CREMA TRATTAMENTO PSORIASI OFFERTA -50% !

Home Blog Page 295

Psorilax:codice promozionale |crema cerave psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, composizione

La psoriasi è una malattia infiammatoria cronica della pelle causata da una disfunzione del sistema immunitario. È caratterizzato da spesse macchie rosse in diversi punti del corpo: gomiti, ginocchia, cuoio capelluto il più delle volte. La psoriasi e la dieta potrebbero essere strettamente collegate. Infatti, con una dieta specifica anti infiammatoria e antiossidante sarebbe possibile ridurre i sintomi legati alla psoriasi.

I punti essenziali della dieta speciale per la psoriasi:

  • Adottare una dieta priva di glutine per ridurre la permeabilità intestinale

  • Consuma cibi antiossidanti

  • Aumenta il consumo di Omega-3

  • Assicurati di avere una buona assunzione di selenio

  • Evita i grassi cattivi

Psoriasi e dieta: benefici della dieta

Nel caso della psoriasi, la dieta specifica presenta molti vantaggi. Permette di:

  • Ridurre i sintomi

  • Prevenire periodi di epidemie

  • Ripara le cellule della pelle

  • Ridurre la permeabilità intestinale

  • Segui una dieta anti-infiammatoria e anti-ossidante

  • Rafforzare il sistema immunitario

  • Assunzione ottimale di nutrienti

Psoriasi e dieta specifica: dov'è la ricerca?

Esistono prove scientifiche per incoraggiare l'esplorazione di una dieta priva di glutine nelle persone con psoriasi. Sembra, infatti, che il 16% delle persone con psoriasi soffra di sensibilità al glutine. Altri dati evidenziano il valore di una dieta vegana, a base di riso o basata su integratori di olio di pesce (omega-3).

Un recente studio ha scoperto i benefici, come trattamento complementare, di una dieta ricca di frutta e verdura, inclusi olio d'oliva e integratori di fibre alimentari, ma senza carni rosse, cibi raffinati o alcool. In effetti, diversi studi hanno già collegato il consumo di alcol alla gravità della psoriasi.

Un'altra ipotesi suggerisce che la psoriasi è causata da un'eccessiva permeabilità intestinale, che consentirebbe il passaggio delle molecole alimentari nel flusso sanguigno, causando una risposta immunitaria esagerata.

Mangiare grassi saturi può anche aumentare il rischio di psoriasi. Mentre frutta e verdura, ricchi di antiossidanti e selenio potrebbero ridurre questo stesso rischio. Inoltre, i risultati della ricerca supportano l'ipotesi di uno squilibrio nel sistema ossidante-antiossidante nei pazienti che soffrono di psoriasi.

Se hai la psoriasi, le seguenti raccomandazioni dietetiche possono aiutarti su tre livelli:

  • Ridurre la permeabilità dell'intestino

  • Ridurre l'ossidazione

  • Ridurre l'infiammazione

La psoriasi, quale dieta adottare?

Mangiare una dieta adeguata può aiutare ad alleviare i sintomi e ridurre l'infiammazione nella psoriasi. Per ottenere il massimo dalla dieta, ecco alcuni suggerimenti per aiutarti a sapere quali alimenti mangiare e cosa evitare in caso di psoriasi.

Alimento raccomandato in caso di psoriasi

In caso di psoriasi, si raccomanda di adottare una dieta antinfiammatoria e antiossidante che rispetti la permeabilità intestinale. Ci occuperemo quindi naturalmente di consumare più cereali integrali, frutta e verdura e Omega-3. Buone proteine ​​e cibi ricchi di selenio possono anche essere di grande supporto per il corpo in caso di psoriasi.

Cereali integrali

Si noti che occorre prestare attenzione per evitare quelli contenenti glutine se il test anti-gliadina è positivo. I prodotti integrali sono ricchi di fibre, che migliorano la composizione della flora e diminuiscono la permeabilità intestinale. Allo stesso tempo, è importante ridurre il consumo di prodotti a base di cereali raffinati e il consumo di zucchero.

PREFERITO

LIMITARE

Riso integrale, riso selvatico, grano integrale *, orzo *, miglio, grano saraceno, quinoa, kamut *, farro *, avena *, segale *, teff, amaranto, couscous intero *, bulgur *, cereali per la colazione interi e senza zucchero .

Cereali per la colazione dolci, cuscus raffinato, riso bianco.

Dessert a base di farine integrali e puree di frutta.

Dolci e dessert a base di farina bianca, anche arricchiti.

Pane integrale (senza zucchero) a base di farine o multicereali diversi, pasta integrale, impasto per torte con farina integrale, prodotti da forno con farina integrale.

Pane bianco, pasta bianca, impasto per torte, prodotti da forno a base di farina bianca, anche arricchiti (bagel, croissant, pane pita, crackers, ecc.).

Zucchero di canna, zucchero grezzo, miele, sciroppo d'acero, sciroppo di malto, sciroppo di riso integrale, succo di canna da zucchero.

Zucchero bianco, glucosio, fruttosio, destrosio, maltodestrina, sciroppo di mais.

* Cereali contenenti glutine, da consumarsi solo in assenza di problemi di permeabilità intestinale.

antiossidanti

Uno studio in Italia rivela che maggiore è il consumo di frutta e verdura fresca, minore è il rischio di soffrire di psoriasi. Frutta e verdura sono le migliori fonti di antiossidanti. Sono anche eccellenti fonti di fibre alimentari e minerali alcalini che contribuiscono alla salute della nostra flora intestinale.

Si consiglia di consumare in media 8 porzioni di frutta e verdura al giorno in caso di psoriasi. Una porzione corrisponde a:

  • 1 mela, banana, arancia o pera

  • 250 ml di succo 100% di succo puro

  • 1 composta

  • 2 kiwi

  • 2 clementine

  • 10-15 ciliegie

  • 250 g di fragole

  • 1 ciotola di insalata

  • 1/2 piatto di verdure verdi

  • Zuppa da 250 ml

selenio

Uno studio indica che un'assunzione insufficiente di selenio è associata a una maggiore gravità della psoriasi. Il selenio è un minerale molto importante che contribuisce al funzionamento dell'organismo. È anche un potente antiossidante.

Le migliori fonti di selenio da incorporare nella dieta per la psoriasi sono:

  • Noci del Brasile

  • stampo

  • ostrica

  • Semi di girasole

  • Pesce piatto

  • sardine

Omega-3

L'effetto degli oli di pesce sulla psoriasi non è stato ancora chiaramente dimostrato. Tuttavia, dati i numerosi e comprovati benefici dell'Omega-3 sull'infiammazione e le cicatrici, aumentarne il consumo non presenta svantaggi. Per raggiungere la dose desiderata di circa 1 g al giorno, si consiglia di consumare due pasti da 150 g di pesce grasso a settimana.

Contenuto di Omega 3 di diversi pesci, frutti di mare e integratori da includere nella dieta speciale per la psoriasi:

FISH

PARTE

OMEGA-3 (mg)

Sgombro blu

150 g

3.450 mg

Salmone dell'Atlantico (allevato)

150 g

2.870 mg

Trota grigia

150 g

2.400 mg

Aringhe atlantiche

150 g

2.354 mg

Ippoglosso nero

150 g

1.376 mg

Sardina in scatola (sott'olio)

150 g

980 mg

gamberetti

150 g

717 mg

merluzzo

150 g

274 mg

pettini

150 g

130 mg

Capsula di olio di pesce

1

Da 300 mg a 600 mg

Proteine ​​magre e siero di latte

Il siero di latte o (siero di latte) è l'unico prodotto noto in grado di aumentare il livello di glutatione. Il siero di latte è un concentrato di proteine ​​bioattive che ha una concentrazione ideale di aminoacidi. Contiene in particolare cistina e glutamilcistina che consentono di sintetizzare la glutahion nel corpo.

Per soddisfare il fabbisogno proteico, si consiglia di scegliere fonti proteiche magre. Le migliori fonti di proteine ​​da incorporare nella dieta per la psoriasi sono:

  • legumi

  • tofu

  • tempeh

  • Bevande di soia e yogurt

  • pollame

  • Pesci

  • frutti di mare

  • uovo

  • Prodotti lattiero-caseari scremati

  • siero

Altri cibi consigliati:

  • siero

  • Cucina dolce

  • Buona masticazione

  • Attività fisica

Psoriasi, alimenti proibiti

Nel caso della psoriasi, alcuni alimenti sono vietati o almeno fortemente scoraggiati. Questi sono alimenti che aumentano la permeabilità intestinale, che creano uno stato pro-infiammatorio o che inducono disturbi dannosi per l'organismo. Ad esempio, è necessario prestare attenzione per evitare alcol, glutine o grassi nocivi al fine di ridurre i sintomi associati alla psoriasi.

glutine

La permeabilità intestinale riflette la capacità dei componenti del lume intestinale di passare attraverso la mucosa attraverso giunzioni strette. Quando la permeabilità intestinale è aumentata, molecole potenzialmente dannose (antigeni tossici) possono entrare nel sangue e causare reazioni immunitarie. Le persone che non sono consapevoli di essere intolleranti al glutine possono sperimentare una maggiore permeabilità dell'intestino. Per confermare l'intolleranza, chiedi al tuo medico un esame del sangue in grado di identificare gli anticorpi contro la gliadina (la proteina allergenica nel glutine). Nel caso di un test positivo, è necessario consultare un dietista per impostare una dieta priva di glutine.

alcool

L'alcol creerebbe stress nel fegato e aumenterebbe la permeabilità dell'intestino. Un consumo di alcol molto elevato è anche associato a un livello di selenio inferiore, che si ritiene sia collegato alla gravità della psoriasi. L'alcol stimola anche la formazione di cellule della pelle (cheratinociti), il che è indesiderabile poiché qualcuno con la psoriasi produce già troppo.

Grassi animali saturi

Il grasso animale contiene acido arachidonico che può aiutare a peggiorare l'infiammazione. Le carni rosse (manzo, maiale, agnello), tuorlo d'uovo e latticini grassi (burro, latte intero, yogurt intero, panna, formaggio) sono le principali fonti di acido arachidonico. Inoltre, statisticamente, sappiamo che le persone che soffrono di psoriasi hanno una maggiore assunzione di acidi grassi saturi rispetto a quelli che non lo fanno. Sarebbe quindi più prudente moderare il consumo di acidi grassi saturi in caso di psoriasi. Si consiglia di non superare i 15 g al giorno di grassi saturi. Per quanto riguarda i grassi trans, devono essere rimossi completamente. Questi provengono principalmente da margarine, olio vegetale idrogenato e prodotti industriali che li contengono.

Contenuto di acidi grassi saturi (SFA) di alcuni alimenti

PARTE

ALIMENTARE

AGS (g)

100 g

Lonza di maiale (24,1% di grassi)

8.34

100 g

Carne macinata (20% di grassi)

7.74

3 fette

Pancetta (grasso al 57,5%)

14.4

15 g

Cocco (33,5% di grassi)

4.47

30 g

Tipo di formaggio Cheddar (33,1% di grassi)

6

100 g

Manzo tondo (12% di grassi)

4.6

100 g

Carne macinata di manzo magra (10% di grassi)

4.04

100 g

Salame (20,1% M.F.)

8.1

30 g

Mozzarella (16% di grassi)

2.9

250 ml

Latte intero (3,3% di grassi)

5.1

250 ml

Latte parzialmente scremato (1,9% di grassi)

2.9

1 cucchiaino caffè

Burro (81% di grassi)

2.5

1 cucchiaino zuppa

Crema (19,3% di grassi)

1.8

1 cucchiaino caffè

Lardo (100% grasso)

1.7

Omega-6

Troppo Omega-6 nella dieta può peggiorare l'infiammazione e privare il corpo dei benefici del consumo di Omega-3. Attualmente consumiamo troppo Omega-6, dobbiamo stare attenti a ristabilire l'equilibrio soprattutto in caso di psoriasi.

Ecco un elenco di alimenti che sono vietati nella psoriasi e quelli da favorire:

PREFERITO

LIMITARE

Olio extra vergine di oliva

Primo olio di colza spremuto a freddo

Primo olio di lino spremuto a freddo

Olio di canapa prima spremuto a freddo

Vinaigrette e maionese a base di olio d'oliva o colza

Olio di vinaccioli

Olio di semi di soia

Olio di semi di girasole

Olio di cartamo

Olio di mais

Olio di germe di grano

Medicazioni commerciali

Maionese Commerciali

Altri alimenti non consigliati:

  • zucchero

  • Prodotti industriali e trasformati

  • Piatti pronti

  • fast food

  • tabacco

  • stile di vita sedentario

  • stress

Suggerimenti pratici quotidiani per seguire la dieta speciale per la psoriasi

  • Sostituisci l'alcol con cocktail analcolici o succo di pomodoro come aperitivo

  • Mangia qualche noce brasiliana a colazione o come spuntino per coprire il fabbisogno di selenio

  • Una volta al giorno, bevi una miscela di acqua e siero di latte

  • Inizia sempre il pasto con verdure crude

  • Mangia lentamente, con calma e mastica bene. Il pasto dovrebbe durare almeno 20 minuti

  • Ottieni un piroscafo per preservare la permeabilità dell'intestino

  • Evitare cibi fritti, impanare e grigliare che rendono più difficile la digestione

di scrittura: Léa Zubiria, dietista-nutrizionista,

Marzo 2018

riferimenti

Nota: i collegamenti ipertestuali che portano ad altri siti non vengono aggiornati in modo continuo. Impossibile trovare un collegamento. Si prega di utilizzare gli strumenti di ricerca per trovare le informazioni desiderate.

1. Michaelsson G, Gerden B, Hagforsen E, et al. I pazienti con psoriasi con anticorpi anti-gliadina possono essere migliorati con una dieta priva di glutine. Br J Dermatol. 2000 gennaio; 142 (1): 44-51
2. Kakar S, Nehra V, Murray JA, et al. Significato della linfocitosi intraepiteliale nei campioni di biopsia dell'intestino tenue con normale architettura della mucosa. Am J Gastroenterol. Settembre 2003; 98 (9): 2027-33.
3. Addolorato G, Parente A, de Lorenzi G, D'angelo Di Paola ME, Abenavoli L, Leggio L, Capristo E, De Simone C, Rotoli M, Rapaccini GL, Gasbarrini G. Rapida regressione della psoriasi in un paziente celiaco dopo dieta senza glutine. Un caso clinico e revisione della letteratura. La digestione. 2003; 68 (1): 9-12. Epub 2003 agosto 29.
4. Michaelsson G, Gerden B, Ottosson M, Parra A, Sjoberg O, Hjelmquist G, Loof L. I pazienti con psoriasi hanno spesso un aumento dei livelli sierici di anticorpi IgA anti-gliadina. Br J Dermatol. 1993 Dec; 129 (6): 667-73.
5. Michaelsson G, Kraaz W, Gerden B, Hagforsen E, Hjelmqvist G, Loof L, Sjoberg O, Scheynius A. Aumento dell'infiltrazione dei linfociti nella mucosa duodenale da pazienti con psoriasi e anticorpi IgA sierici contro la gliadina. Br J Dermatol. 1995 dicembre; 133 (6): 896-904.
6. Lithell H, Bruce A, Gustafsson IB, Hoglund NJ, Karlstrom B, Ljunghall K, Sjolin K, Venge P, Werner I, Vessby B. Una sperimentazione di digiuno e dieta vegetariana su disturbi infiammatori cronici. Acta Derm Venereol. 1983; 63 (5): 397-403.
7. Newborg B. Scomparsa di lesioni psoriasiche nella dieta del riso. N C Med J. 1986 maggio; 47 (5): 253-5.
8. Kojima T, Terano T, Tanabe E, Okamoto S, Tamura Y, Yoshida S. La somministrazione a lungo termine di acido eicosapentaenoico altamente purificato fornisce un miglioramento della psoriasi. Dermatologica. 1991; 182 (4): 225-30.
9. Brown AC, Hairfield M, Richards DG, McMillin DL, Mein EA, Nelson CD. Terapia nutrizionale medica come potenziale trattamento complementare per la psoriasi – cinque casi clinici. Altern Med Rev. 2004 set; 9 (3): 297-307.
10. Farkas A, Kemeny L, Szell M, Dobozy A, Bata-Csorgo Z. L'etanolo e l'acetone stimolano la proliferazione dei cheratinociti HaCaT: il possibile ruolo dell'alcol nella esacerbazione della psoriasi. Arch Dermatol Res. Giugno 2003; 295 (2): 56-62. Epub 2003, 26 aprile.
11. Poikolainen K, Reunala T, Karvonen J, Lauharanta J, Karkkainen P. Assunzione di alcol: un fattore di rischio per la psoriasi negli uomini giovani e di mezza età? BMJ. 24 marzo 1990; 300 (6727): 780-3.
12. Gupta MA, Schork NJ, Gupta AK, Ellis CN. Assunzione di alcol e reattività al trattamento della psoriasi: uno studio prospettico. J Am Acad Dermatol. 1993 maggio; 28 (5 Pt 1): 730-2.
13. Humbert P, Bidet A, Treffel P, Drobacheff C, Agache P. Permeabilità intestinale in pazienti con psoriasi. J Dermatol Sci. Luglio 1991; 2 (4): 324-6.
14. Zamboni S, Zanetti G, Grosso G, Ambrosio GB, Gozzetti S, Peserico A. Comportamento dietetico nei pazienti psoriasici. Acta Derm Venereol Suppl (Stockh). 1989; 146: 182-3.
15. Naldi L, Parazzini F, Peli L, Chatenoud L, Cainelli T. Fattori dietetici e rischio di psoriasi. Risultati di uno studio caso-controllo italiano. Br J Dermatol. 1996 gennaio; 134 (1): 101-6.
16. Serwin AB, Chodynicka B, Wasowicz W, Gromadzinska J. Selenium stato nutrizionale e decorso della psoriasi. Pol Merkuriusz Lek. 1999 maggio; 6 (35): 263-5.
17. Serwin AB, Wasowicz W, Gromadzinska J, Chodynicka B. Selenio nella psoriasi e sue relazioni con la durata e la gravità della malattia. Nutrizione. 2003 aprile; 19 (4): 301-4.
18. Yildirim M, Inaloz HS, Baysal V, Delibas N. Il ruolo di ossidanti e antiossidanti nella psoriasi. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2003 gennaio; 17 (1): 34-6.
19. Kokcam I, Naziroglu M. Antiossidanti e stato di perossidazione lipidica nel sangue dei pazienti con psoriasi. Clin Chim Acta. 1999 Nov; 289 (1-2): 23-31.
20. Baz K, Cimen MY, Kokturk A, Yazici AC, Eskandari G, Ikizoglu G, Api H, Atik U. Stato ossidante / antiossidante in pazienti con psoriasi. Yonsei Med J. 2003 30 dicembre; 44 (6): 987-90.
21. Serwin AB, Wasowicz W, Gromadzinska J, Chodynicka B. Selenio nella psoriasi e relazione con il consumo di alcol. Biol Trace Elem Res. 2002 Nov; 89 (2): 127-37.

Psorilax:Come costruire |crema psoriasi etichetta

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, composizione

L'olio di CBD è un prodotto ottenuto dalla pianta di cannabis.

È ricco di un fitochimico chiamato cannabinoide e quindi si chiama olio di CBD. Manca la componente psicoattiva della cannabis, THC e quindi non produce “alto” negli utenti.

È stato dimostrato che ha molte proprietà terapeutiche. Presenta tra l'altro proprietà antinfiammatorie, antiossidanti, antitumorali e antigrippanti. Molti studi scientifici e racconti sull'uso personale da parte dei pazienti segnalano la sua efficacia in molti disturbi.

Che cos'è la psoriasi?

La psoriasi è una condizione autoimmune e cronica della pelle causata dall'attacco del sistema immunitario sul corpo. È caratterizzato da infiammazione, desquamazione della pelle.

I sintomi includono chiazze rosse / bianche sulla pelle, desquamazione, prurito, gonfiore, ecc. La regione della pelle è chiamata placche e si verificano comunemente in ginocchio, gomito, schiena, ecc.

La psoriasi vulgaris è la forma più comune che colpisce il 90% dei pazienti con psoriasi. Le cause includono ragioni genetiche, psoriasi indotta da farmaci, infezioni, stress cronico, stile di vita, ecc.

I corticosteroidi vengono applicati localmente e la fototerapia è anche comunemente usata per il trattamento della psoriasi.

Benefici dell'olio di canapa con CBD per la psoriasi

L'olio di CBD può aiutare ad alleviare la psoriasi e i suoi sintomi a causa delle sue proprietà antinfiammatorie, immunosoppressive, antistress, antinfettive, analgesiche, antiossidanti.

Questi vantaggi sono discussi in dettaglio di seguito –

1. L'olio di CBD potrebbe prevenire la crescita eccessiva delle cellule della pelle

Nei pazienti con psoriasi, la pelle viene rigenerata ogni 2-4 giorni anziché ogni 25-30 giorni come nel caso delle persone normali.

Ciò è dovuto all'attacco del sistema immunitario alle cellule della pelle. Questa crescita eccessiva delle cellule della pelle è dannosa in quanto provoca desquamazione, prurito, desquamazione, ecc.

La crescita eccessiva della pelle può essere prevenuta per alleviare i sintomi della psoriasi tra cui desquamazione, infiammazione, ecc.

Uno studio ha testato il CBD per inibire la crescita dei cheratinociti umani. È stato riferito che il CBD potrebbe efficacemente sopprimere la crescita e la proliferazione dei cheratinociti umani in modo dose-dipendente.

Pertanto è stato suggerito che il CBD potrebbe essere usato per il trattamento della psoriasi.

Sommario

La psoriasi è caratterizzata dalla crescita eccessiva delle cellule della pelle. È stato scoperto che il CBD aiuta a sopprimere la proliferazione delle cellule della pelle umana.

Pertanto potrebbe essere utile per alleviare diversi sintomi della psoriasi tra cui cerotti, gonfiore, desquamazione, ecc.

2. L'olio di CBD ha proprietà immunosoppressive

La psoriasi è una malattia autoimmune in cui il corpo inizia un attacco a se stesso.

La down-regolazione del sistema immunitario risulta utile in tali casi nella gestione dei sintomi. La soppressione del sistema immunitario iperattivo può aiutare a ridurre le riacutizzazioni e il disagio.

È stato scoperto che il CBD possiede proprietà immunosoppressori. È stato dimostrato che il CBD induce la morte nelle cellule di linfociti T umani.

Induce il CD4 + e il CD8 + a subire l'apoptosi (morte). Il CBD induce la morte in queste cellule per attività della caspasi 3 e 8.

3. L'olio di CBD ha proprietà antinfiammatorie

L'infiammazione è comune in molte malattie autoimmuni tra gli altri disturbi.

La psoriasi è infatti classificata come malattia infiammatoria immuno-mediata (IMID), che colpisce la pelle.

L'infiammazione della pelle e dei vasi sanguigni nei pazienti con psoriasi è comune. Ciò si traduce spesso in gonfiore, dolore, disagio, ecc.

L'infiammazione provoca anche altri disturbi sistemici tra cui comorbilità come disturbi cardiovascolari, obesità, diabete, aterosclerosi, ecc.

Il fattore alfa necrosi tumorale non è regolato nei pazienti e causa molte anomalie metaboliche tra cui resistenza all'insulina, eventi coronarici, ecc.

Tenere a bada l'infiammazione riduce anche il rischio di sviluppare l'artrite psoriasica, il che è importante perché quasi il 15% dei pazienti finisce per sviluppare l'artrite psoriasica.

Uno studio ha suggerito che il CBD potrebbe essere usato per il trattamento della psoriasi a causa delle sue proprietà anti-infiammatorie attraverso la soppressione di VEGF, MMP tra gli altri mediatori pro-infiammatori.

È stato dimostrato che il CBD ha importanti proprietà antinfiammatorie. Gli studi hanno dimostrato che l'uso di CBD può ridurre l'infiammazione intestinale sia cronica che acuta.

Il CBD riduce i livelli di fattore necrosi tumorale alfa, che risulta non regolato nei pazienti con psoriasi.

Sopprime anche la via di segnalazione NF-κB, riducendo così l'infiammazione. Il CBD è stato trovato efficace nel trattamento dell'artrite infiammatoria come l'artrite reumatoide. Aiuta anche a ridurre i livelli di IFN-γ nei modelli animali di artrite infiammatoria.

Il cannabidiolo può anche ridurre l'impatto dell'infiammazione sullo stress ossidativo e quindi ridurre il rischio di sviluppare malattie causate da una combinazione di infiammazione e stress ossidativo.

Il CBD ha anche un impatto sul sistema immunitario e sulle cellule immunitarie e quindi altera il livello di diverse citochine nel corpo, che a sua volta si traduce in una proprietà anti-infiammatoria.

L'olio di semi di canapa (contenente CBD) è ricco di PUFA omega-3, che è stato trovato per aiutare a ridurre l'infiammazione. L'effetto del CBD sul metabolismo dell'arachidonato contribuisce anche alle sue proprietà antinfiammatorie.

Uno studio ha dimostrato che l'applicazione topica del CBD potrebbe ridurre l'infiammazione del ginocchio nei modelli animali.

Ciò potrebbe potenzialmente aiutare a prevenire l'insorgenza di artrite psoriasica infiammatoria nei pazienti con psoriasi.

Sommario

L'infiammazione può peggiorare la psoriasi inducendo riacutizzazioni e causare la progressione di altre comorbilità. Il CBD ha dimostrato di essere efficace nell'alleviare l'infiammazione e quindi può essere utile per i pazienti con psoriasi.

4. L'olio di CBD ha proprietà anti-infettive

Le infezioni possono contribuire al peggioramento della psoriasi. È noto che le infezioni batteriche e fungine sono associate a determinati tipi di psoriasi.

Lo stafilococco e la candida possono contribuire a riacutizzazioni. Molti medicinali usati per la psoriasi aumentano anche il rischio di infezioni potenzialmente letali.

Mantenere il controllo delle infezioni può indirettamente aiutare a prevenire le riacutizzazioni e il peggioramento della malattia.

Il CBD ha alcune proprietà anti-infettive associate. Il CBD ha una potente attività contro i batteri stafilococco resistenti agli antibiotici.

Il CBD sopprime la crescita di molti batteri Gram-positivi. Può aiutare a fornire sollievo dalle malattie della pelle pruriginose.

L'olio di semi di canapa rende la pelle resistente alle infezioni batteriche, virali e fungine. Ciò può essere attribuito alla presenza di beta-sitosterolo nell'olio di semi di canapa.

Sommario

È stato scoperto che le infezioni causate da batteri, funghi, virus, ecc. Hanno una qualche associazione con la psoriasi, comprese le riacutizzazioni.

L'olio di CBD ha proprietà anti-microbiche, che possono aiutare a evitare complicazioni legate all'infezione nei pazienti con psoriasi.

5. L'olio di CBD aiuta ad alleviare lo stress

Lo stress può agire come un fattore scatenante per la psoriasi e indurlo a divampare.

Il disagio associato alla psoriasi provoca anche stress indesiderato, ansia, irrequietezza, affaticamento, insonnia, ecc.

La depressione è risultata essere il 50% in più prevalente nei pazienti con psoriasi.

Molti esperti hanno parlato dell'importanza di vivere una vita senza stress al fine di recuperare rapidamente e prevenire le riacutizzazioni.

La gestione dello stress è quindi importante per i pazienti con psoriasi. Gli studi hanno evidenziato l'uso di olio di CBD per alleviare lo stress, l'ansia, l'insonnia, ecc.

L'uso del CBD nei modelli di ratto per 21 giorni ha mostrato una riduzione significativa dello stress. Ha anche alterato il comportamento indotto dallo stress in questi ratti.

Il CBD riduce efficacemente l'ansia e consente all'utente di sentirsi più calmo anche in situazioni di ansia sociale e disturbo di panico.

Il CBD riduce l'attività neuronale in eccesso e porta quindi calma all'utente. Il CBD possiede anche importanti proprietà antidepressive.

L'olio di CBD è utile anche in caso di insonnia. Il dolore e il prurito possono causare notti insonni nei pazienti, il che non fa bene al corpo e alla mente.

L'uso del CBD consente all'utente di dormire meglio e sperimentare un sonno di qualità. 600mg di CBD hanno dimostrato di essere efficaci nel ridurre lo stress e l'ansia.

Sommario

Lo stress è un fattore scatenante per la psoriasi. Non solo può causare la psoriasi, ma anche peggiorare la situazione. È necessario tenere sotto controllo lo stress.

L'olio di CBD può aiutare ad alleviare lo stress e l'ansia. Aiuta anche l'utente a migliorare la qualità del sonno, riducendo così ulteriormente lo stress.

6. L'olio di CBD è un analgesico

Il dolore e il disagio della pelle sono comuni nei pazienti con psoriasi.

Uno studio esplorativo condotto con 139 pazienti con psoriasi ha riferito che quasi il 43% dei pazienti soffriva di dolore e quasi il 37% di loro soffriva di disagio.

Sensazione spiacevole, prurito, sensazione di bruciore / bruciore erano alcune cose segnalate dai pazienti.

Alleviamento del dolore e del disagio è necessario per garantire una migliore qualità della vita. L'olio di CBD ha dimostrato di aiutare a ridurre il dolore e ad avere un effetto analgesico.

Il CBD aumenta la soglia del dolore e consente quindi ai pazienti di affrontare il dolore. Altera la percezione del dolore.

L'applicazione topica del CBD ha anche dimostrato di essere efficace nel ridurre il dolore, il gonfiore, ecc. Nei modelli animali di artrite.

Molti studi hanno dimostrato che il CBD è efficace anche nella gestione del dolore difficile da trattare. È stato anche dimostrato che il CBD può essere usato per alleviare il dolore cronico associato a malattie come il cancro e la sclerosi multipla.

Sommario

È stato riscontrato che il dolore è comune nei pazienti con psoriasi. L'olio di CBD può aiutare ad alleviare il dolore e fornire un po 'di sollievo dal disagio garantendo così una migliore qualità della vita per i pazienti.

7. L'olio di CBD potrebbe aiutare con le comorbilità della psoriasi

La psoriasi è una malattia autoimmune sistemica ed è associata a diverse comorbidità poiché molti organi e sistemi diversi sono affetti dalla malattia.

Alcune comorbidità comuni includono malattie coronariche, artrite psoriasica, depressione, aterosclerosi, cancro, ecc.

Prevenire tali comorbidità è importante, poiché la maggior parte di questi sono disturbi gravi, che possono complicare le condizioni di salute dei pazienti.

L'olio di CBD è risultato efficace nell'alleviare i sintomi di molte di queste malattie. L'olio di CBD fa bene al cuore e riduce il rischio di eventi coronarici. Riduce anche l'accumulo di placca nelle arterie (aterosclerosi).

L'olio di CBD aiuta anche come antidepressivo. Aiuta a ridurre il rischio di cancro a causa delle sue proprietà antiossidanti e antinfiammatorie. Potrebbe anche aiutare a ridurre la metastasi dei tumori.

L'olio di CBD è un potente agente antinfiammatorio e ha dimostrato di essere efficace nell'alleviare l'artrite infiammatoria.

Pertanto potrebbe aiutare a prevenire l'artrite psoriasica o ad alleviare i sintomi.

Sommario

La psoriasi è associata a molte comorbidità come cancro, problemi cardiaci, depressione, ecc. L'olio di CBD potrebbe aiutare a tenerli a bada o aiutare a gestirli meglio a causa delle sue diverse proprietà terapeutiche, come dimostrato da molti studi.

Il dosaggio di CBD per la psoriasi

Gli studi spesso usano 600mg di CBD per produrre un notevole livello plasmatico di CBD. Si consiglia pertanto di consumare quasi 600 mg o più di olio di CBD.

I pazienti devono consumare un basso dosaggio all'inizio e aumentare gradualmente la dose per consentire al corpo di abituarsi al CBD.

Quasi 600 mg di CBD vengono utilizzati anche per i casi di ansia e insonnia.

L'olio di CBD viene di solito lasciato cadere sotto / sopra la lingua e quindi fatto roteare in bocca per un paio di minuti prima di deglutire.

Le capsule possono anche essere prese. La concentrazione di CBD nella preparazione è fondamentale e dovrebbero essere utilizzati solo preparati di CBD di elevata purezza.

L'olio può essere miscelato con creme e gel prima dell'applicazione in alcuni casi a seconda della forza dell'olio.

Per uso topico, la pelle deve essere pulita prima dell'applicazione. Non entrare in contatto con l'acqua dopo l'applicazione dell'olio sulla pelle.

Metti alcune gocce sulla pelle e massaggia leggermente per consentire la penetrazione. Assicurati che l'olio sia sicuro per uso topico leggendo l'etichetta e, se possibile, consultando il venditore.

Precauzioni con olio di CBD

Pochi effetti collaterali comunemente osservati negli utenti includono bassa pressione sanguigna, svenimento, sonnolenza, secchezza delle fauci, ecc.

Dovrebbe essere evitato dai pazienti con malattia di Parkinson in quanto peggiora i tremori.

La guida e altre attività intensive devono essere evitate subito dopo l'assunzione di CBD.

Dovrebbe essere usato solo olio di CBD di alta qualità anche se è costoso perché quelli a basso costo e adulterati possono causare più danni che benefici.

Può anche essere consumato in sicurezza dai bambini, in quanto non provoca alterazione dei sensi. Le madri in gravidanza e in allattamento dovrebbero usarlo solo su consiglio del medico.

Potrebbero esserci interazioni con alcuni farmaci antinfiammatori, steroidi, pressione sanguigna e farmaci per il diabete, ecc.

Pertanto, consultare il medico per quanto riguarda l'uso di olio di CBD è importante per evitare effetti collaterali.

Linea di fondo

La psoriasi è una malattia della pelle comune che colpisce molte persone in tutto il mondo.

È una malattia senza cura e quindi la gestione della malattia e dei suoi sintomi è importante.

Ci sono molti medicinali disponibili ma non sono esenti da effetti collaterali. Pertanto è necessario un regime complementare con minori effetti collaterali.

L'olio di CBD può essere usato per gestire la psoriasi per diversi motivi. Aiuta a ridurre l'infiammazione, alleviare lo stress, ridurre il dolore e il disagio, ecc. Può aiutare a mantenere la qualità generale della vita nei pazienti con psoriasi. Può essere incluso con altri medicinali per la malattia purché non mostrino interazioni.

L'olio di CBD di alta qualità può essere utilizzato dai pazienti dopo aver consultato il fornitore di assistenza sanitaria per garantire i massimi benefici.

Psorilax:Sblocca |crema psoriasi naturale

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, quanto costa

Esistono molti trattamenti efficaci per la psoriasi. È importante limitare o eliminare i fattori che possono scatenare o peggiorare la psoriasi (farmaci, alcol, traumi, stress, ecc.). Una volta che la spinta è controllata da un trattamento iniziale adattato (trattamento di attacco), è essenziale e capitale seguire un trattamento di mantenimento che aiuterà ad evitare o prevenire la ricorrenza.

Il trattamento dipende dall'estensione, dalla posizione, dall'esperienza e dalle preferenze dei pazienti, ma anche dalle controindicazioni correlate alle patologie associate, dall'età o dallo stato del paziente (gravidanza).

Trattamenti psoriasi locali
Trattamenti locali per la psoriasi da lieve a moderata : i trattamenti locali utilizzano creme, pomate, gel o lozioni a base di:
1 – Cortisone: tavola di dermocroticoides
2 – Derivati ​​della vitamina D (Daivonex®, Silkis®, Apsor®).
3 – Corticosteroide + acido salicilico: diprosalico, nerisalico, betnesalico,
4 – Cortisone combinato con vitamina D: Daivobet®,
5 – Dioxyanthranol: terapia a contatto breve o terapia a contatto a breve o a tempo determinato.

Preparati magistrali a base di cortisone, acido salicilico, emollienti, idratanti, antipruritici (anti prurito).

Trattamenti interni per la psoriasi
Trattamenti generali per la psoriasi moderata: il trattamento generale della psoriasi da moderata a grave utilizza derivati ​​della vitamina A (retinoidi (Soriatane ®)) o ultravioletti (ultravioletti A associati all'assunzione di un fotosensibilizzatore o ultravioletto B TL01) a volte i 2 associati.

Fototerapia, laser e lampade
Fototerapia UVA e UVB
Puvatherapy e UVB a spettro ristretto (UVB TL01 a 311 nm) sono i due metodi di fototerapia generalmente utilizzati per il trattamento di grandi (circa metà della superficie del corpo) e forme gravi di placca o caduta della psoriasi. Questo trattamento è coperto da un'assicurazione sanitaria. Esistono forme di terapia PUVA localizzata per la psoriasi dei palmi e delle piante dei piedi e quelle del cuoio capelluto. L'UVB a spettro stretto (308 nm) può essere utilizzato anche per un trattamento molto localizzato grazie al laser e alle lampade ad eccimeri a 308 nm. Infine, ci sono elettrodomestici in grado di erogare fototerapia mirata a 311 nm.

L'esposizione della pelle alla luce ultravioletta regola la proliferazione delle cellule della pelle e la reattività delle cellule di difesa del corpo – ha un effetto benefico su alcune forme di psoriasi. Una parte della psoriasi non è migliorata dai raggi ultravioletti.
La fototerapia è controindicata nei bambini di età inferiore agli otto anni, nei pazienti ad aumentato rischio di cancro della pelle (storia di melanoma, terapia immunosoppressiva) o reattività ultravioletta anormale (lupus eritematoso, porfiria).

La puvatherapy è più complessa da implementare rispetto all'UVB, perché è necessario assumere un farmaco fotosensibilizzante (melanidina) prima di esporsi ai raggi ultravioletti; è inoltre necessario indossare occhiali protettivi entro poche ore. La terapia con PU rimane tuttavia il trattamento standard e la scomparsa quasi completa delle lesioni dopo 15-25 sessioni. Questa tecnica è preferibile nei casi di psoriasi più grave e nei pazienti con pelle scura.

È più difficile trovare professionisti con cabine UVB a spettro ristretto che non necessitano di farmaci – il rischio cancerogeno di UVB a spettro ristretto sarebbe inferiore a quello degli UVA ma non è dimostrato. Questa tecnica è la migliore per la psoriasi moderata, nei bambini, nelle persone con malattie renali o nelle donne in gravidanza.

Lampade e laser ad eccimeri non sono molto diffusi, si trovano a Parigi, Nizza e Lille. Sono usati per trattare placche molto localizzate.

La fototerapia mirata può essere utilizzata a casa per placche localizzate, grazie a dispositivi di fototerapia abbastanza economici (circa € 200) venduti su Internet. Alcuni di questi dispositivi sono dotati di una lampada Philips TL01 a 311 nm e di un timer, che consentono la fototerapia UVB mirata su piccole placche sul corpo o sul cuoio capelluto. Per evitare incidenti e trattamenti inappropriati, questi dispositivi devono essere utilizzati dopo l'allenamento e i consigli appropriati del proprio dermatologo.

Le sessioni di ultravioletti di tutto il corpo vengono eseguite dal dermatologo, tre volte alla settimana fino alla remissione completa, a volte è raccomandato un trattamento di mantenimento.

La fototerapia promuove il cancro della pelle e il rischio di cataratta. Questo è il motivo per cui devi indossare gli occhiali entro dodici ore dall'assunzione di psoraleni per PUVA, evitare di esporre il viso e i genitali, far controllare regolarmente la pelle dal dermatologo e non superare numero totale di 250 sessioni (inclusi UVA e UVB).

Le fototerapie possono essere combinate con altri trattamenti per risultati migliori. Si consiglia di spogliare le piastre prima della fototerapia (rimuovere le croste spesse) grazie al trattamento locale. I trattamenti locali come i dermocorticoidi (creme al cortisone), il tazarotene (Zorac®) o i derivati ​​orali della vitamina A (acitretina) hanno un effetto sinergico (aumentano l'efficacia) della fototerapia.

Laser ad eccimeri a 308 nm: il laser e le lampade ad eccimeri sono trattamenti ultravioletti specifici (308 nm) il cui beneficio è stato dimostrato per la gestione di placche localizzate di psoriasi.

Laser a colorante pulsato – Le sessioni di colorazione laser possono aiutare a trattare aree specifiche della psoriasi.

Derivati ​​della vitamina A.
Acitretina (Soriatane®)

L'acitretina (Soriatane®) è un farmaco della classe dei retinoidi che sono molecole derivate dalla vitamina A.

L'acitretina è prescritta da sola in alcune forme di psoriasi (psoriasi pustolosa, psoriasi spessa dei palmi e delle piante dei piedi, psoriasi delle unghie). Nelle forme classiche di psoriasi, l'acitretina è più spesso raccomandata in combinazione con fototerapie (terapia PUVA, ultravioletta B) o locali (calcipotriolo, dermocorticoidi) o trattamenti generali.

Il problema posto dall'acitretina è la sua teratogenicità (rischio di malformazioni del bambino se assunto durante la gravidanza), questo è il motivo per cui la contraccezione è obbligatoria nelle donne durante il trattamento e due anni dopo (da lenta eliminazione del prodotto). L'assunzione di acitretina provoca secchezza della pelle e delle mucose (labbra, congiuntiva, naso) che può essere facilmente corretta da creme adatte e perdita di capelli. È necessario il monitoraggio mediante analisi del sangue, perché spesso c'è un aumento dei grassi nel sangue (trigliceridi, colesterolo) e talvolta enzimi del fegato. Una grave infiammazione del fegato è rara. Il mal di testa può indicare edema cerebrale e richiedere l'interruzione del trattamento.

L'acitretina è un trattamento efficace per la psoriasi moderata nei giovani uomini, può essere combinato con trattamenti locali o fototerapia. Questo trattamento è utile anche per la psoriasi pustolosa o delle unghie.

Trattamenti psoriasi da moderati a gravi
metotressato (Novatrex®, Ledertrexate®, Metoject®, Methotrexate Bellon®), questo trattamento agisce rallentando il rinnovamento delle cellule negli strati superficiali della pelle. Questo trattamento è stato usato per più di 40 anni nel trattamento dei tumori, parliamo di chemioterapia. Nella psoriasi viene utilizzato per le sue proprietà antinfiammatorie più degli antiproliferativi e viene somministrato a dosi 10 volte inferiori nella psoriasi rispetto ai tumori. I suoi potenziali effetti collaterali sono molto noti e ben monitorati, non rappresentano quasi alcun pericolo per il paziente che lo prende. È tuttavia necessario un monitoraggio clinico e biologico (esami del sangue regolari) al fine di rilevare eventuali effetti collaterali che potrebbero scomparire con la riduzione della dose o interrompendo il trattamento. Una vitamina a base di acido folico è spesso associata al trattamento con metotrexato, è un antidoto al metotrexato, che lo neutralizzerà e che viene assunto solo nei giorni in cui non si assume metotrexato (in generale 1 dose è sufficiente entro 48 ore dall'assunzione di metotrexato. L'obiettivo è ridurre al minimo i potenziali effetti collaterali del metotrexato e aumentarne la tolleranza a breve, medio e lungo termine. Deve essere evitato il più possibile il giorno prima metotrexato, se non diversamente indicato dal medico.

Ciclosporina A (Néoral®, Sandimmun) è un farmaco che agisce sui linfociti T e impedisce a queste cellule immunitarie di produrre le loro sostanze infiammatorie, inibendo così l'infiammazione della pelle e delle articolazioni. Questo farmaco è molto efficace ma un po 'tossico per i reni e può aumentare la pressione sanguigna, modificare i lipidi nel sangue e talvolta causare iperpilosità del viso, problemi gengivali e interazioni farmacologiche multiple. Il controllo del sangue del rene e della pressione sanguigna è quindi essenziale e significa che questo trattamento deve essere usato solo per brevi periodi che vanno da 4 a 6 mesi o anche da 1 a 2 anni al massimo.
Altri immunosoppressori sono probabilmente indicati quando tutti i precedenti trattamenti e biologici hanno dimostrato di essere inefficaci o non tollerati. tacrolimus (Prograf), da Micofenolato Mofetile (Cellecept), Azathioprine (Imurel) e molti altri. Questi farmaci richiedono una buona comprensione di come vengono utilizzati, i potenziali effetti collaterali e come gestirli (di solito prescritti dai medici che sono abituati a loro).

biologico
I trattamenti biologici agiscono inibendo la secrezione di alcune sostanze infiammatorie responsabili della placca psoriasica, generalmente deprimono il sistema di difesa dell'organismo e possono promuovere gravi infezioni o tumori. I trattamenti biologici sono coperti dall'assicurazione sanitaria a determinate condizioni, il loro costo è particolarmente elevato con prezzi compresi tra 1200 e 3000 € al mese di trattamento.

I biologici fanno ora parte di una nuova famiglia di farmaci per il trattamento della psoriasi: questo si chiama biologico. È un vero progresso nella gestione della malattia psoriasica, in altre parole psoriasi e artrite psoriasica, ma anche altre localizzazioni difficili da trattare come danni alle unghie, danni alla pelle capelli, quello del viso, ecc.

Le bioterapie occupano attualmente un posto di terza linea nella strategia terapeutica della psoriasi, dopo attualità e trattamenti sistemici. Questo posto è in realtà in quarta o addirittura in quinta posizione, poiché l'autorizzazione all'immissione in commercio per tutti i prodotti biologici attualmente disponibili sul mercato europeo è: psoriasi da moderata a grave con fallimento, intolleranza o controindicazione ad almeno due classici trattamenti sistemici tra fototerapia, Metotrexato o ciclosporina.

Potremmo spiegarlo il giorno dell'ottenimento di questi MA:
1. la mancanza di prospettiva in termini di tolleranza e sicurezza,
2. l'assenza di uno studio che paragona queste molecole a trattamenti sistemici,
3. l'assenza di studi comparativi tra queste bioterapie
4. e infine l'alto prezzo di queste molecole,
Oggi sul mercato sono presenti 4 molecole: 3 molecole sono anti TNF-a, tra le quali vi è un recettore ricombinante solubile di origine umana di TNF (a e ß); Etanercept (Enbrel®) e due anticorpi anti-TNF, un Infliximab chimerico (Rémicade®) e il secondo Adalimumab (Humira®) completamente umano e una nuova molecola, un Ustekinumab anti-citochina Stelara®), un anticorpo umano anti-IL12 / IL23 per il quale l'immissione sul mercato francese dovrebbe essere effettuata all'inizio del 2010, non appena viene ottenuto il prezzo e che è già attualmente utilizzato in un ambiente ospedaliero con un'esenzione dal Ministero della Salute . Altre molecole in via di sviluppo sono in corso come Briakinumab, Golimumab, Certolizumab, anti IL-17 a e r, ecc.

Etanercept – Enbrel®
Oltre alla sua comprovata efficacia nella psoriasi e nell'artrite psoriasica negli adulti (A).
È il primo farmaco anti-TNF-indicato nella psoriasi a placche cronica grave nei bambini di 8 anni e negli adolescenti, in caso di risposta inadeguata o intolleranza ad altri trattamenti sistemici o fototerapia.
Questo medicinale ha altre indicazioni non dermatologiche, specialmente negli adulti con artrite reumatoide e spondilite anchilosante e, nei bambini, con artrite idiopatica giovanile.
Controindicazioni e valutazione pre-terapeutica
Le controindicazioni dell'etanercept comprendono l'ipersensibilità all'etanercept o ad un eccipiente (mannitolo, saccarosio, trometamolo), immunodeficienza, infezioni attive e una storia di cancro. Vaccinazioni, gravidanza e allattamento sono evitati con etanercept. Si consiglia un'appropriata contraccezione prima, durante e almeno 6 mesi dopo l'interruzione di etanercept.
La valutazione pre-terapeutica comprende: esame clinico completo, test cutaneo alla tubercolina.
Il trattamento con etanercept deve essere iniziato e supervisionato da un medico specializzato in malattie infiammatorie croniche in cui è indicato (in pratica, principalmente: internisti, reumatologi e dermatologi). La sua prescrizione iniziale deve essere in ospedale.
La dose raccomandata per la psoriasi a placche è di 25 mg due volte a settimana. Se le condizioni cliniche del paziente lo richiedono, una dose di 50 mg, due volte a settimana, può essere somministrata dalla settimana 0 alla settimana 12. I siti di iniezione devono essere alternati. Il dosaggio non richiede aggiustamenti nei pazienti di età superiore ai 65 anni o nei pazienti con insufficienza epatica o renale.
In assenza di una risposta clinica alla settimana 12, il trattamento con etanercept non deve essere continuato. Il trattamento non deve essere continuato oltre le 24 settimane in assenza di una rivalutazione della sua tolleranza ed efficacia.
In Francia, il costo di Enbrel era di € 126 per 1 flaconcino da 25 mg e di € 252 per un flaconcino da 50 mg nel gennaio 2009.

Infliximab – Remicade®
Remicade è indicato per: il trattamento della psoriasi a placche da moderata a grave negli adulti in caso di fallimento, controindicazione o intolleranza ad altri trattamenti sistemici tra cui ciclosporina, metotrexato o puvatherapy. 5 mg / kg somministrati per infusione endovenosa della durata di 2 ore, seguiti da ulteriori infusioni di 5 mg / kg alle settimane 2 e 6 dopo la prima infusione, quindi successivamente ogni 8 settimane.

Adalimumab -Humira®
HUMIRA è indicato per il trattamento della psoriasi a placche da moderata a grave nei pazienti adulti che non rispondono ad altri trattamenti sistemici come la ciclosporina, il metotrexato o la terapia PUVA o per i quali questi trattamenti sono controindicati o mal tollerato. “
Il dosaggio raccomandato per l'artrite psoriasica è una dose singola di 40 mg di Adalimumab ogni due settimane, iniettata per via sottocutanea.
La dose raccomandata per gli adulti per la psoriasi è di 80 mg per via sottocutanea il 1 ° giorno, quindi 40 mg la prima settimana, quindi 40 mg a settimane alterne.

Ustekinumab – Stelara®
Indicato solo nella psoriasi a placche da moderata a grave negli adulti in caso di fallimento, controindicazione o intolleranza ad altri trattamenti sistemici tra cui ciclosporina, metotrexato o puvatherapy in questo momento.
L'efficacia di Ustekinumab è stata dimostrata in due studi contro placebo (PHOENIX 1 e 2) e in uno studio contro etanercept (ACCEPT). Viene somministrato alla dose di 45 mg in pazienti di peso inferiore a 100 kg e 90 mg in pazienti di peso superiore a 100 kg.

Consigli per iniziare uno dei quattro trattamenti biologici (infliximab, etanercept, adalimumab, ustekinumab).

Psoriasi grave (cioè psoriasi con indice di gravità dell'area psoriasi (PASI) = 10 e indice di qualità della vita dermatologica (DLQI) = 10) e una forma della malattia per la quale la fototerapia o altri trattamenti sistemici non non sono ben tollerati, controindicati o non danno risultati soddisfacenti (un risultato soddisfacente è definito da una riduzione di almeno il 50% della PASI iniziale associata a una riduzione di 5 punti del DLQI o una riduzione di almeno 75% della PASI iniziale).

Adalimumab o etanercept sono i trattamenti biologici, quindi l'uso è raccomandato come trattamento di prima linea mentre ustekinumab è riservato al trattamento di seconda linea. Infliximab è raccomandato quando è richiesto un controllo rapido della malattia.

Psorilax:In vendita |psoriasi intima crema

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, composizione

La Do List è una lunga lista di cose da fare per porre rimedio alla psoriasi in modo naturale.lista di controllo per curare la psoriasi bitmoji

La maggior parte di questi rimedi su “The Do List” sono stati appresi da diverse fonti e testati da me. Anni di tempo ed esperienza sono andati alla scoperta di diversi modi e tecniche usati per curare la psoriasi. Sono stati aperti molti libri e dozzine di persone che hanno curato la loro psoriasi hanno contribuito con la loro saggezza e conoscenza.

Questa è la lista di elementi e compiti che rimediano naturalmente alla psoriasi e quindi curano la psoriasi. Ti aiuterà anche a mantenere una pelle bella. È indispensabile che questi elementi e compiti vengano svolti indefinitamente. È anche molto importante leggere gli altri post su questo sito Web.


Essere informati

Tutti questi rimedi aiuteranno il corpo a guarire se stesso nel tempo. LeggereRimedio La psoriasi richiede naturalmente tempo qualsiasi cura per la letteratura sulla psoriasi o l'ascolto di qualsiasi testimonianza post-paziente sulla psoriasi che ha cancellato la sua pelle al 100%, e ti diranno che il processo di guarigione richiede tempo. 🕰

Quanto tempo ci vuole totalmente dipende dall'individuo. Può richiedere da tre mesi a nove mesi, più / meno. Questo è un disordine che il corpo stesso deve affrontare, combattere e vincere, simile a quello di affrontare un prepotente nel cortile della scuola per il bene di tutto ciò che conta.

Questo sito web ti armerà di armature e armi per affrontarlo. Ognuno è diverso, ma un sacco di tempo personale da dedicare a questo dilemma è ciò che ogni singola persona condivide.

Ne vale la pena il tempo dedicato e investito, quindi a chi importa quanto tempo ci vuole. Mesi di lavoro in cambio del resto della tua vita, mi sembrano un bel po '. Iniziamo il processo di recupero della pelle e della vita.


# 1: La luce solare è nota per curare la psoriasiRimedio Psoriasi Prendere il sole naturalmente

– Mi crogiolo al sole diversi giorni alla settimana, dai cinque ai quindici minuti al giorno, almeno due volte al giorno, non tra le ore 11:00 e M
3:00 P.M.🌄

Troppa luce solare ovviamente fa male alla pelle, ustioni solari e cancro della pelle sono alcuni esempi. Ma se applicato con parsimonia, la luce del sole lo fa
cose meravigliose.

La luce solare consente al corpo di creare vitamina D, che non solo aiuta l'assorbimento del calcio nelle ossa, ma svolge un ruolo importante nella salute generale della pelle.

La vitamina D porta ringiovanimento e riparazione della pelle. Quantità adeguate possono apportare bellezza, longevità e salute immunitaria della pelle.

La vitamina D attraversa reazioni biochimiche trasformandola in calcitriale, un ormone attivo della vitamina D che inizia nell'epidermide eRimedio Psoriasi Pelle naturalmente buona
si fa strada attraverso le membrane lipidiche al fosforo e nel nucleo. Una volta stabilita nel nucleo, si lega ai recettori della vitamina D, donando alla pelle una salute immunitaria ottimale con un aspetto più giovane.

Gli ospedali sanno che “la luce ultravioletta è così efficace per molti con la psoriasi” che hanno istituito centri di fototerapia UV per competere con il sole stesso. Questi posti esistono nei dipartimenti e nell'uso della dermatologia
diversi livelli di luce solare come UVB (ultravioletto B) una luce ad onde corte e PUVA (psoralene con ultravioletto A) una luce ad onde lunghe.

Questi posti dicono di chiedere al tuo dermatologo quale trattamento è giusto per te, ma c'è molta discrezione sull'uso di queste strutture di fototerapia. Personalmente, preferirei uscire solo per qualche minuto, fare un
saluta il sole e cura la psoriasi in quel modo.

Luoghi per ottenere la luce solarela luce del sole cura la psoriasi bitmoji

– La spiaggia

– Il parco

– Il giardino

– Sulla cima di un tetto

– Uscire a passeggiare

– Cabina abbronzante

– La piscina

– Mezzo campo di erba

Anche se molti luoghi offrono la luce solare mentre è lì, è meglio prendere il soleRimedio Psoriasi Naturalmente tempo di sole fare il bagno in privato. La psoriasi può essere una condizione imbarazzante per la maggior parte
persone, quindi a meno che non ti interessi di meno a ciò che l'attraente bagnino pensa della tua attuale situazione della pelle, probabilmente per ora sarebbe meglio prendere il sole in privato.

I luoghi ideali per prendere il sole privato sarebbero nei boschi o nel proprio cortile. Altre aree appartate includono spiagge di periferia, campi di campagna o su tetti alti come condomini di tre piani o grattacieli.

Dimostrando coerenza con uscire alcune volte al giorno per stare alla luce del sole, avere una pelle più sana diventerà più probabile che mai.

Per sapere come fare un saluto al sole clicca qui.


# 2: L'esercizio cardio è un trattamento alternativo per la psoriasiRimedio Psoriasi Naturalmente corsa cardio

– Eseguo esercizi cardio per almeno trenta o quarantacinque minuti, tre o cinque giorni alla settimana. 🏊

Alcune persone temono il cardio perché non si sentono a proprio agio nell'essere senza fiato. Lo ammetto, all'inizio può essere difficile, ma una volta capito, il cardio può essere abbastanza facile e divertente.

Cardio significa cuore. Molte persone ascoltano la parola esercizio cardio e pensano di fare jogging vertigini. Hanno ragione; fare jogging è un ottimo esercizio cardiaco che può farti girare la testa se vai troppo estremo con esso troppo velocemente. Ma ce ne sono innumerevoli altri
tipi di esercizi cardio che si possono eseguire oltre a fare jogging. Ecco alcuni allenamenti cardio per citarne alcuni.

  • – Latino Dance Cardiocurare psoriasi bitmoji jogging
  • – KarateRimedio Psoriasi Escursione naturalmente cardio
  • – Allenamenti Cardio DVDcura psoriasi bitmoji corda per saltare
  • – Variazioni di Twist Mountain Climber
  • – Sit-UpsRimedio Psoriasi Naturalmente Cardio skateboard
  • – Pilatescura psoriasi bitmoji tennis

Molti di questi esercizi cardio sembrano davvero divertenti, divertenti come sballarsi, non sto scherzando. L'esercizio fisico dà al corpo un “massimo naturale”, è ciò che alcune persone chiamano un “massimo euforico”. Alcune persone possono diventare dipendenti da questo massimo naturale come se fossero dipendenti da qualsiasi altra droga. Bramano la loro dose di endorfine, quindi prendono la bici e salgono a
montagna e ne tragga tutti i benefici.Rimedio Psoriasi Paintball naturalmente cardio

Il punto degli esercizi cardio è far pompare il cuore a velocità più elevate, consentendo un flusso sanguigno più rapido in tutto il sistema circolatorio. Ciò consente un maggiore scambio di ossigeno e anidride carbonica all'interno delle cellule del corpo mentre i polmoni respirano profondamente. Lo scambio consente al corpo di rilasciare più tossine attraverso la sudorazione e il metabolismo.

Sottile stress

Lo stress è anche un'altra tossina rilasciata e immagazzinata nel corpo. A volte lo stress può essere così debole, non sappiamo nemmeno che stiamo stressandocura i pesi di velocità psoriasi bitmoji su. È noto che lo stress influisce negativamente sulla pelle, inclusa la psoriasi.

Gli esercizi cardio si contendono il fattore di stress del corpo rilasciando ormoni chiamati endorfine. Le endorfine sono neurotrasmettitori che bloccano i recettori dello stress e lo sostituiscono con piacere. In altre parole, lo stress provoca infiammazione, quindi bloccalo sostituendolo con endorfine. Le endorfine sono acquisite dall'esercizio cardio.

Grasso tossico

Le prove mostrano una quantità eccessiva di grassi e colesterolo presente inRimedio Psoriasi Naturalmente Cardio pull up
campioni di pelle di psoriasi; il che significa che i pazienti con psoriasi consumano quantità superiori alla media di colesterolo. Cardio aiuta il corpo a bruciare enormi quantità di grasso usando il grasso come fonte di energia.

Gli esercizi cardio sono ideali per la salute generale ed eccezionali quando si liberano elevate quantità di tossine dal corpo e si bruciano colesterolo.

Il cuore e il sistema circolatorio sono le chiavi primarie del nostro benessere. Per questo motivo, il cuore e il sistema circolatorio dovrebbero essere maggiormente esercitati.

Per imparare il modo più semplice per iniziare a correre clicca qui.


# 3: la lecitina può curare la psoriasiLa lecitina cura la psoriasi

– Ingerisco cucchiai di lecitina ogni giorno.

Ho trovato questo ingrediente nel libro Guariamo, scritto dalla nutrizionista Adelle Davis, stampato per la prima volta nel 1972. C'era una sezione sulla psoriasi, che descriveva “254 pazienti” che cessavano di uscire dopo la prima settimana, dopo aver ricevuto “4-8 cucchiai” di lecitina. Anche i casi gravi di psoriasi hanno mostrato recupero dopo soli cinque mesi.

Poiché nel sangue e nelle cellule epiteliali di coloro che hanno la psoriasi esistono enormi quantità di colesterolo, la lecitina può agire in modo benefico riducendo il colesterolo e sciogliendolo. La lecitina inoltre emulsiona i grassi, permettendo al grasso di disperdersi nell'acqua. Poiché i pazienti con psoriasi hanno dimostrato di avere una quantità eccessiva di cellule adipose. Sfruttare la lecitina dovrebbe essere definito perché dissolve le cellule adipose. Mentre tenti di curare la psoriasi dal tuo sistema, la lecitina è una trasmissione di Dio.

La lecitina è un lipide che esiste già nel corpo. Prodotto da fegato, è uno dei componenti principali che tengono insieme le pareti cellulari; è anche in altri animali, uova, spinaci e arachidi e molti altri alimenti. È un fosfolipide naturale nelle membrane cellulari del corpo.

* Nota: perché le arachidi sono associate ad allergie. Le persone che stanno cercando di curare la psoriasi non dovrebbero mangiare arachidi. Sono consentite solo quattro uova alla settimana e la maggior parte delle carni dovrebbe essere evitata fino a quando la loro pelle non si sarà ripresa. Maggiori informazioni su queste informazioni sono disponibili The Don't List di questo sito web.

Ho cercato la lecitina nei negozi di tutto il mondo, ma sono stati venduti solo in capsule di pillole in luoghi selezionati. Bastano da cinque a dieci capsule solo per riempire un cucchiaio da tavola. E le bottiglie di pillole avevano solo circa 200 gel morbidi
capsule, il che significa che avrei dovuto finire una bottiglia da venti dollari in meno di una settimana.

La lecitina liquida viene venduta per quarti online, probabilmente più economica di una bottiglia di lecitina in gel morbido, ma è anche più conveniente che schioccare 50 pillole al giorno. Fai scorta di lecitina liquida in abbondanza. Ordinando diversi
i quarti assicureranno che la lecitina venga assunta regolarmente almeno da 4 a 8 cucchiai da tavola di lecitina al giorno.

Preferisco usare la lecitina liquida che non ha soia ed è non OGM.

Leggi la mia recensione di Lecitina e sapere dove trovo la mia Lecitina liquida a buon mercato.


# 4: Il rapporto 80/20 alcalino / acido è il miglior piano dietetico per la psoriasi

– Cerco di imporre l'80% di verdure fresche ad ogni pasto. 🥒

La regola 80/20 è una piattaforma fantastica su cui basare la tua dieta. L'esperto di psoriasi, il dott. Pagano, ci insegna che quando si mangiano cibi che formano alcalini, il tuo corpo ha meno probabilità di infiammarsi e permette anche al corpo di “diventare più resistente a tutti i tipi di malattie e disturbi fisici”. Sì, anche gli alimenti che formano acido sono estremamente utili , ma mangiarli nella giusta proporzione è meglio per la persona che vuole curare la psoriasi.

Gli alimenti alcalini, per la maggior parte, sono costituiti da verdure a foglia verde / succosa e gli alimenti a base acida sono costituiti principalmente da carni. Beneficiare adeguatamente
dalla regola 80/20, mangiare solo piccole porzioni di carne durante i pasti. Forzati di mangiare molte verdure verdi mentre mangi carne
parsimonia.

Il consumo di molte verdure NON include il consumo di ombretti. Nightshades non curerà la tua psoriasi. In effetti, i nightshades faranno il contrario.Rimedio Psoriasi Insalata di bitmoji naturale I Nightshades e il motivo per cui dovresti evitarli saranno discussi in modo più dettagliato nella “Lista di Non” e sul mio “eBook”.

Alimenti sicuri alcalini che hanno reso l'80% del mio piatto

  • – Cetrioli – (Elimina la pelle cerosa perché a volte viene aggiunta la cera)
  • – SedanoRimedio Psoriasi Fagiolini naturalmente
  • – SchiacciareRimedio Psoriasi Carota naturalmente bitmoji
  • – Mandorle (solo 12 mandorle al giorno)Rimedio Psoriasi Naturalmente cavoli e spinaci
  • – Fagioli (mangiare con parsimonia e mai con carne)
  • – Piselli (mangiare con parsimonia e mai con carne)
  • – FunghiRimedio Psoriasi Naturalmente cibo

Piccole porzioni di patate dolci possono essere consumate con parsimonia. La ragione di ciò è che le patate dolci hanno molto zucchero naturale e mentre continui a leggere capirai perché troppo zucchero naturale, soprattutto di frutta, dovrebbe essere evitato nel primo mese e mangiato in piccole quantità dopo.

Lo zucchero bianco trasformato della canna da zucchero non deve mai essere consumato. Anche i dolcificanti artificiali non devono mai essere mangiati. Le patate dolci non includono la normale patata bianca che è una belladonna. Mentre continui a leggere e continuerai a “The Don't List” nel prossimo post, capirai perché lo zucchero e le creme notturne devono essere evitati se vuoi curare la psoriasi.


# 5: Glyco-ThymolineTrattare il collutorio Psorais Glyco Thymoline

Glyco-Thymoline è un antisettico alcalino usato per pulire l'intestino e contribuire a rendere il corpo alcalino. Dice il dottor John Pagano
che anche se non è prescritto, deve prima essere approvato “da un MD o da un osteopata” prima dell'uso. Afferma che alcune gocce in acqua prima di coricarsi alcuni giorni alla settimana “promuovono l'alcalinità e purificano il tratto digestivo.

Anche se non ho mai provato ad applicare Glyco-Thymoline esternamente alle aree colpite, è stato riferito che il prodotto allevia
prurito anche.

Lo uso rigorosamente solo un paio di volte a settimana, ma solo come colluttorio. Non metto qualche goccia nell'acqua e la bevo.

Il marchio All Natural Glyco Thymoline è il collutorio alcalino originale ed è di proprietà della famiglia dal 1894. È stato raccomandato da medici e dentisti dal 1800 per ridurre l'acidità.

Personalmente uso questo prodotto come collutorio per via degli effetti alcalini sul sangue.

Alcuni bonus in evidenza di Glyco-Thymoline è che funziona come altre marche di collutori ma con l'effetto alcalino.

Benefici del glicole-timolina:

  • Alkalitity
  • Riduce l'acido
  • Riduce l'infiammazione
  • Deterge la bocca
  • Contrasta l'alitosi

Questa roba è difficile da trovare nei negozi, ma la vendono su Amazon, ecco il link. Glico-Thymoline.


# 6: Zen Fusion riduce l'infiammazione, la psoriasi e il rossoreTratta la psoraisi zen fusion

-Tutti hanno la loro lozione per la pelle, questa è la mia.

La formula Zen Fusion Clear Skin venduta da Medici Difesa online, è una meravigliosa crema a base di erbe che migliora letteralmente l'aspetto di
infiammazione dopo l'applicazione. Entro il giorno successivo all'applicazione la mia pelle aveva un aspetto migliore. Il sito web di Medici Difesa ha molte testimonianze di clienti soddisfatti.

Zen Fusion Vendi slogan

– “Abbastanza delicato per i bambini”

– “Medico testato e approvato”

– “Ottieni il rosso in modo naturale”

Zen Fusion ha un vantaggio rispetto ad altre formule perché combinaTratta gli ingredienti di Psoraisis zen fusion ingredienti naturali senza effetti collaterali. Altri prodotti si combinano
ingredienti innaturali “e hanno molti effetti collaterali. Zen Fusion è delicato con il corpo ma duro con la psoriasi; specificamente fatto per contrastare le infiammazioni causate dalla psoriasi e dall'eczema. Zen Fusion è un must da usare, soprattutto se vuoi vedere meno scaglie e infiammazioni.

Modi per applicare

Zen Fusion è caro e per buoni motivi. Letteralmente soprannominato “Miracle Cream”, costa circa $ 28 per un contenitore da 5 once.

Al mattino dopo la doccia; una piccola quantità può essere applicata alle aree interessate. Strofina bene la lozione in modo che si assorba in profondità nella pelle. A metà giornata, è bene applicare una seconda domanda.Tratta il logo Psoraisis zen fusion

Di notte dopo la doccia; strofinare nella terza applicazione. Quest'ultima applicazione può essere strofinata in profondità per molto tempo. Il mio metodo preferito è applicare lo Zen Fusion mentre guardo la TV e ci sistemiamo per la notte.

Basta massaggiare la lozione delicatamente ma con fermezza per diversi minuti su un'area della pelle interessata, quindi passare alla successiva. Assicurati di essere molto conservatore con questa crema miracolosa perché si esaurirà rapidamente.

Essere informati

Potresti vedere i risultati quasi immediatamente dopo l'applicazione, forse a
punto in cui le lesioni non saranno visibili. Tuttavia, per favore non capisco
impressione che questa crema abbia eliminato la tua psoriasi per sempre. Non è una cura per la psoriasi da sola.

Potrebbe fare un buon lavoro nel mascherare il sintomo della psoriasi, ma sicuramente non fermerà il problema. Non curerà la psoriasi da sola come la maggior parte delle persone pensa che facciano le creme. Per curare la psoriasi devi occuparti del problema all'interno del tuo corpo e non continuare a reagire al sintomo. Devi essere professionistaattivo e non riattivo. È necessario che tu continui a leggere e ad attenermi ai passi misurati che io e gli altri abbiamo fatto.

Vai a Doctors-Defense.com per ottenere la Zen Fusion.


# 7: la vitamina E tratta la psoriasiCura la psoraisi vitamina E

– Generose quantità di vitamina E ogni giorno.

La vitamina E è una vitamina liposolubile e fa meraviglie della pelle. Si ritiene che sia non tossico e preventivo per molte malattie e
disturbi. La vitamina E è considerata un antiossidante. Dona inoltre alla pelle un aspetto deciso ma flessibile.

Non solo rallenta il processo di invecchiamento della pelle promuovendo più vigore nel tessuto corporeo, ma aiuta anche a guarire il tessuto cicatriziale e migliora l'aspetto dell'acne.

La vitamina E arresta anche la produzione di radicali liberi, il che significa che la maggior parte degli effetti negativi dell'invecchiamento avrà meno probabilità di verificarsi. schivare
anche le malattie croniche e gli squilibri degenerativi dei metalli come il morbo di Alzheimer e la demenza sono un vantaggio.

Molti libri sulla salute forniscono dosi diverse sull'assunzione giornaliera raccomandata. Personalmente prendo 1000 mg di capsule di gel morbido al giorno. MaRemedypsoriasisnaturally.com Le mandorle con vitamina E trattano la psoriasi
dosi diverse sono preferibili per persone diverse a seconda dell'età e del peso. Basta sapere che qualunque sia la dose che decidi tu stesso, la vitamina E è considerata molto vantaggiosa e deve essere assunta in abbondanza.

Poiché è un idratante naturale, la vitamina E può anche essere utilizzata come una lozione che aiuta a curare la psoriasi sul posto. Molti prodotti per la pelle e lozioni contengono vitamina E miscelata con altri ingredienti; alcuni prodotti contengono ingredienti naturali nel mix, altri no. Alcune persone saltano tutto ciò e aprono una capsula di vitamina E e la strofinano sulla pelle.

Ricorda che la vitamina E è considerata atossica, quindi un sacco di questa vitamina arricchita, sia ingerita per via orale da cibo o pillola, sia applicata come una lozione sulla superficie epidurale, garantirà una pelle più sana.

Nota sui produttori di vitamine:

Alcuni fornitori di vitamine cercano di rendere i loro prodotti economici e convenienti utilizzando solo ingredienti economici. Il problema con questo metodo è che si ottengono additivi benefici nel multivitaminico che il tuo corpo non può utilizzare in modo efficace o affatto. Quindi il tuo corpo diventa ancora carente a causa di esso.

Prodotti vitaminici di alta qualità dovrebbero sempre essere considerati. Insieme a mangiare tutte le mie verdure, ho usato integratori di vitamina E per molto tempo. Prova a trovare vitamina E. di alta qualità

Ecco il link per vitamina E. di alta qualità

Alimenti ricchi di vitamina E

  • – SpinaciRemedypsoriasisnaturally.com-Vitamina-E-prezzemolo-treat-psoriasi
  • – Integratori di vitamina E.
  • – ZucchineRemedypsoriasisnaturally.com-Vitamina-E-basilico-treat-psoriasi
  • – Taro RootLa vitamina E allo zenzero tratta la psoriasi

Per quelli che hanno paura di deglutire le pillole, non preoccuparti. Esistono molti modi per ingerire le pillole senza ingerirle intere.Il cavolo di vitamina E e gli spinaci trattano la psoriasi

Circa un decennio fa ho quasi soffocato con una compressa antibiotica. Il tablet era così enorme, non ho idea del motivo per cui ho anche tentato di ingoiarlo,
ma a volte io sono un cretino, ci ho provato e mi è rimasto in gola. Era alloggiato tra la mia trachea e l'esofago, lasciando così un piccolo buco per respirare.

Essendo un EMT, so per esperienza che se il paziente può ancora respirare, allora una buona tosse solida dovrebbe far esplodere l'oggetto. L'unico problema era che quando inspiravo profondamente per tossire; Potevo sentire l'enorme cavallo di una pillola iniziare a penzolare più vicino alla mia trachea.

Quindi, quando finalmente ho tossito e non è emerso nulla, mi sono ritrovato a dover inspirare ancora più a fondo, a causa della mia perdita di respiro a causa della mia ultima tosse / espirazione. E di nuovo la pillola si nascondeva ancora più vicino alla mia trachea facendomi respirare con un sibilo. Ho ingoiato la saliva più volte e la pillola si è spostata più verso il mio esofago. Il respiro sibilante scomparve.

Ho deciso di calmarmi e respirare lentamente attraverso il naso e lasciare che la pillola si dissolva dov'era. “Almeno potrei ancora respirare” ho pensato.

Ho chiamato il mio amico medico e ho bevuto lentamente un po 'd'acqua. Devo aver bevuto un litro intero di acqua quando si è sciolto in gola.

Dopo quel giorno, ho deciso che non avrei mai più ingoiato una pillola grande o media. Qual era lo scopo di cercare di migliorare se avessi letteralmente soffocato i miei sforzi?

Modi per consumare capsule, pillole o compresse senza ingerirle intere.

– Masticalo su e giù con acqua.

– Taglia o spezza la pillola proprio al centro.

– Schiaccia e mescola con una bevanda miscelata.

– Spremitura. Se si tratta di una capsula in gel morbido, fai un buco e passa oltre la lingua.


# 8: La Legge di Attrazione ti consentirà di curare la psoriasi

– Orologio, Il segreto documentario su YouTube o leggere i libri.Il segreto può curare la psoriasi

Il cervello e le onde cerebrali che emette funzionano in modo misterioso. Possono essere considerati creatori di realtà. Qualunque realtà si pensi appassionatamente, alla fine si manifesterà nell'universo in un modo o nell'altro. Per dirla in termini più semplici. I pensieri alla fine diventano cose.

La scrivania alla quale ti siedi; qualcuno aveva immaginato quella scrivania prima, e ora la scrivania è una cosa reale che ha avuto origine dalla mente. Il ragazzo si è visto come un medico, quindi ora è un medico. Sognavano appassionatamente di vivere in una grande casa, e lo fanno. Alcune persone vivono davvero nelle case dei loro sogni e non se ne rendono nemmeno conto.

Ecco un esempio relativo: si è vista appassionatamente con una pelle bellissima. La sua pelle è bellissima adesso.Il pensiero diventa cose che curano la psoriasi

Se si pensa costantemente a cose positive, allora si manifestano cose positive. Se si pensa costantemente a cose negative, allora si manifestano cose negative.

Per utilizzare veramente la legge di attrazione, non si deve solo pensare a ciò che vogliono veramente, ma anche sentire veramente ciò che vogliono, credere profondamente di avere ciò che vogliono veramente e abitarci.

Ci sono state molte persone al mondo che hanno guarito le loro malattie incurabili semplicemente usando le loro menti. Hanno curato molte malattie e disturbi su se stessi e sugli altri. Alcuni direbbero che la mente sulla materia può sicuramente curare facilmente la psoriasi ed è abbastanza potente da funzionare così a lungo che non c'è nulla che funzioni contro di essa. Con “contro”, mi riferisco al dubbio, all'incredulità e alla cattiva alimentazione. Il pensiero negativo può essere un veleno in sé.

Più di un semplice effetto placebo in cui la tua mente è stata indotta a credere a un certo risultato a beneficio del corpo; la legge segreta diI pensieri diventano cose che curano la psoriasi
l'attrazione è la creazione del proprio futuro semplicemente credendo, sentendo e vivendo in quella realtà; ma solo nella realtà che desideri veramente.

Legge del materiale di lettura dell'attrazione

– Il segreto di Rhonda Byrne

– Il potere di Rhonda Byrne

Di 'alla tua mente che la tua pelle è chiara adesso; e credo davvero che sia quello che è veramente. Ignora lo specchio e l'aspetto del tuo
pelle. Concentrati molto duramente, affinché la tua pelle sia davvero liscia, umida, chiara e attraente, e non pensi che mai e nient'altro.

Non c'è spazio per il pessimismo. Anche se un pensiero positivo è 10 volte più forte di un pensiero negativo, perché preoccuparsene e sprecarlo
tempo. Perché mettere la resistenza al vento sulla fusoliera di un aereo quando non ne ha nemmeno bisogno? Vogliamo far rotolare la palla non rallentarla. SePensa alla guarigione della psoriasi positiva
i pensieri positivi sono un segno di 75 MPH sulla superstrada, quindi i pensieri negativi possono essere considerati dossi stradali

D'ora in poi, non pensare all'argomento e sicuramente non parlare dell'argomento. Perché così facendo, verifichi nell'universo che è ciò che è ancora, ed è esattamente ciò che non vogliamo. Non vogliamo che l'universo confermi ciò che non vogliamo, ma invece vogliamo che l'universo manifesti ciò che vogliamo, e che
sarebbe una pelle chiara e attraente. Quindi è esattamente quello che dovresti pensare, “pelle chiara e attraente”.

Scegli due o più dei mantra di seguito da ripetere ogni giorno nella tua mente. Puoi pensarli ogni volta. Quando ti svegli la mattina e quando vai a dormire la notte. È considerato un pensiero pacifico. Usali mentre guidi in macchina, mentre fai la doccia, mentre cammini, vai in bici o fai jogging.

Sì, ci sono altre cose nella mente che noi come esseri umani dobbiamopuoi farlo curare la psoriasi contemplare tutto il giorno, ma i mantra sono considerati buoni esercizi di meditazione da usare ogni volta. Possono essere usati quando i pensieri negativi cercano di emergere. I pensieri negativi emergeranno davvero. Sta a te allenare la mente e respirare attraverso la negatività fino a quando non evapora. I mantra sono strumenti perfetti da utilizzare per curare la psoriasi.

Come un mantra

– “Ho la pelle chiara”.

– “Ho la pelle liscia.”

– “Ho la pelle sexy”.

– “Ho una pelle fantastica.”

– “Ho una pelle meravigliosa.”

– “Ho una pelle perfetta.”

– “Ho una pelle perfetta”.Mr-Pipo Enlightment cura la psoriasi

– “Ho una pelle attraente”.

– “Ho una pelle radiosa”.

– “Ho la pelle angelica”.

– “Ho una pelle miracolosa.”

– “Ho una pelle eccellente.”

– “Ho una pelle superba.”

– “Ho una buona pelle”.

– “Ho una pelle meravigliosa.”

– “Ho una pelle carina”.

– “Ho la pelle calda”.

– “Ho una pelle migliore della normale.”

– “Ho una pelle meravigliosa”

– “Ho una pelle sorprendente.”buone vibrazioni possono curare la psoriasi bitmoji

– “Ho una pelle fantastica”

– “Ho una pelle straordinaria.”

– “Ho una bella pelle”.

– “Ho una pelle bella”.

– “Ho una pelle dall'aspetto giovane”.

– “Ho una pelle fantastica.”

– “Ho una pelle mozzafiato.”

– “Ho una pelle sorprendente.”

– “Ho una pelle fantastica.”

– Crea il tuo e mettilo qui. “Ho () la pelle.”

Quindi non pensare né pronunciare frasi come “Non ho la psoriasi”. Perché solo dicendo che non hai “la psoriasi”, stai ancora dicendo la parola “psoriasi” e l'universo interpreterà la frase come basta “avere … la psoriasi”. Quindi esisterà ancora e questo è l'opposto di ciò che vogliamo.

Questa filosofia all'inizio può sembrare molto bazar, ma garantisco se questi libri e documentari saranno visti e messi in pratica; inizieranno cose magnifiche.


# 9: L'olio di pesce combatte l'infiammazione

– Mangia più pesce e olio di pesce Omega 3. 🐟La pesca con il surf di Padre Island cura la psoriasi

È noto che l'olio di pesce è un antiossidante e ha molti benefici; due di questi benefici includono l'abbassamento del colesterolo e l'infiammazione nel corpo. L'acido grasso Omega 3 a catena lunga nell'olio di pesce è fondamentalmente EPA
(acido eicosapentaenoico) e DHA (acido docosaesaenenico). Questi oli vengono utilizzati immediatamente, saltando il processo di conversione perché DHA ed EPA sono già convertiti in molecole utilizzabili.

Il problema è che alcuni prodotti Omega 3 (che sono anti-infiammatori) hanno più oli Omega 6 (la maggior parte sono pro-infiammatori) miscelati nel supplemento. Assumere capsule con più Omega 6 che Omega 3 sconfigge in primo luogo il punto di assumere integratori di olio antinfiammatorio.

E sì, quasi tutto con Omega 3 (produttivo) ha tracce Omega 6 (controproducente se consumato eccessivamente), ma se il cibo incura della pesca psoriasi bitmoji
domanda ha più Omega 6 rispetto a Omega 3, quindi la maggior parte dei benefici anti-infiammatori andranno persi.

Nel tempo, l'umanità ha mantenuto un rapporto adeguato tra gli Omega. Omega 6 e Omega 3 sarebbero entrambi presenti nelle nostre diete con una razione uniforme di 1: 1. Attraverso questo equilibrio, l'umanità ha sostenuto un'esistenza meno infiammatoria.

Secondo Kris Gunnars, BSc, presso Authoritynutrition.com, fino ad ora, nel ventunesimo secolo, il
La dieta americana contiene un “16: 1;” con Omega 6 che guida immensamente. Quando c'è un sovraccarico dei tipi infiammatori di Omega 6 e un sottocarico di Omega 3 antinfiammatorio, “iniziano a succedere cose brutte
nel corpo. Gli acidi grassi Omega 6 in eccesso si accumulano nelle nostre membrane cellulari e contribuiscono all'infiammazione. “

Comprensibilmente, anche Omega 6 ha i suoi vantaggi. In combinazione con Omega 3, Omega 6 aiuta a mantenere l'integrità ossea, la regolazione del metabolismo, aiuta a mantenere le funzioni di riproduzione e le funzioni cerebrali, oltre a innescare l'infiammazione acuta quando necessario.

Pochi tipi di oli omega 6 possono persino essere un agente antinfiammatorio. Omega 6 è presente nei buoni alimentiMangia pesce tratta la psoriasi anche, come pollo, uova, semi e noci. Ma il punto principale è ridurre l'infiammazione e troppo acido grasso Omega 6 provoca malfunzionamenti del corpo e infiammazione cronica che è controproducente per una persona con psoriasi. Bilancia gli Omegas consumando più Omega 3. Acquista olio di pesce con più acidi grassi Omega 3 e meno grassi Omega 6
acidi.

Ecco il link per la qualità olio di pesce Omega 3.

Secondo il CDC, l'olio di pesce Omega 3 è benefico per molte malattie

  • – Malattia coronaricail pesce talapia cura la psoriasi

Rapporto: Omega 6 / Omega 3

– Salmone: 3.1

– Spinaci: 3.1

– Semi di lino: 4.1

– Pesce spada: 2.1

– Lattuga rossa: 5.1

– Cavolo: 2.1

– Sgombro: 3.1

Ultimamente, la mia assunzione di carne è stata principalmente di pesce. Se non mangio pesce quel giorno, prenderò alcune capsule di olio di pesce Omega 3 come sostituto.
A volte farò entrambe le cose; Mangerò pesce e prenderò ancora l'Omega 3 Fishcompresse di olio di pesce trattano la psoriasi Capsule di olio.

Per coloro che non amano il pesce, le capsule di olio di pesce Omega 3 sono perfette da ingerire senza il sapore di pesce. Non masticarli.

A quelli con fagofobia

Usa la tecnica di spremitura. L'olio di pesce arriva in una morbida capsula di gel, fa un buco nella capsula e spremi l'olio in profondità dentro di te
bocca e oltre la lingua. Cerca di mirare all'ugola, (quella cosa che ti pende nella parte posteriore della gola) in quel modo il sapore dell'olio di pesce non sarà così potente a causa dell'olio che tocca quasi solo la parte posteriore della bocca.

Quando si utilizza la tecnica di spremitura con capsule di olio di pesce, il metodo preferito sarebbe quello di spremere in bagno. In questo modo puoi lavarti rapidamente i denti dopo aver bevuto un po 'd'acqua. Questo annulla il sapore di pesce rimasto in bocca.


# 10: I grassi monoinsaturi possono prevenire l'infiammazione

– Oli più sani al mondo.

Alcune persone sentono la parola “grassi” e manifestano pensieri spiacevoliL'acido oleico tratta la psoriasi le loro teste. “Non posso mangiarlo. È troppo ingrassante. “O,” Se mangio grasso mi farà ingrassare “. E un'affermazione molto popolare,” I grassi non sono salutari e ostruiscono le arterie “. Queste affermazioni non sono completamente accurate.

Sì, alcuni grassi non sono salutari e possono causare problemi di salute. Tuttavia, alcuni di noi dimenticano che ci sono anche grassi buoni. I grassi buoni fanno esattamente il contrario delle loro controparti grasse.

I grassi buoni possono fare cose miracolose per la tua salute, tra cui l'espansione della vita, la perdita di peso e persino prevenire l'infiammazione. Molti di noi dimenticano questi buoni
grassi. Se impariamo dove sono e altro su di loro, possiamo utilizzarli meglio.

Gli acidi grassi monoinsaturi (MUFA) sono grassi buoni. MUFA è presente sia nella carne che nelle piante. It’s present next to saturated fats in animals
and can be found in the olive and in the avocado alike. Both meat eaters and vegetarians benefit from monounsaturated fats.

Monounsaturated fats are fatty acids with one unsaturated carbon bondGreek colonies mediterranean diet cure psoriasis (double bond) in the fatty acid chain and the remaining atoms are single bonded. One easy way to distinguish the difference is MUFA stays in a liquid state while at room temperature and it solidifies during refrigeration. There are many places to get monounsaturated fats.

Extra Virgin Olive Oil

In the 1960’s, Greece, Italy, and most other Mediterranean people lacked fat related diseases despite having a high fat diet. It was later learned that olive oil was their primary fat source, which contained high amounts of monounsaturated fatty acids one of which is oleic acid. Oleic acid is a MUFA that is linked to anti-inflammation.

The Mediterranean people ate olive oil with everything and had lower heart problems versus countries with heart problems that didn’t eat
olive oil at all. Mediterranean eating is now very popular and the olive industry has been booming ever since.

During cooking, most monounsaturated oils can be resistant to low heat damage, which means it keeps its molecular stability and
nutritional form. This is great news for us; because it rarely receives any oxidative damage at low temperatures. It can help us beolive oil heals psoriasis
unsusceptible to free radicals and inflammation.

But according to Doctor John, like other oils, if subjected to too much heat it can in turn “change to a free radical.” He recommends eating “olive oil in its natural state as often as possible,” and to take “one teaspoon of olive oil three times per day unless there is a gallbladder problem.” Extra virgin olive oil is ideal for most recipes.

Raymond Francis says that “is a very healthy food, we know that it helps to prevent cancer, it has been used for thousands of years, the problem is you can’t get any. More olive oil is sold today then produced. The demand has simply out striped the supply. So what they do is they dilute it with other oils.

They did a study that 96 percent of all the extra version olive oils that they tested had been adulterated by other oils. This loses all the health given properties. Here is the link for pure, high quality, unfiltered, fresh, natural, unrefined, organic extra virgin olive oil.

Benefits Linked to Olive Oil

– Counters Psoriasis

– Prevents Inflammation

– Fights Stress

– Counters Obesity

– Reduces Chance of Heart DiseaseItalian olive oil fight psoriasis

– An Antioxidant

– Contains Omega 3

– Helps Prevent Osteoporosis

– Reduces Risk of Diabetes

– May Help Prevent Alzheimer’s Disease

– Defends Against Cancer

– Helps Regulate Blood Sugar Levels

– Reduces Blood Pressure

– Lowers Cholesterol

– Lowers Risk of Stroke

Avocados

The Avocado🥑 , known as “the sexy fruit,” is very peculiar because it has monounsaturated fats. Unlike other fruits which carry mostly carbohydrates. The main MUFA in the avocado is oleic acid, the same anti-inflammatory fatty acid that is in olive oil. The avocado is loaded with fibers, nutrients, vitamins, minerals, antioxidants, good fats, and a few carbohydrates, making avocado a supreme super food.avocado heal psoriasis bitmoji

Besides eating avocados daily, they can be used topically too. According to healthdiaries.com, there has finally been a study on the avocado on the psoriasis remedy. Basically, avocado oil and olive oil are mixed and added to the skin to help it heal faster.

According to the University of Maryland Medical Center, “many people experienced positive results from using avocado oil. Applying avocado oil directly to the affected area of skin may help your psoriasis patches to heal faster.” This doesn’t work for everyone, for those that have been changing their diet; this remedy seems worth experimenting with. And unless you are allergic to avocados, you have nothing to lose.

Avocados Contain

– Vitamin K

– Vitamin A

– Vitamin C

– Vitamin E

– Vitamin B Complex

– MagnesiumAvocados treat psoriasis

– Potassium

– Protein

Benefits Linked to Avocados

– Counters Psoriasis

– Clears Inflammation

– Antioxidant

– Reduces Blood Pressure

– Reduces Chance of Heart Attack

– Reduces Chance of Stroke

– Reduces Chance of Kidney FailureAvocados remedy psoriasis naturally

– Reduces Cataracts

– Fights Cancer

– Promotes Weight Loss

– Reduces Blood Sugar Spikes

– Lowers Cholesterol

– Helps Prevent Heart Disease

– Counters Diabetes

– Increases Antioxidant Absorption

– Counters Arthritis

– Counters Osteoporosis

Almonds

Another food that has a high amount of MUFA is the almond. My girlfriend’s opinion, almonds taste like unsweetened ice-cream. I don’t agree, and I think she’s crazy. They belong to a fruit group, related toalmonds heal psoriasis food plums, peaches, and cherries and are the seed of a fruit on the almond
tree. Almonds alkalize the body, and are subjectively the healthiest type of nut there is. If you still want to call it a nut and not a fruit
(because people will call you crazy if you do) then call it the super food of nuts; a super nut that’s jammed packed with benefits.

Some of the most beneficial almond ingredients include linoleic acids and linolenic acids. Both acids are powerful types of monounsaturated fats. Linoleic and linolenic acids are highly anti-inflammatory and are allowed to eat sparingly on psoriasis diets.

Doctor Pagano says that eating “a few almonds a day” is very advantageous; therefore, almonds are on his recommended list, but only
one dozen almonds a day at the most he says. He is very specific in his books about not over eating, and not over portioning foods. He stresses that “when there is a choice to eat more or less, always eat less.”

Almonds Contain

– Monounsaturated Fatty Acids

– Manganese

– Fiber

– Vitamin Ealmonds in bag psoriasis food

– Phosphorus

– Zinc

– Calcium

– Niacin

– Selenium

– Copper

– Iron

– Riboflavin

– L-Carnitine

– Protein

– Folic Acid

– Carbohydrates

Benefits Linked to Almonds

– Counters Psoriasis

– Reduces Inflammation

– Counters Osteoporosisalmonds psoriasis diet

– Improves Cognitive Functions

– Reduces Oxidative Stress

– Increases Blood Circulation

– Promotes Heart Health

– Controls Blood Sugar Levels

– Strengthens Bones

– Helps with Digestion

– Strengthens Skin

– Reduces Risk of Alzheimer’s Disease

– Prevents Constipation

– Improves Bowl Movement

– Promotes Weight Loss

– Reduces the Chance of Birth Defects

– Protects Against Diabetes

– Lowers Risk of Colon Cancer

– Enhances Energy

– Promotes a Healthy Immune Systemalmonds heal psoriasis

– Improves Skin Complexion

– Helps Maintain Healthy Cholesterol Levels

– Regulates Blood Pressure

– Increases Intelligence

– Helps Maintain Healthy Hair

– Helps Maintain Healthy Teeth

– Counters Anemia

– Counters Impotency

– Protects Against Free Radicals

– Helps Repair Damage Lung Tissue

– Supports Healthy Red Blood Cell Formation

– Reduces Appetite

– Treats Bronchitis

– Improves Urinary Problems


#11: Extra Virgin Coconut Oil Heals the SkinCoconut oil cure psoriasis

– Generous Amounts on the Skin

Did you know that extra virgin coconut oil (EVCO) contains the same type of fatty acids that are present in your skin? That’s right; EVCO is an excellent lotion for dry skin because it bonds with skin cells by acting as a nourishing, moisturizing, absorbable, fatty acid. Not only that, studies show that coconut oil also decreases inflammation and loosens flaking skin all over the body including the scalp.

From experience, coconut oil helped reduce my itching to bare minimum. This fact alone was considered gold to me. Sometimes the itching would be so annoying and unbearable that I would just yell “Forget this… AHHHHH, something cure my psoriasis now!” I would yell things like that as loud as I could.

Prescribed medications did nothing for my itch much less decrease inflammation. The types of treatments prescribed to unfortunates like me included cream that smelled like charcoal and other topical medications that didn’t seem to do anything for my skin or itch.

The reason EVCO works so well is because it contains the good type of saturated fatty acid. This is called “medium chained saturated fatty
acids” which “are easily digested, absorbed and utilized by the body,”Coconut and oil cure psoriasis says Todd Bello in his internet article The Negative Effects of Coconut Oil. He “has been suggesting coconut oil for psoriasis since” he “can remember.

Coconut oil has about 90 percent saturated fats and the rest monounsaturated fatty acids and polyunsaturated fatty acids. Yes coconut oil can be eaten, but the real benefit comes with direct application. Applying EVCO to inflamed, itchy patches of skin all over the body are what thousands of people are doing all over the world, most users experience ultimate relief.

So yes, adding this anti-inflammatory psoriasis cure to the “To Do List” is a must. Be very generous with the quantity applied every day. I applied it several times daily. Coconut oil not only decreased my inflammation and loosened my flakes but it decreased my itch. That latter fact alone makes coconut oil a must have for any temporary itching sufferers. Relief is a great thing.

Benefits Linked to Extra Virgin Coconut Oil

– Anti-Inflammatory

– Battles Psoriasis

– Decreases Itch

– Prevents Dandruffcoconut oil heals psoriasis

– Counters Eczema

– Battles Timdonitis

– Improves Thyroid Functionality

– Battles Gum Diseases

– Counters Liver Diseases

– Battles Heart Diseases

– Helps Regulate Blood Sugar Levels

– Helps Prevent Cancer

– Counters Depression

– Battles Dementia

– Battles Alzheimer’s disease

– Helps with Autism

– Reduces Wrinkles

– Kills Candida

– Enhances Energy

– Sooths Sore ThroatsCoconut tree remedy psoriasis naturally

– Sooths Cold Sores

– Sooths Chapped Lips

– Antibacterial

– Antifungal

– Prevents Osteoporosis

– Reduces Anxiety

– Supports Weight Loss

– Balances Cholesterol Levels

– Relieves Constipation

– Antioxidant

Coconut Oil can also be used for cooking at high temperatures because it is one of the few oils that remain stable over high heat. Most other
oils oxidize, or chemically combine with oxygen, changing its molecular structure and becoming toxic.

Coconut oil is a good saturated fat and is known to do something different than oxidize when heated. When EVCO is “produced with heat,”
it “results in the highest amounts of antioxidants,” according to Dr.Coconut layers cure psoriasis Axe in Food is Medicine. A study published by Food Science and Biotechnology theorizes that this is “due to the release of polyphenols.”

It is important to use organic coconut oils and not synthetic or altered coconut oils because some coconut oil manufactures produce their oil using a more refined process, altering it via chemical distillation, heat, preserves, desiccation, and substitutes. This alteration perverts the saturated fat and converts it into an unhealthy “synthetic trans fat,” which is highly unbeneficial.

When buying Extra virgin coconut oil, especially when using it to cook, choose, pure, organic, high quality coconut oil, and find the one with excellent consumer product ratings. Study up on the product that interests you before you buy it online or while walking down to the grocery store. It’s easy, just pull out your phone and ask Google via microphone “top five healthiest coconut oil brands,” or “Mom and Pop Coconut Oil brand good or bad?” Nine times out of ten there will be information about that oil.

You can also look on the back of the bottle it comes in. If it has any other ingredients besides EVCO, or if it says is was processed in a facility that produces soy, or anything strange or counterproductive for the person that wants to cure psoriasis, then it may be a clue to just browse a different brand.

Here’s a link for quality coconut oil.


#12: Garlic Prevents Psoriasis Flair-Upsgarlic treats psoriasis

– A Little bit of garlic here and there.

Garlic is known as “nature’s penicillin” meaning its nature’s antibiotic. Yes this glorious root fights infection causing bacteria. But it also lowers cholesterol levels by 15% which is why garlic was added to this list. Because high cholesterol levels exist in the skin of psoriasis patients, fresh garlic should be consumed weekly.

Garlic has been used since farmers first started farming. It is an alternative medicine, natures medicine. Scholars say it was originally cultivated in Asia, but that can be debated.

Ingestion of a garlic can reduce plaque in the arteries,  lower cholesterol, and reduce the risk of cardiovascular disease.

Our bodies are literally trying to tell us something. If findings of too much cholesterol are evident, then reducing the excessive cholesterol levels should be obvious by eating fresh garlic or taking quality garlic supplements.

Garlic Helps Prevent

  • – Plaque Buildup
  • – Lowered Immune System
  • – Negative Effects of Bacteria and Parasites’ In Food
  • – Laryngeal Cancergarlic cures psoriasis
  • – Alzheimer’s Disease

Studies show that cooking with fresh garlic is better than taking garlic tablets. However for those that don’t like eating garlic, garlic tablets are sold at local stores and online.

But if you don’t want to cook with garlic and don’t like the smell. Here is the link for the highest rated odor controlled garlic supplement with little to no preservatives and has the highest quality organically sourced ingredients.


#13: Probiotics treats Inflammation

– Quality and quantity are very important..Probiotics Reduce Inflammation

Probiotics are good bacteria. Our bodies have billions of good bacteria already functioning in our digestive track with the sole purpose of, digestion, fighting infections and bad bacteria. But if we eat high amounts of cholesterol and dairy product, good bacteria becomes depleted, giving room for bad bacteria to take over.

Bad diet and stress destroy billions of good bacteria every day, which leads to digestive problems that also effect the skin. When we take probiotics, it helps us digest food more efficiently thus supporting our immune system.

When a bad bacterium takes over the digestive system, problems occur and the body starts to malfunction in different ways.

Friendly Flora, or probiotics can be bought in supplement form and it’s best to find tested, and high rated brands that are known for their variety of different  strains.  The total number of different strains, or types of bacteria in each probiotic formula, varies significantly. Each strain is diverse and affects the overall gained benefits.

Furthermore, some Flora brands lay dormant in their warehouses, exceeding their shelf life and collecting stale dust. This renders the percentage of live cultures down to sometimes even zero percent. Which means the product purchased is obsolete.

The CFU or Colony-Forming Units is also very important when shopping for probiotics. It represents the total amount of bacteria present. The CFU is extremely important because Flora are only effective in large quantities.

Ultimate Flora – Critical Care is a good brand that meets the requirements in question.

Here’s the link for Ultimate Flora at All Star Health.

Here’s the link for Ultimate Flora at Amazon.

Benefits of Probiotics

  • – Improves Immunity HealthProbiotics cure psoriasis
  • – Decreases Effects of Gingivitis
  • – Kills Tooth Decay Bacteria
  • – May Help Balance Bad Vaginal Bacteria
  • – May Help With Yeast Infections
  • – May Help With Urinary Tract Infections
  • – May Help With Bacterial Vaginosis
  • – Reduces the Chance of Respiratory Infections
  • – Helps Prevent Bloating
  • – Helps Prevent Constipation
  • – Promotes Healthy Bowel Movements
  • – Counters Thyroid Imbalances
  • – Counters Chronic Fatigue
  • – Helps Utilize Nutrition More Effectively


#14: Olive Leaf Extract Is Good For The Skin

– This was one of the best recommendations ever presented to me.

Olive leaf extract is another antioxidant that can be placed in thisolive leaf extract treats psoriasis list. I discovered this wonderful extract in the first few years of looking for something to cure my psoriasis. A random lady was selling information off her own blog on how to cure psoriasis through time.

She charged twenty dollars for a list of about five items that worked for her. I wrote down the items on paper after I downloaded it. The next day, somebody stole my laptop bag with the paper in it. Unfortunately, I couldn’t remember who she was, where to find her online again, and the items on the paper, except the antioxidant olive leaf extract.

To make things clear; an antioxidant prevents free radicals in the cell, it does this by taking up the space a free radical may converge. A
free radical is an atom or molecule that has a single vulnerable electron by itself (AKA, valence electron) leaving the atom or molecule
without a closed electron shell. When bonded to a cell, free radicals make the cell more susceptible and chemically reactive to other
substances which may even react badly with each other. Olive leaf extract establishes itself to an atom rendering it closed and not vulnerable.

For centuries mankind has used olive leaf extract for health benefits. In ancient Egypt, Olive Leaf extract was commonly used as medicine for illnesses. Today it is also used inside skin lotions, creams and an assortment of beauty products.

Oleuropein, (a polyphenol), found in the olive tree is what is sought after because of its antiviral, antibacterial and anti-fungalolive leaf extract heals psoriasis attributes.

Some Well Known Benefits Linked to Olive Leaf Extract

  • – Lowers Blood Pressure
  • – Regresses Tumorsolive leaf extract cures psoriasis
  • – Fights Atherosclerosis
  • – Fights Neurodegenerative Diseases
  • – Prevents Hypertension
  • – Prevents Alzheimer Disease
  • – Kills Bacteria and Fungi

Natures Way Olive Leaf Extract is good quality, inexpensive and soy-free.

I have been taking this particular brand for quite some time and I have to admit that I’ve always been impressed with it’s affects.

This brand comes with 60 tablets and has a lower price than most brands.

If you are interested in taking what I have been taking,,,

Here’s the link for Amazon. “Natures Way Olive Leaf Extract”

Here’s the link for All Star Health. “Natures Way Olive Leaf Extract”


#15: Colon Cleanses Can Clear The Skincolon cleanse clears psoriasis colon cleanse clears psoriasis

– Will speed psoriasis cure process

One can only imagine how dirty the colon is. Human waste doesn’t just pass through the digestive system completely; it collects overtime. Waste build-up settles indefinitely on intestinal walls and for most cases, it settles for a life time. Colon cleansing is not uncommon in today’s society; it is practiced everywhere in the world, and known to be very beneficial overall.

Four Common Colon Cleanses.

1. Colon Irrigation: The process of cleaning the large intestine directly through the colon using pump/vacuum technology. A hose is inserted into the colon and water is then rotated in and out of the large intestine. The process can take 30 minutes up to an hour.colon clense treats psoriasis

I tried this procedure in Colorado in a metaphysical shop that specialized in selling crystal stones and exotic herb teas, a big difference from my assumption that it was suppose to take place in the common medical office, with hospital-like atmosphere.

Home Enema kits can also be purchased and practiced in one’s own home.

2. Herbal Supplementation: These are products to be taken orally. Most products are ineffective but some have outstanding results. For these types of products it is best to research testimonials and reviews on the best and top products in the market. Just ask Google for the “top ten lists on herbal colon cleanse.”

3. Oxygen Based Cleansers: This is arguably the bestColon Cleanse treats psoriasis method of colon cleansing, because this type of cleanse works the entire digestive track. Fecal matter is melted away by the process of oxygenation completely detoxifying the digestive system.

4. The Apple diet derived from the famous Edgar Cayce. This cleanse will take a few days of eating nothing but apples and
drinking pure water.

Benefits from Colon Cleansing

– Energy Regained

– Increased Vitamin and Nutrient Absorption

– Constipation Relief

– Clearer Skin

– Increased Concentration

– Weight Loss

– Immune Health Improvement

– Colon Cancer Preventative


#16: Vitamin C Can Help Cure Psoriasisvitimen c helps cure psoriasis

– I take high doses daily.

Vitamin C is controversially the best vitamin in the world. Plentiful amounts have never been shown to be lethal. A high dose of vitamin C can not only prevent illness, but it can also alleviate illness.

Most people don’t know this interesting fact, or if they do they don’t take advantage of it. We know vitamin C is good, and it helps prevent us from getting sick, but most of us don’t take vitamin C supplements because we believe we are already healthy to begin with.

Yes, many fruits and vegetables carry vitamin C, but one would have to eat an abundant amount a day just to get the ideal amount of vitamin C the body deserves.

And really, who eats an abundant amount of fruits every day? Juicing:Never be sick again book cover cure psoriasis a process of liquidizing fruits and vegetables is a good technique to do so, but a few tablets of vitamin C supplement will ensure the amount
needed to truly benefit, and one can still make juice if they want too.

Benefits from Vitamin C

  • – Stress Reducer
  • – Improves Skin
  • – Regulates Sugar Levels
  • – Reduces DNA Damage
  • – Lowers Cholesterol
  • – Improves Blood flow
  • – Immune Health Improvement
  • – AntioxidantRaymond-Francis-Talks-Inflammation
  • – Healthier Healing Factor
  • – Encourages Growth and Repair
  • – Helps Hypertension
  • – Helps Prevent Asthma
  • – Protects Against Cancer
  • – Prevents Endothelial Dysfunction
  • – Reduces Cellular DNA Damage
  • – Reduces Inflammation
  • – Combats Oxidation Damage from Smoke
  • – Helps Prevent Stroke
  • – Helps Prevent Gallstones and Kidney Stones
  • – Helps Prevent Alzheimer’s
  • – Prevents Cataracts
  • – Helps Prevent Gout
  • – Helps with Osteoporosis
  • – Maintains Testosterone LevelsNever be sick again vitamin c
  • – Helps Absorb Iron
  • – Natural Antidepressant
  • – Helps with Gingivitis
  • – Strengthens Teeth Enamel
  • – Helps Prevent Anemia
  • – Treats Congestive Heart Failure
  • – Helps Counter Weight Gain
  • – Helps with Scurvy
  • – Anti Aging Agent
  • – Defends Against Free Radicals
  • – Fights the Common Cold
  • – Fights the Flu
  • – Improves Fertility
  • – Resolves Lead Toxicity
  • – Treats Vasodilatation
  • – Angina Pectoris
  • – Treats Atherosclerosis
  • – Resolves Diabetes
  • – Debatably Cures Diabetes

Raymond Francis, the Biochemist who wrote Never Be Sick Again, wrote about how he was laying in his deathbed waiting to die, because all his doctors said so. While lying, he decided to do some research and read about the benefits of Vitamin C, therefore acquiring some. What happened next is nothing short of a miracle.

The next day his “vital signs began to stabilize.” And, “In forty eight hours” he “was able to sit up in bed.” But Raymond hasn’t sat up
in months, which is a very intriguing revelation from just eating some vitamin C.

In the meantime, his thirty-six physicians could not understand it either. He then left the hospital and brought himself back
from the brink of death. He is now Biochemist Raymond Francis, devoting his life to “teaching others how to be healthy.”

Raymond Francis’ writings baffle the mainstream and threaten the medical system fully and out right. Readers comment his work on being
“too extreme,” or “too hard to do.” Soundly said, any transition to a new life style can be extreme or hard for anyone. It is indeed inevitably tough to get used to.

Raymond’s books have many fundamental facts that may strike as common sense or known knowledge, yet most of us don’t put it to good use.c-vitamin cures psoriasis bitmoji

There was a gentlemen on YouTube that claimed that to cure psoriasis, all he took was Vitamin C and Probiotics. He exercised and didn’t eat junk food. A few months later, his skin was healed and his psoriasis was gone.

What is truly scary is some doctors administer medications to suppress the immune system. They do this to patients that have psoriasis which indeed have an over active immune system. The immune system is so over active that it’s attacking the skin thus causing lesions and inflammation. So instead of eliminating the problem ( toxin overload, which was mentioned in the “How to cure Psoriasis” Menu of this website), they suppress the symptom by lowering the immune system.

They even warn you before they do it. Stating that if they follow through with the administering of the drug, it could make you more susceptible to infection and other diseases which are naturally kept at bay by your immune system.

Truth is, your immune system is still doing it’s job, it’s managing whats harmful to the body in many different ways. Working for the betterment of the whole bodily system. How you as an individual assists your immune system or compromise it, is solely on you. So make the right choice and keep it healthy and not suppress it and make it week and useless.

Here is the Link for Raymond Francis Book, Never Be Sick Again.

Some Raymond Francis Facts

  • Norman Cousins’ bestseller Anatomy of an Illness, talks about being harmed by medical treatments, the power of the mind,
    laughter causes pain to go away, and vitamin C’s anti-inflammatory properties.
  • Heating foods past 375 degrees can produce a number of “toxic compounds…which may damage DNA,” and cause a host of other problems.
  • Microwave ovens can produce a number of diseases, cancers, abnormalities, and brain damage.

Here is the link for quality Vitamin C at Amazon

Here is the link for quality Vitamin C at All Star Health


#17: Pure Water Rejuvenates Skinpure water treats psoriasis bitmoji

– I drink large amounts of pure water all day, every day.💧

Water, the building block of life, a basic component to live besides food and oxygen and yet we don’t seem to drink enough of it. Instead we drink flavored beverages to satisfy our taste buds. We drink caffeine or alcohol to get a fix. But if you are reading this e-book, it’s time to drink more water and less of the other drinks.

Plenty of water will cleanse the body of toxins over time. So, by ingesting less toxins and consuming more pure water, the more likely the body can be cleansed.

However, there is a big debate on which water is the best type of water to drink. Water is a big underground controversy so it would probably be best to do your own research on what water you would prefer to drink plenty of.

Here is a quick summery of my thoughts on differentpure water cures psoriasis types of water.

Thoughts on Distilled Water

Distilled water has had all of its impurities removed through distillation. Distillation is the process of boiling water until evaporation. The evaporated water is then collected after it turns into
condensation on the top surfaces of vacuum containers. Contaminants,
metals, and microorganisms are left behind.

So to speak, condensation water is distilled water; and distilled water is the closest thing to rain water without the trace amounts of impurities.distilled water distilled psoriasis

Personally, I like to drink distilled water because there are no added minerals or fluoride. Distilled water is just pure H2O without all the added chemicals and minerals. Through my diligent perceptions, minerals are not actually needed in our water because minerals already exist in our foods. All that is needed from H2O is H2O. The debate not in favor of distilled water is that it lacks the minerals the body needs to survive. And supposedly it absorbs all vitamins and minerals. Thus all nutrients are lost after urination. One of the reasons this claim is hard to believe is because a lot of people have been drinking distilled water for years and they remain nourished, disease free, and healthier than ever.

Distilled water does indeed remove excess amounts of unused metals and minerals from the body and kidneys, keeping the body free of stored unused matter. So yes it does rid the mineral waste. And it helps thedistilled water heals psoriasis body absorb nutrients better by pure water intake.

And because distilled water is just pure H2O, it helps the kidneys function more efficiently, and more effectively, by filtering and flushing waste away without extra unused elements.

Distilled water can be purchased by the gallon at most major grocery stores. Household items can be used at home to make distilled water as well. WikiHow.com shows “How to Make Distilled Water” using a five gallon pot with a lid, a glass bowl, some regular water to boil, and some ice.

Thoughts on Fluoridated Water

Beware fluoridated water. This is the water that comes out the tap. We wash our hands with it and we shower in it, which is fine for most. But we also drink it sometimes when we order ice water at restaurants and at fast food joints. We even acquire it from water mills and fresh water wells. Even though it is considered filtered water, it still contains fluoride that hasn’t been completely filtered. According to officials, fluoride is added to our water systems to fight tooth decay. Sounds ridiculous I know.

Too much fluoride in our drinking water can kill off good bacteria infloride water may cause inflammation our digestive tract; and will also cancel out probiotic supplements.
Fluoride has been known to cause a lot of harm to human beings, even though they say fluoride is good for the teeth and that it fights
cavities.

Fighting cavities is the only good thing they have to say about fluoride, and yet that fact is debatable because fluoride has been known
to cause osteoporosis which is the deterioration of the bones. If teeth are considered bone matter, then wouldn’t fluoride be harmful to teeth too, just as it’s harmful to our other bones?

A study was conducted on major cities using fluoridated water systems. It turned out that cities with less fluoride in their tap water had higher IQ’s then cities with more fluoride in their tap water. For those that might get offended, if you drink fluoride water on a regular
basis and consider yourself smart with a high IQ, that’s fine and all the power to you. However, studies show that your IQ would increase drastically if you lessened your fluoride intake; making your intelligence superior to others or even maybe near genius.

Distilling your water or Alkalizing your water is said to filter out the fluoride.

Thoughts on Rain Waterrain water remedy psoriasis naturally bitmoji

If only we can drink rain water on a regular basis. Unfortunately we can’t always drink rain water. Rain comes from the atmosphere, and the atmosphere can be polluted sometimes with particulates and other atmospheric gasses. These gasses and particles in the air are not always natural. And can sometimes be harmful to humans. Acid rain is a good example.

Nitrates and nitrites as well as other matter, like dust particles and germs may be present in rain water. Fortunately there are ways to filter water.

Thoughts on Bottled Water

Bottled water, depending on the brand, is way better than drinking from the tap. We either buy several cases of 24 bottled waters or just stack up on jugs from Wal-Mart. Don’t mean to rattle anyone’s bones but guess what: bottled water may still have fluoride and other chemicals that were purposely added to it. The plastic containers they come in also have chemical residue. Even distilled water comes in plastic containers. And believe it or not, some bottled water companies are justbottle water treat psoriasis selling unfiltered tap water.

You are probably thinking “Well hell, what the hell am I supposed to drink then?” Water is a personal quest and should be researched
thoroughly and with due diligence. A deeper conclusion about the building block of life will be formed and will be held with a deeper
respect in mind.

Thoughts on Alkaline Water

More on the water debate, there is much controversy on alkaline water and if it’s better than all the other waters. Alkaline water has pros and cons just like any other type of water. The PH balance of the type of alkaline water you drink is usually considered while buying or making it. So what is alkaline water? Alkaline water is less acidic than regular tap water. It has compounds and minerals like Calcium, Potassium, Magnesium, Silica, Bicarbonate, and other alkalizing compounds. Alkaline water is said to come from natural springs or underground reservoirs all over the planet. These rock places that hold water contain basic minerals that seep into the H2O at molecular levels. Other minerals like Limestone and Iron are also present there.

Some alkaline water companies produce basic water, (aka alkaline water) at their own water plants, adding the minerals needed to make the water maintain its alkalinity.

Alkaline Water Claimed Pros

– Anti Aging

– Cleanses Colon

– Rejuvenates Skin

– Reduces Body Fat

– Encourages Immune HealthAlkaline-water ionizer remedy psoriasis

– Reduces Fatigue

– Increases Energy

– Protects the Bones

– Eases Acid Reflux

– May Help With Indigestion

Alkaline Water Claimed Cons

– Poor Nutrient Absorption

– Growth Retardation

– Negatively Reacts to Most Medications

– Neutralizes Most Medications

– Causes Malabsorption

– Causes Hypochlorhydria

– Cardiovascular Problems

– Edema

– Mental Confusion

– Hypertension

– Metabolicalkalosis Kidney Damage

Of course both cons and pros about alkaline water are just claims with either side lacking the official evidence needed to be legitimate.water distiller cure psoriasis

Like I said before, the type of water to drink is a huge underground controversy. And everybody else drinks soda.

A Few Ways to Filter Away Fluoride

– Alkaline Mineral Water Ionizer

– SteamPure Pure Water Distiller

– 4LPure Water Distiller

– Biocera Alkaline Anti Oxidant Jug Filter


#18: Meditation can Cure Psoriasis

– Twenty minutes a day or more.

Meditation is perfect for helping the body cure itself and cure psoriasis. It has been usedmeditaion cure psoriasis by the ancients throughout history as a form of enlightenment and a rising of consciousness. Known as one of the most ultimate remedies to
help calm/clear the mind, the spirit, and the human body, meditation is a glorious remedy for clearing the skin too.

Meditation Benefits

– Relieves Stress

– Alleviates Depression

– Increases Intelligence

– Helps Prevent Asthma

– Increases Memory Retention

– Reduces Blood Pressure

– Improves Immune System

– Increases Energy Level

– Reduces Inflammations

– Promotes Longevity

– Reduces Coronary Artery Thickening

– Can Help Prevent Arthritis

– Reduces Risk of Heart Disease

– Helps Treat Menopausal and Premenstrual Syndromesmeditaion treat psoriasis

– Relieves Anxiety

– Counters Psoriasis

– Reduces Atherosclerosis

– Manages Cholesterol

– Treats Epilepsy

– Promotes Skin Resistance

– Helps Prevent Partaking in Bad Habits such as Smoking Tobacco

– Improves Awareness

– Boosts Sex Life

Some people are probably reading this part of the eBook and thinking to themselves; “Oh great, now I have to sit down and meditate.” My retort to that is, “great indeed :)” And why not, most people reading this eBook are sitting down anyways, and some people do most of their daily activities sitting down as well. Why not get something awesome out of it, like clear skin? And besides, meditation is easy and should be considered a “walk in the park,” or should I say, “A sit in the park.” So quit whining and don’t be a pussy.

Meditation PreppingMeditate heal psoriasis

1. Find a nice quite spot that you won’t be bothered.

– Beach

– Park

– Woods

– Backyard

– Hotel Room

– Roof of House

– Inside Your Dark Closet

2. Sit down on floor and get comfortable. Sitting position does not matter at first.

– Cross Legged

– Indian Style

– Strait Legged

– Lotus Position

– Straddle Sit

– Knees Up

– Lop Sided

– Seiza Position

3. Get very comfortable. Cushion items are encouraged.

– Pillow

– Towel

– Small Blanket

– Yoga Mat

– The Grass

– Hard Floor, if meets your preferencemeditate and heal psoriasis

Meditating

Now comes the fun part, getting to actually meditate like The Greats do; Da Mo, Gandhi, and Master Splinter. The point of meditation is to clean the mind. Cleanliness is Godliness is what they say.

Clean the mind by clearing the mind. Don’t dread on memories from the past and don’t entertain fretted thoughts of the future. Focus only on that exact moment. Live only in the present.

It is a misconception that meditation is not thinking. The mind will always think, it’s just what the mind does. It’s the way our brains process everyday tasks and information. But even our minds need a break.

Naturally our brains are on autopilot thinking about whatever, whenever. Meditation allows us to pilot our own brains on our own terms. It’s time to take the reins; thoughts will appear and it is your flight plan to avoid entertaining every single thought that comes to mind.

We can clear the mind and then three seconds later we start thinking about other things, like the game score for example, or other people. The Walking Dead TV show or Game of Thrones TV show is common to think about. So how can we meditate without all the thoughts bombarding us every few seconds? There are several ways to meditate, different techniques exist all over the world and have existed since the dawn of man.meditatate to cure psoriasis naturally

Meditating Techniques

Remember the goal while meditating is to try and keep the mind clear throughout the whole duration of the meditating session and focus on one positive thought or emotion at a time. Here are some ways to clear the mind.

1. While breathing deeply: imagine floating on a magic carpet way above the clouds and every passing thought is nothing but a dissolving cloud. Concentrate on the moment and focus on breathing. This can be done with or without the magic carpet.

2. While breathing deeply: imagine sitting at the bottom of the ocean wearing an oxygen mask and every passing thought is a fish floating away. Concentrate on the moment and focus on breathing. This can be done with or without the oxygen mask.

3. While breathing deeply: nothing exists but you and a briefcase. Every thought that arises goes into the briefcase. Concentrate on the moment and focus on breathing.

4. While breathing deeply: only concentrate on inhaling and exhaling. Feel how the oxygen fills the lungs and gives every part of the body life. Feel how carbon dioxide leaves the body and how it expels toxins with it.

5. While breathing deeply: there is only one word in the world. That word is clear. Clear is everywhere. Clear is everything. Nothing exists except, “Clear.” Concentrate on the moment and focus on breathing. There are millions of ways to meditate. I meditate in the shower sometimes or floating in the bathtub or pool. I can also kill two birds with one stone and meditate while running laps. The way I do this is I close my eyes very slightly while running, so that I can see the path still; then I think I’m running on the moon. I repeat the words “healthy and clear” throughout my run; and I concentrate on my breathing.

Browse the Internet on all the various techniques and combinations of meditation. Remember to have fun.


#19: Grounding AKA Earthing – Alternative Psoriasis Treatment

– Bare feet, grounding mat, or both.

After sitting around for a while meditating, standing up should be nice. Take off your shoes and socks. Go outside and walk on the grass barefoot for a while. I know you all must be thinking I’m being a weirdoearthing heals psoriasis or something. And you all are right, I am a weirdo. But not just any weirdo, I’m a weirdo with very attractive skin.

Negative ions are good for the body because they act like antioxidants neutralizing free radicals’ positive charge; a good amount of negative ions for the body is considered very beneficial.

Think of the Earth as a massive negative ion bank, but the only way to gain access to and benefit from all those negative ions in the Earth is it to be grounded. One of the best ways to be grounded is to touch the Earth directly.

World famous Doctor Steve Sinatra specializes in grounding research and is proud to mention all the advantages discovered from simply keeping contact with the Earth. Here are a few Grounding Benefits

Grounding Benefitsearthing cures psoriasis

  • – Increases Oxygen Flow to the Brain
  • – Repairs Tissue Damage
  • – Encourages Weight Los
  • – Reduces PMS SymptomsRemedy Psoriasis Naturally skim board grounding

Grounding can be done anytime and anywhere. Thousands of people take off their shoes and ground to the Earth any chance they get. The beach is my favorite place for grounding.

There are other ways to ground besides standing outside. Grounding can be done inside your house  while sleeping. Because products online, like grounding sheets make it possible to be grounded via ground plug. These items can be purchased on popular websites like eBay or Amazon. They can also be purchased on other websites as well.


#20: Cook with John Pagano’s Cook Books – Psoriasis Recipesdr.-pagano cook books cure psoriasis

– Buy both the Healing Psoriasis Cookbook and Healing Psoriasis book.📚

Inside these awesome books, John gets into a deep understanding on psoriasis. His many food recipes will allow you to eat well and not worry about any counterproductive ingredients. Definitely eat these recipes if you want to cure psoriasis from your body.

Patient testimonials are also present in Doctor John Pagano’s books; inspiring cases where psoriatic patients both young and old experience different detoxification stages of the disease. Here are some examples that he stresses about in his books and good reasons to buy his work.

Some of Doctor Pagano’s Book Facts

– Due to the leaky gut syndrome, Dr. Pagano stresses not to drink liquids while eating. Try to only drink liquids way before eating anddr.pagano cook book review cure psoriasis
long after eating.

– Towards the end of the regimen, sometimes patients experience “a purge” (AKA Herxheimer reaction) when the body attempts to rid itself of all toxins. This purge can cause massive breakouts all over the body but will subside soon enough and the body will be free.

– Before and after pictures demonstrate how the psoriatic patients finally have clear skin after three to seven months of detoxifying. Some cases show patients being afflicted with psoriasis for over 45 years and being free after several months.

– Why nightshades are bad for the human body. Italy, a country that eats a lot of tomato sauce and also smokes a lot of tobacco, suffers from the highest rate of psoriasis is the world.

– Epson salt baths are very beneficial because it is an effective cleansing procedure. The baths should last 20 to 30 minutes and the water should stay heated. He states that these baths should NOT be takendr.-pagano-program-book-review-cure-psoriasis if heart or blood pressure problems are present, if pain arises, or if alone in the house.

– Spinal Adjustments may relieve impinged nerves that normally circulate blood to waste disposing organs like the intestines. According to Dr. Pagano’s studies on Dr. Edgar Cayce’s research, he contends that revitalizing the intestinal organs by way of spine adjustment, may help aid the skin in healing.

– Recommended supplements for the psoriatic patient. Some supplements were researched from other anti-psoriasis books, like the Healing Power of Vitamins, Minerals, and Herbs e Lets Get Well. Some of the supplements recommended are Zinc, Vitamin A, Vitamin B, Copper, Lecithin, Alpha-Lipoic Acid, e Milk Thistle to name a few.

I totally recommend these books. See for yourself that it’s possible to cure psoriasis.

Healing Psoriasis

&

Healing Psoriasis Cookbook


#21: Castor Oil Massage after a Salt Water Scrub in the Oceancastor oil cures psoriasis

– I love a nice soothing massage after a nice soothing swim.

If you don’t have castor oil in your house by now, you can have some delivered within a few days. People are calling this stuff the miracle oil. It has been used for thousands of years and has even been found in Egyptian burial sites. The Aztecs were also known to use castor oil for medical purposes as well as skin problems too. This is probably because it promotes a healthy immune system.

Castor oil is used in most lotions and skin products today, and is very popular in Europe, USA, Japan, China and Thailand. Just small
amounts can be rubbed all over the body for moisturizing effects. Caster oil is best used after soaking in the Epsom Salt Water from the ocean. Salt water helps remove flakes and cleanses the skin. This handy combinationcastor oil heals psoriasis will decrease the appearances of psoriasis and if done enough times, and with proper eating it could cure psoriasis. Both a castor oil massage and a salt water scrub go hand in hand, working in harmony with each other.

Castor oil can also be ingested, for its multiple medicinal benefits. Yes, there is a toxic chemical inside the castor oil plant and beans but it is neutralized during oil extraction making it safe for ingestion.

Castor Oil Benefits

– Treats Colic

– Helps Constipation

– Anti-Inflammatory

– Moisturizes Skin

– Cleanses Stomachcastor oil can help psoriasis

– Natural Laxative

– Helps with Fungal Infections

– Helps with Arthritis

– Promotes Hair Growth

– Slows Aging Process

– Encourages Healthy Tissue Growth

– Reduces Pigmentation

– Helps Prevent Premature Graying of Hair

– Antimicrobial

– Thickens Hair

– Disinfectant

– Treats Bloating

– Induces Sleep

– Detoxifies

– Treats Dandruff

– Shines Hair

– Treats Psoriasis

I use Heritage Castor Oil. It’s one of the better quality  brands out there, because it’s free of added chemicals and solvents. Heritage uses only pure Ricinus Communis (castor).

Here is the link for Heritage Organic Castor Oil at Amazon.

Here is the link for Heritage Organic Castor Oil at All Star Health.


#22: Ocean water and Epsom SaltEpsom salt cures psoriasis

-Have a nice soothing bath.

People have been bathing in Epsom salt for a quite some time now. The benefits linked to the amazing salt are extreme to say the least. Mainly used as a soaking agent to relieve joint pain, wounds, cuts, muscle cramps and sprang ankles. It is widely used as psoriasis treatment. Epsom salt removes dead skin cells from psoriasis lesions and eliminates toxins from the skin thus reducing inflammation.

Salt water from the ocean and Epsom salt are slightly different yet the same. While salt water from the sea is mineral rich, Epsom salt is mainly comprised of Magnesium and Sulfate. The element Magnesium and natural chemical compound sulfate help escort toxins from the body by clinging on to the toxins and dispelling them. Magnesium plays a big roll promoting better blood circulation, preventing blood clots, keeping the arteries from hardening and drastically reducing inflammation.  Both ocean salt water and Epsom salt water are highly beneficial while attempting to cure psoriasis naturally.

Benefits Linked to Bathing in Epsom Salt Water or Ocean Salt WaterEpsom Salt can cure psoriasis bitmoji

  • – Decreases Stress
  • – Helps With Constipation
  • – Eliminates Toxins
  • – Counters Muscle Cramps
  • – Helps Prevent Blood Clots
  • – Decreases Chance of Hardening Arteries
  • – Exfoliates Dead Skin Cells
  • – Reduces Inflammation

Here is the link for a five pound bag of Epson Salt from Amazon


#23: OPC Grape Seed Extract Heals Psoriasis

– Use as directed. 🍇

There is hype going around about grape seed extract. They say it stops diabetes and prevents weight gain. But most importantly, it fights inflammation. OPC, found in grape seed extract, stands for Oiligomeric Proanthocyanins, which are just bioflavonoids.

Bioflavonoids are potent antioxidants. There are over 20,000 types ofGrape-Seed-extract-treats-psoriasis bioflavonoids and OPC’s are the strongest type on the list. OPC’s are free radical terminators, meaning they hunt and kill free radicals in the body. This is good news because that means that OPC’s also fight against inflammation.

A Saudi Arabian study was found that OPC’s regulate the activity of T-Cells (white blood cells), “stopping inflammatory markers,” says Terry Lemerond, author of the online newsletter ProHealth.com.

OPC’s also amplify the effects of existing vitamins, and according to the Colon Therapists Network, OPC’s “potentate’s Vitamin C and
regenerates Vitamin E.”

Benefits Linked to OPC Grape Seed Extract

  • – Fights against Psoriasis
  • – Anti Inflammatory
  • – Power House Antioxidant
  • – Free Radical Hunter Killer
  • – Vitamin Enhancer
  • – Anti-Aging
  • – Works against Arthritis
  • – Stops Diabetes
  • – Counters Heart Disease
  • – Counters Liver Cirrhosis
  • – Counters Arteriosclerosis
  • – Combats Circulatory Disorders
  • – Improves Circulation
  • – Normalizes Blood Pressure
  • – Vitalities Arteries and Veins
  • – Fights against Eczema
  • – Reduces Hypersensitivity
  • – Reduces Stroke Risk
  • – Reduces Chance Of Cancer
  • – Helps Asthma
  • – Helps with Cataracts
  • – Decreases Menopause Symptoms
  • – Antibacterial AgentGrape Seed extract cures psoriasis
  • – Battles MRSA
  • – Counters Anxiety
  • – Discourages Insomnia
  • – Delays Alzheimer’s Symptoms
  • – Boosts Attention Span
  • – Improves Motor Coordination
  • – Reduces Hyperactivity (ADHD)
  • – Inhibits Plague Formation
  • – Prevents Cognitive Loss
  • – Eases Effects of Oxidative Stress
  • – Works against Obesity
  • – Reduces Chance of Blood Clots
  • – Helps Open Blood Vessels and Arteries
  • – Speed Muscle Recovery
  • – Battles Parkinson’s Disease
  • – Reduces Risk of Phlebitis
  • – Reduces Bruising
  • – Improves Joint Flexibility
  • – Inhibits Edema
  • – Treats Venous Insufficiency
  • – Relieves Varicose Vein Problems
  • – Fights Scurvy

OPC’s can be found in certain tree bark, and certain fruits and vegetables. The Colon Therapists Network reports that the highest concentration of OPC exists in the grape seed extract “containing 92% of active ingredients.” Grape Seed Extract is a definite must when it comes to battling psoriasis. The CTN also said that OPC is “20 times more powerful then Vitamin C and 50 times more powerful then Vitamin E.”Grape Seed extract heals psoriasis

Fatto divertente

In the winter of 1595, the Explorer Jacques Cartier and his crew were marooned in the Saint Lawrence River. The crew had run out of food and supplies, and were all developing scurvy which was killing them one by one. An Indian Chief told Cartier that Pine Tree bark would heal his crew. Cartier and his men used the bark and became well again. Cartier recorded his findings is his journal.

Today, when analyzing the bark of pine trees, it is discovered that high amounts of bioflavonoid are present within the bark. Included in these bioflavonoids is the most powerful bioflavonoid of all, Oiligomeric Proanthocyanins also known as OPC. Grape seed extract still holds the highest amount of OPC.

-Here is the link for quality Grape Seed Extract from All Star Health.

-Here is the link for quality Grape Seed Extract from Amazon


#24: Turmeric is Awesome For Cure Psoriasis Recipesturmeric cures psoriasis

– The main seasoning that I purchase.

I cook with turmeric two to three times a week. Not only does this stuff taste good but it’s highly beneficial for psoriasis. Turmeric is a
yellow grounded root mostly used in Asian cooking and is also used in India for medicinal purposes. Turmeric contains curcumin, which is why it’s highly anti-inflammatory.

Turmeric is also used as an antioxidant agent. When curcumin is introduced to the body, it deactivates free radicals and it encourages
the body’s free radicals to come into play.

According to several sources, curcumin is inadequately absorbed by the human body unless it’s consumed with piperine or black pepper. When eaten together, the absorption rate increases by “2000%;” otherwise, the curcumin contained within turmeric will just pass through the body with little absorption. Some people swallow peppercorns right after consuming turmeric; they do this to guarantee that the curcumin being consumed is utilized by the body fully.

Benefits Linked to Turmeric

– Anti-Inflammatory

– Helps Reverse Psoriasis

– Antioxidant

– Anti-Aging

– Promotes Longevity

– Helps Prevent Heart Disease

– Helps Prevent Cancer

– Helps Prevent Alzheimer’s Disease

– Alleviates Depressionturmeric heals psoriasis

– Increases Learning Abilities

– Helps Prevent Memory Loss

– Battles Arthritis

– Helps Prevent Dementia

– Decreases Intestinal Problems

Turmeric can be purchased at any grocery store within the spice and herb sections. It can also be purchased as a supplement. Some people will acquire the whole turmeric root as is, ground it raw, and utilize it that way. All forms of consumption are advantageous.

Here is the link for Ground Turmeric seasoning from Amazon.

Here is the link to All Star Health if you wish to take Turmeric Capsules instead.


#25: Slippery Elm Powder Heals the Leaky GutElm Bark powder cures psoriasis

– I drink one serving in the morning.🌲

Slippery Elm Powder heals the intestine wall and should be taken every morning before breakfast. There are multiple medicinal purposes including anti inflammation, meaning this powder is a perfect remedy for cure psoriasis naturally. Doctor Pagano’s Regimen also includes Slippery Elm Bark as a major player in fighting psoriasis and works in unison with Saffron tea.

Me, like other people that were trying to cure psoriasis used Slippery Elm Powder with awesome results. People using the powder displayed generous improvements with clearer skin, especially when non eating counterproductive foods like red meat and processed food.

For my full review about Slippery Elm Powder and the best place to get it click here.

Benefits of Organic Slippery Elm Bark PowderElm Bark powder Treats psoriasis

– Battles Psoriasis

– Heals Intestines

– Fights Inflammation

– Antioxidant

– Protects Against Ulcers

– Helps with Constipation

– Helps with Diarrhea

– Eases Stress

– Eases Anxiety

– May Prevent Breast Cancer

– Relieves Cold and Flu Symptoms

– Treats Sore Throat

– Treats Acid Reflux

Doctor John Pagano says that, Slippery Elm Bark Powder should be consumed hours away from Saffron Tea due to Elm Bark Powder being a healer while American Saffron tea is a detoxifier. Both work great when taken hours apart but when taken together in close proximity they will not work at all. This is because the Elm Bark Powder cannot heal the intestine line while Saffron tea is trying to flush it.


#26: American Saffron Flushes Toxinsyellow saffron tea cures psoriasis

– I drink one cup, right before bedtime, with nothing added.🍵

There are many testimonials online about how wonderful Saffron tea is for people who have psoriasis. American Saffron AKA Yellow Saffron Tea detoxifies majorly. Toxins are expelled in a much quicker succession then other detoxifying teas; in fact, it is debatable that American Saffron is the best detoxifying tea there is.

Recommended by Doctor Edward Cayce himself, this miracle tea helps clean the digestive tract and is known as an intestinal antiseptic.

American Saffron tea also works against inflammation, making this product ideal for the person trying to cure psoriasis.

To best take advantage of American Saffron teas effectiveness, Dr. John Pagano condones using it in conjunction with Elm Bark Powder. Using Elm Bark Powder only in the morning and using American Saffron tea onlyyellow saffron tea treats psoriasis at night before sleep is the way the compliment each other. As long as the two are separated. This will give the two items room to work and do what they do best. Elm Bark Heals, and American Saffron flushes. They can’t work properly if taken at the same time or if taken to close to one another.

Users have stated that their psoriasis condition has decreased substantially since they have been using American Saffron and others, including me, have lost their psoriasis condition all together. It is a definite product to use while combating any skin condition especially psoriasis.

Read my full review and where to buy American Saffron.

Warnings

– This tea is not to be used during pregnancy.

– Use as directed, many users have stated that the tea may cause drowsy symptoms.

– May put the user to sleep

– May wake up sweating in the middle of the night. Sweating is a good sign.

– Some people don’t like the taste.

– Not to be used in the morning while Elm Bark Powder is healing intestines.

Similar Great Tea’s But Are less Effective

– Mullein Tea

– Milk Thistle Tea

– Chamomile Tea

– Watermelon Seed Tea

– Oolong Tea

– Ginseng Tea

– Ginger Tea

– Rooibos Tea


#27: Vitamin B Complex Cures Psoriasis Over Timevitamin b complex cures psoriasis

Vitamin B has many forms, put them all together and you get B Complex. Vitamin B Complex is what most people are extremely deficient of. Even if one takes a multivitamin a day, chances are they wont get enough B vitamin within that multivitamin dose.

According to Nutritionist, Adelle Davis, who wrote, Let’s Get Well. She explains that psoriasis and eczema are caused by a “faulty utilization of fat.” And a deficiency of lecithin and the B vitamins. She recommends to replenish lecithin, vitamins A, C, E, and especially the B vitamin in the body to alleviate the skin disorders.

She states that animals and humans alike suffer from “various types of skin rash…when deficiencies of essential fatty acids or almost any one of the B vitamins.” She stresses that it can become worse over time. The body will become “encrusted with heavy, itching scabs.”

Adelle Davis continues saying that these “B vitamin deficiencies…result in scaliness of the skin and showers of dandruff; and itching red rashes.”

Ladies and gentlemen, Mrs. Davis has just described psoriasis and scalp psoriasis. She says to take the B vitamins and Lecithin because the body is deficient of these nutrients and that the problem will eventually go away after these deficiencies are replaced in the diet.B complex cures psoriasisB vitaman complex cures psoriasis

Vitamin B Complex is very important for the liver, nervous system, obtaining energy, production of red blood cells, and in this case, and more importantly, for the skin.

Adelle Davis’s says Vitamin B6 in-particular.

Most vitamin suppliers try to make their supplements cheap and affordable by using only inexpensive components to form their products. The problem with this method is, you get ingredients in your multivitamin that your body can’t utilize effectively or at all. Thus your body still becomes deficient in B and all vitamin nutrients because of it. Money, time, and effort go down the drain in vain.

That’s where high quality vitamin products should be considered.  I have been using this product for years.  Beyond Health Vitamin B Complex. This stuff is considered the top of the top, and the highest quality Vitamin B Complex you can find on the market today.

Beyond Health specializes in only using natural ingredients that the body can actually use. No soy, no wheat, and no GMO are quoted on every bottle.

Here is the link for Beyond Health Vitamin B Complex from Amazon.


#28: Zinc deficiencies may cause Psoriasis

Zinc is a mineral found in our skin. Both our metabolism and immune system benefit from Zinc. But why don’t we hear much about it? And when we do hear about it, skepticism is all over the place. Yes, our bodies do need Zinc. But does a Zinc deficiency have anything to do with psoriasis?

Remember Raymond Francis and his quote about only one disease being present? He says that all diseases could be considered just one disease. And you can call that one disease “Malfunctioning cells,” and cells only malfunction for two reasons, “toxicity and deficiency.”zinc treats psoriasis

Let’s say that this, (not so far fetch) theory is correct, and are diet is toxic thus making are bodies malfunction, then shouldn’t we be avoiding those toxic items?

Let’s say that Raymond is also correct about a deficiency. Deficiency of vitamins, of nutrients, and of minerals, than wouldn’t it be prudent to pick up the slack?

Our skin should contain almost twenty percent of our body’s Zinc stores, but for most of us, Zinc is hardly present.

So does a Zinc deficiency arouse psoriasis symptoms? Coincidentally,  mice and rats whom are deficient in Zinc also develop skin problems. The skin condition they develop is called keratogenesis. Keratogenesis is quite similar to Psoriasis in humans. According to Hoffer and Walker in Orthomolecular Nutrition.

Yes taking to much of anything can be hazardous, but taking too little of something can be hazardous too.

According to the United States Recommended Dietary Allowance Board, the minimal recommended intake for Zinc is fifteen mg a day, yet most American’s don’t even meet that standard.

Note* Chicken and beans have Zinc.  Never fried.

A dose of 50 mg a day can be beneficial and bring our Zinc deficiencies up to par. So I take just that. 50 mg every day or every other day.

My preferred Zinc brand is NOW, their products are known to be good quality at a decent price.

Here is the link to Amazon for NOW Zinc.

Here is the link to All Star Health for Now Zinc.


#29: Steam Cook Most of Your FoodSteam cooking cures psoriasis

Steam cooking is absolutely the healthiest way to cook. There are many benefits linked to steam cooking but the number one reason we want to steam cook our food is because it reduces inflammation.

Always eating foods that have been cooked at excessively high temperatures or have been cooked by dry cooking methods can cause serious inflammation problems in all parts of the body. Inflammation can arise anywhere in the body especially the skin. Psoriasis is a known form of skin inflammation.

Avoiding dry cooking methods can leave most people confused on how to prepare their meals. After all, everywhere we go, and the majority of the foods we eat are cooked via grilled, fried, deep fried or microwaved.

Even boiling foods to long can diminish the many nutrients they may have.

Boiling foods is still a better choice then dry cooking them. But to gain the most value out of cooking without any toxic effects and minimum nutrient depletion would be steam cooking.

Some Steam Cooking Benefits Include

  • Foods retains more vitamins and minerals then any other cooking method.
  • Foods retain more natural color and taste.
  • Does not require oil.
  • Fast and easy.
  • Will not produce advanced glycation end products via high temperature dry cooking.
  • Reduces Inflammation
  • Counters many illnesses including psoriasis.

Here is my review on the best steamers.


#30: It Is Very Important That You Read All The Other Posts On This WebsiteLet go cure psoriasis bitmoji

Go back to the main menu and read the other content concerning what NON to do when trying to cure psoriasis, and the other information on WHY the do’s and dont’s are so important. Understanding WHY, will help you figure out HOW to cure psoriasis that much easier.

You have now read the list of items and tasks that will help cure psoriasis naturally and will also help maintain beautiful skin thereof. However…it is imperative that these items and tasks are carried out indefinitely.

Own My eBook Offline,  “How to Remedy Psoriasis Naturally

It is jammed pack with rich information on things to do, “The Do List” and things not to do, “The Don‘t List, on how to remedy psoriasis naturally.

If you don’t want to purchase my book just yet its cool with me. All the information collected in my eBook is also spread out throughout my website, browseHow-to-rememdy-psoriasis-naturally-cover

around my website and read about How to Remedy Psoriasis Naturally.

However, if you want to have your own personal downloaded copy in a simple and easy to navigate interface, you are in luck. A portable and accessible eBook reader app like Kindle, Apple, ePub and Pdf, are some examples. Read on or off line however you choose. No internet connection no problem.

My eBook is only $9.99 right now but I may change the price to a higher amount if I start becoming greedy due to an increase in traffic and popularity.

If you do decide to help me out and purchase my very first eBook How to Remedy Psoriasis Naturally, it would be very much appreciated. Profits will help me maintain and continue to add important content and recipes to this website.

Thank you for reading this part of my website. Feel free to leave me a comment or question below. I will respond.


Attributes

Image Courtesy By Helge Höpfner (Archiv Höpfner) (GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html) or CC-BY-SA-3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/)), via Wikimedia Commons, license, some rights reserved
Image Courtesy of © Nevit Dilmen (CC BY-SA 3.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0) or GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html)), via Wikimedia Commons, via creative commons license, some rights reserved
Image Courtesy By Jean.julius (Random collection) (CC BY-SA 3.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)), via Wikimedia Commons, license, some rights reserved
Image Courtesy of © Nevit Dilmen (CC BY-SA 3.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0) or GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html)), via Wikimedia Commons, license, some rights reserved
Image Courtesy by Johntex (Public domain), via Wikimedia Commons, license, some rights reserved
Image Courtesy by Cornelis Dusart (Public domain), via Wikimedia Commons, license, some rights reserved
Image Courtesy By MaryroseB54 (Own work) (CC BY-SA 4.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0)), via Wikimedia Commons, license, some rights reserved
Image Courtesy By I, Alex Ex (GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html), CC-BY-SA-3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/) or CC BY 2.5 (http://creativecommons.org/licenses/by/2.5)), via Wikimedia Commons, license, some rights reserved
Image Courtesy By Muhammad Mahdi Karim (Own work) (GFDL 1.2 (http://www.gnu.org/licenses/old-licenses/fdl-1.2.html)), via Wikimedia Commons, license, some rights reserved
Image Courtesy By Nikodem Nijaki (Own work) (CC BY-SA 3.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)), via Wikimedia Commons, license, some rights reserved
Image Courtesy By Veganbaking.net from USA (Coconut Oil) (CC BY-SA 2.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0)), via Wikimedia Commons, license, some rights reserved
Image Courtesy By Phu Thinh Co (Dầu dừa) (CC BY-SA 2.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0)), via Wikimedia Commons, license, some rights reserved
Image Courtesy By ihealthoil (www.ihealthoil.com) (CC BY-SA 4.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0)), via Wikimedia Commons, license, some rights reserved
Image Courtesy By Ramesh NG (Flickr: Coconut tree from Kerala) (CC BY-SA 2.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0)), via Wikimedia Commons, license, some rights reserved
Image Courtesy By Kerina yin (Own work by Kerina yin at en.wikipedia.) (GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html) or CC-BY-SA-3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/)), via Wikimedia Commons, license, some rights reserved
Image Courtesy By Colonic Santa Barbar… (CC BY 3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by/3.0)), via Wikimedia Commons, license, some rights reserved
Image Courtesy By Colonic Santa Barbara | Colon Cleanse Santa Barbara

Feeling healthy and energized comes from the inside out. Colonic Santa Barbara believes…, license, some rights reserved

Image Courtesy By Internet Archive Book Images (No restrictions), via Wikimedia Commons, license, some rights reserved
Image Courtesy By http://www.bawellwaterionizers.com/freepublicinformation.html (CC0), via Wikimedia Commons, license, some rights reserved
Image Courtesy By H Padleckas created this picture in December 2005. H Padleckas 16:47, 27 December 2005 (UTC) (GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html) or CC-BY-SA-3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/)), via Wikimedia Commons, license, some rights reserved
Image Courtesy By RelaxingMusic (Flickr: Meditate) (CC BY-SA 2.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0)), via Wikimedia Commons, license, some rights reserved
Image Courtesy By Bryan Helfrch (Own work) (CC BY-SA 3.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)), via Wikimedia Commons, license, some rights reserved

Psorilax:Prevenire |crema per pelli con psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, ingredienti

Psoriasi è una malattia autoimmune di lunga durata caratterizzata da chiazze di pelle anormale.(6) Questi cerotti sono in genere rossi, secchi, pruriginosi e squamosi.(3) Su persone con pelle più scura i cerotti possono essere di colore viola.(9) La psoriasi varia in gravità da piccoli cerotti localizzati a una copertura completa del corpo.(3) Le lesioni alla pelle possono innescare cambiamenti psoriasici della pelle in quel punto, noto come fenomeno di Koebner.(10)

Esistono cinque tipi principali di psoriasi: placca, guttata, inversa, pustolosa ed eritrodermica.(6) La psoriasi a placche, nota anche come psoriasi vulgaris, costituisce circa il 90 percento dei casi.(4) Si presenta in genere come macchie rosse con squame bianche in alto.(4) Le aree del corpo più comunemente colpite sono la parte posteriore degli avambracci, degli stinchi, dell'area dell'ombelico e del cuoio capelluto.(4) La psoriasi guttata presenta lesioni a forma di goccia.(6) La psoriasi pustolosa si presenta come piccole vesciche piene di pus non infettive.(11) La psoriasi inversa forma chiazze rosse nelle pieghe della pelle.(6) La psoriasi eritrodermica si verifica quando l'eruzione cutanea diventa molto diffusa e può svilupparsi da uno qualsiasi degli altri tipi.(4) Le unghie e le unghie dei piedi sono colpite nella maggior parte delle persone con psoriasi ad un certo punto nel tempo.(4) Ciò può includere fossette nelle unghie o cambiamenti nel colore delle unghie.(4)

La psoriasi è generalmente considerata una malattia genetica scatenata da fattori ambientali.(3) Se un gemello ha la psoriasi, l'altro gemello ha tre volte più probabilità di essere colpito se i gemelli sono identici rispetto a se non sono identici.(4) Ciò suggerisce che i fattori genetici predispongono alla psoriasi.(4) I sintomi spesso peggiorano durante l'inverno e con alcuni farmaci, come i beta-bloccanti o i FANS.(4) Anche le infezioni e lo stress psicologico possono svolgere un ruolo.(3)(6) La psoriasi non è contagiosa.(4) Il meccanismo sottostante coinvolge il sistema immunitario che reagisce alle cellule della pelle.(4) La diagnosi si basa in genere su segni e sintomi.(4)

Non esiste una cura per la psoriasi; tuttavia, vari trattamenti possono aiutare a controllare i sintomi.(4) Questi trattamenti includono creme steroidee, crema di vitamina D3, luce ultravioletta e farmaci per la soppressione del sistema immunitario, come il metotrexato.(6) Circa il 75 percento del coinvolgimento cutaneo migliora solo con le creme.(4) La malattia colpisce il 2-4 percento della popolazione.(8) Uomini e donne sono colpiti con uguale frequenza.(6) La malattia può iniziare a qualsiasi età, ma in genere inizia in età adulta.(5) La psoriasi è associata ad un aumentato rischio di artrite psoriasica, linfomi, malattie cardiovascolari, malattia di Crohn e depressione.(4) L'artrite psoriasica colpisce fino al 30 percento degli individui con psoriasi.(11)

segni e sintomi(modificare)

Psoriasi a placche(modificare)

Placca psoriasica, che mostra un centro argenteo circondato da un bordo arrossato.

La psoriasi vulgaris (nota anche come psoriasi stazionaria cronica o psoriasi a placche) è la forma più comune e colpisce l'85% -90% delle persone con psoriasi.(12) La psoriasi a placche appare tipicamente come aree sollevate di pelle infiammata ricoperta da una pelle squamosa di colore bianco-argenteo. Queste aree sono chiamate placche e si trovano più comunemente su gomiti, ginocchia, cuoio capelluto e schiena.(12)(13) L'eritroderma psoriasico (psoriasi eritrodermica) comporta infiammazione diffusa ed esfoliazione della pelle su gran parte della superficie corporea. Può essere accompagnato da grave secchezza, prurito, gonfiore e dolore. Spesso è il risultato di un'esacerbazione della psoriasi a placche instabile, in particolare a seguito della brusca sospensione dei glucocorticoidi sistemici.(14) Questa forma di psoriasi può essere fatale poiché l'estrema infiammazione e l'esfoliazione interrompono la capacità del corpo di regolare la temperatura ed eseguire le funzioni di barriera.(15)

Altre forme(modificare)

Altri tipi di psoriasi comprendono circa il 10% dei casi. Includono forme simili a pustolose, inverse, tovagliolo, guttate, orali e seborroiche.(16)

Psoriasi pustolosa(modificare)

La psoriasi pustolosa appare come protuberanze sollevate piene di pus non infettivo (pustole).(17) La pelle sotto e intorno alle pustole è rossa e tenera.(18)

Psoriasi inversa(modificare)

La psoriasi inversa (nota anche come psoriasi a flessione) appare come chiazze di pelle lisce e infiammate. I cerotti colpiscono frequentemente le pieghe della pelle, in particolare intorno ai genitali (tra la coscia e l'inguine), le ascelle, nelle pieghe della pelle di un addome sovrappeso (noto come panniculus), tra i glutei nella fessura intergluteo e sotto il seno nella piega inframammaria. Si ritiene che calore, traumi e infezioni svolgano un ruolo nello sviluppo di questa forma atipica di psoriasi.(19)

Psoriasi del tovagliolo(modificare)

La psoriasi del tovagliolo è un sottotipo di psoriasi comune nei neonati caratterizzato da papule rosse con scala d'argento nella zona del pannolino che può estendersi al busto o agli arti.(20) La psoriasi del tovagliolo è spesso diagnosticata erroneamente come dermatite da tovagliolo (dermatite da pannolino).(21)

Psoriasi guttata(modificare)

La psoriasi guttata è caratterizzata da numerose piccole lesioni (papule) piccole, squamose, rosse o rosa. Queste numerose macchie di psoriasi compaiono su vaste aree del corpo, principalmente sul tronco, ma anche sugli arti e sul cuoio capelluto. La psoriasi guttata è spesso innescata da un'infezione da streptococco, in genere faringite streptococcica.(19) Il contrario non è vero.

Bocca(modificare)

La psoriasi in bocca è molto rara,(22) in contrasto con il lichen planus, un altro disturbo papulosquamous comune che coinvolge comunemente sia la pelle che la bocca. Quando la psoriasi coinvolge la mucosa orale (il rivestimento della bocca), può essere asintomatica,(22) ma può apparire come placche bianche o grigio-gialle.(22) La lingua fissurata è il reperto più comune in quelli con psoriasi orale ed è stato riportato che si verifica nel 6,5-20% delle persone con psoriasi che colpiscono la pelle. L'aspetto microscopico della mucosa orale colpita dalla lingua geografica (stomatite migratoria) è molto simile all'aspetto della psoriasi.(23) Tuttavia, gli studi moderni non sono riusciti a dimostrare alcun legame tra le due condizioni.(24)

Psoriasi seborroica(modificare)

La psoriasi simil-seborroica è una forma comune di psoriasi con aspetti clinici della psoriasi e della dermatite seborroica e può essere difficile distinguere da quest'ultima. Questa forma di psoriasi si manifesta in genere come placche rosse con squame unte in aree di maggiore produzione di sebo come il cuoio capelluto, la fronte, le pieghe della pelle vicino al naso, la pelle che circonda la bocca, la pelle sul petto sopra lo sterno e nelle pieghe della pelle.(20)

Artrite psoriasica(modificare)

L'artrite psoriasica è una forma di artrite infiammatoria cronica che presenta una presentazione clinica molto variabile e si verifica spesso in associazione con la psoriasi della pelle e delle unghie.(25)(26) In genere comporta un'infiammazione dolorosa delle articolazioni e del tessuto connettivo circostante e può verificarsi in qualsiasi articolazione, ma colpisce più comunemente le articolazioni delle dita delle mani e dei piedi. Ciò può provocare un gonfiore a forma di salsiccia delle dita delle mani e dei piedi noto come dattilite.(25) L'artrite psoriasica può interessare anche fianchi, ginocchia, colonna vertebrale (spondilite) e articolazione sacroiliaca (sacroiliite).(27) Circa il 30% delle persone con psoriasi svilupperà l'artrite psoriasica.(12) Le manifestazioni cutanee della psoriasi tendono a manifestarsi prima delle manifestazioni artritiche in circa il 75% dei casi.(26)

Cambiamenti delle unghie(modificare)

Psoriasi di un'unghia, con vaiolatura visibile.

Una fotografia che mostra gli effetti della psoriasi sulle unghie dei piedi.

La psoriasi può colpire le unghie e produce una varietà di cambiamenti nell'aspetto delle unghie delle dita e dei piedi. La psoriasi delle unghie si verifica nel 40–45% delle persone con psoriasi che colpiscono la pelle e ha un'incidenza nell'80-90% nelle persone con artrite psoriasica.(28) Questi cambiamenti includono la vaiolatura delle unghie (si osserva una depressione delle dimensioni di una punta dell'unghia nel 70% con la psoriasi dell'unghia), lo sbiancamento dell'unghia, piccole aree di sanguinamento dai capillari sotto l'unghia, lo scolorimento giallo-rossastro delle unghie noto come il goccia d'olio o macchia di salmone, secchezza, ispessimento della pelle sotto l'unghia (ipercheratosi subunguale), allentamento e separazione dell'unghia (onicolisi) e sbriciolatura dell'unghia.(28)

Segni medici(modificare)

Oltre all'aspetto e alla distribuzione dell'eruzione cutanea, i medici possono utilizzare specifici segni medici per facilitare la diagnosi. Questi possono includere il segno di Auspitz (individuare l'emorragia quando viene rimossa la scala), fenomeno di Koebner (lesioni cutanee psoriasiche indotte da traumi alla pelle),(20) e prurito e dolore localizzati a papule e placche.(19)(20)

La causa della psoriasi non è completamente compresa, ma esistono diverse teorie.

Genetica(modificare)

Circa un terzo delle persone con psoriasi riferisce una storia familiare della malattia e i ricercatori hanno identificato i loci genetici associati alla condizione. Studi identici sui gemelli suggeriscono una probabilità del 70% di un gemello che sviluppa psoriasi se l'altro gemello ha il disturbo. Il rischio è di circa il 20% per i gemelli non identici. Questi risultati suggeriscono sia una suscettibilità genetica che una risposta ambientale nello sviluppo della psoriasi.(29)

La psoriasi ha una forte componente ereditaria e molti geni sono associati ad essa, ma non è chiaro come questi geni lavorino insieme. La maggior parte dei geni identificati si riferisce al sistema immunitario, in particolare il principale complesso di istocompatibilità (MHC) e le cellule T. Gli studi genetici sono preziosi grazie alla loro capacità di identificare meccanismi e percorsi molecolari per ulteriori studi e potenziali target terapeutici.(30)

L'analisi classica del collegamento a livello del genoma ha identificato nove loci su diversi cromosomi associati alla psoriasi. Sono chiamati suscettibilità alla psoriasi da 1 a 9 (PSORS1 attraverso PSORS9). All'interno di questi loci ci sono geni su percorsi che portano all'infiammazione. Alcune variazioni (mutazioni) di questi geni si trovano comunemente nella psoriasi.(30) Le scansioni di associazione a livello del genoma hanno identificato altri geni che sono stati alterati in varianti caratteristiche della psoriasi. Alcuni di questi geni esprimono proteine ​​del segnale infiammatorio, che colpiscono le cellule del sistema immunitario coinvolte anche nella psoriasi. Alcuni di questi geni sono anche coinvolti in altre malattie autoimmuni.(30)

Il principale determinante è PSORS1, che probabilmente rappresenta il 35% -50% dell'ereditabilità della psoriasi.(31) Controlla i geni che colpiscono il sistema immunitario o codificano le proteine ​​della pelle che sono sovrabbondanti di psoriasi. PSORS1 si trova sul cromosoma 6 nel complesso maggiore di istocompatibilità (MHC), che controlla importanti funzioni immunitarie. Tre geni nel PSORS1 il locus ha una forte associazione con la psoriasi vulgaris: HLA-C variante HLA-Cw6,(32) che codifica per una proteina MHC di classe I; cchcr1, variante WWC, che codifica una proteina a spirale arrotolata che è sovraespressa nell'epidermide psoriasica; e CDSN, variante allele 5, che codifica per la corneodesmosina, una proteina che viene espressa negli strati granulari e cornificati dell'epidermide e sovraregolata nella psoriasi.(30)

Due principali geni del sistema immunitario in esame sono la subunità beta interleuchina-12 (IL12B) sul cromosoma 5q, che esprime l'interleuchina-12B; e IL23R sul cromosoma 1p, che esprime il recettore dell'interleuchina-23, ed è coinvolto nella differenziazione delle cellule T. Recettore dell'interleuchina-23 e IL12B sono stati entrambi fortemente collegati alla psoriasi.(32) Le cellule T sono coinvolte nel processo infiammatorio che porta alla psoriasi.(30) Questi geni sono sulla via che sovraregolano il fattore necrosi tumorale-α e il fattore nucleare κB, due geni coinvolti nell'infiammazione.(30) Recentemente,(quando?) è stato identificato il primo gene direttamente collegato alla psoriasi. Una rara mutazione nel gene che codifica per il CARD14 le proteine ​​e un fattore scatenante ambientale erano sufficienti per causare la psoriasi a placche (la forma più comune di psoriasi).(33)(34)

Stile di vita(modificare)

Le condizioni riportate come peggioramento della malattia includono infezioni croniche, stress e cambiamenti nella stagione e nel clima.(32) Altri che potrebbero peggiorare la condizione includono acqua calda, graffi di lesioni cutanee alla psoriasi, secchezza della pelle, consumo eccessivo di alcol, fumo di sigaretta e obesità.(32)(35)(36)(37) Gli effetti della sospensione del fumo di sigaretta o dell'abuso di alcool devono ancora essere studiati a partire dal 2019.(37)

HIV(modificare)

Il tasso di psoriasi negli individui sieropositivi è paragonabile a quello degli individui sieropositivi; tuttavia, la psoriasi tende ad essere più grave nelle persone infette dal virus dell'immunodeficienza umana (HIV).(38) Un tasso molto più alto di artrite psoriasica si verifica in soggetti sieropositivi con psoriasi rispetto a quelli senza infezione.(38) La risposta immunitaria nei soggetti con infezione da HIV è tipicamente caratterizzata da segnali cellulari provenienti dal sottoinsieme Th2 di cellule T helper CD4 +,(39) mentre la risposta immunitaria nella psoriasi vulgaris è caratterizzata da uno schema di segnali cellulari tipici del sottogruppo Th1 delle cellule T helper CD4 + e delle cellule T helper Th17.(40)(41) Si ipotizza che la ridotta presenza di cellule CD4 + -T causi una iperattivazione delle cellule CD8 + -T, che sono responsabili dell'esacerbazione della psoriasi nelle persone sieropositive. La psoriasi nei soggetti con HIV / AIDS è spesso grave e può non essere curabile con la terapia convenzionale.(42) In quelli con psoriasi a lungo termine ben controllata, la nuova infezione da HIV può innescare un grave flare di psoriasi e / o artrite psoriasica.(citazione medica necessaria)

microbi(modificare)

La psoriasi è stata descritta come insorgenza dopo mal di gola e può essere aggravata dalla colonizzazione della pelle o dell'intestino con Staphylococcus aureus, Malassezia, e candida albicans.(43)

farmaci(modificare)

La psoriasi indotta da farmaci può verificarsi con beta-bloccanti,(11) litio,(11) farmaci antimalarici,(11) farmaci antinfiammatori non steroidei,(11) terbinafina, bloccanti dei canali del calcio, captopril, glyburide, fattore stimolante le colonie di granulociti,(11) interleuchine, interferoni,(11) farmaci ipolipemizzanti,(16):197 e paradossalmente inibitori del TNF come infliximab o adalimumab.(44) La sospensione dei corticosteroidi (crema steroidea topica) può aggravare la psoriasi a causa dell'effetto rimbalzo.(45)

Meccanismo(modificare)

La psoriasi è caratterizzata da una crescita anormalmente eccessiva e rapida dello strato epidermico della pelle.(46) La produzione anomala di cellule della pelle (specialmente durante la riparazione della ferita) e una sovrabbondanza di cellule della pelle derivano dalla sequenza di eventi patologici nella psoriasi.(18) Le cellule della pelle vengono sostituite ogni 3-5 giorni nella psoriasi anziché nei normali 28-30 giorni.(47) Si ritiene che questi cambiamenti derivino dalla maturazione prematura dei cheratinociti indotta da una cascata infiammatoria nel derma che coinvolge cellule dendritiche, macrofagi e cellule T (tre sottotipi di globuli bianchi).(12)(38) Queste cellule immunitarie si spostano dal derma all'epidermide e secernono segnali chimici infiammatori (citochine) come interleuchina-36γ, fattore di necrosi tumorale-α, interleuchina-1β, interleuchina-6 e interleuchina-22.(30)(48) Si ritiene che questi segnali infiammatori secreti stimolino la proliferazione dei cheratinociti.(30) Un'ipotesi è che la psoriasi comporta un difetto nelle cellule T regolatorie e nell'interleuchina-10 delle citochine regolatorie.(30)

Le mutazioni geniche delle proteine ​​coinvolte nella capacità della pelle di funzionare come barriera sono state identificate come marcatori di suscettibilità per lo sviluppo della psoriasi.(49)(50)

L'acido desossiribonucleico (DNA) rilasciato dalle cellule morenti agisce come uno stimolo infiammatorio nella psoriasi(51) e stimola i recettori su alcune cellule dendritiche, che a loro volta producono l'interferone-α delle citochine.(51) In risposta a questi messaggi chimici delle cellule dendritiche e dei linfociti T, i cheratinociti secernono anche citochine come interleuchina-1, interleuchina-6 e fattore necrosi tumorale-α, che segnalano alle cellule infiammatorie a valle di arrivare e stimolano un'ulteriore infiammazione.(30)

Le cellule dendritiche collegano il sistema immunitario innato e il sistema immunitario adattivo. Sono aumentati nelle lesioni psoriasiche(46) e indurre la proliferazione di cellule T e cellule T helper di tipo 1 (Th1). L'immunoterapia mirata nonché la terapia con psoraleni e ultravioletti A (PUVA) possono ridurre il numero di cellule dendritiche e favorire un modello di secrezione di citochine delle cellule Th2 rispetto a un profilo di citochine delle cellule Th1 / Th17.(30)(40) Le cellule T psoriasiche si spostano dal derma nell'epidermide e secernono l'interferone-γ e l'interleuchina-17.(52) L'interleuchina-23 è nota per indurre la produzione di interleuchina-17 e interleuchina-22.(46)(52) L'interleuchina-22 funziona in combinazione con l'interleuchina-17 per indurre i cheratinociti a secernere citochine che attraggono i neutrofili.(52)

Diagnosi(modificare)

Microfotografia della psoriasi vulgaris. Parakeratosi confluente, iperplasia epidermica psoriasiforme ((A), EH), ipogranulosi e afflusso di numerosi neutrofili nello strato corneale ((A), freccia). (B) Migrazione transepidermica dei neutrofili dal derma allo strato corneale (frecce).(53)

Una diagnosi di psoriasi si basa generalmente sull'aspetto della pelle. Le caratteristiche della pelle tipiche della psoriasi sono squame, placche eritematose, papule o chiazze di pelle che possono essere dolorose e pruriginose.(19) Di solito non sono richiesti esami del sangue o procedure diagnostiche speciali per effettuare la diagnosi.(18)(54)

La diagnosi differenziale della psoriasi comprende condizioni dermatologiche simili nell'aspetto come eczema discoide, eczema seborroico, pityriasi rosea (può essere confuso con psoriasi guttata), fungo del chiodo (può essere confuso con la psoriasi dell'unghia) o linfoma cutaneo a cellule T (50% degli individui con questo cancro sono inizialmente diagnosticati erroneamente con la psoriasi).(45) Le manifestazioni dermatologiche di malattie sistemiche come l'eruzione cutanea della sifilide secondaria possono anche essere confuse con la psoriasi.(45)

Se la diagnosi clinica è incerta, può essere eseguita una biopsia cutanea o raschiamento per escludere altri disturbi e confermare la diagnosi. La pelle di una biopsia mostrerà proiezioni epidermiche in circolo che si interdigono con il derma al microscopio. L'ispessimento epidermico è un altro risultato istologico caratteristico delle lesioni della psoriasi.(18)(55) Lo strato di strato granuloso dell'epidermide è spesso mancante o significativamente ridotto nelle lesioni psoriasiche; le cellule della pelle dallo strato più superficiale della pelle sono anche anormali in quanto non maturano mai completamente. A differenza delle loro controparti mature, queste cellule superficiali mantengono il loro nucleo.(18) Gli infiltrati infiammatori in genere possono essere visualizzati al microscopio quando si esaminano i tessuti della pelle o delle articolazioni colpiti dalla psoriasi. Il tessuto epidermico della pelle affetto da infiammazione psoriasica ha spesso molte cellule T CD8 + mentre una predominanza di cellule T CD4 + costituisce gli infiltrati infiammatori dello strato cutaneo della pelle e delle articolazioni.(18)

Classificazione(modificare)

morfologico(modificare)

La psoriasi è classificata come un disturbo papulosquamous ed è più comunemente suddivisa in diverse categorie in base alle caratteristiche istologiche.(3)(11) Le varianti comprendono la psoriasi a placche, pustolosa, guttata e flessionale. Ogni modulo ha un codice ICD-10 dedicato.(56) La psoriasi può anche essere classificata in tipi non pustolosi e pustolosi.(57)

patogenetiche(modificare)

Un altro schema di classificazione considera i fattori genetici e demografici. Il tipo 1 ha una storia familiare positiva, inizia prima dei 40 anni ed è associato all'antigene leucocitario umano, HLA-Cw6. Al contrario, il tipo 2 non mostra una storia familiare, si presenta dopo i 40 anni e non è associato HLA-Cw6.(58) Il tipo 1 rappresenta circa il 75% delle persone con psoriasi.(59)

La classificazione della psoriasi come malattia autoimmune ha suscitato un ampio dibattito. I ricercatori hanno proposto diverse descrizioni della psoriasi e dell'artrite psoriasica; alcuni autori li hanno classificati come malattie autoimmuni(18)(32)(60) mentre altri li hanno classificati come distinti dalle malattie autoimmuni e indicati come malattie infiammatorie immuno-mediate.(30)(61)(62)

Gravità(modificare)

Non vi è consenso su come classificare la gravità della psoriasi. La psoriasi lieve è stata definita come una percentuale di superficie corporea (BSA) ≤10, un punteggio PASI (Psoriasis Area Severity Index) ≤10 e un indice di qualità della vita dermatologica (DLQI) ≤10.(63) La psoriasi da moderata a grave è stata definita dallo stesso gruppo come BSA> 10 o punteggio PASI> 10 e un punteggio DLQI> 10.(63)

DLQI è uno strumento di 10 domande utilizzato per misurare l'impatto di diverse malattie dermatologiche sul funzionamento quotidiano. Il punteggio DLQI varia da 0 (danno minimo) a 30 (danno massimo) ed è calcolato con ogni risposta a cui vengono assegnati 0–3 punti con punteggi più alti che indicano un danno sociale o professionale maggiore.(64)

L'indice di gravità dell'area della psoriasi (PASI) è lo strumento di misurazione più utilizzato per la psoriasi. PASI valuta la gravità delle lesioni e l'area interessata e combina questi due fattori in un unico punteggio da 0 (nessuna malattia) a 72 (malattia massima).(65) Tuttavia, la PASI può essere troppo ingombrante da utilizzare al di fuori delle impostazioni di ricerca, il che ha portato a tentativi di semplificare l'indice per uso clinico.(66)

Gestione(modificare)

Schema della scala di trattamento della psoriasi

Sebbene non sia disponibile alcuna cura per la psoriasi,(45) esistono molte opzioni di trattamento. Gli agenti topici sono in genere utilizzati per malattie lievi, fototerapia per malattie moderate e agenti sistemici per malattie gravi.(67)

Agenti topici(modificare)

I preparati topici di corticosteroidi sono gli agenti più efficaci se usati ininterrottamente per 8 settimane; i retinoidi e il catrame di carbone si sono rivelati di beneficio limitato e potrebbero non essere migliori del placebo.(68) Un maggiore beneficio è stato osservato con corticosteroidi molto potenti rispetto ai potenti corticosteroidi.

Gli analoghi della vitamina D come il paricalcitolo sono risultati superiori al placebo. La terapia di combinazione con vitamina D e corticosteroidi è risultata superiore al trattamento da solo e la vitamina D è risultata superiore al catrame di carbone per la psoriasi a placche cronica.(69)

Per la psoriasi del cuoio capelluto, una recensione del 2016 ha riscontrato che la doppia terapia (analoghi della vitamina D e corticosteroidi topici) o la monoterapia con corticosteroidi è più efficace e più sicura dei soli analoghi della vitamina D topici.(70) A causa dei loro simili profili di sicurezza e del minimo beneficio della doppia terapia rispetto alla monoterapia, la monoterapia con corticosteroidi sembra essere un trattamento accettabile per il trattamento a breve termine.(70)

Idratanti ed emollienti come olio minerale, vaselina, calcipotriolo e decubale (un emolliente olio in acqua) sono stati trovati per aumentare la clearance delle placche psoriasiche. Alcuni emollienti hanno dimostrato di essere ancora più efficaci nel cancellare le placche psoriasiche quando combinato con la fototerapia.(71) Tuttavia, alcuni emollienti non hanno alcun impatto sulla clearance della placca della psoriasi o possono persino ridurre la clearance ottenuta con la fototerapia, ad es. l'acido salicilico emolliente è strutturalmente simile all'acido para-aminobenzoico (PABA), comunemente presente nella protezione solare, ed è noto per interferire con la fototerapia nella psoriasi. L'olio di cocco, usato come emolliente nella psoriasi, ha dimostrato di ridurre la clearance della placca con la fototerapia.(71) Creme e pomate medicinali applicate direttamente sulle placche psoriasiche possono aiutare a ridurre l'infiammazione, rimuovere la scala accumulata, ridurre il turnover cutaneo e eliminare la pelle interessata dalle placche. Unguento e creme contenenti catrame di carbone, dithranol, corticosteroidi (cioè desoximetasone), fluocinonide, vitamina D3 analoghi (ad esempio calcipotriolo) e retinoidi vengono utilizzati di routine. (L'uso dell'unità punta delle dita può essere utile per guidare la quantità di trattamento topico da utilizzare.(35)(72))

Analoghi della vitamina D possono essere utili con gli steroidi; tuttavia, da soli hanno un tasso più elevato di effetti collaterali.(69) Possono consentire l'uso di meno steroidi.(73)

Un'altra terapia topica usata per curare la psoriasi è una forma di balneoterapia, che prevede bagni quotidiani nel Mar Morto. Questo di solito viene fatto per quattro settimane con il beneficio attribuito all'esposizione solare e in particolare alla luce UVB. Questo è conveniente ed è stato propagato come un modo efficace per curare la psoriasi senza farmaci.(74) Sono state comunemente osservate diminuzioni dei punteggi PASI superiori al 75% e remissione per diversi mesi.(74) Gli effetti collaterali possono essere lievi come prurito, follicolite, scottature solari, poikiloderma e un rischio teorico di carcinoma cutaneo non melanoma o melanoma è stato suggerito.(74) Recente(quando?) gli studi hanno stabilito che non sembra esserci un aumento del rischio di melanoma a lungo termine.(75) I dati non sono conclusivi per quanto riguarda il rischio di cancro della pelle non melanoma, ma supportano l'idea che la terapia sia associata ad un aumentato rischio di forme benigne di danno cutaneo indotto dal sole come, ma non limitato a, elastosi attinica o macchie epatiche.(75) La balneoterapia del Mar Morto è efficace anche per l'artrite psoriasica.(75)

Fototerapia UV(modificare)

La fototerapia sotto forma di luce solare è stata a lungo utilizzata per la psoriasi.(67) Le lunghezze d'onda UVB di 311–313 nanometri sono le più efficaci e per questa applicazione sono state sviluppate lampade speciali.(67) Il tempo di esposizione deve essere controllato per evitare sovraesposizione e bruciore della pelle. Le lampade UVB dovrebbero avere un timer che spegnerà la lampada allo scadere del tempo. La quantità di luce utilizzata è determinata dal tipo di pelle di una persona.(67) L'aumento dei tassi di cancro dal trattamento sembra essere piccolo.(67) È stato dimostrato che la fototerapia con luce UVB a banda stretta (NBUVB) ha un'efficacia simile alla fototerapia con Psoralen e ultravioletta A (PUVA).(76) Una meta-analisi del 2013 non ha riscontrato differenze di efficacia tra NB-UVB e PUVA nel trattamento della psoriasi, ma NB-UVB è generalmente più conveniente.(77)

Uno dei problemi con la fototerapia clinica è la difficoltà che molte persone hanno accesso a una struttura. Le risorse di abbronzatura indoor sono quasi onnipresenti oggi e potrebbero essere considerate come un mezzo per ottenere l'esposizione ai raggi UV quando il dermatologo non ha a disposizione la fototerapia. L'abbronzatura indoor è già utilizzata da molte persone come trattamento per la psoriasi; una struttura interna ha riferito che il 50% dei suoi clienti utilizzava il centro per il trattamento della psoriasi; un altro ha riferito che il 36% stava facendo la stessa cosa. Tuttavia, una preoccupazione nell'uso dell'abbronzatura commerciale è che i lettini abbronzanti che emettono principalmente UVA potrebbero non trattare efficacemente la psoriasi. Uno studio ha scoperto che la psoriasi a placche risponde alle dosi eritemogene di UVA o UVB, poiché l'esposizione a entrambe può causare la dissipazione delle placche psoriasiche. Richiede più energia per raggiungere il dosaggio eritemogeno con UVA.(78)

Le terapie con luce UV hanno tutti dei rischi; i lettini abbronzanti non fanno eccezione, in particolare nel legame tra la luce UV e la maggiore possibilità di cancro della pelle. Vi sono maggiori rischi di melanoma, carcinomi a cellule squamose e basali; i giovani con psoriasi, in particolare quelli di età inferiore ai 35 anni, hanno un rischio maggiore di melanoma a seguito del trattamento con luce UV. L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha elencato i lettini abbronzanti come agenti cancerogeni.(79) Una revisione degli studi raccomanda che le persone sensibili ai tumori della pelle facciano attenzione quando usano la terapia con luce UV come trattamento.(78)

Un importante meccanismo di NBUVB è l'induzione del danno al DNA sotto forma di dimeri di pirimidina. Questo tipo di fototerapia è utile nel trattamento della psoriasi perché la formazione di questi dimeri interferisce con il ciclo cellulare e lo interrompe. L'interruzione del ciclo cellulare indotta da NBUVB si oppone alla caratteristica rapida divisione delle cellule della pelle osservate nella psoriasi.(76) L'attività di molti tipi di cellule immunitarie presenti nella pelle è anche efficacemente soppressa dai trattamenti di fototerapia NBUVB. L'effetto collaterale a breve termine più comune di questa forma di fototerapia è il rossore della pelle; effetti collaterali meno comuni della fototerapia NBUVB sono prurito e formazione di vesciche sulla pelle trattata, irritazione degli occhi sotto forma di infiammazione congiuntivale o infiammazione della cornea o herpes labiale dovuta alla riattivazione del virus dell'herpes simplex nella pelle che circonda le labbra. La protezione degli occhi viene generalmente somministrata durante i trattamenti di fototerapia.(76)

La fototerapia con psoraleni e ultravioletti A (terapia PUVA (PUVA)) combina la somministrazione orale o topica di psoraleni con l'esposizione alla luce ultravioletta A (UVA). Il meccanismo d'azione di PUVA è sconosciuto, ma probabilmente comporta l'attivazione di psoraleni da parte della luce UVA, che inibisce la produzione anormalmente rapida delle cellule nella pelle psoriasica. Esistono molteplici meccanismi d'azione associati al PUVA, inclusi gli effetti sul sistema immunitario della pelle. PUVA è associato a nausea, mal di testa, affaticamento, bruciore e prurito. Il trattamento a lungo termine è associato al carcinoma a cellule squamose (ma non al melanoma).(36)(80) Una terapia di combinazione per la psoriasi da moderata a grave che utilizza PUVA più acitretina ha prodotto benefici, ma l'uso di acitretina è stato associato a difetti alla nascita e danni al fegato.(81)

Agenti sistemici(modificare)

La psoriasi resistente al trattamento topico e alla fototerapia possono essere trattate con terapie sistemiche, compresi i farmaci per via orale o trattamenti iniettabili.(82) Le persone sottoposte a trattamento sistemico devono sottoporsi a regolari test di funzionalità del sangue e del fegato per verificare la tossicità dei farmaci.(82) La gravidanza deve essere evitata per la maggior parte di questi trattamenti. La maggior parte delle persone manifesta una recidiva della psoriasi dopo l'interruzione del trattamento sistemico.

I trattamenti sistemici non biologici frequentemente utilizzati per la psoriasi comprendono metotrexato, ciclosporina, idrossicarbamide, fumarati come dimetilfumarato e retinoidi.(83) Il metotrexato e la ciclosporina sono farmaci che sopprimono il sistema immunitario; i retinoidi sono forme sintetiche di vitamina A. Questi agenti sono anche considerati trattamenti di prima linea per l'eritroderma psoriasico.(14) I corticosteroidi orali non devono essere utilizzati, poiché possono svasare gravemente la psoriasi alla loro interruzione.(84)

I biologici sono proteine ​​prodotte che interrompono il processo immunitario coinvolto nella psoriasi. A differenza delle terapie mediche immunosoppressive generalizzate come il metotrexato, i biologici prendono di mira aspetti specifici del sistema immunitario che contribuiscono alla psoriasi.(83) Questi farmaci sono generalmente ben tollerati e dati limitati sui risultati a lungo termine hanno dimostrato che i biologici sono sicuri per l'uso a lungo termine nella psoriasi a placche da moderata a grave.(83)(85) Tuttavia, a causa delle loro azioni immunosoppressive, i prodotti biologici sono stati associati a un piccolo aumento del rischio di infezione.(83)

Le linee guida considerano i biologici come trattamento di terza linea per la psoriasi a placche a seguito di una risposta inadeguata al trattamento topico, alla fototerapia e ai trattamenti sistemici non biologici.(85) La sicurezza dei farmaci biologici durante la gravidanza non è stata valutata. Le linee guida europee raccomandano di evitare i farmaci biologici se è prevista una gravidanza; le terapie anti-TNF come infliximab non sono raccomandate per l'uso in portatori cronici del virus dell'epatite B o in soggetti infetti da HIV.(83)

Numerosi anticorpi monoclonali colpiscono le citochine, le molecole utilizzate dalle cellule per inviare segnali infiammatori l'una all'altra. TNF-α è una delle principali citochine infiammatorie dell'esecutore. Sono stati sviluppati quattro anticorpi monoclonali (MAbs) (infliximab, adalimumab, golimumab e certolizumab pegol) e un recettore del decoy TNF-α ricombinante, etanercept, per inibire la segnalazione di TNF-α. Anticorpi monoclonali aggiuntivi, come ixekizumab,(86) have been developed against pro-inflammatory cytokines(87) and inhibit the inflammatory pathway at a different point than the anti-TNF-α antibodies.(30) IL-12 and IL-23 share a common domain, p40, which is the target of the FDA-approved ustekinumab.(32) In 2017 the US FDA approved guselkumab for plaque psoriasis.(88) There have been few studies of the efficacy of anti-TNF medications for psoriasis in children. One randomized control study suggested that 12 weeks of etanercept treatment reduced the extent of psoriasis in children with no lasting adverse effects.(89)

Two medications that target T cells are efalizumab and alefacept. Efalizumab is a monoclonal antibody that specifically targets the CD11a subunit of LFA-1.(83) It also blocks the adhesion molecules on the endothelial cells that line blood vessels, which attract T cells. Efalizumab was voluntarily withdrawn from the European market in February 2009, and from the U.S. market in June 2009, by the manufacturer due to the medication's association with cases of progressive multifocal leukoencephalopathy.(83) Alefacept also blocks the molecules that dendritic cells use to communicate with T cells and even causes natural killer cells to kill T cells as a way of controlling inflammation.(30) Apremilast may also be used.(12)

Individuals with psoriasis may develop neutralizing antibodies against monoclonal antibodies. Neutralization occurs when an antidrug antibody prevents a monoclonal antibody such as infliximab from binding antigen in a laboratory test. Specifically, neutralization occurs when the antidrug antibody binds to infliximab's antigen binding site instead of TNF-α. When infliximab no longer binds tumor necrosis factor alpha, it no longer decreases inflammation, and psoriasis may worsen. Neutralizing antibodies have not been reported against etanercept, a biologic medication that is a fusion protein composed of two TNF-α receptors. The lack of neutralizing antibodies against etanercept is probably secondary to the innate presence of the TNF-α receptor, and the development of immune tolerance.(90)

A 2017 meta-analysis found that ixekizumab, secukinumab, brodalumab, guselkumab, certolizumab, and ustekinumab were the most effective biologics for treating psoriasis.(91)(92) In general, anti-IL17, anti-IL12/23, anti-IL23, and anti-TNF alpha biologics were found to be more effective than traditional systemic treatments.(91) The immunologic pathways of psoriasis involve TH-9, TH-22, TH-17 and TH-1 lymphocytes, and the above biologics hinder different aspects of these pathways.(citazione necessaria)

Another treatment for moderate to severe psoriasis is fumaric acid esters (FAE) which may be similar in effectiveness to methotrexate.(93)

Chirurgia(modificare)

Limited evidence suggests removal of the tonsils may benefit people with chronic plaque psoriasis, guttate psoriasis, and palmoplantar pustulosis.(94)(95)

Diet(modificare)

Uncontrolled studies have suggested that individuals with psoriasis or psoriatic arthritis may benefit from a diet supplemented with fish oil rich in eicosapentaenoic acid (EPA) and docosahexaenoic acid (DHA).(96) A low-calorie diet appears to improve the severity of psoriasis.(37) Diet recommendations include consumption of cold water fish (preferably wild fish, not farmed) such as salmon, herring, and mackerel; extra virgin olive oil; legumes; vegetables; fruits; and whole grains; and avoid consumption of alcohol, red meat, and dairy products (due to their saturated fat). The effect of consumption of caffeine (including coffee, black tea, mate, and dark chocolate) remains to be determined.(97)

There is a higher rate of celiac disease among people with psoriasis.(97)(98) When adopting a gluten-free diet, disease severity generally decreases in people with celiac disease and those with anti-gliadin antibodies.(96)(99)(100)

Prognosis(modificare)

Most people with psoriasis experience nothing more than mild skin lesions that can be treated effectively with topical therapies.(68)

Psoriasis is known to have a negative impact on the quality of life of both the affected person and the individual's family members.(32) Depending on the severity and location of outbreaks, individuals may experience significant physical discomfort and some disability. Itching and pain can interfere with basic functions, such as self-care and sleep.(47) Participation in sporting activities, certain occupations, and caring for family members can become difficult activities for those with plaques located on their hands and feet.(47) Plaques on the scalp can be particularly embarrassing, as flaky plaque in the hair can be mistaken for dandruff.(101)

Individuals with psoriasis may feel self-conscious about their appearance and have a poor self-image that stems from fear of public rejection and psychosexual concerns. Psoriasis has been associated with low self-esteem and depression is more common among those with the condition.(3) People with psoriasis often feel prejudiced against due to the commonly held incorrect belief that psoriasis is contagious.(47) Psychological distress can lead to significant depression and social isolation; a high rate of thoughts about suicide has been associated with psoriasis.(21) Many tools exist to measure the quality of life of people with psoriasis and other dermatological disorders. Clinical research has indicated individuals often experience a diminished quality of life.(102) Children with psoriasis may encounter bullying.(103)

Several conditions are associated with psoriasis. These occur more frequently in older people. Nearly half of individuals with psoriasis over the age of 65 have at least three comorbidities (concurrent conditions), and two-thirds have at least two comorbidities.(104)

Cardiovascular disease(modificare)

Psoriasis has been associated with obesity(3) and several other cardiovascular and metabolic disturbances. The number of new cases per year of diabetes is 27% higher in people affected by psoriasis than in those without the condition.(105) Severe psoriasis may be even more strongly associated with the development of diabetes than mild psoriasis.(105) Younger people with psoriasis may also be at increased risk for developing diabetes.(104)(106) Individuals with psoriasis or psoriatic arthritis have a slightly higher risk of heart disease and heart attacks when compared to the general population. Cardiovascular disease risk appeared to be correlated with the severity of psoriasis and its duration. There is no strong evidence to suggest that psoriasis is associated with an increased risk of death from cardiovascular events. Methotrexate may provide a degree of protection for the heart.(36)(104)

The odds of having hypertension are 1.58 times higher in people with psoriasis than those without the condition; these odds are even higher with severe cases of psoriasis. A similar association was noted in people who have psoriatic arthritis—the odds of having hypertension were found to be 2.07 times greater when compared to odds of the general population. The link between psoriasis and hypertension is not currently(when?) understood. Mechanisms hypothesized to be involved in this relationship include the following: dysregulation of the renin–angiotensin system, elevated levels of endothelin 1 in the blood, and increased oxidative stress.(106)(107) The number of new cases of the heart rhythm abnormality atrial fibrillation is 1.31 times higher in people with mild psoriasis and 1.63 times higher in people with severe psoriasis.(108) There may be a slightly increased risk of stroke associated with psoriasis, especially in severe cases.(36)(109) Treating high levels of cholesterol with statins has been associated with decreased psoriasis severity, as measured by PASI score, and has also been associated with improvements in other cardiovascular disease risk factors such as markers of inflammation.(110) These cardioprotective effects are attributed to ability of statins to improve blood lipid profile and because of their anti-inflammatory effects. Statin use in those with psoriasis and hyperlipidemia was associated with decreased levels of high-sensitivity C-reactive protein and TNFα as well as decreased activity of the immune protein LFA-1.(110) Compared to individuals without psoriasis, those affected by psoriasis are more likely to satisfy the criteria for metabolic syndrome.(18)(108)

Other diseases(modificare)

The rates of Crohn disease and ulcerative colitis are increased when compared with the general population, by a factor of 3.8 and 7.5 respectively.(3) People with psoriasis also have a higher risk of celiac disease.(97)(100) Few studies have evaluated the association of multiple sclerosis with psoriasis, and the relationship has been questioned.(3)(111) Psoriasis has been associated with a 16% increase in overall relative risk for non-skin cancer.(36) People with psoriasis have a 52% increased risk cancers of the lung and bronchus, a 205% increase in the risk of developing cancers of the upper gastrointestinal tract, a 31% increase in the risk of developing cancers of the urinary tract, a 90% increase in the risk of developing liver cancer, and a 46% increase in the risk of developing pancreatic cancer.(36) The risk for development of non-melanoma skin cancers is also increased. Psoriasis increases the risk of developing squamous cell carcinoma of the skin by 431% and increases the risk of basal cell carcinoma by 100%.(36) There is no increased risk of melanoma associated with psoriasis.(36) People with psoriasis have a higher risk of developing cancer.(112)

Epidemiologia(modificare)

Psoriasis is estimated to affect 2–4% of the population of the western world.(8) The rate of psoriasis varies according to age, region and ethnicity; a combination of environmental and genetic factors is thought to be responsible for these differences.(8) It can occur at any age, although it most commonly appears for the first time between the ages of 15 and 25 years. Approximately one third of people with psoriasis report being diagnosed before age 20.(113) Psoriasis affects both sexes equally.(58)

Psoriasis affects about 6.7 million Americans and occurs more frequently in adults.(5)

People with inflammatory bowel disease such as Crohn disease or ulcerative colitis are at an increased risk of developing psoriasis.(44) Psoriasis is more common in countries farther from the equator.(44) Persons of white European ancestry are more likely to have psoriasis and the condition is relatively uncommon in African Americans and extremely uncommon in Native Americans.(45)

History(modificare)

Scholars believe psoriasis to have been included among the various skin conditions called tzaraath (translated as leprosy) in the Hebrew Bible, a condition imposed as a punishment for slander. The person was deemed “impure” (see tumah and taharah) during their afflicted phase and is ultimately treated by the kohen.(114) However, it is more likely that this confusion arose from the use of the same Greek term for both conditions. The Greeks used the term lepra (λεπρα) for scaly skin conditions. They used the term psora to describe itchy skin conditions.(114) It became known as Willan's lepra in the late 18th century when English dermatologists Robert Willan and Thomas Bateman differentiated it from other skin diseases. Leprosy, they said, is distinguished by the regular, circular form of patches, while psoriasis is always irregular. Willan identified two categories: leprosa graecorum e psora leprosa.(115)

Psoriasis is thought to have first been described in Ancient Rome by Cornelius Celsus.(116) The British dermatologist Thomas Bateman described a possible link between psoriasis and arthritic symptoms in 1813.(116)

The history of psoriasis is littered with treatments of dubious effectiveness and high toxicity. In the 18th and 19th centuries, Fowler's solution, which contains a poisonous and carcinogenic arsenic compound, was used by dermatologists as a treatment for psoriasis.(114) Mercury was also used for psoriasis treatment during this time period.(114) Sulfur, iodine, and phenol were also commonly used treatments for psoriasis during this era when it was incorrectly believed that psoriasis was an infectious disease.(114) Coal tars were widely used with ultraviolet light irradiation as a topical treatment approach in the early 1900s.(114)(117) During the same time period, psoriatic arthritis cases were treated with intravenously administered gold preparations in the same manner as rheumatoid arthritis.(117) All of these treatments have been replaced with modern topical and systemic therapies.

Etymology(modificare)

The word psoriasis is from Greek ψωρίασις, meaning “itching condition” or “being itchy”(118) from psora, “itch” and -iasis, “action, condition”.

Society and culture(modificare)

The International Federation of Psoriasis Associations (IFPA) is the global umbrella organization for national and regional psoriasis associations and also gathers the leading experts in psoriasis and psoriatic arthritis research for scientific conferences every three years.(119) The Psoriasis International Network, a program of the Fondation René Touraine, gathers dermatologists, rheumatologists and other caregivers involved in the management of psoriasis.
Non-profit organizations the National Psoriasis Foundation in the United States, the Psoriasis Association in the United Kingdom and Psoriasis Australia offer advocacy and education about psoriasis in their respective countries.

Costo(modificare)

The annual cost for treating psoriasis in the United States is estimated as high as $32.5 billion, including $12.2 billion in direct costs. Pharmacy costs are the main source of direct expense, with biologic therapy the most prevalent. These costs increase significantly when co-morbid conditions such as heart disease, hypertension, diabetes, lung disease and psychiatric disorders are factored in. Expenses linked to co-morbidities are estimated at an additional $23,000 per person per year.(120)

Research(modificare)

The role of insulin resistance in the pathogenesis of psoriasis is under investigation. Preliminary research has suggested that antioxidants such as polyphenols may have beneficial effects on the inflammation characteristic of psoriasis.(121)

Many novel medications being researched(when?) target the Th17/IL-23 axis,(121) particularly IL-23p19 inhibitors, as IL-23p19 is present in increased concentrations in psoriasis skin lesions while contributing less to protection against opportunistic infections.(122) Other cytokines such as IL-17 and IL-22 also have been targets for inhibition as they play important roles in the pathogenesis of psoriasis.(122) Another avenue of research has focused on the use of vascular endothelial growth factor inhibitors to treat psoriasis.(60) Oral agents being investigated(when?) as alternatives to medications administered by injection include Janus kinase inhibitors, protein kinase C inhibitors, mitogen-activated protein kinase inhibitors, and phosphodiesterase 4 inhibitors, all of which have proven effective in various phase 2 and 3 clinical trials.(121)(122) These agents have potentially severe side-effects due to their immunosuppressive mechanisms.(122)

Riferimenti(modificare)

  1. ^ Jones D (2003) (1917). Peter Roach, James Hartmann, Jane Setter (eds.). English Pronouncing Dictionary. Cambridge: Cambridge University Press. ISBN 978-3-12-539683-8.
  2. ^ “Psoriasis”. Merriam-Webster Dictionary.
  3. ^ un' B c d e f g h i j k Menter A, Gottlieb A, Feldman SR, et al. (May 2008). “Guidelines of care for the management of psoriasis and psoriatic arthritis: Section 1. Overview of psoriasis and guidelines of care for the treatment of psoriasis with biologics”. Journal of the American Academy of Dermatology. 58 (5): 826–50. doi:10.1016/j.jaad.2008.02.039. PMID 18423260.
  4. ^ un' B c d e f g h i j k l m n o p q r Boehncke WH, Schön MP (September 2015). “Psoriasis”. Lancet. 386 (9997): 983–94. doi:10.1016/S0140-6736(14)61909-7. PMID 26025581.
  5. ^ un' B c “Questions and Answers About Psoriasis”. www.niams.nih.gov. 12 April 2017. Archived from the original on 22 April 2017. Estratto 22 April 2017.
  6. ^ un' B c d e f g h “Questions and Answers about Psoriasis”. National Institute of Arthritis and Musculoskeletal and Skin Diseases. October 2013. Archived from the original on 8 July 2015. Estratto 1 July 2015.
  7. ^ GBD 2015 Disease and Injury Incidence and Prevalence Collaborators (8 October 2016). “Global, regional, and national incidence, prevalence, and years lived with disability for 310 diseases and injuries, 1990-2015: a systematic analysis for the Global Burden of Disease Study 2015”. Lancet. 388 (10053): 1545–1602. doi:10.1016/S0140-6736(16)31678-6. PMC 5055577. PMID 27733282.
  8. ^ un' B c d Parisi R, Symmons DP, Griffiths CE, et al. (February 2013). Identification and Management of Psoriasis and Associated ComorbidiTy (IMPACT) project team. “Global epidemiology of psoriasis: a systematic review of incidence and prevalence”. Journal of Investigative Dermatology. 133 (2): 377–85. doi:10.1038/jid.2012.339. PMID 23014338.
  9. ^ LeMone P, Burke K, Dwyer T, Levett-Jones T, Moxham L, Reid-Searl K (2015). Medical-Surgical Nursing. Pearson Higher Education AU. p. 454. ISBN 9781486014408.
  10. ^ Ely JW, Seabury Stone M (March 2010). “The generalized rash: part II. Diagnostic approach”. American Family Physician. 81 (6): 735–9. PMID 20229972. Archived from the original on 2 February 2014.
  11. ^ un' B c d e f g h i Jain S (2012). Dermatology : illustrated study guide and comprehensive board review. Springer. pp. 83–87. ISBN 978-1-4419-0524-6. Archived from the original on 8 September 2017.
  12. ^ un' B c d e Palfreeman AC, McNamee KE, McCann FE (March 2013). “New developments in the management of psoriasis and psoriatic arthritis: a focus on apremilast”. Drug Design, Development and Therapy. 7: 201–210. doi:10.2147/DDDT.S32713. PMC 3615921. PMID 23569359.
  13. ^ Colledge, N.R., Walker, B.R., Ralston, S.H., eds. (2010). Davidson's principles and practice of medicine (21st ed.). Edinburgh: Churchill Livingstone/Elsevier. pp. 1260–1. ISBN 978-0-7020-3084-0.
  14. ^ un' B Zattra E, Belloni Fortina A, Peserico A, et al. (May 2012). “Erythroderma in the era of biological therapies”. European Journal of Dermatology. 22 (2): 167–71. doi:10.1684/ejd.2011.1569. PMID 22321651.
  15. ^ Stanway A. “Erythrodermic psoriasis”. DermNet NZ. Archived from the original on 2 February 2014. Estratto 16 March 2014.
  16. ^ un' B James, William, Berger, Timothy, Elston, Dirk (2005). Andrews' Diseases of the Skin: Clinical Dermatology (10th ed.). Saunders. pp. 191–7. ISBN 978-0-7216-2921-6.
  17. ^ Robinson A, Van Voorhees AS, Hsu S, et al. (2012). “Treatment of pustular psoriasis: From the Medical Board of the National Psoriasis Foundation”. Journal of the American Academy of Dermatology. 67 (2): 279–88. doi:10.1016/j.jaad.2011.01.032. PMID 22609220.
  18. ^ un' B c d e f g h Raychaudhuri SK, Maverakis E, Raychaudhuri SP (January 2014). “Diagnosis and classification of psoriasis”. Autoimmunity Reviews. 13 (4–5): 490–5. doi:10.1016/j.autrev.2014.01.008. PMID 24434359.
  19. ^ un' B c d Weigle N, McBane S (May 2013). “Psoriasis”. American Family Physician. 87 (9): 626–33. PMID 23668525.
  20. ^ un' B c d Gudjonsson JE, Elder JT, Goldsmith LA, et al. (2012). “18: Psoriasis”. Fitzpatrick's Dermatology in General Medicine (8th ed.). McGraw-Hill. ISBN 978-0-07-166904-7.
  21. ^ un' B Gelmetti C (January 2009). “Therapeutic moisturizers as adjuvant therapy for psoriasis patients”. American Journal of Clinical Dermatology. 10 (Suppl 1): 7–12. doi:10.2165/0128071-200910001-00002. PMID 19209948.
  22. ^ un' B c Yesudian PD, Chalmers RJ, Warren RB, Griffiths CE (January 2012). “In search of oral psoriasis”. Archives of Dermatological Research. 304 (1): 1–5. doi:10.1007/s00403-011-1175-3. PMID 21927905.
  23. ^ Greenberg MS, Glick M, Ship JA, eds. (2008). Burket's oral medicine (11th ed.). Hamilton, Ont: BC Decker. pp. 103–4. ISBN 978-1-55009-345-2.
  24. ^ Reamy BV, Derby R, Bunt CW (March 2010). “Common tongue conditions in primary care”. American Family Physician. 81 (5): 627–34. PMID 20187599.
  25. ^ un' B Chimenti MS, Saraceno R, Chiricozzi A, et al. (April 2013). “Profile of certolizumab and its potential in the treatment of psoriatic arthritis”. Drug Design, Development and Therapy. 7: 339–48. doi:10.2147/DDDT.S31658. PMC 3633576. PMID 23620660.
  26. ^ un' B Goldenstein-Schainberg C, Favarato MH, Ranza R (January–February 2012). “Current and relevant concepts in psoriatic arthritis” (PDF). Revista Brasileira de Reumatologia. 52 (1): 98–106. doi:10.1590/s0482-50042012000100010. PMID 22286649. Archived (PDF) from the original on 13 April 2014.
  27. ^ Krawczyk-Wasielewska A, Skorupska E, Samborski W (April 2013). “Sacroiliac joint pain as an important element of psoriatic arthritis diagnosis”. Advances in Dermatology and Allergology. 30 (2): 108–12. doi:10.5114/pdia.2013.34161. PMC 3834688. PMID 24278057.
  28. ^ un' B Tan ES, Chong WS, Tey HL (December 2012). “Nail psoriasis: a review”. American Journal of Clinical Dermatology. 13 (6): 375–88. doi:10.2165/11597000-000000000-00000. PMID 22784035.
  29. ^ Krueger G, Ellis CN (2005). “Psoriasis—recent advances in understanding its pathogenesis and treatment”. Journal of the American Academy of Dermatology. 53 (1 Suppl 1): S94–100. doi:10.1016/j.jaad.2005.04.035. PMID 15968269.
  30. ^ un' B c d e f g h i j k l m n Nestle FO, Kaplan DH, Barker J (2009). “Psoriasis”. New England Journal of Medicine. 361 (5): 496–509. doi:10.1056/NEJMra0804595. PMID 19641206.
  31. ^ Catherine H, Smith (17 August 2006). “Psoriasis and its management”. BMJ. 333 (7564): 380–384. doi:10.1136/bmj.333.7564.380. PMC 1550454. PMID 16916825. Archived from the original on 9 August 2016. Estratto 8 October 2015.
  32. ^ un' B c d e f g Prieto-Pérez R, Cabaleiro T, Daudén E, et al. (August 2013). “Genetics of Psoriasis and Pharmacogenetics of Biological Drugs”. Autoimmune Diseases. 2013 (613086): 613086. doi:10.1155/2013/613086. PMC 3771250. PMID 24069534.
  33. ^ Jordan CT, Cao L, Roberson ED, et al. (May 2012). “Rare and common variants in CARD14, encoding an epidermal regulator of NF-kappaB, in psoriasis”. The American Journal of Human Genetics. 90 (5): 796–808. doi:10.1016/j.ajhg.2012.03.013. PMC 3376540. PMID 22521419.
  34. ^ Jordan CT, Cao L, Roberson ED, et al. (May 2012). “PSORS2 is due to mutations in CARD14”. The American Journal of Human Genetics. 90 (5): 784–795. doi:10.1016/j.ajhg.2012.03.012. PMC 3376640. PMID 22521418.
  35. ^ un' B Clarke P (July 2011). “Psoriasis” (PDF). Australian Family Physician. 40 (7): 468–73. PMID 21743850.
  36. ^ un' B c d e f g h Richard MA, Barnetche T, Horreau C, et al. (August 2013). “Psoriasis, cardiovascular events, cancer risk and alcohol use: evidence-based recommendations based on systematic review and expert opinion”. Journal of the European Academy of Dermatology and Venereology. 27 (Supplement 3): 2–11. doi:10.1111/jdv.12162. PMID 23845148.
  37. ^ un' B c Ko SH, Chi CC, Yeh ML, et al. (16 July 2019). “Lifestyle changes for treating psoriasis”. Cochrane Database Syst Rev. 7: CD011972. doi:10.1002/14651858.CD011972.pub2. PMC 6629583. PMID 31309536. CD011972.
  38. ^ un' B c Cedeno-Laurent F, Gómez-Flores M, Mendez N, et al. (January 2011). “New insights into HIV-1-primary skin disorders”. Journal of the International AIDS Society. 14 (5): 5. doi:10.1186/1758-2652-14-5. PMC 3037296. PMID 21261982.
  39. ^ Fife DJ, Waller JM, Jeffes EW, et al. (May 2007). “Unraveling the Paradoxes of HIV-associated Psoriasis: A Review of T-cell Subsets and Cytokine Profiles”. Dermatology Online Journal. 13 (2). Archived from the original on 21 April 2008.
  40. ^ un' B Wong T, Hsu L, Liao W (January–February 2013). “Phototherapy in psoriasis: a review of mechanisms of action”. Journal of Cutaneous Medicine and Surgery. 17 (1): 6–12. doi:10.2310/7750.2012.11124. PMC 3736829. PMID 23364144.
  41. ^ Martin DA, Towne JE, Kricorian G, et al. (January 2013). “The emerging role of IL-17 in the pathogenesis of psoriasis: preclinical and clinical findings”. Journal of Investigative Dermatology. 133 (1): 17–26. doi:10.1038/jid.2012.194. PMC 3568997. PMID 22673731.
  42. ^ “Images of Memorable Cases: Case 34”. Connexions. Rice University. This AIDS patient presented with a pruritic eruption over most of his body
  43. ^ Fry, L; Baker, BS (2007). “Triggering psoriasis: the role of infections and medications”. Clinics in Dermatology. 25 (6): 606–15. doi:10.1016/j.clindermatol.2007.08.015. PMID 18021899.
  44. ^ un' B c Guerra I, Gisbert JP (January 2013). “Onset of psoriasis in patients with inflammatory bowel disease treated with anti-TNF agents”. Expert Review of Gastroenterology & Hepatology. 7 (1): 41–8. doi:10.1586/egh.12.64. PMID 23265148.
  45. ^ un' B c d e Weller R, John AA Hunter, John Savin, Mark Dahl (2008). Clinical dermatology (4th ed.). Malden, MA: Blackwell. pp. 54–70. ISBN 978-1-4443-0009-3.
  46. ^ un' B c Ouyang W (December 2010). “Distinct roles of IL-22 in human psoriasis and inflammatory bowel disease”. Cytokine & Growth Factor Reviews. 21 (6): 435–41. doi:10.1016/j.cytogfr.2010.10.007. PMID 21106435.
  47. ^ un' B c d Parrish L. (2012). “Psoriasis: symptoms, treatments and its impact on quality of life”. British Journal of Community Nursing. 17 (11): 524–528. doi:10.12968/bjcn.2012.17.11.524. PMID 23124421.
  48. ^ Baliwag, Jaymie; Barnes, Drew H.; Johnston, Andrew (1 June 2015). “Cytokines in psoriasis”. Cytokine. Skin Disease, Immune Response and Cytokines. 73 (2): 342–350. doi:10.1016/j.cyto.2014.12.014. PMC 4437803. PMID 25585875.
  49. ^ Roberson ED, Bowcock AM (September 2010). “Psoriasis genetics: breaking the barrier”. Trends in Genetics. 26 (9): 415–23. doi:10.1016/j.tig.2010.06.006. PMC 2957827. PMID 20692714.
  50. ^ Ramos-e-Silva M; Jacques Cd (May–June 2012). “Epidermal barrier function and systemic diseases”. Clinics in Dermatology. 30 (3): 277–9. doi:10.1016/j.clindermatol.2011.08.025. PMID 22507041.
  51. ^ un' B Dombrowski Y, Schauber J (May 2012). “Cathelicidin LL-37: a defense molecule with a potential role in psoriasis pathogenesis”. Experimental Dermatology. 21 (5): 327–30. doi:10.1111/j.1600-0625.2012.01459.x. PMID 22509827.
  52. ^ un' B c Mudigonda P, Mudigonda T, Feneran AN, et al. (October 2012). “Interleukin-23 and interleukin-17: importance in pathogenesis and therapy of psoriasis”. Dermatology Online Journal. 18 (10): 1. PMID 23122008. Archived from the original on 31 March 2016.
  53. ^ Giang, Jenny; Seelen, Marc A. J.; van Doorn, Martijn B. A.; Rissmann, Robert; Prens, Errol P.; Damman, Jeffrey (2018). “Complement Activation in Inflammatory Skin Diseases”. Frontiers in Immunology. 9: 639. doi:10.3389/fimmu.2018.00639. ISSN 1664-3224. PMC 5911619. PMID 29713318.
  54. ^ Johnson MA, Armstrong AW (2012). “Clinical and Histologic Diagnostic Guidelines for Psoriasis: A Critical Review”. Clinical Reviews in Allergy & Immunology. 44 (2): 166–72. doi:10.1007/s12016-012-8305-3. PMID 22278173.
  55. ^ Kunz M, Ibrahim SM (2009). “Cytokines and cytokine profiles in human autoimmune diseases and animal models of autoimmunity”. Mediators of Inflammation. 2009: 1–20. doi:10.1155/2009/979258. PMC 2768824. PMID 19884985.
  56. ^ “Application to Dermatology of International Classification of Disease (ICD-10)”. The International League of Dermatological Societies. Archived from the original on 9 July 2006.
  57. ^ Freedberg, Irwin M., Fitzpatrick, Thomas B. (2003). Fitzpatrick's dermatology in general medicine (6th ed.). McGraw-Hill. p. 414. ISBN 978-0-07-138076-8.
  58. ^ un' B Kupetsky EA, Keller M (November–December 2013). “Psoriasis vulgaris: an evidence-based guide for primary care”. The Journal of the American Board of Family Medicine. 26 (6): 787–801. doi:10.3122/jabfm.2013.06.130055. PMID 24204077.
  59. ^ Griffiths CE, Christophers E, Barker JN, et al. (February 2007). “A classification of psoriasis vulgaris according to phenotype”. British Journal of Dermatology. 156 (2): 258–62. doi:10.1111/j.1365-2133.2006.07675.x. PMID 17223864.
  60. ^ un' B Weidemann AK, Crawshaw AA, Byrne E, et al. (September 2013). “Vascular endothelial growth factor inhibitors: investigational therapies for the treatment of psoriasis”. Clinical, Cosmetic and Investigational Dermatology. 6: 233–44. doi:10.2147/CCID.S35312. PMC 3790838. PMID 24101875.
  61. ^ Han R, Rostami-Yazdi M, Gerdes S, et al. (September 2013). “Triptolide in the treatment of psoriasis and other immune-mediated inflammatory diseases”. British Journal of Clinical Pharmacology. 74 (3): 424–36. doi:10.1111/j.1365-2125.2012.04221.x. PMC 3477344. PMID 22348323.
  62. ^ Quatresooz P, Hermanns-Lê T, Piérard GE, et al. (June 2012). “Ustekinumab in psoriasis immunopathology with emphasis on the Th17-IL23 axis: a primer”. Journal of Biomedicine and Biotechnology. 2012 (147413): 147413. doi:10.1155/2012/147413. PMC 3384985. PMID 22754278.
  63. ^ un' B Mrowietz U, Kragballe K, Reich K, et al. (January 2011). “Definition of treatment goals for moderate to severe psoriasis: a European consensus”. Archives of Dermatological Research. 303 (1): 1–10. doi:10.1007/s00403-010-1080-1. PMC 3016217. PMID 20857129.
  64. ^ Mease PJ (November 2011). “Measures of psoriatic arthritis: Tender and Swollen Joint Assessment, Psoriasis Area and Severity Index (PASI), Nail Psoriasis Severity Index (NAPSI), Modified Nail Psoriasis Severity Index (mNAPSI), Mander/Newcastle Enthesitis Index (MEI), Leeds Enthesitis Index (LEI), Spondyloarthritis Research Consortium of Canada (SPARCC), Maastricht Ankylosing Spondylitis Enthesis Score (MASES), Leeds Dactylitis Index (LDI), Patient Global for Psoriatic Arthritis, Dermatology Life Quality Index (DLQI), Psoriatic Arthritis Quality of Life (PsAQOL), Functional Assessment of Chronic Illness Therapy-Fatigue (FACIT-F), Psoriatic Arthritis Response Criteria (PsARC), Psoriatic Arthritis Joint Activity Index (PsAJAI), Disease Activity in Psoriatic Arthritis (DAPSA), and Composite Psoriatic Disease Activity Index (CPDAI)”. Arthritis Care & Research. 63 (Supplement 11): S64–85. doi:10.1002/acr.20577. PMID 22588772.
  65. ^ “Psoriasis Update”. Skin & Aging. 14 (3): 46–50. 2006. Archived from the original on 2 March 2011.
  66. ^ Louden BA, Pearce DJ, Lang W, et al. (2004). “A Simplified Psoriasis Area Severity Index (SPASI) for rating psoriasis severity in clinic patients”. Dermatology Online Journal. 10 (2): 7. PMID 15530297.
  67. ^ un' B c d e Menter A, Griffiths CE (July 2007). “Current and future management of psoriasis”. Lancet. 370 (9583): 272–84. doi:10.1016/S0140-6736(07)61129-5. PMID 17658398.
  68. ^ un' B Samarasekera EJ, Sawyer L, Wonderling D, et al. (2013). “Topical therapies for the treatment of plaque psoriasis: systematic review and network meta-analyses”. British Journal of Dermatology. 168 (5): 954–67. doi:10.1111/bjd.12276. PMID 23413913.
  69. ^ un' B Mason AR, Mason J, Cork M, et al. (March 2013). “Topical treatments for chronic plaque psoriasis” (PDF). Cochrane Database Syst Rev (3): CD005028. doi:10.1002/14651858.CD005028.pub3. PMID 23543539. CD005028.
  70. ^ un' B Schlager JG, Rosumeck S, Werner RN, et al. (26 February 2016). “Topical treatments for scalp psoriasis”. Cochrane Database Syst Rev. 2 (2): CD009687. doi:10.1002/14651858.CD009687.pub2. ISSN 1469-493X. PMID 26915340. CD009687.
  71. ^ un' B Asztalos ML, Heller MM, Lee ES, et al. (May 2013). “The impact of emollients on phototherapy: a review”. Journal of the American Academy of Dermatology. 68 (5): 817–24. doi:10.1016/j.jaad.2012.05.034. PMID 23399460.
  72. ^ Menter A, Korman NJ, Elmets CA, et al. (2009). “Guidelines of care for the management of psoriasis and psoriatic arthritis: Section 3. Guidelines of care for the management and treatment of psoriasis with topical therapies”. Journal of the American Academy of Dermatology. 60 (4): 643–59. doi:10.1016/j.jaad.2008.12.032. PMID 19217694.
  73. ^ Soleymani, T; Hung, T; Soung, J (April 2015). “The role of vitamin D in psoriasis: a review”. International Journal of Dermatology. 54 (4): 383–92. doi:10.1111/ijd.12790. PMID 25601579.
  74. ^ un' B c Halverstam CP, Lebwohl M (September–October 2008). “Nonstandard and off-label therapies for psoriasis”. Clinics in Dermatology. 26 (5): 546–53. doi:10.1016/j.clindermatol.2007.10.023. PMID 18755374.
  75. ^ un' B c Katz U, Shoenfeld Y, Zakin V, et al. (October 2012). “Scientific evidence of the therapeutic effects of dead sea treatments: a systematic review”. Seminars in Arthritis and Rheumatism. 42 (2): 186–200. doi:10.1016/j.semarthrit.2012.02.006. PMID 22503590.
  76. ^ un' B c Dogra S, De D (November–December 2010). “Narrowband ultraviolet B in the treatment of psoriasis: the journey so far!”. Indian Journal of Dermatology, Venereology, and Leprology. 76 (6): 652–61. doi:10.4103/0378-6323.72461. PMID 21079308.
  77. ^ Chen X, Yang M, Cheng Y, et al. (23 October 2013). “Narrow-band ultraviolet B phototherapy versus broad-band ultraviolet B or psoralen-ultraviolet A photochemotherapy for psoriasis”. Cochrane Database Syst Rev (10): CD009481. doi:10.1002/14651858.CD009481.pub2. ISSN 1465-1858. PMID 24151011. CD009481.
  78. ^ un' B Radack, KP; Farhangian, ME; Anderson, KL; Feldman, SR (March 2015). “A review of the use of tanning beds as a dermatological treatment”. Dermatology and Therapy. 5 (1): 37–51. doi:10.1007/s13555-015-0071-8. PMC 4374067. PMID 25735439.
  79. ^ World Health Organization (15 June 2017). Artificial tanning devices: public health interventions to manage sunbeds. World Health Organization (WHO). hdl:10665/255695. ISBN 9789241512596.
  80. ^ Lapolla W, Yentzer BA, Bagel J, et al. (May 2011). “A review of phototherapy protocols for psoriasis treatment”. Journal of the American Academy of Dermatology. 64 (5): 936–49. doi:10.1016/j.jaad.2009.12.054. PMID 21429620.
  81. ^ Dunn LK, Gaar LR, Yentzer BA, et al. (July 2011). “Acitretin in dermatology: a review”. Journal of Drugs in Dermatology. 10 (7): 772–82. PMID 21720660.
  82. ^ un' B Dogra S, Mahajan R (August 2013). “Systemic methotrexate therapy for psoriasis: past, present and future”. Clinical and Experimental Dermatology. 38 (6): 573–88. doi:10.1111/ced.12062. PMID 23837932.
  83. ^ un' B c d e f g Rustin, MH (November 2012). “Long-term safety of biologics in the treatment of moderate-to-severe plaque psoriasis: review of current data”. British Journal of Dermatology. 167 (Suppl 3): 3–11. doi:10.1111/j.1365-2133.2012.11208.x. PMID 23082810.
  84. ^ “Learning module: Psoriasis | American Academy of Dermatology”. www.aad.org. Archived from the original on 27 March 2017. Estratto 26 March 2017.
  85. ^ un' B Griffiths, CE (November 2012). “Biologics for psoriasis: current evidence and future use”. British Journal of Dermatology. 167 (Suppl 3): 1–2. doi:10.1111/j.1365-2133.2012.11207.x. PMID 23082809.
  86. ^ Farahnik, B; Beroukhim, K; Zhu, TH; Abrouk, M; Nakamura, M; Singh, R; Lee, K; Bhutani, T; Koo, J (March 2016). “Ixekizumab for the Treatment of Psoriasis: A Review of Phase III Trials”. Dermatology and Therapy. 6 (1): 25–37. doi:10.1007/s13555-016-0102-0. PMC 4799032. PMID 26910853.
  87. ^ Hueber W, Patel DD, Dryja T, et al. (October 2010). “Effects of AIN457, a fully human antibody to interleukin-17A, on psoriasis, rheumatoid arthritis, and uveitis”. Science Translational Medicine. 2 (52): 52ra72. doi:10.1126/scitranslmed.3001107. PMID 20926833.
  88. ^ Novel Drug Approvals for 2017 Archived 2017-06-29 at the Wayback Machine
  89. ^ Sanclemente G, Murphy R, Contreras J, et al. (24 November 2015). “Anti-TNF agents for paediatric psoriasis”. Cochrane Database Syst Rev (11): CD010017. doi:10.1002/14651858.CD010017.pub2. ISSN 1465-1858. PMC 6493213. PMID 26598969. CD010017.
  90. ^ Harding FA, Stickler MM, Razo J, et al. (2010). “The immunogenicity of humanized and fully human antibodies: residual immunogenicity resides in the CDR regions”. mAbs. 2 (3): 256–65. doi:10.4161/mabs.2.3.11641. PMC 2881252. PMID 20400861.
  91. ^ un' B Sbidian E, Chaimani A, Garcia-Doval I, et al. (22 December 2017). “Systemic pharmacological treatments for chronic plaque psoriasis: a network meta-analysis”. Cochrane Database Syst Rev. 12: CD011535. doi:10.1002/14651858.CD011535.pub2. ISSN 1465-1858. PMC 6486272. PMID 29271481. CD011535.
  92. ^ Campa M, Mansouri B, Warren R, et al. (March 2016). “A Review of Biologic Therapies Targeting IL-23 and IL-17 for Use in Moderate-to-Severe Plaque Psoriasis”. Dermatol Ther (Heidelb). 6 (1): 1–12. doi:10.1007/s13555-015-0092-3. PMC 4799039. PMID 26714681.
  93. ^ Atwan A, Ingram JR, Abbott R, et al. (10 August 2015). “Oral fumaric acid esters for psoriasis”. Cochrane Database Syst Rev (8): CD010497. doi:10.1002/14651858.CD010497.pub2. ISSN 1465-1858. PMC 6464505. PMID 26258748. CD010497.
  94. ^ Wu W, Debbaneh M, Moslehi H, et al. (December 2014). “Tonsillectomy as a treatment for psoriasis: a review”. Journal of Dermatological Treatment. 25 (6): 482–6. doi:10.3109/09546634.2013.848258. PMC 4620715. PMID 24283892.
  95. ^ Sigurdardottir SL, Thorleifsdottir RH, Valdimarsson H, et al. (February 2013). “The role of the palatine tonsils in the pathogenesis and treatment of psoriasis” (PDF). British Journal of Dermatology. 168 (2): 237–42. doi:10.1111/j.1365-2133.2012.11215.x. hdl:2027.42/96289. PMID 22901242.
  96. ^ un' B Kaimal S, Thappa DM (2010). “Diet in dermatology: revisited”. Indian Journal of Dermatology, Venereology, and Leprology. 76 (2): 103–15. doi:10.4103/0378-6323.60540. PMID 20228538.
  97. ^ un' B c Barrea L, Nappi F, Di Somma C, et al. (July 2016). “Environmental Risk Factors in Psoriasis: The Point of View of the Nutritionist”. International Journal of Environmental Research and Public Health. 13 (5): 743. doi:10.3390/ijerph13070743. PMC 4962284. PMID 27455297.
  98. ^ Ni C, Chiu MW (2014). “Psoriasis and comorbidities: links and risks”. Clinical, Cosmetic and Investigational Dermatology (Review). 7: 119–32. doi:10.2147/CCID.S44843. PMC 4000177. PMID 24790463.
  99. ^ Leffler DA, Green PH, Fasano A (October 2015). “Extraintestinal manifestations of coeliac disease”. Nature Reviews Gastroenterology & Hepatology (Review). 12 (10): 561–71. doi:10.1038/nrgastro.2015.131. PMID 26260366.
  100. ^ un' B Bhatia BK, Millsop JW, Debbaneh M, et al. (2014). “Diet and psoriasis, part II: celiac disease and role of a gluten-free diet”. Journal of the American Academy of Dermatology. 71 (2): 350–8. doi:10.1016/j.jaad.2014.03.017. PMC 4104239. PMID 24780176.
  101. ^ Dessinioti C, Katsambas A (2013). “Seborrheic dermatitis: etiology, risk factors, and treatments: facts and controversies”. Clinics in Dermatology. 31 (4): 343–51. doi:10.1016/j.clindermatol.2013.01.001. PMID 23806151.
  102. ^ Bhosle MJ, Kulkarni A, Feldman SR, et al. (2006). “Quality of life in patients with psoriasis”. Health and Quality of Life Outcomes. 4: 35. doi:10.1186/1477-7525-4-35. PMC 1501000. PMID 16756666.
  103. ^ Magin, P (January–February 2013). “Appearance-related bullying and skin disorders”. Clinics in Dermatology. 31 (1): 66–71. doi:10.1016/j.clindermatol.2011.11.009. PMID 23245976.
  104. ^ un' B c Habif TP (2010). “8”. Clinical dermatology a color guide to diagnosis and therapy (5th ed.). Edinburgh: Mosby Elsevier. ISBN 978-0-323-08037-8.
  105. ^ un' B Shlyankevich J, Mehta NN, Krueger JG, et al. (December 2014). “Accumulating Evidence for the Association and Shared Pathogenic Mechanisms Between Psoriasis and Cardiovascular-related Comorbidities”. The American Journal of Medicine. 127 (12): 1148–53. doi:10.1016/j.amjmed.2014.08.008. PMC 4259841. PMID 25149424.
  106. ^ un' B Armstrong AW, Harskamp CT, Armstrong EJ (January 2013). “Psoriasis and the risk of diabetes mellitus: a systematic review and meta-analysis”. JAMA Dermatology. 149 (1): 84–91. doi:10.1001/2013.jamadermatol.406. PMID 23407990.
  107. ^ Armstrong AW, Harskamp CT, Armstrong EJ (2013). “The association between psoriasis and hypertension: a systematic review and meta-analysis of observational studies”. Journal of Hypertension. 31 (3): 433–42. doi:10.1097/HJH.0b013e32835bcce1. PMID 23249828.
  108. ^ un' B Tablazon IL, Al-Dabagh A, Davis SA, et al. (February 2013). “Risk of cardiovascular disorders in psoriasis patients: current and future”. American Journal of Clinical Dermatology. 14 (1): 1–7. doi:10.1007/s40257-012-0005-5. PMID 23329076.
  109. ^ “Psoriasis Linked to Stroke Risk”. BBC. August 2011. Archived from the original on 28 August 2011.
  110. ^ un' B Ghazizadeh R, Tosa M, Ghazizadeh M (2011). “Clinical Improvement in Psoriasis with Treatment of Associated Hyperlipidemia”. The American Journal of the Medical Sciences. 341 (5): 394–8. doi:10.1097/MAJ.0b013e3181ff8eeb. PMID 21233693.
  111. ^ Hsu LN, Armstrong AW (November 2012). “Psoriasis and autoimmune disorders: a review of the literature”. Journal of the American Academy of Dermatology. 67 (5): 1076–9. doi:10.1016/j.jaad.2012.01.029. PMID 23062896.
  112. ^ Trafford AM, Parisi R, Kontopantelis E, et al. (October 2019). “Association of Psoriasis With the Risk of Developing or Dying of Cancer: A Systematic Review and Meta-analysis”. JAMA Dermatol. doi:10.1001/jamadermatol.2019.3056. PMC 6802036. PMID 31617868. Lay summary – The New York Times (16 October 2019).
  113. ^ Benoit S, Hamm H (2007). “Childhood Psoriasis”. Clinics in Dermatology. 25 (6): 555–562. doi:10.1016/j.clindermatol.2007.08.009. PMID 18021892.
  114. ^ un' B c d e f Gruber F, Kastelan M, Brajac I (2004). “Psoriasis treatment—yesterday, today, and tomorrow”. Acta Dermatovenerologica Croatica. 12 (1): 30–4. PMID 15072746.
  115. ^ Meenan FO (March 1955). “A note on the history of psoriasis”. Irish Journal of Medical Science. 30 (351): 141–2. doi:10.1007/bf02949688. PMID 14353580.
  116. ^ un' B Benedek TG (June 2013). “Psoriasis and psoriatic arthropathy, historical aspects: part I”. Journal of Clinical Rheumatology. 19 (4): 193–8. doi:10.1097/RHU.0b013e318293eaeb. PMID 23669809.
  117. ^ un' B Benedek TG (June 2013). “Psoriasis and psoriatic arthropathy: historical aspects: part II”. Journal of Clinical Rheumatology. 19 (5): 267–71. doi:10.1097/RHU.0b013e31829d4ad4. PMID 23872545.
  118. ^ Ritchlin C, Fitzgerald, Oliver (2007). Psoriatic and Reactive Arthritis: A Companion to Rheumatology (1st ed.). Maryland Heights, MI: Mosby. p. 4. ISBN 978-0-323-03622-1. Archived from the original on 8 January 2017.
  119. ^ International Federation of Psoriasis Associations Archived 2008-11-21 at the Wayback Machine. Ifpa-pso.org. Retrieved on 2013-06-08.
  120. ^ Evans, C (June 2016). “Managed care aspects of psoriasis and psoriatic arthritis”. The American Journal of Managed Care. 22 (8 Suppl): s238–243. PMID 27356195. Archived from the original on 2 February 2017.
  121. ^ un' B c Dubois Declercq S, Pouliot R (July 2013). “Promising new treatments for psoriasis”. The Scientific World Journal. 2013 (980419): 980419. doi:10.1155/2013/980419. PMC 3713318. PMID 23935446.
  122. ^ un' B c d Patel M, Day A, Warren RB, et al. (December 2012). “Emerging Therapies for the Treatment of Psoriasis”. Dermatology and Therapy. 2 (1): 16. doi:10.1007/s13555-012-0016-4. PMC 3510410. PMID 23205338.

Further reading(modificare)

External links(modificare)

220 ms 19.3%
    Scribunto_LuaSandboxCallback::gsub 80 ms 7.0%
    Scribunto_LuaSandboxCallback::getAllExpandedArguments 80 ms 7.0%
    Scribunto_LuaSandboxCallback::getEntity 60 ms 5.3%
    Scribunto_LuaSandboxCallback::match 60 ms 5.3%
    type 60 ms 5.3%
    Scribunto_LuaSandboxCallback::find 40 ms 3.5%
    dataWrapper 40 ms 3.5%
    clone 40 ms 3.5%
    (others) 220 ms 19.3%
->

Psorilax:promo |mundoson crema per psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, composizione

/

/

/

Ajouter une réponse

Page photos








amy71kb

Invité

Bonjour tout le monde. Je souffre de vitiligo depuis quatre ans. Ca a commencé par une dépigmentation au niveau de la pilosité, puis les tibias, les mains…Maintenant, chaque année j’en ai plus, ca ne cesse d’évoluer et j’ai des taches partout. J’ai de la chance car ma peau d’origine n’est pas très foncée non plus donc esthétiquement ca ne me gene pas du tout. Par contre, je trouve que cette maladie est très mal connue. J’ai vu un dermato au début qui m’a donné une crème qui n’a pas marché mais depuis j’ai baissé les bras. Je voudrai discuter avec des personnes qui en souffrent et si possible echanger des infos (causes, conséquences, risques, solutions éventuelles). Je me pose plein de questions. Merci a tout ceux qui répondront.

Message cité 2 fois


Bonjour,
Voilà des années que je suis atteite de vitiligo ( pieds, mains, çà commence sur les bras )
Mais heureusement, j’ai la peau claire aussi ce qui minimise les effets difficiles à vivre.
Je me suis laissée dire ce que je soupçonnais personnellement : l’origine psychologique, comme pour beaucoup de maladies de peau, d’ailleurs.
Bien sûr, je n’ai pas trouvé de remède, et de toutes façons, quand les pigments ont disparus, ils ne doivent pas pouvoir se reformer !
Il existait une association, à laquelle je n’avais pas adhéré, ayant bien d’autres soucis, mais elle doit se trouver surinternet, je pense, si elle existe toujours..

Invité


elize a écrit :

Moi aussi je souffre du même problème. j’ai un vitiligo sur le visage. La seule solution qui a marché, c’est le fond de teint masquant. J’utilise  dermablend de vichy. Franchement, j’ai regretté de ne pas l’avoir fait avant.
Essaie ça tu verras

El.

je suis atteinte egalement du vitiligo.celui ci s etend sur le visage(contour d yx coin d levres)et les mains.il y a plus d un an,je suis allee voir un specialiste sus Paris qui m’a propose de faire d seances d UVB.je n ai pa encore eu l occasion d en faire mais cela pourrai etre benefique.il y aussi possibilitee de PUVAtherapie.


Bonsoir,
Je souhaiterais savoir comment est apparu vos vetiligo.
Si c’est spontané.
J’ai une dépigmentation (ou plus exactement une absence de bronzage)  sur une partie du front, de la racine des cheveux à environ 2 cm au dessus des cils. Le dermato consulté, le dernier car l’autre n’en parlons pas, était plus intéressé par ma zigounette que par le problème qui m’amenait, m’a simplement dit que c’était rien par rapport à ceux qui étaient hospitaliser dans l’antichambre de la mort. Je veux bien le croire… mais c’est génant. Très génant. Alors que pouvons faire. merci de vos conseils et suggétions.
Ps: très bon site

Invité


coolsteven a écrit :

Bonjour a tous,
moi aussi je souffre de vitiligo et j’ai trouvé l’origine. C’est en fait en me brulant avec de la colle en batons à chauffer au pistolet que j’ai eu des taches de peau dépigmentées sur la main gauche et un peu la main droite.
C’est donc l’action conjuguée de la chaleur et de la composition chimique de la colle qui m’a causé cela. Depuis tout petit je me suis déjà brulé plein de fois mais cela ne m’avais jamais causé un vitiligo ! Je suis encore trés surpris et dégouté ! Cela se voit fort car je bronze trés facilement! Par contre je ne sais pas quoi faire pour retrouver mes pigments ! ;-(

Salut,sans vouloir t’offenser tu es bien sur que tu souffre de vitiligo?C’est une maladie auto immune.On ne sait pas encore les causes réelles (génétique,chocs emotionels…)
Mais sur tout ce que g lu sur cette maladie,rien n’indiquait qu’apres une brulure un vitiligo peut se déclencher.Tu as vu un dermato qui te l’a diagnostiquer?Si oui tu devrai faire étudier ton cas si tu veu mon avis.Bye

Invité


Bonjour,
en effet j’ai vu un médecin qui a bel et bien diagnostiqué un vitiligo. Sur internet j’ai aussi vu des témoignages de vitiligo causé de causes exogènes comme les brulures. Moi non plus je ne le savais pas. Tchao

Message cité 2 fois

Invité


rosalie71 a écrit :

moi aussi j ai duvitiligo
il est apparu 6 mois apres une exposition intense au soleil.
J etais dans les iles grecques(paros naxos mykonos) ange: et puis un jour j ai dormi sur la plage et j ai plus que bronzee alors que j ai habituellement une peau blanche!d ailleurs mes potes me disaient que c etait la premiere fois qu il m avait vu si bronzee. Seulement six mois apres une depigmentation a commence au niveau des doigts.
Dis ans apres j en ai tjrs mais juste les mains les aisselles. je prends des complements vitaminiques en cure dans l annee comme le selenium ace et du zinc.
Je tiens a dire aussi que le beta carotene de sinthese s avère etre dangereux car il favoriserait des cancers.( lu sur un autre sujet de discution avec eurl..)
voila
amities
ps : le soleil a declenche le vitiligo certes, mais j ai un pb de thyroide aussi

salut rosalie, ma fille de 5 ans est attente de vitiligo depuis 2 ans. les taches sont apparues sous les esselles ont disparues et sont a nouveau réaparues.Elle a également une tache qui est apparue suite a une blessure sur la hanche. apparement le frotement peut faire apparaitre du vitiligo. J’ai lu que tu prent des complements de vitamines peut tu m’en dire plus sur l’efficacité de ces traitementset quels sont exactement les complement que tu prend.Tu parle également de problèmes de thyroide quel en sont les symptome et comment t’en es-tu rendu compte? merci de me répondre



sittellem a écrit :

Bonjour Amylee
Il se pourrait que ton problème de vitiligo soit en rapport avec un problème de dysfonctionnement de la thyroide , je connais 2 personnes dans ce cas là .
Amitiés

Cela m’intéresserait beaucoup que tu m’en dises un peu plus long sur le dérèglement thyroidien ayant une influcence sur le vitiligo.
Je cherche des raisons a mon vitilgo… pour le traitement, des cachets+ UVA m’ont beaucoup améliorés. J’ai bon espoir aussi dans le new laser…
Merci a bientot

Invité


amylee2 a écrit :

Bonjour tout le monde. Je souffre de vitiligo depuis quatre ans. Ca a commencé par une dépigmentation au niveau de la pilosité, puis les tibias, les mains…Maintenant, chaque année j’en ai plus, ca ne cesse d’évoluer et j’ai des taches partout. J’ai de la chance car ma peau d’origine n’est pas très foncée non plus donc esthétiquement ca ne me gene pas du tout. Par contre, je trouve que cette maladie est très mal connue. J’ai vu un dermato au début qui m’a donné une crème qui n’a pas marché mais depuis j’ai baissé les bras. Je voudrai discuter avec des personnes qui en souffrent et si possible echanger des infos (causes, conséquences, risques, solutions éventuelles). Je me pose plein de questions. Merci a tout ceux qui répondront.

j’ai eu le meme probleme que vous il y a 19 ans.
depuis a chaque printemps je fais 15 seances de solarium dans un hopital.
et ces taches ne s’etendent pas du contraire elle diminue et je peux ensuite m’exposer normalement. renseigner vous aupres de votre dermatologue.
bonne chance

Invité


Bonjour,
je suis également atteinte d’un vitiligo, qui est apparu deux ans aprés qu’on ai diagnostiqué une thyroïdite d’Hashimoto, il y a huit ans.Ca a commencé par des taches blanche sur les doigts, puis ça a gagné les mains, les bras, les jambes…maintenant, j’en ai sur tout le corps , ainsi que sur le visage: la totale! Chaque année, ça s’etend un peu plus, mais j’ai vu des cas où il y avait une régression de la maladie. Mon frère a le même vitiligo, mais il n’a rien à la thyroîde . Un dermato m’a proposé un traitement en me précisant que c’était long, fastidieux, coûteux, et que le résultat n’était pas assuré.Je me contente d’un bon fond de teint! et j’évite le soleil au maximum, même si ce n’est pas facile dans le midi.

Invité


coolsteven a écrit :

Bonjour a tous,
moi aussi je souffre de vitiligo et j’ai trouvé l’origine. C’est en fait en me brulant avec de la colle en batons à chauffer au pistolet que j’ai eu des taches de peau dépigmentées sur la main gauche et un peu la main droite.
C’est donc l’action conjuguée de la chaleur et de la composition chimique de la colle qui m’a causé cela. Depuis tout petit je me suis déjà brulé plein de fois mais cela ne m’avais jamais causé un vitiligo ! Je suis encore trés surpris et dégouté ! Cela se voit fort car je bronze trés facilement! Par contre je ne sais pas quoi faire pour retrouver mes pigments ! ;-(

Bonjour,
comme Lanima, je suis étonnée : il me semble qu’il s’agit chez toi plutôt d’une dépigmentation due à une cause mécanique qu’à un vitiligo, tu devrais peut-être consulter un autre dermato, il ne serait pas le premier à se tromper. En tout cas, je te souhaite qu’il ai fait erreur car il n’y aurait pas de isques d’evolution comme dans le vitiligo! Tiens nous au courant et bon courage.




Invité


bonjour a tous,
je m’appelle julie,j’ai 22 ans et j’ai du vitiligo depuis que j’ai 3 ans. inutile donc de vous dire que j’ai dû m’y faire parce que le vitiligo ne se soigne pas,et après? certaines personnes trouvent cela tres charmant et pourtant j’en ai partout et cela augmente d’année en annéej’ai vu plusieurs spécialistes durant ma croissance et on en revient toujours au meme,c’est incurable… il faut faire avec.
il y a 2 sortes de vitiligo:
je ne suis pas experte mais le mien est stimulé par le soleil et les blessures ou frottements,en fait j’en ai sur les articulations et les endroits ou les vetements frottent (ventre,entre jambes,sous les bras,les coudes,etc..
l’autre serait plus d’ordre génétique,des grands parents ou autre qui en souffrent dans votre famille
certains medecins disent que le vitiligo peut s’etendre a cause du stress mais il n’est en aucuns cas la cause du vitiligo au départ.
voila,j’espere que mon témoignage aura eclairé les lanternes de certains.
bon courage surtoutjulie

Message cité 1 fois

Invité


Profil : Doctinaute Hors Compétition




Bonjour,
J’aimerais savoir comment est apparu votre vitiligo au debut. Est ce que ca s’etend vite?
Je viens d’aller voir la dermato pour une tache depigmentee (avec un point noir au milieu) sur le dos, que j’ai depuis 3 mois. Elle m’a dit que c’etait du vitiligo. En allant me renseigner un peu sur Internet son diagnostic me parait un peu bizarre parce que c’est dans le dos, ca ne s’est pas etendu, il y a un point noir etc…(et aussi peut etre parce que je ne veux pas que ca soit ca…)Bref! Il faut vous preciser que je suis au Japon donc la communication est un peu difficile avec les medecins, c’est pour ca que je viens aux renseignements…est ce que vous pouvez m’en dire un peu plus, please!


Invité




amylee2 a écrit :

Bonjour tout le monde. Je souffre de vitiligo depuis quatre ans. Ca a commencé par une dépigmentation au niveau de la pilosité, puis les tibias, les mains…Maintenant, chaque année j’en ai plus, ca ne cesse d’évoluer et j’ai des taches partout. J’ai de la chance car ma peau d’origine n’est pas très foncée non plus donc esthétiquement ca ne me gene pas du tout. Par contre, je trouve que cette maladie est très mal connue. J’ai vu un dermato au début qui m’a donné une crème qui n’a pas marché mais depuis j’ai baissé les bras. Je voudrai discuter avec des personnes qui en souffrent et si possible echanger des infos (causes, conséquences, risques, solutions éventuelles). Je me pose plein de questions. Merci a tout ceux qui répondront.

Il existe une solution qui n’est pas miracle mais qui peut apporter un mieux sur le plan esthétique c’est la pigmentation dermographe. Elle doit être fait par un spécialiste et que dans le cadre médical. Surtout pas par une esthéticienne. Dans certains cas c’est remboursé sécu. Il en existe une qui exerce à Vincennes et qui a vraiment tous les pigments couleur peau.

Invité


maminou a écrit :

Il existe une solution qui n’est pas miracle mais qui peut apporter un mieux sur le plan esthétique c’est la pigmentation dermographe. Elle doit être fait par un spécialiste et que dans le cadre médical. Surtout pas par une esthéticienne. Dans certains cas c’est remboursé sécu. Il en existe une qui exerce à Vincennes et qui a vraiment tous les pigments couleur peau.

bj maminou je serais intéressé par une pimentation dermographique , comment s’appelle le cadre médical qui fait cet acte dermographique et connait tu l’adresse merci de me répondre .



Invité


amylee2 a écrit :

Bonjour tout le monde. Je souffre de vitiligo depuis quatre ans. Ca a commencé par une dépigmentation au niveau de la pilosité, puis les tibias, les mains…Maintenant, chaque année j’en ai plus, ca ne cesse d’évoluer et j’ai des taches partout. J’ai de la chance car ma peau d’origine n’est pas très foncée non plus donc esthétiquement ca ne me gene pas du tout. Par contre, je trouve que cette maladie est très mal connue. J’ai vu un dermato au début qui m’a donné une crème qui n’a pas marché mais depuis j’ai baissé les bras. Je voudrai discuter avec des personnes qui en souffrent et si possible echanger des infos (causes, conséquences, risques, solutions éventuelles). Je me pose plein de questions. Merci a tout ceux qui répondront.

slt j ai le mem si tu veux en discuter avec moi vient sur mon msn  joegar83@hotmail.com     a+

Invité


Invité




Invité


votre âge permet peut étre encore de tentez repigmentation si les taches ne sont pas encore trop évolués!!
Pensez dans 10,20,30 ans plustard comme d’autres malades sur ce forum qui ont trop attendu!!(il y a 10 ou 20 ans en arrière ces malades d’aujourd’hui, n’avait pas ces CHANCE de COMMUNIQUER et d’avoir des traitements possibles!!).
Le fait que votre région ne dispose pas d’instalations pour le traité, vous pouvez quand même essayer un traitement avec du tacrolimus(créme)déjà utilisé dans les dermatites atypiques,le traitement associé à des séances d’UVB à spectre droit ou le laser excimer(le must)est satisfaisant dans 50% à 75% des cas.
Le tocrolimus, ce  produit peut étre obtenu sous ordonance(d’exception remboursé)et se trouve dans les pharmacies.
Mais de nombreuses personnes  essayent le produit et cessent le traitment souvent trop tôt et  rapidement sans voir d’ammélioration,mais les cas graves eux  l’ont essayé sur des longues période(sans autre solutions a part les greffes…) et effectivement il donne des résultats  il est conseillé sur un minimun de huit mois, vous touverez tous ces infos bien sur dans les forums médicaux dermatologiques spécialisé.
Je n’ai rien inventé ey ne veux rien vous vendre!!!
voyez avec un dermatologue spécialisé !!
Bonne chance….
a++ Qahlan

Invité


Aller à :







Psorilax:Guarisci |crema ossido di zinco per combattere psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, dove si compra

Am Fam Physician. 1 febbraio 2000; 61 (3): 725-733.


Vedi il relativo manuale informativo sulla psoriasi, scritto dagli autori di questo articolo.

La psoriasi è caratterizzata da placche rosse ispessite con una scala argentea. Le lesioni variano in dimensioni e grado di infiammazione. La psoriasi è classificata come localizzata o generalizzata, in base alla gravità della malattia e al suo impatto complessivo sulla qualità della vita e del benessere del paziente. L'educazione del paziente sulla malattia e le opzioni terapeutiche è importante. Il trattamento medico per la psoriasi localizzata inizia con una combinazione di corticosteroidi topici e catrame di carbone o calcipotriene. Per le lesioni che sono difficili da controllare con la terapia iniziale, si può provare l'antralina o il tazarotene. L'obiettivo primario della terapia è mantenere il controllo delle lesioni. La cura è raramente raggiunta. Se il controllo diventa difficile o se la psoriasi è generalizzata, il paziente può trarre beneficio dalla fototerapia, dalla terapia sistemica e dal rinvio a un medico specializzato nel trattamento della psoriasi.

La psoriasi colpisce circa il 2 percento della popolazione degli Stati Uniti. Nel 1990, la psoriasi è stata la ragione di oltre 1 milione di visite ai medici.1 In passato, il trattamento della psoriasi era gestito principalmente da dermatologi; questo disturbo ha rappresentato solo lo 0,4 per cento delle visite correlate alla pelle da parte di medici di famiglia.2 Tuttavia, è probabile che il numero di pazienti trattati da medici di famiglia sia aumentato costantemente man mano che un numero maggiore di pazienti cerca cure mediche per la psoriasi dai loro medici di base.

Questo articolo descrive un approccio di trattamento algoritmico per i medici di base. L'algoritmo si basa sulle linee guida per il trattamento della psoriasi pubblicate dall'American Academy of Dermatology, 3 integrate da una revisione della letteratura medica. Al momento non esistono linee guida basate sull'evidenza per il trattamento della psoriasi. Poiché la psoriasi a placche localizzata è la forma più comune, l'algoritmo si concentra sul trattamento di questo tipo di psoriasi.

Diagnosi

La causa principale della psoriasi rimane sconosciuta. Si ritiene che la cinetica delle cellule epidermiche anormali e l'attivazione anormale dei meccanismi immunitari siano i principali responsabili e il trattamento può influenzare uno o entrambi questi meccanismi.4 La psoriasi è caratterizzata da placche rosse, ridimensionanti, che vanno da poche lesioni al coinvolgimento totale del pelle. La lesione primaria è una placca eritematosa ben delimitata con una scala argentea. Tipicamente, la psoriasi è distribuita simmetricamente, con lesioni spesso localizzate su orecchie, gomiti, ginocchia, ombelico, schisi glutea e genitali (Figura 1). Possono essere colpite anche le articolazioni (artrite psoriasica), le unghie e il cuoio capelluto.

Visualizza / Stampa figura

FIGURA 1.

Aree comuni di distribuzione della psoriasi. Le lesioni sono generalmente distribuite simmetricamente e sono caratteristicamente situate su orecchie, gomiti, ginocchia, ombelico, schisi gluteale e genitali. Possono essere colpite anche le articolazioni (artrite psoriasica), le unghie e il cuoio capelluto.


FIGURA 1.

Aree comuni di distribuzione della psoriasi. Le lesioni sono generalmente distribuite simmetricamente e sono caratteristicamente situate su orecchie, gomiti, ginocchia, ombelico, schisi gluteale e genitali. Possono essere colpite anche le articolazioni (artrite psoriasica), le unghie e il cuoio capelluto.

La psoriasi subisce una “koebnerization”, manifestata dall'apparizione di lesioni nei siti di trauma cutaneo. Il prurito è il sintomo più comune, 4 e un esteso graffio può spesso portare a lichen simplex cronico sovrapposto. In alcuni pazienti, bruciore e dolore possono essere gli unici sintomi.

La psoriasi può essere classificata in quattro tipi: psoriasi a placche, psoriasi guttata, psoriasi pustolosa localizzata e psoriasi pustolosa generalizzata. (Tabella 1). Le forme meno comuni di psoriasi includono varianti pustolose (localizzate e generalizzate) ed eritrodermiche. La forma più comune è la psoriasi a placche (figura 2). La scala stessa è variabile, che va da una scala spessa e massiccia, come si vede generalmente sul cuoio capelluto, a nessuna scala, come si vede generalmente nelle aree intergiganti o parzialmente trattate.

Visualizza / Stampa tabella

TABELLA 1.

Tipi di psoriasi, risultati associati e opzioni di trattamento

Tipo di psoriasi Caratteristiche cliniche Fattori precipitanti Diagnosi differenziale Opzioni di trattamento

Psoriasi a placche

Lesioni rosse, spesse, squamose con scala argentea

Stress, infezione, trauma, farmaci, xerosi

Dermatite atopica, dermatite irritante, linfoma cutaneo a cellule T, pitiriasi rubra pilaris, dermatite seborroica

Localizzato: terapia topica con corticosteroidi, calcipotriene (Dovonex), catrame di carbone, antralina (Anthra-Derm) o tazarotene (Tazorac).

Generalizzato: fototerapia, agenti sistemici, terapia combinata

Psoriasi guttata

Placche squamose a forma di lacrima, da rosa a salmone; di solito sul tronco, con parsimonia di palme e suole

Infezione alla gola streptococcica

Pityriasis rosea, sifilide secondaria, eruzione da farmaci

Fototerapia ultravioletta B, luce solare naturale

Psoriasi pustolosa, localizzata

Papule eritematose o placche tempestate di pustole; di solito su palme o suole (noto come psoriasi pustolosa palmoplantare)

Stress, infezione, farmaci

Eruzione pustolosa di droga, eczema disidrotico, dermatosi pustolosa subcorneale

Come per la psoriasi a placche

Psoriasi pustolosa, generalizzata

Come localizzato con un coinvolgimento più generale; può essere associato a sintomi sistemici come febbre, malessere e diarrea; il paziente può avere o meno avere una psoriasi preesistente

Stress, infezione, farmaci

Eruzione pustolosa di farmaci, dermatosi pustolosa subcorneale

Terapia sistemica e / o ricovero in ospedale di solito richiesti

Psoriasi eritrodermica

Eritema grave, intenso e generalizzato che copre tutto il corpo; spesso associato a sintomi sistemici; può avere o meno avere una psoriasi preesistente

Stress, infezione, farmaci

Eruzione da farmaco, dermatite eczematosa, micosi fungoide, pitiriasi rubra pilaris

Terapia sistemica e / o ricovero in ospedale di solito richiesti

TABELLA 1.

Tipi di psoriasi, risultati associati e opzioni di trattamento

Tipo di psoriasi Caratteristiche cliniche Fattori precipitanti Diagnosi differenziale Opzioni di trattamento

Psoriasi a placche

Lesioni rosse, spesse, squamose con scala argentea

Stress, infezione, trauma, farmaci, xerosi

Dermatite atopica, dermatite irritante, linfoma cutaneo a cellule T, pitiriasi rubra pilaris, dermatite seborroica

Localizzato: terapia topica con corticosteroidi, calcipotriene (Dovonex), catrame di carbone, antralina (Anthra-Derm) o tazarotene (Tazorac).

Generalizzato: fototerapia, agenti sistemici, terapia combinata

Psoriasi guttata

Placche squamose a forma di lacrima, da rosa a salmone; di solito sul tronco, con parsimonia di palme e suole

Infezione alla gola streptococcica

Pityriasis rosea, sifilide secondaria, eruzione da farmaci

Fototerapia ultravioletta B, luce solare naturale

Psoriasi pustolosa, localizzata

Papule eritematose o placche tempestate di pustole; di solito su palme o suole (noto come psoriasi pustolosa palmoplantare)

Stress, infezione, farmaci

Eruzione pustolosa di droga, eczema disidrotico, dermatosi pustolosa subcorneale

Come per la psoriasi a placche

Psoriasi pustolosa, generalizzata

Come localizzato con un coinvolgimento più generale; può essere associato a sintomi sistemici come febbre, malessere e diarrea; il paziente può avere o meno avere una psoriasi preesistente

Stress, infezione, farmaci

Eruzione pustolosa di farmaci, dermatosi pustolosa subcorneale

Terapia sistemica e / o ricovero in ospedale generalmente richiesti

Psoriasi eritrodermica

Eritema grave, intenso e generalizzato che copre tutto il corpo; spesso associato a sintomi sistemici; può avere o meno avere una psoriasi preesistente

Stress, infezione, farmaci

Eruzione da farmaco, dermatite eczematosa, micosi fungoide, pitiriasi rubra pilaris

Terapia sistemica e / o ricovero in ospedale di solito richiesti

Visualizza / Stampa figura

FIGURA 2.

Una lesione primaria della psoriasi a placche. La lesione tipica è una placca ben delimitata, spessa, eritematosa con una scala argentea.


FIGURA 2.

Una lesione primaria della psoriasi a placche. La lesione tipica è una placca ben delimitata, spessa, eritematosa con una scala argentea.

La psoriasi guttata è caratterizzata da numerose piccole lesioni ovali (a forma di lacrima) che si sviluppano dopo un'infezione acuta del tratto respiratorio superiore. Queste lesioni non sono spesso squamose o rosse come le lesioni classiche della psoriasi a placche. Di solito, la psoriasi guttata deve essere differenziata dalla pitiriasi rosea, un'altra condizione caratterizzata dall'improvviso scoppio di lesioni squamose rosse. Rispetto alla pitiriasi rosea, le lesioni psoriasiche sono più spesse e più paurose e le lesioni non sono generalmente distribuite lungo le pieghe della pelle.

La diagnosi di psoriasi può di solito essere fatta sulla base della presentazione clinica; la conferma istologica è raramente necessaria. Se la diagnosi è incerta, è possibile eseguire una biopsia o ottenere la consultazione con un dermatologo.

ISTRUZIONE DEL PAZIENTE POST-DIAGNOSI

Una volta fatta la diagnosi di psoriasi, dovrebbe iniziare l'educazione del paziente sulla malattia. I punti che dovrebbero essere enfatizzati sulla malattia includono inizialmente la sua natura non contagiosa e la possibilità di controllarla ma non curarla. I pazienti dovrebbero anche essere certi che la psoriasi è abbastanza comune. Dovrebbero essere discussi fattori esacerbanti, tra cui stress, infezione, trauma, xerosi e uso di farmaci come inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina, bloccanti beta-adrenergici, litio e agente antimalarico idrossiclorochina (Plaquenil).

La National Psoriasis Foundation è una risorsa ampiamente utilizzata per i pazienti (sito Web: http://www.psoriasis.org).

Terapia topica

Un algoritmo per il trattamento della psoriasi localizzata è rappresentato in Figura 3. La psoriasi localizzata può essere definita come una malattia che è limitata a tal punto che la terapia topica la controlla. La psoriasi generalizzata può richiedere farmaci per via orale, trattamento con luce ultravioletta o trattamento in una struttura ambulatoriale o ospedaliera.

Visualizza / Stampa figura

Trattamento della psoriasi localizzata

FIGURA 3.

Algoritmo per il trattamento della psoriasi localizzata. Il trattamento della psoriasi localizzata viene iniziato utilizzando corticosteroidi topici, da soli o in combinazione con catrame di carbone o calcipotriene. I pazienti con lesioni resistenti possono trarre beneficio dall'aggiunta di antralina o tazarotene.

Trattamento della psoriasi localizzata


FIGURA 3.

Algoritmo per il trattamento della psoriasi localizzata. Il trattamento della psoriasi localizzata viene iniziato utilizzando corticosteroidi topici, da soli o in combinazione con catrame di carbone o calcipotriene. I pazienti con lesioni resistenti possono trarre beneficio dall'aggiunta di antralina o tazarotene.

Il trattamento della psoriasi richiede una comprensione dell'effetto che la psoriasi sta avendo sulla qualità della vita del paziente e che l'effetto è estremamente variabile. Prendere in considerazione le esigenze di trattamento del singolo paziente può migliorare il risultato complessivo.

La terapia topica, inclusi corticosteroidi, calcipotriene (Dovonex), prodotti a base di catrame di carbone, tazarotene (Tazorac) e anthralin (Anthra-Derm), è il pilastro del trattamento delle malattie localizzate (Tabelle 2 e 3). Mentre l'uso di emollienti dovrebbe essere incoraggiato, dovrebbero essere usati in modo selettivo perché molti (ad esempio prodotti contenenti acido lattico o alfa-idrossiacidi) possono essere irritanti per la pelle infiammata o rotta.

Visualizza / Stampa tabella

TAVOLO 2.

Profili di agenti topici utilizzati nel trattamento della psoriasi

Agente topico disagio Atrofia, effetto asse HPA * colorazione Irritazione della pelle ipercalcemia Commenti

Emollienti (Moisturel, Cetaphil, Curel, Nivea, ecc.)

+

+/-

Corticosteroidi a bassa potenza (classi 6 e 7), come desonide (Desowen), aclometasone dipropionato (Aclovate); agenti idrocortisone (cortizone, cortaide, ecc.)

+

+

Corticosteroidi di media potenza (classi 3, 4 e 5), come triamcinolone acetonide (Kenalog), idrocortisone valerato (Westcort), fluticasone propionato (Cutivate), halcinonide (Halog), mometasone furoate (Elocon)

+

++

Durata dell'uso sicuro sconosciuta

Corticosteroidi ad alta potenza (classi 1 e 2), come halobetasol propionato (Ultravate), clobetasol propionato (Temovate), diflorasone diacetato (Psorcon), betametasone dipropionato (Diprolene), clobetasole propionato (Cormax)

+

+++

Potere super alto sicuro fino a 4 settimane

Calcipotriene topico (Dovonex)

+

+

+ a 120 g a settimana

Sicuro fino a 52 settimane; categoria di gravidanza C

Preparazioni di catrame di carbone (gel Estar, Balnetar, MG271, Neutrogena T / Gel, Tar DHS)

++

++

+

Anthralin (Anthra-Derm, Drithocreme, Dritho-Scalp, Miconal)

+++

+++

++

Tazarotene (Tazorac)

+

+++

Categoria di gravidanza X

TAVOLO 2.

Profili di agenti topici utilizzati nel trattamento della psoriasi

Agente topico disagio Atrofia, effetto asse HPA * colorazione Irritazione della pelle ipercalcemia Commenti

Emollienti (Moisturel, Cetaphil, Curel, Nivea, ecc.)

+

+/-

Corticosteroidi a bassa potenza (classi 6 e 7), come desonide (Desowen), aclometasone dipropionato (Aclovate); agenti idrocortisone (cortizone, cortaide, ecc.)

+

+

Corticosteroidi di media potenza (classi 3, 4 e 5), come triamcinolone acetonide (Kenalog), idrocortisone valerato (Westcort), fluticasone propionato (Cutivate), halcinonide (Halog), mometasone furoate (Elocon)

+

++

Durata dell'uso sicuro sconosciuta

Corticosteroidi ad alta potenza (classi 1 e 2), come halobetasol propionato (Ultravate), clobetasol propionato (Temovate), diflorasone diacetato (Psorcon), betametasone dipropionato (Diprolene), clobetasole propionato (Cormax)

+

+++

Potere super alto sicuro fino a 4 settimane

Calcipotriene topico (Dovonex)

+

+

+ a 120 g a settimana

Sicuro fino a 52 settimane; categoria di gravidanza C

Preparazioni di catrame di carbone (gel Estar, Balnetar, MG271, Neutrogena T / Gel, Tar DHS)

++

++

+

Anthralin (Anthra-Derm, Drithocreme, Dritho-Scalp, Miconal)

+++

+++

++

Tazarotene (Tazorac)

+

+++

Categoria di gravidanza X

Visualizza / Stampa tabella

TABELLA 3.

Trattamento della psoriasi nelle aree problematiche

Luogo Problema speciale Opzioni di trattamento

Cuoio capelluto

Le aree portanti non sono ricettive per i veicoli unguenti.

Si consiglia un corticosteroide topico e / o calcipotriene topico (Dovonex) in un veicolo soluzione, insieme all'uso quotidiano di uno shampoo al catrame.

Chiodi

La fitta cheratina dell'unghia blocca l'assorbimento degli agenti topici.

Per onicolisi, un corticosteroide topico in un veicolo soluzione può essere usato sotto l'unghia. Potrebbe essere necessaria una terapia sistemica per migliorare la malattia grave.

Genitali

La pelle sottile dei genitali è altamente sensibile agli effetti avversi (atrofia) dei corticosteroidi topici.

Si raccomanda un unguento per corticosteroidi topici a bassa potenza. Il calcipotriene topico, che non è associato a un rischio di atrofia, può essere utilizzato.

Palme e suole

Lo spesso strato corneo di palme e suole è una barriera alla penetrazione di agenti topici.

Si raccomanda un corticosteroide topico ad alta potenza. Possono essere necessari metotrexato (Rheumatrex) o acitretina (soriatano; un analogo dell'acido retinoico sistemico).

TABELLA 3.

Trattamento della psoriasi nelle aree problematiche

Luogo Problema speciale Opzioni di trattamento

Cuoio capelluto

Le aree portanti non sono ricettive per i veicoli unguenti.

Si consiglia un corticosteroide topico e / o calcipotriene topico (Dovonex) in un veicolo soluzione, insieme all'uso quotidiano di uno shampoo al catrame.

Chiodi

La fitta cheratina dell'unghia blocca l'assorbimento degli agenti topici.

Per onicolisi, un corticosteroide topico in un veicolo soluzione può essere usato sotto l'unghia. Potrebbe essere necessaria una terapia sistemica per migliorare la malattia grave.

Genitali

La pelle sottile dei genitali è altamente sensibile agli effetti avversi (atrofia) dei corticosteroidi topici.

Si raccomanda un unguento per corticosteroidi topici a bassa potenza. Il calcipotriene topico, che non è associato a un rischio di atrofia, può essere utilizzato.

Palme e suole

Lo spesso strato corneo di palme e suole è una barriera alla penetrazione di agenti topici.

Si raccomanda un corticosteroide topico ad alta potenza. Possono essere necessari metotrexato (Rheumatrex) o acitretina (soriatano; un analogo dell'acido retinoico sistemico).

CORTICOSTEROIDI TOPICI

I corticosteroidi topici sono il trattamento più comunemente prescritto per la psoriasi.5 Sono disponibili in forma di unguento, crema, lozione e soluzione. I corticosteroidi hanno effetti antinfiammatori e antiproliferativi ben noti, che si ritiene siano il loro principale meccanismo d'azione nella psoriasi.6 Gli steroidi topici sono classificati come agenti a bassa, media, alta e altissima potenza (Tavolo 2). In generale, il trattamento viene iniziato con un agente di media resistenza e gli agenti ad alta potenza sono riservati per il trattamento di placche croniche spesse che sono refrattarie agli steroidi più deboli. Gli agenti a bassa potenza sono usati sul viso, sulle aree in cui la pelle tende ad essere più sottile, e sull'inguine e sulle aree ascellari, dove l'occlusione naturale aumenta la potenza di un agente a bassa potenza all'equivalente di un agente ad alta potenza. L'uso di agenti ad alta potenza in queste aree aumenta il rischio di effetti collaterali e quindi dovrebbe essere evitato.

I potenziali effetti collaterali dei corticosteroidi includono atrofia cutanea, teleangectasie e strie, eruzione dell'acne, glaucoma, soppressione dell'asse ipotalamo-ipofisi-surrene e, nei bambini, ritardo della crescita. La vera incidenza della soppressione ipotalamo-ipofisi-surrene indotta da corticosteroidi è sconosciuta, ma è preoccupante per un uso prolungato7. Spesso, si riscontrano prove di soppressione dell'asse ipotalamo-ipofisi-surrene sui risultati di laboratorio, anche quando i sintomi clinici sono assenti . Si raccomanda vivamente un attento follow-up a lungo termine dei pazienti in terapia con corticosteroidi topici per rilevare potenziali complicanze.

Sebbene i corticosteroidi siano rapidamente efficaci nel trattamento della psoriasi, sono associati a una rapida riacutizzazione della malattia dopo l'interruzione e hanno molti potenziali effetti collaterali. Di conseguenza, i corticosteroidi topici vengono frequentemente utilizzati in combinazione con un altro agente per mantenere il controllo. Il calcipotriene topico viene spesso utilizzato in combinazione con corticosteroidi topici per accelerare la compensazione delle lesioni e mantenere il controllo dopo il completamento della fase iniziale del trattamento.

Calcipotriene

Il calcipotriene è una vitamina D.3 analogo disponibile in formulazioni in crema, unguento e soluzione. Inibisce la proliferazione delle cellule epidermiche e migliora la normale cheratinizzazione. Questo agente ha una lenta insorgenza d'azione e i pazienti devono essere consapevoli che gli effetti del calcipotriene potrebbero non essere evidenti fino a 6-8 settimane dopo l'inizio della terapia.

Sebbene la monoterapia con calcipotriene si sia dimostrata moderatamente efficace nel ridurre lo spessore, la squamosità e l'eritema delle lesioni psoriasiche, 8 benefici massimi si ottengono quando il calcipotriene viene usato in combinazione con potenti corticosteroidi topici. Un approccio semplificato per la terapia di combinazione è iniziare la terapia con una fase di “correzione rapida”, seguita da una “fase di transizione” e quindi da una “fase di mantenimento”. 9 Ad esempio, il trattamento potrebbe essere iniziato con applicazioni due volte al giorno di un attualità corticosteroidi e calcipotriene fino a quando le lesioni non sono piatte; la durata massima di questa fase è di quattro settimane.

Quando le lesioni sono diventate piatte, la terapia può quindi essere cambiata in un uso due volte al giorno solo di calcipotriene, con terapia “pulsazioni” di corticosteroidi due volte al giorno solo nei fine settimana. Questa seconda fase aiuta a prevenire il rimbalzo dalla brusca sospensione dei corticosteroidi. Quando le lesioni sono rimaste piatte e l'intensità del loro colore è diminuita dal rosso vivo al rosa, inizia la fase di mantenimento, con l'uso del solo calcipotriene e l'interruzione dell'uso nei fine settimana di corticosteroidi topici.

Dopo aver mantenuto il controllo appropriato della malattia, la terapia topica può essere interrotta fino a quando non si verifica una riacutizzazione. L'uso di emollienti dovrebbe essere raccomandato per ridurre l'aspetto squamoso delle lesioni e per ridurre potenzialmente la quantità di corticosteroidi necessari.

L'unico effetto collaterale cutaneo del calcipotriene è l'irritazione locale, che si verifica in circa il 15 percento dei pazienti.10 Il calcipotriene non è raccomandato per l'uso sul viso o con l'occlusione. L'ipercalcemia è un potenziale effetto collaterale di questo agente quando il dosaggio supera i 100 g alla settimana. Questo effetto non si verifica in genere con un uso settimanale di 100 go meno.11,12 La maggior parte delle segnalazioni di ipercalcemia sono state riportate in pazienti che hanno ricevuto una terapia prolungata con almeno 200 g alla settimana. Per la psoriasi localizzata, i dosaggi raccomandati non richiedono il monitoraggio dei livelli sierici o urinari di calcio. Tuttavia, il calcipotriene deve essere usato con cautela nei pazienti con funzionalità renale compromessa o con anamnesi di calcoli renali.

COAL TAR

Il catrame di carbone è un fluido viscoso nero che è stato descritto per la prima volta da Goeckerman nel 1925, quando è stato combinato con la luce ultravioletta per il trattamento della psoriasi. Si pensa che sopprima la sintesi del DNA epidermico.13

Il catrame di carbone è disponibile come unguento, crema, lozione, shampoo, olio da bagno e sapone. Il catrame di carbone è più efficace se usato in combinazione con altri agenti, in particolare la luce ultravioletta B. Come il calcipotriene, il catrame di carbone è efficace quando combinato con corticosteroidi topici. Lo shampoo al catrame di carbone può essere utilizzato in combinazione con una soluzione di corticosteroidi per il cuoio capelluto per il trattamento della psoriasi sul cuoio capelluto.

Poiché il catrame di carbone è disordinato e maleodorante e può macchiare gli indumenti, si consiglia l'applicazione notturna. I pazienti devono essere informati di usare le lenzuola vecchie e di indossare vecchi pigiami quando usano catrame di carbone. I prodotti a base di catrame possono causare follicolite, ma altrimenti non sono generalmente associati ad effetti collaterali.

anthralin

Se non si ottiene un buon controllo della psoriasi con corticosteroidi topici, da solo o in combinazione con calcipotriene o catrame di carbone, si dovrebbe prendere in considerazione l'aggiunta di antralina o terapia con tazarotene. L'antralina, nota anche come dithranol, è una preparazione topica antipsoriatica derivata dal catrame di legno.4 È disponibile dal 1916, ma è un agente di seconda linea per le sue proprietà irritanti e coloranti.

Anthralin è disponibile in pomate, creme e soluzioni dallo 0,1 all'1 percento. Viene generalmente utilizzato su placche di psoriasi particolarmente spesse e di grandi dimensioni e la terapia viene iniziata a basse concentrazioni per brevi periodi. La concentrazione e la durata del contatto con ciascun trattamento vengono gradualmente aumentate, fino a un massimo di 30 minuti per applicazione.4 L'antralina può essere combinata con la fototerapia ultravioletta; questo è noto come il regime tradizionale di Ingram.

I pazienti devono essere avvisati che l'antralina ha la tendenza a macchiare qualsiasi superficie, compresi pelle, indumenti e vasca da bagno. Il suo uso dovrebbe essere limitato a placche ben delimitate e dovrebbe essere applicato con un applicatore a punta di cotone o una mano guantata. I pazienti devono essere avvisati che la pelle normale che circonda la lesione psoriasica può irritare se viene a contatto con l'antralina.

Tazarotene

Il tazarotene topico è il primo retinoide selettivo per i recettori topici approvato per il trattamento della psoriasi. È disponibile solo in forma di gel ed esercita i suoi effetti attraverso i recettori dell'acido gamma e beta retinoico. Il tazarotene aiuta a normalizzare la proliferazione e la differenziazione dei cheratinociti, nonché a ridurre l'infiammazione cutanea.14,15 L'applicazione una volta al giorno di gel di tazarotene, concentrazione dello 0,05 percento o 0,1 percento, si è dimostrata efficace quanto l'applicazione due volte al giorno della crema fluocinonidica allo 0,05 percento.16

Come monoterapia, il tazarotene ha dimostrato di ridurre significativamente l'elevazione della placca nella psoriasi da lieve a moderata.17 Tuttavia, a causa della sua modesta efficacia, lenta insorgenza d'azione e alto potenziale di causare irritazione, il tazarotene deve essere generalmente usato in combinazione con corticosteroidi. L'effetto collaterale primario del tazarotene topico è una lieve irritazione cutanea e una maggiore fotosensibilità. Il tazarotene è classificato come farmaco di categoria X in gravidanza e il suo uso deve essere evitato nelle donne in età fertile.

TRATTAMENTO LETTO SOTTO LUCE SOLARE

L'esposizione al sole oltre alla terapia topica può essere utile quando più aree sono affette da psoriasi. I pazienti devono essere incoraggiati a ottenere l'esposizione alla luce solare naturale o alla luce del lettino abbronzante per alcuni minuti al giorno, e quindi ad aumentare lentamente la durata dell'esposizione come tollerato. Le aree non interessate devono essere coperte con una protezione solare, in particolare il viso. L'esposizione alla luce ultravioletta può essere usata con giudizio per prevenire le riacutizzazioni durante la fase di mantenimento della terapia.

Iniezioni intralesionali, fototerapia e terapia sistemica

Le placche psoriasiche che non rispondono alla terapia topica possono essere migliorate dalla somministrazione di iniezioni di corticosteroidi intralesionali. Il triamcinolone (Kenalog) viene spesso utilizzato per questo scopo. L'agente viene iniettato direttamente nel derma di una piccola placca persistente. La concentrazione è generalmente da 3 a 10 mg per ml, a seconda delle dimensioni, dello spessore e dell'area della lesione. La dose di triamcinolone viene rilasciata gradualmente nell'arco di 3-4 settimane; ulteriori iniezioni possono essere necessarie ogni 4-6 settimane per migliorare la risposta. Gli svantaggi delle iniezioni intralesionali comprendono dolore durante l'iniezione e potenziali effetti collaterali dell'atrofia locale e dell'assorbimento sistemico.

Il paziente con lesioni refrattarie può beneficiare di forme più avanzate di trattamento, come fototerapia (solo ultravioletta B o psoraleni più ultravioletta A), trattamento ambulatoriale in una clinica specializzata in psoriasi e terapia sistemica con retinoidi orali, metotrexato (Rheumatrex) o ciclosporina ( Sandimmune). La terapia combinata ha anche dimostrato di essere efficace, in particolare la fototerapia in combinazione con antralina topica, catrame di carbone o calcipotriene (Tabella 4).

Visualizza / Stampa tabella

TABELLA 4.

Terapia per la psoriasi generalizzata

Terapia Caratteristiche che guidano la scelta della terapia

Luce ultravioletta B (UVB)

Usato da molti anni, altamente efficace. Può causare fototossicità acuta. Poco o nessun effetto collaterale a lungo termine. UVB può essere utilizzato a casa per la terapia di mantenimento.

Psoralen plus ultraviolet A (PUVA)

Altamente efficace; può essere usato come terapia di mantenimento. Alto rischio di fototossicità acuta. I rischi a lungo termine includono un alto rischio di malignità cutanea.

Retinoidi (acitretina (soriatane))

Moderatamente efficace; migliore per la psoriasi pustolosa. Potente teratogeno; l'uso in donne in età fertile dovrebbe essere evitato. Provoca secchezza della pelle. Può causare elevazione dei trigliceridi. Iperostosi con uso a lungo termine.

Metotrexato (Rheumatrex)

Molto efficace e può essere utilizzato a lungo termine. Non deve essere usato in pazienti non conformi o in presenza di patologie epatiche preesistenti. Può causare epatotossicità acuta o cronica, neutropenia acuta e pancitopenia.

Ciclosporina (Sandimmune)


Altamente efficace. È richiesto un attento monitoraggio. Il rischio a lungo termine di tossicità renale, che potrebbe non essere rilevabile dagli esami del sangue, limita l'uso a lungo termine.


Terapie di combinazione frequentemente utilizzate o ben studiate

UVB più calcipotriene topico (Dovonex)

UVB più catrame di carbone topico

PUVA più calcipotriene topico

PUVA plus retinoidi

Acitretina più calcipotriene topico

Ciclosporina più calcipotriene topico

Terapie usate di rado o meno studiate

UVB più metotrexato

PUVA più metotrexato

TABELLA 4.

Terapia per la psoriasi generalizzata

Terapia Caratteristiche che guidano la scelta della terapia

Luce ultravioletta B (UVB)

Usato da molti anni, altamente efficace. Può causare fototossicità acuta. Poco o nessun effetto collaterale a lungo termine. UVB può essere utilizzato a casa per la terapia di mantenimento.

Psoralen plus ultraviolet A (PUVA)

Altamente efficace; può essere usato come terapia di mantenimento. Alto rischio di fototossicità acuta. I rischi a lungo termine includono un alto rischio di malignità cutanea.

Retinoidi (acitretina (soriatane))

Moderatamente efficace; migliore per la psoriasi pustolosa. Potente teratogeno; l'uso in donne in età fertile dovrebbe essere evitato. Provoca secchezza della pelle. Può causare elevazione dei trigliceridi. Iperostosi con uso a lungo termine.

Metotrexato (Rheumatrex)

Molto efficace e può essere utilizzato a lungo termine. Non deve essere usato in pazienti non conformi o in presenza di patologie epatiche preesistenti. Può causare epatotossicità acuta o cronica, neutropenia acuta e pancitopenia.

Ciclosporina (Sandimmune)


Altamente efficace. È richiesto un attento monitoraggio. Il rischio a lungo termine di tossicità renale, che potrebbe non essere rilevabile dagli esami del sangue, limita l'uso a lungo termine.


Terapie di combinazione frequentemente utilizzate o ben studiate

UVB più calcipotriene topico (Dovonex)

UVB più catrame di carbone topico

PUVA più calcipotriene topico

PUVA plus retinoidi

Acitretina più calcipotriene topico

Ciclosporina più calcipotriene topico

Terapie usate di rado o meno studiate

UVB più metotrexato

PUVA più metotrexato

Obiettivi della terapia e quando fare riferimento

In tutti i casi, l'obiettivo terapeutico è massimizzare l'efficacia del trattamento e la qualità della vita del paziente, riducendo al minimo gli effetti collaterali. Raggiungere e mantenere il controllo delle lesioni psoriasiche è l'obiettivo centrale nel trattamento. I medici e i pazienti devono capire che non esiste una cura definitiva per la psoriasi (Figura 4). Il controllo della malattia può significare che le lesioni non sono così spesse o rosse come prima del trattamento, ma può rimanere un certo grado di eritema. Molto spesso, il trattamento non comporta la completa eliminazione delle lesioni.

Visualizza / Stampa figura

FIGURA 4.

Una lesione trattata della psoriasi. Gli obiettivi del trattamento per la psoriasi localizzata comprendono una diminuzione delle dimensioni e del rossore della placca, nonché una riduzione della quantità di scala sulla lesione. Rispetto alla lesione in figura 2, questa lesione è piatta e la scala non è evidente. Mantiene un lieve arrossamento. Questo è il risultato che dovrebbe essere previsto nel trattamento della psoriasi localizzata.


FIGURA 4.

Una lesione trattata della psoriasi. Gli obiettivi del trattamento per la psoriasi localizzata comprendono una diminuzione delle dimensioni e del rossore della placca, nonché una riduzione della quantità di scala sulla lesione. Rispetto alla lesione in figura 2, questa lesione è piatta e la scala non è evidente. Mantiene un lieve arrossamento. Questo è il risultato che dovrebbe essere previsto nel trattamento della psoriasi localizzata.

Sebbene l'algoritmo serva da guida per il trattamento della psoriasi localizzata, possono essere intrapresi vari percorsi per ottenere il controllo della malattia localizzata. Il percorso terapeutico deve essere deciso su base paziente-paziente. Come accennato in precedenza, la psoriasi generalizzata può richiedere forme di terapia più complesse. La consultazione con un dermatologo può essere utile per i pazienti che richiedono tale terapia.

Psorilax:Dove trovare online |bionike crema psoriasi vaso

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, quanto costa

Le psoriasis est une maladie de “peau-prison”, qui vous enferme dans la gêne, le mal-être et parfois, la dépression. Sournois, minant, le pso pourrit ainsi la vie de plus d’1 million de Français. Chaque année rejoints par 100 000 nouveaux cas… Lorsqu’il est chronique, “on n’en sort pas” nous dit le corps médical, surtout quand tout semble fait pour l’entretenir sans le guérir (il faut bien faire tourner l’industrie). Mais certains dermatos, plus aventureux que les autres, ont trouvé une solution naturelle qui semble fonctionner (vous pouvez y accéder directement en cliquant ici). L’un d’entre eux a financé des études modestes pour prouver ses résultats. Mais cela n’a semble-t-il, pas inspiré la Faculté.

Ce que le psoriasis a de terrible

Les désagréments directs de cette maladie sont non contagieux mais vilains (irritations, grattages, complications), et lourds de conséquences : la honte d’un mal que l’on porte sur soi comme un lépreux ou un pestiféré. On lorgne vos croûtes, vos rougeurs, on évite de vous faire la bise. C’est l’image et l’estime de soi qui partent en pellicules, en suintements gras… Cette maladie se nourrit d’elle-même, son impact social l’aggrave.

Dans les deux cas aussi on n’en guérit jamais vraiment malgré les traitements, c’est ce que l’on vous répète (au lieu de dire que ce sont ces traitements qui ne guérissent pas).
Les médicaments classiques, bien sûr, sont plutôt efficaces, mais au prix d’effets intempestifs et parfois dangereux, et pour des rémissions passagères.
En vérité, quand on souffre du pso, on passe son temps à chercher la solution. Une vraie quête, parfois d’une vie.

Enfin, le psoriasis plonge ses racines dans un erreau mêlant hérédité, causes environnementales, émotions et psyché. Et au final tout se rejoint sur le terrain immunitaire dans ce qui ressemble bien à un emballement auto-immun. Un corps étranger, un non-soi se tapit quelque part…

Aussi déprimant que mystérieux

En gouttes, en plaques, pustuleux, aux ongles, sur les paumes des mains, les plantes de pieds, les parties intimes ou le cuir chevelu, le psoriasis est insupportable. Et doublement sévère quand on le porte sur son visage ou en forme généralisée.

Je ne vais pas répéter ici que le Dr Luc Bodin explique déjà en détail dans cet article sur les causes physiologiques et symboliques du psoriasis mais je résume :

  • Le pso c’est souvent héréditaire (dans au moins un tiers des cas).
  • Le pso est un dérèglement du système immunitaire.
  • Le pso se déclenche, s’active ou se réactive sans que l’on sache toujours pourquoi. Il peut ainsi apparaître à la suite d’une banale infection (la gorge chez l’enfant, les voies respiratoires chez l’adulte), d’une dysbiose intestinale (l’alimentation toujours !), d’une subluxation articulaire, d’une vaccination ou de la prise d’un médicament (bêtabloquants, antipaludéens, lithium…).
  • Le pso est lié au stress. La pression nerveuse en est le ressort et son expression aggrave à son tour le stress. Cercle vicieux…
  • Le pso à la longue peut générer des complications sévères, rhumatismales (arthrite psoriasique…), mentales aussi.


Lire aussi
Les causes physiologiques et symboliques du psoriasis

Il fait quoi le dermato ?

L’approche conventionnelle est invariablement la même. Elle consiste à s’attaquer aux effets visibles du psoriasis en agissant sur le plan immunitaire, en combattant l’inflammation, en calmant l’irritation.

Dans le pso les lymphocytes T, on l’a vu, s’excitent, et à leur tour ces cellules stimulent les kératinocytes, les cellules superficielles de la peau. Ceci entraîne une sorte de prolifération du derme comme si les cellules n’arrivant pas à “mûrir” correctement, “tombaient” avant d’arriver à maturité. D’où ces grands lambeaux, ces squames. On se gratte, ça pèle, forme des couches successives et plus on se gratte plus il y en a, plus l’épiderme est à vif.

Réponse médicale logique : on fait chuter l’immunité, histoire d’éviter que les lymphocytes ne s’expriment de la sorte ; on éteint l’inflammation.

Les armes sont à double tranchant :

  • Les corticoïdes et corticostéroïdes, risquent de déstabiliser le psoriasis cutané, provoquant des poussées cutanées encore plus violentes lors de la diminution des doses.
  • Les anti-inflammatoires non stéroïdiens (tels que l’Apranax, le Voltarene, le Bi-Profénid … que l’on a souvent tendance à confondre avec les antalgiques) ont en revanche une efficacité beaucoup plus spectaculaire, mais souvent de courte durée.
  • Le traitement de référence (utilisé depuis les années 50 !), est le méthotrexate. Il donne de bons résultats dans 70% des cas environ. Mais les effets secondaires sont lourds et parfois pire que le mal car le méthotrexate peut provoquer des perturbations au niveau sanguin, notamment une diminution des globules blancs et rouges.
  • Un autre traitement général est la ciclosporine. Un traitement prescrit pour six mois maximum, en raison de sa toxicité rénale.
  • Il faut aussi mentionner une invention récente la biothérapie (qui n’a rien de bio).

Le génie génétique au secours !

La biothérapie, méthode récente et coûteuse, consiste à injecter des substances qui vont bloquer l’immunité à la source. Je passe sur la nature de ces substances fabriquées par génie génétique à partir de recombinants (regardez sur Internet, à “biothérapies” pour avoir une idée de la chose… souris transgéniques et compagnie).

Ces remèdes sont par nature dangereux car sans guérir le psoriasis (ils le calment certes mais l’entretiennent en même temps et vous rendent dépendants), ils ouvrent la porte de vos défenses à tous les vents laissant votre organisme désarmé, à la moindre infection comme à la menace cancéreuse.

La mer Morte, c’est pas la porte à côté !

Autrefois on soignait le psoriasis par des bains réguliers, avec des sels de mer, du bicarbonate. C’est une façon d’alcaliniser la peau et de faire tomber les squames. Dans les cas sévères on allait en cure en Israël au bord de la mer Morte, où cet effet est renforcé, et c’est toujours le cas. Comme cette mer curieuse est située 400 m en dessous du niveau habituel de la mer, il s’y produit un phénomène d’évaporation qui alimente un nuage de vapeur d’eau chargée de sels. Ce nuage filtre les UV si bien que les rayons du soleil peuvent jouer leur rôle thérapeutique sans effets néfastes.

En renfort de cette héliothérapie la concentration saline de cette mer (10 fois supérieure à la Méditerranée) ainsi que sa forte teneur en magnésium, calcium, brome et potassium, agissent visiblement sur la santé du derme en diminuant la prolifération des kératinocytes. Une cure de bains quotidiens dans la mer Morte sur une durée de 3 semaines améliore généralement le malade et lui procure des périodes de rémission de plusieurs mois. En comparaison, le méthotrexate, paraît totalement inefficace.

Mais loin de la mer Morte, l’effet disparaît et on a beau acheter des sels de la Mer Morte, ça ne fonctionne pas aussi bien… on n’a pas mis le soleil en boîte…

Des solutions naturelles, il y en a

Les solutions traditionnelles, pour être honnêtes, permettent plus souvent de soulager (et de stopper la desquamation) que de traiter en profondeur. Mais il faut commencer par là !

Le psoriasis correspond à une pathologie d’élimination de déchets par la peau, au niveau des cheveux, des genoux, des coudesUne faiblesse du foie et des intestins peut y être associée puisque ces organes sont chargés d’éliminer les toxiques. Une cure de 3 semaines de décoction de chardon-Marie ou de tisane de mauve peut atténuer le mal.

Cette maladie étant typiquement psychosomatique, tout ce qui peut améliorer la gestion du stress en soutenant le système nerveux est à prendre. Un petit geste régulier comme l’inhalation de camomille romaine équilibre le système nerveux (et ramène au calme dans les moments d’anxiété et de peurs).

A lire sur Plantes et Santé : soigner le psoriasis naturellement.

Evitez de faire empirer les choses

En période de poussées, quelques gestes simples permettent d’empêcher que la situation n’empire :

  • Évitez absolument de gratter les plaques.
  • Après le bain ou la douche, hydratez en appliquant sur la peau mouillée une goutte d’huile de rose musquée en massant doucement.
  • N’utilisez pas de produits à base d’alcool sur la peau.
  • Pour le cuir chevelu, massez le cuir chevelu avec de l’hydrolat de bois de santal .
  • Exposez-vous au soleil.

De bons gestes alimentaires aussi :

  • Adoptez un régime alimentaire hypotoxique (mieux, sans gluten) et consommez au minimum chaque jour 3 cuillères à soupe d’une huile crue et biologique de première pression à froid riche en oméga 3 (périlla, colza ou cameline).
  • Gare aux gâteaux secs, chocolat, sucres, charcuteries, poissons et crustacés, sans oublier alcool et cigarette qui aggravent le pso.

Voici une cure facile à faire

Avec un peu de volonté, vous ferez une mono-diète de pommes cuites (on rapporte au moins 50% d’amélioration) : choisir des pommes de qualité bio, les faire cuire dans une casserole en morceaux ou entières au four, les manger sans rien ajouter pendant 5 à 7 jours (fade au début le goût vous paraîtra terriblement sucré à la fin)..

Le chaînon manquant ?

Dans de nombreux cas, l’apparition du psoriasis fait suite à un événement : accident, grosse frayeur, deuil… qui remonte parfois jusqu’à six mois avant la première atteinte. Le stress d’une séparation (au sens large) est un gros facteur déclenchant.

La recherche la plus avancée, la psycho-neuro-immunologie (étude du lien entre le psychisme, les nerfs et les cellules immunitaires), tend à démontrer que, lorsque nos hormones du système neurovégétatif ne parviennent plus à tempérer la tension mentale nerveuse, quand la fabrication de neurotransmetteurs calmants n’est plus possible, la peau, principal émonctoire et frontière du soi, déraille. Ce n’est qu’une hypothèse mais tout se passe comme si les plaques de pso apparaissaient quand les capacités de réponse du système nerveux atteignaient leurs limites.

Cette explication offre un point d’appui pour agir contre la maladie. Comment ? En mettant de l’huile dans les rouages : traduisez de bons acides gras dans le réseau cellulaire pour une meilleure transmission nerveuse.

Ils avaient tout essayé…
sauf les phospholipides marins

C’est en tâtonnant pendant plus de 20 ans que le Dr Paul Dupont, dermato, ancien chef de clinique, a fini par découvrir empiriquement un remède qui emprunte cette voie nerveuse : la lécithine marine.

Et cette solution, qui remplace avantageusement le méthotrexate, ne ressemble pas à un placebo car elle a d’abord été appliquée à des patients qui ne s’en sortaient pas et que l’on avait fini de convaincre que leur pso était incurable.

La lécithine est une substance naturelle composée de plusieurs phospholipides. Ces phospholipides alimentent notre système nerveux, notre cerveau, entre autres.

La lécithine marine extraite de poissons sauvages qu’utilise le Dr Dupont contient en particulier un phospholipide (la phosphatidylcholine) qui est le précurseur de l’acétylcholine à la jonction neuro-cutanée. D’où peut-être l’étonnante efficacité de cette substance, mise en lumière par deux petites études*.

Dans ces tests où les patients avaient stoppé tout traitement (sauf émollients), une diminution des symptômes a été observée après 3 mois de traitement et une cicatrisation des plaques, chez la grande majorité des sujets, après 6 mois.

Le protocole lécithine marine

L’avantage de la lécithine marine serait d’être bien mieux assimilée au niveau de la peau que les seuls omégas 3. Cependant il faut en prendre en quantité suffisante et sur la durée pour en bénéficier pleinement. A l’état brut c’est une pâte dure qui sent le poisson, elle se prend donc sous forme diluée.

On en trouve sous différentes formes galéniques : en gélules pour le traitement de fond, en liquide pour le traitement d’attaque. Et en crème pour appliquer directement sur la peau. Mais le remède central du protocole reste les gélules de lécithine de manière à rééquilibrer le terrain (voir carnet d’adresse en fin d’article).

L’effet sur les nerfs est marqué, si bien qu’il n’est pas rare que la personne se sente plus cool au bout de quelques semaines de traitement.


Lire aussi
Psoriasis : homéopathie, phytothérapie et autres solutions naturelles

Et le psoriasis articulaire alors ?

L’arthrite psoriasique (AP) est une forme d’arthrite inflammatoire de type auto-immune. Dans l’AP, l’attaque immunitaire entraîne de l’enflure, de la douleur et une sensation de chaleur (inflammation) dans les articulations.

Dans la plupart des cas, l’AP survient après l’apparition d’un psoriasis. Cependant, le psoriasis n’entraîne pas toujours une AP. En fait, dans la plupart des cas de psoriasis, aucune AP ne survient par la suite.

En général, l’AP survient lentement. Elle apparaît d’abord dans quelques articulations puis en atteint d’autres au cours des semaines ou des mois qui suivent. Dans de rares cas, l’AP est grave et se déclare rapidement.

L’AP est une maladie atypique, car les symptômes varient grandement d’une personne à l’autre.

Les médecins ont défini cinq grands tableaux cliniques de l’AP.

  • Dans le tableau asymétrique – l’une des formes les plus bénignes – l’AP touche une à trois articulations des deux côtés du corps.
  • Dans le tableau symétrique, l’AP touche de nombreuses autres articulations et ressemble beaucoup à la polyarthrite rhumatoïde.
  • Dans le tableau distal, l’AP intéresse les articulations du bout des doigts les plus proches des ongles. Dans le tableau spinal, l’AP intéresse les articulations de la colonne vertébrale et les articulations sacro-iliaques, qui relient la colonne au bassin.
  • Enfin, dans le tableau destructeur, qui est très rare, l’AP est une forme d’arthrite grave, douloureuse et déformante aussi appelée « arthrite mutilante ».
  • L’AP peut également provoquer une inflammation des tendons entourant les articulations, c’est-à-dire une enthésite. Parmi les endroits les plus souvent touchés par une enthésite, on trouve l’arrière des talons (tendons d’Achille), la plante des pieds et l’extérieur des hanches. Dans certains cas, l’AP peut causer un gonflement dit « en saucisse » des doigts ou des orteils, c’est-à-dire une dactylite.

Comme l’AP survient en général chez des personnes déjà atteintes de psoriasis, l’apparition de douleurs articulaires nouvelles et inexpliquées chez ces personnes constitue un signe avant-coureur de la maladie. L’arthrite précède parfois l’éruption de psoriasis. Si l’un des symptômes ci-dessous persiste plus de deux semaines, consultez votre médecin.

  • Douleurs et raideurs inhabituelles dans une ou plusieurs articulations. L’AP survient parfois à la suite d’une blessure et peut faire l’objet d’un diagnostic erroné.
  • Ces douleurs et raideurs sont pires le matin, durant en général plus de 30 à 60 minutes avant que les articulations ne s’assouplissent et fassent moins mal.
  • Cependant, de la douleur et une raideur plus ou moins intenses peuvent persister la majeure partie de la journée et même gêner le sommeil la nuit.
  • L’apparition de l’AP s’accompagne parfois de fatigue, et certaines personnes prennent un peu de poids parce qu’elles deviennent moins actives.

Les causes de l’AP sont inconnues, mais on sait que l’hérédité y joue un rôle très important. Si un membre de votre famille est atteint de psoriasis ou d’arthrite psoriasique, vous êtes plus susceptible de souffrir un jour d’AP.

Cependant, le fait d’avoir une prédisposition génétique ne veut pas nécessairement dire qu’on souffrira un jour d’AP. Pour que la maladie apparaisse, il faut toujours qu’un facteur en opère le déclenchement.

Or, divers facteurs pourraient déclencher l’AP, mais on ne les connaît malheureusement pas. Il pourrait s’agir d’une infection virale, d’un traumatisme ou d’un autre facteur lié à l’environnement. Par ailleurs, il pourrait y avoir plus
d’un facteur déclenchant.

Les phospholipides marins et le securidaca améliorent également le psoriasis qui se développe sur les articulation

Il est aussi très important d’éviter tout ce qui peut enflammer et acidifier l’intestin… donc pas de produits laitiers , diminuer tout ce qui contient du gluten et le sucre pur .. enfin éviter l’alcool.

Comme anti-inflammatoire naturel spécifique de cette pathologie, on peut conseiller le Securidaca, une plante de la pharmacopée africaine popularisée par le Dr Tubéry aux effets immuno-modulateurs, anti-inflammatoires et détoxicants, spécifique des affections cutanées (psoriasis, eczéma).

Voici le protocole à suivre :

  • Oemine pso : 4 gélules matin et soir

Et lors des poussées

  • Securidaca 4 cuil à café dans un litre d’eau à boire lors des repas par cure de 10 jours

PSO… Patience, Soleil, Optimisme…

Il est toujours possible de guérir d’un psoriasis. Des magnétiseurs le prouvent tous les jours. C’est plus magique et plus rapide que ce que je vous propose mais ça cloue le bec aux pessimistes.
Car il en faut un peu de l’optimisme pour s’en sortir. Un peu de patience aussi (en tout cas sans magnétiseur chevronné), et un peu de soleil si possible.

Les différentes formes de psoriasis

Forme typique : psoriasis vulgaire

Une éruption cutanée étendue, grossièrement symétrique, souvent prurigineuse faite de lésions élémentaires bien authentifiées par le grattage à la curette : macule érythémateuse, arrondie, de grande taille, recouverte de squames plus ou moins
épaisses, blanchissant lors des premiers coups de curette et laissant se détacher des lamelles micacées, puis apparition d’une lamelle plus cohérente, transparente qui se détache en bloc, enfin, si on gratte avec un peu d’insistance, apparaît un piquet, hémorragique.
L’atteinte se situe surtout sur au niveau des coudes, des genoux, des faces antérieures des tibias, des lombes, du cuir chevelu, des ongles.

Psoriasis du cuir chevelu

Fréquent dans les formes étendues, mais souvent forme de début. Se présente, typiquement, sous forme, soit de grandes plaques débordant sur le front, soit sous forme de tâches circonscrites ; il n’y a jamais d’alopécie.

Psoriasis unguéal

L’aspect spécifique est celui de dépressions cupuliformes en dé à coudre criblant la lame de l’ongle. D’autres aspects non spécifiques se rencontrent : stries longitudinales, cannelures horizontales, modifications de la couleur, fragilité, friabilité.

Psoriasis pustuleux localisé

Le malade présente des plaques à fond érythémateux, couvertes de petites pustulettes profondes et enchâssées à contenu stérile, plus ou moins confluentes, décollant l’épiderme. L’aspect rejoint celui d’une dyshidrose.

Psoriasis des plis

L’aspect des plaques est rouge vif, non ou peu squameuses, lisses, brillantes ou des tâches suintantes recouvertes d’un enduit blanchâtre. Lorsque l’affection est uniquement localisée aux plis c’est le psoriasis interverti de diagnostic difficile.

Psoriasis des muqueuses

Rare, peu évocateur et authentifié souvent qu’en présence des lésions cutanées typiques évoluant parallèlement.

Rhumatisme psoriasique

Survenant le plus souvent, mais pas toujours, après les signes cutanés (l’association la plus fidèle étant rhumatisme-psoriasis unguéal), prenant 2 aspects :

  • Soit d’une polyarthrite évolutive à type de rhumatisme déformant, marqué par des poussées inflammatoires entraînant ankylose et déformation, avec une sérologie rhumatismale négative,
  • Soit d’un rhumatisme axial à type de spondylarthrite ankylosante.

Erythrodermie psoriasique

Complication grave, survenant volontiers après une irritation ou une erreur thérapeutique (corticothérapie générale). L’ensemble du tégument est rouge, chaud, infiltré, tendu et le prurit intense. L’érythrodermie peut se compliquer de surinfection, de troubles de la thermorégulation et d’anomalies hydroélectrolytiques justifiant l’hospitalisation du patient. Les thérapeutiques nouvelles en ont grandement amélioré le pronostic.

Psoriasis pustuleux généralisé

Il survient le plus souvent après une erreur thérapeutique (corticothérapie générale) : apparition sur le fond érythrodermique d’une efflorescence de pustulettes amicrobiennes décollant l’épiderme exprimant, au plan clinique, l’image histologique constante du psoriasis, à savoir, des pustulettes liées à une accumulation de polynucléaires, multiloculaires avec un aspect spongiforme.

Psoriasis du nourrisson et de l’enfant

Le psoriasis est souvent localisé à la zone des langes chez le nourrisson. Chez l’enfant il est souvent aigu, en goutte, succédant à une angine.

Psoriasis et infection par le VIH

Au cours de l’infection par le VIH le psoriasis est souvent grave, réfractaire aux thérapeutiques. Il peut prendre la forme classique, pustuleux ou érythrodermique.

Les traitements officiels

Les kératolytiques : vaseline salicylée à une concentration de 5 à 20%, pour décaper les squames.

Les réducteurs : le goudron de houille à effet cytostatique (Carbodome®), goudrons végétaux : huile de Cade. Peuvent s’utiliser en bains (Caditar®) ou shampoing, dioxyanthranol ou anthraline (Dithrasis®). Ils ont l’énorme inconvénient de tacher le linge.

La corticothérapie locale : effet anti-inflammatoire et cytostatique, parfois employée sous pansements occlusifs. Certaines préparations associent corticoïdes et acide salicylique, ou un réducteur. (Diprosalic® pommade et lotion, Nérisalic® crème), etc…
NB : les corticoïdes généraux sont formellement proscrits (induction d’érythrodermie).

Les cytostatiques locaux : Caryolysine® diluée dans l’eau, efficace, mais mal tolérée.

Les dérivés de la vitamine D3 ou calcipotriol (Daivonex®, Apsor®) : l’activité est égale, voire supérieure à celle de la corticothérapie locale mais le risque d’hypercalcémie (absorption trans-cutanée) est réel lors d’utilisation sur de grandes surfaces ou dans les plis.

Les rétinoïdes topiques (Zorac®).

La PUVAthérapie (méthode associant prise orale d’un psoralène (P) et irradiation avec ultraviolet A (UVA) et la photothérapie UVB à spectre étroi. Efficaces sur toutes les lésions de psoriasis sauf sur le cuir chevelu et la région pelvienne, moins intéressantes sur les lésions kératosiques palmoplantaires, contre-indiquées dans l’érythrodermie. Elles restent aujourd’hui la méthode thérapeutique la plus efficace pour blanchir une poussée de psoriasis vulgaire. L’association aux rétinoïdes oraux en augmente l’efficacité.

Les dérivés de la vitamine A ou les rétinoïdes

Seul le Soriatane® est utilisé dans le psoriasis. Son très haut risque tératogène, et son accumulation prolongée (>1 an), en limitent l’usage chez la femme en période d’activité génitale. Ses règles d’utilisation et ses effets secondaires doivent en faire une prescription de spécialistes.

Les cytostatiques

Méthotrexate®, Imurel®, Hydréa® et immunosuppresseurs telle la Cyclosporine (Sandimmun®).

Le protocole usuel

En général, les médecins préconisent en traitement local un « décapage » par kératolytiques, puis réducteurs, dermocorticoïdes ou vitamine D3.

Pour les formes étendues : la PUVAthérapie est l’indication de choix associée ou non aux rétinoïdes, les rétinoïdes seuls sont moins efficaces.

Pour les formes graves : les formes érythrodermiques ou pustuleuses généralisées, sont l’indication privilégiée des rétinoïdes, voire dans les formes très sévères des traitements immunosuppresseurs ou de la cyclosporine.

Carnet d’adresse :

Références :

* – Dupont P. “Traitement du psoriasis par la lécithine marine”, Phytothérapie, vol. 4, no 1, 2006, pp. 15-22.
– Dupont P. Intérêt de la lécithine marine (Pc-DHA) dans le psoriasis. Officiel santé. 2006; Septembre-octobre, 35: 30-31.

En aucun cas les informations et conseils proposés sur le site Alternative Santé ne sont susceptibles de se substituer à une consultation ou un diagnostic formulé par un médecin ou un professionnel de santé, seuls en mesure d’évaluer adéquatement votre état de santé

Psorilax:in vendita |crema naturale psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, quanto costa

Il Toronto Dermatology Center è uno dei luoghi principali in Canada per la gestione della psoriasi; abbiamo lanciato il Toronto Psoriasis Centre perché vediamo così tanti pazienti con psoriasi e siamo diventati un centro di eccellenza per la psoriasi. Sia il Dr. Benjamin Barankin che il Dr. Anatoli Freiman hanno pubblicato e presentato in tutto il mondo la gestione della psoriasi.

Toronto Psoriasis Centre ha dermatologi eccezionali che possono offrire sia una valutazione completa che una diagnosi della tua pelle e discutere anche di tutte le opzioni di trattamento tra cui: selezione di idratanti, terapie vitaminiche e naturali, creme e pillole da prescrizione (ad es. metotrexato, soriatane, Otezla®), coperte da OHIP fototerapia (gratuita) e gli agenti biologici più recenti e molto efficaci (ad es. Enbrel®, Humira®, Remicade®, Stelara®, Cosentyx®, Siliq® e Tremfya®).

Inoltre, presso la nostra clinica dermatologica di Toronto, offriamo sperimentazioni cliniche – invia un'e-mail a research@torontodermatologycentre.com o chiamaci al numero 416-633-0001 x4 se sei interessato a partecipare a sperimentazioni cliniche e a migliorare la nostra comprensione della psoriasi.

La psoriasi colpisce il 2-3% delle persone nel Nord America. La psoriasi è una malattia della pelle persistente caratterizzata da aree rosse, ispessite con squame argentee, molto spesso su cuoio capelluto, gomiti, ginocchia e parte bassa della schiena. Alcuni casi di psoriasi sono così lievi che le persone non sanno di averlo. La psoriasi grave può coprire vaste aree del corpo. La psoriasi non è contagiosa e non può essere trasmessa da una persona all'altra, ma è più probabile che si verifichi nei membri della stessa famiglia.

Quali sono le cause della psoriasi?
La causa della psoriasi non è nota. Tuttavia, recenti scoperte indicano un'anomalia nel funzionamento di speciali globuli bianchi (cellule T) che innescano l'infiammazione e la risposta immunitaria nella pelle. A causa dell'infiammazione, la pelle cresce troppo rapidamente. Normalmente, la pelle si sostituisce in circa 30 giorni, ma nella psoriasi, il processo accelera e sostituisce la pelle in 3-4 giorni e si sviluppano i segni della psoriasi (spessore e desquamazione).

Le persone notano spesso nuovi punti da 10 a 14 giorni dopo che la pelle è stata tagliata, graffiata, sfregata o gravemente bruciata dal sole (fenomeno di Koebner). La psoriasi può anche essere attivata da infezioni, come mal di gola e da alcuni medicinali (beta-bloccanti, litio, ecc.). Le riacutizzazioni a volte si verificano in inverno, a causa della pelle secca e della mancanza di luce solare. Gli inverni in Canada possono essere particolarmente rigidi per i pazienti con psoriasi; Il Toronto Dermatology Center offre fototerapia (OHIP coperto / gratuito) tutto l'anno, anche se l'orario invernale è sicuramente il periodo più popolare per questo trattamento.

piede che ha bisogno di cure per la psoriasi

Tipi di psoriasi
La psoriasi si presenta in molte forme. Ognuno differisce per gravità, durata, posizione, forma e modello delle scale. La forma più comune di psoriasi si chiama psoriasi a placche e inizia con piccoli dossi rossi. A poco a poco, questi dossi diventano più grandi e si formano in scala. Mentre le scale superiori si sfaldano facilmente e spesso, le scale sotto la superficie si attaccano insieme. Queste piccole aree rosse possono ingrandirsi.

  • Cuoio capelluto, gomiti, ginocchia, gambe, braccia, genitali, unghie, palmi e suole sono le aree più comunemente colpite dalla psoriasi. Apparirà spesso nello stesso posto su entrambi i lati del corpo.
  • La psoriasi del cuoio capelluto può essere confusa con la forfora, o entrambe possono a volte coesistere.
  • Le unghie con psoriasi hanno spesso piccole fossette e spesso si sollevano (onicolisi). Le unghie possono addensarsi o sgretolarsi e sono difficili da trattare. Le infezioni fungine sono più comuni nei pazienti con psoriasi delle unghie. Il Toronto Dermatology Center può aiutarti a determinare se hai semplicemente la psoriasi nelle unghie o una vera infezione da funghi.
  • La psoriasi inversa si verifica sotto le ascelle, sotto il seno e nelle pieghe della pelle intorno all'inguine, ai glutei e ai genitali.
  • La psoriasi guttata (“a goccia”) di solito colpisce bambini e giovani adulti. In genere inizia dopo un mal di gola (ad es. Mal di gola) con molti piccoli punti rossi, squamosi che appaiono sulla pelle. La psoriasi guttata si risolve frequentemente da sola in pochi mesi, sebbene la fototerapia sia il trattamento di scelta per accelerare la risoluzione.
  • Il 20-30% delle persone con psoriasi può avere sintomi di artrite (“artrite psoriasica”) e dovrebbe considerare di vedere un reumatologo. Se hai gonfiore, dolore o dolore alle articolazioni o se le articolazioni si sentono doloranti per i primi 30-60 minuti al mattino prima di “allentarsi”, assicurati di menzionarlo al tuo dermatologo.

(Embed) https://www.youtube.com/watch?v=dMOTs0b1zH0 (/ embed)

Come viene diagnosticata la psoriasi?
I dermatologi diagnosticano la psoriasi prendendo una storia approfondita ed esaminando la pelle, le unghie e il cuoio capelluto. Se la diagnosi è in dubbio, una biopsia cutanea può essere utile.

Trattamento della psoriasi per le dita

Come viene trattata la psoriasi?
L'obiettivo del trattamento della psoriasi è ridurre l'infiammazione e controllare lo spargimento della pelle. Le creme idratanti allentano le squame e aiutano a controllare il prurito. Le diete speciali non hanno avuto successo nel trattamento della psoriasi, tranne in casi isolati; l'aumento dei pesci nella dieta può portare benefici ad alcuni pazienti con psoriasi e una dieta a basso contenuto glicemico è probabilmente di qualche beneficio. Il Toronto Dermatology Center è all'avanguardia per quanto riguarda la comprensione di tutte le opzioni di trattamento medico e le opzioni più naturali per la psoriasi. trattamento. Studi scientifici ora suggeriscono anche un miglioramento della psoriasi con riduzione del peso corporeo e l'interruzione del fumo.

Il trattamento della psoriasi si basa sulla salute, l'età, lo stile di vita e la gravità della psoriasi del paziente. Valuteremo la tua psoriasi su base individuale e ti forniremo il piano di trattamento ottimale per te. Potrebbero essere necessari diversi tipi di trattamenti e diverse visite dal tuo dermatologo.

I nostri medici specialisti presso Toronto Psoriasis Centre può prescrivere farmaci da applicare sulla pelle contenente composti di cortisone (ad es. Clobetasol), prodotti combinati (ad es. gel Dovobet® / pomata, schiuma Enstilar®, lozione / pomata diprosalica), creme immunomodulanti topiche (ad es. Protopic®, Elidel®), e meno comunemente retinoidi (ad es. Tazorac®), analoghi sintetici della vitamina D (ad es. Dovonex®, Silkis®) o catrame per la psoriasi. Questi trattamenti per la psoriasi possono essere utilizzati in combinazione con luce solare naturale o luce ultravioletta. Le forme più gravi di psoriasi possono richiedere farmaci per via orale o iniettabili con o senza trattamento leggero.

L'esposizione alla luce solare aiuta la maggior parte delle persone con psoriasi, ma deve essere usata con cautela. La terapia con luce ultravioletta (“terapia UV” o “fototerapia”) può essere somministrata nell'ufficio di un dermatologo o in un ospedale per la psoriasi. Il Toronto Psoriasis Centre offre fototerapia che è un servizio coperto dall'OHIP (gratuito).

Tipi di trattamento
Steroidi (cortisone) – Il cortisone è un farmaco che riduce l'infiammazione. Creme, unguenti e lozioni al cortisone possono eliminare temporaneamente la pelle e controllare la condizione in molti pazienti. I preparati più deboli dovrebbero essere utilizzati su aree più sensibili del corpo come i genitali e il viso. Di solito saranno necessari preparati più potenti per controllare le lesioni del cuoio capelluto, dei gomiti, delle ginocchia, dei palmi delle mani, delle suole e delle parti del busto. Gli effetti collaterali dei preparati a base di cortisone più forti (se usati in modo improprio) includono l'assottigliamento della pelle, i vasi sanguigni dilatati, i lividi e i cambiamenti di colore della pelle. L'interruzione improvvisa di questi farmaci può provocare una riacutizzazione della malattia. Occasionalmente, la psoriasi può diventare resistente ai preparati steroidi. Il dermatologo può iniettare cortisone in punti difficili da trattare. Le creme antinfiammatorie non steroidee come Protopic® (tacrolimus) ed Elidel® (pimecrolimus) possono essere molto utili in aree delicate / della pelle sottile come inguine, ascelle e viso.

Trattamento della psoriasi TorontoTerapia della luce – La luce solare e la luce ultravioletta rallentano la rapida crescita delle cellule della pelle nella psoriasi. Il Toronto Dermatology Centre offre ai suoi pazienti fototerapia a banda stretta per tutto il corpo e fototerapia per mani e piedi. Sebbene la luce ultravioletta o la luce solare possano causare rughe della pelle, danni agli occhi e cancro della pelle, il trattamento della luce (“fototerapia”) con UVB a banda stretta è sicuro ed efficace sotto la cura di un dermatologo. Non ci sono costi presso la nostra clinica per fare questo trattamento.

Methotrexate – Questo è un farmaco anticancro orale che può migliorare la psoriasi quando altri trattamenti hanno fallito; è anche utile nell'artrite psoriasica. Poiché può causare effetti collaterali come alterazione del fegato, vengono eseguiti regolari esami del sangue e sono necessarie visite periodiche al dermatologo. Altri effetti collaterali includono affaticamento, mal di stomaco, nausea e vertigini. Il metotrexato non deve essere usato da donne in gravidanza o da uomini e donne che stanno cercando di concepire un bambino. Le bevande alcoliche non devono essere consumate se si utilizza il metotrexato.

I retinoidi – I farmaci per via orale correlati alla vitamina A (ad es. Soriatane®) possono essere prescritti da soli o in combinazione con luce ultravioletta per i casi gravi di psoriasi (insieme alla terapia topica nella maggior parte dei casi). Gli effetti collaterali includono secchezza della pelle, delle labbra e degli occhi; aumento dei livelli di grasso nel sangue (colesterolo e trigliceridi). I retinoidi orali non sono comunemente usati nelle donne in età fertile a causa degli effetti su un feto. Sono necessari esami del sangue occasionali e visite periodiche con il proprio dermatologo.

Apremilast (Otezla®) – Questo è un nuovo farmaco orale (antinfiammatorio) che è un'opzione molto sicura ed efficace per la psoriasi. La psoriasi mano / piede (palmoplantare) funziona particolarmente bene con questo farmaco e le unghie migliorano come con altre terapie sistemiche. Questo trattamento è efficace anche per l'artrite psoriasica. Non è richiesto alcun monitoraggio con questo farmaco che parla della sicurezza. L'effetto collaterale principale sono feci molli, nausea, diarrea e mal di testa, che in genere possono verificarsi nelle prime settimane e poi si risolvono.

Agenti biologici – Etanercept (Enbrel®), Adalimumab (Humira®), Ustekinumab (Stelara®), Secukinumab (Cosentyx®), Brodalumab (Siliq®) e Guselkumab (Tremfya®) sono agenti molto sicuri ed efficaci per la psoriasi e l'artrite psoriasica, e sono tipicamente somministrato per autoiniezione per via sottocutanea a frequenze variabili. Alcuni di questi agenti vengono somministrati una o due volte alla settimana, mentre altri vengono somministrati ogni 1-3 mesi. La stragrande maggioranza dei pazienti trova questi farmaci molto convenienti e il disagio dell'iniezione è abbastanza minimo.

Questi agenti sono stati utilizzati in modo sicuro ed efficace in milioni di persone in tutto il mondo anche per altre condizioni infiammatorie, tra cui: artrite reumatoide, morbo di Crohn, colite ulcerosa e spondilite anchilosante.

Quando la terapia topica (lozione / crema / unguento) non è pratica o non abbastanza efficace e la psoriasi troppo diffusa e / o in presenza di artrite psoriasica, gli agenti biologici dovrebbero essere fortemente considerati; sono in genere prescritti da un dermatologo piuttosto che da un medico di famiglia / medico di medicina generale.

Questi agenti hanno rivoluzionato il trattamento della terapia della psoriasi a placche moderata-grave in quanto questi trattamenti sono considerati sicuri e altamente efficaci; sebbene ci siano potenziali effetti collaterali a questi farmaci come tutti i farmaci, con una consulenza adeguata e esami del sangue periodici e visite periodiche al dermatologo, queste terapie possono essere un'eccellente opzione di trattamento per molti pazienti che soffrono di psoriasi. Il Toronto Dermatology Center è dedicato a ridurre al minimo l'impatto fisico e psicosociale della psoriasi attraverso una varietà di opzioni di trattamento e consulenza.

Il principale svantaggio dei farmaci biologici per la psoriasi è il loro costo elevato, e fortunatamente la maggior parte dell'assicurazione di terze parti (ad es. Lavoro) pagherà per questi farmaci. Ci sono anche casi di copertura nell'ambito dell'ODB / assistenza sociale e per gli anziani. Nei casi in cui un farmaco biologico è indicato per la psoriasi ma il costo non è coperto per il farmaco da un piano farmacologico o governativo, presso il Toronto Dermatology Centre offriamo studi clinici di ricerca sulla psoriasi che consentono a molti pazienti di ottenere farmaci per la psoriasi gratuitamente. Parla con uno dei nostri medici per decidere il miglior piano di trattamento per la tua psoriasi.

“Psoriasis Biologic Experience” con il Dr. Anatoli Freiman

(Embed) https://www.youtube.com/watch?v=qrpFZwCpfgM (/ embed)

Parte 1 – “Un viaggio per la psoriasi” con il Dr. Benjamin Barankin

(Embed) https://www.youtube.com/watch?v=x_7mnE95byo (/ embed)

Parte 2 – “Un'esperienza biologica” con il Dr. Benjamin Barankin

(Embed) https://www.youtube.com/watch?v=5CUTylkLaoY (/ embed)

(Embed) https://www.youtube.com/watch?v=AznhU_SeWWM (/ embed)

Ecco una selezione di articoli multimediali che citano i nostri rinomati dermatologi Dr. Benjamin Barankin e Dr. Anatoli Freiman per quanto riguarda la psoriasi. Il Toronto Dermatology Center è orgoglioso di essere tra i più grandi centri di trattamento per la psoriasi in Canada.

Chiama il 416-633-0001 o inviaci un'e-mail oggi per scoprire il miglior trattamento per la psoriasi per te.
Il Toronto Dermatology Centre si trova a Toronto, in Ontario, e serve uomini e donne a North York, Vaughan, Richmond Hill, York, Aurora, Thornhill, Mississauga, Etobicoke, Scarborough, Pickering, Peterborough, Guelph, Kitchener, Waterloo, Hamilton, Oshawa, Barrie, downtown, midtown, uptown e tutta la Grande Toronto (GTA).

Per saperne di più sulle prove cliniche – Fai clic qui

Psorilax:Prezzo di vendita |crema naturale per psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, ingredienti

Quando vai alla ricerca delle migliori vitamine per la psoriasi, uno continua a presentarsi ancora e ancora.

Sì, stiamo parlando di vitamina D per la psoriasi. E non è solo per la psoriasi: le origini della vitamina D risalgono ad almeno 0,5 miliardi di anni al primo fitoplancton del pianeta e sembrerebbe che quasi ogni organismo che abita alla luce del giorno richiede questo nutriente essenziale per la vita!

Quindi che cos'è esattamente?

La vitamina D è un composto vitaminico, ormonale e antiossidante molto importante che i nostri corpi producono solitamente in risposta alla luce solare.

Senza vitamina D, i nostri corpi soffrirebbero immensamente, essendo esposti a maggiori quantità di infiammazione, ossa più deboli e un sistema immunitario gravemente compromesso.

Notando questo, non sorprende che quelli di noi con condizioni autoimmuni e infiammatorie, come la psoriasi, siano stati tutti collegati a una carenza di vitamina D.

Non solo si verifica una carenza in quelli con psoriasi, ma si verifica anche nella borsa divertente di tutte quelle condizioni che i malati di psoriasi corrono un rischio maggiore di ereditare, come ad esempio:

  • Artrite reumatoide
  • Diabete
  • Malattia cardiovascolare
  • Disordini neurologici
  • Sindrome dell'intestino irritabile
  • Dermatite
  • Sindrome metabolica
  • Alta pressione sanguigna
  • Cancro

Quindi la buona notizia? Il trattamento della psoriasi, oltre a queste altre condizioni, con l'integrazione di vitamina D si è dimostrato estremamente efficace, almeno in termini di alleviare i sintomi.

Ma non è tutto, ovviamente. Esaminiamo esattamente come l'assunzione di vitamina D per la psoriasi può aiutare e come prenderla effettivamente!

Quale forma di vitamina D è la migliore per la psoriasi?

Prima di approfondire esattamente come la vitamina D è efficace nel trattamento della psoriasi, dobbiamo capire il tipo di vitamina D che ha “ottenuto il potere!”

Ci sono solo due forme di vitamina D che si possono ottenere: vitamina D3 o D2.

La vitamina D2 è un additivo comune nei prodotti lattiero-caseari e in altri prodotti popolari, ma in realtà è una forma di calcio che il nostro corpo non può facilmente elaborare e finisce per causare più danni che benefici!

La vitamina D3 d'altra parte è eccellente per noi ed è conosciuta come la forma attiva di vitamina D, prontamente disponibile per i nostri corpi da usare istantaneamente. Altri nomi per la forma corretta di vitamina D3 sono 1,25-diidrossicolecalciferolo o 1,25-diidrossivitamina D3.

Sì, è ridicolmente lungo ma grazie alle tue funzioni di copia e incolla, almeno non avrai bisogno di sapere come si scrive. E sì, è quello che dovresti ottenere.

Perché funziona la vitamina D per la psoriasi

Ecco una visione più approfondita di come funziona la vitamina D per la psoriasi, con diversi motivi che chiariscono perché la vitamina D è la vitamina di riferimento per il trattamento della psoriasi.

Per cominciare, la vitamina D3 …

Previene l'infiammazione

Nella psoriasi, le brutte legioni della pelle, le squame e le eruzioni cutanee sono causate da una reazione autoimmune che provoca un'infiammazione eccessiva. La vitamina D3 ha dimostrato più volte di prevenire e ridurre questa infiammazione.

La vitamina D agisce prevenendo le cascate di infiammazione. In diversi studi, ha abbassato i marker di infiammazione nella psoriasi e in altre malattie infiammatorie. La vitamina D3 fa un passo avanti, tuttavia, sovraregolando i geni coinvolti nella creazione di composti anti-infiammatori.

Ciò significa che attiva la capacità del tuo corpo di indurre i ragazzi a contrastare l'infiammazione, dando al tuo corpo l'autoguarigione!

Regola la formazione delle cellule dendritiche e la rapida crescita delle cellule della pelle

Una visione più approfondita della reazione autoimmune coinvolta nella psoriasi ha rivelato che le legioni della pelle sono il risultato di cellule T troppo funzionanti e di cellule dendritiche.

Le cellule dendritiche (da non confondere con i dendriti neuronali) sono ciò che segnala al corpo di produrre cellule T in risposta a un'infezione. Sia le cellule T che le cellule dendritiche sono state trovate in grandi quantità nella pelle dei pazienti con psoriasi in aree con e senza eruzioni cutanee.

Queste cellule sono coinvolte nella risposta immunitaria che genera cascate di infiammazione e sono legate alla formazione di legioni cutanee della psoriasi. La vitamina D3 ha dimostrato di regolare efficacemente entrambi questi tipi di cellule, tenendo sotto controllo il loro numero e prevenendo una risposta autoimmune.

Inoltre, la vitamina D regola la rapida formazione della crescita della pelle come si vede nei casi di psoriasi. Uno studio brasiliano del 2013 ha monitorato nove persone con psoriasi per sei mesi, con ogni persona che assumeva 35.000 UI di vitamina D3 ogni giorno.

vitamina d per la psoriasi

È una dose enorme, certo, quindi i pazienti erano sotto la regolare supervisione del medico – nota a margine: non è consigliabile farlo da soli a casa.

Ma i risultati sono stati eccezionali con ogni persona che ha visto miglioramenti. Alcuni erano significativi, come puoi vedere nelle foto dei pazienti prima e dopo.

Aumenta la funzione immunitaria

Inizialmente si pensava che la vitamina D fosse utilizzata dall'organismo solo come mezzo per la regolazione del calcio.

Nel tempo, la scienza ha scoperto che questa vitamina è effettivamente coinvolta in molte funzioni immunitarie e che diversi tessuti del nostro corpo hanno recettori per questo.

La vitamina D agisce come mediatore ed è coinvolta nella segnalazione e nella regolazione delle risposte immunitarie sane quando il corpo è compromesso. Molti studi hanno supportato questa ricerca, dimostrando quanto sia potente questa meravigliosa vitamina nel rafforzare il sistema immunitario contro le infezioni e le risposte immunitarie iperattive.

Aiuta a dormire bene

Lo scarso sonno in generale ha dimostrato di indebolire il funzionamento della pelle. Quello che potresti non sapere è che la mancanza di sonno aggrava tutti i sintomi della psoriasi rilasciando ancora più composti infiammatori.

Sebbene non ci siano molte prove a sostegno del fatto che la vitamina D3 sia direttamente efficace nell'indurre un sonno migliorato, ci sono innumerevoli segnalazioni aneddotiche da parte di coloro che la assumono, affermando che D3 le fa sentire assonnate e migliora la qualità del sonno.

Inoltre, è stato dimostrato che coloro che sono carenti di vitamina D3 hanno anche maggiori probabilità di avere disturbi del sonno.

Possibili indizi su come D3 sembra aiutare il sonno si trovano nella sua capacità di proteggere dall'esaurimento della serotonina, oltre ad essere un composto anti-infiammatorio a tutto tondo.

La serotonina lavora di pari passo con la melatonina nel corpo e senza di essa non si può produrre melatonina. La melatonina è un ormone e maestro antiossidante che ci fa addormentare, in termini molto semplici.

Inoltre, è stato riportato che i livelli di melatonina sono diminuiti in quelli con questa terribile condizione della pelle e una mancanza di melatonina e vitamina D3 è collegata ai disturbi del sonno in generale.

I comuni disturbi del sonno sono esacerbati dall'aumento dei livelli di citochine (o infiammazione). Poiché la vitamina D3 aiuta a ridurre l'infiammazione, protegge dall'esaurimento della serotonina ed è collegata alle irregolarità del sonno quando si è carenti, è sicuro di dire che aiuterà a migliorare la qualità del sonno nelle persone affette da psoriasi.

Riduce il dolore e la percezione del dolore

Una cosa che tutti i pazienti con psoriasi hanno in comune tra loro è il dolore. Le legioni di scabby e le eruzioni cutanee che si verificano lungo il corpo sono pruriginose e terribilmente doloranti, peggiorando solo se graffiate. Per fortuna, la vitamina D3 viene di nuovo in soccorso!

In uno studio condotto su pazienti con artrite reumatoide, 500 UI di vitamina D3 al giorno hanno ridotto significativamente il dolore articolare dopo 3 mesi.

L'artrite è un'altra condizione infiammatoria autoimmune che è molto simile alla psoriasi. In effetti, il 30% di tutti i casi di psoriasi si manifesta sotto forma di artrite psoriasica e molti malati di psoriasi sviluppano artrite nelle fasi successive della malattia.

Migliora la salute delle ossa

Come accennato in precedenza, la psoriasi è in realtà comunemente associata all'artrite a causa delle sue somiglianze riguardo all'infiammazione cronica. Ciò significa che coloro che soffrono di psoriasi hanno maggiori probabilità di sviluppare articolazioni più deboli o fratturate nelle fasi successive della malattia, contro cui la vitamina D3 protegge.

Un declino della salute delle ossa è un altro fattore di rischio, in particolare per gli uomini con psoriasi! In un articolo di ricerca del 2009, è stato chiaramente dimostrato che gli uomini con psoriasi hanno grandi probabilità di sviluppare l'osteoporosi, mentre le donne non sembravano affatto.

La vitamina D3 aumenta la densità ossea e protegge dalle fratture. Funziona anche con la vitamina K2 per garantire ossa forti e sane, prevenendo l'insorgenza dell'osteoporosi.

Protegge il cuore

La grave infiammazione nella psoriasi è collegata all'ipertensione e alle malattie cardiovascolari (CVD). Livelli più elevati di vitamina D3 sono stati associati a un ridotto rischio di entrambe queste condizioni.

Questa potente vitamina protegge il cuore abbassando il colesterolo “cattivo” e aumentando il colesterolo “buono”. Il colesterolo cattivo o LDL, se sproporzionato nel corpo, porta ad un aumento dell'infiammazione che peggiorerà i sintomi della psoriasi.

La vitamina D3 regola anche la pressione alta e riduce il peso in coloro che sono obesi, un altro fattore di rischio per chi soffre di psoriasi e CVD.

Aiuta il microbioma

Un'interruzione del microbioma svolge un ruolo importante in una moltitudine di condizioni infiammatorie e la psoriasi non fa eccezione.

È stato riferito che il microbioma influisce sul nostro corpo nel suo insieme, anche con siti apparentemente non correlati come la pelle. L'assunzione di probiotici è stata notata per ridurre i marker di infiammazione nei pazienti con psoriasi.

È stato anche ipotizzato che la malattia infiammatoria intestinale e la psoriasi condividano gli stessi percorsi infiammatori a causa della loro stretta associazione tra loro.

Ecco dove la vitamina D3 può brillare ancora una volta!

Uno studio ha dimostrato che la vitamina D regolava positivamente la parte superiore del microbioma, causando meno disturbi intestinali e una più ampia diversità di batteri intestinali sani.

Come prendere la vitamina D per la psoriasi

Ok, a questo punto dici, sei convinto. Ma come fai a sapere se ne hai bisogno?

Sai già che il tuo corpo produce naturalmente la sua vitamina D3, ma quanto dipende fortemente da cose come quanta luce solare ottieni in un dato giorno.

Se vivi in ​​una regione buia e triste (o è inverno), allora ci sono buone probabilità che ti manchino. Anche se sei in pascoli più soleggiati, molti di noi hanno l'abitudine di coprirsi, quindi potresti essere carente anche se c'è la luce del sole ogni giorno.

Se vuoi essere assolutamente sicuro, puoi sempre chiedere al tuo medico un esame del sangue per confermare.

Va bene, se hai deciso che questo è un integratore che vuoi aggiungere alla tua vita – hai due opzioni quando si tratta di assumere vitamina D3 ed entrambi sono raccomandati per la psoriasi. Quindi, scelte! Ecco il primo …

Supplemento orale di vitamina D3

Nelle persone sane che vogliono fare il pieno di assunzione di vitamina D3, da 800 a 2000 UI al giorno sono ottimali. La vitamina D è meglio assumere prima di coricarsi dopo cena, in quanto può far sentire sonnolenza.

Con la psoriasi, tuttavia, si raccomandano dosi più elevate di vitamina D3. Questo perché in molti disturbi autoimmuni, il metabolismo della vitamina D sembra essere ostacolato da mutazioni genetiche note come polimorfismi. Questi polimorfismi creano una resistenza alla vitamina D, rendendo necessario assumere dosi supplementari più elevate rispetto alla maggior parte delle persone.

In uno studio abbastanza recente, nove pazienti con psoriasi hanno assunto 35.000 UI di vitamina D3 al giorno per 6 mesi! Sono stati inoltre sottoposti a una dieta a basso contenuto di calcio e hanno bevuto almeno 2,5 L al giorno per compensare eventuali effetti collaterali o tossicità derivanti da questa drastica assunzione di calcio.

Dopo il periodo di tempo, tutti e nove questi pazienti hanno avuto miglioramenti significativi dei loro sintomi senza effetti collaterali negativi.

Questi scienziati hanno raccomandato di assumere alte dosi di vitamina D con una dieta a basso contenuto di calcio; tuttavia non sono stati riportati effetti avversi in coloro che sono stati somministrati fino a 200.000 UI in altri studi condotti sui diabetici. Al contrario, questa dose elevata ogni settimana ha efficacemente abbassato e stabilizzato la pressione alta.

Per essere al sicuro, però, inizia con una dose inferiore di 4000 UI al giorno e procedi verso l'alto rimuovendo anche le fonti di calcio dalla tua dieta. Alte fonti di calcio includono tutti i prodotti lattiero-caseari.

Se hai acqua dura in casa, piuttosto acquista acqua di sorgente in bottiglia durante questo periodo o meglio ancora, investi in un avanzato sistema di filtrazione dell'acqua per la tua casa.

Unguenti topici alla vitamina D3

L'altra opzione per ottenere la vitamina D3 è indossarla.

L'applicazione topica della vitamina D3 si rivela estremamente efficace nel ridurre le dimensioni e la consistenza dei cerotti scabby fastidiosamente persistenti associati alla psoriasi.

Studi clinici datati condotti nel 1988 hanno già dimostrato che quantità maggiori di D3 applicate per via topica hanno prodotto risultati migliori rispetto a quantità minori, senza effetti collaterali negativi.

La maggior parte degli unguenti OTC farmaceutici venduti per la psoriasi contengono molti componenti sintetici che aggraveranno la condizione. Questi unguenti funzionano anche con corticosteroidi, che sopprimono il sistema immunitario, piuttosto che aiutarlo a ritrovare un equilibrio naturale.

Per evitare ciò, si può facilmente fare un unguento topico naturale per le loro eruzioni cutanee da miele di manuka, cera d'api, olio d'oliva e vitamina D3.

In un esperimento fatto, una preparazione di miele, olio d'oliva e cera d'api è stata miscelata con unguento di corticosteroidi in tre diverse proporzioni. I rapporti di 1: 1, 1: 2 e 1: 3 sono stati usati in ciascuno, il 1 è la porzione di unguento corticosteroide.

Nella maggior parte dei pazienti con dermatite e psoriasi, la miscela con la più alta quantità di questi ingredienti naturali è stata la più efficace nel ridurre le eruzioni cutanee.

Potremmo non sapere esattamente perché o come, ma creme idratanti ed emollienti naturali come cera d'api e miele aiutano così a sentirsi liberi di preparare la propria miscela con vitamina D3 e ingredienti naturali (come i migliori oli per la psoriasi) che si sentono meglio sulla pelle.

Dopo approfondite ricerche e molteplici studi clinici, è molto chiaro che la vitamina D è un trattamento antinfiammatorio sicuro e altamente efficace per la psoriasi. Più vitamina D3 viene somministrata e più tempo passa, migliori saranno i risultati.

Allora, cosa stai aspettando? Vai a prendere un po 'di vitamina D3 oggi e inizia già il processo!