CREMA TRATTAMENTO PSORIASI OFFERTA -50% !

Home Blog Page 291

Psorilax:prezzo |crema viso psoriasi fai da te

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, dove si compra

What is the Patient Perspective on Treatment Goals in Psoriasis?

Professor Brian Kirby

Dermatologists frequently see psoriasis patients for whom the most troublesome symptoms are not the constant physical discomfort, but rather the feelings of anxiety and depression that so often accompany the disease.1 Even when patients find a treatment that works for them, they are still anxious that the treatment may stop working and their symptoms could return. These patients are a reminder of the need to focus not only on the skin, but to consider the wider implications of psoriasis and the impact that good treatment can have on the whole person.

From both the patients’ and physicians’ perspective, there are many factors involved in deciding on the right treatment. Physicians are primarily looking for treatments that provide sustained efficacy on the skin, a good safety profile, and a fast onset of action, whilst many patients want to find a treatment that will completely remove the emotional burden of psoriasis and the fear of its return. The availability of biologic systemic treatments makes clear skin an achievable target for most people.2 These newer treatments provide the needed sustained control of >12 months for what is a lifelong disease for most patients who develop psoriasis in their teens or early twenties. This level of long-term efficacy goes beyond the short-term efficacy that physicians are familiar with from established treatments such as cyclosporine, which provides good results in the short term but is not now preferred as a long-term option. Unfortunately, the higher cost of biologic agents means that treatment choices are, to some extent, guided by healthcare system constraints.

In summary, while there are many factors to consider in selecting the right treatment, it is important that physicians understand what is most important to their patients to find the right treatment for them quickly, therefore avoiding unnecessary treatment costs and the prolonged psychological harm of living with uncontrolled psoriasis.

Psoriasis Complex: What is an Optimal Treatment?

Professor Ulrich Mrowietz

Physicians should have a patient-centric approach to psoriasis treatment, understanding the disease from the patients’ perspective to find the treatment that will have the best results. To do this, it is important to consider that psoriasis is not just a skin condition but a complex combination of genetic predisposition, risk factors, triggers, and associated serious comorbidity, including cardiovascular and psychiatric diseases, and that modifying or managing risk factors and comorbidity may improve patient outcomes (Figure 1).3,4 The most startling evidence of the impact of psoriasis beyond the skin is that people with severe psoriasis have a higher mortality risk than the general population,5 including increased rates of major cardiovascular events, such as myocardial infarction and stroke.6,7 The relationship between psoriasis, atherosclerosis, and cardiovascular risk may be due to a shared pathology involving key immunological cell populations and common inflammatory mediators, including the IL-17 family of cytokines.8 Studies are ongoing to assess if biologic agents targeting IL-17 are able to modify vascular inflammation in patients with psoriasis.

Figure 1: The spheres of psoriasis disease.
BoD: burden of disease; CVD: cardiovascular disease; QoL: quality of life.
Adapted with permission from Mrowietz et al.4

Right Treatment to the Right Patient

As more treatment options have become available, expectations of what makes a good treatment have also shifted. When patients ask what they can expect from a treatment, physicians want to be able to tell them that the treatment will give them clearer skin for as long as they are taking it and that it will be safe and tolerable for long-term use. Therefore, it is important that clinicians have the right tools to select the most appropriate treatment for each patient.

Most dermatologists have the traditional systemic agents available to them: methotrexate, acitretin, cyclosporine, and dimethyl fumarate. These drugs are well established and supported by treatment guidelines,9 and as low-cost options, they are often required by our local health systems to be used as first-line treatments. Conventional systemic therapies, although a lower-cost option, are often limited in their ability to provide the long-term improvements that patients value and may not work for a proportion of patients. For example, in a study of an intensified dosing schedule of subcutaneous methotrexate, the proportion of patients achieving a 75% reduction in PASI score (PASI 75) at Week 16 was 41%.10 This is in contrast to the results achieved in the AMAGINE-2 and AMAGINE-3 Phase III studies of the anti-IL-17 receptor (R) monoclonal antibody brodalumab, in which PASI 75 was achieved by 86% and 85% of patients receiving brodalumab 210 mg at 12 weeks, respectively.11 There are now more biologic agents available than conventional systemic treatments, with adalimumab biosimilars available in some areas, adding to the list of options.

With a wealth of options available, what factors should physicians consider when finding the right treatment for their patients? Most treatment guidelines have not been updated since the biologics targeting IL-17 and IL-23 have been approved; therefore, there is limited guidance on the order in which all the available treatments should be used. Existing guidelines cover the earlier biologics, such as TNF inhibitors adalimumab, etanercept, and infliximab, positioned as second line to methotrexate, cyclosporine, and acitretin.12 Although most of these biologics are approved for first-line use, most healthcare systems and insurers require patients to be treated with less expensive, traditional agents before escalating to more expensive biologics,13 despite evidence suggesting superior efficacy of newer biologics. For example, a recent network meta-analysis assessed the long-term outcomes with novel biologic and nonbiologic systemic therapies from 24 studies in patients with moderate-to-severe psoriasis, with outcomes measured at or around 1 year. The analysis found that brodalumab was associated with a higher likelihood of sustained PASI response compared to secukinumab, ustekinumab, etanercept, adalimumab, apremilast, infliximab, and ixekizumab (Figure 2).14

Figure 2: Cumulative ranking of novel systemic therapies for moderate-to-severe psoriasis.
Cumulative ranking probability plots and SUCRA for each treatment included in network meta-analysis of 52-week randomised, controlled trials using induction-phase placebo control. On the horizontal axis is the possible rank of each treatment according to the magnitude of its treatment effect across all measures of PASI response (from the best (1) to the worst (11) ranks). On the vertical axis is the cumulative probability for each treatment to be the best option, among the best two options, among the best three options, and continuing. If a treatment always ranks first, then the SUCRA=100%; if a treatment always ranks last, then the SUCRA=0%.
BIW: twice a week; SUCRA: surface under the cumulative ranking curve; WBD: weight-based dosing.
Reproduced from Sawyer et al.14 under the terms of the Creative Commons Attribution Non-Commercial No Derivatives License CC BY-NC-ND.

Guidelines for the most appropriate long-term options should therefore be updated once evidence from more long-term comparative studies, and particularly real-world studies, of newer treatments is available.

Following efficacy and safety, patient convenience is an important consideration, and patients’ preference for an oral conventional systemic or an injectable biologic could make a big difference in their adherence to treatment. Adherence to biologic therapy is still unacceptably low. A recent study estimated biologic nonadherence to be roughly 25%,15 which is an improvement on nonbiologic and topical treatments, but is still too low, especially considering the high cost of these drugs.

In summary, now that there are many efficacious treatments available for moderate-to-severe psoriasis, it is more important than ever for physicians to understand which features of a treatment are most aligned with their patients’ needs.

Treatment Expectations

It is important that physicians consider if their expectations for treatment outcomes are aligned with their patients’ expectations. In a recent analysis of the two large German and Swiss patient registries PsoBEST and SDNTT,16 in which 5,343 patients with psoriasis were studied between 2008 and 2016, the most often reported needs were to ‘get better skin quickly’ and ‘to be healed of all skin defects’. Women and those <65 years of age had higher expectations of their treatment.16 Until relatively recently, there was no consensus on how to translate these expectations into clinical measures. Treatment goals define treatment failure and indicate when physicians need to change treatment and have been used for decades in other diseases, e.g., HbA1c in diabetes and blood pressure targets for hypertension. In 2011, however, two goals for moderate-to-severe psoriasis were defined: a definition for treatment failure equating to a <50% reduction in PASI (PASI 50) and a definition of treatment expectation of a reduction in PASI of 75% or more (PASI 75).17

Using a relative value for PASI as a treatment goal may still not provide the detail required to effectively measure response. Indeed, even achieving relative PASI 75 from baseline, absolute PASI 40 will still only achieve absolute PASI 10, which is the threshold for moderate-to-severe psoriasis. Relative PASI values are a good measure of response, particularly in clinical trials in which there is often a true baseline due to patients undergoing a washout phase; however, in real life, relative PASI may be affected by prior treatment and absolute PASI could be more relevant. In a move towards alignment between relative and absolute PASI, relative and absolute PASI were compared in a recent study of ixekizumab and found that relative PASI 90 corresponded very well to absolute PASI ≤2 and, similarly, relative PASI 75 corresponded well with absolute PASI ≤5.18

As more highly efficacious biologic therapies become established as long-term maintenance therapy, complete clearance and absolute PASI values are becoming realistic treatment targets that align with the high expectations patients have for their treatment.

Patient-Reported Outcomes

Patient-reported outcomes are a valuable tool for assessing patients and for selecting a treatment, whether they take the form of conversations to ascertain patients’ expectations of treatment, or formal assessments using the Dermatology Life Quality Index (DLQI). The authors’ existing consensus on treatment goals17 incorporated DLQI to differentiate patients whose relative treatment outcome was between PASI 50 and 75. If the patient’s perspective was adequate with DLQI of ≤5, then it was considered reasonable to continue treatment, even at PASI <75. DLQI should not, however, be used instead of full conversations with patients to fully appreciate their perspective on the severity of their symptoms.

The presence of particular symptoms can contribute to the perceived severity of psoriasis and therefore influence treatment choice and escalation. Studies have highlighted differences in patient and physician perspectives on the most debilitating symptoms; in particular, it was reported that patients consider itch to be the most important factor contributing to disease severity,19 whereas physicians consider the location and size of lesions to be more important.20

This, once again, highlights the very real need for robust assessment tools for patient-reported outcomes and thorough discussion between patients and prescribers about symptoms and treatment expectations.

How Have Treatment Expectations Changed in the Era of New Biologic Agents?

Professor Lars Iversen

As an increasing number of new agents become available, many physicians are more likely to intensify treatment more quickly, when in the past they would have adjusted the dose or dose frequency, or added another treatment, rather than switch to a new therapy. This change in behaviour goes hand in hand with the movement towards better treatment goals for moderate-to-severe psoriasis.

Since the European consensus on treatment goals was published in 2011,17 the recent availability of new agents suggests these recommendations for response assessment and modification strategy need to be updated. Only this year, the French Society of Dermatology published new guidelines on the use of systemic treatments for adult patients with moderate-to-severe psoriasis.21 Whereas the old consensus used a lower threshold of relative PASI 50 for treatment modification, new French guidelines have raised the bar to relative PASI 75 or absolute PASI >3 as the cut-off for requiring treatment modification. As reflected in current practice, the cut-off at which it is reasonable to continue with the selected treatment regimen has also been raised and adjusted to include assessment of absolute PASI and is now relative PASI ≥90 and/or absolute PASI <3 (Figure 3).21 Evaluation of patient satisfaction is advocated throughout the guidelines, specifically through the use of DLQI for patients who fall between relative PASI ≥75 and <90, and assessment for involvement of key sites (nails, face, scalp, palms, soles, genitals) is specified to be included in the decision to modify or continue treatment.

Figure 3: French treatment goals 2019.
DLQI: Dermatology Life Quality Index; PASI: Psoriasis Area and Severity Index.
Reproduced from Amatore F et al.21 under the terms of the Creative Commons Attribution Non-Commercial No Derivatives License CC BY-NC-ND.

Although these guidelines are only from one country, they are a good indicator of the future direction of treatment goals, capturing both DLQI and absolute PASI values. An analysis of the AMAGINE-1, -2, and -3 studies on a combined pool of 4,373 patients looked at the correlation between the proportion of patients achieving DLQI 0 and PASI response.22 The study demonstrated a strong positive correlation between DLQI and PASI response, with 67% of PASI 100 responders and 40% of PASI ≥90 to <100 responders achieving DLQI 0,22 supporting the inclusion of these parameters in treatment targets.

New Biologic Agents Are the Difference

The availability of new biologic agents for treatment of moderate-to-severe psoriasis is the driving force behind the need for improved treatment goals, but what is it about these agents that makes the difference? There is now a long list of agents targeting a number of cytokines involved in psoriasis pathogenesis, including TNF, IL-23, IL-17A, the wider IL-17 family, and the IL-17RA subunit. The pathology of psoriasis is complex, with the involvement of many cell types, and there are multiple signalling pathways at play in what can be described as a complex cycle with multiple points for potential intervention.23

Agents Targeting IL-23

Three of the recently approved biologic agents, guselkumab, tildrakizumab, and ustekinumab, are monoclonal antibodies targeting IL-23.
IL-23 is a heterodimeric cytokine consisting of two subunits: p19, which is unique to IL-23, and p40, which is shared with IL-12.24 The role of IL-23 in the pathogenesis of psoriasis is to activate and maintain the T-helper 17 (Th17) pathway, stimulating Th17 and other immune cells to produce and express another inflammatory cytokine, IL-17A.25 Guselkumab and tildrakizumab target the IL-23p19 subunit, and ustekinumab targets the IL-12/23p40 subunit.

Agents Targeting the IL-17 Cytokine Family

The IL-17 family consists of six cytokine mediators of acute and chronic inflammatory response (IL-17A to IL-17F).26 IL-17 is produced by CD4+ Th17 cells and CD8+ cytotoxic T cells of the adaptive immune system and also by cells of the innate immune system: γδ-T cells, macrophages, and mast cells.27 All of the IL-17 family signals through heterodimeric complexes of the IL-17R family.28 IL-17A is known to be a major driver of inflammatory autoimmune diseases, including psoriasis29,30 and rheumatoid arthritis (RA),31 through regulating expression of a wide array of pro-inflammatory mediators in tissue cells, including keratinocytes.32-34 Increased levels of IL-17A are present in lesional and nonlesional skin30,35 and in the serum36 of patients with psoriasis compared with healthy patients, and it is therefore an important target for therapy of psoriasis. Two of the approved biologics, secukinumab and ixekizumab, selectively target IL-17A and suppress expression of the specific inflammatory genes it regulates.

Brodalumab is the only approved agent targeting the IL-17RA subunit of IL-17R,37 through which IL-17A and three other members of the IL-17 family (IL-17C, IL-17E, and IL-17F) all signal.38 IL-17C, IL-17E, and IL-17F have been shown to have varying degrees of involvement in psoriasis pathogenesis in addition to IL-17A.39 IL-17F and IL-17C share 55% and 23% sequence homology with IL-17A, respectively,40,41 and both are overexpressed in lesional psoriatic skin compared with nonlesional and normal skin.40,42 The expression of IL-17E (also known as IL-25) in psoriatic skin is less well defined.42,43 However, a recent study showed that IL-17E blockade greatly impaired keratinocyte proliferation and epidermal hyperplasia in a psoriasis-like mouse model.44 As the pathogenesis of psoriasis is so complex, it is very difficult to assess if one cytokine pathway is more important than another as a treatment target. However, there is evidence to suggest that targeting the IL-17RA subunit may be more effective than blocking the individual cytokines. For example, brodalumab was ranked as having a higher treatment effect in terms of sustained PASI response compared with secukinumab and ixekizumab, among other agents.15 Likewise, the Phase III AMAGINE-2 and AMAGINE-3 studies showed that brodalumab at a dose of 210 mg every 2 weeks provided a significantly higher PASI 100 response rate at Week 12 compared with ustekinumab.11

Further comparative studies are ongoing, with the potential to determine if any treatments are more effective for particular patient subgroups, which could enable improved treatment targeting, faster response times, and improved cost savings.

Future Directions in Psoriasis Research

Professor Lars Iversen and Professor Ulrich Mrowietz

Disease Localisation and Memory

Current guidelines support individualisation of treatment based on the sites affected, with associated upgrade criteria for involvement of areas such as the face, genitals, and scalp.17,45 Evidence from patient interviews reflects that involvement of the scalp is an important area to treat quickly and effectively, as this is an area susceptible to scarring and the resulting dandruff can be upsetting for the patient.46 Psoriasis is known to be more difficult to treat in some areas of the body than others; for example, the scalp, face, genitals, lower legs, hands, feet, and nails are difficult-to-treat areas where residual psoriasis may be seen after the rest of the body is cleared.47,48 Although site may be a factor in the escalation of treatment, the authors’ expert
panel commented that, from its experience, a treatment shown in clinical trials to clear the main areas of the body can clear psoriasis in these difficult areas with comparable efficacy.

A current area of research focusses on determining the role of disease memory in psoriasis. Indicators of potential disease memory for psoriasis have been observed in patients for whom previously resolved lesions have returned in the same locations. A group of patients had the sites of their psoriasis photographed and recorded prior to travelling to the Dead Sea for therapy; those patients who achieved clear skin to the extent that they could stop all psoriasis treatment were asked to contact the clinic when they saw the first signs of new lesions. Upon re-photographing the patients, it was observed that the new lesions were not random and >60% of new lesions occurred at the same sites as previous lesions.49 The mechanism underlying disease memory in psoriasis is yet to be determined, but it could be related to a specific subtype of CD4+ and CD8+ T cells known as tissue-resident memory T cells.50

Disease Modification and Holistic Management

If disease memory has a significant role in psoriasis, preventing widespread development of the disease by identifying strategies for disease modification could be the key to limiting its impact. The concept of disease modification is more advanced in other immune-related conditions such as RA. In an RA study, patients who received 2 years of early intensive treatment with a combination of three disease-modifying antirheumatic drugs (methotrexate, sulfasalazine, and hydroxychloroquine with prednisolone) showed significantly lower levels of radiologic progression after 11 years compared to patients who received just sulfasalazine with or without prednisolone as the initial therapy.51

While future studies will assess if newer biologic agents have disease-modifying potential in psoriasis, clinicians must not neglect the opportunity to modify disease through management of risk factors and triggers. Obesity is an independent risk factor for psoriasis and has been shown to reduce treatment response.52 Psoriasis risk is increased in smokers and a dose-effect relationship has been documented.53

Common trigger factors related to psoriasis flare-ups include tonsillitis, periodontitis, and stress. Streptococcal throat infections and periodontitis are thought to share common pathways of T-cell stimulation and cytokine activation with psoriasis.54,55 Periodontitis risk is increased in patients with psoriasis and is related to psoriasis severity,56 whereas psoriasis has been shown to improve in patients following tonsillectomy.57 Psoriasis has been identified as one of the many diseases in which stress is a trigger factor. A study in new USA soldiers and soldiers with post-traumatic stress disorder showed a strong association between post-traumatic stress disorder and the genomic signatures for both psoriasis and RA.58

With an effective management of known risk and trigger factors, psoriasis disease modification is possible. Further research is required to define the impact of smoking cessation, stress prevention, and dental health on plaque psoriasis.

Psorilax:Per i bambini |crema per pelle psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, composizione

Medically reviewed by Leigh Ann Anderson, PharmD Last updated on Jan 19, 2020.

Psoriasis Uncovered: Myths Versus Truths

Myth: Psoriasis is just “dry” skin.
Truth: Psoriasis is an immune disorder leading to skin inflammation (redness, irritation and swelling) with itching and thick, dry, scales on the skin. It cause embarrassment and distress for patients.

Myth: Psoriasis is contagious.
Truth: You cannot “catch” psoriasis from someone else, even if you come into contact with their skin. It is not an infectious disease.

Myth: Psoriasis can be cured.
Truth: Psoriasis is a chronic condition that has no cure; however, there are many effective treatments, and ongoing research for this condition is active.

What is Psoriasis? It’s More Than Skin Deep

Psoriasis is a chronic (long-term) autoimmune disease in which the cells of your skin are replaced at an unusually fast rate.

  • Skin cells are quickly replaced every few days, instead of every 3 to 4 weeks.
  • Due to this rapid turnover, extra skins cells cause raised silvery plaques that can be flaky, red, and itchy.
  • Psoriasis tends to occur in adults most frequently, and the symptoms may come and go.

There is no cure for psoriasis, but advanced medications allow roughly 80% to 90% of patients to have successful treatment to lessen symptoms and improve the appearance of the plaques.

What Does Psoriasis Look Like?

Psoriasis can occur on any area of the body, including hands, feet, elbows, scalp or genitals.

  • In plaque psoriasis, the most common form of psoriasis, the skin tends to be dry, flaky, itchy, red and covered with white scales.
  • Psoriasis can affect small areas of the body or be very widespread.
  • For many people, psoriasis can lead to embarrassment, self-consciousness, or stress; some people may require treatment for depression or anxiety.
  • Family doctors, dermatologists, or rheumatologists may treat your psoriasis depending upon site and severity.
  • See more pictures of psoriasis.

The Heartbreak: What Are the Causes of Psoriasis?

The exact causes of psoriasis are not fully known. Many researchers believe it is a combination of factors — including a family history, a faulty immune system, and effects from the environment.

  • In people with psoriasis, certain white blood cells that normally fight off infection instead attack healthy cells (this is known as an autoimmune disease). It is the most prevalent autoimmune disease in the U.S.
  • New skins cells are formed too quickly and result in a layer of dead, scaly skin and white blood cells that remain on the top layer of skin instead of sloughing off.
  • These patches of skin and lesions are known as psoriatic lesions or plaque psoriasis.

Who Gets Psoriasis?

Psoriasis is the most common autoimmune disease in the U.S. About 2 to 3 percent of the population, or roughly 8 million people, have psoriasis, according to the National Psoriasis Foundation.

  • Men and women both get psoriasis equally, and it most commonly appears in adults in two age ranges — between 20 to 30 years of age or from 50 to 60 years of age. Children can also get it, although it is primarily a disease of adults.
  • About 30 percent of people that develop psoriasis may also develop psoriatic arthritis, a type of rheumatoid arthritis that tends to affect the joints of the hands and feet.
  • Some, but not all, patients will have a family history of psoriasis.
  • Remember, psoriasis is not contagious; you cannot catch it from someone else.

Is There More Than One Type of Psoriasis? Yes.

There are many different types of psoriasis, and some may occur at the same time. Examples of different types of psoriasis include:

  • Plaque Psoriasis: Most common form that causes raised, red skins areas that may be itchy or flaky.
  • Guttate Psoriasis: May be a past history of streptococcal infection; may occur in children or younger adults. Small plaques form on the midsection of the body.
  • Pustular Psoriasis: Painful and severe form of psoriasis, with pus-filled sacs in the psoriasis plaques that can break. Fever may occur.

Types of Psoriasis, Continued

Examples of other types of psoriasis include:

  • Inverse Psoriasis:: This psoriasis may affect skin fold areas such as the genital area, under the breast or arms, or around the groin area. The lesions are flat, red, and often without scales.
  • Nail Psoriasis: Nails may become yellow-brown, pitted, flake away or detach from the nail bed.
  • Psoriatic Arthritis: May occur in up to 30 percent of patients with psoriasis; symptoms include swelling of the knees, ankles, hands and toe joints; pain; and may be accompanied by nail psoriasis.

Flare Ups: Common Psoriasis Triggers

Certain events or substances may worsen your psoriasis or cause it to come out of remission. It is best to avoid any trigger you identify that may cause a flare-up of your psoriasis.

Common triggers include:

  • Illnesses or infections
  • Skin injuries or burns
  • Stressful situations or anxiety
  • Cold weather, smoke or smoking
  • Heavy alcohol use
  • Certain medications such as lithium, high blood pressure medications (beta blockers), drugs to prevent malaria, and iodide products, such as potassium and sodium iodide.

Treatments for Psoriasis: Where Do I Begin?

There are many different treatments for psoriasis, and what you use may differ depending upon severity, previous treatments, psoriasis type and what your preferences are, including costs.

Treatment can lessen the formation of the excessive skin cells and help to return your skin to a smoother appearance.

Treatments may include:

  • topical creams or lotions
  • phototherapy (light therapy) with or without certain medications
  • prescription drugs that may be taken by mouth
  • injectable medications can be used by the patient at home or given in the doctor’s office.

The First Line of Therapy – Topical Corticosteroids

Mild to moderate psoriasis is initially treated with a low to mid-potency corticosteroid cream, lotion, spray or ointment – such as:

Lower potency products, such as fluocinolone (Synalar, Derma-Smooth F/S) can be use on the face or other sensitive areas.

Lotions or foams are best for the scalp, creams are best for oozing lesions, and ointments can treat dry, raised, or scaly lesions.

Higher potency topicals are reserved for thicker, tough-to-treat areas like elbows or knees. Topical treatments work best on mild and smaller areas of psoriasis.

Topical Corticosteriods – Safety and Side Effects

Even though topical corticosteroids such as creams or ointments are applied to the surface of the skin, they can still cause side effects.

Long-term or excessive use can lead to thinning of the skin, irritation, dryness, or changes in skin color. If your doctor recommends that you occlude your psoriasis areas — wrapping them in plastic after applying a topical corticosteroid to boost the effect — side effects may be more common. Do NOT do this unless directed by your doctor.

More serious side effects may occur with topical corticosteroids if used in high doses for prolonged periods. You may become resistant to the helpful effects of topical corticosteroids over time, too.

For a complete list of side effects, please refer to the individual drug monographs.

Use of OTC Emollients and Creams

Topical emollients and creams are agents that sooth and soften the skin. Emollients are rich in fats and oils such as lanolin. They work by moisturizing the skin and protecting it from drying.

Regular use of emollients may lessen the need for anti-inflammatories like corticosteroids in psoriasis.

These preparations are available over-the-counter (OTC) without a prescription – common examples include:

Ask your dermatologist, family doctor, or pharmacist for their top recommendations.

Vitamin D Analogues: How They Help

Vitamin D analogues are used to help control overactive skin cell production by binding to the vitamin D receptors on the skin cells.

Topical vitamin D analogues such as:

are effective at slowing the growth of the skin cells and can be used with emollients and topical corticosteroids applied to the skin.

Calcipotriene with betamethasone (brands include: Taclonex, Taclonex Scalp, Enstilar) is a vitamin D analogue that is already combined with a corticosteroid.

The most common side effect with these agents is mild skin irritation. Some topical vitamin D analogues may take up to 6 to 8 weeks for their full effect.

Oral calcitriol (Rocaltrol capsules) can also be used for psoriasis.

Topical Retinoids: Vitamin A Derivatives

Tazarotene topical (Avage, Fabior, Tazorac) is a vitamin A derivative that affects epidermal cell growth (in the top layer of skin) in psoriasis.

  • Tazarotene comes in a cream or gel and is used primarily for mild to moderate psoriasis.
  • In 2019, a combiantion of halobetasol, a topical corticosteroid, and tazarotene (brand: Duobrii Lotion) from Bausch Heealth was FDA-approved for plaque psoriasis.

Acitretin (Soriatane) is an oral retinoid that comes in capsule form and is used for severe forms of psoriasis that do not respond to other treatments.

  • Lab tests for liver function and blood lipids (such as cholesterol or LDL) will need to be followed.
  • Noticeable improvements in your psoriasis may take up to 2 months; the full effect might take 3 to 6 months.
  • This medicine is not a cure and your psoriasis may return after you stop taking this medication.
  • Acitretin capsules can cause severe birth defects.

Pregnancy and Breastfeeding Warnings

These vitamin A derivatives are NOT to be used when you’re pregnant or planning a pregnancy due to the risk for possible severe birth defects. There is no information regarding the presence of tazarotene in human milk, but because of the possible risk to the fetus, discuss the use of tazarotene with your doctor BEFORE you start breastfeeding. DO NOT breast-feed while using acitretin.

Important: Learn more about tazorotene topical and oral acitretin use, pregnancy and breastfeeding by reviewing their individual drug monographs, and discuss the risks and benefits with your doctor.

Phototherapy: Lighten Your Symptoms

Light therapy (phototherapy) may be used if topical treatments are not effective. Natural sunlight or ultraviolet light (UVA or UVB) can be used to help clear the skin of psoriasis lesions. Light therapy may be used alone or in combination with medications.

  • Ultraviolet light lessens the growth of plaques, redness, swelling and itching.
  • Methoxsalen (Oxsoralen-Ultra) can be used with UV light also (called PUVA) and is effective in treating larger areas of widespread psoriasis.
  • Laser light (UVB) is also used and can directly target psoriasis and avoid the surrounding skin.
  • Light therapy can increase the risk of skin burns and cancer and should not be used in people with a history of skin cancer.

Topical Coal Tar: An Old Stand-By

Coal tar is one of the oldest known treatments for psoriasis. These products are effective in treating mild to moderate psoriasis with few side effects, but can be messy with a pungent odor, and leave stains on clothes and other fabrics.

The exact way that coal tar treats psoriasis is not known. However, it does increase the skin’s absorption of UVB light for an added effect.

Coal tar can be found over-the-counter in shampoos, creams and lotions and can be used in combination with corticosteroids and emollients to soften the skin.

It is also used with ultraviolet-B (UVB) light in a treatment known as Goeckerman treatment.

  • Goeckerman treatment is a course of UV light therapy combined with coal tar for more moderate-to-severe plaque psoriasis.
  • It is messy and smelly, but can be effective; however, not many doctors offer this treatment The regimen is usually given daily over several weeks at a time.

Heads Up: Anthralin for Scalp Psoriasis

Anthralin (Drithocreme, Zithranol Shampoo) is a prescription topical cream or shampoo for the scalp that slows down the growth of skin cells.

  • Anthralin, like coal tar, can be messy, stain fabrics, and has a strong odor.
  • Anthralin can also stain the skin or hair with a temporary reddish brown color.
  • Treatment may be applied for short periods to help lessen staining and irritation. Follow your healthcare providers instructions for use.

Like coal tar, anthralin may be used in combination with UV light to help with skin symptoms of psoriasis, including dryness, redness, flaking, scaling, and itching.

Salicylic Acid: A Keratolytic

Salicylic acid (Salacyn, Salitop, Keralyt) is available in both over-the-counter and prescription strengths.

It’s known as a “keratolytic”, which means it loosens dead skin from the psoriasis plaque to reduce scaling.

Salicylic acid is available in many different OTC formulations to treat both skin and scalp psoriasis.

  • Salicylic acid can be used in combination with other treatments, like corticosteroid creams, anthralin, or coal tar to increase effectiveness.
  • It may take up to several days before your symptoms improve.
  • Common side effects of salicylic acid may include skin irritation, peeling, rash, or blanching of the skin area.

Methotrexate (MTX): A Longer-Term Option

Methotrexate (brand names: RediTrex, Rheumatrex, Trexall, Otrexup, Rasuvo), a folic acid antagonist, meaning it blocks the action of folic acid. Methotrexate is often abbreviated MTX.

  • Methotrexate comes as a once-weekly oral tablet or injection that suppresses the immune system and DNA synthesis to slow down skin cell turnover.
  • MTX can be used long-term for moderate to severe psoriasis and for psoriatic arthritis, but results with MTX may not be seen for several months. Review MTX dosing here.
  • Your doctor may also prescribe folic acid in addition to MTX to help lessen stomach side effects.
  • MTX can be toxic to the liver and other organs; lab monitoring will be needed.
  • MTX should NOT be used in women who are pregnant or planning a pregnancy; men should also stop its use 3 months before conception. Use effective contraception during and after treatment with methotrexate.

Cyclosporine: A Short-Term Option

Cyclosporine, like methotrexate, acts to suppress the immune system to decrease skin cell turnover and growth.

Cyclosporine can increase the risk for infections, and use for greater than one year is not recommended.

  • Some healthcare professionals will suggest that patients take a “holiday” from cyclosporine, use other treatments in the interim, and then return to cyclosporine therapy again later.
  • This may help to lessen severe side effects like kidney damage or high blood pressure.
  • Cyclosporine can be used in combination with emollients; improvement is usually seen in 2 weeks; but stabilization with cyclosporine may take 12 to 16 weeks.

Biologics and Biosimilars

Biologics or biosimilars are types of personalized and targeted medicine that are increasingly being used to treat psoriasis.

  • Biologics are usually reserved for use after other trials of medication have failed or are not tolerated.
  • These are complex protein-based drugs derived from living cells (microorganisms, plants, or animal cells) and synthesized in a laboratory.

There are many biologics and biosimilars approved for the treatment of psoriasis, psoriatic arthritis, or both. Classes of biologics used include: tumor necrosis factor alpha (TNF-alpha) inhibitors, interleukin (IL) blockers (IL-17, IL-23, IL-12/23), and T-cell blockers.

Prior to starting a biologic, patients must be screened for tuberculosis (TB). Some biologics can be given at home via a pen for subcutaneous injection, while some treatments require an office visit for IV injection. Treatments may lead to serious side effects, so be sure to discuss this with your doctor. They may increase the risk for certain types of infections, including tuberculosis (TB). These agents can costs several thousand dollars per month if you are paying cash. However, the manufacturer may be able to help with costs through their Patient Assistance Program. Check with your insurance company for their preferred products and to determine your copay if you have insurance.

The next slide outlines the biologics with access to their drug monographs.

FDA-Approved Biologics for Psoriasis and Psoriatic Arthritis

Approved to treat both plaque psoriasis and psoriatic arthritis:

Approved to treat plaque psoriasis:

Approved to treat psoriatic arthritis:

Otezla (apremilast)

Otezla (apremilast) is a phosphodiesterase 4 (PDE4) inhibitor approved by the FDA in 2014 for plaque psoriasis and psoriatic arthritis.

Studies show that Otezla blocks the enzyme PDE4 to lower inflammation in the body, and improvement in psoriasis may begin within the first few weeks of treatment, but its exact mechanism is not known. Otezla is not classified as a biologic agent.

Otezla dose

  • Otezla is taken as a tablet by mouth, and you will gradually increase your dose of Otezla over the first 5 days to help lower the possibility of stomach upset.
  • After the initial gradual dose increase, Otezla is taken twice a day, morning and night.
  • Otezla can be taken without regard to meals. Do not crush, split, or chew the tablets.
  • Those with severe kidney disease will take Otezla only once a day. Your dose will also be lowered during the graudual dose increase.

The most common side effects with Otezla in plaque psoriasis studies were diarrhea, nausea, upper respiratory tract infection, tension headache, and headache.

The IL-17 Blockers: Siliq, Taltz, and Cosentyx

In February 2017, the FDA approved Siliq (brodalumab) injection, an anti-interleukin-17-receptor monoclonal antibody (blocks IL-17) from Valeant Pharmaceuticals to treat adults with moderate-to-severe plaque psoriasis.

In three randomized, placebo-controlled studies with 4,373 patients, more Siliq-treated patients had clear or almost clear skin compared to placebo-treated patients.

However, serious warnings exist with this product. Suicidal ideation and behavior, including completed suicides, occurred in patients treated with Siliq during trials, but a direct causal association has not been determined. Due to this possible risk, a restricted access program is in place that includes:

  • a Boxed Warning
  • the Siliq REMS Program
  • a Medication Guide

Taltz (ixekizumab) and Cosentyx (secukinumab) are also interleukin-17 inhibitors approved for plaque psoriasis, psoriatic arthritis and ankylosing spondylitis. However, unlike Siliq, Taltz and Cosentyx do not have a suicide boxed warning or a restricted access REMS program requirement.

All three products are given by subcutaneous (under the skin) self-injection.

First-In-Class Agent: Tremfya

In July 2017, Janssen’s Tremfya (guselkumab) gained FDA- approval for treatment of moderate-to-severe plaque psoriasis in adults who are candidates for systemic therapy or phototherapy.

  • Tremfya is a first-in-class biologic that blocks IL-23, an interleukin cytokine that plays a key role in inflammation and symptoms of plaque psoriasis.
  • Tremfya is given as a 100 mg subcutaneous (under the skin) self-injection.
  • The recommended dose is 100 mg at Week 0, Week 4, and every 8 weeks thereafter.
  • In clinical studies, patients receiving Tremfya had significant improvement in skin clearance and a larger improvement in itching, pain, stinging, burning and skin tightness when compared with placebo at week 16.
  • Superior results in skin clearance compared with Humira (adalimumab) were shown at weeks 16, 24 and 48.
  • Common side effects may include lung infections, headache, reactions at the injection site, and joint pain, among others.

A second IL-23 blocker, Ilumya (tildrakizumab-asmn) was approved in March of 2018, also for plaque psoriasis.

  • Ilumya has an advantage over Tremfya in that it is given only every 12 weeks (instead of 8) after an initial loading dose at week 0 and week 4. The patient may give by subcutaneous self-injection.
  • In two Phase III clinical studies, 926 patients received Ilumya or placebo. The primary efficacy endpoints, defined as at least 75% of skin clearance and Physician’s Global Assessment score of “clear” or “minimal” at week 12 after two doses, were met in both studies.
  • The most common (≥1%) side effects with Ilumya treatment are upper respiratory infections, injection site reactions, and diarrhea.

Don’t Let Psoriasis Win: Fight Back

While psoriasis may be a lifelong and chronic condition, medications can make a dramatic improvement in skin lesions and one’s sense of well-being. That means no more fears to show a little skin; your embarrassment is dramatically lessened and your self-confidence boosted.

However, medications for psoriasis are some of the newest treatments on the market and it’s important you understand their use and side effects. Always follow the advice and direction of your health care provider.

  • To expand your understanding, join force with other patients who share the same condition and have similar questions.
  • Voice concerns with other group members and stay up-to-date with the with latest psoriasis news, all in the Drugs.com Psoriasis Q&A Center and Support Groups. There is always power in numbers!

Finished: Psoriasis: Pictures, Symptoms & Drug Treatment Options

Sources

  • Moderate to Severe Psoriasis and Psoriatic Arthritis: Biologic Drugs. National Psoriasis Foundation. Accessed Jan 18, 2019 at https://www.psoriasis.org/about-psoriasis/treatments/biologics
  • FDA Approves Ixifi. Drugs.com. Accessed Jan 18, 2020 at https://www.drugs.com/newdrugs/fda-ap20oves-ixifi-infliximab-qbtx-biosimilar-remicade-4659.html
  • FDA Approves Renflexis. Drugs.com. Accessed Jan 18, 2020 at https://www.drugs.com/newdrugs/fda-approves-renflexis-infliximab-abda-biosimilar-remicade-4519.html
  • FDA Approves Cyltezo. Drugs.com. Accessed Jan 18, 2020 at https://www.drugs.com/newdrugs/fda-approves-cyltezo-adalimumab-adbm-biosimilar-humira-4583.html
  • FDA Approves Amjevita (adalimumab-atto), a Biosimilar to Humira. Drugs.com. Accessed Jan 18, 2020 at https://www.drugs.com/newdrugs/fda-approves-amjevita-adalimumab-atto-biosimilar-humira-4434.html
  • New Results From Second Phase 3 Study Show Significant Efficacy of Guselkumab and Superiority Versus Humira in Treatment of Moderate to Severe Plaque Psoriasis. Clinical Trials. Drugs.com. Accessed Jan 18, 2020 at https://www.drugs.com/clinical_trials/new-results-second-phase-3-study-show-significant-efficacy-guselkumab-superiority-versus-humira-17546.html
  • American Academy of Dermatology. Clinical Guidelines. Psoriasis. Guidelines of care for the management of psoriasis and psoriatic arthritis. Accessed Jan 18, 2020. http://www.aad.org/education/clinical-guidelines
  • National Psoriasis Foundation. Psoriasis. Topical steroids potency chart. Accessed Jan 18, 2020. http://www.psoriasis.org/about-psoriasis/treatments/topicals/steroids/potency-chart
  • National Psoriasis Foundation. Topical treatments for psoriasis, including steroids. Accessed Jan 18, 2020. http://www.psoriasis.org/
  • Mayo Clinic. Psoriasis. Accessed Jan 18, 2020. http://www.mayoclinic.com/health/psoriasis/DS00193
  • UpToDate. Patient Information: Psoriasis (Beyond the Basics). Accessed Jan 18, 2020. http://www.uptodate.com/contents/psoriasis-beyond-the-basics
  • Otezla (apremilast) Product Labeling. Celgene Corporation. Accessed Jan 18, 2020 at http://www.celgene.com/content/uploads/otezla-pi.pdf
  • Skyrizi (risankizumab-rzaa) Product Labeling. AbbVie Inc. 2019 Apr. Accessed Jan. 19, 2020 at http://dailymed.nlm.nih.gov/dailymed/drugInfo.cfm?setid=7148c8eb-b39e-e20a-6494-a6df82392858
  • Duobrii (halobetasol and tazarotene) Lotion Product Labeling. Bausch Health Co. 4/2019. Accessed Jan. 19, 2020 at https://dailymed.nlm.nih.gov/dailymed/drugInfo.cfm?setid=b3f0cdc0-69fd-43d1-baf2-d776a3a20715

Further information

Always consult your healthcare provider to ensure the information displayed on this page applies to your personal circumstances.

Psorilax:Facile |miglior crema cortisone psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, ingredienti

J Clin Aesthet Dermatol. 2010 gennaio; 3 (1): 32–38.

Comprensione fisiopatologia e rilevanza clinica

, FAREun' e faiautore corrispondenteB

Astratto

La psoriasi è una dermatosi comunemente riscontrata con una varietà di fattori paradossali interni ed esterni che contribuiscono al decorso clinico della malattia. Ci sono diversi farmaci descritti in letteratura che sono stati associati con l'inizio, l'esacerbazione e l'aggravamento della psoriasi. Comprendere la fisiopatologia può fornire indizi per il trattamento e la gestione della psoriasi indotta e aggravata dalla droga, che può essere indistinguibile dalla psoriasi idiopatica. Le manifestazioni cliniche della psoriasi associata al farmaco possono variare dalla psoriasi a placche al grave eritroderma, garantendo così un'osservazione clinica astuta e prolungata.

La psoriasi è una condizione infiammatoria cronica, immuno-mediata, osservata frequentemente nella pratica clinica con una prevalenza riportata dallo 0,6 al 4,8% nella popolazione generale.1,2 Alcuni fattori noti per scatenare la psoriasi includono fumo, consumo di alcol, indice di massa corporea (BMI), traumi, infezione, disturbi endocrini, farmaci e astinenza acuta di corticosteroidi topici sistemici o potenti.1 L'analisi della comicità in uno studio condotto su 1.203 pazienti affetti da psoriasi ha rivelato che il 23,2% dei pazienti assumeva più di tre farmaci sistemici e, di questi pazienti, l'11,1% assumeva più di 10 farmaci.3 Ulteriori analisi hanno dimostrato che i disturbi cardiaci e metabolici comorbosi sono comuni in questi soggetti con un'alta prevalenza di ipertensione (28,2%), diabete (10,5%) e dislipidemia (12,5%).3 Con questo in mente, molti pazienti con psoriasi possono sottoporsi a regimi multidroga; Pertanto, un'attenta analisi dei farmaci che possono esacerbare la malattia è prudente. I farmaci segnalati come associati all'esacerbazione / induzione della psoriasi si basano principalmente su casi clinici, senza collegamenti definitivi di “causa-effetto” tra questi farmaci e l'insorgenza della psoriasi.

I farmaci hanno diversi modi in cui possono influenzare la diatesi della psoriasi, tra cui 1) precipitazione della psoriasi de novo in soggetti predisposti e non preposti; 2) esacerbazione di lesioni psoriasiche preesistenti; 3) induzione di lesioni nella pelle clinicamente normale in pazienti con psoriasi; e 4) sviluppo della psoriasi resistente al trattamento.4 La presentazione clinica della psoriasi provocata da farmaci abbraccia lo spettro della psoriasi a placche generalizzata, della pustolosi palmoplantare e dell'eritroderma.4 Anche le unghie e il cuoio capelluto possono essere coinvolti, rendendo così la distinzione della psoriasi associata al farmaco una diagnosi clinicamente difficile.4 Inoltre, il meccanismo d'azione può anche coinvolgere percorsi sia immunologici che non immunologici.5 Gli agenti terapeutici possono anche essere classificati come aventi una relazione causale con la psoriasi, con dati considerevoli ma insufficienti a supporto dell'induzione della psoriasi o occasionalmente un'associazione con la psoriasi.4 I farmaci che sembrano avere una forte relazione causale con la psoriasi sono i beta-bloccanti, il litio, gli antimalarici sintetici, i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) e le tetracicline, che saranno discussi in questa recensione.4

Eruzione di droga psoriasiforme e psoriasi da farmaci

“Eruzione di farmaci psoriasiformi” è un termine generico che si riferisce a un gruppo eterogeneo di disturbi che simulano clinicamente e / o istologicamente la psoriasi ad un certo punto nel corso della malattia.6 Un'eruzione psoriasiforme viene utilizzata anche per descrivere un modello di reazione istologica, che mostra la presenza di infiltrazione cellulare, papillomatosi e iperplasia epidermica con allungamento delle creste della rete.6 Ipergranulosi e parakeratosi possono anche essere osservate in casi selezionati.7-10 Questo tipo di eruzione può anche essere visto con dermatite seborroica, pityriasis rubra pilaris, sifilide secondaria, pityriasis rosea, micosi fungoidi, droghe e alcune neoplasie.6 Queste reazioni psoriasiformi sono provocate da eventi infiammatori che causano disregolazione delle citochine, fattori di crescita e anormale proliferazione dei cheratinociti.6 A seconda del disturbo, le lesioni possono variare in dimensioni, forma, estensione e tipo di ridimensionamento e distribuzione anatomica.6

La psoriasi provocata dalla droga può essere divisa in due categorie (). La prima categoria, la psoriasi indotta da farmaci, è dove l'interruzione del farmaco causale arresta l'ulteriore progressione della malattia. La seconda categoria, la psoriasi aggravata dalla droga, è dove la malattia progredisce anche dopo l'interruzione del farmaco offensivo.4 La vera psoriasi indotta da farmaci tende a manifestarsi in maniera de-novo in pazienti senza famiglia o con precedenti precedenti di psoriasi.5 La presentazione clinica di queste lesioni può spesso imitare la variante pustolosa della psoriasi, spesso senza coinvolgimento dell'unghia o artrite associata.5 Inoltre, vi è un'assenza di microascessi Munro, pochi macrofagi e alterazioni vascolari sparse rilevate istologicamente.5 La psoriasi aggravata dalla droga mostra una propensione a manifestarsi in pazienti con una storia di psoriasi o con una predisposizione genetica alla malattia. I pazienti possono avere esacerbazione di lesioni psoriasiche preesistenti o sviluppare nuove lesioni in cute precedentemente non coinvolta. L'esame istologico rivela caratteristiche che sono più caratteristiche della psoriasi vulgaris.11

Tabella 1

Psoriasi provocata dalla droga: sottotipi4

PSORIASI INDOTTA DROGA
L'interruzione del farmaco causale arresta l'ulteriore progressione della malattia
Tende a succedere de novo in pazienti senza storia precedente e / o storia familiare di psoriasi
PSORIASI FARMACO-AGGRAVATA
Progredisce anche dopo l'interruzione del farmaco offensivo
Propensione a manifestarsi in pazienti con anamnesi o predisposizione genetica alla psoriasi
Esacerbazione di lesioni psoriasiche preesistenti o sviluppo di nuove lesioni psoriasiche in cute precedentemente non coinvolta

Beta bloccanti e psoriasi da farmaci

I beta-bloccanti sono una classe molto popolare di farmaci usati per trattare malattie cardiovascolari e non cardiovascolari, tra cui ipertensione, cardiopatia ischemica, aritmie, insufficienza cardiaca, ipertiroidismo, glaucoma e disturbi d'ansia.11 Esercitano la loro azione bloccando i recettori ß1 (cardioselettivi) o ß2 recettori (non canceroselettivi), quindi la loro classificazione. ß2recettori -adrenergici si trovano principalmente sui cheratinociti epidermici e sulla superficie dei macrofagi.11 Sono state proposte diverse teorie sulla patogenesi della psoriasi indotta da beta-bloccanti. Questi includono una reazione di ipersensibilità di tipo ritardato, meccanismi immunologici tra cui alterata trasformazione dei linfociti o alterazioni nella via ciclica dell'adenosina monofosfato (cAMP).12-14 L'adenosina monofosfato ciclico è un messaggero intracellulare che è responsabile della stimolazione delle proteine ​​per la differenziazione cellulare e l'inibizione della proliferazione.11 La proposta più affidabile è quel blocco dell'epidermide ß2 i recettori portano ad una diminuzione del cAMP intraepidermico causando iperproliferazione dei cheratinociti.4 Campioni di biopsia da eruzioni causate da ß1 i bloccanti (metoprololo e atenololo) sono caratterizzati da un'eccessiva degranulazione dei neutrofili nel derma.15 I beta-bloccanti non selettivi (propranololo, nadololo e sotalolo) sono stati contrassegnati da un rilascio eccessivo di enzimi proteolitici dai macrofagi.15 Entrambi i gruppi di beta-bloccanti mostrano un rilascio eccessivo di enzimi da parte di linfociti, neutrofili e macrofagi e si ritiene che questo evento sia responsabile della presenza di iperproliferazione e cambiamento psoriasiforme. È stato anche riferito che i beta-bloccanti aumentano la fosforilazione nelle cellule T nella psoriasi, che può essere rilevante per i livelli intracellulari di calcio.16 Il blocco di questi recettori è stato implicato nella patogenesi della psoriasi provocata da farmaci in entrambi i gruppi di beta-bloccanti.11

Manifestazioni cliniche della psoriasi provocata da beta-bloccanti. In passato, i beta-bloccanti sono noti per causare la psoriasi indotta da farmaci / esacerbazione, dermatite psoriasiforme, eruzioni eczematose e cambiamenti dei lichenoidi.8 Le eruzioni psoriasiformi sono la conseguenza cutanea più comune della terapia con beta-bloccanti, osservata più frequentemente in pazienti senza storia familiare o passata di psoriasi.4,17 Il miglioramento clinico dopo il ritiro del farmaco implicato è la caratteristica distintiva in molti casi che suggerisce la psoriasi indotta da farmaci.4 In uno studio caso-controllo e caso-crossover su 110 pazienti ricoverati in ospedale per psoriasi volgare estesa, i beta-bloccanti sono stati considerati un fattore importante nell'innescare o aggravare la psoriasi.18-20 Practolol è il prototipo del beta-bloccante cardioselettivo, che non è più disponibile a causa dell'alta incidenza di effetti collaterali cutanei segnalati, tra cui eruzioni psoriasiformi ed esacerbazioni della psoriasi preesistente.12 È stata anche osservata la trasformazione della psoriasi a placche in psoriasi pustolosa con pindololo.21 Inoltre, è stato segnalato che l'atenololo fa precipitare la pustulosi psoriasiforme.22 È stato riportato che l'applicazione topica di timololo nel trattamento del glaucoma ad angolo aperto induce la psoriasi e trasforma la psoriasi vulgaris in eritroderma psoriasico attraverso il passaggio nella circolazione sistemica attraverso la congiuntiva.23,24

Sia l'eruzione psoriasiforme che la psoriasi indotta / aggravata dalla terapia dalla terapia con beta-bloccanti compaiono solitamente da 1 a 18 mesi dopo l'inizio della terapia.15 Nelle eruzioni psoriasiformi, le lesioni scompaiono dopo diverse settimane dalla sospensione del trattamento.15 Inoltre, la riesposizione con sfida orale comporta la ricorrenza entro pochi giorni.15 Molti credono che le eruzioni psoriasiformi dai beta-bloccanti non siano vere rappresentazioni della psoriasi, in parte a causa di caratteristiche istologiche e in parte a causa di presentazioni cliniche che mostrano lesioni che sono meno rosse, spesse o squamose rispetto alle lesioni classiche della psoriasi, e di solito in assenza di ginocchio e coinvolgimento del gomito.15 Al contrario, la psoriasi provocata da beta-bloccanti migliora con l'interruzione del trattamento, ma di solito non si risolve completamente.11 Per quanto riguarda la psoriasi pustolosa de novo indotta da beta-bloccanti, la durata è molto più breve.4 Le ragioni di queste variazioni rimangono un mistero e possono essere dovute a contesti genetici, ambientali o razziali.

Gestione della psoriasi provocata da beta-bloccanti. La reattività crociata tra entrambi i gruppi di beta-bloccanti ha portato molti ricercatori a credere che il meccanismo d'azione sia direttamente attraverso la pelle.5 Ciò è stato dimostrato con l'osservazione che il passaggio da un beta-bloccante a un altro porta alla reintroduzione di lesioni cutanee psoriasiformi.5 Tuttavia, i ricercatori hanno scoperto che l'esposizione cumulativa ai farmaci beta-bloccanti non è un fattore di rischio sostanziale per lo sviluppo di lesioni psoriasiformi.25 Nelle eruzioni psoriasiformi, la sola sospensione può causare una rapida regressione della malattia.4 Se la psoriasi è presente solo in aree localizzate, i soli emollienti possono essere utili.4 L'esacerbazione della psoriasi da parte dei beta-bloccanti può essere persistente e resistente alla terapia a meno che non vengano sospesi.4 La gestione della psoriasi provocata da farmaci richiede l'uso di agenti terapeutici convenzionali che includono agenti topici e sistemici utilizzati nel trattamento della psoriasi vulgaris.4 Il trattamento dell'eritroderma derivante dalla terapia con beta-bloccanti dovrebbe essere mirato a ridurre la perdita di liquidi transepidermici.26 È necessario il ricovero in ospedale per monitorare l'ipovolemia e l'instabilità emodinamica che richiede la rianimazione con liquidi aggressivi.26 Questi casi devono essere trattati in modo aggressivo con agenti sistemici e topici in accordo con l'interruzione del farmaco offensivo.26

Psoriasi al litio e ai farmaci

Il litio è uno ione metallico che è stato ampiamente utilizzato nel trattamento del disturbo maniaco-depressivo dagli anni '70.11 Sebbene l'utilizzo del litio non sia così diffuso come in passato, è comunemente prescritto. La prima associazione di litio con la psoriasi è stata segnalata nel 1972, e da allora sono state riportate diverse segnalazioni di psoriasi indotta da litio in soggetti senza storia personale o familiare.11 Gli effetti tossici del litio su organi diversi dalla cute sono correlati alla dose, con eventi avversi che coinvolgono tiroide, reni, sistema nervoso centrale e tratto gastrointestinale.11 Le eruzioni psoriasiformi sono gli effetti collaterali cutanei più comuni, segnalati nel 3,4-45 percento dei pazienti trattati con litio.27

Patogenesi della psoriasi provocata dal litio. Esistono diverse teorie per spiegare la patogenesi della psoriasi provocata dal litio. Alcuni ricercatori hanno ora confutato l'induzione e l'aggravamento della psoriasi attraverso il cAMP.16 In passato, i ricercatori hanno teorizzato che la diminuzione del cAMP dal trattamento al litio ha causato bassi livelli intracellulari di calcio, portando a una mancanza di differenziazione, aumento della proliferazione dei cheratinociti e aumento della chemiotassi e dell'attività fagocitica dei leucociti polimorfonucleari.28,29 Studi precedenti hanno dimostrato che l'uso a breve termine del litio porta alla riduzione del cAMP intracellulare, ma il trattamento a lungo termine al litio provoca esattamente la risposta opposta attraverso un meccanismo compensativo.30,31 La convinzione attuale è che il litio provoca l'esaurimento dell'inositolo monofosfatasi con conseguente alterazione dell'omeostasi del calcio e della funzione seritonergica.5,32-34 L'inositolo è un secondo sistema di messaggistica intracellulare collegato a neurotrasmettitori che influiscono sulla funzione, la crescita e la differenziazione delle cellule.5 L'associazione tra il blocco della via del fosfatidil inositolo e la psoriasi provocata dal litio è attraverso il rilascio e l'esaurimento del calcio intracellulare.5 Bassi livelli di calcio intracellulare causano un aumento della proliferazione dei cheratinociti e influenzano la differenziazione terminale.11 Il litio inibisce l'enzima inositolo monofosfatasi, necessario per il riciclo dell'inositolo.11 L'inibizione del rilascio intracellulare di calcio sembra essere il meccanismo in cui il litio provoca lo sviluppo di un'eruzione psoriasiforme.35 Il supporto per l '”ipotesi di deplezione dell'inositolo” deriva dall'osservazione clinica che l'integrazione di inositolo può invertire l'esacerbazione della psoriasi provocata dal litio.16 Inoltre, gli studi hanno dimostrato che il litio aumenta la produzione di interleuchina-2 (IL-2), fattore di necrosi tumorale-α (TNF-α) e interferone-gamma nei cheratinociti psoriasici.11 La disregolazione nella produzione di queste citochine è stata collegata all'induzione di lesioni psoriasiche.11 Il litio aumenta anche la fosforilazione della tirosina intracellulare nelle cellule T psoriasiche ma non nelle cellule T di controllo, con una possibile implicazione sullo sviluppo delle lesioni della psoriasi.16

Manifestazione clinica della psoriasi provocata dal litio. Le segnalazioni di psoriasi provocata dal litio in letteratura includono la nuova insorgenza di psoriasi pustolosa, pustolosi palmoplantare, eritroderma, dermatite psoriasiforme, artropatia psoriasica e psoriasi che coinvolgono l'unghia e il cuoio capelluto.36 La presentazione più comune della psoriasi provocata dal litio è la classica lesione a placche.5 Clinicamente e istologicamente, c'è poca differenza tra la psoriasi vulgaris e la psoriasi provocata dal litio.37 Inoltre, sono state riscontrate elevate concentrazioni plasmatiche di litio in pazienti con psoriasi che non sono mai stati trattati con composti di litio, suggerendo un possibile fattore ambientale.38 Ci possono essere fattori intrinseci che influenzano l'induzione o l'aggravamento della psoriasi con litio.11 Quando la psoriasi a placche si sviluppa con la terapia al litio, potrebbe richiedere più tempo per risolversi rispetto alla psoriasi pustolosa.37 È stato suggerito che l'esacerbazione della psoriasi preesistente è più comune dell'induzione di nuove lesioni psoriasiche.39-40 Mentre in alcuni pazienti esiste una relazione temporale definita tra aggravamento della psoriasi con l'inizio del litio e miglioramento con l'interruzione del farmaco, non è sempre così.27,41 Il periodo refrattario per lo sviluppo di lesioni psoriasiche dopo l'inizio del trattamento al litio è variabile e varia da alcune settimane a diversi mesi.36 Ci sono state anche segnalazioni che suggeriscono che la produzione di lesioni psoriasiche può essere temporalmente correlata al miglioramento dei sintomi dell'umore a causa della saturazione cellulare con ioni di litio.36

Gestione della psoriasi provocata dal litio. L'integrazione con inositolo nel consumo dietetico ha suscitato interesse nel trattamento della psoriasi associata alla terapia con litio. Gli inositoli periferici ricevuti sotto forma di consumo dietetico non attraversano la barriera emato-encefalica e quindi non alterano gli effetti del litio sulla stabilizzazione dell'umore.42 Gli studi hanno dimostrato che i pazienti con psoriasi in terapia con litio sperimentano un miglioramento significativo dopo 6 g di integrazione giornaliera di inositolo per via orale con “miglioramento drammatico” entro 48-72 ore.43 Uno studio crossover in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo, ha mostrato che la supplementazione di inositolo ha migliorato significativamente i punteggi PASI (Psoriasis Area and Severity Index) nei pazienti con psoriasi al litio rispetto al placebo.5 In un altro studio in doppio cieco, controllato con placebo, da 4 a 6 g / die di acido grasso omega-3 sono risultati molto utili per eliminare la psoriasi indotta da litio.44 Inoltre, c'è stato successo con gli inibitori del TNF-α, come etanercept, nel trattamento della psoriasi grave, recalcitrante, provocata dal litio.44-45 Tuttavia, ci sono nuovi rapporti che suggeriscono l'insorgenza o l'esacerbazione della psoriasi con inibitori del TNF-α probabilmente attraverso l'innalzamento delle citochine o a causa di una maggiore suscettibilità alle infezioni.46 Nel valutare la psoriasi provocata dal litio, è necessario valutare il ruolo dello stress e di altri fattori psicologici, nonché i farmaci attuali. La psoriasi provocata dal litio può essere controllata con trattamenti convenzionali, come corticosteroidi topici, cheratolitici, analoghi della vitamina D, retinoidi orali, psoralene più terapia con ultravioletti A (PUVA) e metotrexato.36 Le lesioni psoriasiche generalmente scompaiono entro pochi mesi dall'interruzione del trattamento al litio.36 In alcuni casi, i pazienti possono sviluppare una psoriasi resistente al trattamento, che può giustificare l'interruzione del litio con la modifica a un altro agente stabilizzatore dell'umore (sotto stretto controllo di uno psichiatra) a seconda della gravità del coinvolgimento cutaneo.40,47,48 La riduzione del dosaggio di litio è un'opzione aggiuntiva per i casi resistenti al trattamento.36 Tuttavia, è stato riportato che la psoriasi provocata dal litio si verifica a vari livelli terapeutici e non si ritiene che sia correlata alla dose.49 Si consiglia che non tutti i pazienti con psoriasi avranno una riacutizzazione con l'inizio della terapia al litio e la psoriasi non è considerata una controindicazione all'uso del litio.50

Antimalarici e psoriasi da farmaci

Gli agenti antimalarici orali sintetici (AM) sono composti del 4-aminochinolone che sono stati usati nella profilassi e nel trattamento della malaria e di numerosi disturbi dermatologici da molti anni.11 Gli AM orali più comunemente usati sono la clorochina e l'idrossiclorochina.11 L'esacerbazione e l'induzione della psoriasi durante il trattamento con AM è stata ampiamente riconosciuta.4 Un modo di agire degli AM è attraverso l'inibizione della transglutaminasi nella pelle, che si ritiene influenzi la proliferazione cellulare.11 L'inibizione di questo enzima può indurre la psoriasi pustolosa de novo, che è notevolmente rara rispetto all'aggravamento della psoriasi preesistente.51 Alcuni pazienti possono avere una presenza minima di lesioni psoriasiche preesistenti senza essere consapevoli del fatto che questi piccoli cambiamenti della pelle costituiscono la psoriasi.11 È stato dimostrato che i pazienti con lesioni cutanee psoriasiche dopo l'uso di AM avevano esacerbazione della loro psoriasi nel 31 percento dei casi.52 Lo stesso studio ha anche riportato l'induzione della psoriasi e della psoriasi pustolosa durante la terapia con clorochina.53,54 In un altro gruppo, il 42% (20/48) dei soldati americani con psoriasi a cui è stata somministrata la clorochina per la profilassi della malaria ha esacerbato la psoriasi, che era resistente al trattamento.55 L'esacerbazione della psoriasi è stata segnalata con il trattamento con clorochina per l'artrite psoriasica.56-57 Le lesioni cutanee psoriasiche si verificano più spesso con una latenza da 2 a 12 settimane (media di 3 settimane) dopo l'avvio di AM, con alcuni pazienti che presentano durate più lunghe di 40,5 settimane, in particolare nei casi di eruzioni pustolose che si verificano in quelli con psoriasi preesistente.4 I medici possono trovarsi di fronte a una decisione difficile in pazienti con malattia vascolare al collagene simultanea, come il lupus eritematoso cutaneo progressivo o subacuto e la psoriasi.4 La risoluzione delle lesioni psoriasiche di solito si verifica entro un mese dalla sospensione dell'agente AM.11 L'uso di clorochina e idrossiclorochina nei pazienti con psoriasi è considerato da alcuni come una controindicazione.11

Antibiotici e psoriasi da farmaci

Una relazione tra antibiotici sistemici e psoriasi provocata dalla droga rimane controversa. Le tetracicline sono un gruppo di antibiotici che sono stati descritti in associazione con la psoriasi senza periodo di latenza definitivo.58 Le tetracicline possono teoricamente provocare la psoriasi attraverso la riduzione del cAMP intracellulare e l'interazione con l'acido arachidonico e i suoi metaboliti.59 È stato teorizzato che le tetracicline si accumulano in concentrazioni più elevate nelle lesioni psoriasiche rispetto alla pelle non interessata.60 Alcune tetracicline possono causare fotosensibilizzazione, con conseguente esacerbazione dei pazienti predisposti con psoriasi attraverso il fenomeno di Koebner secondario alla fototossicità.61-63 In uno studio, i ricercatori hanno riferito che il 4,11 percento (19/462) dei pazienti ha avuto esacerbazione della psoriasi in conseguenza dell'uso di tetraciclina.4 È stato anche suggerito di evitare le tetracicline nei pazienti con evidenza clinica di psoriasi, nonché in soggetti sani con predisposizione genetica alla psoriasi, come in quelli con una storia familiare positiva o con HLA-B13, B17 e B27 genotipi.4 La validità, la praticità e la rilevanza clinica di questi suggerimenti rimangono incerte.

I rapporti suggeriscono che l'esacerbazione della psoriasi da parte dei derivati ​​della penicillina è rara e può effettivamente rappresentare una pustulosi esantematica generalizzata acuta e non una vera psoriasi provocata da farmaci.65-66 I macrolidi e i derivati ​​della penicillina sono stati associati alla psoriasi in un modello multivariato di controllo caso in pazienti di età inferiore ai 50 anni.64 Non è ancora chiaro se l'effettivo consumo di droga o l'infezione stessa siano gli agenti scatenanti.4 Pertanto, i medici dovrebbero tenere presente che gli antibiotici potrebbero essere stati somministrati come trattamento per la presunta infezione da streptococco, un fattore scatenante noto dello sviluppo o dell'esacerbazione della psoriasi.64

Farmaci antinfiammatori non steroidei e psoriasi da farmaci

I FANS sono una classe di farmaci usati per il trattamento del dolore e dell'artrite. I FANS sono frequentemente utilizzati da pazienti affetti da psoriasi e artrite psoriasica. I FANS sono disponibili su prescrizione medica e da banco. I FANS inibiscono il metabolismo dell'acido arachidonico attraverso la via della cicloossigenasi (COX) che porta all'accumulo di leucotrieni, che è stato postulato per aggravare la psoriasi.11 Secondo uno studio, i FANS sia topici che sistemici erano la causa più comune sia di esacerbazione che di induzione della psoriasi.11 Dei FANS, il naprossene era il colpevole più comune.67 Sei pazienti hanno avuto esacerbazione della psoriasi dopo aver assunto FANS per via orale in un ampio studio su 462 pazienti.68 In un altro studio, la crema topica di indometacina all'1% ha esacerbato la psoriasi in 14 su 20 pazienti con malattia nota.69 Negli studi caso-controllo e caso-crossover, sono stati segnalati effetti collaterali avversi di FANS in pazienti con psoriasi, in particolare con derivati ​​dell'acido proprionico.69 Gli effetti dei FANS hanno un breve periodo di latenza (1,6 settimane in media) senza variazioni significative tra i diversi sottogruppi di psoriasi provocata dal farmaco.4 Considerando che i pazienti con psoriasi possono avere artropatie associate, è importante che i medici riconoscano i FANS come potenziali esacerbatori della psoriasi. Tuttavia, in alcuni pazienti, l'esacerbazione della psoriasi e l'artrite possono coincidere contemporaneamente all'uso dei FANS.

Inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina e psoriasi da farmaci

Gli inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina (ACEI) sono ampiamente utilizzati per controllare l'ipertensione. In un'analisi di studi caso-controllo e caso-crossover, gli ACEI sono stati associati alla psoriasi in pazienti di età superiore ai 50 anni.64 Sebbene non vi siano studi in corso che confermino una relazione causale tra i due, gli ACEI sono considerati possibili agenti scatenanti / esacerbanti della psoriasi.64 Studi recenti suggeriscono che i pazienti con una storia di psoriasi familiare e un genotipo ACE specifico che presentano una bassa attività ACE sono più suscettibili allo sviluppo della psoriasi dopo l'inizio della terapia.70

Altri farmaci e psoriasi da farmaci

I farmaci con dati considerevoli nell'induzione / esacerbazione della psoriasi includono interferoni, terbinafina e benzodiazepine.64,69 Sono stati inoltre segnalati casi di psoriasi pustolosa generalizzata associata a fenilbutazone.4 Altri farmaci vari con un'associazione segnalata con la psoriasi includono digossina, clonidina, amiodarone, chinidina, oro, inibitori del TNF-alfa, imiquimod, fluoxetina, cimetidina e gemfibrozil.11 Con un elenco in continua espansione di farmaci, gli investigatori hanno suggerito di utilizzare la scala di probabilità delle reazioni avverse ai farmaci nel valutare la relazione tra farmaci e reazioni avverse se un medico deve affrontare una decisione difficile nei pazienti con psoriasi ad alto rischio in regime multidroga.71

Conclusione

Diversi farmaci sono stati associati alla psoriasi provocata dalla droga (). Comprendere la patogenesi della psoriasi provocata da farmaci non solo aiuta a ottenere un maggiore apprezzamento del processo patologico, ma è anche utile nel fornire indicazioni per le metodologie di trattamento. In alcuni casi di psoriasi provocata da farmaci, le lesioni possono diventare resistenti al trattamento e quindi il riconoscimento e la gestione precoci possono aiutare a evitare problemi di non aderenza. In generale, la maggior parte dei farmaci tende ad esacerbare la psoriasi piuttosto che a indurla.11 Nei casi in cui viene indotta la psoriasi, ci si dovrebbe chiedere se si tratta davvero di un evento al primo tentativo o se i precedenti segni subclinici potrebbero non essere stati rilevati. Perché la provocazione della psoriasi si verifica in alcuni individui e non in altri che sono esposti a un farmaco specifico rimane poco chiaro. L'assenza di ulteriori fattori scatenanti dovrebbe sempre essere esclusa per prima. I pazienti devono essere incoraggiati a evitare l'alcol, l'esposizione eccessiva al sole, il fumo e lo stress, fattori che possono influenzare il decorso clinico della malattia. La gestione della psoriasi provocata dalla droga comprende una storia personale, sociale e familiare dettagliata. Il test di provocazione è anche un'opzione se non è possibile stabilire una relazione definitiva. I farmaci che si ritiene abbiano un forte potenziale fattore di rischio per lo sviluppo della psoriasi dovrebbero essere evitati dopo aver valutato il rischio e i benefici dell'agente.64 Fortunatamente, ci sono solo alcuni farmaci che dimostrano una relazione causale ben documentata, diretta e causale con lo sviluppo della psoriasi o delle eruzioni psoriasiformi e sono spesso disponibili opzioni terapeutiche alternative.

Tavolo 2

Psoriasi provocata dalla droga: agenti segnalati

ALTRI AGENTI ASSOCIATI
antibiotici4,58-66
Agenti antinfiammatori non steroidei4,11,67-69
Inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina64,70
Gli interferoni69
Terbinafine64,69
benzodiazepine69
MENO AGENTI COMUNICATI SEGNALATI
digossina11
clonidina11
amiodarone11
chinidina11
Oro11
Inibitori del TNF-alfa11
Imiquimod11
fluoxetina11
cimetidina11
gemfibrozil11

Riferimenti

1. Naldi L. Epidemiologia della psoriasi. Curr Drug prende di mira l'infiammazione di Inflamm. 2004;3: 121-128. (PubMed) (Google Scholar)
2. Raychaudhuri SP, Farber EM. La prevalenza della psoriasi nel mondo. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2001;15: 16-17. (PubMed) (Google Scholar)

3. Zahl V, Gerdes S, Mrowietz U. Co-trattamento in pazienti con psoriasi grave: primi risultati di un'analisi retrospettiva in 1203 pazienti ricoverati in Germania. Presentato a: 4 ° Congresso Internazionale – The Royal College of Physicians; 1–3 dicembre 2005; Londra, Inghilterra.

4. Tsankov N, Irena A, Kasandjieva J. Psoriasi indotta da farmaci: riconoscimento e gestione. Am J Clin Dermatol. 2000;1: 159-165. (PubMed) (Google Scholar)
5. O'Brian M, Koo J. Il meccanismo degli agenti al litio e beta-bloccanti nell'indurre ed esacerbare la psoriasi. J Drugs Dermatol. 2006;5: 426-433. (PubMed) (Google Scholar)
6. Sehgal V, Dogra S, Srivastava G, et al. Dermatosi psoriasiforme. Indiano J Dermatol Venereol Leprol. 2008;74: 94-99. (PubMed) (Google Scholar)
7. Weedon D, Strutton G. Reazioni tissutali psoriasiformi. In: Weedon D, editore. Patologia cutanea 2a ed. New York, NY: Churchill Livingstone; 2002. pagg. 76-79. (Google Scholar)
8. Ackerman AB. Diagnosi istologica della malattia infiammatoria della pelle. Filadelfia, Pennsylvania: Lea e Febiger; 1978. Un metodo di analisi dei modelli; pagg. 124-126. (Google Scholar)
9. Mihm MC. Dermatite psoriasiforme In: Hood AF, Kwan TH, Mihm MC, et al., Editori. Primer di dermatofatologia. Boston, Mass .: Little Brown; 1993. pagg. 102-106. (Google Scholar)
10. Smotter BR. Dermatite psoriasiforme In: Farmer ER, Hood AF, editori. Patologia della pelle. 1a ed. New York, NY: McGraw Hill; 2000. pagg. 170–174. (Google Scholar)
11. Lionel F, Baker B. Innescare la psoriasi: il ruolo delle infezioni e dei farmaci. Clin Dermatol. 2007;25: 606-615. (PubMed) (Google Scholar)
13. Halevy S, Livni E. Psoriasi ed eruzioni psoriasiformi associate al propranololo, il ruolo di un meccanismo immunologico. Arch Dermatol Res. 1991;238: 472-473. (PubMed) (Google Scholar)
15. Heng MC, Heng MK. Eruzione psoriasiforme indotta dall'antagonista del beta-adrenoceptor Aspetti clinici e patogenetici.
Int J Dermatol. 1988279619-627. (PubMed) (Google Scholar)
16. Ockenfels HM, Nussbaum G, Schultewolter T, et al. La fosforilazione della tirosina nelle cellule T della psoriasi viene modificata da farmaci che inducono o migliorano la psoriasi. Dermatologia. 1995;191: 217-225. (PubMed) (Google Scholar)
17. Jenson H, Mikkelsen I, Wadskov F, et al. Reazioni cutanee al propranololo (Inderal) Acta Med Scad. 1976;199: 363-367. (PubMed) (Google Scholar)
18. Steinkraus V, Steinfath M, Mensing H. Beta-farmaci adrenergici bloccanti e psoriasi. J Am Acad Dermatol. 1992;27: 266-267. (PubMed) (Google Scholar)
19. Halevy S, Livni E. Farmaci beta-adrenergici bloccanti e psoriasi: il ruolo di un meccanismo immunologico. J Am Acad Dermatol. 1993;29: 504-505. (PubMed) (Google Scholar)
20. Halevy S, Livni E. Psoriasi ed eruzioni psoriasiformi associate al propranololo, il ruolo di un meccanismo immunologico. Arch Dermatol Res. 1991;283: 472-473. (PubMed) (Google Scholar)
21. Tsankov N, Pramatarov K, Kamarachev J. Psoriasis placat, die unter der Einwirkung der beta blocker in eine psoriasis. Dtsch Dermatologe. 1992;40: 1702-1706. (Google Scholar)
22. Hu CH, Miller CM, Pepperkorn R, et al. Psoriasi pustolosa generalizzata provocata dal propranololo. Arch Dermatol. 1985;121:1326–1327. (PubMed) (Google Scholar)
23. Coignet M, Sayag J. Collyre beta bloquant et psoriasis. Dermatology. 1990;9:552. (Google Scholar)
24. Puig L, Goni FJ, Roque AM, et al. Psoriasis induced by ophthalmic timolol preparations. Am J Ophthalmol. 1989;108:445–446. (PubMed) (Google Scholar)
25. Brauchli YB, Jick SS, Meier C. Association between beta-blockers, other antihypertensive drugs and psoriasis: population-based case-control study. Br J Dermatol. 2008;158:1299–1307. (PubMed) (Google Scholar)
27. Carter TN. The relationship of lithium carbonate to psoriasis. Psychosomatics. 1972;13(5):325–327. (PubMed) (Google Scholar)
28. Voorhees JJ, Marcelo CL, Duell EA. Cyclic AMP, cyclic GMP and clucocorticoids as potential metabolic regulators of epidermal proliferation and differentiation. J Invest Dermatol. 1975;65(1):179–190. (PubMed) (Google Scholar)
29. Bloomfield FJ, Young MM. Enhanced release of inflammatory mediators from lithium-stimulated neutrophils in psoriasis. Br J Dermatol. 1983;109(1):9–13. (PubMed) (Google Scholar)
30. Di Giovanna JJ, Aoyagai T, Taylor RT. Inhibition of epidermal adenyl cyclase by lithium carbonate. J Invest Dermatol. 1981;76:759–763. (Google Scholar)
31. Beyaert R, Schulze-Osthoff K, Van Roy F. Synergistic induction of interleukin-6 by tumor necrosis factor and lithium chloride in mice: possible role in the triggering and exacerbation of psoriasis by lithium treatment. Eur J Immunol. 1992;22:218–224. (PubMed) (Google Scholar)
32. Hwang SM, Ahn SK, Menon GK, et al. Basis of occlusive therapy in psoriasis: correcting defects in permeability barrier and calcium gradient. Int J Dermatol. 2001;40(3):223–231. (PubMed) (Google Scholar)
33. Odagaki Y, Koyama Y, Yamashita I. Lithium and serotonergic neural transmission: a review of pharmacological and biochemical aspects in animal studies. Lithium. 1992;100:3–12. (Google Scholar)
34. Hamlock C, Rosenthal JS, Winston A. Fluoxetine-induced psoriasis. Ann Pharmacother. 1992;26:211–212. (PubMed) (Google Scholar)
35. Gill R, Mohammed R, Badyal R, et al. High resolution structure of myo-inositol monophosphatase, the putative taret of lithium therapy. Acta Crystallogr D Biol Crystallogr. 2005;61:545–555. (PubMed) (Google Scholar)
36. Jafferany M. Lithium and psoriasis: what primary care and family physicians should know. Prim Care Companion J Clin Psychiatry. 2008;10:435–439. (Articolo gratuito PMC) (PubMed) (Google Scholar)
37. Abel EA, DiCicco LM, Orenberg EK, et al. Drugs in exacerbation of psoriasis. J Am Acad Dermatol. 1986;15:1007–1022. (PubMed) (Google Scholar)
38. Hanada K, Tasaki M, Hashimoto I, et al. Development of psoriasis-like syndrome following lithium therapy. Biol Trace Elem Res. 1978;14:169–177. (PubMed) (Google Scholar)
39. Sarantidis D, Waters B. A review and controlled study of cutaneous conditions associated with lithium carbonate. Br J Psychiatry. 1983;143:42–50. (PubMed) (Google Scholar)
40. Skoven I, Thormann J. Lithium compound treatment and psoriasis. Arch Dermatol. 1979;115:1185–1187. (PubMed) (Google Scholar)
41. Bakker JB, Pepplinkhuizen L. More about the relationship of lithium to psoriasis. Psychosomatics. 1976;17:143–146. (PubMed) (Google Scholar)
42. Allan SJR, Kavanagh GM, Herd RM, Savin JA. The effect of inositol supplements on the psoriasis of patients taking lithium: a randomized, placebo-controlled trial. Br J Dermatol. 2004;150:966–969. (PubMed) (Google Scholar)
43. Grisaru N, Blemaker RH. Ltihium dosage and inositol levels. Br J Psychiatry. 1994;164(1):133–134. (PubMed) (Google Scholar)
44. Akkerhuis G, Nolen W. Lithium associated psoriasis and omega-3 fatty acids. Am J Psychiatry. 2003;160:7. (PubMed) (Google Scholar)
45. Watchter T, Murach WM, Brocker EB, et al. Recalcitrant lithium-induced psoriasis in a suicidal patient alleviated by tumor necrosis factor-alpha inhibition. Br J Dermatol. 2007;157(3):627–629. (PubMed) (Google Scholar)
46. Wendling D, Blablanc J, Briancon D, et al. Onset or exacerbation of cutaneous psoriasis during TNF alpha antagonist therapy. Joint Bone Spine. 2008;75:315–318. (PubMed) (Google Scholar)
47. Selmanowitz VJ. Lithium, leukocytes and lesions. Clin Dermatol. 1986;4(1):170–175. (PubMed) (Google Scholar)
48. Alvarez WA, Freinhar JP. Direct evidence for lithium-induced psoriasis syndrome. Int J Psychosom. 1984;31:21–22. (PubMed) (Google Scholar)
49. Evans DL, Martin W. Lithium carbonate and psoriasis. Am J Psychiatry. 1979;136:1326–1327. (PubMed) (Google Scholar)
50. Skoven I, Thormann J. Lithium compound treatment and psoriasis. Arch Dermatol. 1979;115:1185–1187. (PubMed) (Google Scholar)
51. Wolf R, Schiavo AL. Is transglutaminase the mediator between antimalarial drugs and psoriasis. Int J Dermatol. 1997;36:10–13. (PubMed) (Google Scholar)
52. Slagel GA, James WD. Plaquentil induced erythroderma. J Am Acad Dermatol. 1985;12:857–862. (PubMed) (Google Scholar)
53. Baker H. The influence of chloroquine and related drugs on psoriasis and kertoderma blenorrhagium. Br J Dermatol. 1966;78:161–166. (Google Scholar)
54. Friedman SS. Pustular psoriasis associated with hydroxyl chloroquine. J Am Acad Dermatol. 1987;16:1256–1257. (PubMed) (Google Scholar)
55. Kufik EG. Effect of anti-malarial drugs on psoriasis. Cutis. 1980;26:153–155. (PubMed) (Google Scholar)
56. Bessis D, Moles JP, Basset-Seguin N, et al. Differential expression of a human endogenous retrovirus E transmembrane envelope glycoprotein in normal, psoriatic and atopic dermatitis human skin. Br J Dermatol. 2004;151:737–745. (PubMed) (Google Scholar)
57. Trnavsky K, Zbojanova M, Vloek F. Antimalarials in psoriatic arthritis. J Rheumatol. 1983;10:833. (PubMed) (Google Scholar)

58. Botev-Slatkov N, Tsankov N, Tonev S, et al. Drug therapy deteriorates the course of psoriasis. Presented at: 17th World Congress of Dermatology, Part II; West Berlin: Springer; 1987:216.

59. Counis R, Koumanov K, Ranlin J, et al. Intepretation du role antilipolytique de la tetracycline. Inhibition de l'adenylate cyclase in vitro. Eur J Biochem. 1973;37:244–247. (PubMed) (Google Scholar)
60. Forster S, Ilderton E, Summerly R, et al. The level of phospholipase A2 activity is raised in uninvolved epidermis of psoriasis. Br J Dermatol. 1983;108:103–105. (PubMed) (Google Scholar)
61. Boothe JH. The tetracyclines. In: Hlavka JJ, editor. Handbook of Experimental Pharmacology. Vol 78. The Tetracyclines. Berlin: Springer-Verlag; 1985. p. 451. (Google Scholar)
62. Wright AL, Colver GB. Tetracyclines-how safe are they? Clin Exper Dermatol. 1988;13:57–61. (PubMed) (Google Scholar)
63. Powles AV, Baker BS, Rutman AJ, et al. Epidermal rupture is the initiating factor for the Koebner response in psoriasis. Acta Derm Venereol. 1990;70:35–38. (PubMed) (Google Scholar)
64. Katz M, Seidenbaum M, Weinrauch L. Penicillin-induced generalized pustular psoriasis. J Am Acad Dermatol. 1987;17:918–920. (PubMed) (Google Scholar)
65. Sidoroff A, Halevy S, Bowes-Bavinck JN, et al. Acute generalized exanthematous pustulosis (AGEP)—a clinical reaction patter. J Cutan Pathol. 2001;28:113–119. (PubMed) (Google Scholar)
66. Cohen A, Bonneh D, Reuveni H, et al. Drug exposure and psoriasis vulgaris: case-control and case-crossover studies. Acta Derm Venereol. 2005;85:299–303. (PubMed) (Google Scholar)
67. Grau R. Drug-induced psoriasis—A retrospective chart review performed at the University of Oklahoma Department of Dermatology. J Am Acad Dermatol. 2008;59:P2647. (Google Scholar)
68. Ellis CN, Fallon JD, Heezen JL, et al. Topical indomethacin exacerbates lesions of psoriasis. J Invest Dermatol. 1983;80:362. (Google Scholar)
69. Cohen AD, Bonneh DY, Reuveni M, et al. Drug exposure and psoriasis vulgaris: case-control and case-crossover studies. Acta Derm Venereol. 2005;85:299–303. (PubMed) (Google Scholar)
70. Chang YC, Wu WM, Chen CH, et al. Association between the insertion/deletion polymorphism of the angiotensin I-converting enzyme gene and risk for psoriasis in a Chinese population in Taiwan. Br J Dermatol. 2007;156:642–645. (PubMed) (Google Scholar)
71. Naranjo CA, Busto U, Seller EM, et al. A method for estimating the probability of adverse drug reactions. Clin Pharmacol Ther. 1981;30:239–245. (PubMed) (Google Scholar)

Articoli da The Journal of Clinical and Aesthetic Dermatology sono forniti qui per gentile concessione di Matrix Medical Communications

Psorilax:Più veloce |bidien crema psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, ingredienti

  • Vence L, Schmitt A, Meadows CE, Gress T. Riconoscendo la psoriasi guttata e iniziando un trattamento adeguato. W V Med J. 2015 lug-ago. 111 (4): 26-8. (Medline).

  • Baker BS, Powles AV, Fry L. Un possibile ruolo per la vaccinazione nel trattamento della psoriasi ?. G Ital Dermatol Venereol. 2008. 143 (2): 105-117.

  • Nahary L, Tamarkin A, Kayam N, Sela S, Fry L, Baker B, et al. Un'indagine sulle risposte anticorpali antistreptococciche nella psoriasi guttata. Arch Dermatol Res. 300 settembre 2008 (8): 441-9. (Medline).

  • Ulger Z, Gelenava T, Kosay Y, psoriasi guttata acuta di Darcan S. associata a dermatite perianale streptococcica. Clin Pediatr (Phila). 2007 gennaio 46 (1): 70-2. (Medline).

  • Ledoux M, Chazerain V, Saiag P, Mahe E. (dermatite perianale streptococcica e psoriasi guttata). Ann Dermatol Venereol. 136 gennaio 2009 (1): 37-41. (Medline).

  • Lewis DJ, Chan WH, Hinojosa T, Hsu S, Feldman SR. Meccanismi di patogenesi microbica e ruolo del microbioma cutaneo nella psoriasi: una revisione. Clin Dermatol. 2019 marzo – 37 aprile (2): 160-166. (Medline).

  • Shin MS, Kim SJ, Kim SH, Kwak YG, Park HJ. Psoriasi guttata di nuova insorgenza in seguito alla vaccinazione contro l'influenza pandemica H1N1. Ann Dermatol. 25 novembre 2013 (4): 489-92. (Medline). (Testo intero).

  • Vanaki E, Ataei M, Sanati MH, Mansouri P, Mahmoudi M, Zarei F, et al. Schemi di espressione dei fattori di trascrizione Th1 / Th2 in pazienti con psoriasi guttata. Acta Microbiol Immunol Hung. 60 giugno 2013 (2): 163-74. (Medline).

  • Hwang YJ, Jung HJ, Kim MJ, Roh NK, Jung JW, Lee YW, et al. Livelli sierici di LL-37 e citochine infiammatorie nella psoriasi a placche e guttate. Mediatori Inflamm. 2014. 2014: 268257. (Medline).

  • Qian L, Chen W, Sun W, Li M, Zheng R, Qian Q, et al. Il peptide antimicrobico LL-37 insieme alla peptidoglicana guida la polarizzazione dei monociti verso il sottoinsieme CD14 (alto) CD16 (+) e può svolgere un ruolo cruciale nella patogenesi della psoriasi guttata. Am J Transl Res. 2015. 7 (6): 1081-94. (Medline).

  • Holm SJ, Sakuraba K, Mallbris L, Wolk K, Stahle M, Sanchez FO. Il profilo distinto del genotipo HLA-C / KIR è associato alla psoriasi guttata. J Invest Dermatol. 125 ottobre 2005 (4): 721-30. (Medline).

  • Mallbris L, Wolk K, Sanchez F. HLA-Cw * 0602 si associa a una duplice maggiore prevalenza di tampone strepotococcico positivo all'inizio della psoriasi: uno studio caso-controllo. BMC Dermatol. 2009. 9: 5.

  • Eaton LH, Chularojanamontri L, Ali FR, Theodorakopoulou E, Dearman RJ, Kimber I. La psoriasi guttata è associata a un fenotipo intermedio di alterata migrazione cellulare di Langerhans. Br J Dermatol. 13 marzo 2014 (Medline).

  • McFadden JP, Baker BS, Powles AV, Fry L. Psoriasi e streptococchi: la selezione naturale di psoriasi rivisitata. Br J Dermatol. 2009 maggio. 160 (5): 929-37. (Medline).

  • Farber EM, Nall L. Epidemiology: storia naturale e genetica. In: Roenigk HH, Maibach HI. Psoriasi. 1998. 3a edizione:

  • Krengel S, GM Schaverburg-Lever, Geilen CC, et al. Krengel S, GM Schaverburg-Lever, Geilen CC, et al. Psoriasi. 1998. 3o:

  • Leung DY, Travers JB, Giorno R, Norris DA, Skinner R, Aelion J, et al. Prove per un processo guidato da superantigene streptococcico nella psoriasi guttata acuta. J Clin Invest. 96 novembre 1995 (5): 2106-12. (Medline). (Testo intero).

  • Inghilterra RJ, Strachan DR, Knight LC. Tonsillite streptococcica e sua associazione con la psoriasi: una revisione. Clin Otolaryngol Allied Sci. 22 dicembre 1997 (6): 532-5. (Medline).

  • Veraldi S, Lunardon L, Dassoni F. La psoriasi guttata innescata dalla varicella. G Ital Dermatol Venereol. 2009 agosto 144 (4): 501-2. (Medline).

  • Friggere L, Baker BS. Innescare la psoriasi: il ruolo delle infezioni e dei farmaci. Clin Dermatol. 2007 nov-dic. 25 (6): 606-15. (Medline).

  • Goiriz R, Dauden E, Perez-Gala S, Guhl G, Garcia-Diez A. Flare e cambiamento della morfologia della psoriasi nel corso del trattamento con bloccanti del fattore di necrosi tumorale. Clin Exp Dermatol. 2007 32 marzo (2): 176-9. (Medline).

  • Costa-Romero M, Coto-Segura P, Suarez-Saavedra S, et al. Psoriasi guttata indotta dall'infliximab in un bambino con malattia di Crohn. Inflamm Bowel Dis. 2008. 14 (10): 1462-1463.

  • Cheng H, Geist DE, Piperdi M, Virk R, Piperdi B. Gestione dell'esacerbazione della psoriasi correlata a imatinib in un paziente con tumore stromale gastrointestinale. Australas J Dermatol. 2009 febbraio 50 (1): 41-3. (Medline).

  • Yamamoto T. Placca indotta dalla morte della cellula anti-programmata 1 e psoriasi guttata. Indian J Dermatol. 2018 gennaio-febbraio. 63 (1): 88-89. (Medline).

  • Fan X, Yang S, Sun LD, Liang YH, Gao M, Zhang KY, et al. Confronto delle caratteristiche cliniche dei pazienti con psoriasi HLA-Cw * 0602 positiva e negativa in una popolazione cinese Han. Acta Derm Venereol. 2007. 87 (4): 335-40. (Medline).

  • Pfingstler LF, Maroon M, Mowad C. Esiti della psoriasi guttata. Cute. 97 febbraio 2016 (2): 140-4. (Medline).

  • Zhang XJ, Zhang AP, Yang S, Gao M, Wei SC, He PP, et al. Associazione di HLA di classe I alleli con la psoriasi vulgaris nel sud-est cinese Hans. J Dermatol Sci. 33 ottobre 2003 (1): 1-6. (Medline).

  • Friggere L, Powles AV, Corcoran S, et al. HLA Cw * 06 non è essenziale per la psoriasi indotta da streptococco. Br J Dermatol. 2006. 154 (5): 850-853.

  • Gudjonsson JE, Karason A, Antonsdottir A, Runarsdottir EH, Hauksson VB, Upmanyu R, et al. I pazienti con psoriasi omozigoti per l'allele HLA-Cw * 0602 hanno un rischio aumentato di 2,5 volte di sviluppare la psoriasi rispetto agli eterozigoti Cw6. Br J Dermatol. 2003 febbraio 148 (2): 233-5. (Medline).

  • Atasoy M, Pirim I, Bayrak OF, Ozdemir S, Ikbal M, Erdem T, et al. Associazione degli alleli HLA di classe I e di classe II con la psoriasi vulgaris nella popolazione turca. Influenza della psoriasi di tipo I e II. Saudi Med J. 2006 27 marzo (3): 373-6. (Medline).

  • Carlen LM, Sanchez F, Bergman AC, Becker S, Hirschberg D, Franzen B, et al. L'analisi del proteoma della pelle distingue il guttato acuto dalla psoriasi a placche cronica. J Invest Dermatol. 2005 gennaio 124 (1): 63-9. (Medline).

  • Yazici AC, Karabulut AA, Ozen O, Eksioglu M, Ustun H. Espressione della p53 in lesioni e cute non affetta di pazienti con psoriasi a placche e guttate: uno studio comparativo quantitativo. J Dermatol. 34 giugno 2007 (6): 367-74. (Medline).

  • Telfer NR, Chalmers RJ, Whale K, Colman G. Il ruolo dell'infezione da streptococco nell'inizio della psoriasi guttata. Arch Dermatol. 1992 gennaio 128 (1): 39-42. (Medline).

  • Wilson AG, Clark I, Heard SR, Munro DD, Kirby JD. Immunoblotting di antigeni streptococcici nella psoriasi guttata. Br J Dermatol. 1993, febbraio 128 (2): 151-8. (Medline).

  • Gudjonsson JE, Thorarinsson AM, Sigurgeirsson B, Kristinsson KG, Valdimarsson H. Streptococcal, infezioni della gola ed esacerbazione della psoriasi a placche cronica: uno studio prospettico. Br J Dermatol. 149 settembre 2003 (3): 530-4. (Medline).

  • Baker BS, Bokth S, Powles A, et al. Linfociti T specifici dell'antigene streptococcico di gruppo A nelle lesioni psoriasiche guttate. Br J Dermatol. 1993. 128 (5): 493-499.

  • Villeda-Gabriel G, Santamaria-Cogollos LC, Perez-Lorenzo R, Reyes-Maldonado E, Saul A, Jurado-Santacruz F, et al. Riconoscimento di Streptococcus piogeni e autoantigeni cutanei nella psoriasi guttata. Arch Med Res. Estate 1998. 29 (2): 143-8. (Medline).

  • Leung DY, Gately M, Trumble A, Ferguson-Darnell B, Schlievert PM, Picker LJ. I superantigeni batterici inducono l'espressione delle cellule T del recettore della pelle selettivo, l'antigene cutaneo associato ai linfociti, attraverso la stimolazione della produzione di interleuchina 12. J Exp Med. 1995, febbraio 1. 181 (2): 747-53. (Medline). (Testo intero).

  • Aydogan K, Tore O, Akcaglar S, Oral B, Ener B, Tunali S, et al. Effetti dei lieviti Malassezia sulle citochine Th1 e Th2 sieriche in pazienti con psoriasi guttata. Int J Dermatol. 18 aprile 2012 (Medline).

  • Perez-Lorenzo R, Zambrano-Zaragoza JF, Saul A, Jimenez-Zamudio L, Reyes-Maldonado E, Garcia-Latorre E. Autoanticorpi per la pelle autologa in forme guttate e di placca di psoriasi e reazione crociata di antigeni cutanei con antigeni streptococcici. Int J Dermatol. 1998 luglio 37 (7): 524-31. (Medline).

  • Gunes AT, Fetil E, Akarsu S, Ozbagcivan O, Babayeva L. Possibile effetto scatenante della vaccinazione antinfluenzale sulla psoriasi. J Immunol Res. 2015. 2015: 258430. (Medline).

  • Sbidian E, Eftekahri P, Viguier M, Laroche L, Chosidow O, Gosselin P, et al. Indagine nazionale sulla riacutizzazione della psoriasi dopo il 2009 vaccini monovalenti H1N1 / stagionali. Dermatologia. 2014. 229 (2): 130-5. (Medline).

  • Psoriasi guttata indotta da Balato A, La Bella S, Gaudiello F, Balato N. Efalizumab. Gestione e ritrattamento efficaci. J Dermatolog Treat. 2008. 19 (3): 182-4. (Medline).

  • Kim BY, Choi JW, Kim BR, Youn SW. I reperti istopatologici sono associati ai tipi clinici di psoriasi ma non al corrispondente indice di gravità della psoriasi lesionale. Ann Dermatol. 27 febbraio 2015 (1): 26-31. (Medline).

  • Krishnamurthy K, Walker A, Gropper CA, Hoffman C. Trattare o non trattare? Gestione della psoriasi guttata e della pitiriasi rosea in pazienti con evidenza di infezione da streptococco di gruppo A. J Drugs Dermatol. 2010 9 marzo (3): 241-50. (Medline).

  • Mobini N, Toussaint S, Kamino H. Malattie eritematose, papulari e squamose non infettive. 10 ° ed. Editori Lippincott-Raven; 2009. In: Istopatologia della pelle della leva:

  • Chalmers RJ, O'Sullivan T, Owen CM, Griffiths CE. Una revisione sistematica dei trattamenti per la psoriasi guttata. Br J Dermatol. 145 dicembre 2001 (6): 891-4. (Medline).

  • Mentore A, Gottlieb A, Feldman SR, Van Voorhees AS, Leonardi CL, Gordon KB, et al. Linee guida per la cura della psoriasi e l'artrite psoriasica: Sezione 1. Panoramica sulla psoriasi e linee guida per la cura della psoriasi con sostanze biologiche. J Am Acad Dermatol. 2008 maggio. 58 (5): 826-50. (Medline).

  • Mentore A, Korman NJ, Elmets CA, Feldman SR, Gelfand JM, Gordon KB, et al. Linee guida di cura per la gestione della psoriasi e dell'artrite psoriasica. Sezione 3. Linee guida di cura per la gestione e il trattamento della psoriasi con terapie topiche. J Am Acad Dermatol. 60 aprile 2009 (4): 643-59. (Medline).

  • Rosenberg EW, Noah PW, Zanolli MD, Skinner RB Jr, Bond MJ, Crutcher N. Uso di rifampicina con penicillina ed eritromicina nel trattamento della psoriasi. Rapporto preliminare. J Am Acad Dermatol. 1986 maggio. 14 (5 Pt 1): 761-4. (Medline).

  • Dogan B, Karabudak O, Harmanyeri Y. Trattamento antistreptococcico della psoriasi guttata: uno studio controllato. Int J Dermatol. 2008 settembre 47 (9): 950-2. (Medline).

  • Owen CM, Chalmers RJ, O'Sullivan T, Griffiths CE. Una revisione sistematica degli interventi antistreptococcici per la psoriasi a placche guttate e croniche. Br J Dermatol. 145 dicembre 2001 (6): 886-90. (Medline).

  • Baughman RD. Cerca Streptococco. Arch Dermatol. 1992 gennaio 128 (1): 103. (Medline).

  • Thappa DM, Laxmisha C. Tuta PUVA come modalità di trattamento efficace e sicura nella psoriasi guttata. J Eur Acad Dermatol Venereol. 20 ottobre 2006 (9): 1146-7. (Medline).

  • Borroni G, Vignati G, Zaccone C, Gorani A, Brazzelli V, Rabbiosi G. Photofibrosis: un ulteriore cambiamento istopatologico indotto dalla terapia PUVA attraverso i mastociti nella psoriasi guttata. Rapporto preliminare. Acta Derm Venereol Suppl (Stockh). 1994. 186: 159-61. (Medline).

  • Fernández-Guarino M, Aboín-González S, Velázquez D, Barchino L, Cano N, Lázaro P. Fototerapia con UVB a banda stretta nella psoriasi guttata adulta: risultati e valutazione del paziente. Dermatologia. 2016. 232 (5): 626-632. (Medline).

  • Koek MB, Buskens E, van Weelden H, Steegmans PH, Bruijnzeel-Koomen CA, Sigurdsson V. Home versus ambulatoriale fototerapia ultravioletta B per la psoriasi da lieve a grave: studio pragmatico multicentrico randomizzato controllato di non inferiorità (studio PLUTO). BMJ. 2009, 7 maggio. 338: b1542. (Medline). (Testo intero).

  • (Linea guida) Elmets CA, Lim HW, Stoff B, et al. Linee guida della Joint American Academy of Dermatology-National Psoriasis Foundation di cura per la gestione e il trattamento della psoriasi con fototerapia. J Am Acad Dermatol. 2019 settembre 81 (3): 775-804. (Medline). (Testo intero).

  • Wilson JK, Al-Suwaidan SN, Krowchuk D, Feldman SR. Trattamento della psoriasi nei bambini: esiste un ruolo per la terapia antibiotica e la tonsillectomia ?. Dermatol pediatrico. 2003 gennaio-febbraio 20 (1): 11-5. (Medline).

  • Wu W, Debbaneh M, Moslehi H, Koo J, Liao W. Tonsillectomia come trattamento per la psoriasi: una recensione. J Dermatolog Treat. 25 dicembre 2014 (6): 482-6. (Medline).

  • Cohn JE, Pfeiffer M, Vernose G. Risoluzione completa della psoriasi guttata dopo tonsillectomia. Orecchio naso gola J. 2018 marzo 97 (3): 62-63. (Medline).

  • Martin BA, Chalmers RJ, Telfer NR. Quanto è grande il rischio di ulteriore psoriasi a seguito di un singolo episodio di psoriasi guttata acuta ?. Arch Dermatol. 1996 giugno 132 (6): 717-8. (Medline).

  • Williams RC, McKenzie AW, Roger JH, Joysey VC. Antigeni HL-A in pazienti con psoriasi guttata. Br J Dermatol. 95 agosto 1976 (2): 163-7. (Medline).

  • Psorilax:Dove trovare online |creme specialistiche psoriasi ai piedi

    0

    Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, dove si compra

    • Acné
    • Eczéma
    • Psoriasis
    • Top sujets
    Page :

    1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100 200 300 400501
    500

    Dernière Page

    Page Suivante

    Page Précédente

    Première Page

    Sujets de la catégorie Acné, psoriasis et problèmes de peau Dern. page Auteur du sujet Nombre de

    Rép.

    Lus

    Date du dernier message

    Votre avis compte ! Aidez-nous à améliorer les forums !

    On huile de noisette——>GENIAL! hol62wq 33 43 928
    quothoyda
    On savon d’Alep : une horreur !

    2 tit54bz 83 144 809
    quothoyda
    On Poil incarné qui s’infecte. Que faire ? jul62ve 32 191 485
    quothoyda
    On comment enlever une verrue plantaire

    2 vic38ip 67 133 852
    quothoyda
    On Crème blanchissante sur cicatrice tatoo Maxime2104​90 0 22 07/04/2019 à 12:26
    Répondre On carcinome basocellulaire lul23au 9 3 365
    audrey4658
    On fin traitement psoriasis, apparition bouton bartpop 1 51
    bartpop
    On Allergie? Wuilly 1 22
    katzele
    On Tâches, boutons ? Aurum 0 51 05/04/2019 à 19:57
    Répondre On Boutons qui apparaissent sur les mollets après hydratation ou gommage amyvl 2 19
    amyvl
    On Boules blanches sous les talons Yoe33ym 0 31 04/04/2019 à 15:20
    Répondre On Est-ce un psoriasis des ongles ? kami-kakas​hi 3 241
    katzele
    On Nez Rouge Persistant Après Coup De Soleil En Juillet 2008 ! sebele 8 6 949
    SHARCRASH
    On Bouton Marron qui s’etend sous la peau MMDB 0 26 03/04/2019 à 17:44
    Répondre On Éruption cutanée Mik94wy 3 73
    Mik94wy
    On 3ème cure de roaccutane ! suivi et conseils ? elysamilan 5 102
    elysamilan
    On J’ai des mains très ridées!!!! Profil supprimé 36 35 975
    Greg var
    On Help verrue plantaire! VickyO 0 21 02/04/2019 à 21:39
    Répondre On Boule dur sous cicatrice frontale après 2 mois L97D 0 19 02/04/2019 à 21:05
    Répondre On kératose actinique sur cuir chevelu benitos 0 10 02/04/2019 à 16:24
    Répondre On Kyste sur le scrotum (photos) susuka 0 77 01/04/2019 à 22:01
    Répondre On Gale ou pas ?? line2505 1 105
    Faerd
    On Peau des testicule qui pèle Hiroshiro5​490 2 40
    Hiroshiro5​490
    On Rechute instantanée avec curacné Kyoz 5 51
    Cassie1811​582
    On Question Herpès Zoster ( Zona ) Ced135 5 99
    Cassie1811​582
    On Laser apres roacutanne(isocural) Las13xs 3 809
    Ari12
    On Peau des joues devenue granuleuse et rèche Lilou00620​0 1 47
    Doctérateu​r
    On POILS INCARNES-COMPLEXES zoubi12919​1 1 28
    Doctérateu​r
    On Bouton sur le visage Cindy59190​22 1 30
    Doctérateu​r
    On tache visage malodorante yuta27 1 30
    Doctérateu​r
    On Problème oreille enfant (photos) tototufrim​es 1 13
    Doctérateu​r
    On Boutons sur le visage Kara6772 1 22
    Doctérateu​r
    On Boule pubis Lithuanian​giiirl 1 50
    Zey21xo
    On LUCITE POLYMORPHE Kantoran48 0 15 31/03/2019 à 12:23
    Répondre On Creux dans la joue will91220 6 77
    katzele
    On Dermite/lupus?? Ou j’en sais rien… Yui54xn 1 46
    Yui54xn
    On Bouton d’acné infecté, inflammé Amadine71 1 33
    Jacoline
    On Verrues planes traitement qui fonctionne Happy57 1 59
    Doctérateu​r
    On Démangeaisons/douleurs sur mains/doigts après travail + ganglions zaone 11 13 805
    zaone
    On Purpura Manon1152 0 17 28/03/2019 à 20:02
    Répondre On bouton dur et douloureux menton Maa14qz 13 12 780
    L’informat​eur44
    On Acné – Pilule Microgynon Soso_ 0 19 28/03/2019 à 18:18
    Répondre On boutons sur les avant jambes :/ funda.s 0 12 28/03/2019 à 18:18
    Répondre On Plaques sur le torse… qu’est-ce que ça peut être ? Log 1 47
    katzele
    On problème de peau sous le pied PMF 2 123
    katzele
    On Taches brunes lèvres FYJIM 1 30
    katzele
    On cicalfate sur plaie Al151515 2 30
    Al151515
    On Rougeurs après exposition au soleil Ste96pp 5 6 178
    Pauline091​190
    On plaie creuse au visage !!! Al151515 9 84
    Al151515
    On Cercle sous la peau Eléonore.c​ld 1 38
    Zun32lz
    On Acné encore et tjrs mia666 12 218
    Eminza
    On Jai des sorte de “trou” a un talon Bidule4599​36dyidtkx 1 42
    jeweid
    On Acné, doxycycline et pilule Cycy434 5 50
    Yii024n
    On help mon médecin ne trouve pas… titvega 1 51
    katzele
    On Spatule à ultrason Yii024n 0 20 22/03/2019 à 14:12
    Répondre On Acné MarGaux590​00 1 35
    France4237​0
    On Transpiration lors de variations de température Myi01zz 0 14 22/03/2019 à 09:22
    Répondre On Pour toutes les personnes ayant une transpiration excessives (aisselles) Lisa0207 0 26 21/03/2019 à 15:46
    Répondre On Roaccutane besoin d’aide A9725 2 52
    V884388
    On Acné homme 18-30 ans casmaic94 7 95
    V884388
    On Roaccutane 2ème cure Lynson 1 20
    V884388
    On Enlever traces d’acné Heureux_pr​ince 1 45
    V884388
    On Cas incompréhensible Kitty27 5 66
    katzele
    On LE CLUB VITILIGO

    15 manuellafd​v 713 73 192
    colombe265​1
    On Laser co2 mon expérience Mai52yn 1 41
    Mai52yn
    On ” bouton/plaque étrange sous aisselle “ Zee1006 0 11 20/03/2019 à 01:06
    Répondre On Grain de beauté Rowanirrer 0 16 19/03/2019 à 23:37
    Répondre On Bouton, plaque Vabess 2 34
    Vabess
    On Aidez moi Nini58000 0 16 18/03/2019 à 15:05
    Répondre On Bouton brun qui ne part pas? StanleySha​m 0 68 18/03/2019 à 14:11
    Répondre On Sorte d’ampoule près de la bouche Lili201 0 28 18/03/2019 à 13:37
    Répondre On eczéma teton KimchiJoye​ux 0 38 18/03/2019 à 13:37
    Répondre On Boutons qui reviennent toujours au mêmes endroits Alex2874 2 90
    John85More​aux
    On remède mircale à 5.99$? ( Biafine ) KySsouw 0 34 15/03/2019 à 04:26
    Répondre On BOUTONS PLAQUES QUI GRATTENT lolilol25 0 48 15/03/2019 à 02:49
    Répondre On Probleme gale Happy13015 0 29 14/03/2019 à 20:48
    Répondre On Bouton douloureux qui ne part pas ! Lei51 0 38 14/03/2019 à 20:28
    Répondre On La roche Posay dinedine29 2 49
    dinedine29
    On Eczéma luc45jx 7 1 400
    Amina1801
    On Mauvaise cicatrisation hey43vt 5 1 961
    alain1111
    On Apparition boutons rouges sur le corps Maxime4485 0 30 11/03/2019 à 18:21
    Répondre On DIM diindolymethane (contre acné hormonale) verveineci​tron 0 16 10/03/2019 à 18:31
    Répondre On Infection derrière l’oreille Maellefrot​in 13 308
    Zun32lz
    On c est quoi Mehdi31 0 20 09/03/2019 à 19:16
    Répondre On bouton de pu (acnee?) cuir chevelu Profil supprimé 10 64 053
    ladouceur9​5
    On boutons après pays chaud(cuba) Maude Larouche 1 39
    SasT
    On Problème de points blancs sur mes lèvres, c’est quoi ? masmoudi 2 56
    masmoudi
    On Peau sec sur la peau du pénis besoin d’aide !! Cocache 1 42
    Cocache
    On Urticaire sur les lèvres ? Melanie041​2 0 11 06/03/2019 à 22:09
    Répondre On Petit bouton sur le poignet et la main SHAY261295 1 56
    SHAY261295
    On Plaque rouge Julo4000 1 62
    Julo4000
    On Vinaigre efficace? tin19wn 12 14 848
    vv_0105
    On plaques sur le corps Jamilaa481​798 1 43
    James
    On Pustules sur le nez Divin75 0 19 06/03/2019 à 02:02
    Répondre On Taches rouges sans démangeaisons sur les jambes Ino46 2 115
    Julo4000
    On Plaques rouges depuis quelques jours romain27 1 78
    Julo4000
    On Une tâche rouge sur mon ventre Mecton 3 109
    Julo4000
    On plaie avec quelque chose coincer uneadoperd​ue703 0 6 05/03/2019 à 15:48
    Répondre On OPK & Minerva DmSuzuki 0 8 05/03/2019 à 09:03
    Répondre

    Page :

    1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100 200 300 400501
    500

    Dernière Page

    Page Suivante

    Page Précédente

    Première Page

    Psorilax:Aumentare |crema psoriasi bustine monodose

    0

    Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, dove si compra

    Hai imparato qualcosa di nuovo? Perché non condividere queste informazioni con i tuoi amici?

    Dieta disintossicante dalla psoriasi

    La psoriasi è una delle miriadi di malattie autoimmuni che oggi colpiscono oltre 120 milioni di vite in tutto il mondo.

    Siddha ha alcune meravigliose medicine che miracolosamente lavorano per curare completamente la malattia. Tuttavia, per ottenere tutti i benefici, si consiglia di adottare un metodo adeguato piano di dieta per la psoriasi. Quando si tratta di alimenti che aggravano la psoriasi, l'enfasi principale è quella di tenere lontano da cibi che possono portare a infiammazioni.

    Alimenti che aggravano la psoriasi:

    Di seguito è riportato un elenco di alimenti che aggravano la psoriasi, abbiamo dettagliato la scienza alla base di evitare questi alimenti. Nella parte inferiore di ogni alimento da evitare, abbiamo anche cercato di fornirti alcune alternative a questi alimenti, che puoi includere nella tua dieta quotidiana.

    1. Lievito:

    Il nostro intestino ha una buona quantità di microbi di aiuto noti come Commensale (intendendo, reciprocamente vantaggioso) microbi. Questi includono batteri Gram negativi e alcuni funghi. Tuttavia, un equilibrio in questa flora microbica è obbligatorio per un sano sistema gastrointestinale. Un eccesso di una delle parti può causare seri problemi nella zona intestinale.

    alimenti che aggravano la psoriasi - cibi ricchi di lievito

    In che modo il cibo ricco di lievito provoca infiammazione?

    Gli alimenti ricchi di lievito possono portare a uno squilibrio nella flora microbica dell'intestino e presentano gli svantaggi seguenti:

    a) Porta alla colonizzazione del lievito:

    io. Un aumento dei livelli di lievito (in particolare del genere Candida) nel nostro sistema digestivo può diventare problematico a causa della sua capacità di colonizzare intensamente, data la possibilità.

    ii. Uccide i batteri “buoni” nell'intestino, che svolgono un ruolo vitale nel metabolismo e nella scomposizione del cibo nel sistema digestivo. L'assenza di questi microbi simbiotici può capovolgere il nostro sistema digestivo.

    b) Provoca infiammazione:

    io. La colonizzazione sfrenata del lievito provoca infiammazione dello strato mucoso intestinale. Ciò influisce sul corretto assorbimento dei nutrienti da parte del sistema digestivo che porta alla malnutrizione.

    ii. Inoltre, l'infiammazione fornisce accesso diretto al patogeno al flusso sanguigno. Il risultato finale è la formazione di ulcere allo stomaco e altri disturbi gastrici.

    c) Accende il sistema immunitario:

    io. Un aumento dei livelli patogeni nel flusso sanguigno attiva le cellule immunitarie che aggrava ulteriormente l'infiammazione.

    ii. Una classe di cellule T helper chiamate Cellule T17 fornire un meccanismo difensivo innescando neutrofili (cellule della banda). I neutrofili sono una specie di globuli bianchi combattenti e sono i più veloci ad agire durante un attacco patogeno.

    iii. I neutrofili sono, in generale, pro-infiammatori e questo porta a un'infiammazione progressiva.

    Linea di fondo: Evitare cibi contenenti lievito.

    Cosa evitare: cagliata acida, yogurt, formaggio, cibi cotti al lievito, bevande fermentate, frutta secca.

    Valuta di mangiare: latticini a basso contenuto di grassi, broccoli, curcuma, aglio, cipolla, cavolo

    2. Glutine:

    Che cos'è il glutine?

    È una proteina presente in alcuni cereali come grano, segale, orzo, ecc. Comprende acido solubile glutenine e solubile in acqua gliadine. Sono state condotte molte ricerche per svelare la correlazione tra malattie autoimmuni e glutine. Molti di questi studi supportano il fatto che il glutine aggrava l'infiammazione e c'è un sacco di supporto scientifico a questo, che abbiamo dettagliato nella sezione seguente.

    legame tra glutine e psoriasi

    In che modo il glutine promuove l'infiammazione nel corpo?

    Di seguito è riportato il meccanismo passo-passo con cui il glutine induce infiammazione nel corpo e quindi porta a riacutizzazioni della psoriasi:

    Step 1: Come funzionano le cellule del normale intestino tenue?

    Prima di entrare nei dettagli di come il glutine altera la permeabilità intestinale, ti daremo un quadro di come il nostro intestino tenue appare strutturalmente a livello cellulare.

    1. È nel nostro intestino tenue che avviene l'effettivo assorbimento del cibo. Il nostro intestino (intestino tenue) ha numerose proiezioni simili a quelle delle dita chiamate villi. Il suo scopo principale è favorire l'assorbimento dei nutrienti vitali negli alimenti.
    2. Le cellule epiteliali che formano i “villi” hanno una complessa interconnessione che rende impossibile l'ingresso di un corpo estraneo come un antigene (ad es. Agenti patogeni o macromolecole). Questo internetworking è molto più forte di quanto possiamo immaginare a causa della presenza di microfilamenti di actina.
    3. In effetti, questo complesso micro-collegamento consente solo ai nutrienti di essere assorbiti nell'intestino tenue, mentre gli altri componenti indesiderati (a volte tossici) vengono espulsi dalla transcitosi. Questo è un meccanismo innato di difesa immunitaria noto come “transcitosi mediata da clatrina”. Cioè, le molecole estranee indesiderate sono legate da un complesso noto come clathrin che li avvolge ed espelle i rifiuti spingendoli da un'estremità della cella all'altra.

    Passaggio 2: come gliadina interferisce con la complessa struttura cellulare del rivestimento dell'intestino tenue?

    1. La gliadina si lega ai filamenti di actina e ne influenza la stabilità. Questa destabilizzazione dell'actina e la reticolazione perpetua della gliadina nella complessa struttura cellulare epiteliale porta alla secrezione di una proteina – Zonulina.
    2. Questo a sua volta ostacola ulteriormente i filamenti di actina che portano alla sua disintegrazione. Rimuove efficacemente la barriera naturale posta dalla “transcitosi mediata dalla clatrina”.
    3. L'intestino ora è suscettibile all'assorbimento di molecole tossiche che penetrano nel flusso sanguigno.

    Passaggio 3: cellule T attivate Infiammazione:

    1. Oltre a interferire con la permeabilità delle pareti intestinali, Gliadin innesca anche le nostre cellule immunitarie – “cellule T helper” per attaccare questi intrusi estranei.
    2. Tuttavia, queste cellule attaccanti (anticorpi) si rivoltano contro le cellule sane del nostro corpo e le attaccano e inizia un ciclo di infiammazione.

    Linea di fondo: Evitare cibi contenenti glutine.

    Cosa evitare – Evita cibi ricchi di glutine come orzo, avena lavorata, grano, segale.

    Considera di mangiare – Farine di riso (riso integrale non trasformato), miglio, grano saraceno.

    3. Sodio e sali di sodio:

    Si trova che il sale di sodio migliora l'infiammazione.

    In che modo il sale provoca infiammazione?

    a) Provoca rene e legati al cuore i problemi:

    Un aumento dei livelli di sale nel sangue è evidente quando aumenta il suo consumo dietetico. Sovraccarica il rene per rimuovere questo sale in eccesso dal sangue e costringe il cuore a pompare di più per garantire una corretta circolazione sanguigna. Entrambi possono scatenare disturbi a livello renale e cardiaco.

    b) Induce un pH acido:

    Il sale è chimicamente cloruro di sodio (NaCl). Le molecole di alogeno (cloro) nel sale contribuiscono ad un aumento dei livelli di acido cloridrico nella zona gastrica. L'acido cloridrico a livelli ottimali è necessario per la corretta digestione del cibo. Tuttavia, un aumento del pH acido provoca infiammazione e può ostacolare lo strato interno della mucosa intestinale.

    c) Collegamenti batterici:

    Helicobacter pylori (H. pylori), è una classe di batterio che si trova ad essere la causa principale di una pletora di problemi gastrointestinali tra cui il cancro intestinale. Il sale aumenta l'oncoproteina batterica – cagA. cagA è una proteina con geni cancerogeni e apre la strada alla colonizzazione batterica nell'intestino. La colonizzazione di H.pylori provoca infiammazione delle pareti intestinali e altre malattie gastriche.

    d) Attiva la risposta infiammatoria dal sistema immunitario:

    Un aumento della percentuale di sodio aumenta i livelli dei trasportatori di sodio – proteine ​​SKG1 (siero glucocorticoide chinasi 1). Questa proteina può attivare la risposta infiammatoria delle cellule T helper.

    Non tutte le cellule immunitarie di supporto generano una risposta infiammatoria. Esiste una classe specifica di cellule T helper – le cellule patogene Th 17 che, diversamente dalle altre cellule standard, innescano una risposta infiammatoria. Lo fa dalla secrezione di pro-infiammatori interleuchine che sono strettamente associati ai globuli bianchi del nostro corpo. Queste interleuchine svolgono un ruolo cruciale nella segnalazione del sistema immunitario durante un attacco patogeno. Il nostro corpo genera oltre 36 interleuchine.

    Linea di fondo: Ridurre al minimo il consumo di sale.

    Anche la sostituzione del sale di iodio con sale comune è una buona opzione. Tuttavia, in tutti i casi, evitare cibi salati.

    4. Alimenti grassi:

    Trigger dietetici per psoriasi: cibi fritti e spazzatura

    Sia il grasso che l'infiammazione costituiscono un circolo vizioso con uno che contribuisce all'altro. Di seguito sono riportati alcuni dei fatti a sostegno dell'infiammazione indotta dal grasso:

    a) Genera un “falso allarme” per il sistema immunitario:

    Le cellule adipose hanno un meccanismo intrinseco di autodifesa in cui innesca segnali non necessari al sistema immunitario. Viene secreto un complesso proteico – MHC II – Major Histocompatibility Complex 2, che mette in azione le cellule immunitarie dell'aggressore. Questo provoca infiammazione.

    Inoltre, la Leptina è ancora un altro ormone, che viene in mente per rilasciare l'energia immagazzinata nelle cellule adipose del nostro corpo. In tutti i termini, la Leptina rallenta la fame e si è scoperto che scatena anche attacchi infiammatori indotti dalle citochine dalle cellule T patogene.

    b) Squilibrio dannoso negli acidi grassi essenziali:

    Un equilibrio improprio di acidi grassi omega-3 e omega-6 può causare infiammazione. Entrambi questi acidi grassi sono complementari all'azione con omega 3 antiinfiammatoria e omega 6 proinfiammatoria. Il rapporto tra i livelli di acidi grassi omega 3 e omega 6 dovrebbe essere più o meno lo stesso. Tuttavia, l'attuale dieta ha più omega 6 che acidi grassi omega 3.

    Linea di fondo: Evita cibi grassi ricchi di grassi. Concediti una dieta a basso contenuto di colesterolo.

    Alcune delle fonti di acidi grassi omega 3 sono olio di colza, olio di pesce, olio di noci.

    5. Verdure Nightshade:

    parodie e psoriasi

    Le verdure di belladonna come i pomodori, le patate sono ricche di un glycoalkaloid chiamato solanina. È uno steroide ed è velenoso a grandi dosi.

    Come contribuisce all'infiammazione?

    a) La solanina interferisce con il metabolismo del calcio nel corpo. Nel caso della psoriasi, evitare l'assunzione di queste verdure in quanto può causare carenza di calcio. È stato strettamente associato con l'artrite e l'infiammazione gastrointestinale.

    b) La melanzana è un altro ortaggio di belladonna e aumenta i livelli di istamina nel corpo. Ciò provoca gonfiore e prurito associati all'infiammazione.

    c) Oltre alla solanina, queste verdure sono anche ricche di un altro glycoalkaloid – caconina. Sia solanina che chaconine sono chiamate insieme come TGA-Glycoalkaloids totali. Entrambi questi componenti sono insetticidi eccellenti e formano un meccanismo di difesa naturale per allontanare i roditori. Un dosaggio più elevato di questi nella dieta quotidiana è associato a diarrea e vomito.

    d) TGA riduce il metabolismo dei miorilassanti interferendo con le attività dell'enzima plasmatico-pseudocolinesterasi. Ciò porta a dolori muscolari e spasmi correlati. L'enzima plasmatico (colinesterasi) svolge un ruolo importante nel metabolismo di numerosi altri enzimi corporei.

    Linea di fondo: Evita le verdure di belladonna come pomodori, melanzane, patate (in particolare patate verdi). Il TGA può essere presente in piccole tracce in frutta diversa dalle verdure di belladonna come mele, alcune bacche, ecc.

    Programma di dieta per la psoriasi:

    Ecco un breve elenco di alimenti che possono essere inclusi nel tuo quotidiano piano di dieta per la psoriasi. Puoi crearne uno tuo diete per la psoriasi usando la tabella qui sotto in quanto offriamo un'ampia selezione per colazione, pranzo e dieta.

    piano di dieta per la psoriasi

    Prima colazione:

    io. Usa cereali senza glutine come quinoa, miglio, grano saraceno, amaranto, ecc.

    ii. Frutta – banana, bacche, ecc.

    iii. Ortaggi a foglia verde e lattuga.

    iv. Sostituisci il latte con un bicchiere di succo di anguria o di camomilla

    Pranzo:

    io. riso integrale

    ii. Verdure – Spinaci, rape, carote

    iii. Carne magra come pollo senza pelle.

    iv. Frutta come albicocche, avocado

    Cena:

    io. Ortaggi a foglia verde e verdure crocifere – cavolo, broccoli

    ii. Lenticchie e fagioli

    iii. Semi di lino

    iv. Usa più cipolla, aglio, curcuma e olive.

    Diete per la psoriasi: è und Don't:

    le migliori diete per la psoriasi

    a) Includere alimenti ricchi di antiossidanti come camomilla, fragole, carote, rapa, cavolo, broccoli.

    b) evitare frutta citrica acida come limone, arancia ecc.

    c) evitare alcol, bevande contenenti caffeina

    d) evitare diete zuccherate

    e) evitare cibi grassi e latticini.

    f) bere molta acqua

    g) mantenere l'equilibrio di zinco nel corpo

    h) evitare cibi salati

    i) indulgere in alimenti senza glutine come riso integrale, grano saraceno, miglio. Evita cibi ricchi di glutine come il grano.

    Spero che ora sei attrezzato per iniziare a dieta disintossicante dalla psoriasi con le vaste informazioni che abbiamo condiviso sul meglio e sul peggio diete per la psoriasi. La dieta e l'uso della Psorease come trattamento esterno possono mostrare meraviglie per la psoriasi. A seguito di un rigoroso piano di dieta per la psoriasi non solo ti aiuta a recuperare dalla psoriasi, ma aiuta anche a donare una rinnovata salute.

    Protezione dei contenuti da DMCA.com

    Psorilax:Questo funziona |crema al cortisone per psoriasi

    0

    Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, dove si compra

    La scelta del treamtent biologico da selezionare per ciascun paziente può essere difficile. Jennifer Cather, MD, di Modern Research Associates a Dallas, in Texas, ha fornito uno sguardo completo alle ultime opzioni di trattamento della psoriasi biologica con i partecipanti alla Winter Clinical Dermatology Conference Hawaii nel gennaio 2015. Questo articolo discute il suo approccio al trattamento di singoli pazienti con psoriasi.

    Connetti, educa, facilita il cambiamento

    Durante l'incontro, ha discusso del viaggio della psoriasi per pazienti e operatori sanitari.

    “Ci sono 3 cose che puoi davvero fare per aiutare i pazienti. Possiamo connetterci con loro e questo è importante nel cercare di capire come la psoriasi li influenza. Possiamo educarli perché abbiamo una quantità significativa di dati, ma è molto difficile implementarli per questi pazienti. Dobbiamo anche facilitare il cambiamento “, ha affermato.

    “Se siamo in grado di connetterci, educare e facilitare, aiuteremo davvero i pazienti”, ha detto la dott.ssa Cather, che lavora con un infermiere per curare circa 1.300 pazienti con psoriasi moderata o grave.

    Esistono molte opzioni di trattamento della psoriasi (Figura 1). La presentazione del Dr. Cather si è concentrata sugli agenti biologici per la malattia moderata. I pazienti con psoriasi che sono buoni candidati per terapie biologiche includono quelli con una significativa superficie corporea colpita; coinvolgimento di aree ad alto impatto, come i genitali del viso, mani e piedi; malattia che influisce sulla qualità della vita e sulla presenza di artrite psoriasica.

    “Ad esempio, se vedi un paziente con psoriasi palmoplantare non possono sopportare senza provare dolore. Non possono stringere la mano alla gente. È molto isolante “, ha detto.

    L'impatto sulla qualità della vita può essere significativo. Il dottor Cather suggerisce ai dermatologi di porre alcune domande puntate, tra cui: “In che modo questo ti influenza? Che cosa vuoi fare? Cosa non puoi fare? Che cosa ti impedisce di fare questa malattia? Ha notato che alcuni dermatologi potrebbero essere sorpresi di sentire l'impatto sulla qualità della vita che questa malattia ha.

    Comprensione dell'esperienza del paziente

    Numerosi agenti biologici sono approvati per la psoriasi e l'artrite psoriasica (Tabella 1) e molti altri sono all'orizzonte. Attualmente, le principali categorie di farmaci biologici per la psoriasi sono gli antagonisti del fattore di necrosi tumorale (TNF) (gli antagonisti delle citochine delle cellule effettrici), l'ustekinumab (Stelara, Janssen Biotech Inc.), che lavora sulle citochine regolatorie, l'interleuchina 12 (IL-12 ) e IL-23 e secukinumab (Cosentyx, Novartis Pharmaceuticals), che lavora sulla citochina normativa IL-17.

    Il dottor Cather ha osservato che l'uso pratico del trattamento biologico può essere complicato e che i risultati dei dati non si riflettono sempre sull'esperienza del paziente. Tutti i prodotti biologici approvati hanno dimostrato efficacia e sicurezza in studi randomizzati e controllati ed estensioni in aperto fino a 3 anni. Tuttavia, le differenze nella progettazione dello studio e nella gestione dei dati mancanti complicano le cose.

    “Esistono meta-analisi che dimostrano che la probabilità di ottenere un PASI (area della psoriasi e indice di gravità) 75 con un biologico è dell'80%.1 Ma non credo che l'80% delle persone sia felice. E questo va al fatto che ognuno è un individuo. Quindi, se riesci a capire un'impronta digitale della psoriasi di un paziente, come li influenza, otterrai percentuali di successo più elevate e non sarà solo un numero “, ha spiegato.

    È importante valutare il motivo per cui i pazienti stanno prendendo in considerazione i farmaci biologici quando entrano in clinica. I pazienti presentano per motivi diversi e in età diverse.

    “La nostra pratica è un centro di riferimento, quindi la prima cosa che emerge è una forte storia familiare di psoriasi o passaparola. Se hai un paziente con psoriasi che ha visto il successo, sono molto interessati ai prodotti biologici ”, ha detto.

    La pubblicità diretta al consumatore è un fattore determinante per il paziente. Ha notato che i pazienti spesso affermano di aver visto pubblicità diretta al consumatore, che può educare i pazienti sulle opzioni disponibili e anche sugli effetti avversi che potrebbero eventualmente verificarsi.

    “I pazienti nella loro tarda adolescenza e vent'anni sono presenti anche in clinica. Questo è un momento della loro vita in cui il loro stile di vita si sta aprendo per includere l'alcol e il sesso e la psoriasi può essere una malattia isolante che è progressiva con l'età del paziente. È mio compito cercare di intervenire e provare a ridare alla gente un po 'della loro vita ”, ha detto.

    Ai medici, in generale, piacciono i biologici perché sono efficaci e molto sicuri (figura 2). “La popolazione della mia clinica è composta da due terzi delle donne. Le gravidanze accadono. Spesso non sono previsti “, ha detto, osservando che i dati di sicurezza sono positivi. “Esistono alcuni dati cardio-preventivi. Guardo questo trattamento come qualcosa che ridurrà l'infiammazione e li aiuterà. Anche la depressione e la fatica migliorano. ”

    Buona comunicazione con i pazienti

    La non conformità è elevata nei pazienti con psoriasi. Il dottor Cather ha raccomandato ai dermatologi di dire ai pazienti prima di iniziare il trattamento biologico (e ancora quando tornano per un follow-up con buoni risultati) che se interrompono spontaneamente il trattamento, sperimenteranno la fatica come precursore di un flare. “Di solito capiscono. Fa parte dell'educazione. Ti connetti, educi e faciliti il ​​cambiamento. Vorremmo facilitare il cambiamento di non venire fuori dai farmaci “, ha spiegato.

    I pazienti ottengono risultati migliori quando i dermatologi parlano del modo migliore per attuare il trattamento biologico. Discutere con il paziente della sua precedente anamnesi farmacologica, ad esempio quali farmaci sono stati assunti e come è stata ogni esperienza, può aiutare a selezionare l'opzione migliore per i pazienti. Il dottor Cather ha suggerito di porre domande specifiche oltre ai nomi dei farmaci:

    • Che cosa stavi passando al momento della terapia?

    • Hai avuto un'infezione?

    • Hai avuto una pausa nella terapia?

    La modifica del comportamento può anche essere utilizzata per aiutare i pazienti ad alleviare i sintomi. Inoltre, spesso fornisce prescrizioni o altre raccomandazioni per alleviare i sintomi (ad es. Gabapentin per il prurito o bagni di candeggina per la testa per i pazienti che hanno un'infezione da stafilococco intorno al cuoio capelluto o all'orecchio.)

    “Il miglior farmaco, il farmaco più efficace, nel paziente prurito non eliminerà la malattia”, ha detto.

    Il paziente tipico

    Il tipico paziente con psoriasi assume da 2 a 3 farmaci ma presenta problemi di conformità. Possono avere ulteriori problemi di salute, tra cui obesità, diabete, malattie cardiovascolari o depressione.2,3

    Inoltre, possono essere presenti problemi di stile di vita (come bere alcolici, fumare) e problemi di vita (stress, economia, esigenze in termini di finanze, tempo e priorità in competizione).

    “Dico spesso ai pazienti che ci sono cose che puoi controllare come alcol e tabacco. Voglio che provi a scendere al tuo peso corporeo ideale “, ha detto.

    Inoltre, molti pazienti non hanno un fornitore di cure primarie (PCP) e il dermatologo può aiutarli a trovarne uno.

    Le complicazioni legate al non trattamento della psoriasi comprendono un elevato carico infiammatorio sistemico e comorbilità, impatto sulla qualità della vita (funzionamento fisico e impatto psicosociale) e impatto economico (tempo perso dal lavoro, riduzione della produttività sul lavoro, non promozione di ruoli di leadership).

    Il Dr. Cather ha osservato che il workup biologico è cruciale e dovrebbe essere accurato. Ciò include esami cutanei e articolari, una storia sociale completa, pianificazione familiare e lavoro di laboratorio (Tavolo 2). Ha notato che quando gli studi clinici vengono eseguiti, le variabili dei pazienti sono abbastanza ben controllate.

    “Dobbiamo assicurarci che i nostri pazienti siano sani. Ad esempio, vogliamo assicurarci che le nostre giovani donne abbiano i Pap test, che vengano fatte le proiezioni appropriate all'età “, ha detto.

    Esperienza clinica

    La dott.ssa Cather ha fornito una panoramica della sua esperienza clinica con vari trattamenti biologici.

    Inibitori del TNF

    Il Dr. Cather seleziona un antagonista del TNF per i pazienti con coinvolgimento sia della cute che delle articolazioni; concomitante malattia cardiovascolare, morbo di Crohn e idradenite suppurativa.

    “Se stanno pianificando una gravidanza presto di solito seleziono etanercept (Enbrel, Amgen Inc.). I pazienti pediatrici di solito assumono etanercept e ci sono molti dati concomitanti con l'epatite C con etanercept e adalimumab (Humira, AbbVie Inc.) “, ha detto.

    ustekinumab

    La dott.ssa Cather ha notato che usa ustekinumab per un significativo coinvolgimento della pelle, malattia demielinizzante, pazienti obesi, studenti universitari, pazienti che hanno paura degli aghi, pazienti non conformi e psoriasi emergente dal trattamento sugli inibitori del TNF.

    “Per i pazienti più pesanti e quelli con un maggiore coinvolgimento della pelle, ustekinumab può cambiare la vita. Funziona bene anche su pazienti con problemi articolari “, ha detto.

    Il regime posologico è somministrato in 2 dosi in ufficio, il che fa appello soprattutto ai giovani adulti che vogliono dissociare la loro terapia dalla loro vita, ha aggiunto. I pazienti non conformi hanno maggiori probabilità di rimanere in terapia in ufficio.

    “La psoriasi emergente dal trattamento sui TNF può essere osservata nei pazienti con artrite reumatoide e nei pazienti di Crohn. Sviluppano un'eruzione cutanea. Spesso entreranno in possesso della loro bottiglia antifungina quando entreranno. Puoi farla biopsia, ma di solito le sto solo passando a ustekinumab “, ha detto.

    Alcuni esperti raccomandano di abbandonare gli inibitori del TNF, mentre altri suggeriscono di trattarlo. Considera il rischio-beneficio per decidere se dovresti curare, ha detto il dottor Cather.

    Artrite psoriasica

    La dott.ssa Cather ha sottolineato che l'artrite psoriasica rappresenta una sfida clinica e la sua recente esperienza negli ultimi anni l'ha portata a rivedere il suo precedente pensiero sull'argomento.

    “Per l'artrite psoriasica, è meglio che tu ci sia dentro per vincerla. Il più grande cambiamento che ho avuto negli ultimi 2 anni è che credo che molti pazienti debbano assumere metotrexato concomitante con i farmaci biologici “, ha detto, osservando che in precedenza aveva raccomandato la monoterapia, che è efficace. “Tuttavia, poiché questa è una malattia della vita e l'aggiunta di metotrexato nel trattamento è utile.”

    Esistono dati che riflettono l'esperienza mondiale con gli antagonisti del TNF per molteplici indicazioni. “Esiste una sinergia con il metotrexato e il metotrexato probabilmente riduce l'immunogenicità di tutti gli antagonisti del TNF e probabilmente dovrebbe essere usato specialmente con i pazienti refrattari o con l'artrite psoriasica”, ha aggiunto.

    Donne in età fertile

    Nel complesso, ci sono meno opzioni terapeutiche per le donne con psoriasi, ha osservato. Possono sperimentare impatti sessuali dalla loro malattia. La pianificazione familiare deve essere discussa con pazienti di sesso femminile. La ricerca mostra che il 50% delle gravidanze non era pianificato.4

    La dott.ssa Cather ha incoraggiato i dermatologi ad avere le donne in gravidanza mentre erano in terapia biologica registrarsi con uno dei registri di gravidanza esistenti per etanercept e adalimumab in modo da rendere disponibili ulteriori dati.

    Per ulteriori informazioni, chiamare l'Organizzazione degli specialisti delle informazioni sulla teratologia (OTIS) al numero 877-311-8972 o visitare il sito Web www.otispregnancy.org.

    Controllo della psoriasi

    Oggi sono disponibili più opzioni di trattamento che mai. Per risultati ottimali, il trattamento deve essere personalizzato per ogni paziente e i dermatologi dovrebbero comprendere le molteplici opzioni disponibili perché un agente non funzionerà per tutti i pazienti, secondo il dott. Cather. Le consultazioni con i colleghi su casi difficili possono essere utili.

    È importante gestire le comorbilità e promuovere la salute e il benessere generali, soprattutto se i pazienti non hanno un PCP. Sono anche necessari screening del tumore della pelle, in particolare per i pazienti con una storia di terapie immunosoppressive.

    La psoriasi è un viaggio e i dermatologi fanno parte del viaggio.

    “Cerca di connetterti con i pazienti, educarli e facilitare il cambiamento. È uno sforzo di gruppo. È necessario coinvolgere anche i PCP “, ha concluso.

    Divulgazione: il Dr. Cather è consulente per AbbVie, Janssen, Leo Pharma e Novartis. Fa parte dell'ufficio del relatore per AbbVie e Janssen e conduce ricerche per Allergan, Amgen, Celegene Galderma, Janssen, Merck, Novartis, Regeneron, Pfizer, Sandoz, Tolmar e Xenoport.

    Riferimenti

    1. Langley RG, Reich K. L'interpretazione di studi a lungo termine di trattamenti biologici per la psoriasi: i progetti di prova e le scelte di analisi statistiche influenzano la capacità di confrontare i risultati tra le prove. Br J Dermatol. 2013; 169 (6): 1198-1206.

    2. Neimann AL, Shin DB, Wang X, Margolis DJ, Troxel AB, Gelfand JM. Prevalenza di fattori di rischio cardiovascolare nei pazienti con psoriasi. J Am Acad Dermatol. 2006; 55 (5): 829-835.

    3. Davidovici BB, Sattar N, Prinz J, et al. Psoriasi e malattie infiammatorie sistemiche: potenziali collegamenti meccanicistici tra malattie della pelle e condizioni di comorbilità. J Invest Dermatol. 2010; 130 (7): 1785-1796.

    4. Poppa RS, Nijsten T, Feldman SR, Margolis DJ, Rolstad T. La psoriasi è comune, comporta un onere sostanziale anche se non esteso ed è associata a una diffusa insoddisfazione del trattamento. J Investig Dermatol Symp Proc. 2004; 9 (2): 136-139.

    Psorilax:come si usa |psoriasi crema idratante estate

    0

    Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, dove si compra

    La psoriasi è stata conosciuta come malattia “Kalanja Padai” nella medicina classica indiana ed è un problema che deriva dalla carenza dell'elemento fuoco “pitta” nel corpo. Un eccessivo elemento di fuoco nel corpo causerà screpolature sulla superficie della pelle come se stesse bruciando e sanguinando per sanguinare. In generale, molto 3% dell'intera popolazione malese ha problemi di salute della psoriasi, anche tra i bambini. Sebbene la superficie della pelle del paziente sembri cronica, è una malattia Non contagioso ad altre persone.

    SEGUI LA STORIA DI APPRENDIMENTO PERSONALE COMPLETAMENTE PERSONALE PER L'ANNO 2018 PER LA SALUTE



    Venerdì 13 gennaio 2018

    Il giorno in cui siamo andati alla clinica Luqman Herbs Center (LHC) a Bangi. È passato molto tempo da quando molte persone hanno pazienti con cancro della pelle laggiù. Chatta con Dorg..ad che viene da Johor .. Da Perak .. Da Malacca .. Quasi tutti coloro che hanno pazienti con LHC da seguire … tutte le loro storie e feedback sono tutti positivi e grazie a Dio ci rassicurano da provareWafer LHC a base di erbe al 100% e non come qualsiasi altra clinica hosp @ privata che contiene steroidi. Fino a quando non ci rivolgeremo al Dr. Luqman .. Stiamo entrando. nella descrizione del Dottore .. Il 1 ° Dott. Luqman vide che conosceva la psoriasi senza bisogno di chiedere se conosceva i suoi sintomi in quanto è la specialità della clinica LHC che tratta malattie della pelle come l'eczema … Psoriasi … Infezione … e così via. Questo è un set di medicinali che sono disponibili per il primo mese … Prezzo RM420 .. Per il secondo mese..Doc dice che può comprare per posta je e non è più necessario andare in clinica .. Grazie per esserti preso cura di noi vai qui perché il marito non è troppo tardi per guidare con lo stato morto ..








    Questa è la condizione della pelle del marito dopo l'interruzione dell'assunzione di farmaci dalla Clinica A, come menzionato in precedenza. Questa volta non ha ancora preso la medicina LHC .. Le macchie rosse stanno diventando sempre più grandi .. Non si sente a suo agio .. da un posto all'altro .. Tx mx varicella anche tu .. Ma no .. Questa è PSORIASI. Il dottor Luqman ha detto che chi soffre di psoriasi dovrebbe astenersi dal mangiare questi 5 cibi
    1. Pollo
    2. Pesce msalato
    3. Pesce veloce
    4. Melanzane
    5. Bendi


    La mamma non mangia già così tanto. Mangia più pesce e carne .. Mangia carne, i mariti possono mangiare..mcm ci sono alcuni pazienti pso che sono allergici alla carne .. ma non per la loro resistenza individuale ..








    Gennaio 2018 dopo 2 settimane di assunzione di LHC – mmg corpo intero. Questi sono tutti gli effetti collaterali dei farmaci steroidei che sono stati presi dalla clinica A e le iniezioni fatte alla clinica A che causano la disintossicazione della psoriasi .. Molte persone pensano erroneamente che il marito sia peggio quando si mangia la medicina LHC … Non la medicina LHC. che è la causa .. MA è tutto a causa degli steroidi che sono presenti nei mariti che combattono con LHC per curare questa malattia della psoriasi ..














    Febbraio 2018 – 2 mesi di trattamento con LHC, i mariti stanno peggiorando .. il processo di disintossicazione sta peggiorando .. Quando il dottor Luqman controlla e indaga..iniezioni fatte al suo marito dalla Clinica A .. È un'iniezione alte dosi di steroidi … Stanno per spiegare il linguaggio del loro medico 😅perché questo è ciò che lo rende così cronico .. Il processo di disintossicazione è davvero mFa male .. La pelle è screpolata strappata Le lacrime secche prurito Fa male a tutti lì .. Questa volta il marito vuole farsi la doccia non è forte..non troppo tardi .. tutto quello che vuole fare è aiutare .. ovunque la pelle sia tutto si stacca, compresa la parte dura .. Yana farà il bagno e asciugherà il suo day2 e applicherà sempre un olio speciale da LHC per la pelle della buccia umida sempre … ma se la sua pelle è asciutta si strapperà se muore … ma dorme di notte .. Anzi, non ha mai dormito. Perché di notte … è ancora a disagio … a volte si sente caldo nel suo corpo … fa molto male





    La gamba del marito è gonfia a causa della sindrome da astinenza da steroidi 😭 Questa volta sembra un piede nero morto che vuole esplodere in una pelle gonfia e rompere la pelle .. Chiedi alla signora Suha (infermiera naturopata LHC) di seguire e curare suo marito … che tutto questo è dovuto agli steroidi nel corpo .. Quindi il processo di disintossicazione è così potente e cronico. Lo stesso marito non è abbastanza forte da affrontare anche il prelimina la disintossicazione .. Con la pelle che odora di carcasse … sfregandola … fuori dall'acqua dalla pelle rotta .. È tempo di visitare i mariti e la maggior parte di loro dice ai mariti di andare direttamente in ospedale perché non sono il marito e il cadavere non può fare nulla .. La mamma non si sdraiò nemmeno e lo stress .. Yela … qualcosa che è stata sorpresa di scoprire che ha una malattia cronica della pelle ed è ancora autocosciente di prendersi cura e riuscire a morire 24 ore .. Con il marito … bambino. .bisnes bakery again..mmg sgt2 prova i suoi giorni mentali ed emotivi .. piangendo nella notte prima di dormire a causa dell'estrema stanchezza e pressione .. Quella pazienza deve essere al livello dell'infinito .. Anche a volte perdere la pazienza 😅 stanco di essere così stanco .. Tanto che il marito all'inizio della malattia non dipendeva mai da FB riguardo al marito e il malato stesso non si stressava con le domande dell'org2 e chiedi più tardi se non era pronto ad affrontare la situazione … whatsapp e gli amici intimi sanno che il marito è malato ..


    Il processo di esfoliazione della pelle … sostituisce la nuova pelle del piede. Questa volta la gamba del marito era gonfia ed era bassa. Grazie a Dio ..































    Quando la pelle si trattiene e si stacca .. sanguina .. Dovrebbe sempre essere oliata per idratarla.È sempre usata negli oli Husb di speciale olio di neem rosso di LHC mescolato con olio d'oliva per l'umidità a lungo termine rispetto agli oli normali .. la disintossicazione sta ancora andando forte questa volta ..



























    La pelle dei mariti cade ogni giorno in qualsiasi momento .. Quando si tratta di esso .. È possibile ottenere 2 litri di acciaio .. È praticamente lo stesso .. È una routine quotidiana far morire sempre il letto .. cambiare il letto ogni volta che fai la doccia..e anche mangiare dovrebbe essere sempre nutrito al momento del pasto poiché non poteva muovere la mano per sfamare la sua pelle mentre teneva il cibo vicino al bdn .. A volte, quando si sentiva forte, aveva appena mangiato.








    Questa è la prima volta che il dottor Luqman è venuto a casa per incoraggiare suo marito ad essere abbastanza forte da affrontare il processo di disintossicazione e il dottor Luqman deve essere fiducioso e ringraziare Dio per questo … Molte persone si stanno riprendendo .. Il tempo del dottor Luqman è scaduto … sedie reclinabili (uomini e donne) anche a casa per visitare i mariti .. Così come i mariti che sono stati in congedo da quando hanno iniziato a mangiare medicine LHC .. Quindi..D Luqman spiega tutto a capo del marito riguardo alla malattia della psoriasi .. Perché il marito non prende un trattamento ospedaliero e quanto tempo ci vuole per recuperare … cosa il Dr. Luqman di solito può richiedere 6-8 mesi ..



    Alcuni mariti devono visitare … ci sono anche altre persone qui … non sono in grado di fare una foto a Dorg 😅 grazie a tutti coloro che hanno visitato e chiesto di ascoltare suo marito durante la sua malattia … e anche grazie per l'aiuto che ha dato .. Solo Allah può ripagarvi tutti .. Aaminn ..









    Marzo 2018 – Inserimento del 3 ° mese .. Il processo di disintossicazione ha visto un po 'del marito non essere ancora in grado di lavorare e il giorno per giorno … il giorno che passa … chiedi sempre quando guarire .. quando essere buono .. quando essere sano .. Domanda2 Questo è spesso il caso .. Ha sempre guarito quando ha un cattivo odore..Doctor sndri ckp che mangia da 6 a 8 mesi..tp a 3 mesi di età non è abbastanza forte da affrontare tutto ciò .. sé all'ospedale .. Ma siamo convinti della nostra fiducia in Allah .. e poiché stiamo subendo un trattamento LHC e dobbiamo offrirglielo ..

    Questa è la seconda volta che il dottor Luqman fa visita al marito … Il dottor Luqman ha usato l'olio per la buccia e il marito bg per continuare a combattere questa malattia .. Anche la signora Suha e la moglie del dottor Luqman stanno seguendo .. Il marito si sente bene e sollevato un po 'quando non riesce a trovare il prossimo dottore 😅 come se potessero chiedere a mcm2 ed essere soddisfatti delle domande in testa quindi knp jd cmni..knp jd cmtu .. Ma il processo di disintossicazione è ancora intatto e il marito non è ancora abbastanza forte da fare nient'altro ..















    Aprile 2018 – È tempo di lasciare Kajang. Abbiamo deciso di ottenere un trattamento domiciliare da parte dell'LHC. Questo trattamento interno .. per accelerare il processo di disintossicazione in modo che la pelle possa andare giù e inshaAllah il processo di guarigione rapida..sb marito è stato intollerabile per 3 mesi dopo essersi sdraiato..quando questo marito sta pensando di curarlo..die non pensare nient'altro..ma muori vuoi essere sano .. Yna guida il vertice smpi quindi il dr summit abg e il cognato invia bwk pg Kajang TQ cognato e cognato 💕 custodito per 10 giorni ..















    Aprile 2018 – Condizioni attuali del marito nel trattamento domiciliare. Yna sta persino con gli amici del marito, poiché il marito vuole pubblicizzare un amico .. Muori non forte sor2 .. Bwk jugak la skali dak skik zafran tu ha 😂dove alloggiare .. Bevi i mariti che la signora Suha ha fornito e tratta tutti i mmg già programmati dalla mattina alla sera .. Nmpk extreme di nuovo il marito quando entra in questa casa come effetto della fitoterapia .. Rimedio della scopa alle erbe nel marito .. Sembra forte … Vuole essere curato .. La sua disintossicazione è più forte .. E veloce ..











    Era così stanca che era stanca di prendersi cura dei dolori e dei dolori del suo corpo. Era così stanca .. Ha anche visto i giorni piangere .. Era lo stesso che attraversarla … ma come un uomo di mariti … 😅 syg ti ama sempre dal mondo qui inshaAllah aamin ya rabbal alamin

    26 aprile 2018 – Il suo compleanno compie 28 anni 🎂 di nuovo in aria, a casa mia … sorpreso che non ci fosse sorpresa .. Muori felice wlupun in pain2 .. 😍grazie mille per esserti preso cura dello zakwan durante la giornata del malato .. Oltre a prenderti cura del marito .. Gli affari sono ancora nella maniera normale..ma prendi solo l'ordine di concentrarti di più sul marito .. Grazie anche alla famiglia Sicuramente aiuti finanziariamente e anche bisogno … Che Allah ti protegga tutti …


    Dopo 2 settimane di trattamento domiciliare Aprile 2018 – Grazie a Dio per la tua bontà Allah .. la pelle sta diventando meno e la pelle è più liscia … sarà ancora molto diversa dal primo mese fino ad ora .. E il marito può alzarsi da solo .. Può essere usato per muoverti senza aiuto .. Gli oli devono ancora essere usati per ammorbidire la pelle e rendere più facile spostarla per spostarla .. Grazie a Dio ..

















    Maggio 2018 – La pelle del marito Alhamdulillah sta diventando più liscia e più evidente .. Questa volta il marito è sollevato dal fatto che è in grado di saltare e muoversi da solo senza alcun aiuto .. Non chiede nemmeno se può riprendersi quando sta bene e ha cambiato idea dal primo mese a … Grazie a Dio per la tua guarigione e che tu possa continuare a guarire …



















    Giugno 2018 – 9 06 18 Il nostro primo appuntamento e il nostro primo selfie dopo 5 mesi di marito sono fuori casa e le foto 😂 Alhamdulillah .. Solo Allah ora conosce i nostri sentimenti .. grazie a Dio diciamo sempre che anche se non ci aspettavamo che la buccia guarisse .. Questa volta era il mese di digiuno .. Siamo appena tornati dal bazar e abbiamo parcheggiato … può guidare da solo quando si viaggia nelle vicinanze Grazie a Dio ..















    Raya giugno 2018 – Grazie a Dio quest'anno possiamo celebrare di nuovo tutti e ringraziare Dio per averci dato l'opportunità di festeggiare di nuovo .. Il tempo è malato .. La mamma sta già pensando .. Il marito guarirà .. Verrà rilasciato di nuovo. Allah conosce i giorni che sono passati attraverso i mariti e il dolore .. Mcm2 è lì .. Forte senza di esso .. Fino a quando a volte non ho voglia di arrendermi alla disperazionegrazie mille .. Ringrazio la tua famiglia e i tuoi amici che sono così forti e grati che continuano ad essere forti e quelli che pregano che il marito rimanga sano .. Grazie ad Allah ..








    LUGLIO 2018 – 05 07 2018, il primo giorno il marito inizia a lavorare come sta già lavorando e sentendosi forte per il lavoro .. Grazie a Dio ha dato l'opportunità al marito di trovare più sostentamento per la nostra famiglia .. Quando era malato. Sembrava pensare di essere il capo della famiglia. , Naturalmente ci sono molte cose nella sua mente … è preoccupato per sempre … non si riprenderà mai … Preoccupato per il nnt di sua moglie., Quando è preoccupata .. Sta peggiorando .. Le dice sempre di non preoccuparsi prima di quelle cose .. per ottenere la prima volta per stare meglio quando lo fa .. Sarà stressata … Il sostentamento di InshAllah è sempre lì … o molto sostentamento .. sta migliorando da Dio … si divertirà ancora molto con entrambi .. Quindi non preoccuparti delle cose insignificanti .. pensa prima di guarire .. Grazie a Dio ha dato la guarigione per lui e può iniziare a lavorare 7 mesi dopo 6 mesi di congedo per malattia ..






    AGOSTO 2018 – Il marito può fare di tutto per assicurarsi che sia sano prima d'ora … anche se non vuole uscire di casa e non essere sicuro di sé nella sua particolare condizione della pelle … Amalo, sii felice, caro … Ti amiamo tutti
























    AGOSTO 2018 – 04 08 2018, Siamo andati alla clinica LHC in Bangi per incontrare il Dr. Luqman L'immagine del marito è sulla parete della clinica come testimonianza di un paziente affetto da psoriasi cronica in fase di recupero.




    Questo è il dott. Luqman, fondatore del Luqman Herbs Center. Grazie dottor Luqman per essere l'unico medico al mondo che ha il trattamento per curare la PSORIASI e non solo per controllare la malattia .. Solo Dio può ripagare il servizio del dott. E di tutto il team LHC … e infinito grazie al figlio del dottor Luqman, Rtn Suha Seri Luqman è sempre stato lì per noi .. Qualsiasi domanda tutti noi le chiediamo .. Anche lei segue sempre la situazione di suo marito .. Facciamo schifo non importa il tempo di chiedere questo … lei risponderà sempre alle stesse domande che facciamo 😅 se non ricevi una risposta … ti chiederà una chiamata in clinica .. Tutto quello che devi fare è chiedere aiuto .. andiamo a casa … prenditi cura della casa … se vai nell'altro ospedale come il dottore è tutto quello che c'è un occhio da chiedere .. Grazie tu tanto signorina Suha .. Sai che entrambi ti amiamo ♥ ️ Solo Allah è in grado di ripagare i servizi e la gentilezza di LHC e può LHC continuare a riuscire a guarire più pazienti che necessitano di un vero trattamento.




    21 agosto 2018 – il nostro terzo anniversario … Alhamdulillah..che la cosa più devastante per noi è questo 3 ° anno .. Quando il marito ha confermato di avere la psoriasi .. Il tempo della psoriasi proviamo a fare ciò che non ho mai sentito .. è triste sapere che la psoriasi non è una cura Abbiamo chiesto e siamo andati anche all'ospedale Sungai Buloh .. Tutti dovevano fare affidamento su farmaci steroidie pienamente .. Come la psoriasi può essere controllata solo .. Ma Allah è grande .. Colui che sa tutto il miglioreper il popolo .. La prova è che il marito è completamente guarito dal permesso di Allah e anche per il trattamento e la consulenza del Luqman Herbs Center .. InshaAllah se ci impegniamo per il bene .. Allah lo renderà facile .. Buon compleanno. Possa Dio continuare ad essere sano e sempre protetto da Dio. Il suo volto è felice e sorpreso da quello che ti amo 💕



    DIC 2018 – Grazie a Dio per il Ringraziamento. Questa è una foto del marito che dura 12 mesi .. La parte della gamba non la prenderà .. Sarà un aggiornamento vicino al commento sotto questa immagine della gamba .. La cicatrice è sparita .. La pelle è chiara mmg non chiara Alhamdulillah .. Skin ha persino perso il suo aspetto perfetto 😂 il marito non ha nemmeno preso la medicina fino a quando non stava benegrazie .. Grazie a Dio per questa guarigione … Sei tu quello che ha dato questa speranza … E tu sei quello che lo ha guarito dal tuo permesso ..

    Deve essere dimostrato che non dobbiamo fare affidamento su steroidi e farmaci ospedalieri per curarlo.Esistono altri modi e il Luqman Herbs Center può curare la psoriasi..ma siamo pazienti o non siamo semplicemente sottoposti al processo di disintossicazione della malattia … ma se non disintossicante .. Come può venire fuori una malattia .. Vuoi mille poteri … non ne vuoi mille altri..uno può pensare quale sia il migliore per noi ..



    Dicembre 2018 – Un anno molto significativo e appagante che abbiamo vissuto tutti. Grazie per esserti completamente ripreso dalla psoriasi cronica che abbiamo … quindi continuiamo ad essere forti in futuro … e continuiamo ad essere coraggiosi … dolore come ciao..speri che ciao si prenda cura di mcm dove cura di syg da … possa la nostra famiglia essere sempre protetta da Dio e syg speranza da non ferire più precisamente perché non sanno amarlo o non affrontarlo di nuovo..quindi 6 mesi sono troppo lunghi per passare .. Grazie per la forte ragione di guarire per syg e zafran..si conosce tutto il dolore che attraversa ciao fa male .. se lo adoro .. non so che sarà forte o no come ciao 😭 Possa Allah benedire le nostre famiglie e ringraziare la nostra meravigliosa famiglia e la nostra famiglia amorevole per averci aiutato in così tante cose .. E grazie anche agli amici che pregano sempre per la guarigione del marito … Al Luqman Herbs Center … .. non dimenticheremo mai la gentilezza e il servizio del team LHC per curare i loro mariti .. Solo Allah può compensarla e continuare a curare più pazienti come suo marito .. GRAZIE PER TUTTO ♥ ️

    Questa è una mia storia su un marito con psoriasi cronica. Se ci sono pazienti là fuori che stanno ancora cercando un trattamento per la psoriasi … possono provare il Luqman Herbs Center. InshaAllah si riprenderà con il suo permesso.

    Facciamo parte della registrazione del Luqman Herbs Center
      milioni di ringraziamenti alla signora Lyana Pink (moglie del paziente e del fornaio
      I brownies sono deliziosi) perché sono stati una passione per i pazienti
      recuperato. Inoltre, la sua collaborazione è di sensibilizzare i pazienti
      la psoriasi in Malesia che questa malattia può essere curata è molto nostra
      lodevole.
    ** La durata del trattamento varia in base alla persona **
    La signora Suha Seri Luqman con suo padre NDoc Luqman

    Informazioni su Vaidya NDoc Luqman: –

    praticante
      dal 1990, Vaidya NDoc. Luqman (Phd.) È il fondatore del Luqman Herbs Center.
      È il nipote del famoso Manangkudi Vaidya Alagar nel sud dell'India.

    Dopo aver completato i suoi studi, Vaidya Luqman
      (Phd.) Stabilito la sua pratica ayurvedica nella sua città natale a Balik Pulau,
      Penang, in Malesia nel 1990, era molto conosciuta non solo dai locali ma anche
      da stranieri in tutto il mondo.

    Vaidya NDoc. Luqman (Phd.) Quindi trasferito a
      Selangor nel 2005 ha fondato Luqman Herbs Center dove è ancora
      pratica fino ad oggi.

    Il CENTRO ERBE DI LUQMAN lo è centro sanitario complementare,
    Il nostro centro benessere si trova a
      Sezione 9, Bandar Baru Bangi, Selangor.
    Maggiori informazioni su
      il nostro centro di salute, si prega di visitare la pagina FB Luqman Herbs Center: –
    Tel: 03 89280715/012 9160037 (al centro
      Trattamento) – Amministratori

    “Durata del trattamento
      il minimo per paziente è di 6 mesi. Efficacia del trattamento
      al paziente può essere visto durante questo periodo. I pazienti sono tenuti ad ottenere
      Consultare un esperto in un governo o in un ospedale privato prima di prendere una decisione
      provare trattamenti tradizionali e complementari per evitare problemi
      altra assistenza sanitaria che richiede un intervento immediato. Inoltre,
      I pazienti in cerca di trattamento DEVONO sottoporsi a un test funzionale alla frutta
      Vita e fegato (test di funzionalità epatica) all'esterno per riferimento e conoscenza
      il paziente stesso si occupa della salute degli organi interni prima di prenderli
      Trattamento tradizionale “.

    Psorilax:come si usa |crema viso dermatite psoriasi alla.vitamina a

    0

    Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, composizione

    INDAGINE

    Utilizzo del NAPSI come metodo di valutazione della psoriasi delle unghie nei pazienti che usano l'acitretina*

    Utilizzo del NAPSI con lo strumento di disponibilità di psoríase non mascherato e pacifico con l'uso da parte di acretretina

    Maira Mitsue Mukaiio; Isabela Fleischfresser PoffoII; Betina WernerIII; Fabiane Mulinari BrennerIV; José Hermênio Cavalcante Lima FilhoV

    ioMedico volontario presso la clinica ambulatoriale di dermatologia, Teaching Hospital de Clínicas, Universidade Federal do Paraná (HC-UFPR) – Curitiba (PR), Brasile
    IIDermatologo – San Paolo (SP), Brasile
    IIIPhD – Medico volontario presso il Dipartimento di Anatomia Patologica, Universidade Federal do Paraná (UFPR) – Curitiba (PR), Brasile
    IVMaster – Assistant Professor of Dermatology presso il Teaching Hospital de Clínicas, Universidade Federal do Paraná (HC-UFPR) – Curitiba (PR), Brasile
    VPhD – Professore a contratto di Patologia medica, Universidade Federal do Paraná (UFPR) – Curitiba (PR), Brasile

    Indirizzo di posta


    ASTRATTO

    SFONDO: strumenti di valutazione della psoriasi delle unghie sono stati pubblicati in letteratura come mezzo per standardizzare le precedenti valutazioni soggettive degli autori.
    OBIETTIVI: Uso dell'indice di gravità della psoriasi delle unghie per la valutazione in pazienti con psoriasi a placche durante il trattamento con acitretina.
    METODI: Trenta volontari con psoriasi a placche sono stati selezionati per lo studio. Venti pazienti (8 donne e 12 uomini) hanno completato lo studio. La dose iniziale di acitretina è stata di 0,3 mg / kg / die per 30 giorni ed è stata successivamente aumentata a 0,5 mg / kg / die. L'indice di gravità della psoriasi delle unghie è stato raccolto nella prima valutazione, dopo 2 e 4 mesi. Sono state valutate le unghie di entrambe le mani.
    RISULTATI: le lesioni delle unghie erano presenti in tutti i pazienti alla prima valutazione. La mediana iniziale dell'indice di gravità della psoriasi del chiodo era 20 e il punteggio finale 20,5 (2,5% del peggioramento alla fine dello studio). Non è stata trovata alcuna differenza statisticamente significativa tra le tre valutazioni (X2 = 0.8084, GL = 2, p = 0.6657). Sette pazienti sono peggiorati nel punteggio finale. Tre pazienti hanno migliorato il 50% dell'indice iniziale di gravità della psoriasi delle unghie e solo uno ha avuto un miglioramento del 75%. La correlazione lineare ha mostrato una debole associazione tra la percentuale di miglioramento della PASI e l'indice di gravità della psoriasi delle unghie (r = 0,105, F = 2,12, p = 0,162).
    CONCLUSIONE: Il metodo è stato semplice e di rapida esecuzione, fornendo potenzialmente informazioni sui cambiamenti nella lamina ungueale e nella matrice durante il trattamento. L'indice di gravità della psoriasi delle unghie non quantifica le lesioni esistenti e potrebbe non avere la sensibilità per rilevare piccoli cambiamenti.

    parole chiave: acitretina; Malattie delle unghie; Psoriasi


    Resumo

    FUNDAMENTOS: strumenti di pubblicità da parte di psoriata nascosti in modo pubblico tramite la letteratura pubblica come meio de padronizar come opzioni antigamente subjetivas dos autores.
    Objetivos: utilizzare l'Indice di Gravidade da Psoríase Ungueal o la Nail Psoriasis Severity Index per disporre di pacifices portadores de psoríase in posti durante il trattamento o la traduzione.
    Métodos: Trinta Volontários portadores de psoríase in piazze foram selezioni per estudo. Vinte deles (8 mulheres e 12 homens) completaram o estudo. Una dose iniziale da acitretina somministrata da 0,3 mg / kg / dia per 30 volte al giorno dopo 0,5 mg / kg / dia. Utilizza un indice di gravità per la psoriasi delle unghie con l'indice di gravità, disponibile in 2 e 4 mesi come un asso di ambascia come mãos.
    Resultados: le note di una versione precedente sono presentate in prima serata. A mediana inicial do Nail Psoriasis Severity Index foi de 20 eo escore final 20,5 (2,5% de piora ao final do estudo), sem diferença estatística significativa tra entre três (X2 = 08084, GL = 2, p = 0, 6657). Sete pacientes pioraram no escore final. Três pacientes obtiveram melhora de 50% do Nail Psoriasis Severity Index iniziale in relazione al finale e apene 1 otteve melhora de 75. Una correlazione lineare semplice associata a un'associazione tra un ruolo di melodia di PASI e un indice di gravità della psoriasi delle unghie (r = 0,105, F = 2,12, p = 0, l62).
    CONCLUSÕES: o médodo nel mostro di fácil e de rápida eseguito, podendo trazer informações sobre as alterações of the lâmina and matriz de um way global. O Nail Psoriasis Severity Index non è quantificabile in quanto esiste isolatamente, come un modo sensibile per rilevare eventuali alterazioni.

    Palavras-chave: ACITRETINA; Doenças da unha; Psoríase


    INTRODUZIONE

    La psoriasi è una malattia cronica, senza una cura definitiva fino ad oggi e che presenta lesioni cutanee che potrebbero essere deturpanti.1 La sua insorgenza potrebbe essere nelle forme di psoriasi a placche, guttate, inverse, eritrodermiche, artropatiche, pustolose e ungueali.

    Il coinvolgimento delle unghie è frequente nella psoriasi e si manifesta come lesioni risultanti da alterazioni della matrice o della lamina ungueale.2 Potrebbe essere l'unica manifestazione della psoriasi in alcuni casi. Le stime indicano che tra l'80 e il 90% dei pazienti affetti da psoriasi svilupperà un coinvolgimento delle unghie nel corso della malattia.3 Clinicamente, le alterazioni della matrice ungueale si manifestano attraverso la presenza di “vaiolatura” (forature o depressioni cupuliformi sulle unghie), aumento di spessore, onicoresi e leuconichia. Il coinvolgimento del letto ungueale porta alla comparsa di macchie d'olio o placche di salmone, ipercheratosi subunguale, onicolisi ed emorragie da schegge.4 Depressioni cupuliformi e ipercheratosi subunguale sono i risultati più comuni.

    La valutazione della lamina ungueale nella psoriasi è una sfida per il medico, poiché dipende dalla soggettività del valutatore. Di recente il Indice di gravità della psoriasi delle unghie (NAPSI) è stato suggerito per valutare i sintomi della malattia.5 Secondo NAPSI, ogni unghia è divisa in quattro quadranti e vengono prese in considerazione tutte le modifiche apportate alla lamina ungueale o al letto, generando un punteggio che varia da 1 a 80 per le unghie e da 1 a 160 per le unghie e le unghie dei piedi.

    L'obiettivo dello studio era eseguire la valutazione del coinvolgimento dell'unghia nei pazienti con psoriasi a placche sull'utilizzo di acitretina attraverso NAPSI.

    MATERIALE E METODI

    La ricerca si è avvalsa di uno studio sperimentale, longitudinale e prospettico, approvato dal Comitato etico per la ricerca (Comitê de Ética em Pesquisa-CEP). Sono stati selezionati trenta pazienti volontari di entrambi i sessi, di età compresa tra 18 e 60 anni e frequentati in ambulatorio dermatologico. Avevano una psoriasi a placche da moderata a grave con diagnosi clinica e istologica e indicazione dell'uso sistemico di acitretina.

    I pazienti che corrispondevano alle seguenti specifiche sono stati inclusi in questo studio: assenza di farmaci sistemici durante il periodo di quattro settimane e di farmaci topici nelle due settimane precedenti la data di inclusione; funzionalità renale ed epatica normale per la loro età; profilo lipidico entro livelli normali; le donne in età fertile erano orientate all'uso di due metodi contraccettivi sicuri. I pazienti non sono stati inclusi nello studio nel caso in cui presentassero: alcolismo; gravidanza; allattamento; altre forme di psoriasi, artrite psoriasica; HIV positivi, coltura micologica e / o positiva di raschiature per unghie. Ai pazienti è stato anche chiesto di non usare smalto, lime per unghie o strumenti abrasivi sulle unghie durante l'intero trattamento.

    La valutazione NAPSI è stata effettuata secondo la pubblicazione di Rich (2003), contando le unghie di entrambe le mani, con il consenso dell'autore di utilizzare questo strumento di valutazione.5 Ogni unghia è stata divisa in quattro quadranti e qualsiasi lamina ungueale (depressioni cupuliformi, leuconichia, macchie rosse sulla lunula, sgretolatura) e alterazioni della matrice ungueale (onicolisi, emorragie da scheggia, ipercheratosi subunguale, macchie di olio) sono state valutate secondo quanto segue: 0 = nessuno, 1 = presenza in un quadrante, 2 = presenza in due quadranti, 3 = presenza in tre quadranti, 4 = presenza in tutti i quadranti (Figura 1). È stato creato un adattamento del NAPSI per facilitare e accelerare il conteggio (grafico 1).

    Nel caso in cui gli esami di laboratorio basali (emocromo, funzionalità epatica e renale, profilo lipidico e beta HCG per le donne) fossero entro limiti normali, l'acitretina è stata prescritta nella dose iniziale di 0,3 mg / kg al giorno. Se dopo 30 giorni di trattamento farmacologico iniziale gli esami di controllo erano normali, la dose era elevata a 0,5 mg / kg di peso al giorno e mantenuta fino alla fine dello studio.

    Ogni 30 giorni i pazienti ritornavano per valutazioni cliniche e di laboratorio e per un esame fisico, per un totale di 4 mesi di follow-up. Il PASI e il NAPSI sono stati calcolati, oltre alla prima partecipazione, dopo 2 (PASI II e NAPSII) e 4 mesi (PASI IV e NAPSI IV), per un totale di 3 misurazioni durante quel periodo.

    I risultati raccolti sono stati mostrati in una tabella in un database realizzato con Microsoft Excel 2007® foglio di calcolo del software. L'analisi statistica è stata eseguita con l'aiuto del software statistico JMP 7.0®, SAS Institute, Inc., Cary, NC. Il livello di significatività adottato è stato del 5% (p <0,05%).

    RISULTATI

    Trenta pazienti soddisfacevano i criteri di inclusione e sono stati selezionati per prendere parte allo studio. Venti di loro erano presenti a tutte le visite di follow-up e hanno completato lo studio. Dei 10 pazienti esclusi, uno ha avuto una riduzione spontanea delle lesioni prima di iniziare a prendere il farmaco, cinque trattamenti abbandonati, uno si è trasferito in un'altra città, uno è stato arruolato nell'esercito e due non hanno tollerato gli effetti collaterali del farmaco.

    La popolazione era composta da 8 donne e 12 uomini. L'età variava da 39 a 61 anni, con una mediana (intervallo interquartile) di 47,95 anni (39,48 – 55,86 anni). La dose media iniziale di acitretina era di 28,50 mg / die (25 mg / die mediana) e la finale era di 33,25 mg / die (35 mg / die mediana). I principali effetti collaterali segnalati sono stati la xerosi e la secchezza delle mucose. I test di laboratorio di controllo non hanno mostrato cambiamenti statisticamente significativi per quanto riguarda il controllo del profilo lipidico e della funzionalità epatica.

    Le valutazioni cliniche sono state fatte con PASI. Il PASI e il NAPSI, il calcolo mediano e i suoi quartili, la deviazione media e standard nelle tre valutazioni sono elencati nel grafico 2.

    Dodici pazienti (60%) hanno raggiunto la PASI 50 e cinque (25%) PASI 75. Quattro pazienti hanno mostrato una PASI finale maggiore di quella iniziale. La PASI iniziale aveva una mediana di 17,87 e una finale di 6,22, indicando un miglioramento percentuale medio del 65,17%. Per quanto riguarda il NAPSI, la valutazione basale aveva una mediana di 20 e una finale di 20,5, una percentuale in peggioramento del 2,5% (grafico 1).

    Per verificare se ci fosse qualche differenza tra le tre misurazioni PASI, è stata eseguita l'analisi usando il test di Kruskal-Wallis non parametrico per campioni indipendenti, con risultati significativi (X2 = 9,40, n = 60, GL = 2, p = 0,0091).

    Tutti i pazienti hanno presentato psoriasi ungueale alla prima valutazione (Figura 2). Alcuni hanno presentato più di una alterazione presente sulle unghie valutate. La malattia si è verificata sia nella matrice che nella lamina ungueale (grafico 3).

    Sulla valutazione NAPSI, il tempo impiegato per la raccolta dei dati è durato da cinque a dieci minuti durante l'esame delle dieci unghie. Il metodo è stato facilmente eseguito secondo i valutatori.

    Sette pazienti sono peggiorati al punteggio finale. Tre pazienti hanno ottenuto un miglioramento del 50% del NAPSI iniziale rispetto a quello finale (NAPSI 50) e solo 1 ha ottenuto un miglioramento del 75% (NAPSI 75) (Grafico 4).

    L'analisi delle tre misurazioni NAPSI mediante il test Kruskal Wallis non ha mostrato differenze significative (X2= 080, GL = 2, p = 0.66) (Grafico 2). Lo stesso è accaduto per la matrice (X2= 0,68, GL = 2, p = 0,71) e alterazioni della lamina ungueale (X2= 0,14, GL = 2, p = 0,93).

    Per determinare se le donne avevano più lesioni delle unghie rispetto agli uomini, il NAPSI iniziale è stato analizzato in base al sesso, senza differenze tra le due popolazioni (Z = -1.931, p = 0.053). Entrambi anche non differivano sulla percentuale di risposta alla fine del trattamento (Z = 0,347, p = 0,728).

    La regressione lineare semplice mostra che la piastra aveva una migliore correlazione con il valore NAPSI rispetto alla matrice (Tabella 1).

    Per valutare la correlazione tra i valori PASI e NAPSI, è stata utilizzata un'analisi di regressione lineare semplice. Questa analisi mostra una bassa correlazione tra i due parametri (r = 0.117, F= 7,69, p = 0,0074). Per determinare se il miglioramento PASI corrispondeva al miglioramento delle unghie, è stata utilizzata la percentuale di miglioramento dei due parametri (valori iniziale e finale). La semplice correlazione lineare ha mostrato un'associazione debole tra loro (r = 0.105, F= 2,12, p = 0,162).

    DISCUSSIONE

    La valutazione della psoriasi delle unghie è stata effettuata in modo soggettivo secondo ciascun autore, il che ha generato una mancanza di standardizzazione al fine di confrontare i trattamenti. Il Indice di gravità della psoriasi delle unghie (NAPSI) è stato suggerito come mezzo standardizzato per la valutazione e il follow-up della malattia dell'unghia. La sua applicazione sulla valutazione delle unghie durante il trattamento con sostanze biologiche ha dimostrato che NAPSI può essere considerato un buon strumento per il follow-up della progressione dei pazienti.6-7 Poiché non tiene conto del numero di lesioni, ma solo della loro presenza o assenza, è stato messo in dubbio se il metodo sia quello ideale per valutare piccoli cambiamenti durante il trattamento con una particolare sostanza.8 Baran ha proposto una modifica, tuttavia questa tecnica richiede più tempo e attrezzature specifiche.9

    La malattia del chiodo è stata riscontrata in tutti i pazienti alla valutazione iniziale. Le stime indicano che l'80-90% dei pazienti con psoriasi svilupperà sintomi delle unghie in un determinato momento lungo il decorso della malattia.3 I risultati più comuni alla valutazione iniziale sono stati depressioni cupuliformi, onicolisi e ipercheratosi unguale, coerenti con i dati della letteratura. 2

    Anche le più gravi alterazioni delle unghie nella psoriasi sono reversibili e non provocano cicatrici o perdita permanente. L'uso di farmaci che normalizzano la cheratinizzazione e la differenziazione delle cellule epidermiche teoricamente porterebbe all'inversione delle lesioni dell'unghia come fanno in tegumento. Tuttavia, ciò non accade nella pratica clinica, poiché i processi infiammatori e riparatori cronici della stessa malattia possono causare alterazioni nella matrice o nel letto che non permetterebbero a una nuova unghia di crescere e aderire al letto, mantenendo localmente i difetti strutturali.

    L'uso di acitretina per il trattamento delle lesioni delle unghie è raramente riportato in letteratura. Brazzelli e colleghi hanno pubblicato un caso di importante miglioramento delle lesioni delle unghie in un paziente con psoriasi delle unghie dopo 6 mesi di trattamento con il farmaco.10 Tuttavia, altri autori sostengono che i retinoidi hanno poco valore nel trattamento della psoriasi delle unghie, ad eccezione dei casi di unghie ipercheratotiche e psoriasi pustolosa.11 La somministrazione orale di acitretina o etretinato può peggiorare la situazione causando effetti collaterali fragilità delle unghie, con onicoressia, onicoschizia, onicolisi, onicomadesi, granuloma piogenico e paronichia cronica. Ciò potrebbe giustificare il peggioramento durante i primi due mesi di trattamento verificatisi con la maggior parte dei pazienti. Il miglioramento posteriore nel quarto mese, principalmente nella misurazione dei cambiamenti nella placca, potrebbe essere dovuto all'effetto dell'acitretina. Tuttavia, sia la matrice che la piastra non hanno subito un miglioramento significativo alla fine del trattamento. Un'analisi dopo un lungo periodo di trattamento potrebbe essere utile per valutare se ci sono stati cambiamenti nelle unghie. Un documento più recente pubblicato sull'uso di acitretina per 6 mesi ha mostrato una riduzione del NAPSI del 41% su un totale di trenta pazienti.12 Saranno pertanto necessari ulteriori studi per valutare gli effetti dell'acitretina nel trattamento delle unghie.

    CONCLUSIONE

    Il metodo è stato trovato una procedura semplice e rapida e può fornire informazioni sui cambiamenti nella piastra e nella matrice. Il NAPSI non quantifica le lesioni e potrebbe non avere la sensibilità per rilevare piccoli cambiamenti. Tuttavia, questo metodo si è dimostrato in grado di rilevare numericamente i cambiamenti nelle lesioni delle unghie e può essere utilizzato per la valutazione globale del trattamento topico o sistemico.

    RIFERIMENTI

    1. Barker JN. La fisiopatologia della psoriasi. Lancetta. 1991; 338: 227-30. (Link)

    2. Jiaravuthisan MM, Sasseville D, Vender RB, Murphy F, Muhn CY. Psoriasi dell'unghia: anatomia, patologia, presentazione clinica e una revisione della letteratura sulla terapia. J Am Acad Dermatol. 2007; 57: 1-27. (Link)

    3. Cassell S, Kavanaugh AF. Terapie per la malattia dell'unghia psoriasica. Una revisione sistematica. J Rheumatol. 2006; 33: 1452-6. (Link)

    4. de Berker D. Gestione della psoriasi delle unghie. Clin Exp Dermatol. 2000; 25: 357-62. (Link)

    5. Rich P, Scher RK. Indice di gravità della psoriasi delle unghie: uno strumento utile per la valutazione della psoriasi delle unghie. J Am Acad Dermatol. 2003; 49: 206-12. (Link)

    6. Korver JE, Langewouters AM, PC Van De Kerkhof, Pasch MC. Effetti terapeutici di un ciclo di 12 settimane di alefacept sulla psoriasi delle unghie. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2006; 20: 1252-5. (Link)

    7. Reich K, Nestle FO, Papp K, Ortonne JP, Evans R, Guzzo C, et al. Terapia di induzione e mantenimento di infliximab per la psoriasi da moderata a grave: uno studio di fase III, multicentrico, in doppio cieco. Lancetta. 2005; 366: 1367-1374. (Link)

    8. Parrish CA, Sobera JO, Elewski BE. Modifica dell'indice di gravità della psoriasi delle unghie. J Am Acad Dermatol. 2005; 53: 745-6. (Link)

    9. Baran RL. Un indice di gravità della psoriasi delle unghie. Br J Dermatol. 2004; 150: 568-9. (Link)

    10. Brazzelli V, Martinoli S, Prestinari F, Borroni G. Un impressionante risultato terapeutico della psoriasi delle unghie all'acitretina. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2004; 18: 229-30. (Link)

    11. Tosti A, Baran R, Dawber R, Haneke E. Trattamento dei disturbi comuni delle unghie. Un atlante testuale dei disordini delle unghie: tecniche di indagine e diagnosi. 3a ed. Londra: Taylor e Francis; 2003. p. 319-20. (Link)

    12. Tosti A, Ricotti C, Romanelli P, Cameli N, Piraccini BM. Valutazione dell'efficacia della terapia con acitretina per la psoriasi delle unghie. Arch Dermatol. 2009; 145: 269-71. (Link)

    Indirizzo di posta:
    Maira Mitsue Mukai
    Rua General Carneiro, 181 – SAM 4 -Dermatologia Centro
    80060 900 Curitiba, PR
    E-mail: mmmaira@gmail.com

    Ricevuto il 24.01.2011.
    Approvato dall'Advisory Board e accettato per la pubblicazione il 13.03.2011.
    Supporto finanziario: nessuno.
    Conflitto di interessi: nessuno.

    * Lavoro svolto presso l'Universidade Federal do Paraná (UFPR) – Curitiba (PR), Brasile.

    Psorilax:Online |crema doccia psoriasi

    0

    Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, come si usa


    Kathleen Katipunan, MD e Melinda Gooderham MD, MSc, FRCPC1

    1Skin Center for Dermatology and Skin Laser Clinic, Peterborough, ON, Canada

    introduzione

    La psoriasi è una condizione cutanea papulosquamous cronica, ricorrente, immuno-mediata, caratterizzata da una rapida proliferazione dei cheratinociti. La prevalenza mondiale è del 2%1 e i tassi di incidenza negli Stati Uniti e in Canada sono stati segnalati rispettivamente al 4,6% e al 4,7%.2 La psoriasi si manifesta comunemente come placche eritematose ben definite con una scala bianca argentata su gomiti, ginocchia, fessura intergluteo e tronco. Tra il 50-80% di tutti i pazienti con psoriasi sviluppa anche coinvolgimento del cuoio capelluto ad un certo punto.3,4 Circa l'80% dei pazienti affetti da psoriasi ha una malattia da lieve a moderata che può essere gestita con agenti topici.1 Saranno brevemente discusse varie terapie topiche disponibili. Il focus di questa recensione sarà sugli analoghi della vitamina D3, comprese le prove da studi clinici che indagano su questi agenti.

    Razionale per il trattamento della psoriasi

    Sebbene, nella stragrande maggioranza dei casi, la psoriasi non sia pericolosa per la vita, è associata a significativi oneri fisici, psicologici, sociali ed economici. Sono disponibili interventi efficaci che possono migliorare notevolmente i sintomi della malattia e la qualità della vita.

    Assistenza centrata sul paziente

    La cronicità della psoriasi richiede un approccio alla gestione a lungo termine e specifico per il paziente. Dal punto di vista farmacologico, i fattori che possono influenzare le decisioni di trattamento includono sicurezza ed efficacia, insorgenza dell'azione, caratteristiche del prodotto e costi. Inoltre, importanti considerazioni esclusive per ciascun paziente includono anamnesi, gravità della malattia, stile di vita, preferenze, tollerabilità e aderenza.

    Il fattore dominante per migliorare l'aderenza alla terapia prescritta è il tempo investito dal medico, in cui le conoscenze e l'esperienza clinica si traducono nella cura del paziente e nella soddisfazione del trattamento. Le strategie per costruire questa interfaccia includono:

    • Stabilire buone comunicazioni medico-paziente
    • Modifica o adattamento dei regimi in base alla risposta alla terapia e al feedback dei pazienti
    • Selezione di regimi terapeutici semplici ed efficaci
    • Incoraggiare l'autogestione del paziente (ad es. Interventi non farmacologici e di stile di vita)

    Superiore

    Trattamenti topici per la psoriasi

    I corticosteroidi

    • I corticosteroidi hanno proprietà anti-infiammatorie, anti-pruriginose, vasocostrittive e immunosoppressive.1
    • Sono disponibili in una gamma di formulazioni e punti di forza, che li rendono adatti per il trattamento di diverse aree.1 In generale, gli unguenti hanno la massima potenza (a causa dell'occlusione e dell'idratazione) e lozioni, schiume o gel sono preferiti per le aree portanti (a causa della facilità di spalmabilità e di residui minimi).1
    • Gli argomenti più efficaci per il trattamento della psoriasi sono gli steroidi ad alta potenza, seguiti dagli analoghi della vitamina D3.1
    • L'uso è limitato da potenziali effetti collaterali (ad es. Atrofia cutanea, strie, teleangectasie, tachifilassi).1 L'abuso o l'abuso sono associati alla soppressione dell'asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA).5
    • Generalmente, il trattamento deve continuare fino a quando la pelle è chiara, quindi affusolata. La terapia può essere limitata a 2-4 settimane in alcune aree.1
    • Gli effetti collaterali possono essere ridotti al minimo con l'uso una volta al giorno; la remissione a lungo termine può essere mantenuta dall'applicazione a giorni alterni.2

    Altri agenti

    • Inibitori della calcineurina (tacrolimus e pimecrolimus) sono composti immunomodulanti che agiscono attraverso la modulazione delle cellule T. Sono particolarmente efficaci nel trattamento della psoriasi del viso e delle aree intertriginose.1
    • I retinoidi (ad es. tazarotene) modula la differenziazione e la proliferazione cellulare.1 Tazarotene è disponibile in formulazioni in crema o gel, applicate una volta al giorno. È particolarmente utile per la psoriasi palmoplantare in quanto non lascia residui grassi.
    • anthralin e il catrame di carbone ha una lunga storia di utilizzo per la psoriasi, ma sono stati in gran parte sostituiti da agenti più recenti con efficacia superiore e migliore accettabilità del paziente.1
    • Terapia di combinazione è generalmente più efficace della monoterapia1 e può avere una minore incidenza di effetti avversi. Le combinazioni comuni includono due agenti topici o un agente topico con fototerapia.

    Superiore

    Analoghi della vitamina D3

    sfondo

    • Negli anni '90, l'introduzione degli analoghi della vitamina D3 ha rivoluzionato il trattamento topico per la psoriasi. A causa della loro efficacia terapeutica e della limitata tossicità, gli analoghi della vitamina D3 sono diventati un'opzione di prima linea per la psoriasi.1
    • Gli analoghi della vitamina D3 esercitano il loro effetto legandosi ai recettori nucleari della vitamina D, inibendo la proliferazione dei cheratinociti e promuovendo la differenziazione. Un recente studio ha anche mostrato l'apoptosi indotta dal calcipotriolo nei cheratinociti psoriasici.6
    • Possono indurre un effetto di risparmio di steroidi, riducendo così gli effetti collaterali come atrofia cutanea, tachifilassi e altre reazioni avverse correlate all'uso di corticosteroidi.
    • Gli analoghi della vitamina D3 disponibili in Canada includono:
      • Soluzione di unguento, crema e cuoio capelluto di calcipotriolo;
      • Unguento al calcitriolo; e
      • Unguento dipropionato di calcipotriolo + betametasone e gel del cuoio capelluto.

    Calcipotriol

    • Calcipotriolo 50 mcg / g di pomata o crema (Dovonex®) è disponibile per l'uso sul corpo e 50 mcg / mL di soluzione di cuoio capelluto viene utilizzata sul cuoio capelluto e su altre aree portanti. Viene utilizzato due volte al giorno nelle aree interessate e l'applicazione può essere ridotta a una terapia di mantenimento una volta al giorno, quando appropriato, e quindi interrotta dopo un miglioramento soddisfacente.
    • Nella psoriasi a placche cronica da lieve a moderata, una revisione sistematica ha mostrato che il calcipotriolo era efficace quanto gli steroidi topici moderatamente potenti (ad esempio, unguento al valerato di betametasone). Era anche più efficace rispetto a calcitriolo, catrame di carbone e dithranol a contatto corto.7
    • La crema di calcipotriolo è anche un trattamento di mantenimento altamente efficace usato da solo o in regime alternato con unguento dipropionato di calcipotriolo / betametasone.8
    • L'irritazione può verificarsi in aree sensibili (ad es. Flessioni, viso e attaccatura dei capelli). Fino al 35% dei pazienti può manifestare arrossamento, bruciore, desquamazione e prurito nella cute lesionata / perilesionale.1
    • L'ipercalcemia è una preoccupazione rara; le dosi devono essere limitate a 100 g / settimana di crema o unguento di calcipotriolo.1
    • Il calcipotriolo è clinicamente efficace nei bambini con pochissimo rischio di effetti collaterali locali o sistemici.9 Le dosi massime sono calcolate in base alla superficie corporea (BSA) e all'età.

    Calcitriol

    • L'unguento al calcitriolo 3 mcg / g (Silkis ™) è indicato per il trattamento topico della psoriasi a placche da lieve a moderata con coinvolgimento fino al 35% di BSA. Applicato due volte al giorno, non devono essere utilizzati più di 30 g di pomata al giorno o 200 g a settimana.
    • In due studi identici, randomizzati, in doppio cieco, controllati con placebo, di pomata di calcitriolo due volte al giorno su psoriasi da lieve a moderata nell'arco di 8 settimane, l'efficacia è stata osservata già da 2 settimane. Alla fine delle 8 settimane, l'efficacia è stata sostenuta e significativamente superiore al placebo.10
    • In due studi a lungo termine per 52 settimane, non sono stati segnalati problemi di sicurezza rilevanti. Gli eventi avversi (ad es. Eritema, prurito e fastidio cutaneo) sono stati lievi.10 Il calcitriolo è meno irritante rispetto ad altri analoghi della vitamina D, rendendolo più adatto per l'uso sul viso e sulle aree di flessione.11
    • Il trattamento è approvato per pazienti di età ≥18 anni. La sicurezza e l'efficacia nei bambini non sono state ancora studiate.

    Calcipotriolo e Betametasone Dipropionato

    • Il calcipotriolo / betametasone dipropionato in unguento (Dovobet®) o gel del cuoio capelluto (Xamiol®) ha un inizio d'azione più rapido, maggiore efficacia e sicurezza comparabile rispetto a uno dei due agenti da solo.12-14
    • Promuove la normale cheratinizzazione, inibisce l'infiammazione e modula la proliferazione e la differenziazione epidermica.
    • Se combinati, i diversi modi di azione delle due molecole diventano sinergici, migliorando l'efficacia e riducendo gli effetti collaterali.15
    • È una terapia di prima linea appropriata che è efficace e ben tollerata in tutti i gradi di gravità della malattia.9
    • Il trattamento è indicato per l'applicazione una volta al giorno per 4 settimane, ma studi a lungo termine su entrambi gli unguenti16 e gel per il cuoio capelluto17 le formulazioni hanno mostrato una buona tollerabilità e sicurezza con l'uso quando necessario per 52 settimane.14
    • Evitare l'uso sul viso, sulle aree intertriginose o sensibili (ad es., Regioni flessurali e genitali).
    • Fino al 30% di BSA può essere trattato.
    • La terapia dipropionata con calcipotriolo / betametasone ha mostrato miglioramenti nelle misure di qualità della vita legate alla salute e nell'efficacia dei costi attraverso analisi farmacoeconomiche.14
    • Il trattamento è stato ben tollerato, gli effetti collaterali più comuni sono stati da lievi a moderati irritazione lesionale o perilesionale.14
    • Uno studio di 4 settimane in doppio cieco su 24 pazienti con psoriasi estesa non ha mostrato la soppressione dell'asse HPA. Inoltre, uno studio di follow-up che ha coinvolto un sottogruppo di 19 pazienti per 52 settimane, alcuni dei quali si sono alternati a calcipotriolo ogni 4 settimane, non ha dimostrato la soppressione dell'asse HPA.14
    • L'unguento dipropionato di calcipotriolo / betametasone non può essere composto dai suoi due singoli ingredienti, poiché ciò comporterà una miscela che è sia instabile che inefficace. Tuttavia, il prodotto combinato disponibile in commercio è una preparazione stabile.

    Superiore

    Ruolo dei medici di famiglia nella gestione della psoriasi

    Anche se la maggior parte dei pazienti con psoriasi può essere gestita con farmaci topici, i tassi di non aderenza per il trattamento topico sono stimati al 40%,18 incluso fino al 50% per le prescrizioni non compilate.19

    Come contatto principale per le persone in cerca di assistenza sanitaria, i medici di famiglia svolgono un ruolo cruciale nel promuovere l'aderenza al trattamento tra i pazienti affetti da psoriasi. Ciò può essere ottenuto adottando un approccio alla gestione più specifico per il paziente, impegnandosi in discussioni in corso con i pazienti sulle aspettative di trattamento, sulla scelta della terapia, compresa l'offerta di regimi di dosaggio semplificati, nonché valutando regolarmente la tollerabilità e gli effetti collaterali dei farmaci.

    Superiore

    Conclusione

    Gli analoghi della vitamina D3 offrono una forma di trattamento topico per la psoriasi a placche che è efficace, sicura e, a lungo termine, economica. La terapia combinata a singolo prodotto, a dose fissa, è un'opzione importante, una volta al giorno, d'attualità per il trattamento sintomatico della psoriasi che offre una sicurezza comparabile, una maggiore efficacia e una migliore accettazione cosmetica, con conseguente maggiore aderenza del paziente e risultati ottimizzati.

    Riferimenti

    1. Mentore A, et al. J Am Acad Dermatol 60 (4): 643-59 (2009 aprile).
    2. van de Kerkhof PC. In: Bolognia J, et al. Dermatologia. Filadelfia: Elsevier Limited, USA, p125-49 (2003).
    3. van de Kerkhof PC, et al. Am J Clin Dermatol 2 (3): 159-65 (2001).
    4. Papp K, et al. J Eur Acad Dermatol Venereol 21 (9): 1151-60 (2007 ottobre).
    5. Staughton RC, et al. Br Med J 2 (5968): 419-21 (24 maggio 1975).
    6. Tiberio R, et al. Clin Exp Dermatol 34 (8): e972-4 (2009 dic).
    7. Ashcroft DM, et al. BMJ 320 (7240): 963-7 (8 aprile 2000).
    8. Segaert S, et al. J Dermatolog Treat 17 (6): 327-37 (2006).
    9. Comitato canadese per le linee guida sulla psoriasi. Linee guida canadesi per la gestione della psoriasi a placche, 1a edizione. Giugno 2009.
    10. Scott LJ, et al. Am J Clin Dermatol 2 (2): 95-120 (2001).
    11. Del Rosso JQ, et al. J Clin Aesthet Dermatol 3 (8): 46-53 (2010).
    12. Jemec GB, et al. J Am Acad Dermatol 59 (3): 455-63 (settembre 2008).
    13. van de Kerkhof PC, et al. Br J Dermatol 160 (1): 170-6 (2009 gennaio).
    14. McCormack PL. Droghe 71 (6): 709-30 (16 aprile 2011).
    15. Kircik L, et al. Skin Therapy Lett FP 4 (2): 4-5 (2008 maggio).
    16. Kragballe K, et al. Br J Dermatol 154 (6): 1155-60 (giugno 2006).
    17. Luger TA, et al. Dermatologia 217 (4): 321-8 (2008).
    18. Zaghloul SS, et al. Arch Dermatol 140 (4): 408-14 (aprile 2004).
    19. Storm A, et al. J Am Acad Dermatol 59 (1): 27-33 (2008 lug).