CREMA TRATTAMENTO PSORIASI OFFERTA -50% !

Home Blog Page 247

Psorilax:Eliminare |latte detergente e crema viso per psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, dove si compra

Astratto

La psoriasi è resistente al trattamento e mostra frequenti ricadute; il trattamento sistemico è spesso associato a tossicità e mancano dati sulla sicurezza a lungo termine per la maggior parte dei farmaci più recenti come i biologici. Inoltre, alcune aree del corpo come mani, piedi, aree intertriginose, cuoio capelluto e unghie sono ancora più resistenti. Spesso sono necessari trattamenti sistemici considerando il maggiore impatto psicologico sul paziente. Vi è una mancanza di accordo sulle migliori modalità terapeutiche nella gestione della psoriasi che coinvolge luoghi difficili da trattare. Al momento, non ci sono linee guida indiane per queste condizioni. La letteratura disponibile è stata ampiamente rivista sul trattamento della psoriasi che coinvolge luoghi difficili da trattare; il livello di evidenza è stato valutato secondo le linee guida dell'Oxford Center for Evidence-Based Medicine 2011 e sono stati sviluppati suggerimenti terapeutici. La migliore cura è stata impiegata per considerare i fattori socioeconomici, culturali, genetici ed etnici per preparare un suggerimento terapeutico appropriato e logico da utilizzare tra la popolazione indiana e le persone con background etnico e socioeconomico simile.

Parole chiave: Zona acrale, difficile da trattare, flessione, intertriginosa, unghia, palmo, psoriasi, cuoio capelluto, suola

Come citare questo articolo:
Sarma N. Evidenza e approccio terapeutico suggerito nella psoriasi di aree difficili da trattare: psoriasi palmo-plantare, psoriasi delle unghie, psoriasi del cuoio capelluto e psoriasi intertriginosa. Indian J Dermatol 2017; 62: 113-22

Come citare questo URL:
Sarma N. Evidenza e approccio terapeutico suggerito nella psoriasi di aree difficili da trattare: psoriasi palmo-plantare, psoriasi delle unghie, psoriasi del cuoio capelluto e psoriasi intertriginosa. Indian J Dermatol (seriale online) 2017 (citato il 5 settembre 2020); 62: 113-22. Disponibile su: http://www.e-ijd.org/text.asp?2017/62/2/113/201764

Cosa si sapeva?

Le prove sulle terapie per la psoriasi di aree difficili da trattare come palme e piante dei piedi, unghie, aree intertriginose del cuoio capelluto sono grossolanamente carenti

introduzione Superiore

La gestione della psoriasi è sempre difficile. Oltre ad essere molto noto nel mostrare una risposta terapeutica frustrante in molti casi, questo ha una naturale tendenza a frequenti ricadute. È noto che la maggior parte dei farmaci sistemici utilizzati tradizionalmente per trattare questa malattia hanno effetti negativi significativi sul corpo. La tossicità correlata al farmaco da questi farmaci è spesso cumulativa per alcuni farmaci. Mancano dati sulla sicurezza a lungo termine per la maggior parte dei farmaci più recenti come i biologici. Per aggiungere problemi a questo, ci sono alcune aree del corpo che sono ancora più resistenti al trattamento o sono troppo sensibili per essere trattate con forti farmaci topici che richiedono farmaci sistemici più frequentemente in questi luoghi.

Questo articolo si è concentrato sulle prove disponibili sul trattamento di aree così difficili da trattare come la pianta delle palme, il cuoio capelluto, le unghie e le aree intertriginose e ha suggerito la raccomandazione terapeutica più logica in tali condizioni. Questo articolo è stato preparato dopo aver esaminato ampiamente l'articolo pubblicato e uno inedito cercando tre grandi database accettati a livello internazionale chiamati database PubMed, Embase e Cochrane. Criteri di inclusione sono stati pubblicati articoli sul trattamento della psoriasi difficile da trattare come menzionato sopra. Le parole chiave utilizzate erano psoriasi, mano, piedi, palmo, pianta del piede, intertriginosa, flessione, cuoio capelluto e unghie.

In questa era della medicina basata sull'evidenza, c'è una tendenza progressivamente crescente a seguire il protocollo di trattamento scientificamente logico come suggerito da studi sulla qualità o da meta-analisi e revisioni sistematiche. Le linee guida terapeutiche basate sull'evidenza assistono i medici praticanti e i dermatologi nel fornire trattamenti uniformi, scientifici e basati sull'evidenza ai pazienti. Questo articolo è stato preparato dopo aver esaminato criticamente questi articoli sulla gestione della psoriasi e valutato il loro livello di evidenza (LOE) secondo le linee guida 2011 dell'Oxford Center for Evidence-Based Medicine (1) (Tabella 1).

Sebbene la dipendenza dalle prove ottenute dalla meta-analisi e dalla revisione sistematica sia aumentata in modo esponenziale, ora è anche noto che la raccomandazione terapeutica, sebbene dovrebbe essere basata, ma non limitata, al rigoroso risultato teorico ottenuto da queste analisi basate sull'evidenza. La preparazione di qualsiasi suggerimento terapeutico richiede la considerazione di vari aspetti pratici e la valutazione della fattibilità.

I fattori socioeconomici, culturali, genetici ed etnici giocano un ruolo significativo nella risposta terapeutica di un farmaco. Uno dei principali svantaggi durante la formulazione di qualsiasi linea guida terapeutica è la mancanza di molteplici studi ben progettati condotti tra la popolazione per la quale è stata pianificata la linea guida.

La migliore cura è stata impiegata per preparare un suggerimento appropriato e logico per l'uso di un medico praticante da utilizzare tra la popolazione indiana e le persone con background etnico e socioeconomico simile.

Riferimento Superiore
  1. Gruppo di lavoro sui livelli di evidenza dell'OCEBM *. “The Oxford 2011 Levels of Evidence”. Oxford Center for Evidence-Based Medicine. Disponibile da: http://www.cebm.net/index.aspx?o=5653. (Ultimo accesso 2015 novembre 08).
Psoriasi palmoplantare (non pustolosa) Superiore

La psoriasi di palme e piante dei piedi è una condizione importante per vari motivi. La diagnosi non è sempre semplice considerando la frequente sovrapposizione clinica con l'eczema cronico. A complicare ciò, c'è una frequente co-localizzazione di queste due condizioni. L'incidenza dello sviluppo della psoriasi sull'eczema cronico persistente dovuto ai fenomeni di Koebner non è rara. Il trattamento di queste due condizioni varierà. Pertanto, una corretta diagnosi è essenziale per un esito positivo.

Le aree palmo-plantari possono essere colpite nella psoriasi pustolosa. Questo può essere esteso a molte aree del corpo o può essere localizzato in modo specifico sui palmi delle mani e sulle piante dei piedi. La psoriasi pustolosa palmo-plantare, tuttavia, non viene discussa qui. Qui viene descritta solo la classica psoriasi palmoplantare a placche (PPP).

La PPP provoca un impatto psicologico significativo sul malato e ostacola le sue attività quotidiane. La gestione è difficile e più difficile della psoriasi a placche delle aree non palmo-plantari.

Discussione sulle prove Superiore

C'è una grave mancanza di prove. Attività continue e traumi potrebbero influire negativamente su questo. Pertanto, la protezione da traumi e l'applicazione frequente di emollienti è generalmente consigliata (LOE 5).

Trattamento topico

Il trattamento topico è sempre preferito come terapia di prima linea, ma più di due terzi dei pazienti richiede una terapia sistemica.

Uno studio randomizzato controllato (RCT) ha valutato l'efficacia comparativa della crema di tazarotene allo 0,1% topico e del propionato di clobetasolo topico tra 30 pazienti per 12 settimane. C'è stato un buon miglioramento in entrambi senza alcuna differenza significativa tra loro. La clearance completa è stata osservata tra il 52,9% e il 61,5% dei pazienti, rispettivamente, nel gruppo tazarotene e clobetasol (1) (LOE 2).

Mancano studi su altri agenti cheratolitici come l'acido salicilico. Tuttavia, considerando la loro sicurezza ed efficacia, molti, incluso l'autore di questa recensione, ritengono che questi dovrebbero essere provati da soli o in combinazione con altri topici come i corticosteroidi topici (TCS) per ridurre il ridimensionamento (LOE 5).

L'efficacia del calcipotriolo è stata rivista.(2) Uno studio randomizzato su 39 pazienti ha riportato che il calcipotriolo topico due volte a settimana in occlusione era efficace con un'applicazione due volte al giorno senza occlusione (3) (LOE 2).

Un'analisi retrospettiva ha riportato che 12 pazienti su 60 (20%) avevano un marcato miglioramento con TCS mentre un grado di risposta simile è stato notato tra il 17% (n = 5, totale pazienti: 30) dei pazienti che usano solo calcipotriolo topico (4) (LOE 4).

Il catrame di carbone è un altro agente poco costoso e noto per avere una certa efficacia. L'aumento della forza aumenta l'efficacia al costo che è sempre più esteticamente inaccettabile. In uno studio controllato, il 6% di catrame di carbone grezzo è risultato migliore dell'acido salicilico e del petrolio (entrambi durante la notte, sotto occlusione). Il catrame di carbone ha prodotto una buona risposta nel 76,5% dei pazienti, che era significativamente più alta rispetto al gruppo di controllo (5) (LOE 3).

Una revisione Cochrane ha trovato un RCT che ha valutato l'efficacia comparativa dell'ultravioletto a banda stretta B (NB-UVB) e dello psoralene-ultravioletto topico A (PUVA). Non c'era alcuna differenza significativa in termini di tasso di eliminazione.(6)

È stato riscontrato che la PUVA topica migliora efficacemente nel 63% dei casi in uno studio non controllato su 48 pazienti (7) (LOE 3).

Il PUVAsol topico (a giorni alterni) è stato confrontato giornalmente con crema di propionato di clobetasolo topico e catrame di carbone. In entrambi i gruppi, i pazienti hanno percepito “un buon miglioramento”. Miglioramento o cura è stato notato tra il 90% contro il 75% delle lesioni palmari e il 76% contro il 79% delle lesioni plantari, rispettivamente, dopo terapie TCS / catrame e PUVAsol topico.(8)

Broadband UVB (BB UVB) e vernice PUVA (pPUVA) sono stati confrontati tra 248 pazienti (124 in ciascun braccio). È stato riscontrato che pPUVA ha un'efficacia relativamente maggiore. La remissione completa è stata osservata tra 36 (30%) e 53 (42%) e nessuna risposta è stata trovata tra 57 (47%) e 14 (11%) pazienti trattati, rispettivamente, con BB UVB e pPUVA.(9)

PUVA e NB-UVB hanno una certa efficacia. Gli studi sono scarsi e gli psoraleni hanno effetti avversi noti. Pertanto, NB-UVB è migliore in ambienti con risorse elevate e PUVAsol è un'opzione migliore in quanto è economico e facilmente disponibile ovunque. I PUVAsol e pPUVA topici sono vantaggiosi in quanto non sono necessari psoraleni orali. Considerando tutta la letteratura disponibile, PUVAsol o pPUVA topico sembra preferibile a PUVA e NB-UVB.

Gli studi hanno dimostrato l'efficacia del laser ad eccimeri (308 nm) in una serie di casi (10) (LOE 4). Tuttavia, questo è costoso e non ampiamente disponibile.

Farmaci sistemici

Uno studio retrospettivo ha valutato l'efficacia comparativa del metotrexato (MTX) rispetto all'acitretina tra 100 pazienti con PPP significativo. MTX è risultato significativamente superiore all'acitretina dopo 12 settimane di terapia (11) (LOE 4). Tuttavia, il suo grado di risposta è generalmente inferiore a quello della psoriasi volgare e spesso richiede una dose più elevata.

In un altro studio, MTX e acitretina sono stati confrontati testa a testa. MTX ad alte dosi (28 mg / settimana) sembra essere significativamente superiore a 35 mg / giorno di acitretina (12) (LOE 2).

È stato trovato solo uno studio retrospettivo sulla ciclosporina (CyA), in cui solo due pazienti hanno ricevuto CyA. C'è stata una marcata risposta in entrambi (100%)(4) (LOE 4).

I risultati di un'analisi aggregata su apremilast da tre studi ampi, multicentrici, randomizzati, controllati con placebo hanno riportato una clearance completa delle lesioni nel 46% del gruppo trattato a 16 annith settimana (13) (LOE 1).

Infliximab (5 mg / kg, ogni 4 settimane) è stato provato in uno studio pilota randomizzato controllato con placebo su 24 pazienti. Questo studio pilota non ha raggiunto l'endpoint primario di m-PPPASI 75 alla settimana 14, ma il miglioramento è stato maggiore rispetto al placebo (14) (LOE 2).

Uno studio RCT e uno in aperto avevano valutato l'efficacia di adalimumab nel PPP. L'efficacia è stata riscontrata in entrambi gli studi (15), (16) (LOE 2).

Ustekinumab è risultato essere moderatamente efficace in uno studio in aperto (17) (LOE 3).

I dati non pubblicati di uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo (studio GESTURE) hanno valutato secukinumab tra un gran numero di pazienti con PPP. Un terzo dei pazienti che erano in trattamento con secukinumab 300 mg aveva palme e piante dei piedi chiare o quasi limpide alla settimana 16. Il risultato è stato superiore a secukinumab 150 mg e placebo. Nel complesso, la malattia palmo-plantare è migliorata di oltre il 50% nei pazienti che assumevano secukinumab 300 mg alla settimana 16.

Tuttavia, un'analisi aggregata di un RCT pubblicato in precedenza (18) su secukinumab nella psoriasi a placche ha rivelato che la sua efficacia nella PPP era efficace rispetto al placebo (19) (LOE 2).

Un singolo caso clinico ha mostrato una buona risposta dopo la terapia di combinazione con etanercept e alitretinoina (20) (LOE 4). Sono necessari ulteriori studi.

Protocollo terapeutico suggerito Superiore
  • L'emolliente è la terapia di prima linea e deve essere utilizzato in aggiunta a qualsiasi altra terapia. I cheratolitici topici possono essere usati come terapia aggiuntiva
  • Nel complesso, questo è resistente ai trattamenti. Il suggerimento per una scala terapeutica è difficile. Oltre all'efficacia, la selezione dei farmaci dipenderà dal profilo di sicurezza poiché spesso è necessario un trattamento a lungo termine
  • Il tazarotene topico, il calcipotriolo topico e il PUVAsol / pPUVA topico sono stati confrontati con il potente TCS e hanno dimostrato di avere un'efficacia leggermente inferiore (differenza per lo più statisticamente insignificante). Tutti possono essere considerati come la terapia di prima linea. Sono più sicuri del potente TCS e possono essere utilizzati per una durata maggiore
  • Un potente TCS può essere preferito come terapia di prima linea quando è richiesta una risposta più rapida. Tuttavia, i dati sulla sicurezza oltre le 12 settimane non sono noti e dovrebbero essere evitati
  • Anche il tazarotene topico, il calcipotriolo topico e il PUVAsol / pPUVA topico possono essere considerati la terapia di prima linea. Sono più sicuri del potente TCS e possono essere utilizzati per una durata maggiore e possono essere utilizzati anche dopo TCS come terapia di mantenimento
  • Il calcipotriolo topico può essere utilizzato in occlusione a intermittenza per una risposta più rapida e una maggiore efficacia e per evitare la terapia quotidiana
  • Il catrame di carbone topico è un'altra opzione forse di minore efficacia rispetto ai farmaci topici di prima linea sopra menzionati. Dovrebbe essere usata una forza disponibile più alta. Questo può essere considerato il farmaco topico di seconda linea e può essere provato prima dell'uso di farmaci sistemici
  • La fototerapia sotto forma di luce ad eccimeri monocromatica UVB da 308 nm è efficace, possibilmente sicura, ma costosa. Questo può essere utilizzato se la struttura è disponibile
  • MTX è il farmaco sistemico di scelta e viene utilizzato quando le terapie topiche e le fototerapie falliscono. Tuttavia, è necessaria una dose maggiore
  • L'acitretina è meno efficace di MTX. Questo può essere provato nei casi che non rispondono a MTX
  • Apremilast e molti farmaci biologici (molti inibitori del fattore di necrosi tumorale (TNFi) diversi da infliximab), secukinumab e ustekinumab hanno mostrato un'efficacia variabile. Possono essere utilizzati quando le terapie standard falliscono.
Riferimenti Superiore
  1. Mehta BH, Amladi ST. Valutazione della crema topica di tazarotene allo 0,1% nel trattamento della psoriasi palmoplantare: uno studio controllato randomizzato in cieco per l'osservatore. Indian J Dermatol 2011; 56: 40-3.
  2. Thiers BH. L'uso di calcipotriene / calcipotriolo topico in condizioni diverse dalla psoriasi a placche. J Am Acad Dermatol 1997; 37 (3 Pt 2): S69-71.
  3. Duweb GA, Abuzariba O, Rahim M, al-Taweel M, al-Alem S, Abdulla SA. Trattamento occlusivo rispetto a unguento calcipotriolo non occlusivo per la psoriasi palmo-plantare. Int J Tissue React 2001; 23: 59-62.
  4. Adisen E, Tekin O, Gülekon A, Gürer MA. Un'analisi retrospettiva delle risposte al trattamento della psoriasi palmo-plantare in 114 pazienti. J Eur Acad Dermatol Venereol 2009; 23: 814-9.
  5. Kumar B, Kumar R, Kaur I. Terapia con catrame di carbone nella psoriasi palmoplantare: vino vecchio in una vecchia bottiglia? Int J Dermatol 1997; 36: 309-12.
  6. Chen X, Yang M, Cheng Y, Liu GJ, Zhang M. Fototerapia ultravioletta B a banda stretta contro fotochemioterapia B ultravioletta a banda larga o fotochemioterapia psoralene-ultravioletta A per la psoriasi. Cochrane Database Syst Rev 2013, Edizione 10. Art. No .: CD009481. DOI: 10.1002 / 14651858.CD009481.pub2.
  7. Carrascosa JM, Plana A, Ferrándiz C.Efficacia e sicurezza della terapia topica psoralen-UVA (PUVA) nella psoriasi palmo-plantare: un rapporto su 48 pazienti. Actas Dermosifiliogr 2013; 104: 418-25.
  8. Khandpur S, Sharma VK. Confronto tra crema di clobetasolo propionato più catrame di carbone rispetto a psoraleni topici e terapia con raggi ultravioletti solari A nella psoriasi palmoplantare. Clin Exp Dermatol 2011; 36: 613-6.
  9. Lozinski A, Barzilai A, Pavlotsky F.UVB a banda larga contro vernice PUVA per il trattamento della psoriasi palmo-plantare. J Dermatolog Treat 2016; 27: 221-3.
  10. Goldberg DJ, Chwalek J, Hussain M. 308-nm Trattamento laser ad eccimeri della psoriasi palmo-plantare. J Cosmet Laser Ther 2011; 13: 47-9.
  11. Spuls PI, Hadi S, Rivera L, Lebwohl M. Analisi retrospettiva del trattamento della psoriasi dei palmi delle mani e delle piante dei piedi. J Dermatolog Treat 2003; 14 Suppl 2: 21-5.
  12. Janagond AB, Kanwar AJ, Handa S. Efficacia e sicurezza del metotrexato sistemico vs. acitretina in pazienti con psoriasi con coinvolgimento palmo-plantare significativo: uno studio prospettico, randomizzato. J Eur Acad Dermatol Venereol 2013; 27: e384-9.
  13. Bissonnette R, Pariser DM, Wasel NR, Goncalves J, Day RM, Chen R, et al. Apremilast, un inibitore della fosfodiesterasi-4 orale, nel trattamento della psoriasi palmo-plantare: risultati di un'analisi aggregata della fase II PSOR-005 e della sperimentazione di efficacia e sicurezza di fase III che valuta gli effetti di Apremilast nella psoriasi (ESTEEM) negli studi clinici in pazienti con alla psoriasi grave. J Am Acad Dermatol 2016; 75: 99-105.
  14. Bissonnette R, Poulin Y, Guenther L, Lynde CW, Bolduc C, Nigen S. Trattamento della psoriasi palmoplantare con infliximab: uno studio randomizzato, in doppio cieco controllato con placebo. J Eur Acad Dermatol Venereol 2011; 25: 1402-8.
  15. Poulin Y, Crowley JJ, Langley RG, Unnebrink K, Goldblum OM, Valdecantos WC. Efficacia di adalimumab in sottogruppi di pazienti con psoriasi cronica a placche da moderata a grave delle mani e / o dei piedi: Post hoc analisi di REACH. J Eur Acad Dermatol Venereol 2014; 28: 882-90.
  16. Richetta AG, Mattozzi C, Giancristoforo S, D'Epiro S, Cantisani C, Macaluso L, et al. Sicurezza ed efficacia di Adalimumab nel trattamento della psoriasi palmo-plantare da moderata a grave: uno studio in aperto. Clin Ter 2012; 163: e61-6.
  17. Au SC, Goldminz AM, Kim N, Dumont N, Michelon M, Volf E, et al. Studio in aperto, avviato dallo sperimentatore, di ustekinumab per il trattamento della psoriasi palmoplantare da moderata a grave. J Dermatolog Treat 2013; 24: 179-87.
  18. Rich P, Sigurgeirsson B, Thaci D, Ortonne JP, Paul C, Schopf RE, et al. Terapia di induzione e mantenimento con Secukinumab nella psoriasi a placche da moderata a grave: uno studio di ricerca del regime di fase II randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo. Br J Dermatol 2013; 168: 402-11.
  19. Paul C, Reich K, Gottlieb AB, Mrowietz U, Philipp S, Nakayama J, et al. Secukinumab migliora le lesioni di mani, piedi e unghie nella psoriasi a placche da moderata a grave: sottoanalisi di uno studio di fase 2 randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, per la ricerca del regime. J Eur Acad Dermatol Venereol 2014; 28: 1670-5.
  20. Meyer V, Goerge T, Luger TA, Beissert S. Trattamento efficace della psoriasi ipercheratotica palmo-plantare con una combinazione di etanercept e alitretinoina. J Clin Aesthet Dermatol 2011; 4: 45-6.
Psoriasi delle unghie Superiore

La psoriasi ungueale isolata spesso ha un impatto significativo sulla qualità della vita. A parte il suo impatto sull'aspetto psicosociale, la psoriasi ungueale è spesso dolorosa. Pertanto, nonostante la malattia molto limitata, a volte richiede una gestione aggressiva.

Nel complesso, la psoriasi delle unghie è una condizione difficile da trattare. La risoluzione completa delle lesioni ungueali è difficile da ottenere.

La selezione della migliore modalità di trattamento sistemico dovrebbe essere valutata in base al carico complessivo della malattia, non solo alle lesioni ungueali quando la psoriasi ungueale è associata a un coinvolgimento significativo di altre aree come la pelle e le articolazioni. I farmaci selezionati per il trattamento dovrebbero idealmente avere un effetto benefico su tutte le aree evitando l'uso di più farmaci.

Discussione sulle prove Superiore

Terapia topica

In uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato dal veicolo, che ha coinvolto 31 pazienti con psoriasi delle unghie, il gel di tazarotene allo 0,1% ha determinato un miglioramento significativo della vaiolatura e dell'onicolisi dopo 24 settimane (1) (LOE 2). Due altri studi prospettici hanno mostrato un miglioramento dell'ipercheratosi, dello scolorimento delle macchie d'olio, dell'onicolisi e della vaiolatura dopo 12 settimane (2), (3) (LOE 3).

Uno studio prospettico condotto su 20 pazienti con terapia con ditranolo a breve contatto ha riportato un miglioramento dopo 5 mesi nel 60% dei pazienti, in particolare nell'onicolisi, nell'ipercheratosi subungueale e, in misura minore, nella vaiolatura (4) (LOE 3).

Gli studi hanno riportato l'efficacia dello smalto per unghie clobetasol. Dieci pazienti con psoriasi del letto ungueale e della matrice sono stati trattati con smalto per unghie clobetasol-17-propionato all'8% in uno studio prospettico. È stato applicato una volta al giorno per 21 giorni e poi due volte a settimana per 9 mesi. Il miglioramento è stato notato entro 4 settimane. Non ci sono stati effetti secondari locali o sistemici (5) (LOE 3).

Diversi punti di forza di clobetasol (0,05%, 1% e 8%) nella vernice sono stati confrontati in un RCT e l'8% è risultato essere il più efficace (6) (LOE 2).

Il TCS è stato valutato insieme al calcipotriolo topico. In uno studio prospettico condotto su 62 pazienti, calcipotriolo topico è stato somministrato 5 giorni / settimana (giorni feriali) e clobetasolo propionato topico nei giorni del fine settimana (2 volte / settimana) per 6 mesi e seguito per altri 6 mesi. La risposta al trattamento è stata valutata solo in base alla risposta dei pazienti. Una buona risposta è stata osservata tra il 43,7% e il 41,5% dei pazienti con coinvolgimento delle unghie delle mani e dei piedi, rispettivamente, e un eccellente miglioramento è stato notato rispettivamente tra il 33,3% e il 26,4% dei pazienti. Non sono stati trovati effetti collaterali del TCS (7) (LOE 3).

Tuttavia, studi comparativi hanno riscontrato un'efficacia complessiva limitata del TCS. La combinazione di betametasone dipropionato topico con acido salicilico non è risultata superiore alla monoterapia con unguento a base di calcipotriolo topico come riscontrato in un RCT. Entrambi hanno riportato una riduzione del 50% dell'ipercheratosi subungueale delle unghie dopo 5 mesi (8) (LOE 2).

Anche l'aggiunta di betametasone dipropionato topico al calcipotriolo topico non ha aggiunto alcun beneficio significativo come riportato in un altro RCT. Tuttavia, il calcipotriolo è stato utilizzato due volte al giorno e la combinazione è stata utilizzata una volta al giorno, con difficoltà nella valutazione (9) (LOE 2).

Iniezione intralesionale

Nonostante l'estrema scarsità di dati, l'iniezione di triamcinolone acetonide (generalmente nella dose da 0,1 a 0,2 mL di sospensione da 5 a 10 mg / mL) nelle pieghe ungueali laterali è considerata sufficientemente efficace. Questo è doloroso e può essere gestito con il blocco dei nervi o altri metodi (10), (11) (LOE 3).

Questo metodo è più adatto per la psoriasi delle unghie non associata alla psoriasi che coinvolge altre aree (12) (LOE 5).

Dermojet può essere un'alternativa all'iniezione, ma è costoso e mancano prove (LOE 5).

Terapia sistemica

Uno studio in aperto con acitretina a basso dosaggio 0,2-0,3 mg / kg / die ha portato a una riduzione media del 41% nel punteggio NAPSI dopo 6 mesi tra 36 pazienti con psoriasi ungueale isolata da moderata a grave (13) (LOE 3).

MTX (15 mg / settimana) e CyA (5 mg / kg / settimana) hanno prodotto un miglioramento uguale e significativo nel punteggio NAPSI, come riscontrato in un RCT condotto su 34 pazienti per 24 settimane (14) (LOE 2).

Sono ora disponibili molti RCT e studi multicentrici e persino revisioni sistematiche che dimostrano l'efficacia del TNFi e di altri farmaci biologici come ustekinumab, briakinumab e alefacept.(15), (16), (17), (18), (19), (20), (21), (22), (23), (24), (25), (26), (27 ), (28), (29), (30), (31)

Infliximab offre una risposta rapida. Il miglioramento si trova in un RCT (16) (LOE 2). Uno studio ha riportato un miglioramento del 78% -80% nella NAPSI e un miglioramento della qualità della vita (19), (20) (LOE 3 e 4).

Sono disponibili molti studi (RCT, studi in aperto e retrospettivi) che mostrano un'efficacia statisticamente significativa di adalimumab (21), (22), (23) (LOE 2 e 4), etanercept (24), (25), (26) (LOE 4) e ustekinumab (27), (28), (29) (LOE 3).

Gli studi hanno riportato farmaci più recenti come certolizumab pegol (30) (LOE 2) e golimumab (31) per essere efficace. Sono necessari ulteriori studi (LOE 2).

Apremilast ha mostrato una riduzione del 50% rispetto al basale dell'unghia bersaglio in un RCT pubblicato di recente. I miglioramenti sono stati generalmente mantenuti per 52 settimane (32) (LOE 2).

Protocollo terapeutico suggerito Superiore
  • Quando il trattamento è richiesto solo per la malattia delle unghie, le terapie topiche vengono avviate per prime, in mancanza di quali terapie sistemiche possono essere avviate a seconda della gravità, dei sintomi, dell'impatto psicosociale e della disponibilità del paziente a prendere la terapia sistemica
  • Quando la malattia coinvolge la pelle e / o le articolazioni, il trattamento deve essere diretto alla gestione complessiva della malattia. Pertanto, in tali casi, dovrebbero essere scelti farmaci che hanno un'efficacia complessiva
  • Antralina topica, calcipotriolo e tazarotene sono sicuri e considerati le terapie topiche di prima linea
  • TCS (smalto per unghie preferito se disponibile) può essere utilizzato per un periodo più breve quando altri topici falliscono. Gli effetti collaterali possono essere evitati con un uso poco frequente insieme alla combinazione di questo con altri topici come calcipotriolo o tazarotene
  • Il triamcinolone intralesionale (10 mg / ml) può essere provato solo nella malattia dell'unghia isolata quando altri topici hanno fallito e idealmente in pazienti che non hanno psoriasi della pelle
  • MTX e acitretina possono essere usati come farmaci sistemici di prima linea
  • La ciclosporina può anche essere utilizzata come farmaco sistemico di seconda linea
  • Molti biologici sono efficaci. Tuttavia, non è nota alcuna efficacia comparativa con i farmaci sistemici convenzionali. Possono essere usati come farmaci sistemici di terza linea. La scelta del biologico individuale può dipendere dal costo e dal tipo di psoriasi associata.
Riferimenti Superiore
  1. Scher RK, Stiller M, Zhu YI. Tazarotene 0,1% gel nel trattamento della psoriasi delle unghie: uno studio in doppio cieco, randomizzato, controllato dal veicolo. Cutis 2001; 68: 355-8.
  2. Bianchi L, Soda R, Diluvio L, Chimenti S. Tazarotene 0,1% gel per la psoriasi delle unghie e dei piedi: uno studio prospettico aperto. Br J Dermatol 2003; 149: 207-9.
  3. Rigopoulos D, Gregoriou S, Katsambas A. Trattamento delle unghie psoriasiche con crema di tazarotene 0,1% contro crema di clobetasolo propionato 0,05%: uno studio in doppio cieco. Acta Derm Venereol 2007; 87: 167-8.
  4. Yamamoto T, Katayama I, Nishioka K. Terapia topica con antralina per la psoriasi delle unghie refrattarie. J Dermatol 1998; 25: 231-3.
  5. Sánchez Regaña M, Martín Ezquerra G, Umbert Millet P, Llambí Mateos F.Trattamento della psoriasi ungueale con smalto per unghie clobetasol all'8%: esperienza positiva in 10 pazienti. J Eur Acad Dermatol Venereol 2005; 19: 573-7.
  6. Nakamura RC, Abreu LD, Duque-Estrada B, Tamler C, Leverone AP. Confronto dell'efficacia del clobetasol dello smalto per unghie allo 0,05%, 1% e 8% nel trattamento della psoriasi delle unghie: studio pilota prospettico, controllato e randomizzato. An Bras Dermatol 2012; 87: 203-11.
  7. Rigopoulos D, Ioannides D, Prastitis N, Katsambas A. Nail psoriasi: un trattamento combinato con crema di calcipotriolo e crema di propionato di clobetasolo. Acta Derm Venereol 2002; 82: 140.
  8. Tosti A, Piraccini BM, Cameli N, Kokely F, Plozzer C, Cannata GE, et al. Unguento al calcipotriolo nella psoriasi delle unghie: un confronto controllato in doppio cieco con betametasone dipropionato e acido salicilico. Br J Dermatol 1998; 139: 655-9.
  9. Tzung TY, Chen CY, Yang CY, Lo PY, Chen YH. Calcipotriolo utilizzato come monoterapia o terapia di associazione con betametasone dipropionato nel trattamento della psoriasi ungueale. Acta Derm Venereol 2008; 88: 279-80.
  10. Bleeker JJ. Triamcinolone acetonide intralesionale utilizzando il Port-O-Jet e iniezioni con ago nelle dermatosi localizzate. Br J Dermatol 1974; 91: 97-101.
  11. Nantel-Battista M, Richer V, Marcil I, Benohanian A. Trattamento della psoriasi ungueale con triamcinolone acetonide intralesionale utilizzando un iniettore a getto senza ago: uno studio prospettico. J Cutan Med Surg 2014; 18: 38-42.
  12. Crowley JJ, Weinberg JM, Wu JJ, Robertson AD, Van Voorhees AS; Fondazione nazionale per la psoriasi. Trattamento della psoriasi ungueale: raccomandazioni sulle migliori pratiche dal consiglio medico della National Psoriasis Foundation. JAMA Dermatol 2015; 151: 87-94.
  13. Tosti A, Ricotti C, Romanelli P, Cameli N, Piraccini BM. Valutazione dell'efficacia della terapia con acitretina per la psoriasi ungueale. Arch Dermatol 2009; 145: 269-71.
  14. Gümüsel M, Özdemir M, Mevlitoglu I, Bodur S. Valutazione dell'efficacia delle terapie con metotrexato e ciclosporina sulle unghie psoriasiche: uno studio randomizzato in cieco. J Eur Acad Dermatol Venereol 2011; 25: 1080-4.
  15. Jemec GB, Ibler KS. Trattamento della psoriasi ungueale con inibitori del TNF-α o IL12 / 23. J Drugs Dermatol 2012; 11: 939-42.
  16. Saraceno R, Pietroleonardo L, Mazzotta A, Zangrilli A, Bianchi L, Chimenti S. Antagonisti del TNF-α e psoriasi ungueale: uno studio di coorte prospettico aperto, di 24 settimane, in pazienti adulti con psoriasi. Expert Opin Biol Ther 2013; 13: 469-73.
  17. Kyriakou A, Patsatsi A, Sotiriadis D. Agenti anti-TNF e psoriasi ungueale: uno studio monocentrico, retrospettivo e comparativo. J Dermatolog Treat 2013; 24: 162-8.
  18. Reich K, Nestlé FO, Papp K, Ortonne JP, Evans R, Guzzo C, et al. Terapia di induzione e mantenimento con Infliximab per la psoriasi da moderata a grave: uno studio di fase III, multicentrico, in doppio cieco. Lancet 2005; 366: 1367-74.
  19. Reich K, Ortonne JP, Kerkmann U, Wang Y, Saurat JH, Papp K, et al. Risposte della pelle e delle unghie dopo 1 anno di terapia con infliximab in pazienti con psoriasi da moderata a grave: un'analisi retrospettiva dello studio EXPRESS. Dermatologia 2010; 221: 172-8.
  20. Rigopoulos D, Gregoriou S, Stratigos A, Larios G, Korfitis C, Papaioannou D, et al. Valutazione dell'efficacia e della sicurezza di infliximab sulle unghie psoriasiche: uno studio in aperto, non randomizzato, in aperto. Br J Dermatol 2008; 159: 453-6.
  21. Leonardi C, Langley RG, Papp K, Tyring SK, Wasel N, Vender R, et al. Adalimumab per il trattamento della psoriasi cronica a placche da moderata a grave di mani e piedi: risultati di efficacia e sicurezza da REACH, uno studio randomizzato, controllato con placebo, in doppio cieco. Arch Dermatol 2011; 147: 429-36.
  22. Sola-Ortigosa J, Sánchez-Regaña M, Umbert-Millet P. Efficacia di adalimumab nel trattamento della psoriasi: uno studio retrospettivo su 15 pazienti nella pratica quotidiana. J Dermatolog Treat 2012; 23: 203-7.
  23. Van den Bosch F, Manger B, Goupille P, McHugh N, Rødevand E, Holck P, et al. Efficacia di adalimumab nel trattamento di pazienti con artrite psoriasica attiva e predittori di buone risposte cliniche per artrite, lesioni cutanee e ungueali. Ann Rheum Dis 2010; 69: 394-9.
  24. Luger TA, Barker J, Lambert J, Yang S, Robertson D, Foehl J, et al. Miglioramento sostenuto del dolore articolare e dei sintomi delle unghie con la terapia con etanercept in pazienti con psoriasi da moderata a grave. J Eur Acad Dermatol Venereol 2009; 23: 896-904.
  25. Coelho JD, Diamantino F, Lestre S, Ferreira AM. Trattamento della psoriasi ungueale grave con etanercept. Indian J Dermatol Venereol Leprol 2011; 77: 72-4.
  26. Rallis E, Stavropoulou E, Rigopoulos D, Verros C.Rapida risposta della psoriasi ungueale a etanercept. J Rheumatol 2008; 35: 544-5.
  27. Patsatsi A, Kyriakou A, Sotiriadis D. Ustekinumab nella psoriasi delle unghie: uno studio in aperto, non controllato, non randomizzato. J Dermatolog Treat 2013; 24: 96-100.
  28. Rigopoulos D, Gregoriou S, Makris M, Ioannides D.Efficacia di ustekinumab nella psoriasi delle unghie e miglioramento della qualità della vita associata alle unghie in una popolazione trattata con ustekinumab per la psoriasi cutanea: uno studio prospettico aperto senza cieco. Dermatologia 2011; 223: 325-9.
  29. Byun SY, Kim BR, Choi JW, Youn SW. Psoriasi delle pieghe ungueale grave che si estende dalla psoriasi ungueale risolta con ustekinumab: suggerimento di una teoria del trabocco di citochine nell'unità ungueale. Ann Dermatol 2016; 28: 94-7.
  30. Mease PJ, Fleischmann R, Deodhar AA, Wollenhaupt J, Khraishi M, Kielar D, et al. Effetto di certolizumab pegol su segni e sintomi in pazienti con artrite psoriasica: risultati di 24 settimane di uno studio di fase 3 in doppio cieco randomizzato controllato con placebo (RAPID-PsA). Ann Rheum Dis 2014; 73: 48-55.
  31. Kavanaugh A, McInnes I, Mease P, Krueger GG, Gladman D, Gomez-Reino J, et al. Golimumab, a new human tumor necrosis factor alpha antibody, administered every four weeks as a subcutaneous injection in psoriatic arthritis: Twenty-four-week efficacy and safety results of a randomized, placebo-controlled study. Arthritis Rheum 2009;60:976-86.
  32. Rich P, Gooderham M, Bachelez H, Goncalves J, Day RM, Chen R, et al. Apremilast, an oral phosphodiesterase 4 inhibitor, in patients with difficult-to-treat nail and scalp psoriasis: Results of 2 phase III randomized, controlled trials (ESTEEM 1 and ESTEEM 2). J Am Acad Dermatol 2016;74:134-42.
Scalp Psoriasis Top

Treating scalp psoriasis is difficult because of poor accessibility and less convenience. Response to medication is poor. Disease aggravation from itching and other forms of trauma is another problem.

Discussion on Evidence Top

Topical therapy

Calcipotriol solution was found to be better than placebo in many well-designed trials (1) (LOE 2).

TCS are known to effective in the form of lotion, foam, or shampoo. Clobetasol propionate shampoo, betamethasone valerate solution (2) as well as betamethasone valerate foam (3) were found to be better than calcipotriol solution (LOE 2).

In two different RCTs, clobetasol propionate foam was found to be better than placebo (4) and clobetasol propionate solution (4),(5) of same strength at 2 weeks (LOE 2).

In a RCT, clobetasol propionate shampoo was found to be significantly better than vehicle at 4 weeks (6) (LOE 2).

In another RCT, maintenance of clobetasol shampoo twice weekly was also found to be better than vehicle (7) (LOE 2).

In another RCT, clobetasol propionate shampoo (0.05%) was also reported to be better than calcipotriol solution (8) (LOE 2).

Betamethasone dipropionate was found to be better (9) than clobetasol propionate solution in one study and inferior in another study (10) (LOE 2).

Safety of TCS beyond 4 weeks is unknown.(11) Also unknown is the most ideal TCS with the best strength and safety profile and the most ideal vehicle.

It has been reported in the recently published Cochrane review that combination of TCS and calcipotriene is the best topical drug considering the efficacy and safety. However, it has also been mentioned that the efficacy of such combination is marginally higher than isolated TCS. Thus, when used for short term, there is no advantage of adding topical calcipotriol and only CS may be chosen (12) (LOE 1). Calcipotriol, known to be less effective than TCS, may be used for maintenance therapy beyond 4 weeks.

Coal tar has been used in scalp psoriasis for many years because it is cheap, available, and possibly effective. There is extreme paucity of evidence on coal tar in scalp psoriasis. In an uncontrolled prospective study among patients with scalp psoriasis, coal tar gel was used only for 5 days and reported to be effective (13) (LOE 3).

Coal tar is, however, cosmetically less acceptable and may stain clothes. There is a concern for its possible risk of carcinogenicity as found in some animal studies. However, evidence is lacking to prove or disprove this risk in humans when it is used in psoriasis.(14) The American Academy of Dermatology mentions “low risk” for its use in pregnant women when used for short period and has advocated to use “with caution” in children. German guideline has, however, mentioned pregnancy and nursing as absolute contraindications.

In a recently published retrospective, population-based, case–control study that was done among 1387 cases diagnosed with bladder cancer and 5182 population controls, no evidence of increased bladder cancer risk from coal tar was detected. Another huge previously done cohort study, conducted among 13,200 patients with psoriasis and eczema, also did not found any increased cancer risk from this drug (15) (LOE 4).

Topical keratolytics such as salicylic acids are known to be helpful as an adjunctive therapy along with TCS when there is thick scaling.

Anthralin is another age-old drug known to be effective. Despite paucity of data, this may be used (LOE 5).

Phototherapy is difficult in scalp. Fiber-optic UVB comb 3 times weekly for 12 weeks was reported to be effective (16) (LOE 3). A 308-nm excimer laser, a UV light source, was also reported to be effective (17) (LOE 3).

Systemic therapy

RCTs on the use of traditional systemic drugs were absolutely sparse. However, it is well known that these drugs when used for other body areas also improve the scalp lesions.

Apremilast has been reported to be highly effective in at least three studies. In a phase III RCT (ESTEEM 1 and ESTEEM 2), apremilast, an oral phosphodiesterase 4 inhibitor, when used at a dose of 30 mg twice daily for 16 weeks, showed significantly higher improvement in scalp psoriasis in comparison to placebo. This improvement persisted for 32 weeks (18) (LOE 2).

In one RCT done with adalimumab, authors reported that patients with scalp psoriasis exhibited a median decrease from baseline Psoriasis Scalp Severity Index at week 16 of 100%. Severe adverse events were reported in 5.5% of patients (19) (LOE 2).

Good-quality studies have reported a significant efficacy of etanercept (20),(21) (LOE 2), infliximab (22) (LOE 2), ixekizumab (23) (LOE 2), and secukinumab (ongoing trial).(24)

Case reports have been published on ustekinumab proving its efficacy (25),(26) (LOE 4).

Suggested Therapeutic Protocol Top
  • In mild-to-moderate disease, TCS are the first-line drugs. They are more potent that topical calcipotriol and tar. This should be used for shorter period (<4 weeks). Clobetasol propionate and betamethasone dipropionate are most effective. However, milder potent CS may also be used depending on the severity. Intermittent use or use of shampoo as maintenance therapy may avoid side effects
  • Topical calcipotriene as a sole therapy is less efficacious but offers safety over the prolonged use of TCS. For short course, isolated TCS is preferred and for long-term therapy, topical calcipotriene is preferred
  • When topical calcipotriene is found less efficacious, this may be combined with intermittent TCS
  • Topical salicylic acids may be added to remove scale
  • Coal tar (in the most favorable formulation available) and topical dithranol may be tried as they are cheap and known to be effective to some extent
  • More severe disease may require addition of systemic drugs. Traditional systemic drugs such as acitretin, MTX, and CyA may be used. Presence, extent, and type of psoriasis in the other body areas may dictate the drug to be chosen
  • Biologics may be added when other drugs fail. Good data are available on the efficacy of apremilast, adalimumab, etanercept, infliximab, ixekizumab, and secukinumab.
Riferimenti Top
  1. Green C, Ganpule M, Harris D, Kavanagh G, Kennedy C, Mallett R, et al. Comparative effects of calcipotriol (MC903) solution and placebo (vehicle of MC903) in the treatment of psoriasis of the scalp. Br J Dermatol 1994;130:483-7.
  2. Thaçi D, Daiber W, Boehncke WH, Kaufmann R. Calcipotriol solution for the treatment of scalp psoriasis: Evaluation of efficacy, safety and acceptance in 3,396 patients. Dermatology 2001;203:153-6.
  3. Klaber MR, Hutchinson PE, Pedvis-Leftick A, Kragballe K, Reunala TL, Van de Kerkhof PC, et al. Comparative effects of calcipotriol solution (50 micrograms/ml) and betamethasone 17-valerate solution (1 mg/ml) in the treatment of scalp psoriasis. Br J Dermatol 1994;131:678-83.
  4. Andreassi L, Giannetti A, Milani M; Scale Investigators Group. Efficacy of betamethasone valerate mousse in comparison with standard therapies on scalp psoriasis: An open, multicentre, randomized, controlled, cross-over study on 241 patients. Br J Dermatol 2003;148:134-8.
  5. Gottlieb AB, Ford RO, Spellman MC. The efficacy and tolerability of clobetasol propionate foam 0.05% in the treatment of mild to moderate plaque-type psoriasis of nonscalp regions. J Cutan Med Surg 2003;7:185-92.
  6. Bergstrom KG, Arambula K, Kimball AB. Medication formulation affects quality of life: A randomized single-blind study of clobetasol propionate foam 0.05% compared with a combined program of clobetasol cream 0.05% and solution 0.05% for the treatment of psoriasis. Cutis 2003;72:407-11.
  7. Jarratt M, Breneman D, Gottlieb AB, Poulin Y, Liu Y, Foley V. Clobetasol propionate shampoo 0.05%: A new option to treat patients with moderate to severe scalp psoriasis. J Drugs Dermatol 2004;3:367-73.
  8. Reygagne P, Mrowietz U, Decroix J, de Waard-van der Spek FB, Acebes LO, Figueiredo A, et al. Clobetasol propionate shampoo 0.05% and calcipotriol solution 0.005%: A randomized comparison of efficacy and safety in subjects with scalp psoriasis. J Dermatolog Treat 2005;16:31-6.
  9. Katz HI, Lindholm JS, Weiss JS, Shavin JS, Morman M, Bressinck R, et al. Efficacy and safety of twice-daily augmented betamethasone dipropionate lotion versus clobetasol propionate solution in patients with moderate-to-severe scalp psoriasis. Clin Ther 1995;17:390-401.
  10. Lassus A. Local treatment of psoriasis of the scalp with clobetasol propionate and betamethasone-17,21-dipropionate: A double-blind comparison. Curr Med Res Opin 1976;4:365-7.
  11. van der Vleuten CJ, van de Kerkhof PC. Management of scalp psoriasis: Guidelines for corticosteroid use in combination treatment. Drugs 2001;61:1593-8.
  12. Schlager JG, Rosumeck S, Werner RN, Jacobs A, Schmitt J, Schlager C, et al. Topical treatments for scalp psoriasis. Cochrane Database Syst Rev 2016;2:CD009687.
  13. Langner A, Wolska H, Hebborn P. Treatment of psoriasis of the scalp with coal tar gel and shampoo preparations. Cutis 1983;32:290-1, 295-6.
  14. Roelofzen JH, Aben KK, Van de Kerkhof PC, Van der Valk PG, Kiemeney LA. Dermatological exposure to coal tar and bladder cancer risk: A case-control study. Urol Oncol 2015;33:20.e19-22.
  15. Roelofzen JH, Aben KK, Oldenhof UT, Coenraads PJ, Alkemade HA, van de Kerkhof PC, et al. No increased risk of cancer after coal tar treatment in patients with psoriasis or eczema. J Invest Dermatol 2010;130:953-61.
  16. Taneja A, Racette A, Gourgouliatos Z, Taylor CR. Broad-band UVB fiber-optic comb for the treatment of scalp psoriasis: A pilot study. Int J Dermatol 2004;43:462-7.
  17. Taylor CR, Racette AL. A 308-nm excimer laser for the treatment of scalp psoriasis. Lasers Surg Med 2004;34:136-40.
  18. Rich P, Gooderham M, Bachelez H, Goncalves J, Day RM, Chen R, et al. Apremilast, an oral phosphodiesterase 4 inhibitor, in patients with difficult-to-treat nail and scalp psoriasis: Results of 2 phase III randomized, controlled trials (ESTEEM 1 and ESTEEM 2). J Am Acad Dermatol 2016;74:134-42.
  19. Thaçi D, Unnebrink K, Sundaram M, Sood S, Yamaguchi Y. Adalimumab for the treatment of moderate to severe psoriasis: Subanalysis of effects on scalp and nails in the BELIEVE study. J Eur Acad Dermatol Venereol 2015;29:353-60.
  20. Moore A, Gordon KB, Kang S, Gottlieb A, Freundlich B, Xia HA, et al. A randomized, open-label trial of continuous versus interrupted etanercept therapy in the treatment of psoriasis. J Am Acad Dermatol 2007;56:598-603.
  21. Bagel J, Lynde C, Tyring S, Kricorian G, Shi Y, Klekotka P. Moderate to severe plaque psoriasis with scalp involvement: A randomized, double-blind, placebo-controlled study of etanercept. J Am Acad Dermatol 2012;67:86-92.
  22. Kalb RE, Blauvelt A, Sofen HL, Chevrier M, Amato D, Calabro S, et al. Effect of infliximab on health-related quality of life and disease activity by body region in patients with moderate-to-severe psoriasis and inadequate response to etanercept: Results from the PSUNRISE trial. J Drugs Dermatol 2013;12:874-80.
  23. Langley RG, Rich P, Menter A, Krueger G, Goldblum O, Dutronc Y, et al. Improvement of scalp and nail lesions with ixekizumab in a phase 2 trial in patients with chronic plaque psoriasis. J Eur Acad Dermatol Venereol 2015;29:1763-70.
  24. Lebwohl M, Qureshi A, Kianifard F. Secukinumab in the treatment of moderate to severe scalp psoriasis: A study to evaluate efficacy and safety. J Am Acad Dermatol 2015;72 5 Suppl 1:AB250.
  25. Di Cesare A, Fargnoli MC, Peris K. Rapid response of scalp psoriasis to ustekinumab. Eur J Dermatol 2011;21:993-4.
  26. Papadavid E, Ferra D, Koumaki D, Dalamaga M, Stamou C, Theodoropoulos K, et al. Ustekinumab induces fast response and maintenance of very severe refractory scalp psoriasis: Results in two Greek patients from the psoriasis hospital-based clinic. Dermatology 2014;228:107-11.
Intertriginous Psoriasis Top

Intertriginous psoriasis (IP) is frequently misdiagnosed with intertrigo. Treatment is difficult because of the highly sensitive location that precludes the use of TCS and many other topical drugs. Safety is of prime importance in treating IP.

Discussion on Evidence Top

A single-center, double-blind, RCT compared the efficacy and safety of 1% pimecrolimus, 0.005% calcipotriol, and 0.1% betamethasone valerate in the treatment of IP for 4 weeks and found the highest efficacy of 0.1% betamethasone valerate and the least efficacy of 1% pimecrolimus. No adverse effect of TCS was detected. Efficacy of calcipotriol was less than TCS but the difference was insignificant (1) (LOE 2).

Topical calcipotriol sometimes causes irritation. Calcitriol has been found to be superior and less irritating than calcipotriol (2) (LOE 2).

Although long-term safety or efficacy was not studied in any study, the result from the above study can be utilized to recommend topical calcipotriol as the preferred treatment for long-term treatment of IP. Topical calcineurin inhibitors such as 1% pimecrolimus can be used when calcipotriol cannot be used (LOE 5).

Many good-quality studies have proven the efficacy of topical tacrolimus in IP (3),(4),(5),(6) (LOE 2).

There has been extreme scarcity of studies on systemic drugs in IP, both conventional systemic and biologics should work in this condition.

A single case report showed significant benefit from three injections of ustekinumab (7) (LOE 5).

Suggested Therapeutic Protocol Top
  • Topical Vitamin D3 (calcitriol preferred over calcipotriol) is the first-line therapy. It is also preferred for long-term maintenance therapy
  • Topical mild CSs may be used for short period when topical Vitamin D3 fails
  • Calcineurin analogs (tacrolimus ointment or pimecrolimus cream) can also be used for long-term maintenance therapy
  • Systemic drugs (conventional or biological) in case of resistant or severe disease.
Riferimenti Top
  1. Kreuter A, Sommer A, Hyun J, Bräutigam M, Brockmeyer NH, Altmeyer P, et al. 1% pimecrolimus, 0.005% calcipotriol, and 0.1% betamethasone in the treatment of intertriginous psoriasis: A double-blind, randomized controlled study. Arch Dermatol 2006;142:1138-43.
  2. Ortonne JP, Humbert P, Nicolas JF, Tsankov N, Tonev SD, Janin A, et al. Intra-individual comparison of the cutaneous safety and efficacy of calcitriol 3 microg g(-1) ointment and calcipotriol 50 microg g(-1) ointment on chronic plaque psoriasis localized in facial, hairline, retroauricular or flexural areas. Br J Dermatol 2003;148:326-33.
  3. Lebwohl M, Freeman AK, Chapman MS, Feldman SR, Hartle JE, Henning A; Tacrolimus Ointment Study Group. Tacrolimus ointment is effective for facial and intertriginous psoriasis. J Am Acad Dermatol 2004;51:723-30.
  4. Gribetz C, Ling M, Lebwohl M, Pariser D, Draelos Z, Gottlieb AB, et al. Pimecrolimus cream 1% in the treatment of intertriginous psoriasis: A double-blind, randomized study. J Am Acad Dermatol 2004;51:731-8.
  5. Freeman AK, Linowski GJ, Brady C, Lind L, Vanveldhuisen P, Singer G, et al. Tacrolimus ointment for the treatment of psoriasis on the face and intertriginous areas. J Am Acad Dermatol 2003;48:564-8.
  6. Martín Ezquerra G, Sánchez Regaña M, Herrera Acosta E, Umbert Millet P. Topical tacrolimus for the treatment of psoriasis on the face, genitalia, intertriginous areas and corporal plaques. J Drugs Dermatol 2006;5:334-6.
  7. Campos MA, Varela P, Baptista A, Moreira AI. Inverse psoriasis treated with ustekinumab. BMJ Case Rep 201;2016. pii: Bcr2016215019.
Conclusione Top

Evidence-based medicine is the most accurate method of collating the available scientific data. However, there are some weaknesses too. Outcome of even systematic review may not find the universal truth. Result of very high-quality evidences such as meta-analysis has been contradicted by subsequently done large RCT. Some bias may still exist.

Nevertheless, the great scientific credibility of evidence-based medicine being stated and accepted, there is no scope for ignoring one vital issue in planning a therapeutic recommendation based on the scientific evidence. Result obtained from RCTs and even systematic reviews may not appear feasible in the practical field. As mentioned earlier, many social, religious, economical, and regional factors become crucial while proposing any therapeutic recommendation to be successfully used in the field.

This review is an updated evidence-based review of the available articles on the management of “psoriasis of difficult-to-treat areas” and a proposed therapeutic recommendation based on the evidence. Many practical issues were considered while the therapeutic recommendation is proposed. It is expected that this will be helpful for the practicing physicians of India and many other countries having similar patient profile in terms of socioeconomic, cultural, racial, and genetic parameters.

Financial support and sponsorship

Nil.

Conflicts of interest

There are no conflicts of interest.

What is new?

This document provides updated evidence on the management of psoriasis of difficult-to-treat areas and suggests practical, scientific and logical treatment options for these conditions.

(Table 1)

Psorilax:Più veloce |crema rumena per psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, composizione

Cos'è la psoriasi?

foto di psoriasiImmagine 1 – Immagine della psoriasi
fonte – galderma

La psoriasi è una malattia della pelle non contagiosa, cronica e autoimmune. È caratterizzato dalla comparsa di macchie squamose bianche e rosse sulla superficie della pelle. È di cinque diversi tipi, vale a dire guttato, a placche, eritrodermico e pustoloso. La causa esatta dietro il verificarsi della psoriasi è ancora un mistero per gli scienziati nel campo della scienza medica. Tuttavia, la causa più considerata è l'invio di segnali difettosi da parte del sistema immunitario che porta a una rapida riproduzione delle cellule della pelle. Le aree comuni che sono colpite da questa malattia sono la superficie della pelle che appartiene alle ginocchia, al cuoio capelluto e ai gomiti. A causa della natura della recidiva di questa malattia, i trattamenti per la psoriasi rappresentano una seria sfida per medici e medici.

Trattamento per la psoriasi

I trattamenti per la psoriasi dipendono da determinati criteri come il tipo di psoriasi, il luogo in cui si manifesta e l'entità e la gravità della malattia. Oltre a questi, molti altri fattori come l'età del paziente, il sesso, lo stile di vita, l'attitudine al rischio e la presenza di molte altre malattie oltre alla psoriasi, cioè le comorbidità, sono tutti presi in considerazione per il trattamento efficace di questa malattia. Di solito, nella fase iniziale vengono prescritti farmaci che possono influire negativamente sul corpo il meno possibile. I farmaci vengono prescritti in base alla gravità della malattia. La scala del trattamento della psoriasi decide il tipo di farmaci da prescrivere al paziente malato. Se la malattia è troppo grave per rispondere ai normali farmaci, vengono prescritti farmaci con una quantità significativa di tossicità.

Esistono vari tipi di trattamenti disponibili per ottenere sollievo dalla psoriasi. Possono essere classificati come segue: –

Trattamento topico della psoriasi

foto di psoriasi
Immagine 2 – Psoriasi
fonte – vanderbilt

Questo è il primo tipo di trattamento che viene prescritto in caso di psoriasi. Di solito è sotto forma di unguenti e creme medicati che vengono applicati direttamente alle placche psoriasiche sulla pelle. Aiuta a normalizzare la produzione di cellule della pelle, riducendo l'infiammazione della pelle e rimuovendo e liberando le placche dalla superficie della pelle.

Esistono vari tipi di trattamenti topici per la psoriasi, che hanno tutti il ​​potenziale per trattare e curare efficacemente la psoriasi. La maggior parte dei farmaci utilizzati e prescritti in caso di trattamento topico per la psoriasi sono disponibili da banco (OTC). Tuttavia ce ne sono anche altri che non sono facilmente disponibili in quanto richiedono la referenza o la prescrizione di un medico o di un medico. La logica alla base del requisito di una prescrizione per acquistare questo tipo di medicinali o steroidi è che possono avere effetti collaterali dannosi che è a conoscenza del paziente a cui viene somministrato lo stesso.

Trattamento contro la psoriasi

I prodotti topici da banco sono disponibili in una varietà di forme come acido salicilico, ingredienti attivi e catrame di carbone dalle farmacie locali, dalle farmacie o direttamente dal luogo di produzione. Tutti questi farmaci e medicinali da banco sono autenticati e approvati dall'Agenzia federale del Dipartimento per la salute e i servizi umani (FDA). Per comprendere la natura, l'efficacia e gli effetti dannosi di tali farmaci, è necessario trattarli individualmente.

Acido salicilico

L'acido salicilico agisce come un peeling o agente cheratolitico non solo per la psoriasi ma per tutti gli altri problemi e malattie della pelle. In quanto tale, aiuta lo strato esterno danneggiato della pelle colpita dalla psoriasi a staccarsi. Infatti l'acido salicilico aiuta a sollevare le squame della pelle, aiuta nel loro ammorbidimento e successiva rimozione.

Tuttavia, l'utilizzo di acido salicilico per il trattamento della psoriasi non è privo di alcuni svantaggi. L'acido salicilico se applicato su un'ampia porzione della pelle per un lungo periodo di tempo può causare irritazione alla pelle. Oltre a questo, può portare alla perdita temporanea dei capelli indebolendo i fusti dei capelli e quindi spezzandoli.

Catrame di carbone

Il catrame di carbone derivato dal legno e dal carbone ha una serie di qualità medicinali in virtù delle quali viene utilizzato anche per il trattamento della psoriasi. In effetti, è il trattamento più comunemente usato per la psoriasi. Le sue qualità per il trattamento della psoriasi possono essere simili all'acido salicilico. Inoltre aiuta a ridurre il ritmo di crescita delle cellule della pelle e previene la loro riproduzione eccessiva. Questo aiuta a ripristinare l'aspetto della pelle nella sua forma originale riducendo l'infiammazione, il prurito e il desquamazione della pelle causati dalla psoriasi.

Prima di utilizzare prodotti a base di catrame come unguenti e creme, è necessario cercare la concentrazione di catrame che contengono. Questo per il motivo che maggiore è la concentrazione di catrame, più potenti saranno i suoi effetti. Di solito si suppone che un prodotto con una maggiore concentrazione di catrame abbia un maggiore potenziale per il trattamento della psoriasi.

Tuttavia, un prodotto con una concentrazione molto elevata di catrame di carbone può avere alcuni effetti nocivi. Può causare un'eccessiva irritazione della pelle, così come il suo arrossamento e conseguente secchezza. Il catrame rende anche la pelle troppo sensibile alla luce solare e bisogna usare la protezione solare per evitare di scottarsi. È anche difficile per i pazienti mantenere l'applicazione regolare di tali farmaci a causa del potenziale del catrame di carbone di macchiare i vestiti e la biancheria da letto, nonché il forte odore che produce durante l'applicazione. Sebbene sia ancora un mistero per gli scienziati rilevare gli effetti cancerogeni del catrame di carbone, tuttavia studi recenti hanno indicato che alcune sostanze chimiche contenute nel catrame di carbone possono causare il cancro se utilizzate in quantità molto elevate su base regolare. Il limite consentito della concentrazione di catrame di carbone utile per il trattamento della psoriasi è stato fissato dalla FDA tra lo 0,5 e il 5%.

Altri trattamenti per la psoriasi da banco

Gli altri trattamenti topici per la psoriasi sono ricchi di ingredienti naturali come jojoba, Vera, zinco piritione, capsaicina, ecc. Che aiutano nell'idratazione della pelle. Rimuovendo le squame della psoriasi, aiuta a levigare la pelle e fornisce sollievo dal prurito. Ma l'efficacia di tali prodotti non è stata ancora dimostrata da scienziati medici per il trattamento della psoriasi. Quindi bisogna essere consapevoli dei possibili effetti collaterali di tali ingredienti che possono causare allergie e irritazioni. Il trattamento per la psoriasi inversa consiste nell'applicazione sulla pelle di un liquido chiamato Castedem che aiuta a seccare le lesioni umide del corpo. Alcuni degli altri trattamenti topici più comunemente prescritti sono: –

Idratanti

L'idratazione della pelle è un requisito essenziale per il trattamento della psoriasi in quanto aiuta a ridurre l'arrossamento e il prurito della pelle, portando così alla corretta guarigione della malattia. Questo tipo di trattamento si basa sull'applicazione di creme e unguenti sulla zona interessata in modo da lubrificare la pelle e prevenirne la disidratazione. La lubrificazione aiuta a bloccare l'acqua all'interno delle aperture della pelle.

Soluzioni per il bagno

Mantenersi igienici facendo il bagno regolarmente è necessario per il trattamento di qualsiasi malattia. In caso di psoriasi, è necessario aggiungere sali di Epsom o del Mar Morto, olio o farina d'avena oliata in acqua per rimuovere le squame della psoriasi dalla pelle e aiutare a lenire il prurito. Il trattamento con i sali del Mar Morto è anche noto come trattamento della psoriasi del Mar Morto. Dopo aver fatto il bagno, bisogna immergersi per alcuni minuti e applicare una crema idratante sulla pelle.

Farmaci anti-prurito

La FDA ha approvato diversi ingredienti come canfora, benzocaina, calamina, difenidramina cloridrato (HCL), idrocortisone e mentolo per l'uso nel trattamento della psoriasi.

Scale Lifters (cheratolitici)

L'acido salicilico, l'urea, l'acido lattico oi fenoli normalmente contenuti nei prodotti topici da banco sono utili sia nel caso del trattamento della psoriasi delle unghie che del cuoio capelluto. Oltre a questo, sul mercato sono disponibili alcuni prodotti per il sollevamento delle bilance progettati per allentare le bilance e rimuoverle. Una volta che le squame vengono rimosse utilizzando i sollevatori di scala, i farmaci possono trovare un modo semplice per raggiungere le lesioni della psoriasi. Ma bisogna stare attenti quando si usano i sollevatori di scala poiché i prodotti possono avere un effetto molto forte e duro sulla pelle.

Occlusione

L'occlusione è un processo di copertura dell'area in modo da favorire il facile assorbimento da parte della pelle dei farmaci somministrati. Questo processo aiuta anche a migliorare l'efficacia dei farmaci. Materiali come cellophanes, calzini di cotone, involucri di plastica, tuta in nylon e medicazione impermeabile vengono utilizzati per coprire le lesioni della psoriasi dopo aver applicato un trattamento topico. Tuttavia, è necessario consultare un medico in caso di copertura di uno steroide o altri farmaci somministrati sulla base di una prescrizione.

Trattamenti topici non steroidei

Per il trattamento di un caso di psoriasi lieve, vengono prescritti prodotti o medicinali ricchi di vitamine. Alcuni dei più comuni sono menzionati come segue insieme ai loro vantaggi e svantaggi: –

Tazorec (Tazarotene)

Essendo un derivato della vitamina C, viene utilizzato per ridurre il ritmo di crescita delle cellule della pelle. Provoca l'arrossamento della placca psoriasica prima di liberare le squame. Questo è un processo indolore ma ha diversi effetti collaterali come irritazione della pelle e secchezza. L'uso di questo retinoide topico aumenta anche la suscettibilità alle scottature solari. A causa dello stesso, è necessario utilizzare sempre misure di protezione solare come lozioni solari e indumenti protettivi dal sole. Tuttavia in caso di fastidio di qualsiasi tipo come prurito, bruciore o bruciore, è necessario consultare il dermatologo.

Dovonex

Contiene calcipotriene che è una sorta di forma sintetica di vitamina D3 che rallenta la crescita cellulare eccessiva. Appiattisce le lesioni e allontana le squame dalla superficie della pelle. La calcipotreina è utilizzata nel trattamento delle unghie e del cuoio capelluto della psoriasi. Gli effetti collaterali dell'utilizzo dello stesso includono eruzioni cutanee, secchezza della pelle, bruciore e bruciore, irritazione della pelle, desquamazione e il conseguente peggioramento della psoriasi.

Taclonex

Taclonex, una forma di calcipotreina, aiuta a rallentare la riproduzione eccessiva delle cellule della pelle. Aiuta anche ad appiattire le lesioni cutanee, rimuovere le squame e quindi lenire il prurito e l'infiammazione causati dalla psoriasi. Di solito è combinato con betametasone dipropionato, una sorta di steroide per il trattamento della psoriasi. Di solito viene applicato sulle parti interessate ad eccezione delle aree sensibili come il viso, l'inguine, le ascelle o altre pieghe della pelle.

Tuttavia, la sua applicazione regolare ha alcuni effetti collaterali che includono il verificarsi di eruzioni cutanee, prurito, sensazione di bruciore della pelle, arrossamento della zona della pelle, follicolite, gonfiore dei vasi sanguigni della zona interessata e che porta quindi al peggioramento della psoriasi.

Vectical

L'applicazione dell'unguento vecticale o al calcitriolo sulla superficie della pelle ad eccezione di labbra, occhi e viso aiuta a ridurre l'eccessiva produzione di cellule. Poiché è un ingrediente naturale della vitamina D3, aiuta davvero nel trattamento della psoriasi. Gli effetti collaterali della sua applicazione includono cambiamenti nel metabolismo del calcio nel corpo con conseguente accumulo eccessivo di urina nelle urine che causa prurito e altri disturbi della pelle. L'effetto collaterale più dannoso è l'aumento della sensibilità alla luce che causa il tumore della pelle. Quindi, una volta che i livelli di calcio nel corpo sono tornati alla normalità, è necessario interrompere la sua applicazione.

Zithranol-RR

 trattamento della psoriasi
Immagine 3 – Zithranol-RR utilizzato per il trattamento della psoriasi
fonte – piercemattiepublicrelations

Contiene antralina, che è un composto sintetico che funge da sostituto della crisarobina. È utile nel trattamento della psoriasi aiutando a ridurre la rapida crescita delle cellule della pelle. L'uso dello stesso per il trattamento della psoriasi a placche non ha effetti collaterali così forti tranne che per causare irritazione della pelle, macchiare i capelli chiari, nonché vestiti e biancheria.

Steroidi topici

Gli steroidi sono i farmaci più comunemente usati per il trattamento topico della psoriasi. Questo è semplicemente perché gli ormoni corticosteroidi rilasciati dalle ghiandole surrenali svolgono diverse funzioni vitali nel corpo, come il controllo e la riduzione delle infiammazioni e delle lesioni. Gli steroidi variano in base al loro livello di potenza e dipende dalla gravità della malattia che possono essere prescritti steroidi super potenti o meno potenti.

Ma ci sono alcune precauzioni che è necessario tenere a mente durante l'utilizzo di steroidi. Possono essere chiariti come segue: –

  • Solo dopo aver consultato un medico, si deve iniziare applicando una piccola quantità di steroidi sulle zone colpite.
  • Gli steroidi topici non devono essere utilizzati per una durata superiore a 3 settimane senza consultare il medico.
  • Bisogna astenersi dal ritirare bruscamente i corticosteroidi in quanto potrebbe causare una recidiva aggressiva della psoriasi. Questo è noto come il rimbalzo della condizione psoriasica.
  • Esistono rischi oftalmici associati all'uso di steroidi come l'insorgenza di cataratta e glaucoma. Quindi non si devono usare steroidi dentro o intorno agli occhi a meno che non siano formulati per gli occhi.
  • Gli steroidi super potenti possono essere utili nella guarigione della psoriasi, ma sono latentemente intrinseci con effetti collaterali forti e dannosi.
  • Allo stesso modo, gli steroidi a bassa potenza possono essere utili in caso di trattamento della psoriasi per il viso e per il trattamento dell'inguine e del seno. Ma bisogna stare attenti a non usarli su zone sensibili della pelle come ascelle, genitali, ecc.

Gli steroidi lievi sono usati in caso di trattamento della psoriasi per i bambini. Il possibile danno che gli steroidi topici possono causare è il cambiamento del pigmento della pelle, assottigliamento della pelle e formazione di smagliature, lividi della pelle e arrossamento e dilatazione dei vasi sanguigni. Gli steroidi super potenti possono anche influenzare gli organi interni se applicati su una vasta area della superficie della pelle o se usati per un lungo periodo di tempo. Usarlo con un'occlusione eccessiva può rivelarsi più dannoso per chi già soffre di psoriasi.

Fototerapia per la psoriasi

Una mente intelligente, Niels Finsen ha scoperto gli effetti terapeutici dei raggi del sole a beneficio del trattamento di varie malattie umane. Questo metodo di trattamento e cura delle malattie utilizzando i raggi UV del sole è noto come fototerapia. Questo metodo quando applicato al trattamento della psoriasi è noto come trattamento della psoriasi con luce o trattamento UV per la psoriasi.

Il metodo di trattamento della psoriasi UV prevede l'esposizione deliberata della pelle alla luce solare. La luce solare emette raggi di diverse lunghezze d'onda che si dividono in UVA, UVB e UVC. Questa divisione si basa sulla dimensione dello spettro di luce emesso da ciascuno. Tra questi, UVB è considerato il miglior trattamento per la psoriasi nel campo del trattamento della luce della psoriasi.

foto di trattamento della psoriasi
Immagine 4 – Fototerapia per la psoriasi
fonte – aliimg

Trattamento UVB per la psoriasi

trattamento uvb psoriasi
Immagine 5 – Lampada UVB utilizzata per il trattamento della psoriasi
fonte – virtuavia

Il trattamento con luce per la psoriasi in questo caso prevede l'esposizione della pelle a una fonte di luce artificiale UVB. Esistono fondamentalmente due tipi di lampade UVB; UVB a banda larga e UVB a banda stretta. Le qualità eritemiche della banda larga UVB sono notevolmente maggiori rispetto alla banda stretta UVB e questo è il motivo per cui quest'ultima è considerata molto più sicura per i pazienti psoriasici.

Il trattamento UVB aiuta a ridurre l'eccessiva crescita delle cellule della pelle permettendo alla luce UVB di penetrare attraverso la pelle della zona interessata. Il trattamento UVB viene somministrato sia come trattamento medico che domiciliare per la psoriasi.

Durante le iniziali del trattamento, la condizione causata dalla psoriasi può peggiorare ma il deterioramento temporaneo può essere un segno di miglioramento futuro. Il problema iniziale che si può affrontare è l'arrossamento, il prurito e l'insorgenza di riacutizzazioni cutanee per l'esposizione ai raggi UV. Quindi la quantità di somministrazione dei raggi di luce UVB potrebbe dover essere indotta o ridotta per essere compatibile con le condizioni e le esigenze del paziente.

Il trattamento con luce UVB può anche servire come trattamento domiciliare della psoriasi economicamente fattibile e conveniente. Questo tipo di trattamento di solito procede dal trattamento medico al trattamento a casa per mantenere la sua coerenza. Tutti questi trattamenti domiciliari per la psoriasi richiedono l'aiuto e la consulenza di un professionista sanitario registrato. Occorre inoltre seguire scrupolosamente i consigli del medico in modo da evitare ogni possibilità di peggioramento della condizione della psoriasi. Il trattamento domiciliare ha anche il vantaggio di essere assicurato da varie società che coprono il costo delle apparecchiature UVB domestiche. Per il successo del trattamento domiciliare, bisogna sempre sottoporsi a regolari controlli sanitari e attenersi ai dettami del professionista sanitario che dovrebbe monitorare la condizione psoriasica.

Trattamento UVA per psoriasi o foto chemioterapia

Il trattamento della psoriasi UVA deve essere abbinato a un farmaco topico chiamato Psoralen che è sensibile alla luce per dimostrarsi efficace nel trattamento della psoriasi. Questo tipo di combinazione di raggi UV e trattamento topico è soprannominato PUVA. Questo trattamento inibisce l'eccessiva crescita delle cellule della pelle ed è efficace nel trattamento dei sintomi della psoriasi. Si è inoltre dimostrato altamente efficace nel trattamento della psoriasi guttata e a placche, nonché nel trattamento della psoriasi delle unghie, del palmo e dell'anima.

Tuttavia, ci sono alcuni effetti collaterali che questo tipo di trattamento dell'esposizione al sole può causare che includono una sensazione di nausea, il viraggio del pigmento della pelle in rosso, prurito e gonfiore. Si può anche soffrire di mal di testa, stanchezza e sensazione di bruciore nella zona della pelle. Il latte e lo zenzero hanno alcune qualità che possono aiutare a prevenire la nausea quando si somministrano psoraleni per via orale. Il prurito può essere contrastato con l'aiuto di antistaminici, facendo il bagno in acqua mista a prodotti di farina d'avena colloidale e ricorrendo a farmaci topici contenenti capsaicina. Allo stesso modo, indossare un tubo di supporto durante il trattamento con PUVA può prevenire il gonfiore delle gambe. Gli impatti a lungo termine della foto chemioterapia possono essere il carcinoma a cellule squamose, cioè una forma di cancro della pelle.

Un trattamento olistico della psoriasi è in realtà una combinazione di trattamento UV con trattamento topico o sistemico ed è principalmente adottato negli ospedali.

Trattamento laser per la psoriasi

immagine del trattamento della psoriasi
Immagine 6 – Trattamento laser per la psoriasi
fonte – dermatologiainc

Il trattamento laser per la psoriasi potrebbe essere stato approvato dalla FDA ma di solito non è raccomandato dai medici tranne che in casi estremi a causa dei suoi forti effetti nocivi. Principalmente ci sono due tipi di trattamenti laser disponibili per il trattamento della psoriasi.

Il trattamento laser a colorante pulsato è indicato per i casi cronici di psoriasi. Fa anche parte del trattamento della psoriasi a placche. Il motivo principale dei raggi di questo trattamento è la distruzione o la rottura di minuscoli vasi sanguigni che formano lesioni della psoriasi. La durata della somministrazione di questo trattamento si estende da 15-30 minuti per sessione ad un intervallo di ogni 3 settimane. Una risposta precoce al trattamento può richiedere solo 4-6 sedute per una clearance regolare. Gli effetti collaterali di questo trattamento includono lividi e cicatrici.

Il trattamento laser ad eccimeri è utile anche per il trattamento delle placche di psoriasi croniche e localizzate. È associato all'uso di un raggio UVB ad alta intensità che viene diretto verso l'area interessata dalla psoriasi. La quantità di raggio somministrato dipende dalla gravità della malattia che va da 4 a 10 sedute al mese con almeno 2 sedute a settimana con un intervallo di 2 giorni tra ogni seduta. I due marchi che attualmente forniscono questo trattamento sono Xtrac e Xtrac Velocity.

Trattamento della psoriasi sistemica

Il trattamento sistemico per la psoriasi comprende il processo di medicazione interna mediante iniezione nel corpo o assunzione di pillole per via orale. Questo tipo di trattamento viene intrapreso solo quando il paziente non risponde al trattamento topico, alla fototerapia o alla foto chemioterapia. È efficace nel caso di pazienti affetti da psoriasi da moderata a grave. Il trattamento sistemico è applicabile anche per il trattamento dell'artrite psoriasica. Poiché i farmaci prescritti in caso di questo tipo di trattamento sono solitamente di natura tossica, è necessario sottoporsi più o meno regolarmente alla funzionalità epatica e agli esami del sangue.

Esistono fondamentalmente due tipi di trattamento sistemico per la psoriasi; vale a dire, il trattamento sistemico tradizionale e il biologico.

Trattamento sistemico tradizionale

Nella categoria del trattamento sistemico tradizionale rientrano l'acetretina o il soriatano, la ciclosporina, il metotrexato e altri sistemici off-label.

Soriatane è un retinoide che è una forma sintetica di vitamina A. Aiuta a controllare la moltiplicazione eccessiva delle cellule. Viene utilizzato principalmente nel trattamento della psoriasi eritodermica, palmo-plantare, pustolosa, a placche e guttata. Tuttavia, bisogna stare attenti agli effetti collaterali che può causare come gravi difetti alla nascita. Per questo motivo le donne in gravidanza devono astenersi dal suo utilizzo.

La ciclosporina è un farmaco immunosoppressore utilizzato per il trattamento della psoriasi grave. È disponibile sia in forma liquida che in capsule. La sua funzione principale è quella di sopprimere il sistema immunitario e rallentare il ritmo di crescita di alcune cellule immunitarie. L'uso incessante di questo farmaco può causare ipertensione, livelli elevati di colesterolo, danni ai reni e persino cancro della pelle. Quindi, bisogna sempre prenderlo sotto la supervisione di un medico in modo da evitare i suoi effetti dannosi.

Il metotrexato è anche un farmaco immunosoppressore prescritto per la psoriasi grave. Arresta la produzione eccessiva di cellule della pelle legando e inibendo un enzima che causa un'eccessiva moltiplicazione cellulare. Non si possono ignorare gli effetti collaterali che può causare come danni al fegato, danni ai reni; tossicità del midollo osseo, linfoma e riduzione della conta leucocitaria.

Quei farmaci sistemici che non sono approvati dalla FDA sono generalmente considerati farmaci “fuori livello” dai medici. Per citarne alcuni, abbiamo anti metaboliti come mercaptopurina, tioguanina e fluorouracile; agenti citotossici come paclitaxel e idrossiurea; agenti alchilanti come ciclofofamide e clorambucile; immunosoppressori come azatioprina, tacrolimus orale, micofenolato mofetile; e alcuni DMARD, vale a dire dapsone, sulfasalazina e colchicine. Insieme a questi, farmaci insulino-sensibilizzanti come pioglitazone, rosiglitazone ,; e altri farmaci come la bromocroptina, la simvastatina, la somatostatina, ecc. sono utili nel trattamento della psoriasi. Gli antistaminici sono utili per ridurre il prurito e altri problemi allergici. Gli antidepressivi si dimostrano utili anche per il trattamento della psoriasi a causa del loro prurito anti-prurito e delle qualità che inducono il sonno. Oltre a questi, i farmaci FANS aiutano a fornire sollievo dal dolore e dal gonfiore della psoriasi.

Farmaci biologici

immagine della psoriasi
Immagine 7 – Psoriasi
fonte – Google

Farmaci biologici da una parte del nuovo trattamento della psoriasi. Gli studi hanno dimostrato la loro efficacia principalmente nel campo del trattamento della psoriasi e dell'artrite psoriasica. Sono somministrati per iniezione o per infusione endovenosa (IV). Un biologico è in realtà un derivato proteico delle cellule viventi che prendono di mira specificamente parti del sistema immunitario che causano la psoriasi. Il meccanismo della loro funzione dipende dalla loro capacità di bloccare l'azione dei linfociti T, che in realtà è un tipo specifico di cellula immunitaria associata alla causa della psoriasi. Biologics Amevive e Raptiva svolgono questa funzione di blocco dei linfociti T. I farmaci biologici che agiscono come bloccanti del fattore di necrosi tumorale alfa (TNF-alfa) sono Remicade, Simponi, Enbrel e Humira. Stelara agisce come bloccante delle proteine ​​prendendo di mira le citochine Interleuchina 12 e 23 che si ritiene promuovano la psoriasi. I possibili effetti collaterali di questo trattamento sono infezioni respiratorie, sintomi simil-influenzali, problemi nervosi, disturbi del sangue e cancro.

Trattamento alternativo della psoriasi

Esistono molte altre misure alternative per trattare la psoriasi oltre a quelle convenzionali. Uno di questi trattamenti alternativi è la climatoterapia, che si basa sulla convinzione che determinate condizioni climatiche siano adatte per la guarigione e la cura di alcune malattie. Su questa logica si basa il trattamento della psoriasi del Mar Morto, poiché si suppone che il Mar Morto abbia qualità per curare molte malattie della pelle.

Un altro tipo di trattamento è noto come ittioterapia. Implica l'incoraggiamento dei pesci a nutrirsi delle aree colpite dalla psoriasi che aiuta a fornire un sollievo temporaneo dai sintomi e dagli effetti della psoriasi. È praticato nelle terme di paesi come Ungheria, Croazia, Turchia e altri. Questo tipo di trattamento è noto anche come trattamento dei pesci per la psoriasi.

L'uva dell'Oregon si dimostra efficace nel trattamento della psoriasi e dell'eczema.

I lettini abbronzanti sono usati anche come terapia alternativa per la psoriasi ma hanno effetti collaterali molto dannosi.

Gli studi indicano che i cambiamenti nella dieta e nello stile di vita determinano in larga misura la condizione della psoriasi. Quindi, è necessario seguire la tabella della dieta per il trattamento della psoriasi che deve andare di pari passo con il trattamento in modo da ottenere sollievo da questa malattia dolorosa e irritante che può precipitare a causare malattie potenzialmente letali come il cancro della pelle se non trattata bene.

Riferimento :
http://www.medicinenet.com/psoriasis/article.htm
http://www.mayoclinic.com/health/psoriasis/DS00193/DSECTION=treatments-and-drugs

Psorilax:Modi per |crema ossido di zinco per psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, composizione

J Clin Aesthet Dermatol. 2015 Feb; 8 (2): 48–50.

Andare oltre le sperimentazioni cliniche

Astratto

Per fornire un'assistenza di successo ai pazienti affetti da psoriasi, i trattamenti devono essere efficaci e sicuri, nonché migliorare il benessere generale dei pazienti. L'efficacia e la sicurezza sono generalmente stabilite da studi clinici randomizzati e controllati. Tuttavia, a causa delle rigide condizioni in cui vengono condotti studi clinici randomizzati e controllati, essi non riflettono l'esperienza del paziente nella pratica clinica della vita reale; cioè, non misurano l'efficacia del trattamento nel mondo reale. Fattori come l'adesione alla terapia, la soddisfazione del trattamento e la qualità della vita possono essere valutati in modo irrealisticamente elevato in studi clinici controllati randomizzati. Gli studi osservazionali che utilizzano popolazioni di pazienti della vita reale e l'acquisizione dei risultati riferiti dai pazienti sono utili per valutare meglio l'efficacia di un trattamento. Gli operatori sanitari e gli operatori sanitari possono ottenere preziose informazioni dai dati sui risultati riportati dai pazienti che possono essere utilizzati per prendere decisioni terapeutiche. Per la psoriasi a placche localizzata, la terapia topica di associazione con un analogo della vitamina D e corticosteroidi è raccomandata come trattamento di prima linea. Questo commento affronta il concetto di efficacia della sperimentazione clinica rispetto all'efficacia nella vita reale nel trattamento della psoriasi utilizzando come modello la vitamina D e la terapia di combinazione topica di corticosteroidi.

La natura cronica e irritativa della psoriasi è associata a stress fisici e psicologici. In alcuni casi, lo stress correlato alla psoriasi stessa funge da fattore scatenante o esacerbante per la malattia.1 Il feedback del paziente sulla valutazione dei sintomi correlati alla psoriasi e sulla qualità della vita (QoL) correlata alla salute fornisce al dermatologo le informazioni necessarie per garantire il trattamento successo.

La terapia topica è considerata terapia di prima linea per la maggior parte dei pazienti con psoriasi a placche da lieve a moderata.2 La terapia di combinazione che utilizza un analogo della vitamina D e un corticosteroide è tra le opzioni di trattamento preferite.2 Calcipotriene topico e betametasone dipropionato (CBD) in una formulazione a combinazione fissa ha dimostrato in studi clinici randomizzati e controllati (RCT) di essere sia efficace che sicura nel trattamento di pazienti con psoriasi a placche.3,4 La limitazione di questi studi di efficacia e di tutti gli RCT, tuttavia, è che il l'intervento del trattamento non viene valutato in condizioni di vita reale.5 Gli studi sull'efficacia dell'RCT non considerano i fattori a livello di paziente, fornitore o sistema che possono confondere l'effetto del trattamento.5 Mentre i risultati riportati dal paziente (PRO), come la soddisfazione del trattamento e la QoL , sono spesso considerati endpoint secondari di efficacia negli studi clinici, questi risultati nella vita reale sono spesso di primaria importanza per i pazienti. I dati dello studio che includono PRO possono aiutare a stabilire l'efficacia della terapia nell'uso effettivo. Questo approccio è adatto a una condizione come la psoriasi.

Questo commento esplora il ruolo dei PRO nella psoriasi utilizzando un modello di trattamento topico a combinazione fissa di vitamina D e corticosteroidi. I dermatologi possono trovare utili le informazioni fornite dai PRO, in quanto forniscono approfondimenti da considerare nella formulazione di piani che possono portare a un'esperienza di trattamento più soddisfacente e di successo per i loro pazienti.1

EFFICACIA CONTRO EFFICACIA NELLA PSORIASI

La metodologia utilizzata negli RCT è progettata per ridurre i fattori che possono influenzare i risultati, generando al contempo conclusioni credibili sull'efficacia di un trattamento studiato in circostanze ideali e controllate. Negli studi clinici per la psoriasi, i punteggi PASI (Psoriasis Area and Severity Index) e IGA (Investigator’s Global Assessment) sono due endpoint di efficacia primari comunemente utilizzati. I risultati di un RCT hanno mostrato che la terapia di combinazione topica con CBD ha fornito una riduzione significativamente maggiore del PASI (73,2%) dopo quattro settimane di trattamento due volte al giorno rispetto al calcipotriene (48,8%), al betametasone dipropionato (63,1%) o al solo veicolo (28,8%) (tutti P<0,001) .4 In un altro RCT, la malattia controllata (il raggiungimento di una pelle "chiara" o "quasi pulita" secondo la scala IGA e una variazione minima di 2 punti rispetto al basale) è stata raggiunta in una percentuale maggiore statisticamente significativa di soggetti in il gruppo CBD rispetto agli altri gruppi di trattamento alla settimana 8 (combinazione (29,0%), betametasone dipropionato (21,5%; P = 0,008), calcipotriene (14,6%; P= 0,002), veicolo (6,3%; P<0,001)). 3

Nonostante i meriti degli RCT nel determinare l'efficacia, non forniscono un quadro completo dell'efficacia del trattamento. L'efficacia può anche essere definita come l'esecuzione di un intervento di trattamento in condizioni pragmatiche o di vita reale.5 Nelle condizioni di un RCT, i tassi di aderenza, ad esempio, possono essere irrealisticamente alti. Poiché la medicina basata sull'evidenza e il pay-for-performance continuano ad essere enfatizzati nella pratica clinica moderna, i dati sull'efficacia hanno assunto maggiore importanza. Sia gli operatori sanitari che i contribuenti sono sempre più interessati ai dati dello studio che includono i risultati PRO, che aiuteranno a prendere decisioni terapeutiche. I PRO rappresentano la valutazione del paziente del problema oggetto di studio, senza l'interpretazione intermedia da parte di un medico o altro professionista sanitario.6 I dati PRO sono importanti nella psoriasi, poiché l'accettazione e l'aderenza del paziente alla terapia topica è una componente significativa dell'efficacia del trattamento.

Gli studi interventistici possono essere progettati per includere misure PRO e quindi fornire dati sull'efficacia clinica. La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti riconosce il valore di incorporare i PRO negli studi clinici per aiutare a stabilire l'efficacia nella vita reale di un trattamento ea sostegno delle indicazioni di etichettatura.6 I PRO possono essere utilizzati come endpoint primari o secondari. Sebbene la guida della FDA non affronti problemi specifici della dermatologia, consiglia di utilizzare uno strumento PRO convalidato per valutare i concetti che sono meglio misurati dal punto di vista del paziente.

Gli studi che utilizzano i PRO sono condotti in condizioni più simili alla pratica clinica della vita reale con protocolli di trattamento meno standardizzati, una popolazione di pazienti più eterogenea e una terapia del paziente personalizzata.5 Studi clinici con terapia topica a combinazione fissa di CBD hanno riportato dati relativi all'efficacia del trattamento . I risultati di due studi clinici hanno mostrato una migliore efficacia del trattamento7 e un livello più elevato di soddisfazione del trattamento8 con la sospensione topica a combinazione fissa di CBD rispetto ai singoli agenti.7,8 Uno studio che ha valutato i punteggi dell'indice di qualità della vita di dermatologia in un post hoc analisi, ha riportato miglioramenti di 5,8 e 6,4 punti rispettivamente alla settimana 4 e alla settimana 8 per la sospensione topica CBD

MODELLO DI DATI DI EFFICACIA DELLA VITA REALE

Lambert et al.9 hanno recentemente condotto uno studio osservazionale, lo studio PRO-long (Patient Reported Outcomes in a long term study), per valutare l'efficacia clinica del trattamento topico combinato con CBD per la psoriasi.9 Lo studio ha confrontato le prospettive dei pazienti su due formulazioni, una sospensione e un unguento, in uno studio prospettico di 52 settimane sull'efficacia nella vita reale. Sono stati pubblicati i dati dell'analisi ad interim di 12 settimane.

L'endpoint primario era la differenza nell'efficacia clinica tra le due formulazioni. L'efficacia è stata valutata misurando la percentuale di pazienti con malattia controllata, definita come “lieve” o “molto lieve” dalla valutazione globale della gravità della malattia del paziente. L'efficacia è stata valutata anche utilizzando le risposte dei pazienti ai questionari sul comportamento di aderenza, la soddisfazione del trattamento e la QoL.

Alla settimana 12, una percentuale simile di pazienti in ciascun gruppo (sospensione del 71,9% vs unguento al 65,7%, i numeri non erano significativamente differenti) ha riportato una malattia controllata. Pertanto, come ci si potrebbe aspettare, non sono state osservate differenze complessive nel dominio di efficacia del questionario sulla soddisfazione del trattamento a nove voci per i farmaci (TSQM-9) tra i due gruppi di trattamento; l'unico elemento in questo dominio in cui c'era una differenza significativa era il tempo di applicazione, dove la sospensione ha ottenuto un punteggio significativamente superiore all'unguento (P= 0,013). Tuttavia, è stata osservata una differenza significativa nel punteggio complessivo del dominio della convenienza, con il gruppo di sospensione che ha ottenuto un punteggio significativamente più alto del gruppo unguento (P= 0,014). Un numero maggiore di pazienti che utilizzavano la sospensione ha risposto positivamente alle domande sulla facilità d'uso del trattamento (P= 0,050) e facilità di pianificazione del trattamento (P= 0,014) rispetto ai pazienti che utilizzavano l'unguento. Complessivamente, questi dati mostrano che i pazienti consideravano la formulazione in sospensione più veloce, più facile da usare e più conveniente rispetto alla formulazione unguento. Questi risultati sono coerenti con i dati PRO precedentemente riportati dagli studi clinici sulla sospensione topica a combinazione fissa di CBD e suggeriscono che il trattamento con sospensione topica di CBD è efficace e ben tollerato e migliora la qualità della vita nei pazienti con psoriasi volgare.3,4

CONCLUSIONE

I dati PRO sono una componente importante nella valutazione della prospettiva del paziente sulla terapia topica della psoriasi. Mentre gli RCT possono determinare l'efficacia e il profilo di sicurezza di un farmaco, i dati PRO forniscono informazioni importanti sull'accettazione e l'aderenza del paziente. I dati PRO di uno studio osservazionale di 12 settimane hanno mostrato che una sospensione topica di CBD ha migliorato la qualità della vita nei pazienti con psoriasi volgare. Questi dati evidenziano l'importanza per i dermatologi di utilizzare i dati sulle preferenze dei pazienti, come riportati negli studi di efficacia, insieme ai dati di efficacia e sicurezza nel prendere decisioni di trattamento per i loro pazienti con psoriasi.

Note a piè di pagina

DIVULGAZIONE:Il dottor Zeichner è stato consulente per LEO Pharma Inc.

Riferimenti

1. Langley RG, Krueger GG, Griffiths CE. Psoriasi: epidemiologia, caratteristiche cliniche e qualità della vita. Ann Rheum Dis. 2005;64(Suppl 2): ​​ii18 – ii23. (Articolo gratuito PMC) (PubMed) (Google Scholar)
2. Menter A, Korman NJ, Elmets CA, et al. Linee guida di cura per la gestione della psoriasi e dell'artrite psoriasica. Sezione 3. Linee guida di cura per la gestione e il trattamento della psoriasi con terapie topiche. J Am Acad Dermatol. 2009;60: 643–659. (PubMed) (Google Scholar)
3. Menter A, Gold LS, Bukhalo M, et al. Calcipotriene più betametasone dipropionato sospensione topica per il trattamento della psoriasi volgare da lieve a moderata sul corpo: uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato dal veicolo. J Drugs Dermatol. 2013;12: 92–98. (PubMed) (Google Scholar)
4. Papp KA, Guenther L, Boyden B, et al. Inizio d'azione ed efficacia precoci di una combinazione di calcipotriene e betametasone dipropionato nel trattamento della psoriasi. J Am Acad Dermatol. 2003;48: 48–54. (PubMed) (Google Scholar)
6. Food and Drug Administration. Guida per l'industria. Misure dei risultati riferiti dai pazienti: uso nello sviluppo di prodotti medici per supportare le dichiarazioni di etichettatura. Dicembre 2009. Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti. (Articolo gratuito PMC) (PubMed)
7. van de Kerkhof PC, Hoffmann V, Anstey A, et al. Una nuova formulazione del cuoio capelluto di calcipotriolo più betametasone dipropionato rispetto a ciascuno dei suoi ingredienti attivi nello stesso veicolo per il trattamento della psoriasi del cuoio capelluto: uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato. Br J Dermatol. 2009;160: 170–176. (PubMed) (Google Scholar)
8. Luger TA, Cambazard F, Larsen FG, et al. Uno studio sulla sicurezza e l'efficacia della formulazione del cuoio capelluto di calcipotriolo e betametasone dipropionato nella gestione a lungo termine della psoriasi del cuoio capelluto. Dermatologia. 2008;217: 321–328. (Articolo gratuito PMC) (PubMed) (Google Scholar)
9. Lambert J, Hol CW, Vink J. Efficacia nella vita reale di calcipotriolo e betametasone dipropionato una volta al giorno in gel rispetto alle formulazioni di unguento nella psoriasi vulgaris: risultati provvisori di 4 e 12 settimane dallo studio PRO-long. J Eur Acad Dermatol Venereal, 2014;28(12): 1723–1731. (PubMed) (Google Scholar)

Articoli da Il Journal of Clinical and Aesthetic Dermatology sono forniti qui per gentile concessione di Matrix Medical Communications

Psorilax:Basso costo |crema dermo per psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, quanto costa

La psoriasi è un processo patologico imprevedibile che può colpire non solo la pelle delle mani, dei piedi, della testa, ma anche delle articolazioni, delle unghie e degli occhi. Ma a causa di cosa si manifesta e cosa fare se si verifica un'esacerbazione della malattia?

La psoriasi o il lichene squamoso è una malattia cronica non trasmissibile.

Di solito è caratterizzato dalla comparsa di macchie rosa sulla pelle che coprono fiocchi bianchi secchi. Nel tempo, le aree colpite si ingrossano, ricoperte da una crosta. La malattia è caratterizzata da periodi di remissione e ricaduta, alternati a seconda dei fattori provocatori.

Cause di esacerbazione della malattia

Molto spesso, i fattori dipendono dalle caratteristiche individuali di una persona. Ma ci sono ancora cause comuni che portano allo sviluppo del lichene squamoso.

Le fonti della malattia possono essere:

  • stress, tensione e stress,
  • sistema immunitario indebolito
  • danni chimici e meccanici alla pelle,
  • attività fisica prolungata,
  • nutrizione squilibrata e mancanza di vitamine e minerali essenziali,
  • cambiamenti ormonali durante la gravidanza,
  • abuso di sigarette e alcol,
  • un brusco cambiamento del clima
  • alcuni ingredienti nei cosmetici
  • interruzioni nel sistema endocrino,
  • prendendo ormoni
  • patologie infettive e virali,
  • gli effetti negativi degli antibiotici, delle vaccinazioni e di alcuni tipi di dispositivi medici.

Remissione della psoriasi: che cos'è?

Il termine remissione si riferisce all'indebolimento temporaneo o alla completa scomparsa dei sintomi della malattia. Per quanto riguarda la psoriasi, questa condizione significa l'attenuazione del processo infiammatorio, la scomparsa delle placche psoriasiche e le sensazioni spiacevoli (prurito, desquamazione).

In questo caso, il paziente dovrebbe capire che il periodo di remissione non è un recupero. Anche dopo il ripristino e la guarigione della pelle, i cambiamenti patologici sono preservati nel derma e in qualsiasi momento può verificarsi un'esacerbazione del processo psoriasico. Durante i periodi di miglioramento, il compito più importante del paziente e del medico è seguire misure preventive e assumere farmaci che possano mantenere e prolungare lo stato di remissione.

Come ottenere la remissione della psoriasi?

Per ottenere la remissione della psoriasi, è necessario seguire attentamente le raccomandazioni del medico curante e riconsiderare completamente lo stile di vita. La complessa terapia della psoriasi include le seguenti misure:

Trattamento sistemico

I seguenti farmaci sono prescritti ai pazienti:

  1. Antistaminici per alleviare il prurito e l'infiammazione,
  2. Farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS),
  3. Antibiotici (con l'attaccamento di infezioni secondarie),
  4. Nelle forme gravi di psoriasi vengono prescritti citostatici (Sandimun, Methotrexate), retinoidi arotmatici.

Inoltre, la composizione della terapia complessa comprende preparati di calcio, tiosolfato di sodio, diuretici. Questo ti permette di purificare il corpo dalle tossine ed eliminare il gonfiore. Complessi vitaminico-minerali e corticosteroidi aiutano a rafforzare l'efficacia del trattamento. Per mantenere il sistema nervoso vengono prescritti sedativi e antidepressivi.

Trattamento della psoriasi esterna

Un ruolo importante nel raggiungimento della remissione della psoriasi è svolto da agenti esterni (unguenti, gel, soluzioni, creme, aerosol). Il loro utilizzo consente di rimuovere rapidamente i sintomi dolorosi, eliminare prurito, infiammazione e prevenire la comparsa di nuove eruzioni cutanee.

Particolarmente apprezzati sono gli unguenti e le creme a base di acido salicilico, zinco, catrame, olio di naftalina e solidolo. L'industria farmaceutica produce molti farmaci basati su questi componenti, possono essere utilizzati a lungo, perché non creano dipendenza e hanno un minimo di effetti collaterali.

Con gravi manifestazioni di psoriasi, vengono utilizzati unguenti ormonali (Advantan, Dermoveit, Lokoid, Flucinar, Fluorocort e molti altri). Un medico dovrebbe prescrivere tali farmaci, dovrebbero essere usati in corsi brevi, poiché i farmaci a base di ormoni hanno molti effetti collaterali e controindicazioni.

Procedure fisioterapiche e dieta

Un grande aiuto per ottenere la remissione è fornito dalla fisioterapia. Per il trattamento della psoriasi viene utilizzato il metodo PUVA (i farmaci a base di psoraleni vengono prescritti contemporaneamente alle radiazioni ultraviolette). Inoltre, procedure come le applicazioni di paraffina per lesioni, crioterapia, terapia con eccimeri laser aiutano a migliorare.

Durante un'esacerbazione della psoriasi, al paziente viene prescritta una dieta di scarico. Nella fase più acuta della malattia, al paziente si consiglia il digiuno terapeutico e l'assunzione di acqua minerale calda, che consente di purificare il corpo dalle tossine. In futuro, devi seguire una dieta sana. Specialisti: i nutrizionisti ti aiuteranno a scegliere la dieta ottimale (leggi di più qui), che prolungherà il periodo di remissione.

Psoriasi in remissione

Dopo aver ottenuto la remissione della psoriasi, tutti gli sforzi dovrebbero essere volti a mantenere questa condizione e prevenire la ricaduta della malattia. Con il giusto approccio e l'osservanza delle misure preventive, il disturbo potrebbe non ricordare a te stesso per molto tempo, a volte per 2-3 anni. Quindi, scopriamo quali misure il paziente dovrebbe prendere per evitare esacerbazioni della psoriasi.

  • Gli esperti raccomandano per un po 'di tempo di continuare il trattamento e di assumere i farmaci necessari anche dopo che le manifestazioni visibili della psoriasi sono scomparse. È impossibile interrompere bruscamente il corso del trattamento, poiché negli strati profondi del derma il processo infiammatorio persiste e può portare a nuove esacerbazioni.
  • Dopo aver raggiunto una remissione stabile, non devono essere presi altri farmaci, ad eccezione di quelli prescritti dal medico per motivi di salute (cardiaci, antidiabetici, antipertensivi). I farmaci non controllati e non sistematici possono provocare reazioni allergiche e causare nuovamente l'esacerbazione della psoriasi.
  • Durante i periodi di remissione, è necessario identificare ed eliminare tempestivamente eventuali focolai di infezione nel corpo (sinusite, otite media, tonsillite, carie, colecistite, ecc.), Per prevenire raffreddori e ipotermia.
  • Evita le situazioni stressanti! Sovraccarico neuropsichico, superlavoro, esaurimento nervoso possono causare un'esacerbazione della malattia. Per rafforzare il sistema nervoso, bere sedativi a base di erbe (tintura di valeriana, motherwort, menta, marshmallow). Di grande importanza è l'atteggiamento psicologico e l'atteggiamento di una persona nei confronti della sua malattia. Non dovresti concentrarti sulle manifestazioni della malattia ed evitare la comunicazione con altre persone. È necessario lottare per l'adattamento in un ambiente sociale e professionale, questo aiuterà a evitare complessi inverosimili e stati depressivi.
  • Spesso la causa di eruzioni cutanee ripetute è un danno meccanico alla pelle (il cosiddetto fenomeno di Koebner). Pertanto, durante i periodi di remissione, proteggere la pelle dalla comparsa di abrasioni, ferite, tagli, ustioni. Per evitare graffi e graffi, accorcia le unghie.
  • Non lasciarti coinvolgere dall'esposizione al sole e restare a lungo esposto alla luce solare diretta. L'ultravioletto con psoriasi ha un effetto positivo, ma le radiazioni dovrebbero essere dosate.
  • Cerca di ridurre al minimo il contatto con prodotti chimici (vernici, pitture, solventi) e prodotti chimici domestici (polveri, detergenti). Possono facilmente provocare una reazione allergica e un'esacerbazione della malattia.
  • Quando si fa un bagno o una doccia calda, non usare salviette dure. Per lavare il corpo, acquista una spugna morbida e al posto del sapone (che irrita e asciuga la pelle), usa gel morbidi ipoallergenici o latte doccia. Dopo le procedure dell'acqua, la pelle non deve essere strofinata, deve essere tamponata con un asciugamano morbido e viene applicato un idratante ed emolliente. Questo aiuterà ad eliminare secchezza, prurito e desquamazione.
  • Scegli i vestiti giusti. Rifiuta i sintetici, tutte le cose e il lino dovrebbero provenire da materiali naturali (soprattutto dal cotone). Indossa un capospalla leggero e spazioso che non stringe il corpo, non schiaccia e non sfrega la pelle. Inoltre, la giusta scelta dell'abbigliamento risolverà il problema estetico. Se dai la preferenza ai tessuti leggeri, le squame psoriasiche fatiscenti saranno assolutamente invisibili sullo sfondo.
  • Se le placche psoriasiche sono localizzate sul cuoio capelluto, la tintura dei capelli e l'uso di altri cosmetici per lo styling (vernici, spray) sono controindicati. Inoltre, cerca di evitare gli effetti termici e rifiuta l'acconciatura quotidiana con un asciugacapelli e l'uso di stiratura o arricciatura.

Al fine di prolungare lo stato di remissione il più a lungo possibile, gli esperti consigliano di pulire periodicamente il corpo. A tale scopo vengono presi enterosorbenti (carbone attivo, Polysorb, Enterosgel, Sorbex). Tali farmaci aiutano a rimuovere allergeni, prodotti di decomposizione e sostanze tossiche dal corpo. È particolarmente importante assumere assorbenti per violazioni della dieta o dopo aver bevuto alcolici.

Durante il trattamento della psoriasi, il paziente è costretto a prendere molti farmaci, molti dei quali influenzano negativamente il sistema digestivo e sconvolgono l'equilibrio della microflora benefica. Preparati enzimatici e probiotici (Linex, Bifiform, Bifidumbacterin) aiuteranno ad eliminare la disbiosi e migliorare il funzionamento dello stomaco e dell'intestino.

Le esacerbazioni della psoriasi nella maggior parte dei casi provocano un indebolimento delle funzioni del sistema immunitario, quindi i medici raccomandano di prestare particolare attenzione al mantenimento delle difese del corpo. Il rafforzamento dell'immunità aiuterà a prendere farmaci immunomodulatori e complessi vitaminico-minerali. Dovrebbero essere prescritti dal medico curante; raccomandano un corso di terapia vitaminica due volte l'anno.

Trattamento termale per mantenere la remissione della psoriasi

Il ruolo più importante nel prolungare i periodi di remissione nella psoriasi è la terapia termale. Poche settimane in mare consentiranno di ottenere un miglioramento duraturo per molti mesi. Particolarmente utili per i malati di psoriasi sono la talassoterpia (bagni di mare), la fangoterapia, i bagni di idrogeno solforato e di radon, il trattamento con acque minerali.

Le località più famose della costa. Cura anche l'aria intrisa di iodio e bromuri. E l'acqua di mare è un vero magazzino di utili oligoelementi, contiene quasi l'intera tavola periodica (iodio, ferro, calcio, magnesio, potassio, sodio, fosforo, ecc.). E maggiore è la concentrazione di sali, maggiore è il beneficio che un paziente affetto da psoriasi può ottenere dall'acqua di mare. L'acqua di mare ha un potente effetto antibatterico, antisettico e stimolante, ravviva il potenziale energetico del corpo, attiva il sistema immunitario e aiuta a far fronte a qualsiasi infezione.

Gli impacchi di fango hanno un eccellente effetto terapeutico, perché oltre a minerali e vitamine, il fango terapeutico contiene una vasta gamma di sostanze biologicamente attive che influenzano favorevolmente la condizione della pelle problematica. Con la psoriasi, i medici consigliano di visitare le località del Mar Morto, dove ci sono tutte le condizioni per il trattamento e la riabilitazione di pazienti con gravi patologie dermatologiche. Le acque del Mar Morto sono caratterizzate dalla più alta concentrazione di sale, e i fanghi terapeutici hanno proprietà non meno uniche. Centinaia di migliaia di pazienti da tutto il mondo vengono qui ogni anno per la guarigione.

Inoltre, puoi andare in aree di villeggiatura situate sulle rive del Mar Rosso, Azov e Nero, prendere procedure mediche in sanatori specializzati in Bulgaria, Abkhazia, Crimea. Le sorgenti minerali e termali nel Caucaso sono un'eccellente opzione di trattamento. Fare il bagno in idrogeno solforato o bagni di radon, un ciclo di trattamento con acque minerali fornirà un potente effetto curativo. Secondo le statistiche, rimanere in mare per 4 settimane aiuta l'80% dei pazienti con psoriasi a raggiungere una remissione stabile e dimenticare le manifestazioni della malattia per diversi anni.

Se non c'è modo di andare alla località balneare, fai attenzione ai laghi salati, che sono quasi ovunque in Russia. Le acque salate di tali serbatoi non aiutano peggio dell'acqua di mare. Contengono un insieme unico di oligoelementi e in combinazione con fango di limo e ultravioletti fanno miracoli. L'acqua salata (salamoia) è molto concentrata nei laghi e quindi è necessario nuotare in uno stagno per non più di 15 minuti, poiché il corpo sperimenta un effetto potente, con un carico elevato sul sistema cardiovascolare e nervoso.

La terapia termale per la psoriasi è considerata il fattore principale che consente di consolidare i risultati del trattamento. Permette al paziente di dimenticare la malattia e vivere una vita piena per molto tempo.

Regolazione dello stile di vita e della nutrizione

Per mantenere l'effetto di remissione della psoriasi, è semplicemente necessaria una dieta adeguata. La dieta dovrebbe essere progettata in modo tale che gli alimenti alcalini prevalgano nel menu giornaliero. La frutta e la verdura fresca hanno tali proprietà alcaline, aiutano a mantenere l'equilibrio acido-base e forniscono l'immunità.

I prodotti che formano acidi includono proteine ​​e amido. Questo è, prima di tutto, prodotti a base di carne, grassi animali. Quindi cereali, patate, latticini grassi (formaggio, panna, panna acida). Il loro contenuto nella dieta dovrebbe essere due volte inferiore al volume dei prodotti con proprietà alcaline.

Quale dovrebbe essere la base della dieta quotidiana?
  • La dieta quotidiana dovrebbe essere il 50% di frutta e verdura fresca. Dovrebbero essere preparate insalate di barbabietole, carote, cavoli conditi con olio vegetale naturale. È utile mangiare cetrioli freschi, cipolle, sedano, aglio, varie verdure.
  • Le proteine ​​(proteine) devono essere incluse nella dieta. Possono essere ottenuti da varietà a basso contenuto di grassi di carne e pesce, noci, semi.
  • I carboidrati complessi presenti nei legumi, nel grano saraceno o nell'orzo completano questo insieme di alimenti.

Si consiglia di escludere completamente dolci e carboidrati semplici. Puoi sostituirli con frutta secca: uvetta, albicocche secche, datteri. È utile consumare oli vegetali (girasole, oliva), prodotti a base di latte acido a basso contenuto di grassi, ricotta.

Un prerequisito della dieta durante i periodi di remissione è l'assunzione di liquidi sufficiente. Un giorno consiglia di bere almeno 8-10 bicchieri di acqua potabile pulita. Questo volume può includere succhi, bevande alla frutta, composte, tisane. Durante il digiuno e i “giorni di fame” si consiglia di bere acqua minerale. Il medico curante ti aiuterà a scegliere l'acqua curativa, tenendo conto del contenuto di minerali utili.

Perché la malattia peggiora in inverno e in estate

Spesso la malattia si manifesta nella stagione fredda, poiché durante questo periodo l'immunità umana viene ferita. In inverno, i microrganismi dannosi sono più attivi, quindi hanno maggiori probabilità di infettare un organismo debole. I raggi solari hanno un effetto positivo sull'epidermide, ma una quantità eccessiva di radiazioni ultraviolette, soprattutto d'estate, provoca la formazione di placche sulla pelle.

Quanto dura la fase di ricaduta?

Di solito l'esacerbazione dura in media 17 giorni. Ma questo è a condizione che venga effettuato il trattamento. Se non aderisci alle misure preventive, la psoriasi si manifesta da cinque a dieci volte all'anno. La malattia non è guarita per sempre. La massima remissione può essere raggiunta solo grazie ai consigli di un medico.

Se la psoriasi peggiora, cosa fare

Quando si notano abbondanti eruzioni cutanee sull'epidermide, vale la pena andare a un appuntamento con un dermatologo.

Se le articolazioni sono colpite, l'esame viene eseguito da un reumatologo o da un ortopedico.

Il medico porrà domande per stabilire la causa esatta della comparsa di formazioni sul corpo e condurre le misure diagnostiche necessarie: esame visivo, studi di laboratorio e strumentali.

Con forme lievi di licheni squamosi, la conta ematica è normale. Se la condizione è grave, vengono rilevati processi infiammatori, reumatismi o disturbi endocrini. A volte, un esame istopatologico di campioni di pelle e una biopsia sono necessari per chiarire la diagnosi.

Come alleviare rapidamente l'esacerbazione della psoriasi a casa

Dopo la diagnosi, il medico, tenendo conto delle condizioni del paziente, prescriverà una terapia complessa che ha cinque obiettivi:

  • eliminazione dell'infiammazione,
  • rimozione di una reazione allergica,
  • disintossicazione del corpo
  • rafforzare l'immunità
  • diminuzione dell'eccitazione nervosa.

Trattamento farmacologico

La terapia tradizionale consiste nel trattare le zone colpite con unguenti, creme, gel e farmaci orali.

  1. Glucocorticosteroidi. Il mezzo più veloce. Hanno molti effetti collaterali e controindicazioni. Sono usati solo nella psoriasi grave con la nomina di un medico. Questi farmaci creano dipendenza: una diminuzione dell'effetto terapeutico, quindi devono essere utilizzati solo per un mese. Dermoveit è un forte glucocorticosteroide. Più debole: Lokasalen, Uniderm, Nazakort.
  2. Unguenti, gel e spray non ormonali. Препараты медленно убирают симптомы псориаза. Но они безопаснее. Средства, как и глюкокортикостероиды, снимают раздражение, оказывают антимикробное действие. Самые распространённые из них салициловая и цинковая мази, крем «Цинокап».
  3. Гепатопротекторы. I farmaci sono necessari per mantenere il fegato, poiché la malattia interrompe la sua funzione. I farmaci di questo gruppo includono: “Karsil”, “Heptral”.
  4. Sorbenti. La pulizia del corpo dalle sostanze tossiche comporta una lunga assunzione di carbone attivo. Per accelerare la disintossicazione, il medico prescrive – “Smecta”, “Enterosgel”, “Polysorb” o “Sorbex”.
  5. Sedativi. I farmaci supportano il sistema nervoso centrale, indebolito durante la malattia. Questi sono medicinali: Persen, Parasidol, Imizin, infusi alcolici di valeriana o motherwort.
  6. Antistaminici. Allevia il prurito e l'irritazione. Questi includono Suprastin, Tavegil e Claritin.

Assunzione di vitamine

Le vitamine normalizzano il metabolismo, saturano le cellule della pelle con l'ossigeno, accelerano il rinnovamento epidermico e rafforzano l'immunità. Pertanto, la loro assunzione è importante per un paziente con psoriasi. Le principali vitamine necessarie per il trattamento del lichene squamoso: gruppi B, A, E, C, P.

Alcuni preparati contenenti queste sostanze devono essere somministrati per via endovenosa, sottocutanea o intramuscolare:

Altri sono meglio assorbiti dalla somministrazione orale:

Fisioterapia

Se i farmaci non sono abbastanza efficaci, il medico prescrive la fisioterapia, che aiuta ad alleviare i sintomi acuti della psoriasi e accelera la guarigione delle aree della pelle colpite.

  1. Crioterapia. Il metodo si basa sull'esposizione a zone infiammate a basse temperature o sul rapido raffreddamento del corpo, a seguito del quale viene ricostruito il sistema immunitario, che cambia il decorso della malattia.
  2. Terapia con onde d'urto. Le onde acustiche riducono l'infiammazione e accelerano la rigenerazione dell'epidermide.
  3. Idroterapia. Il metodo consiste nel prendere bagni di soda di conifere o di sale di conifere. I bagni con i sali del Mar Morto saranno efficaci.
  4. Fototerapia selettiva. L'essenza della manipolazione è colpire l'area interessata con un “colpo” pulsato, aumentando gradualmente la potenza della radiazione.
  5. Ultravioletti. I raggi UV riducono l'effetto delle cellule immunitarie sulle placche, favorendo la guarigione della pelle.
  6. Cambiamento climatico. Al paziente viene prescritto un trattamento nelle località del Mar Morto o del Mar Nero. L'azione dell'acqua di mare e del sole ha un effetto benefico sull'organismo: i sintomi della psoriasi diminuiscono o scompaiono, il sistema immunitario si rafforza.

Terapia dietetica

La dieta nella fase di remissione e esacerbazione della malattia gioca un ruolo importante, poiché è necessario migliorare il metabolismo e ridurre il carico su pancreas, fegato e reni.

Si consiglia di escludere i prodotti che causano allergie dal menu:

Sul tavolo deve essere costantemente presente:

  • Verdure fresche, frutta, bacche.
  • Zuppe vegetariane, cereali, stufati di verdure.
  • Il menu può includere pollo in umido o bollito, coniglio, vitello, pesce di fiume, prodotti scremati di latte acido.

Rimozione dell'infiammazione dal corpo con rimedi popolari

Il trattamento domiciliare è un metodo di terapia ausiliario e non dovresti fare affidamento completamente su di esso. Ma metodi alternativi, associati ai farmaci, possono far sentire meglio il paziente.

  1. Allevia l'irritazione, migliora le condizioni della pelle con impacchi di burro con propoli o purè di cipolle.
  2. Il catrame di betulla con alcol salicilico e olio di olivello spinoso aiuterà durante un'esacerbazione della malattia.
  3. L'olio di celidonia allevia il prurito, accelera la rigenerazione dell'epidermide.
  4. Strofinare con acqua e aceto eliminerà una forte sensazione di bruciore.
  5. Per il trattamento e la prevenzione della psoriasi vengono utilizzati unguenti a base di miele.
  6. Migliorano le condizioni della pelle, alleviano l'irritazione del bagno con decotti di piante medicinali: una corda, achillea, saponaria, valeriana o aghi di pino.

Come fermare lo sviluppo della patologia senza ormoni

I preparati per uso esterno sono divisi in 3 gruppi:

  1. a base vegetale (Antipsor, Acrustal, Kartalin),
  2. su sostanze minerali (pomata Rybakov),
  3. combinato (“Magnipsor”, “Cytopsor”).

I medici raccomandano anche l'uso di pomate saliciliche e zinco, Dayvoneks, Losterin, Tsinokap, Psoriaten.

Come trattare l'artrite psoriasica acuta

Il processo di trattamento della malattia è lungo e richiede una stretta aderenza alle raccomandazioni del medico. Oggi, gli esperti offrono cinque metodi nella lotta contro l'artrite psoriasica: terapia farmacologica, trattamento locale, fisioterapia, esercizi di fisioterapia e chirurgia.

Terapia farmacologica

La tecnica prevede l'assunzione di compresse e iniezioni.

  • Per ridurre l'infiammazione vengono prescritti farmaci antinfiammatori: “Diclofenac”, “Nimesulide”, “Meloxicam”.
  • I farmaci citostatici rallentano i processi patologici e di solito vengono assunti entro due anni. Tra questi, i più comunemente prescritti sono: Methotrexate, Sulfasalazine.
  • Sedativi – Persen e Afobazole aiutano con disturbi nevrotici e stress grave.
  • Gli immunomodulatori ripristinano le funzioni protettive del corpo. Per il trattamento complesso dell'artrite, sono adatti Immunal e Likopid.
  • Immunosoppressori – Adalimumab ed Etanercept sopprimono l'infiammazione nella psoriasi e nell'artrite.
  • Preparati multivitaminici – “Alphabet” e “Vitrum” vengono utilizzati per rafforzare l'immunità e come prevenzione dell'ipovitaminosi.

Trattamento locale

Il metodo consiste nell'applicare gel e unguenti speciali alle aree colpite della malattia. I farmaci ormonali come Fluorocort, Sinalar hanno un effetto maggiore.. In alternativa, i medici offrono un unguento salicilico, poiché lenisce, accelera la riparazione del tessuto cutaneo e allevia l'infiammazione.

Quali prodotti sono vietati?

Con la psoriasi, è vietato mangiare cibi con un alto indice di attività allergica. Il loro uso può causare reazioni indesiderate e portare a un'esacerbazione della malattia. Questi prodotti includono:

  • Agrumi
  • Bacche e frutti di colore rosso e arancione,
  • Cioccolato,
  • Uova di gallina,
  • Frutti di mare,
  • Noccioline
  • Funghi
  • Dolci,
  • Bevande gassate contenenti conservanti e coloranti artificiali.

Inoltre, il paziente deve escludere dalla dieta cibi piccanti, salati, grassi e affumicati, rifiutare fast food, cibo in scatola e altri prodotti contenenti conservanti o carboidrati “veloci”. Il cibo è meglio non friggere, ma cuocere a vapore, bollire o cuocere. Non lasciarti coinvolgere da grassi animali e latticini ad alto contenuto di grassi, non dovresti bere tè e caffè forti.

Sotto il divieto speciale di bevande alcoliche. Studi a lungo termine hanno dimostrato che il consumo di alcol è direttamente associato ad esacerbazioni del processo psoriasico e ad un aumento delle lesioni. Inoltre, l'alcol etilico ha un effetto estremamente negativo sul fegato, che già risente degli effetti tossici dei farmaci usati per curare la psoriasi.

Pertanto, oltre ad adattare la dieta, il paziente dovrà riconsiderare l'intero stile di vita. Per prolungare la remissione, è necessario dimenticare le cattive abitudini e snellire il regime. Il rispetto del regime della giornata, la corretta alternanza di periodi di lavoro e riposo contribuiranno a ridurre lo stress fisico e nervoso ed eliminare il fattore di stress.

Inoltre, durante i periodi di remissione, lo sport, l'attività fisica praticabile, le procedure per indurire il corpo e rafforzare l'immunità sono i benvenuti. Al paziente si consigliano lunghe passeggiate all'aria aperta, maggiore attività, bagni di sole dosati.

Tutte le raccomandazioni di cui sopra mirano a raggiungere l'unico obiettivo: estendere lo stadio di remissione della psoriasi, prevenire le ricadute e riportare il paziente a una vita piena e piena.

Fisioterapia

La terapia viene solitamente eseguita durante il periodo di miglioramento della malattia. Nel processo vengono utilizzati bagni terapeutici, acque minerali, bagni di paraffina e ultrasuoni. In questo momento è consigliabile un massaggio articolare.

Il metodo ha lo scopo di migliorare le funzioni motorie delle articolazioni utilizzando una serie di esercizi sui piedi e sulle mani.

Intervento chirurgico

Quando la terapia conservativa non ha dato risultati o in un caso piuttosto avanzato, vengono prescritte le operazioni. L'intervento chirurgico è necessario per sconfiggere l'artrite psoriasica delle grandi articolazioni – ginocchio e anca. In questo caso, vengono sostituiti con impianti.

Il lichene squamoso è una grave malattia cronica. I periodi di remissione con invidiabile costanza sono sostituiti da esacerbazioni. Per evitare complicazioni durante la ricaduta, è necessario iniziare la terapia in modo tempestivo sotto la supervisione di un medico. Solo il trattamento complesso prescritto dal medico aiuterà a fermare il progresso della malattia.

Cosa aspettarsi durante la remissione nella psoriasi?

La remissione può verificarsi dopo il trattamento efficace della psoriasi.

La psoriasi manifesta la sua attività in cicli di remissioni e focolai.

Le remissioni a volte sono il risultato del trattamento, ma è molto difficile prevedere come si comporterà la psoriasi in una persona nel tempo e come questa condizione medica risponderà alla terapia.

Alcune persone sperimentano remissioni spontanee che si verificano per ragioni non ovvie.

Durante la remissione, alcune persone notano una significativa diminuzione dei sintomi, mentre altri potrebbero scoprire che la loro pelle è completamente pulita. Tuttavia, una volta che i sintomi tornano anche in quei pazienti che osservano rigorosamente le raccomandazioni terapeutiche del medico.

Come si manifesta la malattia

L'eruzione cutanea con la malattia è spesso localizzata nella regione delle ginocchia e dei gomiti, colpisce la pelle sotto i capelli. Le macchie sono placche arrotondate, la cui superficie è ricoperta di squame. Il colore delle formazioni varia dal rosa al rosso vivo. Sono elevati sopra il livello della pelle e si trovano principalmente in modo simmetrico, a volte possono concentrarsi su una certa parte del corpo, mentre hanno l'aspetto di strisce peculiari.

Nella fase iniziale, la dimensione delle placche è di pochi millimetri, ma con il progredire della malattia possono raggiungere i 10 cm o più. La pelle è secca, squamosa e soggetta a sanguinamento.

La malattia può colpire parzialmente la pelle quando ci sono diversi punti di dimensioni diverse, o quasi completamente, con i fuochi che si diffondono alla maggior parte del corpo.

Quanto durano le remissioni?

La psoriasi è un disturbo imprevedibile. La durata delle remissioni in diversi casi differisce: da diverse settimane a diversi mesi e persino anni.

Tuttavia, nella maggior parte delle persone, le remissioni si osservano da un mese a un anno.

L'inizio della fase inattiva della psoriasi e la sua durata dipendono da diversi fattori. Ad esempio, alcune persone hanno remissioni in estate e quando arriva l'inverno si sviluppano focolai.

Come prevenire i focolai di psoriasi?

La psoriasi è una condizione medica cronica, quindi un focolaio in ogni caso un giorno cambierà la remissione. Tuttavia, alcune strategie terapeutiche e cambiamenti positivi nello stile di vita possono prolungare i periodi di remissione.

Gli esperti ritengono che lo sviluppo della psoriasi sia influenzato da una combinazione della componente genetica e dei fattori provocatori esterni, che sono comunemente chiamati trigger nella pratica medica. Tuttavia, gli studi dimostrano che questa condizione non si verifica in ogni persona tra coloro che hanno ereditato uno o più geni specifici della psoriasi. Ciò significa che se le persone evitano i trigger esterni, possono ridurre al minimo il rischio di psoriasi e riportare la malattia a uno stadio attivo dopo la remissione.

Prodotti farmaceutici

I seguenti farmaci possono scatenare focolai di psoriasi.

  • farmaci antimalarici
  • propranololo usato per trattare la pressione sanguigna alta (ipertensione),
  • indometacina, un membro del gruppo dei farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS),
  • litio prescritto per alcuni disturbi mentali
  • chinidina usata per trattare problemi cardiaci.

Danni alla pelle

La psoriasi si sviluppa spesso nelle aree danneggiate della pelle. Punture o graffi, così come punture di insetti e scottature solari, possono scatenare i sintomi.

Lo stress è un potenziale fattore scatenante per molti disturbi autoimmuni cronici, inclusa la psoriasi. Speciali tecniche di rilassamento possono ridurre lo stress e quindi alleviare o prevenire i sintomi. Queste tecniche includono yoga, meditazione e esercizi di respirazione.

Le infezioni indeboliscono il sistema immunitario, che a volte colpisce la psoriasi. L'infezione da streptococco o la gola da streptococco (mal di gola) possono provocare la cosiddetta psoriasi a forma di goccia.

Altre infezioni che possono causare focolai di psoriasi includono quanto segue:

  • bronchite,
  • Infezioni respiratorie
  • infezioni della pelle
  • tonsillite.

Fattori dietetici

Alcune persone credono che la dieta e le allergie alimentari possano influenzare i sintomi della psoriasi. Gli scienziati suggeriscono che la carenza di vitamina D può essere associata non solo alla psoriasi, ma anche ad altre malattie autoimmuni.

I sintomi della psoriasi spesso si attenuano in estate e nei mesi invernali iniziano a peggiorare. Il freddo è un fattore scatenante comune per i focolai di psoriasi.

Farmaci topici

La psoriasi da lieve a moderata può regredire dopo l'uso di creme e unguenti, ad esempio:

  • inibitori della calcineurina che bloccano l'infiammazione e la formazione di placche psoriasiche,
  • catrame di carbone per eliminare squamose, prurito e infiammazioni sulla pelle,
  • corticosteroidi per alleviare l'infiammazione e il prurito,
  • creme idratanti per combattere prurito e secchezza,
  • acido salicilico per rimuovere le cellule morte della pelle e parti di pelle squamosa,
  • retinoidi topici, cioè derivati ​​della vitamina A, che aiutano a ridurre il grado di infiammazione.
  • analoghi della vitamina D, cioè forme sintetiche di vitamina D.

Questi farmaci non sono adatti a tutti i pazienti. Ad esempio, alcuni retinoidi non possono essere utilizzati durante la gravidanza.

Per gestire con successo i sintomi della psoriasi, molte persone devono utilizzare diversi farmaci dall'elenco sopra.

Terapia della luce

La fototerapia o terapia della luce prevede l'uso di raggi ultravioletti per alleviare i sintomi della psoriasi. Questo tipo di trattamento può essere fornito dall'esposizione al corpo di luce naturale o dal paziente che riceve determinate dosi di radiazioni ultraviolette artificiali.

Se una persona vuole provare la fototerapia, prima dovrebbe discutere questo problema con un medico. Lo specialista spiegherà tutti i benefici di questo trattamento e parlerà dei suoi effetti collaterali, tra cui pelle secca, nausea e eruzioni cutanee.

Farmaci sistemici

Le persone con forme gravi di psoriasi possono aver bisogno di farmaci orali o iniettabili, che sono anche chiamati farmaci sistemici, poiché influenzano tutte le cellule del corpo.

Questi farmaci includono quanto segue:

  • agenti biologici che influenzano il sistema immunitario,
  • ciclosporina, che sopprime l'attività del sistema immunitario,
  • metotrexato, che rallenta la formazione delle cellule della pelle e riduce l'infiammazione,
  • retinoidi orali o derivati ​​della vitamina A.

Systemic drugs can cause severe side effects, therefore, as a rule, doctors prescribe them for a short period of time and suggest using them with topical creams or phototherapy.

Lifestyle & Home Care Methods

Alcohol and smoking can trigger psoriasis symptoms.

If a person suffering from psoriasis wants to improve his condition by making changes in his lifestyle, then, first of all, he should think about how to avoid stress, cigarette smoke and other provoking factors, including cold weather.

You can also try home care methods. The following are recommendations that can not be cured of psoriasis, but itching, dryness and other uncomfortable symptoms can be alleviated:

  • apply aloe vera gel to relieve redness and itching,
  • Avoid alcohol and smoking
  • take baths with colloidal oatmeal or Epsom salt,
  • take omega-3 fatty acid supplements
  • Use moisturizers every day to treat dry skin, especially during the winter months.

Prospects

Psoriasis is a disorder that usually manifests itself in waves of outbreaks and remissions. Although this condition worries people until the end of life, its symptoms can be alleviated by the use of drugs and positive changes in lifestyle.

To achieve remissions, triggering factors should be avoided and the available treatment options discussed with your doctor. Modern medicine offers patients with psoriasis a number of effective therapeutic strategies. People usually try several different treatment approaches to find one that works best.

Even when psoriasis goes into the active stage, home care methods and topical ointments can be used to minimize discomfort.

Non-drug treatments

According to statistics, a list of the main methods of treating psoriasis is arranged in this sequence (as the effectiveness decreases):

An active lifestyle, including any moderate physical activity, improves the general condition of the patient, improves immunity and psychological comfort. This, in turn, has a positive effect on the dynamics of the treatment of psoriasis.

Internal complex therapy

Комплексное лечение заболевания всегда преследует три цели: устранение причины обострений, избавление от симптомов и поддержание иммунитета на должном уровне. Unfortunately, even this approach does not help to recover completely, but only to extend the period of remission as much as possible.

Internal therapy includes the following drugs:

In addition, multivitamins (Aevit, Complivit, Decamevit) are mandatory – a monthly course twice a year.

Outdoor facilities

These drugs are selected taking into account the form and severity of the disease.

In mild cases, non-hormonal ointments and gels are indicated; in more severe cases, therapy may include hormone-containing agents.

The most common external drugs are:

Unfortunately, external remedies can only eliminate or reduce the symptoms of the disease, but are not able to cure it. Only a combination of several methods and an individual approach to the treatment of each patient help achieve sustainable remission.

Alternative medicine

Therapy of psoriasis with alternative methods is advisable only if the disease is not accompanied by pathological changes in the joints (finger deformation, night pain), a violation of the general condition of the body (temperature or weakness). The area of ​​rashes should not exceed 3% of the entire surface of the skin.

Treatment of psoriasis at home is not carried out if the disease proceeds in a generalized form.

Here are some pretty effective recipes that improve your skin condition for psoriasis:

  1. Grind fresh calendula flowers, celandine root and propolis (10 g each) in a mortar, add St. John's wort (20 g) and 1 teaspoon of vegetable oil. Apply the mixture 3 times a day to the affected area.
  2. Lubricate the spots with tar, rinse with tar soap. It is better to carry out the procedure before bedtime, since the product has a specific smell that lasts several hours after washing off. Start with 10 minutes, then bring the exposure time to 40 minutes.
  3. Beat 2 chicken eggs with half a tablespoon of acetic acid and a tablespoon of vegetable oil. Lubricate the foci before bedtime.
  4. Tear out the celandine with a root, wash, grind and squeeze the juice. Lubricate locally every stain. To process the entire flowering season.
  5. Brew 1 tablespoon of dry pulp with 250 ml of boiling water. Insist 1 hour and strain, add water to obtain the original volume, take 50 ml before each meal.

Sometimes herbal remedies are much more effective than pharmacotherapy, so this treatment has a right to exist. In any case, the tactics of therapy are selected individually by trial and error. But with severe forms and a large area of ​​damage, treatment is recommended to be carried out in a hospital.

The most effective medicines

You can quickly get rid of symptoms with the help of drugs: Psoril, Methotrexate, Neotigazone. Their reception is necessarily complemented by external processing.

Adequate treatment is possible only after a complete examination of the patient. This is a lengthy process, which at times will not give a result, so it must occur under the constant supervision of a doctor.

Only a specialist can determine the effectiveness of the technique and choose a method that will provide the patient with a long-term remission.

What is psoriasis?

Psoriasis or scaly lichen is a disease characterized by a chronic course, frequent relapses and remissions. In some patients, simultaneously with skin disease, there are lesions of the musculoskeletal system, as well as dysfunctions of some internal organs (liver, kidneys, etc.) and physiological systems (nervous, endocrine, etc.).

For many decades, psoriasis has been the subject of comprehensive study, and the famous aphorism of dermatovenerologist Auspitz, expressed by him at the end of the 19th century: “What psoriasis is, no one knows today” – it does not lose its significance even now, since not a single one of previously proposed or existing hypotheses is not universally accepted.

Prognosis – the disease is uncertain in terms of duration, timing of clinical recovery, relapse and exacerbation. In a significant part of patients, especially those who did not receive intensive treatment, primarily with corticosteroids and cytostatics, long-term, including spontaneous periods of clinical cure, are possible. The prognosis is less favorable for arthropatic psoriasis, which develops in some patients as a result of periarticular tissue infiltration.

Interphalangeal joints are most often affected, but large joints can also be involved in the pathological process and very rarely sacroiliac joints and spinal joints. Initially, patients are only concerned about pain in the joints (arthralgia, then their swelling develops, movements are limited, subluxations and dislocations appear. Osteoporosis and narrowing of the joint gap appear on radiographs. The process ends with ankylosis and persistent joint deformities, which can lead to disability. In contrast to disability. other psoriatic arthritis develops in the presence of characteristic rashes on the skin, often accompanied by nail damage, as well as exacerbation and remission of the joint process, usually adayut with aggravation on the skin.

Theories of Psoriasis

How to achieve persistent remission

Having established the patient with a diagnosis of psoriasis, a competent doctor will explain that the goal of the treatment is the longest possible remission. In the event of its occurrence, the psoriatic rash can completely resolve and clinical cure occurs, and in some cases the absolute majority of the elements is resolved, with the exception of several papules, usually located in “favorite” places (knees, elbows, scalp). These so-called “duty plaques” sometimes remain for years.

To achieve and maintain remission as long as possible, it is necessary to follow a diet and recommendations for a healthy lifestyle, sanitize the oral cavity, and other existing foci of chronic infection. It is during the period of remission that it is necessary to contact the infectious disease specialist for the treatment of opisthorchiasis and giardiasis, we also do not forget that at this time herbal medicine is aimed at improving the functions of the liver and gall bladder, taking hepatoprotective courses, treating dysbiosis and candidiasis, as well as sanatorium resort treatment.

Remember also about strengthening the immune system, regular, but moderate physical activity and walking in the fresh air. Strive for a positive attitude to all life events, remember that stress is a provocateur of new exacerbations of the disease.

Achieving remission of psoriasis is perhaps an occasion for further improvement, meditation, and the search for peace of mind, which will contribute to strengthening the nervous system and the stability of remission. It is imperative to praise yourself for any positive result achieved, adherence to recommendations and diet, and never indulge in despair. Remember that negative emotions are closed by a vicious circle and will cause a new aggravation of the skin process.

Kochergin N.G. Psoriasis: the latest news. Dermatology. Adj. Consilium Medicum 2007, 2: 14–7.

Skin Diseases: A Multi-Volume Guide to Dermatovenereology. – T.3 / Under the editorship of L.N. Mashkillayson. – M.: Medicine, 1964 .– 678s.

Skin and Sexually Transmitted Diseases: A Guide for Physicians. In two volumes. – 2nd ed., Revised. and add. – T.2 / Ed. Yu.K. Skripkina and V.N. Mordovtseva. – M .: Medicine, 1999 .– 880s.

Skin and sexually transmitted diseases / Ed. OK. Shaposhnikov. – M .: Medicine, 1985 .– 368 p.

Actual Dermatology / Ed. V.P. Adaskevich – M .: Medical book, N. Novgorod: Publishing house of the Novosibirsk State Medical Academy, 2000. – 306s.

Podgornova E.S. Dermatovenerologist of the highest category, MD

Psoriasis is characterized by a chronic course, the disease has been pursuing a person for years, exacerbating, then temporarily fading. Remission of psoriasis can last from 6 months to several years, during this period the main skin symptoms disappear and the patient forgets about his illness. But, unfortunately, modern medicine is not able to completely cure the disease and any adverse factor (stress, hypothermia, allergic reaction), can restart the pathological process. In this article, we will look at how to achieve remission in psoriasis.

Psoriasis is a severe dermatosis, which is manifested by damage to the skin, nails, and in complicated cases, and joints. For professionals, the origin of psoriasis is still a mystery. Scientists even apply the scientific term to it – a multifactorial disease, which, ultimately, does not mean anything concrete, but only confirms that the disease can arise from anything and anytime.

There are many hypotheses and theories in the medical community about the causes of psoriasis. This is genetic, viral, allergenic, infectious, neurogenic and others. Regardless of what the trigger of the disease is, the main efforts of doctors are aimed at achieving a stable and long-term remission that allows the patient to live a full life.

The term remission refers to the temporary weakening or complete disappearance of the symptoms of the disease. With regard to psoriasis, this condition means the attenuation of the inflammatory process, the disappearance of psoriatic plaques and unpleasant sensations (itching, peeling).

In this case, the patient should understand that the period of remission is not a recovery. Even after the restoration and healing of the skin, pathological changes are preserved in the dermis, and an exacerbation of the psoriatic process can occur at any time. During periods of improvement, the most important task of the patient and the doctor is to follow preventive measures and take medications that can maintain and prolong the state of remission.

How to achieve remission of psoriasis?

To achieve the remission of psoriasis, it is necessary to carefully follow the recommendations of the attending physician and completely reconsider the lifestyle. The complex therapy of psoriasis includes the following measures:

The following medications are prescribed to patients:

  1. Antihistamines to relieve itching and inflammation,
  2. Nonsteroidal anti-inflammatory drugs (NSAIDs),
  3. Antibiotics (with the attachment of secondary infections),
  4. In severe forms of psoriasis, cytostatics (Sandimun, Methotrexate), arotmatic retinoids are prescribed.

In addition, the composition of complex therapy includes preparations of calcium, sodium thiosulfate, diuretics are used. This allows you to cleanse the body of toxins and eliminate puffiness. Vitamin-mineral complexes and corticosteroids help strengthen the effectiveness of treatment. To maintain the nervous system, sedatives and antidepressants are prescribed.

An important role in achieving remission of psoriasis is played by external agents (ointments, gels, solutions, creams, aerosols). Their use allows you to quickly remove painful symptoms, eliminate itching, inflammation and prevent the appearance of new rashes.

Ointments and creams, zinc, tar, Naftalan oil, and solid oil are especially popular. The pharmaceutical industry produces many drugs based on these components, they can be used for a long time, because they are not addictive and have a minimum of side effects.

With severe manifestations of psoriasis (Advantan, Dermoveyt, Lokoid, Flucinar, Fluorocort and many others). A doctor should prescribe such drugs, they should be used in short courses, since hormone-based drugs have many side effects and contraindications.

Great help in achieving remission is provided by physiotherapy. For the treatment of psoriasis, the PUVA method is used (psoralen-based drugs are prescribed simultaneously with ultraviolet radiation). In addition, procedures such as paraffin applications for lesions, cryotherapy, laser excimer therapy help to improve.

The patient is prescribed an unloading diet. In the most acute phase of the disease, the patient is recommended therapeutic fasting and taking warm mineral water, which allows you to cleanse the body of toxins. In the future, you must adhere to a healthy diet. Specialists – nutritionists will help you choose the optimal diet (read more), which will extend the period of remission.

Is it possible to achieve remission

Experts give many tips on how to achieve remission of psoriasis. All of them have a relative positive effect and can extend the period of mitigation of symptoms:

  1. After the signs of pathology have disappeared, it is impossible to immediately stop taking medications: it is necessary to continue drug therapy until the removal of deep skin inflammations.
  2. Compliance with the diet and the Pegano principle – 70-80% of the diet should be alkali-forming products: fruits – apples, melon, bananas, citruses and their juices, vegetables (except for tomatoes, potatoes, peppers, eggplant), beans, pumpkin, cabbage, various fruit juices (grapes, pears, apricot, papaya, mango, pineapple, grapefruit and oranges) and vegetables (carrot, beetroot, onion, spinach, etc.), lemon tea, stewed fruits and vegetables, etc. 20-30% of the remaining food should be acid-forming foods containing protein, starches, sugar, fats and oils.
  3. Negative factors affecting the course of psoriasis should be avoided.
  4. You must play sports or take daily walks in the fresh air.
  5. Help sunbathing, visiting specialized tanning salons, swimming in radon springs.
  6. Repeated courses of physiotherapeutic procedures (paraffin baths, cryotherapy, laser excimer therapy, ultraviolet radiation, etc.).
  7. Avoid exposure to various chemicals on damaged skin (household chemicals, hair dyes, various chemical drugs).
  8. It is better to wear loose clothing and underwear made from natural fabrics.
  9. It is necessary to use soft washcloths and towels to avoid skin damage, wipe the body with soaking movements. Shampoos used in helium should be drug-based.
  10. If possible, all inflammatory processes in the body should be eliminated – to remove diseased teeth, to treat respiratory infections (rhinitis, sinusitis, sinusitis, pneumonia, etc.).

They also achieve remission in psoriasis in various additional ways that are not directly related to psoriasis:

  1. It is necessary from time to time to cleanse the body of toxins and toxins that provoke psoriasis: undergo treatment with sorbent preparations (Activated Carbon, Smecta, Sorbex, Enterosgel) in coordination with the doctor in charge, use cleansing enemas.
  2. It is necessary to take medications to restore intestinal microflora (Linex, Lactofiltrum, Bifiform, etc.) and hepatoprotectors (Essentiale Forte, Ursosan, Hepanorm, etc.).
  3. To stop allergic attacks, you need to take antihistamines, but only for medical purposes.
  4. It will help strengthen the protective functions of the body with folic acid preparations, vitamin and multivitamin complexes (A, I, C).

In addition, drugs containing calcium, sodium thiosulfate, and drugs with diuretic action are prescribed as complex therapy. They activate the excretory function of the kidneys, help in cleaning the genitourinary system of decay products and eliminate puffiness. To stabilize the nervous system and reduce emotional arousal, sedatives and antidepressants are taken.

Non-pharmacological methods of supporting the patient’s body are good for prolonging remission and rashes. Yoga classes affect the psycho-emotional state of a person, support and tone the muscle system.

Practical meditation can help overcome irritability, depression, and mental disorders. Homeopathy and apitherapy (treatment with bee stings, honey and propolis) also positively affect the relief of symptoms in psoriasis.

Summary and Conclusions

Thus, the basic rules for extending remission are as follows:

  • stabilization of the patient’s mental state,
  • identification and neutralization of harmful factors provoking an exacerbation of the disease,
  • diet and daily routine
  • refusal of alcohol, smoking.

It is useful to control the duration of the remission process.


Share

Pin

Tweet

Send

Share

Send

Send

Psorilax:Migliore online |la miglior crema per chi ha psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, ingredienti

La malattia-non-conosce-confini-né-salta-Celebrità-Psoriasi-cause-e-trattamento-da-piplum
La malattia della psoriasi non conosce confini né salta le celebrità.

Se affronti la psoriasi, quanto è devastante questa malattia …

Molto spesso cerchi disperatamente di trovare il “super trattamento” ma senza alcun successo …

Secondo psoriasis.org – La psoriasi colpisce tipicamente l'esterno dei gomiti, delle ginocchia o del cuoio capelluto, sebbene possa apparire in qualsiasi luogo.

Alcune persone riferiscono che la psoriasi lo è prurito, ustioni, e punture.

La psoriasi è associata ad altre gravi condizioni di salute, come diabete, malattie cardiache e depressione.

La psoriasi è a malattia cronica – significa che dura 1 anno o più e necessita di continuazione cure mediche o limitare le attività della vita quotidiana o entrambi.

È benigno e non contagioso.

La causa della psoriasi è sconosciuta.

Non è contagioso, ma spesso si verifica in alcune famiglie.

La malattia compare tipicamente per la prima volta nella giovane età adulta con aree cutanee arrossate e ispessite ricoperte da squame bianche.

Comunemente, le ginocchia e i gomiti sono colpiti, ma la psoriasi può apparire ovunque sulla pelle.

A volte puoi essere fuorviato:

Se stai riscontrando macchie fastidiose, squame o arrossamenti sulla pelle, potresti chiederti se hai la psoriasi o la rosacea. (Sulla rosacea puoi leggere in questo articolo: Quali sono le cause della rosacea? Come combattere i sintomi e trattare questa malattia.

Anche le persone più famose come Kim Kardashian West non possono liberarsi della psoriasi. La sua citazione su questa malattia:

Se hai la psoriasi, non puoi lasciare che ti rovini la vita o che abbia il meglio di te. @Kim Kardashian

Celebrity-Kim-Kardashian-West-Has-Psoriasis
“La psoriasi è la shi * s”. Kim Kardashian West sta combattendo con la psoriasi.

Cara Delevingne, una modella molto richiesta, dice di avere questa malattia. Ecco alcune sue citazioni:

  • “Giusto per ribadire, ho la psoriasi e lascia paura e Lo avrò per il resto della mia vita (sic) “
  • “Posso gestire i commenti negativi, ma ricordalo nessuno è perfetto. “
  • ABBRACCIA LA TUA INDIVIDUALITÀ! Ti rende ciò che sei x. “

È successo solo durante le settimane della moda, che sono, ovviamente, il periodo peggiore dell'anno per me in cui essere coperto di croste. La psoriasi è una malattia autoimmune e io sono sensibile. @Cara Delevigne.

Model-Actress-Cara-Delevingne-Psoriasis-quote
Cara Delevingne, che combatte la psoriasi, dice che nessuno è perfetto.

Quali sono le cause più comuni di psoriasi?

Nel pelle della psoriasi, le cellule dell'epidermide si dividono approssimativamente 7 volte più veloce del normale.

Sebbene La psoriasi non ha nulla a che fare con il cancro, secondo la Harvard Medical School può ancora causare alcuni tipi di cancro:

I ricercatori hanno scoperto che le persone con psoriasi avevano un aumentato rischio di sviluppare tumori tra cui tumori del colon, dei reni, della laringe, del fegato, del linfoma, del linfoma non Hodgkin, dell'esofago, del cavo orale e del pancreas.

Vale la pena leggere: come ridurre il rischio di cancro al seno. (Grafico informativo)

Hanno anche scoperto che le persone con psoriasi grave che hanno sviluppato il cancro avevano anche un aumento del rischio complessivo di morte.

La rapida divisione cellulare è accompagnata da diminuzione della maturazione cellulare.

Ciò comporta a formazione di scaglie pesanti.

I-sintomi-più-comuni-della-psoriasi-sono-eruzioni-cutanee-o-macchie-rosse
I sintomi più comuni della psoriasi sono eruzioni cutanee o macchie rosse

La rapida divisione cellulare e l'insufficiente maturazione cellulare sono causate da sostanze segnale rilasciate dai globuli bianchi (linfociti).

L'attivazione dei linfociti è probabilmente essenziale per lo sviluppo della psoriasi.

Cosa peggiora la psoriasi? I fattori aggravanti più comuni.

La psoriasi può verificarsi su aree della pelle che lo sono danneggiato da graffi, sfregamento, o gravi scottature.

Allo stesso modo, alcune infezioni, in particolare l'infezione da streptococco alla gola, possono causare un nuovo focolaio o aggravare un focolaio esistente.

Fatica e consumo di alcool sono anche comuni fattori aggravanti.

Ti potrebbe piacere: diabete gestazionale? Il modo migliore per affrontare i rischi della gravidanza.

Alcuni farmaci come il litio, i beta-bloccanti e i farmaci antimalarici a volte possono indurre un peggioramento.

La malattia è anche influenzata da clima.

È comune per la malattia peggiorare durante inverno e migliorare durante estate.

La psoriasi può peggiorare durante l'inverno e migliorare durante l'estate
La psoriasi può peggiorare durante l'inverno e migliorare durante l'estate

Diversi tipi di psoriasi articolare e ungueale.

La psoriasi appare in una varietà di forme.

Chiodi e articolazioni può essere attaccato.

La forma più comune appare con aree rosse e ispessite ricoperte da scaglie spesse e bianche.

Queste aree sono ben delimitate rispetto alla pelle normale, ma le aree colpite possono confluire insieme.

Tutte le aree della pelle possono essere attaccate, ma molti pazienti ne provano l'affetto ginocchia e gomiti.

È comune per entrambi i lati destro e sinistro essere attaccati allo stesso tempo.

La malattia appare anche comunemente nell'area del cuoio capelluto causando fastidiosa formazione di forfora.

Per alcuni, soprattutto pazienti in sovrappeso, la malattia può verificarsi nelle pieghe della pelle.

La formazione di scaglie pesanti si vede raramente nelle pieghe della pelle.

Psoriasi delle unghie

Quando le unghie vengono attaccate, si manifesta con piccole rientranze nel lamina ungueale (chiamato 'pittings’) O allentamento parziale dell'unghia.

Questo allentamento causa a decolorazione gialla.

Unghie-Psoriasi-cause-rimedi-trattamenti-curativi-farmaci
La malattia dell'unghia psoriasica ha molti segni clinici.

Nei casi più gravi, la lamina ungueale si ispessisce o si sbriciola.

Circa il 50% dei pazienti con psoriasi ne ha alcuni coinvolgimento delle unghiee l'incidenza per tutta la vita della malattia delle unghie è stimata tra l'80% e il 90%.

Malattia delle unghie può raramente essere l'unica manifestazione della psoriasi.

Più importante, psoriasi delle unghie può causare dolore e disagio significativi, con conseguente compromissione della qualità della vita e della funzione lavorativa.

Esiste una forte correlazione tra la psoriasi delle unghie e l'artrite psoriasica.

Pazienti con artrite psoriasica hanno tassi di malattie delle unghie fino al 70%.

Ci sono prove che la psoriasi ungueale può essere un predittore della malattia articolare che si sviluppa più tardi nella vita.

Psoriasi delle unghie è più problematico per molti pazienti della malattia dell'unghia del piede.

Inoltre, le unghie dei piedi psoriasiche sono spesso secondariamente infette da dermatofiti, il che può complicare la valutazione del trattamento.

Il trattamento con farmaci immunosoppressori può anche contribuire allo sviluppo di onicomicosi nei pazienti con psoriasi dell'unghia del piede.

Per questi motivi, la maggior parte degli studi valuta psoriasi delle unghie solo.

Trattamento della psoriasi delle unghie

È disponibile una serie di opzioni di trattamento per la psoriasi ungueale, inclusi prodotti topici, interventi procedurali e agenti orali-sistemici e biologici.

Le sfide del trattamento delle malattie delle unghie sono la scarsa penetrazione della terapia topica nell'unghia e nel tessuto circostante, il dolore associato alle iniezioni intralesionali, gli effetti avversi e il monitoraggio delle terapie sistemiche e l'aderenza del paziente alla terapia.

Poiché molti dei trattamenti più comunemente usati per trattare la psoriasi non hanno studi pubblicati, randomizzati, in doppio cieco, controllati con placebo che affrontano la malattia delle unghie, la recente revisione Cochrane non aiuta i dermatologi a prendere una decisione informata riguardo al miglior trattamento per un paziente con psoriasi delle unghie.

Raccomandazioni per il trattamento della psoriasi delle unghie:

Le raccomandazioni di trattamento per 4 scenari clinici di psoriasi ungueale sono state sviluppate sulla base delle prove esaminate nello studio e dell'opinione degli esperti del Medical Board della National Psoriasis Foundation.

  1. Pazienti con psoriasi limitata alle unghie. Questi pazienti hanno una malattia della pelle minima o nulla e nessuna evidenza di malattia articolare, con 3 unghie su 10 che presentano onicolisi, vaiolatura e ipercheratosi distale. Questi pazienti sono imbarazzati dall'aspetto delle unghie e hanno un lieve dolore durante l'uso. Nessuna terapia precedente è stata utilizzata. I corticosteroidi topici ad alta potenza da soli o in combinazione con calcipotriolo sono stati raccomandati con entusiasmo e sono stati raccomandati corticosteroidi intralesionali. Trattamenti sistemici e biologici non erano raccomandati per questo scenario di pazienti.
  2. Pazienti con psoriasi limitata alle unghie per le quali la terapia topica ha fallito. Questi pazienti hanno 5 unghie su 10 coinvolte e dolore alle unghie da moderato a grave. Il consiglio medico ha raccomandato quanto segue in ordine di classifica dal più alto entusiasmo al più basso: adalimumab, etanercept, corticosteroidi intralesionali, ustekinumab, metotrexato e acitretina.
  3. Pazienti con psoriasi della pelle e delle unghie. Questi pazienti hanno psoriasi sull'8% della loro superficie corporea, 5 unghie su 10 con grave distrofia algale e da moderato a diversi dolori associati. Le terapie topiche si sono dimostrate inadeguate per controllare la malattia. Il consiglio ha raccomandato adalimumab, etanercept e ustekinumab con grande entusiasmo; sono stati raccomandati anche metotrexato, acitretina, infliximab e apremilast.
  4. Pazienti con malattie della pelle, delle articolazioni e delle unghie. Questi pazienti hanno una malattia della pelle sull'8% della loro superficie corporea, una storia di dattilite e rigidità mattutina (artrite psoriasica) e 5 unghie su 10 con grave coinvolgimento e dolore delle unghie. Le raccomandazioni per il trattamento erano, ordinate dalla più alta alla più bassa: adalimumab, etanercept, ustekinumab, infliximab, metotrexato, apremilast e golimumab.

Forme rare di psoriasi

Soprattutto con i giovani, può verificarsi una certa forma di psoriasi a seguito di a infezione alla gola.

Questa forma appare con grandi protuberanze rosse a forma di goccia che possono attaccare ampie aree della pelle.

È comune che focolai così acuti scompaiono dopo poche settimane.

Oltre a queste forme comuni di psoriasi, esiste anche una rara psoriasi pustolosa.

È caratterizzato da aree cutanee rosse punteggiate da vesciche gialle piene di pus.

Anche questa forma di psoriasi non è contagiosa.

Artrite psoriasica. Fatti e trattamento.

Circa il 20% dei pazienti con psoriasi soffre di una forma speciale di artrite psoriasica.

L'artrite psoriasica colpisce tipicamente le grandi articolazioni
L'artrite psoriasica colpisce tipicamente le grandi articolazioni

L'artrite psoriasica di solito può essere diagnosticata esaminando la sua distribuzione nelle articolazioni e sul modifiche ai raggi X..

L'artrite psoriasica è una malattia scheletrica infiammatoria cronica associata a problemi di salute come obesità, diabete di tipo II, dislipidemia, ipertensione e malattie cardiovascolari.

Il ruolo di questi fattori metabolici nella patogenesi, gravità e progressione di partrite soriatica resti poco chiaro.

Scheda-trattamento-artrite-psoriasica-e-fatti-per-pazienti
Trattamento dell'artrite psoriasica e scheda informativa per i pazienti. Fonte: www.rheumatology.org

Diagnosi dell'artrite psoriasica

Il riconoscimento precoce della psoriasi, la diagnosi e il trattamento dell'artrite psoriasica possono aiutare a prevenire o limitare il danno articolare esteso che si verifica nelle fasi successive della malattia.

artrite-psoriasica-colpisce-sul-corpo-e-sintomi-infografica-poster-list-remedies
L'artrite psoriasica colpisce e sintomi

Come viene diagnosticata la psoriasi?

Di solito un medico può diagnosticare la psoriasi esaminando la pelle.

In caso di dubbio, viene prelevato un campione di pelle che viene poi esaminato al microscopio.

La diagnosi non può essere fatta sulla base di a campione di sangue.

Come viene trattata la malattia della psoriasi? Farmaci e suggerimenti per il trattamento.

La psoriasi non può essere curata. Ma ci sono alcuni rimedi efficaci per ridurre i sintomi.

Ecco alcuni suggerimenti su come trattare la psoriasi:

  • esposizione al sole
  • Bagni
  • Probiotici
  • Medicazioni occlusive
  • Preparazioni topiche per la psoriasi
  • Emollienti
  • Steroidi topici
  • Composti simili alla vitamina D.
  • Catrame
  • Dithranol
  • Inibitori della calcineurina
  • Tazarotene
  • Trattamento ultravioletto per la psoriasi
  • Ultravioletto stretto B
  • Psoraleni e ultravioletti A
  • Farmaco sistemico non biologico per la psoriasi
  • Metotrexato
  • Ciclosporina
  • Acitretina
  • Apremilast
  • Esteri dell'acido fumarico
  • Altri farmaci non biologici
  • Terapie biologiche

Il trattamento topico, il trattamento sistemico (compresse o iniezioni) e la fototerapia possono essere utilizzati per mantenere la psoriasi a riposo.

Poiché la malattia ha molti diversi gradi di gravità, il trattamento della psoriasi viene effettuato in base alle esigenze del singolo paziente.

Inoltre, la malattia a volte varia a tal punto che a ogni singolo paziente può essere necessario somministrare trattamenti diversi in momenti diversi.

Non esiste un trattamento in grado di curare la malattia. Non lasciarti ingannare dagli annunci falsi!

La proposta del trattamento è, pertanto, per far scomparire i focolai attuali.

Viene fatta una distinzione tra trattamento topico, fototerapia, trattamento con compresse, e trattamento biologico.

Inoltre, questi trattamenti possono essere somministrati in diverse combinazioni.

Nella maggior parte dei casi, il trattamento viene effettuato a casa, mentre raramente c'è bisogno di ricovero.

Steroidi (preparati di ormoni surrenalici)

Gli steroidi sono disponibili in vari punti di forza sia come un unguento, crema, gel, e soluzione.

Le preparazioni forti hanno a effetto rapido; ma hanno anche effetti collaterali tra cui pelle sottile, vasi sanguigni ingrossati e la tendenza agli ematomi superficiali della pelle dopo un uso prolungato.

Seguendo il istruzioni per il trattamento del medico, gli effetti collaterali possono essere spesso evitati. Gli effetti collaterali sono più spesso visibili sul viso e sulle pieghe della pelle.

Fai attenzione a cessazione improvvisa, soprattutto con i preparati forti, può provocare un aggravamento transitorio della malattia.

Combinazione di vitamina D e steroidi

Un unguento contenente sia uno steroide che un calcipotriolo (Daivobet®) è più efficace di ogni farmaco da solo.

Il trattamento con questo tipo di combinazione è adatto a molti pazienti.

Catrame Di Carbone Per Il Trattamento Della Pelle

Il catrame è uno dei più antichi preparati conosciuti usati per il trattamento della psoriasi.

L'applicazione topica del catrame di carbone è stata utilizzata per trattare le malattie della pelle da più di 2000 anni è una terapia efficace per ridurre l'infiammazione e il prurito della pelle migliorando la funzione di barriera cutanea.

Il carbone di catrame è usato per il trattamento della psoriasi
Il carbone di catrame sta diventando sempre più popolare per il trattamento della psoriasi. Fonte: www.health-holland.com

Il catrame odora e scolorisce e può aumentare la sensibilità della pelle alla luce solare, ma il trattamento con il catrame è privo di effetti collaterali importanti.

È un fatto ben noto che tar in certi contesti può esserlo cancerogeno, ma numerosi studi hanno dimostrato che il trattamento con catrame dei pazienti con psoriasi non aumenta il rischio di sviluppare il cancro della pelle.

Il catrame può essere utilizzato sia negli unguenti che nelle paste, ma il catrame puro può anche essere spalmato sulla pelle.

Questo trattamento può essere combinato con una doccia calda.

I bagni di catrame sono utilizzati soprattutto durante il ricovero in un reparto di dermatologia.

Fototerapia. Luce solare per il trattamento della psoriasi.

Diversi tipi di luce ultravioletta, a volte in combinazione con le compresse (PUVA), possono migliorare la psoriasi.

I raggi ultravioletti alla luce del sole possono migliorare i sintomi della psoriasi.

La dottoressa Julie Moore del Gottlieb Memorial Hospital afferma che la luce solare è uno dei modi migliori per curare la psoriasi, quindi raccomanda ai suoi pazienti di “sedersi sul ponte e fare un buon bagno di sole alle zone colpite.

I-raggi-ultravioletti-alla-luce-del-sole-possono-migliorare-i-sintomi-della-psoriasi-abbronzatura-per-curare-la-malattia della pelle
Potrebbe essere che la luce solare sia uno dei modi migliori per curare la psoriasi

Gli stessi raggi ultravioletti possono essere formati in tubi fluorescenti di diverso tipo.

Alcuni tubi producono luce ultravioletta di tipo B (UVB).

Questo tipo di luce ultravioletta migliora la psoriasi dopo ca. 30 trattamenti somministrati 2-3 volte a settimana.

Durante il periodo di trattamento, la quantità di luce viene gradualmente aumentata per abituare la pelle ai raggi ultravioletti.

Il trattamento UVB può essere somministrato da dermatologi praticanti e presso i dipartimenti di dermatologia.

PUVA è un altro tipo di fototerapia.

P sta per psoralene, una sostanza che aumenta la sensibilità della pelle alla luce ultravioletta.

UVA sta per luce ultravioletta di tipo A.

Durante il trattamento con PUVA, il paziente deve assumere le compresse di psoralene prima dell'irradiazione UVA.

Lo psoralene si accumula nel cristallino dell'occhio.

Per evitare effetti collaterali agli occhi, gli occhiali da sole devono essere indossati quando si rimane all'aperto sotto il sole il giorno del trattamento.

I solarium abbronzanti emettono radiazioni UVA quasi pure.

Quindi, se stai usando i solarium per il trattamento della psoriasi, devi essere consapevole che c'è niente come un'abbronzatura sicura da un solarium.

Non esiste-un'abbronzatura-sicura-da-un-solarium-psoriasi-trattamento-rimedi
Non esiste un'abbronzatura sicura da un solarium

È un mito che usare un solarium sia un modo sicuro per abbronzarsi e proteggere la pelle dalle scottature dovute al sole.

L'abbronzatura del solarium non offre protezione contro i danni al DNA delle cellule della pelle, che possono verificarsi senza segni visibili di danni alla pelle.

L'effetto del trattamento solarium sulla psoriasi è limitato.

L'esposizione prolungata e intensa alla luce ultravioletta può aumentare il rischio di invecchiamento precoce della pelle e lo sviluppo di cancro della pelle.

Con le conoscenze che abbiamo oggi, sembra, tuttavia, che l'uso della luce ultravioletta come trattamento aumenti il ​​rischio di cancro della pelle solo a un livello molto basso.

I tipi di cancro della pelle che possono verificarsi sono a crescita lenta e possono essere curati.

Trattamento tablet

Il trattamento in compresse con metotrexato, acitretina (Neotigason®) o ciclosporina (Sandimmun®) è usato per trattare la psoriasi grave.

Il trattamento con compresse viene utilizzato in casi rari e solo per i pazienti affetti da psoriasi per i quali altri trattamenti non hanno avuto effetto.

Tablet-trattamento-psoriasi-cure-medicine-farmaci-skin-help-problems
In alcuni casi, il trattamento con le compresse può aiutare a combattere la psoriasi.

L'acitretina è correlata alla vitamina A.

Maggiori informazioni sul cibo ricco di vitamine leggi qui: Conosci davvero la verità sul cibo che mangi? (11 miti)

L'acitretina può comportare un miglioramento significativo, ma questo miglioramento è spesso accompagnato da effetti collaterali, soprattutto in termini di secchezza e desquamazione delle mucose; così come si nota un impatto sulla funzionalità epatica e un aumento del contenuto di alcuni grassi nel sangue.

È quindi importante organizzare consultazioni regolari con il medico durante un trattamento con acitretina.

L'acitretina è teratogena e viene escreta lentamente dall'organismo.

È quindi importante che le donne siano protette contro la gravidanza durante e dopo il trattamento.

Il metotrexato è un cosiddetto veleno cellulare.

Con la psoriasi, il metotrexato viene somministrato in quantità così piccole che solo il sistema immunitario è influenzato.

Wow per rafforzare il sistema immunitario leggi qui: Scopri l'olio rinforzante del sistema immunitario e nervoso – Olio di semi di lino

Il metotrexato è uno dei mezzi più efficaci per il trattamento della psoriasi.

Quando si inizia un trattamento con metotrexato, è necessario prelevare campioni di sangue una volta alla settimana.

Successivamente saranno sufficienti prelievi di sangue mensili.

La ciclosporina colpisce il sistema immunitario dell'organismo e quindi ha un ottimo effetto anche su focolai di psoriasi gravi.

Tuttavia, il trattamento con ciclosporina può aumentare la pressione sanguigna e diminuire la funzionalità renale.

Pertanto, la ciclosporina non è adatta per il trattamento a lungo termine.

Trattamento biologico

I farmaci biologici sono proteine, solitamente anticorpi, specificamente progettati per influenzare l'attivazione del sistema immunitario nella pelle.

Rispetto al trattamento tradizionale, la terapia biologica può avere effetti collaterali simili o addirittura inferiori.

Psoriasi-trattamento-biologico-di solito-colpisce-il-sistema-immunitario
Il trattamento biologico della psoriasi di solito colpisce il sistema immunitario

Il trattamento è costoso.

Finora questi farmaci sono approvati per il trattamento della psoriasi grave che non può essere trattata in modo soddisfacente in nessun altro modo:

Le sostanze biologiche vengono somministrate per iniezione in vena (in ospedale) o sotto la pelle (dal paziente stesso).

Terapia del clima

A volte la terapia del clima può essere scelta rispetto al ricovero.

La terapia del clima dura 4 settimane e viene comunemente eseguita sul Mar Morto in Israele.

People-use-Dead-Sea-mud-to-treat-health-conditions-ranging-from-psoriasis
Dead Sea mud can relieve pain, reduce inflammation, and symptoms of Psoriasis

The most important part of the treatment is the sunbeams which especially in this geographic area contain many UVA rays.

In addition, the patients bathe in the Dead Sea which has a very high salt content.

Climate therapy often results in total improvement of the skin; however, as with the other treatments, psoriasis will reappear at one time or another.

Some places like Blue Lagoon in Iceland tells that the efficacy of Blue Lagoon geothermal seawater for treating psoriasis has been confirmed through decades of research.

Psoriasis-triggers-geothermal-seawater-a-resource-with-scientifically-proven-healing-benefits-blue-lagoon
Bathing in geothermal seawater gives you a scientifically proven healing benefit — reduce symptoms of Psoriasis: bluelagoon.com

Experimental treatment. Leech therapy.

Extensive research is being conducted in the field of psoriasis, and new treatments are being tested.

However, the road from the first testing of a new product to its availability at the pharmacy is long.

age-old-medical-device-leeches-skin-cure
Age-old medical device for psoriasis — leeches

These are a few of the clinical success stories with leeching.

Its effect on venous congestion packed with its biomolecules is definite to show more wonderful effects on other dermatological problems as well.

Skin disorders primarily of an autoimmune kind make the dermis thick with poor tissue perfusion.

The leech saliva prevents inflammatory mediators, decreases tissue thickness, accelerates reperfusion, and increases the permeability of the tissue making it more acceptable to therapeutics. Hence making leech therapy an ideal mode of treatment in
dermatology.

Leech is a boon to the dermatologists but its use must be with caution as it’s known to have its own type of side effects.

Psorilax:Affidabile |crema gel psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, ingredienti

Adolesc Health Med Ther. 2014; 5: 25–34.

Astratto

La psoriasi è una malattia cutanea infiammatoria cronica che colpisce il 2-4% della popolazione mondiale. La prevalenza della malattia nell'infanzia e nell'adolescenza varia tra lo 0,5% e il 2%. La gestione della psoriasi nell'adolescenza è un compito intrigante e complicato. Data la scarsità di terapie ufficialmente approvate, i dati basati sull'evidenza molto limitati da studi randomizzati controllati e l'assenza di linee guida standardizzate, i medici devono fare affidamento sull'esperienza pubblicata da casi clinici sia dal campo della dermatologia che dall'applicazione di questi farmaci per altre patologie pediatriche provenienti dalle discipline di reumatologia, gastroenterologia e oncologia. Gli adolescenti psoriasici affrontano una malattia potenzialmente deturpante e permanente che potrebbe compromettere permanentemente il loro sviluppo psicologico. Deve essere chiarito loro che la psoriasi non ha una cura permanente, e quindi l'obiettivo principale dei trattamenti è stabilire il controllo della malattia e periodi prolungati tra le riacutizzazioni. La maggior parte degli adolescenti soffre di psoriasi lieve e quindi vengono trattati fondamentalmente con modalità di trattamento topico. La fototerapia è riservata agli adolescenti con malattia a placche da lieve a moderata e / o psoriasi guttata quando le visite di routine a centri specializzati non creano problemi pratici. Agenti sistemici e biologici vengono somministrati a pazienti con psoriasi a placche da moderata a grave, psoriasi pustolosa o psoriasi eritrodermica.

Parole chiave: psoriasi adolescenziale, psoriasi pediatrica, trattamento, trattamento sistemico, agenti biologici

introduzione

La psoriasi è una malattia cutanea cronica che altera la vita con possibili comorbidità sistemiche. Sebbene influenzi una percentuale considerevole di pazienti nell'infanzia e nell'adolescenza, la sua gestione in questa categoria di pazienti pone alcune sfide a causa della mancanza di terapie ufficialmente approvate e di metodologie standardizzate. Per questo articolo, la letteratura esistente è stata ricercata per studi randomizzati controllati (RCT), studi aperti, serie di casi e rapporti e consenso di opinioni di esperti, nonché per linee guida esistenti sulla psoriasi per adulti con riferimento ai giovani. Tutte le evidenze sono state valutate dagli autori, che hanno poi combinato questo con l'esperienza clinica della pratica quotidiana nel tentativo di fornire una revisione completa sulla gestione della psoriasi nell'adolescenza.

Epidemiologia

La psoriasi è una malattia cutanea infiammatoria cronica che colpisce il 2% -4% della popolazione mondiale.1,2 Secondo una revisione recentemente pubblicata di tutti gli studi basati sulla popolazione, la prevalenza della malattia nell'infanzia e nell'adolescenza varia tra lo 0,5% e il 2% , mentre la sua incidenza stimata è stata di 40,8 casi pediatrici / 100.000 anni-persona.3,4 Inoltre, è stato dimostrato che la prevalenza della malattia mostra un aumento lineare dall'età di 1 anno (0,12%) all'età di 18 anni (1,2%). 5 La maggior parte degli studi concorda sul fatto che l'età media dei pazienti all'esordio della malattia per la psoriasi giovanile è di 7-11 anni.4,6-8 Non sembra esserci predominanza maschile o femminile tra i bambini e gli adolescenti affetti da psoriasi .4,6–10

Patogenesi

La psoriasi è una malattia infiammatoria cronica mediata da cellule T caratterizzata da iperproliferazione dei cheratinociti, proliferazione endoteliale vascolare e infiltrazione cellulare infiammatoria del derma e dell'epidermide.11,12 La sua patogenesi, sebbene non ancora completamente chiarita, si basa su una complicata interazione di fattori genetici e ambientali. Esistono diversi livelli di evidenza a sostegno del ruolo del background genetico nella psoriasi: il 4,5% -91% dei casi pediatrici ha mostrato una storia familiare positiva di psoriasi, mentre in uno studio di Morris et al, il 71% dei bambini affetti da psoriasi aveva un parente di primo grado con la malattia.6-9,13 Allo stesso tempo, la psoriasi è molto più comune nei gemelli identici rispetto a quelli fraterni.14 Questa disparità nella storia familiare, tra diversi studi, sottolinea il ruolo significativo della genetica background di ciascuna popolazione nella manifestazione di questa condizione.13 L'insorgenza precoce della malattia è stata geneticamente collegata all'allele della malattia Cw6 dell'antigene leucocitario umano nel locus 1 di suscettibilità della psoriasi.15 Le influenze ambientali intrinseche ed estrinseche sembrano giocare un ruolo fondamentale nel la precipitazione e / o l'esacerbazione della psoriasi nella popolazione giovanile in misura maggiore rispetto agli adulti.10 Ad esempio, infezioni delle vie respiratorie superiori, stress emotivo, lesioni cutanee ry, e i farmaci sono fattori che sono stati implicati con la manifestazione o l'aggravamento della malattia. Le infezioni streptococciche da streptococco β-emolitico di gruppo A (faringite o dermatite perianale) spesso innescano la comparsa di psoriasi guttata nei bambini, mentre eventi stressanti inducono nuove lesioni psoriasiche più comunemente nei giovani che negli adulti, probabilmente a causa dell'immaturità emotiva degli adolescenti.9– 11

Caratteristiche cliniche e comorbidità

La psoriasi giovanile mostra clinicamente caratteristiche sia simili che diverse rispetto alla psoriasi degli adulti. La psoriasi a placche è la forma più comune della malattia.11 Tuttavia, le lesioni sono solitamente più piccole, più sottili e meno squamose di quelle osservate negli adulti.12 Il cuoio capelluto e il viso sono le aree più colpite, seguite dalle superfici estensorie ginocchia e gomiti, tronco e inguine.5,9-13 In un recente studio epidemiologico di Tollefson et al, le estremità erano le sedi anatomiche più frequentemente coinvolte, seguite dal cuoio capelluto.4 La malattia guttata generalmente si presenta più spesso durante l'infanzia e l'adolescenza rispetto all'età adulta.11,12 È caratterizzata da piccole lesioni squamose nummulari localizzate sul tronco, sull'addome e sulla schiena. Prima dell'insorgenza di questa condizione nei bambini, una precedente faringite streptococcica o infezione perianale è stata documentata in diversi studi.7,8,16 La psoriasi eritrodermica, pustolosa e inversa può anche verificarsi negli adolescenti, ma meno frequentemente.11,12 Unghia la psoriasi può presentarsi sullo sfondo della psoriasi a placche o dell'artrite psoriasica o come malattia isolata delle unghie.11

Un recente studio di Augustin et al suggerisce che la psoriasi giovanile può essere associata a comorbilità significative (iperlipidemia, obesità, ipertensione, diabete mellito, artrite reumatoide e morbo di Crohn), come nel caso degli adulti. È possibile che aspetti della sindrome metabolica si sviluppino indipendentemente dall'età del paziente e dalla durata della psoriasi come processo infiammatorio sottostante.5

Gestione della psoriasi nell'adolescenza

Considerazioni generali

La gestione della psoriasi nell'adolescenza è un compito intrigante e complicato. Mancano linee guida standardizzate per il trattamento di bambini e adolescenti con psoriasi, sebbene alcune linee guida pubblicate sulla psoriasi per adulti affrontino diversi problemi che riguardano le popolazioni più giovani.17-19 Data la scarsità di terapie ufficialmente approvate e i dati basati sull'evidenza molto limitati dagli RCT, i medici devono fare affidamento sull'esperienza pubblicata da casi clinici nel campo della dermatologia, nonché dall'applicazione di questi farmaci per altre condizioni pediatriche provenienti dalle discipline di reumatologia, gastroenterologia e oncologia.

Ci sono diverse questioni che devono essere considerate prima di optare per il trattamento più appropriato per ogni caso di psoriasi giovanile: età del paziente, gravità clinica della malattia, peso psicologico della condizione nella qualità della vita dell'adolescente, presenza di comorbidità come l'artrite psoriasica e altri, e, ultimo ma non meno importante, i trattamenti e le preferenze precedenti del paziente.

La gravità clinica della psoriasi giovanile viene misurata utilizzando i metodi standard applicati anche agli adulti. Il Psoriasis Area and Severity Index (PASI) – che valuta le lesioni in base alle loro caratteristiche di eritema, indurimento e desquamazione nonché in base alla superficie interessata – è il parametro più comunemente utilizzato. La superficie corporea (BSA) che determina l'area interessata in relazione all'intera superficie corporea e la valutazione globale del medico (PGA) che è una valutazione globale della gravità della lesione sono implementate anche. A questo punto, va notato che nei bambini e in misura minore negli adolescenti, il rapporto BSA-massa è diverso dalla popolazione adulta, così come la proporzione relativa della testa e del corpo.20 In generale, con un PASI e / o un punteggio BSA superiore a 10, la psoriasi è considerata grave. Tuttavia, nella pratica quotidiana, il calcolo di questi indici non viene eseguito di routine e, allo stesso tempo, la loro utilità in una popolazione psoriasica con malattia lieve è controversa.

Gli adolescenti psoriasici affrontano una malattia potenzialmente sfigurante e permanente che potrebbe compromettere permanentemente il loro sviluppo psicologico21. Anche forme relativamente lievi della malattia potrebbero avere un impatto importante sulla qualità della vita di bambini e adolescenti. Durante gli anni scolastici, i pazienti e le loro famiglie possono aver bisogno di supporto sociale e psicologico insieme a un'adeguata educazione sulla natura della malattia, al fine di essere conformi alle modalità di trattamento e avere aspettative realistiche.12 Deve essere chiarito che la psoriasi non ha una cura permanente, e quindi l'obiettivo principale dei trattamenti è stabilire il controllo della malattia e periodi prolungati tra le riacutizzazioni.12 La maggior parte delle volte, la qualità della vita di bambini e adolescenti viene misurata con il Children's Dermatology Life Quality Index, che secondo diversi studi è solo moderatamente correlato al punteggio PASI, e per questo motivo dovrebbe essere preso in considerazione quando si decide un approccio terapeutico.22

Terapie topiche

Corticosteroidi

I corticosteroidi topici rimangono gli agenti di trattamento di prima linea per la psoriasi tra gli adolescenti e tra tutti gli altri gruppi di età.23 Il ruolo dei corticosteroidi si basa sulle loro proprietà antinfiammatorie e antiproliferative, che alla fine riducono eritema, desquamazione e prurito.12, 24 Sono un trattamento relativamente popolare tra i pazienti, perché possono essere facilmente applicati sulla pelle, non possiedono alcun odore speciale o capacità di colorazione e l'inizio dell'azione è rapido. In alcuni casi, è stata descritta una sensazione di bruciore nel sito di applicazione.25 I corticosteroidi sono suddivisi in sette classi (I – VII), in base alla loro potenza. La classe I include i corticosteroidi topici più potenti, mentre la classe VII i più deboli. I potenti corticosteroidi devono essere evitati in tali siti anatomici come il viso, i genitali e le aree di flessione, dove la pelle è più sottile. Possibili eventi avversi topici, se questi agenti vengono utilizzati per un periodo di tempo prolungato includono atrofia cutanea, strie, teleangectasie, eruzione acneiforme e tachifilassi, mentre non è stata osservata la soppressione dell'asse ipotalamo-ipofisi-surrene.24 La tachifilassi è definita come la perdita di efficacia con l'uso continuato di steroidi topici, e sebbene non sia stata ancora descritta in nessuno studio (probabilmente a causa della breve durata degli studi), deve essere presa in considerazione quando si prescrivono questi agenti. Inoltre, resta controverso se la perdita di efficacia nel tempo debba essere attribuita alla tachifilassi o se rifletta la perdita di compliance e aderenza che solitamente caratterizza i pazienti adolescenti trattati con regimi topici. Nonostante l'uso frequente di steroidi nella pratica clinica quotidiana, è stato pubblicato un solo RCT relativo all'uso di clobetasol 0,05% (classe I) in un piccolo numero di bambini con psoriasi per un breve periodo di tempo (2 settimane) .25 I corticosteroidi topici sono di solito in combinazione con altri agenti topici, come i cheratolitici (acido salicilico), analoghi della vitamina D in combinazioni libere o fisse, oppure possono essere prescritti insieme al trattamento sistemico.

Analoghi della vitamina D.

Gli analoghi topici della vitamina D calcipotriene e calcitriolo contribuiscono al trattamento della psoriasi grazie alla loro capacità di stimolare la differenziazione dei cheratinociti e di inibirne la proliferazione.12 Secondo un recente studio statunitense, il calcipotriene è stato il secondo farmaco più prescritto per la psoriasi infantile per quasi 30 anni (1979-2007) .23 Inoltre, una revisione sistematica di tutti i trattamenti per la psoriasi a placche infantile raccomanda calcipotriene e calcitriolo come trattamenti efficaci e ben tollerati (livello di evidenza A e B, rispettivamente) .26 In effetti, sebbene non ufficialmente approvato per il loro uso nella psoriasi giovanile, la loro efficacia è documentata e basata sull'evidenza. 27-29

L'applicazione su viso, genitali e aree intertriginose potrebbe essere problematica, con lievi reazioni irritanti locali e prurito gli effetti collaterali più comuni. L'assorbimento sistemico della vitamina D non è stato osservato, ma è meglio usare questi agenti quando è coinvolto meno del 30% della BSA.12 Infine, un consenso europeo esperto per il trattamento della psoriasi giovanile suggerisce che usiamo questo agente in modo intermittente e in combinazione con steroidi 20

Inibitori topici della calcineurina

Il tacrolimus topico 0,03% e 0,1% (per bambini di 2-15 anni e ≥15 anni, rispettivamente) e pimecrolimus 1% inibiscono l'enzima calcineurina, che a sua volta blocca la produzione e il rilascio dell'interleuchina (IL) -2, una citochina che è implicato nella patogenesi della psoriasi.24 Questi agenti sono ufficialmente approvati per il trattamento intermittente della dermatite atopica, ma non per il trattamento della psoriasi infantile.23 Nella pratica quotidiana, sono usati la maggior parte del tempo per il trattamento della psoriasi in aree con un alto rischio di atrofia cutanea, come viso, genitali e flessioni.12 In due non RCT, tacrolimus 0,1% ha mostrato la clearance delle lesioni della psoriasi infantile facciale e flessionale in un arco di tempo di 2-30 giorni.30,31 L'unico effetto collaterale era il prurito. In generale, si consiglia di evitare di combinare gli inibitori della calcineurina con la fototerapia o l'esposizione al sole estremo a causa del possibile aumento del rischio di tumori cutanei legati alla luce ultravioletta (UV).

Anthralin

Anthralin 1% o dithranol ha proprietà sia antinfiammatorie che antiproliferative.12 Sebbene sia considerata un'opzione di trattamento relativamente sicura con quasi nessun assorbimento sistemico, il suo uso è limitato, a causa della colorazione della pelle e dell'irritazione locale che provoca. Non è raccomandato per la psoriasi facciale, flessionale, eritrodermica o pustolosa e deve essere applicato rigorosamente alle lesioni localizzate.11,12 In due non RCT pubblicati che descrivono l'uso del ditranolo nei bambini psoriasici, 47 su 58 hanno mostrato una remissione totale, mentre 35 su 42 un netto miglioramento.32,33 Diversi autori considerano il ditranolo un trattamento di prima linea della psoriasi giovanile, sebbene questa opinione non sia universale.23

Altri agenti topici

I composti di catrame di carbone hanno proprietà antiproliferative e antipruriginose e alcuni autori li considerano una buona soluzione per aree come il viso e le flessioni.12 Tuttavia, a causa del loro forte odore e della loro capacità di macchiare, il loro uso è molto limitato al giorno d'oggi.11,12 l'applicazione di catrame, soprattutto nel contesto del regime Goeckerman, ha causato alcune controversie a causa del suo possibile rischio genotossico.34

Il retinoide tazarotene 0,05% è usato relativamente raramente a causa delle sue proprietà irritanti locali.23 È stato descritto nei casi di psoriasi ungueale infantile.35 L'acido salicilico è un agente cheratolitico adatto per placche ipercheratotiche localizzate.12 Può essere usato negli adolescenti ma non nei bambini di età inferiore a 6 anni, a causa dell'aumentato rischio di assorbimento sistemico e intossicazione

Fototerapia

Le indicazioni generali per la fototerapia nell'adolescenza sono la presenza di lesioni guttate disseminate o placche sottili, lesioni refrattarie alla terapia topica combinata e psoriasi palmo-plantare difficile da trattare.36 La fototerapia comprende tre tipi di luce UV: UVB a banda stretta (NB) ( 311–313 nm), UVB a banda larga (290–320 nm) e UVA (320–400 nm). La fototerapia è caratterizzata da due fasi: la fase di clearing (la dose viene aumentata in base alla risposta e all'assenza di effetti avversi) e la fase di mantenimento (la stessa dose della fase di clearing, ma visite meno frequenti) .36 La fototerapia UV è più indicata per i pazienti con Fitzpatrick tipo II-IV.20 La fototerapia può essere una procedura che richiede tempo per gli adolescenti che frequentano la scuola e, nonostante possa essere efficacemente somministrata a casa, molti autori ritengono che sia meglio eseguita in centri specializzati che possedere personale esperto nel trattamento di bambini e adolescenti.36 Inoltre, quando si trattano adolescenti e giovani in generale con la fototerapia, si dovrebbe essere consapevoli del dosaggio cumulativo dei trattamenti UV, che è stato collegato in alcuni casi con il possibile lungo termine rischio di cancerogenesi.17

NB UVB è considerato il tipo di fototerapia più efficace e sicuro per i bambini.12,24,36 È stato dimostrato di essere efficace per la psoriasi da moderata a grave nei giovani, indipendentemente dal tipo di pelle.36,37 Acuta, a breve termine gli eventi avversi di NB UVB includono eritema, bruciore, prurito, pigmentazione e formazione di vesciche lesionali transitorie, mentre gli effetti a lungo termine possono includere fotoinvecchiamento prematuro e cancerogenesi cutanea.36 Per il rischio potenziale a lungo termine di cancerogenesi, non ci sono tassi esatti nel letteratura.38 Si consiglia di combinare NB UVB con terapie topiche (calcipotriene, tazarotene, antralina) al fine di aumentare l'efficacia e ridurre il rischio cancerogeno.12,24,36

UVA più psoralene deve essere prescritto solo a bambini di età superiore a 12 anni.36 Gli psoraleni topici sono preferiti al posto di quelli orali, al fine di evitare effetti collaterali gastrointestinali e indossare occhiali da sole per 24 ore dopo la somministrazione del farmaco.12 Eventi avversi a lungo termine includono invecchiamento precoce, tumori maligni cutanei e cataratta, mentre quelli a breve termine sono nausea, vomito, mal di testa, cheratite, epatotossicità e fotosensibilità generalizzata.36

Agenti sistemici

Retinoidi

I retinoidi sono analoghi della vitamina A che influenzano il metabolismo cellulare, la differenziazione epidermica e l'apoptosi.36 L'acitretina è il retinoide più comunemente usato nella pratica clinica quotidiana, sebbene non esista alcun RCT che ne supporti l'uso nella psoriasi pediatrica.26 Le indicazioni per l'uso dei retinoidi nella psoriasi giovanile includono quella grave. psoriasi a placche, pustolosa (palmo-plantare o generalizzata) ed eritrodermica.24 Tuttavia, i retinoidi sono prescritti molto raramente nei bambini di età <10 anni.20 Le dosi variano da ≤0,5 a 1,0 mg / kg.11,12,36 L'acitretina agisce sinergicamente quando è combinato con agenti topici e NB UVB.12,39 Gli effetti collaterali mucocutanei a breve termine (cheilite, xerosi, epistassi, diradamento dei capelli, fragilità cutanea, tossicità oculari) sono dose dipendenti e reversibili quando la dose viene ridotta. trattamento, è prudente monitorare i pazienti per livelli elevati di trigliceridi ed enzimi epatici, sebbene queste anomalie siano anche transitorie e reversibili.20,36 L'acitretina, come tutti i retinoidi, deve essere è ad alto rischio teratogeno, e quindi quando somministrato a ragazze adolescenti in età fertile, deve essere combinato con una terapia contraccettiva orale e con la consulenza per evitare la gravidanza durante il trattamento e 3 anni dopo. 12,36 Questa grave limitazione rende l'acitretina molto poco attraente e un'opzione di trattamento irragionevole per le ragazze adolescenti. Nel raro caso in cui i retinoidi orali non possano essere evitati in questo contesto, al posto dell'acitretina potrebbe essere utilizzata l'isotretinoina, un analogo meno lipofilo della vitamina A. Effetti collaterali a lungo termine, come chiusura prematura delle epifisi e iperostosi ossea, sono stati descritti in bambini che ricevevano retinoidi per altre indicazioni ad alte dosi e per periodi di tempo prolungati. Tuttavia, si consiglia di eseguire una valutazione radiologica delle ossa lunghe e della colonna vertebrale una volta all'anno quando gli adolescenti sono in terapia con retinoidi per oltre un anno.36

Metotrexato

Il metotrexato è un analogo dell'acido folico che inibisce in modo reversibile la diidrofolato reduttasi, interferendo così con la sintesi e la riparazione e la replicazione dell'acido desossiribonucleico dei linfociti T e B.41 È stato utilizzato nel trattamento della psoriasi sin dagli anni '50.36 Secondo una revisione sistematica del letteratura esistente sul trattamento della psoriasi infantile (1980-2008) di de Jager et al, il metotrexato è il trattamento sistemico di scelta per i bambini con psoriasi a placche da moderata a grave.26 Tuttavia, secondo le serie di casi e i rapporti pubblicati, anche in base al consenso degli esperti, il metotrexato può essere utilizzato con successo per il trattamento della placca recalcitrante, della psoriasi eritrodermica e pustolosa o anche dell'artrite pso-riatica.42-45 Le dosi di metotrexato per adolescenti variano tra 0,2 e 0,7 mg / kg.36,41 Un iniziale La dose di 1,25-5 mg / settimana deve essere somministrata, idealmente all'inizio del trattamento, con un follow-up di laboratorio di 1 settimana per monitorare la tossicità.36,41 Se è ben tollerato, allora il dosaggio del metotrexato può essere aumentato fino a quando non viene raggiunto il controllo terapeutico. Si consiglia di ridurre gradualmente la dose al minimo efficace 2 o 3 mesi dopo la stabilizzazione della malattia per ridurre al minimo i possibili effetti collaterali. Inoltre, l'integrazione di acido folico in parallelo con il metotrexato sembra migliorare la tollerabilità del farmaco e ridurre il rischio di diversi effetti collaterali.20 Alcuni autori prescrivono l'acido folico 2 giorni dopo ogni dose di metotrexato, mentre altri giornalmente tranne il giorno della terapia con metotrexato. .20 I problemi di sicurezza con metotrexato nei bambini sono fondamentalmente affrontati nella letteratura reumatologica. Gli effetti collaterali più comuni sono nausea, perdita di appetito, vomito e diarrea.36 La divisione della dose settimanale in tre dosi somministrate a distanza di 12 ore sembra essere utile, così come la somministrazione intramuscolare del farmaco.36 Tuttavia, gli eventi avversi più gravi gli eventi con metotrexato sono tossicità del midollo osseo, tossicità polmonare ed epatotossicità.36,42 La tossicità polmonare è estremamente rara nei bambini. La tossicità del midollo osseo è potenzialmente pericolosa per la vita e può verificarsi nelle prime fasi del trattamento (4-6 settimane). L'epatotossicità e la fibrosi epatica sono molto più rare nei bambini che negli adulti, probabilmente a causa di dosi cumulative inferiori del farmaco.36,42 In assenza di linee guida di monitoraggio specifiche per la fibrosi epatica nei pazienti pediatrici, l'opinione degli esperti suggerisce che la biopsia non è necessaria a meno che non ci sia è evidenza clinica e / o di laboratorio di un'anomalia significativa o di dosi cumulative superiori a 1,5 g.20 Durante il trattamento con metotrexato devono essere evitati farmaci come trimetoprim-sulfametossazolo e farmaci antinfiammatori non steroidei.42

Ciclosporina

La ciclosporina è un agente immunosoppressore che inibisce in modo reversibile i linfociti T e sopprime IL-2 e l'interferone-γ.36,42 Nonostante sia ufficialmente approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense per il trattamento della psoriasi a placche grave negli immunocompetenti adulti, questo non è il caso della psoriasi pediatrica. Tuttavia, la somministrazione di ciclosporina a bambini di età ≥6 mesi è approvata per i trapianti.42 In letteratura, ci sono prove sotto forma di serie di casi e rapporti che supportano l'uso della ciclosporina nel trattamento della placca recalcitrante e della psoriasi giovanile pustolosa a dosi. di 1,5-5 mg / kg / giorno per 6 settimane a 2 anni.46-50 Nella maggior parte dei casi, la ciclosporina è considerata un farmaco ideale per il controllo della malattia instabile, perché ha una rapida insorgenza d'azione (miglioramento clinico anche in 2 settimane). Nei casi più gravi, è spesso richiesta una dose iniziale di 5 mg / kg / die. Va notato che i bambini hanno un rapporto BSA / peso più elevato e quindi presentano una farmacocinetica diversa per la ciclosporina.50 In questo senso, i bambini e gli adolescenti potrebbero aver bisogno di dosi più elevate rispetto agli adulti. Una volta che la malattia è controllata e stabile, la dose può essere ridotta gradualmente in base alla risposta clinica o alla presenza di creatinina sierica e pressione sanguigna elevate. Occasionalmente si osservano rimbalzi o ricadute dopo la riduzione graduale della dose. La ciclosporina può essere combinata con diversi agenti topici o sistemici, come l'acitretina, al fine di ridurre la dose totale e la durata dei due agenti combinati.36,42 La combinazione con NB UVB è solitamente evitata nella pratica quotidiana, a causa del potenziale lungo rischio a lungo termine di sviluppare un cancro della pelle non melanoma.20 Gli effetti collaterali più significativi della ciclosporina negli adulti sono la nefrotossicità e l'ipertensione arteriosa, che sono dose-dipendenti e reversibili con la modifica della dose o la sospensione del farmaco.36,42 Questi eventi avversi potrebbero emergono anche nella popolazione pediatrica, per questo i pazienti devono essere regolarmente monitorati durante il trattamento con esami del sangue e misurazione della pressione sanguigna. Un aumento della creatinina sierica> 30% deve essere seguito da una riduzione della dose o dalla sospensione del trattamento. Altri eventi avversi includono nausea, diarrea, mialgie, mal di testa, ipertricosi e iperplasia gengivale. Gli ultimi due eventi avversi sono estremamente fastidiosi tra gli adolescenti. Il potenziale rischio a lungo termine di sviluppare tumori maligni, tumori cutanei diversi dal melanoma o linfomi è motivo di preoccupazione per i bambini, ma questo rischio è minimo se la dose è ≤5 mg / kg e la durata totale del trattamento con ciclosporina ≤5 anni.

Antibiotici

L'uso di antibiotici orali nella psoriasi infantile è controverso e non è confermato da studi controllati.51 È generalmente accettato che le infezioni da streptococco faringeo e perianale possano precipitare o esacerbare la psoriasi guttata e / o altre varianti della malattia. Dato questo background, alcuni dermatologi prescrivono antibiotici empirici (penicillina V o eritromicina) al primo segno di psoriasi pediatrica o durante recidive e riacutizzazioni di psoriasi guttata.11,12,20 La tonsillectomia è raccomandata da alcuni esperti in pazienti con psoriasi recalcitranti e tonsilliti ricorrenti. .51

Biologici

Gli agenti biologici sono una categoria relativamente nuova di farmaci che ha arricchito il nostro armamentario per il trattamento della psoriasi. Questi agenti prendono di mira porzioni specifiche del sistema immunitario e della cascata infiammatoria, e quindi sono considerati meno immunosoppressivi rispetto ai precedenti trattamenti convenzionali. In tal senso, rappresentano una promettente alternativa terapeutica anche per la psoriasi giovanile. Nonostante il fatto che diversi RCT siano in corso o siano già stati completati nel campo della psoriasi infantile e dei farmaci biologici, alcune questioni riguardanti la sicurezza a lungo termine devono ancora essere affrontate.52-54 Va notato che la maggior parte delle prove relative alla i problemi di sicurezza a termine provengono dal campo della reumatologia (artrite idiopatica giovanile e farmaci biologici) e della gastroenterologia (morbo di Crohn). Gli agenti biologici che sono stati utilizzati nel trattamento della psoriasi infantile e adolescenziale appartengono a due categorie: gli inibitori del fattore di necrosi tumorale (TNF) -α, che includono etanercept, infliximab e adalimumab e l'antagonista dell'IL-12/23 umana, che si chiama ustekinumab. Va notato a questo punto che tutti i biologici hanno un costo finanziario considerevole per l'assicurazione che copre il trattamento del paziente, e questo è un problema che deve essere preso in considerazione quando si prescrivono questi farmaci. In assenza di linee guida ufficiali per il monitoraggio di laboratorio dei bambini in terapia con farmaci biologici per la psoriasi, dovrebbero essere sottoposti allo screening di base insieme al monitoraggio del trattamento applicato ai pazienti adulti.55 Lo screening di base include il test di Mantoux o il rilascio di interferone γ. test per la tubercolosi, una radiografia del torace, aggiornamenti sull'immunizzazione, test per l'epatite B e C e il virus dell'immunodeficienza umana ed esami ematologici e biochimici che includono anche test di funzionalità epatica. Gli esami di laboratorio di base vengono ripetuti regolarmente ogni 2-3 mesi, insieme alla sorveglianza clinica. Naturalmente, questi suggerimenti possono essere personalizzati quando appropriato.

Etanercept

Etanercept è una proteina di fusione del recettore del TNF solubile che inibisce in modo competitivo il legame del TNFα endogeno al suo recettore. È stato approvato dall'Agenzia europea per i medicinali (EMA) nel 2009 per il trattamento di bambini di età ≥6 anni che soffrono di psoriasi a placche cronica grave, refrattaria o intollerante ad altri agenti sistemici o alla fototerapia.56 La FDA, tuttavia, non ha ancora ha approvato etanercept per il trattamento della psoriasi a placche da moderata a grave in pazienti di età <18 anni, sebbene lo abbia fatto per il trattamento dell'artrite idiopatica giovanile (AIG) in pazienti di età ≥2 anni.

Il farmaco viene somministrato per via sottocutanea e nella maggior parte dei casi il suo regime di dosaggio è di 0,8 mg / kg fino a un massimo di 50 mg una volta a settimana e 0,4 mg / kg due volte a settimana.52,57-60 Nella popolazione pediatrica e adolescenziale, etanercept, rispetto a gli altri agenti biologici, possiede la maggior parte dei dati disponibili di efficacia e sicurezza derivati ​​da un RCT con estensione in aperto e diverse serie di casi e rapporti.52,57-60 I migliori dati di efficacia provengono da un RCT di Fase III, in doppio cieco che ha confrontato etanercept 0,8 mg / kg una volta alla settimana con placebo in 211 pazienti di età compresa tra 4 e 16 anni affetti da psoriasi a placche da moderata a grave.52 Alla settimana 12, il 57% dei pazienti trattati con etanercept e l'11% del gruppo placebo hanno raggiunto il PASI 75, mentre alla settimana 36, ​​dopo 24 settimane di etanercept in aperto, i tassi di PASI 75 erano del 68% e del 65% per i pazienti inizialmente assegnati a etanercept e placebo, rispettivamente.52 Questo tasso (57% alla settimana 12) è superiore a la risposta PASI 75 a 12 settimane riportata per i pazienti adulti con psoriasi che were treated with 25 mg of etanercept twice weekly (response rates 30%–34%), but is consistent with rates reported in trials involving adults who received 50 mg of etanercept twice weekly (response rates, 47% to 49%).52 During the withdrawal period from week 36 to week 48, response was lost by 42% of patients assigned to placebo at the second randomization. Four adverse effects were observed, three of which were infections (two cases of gastroenteritis and one case of pneumonia).52 Data at the ongoing 264-week open-label extension of this study showed continued efficacy, tolerability, and safety of etanercept in 140 patients.54 No serious adverse events, such as deaths, cancers, opportunistic infections, tuberculosis, or demyelinating disorders, were reported.57 In two large studies of JIA, one with a duration up to 8 years, the safety profile of etanercept was almost the same as in pediatric psoriasis, although conclusions based on different disease populations could be biased.61,62 According to several case reports and expert opinion, etanercept has also a favorable therapeutic profile in the treatment of severe erythrodermic and pustular pediatric psoriasis.20,58–60,63 It is interesting to note that 70% of participants in a European expert group consensus consider etanercept as first-line treatment of juvenile chronic plaque psoriasis due to its strong efficacy, excellent tolerability, and good safety profile.20

Infliximab

Infliximab is a chimeric monoclonal antibody with strong activity against TNFα. Published evidence of infliximab use in pediatric psoriasis is limited in sporadic case reports.64–66 Experience from its administration in the pediatric population is derived from the field of gastroenterology, because it has been an FDA-approved for the treatment of pediatric Crohn’s disease (children ≥6 years) since 2006. It is administered intravenously at doses of 3.3–5 mg/kg at weeks 0, 2, and 6, and every 8 weeks thereafter.64–66 It has a very rapid onset of action, ranging from hours to days. Based on experience gathered from adult psoriasis patients, infliximab is associated with a relatively higher risk of tuberculosis reactivation, infections, congestive heart failure, and infusion reactions compared with other TNFα inhibitors.36,55 In rare cases, it has been reported that children or young adults who received infliximab along with 6-mercaptopurine or azathioprine therapy for Crohn’s disease developed hepatosplenic T-cell lymphoma, which is a serious and potentially fatal form of lymphoma.67,68 This fact augments the need for close monitoring of children or adults who are under treatment with infliximab. According to expert opinion, infliximab can be useful for cases of recalcitrant, unstable, generalized pustular or erythrodermic psoriasis due to its rapid onset of action and its high efficacy.20,36,55

Adalimumab

Adalimumab is a fully human monoclonal antibody against TNFα. It is not officially approved for pediatric plaque psoriasis by either the FDA or the EMA. There has been certain experience with the drug in pediatric populations since it was approved by the FDA for JIA treatment (2008), where it is administered subcutaneously at 24 mg/m2 (max 40 mg) every 2 weeks. Regarding juvenile psoriasis, there are only two published case reports in which adalimumab was prescribed to two adolescent patients with recalcitrant pustular psoriasis at a dose of 40 mg subcutaneously every 2 weeks, after the failure of etanercept and of other conventional systemic agents.69,70 In both cases, there was a favorable outcome.69,70 The only long-term safety data we have from the administration of adalimumab to children and adolescents comes from JIA trials, which show its safety profile to be similar to the other anti-TNFα agents.71 Infections and injection-site reactions were the commonest adverse events.71 A multicenter double-blind RCT evaluating the efficacy and safety of adalimumab versus methotrexate in pediatric patients aged 4–17 years with chronic plaque psoriasis is ongoing.54 It is possible that in the near future, adalimumab will be another attractive therapeutic alternative for adolescent psoriasis, although there are still several important issues to be determined.

Ustekinumab

Ustekinumab is a human monoclonal antibody directed against IL-12 and IL-23. It was recently approved for the treatment of adult chronic plaque psoriasis, and even more recently for the treatment of psoriatic arthritis. It is administered subcutaneously, one injection (45 mg) at weeks 0 and 4 and then every 12 weeks.72 There is a paucity of data regarding its efficacy and safety in children and adolescents, with only one published case reporting the successful administration of ustekinumab in a 14-year-old male patient with plaque psoriasis who failed to respond to conventional systemic agents as well as etanercept.73 However, there is an ongoing Phase III multicenter RCT evaluating the efficacy and safety of ustekinumab in the treatment of adolescent patients with chronic plaque psoriasis (CADMUS (A Study of the Safety and Efficacy of Ustekinumab in Adolescent Patients with Psoriasis)).53 Ustekinumab’s rapid onset of action as well as its convenient dosing schedule make it a promising treatment option, although it is very early to recommend its universal adoption for the treatment of adolescent psoriasis.

Discussion

The majority of adolescents suffer from mild psoriasis, and thus they are treated basically with topical treatment modalities. In many cases, combination treatments with two or more topical agents are prescribed. In everyday practice, the compliance of the adolescents remains the most important drawback of this category of drugs.

Phototherapy is reserved for adolescents with mild-to-moderate plaque disease and/or guttate psoriasis. The major consideration with this kind of treatment is the cumulative dosing of UV light, which has been shown to be linked to long-term risks of carcinogenesis. Phototherapy can be administered quite safely at home, but it is better performed in specialized centers with personnel experienced in treating children and adolescents.

Systemic agents, such as methotrexate, cyclosporine, and acitretin, are administered to patients with moderate-to-severe psoriasis plaque psoriasis, pustular psoriasis, or erythrodermic psoriasis, following appropriate monitoring for each drug. Methotrexate is also beneficial in adolescents with the arthritic form of the disease. Cyclosporine is especially helpful in the control of unstable disease, as it has a relatively rapid onset of action. Acitretin must be avoided in teenage girls of childbearing potential, because it is a teratogenic drug.

Biologic agents target specific portions of the immune system, and they have emerged as a new therapeutic option for the treatment of moderate-to-severe psoriasis that has failed to respond to systemic agents. Etanercept is the only biologic agent officially approved by the EMA for the treatment of childhood plaque psoriasis. Until now, biologic agents have been considered second- or even third-line agents for recalcitrant juvenile psoriasis, mainly because of possible unknown long-term safety issues (the FDA has issued a black-box warning concerning TNFα inhibitors and an increased risk of lymphoma in the pediatric population). Moreover, one should take into account their considerable cost, which in many cases is difficult to cover with insurance.

Preventive measures, such as early detection and management of bacterial infections – especially of group A β-hemolytic streptococcus– with antibiotics, have a role in the treatment of specific forms of the disease, such as guttate psoriasis.

Last but not least, adolescents and their families need to be sociopsychologically supported in order to better understand the nature of their chronic and possibly disfiguring disease and to contribute to its satisfactory management.

Footnotes

Disclosure

The authors report no conflicts of interest in this work.

Riferimenti

1. Christophers E. Psoriasis – epidemiology and clinical spectrum. Clin Exp Dermatol. 2001;26:314–320. (PubMed) (Google Scholar)
2. Kurd SK, Gelfand JM. The prevalence of previously diagnosed and undiagnosed psoriasis in US adults: results from NHANES 2003–2004. J Am Acad Dermatol. 2009;60:218–224. (PMC free article) (PubMed) (Google Scholar)
3. Parisi R, Symmons DP, Griffiths CE, Ashcroft DM. Global epidemiology of psoriasis: a systematic review of incidence and prevalence. J Invest Dermatol. 2013;133:377–385. (PubMed) (Google Scholar)
4. Tollefson MM, Crowson CS, McEvoy MT, Maradit Kremers H. Incidence of psoriasis in children: a population-based study. J Am Acad Dermatol. 2010;62:979–987. (PMC free article) (PubMed) (Google Scholar)
5. Augustin M, Glaeske G, Radtke MA, Christophers E, Reich K, Schäfer I. Epidemiology and comorbidity of psoriasis in children. Br J Dermatol. 2010;162:633–636. (PubMed) (Google Scholar)
6. Seyhan M, Coskun BK, Saglam H, Ozcan H, Karincaoglu Y. Psoriasis in childhood and adolescence: evaluation of demographic and clinical features. Pediatr Int. 2006;48:525–530. (PubMed) (Google Scholar)
7. Fan X, Xiao FL, Yang S, et al. Childhood psoriasis: a study of 277 patients from China. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2007;21:762–765. (PubMed) (Google Scholar)
8. Kumar B, Jain R, Sandhu K, Kaur I, Handa S. Epidemiology of childhood psoriasis: a study of 419 patients from northern India. Int J Dermatol. 2004;43:654–658. (PubMed) (Google Scholar)
9. Morris A, Rogers M, Fischer G, Williams K. Childhood psoriasis: a clinical review of 1262 cases. Pediatr Dermatol. 2001;18:188–198. (PubMed) (Google Scholar)
10. Raychaudhuri SP, Gross J. A comparative study of pediatric onset psoriasis with adult onset psoriasis. Pediatr Dermatol. 2000;17:174–178. (PubMed) (Google Scholar)
12. Busch AL, Landau JS, Moody MN, Goldberg LH. Pediatric psoriasis. Skin Therapy Lett. 2012;17:5–7. (PubMed) (Google Scholar)
13. Chiam LY, de Jager ME, Giam YC, de Jong EM, van de Kerkhof PC, Seyger MM. Juvenile psoriasis in European and Asian children: similarities and differences. Br J Dermatol. 2011;164:1101–1103. (PubMed) (Google Scholar)
14. Grjibovski AM, Olsen AO, Magnus P, Harris JR. Psoriasis in Norwegian twins: contribution of genetic and environmental effects. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2007;21:1337–1343. (PubMed) (Google Scholar)
15. Li Y, Begovich AB. Unraveling the genetics of complex diseases: susceptibility genes for rheumatoid arthritis and psoriasis. Semin Immunol. 2009;21:318–327. (PubMed) (Google Scholar)
16. Herbst RA, Hoch O, Kapp A, Weiss J. Guttate psoriasis triggered by perianal streptococcal dermatitis in a four-year old boy. J Am Acad Dermatol. 2000;42:885–887. (PubMed) (Google Scholar)
17. National Institute For Health and Clinical Excellence . Psoriasis: The Assessment and Management of Psoriasis. London: NICE; 2012. (NICE Clinical Guideline 153). (Google Scholar)
18. Smith CH, Anstay VA, Barker JN, et al. British Association of Dermatologists’ guidelines for biologic interventions for psoriasis 2009. Br J Dermatol. 2009;161:987–1019. (PubMed) (Google Scholar)
19. Menter A, Korman NJ, Elmets CA, et al. Guidelines of care for the management of psoriasis and psoriatic arthritis: section 6. Guidelines of care for the treatment of psoriasis and psoriatic arthritis: case-based presentations and evidence-based conclusions. J Am Acad Dermatol. 2011;65:137–174. (PubMed) (Google Scholar)
20. Ståhle M, Atakan N, Boehncke WH, et al. Juvenile psoriasis and its clinical management: a European expert group consensus. J Dtsch Dermatol Ges. 2010;8:812–818. (PubMed) (Google Scholar)
21. Beattie PE, Lewis-Jones MS. A comparative study of impairment of quality of life in children with skin disease and children with other chronic childhood diseases. Br J Dermatol. 2006;155:145–151. (PubMed) (Google Scholar)
22. de Jager ME, van de Kerkhof PC, de Jong EM, Seyger MM. A cross-sectional study using the Children’s Dermatology Life Quality Index (CDLQI) in childhood psoriasis: negative effect on quality of life and moderate correlation of CDLQI with severity scores. Br J Dermatol. 2010;163:1099–1101. (PubMed) (Google Scholar)
23. Vogel SA, Yentzer B, Davis SA, Feldman SR, Cordoro KM. Trends in pediatric psoriasis outpatient health care delivery in the United States. Arch Dermatol. 2012;148:66–71. (PubMed) (Google Scholar)
24. Cordoro KM. Management of childhood psoriasis. Adv Dermatol. 2008;24:125–169. (PubMed) (Google Scholar)
25. Kimball AB, Gold MH, Zib B, Davis MW. Clobetasol propionate emulsion formulation foam 0.05%: review of phase II open-label and phase III randomized controlled trials in steroid-responsive dermatoses in adults and adolescents. J Am Acad Dermatol. 2008;59:448–454. (PubMed) (Google Scholar)
26. de Jager ME, de Jong EM, van de Kerkhof PC, Seyger MM. Efficacy and safety of treatments for childhood psoriasis: a systematic literature review. J Am Acad Dermatol. 2010;62:1013–1030. (PubMed) (Google Scholar)
27. Oranje AP, Marcoux D, Svensson A, et al. Topical calcipotriol in childhood psoriasis. J Am Acad Dermatol. 1997;36:203–208. (PubMed) (Google Scholar)
28. Park SB, Suh DH, Youn JI. A pilot study to assess the safety and efficacy of topical calcipotriol treatment in childhood psoriasis. Pediatr Dermatol. 1999;16:321–325. (PubMed) (Google Scholar)
29. Perez A, Chen TC, Turner A, Holick MF. Pilot study of topical calcitriol (1,25-dihydroxyvitamin D3) for treating psoriasis in children. Arch Dermatol. 1995;131:961–962. (PubMed) (Google Scholar)
30. Brune A, Miller DW, Lin P, Cotrim-Russi D, Paller AS. Tacrolimus ointment is effective for psoriasis on the face and intertriginous areas in pediatric patients. Pediatr Dermatol. 2007;24:76–80. (PubMed) (Google Scholar)
31. Steele JA, Choi C, Kwong PC. Topical tacrolimus in the treatment of inverse psoriasis in children. J Am Acad Dermatol. 2005;53:713–716. (PubMed) (Google Scholar)
32. Zvulunov A, Anisfeld A, Metzker A. Efficacy of short-contact therapy with dithranol in childhood psoriasis. Int J Dermatol. 1994;33:808–810. (PubMed) (Google Scholar)
33. Guerrier CJ, Porter DI. An open assessment of 0.1% dithranol in a 17% urea base (‘Psoradrate’ 0.1%) in the treatment of psoriasis of children. Curr Med Res Opin. 1983;8:446–450. (PubMed) (Google Scholar)
34. Borska L, Andrys C, Krejsek J, et al. Genotoxic hazard and cellular stress in pediatric patients treated for psoriasis with the Goeckerman regimen. Pediatr Dermatol. 2009;26:23–27. (PubMed) (Google Scholar)
35. Diluvio L, Campione E, Paternò EJ, Mordenti C, El Hachem M, Chimenti S. Childhood nail psoriasis: a useful treatment with tazarotene 0.05% Pediatr Dermatol. 2007;24:332–333. (PubMed) (Google Scholar)
36. Marqueling A, Cordoro KM. Systemic treatments for severe pediatric psoriasis: a practical approach. Dermatol Clin. 2013;31:267–288. (PubMed) (Google Scholar)
37. Jain VK, Aggarwal K, Jain K, Bansal A. Narrow-band UV-B phototherapy in childhood psoriasis. Int J Dermatol. 2007;46:320–322. (PubMed) (Google Scholar)
38. Diffey BL, Farr PM. The challenge of follow-up in narrow band ultraviolet B phototherapy. Br J Dermatol. 2007;157:344–349. (PubMed) (Google Scholar)
39. Kopp T, Karlhofer F, Szépfalusi Z, Schneeberger A, Stingl G, Tanew A. Successful use of acitretin in conjunction with narrowband ultraviolet B phototherapy in a child with severe pustular psoriasis, von Zumbusch type. Br J Dermatol. 2004;151:912–916. (PubMed) (Google Scholar)
40. Brecher AR, Orlow SJ. Oral retinoid therapy for dermatologic conditions in children and adolescents. J Am Acad Dermatol. 2003;49:171–182. (PubMed) (Google Scholar)
41. Wright NA, Piggott CDS, Eichenfield LF. The role of biologics and other systemic agents in the treatment of pediatric psoriasis. Semin Cutan Med Surg. 2010;29:20–27. (PubMed) (Google Scholar)
42. Kumar B, Dhar S, Handa S, Kaur I. Methotrexate in childhood psoriasis. Pediatr Dermatol. 1994;11:271–273. (PubMed) (Google Scholar)
43. Dogra S, Handa S, Kanwar AJ. Methotrexate in severe childhood psoriasis. Pediatr Dermatol. 2004;21:283–284. (PubMed) (Google Scholar)
44. Kaur I, Dogra S, De D, Kanwar AJ. Systemic methotrexate treatment in childhood psoriasis: further experience in 24 children from India. Pediatr Dermatol. 2008;25:184–188. (PubMed) (Google Scholar)
45. Collin B, Vani A, Ogboli M, Moss C. Methotrexate treatment in 13 children with severe plaque psoriasis. Clin Exp Dermatol. 2008;34:184–188. (PubMed) (Google Scholar)
46. Pereira TM, Vieira AP, Fernandes JC, Sousa-Basto A. Cyclosporin A treatment in severe childhood psoriasis. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2006;20:651–656. (PubMed) (Google Scholar)
47. Perrett CM, Ilchyshyn A, Berth-Jones J. Cyclosporin in childhood psoriasis. J Dermatolog Treat. 2003;14:113–118. (PubMed) (Google Scholar)
48. Alli N, Güngör E, Karakayali G, Lenk N, Artüz F. The use of cyclosporin in a child with generalized pustular psoriasis. Br J Dermatol. 1998;139:754–745. (PubMed) (Google Scholar)
49. Kiliç SS, Hacimustafaogˇlu M, Celebi S, Karadeniz A, Ildirim I. Low dose cyclosporin A treatment in generalized pustular psoriasis. Pediatr Dermatol. 2001;18:246–248. (PubMed) (Google Scholar)
50. Mahé E, Bodemer C, Pruszkowski A, Teillac-Hamel D, de Prost Y. Cyclosporine in childhood psoriasis. Arch Dermatol. 2001;137:1532–1533. (PubMed) (Google Scholar)
51. Wilson JK, Al-Suwaidan SN, Krowchuk D, Feldman SR. Treatment of psoriasis in children: is there a role for antibiotic therapy and tonsillectomy? Pediatr Dermatol. 2003;20:11–15. (PubMed) (Google Scholar)
52. Paller AS, Siegfried EC, Langley RG, et al. Etanercept treatment for children and adolescents with plaque psoriasis. N Engl J Med. 2008;358:241–251. (PubMed) (Google Scholar)
55. Luu M, Cordoro KM. The evolving role of biologics in the treatment of pediatric psoriasis. Skin Therapy Lett. 2013;18:1–4. (PubMed) (Google Scholar)
57. Paller AS, Siegfried EC, Eichenfield LF, et al. Long-term etanercept in pediatric patients with plaque psoriasis. J Am Acad Dermatol. 2010;63:762–768. (PubMed) (Google Scholar)
58. Hawrot AC, Metry DW, Theos AJ, Levy ML. Etanercept for psoriasis in the pediatric population: experience in nine patients. Pediatr Dermatol. 2006;23:67–71. (PubMed) (Google Scholar)
59. Papoutsaki M, Costanzo A, Mazzotta A, Gramiccia T, Soda R, Chimenti S. Etanercept for the treatment of severe childhood psoriasis. Br J Dermatol. 2006;154:181–183. (PubMed) (Google Scholar)
60. Kress DW. Etanercept therapy improves symptoms and allows tapering of other medications in children and adolescents with moderate to severe psoriasis. J Am Acad Dermatol. 2006;54:S126–S128. (PubMed) (Google Scholar)
61. Prince FH, Twilt M, ten Cate R, et al. Long-term follow-up on effectiveness and safety of etanercept in juvenile idiopathic arthritis: the Dutch national register. Ann Rheum Dis. 2009;68:635–641. (PubMed) (Google Scholar)
62. Lovell DJ, Reiff A, Ilowite NT, et al. Safety and efficacy of up to eight years of continuous etanercept therapy in patients with juvenile rheumatoid arthritis. Arthritis Rheum. 2008;58:1496–1504. (PubMed) (Google Scholar)
63. Floristan U, Feltes R, Ramırez P, et al. Recalcitrant palmoplantar pustular psoriasis treated with etanercept. Pediatr Dermatol. 2011;28:349–350. (PubMed) (Google Scholar)
64. Farnsworth NN, George SJ, Hsu S. Successful use of infliximab following a failed course of etanercept in a pediatric patient. Dermatol Online J. 2005;11:11. (PubMed) (Google Scholar)
65. Menter MA, Cush JM. Successful treatment of pediatric psoriasis with infliximab. Pediatr Dermatol. 2004;21:87–88. (PubMed) (Google Scholar)
66. Pereira TM, Vieira AP, Fernandes JC, Antunes H, Basto AS. Anti-TNF-alpha therapy in childhood pustular psoriasis. Dermatology. 2006;213:350–352. (PubMed) (Google Scholar)
67. Mackey AC, Green L, Liang LC, Dinndorf P, Avigan M. Hepatosplenic T cell lymphoma associated with infliximab use in young patients treated for inflammatory bowel disease. J Pediatr Gastroenterol Nutr. 2007;44:265–267. (PubMed) (Google Scholar)
69. Alvarez AC, Rodríguez-Nevado I, De Argila D, et al. Recalcitrant pustular psoriasis successfully treated with adalimumab. Pediatr Dermatol. 2011;28:195–197. (PubMed) (Google Scholar)
70. Callen JP, Jackson JH. Adalimumab effectively controlled recalcitrant generalized pustular psoriasis in an adolescent. J Dermatolog Treat. 2005;16:350–352. (PubMed) (Google Scholar)
71. Lovell DJ, Ruperto N, Goodman S, et al. Adalimumab with or without methotrexate in juvenile rheumatoid arthritis. N Engl J Med. 2008;359:810–820. (PubMed) (Google Scholar)
73. Fotiadou C, Lazaridou E, Giannopoulou C, Ioannides D. Ustekinumab for the treatment of an adolescent patient with recalcitrant plaque psoriasis. Eur J Dermatol. 2011;21:117–118. (PubMed) (Google Scholar)

Articles from Adolescent Health, Medicine and Therapeutics are provided here courtesy of Dove Press

Psorilax:effetti collaterali |novartis psoriasi crema

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, quanto costa

Nome del prodotto: Cura la tua psoriasi per sempre – Come rimuovere le papule perlacee dal pene a casa

Fai clic qui per curare la tua psoriasi per sempre – Come rimuovere le papule perlacee dal pene a casa a prezzo scontato mentre è ancora disponibile …

Tutti gli ordini sono protetti dalla crittografia SSL, il più alto standard del settore per la sicurezza online da fornitori affidabili.

Cura la tua psoriasi per sempre – Come rimuovere le papule perlacee dal pene a casa è coperto da una garanzia di rimborso di 60 giorni senza domande. Se entro i primi 60 giorni dalla ricezione non sei soddisfatto di Wake Up Lean ™, puoi richiedere un rimborso inviando una mail all'indirizzo indicato all'interno del prodotto e ti rimborseremo immediatamente l'intero prezzo di acquisto, senza fare domande.

Descrizione:

Dalla scrivania di: Pavel Iglesias Oggetto: Come sbarazzarsi definitivamente della psoriasi

Il mio nome è Pavel Iglesias e proprio come te, anch'io
Ho anche dovuto sopportare non solo la sofferenza causata da
Psoriasi; ma anche l'umiliazione e il rifiuto di chi
non conoscono questa malattia.

Se soffri di psoriasi sono sicuro che non sia necessario
menzionare i sintomi; sia il prurito disperato che ti spinge a
quello che sembra follia, le orribili squame che si formano nelle zone
colpiti o gli sguardi di rifiuto delle persone quando notano il
condizione della tua pelle …

… Ma se mi vedessi adesso, se non te lo dicessi, non penseresti mai che per 11 anni ho sofferto di Psoriasi e di tutti gli effetti negativi che può provocare …

– Dall'avere autostima sul terreno, isolandoti da
altri in modo che non vedano le spiacevoli piaghe sulla pelle, escono
per strada il meno possibile e quando esci cerca di nasconderli non solo
con vestiti con maniche lunghe o gambe lunghe, ma in modi che penso solo
viene in mente a persone che ne sono mai state vittime
patologia –

L'elenco degli effetti negativi che può
perché nella vita della persona che ce l'ha è molto lunga; ma io non vado
annoiarsi ad abbondare di queste cose perché sicuramente le conosci
molto bene…

… E so che sei più interessato a sapere come sono riuscito
curami con successo da questa malattia, indipendentemente dal fatto che tutti
i medici, specialisti e dermatologi che ho consultato mentre ero
malato; Mi hanno sempre detto che non sarei stato in grado di farlo

“Come ho scoperto la causa inquietante della psoriasi che la maggior parte dei medici non ti menziona nemmeno”

La realtà è che i medici non conoscono esattamente la causa
della psoriasi e quindi, se non conoscono la causa, non lo faranno
saperlo curare …

… Pertanto, ti prescrivono semplicemente delle medicine
allergie o alcune creme che nella maggior parte dei casi non lo fanno
ti danno anche sollievo dal prurito. E i pochi che ti aiutano con qualcosa
nascondono il problema solo per un po 'di tempo e quando meno te lo aspetti,
tutto torna di nuovo.

Ero stufo del prurito, delle squame, degli sguardi sprezzanti e dei rifiuti di altre persone …

E nei miei disperati tentativi di trovare un po 'di sollievo, no
Ho appena investito un sacco di soldi in qualunque cosa i dottori
mi indicheranno; Ho anche comprato innumerevoli creme e rimedi
da qualche parte sentirò che potrebbero aiutarmi …

… ma senza nulla sono riuscito ad ottenere risultati duraturi …

Così ho deciso di fare le mie ricerche
E nelle mie indagini ho scoperto, non solo quello vero
Causa della psoriasi; Ma ancora più importante, come eliminarlo da me
Corpo una volta e per sempre

Nella mia ricerca di una soluzione al mio problema ho iniziato a leggere
tutto ciò che puoi trovare relativo alla psoriasi; dai libri
dai rimedi naturali alla ricerca di libri sulle cause di
questa malattia esasperante, le cose che la fanno apparire
la nostra pelle e quelle che la peggiorano.

Nella mia ricerca puoi scoprire inestimabili
informazioni che, per quanto posso ricordare, i medici non avevano
spiegato o no, l'hanno fatto in un modo che io potessi capire. Pure
Ho potuto scoprire anche nuove combinazioni di rimedi naturali
Allora non lo sapevo.

Con tutte queste informazioni, ho iniziato a provare cose diverse
seguendo le istruzioni alla lettera, comprese quelle
Non oso nemmeno menzionare; ma ero davvero disperato
ed ero disposto a provare qualsiasi cosa per trovare una soluzione alla mia situazione.

“Con mia sorpresa, alcuni dei
combinazioni di rimedi naturali che ho provato, hanno cominciato a darmi
risultati positivi incredibilmente rapidi “

In poco meno di due settimane ho iniziato a notare che il prurito
era minimo, la quantità di squame e macchie rosse era sempre più elevata
piccolo e finalmente ho potuto vedere di nuovo la mia vera pelle nelle zone
colpiti.

Non ho parole per esprimere l'emozione che ho provato nel vedere
quanto velocemente la mia psoriasi stava scomparendo, e ancora di più durante il controllo
che tutto ciò che avevo scoperto nella mia ricerca era vero …

“Il segreto da cui liberarti
la tua psoriasi per sempre, è saper lavorare in armonia con il
il sistema di autodifesa del tuo corpo e fornirgli ciò che realmente
devi combattere questa malattia autoimmune “

Tutti noi che abbiamo sofferto di questa condizione lo sappiamo
ci sono centinaia di creme che potrebbero alleviarci temporaneamente; ma
questo non risolve il nostro problema: perché se ci limitiamo solo a quelli
rimedi, sappiamo benissimo che quando meno ce lo aspettiamo ci ritroviamo
uguale o peggiore di come eravamo prima di iniziare a usarli.

Quindi dobbiamo eliminare il problema alla radice; ed è proprio quello che ho fatto:

Nella mia ricerca ho imparato esattamente cosa fare e come
fallo per dare al mio corpo ciò di cui ha bisogno per rimuovere la radice
della malattia (tutto naturale) …

… E allo stesso tempo ho usato i rimedi (che funzionano davvero
e sono anche naturali al 100%) per sbarazzarsi di piaghe e squame
al di fuori.

In meno di 30 giorni ero completamente libero dalla psoriasi!

All'inizio, non essendo un medico, non ho osato
raccomando il mio metodo nemmeno ad altre persone con psoriasi che a
negli anni si era incontrato per lo più negli uffici della
diversi medici che aveva visitato …

… ma quando vedono i risultati che avevo ottenuto,
tutti volevano sapere cosa stava facendo e insistevano sul fatto che lui
condividi con loro.

Ho anche iniziato a pubblicare i miei risultati su forum e blog
correlato alla psoriasi. Molte altre persone hanno iniziato a curare il mio
metodo; E ti dico che i risultati che hanno anche ottenuto sono semplicemente sorprendenti.

“Sto scrivendo queste righe solo per ringraziarti delle preziose informazioni che condividi sul tuo rimedio per la psoriasi.

Ho combattuto questo sfacciato
malattia per poco più di 7 anni, e durante quel periodo, tutti
i prodotti che ho usato hanno fatto poco per migliorare la mia condizione.

Cercando su Internet qualche rimedio alternativo ho avuto la fortuna di trovare “curare la psoriasi per sempre”, e in poche settimane dall'inizio di iniziare a fare le cose che ha chiaramente affermato, dico loro che non ha lasciato quasi tracce di la psoriasi sulla pelle e il bruciore e il prurito sono completamente scomparsi “

Ricevi un grande abbraccio da un cliente VERAMENTE GRATO.

“Mio figlio di 20 anni a soffrire di psoriasi
la pelle 6 mesi fa. Da allora ho applicato il
medicinali prescritti dal medico e altri rimedi che hanno
consigliato; ma i cambiamenti furono minimi.

3 settimane fa abbiamo iniziato a seguire il metodo
spiegato nel tuo libro e i risultati sono stati
incredibilmente eccellente.

Grazie mille di tutto cuore “

Roxana Guerrero – Messico

“Il tuo metodo di trattamento della psoriasi è eccellente.

Confesso che all'inizio avevo i miei dubbi a causa
le mie brutte esperienze con così tanti prodotti che promettevano di aiutarmi e
alla fine non ho mai avuto un miglioramento duraturo delle mie condizioni; senza
Tuttavia, seguo la tua guida da tre settimane ei risultati
che sto superando di gran lunga tutto ciò che avevo provato in
negli ultimi 5 anni ho sofferto di questa malattia.

Grazie mille per queste informazioni dettagliate. Ora so che molto presto sarò completamente libero dalla psoriasi “

Alberto Ortega – Colombia

“Da quando ho iniziato a seguire le istruzioni del
Cura la tua guida alla psoriasi per sempre, la mia condizione della pelle è migliorata
considerevolmente e ho iniziato a seguirli solo due settimane fa.

Non posso dire di essere completamente guarito; ma
Quello che posso assicurarti è quello di tutti i rimedi che ho usato
Nei 15 anni in cui ho sofferto di questa malattia esasperante,
con nessuno aveva ottenuto un miglioramento così notevole in così poco tempo e
Non vedevo l'ora di ringraziarti “

Elías Beriguete – Spagna

Ottenete i risultati desiderati con farmaci, creme e rimedi che usate?

Personalmente ero stanco di tanti rimedi e
medicine inutili. Ogni volta che andavo da un medico mi prescrivevano qualcosa
diverso; ma…

Nessuna delle dozzine di medicinali che i medici mi hanno prescritto nel corso degli anni
È riuscito a curare la mia psoriasi

La risposta è molto semplice,

I medici prescrivono farmaci per curare una malattia della pelle e la psoriasi NON È una malattia della pelle.

La psoriasi è una malattia del sistema
sistema immunitario e per curarlo bisogna saperlo rinforzare
il sistema di autodifesa del tuo corpo.

… e quando lo fai correttamente, non solo otterrai
sbarazzarsi di riacutizzazioni di psoriasi che appaiono sulla tua pelle ma invece
rimuoverai anche la malattia dalla radice e sarai libero
psoriasi per sempre.

“Inizia oggi a curare la tua psoriasi, anche se medici e dermatologi ti hanno detto che è impossibile”

Di seguito troverai una guida dove ho compilato
nel dettaglio i passaggi e i rimedi naturali con i quali no
solo io, ma anche tante altre persone con cui ho
condivise queste informazioni, siamo riusciti a liberarcene completamente
questa malattia

L'ho chiamato Psoriasis Free, e in questa guida non solo imparerai come sbarazzarti di sintomi visibili come:

… ma imparerai anche come affrontare la parte che non lo è
puoi vedere – la carenza nel tuo sistema immunitario che causa il
sintomi visibili

“In questa guida imparerai esattamente cosa fare e come farlo per combattere qualsiasi tipo di psoriasi”

Non importa se quello che hai è:

Psoriasi sul cuoio capelluto

Psoriasi inversa o flessionale

Psoriasi sulla pianta dei piedi

Psoriasi sui palmi delle mani

Psoriasi delle articolazioni

“Non lasciare che la psoriasi continui a controllare la tua vita”

“È ora che tu prenda il controllo”

Ora puoi anche utilizzare il metodo naturale al 100% con il
da cui ero completamente guarito da questo impertinente e così disgustoso
patologia.

Migliaia di persone l'hanno già usato e controllato
efficace e sono completamente sicuro che lo farai anche tu
Aiuto.

Questo è un metodo che è stato studiato a fondo e la sua efficacia è stata ampiamente dimostrata.

È completamente naturale e quindi non ha
effetti collaterali come potrebbe essere il caso quando si usano medicinali
prescritta; quindi può essere utilizzato anche nei bambini che soffrono
della psoriasi.

Soddisfazione garantita al 100%

Una volta che inizi a usare il mio metodo per curare la psoriasi,
di solito vedrai i risultati in un mese o meno; senza
Tuttavia, ti permetterò di trattarlo per 60 giorni senza alcun impegno.
Se durante questo periodo la tua psoriasi non è completamente scomparsa o
notevolmente ridotto, quindi non devi sentire
impegnati o impegnati a rimanere con questa guida. Io solo
invia un messaggio e ti rimborserò il 100% del tuo investimento

E per quella piccola somma avrai il metodo nelle tue mani
più potente che esiste per combattere la psoriasi in a
completamente naturale, veloce e sicuro.

Per garantire la sicurezza delle tue informazioni,
Utilizziamo i servizi ClickBank® per elaborare i pagamenti.
ClickBank utilizza un server di pagamento sicuro con 128 bit di
crittografia che è il sistema più sicuro per pagare online.

Con la nostra garanzia di 60 giorni, l'unica cosa che perderai è la psoriasi.

Fai clic qui per curare la tua psoriasi per sempre – Come rimuovere le papule perlacee dal pene a casa a prezzo scontato mentre è ancora disponibile …

Tutti gli ordini sono protetti dalla crittografia SSL, il più alto standard del settore per la sicurezza online da fornitori affidabili.

Cura la tua psoriasi per sempre – Come rimuovere le papule perlacee dal pene a casa è supportato da una garanzia di rimborso di 60 giorni senza domande. Se entro i primi 60 giorni dalla ricezione non sei soddisfatto di Wake Up Lean ™, puoi richiedere un rimborso inviando una mail all'indirizzo indicato all'interno del prodotto e ti rimborseremo immediatamente l'intero prezzo di acquisto, senza fare domande.

Psorilax:Acquista con carta di credito |crema ucrenia per psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, come si usa

Trattamento della psoriasi a Delhi

Il trattamento della psoriasi a Delhi è in aumento negli ultimi anni, il che sta colpendo circa il 2-4% della popolazione totale secondo un recente sondaggio.

Sebbene le cause della psoriasi non siano completamente note, si ritiene che sia correlata a un problema del sistema immunitario delle cellule del nostro corpo. Chiunque può ottenerlo, ma può aumentare tra i 15 ei 35 anni. Sia gli uomini che le donne sono ugualmente colpiti dalla psoriasi.

Per prima cosa parleremo di cos'è la psoriasi e più avanti nell'articolo discuteremo di quali sono le principali cause della psoriasi e quali sono i migliori centri per il trattamento della psoriasi.

Cos'è la psoriasi?

Fondamentalmente, la psoriasi è una malattia della pelle a lungo termine che colpisce il ciclo di vita della pelle e provoca anche la rapida crescita delle cellule della pelle, risultando in macchie spesse, bianche, argentee o rosse. In generale, le patch possono variare di dimensioni da piccole a grandi. A volte è doloroso poiché appaiono sulle ginocchia, sui gomiti, sul cuoio capelluto, sulle mani, sui piedi o sulla parte bassa della schiena. Sebbene questa malattia possa iniziare a qualsiasi età, di solito inizia nell'età adulta.

Quali sono le cause della psoriasi?

In India, la malattia della pelle è un grave problema di salute che colpisce l'enorme popolazione. Tra tutte le malattie della pelle, l'eczema e la psoriasi sono i principali contributori che coinvolgono dal 10 al 12 percento della popolazione totale. In India, colpisce soprattutto le città metropolitane come Delhi, Chennai, Kolkata.

Il motivo include:

  1. Inquinamento
  2. Disturbi della pelle fotosensibili come l'abbronzatura
  3. scottatura
  4. Le malattie infettive stanno aumentando a un ritmo più veloce

La psoriasi sembra essere trasmessa attraverso le famiglie. I medici pensano che possa essere una condizione autoimmune. Ciò si verifica quando il sistema immunitario distrugge erroneamente il tessuto corporeo sano.

Di solito, le cellule della pelle crescono e aumentano entro un mese. Se hai la psoriasi, questo processo avverrà rapidamente. La psoriasi può verificarsi in coloro che hanno un sistema immunitario debole. Ciò può essere dovuto a:

  1. Aids
  2. Disturbi autoimmuni (come l'artrite reumatoide
  3. Chemioterapia contro il cancro

Perché il trattamento della psoriasi a Delhi è in aumento?

Delhi ha circa 8,5 milioni di veicoli sulle sue strade che sono facilmente le più grandi in India e probabilmente le più alte del mondo con conseguente inquinamento atmosferico. La componente di inquinamento è dannosa per la salute che sta colpendo la pelle e grazie a questo trattamento della psoriasi a Delhi è in aumento. Inoltre, la città ha inverni relativamente secchi e ha un lungo corso di clima molto caldo che causa alti livelli di umidità.

La psoriasi è anche associata ad un aumentato rischio di depressione, artrite psoriasica, linfomi, stress psicologico L'artrite psoriasica colpisce fino al 30% delle persone con psoriasi

I fattori che possono scatenare la psoriasi includono:

  1. Infezioni, come mal di gola o infezioni della pelle
  2. Lesioni alla pelle, come tagli o graffi, punture di insetti o gravi scottature solari
  3. Fatica
  4. Tempo freddo
  5. fumo
  6. Consumo intenso di alcol
  7. Alcuni farmaci, incluso il litio, prescritto per il disturbo bipolare; farmaci per la pressione alta come i beta-bloccanti; farmaci antimalarici; e ioduri.

I sintomi della psoriasi:

  1. Macchie rosse di pelle ricoperte di squame argentee
  2. Piccoli punti di ridimensionamento
  3. Pelle secca e screpolata che può sanguinare
  4. Prurito, bruciore o dolore
  5. Unghie ispessite, snocciolate o increspate
  6. Articolazioni gonfie e rigide

Sebbene non esista una cura adeguata per la psoriasi, circa il 75% dei casi può essere gestito con l'aiuto di creme steroidee, crema di vitamina D3, luce ultravioletta e farmaci che sopprimono il sistema immunitario come il metotrexato.

Quali sono i diversi tipi di psoriasi?

  1. Psoriasi a placche: È la forma più comune di psoriasi identificata da spesse macchie rosse di pelle, spesso con uno strato squamoso argento o bianco. I cerotti sono generalmente larghi da 1 a 10 centimetri, ma possono variare di dimensioni e possono verificarsi ovunque sul tuo corpo. Se graffiato, i sintomi spesso peggiorano.Le parti del corpo in cui compare maggiormente sono:
    -Gomito
    -Ginocchio
    -Inferiore alla schiena
    -Cuoio capelluto
    Quindi, è meglio visitare un rinomato specialista della pelle a Delhi se si soffre di qualsiasi tipo di psoriasi.
    Il tuo medico ti consiglierà prima di applicare creme idratanti per evitare che la pelle diventi troppo secca o irritata e lavorerà anche per identificare i tuoi unici fattori scatenanti della psoriasi, tra cui stress o mancanza di sonno. Queste creme idratanti includono una crema al cortisone da banco (OTC) o una crema idratante a base di unguento.
    In alcuni casi è necessaria la fototerapia che espone la pelle sia ai raggi UVA che UVB. A volte il trattamento viene eseguito prescrivendo farmaci orali, terapie leggere e unguenti su prescrizione per ridurre l'infiammazione.
  2. Psoriasi delle unghie: Include infezioni fungine e altre infezioni dell'unghia. Può causare:
    • Pitting delle unghie
    • Scolorimento
    • Rottura dell'unghia
    • Pelle ispessita sotto l'unghia
    • Macchie sotto l'unghia
    • A volte l'unghia può persino rompersi e cadere.
    Sebbene non esista una cura per le unghie psoriasiche, alcuni trattamenti possono essere implementati per migliorare l'aspetto delle unghie.
    Il trattamento per la psoriasi delle unghie è lo stesso di quello utilizzato per la psoriasi a placche.
    Ci vorrà del tempo per vedere gli effetti di questi trattamenti poiché le unghie cresceranno molto lentamente. Le opzioni di trattamento sono:
    • Farmaci orali che includono metotrexato
    • Biologici, disponibili tramite iniezione o infusione endovenosa
  3. Psoriasi del cuoio capelluto: Spesso sembra estendersi oltre l'attaccatura dei capelli e causa la forfora che si diffonde al collo, al viso e alle orecchie in una zona grande o in molte macchie più piccole e per la maggior parte delle persone è una questione di stress. A causa del clima freddo estremo di Delhi, la pelle diventa molto secca, specialmente la pelle del cuoio capelluto che si traduce in un aumento del trattamento della psoriasi del cuoio capelluto a Delhi.
    In alcuni casi, la psoriasi del cuoio capelluto può anche complicare la regolare igiene dei capelli. Un eccessivo graffio può causare perdita di capelli e infezioni del cuoio capelluto.
    Il trattamento per la psoriasi del cuoio capelluto include:
    • Shampoo medicati
    • Lozioni
    • Applicazione della vitamina D, nota come calcipotriene (Dovonex)
    • La terapia della luce e farmaci per via orale possono anche essere raccomandati a seconda della risposta al trattamento.
  4. Psoriasi guttata: È il secondo tipo più comune di psoriasi che colpisce il 10% delle persone. In generale, colpisce giovani adulti e bambini. È principalmente innescato da un'infezione batterica come mal di gola, stress, lesioni cutanee, infezioni o farmaci
  5. Psoriasi inversa: La psoriasi flessionale o inversa è principalmente innescata da infezioni fungine. Appare principalmente nelle pieghe della pelle, come sotto il seno o sotto le ascelle o nella zona dell'inguine. Questo tipo di psoriasi provoca chiazze lisce di pelle rossa e infiammata.
  6. Psoriasi pustolosa: La psoriasi pustolosa è una forma grave di psoriasi. Generalmente si verifica in aree più piccole sulle mani, sui piedi o sulla punta delle dita e si sviluppa rapidamente sotto forma di molte pustole bianche circondate da pelle rossa.
    La psoriasi pustolosa generalizzata può anche causare febbre, brividi, forte prurito e diarrea.
    Colpisce principalmente aree isolate del corpo, come mani e piedi, o copre la maggior parte della superficie della pelle. Queste pustole possono anche unirsi e si verifica il ridimensionamento.
    Alcune persone sperimentano periodi ciclici di pustole e remissione. Sebbene il pus non sia infettivo, questa condizione può essere identificata da sintomi come:
    • Febbre
    • Impulso rapido
    • Debolezza muscolare
    • Perdita di appetito
  7. Psoriasi eritrodermica: La psoriasi eritrodermica, o psoriasi esfoliativa, è la psoriasi che si verifica quando l'eruzione cutanea diventa molto diffusa e assomiglia a gravi ustioni. Questa forma di psoriasi colpisce numerose persone.
    La psoriasi eritrodermica colpisce principalmente le unghie delle dita delle mani e dei piedi che includono cavità nelle unghie o cambiamenti nel colore delle unghie. Può coprire ampie porzioni del corpo. L'esfoliazione si verifica spesso in un'area più ampia.
    In questi casi, a volte diventa necessario ricoverare in ospedale poiché il tuo corpo potrebbe non essere in grado di controllare la temperatura corporea.
    La psoriasi eritrodermica si è evoluta da:
    • Psoriasi pustolosa
    • Scottature solari
    • Infezione
    • Alcolismo
    • Stress significativo
    Interruzione di un medicinale per la psoriasi sistemica
    Misure che dovrebbero essere prese:
    L'attenzione dell'ospedale è molto necessaria per il paziente affetto da psoriasi eritrodermica
    Come in ospedale, riceverai cure estreme. Il trattamento comprende medicazioni umide, applicazioni topiche di steroidi e prescrizione di farmaci orali fino al miglioramento dei sintomi.
    Fissa un appuntamento con il tuo medico senza perdere tempo se pensi di avere la psoriasi eritrodermica.
  8. Artrite psoriasica: L'artrite psoriasica (AP) è una condizione che collega le articolazioni gonfie e doloranti dell'artrite con la psoriasi della malattia della pelle. Appare sulla pelle e sul cuoio capelluto come macchie rosse.
    I trattamenti per l'artrite psoriasica possono includere farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), come l'ibuprofene (Advil) e il naprossene sodico (Aleve) che viene utilizzato per ridurre l'incidenza di gonfiore e dolore associati all'artrite psoriasica.

Qual è il costo del trattamento della psoriasi?

I trattamenti per la psoriasi possono essere molto costosi anche se non è possibile dire il costo esatto del trattamento della psoriasi a Delhi in quanto dipende da molti fattori come la posizione, la reputazione del medico, le medicine necessarie. Gli strumenti utilizzati nel trattamento della psoriasi variano tra $ 500 e $ 600.

Quali sono i trattamenti possibili per la psoriasi a Delhi?

  1. Corticosteroidi topici: Questi potenti farmaci antinfiammatori sono i farmaci prescritti più di frequente per il trattamento della psoriasi. Rallenta la crescita delle cellule della pelle sopprimendo il sistema immunitario, che riduce l'infiammazione e allevia il prurito associato. Per aumentare l'efficacia e ridurre gli effetti collaterali, i corticosteroidi topici vengono generalmente utilizzati sui focolai attivi.
  2. Analoghi della vitamina D: Il calcipotriene (Dovonex) è una crema o una soluzione da prescrizione contenente un analogo della vitamina D che può essere utilizzato da solo per il trattamento della psoriasi da lieve a moderata.
  3. anthralin: Si ritiene che questo farmaco normalizzi l'attività del DNA nelle cellule della pelle. Anthralin può anche rimuovere le incrostazioni, rendendo la pelle più liscia. Tuttavia, l'antralina può irritare la pelle.
  4. Retinoidi topici: Generalmente, questi sono usati per trattare l'acne e la pelle danneggiata dal sole, ma il tazarotene è stato sviluppato specificamente per il trattamento della psoriasi. L'effetto collaterale più comune che ha è l'irritazione della pelle. Può anche aumentare la sensibilità alla luce solare, quindi durante l'utilizzo del farmaco è necessario applicare la protezione solare. Non è raccomandato per le donne in gravidanza o in allattamento o che intendono iniziare una gravidanza.
  5. Acido salicilico: Oltre a rimuovere le cellule morte della pelle, riduce anche il ridimensionamento. L'acido salicilico è disponibile in shampoo medicati e soluzioni per il cuoio capelluto per il trattamento della psoriasi del cuoio capelluto.
  6. Catrame di carbone: Il catrame di carbone è apparentemente il trattamento più antico per la psoriasi. Riduce desquamazione, prurito e infiammazione. Questo trattamento non è consigliato alle donne incinte.
  7. Creme idratanti: Le creme idratanti vengono utilizzate per ridurre il prurito, il desquamazione e per rimuovere la secchezza derivante da altre terapie.
  8. Trattamento UV: La terapia con luce ultravioletta o fototerapia ultravioletta è una forma di trattamento per alcuni disturbi della pelle tra cui la vitiligine e lo sbiancamento della pelle quando viene utilizzata con psoraleni per formare il trattamento PUVA. Con l'aiuto di cui il trattamento UV per la psoriasi a Delhi offre tassi di successo più elevati.

I trattamenti per la psoriasi mirano a:

Controlla la crescita delle cellule della pelle e riduce l'infiammazione, la formazione di placche. Rimuovere le squame e levigare la pelle.

Misure di auto-cura:

  • Esercizio
  • Riduce lo stress
  • Bevi molti liquidi
  • Mantieni una dieta equilibrata
  • Dormire a sufficienza
  • Evita l'alcol e il fumo
  • Usa regolarmente la crema idratante
  • Evita di graffiare

Trattamento omeopatico della psoriasi a Delhi

Il trattamento omeopatico e ayurvedico per la psoriasi del cuoio capelluto a Delhi ha raggiunto grandi altezze. Poiché i farmaci omeopatici sono la migliore medicina per la psoriasi in India. È sicuro e naturale non ha effetti collaterali e cura la psoriasi senza usare unguenti locali. Quindi, il trattamento omeopatico e ayurvedico per la psoriasi a Delhi si è rivelato estremamente efficace. I rimedi del trattamento omeopatico stimolano il potenziale di guarigione dell'organismo migliorando l'equilibrio del sistema immunitario e contrastando la predisposizione genetica.

La durata del trattamento varia in base ai seguenti fattori:

  • Parti del corpo colpite
  • Durata della psoriasi
  • Salute generale e malattie associate.
  • Farmaci precedenti.

Psorilax:recensione |la crema alla lumaca va bene per la psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, originale

Benvenuti nella pagina delle mie ricette fatte in casa per la psoriasi.Ricette fatte in casa per il cuoco bitmoji della psoriasi

È su questa pagina che lo farò PROVARE aggiungere almeno 2 ricette fatte in casa per la psoriasi a settimana. Queste ricette fatte in casa per la psoriasi ti aiuteranno a guarire la tua pelle a tempo debito.

Mangiare questi pasti a tempo indeterminato ridurrà l'infiammazione, i fiocchi e, dato che segui le mie liste DA NON FARE e DA FARE su questo sito web, non dovresti avere nulla di cui preoccuparti.

Aggiungo solo ricette di pesce fatte in casa e ricette di verdure fatte in casa. Mangiando solo pesce e verdure per i prossimi mesi, ridurrai al minimo il tempo e massimizzerai la produttività. Perché prima si cura la psoriasi, meglio è.

Se non hai letto La lista delle cose da fare e The Don't List eppure, eccoti qui. =)

Seguire questa lista di ricette fatte in casa per la psoriasi potrebbe richiedere mesi per aiutarti a guarire la psoriasi, ma almeno alla fine riavrai la tua pelle e la tua vita.

Non volevo impazzire mangiando lo stesso cibo ogni giorno, quindi cerco di tenere a disposizione un'ampia selezione di ricette fatte in casa.

Sentiti libero di aggiungere le tue ricette fatte in casa per la psoriasi nella sezione commenti e se mi piace e lo approvo, lo aggiungerò alla mia lista di ricette fatte in casa per la psoriasi qui su RemedyPsoriasisNaturally.com, e nominerò la ricetta dopo di te o qualunque cosa tu voglia chiamarlo. Esempio: fagioli verdi fatti in casa di Sarah Jones o fagioli verdi Killa fatti in casa di Sarah … lol. Qualunque cosa pensi sia intelligente.


Nota rapida sugli oli da cucina

Il “punto di fumo” di un olio da cucina si verifica quando la struttura molecolare dell'olio si rompe a una certa temperatura elevata. Questo fattore del punto di fumo converte così l'olio sano in olio cattivo rendendolo altamente tossico. Perché l'olio di cartamo può resistere a temperature più elevate. Si consiglia di cucinare alcune ricette con olio di cartamo.

Poiché oli diversi hanno punti di fumo diversi, è meglio usare determinati oli per determinati punti di fumo.

Punti di fumo dell'olio

-Il punto di fumo per l'olio di cocco è di 350 gradi Fahrenheit.

-Il punto di fumo per l'olio d'oliva vergine è di 391 gradi Fahrenheit.

-Il punto di fumo per l'olio d'oliva extra leggero è di 468 gradi Fahrenheit.

-Il punto di fumo per l'olio di cartamo è di 510 gradi Fahrenheit.

Margini di sicurezza petrolifera

  • Qualsiasi ricetta cotta a 349 gradi Fahrenheit può essere cucinata con olio di cocco.
  • Qualsiasi ricetta cucinata sotto 390 può essere cucinata con oliva vergine 0il.
  • Qualsiasi ricetta cotta sotto 467 può essere cucinata con oliva extra leggera 0il
  • Qualsiasi ricetta cotta a meno di 509 gradi Fahrenheit deve essere cotta con olio di cartamo.

* Nota: alcune persone incontrano eruzioni cutanee o aumento dell'infiammazione quando mangiano troppo sale o agrumi. Interrompi o sostituisci gli ingredienti se necessario.


1. La deliziosa insalata di tonno fatta in casa di DrakeDrakes Delicious ricetta insalata di tonno fatta in casa per la psoriasi

Ingredienti:

  • – 4 bistecche di tonno fresco (tonno non in scatola)
  • – 10 o più foglie di basilico fresche (tritate, più fresca è, meglio è)
  • – 20 grani di pepe nero
  • – 20 grani di pepe bianco
  • – Olio extravergine d'oliva
  • – Cucchiaio da tavola Aceto di sidro di mele
  • – Un grande barattolo di vetro con coperchio
  • – 1 cucchiaino di origano
  • – 1 cetriolo
  • – Iceberg o lattuga romana

Indicazioni:

1. Fai bollire una pentola grande d'acqua con le bistecche di tonno fresco per 15 minuti o fino a cottura. Scolare. Metti il ​​tonno in una ciotola capiente.

2. Tritate le foglie di basilico e mescolatele in una ciotola grande con tonno, pepe in grani, origano e aceto di mele.

3. Riempire il barattolo grande con il composto di tonno fino a circa metà del barattolo. Quindi versare sopra l'olio d'oliva fino a circa metà o fino a quando il composto non è sommerso.

4. Mettere il resto della miscela nel barattolo. Quindi versare di nuovo l'olio d'oliva sopra, immergere il resto.

5. Sigillare il coperchio sul barattolo e conservare in frigorifero finché non si raffredda.

6. Tritare l'iceberg freddo o la lattuga romana e metterli su un piatto grande.

7. Pelare e tagliare a fette il cetriolo freddo e adagiarlo sopra la lattuga.

8. Mettere 1 cucchiaio di tonno sopra la lattuga e i cetrioli. Meglio servito freddo.


2. Drake's Killa Homemade Kale ChipsRicette fatte in casa per patatine di cavolo riccio di psoriasi

Ingredienti:

  • – 1 borsa media di cavolo nero
  • – Olio d'oliva
  • – 2 teglie da forno

Indicazioni:

1. Preriscaldare il forno a 350.

2. Bagnare il fondo delle pentole con qualche cucchiaio di olio d'oliva o di cocco.

3. Aprire la busta di cavolo fresco e versare su due teglie da forno distribuendo uniformemente il cavolo.

4. Condisci un po 'di olio d'oliva o olio di cocco sopra il cavolo nero ..

5. Cuocere in forno per circa 15 – 20 minuti o finché non sono croccanti.

6. Sfornare e servire immediatamente.


3. I fagioli verdi fatti in casa di DrakeDrakes ottima ricetta di fagiolini fatta in casa per la psoriasi

Ingredienti:

  • – 1 busta di fagiolini freschi (non in scatola)
  • – 1 mazzetto di coriandolo tritato
  • – 1/2 cipolla
  • – Olio d'oliva o olio di cocco (solo)
  • – 1/4 di radice di zenzero fresca tritata
  • – Un pizzico di semi di sesamo

Indicazioni:

1. Tagliare le estremità dei fagiolini e far bollire in una pentola capiente per 10 – 20 minuti o fino a quando saranno morbidi e teneri. drain

2. Tritare la cipolla e rosolarla in olio per 1 minuto a fuoco medio o fino a quando non diventa marrone chiaro.

3. Mescolare cipolle, zenzero e coriandolo con i fagiolini.

4. Cospargere di sale e semi di sesamo.

5. Servire.


4. Tilapia intera fatta in casa gustosa di DrakeRicetta di tilapia intera fatta in casa gustosa di Drake per la psoriasi

Ingredienti:

  • – 1 tilapia intera (decalcificata e ripulita da branchie e organi)
  • – 4 spicchi d'aglio (tritati)
  • – 1 cucchiaio di semi di senape
  • – Piccola spruzzata di aceto di mele
  • – Dill Weed condimento
  • – 2 cucchiai di olio d'oliva
  • – 1 teglia da forno
  • – Foglio di alluminio

Indicazioni:

1. Preriscaldare il forno a 375 e mettere 2 cucchiai da tavola di olio d'oliva o di cocco sulla teglia.

2. Assicurati che l'intera tilapia non abbia squame, organi o branchie. Risciacquare l'intera tilapia e tagliare 3 fessure una per lato. Per un totale di 6 feritoie in tutto.

3. Mettere la tilapia intera sulla teglia con la testa e la coda ancora intatte.

4. Coprire entrambi i lati dell'intera tilapia con aceto di mele, condimento di aneto e semi di senape.

5. Tritare e sminuzzare l'aglio e cospargerlo sulla tilapia intera

6. Coprire la teglia con un foglio e cuocere per 50 minuti – 1 ora o finché il pesce non si sfalda.

7. Togliere dal forno e rimuovere con cautela la pellicola. Servire. Guarda per le ossa.

Nota * Si può consumare il pesce intero, testa e tutto. La materia cerebrale e gli occhi hanno molti nutrienti.

* Nota: alcune persone incontrano eruzioni cutanee o aumento dell'infiammazione quando mangiano troppo sale o agrumi. Interrompi o sostituisci gli ingredienti se necessario.


5. Filetto di tilapia fatto in casa da acquolina in bocca di DrakeRicetta di filetto di tilapia fatta in casa da acquolina in bocca di Drake per la psoriasi

Ingredienti:

  • – 2 libbre di tilapia o 6 filetti di tilapia
  • – 2 cucchiai da tavola di maionese di avocado (se usi un qualsiasi tipo di maionese a basso contenuto di grassi assicurati che non contenga paprika)
  • – 2 cucchiai da tavola di condimento alla senape macinata
  • – 1 limone
  • – Olio di cartamo
  • – 1 cucchiaio da tavola di prezzemolo fresco tritato
  • – Fiocchi di pepe bianco e nero grattugiato fresco
  • – Fiocchi di prezzemolo fresco o secco
  • – 1/2 cipolla a dadini

Indicazioni:

1. Preriscaldare il forno da carne a H1 o High e sciacquare tutti i filetti di tilapia sotto l'acqua corrente

2. Versare l'olio sulla teglia e bagnare ogni filetto con un leggero strato di olio, sopra e sotto.

3. Cospargere abbondantemente di pepe sui filetti di tilapia.

4. Mescolare il condimento di senape macinata, la maionese di avocado, le cipolle a dadini, i fiocchi di prezzemolo fresco e il succo di limone in una ciotola.

5. Versare il composto su ogni filetto di tilapia fino a coprirli completamente. Colpisci molti buchi delle forchette nei filetti.

6. Cuocere alla griglia senza coperchio per 6 – 9 minuti o finché i filetti di tilapia non saranno dorati. Non bruciare.

7. Sfornare e servire con una guarnizione di prezzemolo fresco.

* Nota: alcune persone incontrano eruzioni cutanee o aumento dell'infiammazione quando mangiano troppo sale o agrumi. Interrompi o sostituisci gli ingredienti se necessario.


6. Gli spinaci numero uno di Drakericetta di spinaci fatta in casa per la psoriasi

Ingredienti:

  • 1 contenitore di spinaci freschi
  • 1 cucchiaio di cumino
  • 1 pizzico di pepe nero fresco
  • 1 spruzzata di olio d'oliva

Indicazioni:

  1. Spruzza l'olio d'oliva in una padella o pentola grande.
  2. Versare tutti gli ingredienti nella pentola sopra l'olio d'oliva.
  3. Cuocere a temperatura media mescolando gli spinaci per tre minuti o finché non appassiscono.
  4. Servire.

7. Brooks Boldly Boldly Baked Brussels Sprouts ricetta cavoletti di Bruxelles fatti in casa per la psoriasi

Ingredienti:

  • 2 sacchetti di cavoletti di Bruxelles
  • 1/4 tazza di olio d'oliva
  • 1 cucchiaino di pepe macinato fresco

Indicazioni:

  1. Preriscalda il forno a 375.
  2. Mescolare tutti gli ingredienti in una ciotola capiente e mescolare.
  3. Versare tutto il contenuto in una teglia grande e distribuire uniformemente.
  4. Mettere la teglia in forno e cuocere per 30-40 minuti o finché non sarà morbida e tenera.
  5. Togliere dal forno e servire.

8. Brooks Best Beansricette fatte in casa per la psoriasi Best Beans

Ingredienti:

  • 2 sacchetti di fagioli misti (20oz, (1LB.40z.) 567 grammi ciascuno)
  • 1 cipolla (a dadini)
  • 4 carote (a fette)
  • 4 coste di sedano (a fette)
  • 1 busta media di cavolo nero
  • 4 cucchiai da tavola Turmuric
  • 4 cucchiai da tavola pepe nero
  • 2 bulbi d'aglio (a dadini)
  • 1 cucchiaio di sale marino
  • 4 lime o limoni (spremuti)

Indicazioni:

  1. Risciacquare i fagioli e metterli in una pentola enorme.
  2. Riempi una pentola di fagioli con 20 tazze d'acqua
  3. Portare a ebollizione, coprire e lasciare cuocere a fuoco lento per 2 ore mescolando di tanto in tanto.
  4. Aggiungi tutti gli altri ingredienti alla pentola, EXCEPT cavolo.
  5. Continua a cuocere a fuoco lento con il coperchio per 45 minuti. Mescola di tanto in tanto.
  6. Mescola Kale. Copri con il coperchio. Spegni il fornello. Aspetta cinque minuti.
  7. Servire.

* Questa ricetta può essere tagliata a metà per le famiglie più piccole.

* Nota: alcune persone incontrano eruzioni cutanee o aumento dell'infiammazione quando mangiano troppo sale o agrumi. Interrompi o sostituisci gli ingredienti se necessario.


9. Drake's Squash e Zucchini Zurprise ricette fatte in casa per zucca e zucchine psoriasi

Ingredienti:

  • 3 zucca (a fette)
  • 3 zucchine (a fette)
  • 2 pizzichi di cumino
  • 1 pizzico di pepe nero
  • 2 cucchiai da tavola di olio di cocco o olio d'oliva

Indicazioni:

  1. Mettere l'olio su una padella grande a fuoco medio.
  2. Aggiungere la zucca sciacquata e le fette di zucchine sopra l'olio.
  3. Cospargere metà del pepe e metà del cumino sopra. Agitare.
  4. Cospargere il resto del pepe e il cumino sopra.
  5. Copri e fai sobbollire per 10 minuti. Stirling di tanto in tanto.
  6. Servire quando sono teneri e umidi.

10. Drake's Off the Hook Cat-Fish DelightRicette fatte in casa per il pesce gatto della psoriasi

Ingredienti:

  • 5 fette di filetti di pesce gatto
  • 1 tazza di prezzemolo fresco dalla sezione prodotti (tritato)
  • 1 limone (spremuto)
  • 2 cucchiai da tavola di timo
  • 2 cucchiai di origano
  • 2 cucchiai da tavola basilico
  • 2 cucchiai da tavola di aglio in polvere
  • 2 cucchiai da tavola di pepe nero
  • 1 cucchiaino di sale kosher
  • 6 cucchiai di olio d'oliva

Indicazioni:

  1. Preriscalda il forno a 350.
  2. Mettete l'olio d'oliva nella teglia e distribuite uniformemente.
  3. Mescolare insieme prezzemolo, sale, pepe, timo, origano e basilico.
  4. Coprire i filetti di pesce gatto su entrambi i lati con il composto e disporli uniformemente sulla teglia.
  5. Mescolare il succo di limone con l'aglio in polvere e versare sopra il pesce.
  6. Fai dei buchi nei filetti di pesce.
  7. Cuocere senza coperchio per 30-40 minuti o fino a quando il pesce si sfalda quando viene colpito con la forchetta.
  8. Togliere dal forno e servire.

* Nota: alcune persone incontrano eruzioni cutanee o aumento dell'infiammazione quando mangiano troppo sale o agrumi. Interrompi o sostituisci gli ingredienti se necessario.


11. Broccoli nudi Brooks Ricette fatte in casa per i broccoli della psoriasi

Ingredienti:

  • broccoli
  • Pentola di acqua bollente

Indicazioni:

  1. Porta l'acqua a ebollizione nella pentola.
  2. Immergere e far bollire i broccoli per 2 minuti
  3. Mettere rapidamente in un contenitore sigillato fino al momento di servire.
  4. Servire liscio.

12. Drake's Slick Salad

Ingredienti:

Ricette fatte in casa per insalata di psoriasi

  • Romain o Iceberg Lettuce o Entrambi
  • 1 avocado (a fette)
  • 1/4 cipolla (a fette)
  • 2 gambi di sedano (a fette)
  • 3 cucchiai da tavola di olio d'oliva
  • 1/4 di limone
  • Una spolverata di pepe nero

Indicazioni:

  1. Metti tutti gli ingredienti in una grande ciotola.
  2. Servire.

* Nota: alcune persone incontrano eruzioni cutanee o aumento dell'infiammazione quando mangiano troppo sale o agrumi. Interrompi o sostituisci gli ingredienti se necessario.


13. Drake's Amazing Asparagus Ricette fatte in casa per gli asparagi della psoriasi

Ingredienti:

  • 1 lotto di asparagi
  • 2 cucchiai da tavola di olio d'oliva o olio di cocco
  • Un sacco di pepe macinato fresco

Indicazioni:

  1. Preriscalda il forno a 350
  2. Mettete l'olio sulla teglia.
  3. Sciacquare gli asparagi e metterli sulla teglia sopra l'olio.
  4. Mettere scoperto in forno e cuocere per 25-30 minuti o finché non saranno morbidi e teneri.
  5. Togliere dal forno e servire.

13. Drake's Quick Salmon

Ingredienti:Ricette fatte in casa per il salmone veloce della psoriasi

  • 1 filetto di salmone
  • 3 cucchiai da tavola di olio d'oliva
  • 4 spicchi d'aglio (tritati)
  • 1 cucchiaio di origano
  • 1 cucchiaio da tavola di prezzemolo fresco o secco
  • Cospargere di pepe nero
  • 1/4 di cipolla media
  • 1 teglia
  • Foglio
  • 1/4 di limone spremuto (facoltativo su come la pelle reagisce agli agrumi)

Indicazioni:

  1. Preriscaldare il forno a 350.
  2. Mescola olio, succo di limone e aglio in una ciotola.
  3. Stendere un lungo foglio di carta stagnola su una teglia e adagiare il pesce su un foglio.
  4. Avvolgi le estremità della pellicola verso l'alto in modo che i succhi non perdano.
  5. Versare il composto dalla ciotola sul pesce.
  6. Cospargere di pepe fresco, origano e cipolle sopra il pesce.
  7. Avvolgi le estremità della pellicola sul pesce fino a dove è completamente coperto e non colerà.
  8. Mettere in forno e cuocere per 25-30 minuti fino a quando il pesce si sfalda quando viene infilzato con una forchetta.
  9. Servire.

* Nota: alcune persone incontrano eruzioni cutanee o aumento dell'infiammazione quando mangiano troppo sale o agrumi. Interrompi o sostituisci gli ingredienti se necessario.


14. Verdure al forno BrooksRicette fatte in casa per le verdure al forno della psoriasi

Ingredienti:

  • 1/4 staio di broccoli
  • 1/4 staio di cavolfiore
  • 3 carote tritate
  • 1/4 di cipolla affettata in anelli
  • 6 cucchiai di olio d'oliva
  • Una spolverata di pepe nero

Indicazioni:

  1. Preriscaldare il forno a 350
  2. Mettere due cucchiai da tavola di olio d'oliva sulla teglia.
  3. Metti tutte le verdure sulla teglia.
  4. Versare il restante olio d'oliva su broccoli e cavolfiori.
  5. Cospargere di pepe nero fresco su tutte le verdure.
  6. Mettere in forno, scoperto per 3o minuti.
  7. Togliere dal forno e servire.

15. I cetrioli appena affettati di Drake

Ricetta casalinga del cetriolo per la psoriasi

Ingredienti:

  • 1 o più cetrioli affettati

Indicazioni:

  1. Risciacquare i cetrioli.
  2. Immergili con aceto di mele per 2 minuti o sbucciali se è presente la cera.
  3. Fetta.
  4. Servire

16. Drakes al vapore acquolina in bocca pesce gatto

* Nota: richiede Piroscafo elettrico.

Ingredienti:

  • 2 Filetti Di Pesce Gatto
  • 1/4 tazza di prezzemolo fresco tritato
  • 1/4 tazza di coriandolo fresco tritato
  • 1 cipolla verde intera
  • 1/4 di cipolla a dadiniPesce Gatto Al Vapore Fatto In Casa
  • 1 cucchiaio da tavola di timo
  • 1 cucchiaio di origano
  • 1 cucchiaio di basilico
  • 1 cucchiaio di aglio in polvere da tavola
  • 1 cucchiaio di pepe nero da tavola
  • 3 cucchiai da tavola Sidro di mele Vinigar
  • 3 cucchiai da tavola di olio d'oliva
  • Acqua distillata

Indicazioni:

  1. Prepara la vaporiera con acqua distillata.
  2. Versare l'olio d'oliva e l'aceto di mele in una ciotola.
  3. Sciacquare il pesce gatto e metterlo in una ciotola con l'olio e l'aceto in ammollo.
  4. In una ciotola a parte, mescola prezzemolo, coriandolo, timo, origano basilico, pepe nero.
  5. Coprire i filetti di pesce su entrambi i lati con una miscela di erbe.
  6. Metti il ​​pesce nella ciotola della vaporiera e poi posiziona la ciotola nel vano della vaporiera.
  7. Cospargere di sedano e cipolle.
  8. Metti la cipolla verde intera accanto al pesce.
  9. Cuocere a vapore per 40 minuti o finché il pesce non si sfalda.
  10. Servire.

17. Drakes Ultimate Salad

Ingredienti:

  • Romain o Iceberg Lettuce o Entrambi
  • Foglie Di Spinaci Freschi
  • 1 carota
  • 1 avocado (a fette)
  • 1 cetriolo (a fette)Insalata casalinga definitiva per la psoriasi
  • 1/4 cipolla (a fette)
  • 2 gambi di sedano (a fette)
  • 3 cucchiai da tavola di olio d'oliva
  • 1 cucchiaio da tavola di aceto di mele
  • 3 o quattro olive nere
  • Cospargere di erbe di origano
  • Una spolverata di pepe nero

Indicazioni:

  1. Risciacquare tutte le verdure.
  2. Immergere i cetrioli con aceto di mele per 2 minuti o sbucciarli se è presente la cera.
  3. Metti tutti gli ingredienti in una grande ciotola.
  4. Servire.

18. Tilapia intera al vapore fatta in casa gustosa di Drake

* Nota: richiede Piroscafo elettrico.

Ingredienti:

  • 1 Tilapia intera (decalcificata e ripulita da branchie e organi)Tilapia intera al vapore fatta in casa per la psoraisi
  • 4 spicchi d'aglio
  • 1/4 Cipolla (a cubetti)
  • 1 cucchiaio da tavola senape macinata
  • Piccola spruzzata di aceto di mele
  • Condimento all'aneto
  • 2 cucchiai di olio d'oliva

Indicazioni:

  1. Assicurati che l'intera tilapia non abbia squame, organi o branchie. Risciacquare l'intera tilapia e tagliare 3 fessure una per lato. Per un totale di 6 feritoie in tutto.
  2. Posiziona la tilapia nella ciotola della vaporiera e poi posiziona la tilapia nello scomparto della vaporiera.
  3. Copri entrambi i lati della tilapia intera con aceto di mele, condimento all'aneto e senape macinata.
  4. Mettere gli spicchi d'aglio tritati in una ciotola a vapore sul lato della tilapia
  5. Cospargere il pesce con cipolle a dadini.
  6. Copri la pentola a vapore con il coperchio e cuoci a vapore per 50 minuti – 1 ora o finché il pesce non si sfalda.
  7. Rimuovere con attenzione dal piroscafo. Servire. Guarda ed evita le ossa.
  8. Nota * Si può consumare il pesce intero, testa e tutto. La materia cerebrale e gli occhi hanno molti nutrienti. Guarda ed evita le ossa.

19. Cavolini di Bruxelles al vapore BrooksCavolini di Bruxelles al vapore per la psoriasi

* Nota: richiede piroscafo.

Ingredienti:

  • 2 sacchetti di cavoletti di Bruxelles
  • 1 cucchiaino di pepe macinato fresco

Indicazioni:

  1. Preparare la vaporiera con acqua distillata ..
  2. Risciacquare e versare i cavoletti di Bruxelles nella vaporiera.
  3. Cuocere a vapore per 5 minuti o finché non saranno morbide e tenere.
  4. Sfornare, spolverare di pepe e servire.

Se non hai letto “The Do List” e “The Don't List” su questo sito web, torna al menu principale e leggi quel contenuto ora. Gli altri contenuti ti aiuteranno a curare la psoriasi e a capire PERCHÉ “The Do List” e “The Don't List” sono così importanti. Capire il PERCHÉ aiuterà a capire come curare la psoriasi molto più facilmente.

Questa è la sezione ricette fatte in casa per la psoriasi di questo sito. Se fatto in combinazione con The Do List e Don't List, ti aiuterà a curare la psoriasi psoriasi-ricette-chef-bitmojinaturalmente e ti aiuterà anche a mantenere una bella pelle della stessa.

Come curare la psoriasi

Cure Psoriasis – The Do list

Come trattare la psoriasi – La lista delle cose da non fare

Curare la psoriasi con passione.

A proposito di Drake

Own My eBook offline, “Come rimediare alla psoriasi naturalmente

È un pacchetto inceppato con ricche informazioni sulle cose da fare, “La lista delle cose da fare” e cose da non fare, “Il Don'T Elenco, su come curare la psoriasi in modo naturale.

Se non vuoi ancora acquistare il mio libro suo bene con me. Tutte le informazioni raccolte nel mio eBook sono anche distribuite in tutto il mio sito Web, sfogliaHow-to-rememdy-psoriasi-naturalmente-cover

nel mio sito web e leggi Come rimediare alla psoriasi naturalmente.

Tuttavia, se vuoi avere il tuo personale copia scaricata in un'interfaccia semplice e facile da navigare, sei fortunato. Un portatile e accessibile App per eBook reader come Kindle, Apple, ePub e Pdf, sono alcuni esempi. Leggi online o offline come preferisci. Nessuna connessione a Internet nessun problema.

Il mio eBook costa solo $ 9,99 in questo momento, ma potrei cambiare il prezzo in un importo più alto se inizio diventando avido a causa di un aumento del traffico e della popolarità.

Se decidi di aiutarmi e di acquistare il mio primo eBook Come rimediare alla psoriasi naturalmente, sarebbe molto gradito. I profitti mi aiuteranno a mantenere e continuare ad aggiungere contenuti e ricette importanti a questo sito web.

Grazie per aver letto questa parte del mio sito web. Sentiti libero di lasciarmi un commento o una domanda qui sotto. Io risponderò.

Psorilax:Trattare con |crema per psoriasi cbd

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, come si usa

Materiali e metodo

È stato eseguito uno studio sull'efficacia del nuovo principio attivo. Sono stati trattati 134 pazienti, 67 dei quali affetti da dermatite, 13 con lichen planus e 15 con psoriasi pustolosa da piante spam. I risultati sono stati confrontati con quelli ottenuti da 39 pazienti di controllo trattati con le creme standard Clobetazol e Triamcinolona.

La crema contenente il principio attivo (che d'ora in poi si chiamerà la “Crema”) è stata preparata su base idrofila. Un tipo di crema è stato preparato al 36% e un altro al 50%. È stato anche realizzato un placebo su base idrofila. Tutti i casi sono stati selezionati da personale ignaro dell'attività dei medici e, in modo alternato, hanno effettuato biopsie a tutti i casi.

In generale, i sintomi sono stati classificati in non migliorato, migliorato e guarito. Sono stati effettuati controlli delle differenze dei risultati per l'utilizzo del Placebo (applicato sui controlli) e della Crema. A questo scopo è stato utilizzato il test Chi quadrato. Ogni paziente è stato osservato per un anno per rilevare gli effetti secondari.

Come accennato in precedenza, è stato condotto uno studio di alcuni anni. In questo periodo sono state eseguite diverse esperienze che vengono elencate di seguito:

Esperienza 1. Un numero di 18 pazienti con dermatite sono stati trattati utilizzando la Crema al 36%, applicandola 2 volte al giorno, per 21 giorni. Un altro gruppo di 10 casi è stato preso come controllo applicando su di essi la crema Clobetazol.

Esperienza 2. Un numero di 13 pazienti affetti da lichen planus sono stati trattati con la crema al 36% e 9 sono stati confrontati come pazienti di controllo trattati con crema Clobetazol. Sono state utilizzate le stesse procedure.

Esperienza 3. Un gruppo di 13 pazienti con psoriasi è stato trattato con la crema. I risultati vengono confrontati con quelli ottenuti da 12 pazienti a cui è stato applicato Clobetazol.

Esperienza 4. In questo esperimento clinico, la crema al 36% è stata applicata a 15 pazienti affetti da psoriasi pustolosa da piante spam. Altri 10 pazienti sono stati trattati con la crema Triamcinolona. Sono state utilizzate le stesse procedure.

Esperienza 5. È stato trattato un gruppo di 36 pazienti affetti da dermatite. Ad un sottogruppo è stato applicato il Placebo, ad un secondo è stata impiegata la Crema al 50% per le applicazioni e nell'ultimo terzo sottogruppo è stata utilizzata la Crema al 35%. Il sistema International PASI è stato impiegato per determinare la percentuale di lesioni cutanee testimoni in questa esperienza. Per eseguirlo, è stata creata una mappa del corpo di ciascun paziente nell'ambito di questi studi. Tutti gli studi sono stati realizzati in doppio cieco.

Esperienza 6. Uno studio su 45 pazienti con psoriasi è stato condotto utilizzando tre concentrazioni del principio attivo: 0, 70 e 90%. Come nella precedente esperienza, per l'elaborazione dei risultati è stato applicato il metodo PASI.

Esperienza 7. L'effetto della concentrazione è stato studiato in questa esperienza. A tale scopo la Crema alle concentrazioni 0%, 36% e 50% è stata applicata a tre gruppi, ciascuno di 15 pazienti. Per la valutazione è stato applicato il metodo PASI. .

Esperienza 8. Uno studio sulle ricadute è stato condotto in un gruppo di 24 pazienti affetti da dermatite. Inoltre, è stato condotto uno studio analogo con 23 pazienti affetti da psoriasi. Entrambi i gruppi sono stati trattati a caso con la crema.

risultati

Trattamento della psoriasi alle ginocchia; prima e dopo

Ginocchio psoriasi prima del trattamento e risultati dopo due mesi

Di seguito verranno presentati i risultati ottenuti da ciascuna delle esperienze enumerate nella sezione precedente, nell'ordine consecutivo.

Esperienza 1. Confronto tra Crema e Clobetazolo: pazienti con dermatite.

*

Non migliorato

migliorata

guarito

Crema

18

0

10

8

Controllo

10

3

5

2

La differenza statistica tra i risultati ottenuti applicando la Crema su un gruppo di pazienti affetti da dermatite e Clobetazol su un altro gruppo di controllo di essi, ha dato un significativo: 96% di fiducia. La tabella 1 mostra che un 100% dei casi trattati è migliorato con l'applicazione della crema.

Tabella 1. Mostra i risultati per due gruppi di pazienti affetti da dermatite, sotto l'applicazione della Crema e del Clobetazolo. Notare che tutti i pazienti sono migliorati sotto l'azione della Crema.

Fig. 1 illustra i risultati corrispondenti ai 18 casi di dermatite trattati: il 100% dei pazienti è migliorato e il 44% è guarito.

1_results_dermatitis_treatment.gif

Fig. 1. Risultati dell'applicazione della crema in pazienti con dermatite: da 18 casi trattati il ​​100% è stato migliorato e da questi il ​​44% è stato curato.

Successivamente, la Fig. 2 mostra graficamente i risultati dell'esperienza nell'applicazione di Clobetazol ai 10 pazienti di controllo.

2_application_clobatazol.gif

Fig. 2. Risultati dell'applicazione di Clobetazol a pazienti con dermatite. Da 10 casi trattati il ​​70% è stato migliorato e da questi il ​​20% è stato curato. Il resto del 30% dei pazienti non era migliorato.

Esperienza 2. Confronto tra Cream vs. Clobetazol: pazienti con lichen planus.

La tabella 2 illustra i risultati associati al trattamento del lichen planus. Anche in questo caso i risultati con l'utilizzo della Crema vengono confrontati con quelli ottenuti dai pazienti di controllo a cui è stato applicato Clobetazol.

*

Non migliorato

migliorata

guarito

Crema

1

3

5

Controllo

2

2

1

Tabella 2. I risultati del confronto tra l'uso di Crema in 9 pazienti affetti da lichen planus e Clobetazol in un gruppo di 5 pazienti di controllo anch'essi affetti da questa malattia.

Si noti che la differenza statistica dei risultati ottenuti con la Crema e con il Clobetazol porta ad un 88% di fiducia della Crema nei confronti del Clobetazolo. La Tabella 2 indica anche che l'88% dei casi trattati è migliorato e di questi il ​​55% è guarito. Questo risultato è illustrato graficamente in Fig.3.

3_clobetazol_control.gif

Fig. 3. Risultati dell'applicazione di Clobetazol nei pazienti di controllo che mostravano lichen planus: dall'88% dei casi migliorati il ​​55% era guarito.

La Fig. 4 mostra che dal 70% dei casi migliorati il ​​20% è stato curato utilizzando Clobetazol.

Illustra la superiorità dei risultati ottenuti con l'uso della Crema rispetto a quelli ottenuti applicando Clobetazol sui pazienti di controllo.

4_lichen_planus.gif

Fig. 4. Mostra i risultati dell'uso di Clobetazol per il trattamento del lichen planus: dal 70% dei casi migliorati il ​​20% è stato curato.

I risultati fino a questo punto, mostrano una superiorità dell'azione curativa della Crema rispetto alla corrispondente azione del Clobetazol.

Esperienza 3. Confronto tra Crema e Clobetazolo: pazienti affetti da psoriasi.

La differenza statistica dei risultati ottenuti dall'applicazione della Crema in queste esperienze su pazienti affetti da psoriasi, è un significativo 96% di fiducia rispetto ai risultati ottenuti con l'uso di Clobetazol nei casi di controllo. La tabella 3 mostra che il 100% dei casi trattati è migliorato con l'uso della crema.

Non migliorato

migliorata

guarito

Crema

0

9

4

Controllo

4

4

4

Tabella 3. Risultati dell'uso della Crema e del Clobetazolo in pazienti affetti da psoriasi.

La Fig.5 mostra i risultati del trattamento dei 13 casi di psoriasi con l'utilizzo della Crema. Il 30,8% dei casi è stato curato e il resto è migliorato.

5_psoriasis.gif

Fig.5. Mostra che dei 13 casi di psoriasi tutti erano migliorati e di questi il ​​30,8% era guarito. La differenza statistica è la stessa della dermatite: 96% di fiducia.

6_psoriasis_clobetazol.gif

Fig. 6. Illustra che del 66% dei casi di psoriasi migliorata con Clobetazol, il 33% di loro è stato curato.

Esperienza 4. Confronto tra Cream e Triam-cinolona: psoriasi pustolosa di piante spam.

È stato condotto uno studio con 25 pazienti affetti da psoriasi pustolosa da piante spam. Durante i 6 mesi di esperienza, 15 di loro sono stati trattati con la Crema e 10 con la Crema Triamcinolona per i casi di controllo. Un 100% dei pazienti è stato curato con una significatività statistica del 99,8% (vedi Fig. 7) rispetto all'outcome nei casi di controllo.

Per l'esperimento di controllo, è stato ottenuto un 60% di pazienti migliorati, senza ottenere cure, come illustrato in Fig.8.

7_pustulous_psoriasis_cream.gif

Fig. 7. Applicazione della crema sulla psoriasi pustolosa di piante spam: tutti i pazienti sono stati curati. La crema era più significativa in termini di significatività statistica rispetto alla Triamcinolona con una statistica significativa del 99,8%.

8_triamcinolona.gif

Fig. 8. Il 60% dei pazienti è migliorato utilizzando Triamcinolona nei pazienti di controllo. Non c'erano pazienti guariti.

Esperienza 5. Effetto della concentrazione: pazienti con dermatite.

È stato condotto uno studio con 36 pazienti affetti da dermatite, utilizzando tre concentrazioni di principio attivo, 0%, 36% e 50. Il metodo PASI è stato utilizzato come mezzo conveniente per descrivere la percentuale di eliminazione delle lesioni durante 30 giorni . All'aumentare della concentrazione del principio attivo è stata osservata una maggiore compensazione. I risultati sono mostrati nella Tabella 4.

Concentrazione

pazienti

PASI%

Placebo

10

24.8

36%

12

77.3

50%

14

90.8

Tabella 4. Applicazione della Crema su pazienti con dermatiti: la rimozione delle lesioni aumenta aumentando la concentrazione del principio attivo.

Esperienza 6. Effetto della concentrazione: pazienti affetti da psoriasi.

È stato condotto uno studio con 45 pazienti in questo caso affetti da psoriasi, utilizzando tre concentrazioni di principio attivo 0%, 36% e 50%. Anche in questo caso, il metodo PASI è stato utilizzato per descrivere in modo appropriato la percentuale di eliminazione delle lesioni durante 30 giorni. All'aumentare della concentrazione del principio attivo è stata osservata una maggiore compensazione. La tabella 5 mostra i risultati.

Concentrazione

pazienti

PASI%

Placebo

15

0

36%

15

70

50%

15

90

Tabella 5. Effetti della concentrazione della crema sui risultati dell'applicazione a pazienti affetti da psoriasi. Notare l'aumento dell'indice PASI all'aumentare della concentrazione.

Esperienza 7. Effetto dello studio sulla concentrazione e sulle reazioni avverse.

Durante un periodo di 30 giorni sono stati valutati gli effetti collaterali, come atrofie della pelle, ecc. I casi sono stati trattati con la Crema nelle due concentrazioni disponibili e Clobetazol. Statisticamente il valore zero del 55% si apprezza rispetto al controllo, segnando una grande differenza. La crema non ha prodotto effetti collaterali nei pazienti. D'altra parte Clobetazol li ha prodotti in un 33%. La tabella 6 illustra i risultati.

Totale

Senza reazioni

Rimbalzo dell'atrofia

Crema

40

40

No

Controllo

24

16

8

Tabella 6. I risultati comparativi dello studio degli effetti collaterali prodotti dalla Crema e dal Clobetazol.

Osserva che la Crema non ha prodotto effetti collaterali.

Esperienza 8. Studi sulle ricadute: dermatiti e psoriasi.

La Tabella 7 mostra i risultati per 24 pazienti affetti da dermatite che sono stati trattati a caso con la Crema. Sono stati osservati durante un anno dopo i loro trattamenti clinici, alla ricerca di ricadute. Sono state osservate tre ricadute per un 12,5%. La tabella 7 mostra questo risultato.

Totale

reazioni

Senza reazioni

24

3

21

Tabella 7. Numero di pazienti con dermatite che mostrano e non mostrano recidive nell'arco di un anno dopo i trattamenti con la Crema.

Per quanto riguarda le ricadute nei casi di psoriasi, un gruppo di 23 i pazienti sono stati scelti e trattati a caso con la Crema. Sono stati osservati durante un anno dopo il loro trattamento clinico, alla ricerca di ricadute. Sono state osservate 5 recidive per un 21,7%. Questo risultato è maggiore di quello corrispondente nel caso della dermatite. I risultati sono illustrati nella Tabella 8.

Totale

reazioni

Senza reazioni

23

5

18

Tabella 8. Numero di pazienti con psoriasi che mostrano e non mostrano recidive nell'arco di un anno dopo i trattamenti con la Crema.

In conclusione di questa sezione, si può sottolineare che dopo aver confrontato i risultati per tre malattie studiate, la più alta significatività statistica di confidenza per la Crema corrisponde alla sua applicazione ai pazienti con psoriasi pustolosa di piante spam.

Discussione

Trattamento della psoriasi ai piedi; prima e dopo

Piedi: vista posteriore prima del trattamento e risultati dopo due mesi di trattamento

La decisione di avviare l'applicazione del principio attivo considerato nelle affezioni considerate è stata motivata dalla scoperta che i cani affetti da Dermatite, reagivano molto positivamente ad un principio attivo ottenuto da focolaio infiammatorio. Inoltre, hanno anche reagito passivamente all'applicazione di preparati parenterali e topici del principio attivo.

A questo proposito, è stato trovato da Murray5 che l'infiammazione è in grado di cambiare le cellule TH1 in TH2 e viceversa. Inoltre, esiste il concetto moderno (Chouela 6) a tal proposito la psoriasi è un'infiammazione cronica dove il linfocita T gioca un ruolo fondamentale, ancora più intenso nel tipo pustoloso della malattia. T

Questi concetti, ci hanno suggerito un'ipotesi sul possibile meccanismo di azione del principio attivo in esame. Di seguito lo esponiamo. Il pattern cellulare del tipo di malattia considerato, è illustrato nella Fig. 9 per aiutare un'ulteriore comprensione, Pring 7.

9_cellular_pattern.gif

Fig. 9. Tipo di pattern cellulare 1.

Esistono diverse strategie terapeutiche per controllare queste malattie. Uno di questi consiste nell'eliminare l'azione delle citocine proinfiammatorie, utilizzando le proteine ​​mergine, Krueger 8. Agenti biologici vengono impiegati anche per abbassare il numero di linfociti, eliminano l'unione del linfocita con il CPA, Mehlis 9.

Inoltre, si può sottolineare che il deviazione immunologica è un metodo terapeutico che provoca cambiamenti nell'equilibrio delle citocine. Per la sua implementazione sono state impiegate le citocine esterne IL4. Di seguito, viene illustrato il caratteristico pattern cellulare dell'eczema cronico, una malattia i cui sintomi migliorano con l'uso di questa citocina.

10_pattern_chronic_eczema.gif

Fig.10. Modello cellulare di tipo 2: eczema cronico.

Recentemente è stato descritto un altro tipo di risposta immunologica contro i patogeni, dove i linfociti vengono attivati ​​in presenza di un superantigene, che si trova in un luogo senza avere una relazione con l'antigene. Secondo Kotsin10 et al, nelle malattie infettive acute, i superantigeni sono prodotti in quantità sufficienti per essere in grado di inattivare una grande quantità di linfociti. La Fig.11 illustra come gli antigeni stimolano 1 linfocita da un numero totale di 10.000.

11_stimulus_antigens.gif

Fig.11 Stimolo da antigeni esterni.

Tuttavia i superantigeni stimolano un numero di 3000, come mostrato in Fig. 12, Bonagura11. Secondo questo autore, in una grande quantità di casi di malattie infettive, l'equilibrio va verso il patogeno, a causa dell'aumento del superantigene.

12_stimulus_super_antigens.gif

Fig. 12 Stimolo da superantigeni.

Il principio attivo descritto in questo lavoro è appunto ottenuto da un focolaio infiammatorio. Pertanto, secondo Bottomly dovrebbero esistere variazioni delle celle da TH1 a TH2 e viceversa. Queste alterazioni in queste cellule immunologiche rilevanti insieme all'influenza del super-antigene possono determinare forti influenze sulla risposta del sistema alla malattia. A nostro avviso, ci si dovrebbe aspettare che i processi immunologici menzionati siano presenti nel meccanismo d'azione del principio attivo qui presentato. Ci aspettiamo di essere in grado di indagare su alcune di queste domande in future estensioni del lavoro.

Appunti

* Clinica per animali da compagnia, “Jose L. Callejas”, Istituto di medicina veterinaria, L'Avana, Cuba.

** Dipartimento di Biochimica, Facoltà di Biologia, Università dell'Avana, L'Avana, Cuba.

*** Dipartimento di dermatologia, “Guillermo Fernández Hdez. Baquero ”, Ospedale specializzato, L'Avana, Cuba.

**** Dipartimento di Immunologia, Ospedale “Juan Manuel Marquez”, L'Avana, Cuba.

Bibliografia

  1. Cabo-Montes de Oca, J.L. e Montesino R., Nuovo trattamento basato su mediatori immunologici tramite sistema reticolo-endoteliale, Congresso veterinario panamericano 1990; Riepilogo: 88, L'Avana, Cuba.
  2. Cabo-Montes de Oca e Montesino R., Nuovo trattamento basato su mediatori immunologici tramite sistema reticolo-endoteliale, Congresso mondiale veterinario 1991; Riepilogo, Rio de Janeiro, Brasile.
  3. Cabo-Montes de Oca J.L. e Montesino R., Prodotto con attività immuno-correttiva e procedura per ottenerlo. Certificato di invenzione dell'autore 11 n. 22233 ONIITEM, 4 marzo 1994, L'Avana, Cuba.
  4. Cabo-Montes de Oca J.L., Hernández G., Studio preliminare dell'attività della frazione ultrafiltrata del principio attivo Dermune in casi di dermatite canina. IMV, Conferenza provinciale 1996, Riepilogo, L'Avana, Cuba.
  5. Murray J.L et al. Controllo MHC dell'attivazione del sottoinsieme di cellule T CD4, J. Exp Med 1989; 170: 2135-40.
  6. Chouela E., Gonzalez P e Jovena C., Psoriasi: novità in ambito fisiopatologico e terapeutico. Arco. Argen. Dermatol. 2004; 54: 37-41.
  7. Pring J. C., Il ruolo delle cellule T nella psoriasi, J. Eur. Acad. Dermatol.Venereol. 2003; 17: 251-56.
  8. Krueger J. G., La base immunologica per il trattamento della psoriasi con nuovi agenti biologici, Marmellata. Acad. Dermatol. 2002; 46: 1-23.
  9. Mehlis S. L e Gordon K B, L'immunologia della psoriasi e l'immunoterapia biologica, Marmellata. Acad. Dermatol.2003; 499: S 44-50.
  10. Kotsin B.L., Leung D. e Kappler J., Superantigeni e loro potenziale ruolo nella malattia umana. Advantage in Immunology 1993; 54: 99-140.
  11. In fondo K.A., Dicotomia funzionale nei linfociti T CD4. Immunol., 1988; 9: 268-73.
  12. Bonagura R. J., Terapie veterinarie per animali di piccola taglia. XII. 1997; pagina: 592.

Puedes descargar este artículo en formato PDF.