici(modificare)

I preparati topici di corticosteroidi sono gli agenti più efficaci se usati ininterrottamente per 8 settimane; i retinoidi e il catrame di carbone si sono rivelati di beneficio limitato e potrebbero non essere migliori del placebo.(68) Un maggiore beneficio è stato osservato con corticosteroidi molto potenti rispetto ai potenti corticosteroidi.

Gli analoghi della vitamina D come il paricalcitolo sono risultati superiori al placebo. La terapia di combinazione con vitamina D e corticosteroidi è risultata superiore al trattamento da solo e la vitamina D è risultata superiore al catrame di carbone per la psoriasi a placche cronica.(69)

Per la psoriasi del cuoio capelluto, una recensione del 2016 ha riscontrato che la doppia terapia (analoghi della vitamina D e corticosteroidi topici) o la monoterapia con corticosteroidi è più efficace e più sicura dei soli analoghi della vitamina D topici.(70) A causa dei loro simili profili di sicurezza e del minimo beneficio della doppia terapia rispetto alla monoterapia, la monoterapia con corticosteroidi sembra essere un trattamento accettabile per il trattamento a breve termine.(70)

Idratanti ed emollienti come olio minerale, vaselina, calcipotriolo e decubale (un emolliente olio in acqua) sono stati trovati per aumentare la clearance delle placche psoriasiche. Alcuni emollienti hanno dimostrato di essere ancora più efficaci nel cancellare le placche psoriasiche quando combinato con la fototerapia.(71) Tuttavia, alcuni emollienti non hanno alcun impatto sulla clearance della placca della psoriasi o possono persino ridurre la clearance ottenuta con la fototerapia, ad es. l'acido salicilico emolliente è strutturalmente simile all'acido para-aminobenzoico (PABA), comunemente presente nella protezione solare, ed è noto per interferire con la fototerapia nella psoriasi. L'olio di cocco, usato come emolliente nella psoriasi, ha dimostrato di ridurre la clearance della placca con la fototerapia.(71) Creme e pomate medicinali applicate direttamente sulle placche psoriasiche possono aiutare a ridurre l'infiammazione, rimuovere la scala accumulata, ridurre il turnover cutaneo e eliminare la pelle interessata dalle placche. Unguento e creme contenenti catrame di carbone, dithranol, corticosteroidi (cioè desoximetasone), fluocinonide, vitamina D3 analoghi (ad esempio calcipotriolo) e retinoidi vengono utilizzati di routine. (L'uso dell'unità punta delle dita può essere utile per guidare la quantità di trattamento topico da utilizzare.(35)(72))

Analoghi della vitamina D possono essere utili con gli steroidi; tuttavia, da soli hanno un tasso più elevato di effetti collaterali.(69) Possono consentire l'uso di meno steroidi.(73)

Un'altra terapia topica usata per curare la psoriasi è una forma di balneoterapia, che prevede bagni quotidiani nel Mar Morto. Questo di solito viene fatto per quattro settimane con il beneficio attribuito all'esposizione solare e in particolare alla luce UVB. Questo è conveniente ed è stato propagato come un modo efficace per curare la psoriasi senza farmaci.(74) Sono state comunemente osservate diminuzioni dei punteggi PASI superiori al 75% e remissione per diversi mesi.(74) Gli effetti collaterali possono essere lievi come prurito, follicolite, scottature solari, poikiloderma e un rischio teorico di carcinoma cutaneo non melanoma o melanoma è stato suggerito.(74) Recente(quando?) gli studi hanno stabilito che non sembra esserci un aumento del rischio di melanoma a lungo termine.(75) I dati non sono conclusivi per quanto riguarda il rischio di cancro della pelle non melanoma, ma supportano l'idea che la terapia sia associata ad un aumentato rischio di forme benigne di danno cutaneo indotto dal sole come, ma non limitato a, elastosi attinica o macchie epatiche.(75) La balneoterapia del Mar Morto è efficace anche per l'artrite psoriasica.(75)

Fototerapia UV(modificare)

La fototerapia sotto forma di luce solare è stata a lungo utilizzata per la psoriasi.(67) Le lunghezze d'onda UVB di 311–313 nanometri sono le più efficaci e per questa applicazione sono state sviluppate lampade speciali.(67) Il tempo di esposizione deve essere controllato per evitare sovraesposizione e bruciore della pelle. Le lampade UVB dovrebbero avere un timer che spegnerà la lampada allo scadere del tempo. La quantità di luce utilizzata è determinata dal tipo di pelle di una persona.(67) L'aumento dei tassi di cancro dal trattamento sembra essere piccolo.(67) È stato dimostrato che la fototerapia con luce UVB a banda stretta (NBUVB) ha un'efficacia simile alla fototerapia con Psoralen e ultravioletta A (PUVA).(76) Una meta-analisi del 2013 non ha riscontrato differenze di efficacia tra NB-UVB e PUVA nel trattamento della psoriasi, ma NB-UVB è generalmente più conveniente.(77)

Uno dei problemi con la fototerapia clinica è la difficoltà che molte persone hanno accesso a una struttura. Le risorse di abbronzatura indoor sono quasi onnipresenti oggi e potrebbero essere considerate come un mezzo per ottenere l'esposizione ai raggi UV quando il dermatologo non ha a disposizione la fototerapia. L'abbronzatura indoor è già utilizzata da molte persone come trattamento per la psoriasi; una struttura interna ha riferito che il 50% dei suoi clienti utilizzava il centro per il trattamento della psoriasi; un altro ha riferito che il 36% stava facendo la stessa cosa. Tuttavia, una preoccupazione nell'uso dell'abbronzatura commerciale è che i lettini abbronzanti che emettono principalmente UVA potrebbero non trattare efficacemente la psoriasi. Uno studio ha scoperto che la psoriasi a placche risponde alle dosi eritemogene di UVA o UVB, poiché l'esposizione a entrambe può causare la dissipazione delle placche psoriasiche. Richiede più energia per raggiungere il dosaggio eritemogeno con UVA.(78)

Le terapie con luce UV hanno tutti dei rischi; i lettini abbronzanti non fanno eccezione, in particolare nel legame tra la luce UV e la maggiore possibilità di cancro della pelle. Vi sono maggiori rischi di melanoma, carcinomi a cellule squamose e basali; i giovani con psoriasi, in particolare quelli di età inferiore ai 35 anni, hanno un rischio maggiore di melanoma a seguito del trattamento con luce UV. L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha elencato i lettini abbronzanti come agenti cancerogeni.(79) Una revisione degli studi raccomanda che le persone sensibili ai tumori della pelle facciano attenzione quando usano la terapia con luce UV come trattamento.(78)

Un importante meccanismo di NBUVB è l'induzione del danno al DNA sotto forma di dimeri di pirimidina. Questo tipo di fototerapia è utile nel trattamento della psoriasi perché la formazione di questi dimeri interferisce con il ciclo cellulare e lo interrompe. L'interruzione del ciclo cellulare indotta da NBUVB si oppone alla caratteristica rapida divisione delle cellule della pelle osservate nella psoriasi.(76) L'attività di molti tipi di cellule immunitarie presenti nella pelle è anche efficacemente soppressa dai trattamenti di fototerapia NBUVB. L'effetto collaterale a breve termine più comune di questa forma di fototerapia è il rossore della pelle; effetti collaterali meno comuni della fototerapia NBUVB sono prurito e formazione di vesciche sulla pelle trattata, irritazione degli occhi sotto forma di infiammazione congiuntivale o infiammazione della cornea o herpes labiale dovuta alla riattivazione del virus dell'herpes simplex nella pelle che circonda le labbra. La protezione degli occhi viene generalmente somministrata durante i trattamenti di fototerapia.(76)

La fototerapia con psoraleni e ultravioletti A (terapia PUVA (PUVA)) combina la somministrazione orale o topica di psoraleni con l'esposizione alla luce ultravioletta A (UVA). Il meccanismo d'azione di PUVA è sconosciuto, ma probabilmente comporta l'attivazione di psoraleni da parte della luce UVA, che inibisce la produzione anormalmente rapida delle cellule nella pelle psoriasica. Esistono molteplici meccanismi d'azione associati al PUVA, inclusi gli effetti sul sistema immunitario della pelle. PUVA è associato a nausea, mal di testa, affaticamento, bruciore e prurito. Il trattamento a lungo termine è associato al carcinoma a cellule squamose (ma non al melanoma).(36)(80) Una terapia di combinazione per la psoriasi da moderata a grave che utilizza PUVA più acitretina ha prodotto benefici, ma l'uso di acitretina è stato associato a difetti alla nascita e danni al fegato.(81)

Agenti sistemici(modificare)

La psoriasi resistente al trattamento topico e alla fototerapia possono essere trattate con terapie sistemiche, compresi i farmaci per via orale o trattamenti iniettabili.(82) Le persone sottoposte a trattamento sistemico devono sottoporsi a regolari test di funzionalità del sangue e del fegato per verificare la tossicità dei farmaci.(82) La gravidanza deve essere evitata per la maggior parte di questi trattamenti. La maggior parte delle persone manifesta una recidiva della psoriasi dopo l'interruzione del trattamento sistemico.

I trattamenti sistemici non biologici frequentemente utilizzati per la psoriasi comprendono metotrexato, ciclosporina, idrossicarbamide, fumarati come dimetilfumarato e retinoidi.(83) Il metotrexato e la ciclosporina sono farmaci che sopprimono il sistema immunitario; i retinoidi sono forme sintetiche di vitamina A. Questi agenti sono anche considerati trattamenti di prima linea per l'eritroderma psoriasico.(14) I corticosteroidi orali non devono essere utilizzati, poiché possono svasare gravemente la psoriasi alla loro interruzione.(84)

I biologici sono proteine ​​prodotte che interrompono il processo immunitario coinvolto nella psoriasi. A differenza delle terapie mediche immunosoppressive generalizzate come il metotrexato, i biologici prendono di mira aspetti specifici del sistema immunitario che contribuiscono alla psoriasi.(83) Questi farmaci sono generalmente ben tollerati e dati limitati sui risultati a lungo termine hanno dimostrato che i biologici sono sicuri per l'uso a lungo termine nella psoriasi a placche da moderata a grave.(83)(85) Tuttavia, a causa delle loro azioni immunosoppressive, i prodotti biologici sono stati associati a un piccolo aumento del rischio di infezione.(83)

Le linee guida considerano i biologici come trattamento di terza linea per la psoriasi a placche a seguito di una risposta inadeguata al trattamento topico, alla fototerapia e ai trattamenti sistemici non biologici.(85) La sicurezza dei farmaci biologici durante la gravidanza non è stata valutata. Le linee guida europee raccomandano di evitare i farmaci biologici se è prevista una gravidanza; le terapie anti-TNF come infliximab non sono raccomandate per l'uso in portatori cronici del virus dell'epatite B o in soggetti infetti da HIV.(83)

Several monoclonal antibodies target cytokines, the molecules that cells use to send inflammatory signals to each other. TNF-α is one of the main executor inflammatory cytokines. Four monoclonal antibodies (MAbs) (infliximab, adalimumab, golimumab, and certolizumab pegol) and one recombinant TNF-α decoy receptor, etanercept, have been developed to inhibit TNF-α signaling. Additional monoclonal antibodies, such as ixekizumab,(86) have been developed against pro-inflammatory cytokines(87) and inhibit the inflammatory pathway at a different point than the anti-TNF-α antibodies.(30) IL-12 and IL-23 share a common domain, p40, which is the target of the FDA-approved ustekinumab.(32) In 2017 the US FDA approved guselkumab for plaque psoriasis.(88) There have been few studies of the efficacy of anti-TNF medications for psoriasis in children. One randomized control study suggested that 12 weeks of etanercept treatment reduced the extent of psoriasis in children with no lasting adverse effects.(89)

Two medications that target T cells are efalizumab and alefacept. Efalizumab is a monoclonal antibody that specifically targets the CD11a subunit of LFA-1.(83) It also blocks the adhesion molecules on the endothelial cells that line blood vessels, which attract T cells. Efalizumab was voluntarily withdrawn from the European market in February 2009, and from the U.S. market in June 2009, by the manufacturer due to the medication's association with cases of progressive multifocal leukoencephalopathy.(83) Alefacept also blocks the molecules that dendritic cells use to communicate with T cells and even causes natural killer cells to kill T cells as a way of controlling inflammation.(30) Apremilast may also be used.(12)

Individuals with psoriasis may develop neutralizing antibodies against monoclonal antibodies. Neutralization occurs when an antidrug antibody prevents a monoclonal antibody such as infliximab from binding antigen in a laboratory test. Specifically, neutralization occurs when the antidrug antibody binds to infliximab's antigen binding site instead of TNF-α. When infliximab no longer binds tumor necrosis factor alpha, it no longer decreases inflammation, and psoriasis may worsen. Neutralizing antibodies have not been reported against etanercept, a biologic medication that is a fusion protein composed of two TNF-α receptors. The lack of neutralizing antibodies against etanercept is probably secondary to the innate presence of the TNF-α receptor, and the development of immune tolerance.(90)

A 2017 meta-analysis found that ixekizumab, secukinumab, brodalumab, guselkumab, certolizumab, and ustekinumab were the most effective biologics for treating psoriasis.(91)(92) In general, anti-IL17, anti-IL12/23, anti-IL23, and anti-TNF alpha biologics were found to be more effective than traditional systemic treatments.(91) The immunologic pathways of psoriasis involve TH-9, TH-22, TH-17 and TH-1 lymphocytes, and the above biologics hinder different aspects of these pathways.(citation needed)

Another treatment for moderate to severe psoriasis is fumaric acid esters (FAE) which may be similar in effectiveness to methotrexate.(93)

Surgery(edit)

Limited evidence suggests removal of the tonsils may benefit people with chronic plaque psoriasis, guttate psoriasis, and palmoplantar pustulosis.(94)(95)

Diet(edit)

Uncontrolled studies have suggested that individuals with psoriasis or psoriatic arthritis may benefit from a diet supplemented with fish oil rich in eicosapentaenoic acid (EPA) and docosahexaenoic acid (DHA).(96) A low-calorie diet appears to improve the severity of psoriasis.(37) Diet recommendations include consumption of cold water fish (preferably wild fish, not farmed) such as salmon, herring, and mackerel; extra virgin olive oil; legumes; vegetables; fruits; and whole grains; and avoid consumption of alcohol, red meat, and dairy products (due to their saturated fat). The effect of consumption of caffeine (including coffee, black tea, mate, and dark chocolate) remains to be determined.(97)

There is a higher rate of celiac disease among people with psoriasis.(97)(98) When adopting a gluten-free diet, disease severity generally decreases in people with celiac disease and those with anti-gliadin antibodies.(96)(99)(100)

Prognosis(edit)

Most people with psoriasis experience nothing more than mild skin lesions that can be treated effectively with topical therapies.(68)

Psoriasis is known to have a negative impact on the quality of life of both the affected person and the individual's family members.(32) Depending on the severity and location of outbreaks, individuals may experience significant physical discomfort and some disability. Itching and pain can interfere with basic functions, such as self-care and sleep.(47) Participation in sporting activities, certain occupations, and caring for family members can become difficult activities for those with plaques located on their hands and feet.(47) Plaques on the scalp can be particularly embarrassing, as flaky plaque in the hair can be mistaken for dandruff.(101)

Individuals with psoriasis may feel self-conscious about their appearance and have a poor self-image that stems from fear of public rejection and psychosexual concerns. Psoriasis has been associated with low self-esteem and depression is more common among those with the condition.(3) People with psoriasis often feel prejudiced against due to the commonly held incorrect belief that psoriasis is contagious.(47) Psychological distress can lead to significant depression and social isolation; a high rate of thoughts about suicide has been associated with psoriasis.(21) Many tools exist to measure the quality of life of people with psoriasis and other dermatological disorders. Clinical research has indicated individuals often experience a diminished quality of life.(102) Children with psoriasis may encounter bullying.(103)

Several conditions are associated with psoriasis. These occur more frequently in older people. Nearly half of individuals with psoriasis over the age of 65 have at least three comorbidities (concurrent conditions), and two-thirds have at least two comorbidities.(104)

Cardiovascular disease(edit)

Psoriasis has been associated with obesity(3) and several other cardiovascular and metabolic disturbances. The number of new cases per year of diabetes is 27% higher in people affected by psoriasis than in those without the condition.(105) Severe psoriasis may be even more strongly associated with the development of diabetes than mild psoriasis.(105) Younger people with psoriasis may also be at increased risk for developing diabetes.(104)(106) Individuals with psoriasis or psoriatic arthritis have a slightly higher risk of heart disease and heart attacks when compared to the general population. Cardiovascular disease risk appeared to be correlated with the severity of psoriasis and its duration. There is no strong evidence to suggest that psoriasis is associated with an increased risk of death from cardiovascular events. Methotrexate may provide a degree of protection for the heart.(36)(104)

The odds of having hypertension are 1.58 times higher in people with psoriasis than those without the condition; these odds are even higher with severe cases of psoriasis. A similar association was noted in people who have psoriatic arthritis—the odds of having hypertension were found to be 2.07 times greater when compared to odds of the general population. The link between psoriasis and hypertension is not currently(when?) understood. Mechanisms hypothesized to be involved in this relationship include the following: dysregulation of the renin–angiotensin system, elevated levels of endothelin 1 in the blood, and increased oxidative stress.(106)(107) The number of new cases of the heart rhythm abnormality atrial fibrillation is 1.31 times higher in people with mild psoriasis and 1.63 times higher in people with severe psoriasis.(108) There may be a slightly increased risk of stroke associated with psoriasis, especially in severe cases.(36)(109) Treating high levels of cholesterol with statins has been associated with decreased psoriasis severity, as measured by PASI score, and has also been associated with improvements in other cardiovascular disease risk factors such as markers of inflammation.(110) These cardioprotective effects are attributed to ability of statins to improve blood lipid profile and because of their anti-inflammatory effects. Statin use in those with psoriasis and hyperlipidemia was associated with decreased levels of high-sensitivity C-reactive protein and TNFα as well as decreased activity of the immune protein LFA-1.(110) Compared to individuals without psoriasis, those affected by psoriasis are more likely to satisfy the criteria for metabolic syndrome.(18)(108)

Other diseases(edit)

The rates of Crohn disease and ulcerative colitis are increased when compared with the general population, by a factor of 3.8 and 7.5 respectively.(3) People with psoriasis also have a higher risk of celiac disease.(97)(100) Few studies have evaluated the association of multiple sclerosis with psoriasis, and the relationship has been questioned.(3)(111) Psoriasis has been associated with a 16% increase in overall relative risk for non-skin cancer.(36) People with psoriasis have a 52% increased risk cancers of the lung and bronchus, a 205% increase in the risk of developing cancers of the upper gastrointestinal tract, a 31% increase in the risk of developing cancers of the urinary tract, a 90% increase in the risk of developing liver cancer, and a 46% increase in the risk of developing pancreatic cancer.(36) The risk for development of non-melanoma skin cancers is also increased. Psoriasis increases the risk of developing squamous cell carcinoma of the skin by 431% and increases the risk of basal cell carcinoma by 100%.(36) There is no increased risk of melanoma associated with psoriasis.(36) People with psoriasis have a higher risk of developing cancer.(112)

Epidemiology(edit)

Psoriasis is estimated to affect 2–4% of the population of the western world.(8) The rate of psoriasis varies according to age, region and ethnicity; a combination of environmental and genetic factors is thought to be responsible for these differences.(8) It can occur at any age, although it most commonly appears for the first time between the ages of 15 and 25 years. Approximately one third of people with psoriasis report being diagnosed before age 20.(113) Psoriasis affects both sexes equally.(58)

Psoriasis affects about 6.7 million Americans and occurs more frequently in adults.(5)

People with inflammatory bowel disease such as Crohn disease or ulcerative colitis are at an increased risk of developing psoriasis.(44) Psoriasis is more common in countries farther from the equator.(44) Persons of white European ancestry are more likely to have psoriasis and the condition is relatively uncommon in African Americans and extremely uncommon in Native Americans.(45)

History(edit)

Scholars believe psoriasis to have been included among the various skin conditions called tzaraath (translated as leprosy) in the Hebrew Bible, a condition imposed as a punishment for slander. The person was deemed “impure” (see tumah and taharah) during their afflicted phase and is ultimately treated by the kohen.(114) However, it is more likely that this confusion arose from the use of the same Greek term for both conditions. The Greeks used the term lepra (λεπρα) for scaly skin conditions. They used the term psora to describe itchy skin conditions.(114) It became known as Willan's lepra in the late 18th century when English dermatologists Robert Willan and Thomas Bateman differentiated it from other skin diseases. Leprosy, they said, is distinguished by the regular, circular form of patches, while psoriasis is always irregular. Willan identified two categories: leprosa graecorum e psora leprosa.(115)

Psoriasis is thought to have first been described in Ancient Rome by Cornelius Celsus.(116) The British dermatologist Thomas Bateman described a possible link between psoriasis and arthritic symptoms in 1813.(116)

The history of psoriasis is littered with treatments of dubious effectiveness and high toxicity. In the 18th and 19th centuries, Fowler's solution, which contains a poisonous and carcinogenic arsenic compound, was used by dermatologists as a treatment for psoriasis.(114) Mercury was also used for psoriasis treatment during this time period.(114) Sulfur, iodine, and phenol were also commonly used treatments for psoriasis during this era when it was incorrectly believed that psoriasis was an infectious disease.(114) Coal tars were widely used with ultraviolet light irradiation as a topical treatment approach in the early 1900s.(114)(117) During the same time period, psoriatic arthritis cases were treated with intravenously administered gold preparations in the same manner as rheumatoid arthritis.(117) All of these treatments have been replaced with modern topical and systemic therapies.

Etymology(edit)

The word psoriasi is from Greek ψωρίασις, meaning “itching condition” or “being itchy”(118) a partire dal psora, “itch” and -iasis, “action, condition”.

Society and culture(edit)

The International Federation of Psoriasis Associations (IFPA) is the global umbrella organization for national and regional psoriasis associations and also gathers the leading experts in psoriasis and psoriatic arthritis research for scientific conferences every three years.(119) The Psoriasis International Network, a program of the Fondation René Touraine, gathers dermatologists, rheumatologists and other caregivers involved in the management of psoriasis.
Non-profit organizations the National Psoriasis Foundation in the United States, the Psoriasis Association in the United Kingdom and Psoriasis Australia offer advocacy and education about psoriasis in their respective countries.

Cost(edit)

The annual cost for treating psoriasis in the United States is estimated as high as $32.5 billion, including $12.2 billion in direct costs. Pharmacy costs are the main source of direct expense, with biologic therapy the most prevalent. These costs increase significantly when co-morbid conditions such as heart disease, hypertension, diabetes, lung disease and psychiatric disorders are factored in. Expenses linked to co-morbidities are estimated at an additional $23,000 per person per year.(120)

Research(edit)

The role of insulin resistance in the pathogenesis of psoriasis is under investigation. Preliminary research has suggested that antioxidants such as polyphenols may have beneficial effects on the inflammation characteristic of psoriasis.(121)

Many novel medications being researched(when?) target the Th17/IL-23 axis,(121) particularly IL-23p19 inhibitors, as IL-23p19 is present in increased concentrations in psoriasis skin lesions while contributing less to protection against opportunistic infections.(122) Other cytokines such as IL-17 and IL-22 also have been targets for inhibition as they play important roles in the pathogenesis of psoriasis.(122) Another avenue of research has focused on the use of vascular endothelial growth factor inhibitors to treat psoriasis.(60) Oral agents being investigated(when?) as alternatives to medications administered by injection include Janus kinase inhibitors, protein kinase C inhibitors, mitogen-activated protein kinase inhibitors, and phosphodiesterase 4 inhibitors, all of which have proven effective in various phase 2 and 3 clinical trials.(121)(122) These agents have potentially severe side-effects due to their immunosuppressive mechanisms.(122)

Riferimenti(edit)

  1. ^ Jones D (2003) (1917). Peter Roach, James Hartmann, Jane Setter (eds.). English Pronouncing Dictionary. Cambridge: Cambridge University Press. ISBN 978-3-12-539683-8.
  2. ^ “Psoriasis”. Merriam-Webster Dictionary.
  3. ^ un' B c d e f g h i j k Menter A, Gottlieb A, Feldman SR, et al. (May 2008). “Guidelines of care for the management of psoriasis and psoriatic arthritis: Section 1. Overview of psoriasis and guidelines of care for the treatment of psoriasis with biologics”. Diario dell'American Academy of Dermatology. 58 (5): 826–50. doi:10.1016/j.jaad.2008.02.039. PMID 18423260.
  4. ^ un' B c d e f g h i j k l m n o p q r Boehncke WH, Schön MP (September 2015). “Psoriasis”. Lancet. 386 (9997): 983–94. doi:10.1016/S0140-6736(14)61909-7. PMID 26025581.
  5. ^ un' B c “Questions and Answers About Psoriasis”. www.niams.nih.gov. 12 April 2017. Archived from the original on 22 April 2017. Retrieved 22 April 2017.
  6. ^ un' B c d e f g h “Questions and Answers about Psoriasis”. National Institute of Arthritis and Musculoskeletal and Skin Diseases. October 2013. Archived from the original on 8 July 2015. Retrieved 1 July 2015.
  7. ^ GBD 2015 Disease and Injury Incidence and Prevalence Collaborators (8 October 2016). “Global, regional, and national incidence, prevalence, and years lived with disability for 310 diseases and injuries, 1990-2015: a systematic analysis for the Global Burden of Disease Study 2015”. Lancet. 388 (10053): 1545–1602. doi:10.1016/S0140-6736(16)31678-6. PMC 5055577. PMID 27733282.
  8. ^ un' B c d Parisi R, Symmons DP, Griffiths CE, et al. (February 2013). Identification and Management of Psoriasis and Associated ComorbidiTy (IMPACT) project team. “Global epidemiology of psoriasis: a systematic review of incidence and prevalence”. Journal of Investigative Dermatology. 133 (2): 377–85. doi:10.1038/jid.2012.339. PMID 23014338.
  9. ^ LeMone P, Burke K, Dwyer T, Levett-Jones T, Moxham L, Reid-Searl K (2015). Medical-Surgical Nursing. Pearson Higher Education AU. p. 454. ISBN 9781486014408.
  10. ^ Ely JW, Seabury Stone M (March 2010). “The generalized rash: part II. Diagnostic approach”. American Family Physician. 81 (6): 735–9. PMID 20229972. Archived from the original on 2 February 2014.
  11. ^ un' B c d e f g h i Jain S (2012). Dermatology : illustrated study guide and comprehensive board review. Springer. pp. 83–87. ISBN 978-1-4419-0524-6. Archived from the original on 8 September 2017.
  12. ^ un' B c d e Palfreeman AC, McNamee KE, McCann FE (March 2013). “New developments in the management of psoriasis and psoriatic arthritis: a focus on apremilast”. Drug Design, Development and Therapy. 7: 201–210. doi:10.2147/DDDT.S32713. PMC 3615921. PMID 23569359.
  13. ^ Colledge, N.R., Walker, B.R., Ralston, S.H., eds. (2010). Davidson's principles and practice of medicine (21st ed.). Edinburgh: Churchill Livingstone/Elsevier. pp. 1260–1. ISBN 978-0-7020-3084-0.
  14. ^ un' B Zattra E, Belloni Fortina A, Peserico A, et al. (May 2012). “Erythroderma in the era of biological therapies”. European Journal of Dermatology. 22 (2): 167–71. doi:10.1684/ejd.2011.1569. PMID 22321651.
  15. ^ Stanway A. “Erythrodermic psoriasis”. DermNet NZ. Archived from the original on 2 February 2014. Retrieved 16 March 2014.
  16. ^ un' B James, William, Berger, Timothy, Elston, Dirk (2005). Andrews' Diseases of the Skin: Clinical Dermatology (10th ed.). Saunders. pp. 191–7. ISBN 978-0-7216-2921-6.
  17. ^ Robinson A, Van Voorhees AS, Hsu S, et al. (2012). “Treatment of pustular psoriasis: From the Medical Board of the National Psoriasis Foundation”. Diario dell'American Academy of Dermatology. 67 (2): 279–88. doi:10.1016/j.jaad.2011.01.032. PMID 22609220.
  18. ^ un' B c d e f g h Raychaudhuri SK, Maverakis E, Raychaudhuri SP (January 2014). “Diagnosis and classification of psoriasis”. Autoimmunity Reviews. 13 (4–5): 490–5. doi:10.1016/j.autrev.2014.01.008. PMID 24434359.
  19. ^ un' B c d Weigle N, McBane S (May 2013). “Psoriasis”. American Family Physician. 87 (9): 626–33. PMID 23668525.
  20. ^ un' B c d Gudjonsson JE, Elder JT, Goldsmith LA, et al. (2012). “18: Psoriasis”. Fitzpatrick's Dermatology in General Medicine (8th ed.). McGraw-Hill. ISBN 978-0-07-166904-7.
  21. ^ un' B Gelmetti C (January 2009). “Therapeutic moisturizers as adjuvant therapy for psoriasis patients”. American Journal of Clinical Dermatology. 10 (Suppl 1): 7–12. doi:10.2165/0128071-200910001-00002. PMID 19209948.
  22. ^ un' B c Yesudian PD, Chalmers RJ, Warren RB, Griffiths CE (January 2012). “In search of oral psoriasis”. Archives of Dermatological Research. 304 (1): 1–5. doi:10.1007/s00403-011-1175-3. PMID 21927905.
  23. ^ Greenberg MS, Glick M, Ship JA, eds. (2008). Burket's oral medicine (11th ed.). Hamilton, Ont: BC Decker. pp. 103–4. ISBN 978-1-55009-345-2.
  24. ^ Reamy BV, Derby R, Bunt CW (March 2010). “Common tongue conditions in primary care”. American Family Physician. 81 (5): 627–34. PMID 20187599.
  25. ^ un' B Chimenti MS, Saraceno R, Chiricozzi A, et al. (April 2013). “Profile of certolizumab and its potential in the treatment of psoriatic arthritis”. Drug Design, Development and Therapy. 7: 339–48. doi:10.2147/DDDT.S31658. PMC 3633576. PMID 23620660.
  26. ^ un' B Goldenstein-Schainberg C, Favarato MH, Ranza R (January–February 2012). “Current and relevant concepts in psoriatic arthritis” (PDF). Revista Brasileira de Reumatologia. 52 (1): 98–106. doi:10.1590/s0482-50042012000100010. PMID 22286649. Archived (PDF) from the original on 13 April 2014.
  27. ^ Krawczyk-Wasielewska A, Skorupska E, Samborski W (April 2013). “Sacroiliac joint pain as an important element of psoriatic arthritis diagnosis”. Advances in Dermatology and Allergology. 30 (2): 108–12. doi:10.5114/pdia.2013.34161. PMC 3834688. PMID 24278057.
  28. ^ un' B Tan ES, Chong WS, Tey HL (December 2012). “Nail psoriasis: a review”. American Journal of Clinical Dermatology. 13 (6): 375–88. doi:10.2165/11597000-000000000-00000. PMID 22784035.
  29. ^ Krueger G, Ellis CN (2005). “Psoriasis—recent advances in understanding its pathogenesis and treatment”. Diario dell'American Academy of Dermatology. 53 (1 Suppl 1): S94–100. doi:10.1016/j.jaad.2005.04.035. PMID 15968269.
  30. ^ un' B c d e f g h i j k l m n Nestle FO, Kaplan DH, Barker J (2009). “Psoriasis”. New England Journal of Medicine. 361 (5): 496–509. doi:10.1056/NEJMra0804595. PMID 19641206.
  31. ^ Catherine H, Smith (17 August 2006). “Psoriasis and its management”. BMJ. 333 (7564): 380–384. doi:10.1136/bmj.333.7564.380. PMC 1550454. PMID 16916825. Archived from the original on 9 August 2016. Retrieved 8 October 2015.
  32. ^ un' B c d e f g Prieto-Pérez R, Cabaleiro T, Daudén E, et al. (August 2013). “Genetics of Psoriasis and Pharmacogenetics of Biological Drugs”. Autoimmune Diseases. 2013 (613086): 613086. doi:10.1155/2013/613086. PMC 3771250. PMID 24069534.
  33. ^ Jordan CT, Cao L, Roberson ED, et al. (May 2012). “Rare and common variants in CARD14, encoding an epidermal regulator of NF-kappaB, in psoriasis”. The American Journal of Human Genetics. 90 (5): 796–808. doi:10.1016/j.ajhg.2012.03.013. PMC 3376540. PMID 22521419.
  34. ^ Jordan CT, Cao L, Roberson ED, et al. (May 2012). “PSORS2 is due to mutations in CARD14”. The American Journal of Human Genetics. 90 (5): 784–795. doi:10.1016/j.ajhg.2012.03.012. PMC 3376640. PMID 22521418.
  35. ^ un' B Clarke P (July 2011). “Psoriasis” (PDF). Australian Family Physician. 40 (7): 468–73. PMID 21743850.
  36. ^ un' B c d e f g h Richard MA, Barnetche T, Horreau C, et al. (August 2013). “Psoriasis, cardiovascular events, cancer risk and alcohol use: evidence-based recommendations based on systematic review and expert opinion”. Journal of the European Academy of Dermatology and Venereology. 27 (Supplement 3): 2–11. doi:10.1111/jdv.12162. PMID 23845148.
  37. ^ un' B c Ko SH, Chi CC, Yeh ML, et al. (16 July 2019). “Lifestyle changes for treating psoriasis”. Cochrane Database Syst Rev. 7: CD011972. doi:10.1002/14651858.CD011972.pub2. PMC 6629583. PMID 31309536. CD011972.
  38. ^ un' B c Cedeno-Laurent F, Gómez-Flores M, Mendez N, et al. (January 2011). “New insights into HIV-1-primary skin disorders”. Journal of the International AIDS Society. 14 (5): 5. doi:10.1186/1758-2652-14-5. PMC 3037296. PMID 21261982.
  39. ^ Fife DJ, Waller JM, Jeffes EW, et al. (May 2007). “Unraveling the Paradoxes of HIV-associated Psoriasis: A Review of T-cell Subsets and Cytokine Profiles”. Dermatology Online Journal. 13 (2). Archived from the original on 21 April 2008.
  40. ^ un' B Wong T, Hsu L, Liao W (January–February 2013). “Phototherapy in psoriasis: a review of mechanisms of action”. Journal of Cutaneous Medicine and Surgery. 17 (1): 6–12. doi:10.2310/7750.2012.11124. PMC 3736829. PMID 23364144.
  41. ^ Martin DA, Towne JE, Kricorian G, et al. (January 2013). “The emerging role of IL-17 in the pathogenesis of psoriasis: preclinical and clinical findings”. Journal of Investigative Dermatology. 133 (1): 17–26. doi:10.1038/jid.2012.194. PMC 3568997. PMID 22673731.
  42. ^ “Images of Memorable Cases: Case 34”. Connexions. Rice University. This AIDS patient presented with a pruritic eruption over most of his body
  43. ^ Fry, L; Baker, BS (2007). “Triggering psoriasis: the role of infections and medications”. Clinics in Dermatology. 25 (6): 606–15. doi:10.1016/j.clindermatol.2007.08.015. PMID 18021899.
  44. ^ un' B c Guerra I, Gisbert JP (January 2013). “Onset of psoriasis in patients with inflammatory bowel disease treated with anti-TNF agents”. Expert Review of Gastroenterology & Hepatology. 7 (1): 41–8. doi:10.1586/egh.12.64. PMID 23265148.
  45. ^ un' B c d e Weller R, John AA Hunter, John Savin, Mark Dahl (2008). Clinical dermatology (4th ed.). Malden, MA: Blackwell. pp. 54–70. ISBN 978-1-4443-0009-3.
  46. ^ un' B c Ouyang W (December 2010). “Distinct roles of IL-22 in human psoriasis and inflammatory bowel disease”. Cytokine & Growth Factor Reviews. 21 (6): 435–41. doi:10.1016/j.cytogfr.2010.10.007. PMID 21106435.
  47. ^ un' B c d Parrish L. (2012). “Psoriasis: symptoms, treatments and its impact on quality of life”. British Journal of Community Nursing. 17 (11): 524–528. doi:10.12968/bjcn.2012.17.11.524. PMID 23124421.
  48. ^ Baliwag, Jaymie; Barnes, Drew H.; Johnston, Andrew (1 June 2015). “Cytokines in psoriasis”. Cytokine. Skin Disease, Immune Response and Cytokines. 73 (2): 342–350. doi:10.1016/j.cyto.2014.12.014. PMC 4437803. PMID 25585875.
  49. ^ Roberson ED, Bowcock AM (September 2010). “Psoriasis genetics: breaking the barrier”. Trends in Genetics. 26 (9): 415–23. doi:10.1016/j.tig.2010.06.006. PMC 2957827. PMID 20692714.
  50. ^ Ramos-e-Silva M; Jacques Cd (May–June 2012). “Epidermal barrier function and systemic diseases”. Clinics in Dermatology. 30 (3): 277–9. doi:10.1016/j.clindermatol.2011.08.025. PMID 22507041.
  51. ^ un' B Dombrowski Y, Schauber J (May 2012). “Cathelicidin LL-37: a defense molecule with a potential role in psoriasis pathogenesis”. Experimental Dermatology. 21 (5): 327–30. doi:10.1111/j.1600-0625.2012.01459.x. PMID 22509827.
  52. ^ un' B c Mudigonda P, Mudigonda T, Feneran AN, et al. (October 2012). “Interleukin-23 and interleukin-17: importance in pathogenesis and therapy of psoriasis”. Dermatology Online Journal. 18 (10): 1. PMID 23122008. Archived from the original on 31 March 2016.
  53. ^ Giang, Jenny; Seelen, Marc A. J.; van Doorn, Martijn B. A.; Rissmann, Robert; Prens, Errol P.; Damman, Jeffrey (2018). “Complement Activation in Inflammatory Skin Diseases”. Frontiers in Immunology. 9: 639. doi:10.3389/fimmu.2018.00639. ISSN 1664-3224. PMC 5911619. PMID 29713318.
  54. ^ Johnson MA, Armstrong AW (2012). “Clinical and Histologic Diagnostic Guidelines for Psoriasis: A Critical Review”. Clinical Reviews in Allergy & Immunology. 44 (2): 166–72. doi:10.1007/s12016-012-8305-3. PMID 22278173.
  55. ^ Kunz M, Ibrahim SM (2009). “Cytokines and cytokine profiles in human autoimmune diseases and animal models of autoimmunity”. Mediators of Inflammation. 2009: 1–20. doi:10.1155/2009/979258. PMC 2768824. PMID 19884985.
  56. ^ “Application to Dermatology of International Classification of Disease (ICD-10)”. The International League of Dermatological Societies. Archived from the original on 9 July 2006.
  57. ^ Freedberg, Irwin M., Fitzpatrick, Thomas B. (2003). Fitzpatrick's dermatology in general medicine (6th ed.). McGraw-Hill. p. 414. ISBN 978-0-07-138076-8.
  58. ^ un' B Kupetsky EA, Keller M (November–December 2013). “Psoriasis vulgaris: an evidence-based guide for primary care”. The Journal of the American Board of Family Medicine. 26 (6): 787–801. doi:10.3122/jabfm.2013.06.130055. PMID 24204077.
  59. ^ Griffiths CE, Christophers E, Barker JN, et al. (February 2007). “A classification of psoriasis vulgaris according to phenotype”. British Journal of Dermatology. 156 (2): 258–62. doi:10.1111/j.1365-2133.2006.07675.x. PMID 17223864.
  60. ^ un' B Weidemann AK, Crawshaw AA, Byrne E, et al. (September 2013). “Vascular endothelial growth factor inhibitors: investigational therapies for the treatment of psoriasis”. Clinical, Cosmetic and Investigational Dermatology. 6: 233–44. doi:10.2147/CCID.S35312. PMC 3790838. PMID 24101875.
  61. ^ Han R, Rostami-Yazdi M, Gerdes S, et al. (September 2013). “Triptolide in the treatment of psoriasis and other immune-mediated inflammatory diseases”. British Journal of Clinical Pharmacology. 74 (3): 424–36. doi:10.1111/j.1365-2125.2012.04221.x. PMC 3477344. PMID 22348323.
  62. ^ Quatresooz P, Hermanns-Lê T, Piérard GE, et al. (June 2012). “Ustekinumab in psoriasis immunopathology with emphasis on the Th17-IL23 axis: a primer”. Journal of Biomedicine and Biotechnology. 2012 (147413): 147413. doi:10.1155/2012/147413. PMC 3384985. PMID 22754278.
  63. ^ un' B Mrowietz U, Kragballe K, Reich K, et al. (January 2011). “Definition of treatment goals for moderate to severe psoriasis: a European consensus”. Archives of Dermatological Research. 303 (1): 1–10. doi:10.1007/s00403-010-1080-1. PMC 3016217. PMID 20857129.
  64. ^ Mease PJ (November 2011). “Measures of psoriatic arthritis: Tender and Swollen Joint Assessment, Psoriasis Area and Severity Index (PASI), Nail Psoriasis Severity Index (NAPSI), Modified Nail Psoriasis Severity Index (mNAPSI), Mander/Newcastle Enthesitis Index (MEI), Leeds Enthesitis Index (LEI), Spondyloarthritis Research Consortium of Canada (SPARCC), Maastricht Ankylosing Spondylitis Enthesis Score (MASES), Leeds Dactylitis Index (LDI), Patient Global for Psoriatic Arthritis, Dermatology Life Quality Index (DLQI), Psoriatic Arthritis Quality of Life (PsAQOL), Functional Assessment of Chronic Illness Therapy-Fatigue (FACIT-F), Psoriatic Arthritis Response Criteria (PsARC), Psoriatic Arthritis Joint Activity Index (PsAJAI), Disease Activity in Psoriatic Arthritis (DAPSA), and Composite Psoriatic Disease Activity Index (CPDAI)”. Arthritis Care & Research. 63 (Supplement 11): S64–85. doi:10.1002/acr.20577. PMID 22588772.
  65. ^ “Psoriasis Update”. Skin & Aging. 14 (3): 46–50. 2006. Archived from the original on 2 March 2011.
  66. ^ Louden BA, Pearce DJ, Lang W, et al. (2004). “A Simplified Psoriasis Area Severity Index (SPASI) for rating psoriasis severity in clinic patients”. Dermatology Online Journal. 10 (2): 7. PMID 15530297.
  67. ^ un' B c d e Menter A, Griffiths CE (July 2007). “Current and future management of psoriasis”. Lancet. 370 (9583): 272–84. doi:10.1016/S0140-6736(07)61129-5. PMID 17658398.
  68. ^ un' B Samarasekera EJ, Sawyer L, Wonderling D, et al. (2013). “Topical therapies for the treatment of plaque psoriasis: systematic review and network meta-analyses”. British Journal of Dermatology. 168 (5): 954–67. doi:10.1111/bjd.12276. PMID 23413913.
  69. ^ un' B Mason AR, Mason J, Cork M, et al. (March 2013). “Topical treatments for chronic plaque psoriasis” (PDF). Cochrane Database Syst Rev (3): CD005028. doi:10.1002/14651858.CD005028.pub3. PMID 23543539. CD005028.
  70. ^ un' B Schlager JG, Rosumeck S, Werner RN, et al. (26 February 2016). “Topical treatments for scalp psoriasis”. Cochrane Database Syst Rev. 2 (2): CD009687. doi:10.1002/14651858.CD009687.pub2. ISSN 1469-493X. PMID 26915340. CD009687.
  71. ^ un' B Asztalos ML, Heller MM, Lee ES, et al. (May 2013). “The impact of emollients on phototherapy: a review”. Diario dell'American Academy of Dermatology. 68 (5): 817–24. doi:10.1016/j.jaad.2012.05.034. PMID 23399460.
  72. ^ Menter A, Korman NJ, Elmets CA, et al. (2009). “Guidelines of care for the management of psoriasis and psoriatic arthritis: Section 3. Guidelines of care for the management and treatment of psoriasis with topical therapies”. Diario dell'American Academy of Dermatology. 60 (4): 643–59. doi:10.1016/j.jaad.2008.12.032. PMID 19217694.
  73. ^ Soleymani, T; Hung, T; Soung, J (April 2015). “The role of vitamin D in psoriasis: a review”. International Journal of Dermatology. 54 (4): 383–92. doi:10.1111/ijd.12790. PMID 25601579.
  74. ^ un' B c Halverstam CP, Lebwohl M (September–October 2008). “Nonstandard and off-label therapies for psoriasis”. Clinics in Dermatology. 26 (5): 546–53. doi:10.1016/j.clindermatol.2007.10.023. PMID 18755374.
  75. ^ un' B c Katz U, Shoenfeld Y, Zakin V, et al. (October 2012). “Scientific evidence of the therapeutic effects of dead sea treatments: a systematic review”. Seminars in Arthritis and Rheumatism. 42 (2): 186–200. doi:10.1016/j.semarthrit.2012.02.006. PMID 22503590.
  76. ^ un' B c Dogra S, De D (November–December 2010). “Narrowband ultraviolet B in the treatment of psoriasis: the journey so far!”. Indian Journal of Dermatology, Venereology, and Leprology. 76 (6): 652–61. doi:10.4103/0378-6323.72461. PMID 21079308.
  77. ^ Chen X, Yang M, Cheng Y, et al. (23 October 2013). “Narrow-band ultraviolet B phototherapy versus broad-band ultraviolet B or psoralen-ultraviolet A photochemotherapy for psoriasis”. Cochrane Database Syst Rev (10): CD009481. doi:10.1002/14651858.CD009481.pub2. ISSN 1465-1858. PMID 24151011. CD009481.
  78. ^ un' B Radack, KP; Farhangian, ME; Anderson, KL; Feldman, SR (March 2015). “A review of the use of tanning beds as a dermatological treatment”. Dermatology and Therapy. 5 (1): 37–51. doi:10.1007/s13555-015-0071-8. PMC 4374067. PMID 25735439.
  79. ^ World Health Organization (15 June 2017). Artificial tanning devices: public health interventions to manage sunbeds. World Health Organization (WHO). hdl:10665/255695. ISBN 9789241512596.
  80. ^ Lapolla W, Yentzer BA, Bagel J, et al. (May 2011). “A review of phototherapy protocols for psoriasis treatment”. Diario dell'American Academy of Dermatology. 64 (5): 936–49. doi:10.1016/j.jaad.2009.12.054. PMID 21429620.
  81. ^ Dunn LK, Gaar LR, Yentzer BA, et al. (July 2011). “Acitretin in dermatology: a review”. Journal of Drugs in Dermatology. 10 (7): 772–82. PMID 21720660.
  82. ^ un' B Dogra S, Mahajan R (August 2013). “Systemic methotrexate therapy for psoriasis: past, present and future”. Clinical and Experimental Dermatology. 38 (6): 573–88. doi:10.1111/ced.12062. PMID 23837932.
  83. ^ un' B c d e f g Rustin, MH (November 2012). “Long-term safety of biologics in the treatment of moderate-to-severe plaque psoriasis: review of current data”. British Journal of Dermatology. 167 (Suppl 3): 3–11. doi:10.1111/j.1365-2133.2012.11208.x. PMID 23082810.
  84. ^ “Learning module: Psoriasis | American Academy of Dermatology”. www.aad.org. Archived from the original on 27 March 2017. Retrieved 26 March 2017.
  85. ^ un' B Griffiths, CE (November 2012). “Biologics for psoriasis: current evidence and future use”. British Journal of Dermatology. 167 (Suppl 3): 1–2. doi:10.1111/j.1365-2133.2012.11207.x. PMID 23082809.
  86. ^ Farahnik, B; Beroukhim, K; Zhu, TH; Abrouk, M; Nakamura, M; Singh, R; Lee, K; Bhutani, T; Koo, J (March 2016). “Ixekizumab for the Treatment of Psoriasis: A Review of Phase III Trials”. Dermatology and Therapy. 6 (1): 25–37. doi:10.1007/s13555-016-0102-0. PMC 4799032. PMID 26910853.
  87. ^ Hueber W, Patel DD, Dryja T, et al. (October 2010). “Effects of AIN457, a fully human antibody to interleukin-17A, on psoriasis, rheumatoid arthritis, and uveitis”. Science Translational Medicine. 2 (52): 52ra72. doi:10.1126/scitranslmed.3001107. PMID 20926833.
  88. ^ Novel Drug Approvals for 2017 Archived 2017-06-29 at the Wayback Machine
  89. ^ Sanclemente G, Murphy R, Contreras J, et al. (24 November 2015). “Anti-TNF agents for paediatric psoriasis”. Cochrane Database Syst Rev (11): CD010017. doi:10.1002/14651858.CD010017.pub2. ISSN 1465-1858. PMC 6493213. PMID 26598969. CD010017.
  90. ^ Harding FA, Stickler MM, Razo J, et al. (2010). “The immunogenicity of humanized and fully human antibodies: residual immunogenicity resides in the CDR regions”. mAbs. 2 (3): 256–65. doi:10.4161/mabs.2.3.11641. PMC 2881252. PMID 20400861.
  91. ^ un' B Sbidian E, Chaimani A, Garcia-Doval I, et al. (22 December 2017). “Systemic pharmacological treatments for chronic plaque psoriasis: a network meta-analysis”. Cochrane Database Syst Rev. 12: CD011535. doi:10.1002/14651858.CD011535.pub2. ISSN 1465-1858. PMC 6486272. PMID 29271481. CD011535.
  92. ^ Campa M, Mansouri B, Warren R, et al. (March 2016). “A Review of Biologic Therapies Targeting IL-23 and IL-17 for Use in Moderate-to-Severe Plaque Psoriasis”. Dermatol Ther (Heidelb). 6 (1): 1–12. doi:10.1007/s13555-015-0092-3. PMC 4799039. PMID 26714681.
  93. ^ Atwan A, Ingram JR, Abbott R, et al. (10 August 2015). “Oral fumaric acid esters for psoriasis”. Cochrane Database Syst Rev (8): CD010497. doi:10.1002/14651858.CD010497.pub2. ISSN 1465-1858. PMC 6464505. PMID 26258748. CD010497.
  94. ^ Wu W, Debbaneh M, Moslehi H, et al. (December 2014). “Tonsillectomy as a treatment for psoriasis: a review”. Journal of Dermatological Treatment. 25 (6): 482–6. doi:10.3109/09546634.2013.848258. PMC 4620715. PMID 24283892.
  95. ^ Sigurdardottir SL, Thorleifsdottir RH, Valdimarsson H, et al. (February 2013). “The role of the palatine tonsils in the pathogenesis and treatment of psoriasis” (PDF). British Journal of Dermatology. 168 (2): 237–42. doi:10.1111/j.1365-2133.2012.11215.x. hdl:2027.42/96289. PMID 22901242.
  96. ^ un' B Kaimal S, Thappa DM (2010). “Diet in dermatology: revisited”. Indian Journal of Dermatology, Venereology, and Leprology. 76 (2): 103–15. doi:10.4103/0378-6323.60540. PMID 20228538.
  97. ^ un' B c Barrea L, Nappi F, Di Somma C, et al. (July 2016). “Environmental Risk Factors in Psoriasis: The Point of View of the Nutritionist”. International Journal of Environmental Research and Public Health. 13 (5): 743. doi:10.3390/ijerph13070743. PMC 4962284. PMID 27455297.
  98. ^ Ni C, Chiu MW (2014). “Psoriasis and comorbidities: links and risks”. Clinical, Cosmetic and Investigational Dermatology (Review). 7: 119–32. doi:10.2147/CCID.S44843. PMC 4000177. PMID 24790463.
  99. ^ Leffler DA, Green PH, Fasano A (October 2015). “Extraintestinal manifestations of coeliac disease”. Nature Reviews Gastroenterology & Hepatology (Review). 12 (10): 561–71. doi:10.1038/nrgastro.2015.131. PMID 26260366.
  100. ^ un' B Bhatia BK, Millsop JW, Debbaneh M, et al. (2014). “Diet and psoriasis, part II: celiac disease and role of a gluten-free diet”. Diario dell'American Academy of Dermatology. 71 (2): 350–8. doi:10.1016/j.jaad.2014.03.017. PMC 4104239. PMID 24780176.
  101. ^ Dessinioti C, Katsambas A (2013). “Seborrheic dermatitis: etiology, risk factors, and treatments: facts and controversies”. Clinics in Dermatology. 31 (4): 343–51. doi:10.1016/j.clindermatol.2013.01.001. PMID 23806151.
  102. ^ Bhosle MJ, Kulkarni A, Feldman SR, et al. (2006). “Quality of life in patients with psoriasis”. Health and Quality of Life Outcomes. 4: 35. doi:10.1186/1477-7525-4-35. PMC 1501000. PMID 16756666.
  103. ^ Magin, P (January–February 2013). “Appearance-related bullying and skin disorders”. Clinics in Dermatology. 31 (1): 66–71. doi:10.1016/j.clindermatol.2011.11.009. PMID 23245976.
  104. ^ un' B c Habif TP (2010). “8”. Clinical dermatology a color guide to diagnosis and therapy (5th ed.). Edinburgh: Mosby Elsevier. ISBN 978-0-323-08037-8.
  105. ^ un' B Shlyankevich J, Mehta NN, Krueger JG, et al. (December 2014). “Accumulating Evidence for the Association and Shared Pathogenic Mechanisms Between Psoriasis and Cardiovascular-related Comorbidities”. The American Journal of Medicine. 127 (12): 1148–53. doi:10.1016/j.amjmed.2014.08.008. PMC 4259841. PMID 25149424.
  106. ^ un' B Armstrong AW, Harskamp CT, Armstrong EJ (January 2013). “Psoriasis and the risk of diabetes mellitus: a systematic review and meta-analysis”. JAMA Dermatology. 149 (1): 84–91. doi:10.1001/2013.jamadermatol.406. PMID 23407990.
  107. ^ Armstrong AW, Harskamp CT, Armstrong EJ (2013). “The association between psoriasis and hypertension: a systematic review and meta-analysis of observational studies”. Journal of Hypertension. 31 (3): 433–42. doi:10.1097/HJH.0b013e32835bcce1. PMID 23249828.
  108. ^ un' B Tablazon IL, Al-Dabagh A, Davis SA, et al. (February 2013). “Risk of cardiovascular disorders in psoriasis patients: current and future”. American Journal of Clinical Dermatology. 14 (1): 1–7. doi:10.1007/s40257-012-0005-5. PMID 23329076.
  109. ^ “Psoriasis Linked to Stroke Risk”. BBC. August 2011. Archived from the original on 28 August 2011.
  110. ^ un' B Ghazizadeh R, Tosa M, Ghazizadeh M (2011). “Clinical Improvement in Psoriasis with Treatment of Associated Hyperlipidemia”. The American Journal of the Medical Sciences. 341 (5): 394–8. doi:10.1097/MAJ.0b013e3181ff8eeb. PMID 21233693.
  111. ^ Hsu LN, Armstrong AW (November 2012). “Psoriasis and autoimmune disorders: a review of the literature”. Diario dell'American Academy of Dermatology. 67 (5): 1076–9. doi:10.1016/j.jaad.2012.01.029. PMID 23062896.
  112. ^ Trafford AM, Parisi R, Kontopantelis E, et al. (October 2019). “Association of Psoriasis With the Risk of Developing or Dying of Cancer: A Systematic Review and Meta-analysis”. JAMA Dermatol. doi:10.1001/jamadermatol.2019.3056. PMC 6802036. PMID 31617868. Lay summary – The New York Times (16 October 2019).
  113. ^ Benoit S, Hamm H (2007). “Childhood Psoriasis”. Clinics in Dermatology. 25 (6): 555–562. doi:10.1016/j.clindermatol.2007.08.009. PMID 18021892.
  114. ^ un' B c d e f Gruber F, Kastelan M, Brajac I (2004). “Psoriasis treatment—yesterday, today, and tomorrow”. Acta Dermatovenerologica Croatica. 12 (1): 30–4. PMID 15072746.
  115. ^ Meenan FO (March 1955). “A note on the history of psoriasis”. Irish Journal of Medical Science. 30 (351): 141–2. doi:10.1007/bf02949688. PMID 14353580.
  116. ^ un' B Benedek TG (June 2013). “Psoriasis and psoriatic arthropathy, historical aspects: part I”. Journal of Clinical Rheumatology. 19 (4): 193–8. doi:10.1097/RHU.0b013e318293eaeb. PMID 23669809.
  117. ^ un' B Benedek TG (June 2013). “Psoriasis and psoriatic arthropathy: historical aspects: part II”. Journal of Clinical Rheumatology. 19 (5): 267–71. doi:10.1097/RHU.0b013e31829d4ad4. PMID 23872545.
  118. ^ Ritchlin C, Fitzgerald, Oliver (2007). Psoriatic and Reactive Arthritis: A Companion to Rheumatology (1st ed.). Maryland Heights, MI: Mosby. p. 4. ISBN 978-0-323-03622-1. Archived from the original on 8 January 2017.
  119. ^ International Federation of Psoriasis Associations Archived 2008-11-21 at the Wayback Machine. Ifpa-pso.org. Retrieved on 2013-06-08.
  120. ^ Evans, C (June 2016). “Managed care aspects of psoriasis and psoriatic arthritis”. The American Journal of Managed Care. 22 (8 Suppl): s238–243. PMID 27356195. Archived from the original on 2 February 2017.
  121. ^ un' B c Dubois Declercq S, Pouliot R (July 2013). “Promising new treatments for psoriasis”. The Scientific World Journal. 2013 (980419): 980419. doi:10.1155/2013/980419. PMC 3713318. PMID 23935446.
  122. ^ un' B c d Patel M, Day A, Warren RB, et al. (December 2012). “Emerging Therapies for the Treatment of Psoriasis”. Dermatology and Therapy. 2 (1): 16. doi:10.1007/s13555-012-0016-4. PMC 3510410. PMID 23205338.

Further reading(edit)

External links(edit)

180 ms 8.9%
    Scribunto_LuaSandboxCallback::getEntity 100 ms 5.0%
100 ms 5.0%
    type 80 ms 4.0%
    Scribunto_LuaSandboxCallback::sub 60 ms 3.0%
    Scribunto_LuaSandboxCallback::callParserFunction 60 ms 3.0%
    (others) 560 ms 27.7%
->

Psorilax:Superare |psoriasi crema eos

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, come si usa

È una rivelazione piuttosto scioccante che una donna su cento affronti la condizione di pelle secca, squamosa e a chiazze e soffra di sintomi attivi di psoriasi. È una condizione autoimmune che provoca arrossamenti sulla superficie che non è solo scomodo ma anche imbarazzante. Senza una cura definitiva, sorge la domanda come prendersi cura della pelle incline alla psoriasi e comunque avere un bell'aspetto. Una soluzione semplice per cura della pelle psoriasi sotto controllo si prende cura del tuo corpo con idratazione routine di cura della pelle e pochi cambiamenti nello stile di vita.

Mentre i medici di solito prescrivono creme per ridurre le macchie rosse sulla pelle, queste creme non aiutano a lungo termine a recuperare il problema di fondo. La psoriasi fa sì che le cellule della pelle si moltiplichino continuamente a un ritmo molto più veloce. Ciò si traduce in una maggiore quantità di cellule per raggiungere la superficie esterna della pelle e muore presto, lasciando dietro di sé piccole squame bianche sollevate e coperte da placca.

Le ricerche hanno dimostrato che il miglioramento dell'immunità e il trattamento della psoriasi con ingredienti naturali e delicati possono tranquillizzarlo. In questo articolo, discuteremo come prendersi cura della pelle incline alla psoriasi e comunque avere un bell'aspetto.

Psoriasi Cura della pelle

Psoriasi Cura della pelle

1. Segui la dieta semplice

Per vedere il miglioramento della tua pelle incline alla psoriasi, pulisci la tua dieta e aumenta l'assunzione di nutrienti. Il miglior cibo per alleviare i sintomi sono alimenti probiotici, cibi ricchi di fibre, frutti di mare con acidi grassi omega, alimenti contenenti zinco, vitamina D, Vitamina A e verdure verdi.

2. Integratori naturali ed erbe per la cura della pelle della psoriasi

Puoi anche andare per rimedi naturali sotto forma di olio di pesce per ridurre l'infiammazione, cardo mariano per migliorare l'abbassamento delle reazioni e aumentare il potere digestivo rimuovendo i batteri cattivi, Vitamina B12 per aiutare a ridurre l'effetto dello stress.

3. Ottieni più basi giornaliere Sunshine

Si consiglia di provare a prendere almeno 20 minuti di sole ogni giorno per quasi 3-4 settimane. Può migliorare i sintomi aumentando il livello di vitamina D nel corpo. Indossa sempre SPF minimo 30 e prova ad assorbire quando non è il più forte.

4. Ridurre il livello di stress

Se il tuo corpo è sottoposto a stress fisico ed emotivo, la psoriasi può peggiorare. Se pratichi le tecniche di rilassamento per ridurre il livello di stress, noterai un grande miglioramento. Esercizi per alleviare lo stress come yoga, meditazione, passare il tempo all'aperto, possono tenere lontano l'infiammazione e rendere la pelle liscia e bella.

5. Idratare di più per la cura della pelle della psoriasi

Lasciare la pelle secca della psoriasi è un peccato perché i sintomi peggiorano. La soluzione sta usando naturale olii essenziali per idratare la pelle. Gli oli possono alleviare i sintomi come desquamazione, dolore e arrossamento. Mantieni la pelle ben idratata utilizzando oli densi, creme come olio di cocco, burro di karité e lozione per il burro fatta in casa. Idrata immediatamente dopo il bagno per sostenere la guarigione.

6. Utilizzare prodotti con catrame

L'unica soluzione premiata per il trattamento della pelle con la psoriasi utilizza prodotti di catrame. Uno dei modi più semplici è utilizzare i prodotti contenenti una certa quantità di catrame per il trattamento della pelle e del cuoio capelluto. Con l'uso continuo, vedrai il miglioramento della consistenza della pelle.

7. Utilizzare prodotti per la cura della pelle con ingredienti BHA e AHA

Le lozioni per il corpo e le creme contenenti AHA e BHA aiutano a ridurre le lesioni e le squame della psoriasi. L'ingrediente aiuta a legare l'acqua per una maggiore idratazione.

8. Evitare i profumi

La maggior parte dei profumi e dei saponi contiene coloranti e sostanze chimiche diverse che possono irritare la pelle e infiammare la condizione. Evita questi prodotti ogni volta che puoi o scegli quelli che sono etichettati come pelli sensibili.

9. Smetti di fumare

Evita di fumare in quanto può aumentare gli effetti collaterali e rendere le tue condizioni più gravi.

10. Bagno caldo

L'acqua tiepida con olio essenziale o latte può dare prurito e dare sollievo alla pelle. Idratare immediatamente dopo il bagno per trattenere l'umidità nella pelle.

Come prendersi cura della psoriasi?

1. Trucco e cura della pelle della psoriasi

Essere affetti da psoriasi può sicuramente influire sulla tua autostima. Se sei una femmina con placche rosse e a chiazze sul viso, potresti sentirti più consapevole. Ma ciò non significa che non puoi migliorare le tue funzionalità con il trucco, fortunatamente, i giusti prodotti di trucco possono aiutarti a ritrovare la tua fiducia.

Sebbene l'applicazione di normali prodotti per il trucco possa finire per asciugare un po 'la pelle, è necessario seguire alcuni consigli per ottenere il trucco e altri prodotti di bellezza come creme idratanti e detergenti.

Otteniamo ulteriori informazioni al riguardo.

un. Acquista con attenzione-

Mentre acquisti prodotti di bellezza per la tua pelle incline alla psoriasi, considera di cercare negozi specializzati in prodotti speciali per tale pelle.

Ti consigliamo di provare band come Sephora che è una catena internazionale con le sue sedi nelle principali città del paese. Questi marchi speciali portano una serie di linee di prodotti speciali con persone competenti per aiutarti nella ricerca. Comprendono le esigenze della nostra pelle e ti aiutano a trovare fondotinta e mascara adatti per abbinare il tono e anche qualcosa che idrata la pelle.

Esistono numerosi marchi che offrono prodotti di bellezza per la pelle estremamente sensibile. Dai un'occhiata, prova alcuni e trova quelli migliori che funzionano per te.

b. Guarda più da vicino agli ingredienti

  • Cerca gli ingredienti principali dei prodotti di bellezza. Sarai sorpreso di sapere che qualunque cosa funzioni normalmente, la pelle secca e grassa potrebbe non funzionare alla grande per la psoriasi. Pertanto, scegli la crema idratante con ingredienti come lipidi, ceramidi e AHA che trattengono l'umidità e aiutano la pelle a mantenere gli strati ben idratati, il che non è solo benefico clinicamente ma anche esteticamente per le persone che soffrono di psoriasi.
  • Il dermatologo ti dirà di evitare prodotti con alcool e altri agenti essiccanti. Cosmetici che sono etichettati come resistenti al sudore possono funzionare meglio per te perché non vengono assorbiti dalla pelle. Acquista prodotti con protezione solare integrata.

c. Focus sulle caratteristiche

  • Foundation crea la tela bianca e puoi migliorare occhi e labbra.
  • Sperimenta con mascara, ombretti e rossetti per evidenziare le tue migliori caratteristiche.
  • Primer crea molta differenza. Dermatologi ed esperti di bellezza concordano sul fatto che il primer aiuta a coprire la pelle della psoriasi e aiuta a levigare le macchie e le irregolarità sul viso.
  • La crema idratante viene assorbita e dona alla tua pelle una sensazione più morbida. Tuttavia, il primer forma lo strato esterno e crea uno strato uniforme di tela per il tuo trucco complessivo.

d. Rimuovilo a destra

  • Quando si seleziona per struccanti, utilizzare le formule delicate e a base di olio per pelli sensibili.
  • Evitare l'uso di scrub e abrasivi in ​​quanto possono irritare la pelle. Sei più sicuro quando sai che stai guardando al meglio, quindi non lasciare che la psoriasi ti impedisca di nascondere quel nuovo aspetto carino e fresco.

2. Cura della pelle da stress e psoriasi

Uno dei fattori chiave per comprendere la natura della psoriasi è il nostro stile di vita. Lo stress è uno dei principali fattori che possono scatenare la psoriasi. Per tenerlo sotto controllo, è necessario esercitare e allenarsi per rilasciare l'energia. Evitare di bere alcolici perché peggiora la psoriasi perché l'alcol può interferire con il trattamento e causare effetti collaterali quando viene combinato con il farmaco durante il trattamento della psoriasi.

un. Meditazione-

Meditazione è considerato un ottimo modo per rallentare i pensieri di stimolazione e portare chiarezza nelle nostre menti per alleviare l'ansia. Puoi provare da solo seduto sul pavimento con gli occhi chiusi e respira dolcemente. Concentrati sulla respirazione per migliorare le condizioni mentali e alleviare lo stress.

b. Esercizio-

L'aumento della produzione di endorfine migliora l'energia e l'umore. Aiuta anche a ridurre l'ansia e i disturbi del sonno. Lo studio ha dimostrato che le donne che esercitano su base regolare hanno probabilmente la mente più libera da stress e un corpo sano rispetto a quelli meno attivi. Quindi, se non sei attivo da un po ', alzati e riprendi l'esercizio.

c. Massaggio-

Il massaggio è un altro ottimo metodo per ridurre i livelli di stress intenso. Ha anche mostrato un miglioramento del dolore cronico, che è spesso correlato all'artrite psoriasica. Puoi optare per il massaggio professionale o ottenere i muscoli e unirti massaggiato dal tuo amico o partner. Evitare l'uso di oli che possono irritare le condizioni della pelle

d. Yoga-

Yoga è un grande stress buster. Ridurre il livello di stress può aiutare ad alleviare il prurito e il dolore delle placche. Tutto ciò che serve è dedicare 20-25 minuti al giorno allo yoga, che comporta stretching, respirazione e rafforzamento dei movimenti. Puoi seguire la lezione per apprendere le basi e poi esercitarti a casa dove puoi essere al tuo livello di comfort.

3. Rimedi naturali per la cura della pelle della psoriasi

Qui ci sono alcuni rimedi a base di erbe per prendersi cura della condizione della psoriasi.

un. Aleo Vera-

Applicare il gel di aloe vera direttamente dalla pianta per tre o quattro volte al giorno. Aiuta a ridurre il ridimensionamento e il rossore associati alla condizione della pelle.

b. Epsom Salt-

Aggiungi Epsom / sale marino morto all'acqua calda e immergi la pelle colpita per 15 minuti per aiutare a rimuovere le squame e anche il prurito. Applica una crema idratante sulla pelle non appena esci dalla vasca. Con l'applicazione continua, vedrai il miglioramento.

c. Olio dell'albero del tè-

L'olio ha proprietà antisettiche. Quando viene applicato sulla pelle, aiuta ad alleviare la psoriasi del cuoio capelluto e riduce la chiazza.

d. Curcuma-

Curcuma è famoso per le sue proprietà anti-infiammatorie e antiossidanti. Il componente attivo Curcumin ha una buona capacità di alterare l'espressione genica. A causa di queste proprietà, la curcuma è nota per ridurre al minimo i razzi causati dalla psoriasi. Puoi prendere integratori contenenti curcuma o aggiungere liberamente al tuo cibo come i curry. Si raccomanda che 1,5 gms a 3 gas di curcuma siano sicuri per l'uso quotidiano.

e. Aceto di mele

Il sidro di mele viene anticamente usato come disinfettante e può aiutare ad alleviare il prurito del cuoio capelluto. Puoi prendere la bottiglia di Aceto di mele in qualsiasi negozio di alimentari e puoi applicarlo più volte in una settimana.

Prima di iniziare la terapia a base di erbe sulla pelle della psoriasi consultare sempre il medico perché ci sono poche erbe che possono causare la reazione alla pelle.

4. Routine di cura della pelle della psoriasi

Abbiamo discusso di tutto, dai rimedi naturali per compensare il miglioramento della psoriasi, ma qui è uno dei trattamenti naturali più semplici che tutti noi tendiamo ad ignorare: l'acqua. L'acqua potabile ti aiuta a mantenerti idratato dall'interno e impedisce anche alla pelle di seccarsi. Il tuo corpo continua a dover reintegrare la percentuale di acqua. Bevi 7-8 bicchieri d'acqua al giorno. Per una pelle sana, è importante mantenere la pelle idratata e ben idratata il più possibile. Alcuni dei trattamenti di base della psoriasi da includere su base giornaliera:

  • Pulisci la pelle solo una volta per evitare che si asciughi.
  • Continua a idratare la pelle di volta in volta
  • Evita di usare la luffa perché lo sfregamento può peggiorare i sintomi
  • Usa un panno morbido o solo una mano per insaponare il sapone o il detergente
  • Non utilizzare i toner sul viso se si ha la psoriasi sul viso perché possono aggravarsi
  • Durante gli inverni, passa alle creme spesse dalle lozioni per accendini a causa delle maggiori esigenze di idratazione della pelle durante gli inverni
  • Per il cuoio capelluto, si consiglia di utilizzare shampoo contenenti acido salicilico o shampoo steroide post ottenere prescrizione dal dermatologo.
  • Usa un umidificatore per mantenere la pelle umida soprattutto durante gli inverni.

5. Segui ciò che funziona bene per la cura della pelle della psoriasi

Infine, quando hai finito di sperimentare ciò che migliora la tua pelle e le condizioni della psoriasi, puoi semplicemente seguirlo su base continua. Per capire la causa alla base della psoriasi e lavorare con il tuo specialista di cura della pelle e trovare il trattamento giusto per te. Attenersi alle prescrizioni fornite dai medici e provare a seguire i consigli per la cura della pelle della psoriasi che funzionano per te.

Il processo di miglioramento può essere lungo e stancante, ma la psoriasi è una condizione difficile e mette alla prova la tua pazienza con il tempo. È importante sentirsi sicuri ed essere positivi riguardo a ciò che provi per te stesso, perché anche questo è un altro modo per evitare lo stress e comunque apparire bello.

Psorilax:Conveniente |crema per psoriasi ai piedi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, quanto costa

Sintomi, cause e rimedi naturali per la psoriasi

La psoriasi è una malattia cronica che provoca infiammazione e desquamazione della pelle. Il rinnovamento cellulare della pelle normale avviene circa una volta al mese, ma nel caso della psoriasi, questo processo si svolge troppo rapidamente. Di conseguenza, le cellule si accumulano per formare uno strato biancastro poco attraente.

In effetti, la psoriasi è una malattia infiammatoria cronica, genetica e sistemica caratterizzata da sintomi e segni come prurito, macchie rosse sollevate coperte da spesse squame argentee sulla pelle.

Di solito appare su gomiti, ginocchia e cuoio capelluto, ma può anche interessare gambe, tronco e unghie.

La psoriasi è considerata una malattia autoimmune in cui il corpo attacca erroneamente i propri tessuti.

La psoriasi inizia nel sistema immunitario e coinvolge un tipo di globuli bianchi

si chiama cellule T. Quando si ha la psoriasi, le cellule T vengono attivate per errore e diventano iperattive, il che porta a gonfiore e attività cellulare più veloce.

Sintomi e cause della psoriasi

Sebbene le placche psoriasiche possano essere limitate a poche piccole aree, la malattia può colpire ampie aree della pelle. I sintomi variano a seconda del tipo di psoriasi:

  1. Macchie rosse sulla pelle ricoperte di squame d'argento.
  2. Lesioni che possono essere prurito sensibile e doloroso.
  3. Pelle secca e screpolata che sanguina facilmente.
  4. Forfora sul cuoio capelluto.
  5. Scolorimento di unghie, dita dei piedi o crescita del fungo.
  6. Molte persone con psoriasi soffrono anche di problemi emotivi.

Le cause

La maggior parte dei medici non è sicura di ciò che provoca la psoriasi, ma molti medici naturali hanno trovato fattori che contribuiscono. Le cause della psoriasi includono:

  1. Dieta povera.
  2. Permeabilità intestinale.
  3. Un aumento del numero di cellule T nel sangue, nel derma e nell'epidermide.
  4. Difficoltà a digerire le proteine.
  5. Stress emotivo.
  6. Cambiamenti ormonali
  7. Genetica.
  8. Carenza di vitamina D.
  9. Malfunzionamento del fegato.

psoriasi

Trattamenti naturali per la psoriasi

I trattamenti naturali o olistici mirano a trattare la radice del problema. Per molte persone, gli alimenti anti-infiammatori associati a uno stile di vita sano sono uno dei modi migliori per trattare la psoriasi in modo naturale.

Gli studi hanno studiato il legame tra struttura e funzione intestinale nello sviluppo della psoriasi da decenni. (Alcuni esperti ritengono che la psoriasi sia causata dal permeabilità intestinale, in particolare nell'area tra il duodeno e il digiuno. Pertanto, il corpo cerca di eliminare le tossine attraverso la pelle. In questo modello, la psoriasi rappresenta un tentativo disperato da parte del corpo di purificarsi.

1-Ridurre lo stress

La psoriasi dipende molto dallo stress. Peggiora quando i pazienti sono stressati e tende a migliorare quando sono rilassati. Inoltre, gli studi dimostrano che le persone che meditano prima di ricevere la terapia della luce hanno risultati migliori rispetto ad altri.

2-Esercizio e bere acqua

Può sembrare troppo semplice, ma fare esercizio fisico e bere molta acqua sono due modi semplici ed efficaci per aiutare a curare la psoriasi. Inoltre, un bagno caldo contenente sale marino, sale Epsom o avena per circa 15 minuti può aiutare a rimuovere le squame e calmare il prurito. Assicurati di applicare una crema idratante sulla pelle non appena esci dal bagno.

Creme naturali 3-Apply

Esistono tre rimedi erboristici di attualità che hanno mostrato effetti positivi sulla psoriasi: Crema di Mahonia (10 percento), crema di avocado e vitamina B12 e crema di aloe (0,5 percento). La ricerca ha dimostrato che l'uso di una crema omeopatica contenente un estratto di Mahonia è efficace e ben tollerato nei pazienti con psoriasi da lieve a moderata. La ricerca iniziale suggerisce che una crema contenente olio di avocado e vitamina B12 può ridurre i sintomi della psoriasi. Diversi studi hanno dimostrato che una crema contenente 0,5% di estratto di aloe vera è benefica e non ha effetti collaterali negativi.

4-Prova l'omeopatia e altri trattamenti alternativi

L'omeopatia è un altro rimedio naturale per migliorare i sintomi della psoriasi. Gli studi hanno dimostrato che il trattamento omeopatico ha migliorato la qualità generale della vita.

Inoltre, l'agopuntura e la medicina cinese possono aiutare alcune persone. Nella medicina cinese, la psoriasi è considerata un problema di salute causato dal ristagno di sangue. Le piante utilizzate includono curcuma, zedoria (simile allo zenzero), peonia rossa e salsapariglia. Dictamus, sophora e tribulus can anche prescritto per alleviare il prurito.

Se sei un fan della medicina ayurvedica, puoi provare Terapia Panchakarma, che comporta rimedi erboristici e cambiamenti nella dieta volti a disintossicare il corpo. Una dieta vegetariana è spesso raccomandata.

5-Mangia una dieta anti-psoriasi

Una dieta per la psoriasi è cruciale. Se hai un tratto digestivo che perde, in cui le proteine ​​sono parzialmente digerite. Di conseguenza, queste proteine ​​possono infiltrarsi attraverso il rivestimento intestinale e penetrare nel flusso sanguigno, causando reazioni allergiche. Se continua così, può portare a problemi di salute più gravi come psoriasi, depressione, ansia, emicrania, dolore muscolare e affaticamento cronico. Gli studi hanno trovato un legame tra la pervietà dell'intestino tenue e la psoriasi.

– Alimenti probiotici

Mangiare cibi ricchi di probiotici può favorire una buona digestione, ridurre l'infiammazione e sostenere l'immunità. Un paziente ha avuto la psoriasi alle calcagna per circa 10 anni che non ha risposto ai trattamenti topici. Non appena ha iniziato a prendere i probiotici per un'altra malattia, ha visto un notevole miglioramento.

– Alimenti ricchi di fibre

Gli alimenti ricchi di fibre aiutano a mantenere sano l'apparato digerente. La fibra aiuta anche a prevenire la costipazione e mantiene i processi naturali di disintossicazione in pista. Frutta, verdura, fagioli e semi sono ricchi di fibre.

– Alimenti ricchi di antiossidanti

Gli alimenti ricchi di antiossidanti includono anche verdure, frutta, spezie e piante, fagioli e noci. Inoltre, il consumo di antiossidanti è particolarmente importante per le persone che soffrono di psoriasi poiché hanno un aumentato rischio di cancro e malattie cardiache.

Alimenti ricchi di zinco

Lo zinco è essenziale per mantenere la pelle sana. Esistono prove che lo zinco aiuta a ridurre il dolore e il gonfiore delle articolazioni. Manzo e agnello nutriti con erba, semi di zucca, kefir e ceci sono ottime fonti di zinco.

-Cibi ricchi di vitamina A

Prendi frutta e verdura per aumentare l'apporto di vitamina A. Questi alimenti includono melone, carote, mango, pomodori, cavoli, cavoli e anguria.

-Pesci selvatici

Pesci come il salmone, lo sgombro, l'aringa e le sardine sono eccellenti fonti di vitamina D e acidi grassi omega-3, che sono utili nella psoriasi. La vitamina D è clinicamente dimostrata nella lotta contro la psoriasi. Il pesce biologico dovrebbe essere la proteina principale nella dieta piuttosto che carne convenzionale e prodotti lattiero-caseari. Gli studi hanno dimostrato che mangiare cibi meno ricchi di proteine, in particolare carne e latticini, può aiutare ad alleviare i razzi della psoriasi.

-Il curcuma

La curcumina, il principio attivo della curcuma, ha proprietà molto benefiche per la salute. Nel 2012 una recensione scientifica lo ha menzionato la curcuma aveva la capacità di alterare l'espressione delle citochine del TNF, che hanno un ruolo essenziale nelle lesioni psoriasiche. Questo è probabilmente il motivo per cui i pazienti trovano molto utile la curcuma minimizzare le riacutizzazioni della psoriasi e dell'artrite psoriasica.

-Aloe Vera

L'aloe vera è molto rilassante per il corpo, specialmente per il sistema digestivo e la pelle.

Se vuoi seguire una dieta anti-psoriasi, dovresti assolutamente evitare cibi trasformati, zuccheri semplici, alcool, sigarette, latticini e carni non biologiche, oli idrogenati e cibi fritti. Dovresti anche avere un basso apporto di caffeina. Per alcuni pazienti, una dieta priva di glutine aiuta a migliorare i sintomi.

Se pensi di poter avere un'allergia al glutine o qualsiasi altro tipo di allergia alimentare, i test sulle allergie alimentari o una dieta di eliminazione potrebbero aiutarti a determinare cosa evitare nella tua dieta.

6-Supplementi e oli essenziali contro la psoriasi

Gli integratori alimentari possono anche essere molto utili nel ridurre i sintomi della psoriasi.

-Olio di pesce – È un antinfiammatorio e può aiutare nel processo di guarigione.
-Vitamina D3 – Bassi livelli di vitamina D possono essere associati alla psoriasi.
-Il cardo mariano – Il cardo mariano aiuta a disintossicare il fegato e riduce la crescita cellulare.
– Probiotici – I probiotici migliorano la digestione aumentando i batteri buoni. I problemi digestivi sono collegati alla psoriasi.

Altri rimedi casalinghi per la psoriasi che possono ridurre i sintomi includono il detergente, brodo di ossa, vitamina B12 ed enzimi digestivi. Inoltre, ottieni 20 minuti di sole ogni giorno può migliorare notevolmente i livelli di vitamina D ed è molto utile.

Olii essenziali

Oli essenziali per la psoriasi come l'albero del tè, lavanda, incenso, mirra e geranio possono fornire sollievo per la pelle infiammata e sostenere il processo di guarigione.

-L'albero del tè – Quando usi la pianta del tè per la psoriasi, puoi prevenire l'infezione riducendo l'infiammazione e potenziando il sistema immunitario. La ricerca scientifica ha confermato gli effetti dell'olio dell'albero del tè nella riduzione della psoriasi.

Olio di lavanda – Con proprietà lenitive e antinfiammatorie, aiuta a lenire la pelle favorendo la guarigione e la crescita di nuova pelle.

L'olio incenso – Ha proprietà antisettiche, antibatteriche, antiossidanti e antinfiammatorie, che possono aiutare a fornire sollievo dalle placche di psoriasi.

il mirra – Utile per la guarigione della pelle screpolata, squamosa e screpolata.

L'olio di geranio – Migliora la circolazione e diminuisce l'infiammazione. Aiuta anche ad alleviare lo stress.

Olio di cocco – Non è un olio essenziale, ma è una scelta eccellente per un olio base. Dovresti sempre diluire gli olii essenziali in un olio base prima di applicarli sulle aree interessate. L'olio di cocco è un antinfiammatorio delicato e idratante.

Ecco una ricetta per gli olii essenziali: Mescola tre gocce di olio di lavanda e tre gocce di olio di incenso con un cucchiaino di olio di cocco e strofina sulla zona interessata.

Puoi anche diffondere questi oli come metodo naturale per alleviare lo stress.

Precauzioni riguardanti la psoriasi

Se stai già utilizzando un trattamento convenzionale per la tua psoriasi, consulta il tuo medico prima di utilizzare integratori o altri rimedi naturali. Inoltre, consulta il tuo medico prima di assumere integratori se hai altre condizioni di salute o stai assumendo farmaci. Alcuni rimedi naturali possono interagire con i farmaci, come fluidificanti del sangue e pillole anticoncezionali.

In caso di gravidanza o allattamento, si rivolga al medico prima di utilizzare trattamenti convenzionali o naturali per la psoriasi.

Quando si utilizzano oli essenziali per la psoriasi, eseguire sempre un piccolo patch test per evitare una brutta reazione o irritazione. Inoltre, diluire sempre gli oli essenziali in un olio base come il cocco. Se hai la pelle sensibile, fai molta attenzione quando usi oli essenziali.

conclusione
Esistono molti rimedi naturali che hanno dimostrato scientificamente la loro capacità di trattare la psoriasi.
La psoriasi è un problema con il sistema immunitario, quindi qualsiasi cosa tu possa fare per migliorare la tua immunità sarebbe di grande aiuto nel ridurre i sintomi.
Uno dei modi migliori per affrontare il problema alla radice è adottare uno stile di vita sano attraverso la dieta, evitare le tossine e ridurre l'infiammazione.
Inoltre, le persone con psoriasi possono scoprire che alcuni alimenti sembrano scatenare riacutizzazioni, quindi consulta il tuo medico e fai dei test sulle allergie alimentari.

Ricorda: “Sei ciò che mangi e ciò che assorbi nell'intestino”, quindi inizia con il tuo sistema digestivo e intestinale!

fonte
-https: //draxe.com/psoriasis-diet-5-natural-cures/

Psorilax:Superare |la miglior crema per chi ha psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, ingredienti

Background and Introduction

Topical vitamin D3 analogues alone or in combination with topical corticosteroids are recommended as standard for induction therapy of mild to moderate psoriasis by current S3 guidelines 1. According to daily practice data from 681 German private practice dermatology centers, topical therapy with vitamin D3 analogues is widely used, with a high variation in application methods 2. There was great variability in the percentage of induction vs. follow‐up treatment with steroids and vitamin D3 analogues, in the distribution of vitamin D3 analogue treatment alone versus combination with corticosteroids and in the percentage of fixed combinations vs. individual combination regimens. Both the duration of treatment and the sequence of corticosteroid and vitamin D3 analogues application varied as well. Current S3 guidelines do not provide detailed recommendations for long‐term treatment of psoriasis with these substances.

Aim of the Paper

Based on a systematic review of the current literature, this position paper aims to evaluate the available evidence on topical long‐term treatment of psoriasis vulgaris and scalp psoriasis with vitamin D3 analogues, corticosteroids and their combinations. In addition areas in which further research is needed should be indicated. Based on these results, daily practice recommendations were developed, which should help to standardize topical long term management of psoriasis and to provide the basis for further clinical studies.

Methods

The position paper was developed in two phases:

  1. Systematic review of the available literature in international medical online databases including adjusted analyses of efficacy and tolerability
  2. Expert review of available data and development of consensus recommendations for daily practice during an expert meeting

Definition of inclusion and exclusion criteria

The position paper included only interventional studies which fulfilled the following criteria:

  • ▸ prospective trials on adult subjects
  • ▸ trials on patients with plaque psoriasis of the trunk and the extremities and/or the scalp excluding psoriasis pustulosa and erythrodermic psoriasis
  • ▸ trials, which only evaluated topical therapy with a vitamin D3 analogue, a corticosteroid or a fixed or free combination of both
  • ▸ trials, in which topical therapy is used as continuous maintenance therapy (daily use, use on demand, use 1–2x weekly)
  • ▸ trials with a treatment duration of at least 24 weeks
  • ▸ trials, in which a validated, reproducible score‐based efficacy measure (PASI, TSS, PGA, TLA, BSA, DLQI) was used, if efficacy was the primary end point
  • ▸ trial reports in German or English

Literature research

The literature review was performed according to the method used in the current S3 guidelines on psoriasis vulgaris 3 and conducted in the PubMed® and Embase® databases (Table 1), including studies from 1971 until August 2013. Each study was evaluated according to the inclusion criteria given above by using standardized literature evaluation forms, and listed in evidence tables 3. To include studies not listed in PubMed®/Embase®, reference lists of all included studies were re‐viewed as well.

Table 1.
Number of hits derived from the search strategy for topical long‐term treatment in psoriasis with vitamin D3 analogues, their two compound formulations and corticosteroids
# Search term and combinations PubMed® hitsa Embase® hitsb
1 “psoriasis” AND “clinical trial” (Publication type) 2 768 5 682
2 “vitamin* d” OR “calcipotriol” OR “tacalcitol” OR “calcitriol” OR “steroid*” OR “cortisol*” OR “betamethasone*” OR “flumethasone*” OR “prednisolone*” OR “prednicarbate*” OR “hydrocortisone*” OR “fluticasone*” OR “clobetasol*”OR “mometasone*” OR “halobetasol*” 190 136 2 559 930
3 “long‐term” OR “maintenance treatment” OR “24 weeks” OR “25 weeks” OR “26 weeks” (….) OR “54 weeks” OR “6 months” OR “7 months” OR “8 months” (…..) OR „24 months“ OR “1 year*” OR “2 year*” OR “3 year*” 1 078 587 3 149 928
4 #1 AND #2 AND #3 62 217
  • a

    Data base: MEDLINE®

  • b

    Data bases: BIOSIS Previews®, Embase®, International Pharmaceutical Abstracts, PASCAL, SciSearch®

Evidence level evaluation

Evidence level evaluation was conducted in accordance with current S3 guidelines on psoriasis vulgaris 3 (Table 2).

Table 2.
Evaluation of evidence criteria according to S3 guidelines of Psoriasis
Evidence criteria Evidence level
Meta‐analysis containing at least one trial of level A2 and of which the results of individual trials are consistent A1
Randomized double‐blind comparative clinical trials of good quality (e.g. sample size calculation, flow chart, ITT analysis, sufficient size) A2
Randomized clinical trials of moderate (weak) quality or other comparative trials (non‐randomized, cohort studies, patient‐control studies) B
Non‐comparative trials C

Evaluation of efficacy and tolerability

The expert consensus decided to use the Physician Global Assessment (PGA) as the primary measure of efficacy (Tables 3-5), as PGA was, in contrast to other common scores, available for the majority of the included studies. The PGA score given in the original study is shown first. Adjusted response rates makes it possible to compare efficacy within a given evidence level. To this end, the 50% of positive PGA scores (3 best scores, such as “healed”/“very mild”/“mild” if a 6‐point scale had been used, 2 best scores such as “excellent”/“good” if a 4‐point scale had been used) were selected. Response rates were basically calculated on the intention‐to‐treat population (ITT). Last‐Observation‐Carried‐Forward (LOCF) analyses were, if available, preferred for determining adjusted efficacy. Adverse events (AE) are shown as AE rates (percentage of patients with AEs), including all AEs with or without a suspected causal relation. Local AEs are listed separately and if possible specified as irritation (Irr.), deterioration of psoriasis (Pso.) or corticosteroid‐related skin reactions (Cort.). Systemic AEs (lab values) were rare and only described in the text. All percentages given in the tables are related to either ITT population or the safety data analysis set or, if none of the above was available, to the initially included patient number.

Table 3.
Summary of long‐term trials in psoriasis vulgaris with topical vitamin D3 analogues in monotherapy
Design Efficacy (PGA) Tolerability
Author (year) n Severity at inclusion Duration of treatment in W Dosage Randomization Blinding ITT Responder selection Efficacy measure Primary end point Efficacy Trial Adjusted Efficacy (according to Evidence Level) AE (%) AE (skin) (%) Drop‐out
A2 B C
Miyachi 2002 13 154 mean PASI 21.38 26+ 54 Tacalcitol 20 μg/g once daily PGA improvement (6 pt. scale) End point: % in remission or with good/moderate improvement 93 % (PP) 69 % (ITT) 45 % (ITT) n.a. in % Pat. 38 % 25 % 52 %
Lambert 2002 14 157 mean PASI 9.36 24 Tacalcitol 4 μg/g once daily + PGA severity grade (4 pt. scale) End point: % with severity grade excellent, good or moderate, reduction of mean PASI 88 % (PP) PASI reduction by 67 % 56 % (PP) n.a. 18 % 48 %
van de Kerkhof 2002 15, 16 197 mean PASI 4.6 72 Tacalcitol 4 μg/g once daily. + PGA response (4 pt. scale) End point: % with excellent, good or moderate response; PASI 90 % (PP) PASI 4.6 → 3.25 n.a.§§ n.a. 21 %; 15 % Irr; 3 % Pso 42 %
van de Kerkhof 1997 9 58 Sum Score 7.9 60 Tacalcitol 4 μg/g once daily †† + PGA response (4 pt. scale) End point: % very good/good/moderate response, symptom score 95 % (PP) 59 % (ITT) 26 % 14 % 28 %
Langner 1996 (18) van de Kerkhof 1996 (19) Gerritsen 2001 18 253 Mod. (41 %), severe (43 %), very severe (4 %) 78(‐) Calcitriol 3 μg/g twice daily + PGA improvement (6 pt. scale) End point: % with remission, visible or substantial improvement 40 % (ITT) 40 %(–) (ITT) n. a. 15 % 64 %
Barnes 2000 29 202 mean PASI 6.8 52 Calcipotriol 50 μg/g cream (body) twice daily Calcipo‐ triol 50 μg/g solution (scalp) twice daily Body: mod. PASI; PaGA End point: PASI reduction PASI 6.8 → 2.6 n.a. n.a. in % Pat. n.a. in % Pat. 32 %
Cullen 1996 11 397 5–20 % KO 52 Calcipotriol 50 μg/g twice daily + PGA severity (9 pt. scale); End point: Time to remission (PGA ≤ 1) 50 % remission after 17 W (ITT) (median) n.a.## 30 % 26 %
Ellis 1995 4 330 mean PASI 4.18 48 Maintenance therapy of calcipotriol responders with calcipotriol 50 μg/g twice daily# + PGA response (3 pt. scale) End point: % good/satisfactory response; PASI 98 % (PP) PASI 3.23 → 3.59 n.a.§ 37 % 15 % Irr.; 12 % Pso. 38 %
Maintenance therapy of Dithranol non‐responders with calcipotriol 50 μg/g twice daily## 96 % (PP) PASI 5.31 → 3.63
Ramsay 1994 20 167 mean PASI 3.90 52 Calcipotriol 50 μg/g twice daily(+) + PGA response (3 pt. scale) End point: % good/satisfactory response; PASI 94 % (PP) PASI 8.1 → 2.71 n.a.§ 32 % 32 %; 25 % Irr. 24 %
Poyner 1993 21 203 Mild (8 %), mod. (63 %), severe (29 %) 48 Calcipotriol 50 μg/g twice daily + PGA severity scale (4 pt. scale) End point: % absent or mild Pso. 78 % (vs. 8 % at enrolment) 78 % 41 % 20 % Irr.; 10 % Pso. 29 %
Kragballe 1991 22 15 14 % KO 26 Calcipotriol 50 μg/g twice daily(++) + + PGA improvement (6 pt. scale) Symptom Score (4 pt. scale) End point: % with at least moderate improvement 80 % (ITT) 80 % (ITT) 20 % 20 %; 13 % Irr. 0 %
  • Abbr.: BMD, Betamethasone dipropionate; db, double‐blind; ITT, Intention To Treat; Irr., irritative skin reaction; LOCF, Last Observation Carried Forward; Pso., deterioration of psoriasis; n.a., not available; n.s., not significant; PGA, Physician´s Global Assessment; Pt., point; PP, Per Protocol; AE, adverse event; W, week; WE, weekend.
  • +continuous therapy until week 26, stopped (remission); Induction with tacalcitol for 12 weeks; only patients with > 30 % reduction of symptoms were enrolled in maintenance therapy (77 %); ††study subjects from db, placebo‐controlled induction study with tacalcitol enrolled. Following a 4‐week intermission, enrolment in open follow‐up study (46 %); §no available PGA data per scale, Top 2 out of 3 values would result in too positive value for adjusted efficacy; §§ no available PGA data per scale; Top 3 out of 4 values would result in too positive value for adjusted efficacy; #Induction with calcipotriol for 8 weeks, only satisfactory responders included in maintenance therapy. ##Induction for 8 weeks with dithranol at max. tolerable dosage; only dithranol non‐responders enrolled, no available PGA data per scale, Top 2 out of 3 values would result in a too positive value for adjusted efficacy (+) only responders without severe AEs from induction study were enrolled. (++)Patients had responded to calcipotriol, with consecutive relapse; (‐) No data on total no. of patients in remission; # only 75 Pat. treated for at least 12 M; (–) 46 cleared patients, discontinued treatment, not included in ITT but listed as drop‐outs.

Table 4.
Summary of long‐term trials in psoriasis vulgaris with topical vitamin D3 analogues in fixed or separated two compound formulations
Design Effectivity (1) Tolerability (2)
Author (year) n Severity grade Duration of treatment Dosage Randomization Blinding ITT Responder selection Efficacy measure Primary end point Efficacy Physician Global Assessment in Trial Adjusted efficacy Physician Global Assessment (according to Evidence Level) AE (%) AE (skin) (%) Drop‐out
A2 B C
Calcipotriol 50 μg/g +BMD 0.5 mg/g (fixed) once daily.* 0 %
Fleming 2010 6 19 16 % KO 52 Calcipotriol 50 μg/g + BMD 0.5 mg/g (fixed) alternating every 4 weeks with calcipotriol 50 μg/g once daily.* + db + End point: cortisol suppression during long‐term treatment n.a. n.a. 16 % (1/6) cortisol suppression n.a. n.a.
Calcipotriol 50 μg/g once daily.*** 16 % (1/6) cortisol suppression
Calcipotriol 50 μg/g +BMD 0.5 mg/g (fixed) once daily.* 84 % (p = 0.025 vs. C.) 63 % (W52, LOCF) 22 % (p < 0.001 vs. C.) 5 % Pso.; 5 % Cort.; n.s. 30 %
Kragballe 2006 7, 8 634 Mod. (70 %); severe (30 %) 52 Calcipotriol 50 μg/g + BMD 0.5 mg/g (fixed) alternating every 4 weeks with calcipotriol 50 μg/g once daily.* + db + PGA severity (6 pt. scale); End point: % with absent, very mild or mild Pso. (along all visits per pat.) 75 % 62 % 30 % 4 % Pso.; 3 % Cort. 26 %
Calcipotriol 50 μg/g once daily.*,** 70 % 56 % 38 % 7 % Pso.; 3 % Cort. 34 %
Koo (part II) 2006 # 12 38 PGA 3,16 mod. 24 Calcipotriol ointment 50 μg/g twice daily on weekdays + Clobetasol propionate foam 0.05 % dur. WE + db + + PGA severity scale (6 pt. scale) End point: Stabilization or improvement of remission 85 % (PP) (n.s.) 68 % (ITT, LOCF) n.a. n.a. 32 %
Calcipotriol ointment 50 μg/g twice daily on weekdays + placebo dur. WE (foam 0.00 %) 62 % (PP) 58 %
Lebwohl 1998 ## 10 40 n.a. 24 Halobetasol twice daily dur. WE, calcipotriol twice daily on weekdays + db + PGA severity scale (6 pt. scale) End point: Maintenance or improvement of remission (def. as ≥ 75 % improvement or value ≤ 2 in PGA) 76 % (PP) (p = 0,045) 65 % (ITT, LOCF) 20 % 20 % 10 %
Halobetasol twice daily dur. WE, placebo twice daily on weekdays 40 % (PP) 20 % 5 % 5 %
  • Abbr.: BMD; betamethasone dipropionate; C, calcipotriol; db, double‐blind; fix, fixed combination; ITT, Intention to treat; LOCF, Last Observation Carried Forward; Pso., deterioration of psoriasis; n.a., not available n.s., not significant; PGA, Physician′s Global Assessment; Pt., point; PP, Per Protocol; AE, adverse event; W, week.
  • *on demand; **Following a 4‐week induction phase with calcipotriol 50 μg/g + BMD 0.5 mg/g (fixed); # 2‐part study: In db induction phase (2 weeks) combination reached significantly higher efficacy. Only pats. with 50 % improvement enrolled in maintenance study. ## 2‐part trial: 2‐week induction with calcipotriol (morning)/halobetasol (evening); Only pats. with 50 % improvement enrolled in maintenance study (90 % of patients).

Table 5.
Summary of long‐term trials in psoriasis vulgaris with topical corticosteroids in monotherapy
Design Efficacy (PGA) Tolerability
Author (year) n Severity at inclusion Duration of treatment in W Dosage Randomization Blinding ITT Responder selection Efficacy measure Primary end point Efficacy Trial Adjusted Efficacy (according to Evidence Level) AE (%) AE (skin) (%) Drop‐out
A2 B C
Katz 1991 5 90 cleared‐mild 24 Intermitt. aug. BMD 0.05 % ointment on 3 consecutive days/W* + db + + PGA severity (4 pt. scale); mod. PASI; End point: time to relapse (mod. PASI > 2.5 or PGA mod./severe) 65 % (PP) (p = 0.001) 62 % (ITT) 0 % 0 % 4 %
Intermitt. placebo on 3 consecutive days/W* 20 % (PP) 20 % (ITT) 0 % 0 % 4 %
Cornell 1981 23 22 > 30 % KO 24 Desoximetasone 0.25 % cream 2 x daily + db Symptom Score (5 pt. scale) End point: % with at least 50 % improvement 72 % n.a.** 41 % cortisol suppression n.a. 7 %
23 Betamethasone 17‐valerate 0.1 % cream 2 x daily 34 % 0 %
Corbett 1976 25 12 max. 15 % KO 24 Clobetasol propionate 0.05 % ointment 2 x daily (unilat.) SC db % with complete or partial remission; preferred substance 42% with cleared or less elevated lesions after 24 W; 100 % clobetasol preferred n.a. 0 % n.a. 14 %
Betamethasone‐17‐ valerate 0.1 % ointment 2 x daily (unilat.)
Floden 1975 24 29 n.a. 24 Clobetasol propionate 0.05 % ointment 2 x daily (unilat.) SC db End point: preferred substance 94 % clobetasol preferred n.a. 0 % n.a. n.a.
Fluocinolone acetonide 0.025 % ointment 2 x daily (unilat.)
  • Abbr.: AE, adverse event; aug., augmented; BMD, betamethasone dipropionate; db, double‐blind; ITT, Intention to treat; n. a., not available; PGA, Physician´s Global Assessment; Pt., point; PP, per Protocol; SC, side‐wise comparison; W, week.
  • *2‐part study: Open screening phase with aug. BMD 2 x daily for 3–4 W. Only cleared or mild Pso. pats. enrolled in long‐term observation **PGA not assessed, only improvement in symptom score compared to baseline.

Results

A total of 62 publications (PubMed®) and 217 publications (Embase®) were found, of which 17 and 15, respectively, fulfilled the inclusion criteria stated above (Figure 1). Two additional studies 4, 5 were identified by reference list analysis, rendering a total of 21 studies available for evaluation of topical long‐term therapy. Of these, 18 studies focused on plaque psoriasis affecting the trunk and extremities 4-25, two studies on scalp psoriasis 26-28, one study included both 29. Only three of these 7, 8, 26-28 were randomized double‐blind comparative clinical trials of good quality (evidence level A2). Highest evidence (12 trials in total) for topical long‐term therapy was found for calcipotriol and its combinations (n = 5), while the long‐term use of both tacalcitol (n = 4) and calcitriol (n = 1) has only been studied in open, non‐randomized observational studies of evidence level C.

image

Literature hits of the online‐search about topical long‐term therapy of psoriasis with vitamin D3 analogues, corticosteroids and their two compound formulations (Abbr.: Ps, psoriasis).

Among topically used corticosteroids, mostly betamethasone (n = 3 combination study with calcipotriol, n = 3 in monotherapy) and clobetasol (n = 1 combination study with calcipotriol, n = 3 in monotherapy) showed evidence for psoriasis maintenance therapy. Monotherapy trials for psoriasis vulgaris are listed in table 3 (topical vitamin D3 analogues), 4 (vitamin D3 analogues in combinations) and 5 (topical corticosteroids), table 6 lists trials for scalp psoriasis separately.

Table 6.
Summary of long‐term trials in scalp psoriasis with topical vitamin D3 analogues, their two compound formulations and corticosteroids
Design Efficacy (PGA) Tolerability
Author (year) n Severity at inclusion Duration of treatment in W Dosage Randomization Blinding ITT Responder selection Efficacy measure Primary end point Efficacy Trial Adjusted Efficacy (according to Evidence Level) AE (%) AE (skin) (%) Drop‐out
A2 B C
Luger 2008 28 869 Mod. 56 %; severe 38%; very severe 7 % 52 Calcipotriol 50 μg/g + BMD 0.5 mg/g (fixed; gel) 1 x daily + db + PGA severity scale (6 pt. scale) End point: % with absent, very mild or mild psoriasis (along all visits, per patient) 92.3 % (p < 0.001) 69 % (W52; ITT) 17.2 % (p < 0.001) 12 % Irr. 2.6 % Cort. 21 %
Calcipotriol 50 μg/g 1 x daily 80.0 % 45 % 29.5 % 22 % Irr… 3.0 % Cort. 40 %
Barnes 2000 29 202 Mild 31 %; mod. 58 %; severe 11 % 52 Calcipotriol 50 μg/g solution (scalp) 2 x daily Calcipotriol 50 μg/g cream (body) 2 x daily Scalp: PGA severity scale (4 pt. scale) Zeilenumbruch End point: % pats. that did not need treatment (= 0) or mild severity (= 1) after 52 W 75.2 % (scalp) (PP) 58 % (scalp) (ITT) n.a. in % Pat. n.a. in % Pat. 32 %
Poulin 2010 26, 27 136 Clear, very mild, mild 84% 24 Clobetasol 0.0 5 % shampoo 1 x daily, if improved, 2x daily + db + +* PGA severity (6 pt. scale) End point: % pats. with PGA 0–2 ( = no relapse) at end‐of‐study 40.3 % (p < 0.001) 40.3 % (W26) 42 % 4.5 % Cort. 13 %
Placebo vehicle shampoo 1x daily, if improved, 2x daily 11.6 % 11.6 % 60 % 1.4 % Cort. 25 %
  • Abbr.: BMD, betamethasone dipropionate; Cort., corticosteroid‐associated cutaneous AEs; db, double‐blind; fixed, fixed combination; ITT, Intention to treat; Irr., irritative skin lesions (lesion or perilesional); LOCF, Last Observation Carried Forward; Pso., deterioration of Psoriasis as AE; n. a., not available; n.s., not significant; PGA, Physician´s Global Assessment; Pt., point; PP, per Protocol; AE, adverse event; W, week; WE, weekend.
  • *2‐part study: open induction with clobetasol shampoo for 4 weeks, only pats. with a severity score 0–2 after induction were enrolled in maintenance therapy

Monotherapy with vitamin D3 analogues for long‐term treatment of psoriasis vulgaris (Tables 3 and 4)

The first open pilot study on topical long‐term use of calcipotriol 50 μg/g was conducted in 1991 by Kragballe et al. in 15 patients with psoriasis vulgaris for six months 22. At the end of the study 80% had shown an at least moderate response to the treatment with an overall good tolerability. A number of non‐randomized open observational studies followed (evidence level C) for calcipotriol 50 μg/g 4, 11, 20, 21, 29, calcitriol 3 μg/g 17-19 and tacalcitol 4–20 μg/g 9, 13-16. The most impressive therapeutic results of topical treatment with vitamin D3 analogues usually became evident during the first 4 weeks after treatment was initiated 11, 20. Later on improvement of the skin condition was only moderate. In blinded trials, a 4‐week induction therapy with a fixed combination of calcipotriol 50 μg/g with betamethasone dipropionate (BMD) 0.5 mg/g followed by a maintenance monotherapy with calcipotriol 50 μg/g yielded an at least satisfactory therapeutic result in 56 % (adjusted efficacy) 7 to 58 % (adjusted efficacy) 12 of the patients after 52 weeks (Table 4). In open observational studies (Table 3), adjusted response rates were higher: 78 % 21 to 80 % 22 with calcipotriol, while a standard regimen of tacalcitol (4 μg/g) led to an adjusted response rate of 56–59 % 9, 14, increasing to 69 % at higher dosages (20 μg/g) 13. For calcitriol 3 μg/g, the adjusted response rate was 40 % 17-19.

None of the studies identified severe AEs (sAEs) caused by treatment with vitamin D3 analogues. Overall AE frequency for calcipotriol was 30 % to 40 % (Table 3). Local AEs occurred in 20–32 %. For tacalcitol, the frequency of local AEs was dosage‐dependent: 38 % at 20 μg/g 13 and 18 % at 4 μg/g 14. For calcitriol, skin‐related AEs occurred in only 15%, while a few cases (2 %) of mild hypercalcemia were observed 17-19, which normalized during continued treatment. For high‐dose tacalcitol (20 μg/g), significant reductions of parathyroid hormone and 1‐alpha,25‐(OH)2 D3 serum levels were detected, while calcium homeostasis was unaffected 13. No significant differences between studies with or without positive responder selection could be found.

(Fixed) two compound formulations of calcipotriol plus corticosteroid for the long‐term treatment of psoriasis vulgaris (Table 4)

Already small double‐blind comparative trials of Lebwohl et al. (1998) (n = 44) and Koo et al. (2006) (n = 38) had shown potential advantages of a combination of calcipotriol with a corticosteroid (halobetasol 10 or clobetasol propionate 12) over monotherapy regimens. Following a weekend monotherapy with halobetasol, 40% of the patients remained in remission for 24 weeks, while a combination therapy of calcipotriol on weekdays and halobetasol during the weekend maintained 76 % of patients (adjusted efficacy 65 %) in remission 10. On the other side calcipotriol monotherapy maintained or improved the clinical status in 62 % (adjusted efficacy 58 %) of the patients, while a combination with clobetasol propionate foam maintained remission in 85 % of cases (adjusted efficacy 68 %) 12.

The fixed two‐compound‐formulation of calcipotriol and betamethasone for psoriasis vulgaris was investigated in a prospective double‐blind randomized trial by Kragballe et al. (n = 634) 7, 8. The authors compared the fixed two‐compound‐formulation of calcipotriol 50 μg/g plus betamethasone dipropionate 0.5 mg/g (fixed combination group) with a therapeutic regimen alternating every four weeks between the fixed combination and calcipotriol monotherapy (alternating group) and a third group in which a four‐week induction therapy with the fixed two‐compound‐formulation was followed by calcipotriol 50 μg/g monotherapy (monotherapy group). Primarily the study was targeted to assess long‐term safety 8, however, efficacy data were assessed every four weeks 7. In the fixed combination group, satisfactory response was observed in 84% of patients (adjusted efficacy 63 %) as compared to 75 % (adjusted efficacy 62 %) in the alternating group and 70 % (adjusted efficacy 56 %) in the monotherapy group. With regard to efficacy, the authors concluded a trend in favor of a long‐term use of the fixed combination. For a conclusive efficacy analysis, however a sample size of 304–490 (as compared to the actual 204–213) patients per group would have been necessary 7.

For an objective assessment of corticosteroid related AEs during long‐term treatment, all dermatological findings in this trial were reviewed by an independent expert committee. The fixed combination group showed a significant lower overall number of AEs (especially burning, itching or erythema of the skin) as compared to the monotherapy group (21.7 % vs. 37.9 %, p < 0.001) 8. AEs related to corticosteroid application (mainly atrophic skin or folliculitis) occurred more often in the fixed combination group (4.8 %) as compared to the alternating (2.8 %) or monotherapy (2.9 %) groups. Overall frequency was low and most of the symptoms observed were reversible, except for the skin atrophy in one patient who had undergone >10 years of corticosteroid treatment prior to enrolment 8. The sample size in this study was sufficient to assess tolerability of the tested treatment regimens. Thus the results suggest that a long‐term treatment with a fixed two‐compound‐formulation for psoriasis, either as a long‐term or alternating (every four weeks) regimen, is both safe and well tolerated 8. An additional smaller safety study 6 of the same design, which enrolled 19 patients with, in part, extensive psoriasis, showed that a suppression of the hypothalamic–pituitary axis (HPA) is not to be expected after 52 weeks.

Long‐term use of topical corticosteroids for psoriasis vulgaris (Tables 4 and 5)

Long‐term monotherapy with topical corticosteroids has only been assessed in studies with small sample size (n = 12–90) 5, 10, 23-25. In principle safety and efficacy depend on the respective substance, applicated amount on affected body surface, localization and application frequency (daily or intermittent), leading to very heterogeneous results. All studies were limited to a maximum duration of 6 months, with remission rates (adjusted efficacy) between 40 % 10 and 62 % 5. Continuous and extensive application of desoximetasone 0.25 % cream b.i.d. led to a 50 % improvement of the psoriatic symptoms in 72 % of patients, while, however, a suppression of the hypothalamic–pituitary axis was seen in 41 %, which did not occur with topical betamethasone 17‐valerate in the same study 23. In other long‐term studies assessing topical corticosteroid monotherapy for psoriasis vulgaris 5, 23-25 neither betamethasone nor clobetasol caused skin atrophy 5 or HPA suppression after 24 weeks 5, 23-25.

Topical long‐term therapy of scalp psoriasis

In an open label trial over 52 weeks, Barnes et al. (2002) assessed the efficacy of calcipotriol 50 μg/g solution for scalp psoriasis 29. Substantial improvement was seen during the first 10 weeks. After 52 weeks, 75.2 % of patients reported either none or very few symptoms (adjusted efficacy 58 %). An irritation of the facial skin was the most often reported AE, occurring mainly during the first two weeks of treatment.

Luger et al. (2008) studied 869 patients with moderate to severe psoriasis of the scalp treated either with the fixed two‐compound‐formulation of calcipotriol 50 μg/g plus betamethasone dipropionate 0.05 mg/g once daily or calcipotriol 50 μg/g as a monotherapy for 52 weeks

28. In the fixed combination group, symptoms were adequately controlled in 92.3% along all visits during the study vs. 80% in the monotherapy group (adjusted efficacy at week 52 was 70 % vs. 46 %), a difference which was significant (p < 0.001). AE rates (itching, skin irritations, burning and erythema) were significantly lower in the two‐compound‐group compared to monotherapy. There was no significant difference (p = 0.73) between both groups with regard to typical corticosteroid AEs (2.6 % in the combination group vs. 3 % in the calcipotriol group). Skin atrophy did not occur. The authors concluded an advantage of the fixed two‐compound‐gel for the long‐term treatment of scalp psoriasis over calcipotriol monotherapy regarding both efficacy and tolerability 28 (Table 6). Poulin et al. assessed the efficacy of clobetasol 0.05 % shampoo vs. placebo over 24 weeks for moderate scalp psoriasis 26. Only patients who had responded well to an open 4‐week induction therapy with clobetasol were enrolled, however, only in 40.3% remission could be maintained after 6 months (p < 0.001 vs. placebo). Corticosteroid‐typical AEs (skin atrophy, telangiectasia or HPA suppression) did not occur more frequently.

Discussion

This is the first systematic review of the literature and analysis of clinical evidence regarding topical long‐term treatment with vitamin D3 analogues, topical corticosteroids and their combinations. The current Cochrane review on long‐term therapy by Mason et al. (2013) 30 included mainly studies with an evidence level of A2. Recommendations for daily practice can hardly be drawn from these. In addition, the current S3 guideline does not provide recommendations for topical long‐term therapy of psoriasis 1. Thus, an expert board initiated this literature review, compared the results with current daily practice use in Germany and elaborated the following recommendations for daily practice during an expert meeting. In the brackets after the recommendationsthe underlying level of evidence or, if unavailable, the expert consensus, is indicated.

  • ▸ Long‐term topical treatment with vitamin D3 analogues in combination with corticosteroids is, according to all available data, safe and effective. (A2, B)
  • ▸ Topical treatment with vitamin D3 analogues and their combinations may be continued as a maintenance therapy. (A2, B)
  • ▸ Best clinical evidence for long‐term treatment of psoriasis is available for the two‐compound‐formation of calcipotriol and betamethasone. (A2)
  • ▸ In direct comparative trials, the tolerability of (fixed) two‐compound‐formulations was better than the tolerability of vitamin D3 analogues alone. (A2, B)
  • ▸ A comparative trial on maintenance therapy for psoriasis of the body, i.e. excluding the scalp, showed a trend towards a better clinical efficacy of the two‐compound‐formulation compared to the monotherapy with calcipotriol alone. (A2)
  • ▸ A comparative trial on maintenance therapy for psoriasis of the scalp showed a superior clinical efficacy of the two‐compound‐gel compared to the monotherapy with calcipotriol alone. (A2)

Topical corticosteroids for long‐term use

For the long‐term use of topical corticosteroid‐monotherapy in psoriasis vulgaris only small trials with an evidence level B are available. Solely the extensive continuous use of desoximetasone 0.25% led to an HPA axis suppression 23, while neither systemic nor local AEs occurred with betamethasone 17‐valerate 0.1 % cream, betamethasone dipropionate 0.05 %   ointment, or clobetasol propionate 0.05 % ointment. However, clinical experience shows that skin atrophy, especially in the perilesional regions, may occur in long‐term use of topical corticosteroids.

  • ▸ Based on its side effect profile, the continuous extensive use of desoximetasone 0.25 % cream is not recommended. (B)
  • ▸ Class‐IV‐corticosteroids are not recommended to be used longer than 2–4 weeks as a continuous mono‐therapy for psoriasis vulgaris, according to their SPC and current knowledge (expert consensus).

The long‐term use of corticosteroids in fixed combinations for psoriasis according to current data and in contrast to atopic dermatitis, seems not to increase the risk of skin atrophy. Experimental data suggest an ameliorating effect on skin atrophy when vitamin D3 analogues are combined with topical corticosteroids 31. However, long‐term studies with validated, objective parameters (e.g. ultrasound) or measurement of biomarkers for skin atrophy are not yet available.

On the other side long‐term treatment with corticosteroids alone is approved and daily practice for psoriasis of the scalp. Comparative trials with vitamin D3 analogues in fixed or free combinations vs. corticosteroids alone are not available. Our analyses of adjusted efficacy in scalp psoriasis show a trend which favors the use of the topical use of the two‐compound‐gel over either calcipotriol or clobetasol 0.05 % shampoo alone (Table 6).

  • ▸ According to the currently available literature, the calcipotriol two‐compound‐gel shows a good efficacy in the long‐term treatment of scalp psoriasis, and is superior to calcipotriol‐monotherapy (A2).

Economic factors

In addition to clinical aspects, economic factors determine topical long‐term therapy. Cost and efficiency data are specific for national health systems. Two pharmacoeconomic analyses have been published on the long‐term use of vitamin D3 analogues in Germany 32, 33. Using the Markov decision model, cost effectiveness of the daily use of the two‐compound‐formulation of calcipotriol with betamethasone was analysed and compared to a daily treatment with both substances in monotherapy. For the simulated duration of 48 weeks, the two‐compound‐formulation was significantly more cost effective than the free combination of both drugs (total cost € 571.33 vs. € 705.23; costs per additional symptom‐free day € 21.38 vs. € 47.07) 33. Another analysis showed an economic advantage of the calcipotriol/betamethasone two‐compound‐product over both the free combination of the monosubstances and the treatment with tacalcitol b.i.d. herein, total costs for a therapy over 48 weeks were € 431.36, € 488.04 and € 652.27, costs per symptom‐free day € 16.14 as compared to € 32.58 and € 35.80. The pharmacoeconomic advantage remains valid when current pricings from 2013 are considered 32.

  • ▸ The two compound product, used once daily, is more economic than the free combination of both substances used once daily each. (C)

Adherence factors

According to the WHO, adherence is among the critical factors for the efficacy of a treatment in chronic diseases such as psoriasis 34. An estimated 50–60 % of patients with psoriasis are assumed to be adherent to topical therapy 35. Adherence is compromised by low or late‐onset efficacy, unfavorable cosmetic or galenic characteristics or smelling, time‐consuming application (twice versus once daily), low user‐friendliness and AEs. One study showed that adherence was reduced by 10 % for each point (on a 9 point scale) by which psoriatic symptoms were ameliorated 36. In the study by Sticherling et al. (2012) on the a two‐compound‐gel with calcipotriol 50 μg/g and betamethasone 50 μg/g, a retrospective comparison showed that 85.7 % of the patients were either „very satisfied“ or „satisfied“ after 4 weeks, while prior topical therapy with other formulations (73.6 % ointments, 42.5 % creams, 8.7 % foams, 2.8 % lotions) received these ratings in 27.6 % of the patients 37. Regarding both the time needed for application (reduction by 30%) and the handling (66.1 % vs. 11.6 % very satisfied), the gel‐formulation was significantly better rated than prior treatments with other applications. For psoriasis of the scalp, application of the topical gel for 4 weeks was evaluated in 89.5 % of the patients as more effective as compared to prior topical treatments. 90.4% of the patients rated the application as easy or very easy 38. Specific studies on adherence in topical long‐term therapy are not available. Due to the continuing burden of the treatment the chronic character of the disease and the relatively rapid onset of treatment effects following induction therapy, a low adherence to long‐term therapy has to be expected, underlining the importance of choosing an effective, well‐tolerated and user‐friendly long‐term product, which is accepted and used by the patient. Ideally, the patient should be involved in the choice of the product, the formulation and the mode of application in the sense of patient empowerment. It has been shown that shared decision making improves long‐term adherence 39.

  • ▸ Adherence is crucial for efficacy of chronic treatments. Patients must be actively involved in the choice of the product, formulation and mode of application. (C)

Evaluation of treatment regimens

Besides the handling, clear instructions and a simple regimen determine adherence 40. In the trials reported by Kragballe et al. and Luger et al., application was „once daily on demand“ 7, 8, 28. In another 12‐week study, the „on‐demand“ regimen was restricted to be used 2–3 times per week and proved successful for daily practice 41. Another 12‐week study on scalp psoriasis compared the classical „on demand“ regimen of the two compound gel with a regimen to be used twice a week. A significantly higher percentage of remissions was achieved with the twice‐weekly regimen (p < 0.05) compared to the „on demand“ regimen 42.

  • ▸ Standardized, simple treatment regimens seem to achieve better therapeutic results than on‐demand regimens. (B)

Neither data are available to compare different treatment modalities (re‐induction therapy, on demand regimens) regarding their efficacy, safety and adherence for therapeutic intervals >12 weeks, nor to determine the optimum time point to switch from a daily treatment to a once‐to twice weekly maintenance therapy.

Conclusion

Combining evidence and clinical experience, the following expert recommendations for the topical long‐term treatment of psoriasis with vitamin D3 analogues and their combinations can be given:

  • ▸ Besides long‐term treatment (1–2x weekly) with two‐compound‐formulations, also alternative regimens including calcipotriol monotherapy have shown to be effective in daily practice. (expert consensus)
  • ▸ Due to its favorable risk‐benefit profile in maintenance studies of high evidence (A2) and due to its economic benefits (C), the 1–2x weekly application of a two‐compound‐formulation after initial therapy is recommended. (expert consensus)
  • ▸ Due to high patient satisfaction values the gel‐formulation of the two‐compound‐products is recommended for maintenance therapy. (expert consensus)

Acknowledgement

Research of the literature, data compilation and manuscript preparation were supported by Dr. med. Michaela Dippel (MD Medscript & ‐consult, Bad Dürkheim, Germany). Costs were covered by Leo Pharma, Neu Isenburg, Germany.

Conflict of Interest

M. Augustin has functioned as a consultant and/or referent and/or participant in clinical studies for the following companies: Abbott/AbbVie, Almirall‐Hermal, Amgen, Biogen Idec, Celgene, Centocor, Janssen‐Cilag, Leo Pharma, medac, MSD (formerly Essex, Schering‐Plough), Novartis, Pfizer (formerly Wyeth).

U. Mrowietz has functioned as a consultant for and/or referent for and/or recipient of research funding from the following companies: Abbott/AbbVie, Almirall‐Hermal, Amgen, BASF, Biogen Idec, Celgene, Centocor, Eli Lilly, Forward Pharma, Galderma, Janssen, Leo Pharma, Medac, MSD, Miltenyi Biotech, Novartis, Pfizer, Teva, VBL, Xenoport.

B. Bonnekoh has functioned as a consultant for and/or referent for and/or recipient of research funding and/or participant in clinical studies from the following companies: Abbott/AbbVie, Biogen Idec, Janssen, Leo Pharma, MSD, Novartis, Pfizer.

T. Rosenbach has functioned as a consultant for and/or referent for and/or recipient of research funding and/or participant in clinical studies from the following companies: Abbvie, Biogen‐Idec, Janssen‐Cilag, Leo, Lilly, Medac, MSD, Novartis, Pfizer.

D. Thaci has functioned as a consultant for and/or referent for and/or recipient of research funding and/or participant in clinical studies from the following companies: Abbott/AbbVie, Almirall‐Hermal, Amgen, Biogen Idec, Celgene, Centocor, Eli Lilly, Forward Pharma, Galderma, Janssen, Leo Pharma, Maruho, Meda, Medac, Mitsubishi Pharma, MSD, Novartis, Pfizer, VBL.

M. Reusch has functioned as a consultant for and/or referent for and/or participant in clinical studies from the following companies: AbbVie, Janssen‐Cilag, Leo, Novartis.

M. Ardabili has functioned as a consultant for and/or referent for and/or recipient of research funding and/or participant in clinical studies from the following companies: Amgen, Biogen‐Idec, Janssen‐Cilag, Leo, Novartis, Pfizer.

K. Reich has functioned as a consultant for and/or referent for and/or recipient of research funding and/or participant in clinical studies from the following companies: Abbvie, Amgen, Biogen‐Idec, Celgene, Centocor, Covagen, Forward Pharma, GSK, Janssen‐Cilag, Leo, Lilly, Medac, MSD, Novartis, Pfizer, Vertex, Takeda.

Psorilax:A buon prezzo online |2 s crema x viso x psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, ingredienti

Potresti averlo o sentito parlare di qualcun altro che ce l'ha. Sì, è la psoriasi e 7,5 milioni di persone negli Stati Uniti soffrono di questa malattia dolorosa. Alcuni di voi l'hanno accettato e vivono con esso. La psoriasi si è diffusa abbastanza per alcuni di voi, che vi rende coscienti e che l'autocoscienza sta influenzando la vostra autostima e, in alcuni casi, vi allontana da tutto, creando stress nella vostra vita e prendendo un pedaggio sul sistema immunitario . La psoriasi è una malattia autoimmune e un sistema immunitario in declino peggiorerà la psoriasi. Per coloro che sono steroidi per un lungo periodo di tempo, quando smetti di lavorare e interrompi gli steroidi, finisci con la sindrome da astinenza da steroidi e rendi la tua vita miserabile.

Anche se ora ci sono così tante scoperte e farmaci disponibili, non esiste un'unica cura completa a causa della complessa natura della psoriasi. Puoi consultare il tuo medico e ottenere la prescrizione della psoriasi, ma se riesci a integrare alcune terapie alternative, può aiutare ad alleviare un po 'della gravità. La maggior parte delle persone affette da psoriasi di solito graffia l'area a causa della secchezza e del prurito, facendo sanguinare l'area.

Trent'anni fa, Brian Jegasothy MD, formalmente presidente del Dipartimento di Dermatologia, Università di Pittsburg, negli Stati Uniti e io, aveva sviluppato la Hylunia's Healing & Restoring Cream e la Hymed's Reconstructive Crème Formula per la psoriasi e l'eczema usando le proprietà idratanti e curative dell'acido ialuronico. L'acido ialuronico è un componente importante della pelle, dove è coinvolto nella riparazione dei tessuti. La pelle fornisce una barriera meccanica all'ambiente esterno e agisce per prevenire l'ingresso di agenti infettivi. Una volta feriti, i tessuti sottostanti sono esposti alle infezioni; pertanto, una guarigione rapida ed efficace è di importanza cruciale per ricostruire una funzione barriera. Sebbene si trovi naturalmente in tutto il nostro corpo, l'acido ialuronico – purtroppo – ha una breve durata di conservazione ed è naturalmente scomposto e scaricato dal corpo in uno o tre giorni. Per questo motivo, è indispensabile che il corpo si riempia continuamente di acido ialuronico. L'applicazione quotidiana di Hylunia's Healing and Restoring Cream and Hymed's Reconstructive Crème quante volte sono necessarie aiuta a idratare e guarire la pelle e minimizza il prurito.

Secondo Brian Jegasothy, “L'acido ialuronico è probabilmente l'umettante topico più efficace attualmente disponibile – più efficace nelle sue proprietà di ritenzione idrica rispetto alla glicerina, sorbitolo, collagene ecc. Inoltre, la sua capacità di associarsi ai lipidi nelle membrane superficiali della pelle ne migliora notevolmente la capacità fornire la sua acqua trattenuta e arricchire la sua proprietà riducendo la perdita di acqua transepidermica ”. Negli ultimi 30 anni, la crema curativa e restitutiva di Hylunia e la crema ricostruttiva di Hymed hanno così tanto sollievo idratando, riparando e minimizzando il prurito dovuto alla psoriasi e all'eczema. Inoltre, dalla nostra esperienza nella cura postoperatoria e laser, abbiamo scoperto che l'applicazione di uno strato di siero di acido ialuronico puro prima di applicare la crema curativa e rigenerante o la crema ricostruttiva di Hymed aiuta a superidratare e fornisce l'ossigeno disciolto nell'acqua dell'acido ialuronico per riparazione continua della pelle della psoriasi. Il siero ialuronico puro è disponibile nell'idratante ialuronico di Hylunia o nell'acido ialuronico puro di Hymed.

La crema curativa e restitutiva di Hylunia e la crema ricostruttiva di Hymed hanno dato così tanto sollievo a così tanti clienti indifesi, che l'anno scorso la società ha formulato l'esclusiva crema ricostruttiva Hymed del medico in particolare per i pazienti affetti da psoriasi ed eczema e la renderà disponibile al pubblico. La nuova formulazione contiene calendula, beta-glucano di avena e curcuma oltre all'acido ialuronico. Le informazioni sui benefici di calendula, beta-glucano e curcuma sono riportate di seguito.

CONSERVANTI, FRAGRANZE E INGREDIENTI INFIAMMATORI

Qualsiasi prodotto per la cura della pelle usato per la psoriasi dovrebbe essere privo di sostanze irritanti come profumi e conservanti. Gli studi hanno dimostrato che le fragranze e i conservanti contribuiscono a oltre il 50% dell'irritazione della pelle e l'irritazione continua della pelle della psoriasi ferita può causare danni irreversibili. Hylunia e Hymed non usano conservanti e profumi artificiali ma usano una combinazione di non conservanti, minimizzando così l'irritazione e l'infiammazione. Pertanto, anche il detergente o il detergente per il corpo che usi non dovrebbero contenere conservanti.

Hylunia ha un lavaggio del corpo senza profumo e senza conservanti e Hymed ha un detergente delicato per pulire la pelle della psoriasi.

STRESS E SISTEMA IMMUNITARIO

Come tutti sappiamo, la psoriasi è una malattia autoimmune e il sistema immunitario si indebolisce a causa dello stress creato dalla tua autocoscienza, di come ti senti su di te e della peggiore risposta mentale dello scenario. Esistono terapie alternative per ridurre lo stress e riaffermare la mente per minimizzare lo stress. Ho detto a tutti quelli con cui lavoro che la chiave per ridurre lo stress sta nel “come guardi le cose”. Abbiamo un massaggio antistress e una meditazione guidata presso la Hylunia Wellness MD Spa di Orange County, in California, per aiutare le persone con psoriasi.

ABITUDINI ALIMENTARI

Anche se credo che tutti dovrebbero mangiare ciò che vivono, è consigliabile ridurre al minimo il consumo di carne rossa e bianca ricca di ormoni e nutrita di antibiotici. Mangia tutto con moderazione e non ti chiedo di interrompere completamente tutto. Puoi ridurre la tua carne rossa e mangiare carne nutrita con erba, pollo ruspante, pesce e uova. Mangia e bevi biologico e includi insalate e verdure nei tuoi pasti. Il tuo corpo produce tossine e deve essere disintossicato. Bere latte dorato e includere la curcuma in tutti i tuoi alimenti e frullati può ridurre al minimo l'infiammazione dovuta allo stress e alle tossine nel tuo corpo. Inoltre, inclusi lo zenzero, l'aglio, il finocchio e il coriandolo durante la cottura possono aiutare a ridurre al minimo l'infiammazione.

La pelle della psoriasi necessita di una costante guarigione e la vitamina A è importante nella guarigione. Incluse le carotine nell'insalata e come spuntino e carote nella cottura o nel consumo di succo di carota sono un'ottima fonte di vitamina A per curare la psoriasi. Inoltre, è bene assumere vitamina C 500 mg, 3 volte al giorno, poiché fa bene al sistema immunitario e favorisce la sintesi del collagene.

Le fibre alimentari, sia le fibre solubili (come la farina d'avena) che le fibre insolubili sono importanti per il movimento intestinale, altrimenti la costipazione produce tossine che ostacolano la guarigione della pelle della psoriasi.

L'assunzione di psillio, semi di lino e semi di chia con succhi, frullati e tè può aiutare a rendere più fluidi i movimenti intestinali.

Se ti piacciono le alghe, mangia Spirulina per disintossicare il tuo corpo.

DISINTOSSICAZIONE.

L'ultima ma non meno importante sono le tossine prodotte nel tuo corpo. Le tossine sono prodotte nel tuo corpo come sottoprodotto del metabolismo e dai farmaci. Inoltre, le tossine si accumulano nel tuo corpo al di fuori delle cellule, nel sangue, nella linfa, nell'intestino e nel fegato. La risposta del sistema immunitario è ridotta con tossine sopra il normale nel corpo. La disintossicazione del corpo è importante per coloro che soffrono di psoriasi, in particolare quelli che assumono steroidi e altri farmaci, nonché che usano lozioni e creme topiche. La disintossicazione tradizionale dalle erbe e dagli alimenti non rimuoverà completamente le tossine da tutte le cellule del corpo.

Hylunia ha sviluppato un sistema di disintossicazione ionico-cellulare completo e completo in grado di rimuovere completamente la maggior parte delle tossine testate negli ultimi 15 anni. Hylunia Wellness MD Spa offre servizi di disintossicazione e un programma di 21 giorni “Beyond Panchakarma” (5 passaggi di pulizia e ringiovanimento) per coloro che soffrono di psoriasi grave e altri allineamenti.

Informazioni sugli ingredienti.

Acido ialuronico (Hylunia e Hymed è un'azienda vegana e l'acido ialuronico utilizzato è derivato da fonti vegetali).

Studi clinici hanno dimostrato (Rif; 1 e 2) che le ferite irradiate guariscono più rapidamente con l'acido ialuronico. Trattenendo 1000 volte il suo peso in acqua, l'acido ialuronico lega efficacemente l'acqua alle cellule ed è responsabile dell'elasticità e della resistenza della pelle. Secondo il dott. Brian Jegasothy, MD, ex presidente del Dipartimento di Dermatologia dell'Università di Pittsburgh: “L'acido ialuronico è probabilmente gli umettanti topici più efficaci attualmente disponibili: più efficaci nelle proprietà di ritenzione idrica rispetto alla glicerina, sorbitolo, collagene ecc. Inoltre, la sua capacità di associarsi ai lipidi nelle membrane superficiali della pelle ne migliora notevolmente la capacità di erogare l'acqua trattenuta e ne arricchisce le proprietà riducendo la perdita d'acqua transepidermica ”.

Dal 1988, Hylunia– Hymed ha lavorato sulle proprietà curative dell'acido ialuronico e ha basato l'intera linea di prodotti per la cura della pelle attorno alle comprovate proprietà curative e idratanti dell'acido ialuronico.

Rif. 1: Guarigione delle ferite arricchite con acido ialuronico: osservazione istologica.

G.Abatangelo; M. Martelli e P. Vecchia; Università di Padova, Italia

Rif. 2: Studio clinico randomizzato in doppio cieco che confronta la crema con acido ialuronico con placebo in pazienti trattati con radioterapia

Radiother Oncol 1997 febbraio; 42 (2): 155061 (ISSN: 0167-8140). Liguori V; Guillemin C; Pesce GF; Mirimanoff R O; Bernier J. Dipartimento di Radio-Oncologia, Ospedale San Giovanni, Bellinzona, Svizzera.

calendola

La calendula, nota anche come calendula, viene utilizzata in Europa per secoli come rimedio erboristico noto per le sue proprietà antibatteriche e antinfiammatorie. L'estratto di calendula è ricco di beta-carotene, stearina, triterpenoidi, flavonoidi e cumarina, nonché di microelementi. Per questo motivo, Calendula è nota per le sue potenti proprietà cicatrizzanti e lenitive. Di solito è usato esternamente per le sue proprietà antisettiche e curative nel trattamento di infezioni della pelle, tagli, forature, graffi, ustioni e pelle screpolata o irritata. Meno comunemente, viene utilizzato internamente per curare le mucose infiammate e infette.

Beta Glucan

Il beta-glucano estratto da avena e altre fonti può comunicare con il sistema immunitario e può stimolare i macrofagi che ingeriscono e distruggono i patogeni. I macrofagi rilascia citochine che comunicano con altre cellule immunitarie. Inoltre, il beta glucano stimola i globuli bianchi a virus e tumori e rilascia sostanze chimiche per distruggerli. Il beta-glucano agisce anti-infiammatorio e anti-ossidante. Studi dell'Università di Alberta (Canada) hanno dimostrato che il beta-glucano può aiutare nella guarigione delle ferite e nella riduzione della paura.

Burro Di Karitè

Il burro di karité è un emolliente naturale color avorio estratto dalla noce dell'albero di karité africano frantumando, bollendo e mescolando. È ampiamente usato nella cura della pelle come idratante.

I guaritori e le bellezze africane conoscono il burro di karité da migliaia di anni: la sostanza è quasi magica nei suoi effetti curativi su ustioni, condizioni della pelle, pelle ulcerata, smagliature e secchezza. Contiene un benefico emolliente vegetale che favorisce la rigenerazione e la circolazione delle cellule, rendendolo un meraviglioso guaritore e ringiovanente per la pelle problematica o invecchiata. Contiene anche protezioni solari naturali.

Il burro di karité viene talvolta chiamato “l'oro delle donne” perché l'estrazione del burro dalle noci dà lavoro e reddito a centinaia di migliaia di donne dei villaggi africani rurali. Hylunia- Hymed è una società del commercio equo e solidale e importa burro di karité dal Ghana.

Curcuma

La curcuma è una pianta erbacea perenne originaria dell'Asia meridionale ed è stata utilizzata in quella parte del mondo per migliaia di anni. La pasta di curcuma viene tradizionalmente utilizzata dalle donne nell'Asia meridionale come agente antimicrobico e anti-invecchiamento. La curcuma figura anche in modo prominente nelle cerimonie di abbellimento nuziale del subcontinente indiano. È anche usato nella formulazione di alcuni filtri solari.

I benefici della curcuma per la pelle

La curcuma è ben nota per le sue proprietà anti-invecchiamento, anti-infiammatorie, anti-ossidanti e antibatteriche ed è attualmente allo studio nella ricerca sul cancro. Questo bioprotettore neutralizza i radicali liberi e i danni delle radiazioni ultraviolette (UV). Il trattamento delicato della curcuma rimuove il tipico colore giallo, in modo che un'alta percentuale di curcuma possa essere incorporata nei nostri prodotti senza macchiare la pelle o comprometterne l'efficacia.

Il sistema di conservazione di Hymed

La Crema ricostruttiva viene conservata con una combinazione di etilesilglicerina, glicole caprilico, estratto di Neem ed estratti di agrumi biologici.

Uno studio quinquennale sulle reazioni cosmetiche.

Adams RM, Maibach HI.

Durante 64 mesi (1977-1983), dodici dermatologi di varie sezioni degli Stati Uniti hanno studiato un totale di 713 pazienti con dermatite cosmetica su un totale stimato di 13.216 pazienti con dermatite da contatto. Il numero di pazienti osservati per tutte le cause durante questo periodo era 281.100. Una scoperta importante è stata che metà dei pazienti o dei medici non erano a conoscenza del fatto che un cosmetico fosse responsabile della loro dermatite. I prodotti per la cura della pelle, i preparati per capelli (compresi i colori) e il trucco per il viso sono stati responsabili della maggior parte delle reazioni. L'obiettivo più importante era l'identificazione dei principi causali. L'ottantasette percento dei soggetti ha avuto patch test. Fragranza, conservanti (quaternium-15, formaldeide, imidazolidinil urea e parabeni), p-fenilendiammina e gliceril monotioglicolato erano i sensibilizzanti allergici più frequentemente identificati, in questo ordine. Oltre ai dati clinici, lo studio ha consentito la valutazione della frequenza delle reazioni cosmetiche, sebbene i dati potrebbero non essere del tutto rappresentativi del paese in generale a causa degli interessi particolari dei dermatologi coinvolti.

PMID: 4078100 (PubMed – indicizzato per MEDLINE)

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/4078100

Psorilax:Immediatamente |crema per psoriasi eritrodermica

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, come si usa

Il trattamento con rimedi casalinghi per la psoriasi del cuoio capelluto può diventare una soluzione per eliminare naturalmente i sintomi della psoriasi del cuoio capelluto. È diventato un fatto evidente che soffrire di psoriasi del cuoio capelluto può essere sia fastidioso che imbarazzante. Mentre il sintomo di una condizione lieve è di solito solo un leggero ridimensionamento, i sintomi di condizioni da moderate a gravi possono includere prurito, perdita temporanea di capelli, sensazione di bruciore, chiazze rosse squamose e squame bianche argentee.

La psoriasi del cuoio capelluto può interessare un singolo cerotto, più cerotti o l'intero cuoio capelluto. Può anche diffondersi dietro alle orecchie, dietro al collo e sulla fronte. Per eliminare i sintomi dolorosi e disturbanti, è necessario scegliere il trattamento più adatto.

I trattamenti che sono comunemente usati per curare i trattamenti della psoriasi del cuoio capelluto includono rimedi casalinghi, farmaci e trattamenti laser. Questo articolo fornisce informazioni sulla cura della psoriasi del cuoio capelluto, l'importanza di scegliere il giusto trattamento, i motivi per trattare la psoriasi in modo naturale, le cose da fare prima di prendere un rimedio a casa e 10 rimedi domestici per curare la psoriasi del cuoio capelluto.

Trattamento dei rimedi domestici della psoriasi del cuoio capelluto

Immagine: wikimedia.org & medicinenet.com

Esiste una cura per la psoriasi del cuoio capelluto?

Le persone che soffrono di psoriasi del cuoio capelluto potrebbero aver sentito che non esiste alcuna cura per le loro condizioni. Tuttavia, queste informazioni non dovrebbero mai renderti deluso o sincero. Anche se la tua condizione non può essere curata, puoi eliminare i sintomi.

Se i sintomi possono essere eliminati, non ti sentirai più doloroso o pruriginoso. Inoltre, non ti sentirai in imbarazzo in quanto non ci saranno patch argentee sul cuoio capelluto, sulla fronte o sul retro delle orecchie. Esistono rimedi casalinghi per la psoriasi del cuoio capelluto, farmaci e terapia laser che possono aiutare i malati di psoriasi del cuoio capelluto a migliorare la loro qualità di vita.

La scelta dei trattamenti

Nel tuo sforzo di trovare un trattamento naturale per la psoriasi del cuoio capelluto, troverai diversi tipi di trattamenti. Anche se tutti i trattamenti hanno lo scopo di eliminare i sintomi, ciò non significa che possano dare lo stesso risultato. Inoltre, una condizione diversa richiede un trattamento diverso.

Ad esempio, un trattamento per una condizione lieve è generalmente diverso da un trattamento per una condizione grave. Fondamentalmente, quando devi decidere quale trattamento è giusto per te, dovresti innanzitutto determinare quanto è grave la tua condizione.

Se è interessato meno del 3% del cuoio capelluto, la condizione è lieve. Una condizione moderata è quando il 3% al 10% del cuoio capelluto è interessato. Se è interessato più del 10% del cuoio capelluto, soffre di psoriasi grave del cuoio capelluto.

Quindi, prima di scegliere un determinato trattamento, è necessario comprendere i punti di forza e di debolezza di ciascun trattamento. I farmaci offrono un trattamento più veloce. Può curare l'infiammazione in modo che i malati non si sentano pruriginosi e dolorosi.

Tuttavia, poiché i farmaci entrano nel sistema metabolico e nel sangue, l'assunzione di farmaci per il trattamento della psoriasi del cuoio capelluto può essere rischiosa soprattutto per le donne in gravidanza e in allattamento e per coloro che assumono determinati farmaci. Un trattamento con rimedi casalinghi per la psoriasi del cuoio capelluto ti consente di utilizzare i rimedi casalinghi per trattare le tue condizioni lievi. Utilizza ingredienti naturali per eliminare i sintomi della psoriasi del cuoio capelluto.

Sfortunatamente, funziona più lentamente dei farmaci. Il trattamento laser è ora disponibile anche per il trattamento della psoriasi del cuoio capelluto. Questa tecnologia avanzata funziona bene per condizioni da lievi a gravi. La terapia laser può fornire un risultato drammatico, ma sicuramente non è per tutti.

Principali motivi per trattare la psoriasi del cuoio capelluto in modo naturale

La possibilità di eliminare i sintomi della psoriasi del cuoio capelluto utilizzando farmaci, terapia laser e rimedi casalinghi offre alle persone la possibilità di scegliere un trattamento che soddisfi perfettamente le loro esigenze e stile di vita.

In questo caso, molte persone diventano molto interessate a utilizzare un modo naturale per curare la propria condizione. I seguenti sono i motivi principali per utilizzare il trattamento di rimedi casalinghi per la psoriasi del cuoio capelluto.

  • Un trattamento economico. Rispetto ai farmaci, i rimedi domestici naturali sono molto più economici. Il costo del farmaco comprende il costo di produzione, il costo di distribuzione e il costo della pubblicità, mentre il costo di un rimedio domestico è solo la quantità di denaro che è necessario spendere per acquistare erbe, frutta o verdura.
  • Un trattamento pulito. Perché sei tu che lo prepari, sai quali ingredienti usi. Sceglierai i materiali migliori, li laverai in modo pulito e ti prenderai cura di loro bene. Di conseguenza, puoi stare certo che tutto ciò che usi è vantaggioso per il tuo corpo.
  • Facile da trovare. I rimedi casalinghi utilizzano ingredienti disponibili nella dispensa come erbe, frutta e verdura. Ciò ti consente di trovare un sollievo per il prurito, il dolore o il dolore senza lasciare la tua casa confortevole. Devi solo andare nella tua dispensa e trovare gli ingredienti. Se non riesci a trovare una determinata materia prima, puoi semplicemente andare in una drogheria o in un centro commerciale nelle vicinanze per acquistare ciò di cui hai bisogno.
  • Facile da fare. Fare un rimedio a casa non deve subire un complicato processo di produzione e distribuzione. Potrebbe essere necessario solo schiacciare o spremere gli ingredienti prima di applicare sul cuoio capelluto. Anche se non hai mai fatto trattamenti di rimedi casalinghi per la psoriasi del cuoio capelluto prima, puoi facilmente fare un rimedio a casa.
  • Meno dannoso. Oltre ai suoi benefici, è noto che i farmaci hanno effetti collaterali. Mentre alcuni effetti collaterali sono lievi, altri potrebbero essere moderati o gravi. Ciò è possibile perché i farmaci di solito hanno altri ingredienti che possono influenzare altri sistemi corporei promuovendo determinati rischi per la salute. Se usi i rimedi casalinghi, puoi facilmente evitare questi effetti collaterali dannosi perché gli ingredienti che usi serviranno a uno scopo specifico. In altre parole, un trattamento naturale per la psoriasi del cuoio capelluto ha solo uno scopo medicinale.

Cosa fare prima di prendere un trattamento naturale per la psoriasi del cuoio capelluto?

Prendere i rimedi casalinghi per il trattamento della psoriasi del cuoio capelluto significa assumere materie prime a scopo medicinale. Ciò implica che i materiali influenzeranno il tuo sistema corporeo. Per evitare eventi imprevisti, si consiglia vivamente di consultare il proprio medico prima di assumere qualsiasi rimedio casalingo per la psoriasi del cuoio capelluto, soprattutto se si sta attualmente assumendo un farmaco.

Molte persone potrebbero pensare che, poiché un rimedio naturale è tutto naturale, non influenzerà una condizione medica preesistente, una gravidanza o un periodo di allattamento. In effetti, le tue condizioni personali possono essere notevolmente influenzate da un rimedio casalingo che scegli.

Come se soffrissi di diabete o ipertensione, devi scegliere un rimedio casalingo che non peggiori la tua condizione. Anche se questo tentativo richiede di assegnare un momento speciale, ne trarrai molti vantaggi.

10 rimedi casalinghi più popolari per la psoriasi del cuoio capelluto

Se hai deciso di utilizzare il trattamento di rimedi casalinghi per la psoriasi del cuoio capelluto per eliminare i sintomi della psoriasi del cuoio capelluto, ecco 10 rimedi casalinghi da considerare. Leggi attentamente i passaggi per preparare gli ingredienti per assicurarti di ottenere i massimi benefici dal rimedio casalingo.

Aloe Vera

Se stai cercando una pianta con proprietà lenitive per la pelle, dovresti assolutamente scegliere l'Aloe Vera. Questa pianta è stata usata per molto tempo per aiutare a guarire le piccole ustioni della pelle.

Secondo una ricerca degli anni '90, l'Aloe Vera mostra possibili benefici nel trattamento della psoriasi. Contiene sostanze chimiche in grado di aumentare la circolazione nei vasi sanguigni della pelle e uccidere i batteri. Quando viene applicato sul cuoio capelluto interessato, può ridurre eruzioni cutanee e squame.

Come usare: Puoi usare l'Aloe Vera in 2 modi. Loro sono:

  • Gel di aloe vera. Per utilizzare l'Aloe Vera come trattamento naturale per la psoriasi del cuoio capelluto, puoi acquistare la pianta stessa. Tagliare e dividere una delle sue foglie. Pulire il lattice e spalmare il gel sul cuoio capelluto interessato. Se l'acquisto della pianta non è possibile, è possibile acquistare il gel di Aloe Vera nelle farmacie locali o nei negozi di droga. Applicare il gel 3 volte al giorno. Dopo 3-4 settimane di applicazione, si può facilmente vedere un cambiamento significativo del cuoio capelluto.
  • Aloe Vera e olio di jojoba. Per alleviare i sintomi della psoriasi del cuoio capelluto, puoi mescolare il gel di Aloe Vera e l'olio di jojoba. Questi due ingredienti naturali sono in grado di asciugare, desquamare e desquamare il cuoio capelluto grazie alle sostanze chimiche in essi contenute. Innanzitutto, dovresti preparare un contenitore piccolo e pulito. Metti il ​​gel di Aloe Vera e l'olio di jojoba e poi mescolali. Massaggi questo trattamento di rimedi casalinghi per la psoriasi del cuoio capelluto sul cuoio capelluto prima di andare a dormire ogni giorno. Puoi vedere il miglioramento sul cuoio capelluto dopo 3-4 settimane.

Olio di pesce

L'olio di pesce è un ottimo rimedio casalingo per la psoriasi del cuoio capelluto. È ricco di acidi grassi Omega 3. Questi acidi grassi hanno potenti effetti sulla salute umana. Possono rafforzare il sistema immunitario, proteggere dalle malattie cardiache e ridurre l'infiammazione.

Poiché la psoriasi è una malattia autoimmune, il miglioramento del sistema immunitario dovrebbe aiutare a migliorare le condizioni. Ciò significa che l'olio di pesce può aiutarti sia dall'interno che dall'esterno.

Come usare: L'olio di pesce può essere utilizzato per migliorare la psoriasi del cuoio capelluto dall'interno e dall'esterno.

  • Mangia pesce grasso. Per migliorare le tue condizioni dall'interno, puoi mangiare un paio di porzioni di pesci grassi come il salmone e il tonno. Puoi far diventare grassi i tuoi piatti preferiti.
  • Supplemento di olio di pesce. Se non puoi cucinare, puoi assumere regolarmente olio di pesce. Questo supplemento può essere trovato facilmente nelle farmacie e farmacie locali. Ricorda, dovresti acquistare olio di pesce di alta qualità per ottenere i massimi benefici.
  • Crema Di Olio Di Pesce. Per migliorare le tue condizioni dall'esterno, puoi acquistare creme contenenti olio di pesce come trattamento naturale per la psoriasi del cuoio capelluto. Applicare la crema sulla zona interessata 2-3 volte al giorno per 3-4 settimane.

Farina di mandorle

La mandorla contiene molta vitamina E. Questa vitamina è fondamentalmente un antiossidante che protegge e ripara i disturbi della pelle. Combatte i radicali liberi che possono danneggiare la pelle. Poiché questa vitamina non è prodotta dal tuo corpo, dovresti assicurarti di mangiare abbastanza cibo contenente questa vitamina.

Puoi anche assumere integratori di vitamina E se pensi che la tua assunzione sia bassa. Prendi regolarmente integratori di vitamina E di buona qualità per aiutarti a migliorare le tue condizioni dall'interno.

Come usare: Per aiutare a migliorare le tue condizioni dall'esterno, dovrai applicare una pasta di polvere di mandorle e acqua sulla zona interessata regolarmente. Dovresti assicurarti che questo trattamento con rimedi casalinghi per la psoriasi del cuoio capelluto sia nell'area interessata per circa 15-20 minuti. Puoi anche bollire la polvere di mandorle in acqua e poi raffreddarla prima di applicarla sul cuoio capelluto. Ripeti questo trattamento due volte al giorno per 3-4 settimane per ottenere il miglior risultato.

Aceto di mele

Questo ingrediente ha molti vantaggi. Non solo è in grado di ridurre l'irritazione e la sensazione di prurito, ma è anche in grado di proteggere la pelle dalle infezioni. Tuttavia, se la pelle è screpolata o c'è una ferita sulla pelle, è meglio non usarla perché causerà una sensazione di bruciore sulla pelle.

Come usare: Esistono due metodi per utilizzare l'aceto di mele per curare la psoriasi del cuoio capelluto. Loro sono:

  • Bevanda all'aceto di mele. Questa bevanda disintossica il tuo corpo ed elimina la psoriasi del cuoio capelluto dall'interno. Per preparare la bevanda, hai bisogno di 1 cucchiaino di aceto di mele biologico e 1 bicchiere di acqua tiepida. Aggiungi l'aceto di cedro di mele all'acqua e mescola bene. Bevi la soluzione due volte al giorno per ottenere il miglior risultato.
  • Impacco di aceto di mele. Questo trattamento con rimedi casalinghi per la psoriasi del cuoio capelluto è in grado di fornire un trattamento temporaneo per alleviare il prurito e il ridimensionamento causati dalla psoriasi del cuoio capelluto. Per fare l'impacco, hai bisogno di 1 cucchiaino di aceto di mele biologico, 1 asciugamano pulito e 1 bicchiere di acqua tiepida. Preparare la miscela diluita prendendo aceto di mele e acqua tiepida nel rapporto di 1: 3. Immergi il panno nella soluzione per 2 minuti e poi comprimilo sul cuoio capelluto per 1-2 minuti. Ripeti questo rimedio più volte al giorno per eliminare il prurito.

Fiocchi d'avena

La farina d'avena può diventare un ottimo rimedio naturale per la psoriasi del cuoio capelluto perché può mantenere la pelle idratata e ridurre l'irritazione e l'infiammazione della pelle. Una pelle ben idratata è la chiave per un cuoio capelluto sano.

Se il cuoio capelluto è umido, non si formeranno desquamazione e desquamazione. Anche se non ci sono ancora ricerche sui benefici della farina d'avena per la psoriasi del cuoio capelluto, molti pazienti hanno riferito di aver migliorato il cuoio capelluto dopo un uso regolare di farina d'avena.

Come usare: La farina d'avena può essere utilizzata in due modi. Loro sono:

  • Bagno di farina d'avena. Immergere il corpo e il cuoio capelluto nel bagno di farina d'avena consente di avere una pelle morbida e liscia. Può aiutare a calmare la pelle e guarire la pelle screpolata. Per preparare un bagno di farina d'avena, avrai bisogno di 1 tazza di farina d'avena finemente in polvere (puoi ottenerla facilmente dai negozi locali) e 1 vasca da bagno di acqua calda. Aggiungi la polvere di farina d'avena all'acqua e mescola bene. Immergi il corpo e il cuoio capelluto per circa 20-25 minuti. Successivamente, lava il tuo corpo con acqua calda e pulita. Ripeti questo processo due volte al giorno. Nel giro di poche settimane, puoi vedere lo straordinario risultato.
  • Pasta Di Farina D'avena. Prepara una soluzione di farina d'avena in polvere e acqua calda. Applicare la soluzione sul cuoio capelluto interessato. Ripeti questo processo 2 o 3 volte al giorno. La pasta di farina d'avena idrata il cuoio capelluto desquamante e desquamante. Avrai il tuo cuoio capelluto sano entro poche settimane.

Olio d'oliva

I benefici dell'olio d'oliva sono stati ampiamente conosciuti. È un ottimo idratante per la pelle che può mantenere la pelle idratata e ridurre la secchezza della pelle. Dopo un'applicazione, la pelle diventerà immediatamente liscia e morbida. Dovrai applicare l'olio sugli interessati in modo regolare al fine di eliminare i fiocchi e il ridimensionamento.

Come usare: Esistono 3 modi per utilizzare questo trattamento di rimedi casalinghi per la psoriasi del cuoio capelluto. Loro sono:

  • Semplice applicazione. A tal fine, dovrai utilizzare olio extra vergine di oliva. Massaggia l'olio sul cuoio capelluto interessato per 3 minuti ogni volta che ne hai bisogno.
  • Applicazione di olive, calendula e origano. Preparare 2 gocce di olio di calendula, 1 goccia di olio di origano e 1 tazza di olio d'oliva. Mescola bene i tre oli e riscalda la miscela nel microonde per un po '. Mentre è ancora caldo, applicare la miscela sulla zona interessata. Massaggia delicatamente l'area per 3 minuti. Dovresti lasciare l'olio sul cuoio capelluto durante la notte. Per ottenere il miglior risultato, applicare l'olio su base regolare.
  • Tempo del bagno. Puoi aggiungere da 2 a 3 cucchiai di olio d'oliva nella vasca da bagno. Immergi il corpo e il cuoio capelluto per circa 20 minuti. Asciuga la pelle e il cuoio capelluto. È necessario ripetere questo processo due volte al giorno per alcune settimane per ottenere il risultato.

Curcuma

Questa erba è una delle principali spezie nei piatti indiani e mediorientali. È usato in vari tipi di piatti per il suo gusto e benefici.

Secondo molti studi su questa erba, la curcumina, il principio attivo della curcuma ha potenti proprietà antiossidanti e antinfiammatorie. Questo trattamento con rimedi casalinghi per la psoriasi del cuoio capelluto può ridurre i razzi della psoriasi. Di conseguenza, i malati possono sbarazzarsi del dolore.

Come usare: Questa erba può essere utilizzata in tre modi. Loro sono:

  • Spezia per i tuoi piatti. Se ami il curry o altri piatti indiani che usano la curcuma, puoi semplicemente mangiare quei piatti per ottenere i benefici della curcuma. Ci sono molte ricette che usano la curcuma su Internet, quindi non dovresti avere difficoltà a cucinare un piatto delizioso.
  • Bevanda alla curcuma. Dovresti preparare un bicchiere di acqua calda e 5 cm di curcuma. Lavare bene la curcuma e poi sbucciarla. Affettalo sottilmente e metti le fette nell'acqua calda. Copri il bicchiere e lascialo finché non è tiepido. Bevi due volte al giorno per ottenere il miglior risultato.
  • Pillola o integratore di curcuma. Se non ti piace l'odore e le seccature della preparazione dei piatti o della bevanda alla curcuma, puoi prendere la pillola di curcuma. Scegli la pillola prodotta da un'azienda rispettabile per ottenere una pillola di alta qualità.

aglio

L'aglio è altamente raccomandato per trattare la psoriasi del cuoio capelluto. Contiene proprietà anti-infiammatorie e antiossidanti. È potente per curare l'infiammazione e prevenire le infezioni della pelle.

Come usare: Esistono diversi modi per utilizzare questo trattamento di rimedi casalinghi per la psoriasi del cuoio capelluto. Loro sono:

  • Mangia l'aglio così com'è. Devi scegliere l'aglio che è nelle sue migliori condizioni e ha una forma perfetta. Sbucciare la pelle e lavarla bene. Mangia l'aglio così com'è. Ciò ti consentirà di ottenere il massimo vantaggio dall'aglio, comprese le sue proprietà depurative del sangue. Se mangi regolarmente l'aglio, sarai in grado di sbarazzarti dei sintomi della psoriasi e persino di prevenirne l'epidemia.
  • Pasta di olio d'aglio e gel di aloe vera. Avrai bisogno di 1 cucchiaino di olio d'aglio e 1 cucchiaino di gel di Aloe Vera. Mescolali in un piccolo contenitore. Applicare la pasta sul cuoio capelluto interessato e attendere 15 minuti.
  • Bevanda all'aglio e al latte. Preparare 2-3 spicchi d'aglio schiacciati, 1 bicchiere di latte e 1 cucchiaino di zucchero. Schiaccia l'aglio correttamente. Aggiungere l'aglio schiacciato nel latte e quindi aggiungere 1 cucchiaino di zucchero. Mescola bene e bevi il composto due volte al giorno.

Unguento alla capsaicina

La capsaicina si trova nei peperoncini. È l'ingrediente che rende i peperoncini piccanti. Può aiutare ad eliminare i sintomi della psoriasi tra cui dolore, infiammazione e arrossamento.

Come usare: Per utilizzare questo rimedio naturale per la psoriasi del cuoio capelluto, è necessario applicarlo sulla pelle interessata ogni volta che si sente doloroso. Tuttavia, prima di utilizzare l'unguento sulla zona interessata, è necessario applicarlo un po 'sul braccio per assicurarsi che non provochi una sensazione di bruciore sulla pelle.

Impacchi di ghiaccio

Ice pack è un trattamento di rimedi casalinghi per la psoriasi del cuoio capelluto per alleviare immediatamente il dolore. Può intorpidire le terminazioni nervose una volta posizionata nell'area interessata. Quando le terminazioni nervose diventano insensibili, non ti sentirai più doloroso. Il ghiaccio ha anche un effetto rinfrescante che può aiutare a ridurre l'irritazione e la sensazione di prurito.

Come usare: Avrai bisogno di cubetti di ghiaccio e un asciugamano o un asciugamano. Avvolgi un sacco di cubetto di ghiaccio nell'asciugamano o nella salvietta e poi comprimilo sul cuoio capelluto interessato per circa 10 minuti. Puoi usare questo rimedio naturale tre volte al giorno.

Psorilax:come si usa |creme naturali per psoriasi al cuoio capelluto

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, dove si compra

psoriasis vitamin d deficiency: The Ultimate Guide

As more and more people with psoriasis are switching to natural ways to treat their condition, one of the first things you need to explore is the psoriasis vitamin d deficiency connection.

Psoriasis and Vitamin D deficiency is nearly always overlooked by dermatologists when they first diagnose you with psoriasis.

This post will hopefully open your eyes to the huge benefits of using vitamin D to improve your psoriasis.

It is a quite lengthy post but here is a summary of what you will learn today

  • How I stumbled upon the vitamin d3 psoriasis connection
  • What is vitamin D and difference between vitamin D2 and D3?
  • What are the effective forms of vitamin D?
  • What are the benefits of using vitamin D/D3 other than treating your psoriasis?
  • The science behind vitamin d deficiency and psoriasis
  • What Medical Professionals say about psoriasis and Vitamin D Deficiency?
  • How to know if you have vitamin d deficiency other than having psoriasis?
  • How to test psoriasis vitamin d deficiency
  • Where you can order a vitamin D level test online
  • Understanding your Vitamin D test results so you can treat your psoriasis
  • How much Vitamin D to take for psoriasis once you know your results
  • Vitamin D and Psoriasis Success Stories
  • Best Vitamin D3 Supplement for Psoriasis

So it’s time to sit back and learn why you must consider using vitamin d to treat your psoriasis.

FREE SMART PSORIASIS DIET PLAN EBOOK: How I Control My Psoriasis Through Diet & Supplements

How I stumbled upon the vitamin d3 psoriasis connection

I have been to more than 20 doctors, dermatologists and skin specialists during the early years of my psoriasis condition and NOT ONE doctor recommended that I should get my vitamin d levels checked even though I lived in a country that gets about 60 good days of sunshine a year.

The first time I knew that sun/vitamin D/D3 was a major factor in my psoriasis was when I made a journal of all the places I have lived in the world and noted how good/bad my psoriasis was. Here is a recap for you and hopefully it will make it clear to you how I spotted that vitamin D is good for psoriasis.

Below is a list of places I have lived in for more than 3 months. I rated my diet, my stress levels and my exposure to sun/vitamin d3 in those places along with the total coverage of psoriasis on my body.

vitamin d psoriasis connection

To make things easier for you to see, I have just included all places where I had less than 5% coverage of psoriasis on my body.

is vitamin d good for psoriasis? Yes of course

Look at the correlation. In all cases where I had less than 5% coverage I was getting sunshine every day or taking a vitamin d3 supplement when I was not able to get natural sunlight.

One very important thing to note is that just getting sunshine alone will not eliminate your psoriasis entirely. When I lived in Malta for the first time which gets 300 days of sunshine a year, I still had 50% coverage on my body as my diet and stress levels were not under control.

FREE SMART PSORIASIS DIET PLAN EBOOK: How I Control My Psoriasis Through Diet & Supplements

What is Vitamin D?

Vitamin D also known as “sunshine vitamin” is the vitamin that you make when your skin is exposed to the rays of the sun and that can also be obtained from animal and plant based dietary supplements available online or in local pharmacies or health stores.

Vitamin D is a form of fat-soluble vitamin, which means that it is stored in the fat tissues and liver if your body has more than enough of them already.

Taking vitamin D naturally or via dietary supplements have both significant health benefits and positive effects on your body. It is responsible for the maintenance of calcium and phosphorus level in our blood and improves other bodily functions such as:

  • Regulation of cell growth to normal levels
  • Fighting infection
  • Bone mineralization or strengthening
  • Improves communication between the brain and muscles and even has a role in cancer treatments

You can get vitamin D from different kinds of food such as salmon, sardines, mushrooms, and cod liver oil.

Also, you can get Vitamin D naturally through ultraviolet light or the rays of the sun. Sun exposure for 10 to 15 minutes is a great excuse to go outside and get your vitamin D intake.

What are the effective forms of Vitamin D?

Vitamin D can be classified into two forms, D2 and D3.

Vitamin D3 (cholecalciferol) is the recommended and natural source of Vitamin D that your body produces out of the sunlight, and can also be obtained from animal tissue (sheep’s’ wool).

While Vitamin D2 (ergocalciferol) “plant-based Vitamin D” are derived from mushrooms cured with ultraviolet light. However, nutritionists recommend using D3 because of its potency.

What are the benefits of using Vitamin D/D3 other than treating your psoriasis?

Understanding Vitamin D and Its Benefits

Vitamin D plays significant roles to protect and maintain our bodily functions. It is proven to contribute in the regulation of cell growth, improvement of sensory and motor functions, and reduces tissue inflammation. Aside from these, Vitamin D also;

  1. Improves Fertility – Vitamin D can boost levels of progesterone and estrogen. These hormones are responsible for the regulation of menstrual cycle and improve the success of conception.
  2. Activates Immune Response – A study conducted by scientists at the University of Copenhagen suggested that   Vitamin D plays a vital role in activation of the immune response.Before the Killer T-cells (cells that fight off infections) respond to infections, they first search for vitamin D in order to activate; and if they fail, they cannot continue to work as guards in fighting off diseases. Needless to say, vitamin deficiency can greatly disable the body’s immune response and can cause systemic infections which may contribute to the development of autoimmune disorders that could also lead to other health problems.
  3. Prevents Cancer – Vitamin D is associated in preventing the development of cancer cells by decreasing growth of cancer cells, reducing blood vessel formation on tumours, and stimulating cancer cell death. Also, research studies suggest that people who have more sunlight exposure and higher levels of vitamin D have lower cancer incidence and mortality rate.
  4. Make our bones stronger – In our gut, vitamin D promotes absorption of calcium that we get from different food sources, and supplements. The calcium that is absorbed is responsible for the normal bone growth and re-growth when we experience fractures.
  5. It boosts our immune system – In recent clinical trials and research studies, it is proven that vitamin D can significantly boost your immune system by increasing the production of lymphocytes (a component of our blood that fights infection) and reduces your chances of getting cardiovascular diseases, osteoporosis, cancer and cognitive impairments.

FREE SMART PSORIASIS DIET PLAN EBOOK: How I Control My Psoriasis Through Diet & Supplements

The Science behind Vitamin D Deficiency and Psoriasis

Vitamin D is associated to the improvement of different health alterations of the body by working on the regulation of cellular growth and immune response empowerment.

Since psoriasis is mainly characterized by the abnormal growth of skin cells, researchers conducted studies to find out if Vitamin D supplementation does affect psoriasis.

In Japan (British Journal of Dermatology, Oct. 1986), researchers conducted a Vitamin D and psoriasis trial to 19 affected individuals, the results yielded that within 3 weeks, 16 out of 19 or about 85% of the subject reported significant improvement on their condition.

The psoriatic plaques dramatically loosened up, became thinner and less scaly. The reason for this, as explained by medical experts:

  1. Vitamin D is scientifically considered to affect cell growth. With the right level of this vitamin, cellular growth is controlled causing the abnormal speed of cellular growth of psoriatic patient to stabilize.
  2. Vitamin D is known to affect the immune system, and because psoriasis is an act of imbalanced immune system function, it could be that vitamin D is shifting the balance in a good way.

Psoriasis is not contagious, however, we all know that it is still imperative to treat this condition to uplift self- esteem and improve overall health.

What Medical Professionals say about psoriasis and Vitamin D Deficiency?

Vitamin D is commonly associated mainly with the strengthening of your bones, but, more important, it plays a role on autoimmune conditions like psoriasis, vitiligo and respiratory problems like pneumonia.

The Journal Science Translational Medicine

On the report, medical scientists concluded that Vitamin D helps counteract the body’s immune response to inflammation (one of the major problems of psoriatic patients) that is associated with red scaly patches (plaques).

The finding—based on analysis of genetic material in skin biopsies from psoriasis patients and healthy volunteers—could lead to new therapies, report the team of researchers from the U.S. and Germany.

Dermatology Clinic of the Hospital Heliópolis and the Internal Medicine Clinic of Universidade Federal de São Paulo, BRAZIL (2008)

Clinical finding suggests that a daily maintained dose of Vitamin D is safe and effective therapeutic approach for reducing disease activity of autoimmune disorders like vitiligo and psoriasis.
The clinical condition of all psoriasis affected participants significantly improved during the treatment.

Photograph of a male participant that underwent Vitamin D treatment.

brazil psoriasis and vitamin d3 connection 2008

Before and after of psoriasis patient who was placed on 35,000 iu of vitamin d3 for 6 months

Dr Richard Gallo also states

“One of the effects of vitamin D is changing the way cells grow. Since the symptoms of psoriasis on skin include an increase of the skin’s cells, if you put something on the skin that slows growth, (it) may cause the plaques to become thinner and less scaly”.

How to know if you have vitamin D deficiency other than having psoriasis?

Symptoms of Vitamin D deficiency

The big thing that you might have if you are suffering vitamin D deficiency are immune and physical issues such as:

  1. Muscle and bone weakness – Vitamin D is important for bone health, muscles, and teeth. This vitamin is essential to the process of producing calcium in the body which is the main nutrient needed by our bones and other tissues.
  2. Emotional ups and downs or depression or anxiety–clinical findings suggest that women with lower vitamin D are more likely to be depressed or struggle with deep emotional feelings of sadness. The fact thatVitamin D stimulates sex hormones such as estrogen, (improves brain function) it is responsible to the behavior and physiological growth of females.
  3. Diabetes – Vitamin D makes our body more sensitive to insulin and helps in preventing leaky gut that could lead to other autoimmune disease and type 1 diabetes, various neurological conditions Multiple Sclerosis, Parkinson’s Disease, and Ulcerative Colitis (inflammation of the colon).
  4. Chronic gum disease – people with low levels of vitamin D are more vulnerable to swelling, bleeding, and reddening of the gums.
  5. High blood pressure – Vitamin D plays vital role in controlling minerals such as potassium and magnesium to help muscle tissues to contract (heart) and keep artery walls supple and pliable. While calcium, regulates heart beat and blood vessel dilation.
  6. Fatigue and daytime sleepiness – individuals with musculoskeletal discomfort (linked to Vitamin D deficiency) are more likely have difficulty to produce good quality of rest and sleep that could lead to these conditions.
  7. Mood swings – Vitamin D is responsible for the production of serotonin production (happy hormone), which has a major impact on our mood.
  8. Decreased endurance – studies have shown that people with lower levels of this vitamin are less effective in performing cardiovascular exercise and strengthening exercise compared to with individuals with normal or higher levels.

If you experience one or two of these signs and symptoms provided, get your levels check to assure if you are Vitamin D deficient. You should have your vitamin D levels checked periodically and maintain it at the desired level.

FREE SMART PSORIASIS DIET PLAN EBOOK: How I Control My Psoriasis Through Diet & Supplements

How to Test Psoriasis and Vitamin D Deficiency

Vitamin D levels can only be accurately measured by drawing your blood by you (In-home test kit) or a healthcare practitioner in a medical testing facility. The blood test that you need is called a 25-hydroxy vitamin D test.
Ways to get your Vitamin D levels checked

  1. At your doctor’s clinic – you can directly ask your doctor to order a laboratory evaluation to assess your levels. There is another type of test to measure your vitamin D (1,25 (OH) 2D), but the recommended and accurate one that will tell you if your level is adequate is 25-hydroxy vitamin D test.
  2. Online laboratory website – In the United Kingdom and the United states, websites offer diagnostic examinations where you can have the procedure straight in a laboratory clinic without requiring your doctor’s order. You can sign-up through their sites and be scheduled on when to go to their testing facility.
  3. In-home test kits – these kits are ordered online or on other accredited medical facility, and are sent to your doorsteps. In this way, you will take your blood by pricking on your fingers and placing drops of blood in a blotter paper, then you’ll send the paper to a laboratory to be tested.

Results in some organizations are posted on their websites and can be checked using your unique identification pin code included in every test package.

Where you can order a vitamin D level test online

The United States of America

Heartland Assays is a small mid-west company located in Ames, Iowa and is excited to be partnering with the Vitamin D Council in providing affordable vitamin D blood spot testing to its readers, subscribers and the general public.

The Great Plains Laboratory, Inc. (GPL) is the global leader in metabolic, environmental, and genetic testing for people with chronic illnesses and diseases. They offer a variety of clinical tests which help diagnose underlying conditions that are not routinely available through other laboratories.

ZRT is a CLIA certified diagnostic laboratory and the leader in hormone and wellness testing. They provide accurate and meaningful test results that assist healthcare providers in making informed treatment decisions. ZRT has developed and refined Vitamin D testing (both D2 and D3) in dried blood spots.

The United Kingdom

Cityassays.org.uk offer a home test kit for Vitamin D using dried blood spot technology. This work is performed in the NHS Vitamin D laboratory that also offers a national Vitamin D service for the NHS in the United Kingdom.

Understanding your Vitamin D test results so you can treat your psoriasis

Understanding the results of your vitamin D level test is important to know whether you’re getting too little or too much, and what action you might need to take. When you get your test results you will see units in either ng/ml or nmol/L which can be confusing.

Here is how you convert between the two:

Blood level of 25 (OH) Vitamin D Calculator

  • 1 ng/ml = 2.5 nmol/L
  • 30 ng/ml = 75 nmol/L
  • 100 ng/ml = 250 nmol/L

Glossary

  • ng = nanogram
  • ml = milliliter
  • nmol= nanomole
  • L = Liter

Results and Interpretation (according to the Vitamin D council)

  • Your level is between 0 – 10ng/ml – Severely Deficient
    This means that your levels are way too low and needs immediate supplementation. In this range, you may experience decrease in mobility and muscle strength. Your health is at risk and needs immediate medical attention.
  • Your level is between 10 – 20ng/ml – Mildly Deficient / Insufficient
    This means that in these levels you’re more likely to develop bone problems like fractures and osteoporosis because calcium absorption is affected by vitamin D deficiency.
  • Your level is between 20-30ng/ml – Deficient
    In these levels, experts say that it is less likely to have health problems associated with Vitamin D. Research shows that a level of 30ng/ml can prevent bone problems such as fractures.
  • Your level is between 30 – 40 ng/ml – Quite Sufficient
    In these levels, vitamin D is absorbing calcium efficiently. Also, researchersfound that this range of vitamin D levels may reduce your risk of developing cancer and improve your immune response against infection.
  • Your level is between 40 – 50 ng/ml – Sufficient
    These levels suggest that vitamin D is working well to control your bodily functions. This range is linked to reduced risk of some cancers, better heart health and blood circulation.
  • Your level is between 50 – 60 ng/ml – Standard levels
    These levels are the best to aim for.
  • Your level is between 60 – 80 ng/ml – High – Normal
    These levels are considered as healthy and natural levels. There is no known risk in keeping your levels within these range.
  • Your level is between 80 -100 ng/ml – High
    These levels are above the levels that you can achieve naturally. You can only achieve this range by taking dietary supplements.

How much Vitamin D to take for psoriasis once you know your results

Once you know you Vitamin D level, you can now take supplements to cope with your deficiency. As I am not a qualified medical professional, I would strongly advise you to talk to your most trusted medical practitioner before proceeding on a course of supplementation, in order to see what your recommended daily dose is and in case you experience side effects while taking it.

Once they see your results, they will be able to look over your overall general medical history and see what the best course of action is.

According to Dr. Sarfraz Zaidi’s, California-based Endocrinologist and author of “Power Of Vitamin D“, the optimal healing levels for psoriasis sufferers is in fact 125 – 200 nmol/L (that is 50 – 80 ng/ml).

To achieve these figures, we again reference the Vitamin D Councils recommendation guide:

Here is their general warning first: Note that everybody is different and not everybody achieves the same levels after supplementing with the same amounts. The figures below show on average how much a supplement regimen might raise your blood levels, but you can think of the amounts listed as more of a prediction than a guarantee. This is why you may consider checking your levels twice per year or more, to see if you need to increase or decrease your dosage.

If your results are between 0-10 ng/ml,

  • To reach 50 ng/ml take 5300 IU supplement per day
  • To reach 60 ng/ml take 7400 IU supplement per day
  • To reach 70 ng/ml take 10100 IU supplement per day

If your results are between 10-20 ng/ml,

  • To reach 50 ng/ml take 4900 IU supplement per day
  • To reach 60 ng/ml take 7000 IU supplement per day
  • To reach 70 ng/ml take 9700 IU supplement per day

If your results are between 20-30 ng/ml,

  • To reach 50 ng/ml take 3700 IU supplement per day
  • To reach 60 ng/ml take 5800 IU supplement per day
  • To reach 70 ng/ml take 8600 IU supplement per day

If your results are between 30-40 ng/ml,

  • To reach 50 ng/ml take 2500 IU supplement per day
  • To reach 60 ng/ml take 4600 IU supplement per day
  • To reach 70 ng/ml take 7300 IU supplement per day

If your results are between 40-50 ng/ml,

  • To reach 50 ng/ml take 900 IU supplement per day
  • To reach 60 ng/ml take 3000 IU supplement per day
  • To reach 70 ng/ml take 5700 IU supplement per day

I.U v mcg measurements explained

  • 400 IU = 10 mcg
  • 1000 IU = 25 mcg
  • 50000 IU = 1250 mcg or 1.25 mg

Vitamin D3’s natural partner is vitamin K2

According to the Riordan Clinic, vitamin D3’s natural partner is vitamin K2.

They state that “the genius of this combo begins with proper respect for D3’s function of powerfully enhancing calcium absorption. Recent research has shown that excessive calcium intake alone can be harmful to the body. The additional calcium must be correctly utilized or it can show up in the wrong places and cause disease.

By conscientiously using vitamin K2 in conjunction with D3, this issue of “metastatic calcium” is thoroughly avoided.

Vitamin K2 activates several important proteins in the body. Henrick Dam, a Danish researcher, discovered vitamin K in 1939 (and won the Nobel Prize for his discovery in 1943). Because the Danish word for blood clotting was koagulation, Dam named the molecule vitamin K. Vitamin K is essential for the functioning of eight proteins involved in blood clotting.

Vitamin K, through a chemical step called carboxylation, REGULATES and balances the coagulation system as a whole. Keep in mind that the coagulation system stands ready to CLOT if you are hemorrhaging to death, but it must also PREVENT THE CLOT if there are no lacerations or bleeding points. The eight proteins counter-regulate one another in this balancing act. Vitamin K is needed for this amazing feat.

The Riordan Clinic advise for every 5,000–10,000 units of D3 being recommended and tested for, they are recommending 100 mcg of K2 mk7 to be sure and prevent the inappropriate calcification that higher doses of D3 alone could cause.

Dr. Sarfraz Zaidi’s also recommends taking 200 mcg of K2 mk7 daily when supplementing with high doses of Vitamin D3 (5,000 IU-10,000IU daily) in his book, “The Power Of Vitamin D” which is thoroughly backed up with medical research and cited clinical studies.

I personally take 100 mcg K2 mk7 for every 5000 IU of Vitamin D3 to be on the safe side.

Vitamin D and Psoriasis Success Stories

From Sergie, Medical Doctor
Personal and professional story:
“As a doctor with long-standing past psoriasis, particularly on elbows, shins and scalp I am fully at ease in recommending Vitamin D for the condition. I have been practicing medicine for 45 years.

“I have been taking 4000 IU per day (I formerly had low serum Vitamin D levels). All flaking, scaling, plaques, irritation and bleeding that followed whenever I was tempted to scratch have vanished, leaving only pale residual inconsequential fading of the skin at its former sites.

“Effect on morale: terrific!”
From Arnold, Writer/blogger

“The P started to get worse again. I got a large supply of D3 and started to take 9000 IU every day. Within a week my P started to look noticeably better and in about 2 months I was 99% clear, a few small spots remained on my knees and elbows and the only joint pain I had was (and it is) in my right wrist. I took the D3 alone now, so I can say that for me it is the thing that works. I lowered the dose to 5000 IU daily, it keeps me clear. Most likely my body has a problem with the D3 synthesis from sun (sun bathing alone has never helped much), now I’ll try to figure out why and maybe I can remain clear on lower doses of D3.”
“Obviously the Vitamin D3 deficiency made my immune system function improperly and it caused Psoriasis because I have genetic predisposition for it. Many genes are associated with this genetic predisposition and no one knows how they work together, this is why this disease is so difficult to treat – different people have a different gene combination, different factors trigger their psoriasis and a different treatment works for them. I just wanted to share my story, maybe it helps someone to get rid of their psoriasis too.”
“Most people have Vitamin D3 deficiency, I suggest to everyone to check their Vitamin D3 levels (although I never did) and to consult their doctor before taking high doses of D3.Experts recommend 10 000 IU as the upper limit, so I consider the amount I take safe.”

Best Vitamin D3 Supplement for Psoriasis

Below are the top 3 best vitamin d supplements for psoriasis. We used the labdoor results which rates various vitamins using the following criteria

  • Laboratory checks for false claims on the product labeling
  • Product purity where they check to see if contaminated
  • Nutritional value to see how it affects your diet
  • Ingredient safety level
  • Projected efficiency by analyzing existing clinical tests

Psorilax:Il miglior risparmio per |crema per far ricrescere unghie psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, dove si compra

Che cos'è la psoriasi?
Psoriasi
è una malattia della pelle relativamente comune che colpisce dall'1% al 2% della
popolazione. La caratteristica principale della psoriasi è una zona rossa, squamosa o
rattoppare. Le toppe appaiono in particolare su ginocchia, gomiti e cuoio capelluto
e talvolta su altre parti del tronco e delle gambe. La psoriasi colpisce
entrambi i sessi e tutte le razze. Può accadere in qualsiasi fase della vita, sebbene
inizia più frequentemente nei giovani adulti.

pizzicore
di solito è solo lieve. La psoriasi influisce solo raramente sulla salute generale
a parte l'artrite. Un bagliore nella psoriasi di una persona può, tuttavia,
avere un profondo impatto sui sentimenti di benessere di un individuo e
hanno un impatto notevole sul loro stile di vita e sulle attività quotidiane. Una volta a
la persona sviluppa la psoriasi di solito continua, anche se può arrivare
meglio o peggio nel tempo e sembra addirittura scomparire per un periodo prolungato
periodi.
soriasi sul corpo

Quali sono le cause della psoriasi?

Sebbene non sia stata trovata una sola causa per la psoriasi, è noto che i fattori ereditari sono importanti.

Nel
una persona predisposta per ottenere la psoriasi, la psoriasi può essere portata fuori o
aggravato da stress emotivo, graffi, sfregamenti, lesioni, certo
farmaci, alcune infezioni e fumo.

esso
si ritiene attualmente che il problema principale nella psoriasi sia un aumento
attività del sistema immunitario nella pelle, causando cellule immunitarie bianche
(linfociti) per accumularsi nella pelle e produrre una gamma di
sostanze chimiche (come il fattore di necrosi tumorale, interleuchine, interferoni
e fattori di crescita). Queste cellule immunitarie e le sostanze chimiche prodotte
innescare cambiamenti nella pelle che portano a un tasso anormalmente rapido di
moltiplicazione o turnover delle cellule della pelle, che a sua volta provoca la pelle
affetto da psoriasi ad addensarsi, arrossarsi, perdere un numero maggiore di
squame cutanee visibili e contribuisce a sensazioni di irritazione cutanea o
prurito. Patch pustolose di psoriasi

Quali parti del corpo sono coinvolte?

Qualsiasi parte della pelle può essere coinvolta tra cui ginocchia, gomiti, palmi, suole, cuoio capelluto e area genitale. Le unghie
sono frequentemente coinvolti e può essere difficile distinguerlo da un fungo
infezione. A volte colpisce però l'intera superficie della pelle di una persona
per fortuna questo è raro. Molti casi sono molto lievi.

Di
Anche l'8% delle persone con psoriasi cutanea può avere un coinvolgimento
le articolazioni. Il coinvolgimento articolare può causare dolore e gonfiore (artrite).
La forma più frequente di artrite coinvolge una delle articolazioni più grandi
come le ginocchia, le caviglie o la schiena. Altre persone potrebbero averlo
coinvolgimento delle articolazioni delle dita adiacente all'unghia o occasionalmente
l'artrite può essere diffusa.

Quali tipi di trattamenti sono disponibili?


sono molti i trattamenti disponibili per le persone con psoriasi. Sfortunatamente,
nessun trattamento aiuta tutti con la psoriasi e in precedenza
le terapie benefiche potrebbero non riuscire a sistemare un bagliore successivo ma poi
lavorare di nuovo in futuro. Le raccomandazioni terapeutiche di solito variano
a seconda della gravità e della posizione della psoriasi, il suo impatto su a
qualità o stile di vita della persona e altre condizioni mediche esistenti.

esso
può essere necessario ruotare attraverso diversi trattamenti in differenti
volte o per combinare i trattamenti per una più rapida eliminazione della psoriasi,
particolarmente in quelli con la malattia più grave o diffusa.

Se
la tua psoriasi ti sta abbattendo o interferendo con il tuo divertimento
della vita, dovresti dirlo al tuo medico di famiglia o al dermatologo
sui tuoi sentimenti e su come la tua psoriasi sta influenzando il tuo
attività quotidiane.

TRATTAMENTI ATTUALI

Parecchi
le terapie topiche sono disponibili senza prescrizione medica. Sul bancone
i prodotti che possono aiutare quelli con psoriasi includono: bagni di catrame e olio,
shampoo medicati e l'uso regolare di una crema idratante. Possono essere
tutto ciò che è necessario in quelli con malattia lieve.

Cortisone,
creme a base di catrame, antralina (Dithranol) e vitamina D (calcipotriolo)
e gli unguenti rimangono il pilastro del trattamento per la maggior parte della psoriasi.

CREME DI CORTISONE (STEROIDE)
Questi sono i trattamenti più comuni prescritti per la psoriasi e lo sono
utile nel ridurre l'infiammazione e l'irritazione. I problemi principali sono
che la pelle può abituarsi allo steroide per un periodo di
tempo e, con l'uso prolungato di creme forti al cortisone, l'assottigliamento di
può verificarsi la pelle. La scelta dello steroide varia a seconda del
gravità delle lesioni e loro posizione (ad es. cuoio capelluto, viso o pelle
pieghe). Si dovrebbe verificare con il proprio medico e farmacista come
spesso e per quanto tempo può essere utilizzata la crema steroidea prescritta per te
nella stessa area. Inoltre, frequentando il medico è raccomandato
appuntamenti di follow-up, il medico può valutare e personalizzare la tua attività in corso
piano di gestione per ridurre al minimo il rischio di entrambi questi problemi.

CATRAME
Il catrame è stato usato per oltre cento anni ed è generalmente efficace
nel trattamento della psoriasi. Sfortunatamente, può essere puzzolente e può macchiare
capi di abbigliamento. Le ceneri sono prodotte dalla distillazione di carbone e legno. Essi
può essere usato come creme e shampoo. L'applicazione è di solito di notte a
minimizzare l'odore durante il giorno. Tars può anche renderti più sensibile
il Sole.

calcipotriolo
Il calcipotriolo è un farmaco correlato alla vitamina D e può essere efficace
nel trattamento della psoriasi. Di solito è ben tollerato. Può causare
irritazione, in particolare se usato su aree sensibili della pelle come
viso o inguine. Se sta rendendo la tua psoriasi più rossa, più arrabbiata o più
prurito e scomodo, dovresti interrompere il suo uso e consultare il medico.
Se viene usato troppo (una quantità maggiore di quella raccomandata, in particolare in
bambini), esiste la possibilità di aumentare il livello di calcio
nel sangue. È possibile controllare il livello di calcio nel sangue
periodicamente se sono necessarie grandi quantità.

ANTRALINA (DITRANOLO)
Anthralin viene estratto dalla corteccia degli alberi. Può essere usato in uno spesso
unguento che rimane durante la notte, a volte sotto le medicazioni o altro
comunemente applicato a concentrazioni più elevate per 10-15 minuti prima
rimozione.

anthralin
di solito è molto efficace nel trattamento della psoriasi. Il potenziale principale
problemi con antralina sono irritazione della pelle, pelle temporanea
scolorimento e colorazione permanente del tessuto.

TRATTAMENTO LEGGERO (FOTOTERAPIA)
Le persone con psoriasi spesso sfruttano la luce solare naturale
Effetti benefici. La luce solare è composta da luce visibile e una varietà
di raggi invisibili. Questi raggi invisibili includono ultravioletti e
raggi infrarossi o di calore. Le lunghezze d'onda ultraviolette della luce solare hanno
dimostrato di essere più efficace nel migliorare la psoriasi.

Leggero
il trattamento è efficace nella maggior parte delle persone con psoriasi. La luce è principalmente
usato per il trattamento di persone con psoriasi diffusa. Ce ne sono tre
principali tipi di trattamenti di luce ultravioletta (UV) utilizzati in Australia per
trattare la psoriasi: UVB a banda stretta, UVB a banda larga e PUVA. A misurato
la dose della lunghezza d'onda della luce appropriata è erogata da un numero di
tubi fluorescenti appositamente progettati che rivestono le pareti di uno speciale
mobile leggero (per il trattamento di tutto il corpo) o organizzato in pannelli
Ideato per il trattamento di mani e / o piedi.

Sfortunatamente,
come è noto, la luce ultravioletta può causare il cancro della pelle. Tuttavia,
quando le creme hanno fallito, la luce ultravioletta è di solito estremamente
efficace, ma potrebbe non funzionare per tutti con la psoriasi. In modo da
minimizzare i pericoli, sono stati sviluppati metodi di trattamento speciali.

UVA
è la forma più “debole” di luce ultravioletta e questo è combinato con
la somministrazione di psoraleni, sostanze naturali che provengono
piante come il sedano. La combinazione si chiama PUVA che è l'abbreviazione di
psoraleni e UVA. Questa combinazione, tuttavia, ha il rischio più elevato di
effetti collaterali.

Un altro metodo è l'uso
di banda stretta UVB. Questo può essere paragonato alla sintonizzazione di una radio su un singolo
banda (circa 311nm). La lunghezza d'onda della luce determina la qualità o
effetti di diverse parti dello spettro luminoso come calore, colore
e capacità di bruciare la pelle. Questa banda stretta incorpora quella del sole
raggi più benefici per il trattamento della psoriasi e porta a più veloce e
benefici più prolungati rispetto alla fototerapia a banda larga e naturale
luce del sole. NB-UVB non contiene più ultravioletti più corti
scottature solari e lunghezze d'onda potenzialmente pericolose.

Perché
è un trattamento potente e potenzialmente pericoloso, la luce ultravioletta
deve essere somministrato solo da professionisti esperti nel suo utilizzo.
Gli svantaggi includono la necessità di diversi trattamenti a settimana
diverse settimane e danni a lungo termine alla pelle, incluso un possibile
aumento del rischio di tumori della pelle e aumento dell'invecchiamento cutaneo (foto).

Il trattamento della luce è disponibile in alcuni ospedali, fondazioni di pelle e cancro e negli uffici di alcuni dermatologi.

TRATTAMENTI ORALI (INTERNI)
Sono disponibili numerosi trattamenti per tablet, che si sono dimostrati molto validi
efficace nella maggior parte delle persone affette da psoriasi ma, come tutti
farmaci e terapie, possono causare effetti collaterali potenzialmente gravi.
Questi trattamenti comprendono metotrexato, acitretina e ciclosporina.
Un'attenta scelta della terapia e un attento monitoraggio riducono il potenziale
rischi di queste terapie, che sono generalmente molto efficaci in
controllo anche dei casi gravi di psoriasi. Il metotrexato viene assunto una volta
una settimana e funziona in gran parte modulando il sistema immunitario. L'acitretina è
un derivato della vitamina A. L'acitretina aiuta a programmare le cellule della pelle
alla normalità e ha anche effetti sul sistema immunitario. Ciclosporina, come
metotrexato, agisce attraverso i suoi effetti sul sistema immunitario.

NUOVI TRATTAMENTI INTERNI
Un certo numero di nuovi agenti biologici sono stati sviluppati o sono sotto
sviluppo per il trattamento della psoriasi. Questi interferiscono con il sistema immunitario
meccanismi che portano alla psoriasi, contribuendo a riequilibrare o normalizzare
il sistema immunitario cutaneo. Funzionano mirando al sistema immunitario anormale
cellule o loro prodotti chimici coinvolti nel causare lesioni di
psoriasi.

A
attualmente, è stato dimostrato che solo un numero limitato di agenti biologici
essere efficace nel trattamento della psoriasi. Tutti questi devono essere dati da
iniezione (in una vena o nel muscolo). Attualmente sono utilizzati per
casi più gravi e recalcitranti e sono costosi.

TERAPIE NATURALI E CAMBIAMENTI DI STILE DI VITA
Le persone che fumano hanno un rischio maggiore di sviluppare la psoriasi rispetto a
non fumatori. Smettere di fumare dopo l'inizio della psoriasi non lo farà,
sfortunatamente, portare alla liquidazione della psoriasi.

Persone
con la psoriasi spesso sfruttano i benefici della luce solare naturale
effetti. La terapia della luce con una speciale lampadina fluorescente è,
tuttavia, più sicuro ed efficace.

Qualunque
la crema con proprietà idratanti può essere utile per migliorare
psoriasi e questa è la base probabile per un certo numero di
trattamenti “miracolosi” senza prescrizione medica.

Dieta
non ha dimostrato di essere un fattore importante nel controllo o nel trattamento
psoriasi. Tuttavia, l'obesità che porta a grandi pieghe della pelle può fare
la psoriasi in queste pieghe è difficile da gestire. Alcool eccessivo
il consumo può peggiorare la psoriasi.

Indossare abiti chiari piuttosto che scuri può rendere meno evidenti i fiocchi di pelle caduta.

Vitamina
A e vitamina D sono utili nella psoriasi, ma le dosi elevate
richiesto per aiutare quelli con psoriasi sono potenzialmente tossici o
pericoloso. Pertanto, sono stati analoghi vitaminici più sicuri e meno tossici
sviluppato (calcipotriolo e acetretina) che richiedono una prescrizione medica
dal tuo medico. Verificare con il proprio medico prima di prendere un massimo specifico
dose di vitamina A o integratore di vitamina D.

Psicologico
l'angoscia può avere effetti profondi sul sistema immunitario. Tale angoscia
è segnalato come fattore scatenante da circa due terzi delle persone con
la psoriasi e i più stressati fanno meno bene in terapia. UN
lo psicologo potrebbe essere in grado di insegnarti modi migliori per affrontare il
problema.

IN SINTESI …
Con un trattamento adeguato, la psoriasi può essere ben controllata per il
la stragrande maggioranza dei malati e uno stile di vita normale goduto.
Sfortunatamente, non tutti rispondono a tutte le terapie e, in alcuni
persone, in particolare quelle con psoriasi più grave, combinazione
la terapia può essere richiesta.

In questa fase non è possibile curare la psoriasi.

QUALI ULTERIORI INFORMAZIONI SONO DISPONIBILI SULLA PSORIASI
Se pensi di avere la psoriasi, è importante avere la diagnosi
confermato da un medico. Se sai di avere la psoriasi,
quindi il tuo medico e, se necessario, il tuo dermatologo
può fornire ulteriori informazioni sul suo trattamento. C'è molto
gruppo attivo di auto-aiuto, The Psoriasis Association, nella maggior parte di
Australia, che è una fonte di informazioni pratiche fornite da
compagni di sofferenza. È importante rendersi conto che l'estensione di
il coinvolgimento con la psoriasi varia notevolmente da un individuo all'altro
il prossimo e la maggior parte delle persone non ha più di fastidi
con esso per tutta la vita.

I gruppi di supporto per la psoriasi australiana sono raggiungibili a questi link:

AUSTRALIA

Stati Uniti d'America

Fondazione nazionale per la psoriasi