CREMA TRATTAMENTO PSORIASI OFFERTA -50% !

Home Blog Page 219

Psorilax:Come costruire |ultimo ritrovato crema anti psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, come si usa

ROCKLAND, Mass. and NEW YORK, March 13, 2020 /PRNewswire/ — EMD Serono, the biopharmaceutical business of Merck KGaA, Darmstadt, Germany in the US and Canada, and Pfizer Inc. (NYSE: PFE) today announced an update from the Phase III JAVELIN Head and Neck 100 study evaluating avelumab in addition to chemoradiotherapy (CRT) versus standard-of-care CRT in patients with untreated locally advanced squamous cell carcinoma of the head and neck (LA SCCHN). The alliance has accepted the recommendation of the independent Data Monitoring Committee (DMC) to terminate the JAVELIN Head and Neck 100 trial, as the study is unlikely to show a statistically significant improvement in the primary endpoint of progression-free survival (PFS) based on a preplanned interim analysis. A detailed analysis of the Phase III JAVELIN Head and Neck 100 study is being conducted and study findings will be shared with the scientific community.

There has been limited innovation for patients with locally advanced SCCHN over the past 10 years.1 Despite aggressive standard-of-care treatment with high-dose chemotherapy combined with radiotherapy, LA SCCHN will ultimately recur in a large proportion of patients.2 In recognition of the unmet need for additional treatment options that can prevent recurrence or metastatic disease,3 the alliance initiated the JAVELIN Head and Neck 100 trial, which is the first Phase III study to report topline results for an immune checkpoint inhibitor in combination with CRT in LA SCCHN.

About JAVELIN Head and Neck 100
JAVELIN Head and Neck 100 (NCT02952586) is a Phase III, randomized, double-blind, placebo-controlled, parallel-arm study investigating treatment with avelumab plus standard-of-care CRT followed by avelumab maintenance versus CRT alone in patients with previously untreated LA SCCHN. A total of 697 patients who had not received prior therapy for locally advanced SCCHN and were eligible for CRT with curative intent were randomly assigned to receive avelumab plus CRT or CRT alone. The primary endpoint was PFS per modified Response Evaluation Criteria in Solid Tumors (RECIST) version 1.1. Secondary endpoints included overall survival (OS), time to locoregional failure, time to distant metastatic failure, overall response, duration of response and pathologic complete response.

About Head and Neck Cancer
Head and neck cancer is the sixth most common cancer worldwide.4 In 2016, there were nearly 150,000 newly diagnosed cases in the United States, Japan and Europe.4 Approximately 60% of people are diagnosed with head and neck cancer when their disease has already progressed to the locally advanced stage (Stage III-IVB).5 At this stage, the cancer has spread from its site of origin to local lymph nodes, but not another part of the body.6 Standard of care for these patients includes high-dose chemotherapy combined with radiotherapy.7

About BAVENCIO® (avelumab)
BAVENCIO is a human anti-programmed death ligand-1 (PD-L1) antibody. BAVENCIO has been shown in preclinical models to engage both the adaptive and innate immune functions. By blocking the interaction of PD-L1 with PD-1 receptors, BAVENCIO has been shown to release the suppression of the T cell-mediated antitumor immune response in preclinical models.8-10 In November 2014, Merck KGaA, Darmstadt, Germany, and Pfizer announced a strategic alliance to co-develop and co-commercialize BAVENCIO.

BAVENCIO Approved Indications
BAVENCIO® (avelumab) in combination with axitinib is indicated in the US for the first-line treatment of patients with advanced renal cell carcinoma (RCC).

In the US, the FDA granted accelerated approval for BAVENCIO for the treatment of (i) adults and pediatric patients 12 years and older with metastatic Merkel cell carcinoma (mMCC) and (ii) patients with locally advanced or metastatic urothelial carcinoma (mUC) who have disease progression during or following platinum-containing chemotherapy, or have disease progression within 12 months of neoadjuvant or adjuvant treatment with platinum-containing chemotherapy. These indications are approved under accelerated approval based on tumor response rate and duration of response. Continued approval for these indications may be contingent upon verification and description of clinical benefit in confirmatory trials.

Avelumab is currently approved for patients with MCC in 50 countries globally, with the majority of these approvals in a broad indication that is not limited to a specific line of treatment.

BAVENCIO Important Safety Information from the US FDA-Approved Label
BAVENCIO can cause immune-mediated pneumonitis, including fatal cases. Monitor patients for signs and symptoms of pneumonitis, and evaluate suspected cases with radiographic imaging. Administer corticosteroids for Grade 2 or greater pneumonitis. Withhold BAVENCIO for moderate (Grade 2) and permanently discontinue for severe (Grade 3), life-threatening (Grade 4), or recurrent moderate (Grade 2) pneumonitis. Pneumonitis occurred in 1.2% of patients, including one (0.1%) patient with Grade 5, one (0.1%) with Grade 4, and five (0.3%) with Grade 3.

BAVENCIO can cause hepatotoxicity and immune-mediated hepatitis, including fatal cases. Monitor patients for abnormal liver tests prior to and periodically during treatment. Administer corticosteroids for Grade 2 or greater hepatitis. Withhold BAVENCIO for moderate (Grade 2) immune-mediated hepatitis until resolution and permanently discontinue for severe (Grade 3) or life-threatening (Grade 4) immune-mediated hepatitis. Immune-mediated hepatitis occurred with BAVENCIO as a single agent in 0.9% of patients, including two (0.1%) patients with Grade 5, and 11 (0.6%) with Grade 3.

BAVENCIO in combination with axitinib can cause hepatotoxicity with higher than expected frequencies of Grade 3 and 4 alanine aminotransferase (ALT) and aspartate aminotransferase (AST) elevation. Consider more frequent monitoring of liver enzymes as compared to when the drugs are used as monotherapy. Withhold BAVENCIO and axitinib for moderate (Grade 2) hepatotoxicity and permanently discontinue the combination for severe or life-threatening (Grade 3 or 4) hepatotoxicity. Administer corticosteroids as needed. In patients treated with BAVENCIO in combination with axitinib, Grades 3 and 4 increased ALT and AST occurred in 9% and 7% of patients, respectively, and immune-mediated hepatitis occurred in 7% of patients, including 4.9% with Grade 3 or 4.

BAVENCIO can cause immune-mediated colitis. Monitor patients for signs and symptoms of colitis. Administer corticosteroids for Grade 2 or greater colitis. Withhold BAVENCIO until resolution for moderate or severe (Grade 2 or 3) colitis until resolution. Permanently discontinue for life-threatening (Grade 4) or recurrent (Grade 3) colitis upon reinitiation of BAVENCIO. Immune-mediated colitis occurred in 1.5% of patients, including seven (0.4%) with Grade 3.

BAVENCIO can cause immune-mediated endocrinopathies, including adrenal insufficiency, thyroid disorders, and type 1 diabetes mellitus.

Monitor patients for signs and symptoms of adrenal insufficiency during and after treatment, and administer corticosteroids as appropriate. Withhold BAVENCIO for severe (Grade 3) or life-threatening (Grade 4) adrenal insufficiency. Adrenal insufficiency was reported in 0.5% of patients, including one (0.1%) with Grade 3.

Thyroid disorders can occur at any time during treatment. Monitor patients for changes in thyroid function at the start of treatment, periodically during treatment, and as indicated based on clinical evaluation. Manage hypothyroidism with hormone replacement therapy and hyperthyroidism with medical management. Withhold BAVENCIO for severe (Grade 3) or life-threatening (Grade 4) thyroid disorders. Thyroid disorders, including hypothyroidism, hyperthyroidism, and thyroiditis, were reported in 6% of patients, including three (0.2%) with Grade 3.

Type 1 diabetes mellitus including diabetic ketoacidosis: Monitor patients for hyperglycemia or other signs and symptoms of diabetes. Withhold BAVENCIO and administer antihyperglycemics or insulin in patients with severe or life-threatening (Grade ≥3) hyperglycemia, and resume treatment when metabolic control is achieved. Type 1 diabetes mellitus without an alternative etiology occurred in 0.1% of patients, including two cases of Grade 3 hyperglycemia.

BAVENCIO can cause immune-mediated nephritis and renal dysfunction. Monitor patients for elevated serum creatinine prior to and periodically during treatment. Administer corticosteroids for Grade 2 or greater nephritis. Withhold BAVENCIO for moderate (Grade 2) or severe (Grade 3) nephritis until resolution to Grade 1 or lower. Permanently discontinue BAVENCIO for life-threatening (Grade 4) nephritis. Immune-mediated nephritis occurred in 0.1% of patients.

BAVENCIO can result in other severe and fatal immune-mediated adverse reactions involving any organ system during treatment or after treatment discontinuation. For suspected immune-mediated adverse reactions, evaluate to confirm or rule out an immune-mediated adverse reaction and to exclude other causes. Depending on the severity of the adverse reaction, withhold or permanently discontinue BAVENCIO, administer high-dose corticosteroids, and initiate hormone replacement therapy, if appropriate. Resume BAVENCIO when the immune-mediated adverse reaction remains at Grade 1 or lower following a corticosteroid taper. Permanently discontinue BAVENCIO for any severe (Grade 3) immune-mediated adverse reaction that recurs and for any life-threatening (Grade 4) immune-mediated adverse reaction. The following clinically significant immune-mediated adverse reactions occurred in less than 1% of 1738 patients treated with BAVENCIO as a single agent or in 489 patients who received BAVENCIO in combination with axitinib: myocarditis including fatal cases, pancreatitis including fatal cases, myositis, psoriasis, arthritis, exfoliative dermatitis, erythema multiforme, pemphigoid, hypopituitarism, uveitis, Guillain-Barré syndrome, and systemic inflammatory response.

BAVENCIO can cause severe or life-threatening infusion-related reactions. Premedicate patients with an antihistamine and acetaminophen prior to the first 4 infusions and for subsequent infusions based upon clinical judgment and presence/severity of prior infusion reactions. Monitor patients for signs and symptoms of infusion-related reactions, including pyrexia, chills, flushing, hypotension, dyspnea, wheezing, back pain, abdominal pain, and urticaria. Interrupt or slow the rate of infusion for mild (Grade 1) or moderate (Grade 2) infusion-related reactions. Permanently discontinue BAVENCIO for severe (Grade 3) or life-threatening (Grade 4) infusion-related reactions. Infusion-related reactions occurred in 25% of patients, including three (0.2%) patients with Grade 4 and nine (0.5%) with Grade 3.

BAVENCIO in combination with axitinib can cause major adverse cardiovascular events (MACE) including severe and fatal events. Consider baseline and periodic evaluations of left ventricular ejection fraction. Monitor for signs and symptoms of cardiovascular events. Optimize management of cardiovascular risk factors, such as hypertension, diabetes, or dyslipidemia. Discontinue BAVENCIO and axitinib for Grade 3-4 cardiovascular events. MACE occurred in 7% of patients with advanced RCC treated with BAVENCIO in combination with axitinib compared to 3.4% treated with sunitinib. These events included death due to cardiac events (1.4%), Grade 3-4 myocardial infarction (2.8%), and Grade 3-4 congestive heart failure (1.8%).

BAVENCIO can cause fetal harm when administered to a pregnant woman. Advise patients of the potential risk to a fetus including the risk of fetal death. Advise females of childbearing potential to use effective contraception during treatment with BAVENCIO and for at least 1 month after the last dose of BAVENCIO. It is not known whether BAVENCIO is excreted in human milk. Advise a lactating woman not to breastfeed during treatment and for at least 1 month after the last dose of BAVENCIO due to the potential for serious adverse reactions in breastfed infants.

The most common adverse reactions (all grades, ≥ 20%) in patients with metastatic Merkel cell carcinoma (MCC) were fatigue (50%), musculoskeletal pain (32%), diarrhea (23%), nausea (22%), infusion-related reaction (22%), rash (22%), decreased appetite (20%), and peripheral edema (20%).

Selected treatment-emergent laboratory abnormalities (all grades, ≥ 20%) in patients with metastatic MCC were lymphopenia (49%), anemia (35%), increased aspartate aminotransferase (34%), thrombocytopenia (27%), and increased alanine aminotransferase (20%).

The most common adverse reactions (all grades, ≥ 20%) in patients with locally advanced or metastatic urothelial carcinoma (UC) were fatigue (41%), infusion-related reaction (30%), musculoskeletal pain (25%), nausea (24%), decreased appetite/hypophagia (21%), and urinary tract infection (21%).

Selected laboratory abnormalities (Grades 3-4, ≥ 3%) in patients with locally advanced or metastatic UC were hyponatremia (16%), increased gamma-glutamyltransferase (12%), lymphopenia (11%), hyperglycemia (9%), increased alkaline phosphatase (7%), anemia (6%), increased lipase (6%), hyperkalemia (3%), and increased aspartate aminotransferase (3%).

Fatal adverse reactions occurred in 1.8% of patients with advanced renal cell carcinoma (RCC) receiving BAVENCIO in combination with axitinib. These included sudden cardiac death (1.2%), stroke (0.2%), myocarditis (0.2%), and necrotizing pancreatitis (0.2%).

The most common adverse reactions (all grades, ≥20%) in patients with advanced RCC receiving BAVENCIO in combination with axitinib (vs sunitinib) were diarrhea (62% vs 48%), fatigue (53% vs 54%), hypertension (50% vs 36%), musculoskeletal pain (40% vs 33%), nausea (34% vs 39%), mucositis (34% vs 35%), palmar-plantar erythrodysesthesia (33% vs 34%), dysphonia (31% vs 3.2%), decreased appetite (26% vs 29%), hypothyroidism (25% vs 14%), rash (25% vs 16%), hepatotoxicity (24% vs 18%), cough (23% vs 19%), dyspnea (23% vs 16%), abdominal pain (22% vs 19%), and headache (21% vs 16%).

Selected laboratory abnormalities (all grades, ≥20%) worsening from baseline in patients with advanced RCC receiving BAVENCIO in combination with axitinib (vs sunitinib) were blood triglycerides increased (71% vs 48%), blood creatinine increased (62% vs 68%), blood cholesterol increased (57% vs 22%), alanine aminotransferase increased (ALT) (50% vs 46%), aspartate aminotransferase increased (AST) (47% vs 57%), blood sodium decreased (38% vs 37%), lipase increased (37% vs 25%), blood potassium increased (35% vs 28%), platelet count decreased (27% vs 80%), blood bilirubin increased (21% vs 23%), and hemoglobin decreased (21% vs 65%).

Please see full US Prescribing Information and Medication Guide available at http://www.BAVENCIO.com.

About Merck KGaA, Darmstadt, Germany-Pfizer Alliance
Immuno-oncology is a top priority for Merck KGaA, Darmstadt, Germany and Pfizer. The global strategic alliance between Merck KGaA, Darmstadt, Germany and Pfizer enables the companies to benefit from each other’s strengths and capabilities and further explore the therapeutic potential of BAVENCIO, an anti-PD-L1 antibody initially discovered and developed by Merck KGaA, Darmstadt, Germany. The immuno-oncology alliance is jointly developing and commercializing BAVENCIO. The alliance is focused on developing high-priority international clinical programs to investigate BAVENCIO as a monotherapy as well as combination regimens, and is striving to find new ways to treat cancer.

All Merck KGaA, Darmstadt, Germany, press releases are distributed by e-mail at the same time they become available on the EMD Group Website. In case you are a resident of the USA or Canada please go to www.emdgroup.com/subscribe to register again for your online subscription of this service as our newly introduced geo-targeting requires new links in the email. You may later change your selection or discontinue this service.

About EMD Serono, Inc.
EMD Serono – the biopharmaceutical business of Merck KGaA, Darmstadt, Germany, in the U.S. and Canada – is engaged in the discovery, research and development of medicines for patients with difficult to treat diseases. The business is committed to transforming lives by developing and delivering meaningful solutions that help address the therapeutic and support needs of individual patients. Building on a proven legacy and deep expertise in neurology, fertility and endocrinology, EMD Serono is developing potential new oncology and immuno-oncology medicines while continuing to explore potential therapeutic options for diseases such as psoriasis, lupus and MS. Today, the business has approximately 1,500 employees around the country with commercial, clinical and research operations based in the company’s home state of Massachusetts. www.emdserono.com.

About Merck KGaA, Darmstadt, Germany
Merck KGaA, Darmstadt, Germany, a leading science and technology company, operates across healthcare, life science and performance materials. Around 57,000 employees work to make a positive difference to millions of people’s lives every day by creating more joyful and sustainable ways to live. From advancing gene editing technologies and discovering unique ways to treat the most challenging diseases to enabling the intelligence of devices – the company is everywhere. In 2019, Merck KGaA, Darmstadt, Germany, generated sales of € 16.2 billion in 66 countries.

The company holds the global rights to the name and trademark “Merck” internationally. The only exceptions are the United States and Canada, where the business sectors of Merck KGaA, Darmstadt, Germany operate as EMD Serono in healthcare, MilliporeSigma in life science, and EMD Performance Materials. Since its founding 1668, scientific exploration and responsible entrepreneurship have been key to the company’s technological and scientific advances. To this day, the founding family remains the majority owner of the publicly listed company.

Pfizer Inc.: Breakthroughs that change patients’ lives
At Pfizer, we apply science and our global resources to bring therapies to people that extend and significantly improve their lives. We strive to set the standard for quality, safety and value in the discovery, development and manufacture of health care products, including innovative medicines and vaccines. Every day, Pfizer colleagues work across developed and emerging markets to advance wellness, prevention, treatments and cures that challenge the most feared diseases of our time. Consistent with our responsibility as one of the world’s premier innovative biopharmaceutical companies, we collaborate with health care providers, governments and local communities to support and expand access to reliable, affordable health care around the world. For more than 150 years, we have worked to make a difference for all who rely on us. We routinely post information that may be important to investors on our website at www.pfizer.com. In addition, to learn more, please visit us on www.pfizer.com and follow us on Twitter at @Pfizer and @Pfizer_News, LinkedIn, YouTube and like us on Facebook at Facebook.com/Pfizer.

Pfizer Disclosure Notice
The information contained in this release is as of March 13, 2020. Pfizer assumes no obligation to update forward-looking statements contained in this release as the result of new information or future events or developments.

This release contains forward-looking information about BAVENCIO (avelumab), the alliance between Merck KGaA, Darmstadt, Germany, and Pfizer involving BAVENCIO and clinical development plans, including their potential benefits, that involves substantial risks and uncertainties that could cause actual results to differ materially from those expressed or implied by such statements. Risks and uncertainties include, among other things, uncertainties regarding the commercial success of BAVENCIO; the uncertainties inherent in research and development, including the ability to meet anticipated clinical endpoints, commencement and/or completion dates for our clinical trials, regulatory submission dates, regulatory approval dates and/or launch dates, as well as the possibility of unfavorable new clinical data and further analyses of existing clinical data; risks associated with interim data; the risk that clinical trial data are subject to differing interpretations and assessments by regulatory authorities; whether regulatory authorities will be satisfied with the design of and results from our clinical studies; whether and when any drug applications may be filed in any jurisdictions for any potential indications for BAVENCIO or combination therapies; whether and when regulatory authorities in any jurisdictions where any applications are pending or may be submitted for BAVENCIO or combination therapies may approve any such applications, which will depend on myriad factors, including making a determination as to whether the product’s benefits outweigh its known risks and determination of the product’s efficacy, and, if approved, whether they will be commercially successful; decisions by regulatory authorities impacting labeling, manufacturing processes, safety and/or other matters that could affect the availability or commercial potential of BAVENCIO; and competitive developments.

A further description of risks and uncertainties can be found in Pfizer’s Annual Report on Form 10-K for the fiscal year ended December 31, 2019, and in its subsequent reports on Form 10-Q, including in the sections thereof captioned “Risk Factors” and “Forward-Looking Information and Factors That May Affect Future Results”, as well as in its subsequent reports on Form 8-K, all of which are filed with the U.S. Securities and Exchange Commission and available at www.sec.gov and www.pfizer.com.

References

  1. Mandal R, et al. The head and neck cancer immune landscape and its immunotherapeutic implications. JCI Insight. 2016;1(17):e89829.
  2. National Comprehensive Cancer Network. NCCN Clinical Practice Guidelines: Head and Neck Cancers. https://www.nccn.org/professionals/physician_gls/default.aspx. Accessed March 2020.
  3. Porceddu SV, et al. Treating patients with locally advanced squamous cell carcinoma of the head and neck unsuitable to receive cisplatin-based therapy. Frontiers in Oncology. 2020;22.
  4. Tzong K. Head and neck cancer: Epidemiology. Datamonitor. August 2017.
  5. Oksuz DC, et al. Recurrence patterns of locally advanced head and neck squamous cell carcinoma after 3D conformal (chemo)-radiotherapy. Radiation Oncology. 2011;6(54).
  6. Deschler DG, Moore MG, Smith RV, eds. Quick Reference Guide to TNM Staging of Head and Neck Cancer and Neck Dissection Classification, 4th ed. Alexandria, VA: American Academy of Otolaryngology–Head and Neck Surgery Foundation, 2014.
  7. Argiris A, et al. Evidence-Based Treatment Options in Recurrent and/or Metastatic Squamous Cell Carcinoma of the Head and Neck. Frontiers in Oncology. 2017;7:72.
  8. Dolan DE, Gupta S. PD-1 pathway inhibitors: changing the landscape of cancer immunotherapy. Cancer Control. 2014;21(3):231-237.
  9. Dahan R, Sega E, Engelhardt J, et al. FcγRs modulate the anti-tumor activity of antibodies targeting the PD-1/PD-L1 axis. Cancer Cell. 2015;28(3):285-295.
  10. Boyerinas B, Jochems C, Fantini M, et al. Antibody-dependent cellular cytotoxicity activity of a novel anti-PD-L1 antibody avelumab (MSB0010718C) on human tumor cells. Cancer Immunol Res. 2015;3(10):1148-1157.

Your Contacts

EMD Serono Inc.

Media

Noelle Piscitelli

+1 781 427 4351

Investor Relations

+49 6151 72-3321

Pfizer Inc., New York, USA

Media

Jessica Smith

+1 212 733 6213

Investor Relations

Ryan Crowe

+1 212 733 8160

Cision View original content to download multimedia:http://www.prnewswire.com/news-releases/emd-serono-and-pfizer-provide-update-on-phase-iii-javelin-head-and-neck-100-study-301022835.html

SOURCE EMD Serono

Psorilax:Migliore nell’anno. |crema per prurito psoriasi cuoio capellutto

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, composizione

Reena Ruparelia
Reena RupareliaPer gentile concessione del soggetto
Jennifer Kerner
Jennifer KernerPer gentile concessione del soggetto
Tikeyah Varner
Tikeyah VarnerPer gentile concessione del soggetto

Psorilax:Per gli anziani |creme per psoriasi sulle gambe dermovitamine

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, dove si compra

Illustration: Soham Sen | ThePrint
Illustration: Soham Sen | ThePrint

Text Size:

Bengaluru: When cases of coronavirus, the virus that has killed more than 3,000 people in China, were first reported in India, the AYUSH Ministry advised citizens to use homoeopathy to prevent infection.

A system of alternative medicine, homoeopathy courts deep popularity in India, so much so that many are known to believe that it’s an Indian system. According to the government, it’s the second most popular form of medicine in the country with as much as 10 per cent of the population relying on it.

It claims to treat diseases for which allopathy, or Western medicine, currently offers no cure — from diabetes and psoriasis to polycystic ovary syndrome (PCOS).

Among followers, it is seen as a form of natural therapy, invoking a sense of Eastern mysticism with its promise of painless treatment.

However, homoeopathy is neither all-natural, nor Indian. It’s not even Eastern — it was created in 1796 by a German physician named Samuel Hahnemann, who reportedly coined the term “allopathy” as a pejorative for modern medicine.

One of the two basic tenets of the system is “like cures like” — that is, if something causes acidity, the same thing will also ease it.

The other is the law of minimum dosage — Taking a core ingredient and diluting it to such an extent that there isn’t even a single molecule of the original substance left.

Despite its popularity, the system remains controversial. Most health experts — from the World Health Organisation (WHO), to the US Department of Health and Human Services and Britain’s National Health Service — cite research and express scepticism. They discourage its use as an alternative to conventional medicine for life-threatening diseases, and see it as a harmless placebo at best and a purveyor of potentially lethal concoctions at worst.

Several countries like Britain and France do not allow government funding in the field, while Australia conducted a thorough review and declared it pseudoscience. Spain has proposed banning it for being dangerous.

Even so, there is no dearth of people who testify to its potential as a cure for a laundry list of conditions. In India, it’s the subject of a degree course that allows students to become registered practitioners and is overseen by a dedicated government department.

This contradiction is precisely the reason why the AYUSH Ministry’s coronavirus advisory seemed to set the cat among the pigeons, leading several people to question the “unproven advice” in the face of a health crisis. But backers of the system were equally vocal.

So, what does a layperson make of it?


Also Read: Homoeopathy for coronavirus: Is AYUSH commitment to alt meds healthy or promoting quackery?


What is homoeopathy?

Hahnemann, the homoeopathy creator, believed there were only three kinds of illnesses, syphilis, psychosis (or fig-wart disease), and the itch (where the skin itches), which he thought were symptomatic of other diseases like cancer, deafness and epilepsy.

This theory is contentious even within homoeopathic communities today.

Hahnemann’s basic premise rejects the theory that a disease or infection is through an outside cause and states that every illness is from within one’s own body.

The homoeopathic premise of “like cures like” derives from an experiment Hahnemann conducted where he reportedly ingested large amounts of cinchona bark (it contains quinine, used to treat malaria even today). Hahnemann is believed to have concluded that the symptoms produced by overconsumption mirrored those for malaria, and thus the bark could treat the disease.

While it’s often believed to be plant-based and natural, the core ingredients involved in homoeopathic remedies can be animal- or plant-based, mineral or synthetic, designated with Latin or Latin-sounding names.

The creation of remedies involves diluting the core ingredient to such an extent with water, alcohol or sugar that there isn’t even a single molecule of the original substance left.

Arsenic oxide, known as arsenicum album in homoeopathy, was what the AYUSH Ministry prescribed for coronavirus prevention. It has traditionally been used by homoeopaths as treatment for conditions such as digestive disorders, allergies and even anxiety and insomnia.

Other core ingredients include natrum muriaticum (sodium chloride or common salt), the poisonous belladonna flower, opium, and even products from a diseased person, like blood, urine, faeces, pus and mucus discharge.

Some preparations use “captured” ingredients such as x-rays and sunlight. “Sol” or sunlight is particularly common, and is “obtained” by exposing lactose (natural sugar occurring in milk) to the Sun.

To reduce the effects of radiation therapy, alcohol exposed to x-rays is used (which isn’t “natural”). Often, insoluble substances like granite are ground to pieces with lactose and then diluted. For example, it was reported last year that a British homoeopath, who also caters to the royal family, was offering a remedy devised from pieces of the Berlin Wall as a “cure” for depression and asthma.

The dilution takes place in a form of logarithmic scales (where each step is a multiple of the previous one). The two used most commonly are X potency, where each scale represents a dilution by a factor of 10, and centesimal (C), by a factor of 100.

A 2X (unit of potency) scale would mean that a substance is diluted one part in 9, and then one part of the resulting solution again diluted in 9 parts of the solvent.

For example, one millilitre of a core ingredient first diluted in 9 millilitres of water, and one part of the resulting solution again diluted in 9 millilitres of water.

So, a 10X potency would repeat the process 10 times, and a 15X, 15 times.

This is the same for C, but by a factor of 100: One part diluted with 99 parts.

Common potencies used are 30X or 300C, but beyond 12C or 24X, there is no presence of even a single molecule of the core substance.

Homoeopathy believes that the more diluted a remedy is, the more potent it is. A potency of 100X, for example, is considered to be higher than 10X — a fact chemists see as counterintuitive.

This is based on the controversial notion that water has “memory” and retains information about the substances it comes in contact with (and thus cures the body).

The final solution is poured over sugar tablets and left to evaporate.

Homoeopathic remedies are thus as good as harmless to the human body, but only when mixed correctly. There have been cases of arsenic poisoning in India because of poorly concocted homoeopathic remedies.

Evolution and spread of homoeopathy

Homoeopathy was widely adopted in the 1800s as modern medicine was just evolving and included several painful practices. New diseases were infecting the human population, and medical science hadn’t caught up yet.

Homoeopathy held the promise of painless “treatment” and gained popularity.

Homoeopathic schools opened in the US and Europe throughout the late 19th century, spurred by ineffective treatments for outbreaks like cholera, which killed hundreds of thousands of people at the time.

Medical practitioners investigated the system for assessing efficacy, and this is thought to have encouraged rigour in modern medicine as well.

However, leading homoeopaths rapidly started abandoning the practice in the mid-20th century as modern medicine showed real results. The last homoeopathic school in the US was shut down in 1920.

Later, Nazi interest in homoeopathy led to its resurgence in public consciousness in the 1930s and 40s — but they abandoned the system quickly too.

It then gained favour with the New Age Movement, a Western phenomenon that spawned a variety of spiritual and religious beliefs in the 70s, and incorporated “natural” remedies for the mind, body, and spirit as their central tenet for health.

The movement has been known to adopt pseudoscientific beliefs such as astrology as a reaction against institutional establishment structures, and is credited with the rising popularity of homoeopathy today.

In India, homoeopathy was introduced in the early 19th century and was quickly adopted across the country, via Bengal.

The Calcutta Homoeopathic Medical College, the first Indian homoeopathic institute, was established in 1881.

In 1973, the Union government recognised homoeopathy as one of the national systems of medicine and set up the Central Council of Homoeopathy (CCH, now overseen by AYUSH Ministry) to regulate its education and practice.


Also Read: Homoeopathy as ideology


Scientific consensus

Homoeopathic training involves a number of beliefs that run counter to well-established science. The system rejects germ theory, believing that all illnesses come from within. Future practitioners are reportedly taught that vaccines are poisonous and antibiotics a sham.

Right from the time it took hold, homoeopathy has been criticised by physicians. Evidence for its efficacy is said to have been established by Hahnemann by having patients simply write down their symptoms in detail after consumption of a remedy, a process that lacked rigour.

Scientific studies into homoeopathy have consistently shown it to be ineffective in treating illnesses or their symptoms — or occasionally just as effective as placebos.

Analyses of existing studies show that research suggesting positive results was either not conducted as rigorously as necessary or was backed by insufficient evidence.

A 2002 study conducted by a British researcher — a systematic review of other systematic reviews on homoeopathy — found that no study was able to determine positive outcomes. It concluded that the “best clinical evidence for homoeopathy available to date does not warrant positive recommendations for its use in clinical practice”.

Many other such studies have followed in the two decades since.

Most recently, an extensive 2015 study in Australia, conducted by the country’s top funding body for medical research, the National Health and Medical Research Council, assessed over 1,800 other studies and the results yet again weren’t in favour of homoeopathy.

The basic foundation of homoeopathy, that water holds the memory of substances it has been in contact with, has been widely discredited but remains controversial.

Following large-scale denunciations of homoeopathy by scientists, many medical bodies and health services have conducted independent research and issued advisories against the use of homoeopathy.

The health agencies of the US and Britain — the Department of Health and Human Services and Britain’s National Health Service, respectively — both state clearly on their websites that the purported effectiveness of homoeopathy is not backed by research. The WHO has discouraged its use for treatment of serious diseases, and called for quality control and regulation of homoeopathy to avoid lethal consequences.

National medical and health bodies in Russia, Australia, and Europe have warned against homoeopathy. Countries like Britain and France have forbidden reimbursement for homoeopathic treatments, while Spain is pushing for a ban on the entire system for being dangerous and unethical.

“Many countries have conducted comprehensive research and have ultimately decided that it doesn’t work,” said Amalorpavanathan Joseph, a vascular surgeon at Chennai’s Vijaya Hospital.

Speaking about the recent government advisory against coronavirus, he added, “Even if it was issued as a preventive measure to build up immunity and not a cure, it can’t work. Building up immunity takes years, it can’t happen in a matter of a few days.”

‘A cure for everything’

Supporters of homoeopathy claim it can cure almost anything, including conditions such as polycystic ovary syndrome (PCOS), psoriasis and diabetes that Western medicine is yet to find a cure for.

“Homoeopathy has medicines for everything, including thyroid, PCOD, psoriasis, diabetes, hair-fall, osteoarthritis, and even cancer,” said Josy Joy, a homoeopath practising at the Bengaluru-based Care N Cure Health Clinic.

According to Joy, his patients have seen improvements in all these illnesses without modern medicine.

Asked about the criticism directed at the medicine system, he said, “Western science looks for material content in homoeopathic medicines, but homoeopathy acts in a dynamic way. If the medicines are used, results can be seen.

“Our patients have seen their goiters dissolve through homoeopathy but allopathy has only surgery for most of these.”

Medical experts disagree.

“Any claims made should be backed by data and evidence. There has been no documented evidence that homoeopathy works and can cure people of illnesses,” said Joseph of Chennai’s Vijaya Hospital.

“If there’s evidence that homoeopathy works, doctors would be the first to adopt it. We want our patients to be cured and healthy after all.”

Sumaiya Shaikh, a Sweden-based neuroscientist who serves as science editor of the fact-checking portal Alt News, has done extensive research on homoeopathy and academic homeopathic publications as a part of her reportage.

“The studies (that prove homoeopathy to be effective) have faulty statistics at the outset,” she said.

“A mechanical explanation of the drug dynamics is never attempted in the discussion, even as a hypothesis, as the authors never know how exactly they think the drug is working. Often the conclusions are far-fetched in the abstract but when the study is carefully examined, the data doesn’t reflect the assertion of the conclusions,” Shaikh added.

Additionally, critics claim, processes that induce scientific rigour, such as blinding, are rarely used. Blinding is when the patient doesn’t know if they’re being given a homoeopathic medicine or an allopathic one. A similar system is double-blinding, when doctors themselves don’t know either.

Such systems are important to establish the effectiveness of a treatment without bias.

Shaikh explained how ‘citation value’ of research — a measure of credibility — is enhanced by the authors or other homoeopaths by repeatedly citing faulty studies that discard other variables.

Backers, however, are quick to reject the argument about the lack of credible research, saying it was consequence of the West’s indifference towards the alternative medicine system.

“The accessibility of homoeopathic system is very limited in the Western world and did not receive much attention in development as compared to allopathy,” said Dr Anil Khurana, director general at the Central Council For Research in Homoeopathy, an institute under the AYUSH Ministry.

“Because of the low cost of medicines, it did not get investment from sponsors either. Even governments in Western countries did not invest funds in alternative medicine, including homoeopathy,” he added. “Their support towards allopathy has prevented them from investing in further research and studies to prove the efficacy of homoeopathy.”

“However, there are countries like Brazil, Cuba and Mexico where the government supports this system of medicine… The therapy has started growing in the US, where seven states have allowed legal practice of homoeopathy. In Europe, acceptance is at an all-time high in most countries, including Italy, Germany, France and Switzerland.”

While as much as 60 per cent of the French population reportedly uses homoeopathy, come 2021, the government will end public support for medicines under the system. In Switzerland, meanwhile, homoeopathy has been given the same status as conventional medicine.

According to Khurana, students seeking training in homoeopathy are subjected to a rigorous 5.5-year curriculum, which includes a year-long internship and “is equivalent to MBBS where lessons don’t only deal with homoeopathy but also other subjects, as happens at allopathic medical colleges”.

“India has the largest infrastructure of homoeopathy because of increased demand from the public who have experienced the benefits of homoeopathy,” he said.

There are nearly 3 lakh registered homoeopaths in India today. An estimated 32,000 students enrol each year in AYUSH colleges, of which over 13,000 students opt for homoeopathy.

But this curriculum has a potentially dark underbelly.

“Homoeopathy degrees are an easy gateway into medical practice for students who didn’t obtain good enough scores to enter an MBBS programme,” said Shantanu Abhyankar, a trained homoeopath who switched to modern medicine after “being convinced that homeopathy is humbug”.

Abhyankar himself did the same — entered a homeopathy course as he couldn’t score well enough for MBBS.

But during the course of his training, he realised that they were just taught theory, and research papers published in the field offered no proof that homoeopathy worked.

“Homoeopaths are legitimised by the prefix ‘Dr’ against their name, and thus set up a practice,” he said.

Abhyankar eventually went back and obtained an MBBS degree, and has been a practising gynaecologist for 20 years now.


Also Read: PM Modi’s acupressure roller could work for some, but mostly it is pseudoscience


How placebos work

There are many reasons why critics believe homoeopathy seems to work for people.

Primary among these is called “regression to the mean”.

Nearly every illness has a natural growth curve before it tapers and dies (or kills). Typically, the moment illness sets in, patients go to doctors. Antibiotics or other modern drugs are prescribed — and might not always work. A homoeopath then prescribes a long course of remedies. So, just as the patient consumes them, the disease in its natural course starts to decline, and eventually the patient is cured.

The regression to the mean has been cited as a factor behind faulty results in placebo experiments on multiple occasions. This is also believed to be the reason why many patients who have survived dangerous illnesses like cancer report feeling better when they follow up medical treatment with a trip to the homoeopath.

“We have treated many cancer patients who have suffered from all kinds of cancer such as lung cancer and breast cancer,” said homoeopath Joy.

“Homoeopathy prolongs life. With chemotherapy, the problem is that there is increased chances of cancer recurrence (there is no proof for this claim), but people still always go to chemotherapy and then come to homoeopathy. We have successfully avoided recurrence for many kinds of cancers.”

“Different patients have different needs, so we use different remedies made of arsenic, belladonna etc.,” he added.

He did, however, concede that he hadn’t seen cancer patients who came to homoeopathy directly before chemotherapy.

A similar effect as regression to the mean is also seen in unassisted natural healing, where the body’s system builds up immunity over time to fight off an illness, and this often coincides with a homoeopathic course.

It is also possible that the patient feels better on account of a completely different aspect of their life that is inducing a pharmacological change in the body and treating the illness, such as a new meditation practice.

Patients also often use homoeopathy as a complementary treatment to a medicine course.

There is also the therapeutic effect of physician consultation. A homeopathic consultation could typically last for two hours, and a 2010 study published in the peer-reviewed British journal Rheumatology attributed to clinical benefits in homoeopathy patients could be attributed to the consultations.

Homoeopathy is also considered a placebo — it works because the people who take it think it does. But this requires strong belief and doesn’t hold true for all consumers. The placebo effect is a subject of active research, especially in light of the knowledge that patients respond even when they’re aware they might have been given a placebo.

But placebo effects are mostly known to work for symptoms of illnesses and pain management, not the actual disease. For a cancerous tumour, for example, someone under the placebo effect can feel less pain, but the tumour still eats away at the body.

Khurana, however, said it was a myth that homoeopathy worked as a placebo.

“The top research institutes of India for modern medicine, including AIIMS, School of Tropical Medicine, Kolkata, and Bose Institute, Kolkata and others have conducted pre-clinical trials (those preceding clinical trials on humans) to dispel the myth that these medicines are mere placebo,” he said.

“Such trials have been adequately documented to validate the claims. The studies have been published in international peer-reviewed journals.”

Some of the studies, however, seem to say nothing about the efficacy of homeopathy. Instead, a study by West Bengal researchers, including from Bose Institute, spoke about “vibrational and electric properties” of the medicines.

ThePrint reached the heads of AIIMS and the Indian Council for Medical Research (ICMR) for comment but they did not respond.

“Homoeopathy treats symptoms while modern medicine treats causes,” said Abhyankar. “Modern medicine can even predict and prevent (a disease). But homoeopathy can only treat symptoms after they manifest.”

Homoeopathic remedies might seem like a harmless placebo, but they cause significant indirect harm, said Edzard Ernst, a German academic physician who is considered an authority on complementary and alternative medicine (CAM).

“If a severely ill person is treated with ineffective homoeopathy and thus forfeits effective treatments, her illness will not be adequately treated and thus (she will be caused) unnecessary suffering,” he added. “If a homoeopath advises a patient against vaccinations — as many homoeopaths do — he endangers public health. If a homoeopath charges for useless treatments, he causes harm to his patient’s finances.”

Homoeopaths, however, fulfil a key role in India’s healthcare pyramid — informal community care.

“We have nurses, super speciality nurses, ward officers, doctors, but very few physiotherapists or trained counsellors,” said Abhyankar. “Because they (homoeopaths) are considered doctors, they often end up fulfilling this need.”

Under the AYUSH Ministry, homoeopathy is the second most highly funded system of medicine after ayurveda, but Ernst said it didn’t warrant such attention.

“Homoeopathy is both biologically implausible and, according to the best available evidence, not clinically effective. Therefore, funding research into homoeopathy should not be on the agenda of reputable funding organisations, let alone governments,” he added.

“Research funds are notoriously scarce. Therefore, governments and other funding bodies have an ethical, moral and legal duty to spend them on projects with a high prior probability of generating a productive result,” he said.

“Alternative medicine should be open to scrutiny and peer review by everyone and should be subjected to the same principles of research as evidence-based medicine,” added Shaikh. “By the sheer exclusivity and inability to bite bitter bullets, alternative medicine has become what it has become. There could be immense value in finding mechanisms and biochemical pathways at which the anti-inflammatory herbs are targeted but the research is always focused on quick translation and marketing before due research, as the belief takes over its evidence.”

With inputs from Himani Chandna in New Delhi

Edited by Sunanda Ranjan

ThePrint is now on Telegram. For the best reports & opinion on politics, governance and more, subscribe to ThePrint on Telegram.

Subscribe to our YouTube channel.

Psorilax:A basso prezzo |oulxan crema psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, come si usa

Perché era necessario questo studio?

La psoriasi è una condizione comune che colpisce circa due persone su 100 nell'Europa occidentale e negli Stati Uniti. La stragrande maggioranza delle persone con psoriasi colpisce il cuoio capelluto causando chiazze rosse di pelle ricoperte da spesse squame bianco-argenteo.

Queste lesioni squamose sono visibili e possono causare imbarazzo. La psoriasi del cuoio capelluto può anche essere estremamente pruriginosa, anche se alcune persone non hanno alcun disagio. In casi estremi può causare la caduta dei capelli, sebbene di solito sia solo temporanea.

I trattamenti topici (creme e unguenti per la pelle) come i corticosteroidi (steroidi) e la vitamina D sono di solito i primi trattamenti provati, ma applicarli sul cuoio capelluto è difficile a causa dei capelli sulla testa. Inoltre, non è chiaro quale funzioni meglio.

Questo studio mirava ad aiutare i medici e i pazienti a decidere quale tra la vasta gamma di trattamenti topici disponibili funziona meglio e il tipo e la frequenza di eventuali effetti collaterali.

Cosa ha fatto questo studio?

Questa revisione sistematica di Cochrane includeva 59 studi randomizzati controllati su 11.561 partecipanti fino ad agosto 2015. Sono state incluse tutte le età.

I principali risultati di interesse sono stati la “liquidazione” o la “risposta” della psoriasi, valutata da un medico o dal paziente stesso utilizzando i punteggi per valutare se le lesioni del cuoio capelluto erano migliorate o chiarite completamente. Sono stati inoltre registrati eventi avversi che richiedono l'interruzione del trattamento, come reazioni allergiche.

Sono stati effettuati tre confronti principali dei trattamenti topici: steroidi topici da soli rispetto alla sola vitamina D; terapia di combinazione (terapia con corticosteroidi e vitamina D) rispetto al solo steroide; terapia di combinazione contro la sola vitamina D.

Le prove relative a questi tre risultati sono state classificate come moderate o di alta qualità, la maggior parte è durata meno di sei mesi e circa la metà è stata effettuata o sponsorizzata dal produttore del farmaco in studio. Il coinvolgimento dello sponsor può distorcere i risultati – in questo caso possono avere maggiori probabilità di trovare differenze dove non ce ne sono, o scoprire differenze artificialmente grandi.

Che cosa ha trovato?

  • La risposta al trattamento valutata dai pazienti usando solo steroidi è risultata migliore del 48% rispetto a quelli solo con vitamina D (rischio relativo (RR), 1,48% IC 95% da 1,28 a 1,72). Ciò significava che circa cinque pazienti avrebbero dovuto essere curati con steroidi per raggiungere un paziente in più che si giudica “rispondente” al trattamento. Gli steroidi in combinazione con vitamina D erano migliori del 13% rispetto alla sola vitamina D, il che significa che circa 13 persone avrebbero bisogno di essere trattate per una persona in più per beneficiare allo stesso modo – una differenza non considerata clinicamente importante.
  • Pazienti e medici hanno dato valutazioni simili di miglioramenti.
  • I partecipanti che hanno applicato solo la vitamina D hanno interrotto il trattamento più spesso a causa di effetti avversi rispetto a quelli che hanno applicato uno steroide topico da solo o in combinazione con vitamina D. (RR 0,70, IC al 95% da 0,58 a 0,85).

Cosa dicono le attuali linee guida su questo problema?

Per il trattamento iniziale della psoriasi del cuoio capelluto, la guida NICE per la psoriasi 2012 consiglia un potente corticosteroide applicato come lozione, soluzione o gel una volta al giorno per quattro settimane.

Se le lesioni non si risolvono o migliorano in modo soddisfacente, si consiglia di provare una formulazione diversa per altre quattro settimane (ad esempio il passaggio dal gel a uno shampoo o mousse) con o senza agenti topici per eliminare la scala difficile da rimuovere. Se la risposta al trattamento è ancora insoddisfacente, un prodotto combinato contenente calcipotriolo monoidrato (vitamina D) e betametasone dipropionato (uno steroide) può essere usato una volta al giorno per quattro settimane o la vitamina D da sola una volta al giorno fino a otto settimane.

Quali sono le implicazioni?

La revisione suggerisce che gli steroidi topici da soli o in combinazione con la vitamina D sono più efficaci e più sicuri nel trattamento della psoriasi del cuoio capelluto rispetto alla sola vitamina D.

Dovremmo essere cauti nel prendere queste scoperte al valore nominale poiché alcune prove sono state sponsorizzate dall'industria. Sono stati identificati altri 14 studi, ma non disponibili per l'inclusione nell'analisi. Vi è il potenziale che la sponsorizzazione del settore favorisca la pubblicazione di risultati positivi piuttosto che negativi. Per questa recensione la maggior parte dei confronti conteneva meno di dieci studi e gli autori affermano di non essere stati in grado di testare statisticamente questo pregiudizio.

Altri tipi di trattamenti topici, come il catrame di carbone, sono stati inclusi nell'ambito della revisione ma non sono state trovate prove sufficienti per trarre conclusioni.

Citazione e finanziamento

Schlager JG, Rosumeck S, Werner R. et al. Trattamenti topici per la psoriasi del cuoio capelluto. Cochrane Database Syst Rev. 2016; (2): CD009687.

Non sono state fornite informazioni di finanziamento per questo studio.

Perché era necessario questo studio?

La psoriasi è una condizione comune che colpisce circa due persone su 100 nell'Europa occidentale e negli Stati Uniti. La stragrande maggioranza delle persone con psoriasi colpisce il cuoio capelluto causando chiazze rosse di pelle ricoperte da spesse squame bianco-argenteo.

Queste lesioni squamose sono visibili e possono causare imbarazzo. La psoriasi del cuoio capelluto può anche essere estremamente pruriginosa, anche se alcune persone non hanno alcun disagio. In casi estremi può causare la caduta dei capelli, sebbene di solito sia solo temporanea.

I trattamenti topici (creme e unguenti per la pelle) come i corticosteroidi (steroidi) e la vitamina D sono di solito i primi trattamenti provati, ma applicarli sul cuoio capelluto è difficile a causa dei capelli sulla testa. Inoltre, non è chiaro quale funzioni meglio.

Questo studio mirava ad aiutare i medici e i pazienti a decidere quale tra la vasta gamma di trattamenti topici disponibili funziona meglio e il tipo e la frequenza di eventuali effetti collaterali.

Cosa ha fatto questo studio?

Questa revisione sistematica di Cochrane includeva 59 studi randomizzati controllati su 11.561 partecipanti fino ad agosto 2015. Sono state incluse tutte le età.

I principali risultati di interesse sono stati la “liquidazione” o la “risposta” della psoriasi, valutata da un medico o dal paziente stesso utilizzando i punteggi per valutare se le lesioni del cuoio capelluto erano migliorate o chiarite completamente. Sono stati inoltre registrati eventi avversi che richiedono l'interruzione del trattamento, come reazioni allergiche.

Sono stati effettuati tre confronti principali dei trattamenti topici: steroidi topici da soli rispetto alla sola vitamina D; terapia di combinazione (terapia con corticosteroidi e vitamina D) rispetto al solo steroide; terapia di combinazione contro la sola vitamina D.

Le prove relative a questi tre risultati sono state classificate come moderate o di alta qualità, la maggior parte è durata meno di sei mesi e circa la metà è stata effettuata o sponsorizzata dal produttore del farmaco in studio. Il coinvolgimento dello sponsor può distorcere i risultati – in questo caso possono avere maggiori probabilità di trovare differenze dove non ce ne sono, o scoprire differenze artificialmente grandi.

Che cosa ha trovato?

  • La risposta al trattamento valutata dai pazienti usando solo steroidi è risultata migliore del 48% rispetto a quelli solo con vitamina D (rischio relativo (RR), 1,48% IC 95% da 1,28 a 1,72). Ciò significava che circa cinque pazienti avrebbero dovuto essere curati con steroidi per raggiungere un paziente in più che si giudica “rispondente” al trattamento. Gli steroidi in combinazione con vitamina D erano migliori del 13% rispetto alla sola vitamina D, il che significa che circa 13 persone avrebbero bisogno di essere trattate per una persona in più per beneficiare allo stesso modo – una differenza non considerata clinicamente importante.
  • Pazienti e medici hanno dato valutazioni simili di miglioramenti.
  • I partecipanti che hanno applicato solo la vitamina D hanno interrotto il trattamento più spesso a causa di effetti avversi rispetto a quelli che hanno applicato uno steroide topico da solo o in combinazione con vitamina D. (RR 0,70, IC al 95% da 0,58 a 0,85).

Cosa dicono le attuali linee guida su questo problema?

Per il trattamento iniziale della psoriasi del cuoio capelluto, la guida NICE per la psoriasi 2012 consiglia un potente corticosteroide applicato come lozione, soluzione o gel una volta al giorno per quattro settimane.

Se le lesioni non si risolvono o migliorano in modo soddisfacente, si consiglia di provare una formulazione diversa per altre quattro settimane (ad esempio il passaggio dal gel a uno shampoo o mousse) con o senza agenti topici per eliminare la scala difficile da rimuovere. Se la risposta al trattamento è ancora insoddisfacente, un prodotto combinato contenente calcipotriolo monoidrato (vitamina D) e betametasone dipropionato (uno steroide) può essere usato una volta al giorno per quattro settimane o la vitamina D da sola una volta al giorno fino a otto settimane.

Quali sono le implicazioni?

La revisione suggerisce che gli steroidi topici da soli o in combinazione con la vitamina D sono più efficaci e più sicuri nel trattamento della psoriasi del cuoio capelluto rispetto alla sola vitamina D.

Dovremmo essere cauti nel prendere queste scoperte al valore nominale poiché alcune prove sono state sponsorizzate dall'industria. Sono stati identificati altri 14 studi, ma non disponibili per l'inclusione nell'analisi. Vi è il potenziale che la sponsorizzazione del settore favorisca la pubblicazione di risultati positivi piuttosto che negativi. Per questa recensione la maggior parte dei confronti conteneva meno di dieci studi e gli autori affermano di non essere stati in grado di testare statisticamente questo pregiudizio.

Altri tipi di trattamenti topici, come il catrame di carbone, sono stati inclusi nell'ambito della revisione ma non sono state trovate prove sufficienti per trarre conclusioni.

Citazione e finanziamento

Schlager JG, Rosumeck S, Werner R. et al. Trattamenti topici per la psoriasi del cuoio capelluto. Cochrane Database Syst Rev. 2016; (2): CD009687.

Non sono state fornite informazioni di finanziamento per questo studio.

BACKGROUND: le persone con psoriasi a placche cronica hanno spesso lesioni sul cuoio capelluto. I capelli rendono difficile il trattamento del cuoio capelluto e la pelle del viso adiacente è particolarmente sensibile ai trattamenti topici.

OBIETTIVI: valutare l'efficacia e la sicurezza dei trattamenti topici per la psoriasi del cuoio capelluto.

METODI DI RICERCA: Abbiamo cercato i seguenti database fino ad agosto 2015: il registro specializzato Cochrane Skin Group, CENTRAL (2015, Numero 7), MEDLINE (dal 1946), EMBASE (dal 1974) e LILACS (dal 1982). Abbiamo anche cercato cinque registri di prove, proiettato estratti di sei conferenze specifiche sulla psoriasi e controllato gli elenchi di riferimento degli studi inclusi per ulteriori riferimenti a studi controllati randomizzati pertinenti.

CRITERI DI SELEZIONE: studi randomizzati controllati (RCT) con una progettazione in gruppi paralleli, cross-over o all'interno del paziente di trattamenti topici per persone di tutte le età con psoriasi del cuoio capelluto.

RACCOLTA E ANALISI DEI DATI: Due autori hanno effettuato in modo indipendente la selezione dello studio, l'estrazione dei dati e la valutazione del “rischio di parzialità”. Le controversie sono state risolte con riferimento a un terzo autore. Per valutare la qualità delle prove, ci siamo concentrati sui seguenti risultati: “liquidazione” o “risposta”, come valutato dalla valutazione globale dello sperimentatore (IGA), miglioramento della qualità della vita, eventi avversi richiedendo l'interruzione del trattamento e la “risposta”, come valutato dalla valutazione globale del paziente (PGA). Abbiamo espresso i risultati dei singoli studi come rapporti di rischio (RR) con intervalli di confidenza al 95% (CI) per esiti dicotomici e differenze medie (MD ) con IC al 95% per risultati continui. Se gli studi erano sufficientemente omogenei, abbiamo meta-analizzato i dati utilizzando il modello a effetti casuali. Laddove non fosse possibile calcolare una stima puntuale per un singolo studio, abbiamo descritto i dati qualitativamente. Abbiamo anche presentato il numero necessario per il trattamento a beneficio (NNTB). Abbiamo classificato i corticosteroidi topici secondo la classificazione tedesca della potenza dei corticosteroidi come lieve, moderata, alta e molto alta.

PRINCIPALI RISULTATI: abbiamo incluso 59 RCT per un totale di 11.561 partecipanti. Trenta studi sono stati condotti o sponsorizzati dal produttore del farmaco in studio. Il rischio di parzialità variava considerevolmente tra gli studi inclusi. Ad esempio, la maggior parte degli autori non ha indicato il metodo di randomizzazione e pochi hanno affrontato l'occultamento dell'allocazione. La maggior parte dei risultati è stata limitata ai trattamenti a breve termine, poiché la maggior parte degli studi è stata condotta per meno di sei mesi. Solo uno studio ha studiato la terapia a lungo termine (12 mesi). Sebbene abbiamo riscontrato un'ampia varietà di diversi interventi, abbiamo limitato la classificazione della qualità delle prove a tre confronti principali: steroide contro vitamina D, combinazione a due composti di steroidi e vitamina D rispetto a monoterapia con steroidi e contro vitamina D. In termini di clearance , come valutato dall'IGA, gli steroidi erano migliori della vitamina D (RR 1,82; IC 95% 1,52-2,18; quattro studi, 2180 partecipanti, NNTB = 8; IC 95% 7-11; prove di qualità moderata). Statisticamente, la combinazione a due composti era superiore alla monoterapia con steroidi, tuttavia il beneficio aggiuntivo era piccolo (RR 1,22; IC 95% da 1,08 a 1,36; quattro studi, 2474 partecipanti, NNTB = 17; IC al 95% da 11 a 41; prove di qualità moderata ). La combinazione a due composti era più efficace della sola vitamina D (RR 2,28; IC 95% 1,87-2,78; quattro studi, partecipanti 2008, NNTB = 6; IC 95% da 5 a 7; evidenza di alta qualità). In termini di risposta al trattamento , come valutato dall'IGA, i corticosteroidi erano più efficaci della vitamina D (RR 2,09; IC 95% 1,80-2,41; tre studi, 1827 partecipanti; NNTB = 4; IC 95% da 4 a 5; prove di alta qualità). La combinazione a due composti era migliore della monoterapia con steroidi, ma il beneficio aggiuntivo era piccolo (RR 1,15; IC 95% da 1,06 a 1,25; tre studi, 2444 partecipanti, NNTB = 13; IC al 95% da 9 a 24; prove di qualità moderata). Era anche più efficace della sola vitamina D (RR 2,31; IC 95% da 1,75 a 3,04; quattro studi, 2222 partecipanti, NNTB = 3; IC 95% da 3 a 4; prove di qualità moderate). Il rapporto sui dati sulla qualità della vita era scarso e i dati erano insufficienti per essere inclusi per la meta-analisi. Gli steroidi hanno causato meno ritiri a causa di eventi avversi rispetto alla vitamina D (RR 0,22; IC 95% da 0,11 a 0,42; quattro studi, 2291 partecipanti; prove di qualità moderata). La combinazione a due composti e la monoterapia con steroidi non differivano nel numero di eventi avversi che hanno portato all'astinenza (RR 0,88; IC 95% da 0,42 a 1,88; tre studi, 2433 partecipanti; evidenza di qualità moderata). La combinazione a due composti ha portato a un minor numero di prelievi a causa di eventi avversi rispetto alla vitamina D (RR 0,19; IC 95% da 0,11 a 0,36; tre studi, partecipanti del 1970; prove di alta qualità). Nessuno studio ha riportato il tipo di evento avverso che richiede l'interruzione. In termini di risposta al trattamento, come valutato dalla PGA, gli steroidi erano più efficaci della vitamina D (RR 1,48; IC 95% da 1,28 a 1,72; tre studi, 1827 partecipanti; NNTB = 5 ; IC al 95% da 5 a 7; prove di qualità moderata). Statisticamente, la combinazione a due composti era migliore della monoterapia con steroidi, tuttavia il beneficio non era clinicamente importante (RR 1,13; IC 95% da 1,06 a 1,20; due studi, 2226 partecipanti; NNTB = 13; IC 95% da 9 a 26; alta qualità prova). La combinazione a due composti era più efficace della vitamina D (RR 1,76; IC 95% 1,46-2,12; quattro studi, 2222 partecipanti; NNTB = 4; IC 95% da 3 a 6; evidenza di qualità moderata). Eventi avversi comuni con questi tre gli interventi erano irritazione locale, dolore cutaneo e follicolite. Gli eventi avversi sistemici erano rari e probabilmente non correlati alla droga. Oltre ai risultati dei tre principali confronti, abbiamo scoperto che la combinazione a due composti, gli steroidi e la monoterapia con vitamina D erano più efficaci del veicolo. Gli steroidi di potenza moderata, alta e molto alta tendevano ad essere altrettanto efficaci e ben tollerati. Ci sono limiti intrinseci in questa recensione per quanto riguarda la valutazione di acido salicilico, catrame, dithranol o altri trattamenti topici. Conclusioni degli autori: la combinazione a due composti e la monoterapia con corticosteroidi erano più efficaci e più sicure della monoterapia con vitamina D. Dato il profilo di sicurezza simile e l'unico vantaggio della combinazione di due composti rispetto allo steroide da solo, la monoterapia con steroidi topici generici può essere pienamente accettabile per la terapia a breve termine. Gli RCT futuri dovrebbero studiare come terapie specifiche migliorano la qualità della vita dei partecipanti. Sono necessarie valutazioni a lungo termine (cioè da 6 a 12 mesi).

La “liquidazione” e la “risposta” della psoriasi del cuoio capelluto sono state determinate dalla scala IGA (Investigators Global Assessment of Disease Severity) e dalla scala PGA (Patients Global Assessment of Disease Severity). Le scale vanno da 0 a 5 o 6 (a seconda del tipo di scala utilizzata) dove 0 si riferisce a “completamente chiaro” e numeri più alti si riferiscono a meno miglioramenti, nessun miglioramento o un peggioramento della gravità.

Psorilax:Veloce |ospedale di padova crema per psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, composizione

Dermatol Ther (Heidelb). 2020 febbraio; 10 (1): 29–42.

,autore corrispondente1 ,2 e 3

Dati associati

Dichiarazione sulla disponibilità dei dati

Astratto

La psoriasi è una malattia infiammatoria cronica prevalente. La risposta infiammatoria è guidata dalle cellule T e mediata da più citochine come il fattore di necrosi tumorale e le interleuchine IL-17 e IL-23. La psoriasi da moderata a grave viene trattata in modo sistematico, utilizzando trattamenti biologici o convenzionali con farmaci a piccole molecole. I nuovi farmaci biologici sono molto efficaci e ben tollerati, ma non tutti i pazienti rispondono al trattamento con farmaci biologici, quindi sono necessarie nuove opzioni di trattamento per la psoriasi. Gli inibitori della Janus chinasi (JAK) sono una nuova classe di farmaci che potrebbero essere utili a questo proposito. Questi inibitori sono già sul mercato per l'artrite reumatoide, l'artrite psoriasica e la colite ulcerosa. Bloccano la via del segnale intracellulare mediata da JAK e trasduttore di segnale e attivatore delle proteine ​​di trascrizione (STAT), inibendo così la trascrizione genica delle citochine proinfiammatorie. Gli inibitori di JAK sono attualmente in fase di test come potenziali trattamenti per la psoriasi. Hanno dimostrato l'efficacia clinica misurata dalla risposta sull'area della psoriasi e sull'indice di gravità 75 in entrambi gli studi di fase 2 e 3 e sembrano complessivamente ben tollerati. Questa recensione fornisce una panoramica dei meccanismi alla base delle azioni degli inibitori della JAK nella psoriasi, insieme ai risultati degli studi clinici che ne testano l'efficacia se usati per trattare la malattia.

parole chiave: Efficacia, inibitori JAK, via di segnalazione JAK-STAT, psoriasi, tofacitinib, trattamento, inibitori di TYK2

Punti di sintesi chiave

La psoriasi è una malattia infiammatoria cronica prevalente. La risposta infiammatoria è guidata dalle cellule T e mediata da più citochine come il fattore di necrosi tumorale (TNF) e le interleuchine IL-17 e IL-23.
Gli inibitori della Janus chinasi (JAK) sono una potenziale nuova opzione di trattamento sistemico per la psoriasi.
Gli inibitori JAK bloccano la produzione di citochine proinfiammatorie nella psoriasi inibendo il trasduttore del segnale JAK e l'attivatore della via di segnalazione della trascrizione (STAT) a valle del recettore.
Diversi inibitori della JAK sono stati e sono attualmente in fase di test negli studi clinici di fase 2 e 3 come trattamenti per la psoriasi da moderata a grave.
I risultati di questi studi hanno dimostrato l'efficacia clinica degli inibitori della JAK nella psoriasi misurati dalla PASI75 e hanno dimostrato che hanno un profilo di sicurezza paragonabile ai prodotti biologici già presenti sul mercato. Tuttavia, questi risultati si basano sull'uso a breve termine e sono necessari ulteriori studi per determinare l'efficacia e la sicurezza a lungo termine degli inibitori della JAK nella psoriasi.

introduzione

La psoriasi è una malattia infiammatoria cronica sistemica caratterizzata da lesioni eritematose squamose della pelle. La pelle delle lesioni psoriasiche mostra in genere iperplasia epidermica e parakeratosi insieme a un accumulo di cellule infiammatorie nel derma. La risposta infiammatoria è guidata dalle cellule T, in particolare dalle cellule T helper (Th) 17, ed è mediata da più citochine, in particolare il fattore di necrosi tumorale (TNF), l'interleuchina (IL) -17 e IL-23 (1, 2). La psoriasi può essere classificata in malattia lieve, moderata o grave in base all'area della psoriasi e all'indice di gravità (PASI). La malattia lieve può spesso essere controllata mediante trattamento topico, mentre la malattia da moderata a grave richiede inoltre un trattamento sistemico o una fototerapia (2). I trattamenti sistemici possono essere suddivisi in trattamenti che utilizzano farmaci a piccole molecole e anticorpi monoclonali (biologici). Il trattamento con sostanze biologiche è molto efficace nella psoriasi ed è complessivamente ben tollerato. I nuovi prodotti biologici sono molto più efficaci dei trattamenti convenzionali con farmaci a piccole molecole (1, 3), ma hanno dei limiti. Alcuni pazienti con psoriasi non rispondono al trattamento, mentre altri pazienti manifestano una perdita di risposta farmacologica durante il trattamento. Complessivamente, la sopravvivenza farmacologica dei farmaci biologici più vecchi è del 70-80% dopo 1 anno di trattamento (4, 5). Gli effetti collaterali dei prodotti biologici sono relativamente limitati, ma questi farmaci devono essere somministrati per iniezione sottocutanea e sono costosi. Pertanto, sono necessarie nuove opzioni di trattamento per la psoriasi. Una possibilità è una nuova classe di farmaci a piccole molecole chiamati inibitori della Janus chinasi (JAK), attualmente in fase di sperimentazione in studi clinici.

JAK e il loro percorso di segnalazione

I JAK sono quattro tirosin chinasi intracellulari proteiche: JAK1, JAK2, JAK3 e tirosina chinasi 2 (TYK2) (6). JAK1, JAK2 e TYK2 sono espressi in una varietà di tipi di cellule, mentre JAK3 è principalmente espresso nelle cellule ematopoietiche (7). Gli inibitori JAK sono farmaci a piccole molecole che inibiscono i JAK e ostacolano quindi la funzione del trasduttore del segnale JAK e l'attivatore del percorso del segnale di trascrizione (STAT). Contrariamente ai prodotti biologici che colpiscono il recettore delle citochine extracellulari o la citochina all'esterno della cellula, gli inibitori JAK colpiscono i JAK all'interno della cellula che contribuiscono alla trasduzione del segnale.

Il termine “citochina” copre molte proteine ​​strutturalmente non correlate. Possono essere raggruppati in base alla superfamiglia del recettore a cui si legano. Diverse superfamiglie dei recettori utilizzano diversi tipi di percorsi di trasduzione del segnale. Molte citochine proinfiammatorie – ad esempio IL-23, che fa parte della risposta infiammatoria nella psoriasi – si legano ai recettori delle citochine di tipo I e II, il che porta all'attivazione della segnalazione intracellulare mediata dai JAK (6). Quando una citochina si lega a un recettore sulla superficie cellulare, i JAK intracellulari vengono reclutati e si legano in coppia alla parte intracellulare del recettore. La dimerizzazione dei JAK, nella maggior parte dei casi con formazione di eterodimeri, provoca l'autofosforilazione e modifica i recettori in modo che le proteine ​​STAT possano legarsi e attivarsi. Le proteine ​​STAT attivate vengono quindi dimerizzate e traslocate nel nucleo cellulare per regolare la trascrizione genica (8). Nella psoriasi, l'inibizione dei JAK provoca l'inibizione della via del segnale e della trascrizione genica, portando a un'ulteriore produzione di citochine infiammatorie, riducendo così l'infiammazione psoriasica (Fig.).

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione, ecc.
Il nome dell'oggetto è 13555_2019_347_Fig1_HTML.jpg

Panoramica sulla via del segnale dell'interleuchina (IL) -23 e sul meccanismo dell'inibizione della tirosina chinasi (TYK) 2. La via del segnale IL-23 è implicata nella patogenesi della psoriasi ed è un esempio di una via del segnale mediata da Janus chinasi (JAKS) e trasduttore di segnale e attivatore delle proteine ​​di trascrizione (STAT). Esistono quattro JAK: JAK1, JAK2, JAK3 e TYK2. Quando IL-23 si lega al recettore IL-23 (R), attira un eterodimero di JAK2 e TYK2 che si lega al dominio intracellulare del recettore. JAK2 e TYK2 quindi autofosforilato (P), che attiva il recettore e attira le proteine ​​STAT. Le proteine ​​STAT si legano e vengono fosforilate prima di dimerizzare e traslocare nel nucleo cellulare, dove regolano la trascrizione genica e quindi l'ulteriore produzione di citochine. Gli inibitori di TYK2 inibiscono la funzione TYK2, che a sua volta sopprime la trasduzione del segnale intracellulare a valle del recettore e quindi ulteriormente la produzione di citochine attraverso IL-23 durante il processo di infiammazione psoriasica

Le funzioni di ciascun JAK e di JAK in generale non sono ancora completamente comprese. JAK1 è associato con i recettori dell'interferone (IFN) e IL-6 e IL-10 e con i recettori contenenti la catena γ comune o la subunità gp130. JAK2 è associato al recettore IL-3 e ai recettori simili agli ormoni, ad esempio quelli per eritropoietina, ormone della crescita e prolattina; questi recettori dipendono da un omodimero di JAK2 per la trasduzione del segnale intracellulare. I dimeri di JAK2 e TYK2 sono associati ai recettori INF, IL-12 e IL-23. JAK3 è limitato alle cellule ematopoietiche e si lega in congiunzione con JAK1 esclusivamente ai recettori contenenti catene γ, che includono i recettori IL-2, IL-4, IL-7, IL-9, IL-15 e IL-21. La disfunzione di JAK è associata a policitemia vera, trombocitopenia essenziale, mielofibrosi e immunodeficienza combinata grave e sindrome da iperimmunoglobulina E. Inoltre, si osserva disregolazione della segnalazione JAK in varie malattie autoimmuni (8, 9).

Inibitori della JAK nella psoriasi

L'asse IL-23 / Th17 è una parte fondamentale della patogenesi della psoriasi. IL-23 guida la differenziazione delle cellule Th17. Queste cellule producono IL-17 e IL-22, che inducono la proliferazione dei cheratinociti e altre caratteristiche tipiche della psoriasi (2). Numerosi biologici usati per la psoriasi, come ustekinumab, secukinumab, ixekizumab, guselkumab, risankizumab, tildrakizumab e brodalumab, prendono di mira questo asse. Il recettore IL-23 si basa su un eterodimero di JAK2 e TYK2 per la trasduzione del segnale, evidenziando così il ruolo dei JAK nella patogenesi della psoriasi e il potenziale terapeutico degli inibitori JAK (10). Inoltre, i topi con deficit di TYK2 mostrano una riduzione significativa del gonfiore dell'orecchio e una minore iperplasia epidermica quando iniettati con IL-23 rispetto ai topi selvatici. Anche l'infiltrazione cutanea di varie cellule immunitarie e la produzione delle citochine proinfiammatorie IL-17 e IL-22 sono risultate compromesse in assenza di TYK2 (11). Questi risultati, insieme al noto successo clinico dei farmaci biologici rivolti all'asse IL23 / IL17, mostrano il grande potenziale per gli inibitori della JAK e forse in particolare per gli inibitori della TYK2 nel trattamento della psoriasi.

Gli inibitori JAK attualmente testati negli studi clinici prendono di mira diversi membri della famiglia JAK, alcuni dei quali sono più selettivi di altri. Gli inibitori JAK di prima generazione in genere prendono di mira due o tre JAK diversi e quindi hanno un effetto più ampio ma presentano anche più effetti collaterali rispetto alla nuova generazione (ad esempio, inibitori selettivi di TYK2), che mirano specificamente a un JAK (6). Ad oggi, tre inibitori JAK sono stati approvati e sono sul mercato per il trattamento di varie malattie umane: ruxolitinib per mielofibrosi e policitemia vera, tofacitinib per artrite reumatoide (RA), artrite psoriasica e colite ulcerosa e baricitinib per RA (6 ).

Lo scopo della presente revisione è fornire una panoramica del meccanismo alla base degli effetti degli inibitori della JAK sulla psoriasi, nonché i risultati degli studi clinici che ne testano l'efficacia nel trattamento di questa malattia.

metodi

La nostra ricerca includeva la letteratura pubblicata in inglese sugli studi clinici sugli inibitori della JAK negli adulti con psoriasi a placche cronica. Abbiamo cercato nel database Medline tramite PubMed fino al 1 ° agosto 2019 utilizzando le seguenti combinazioni di termini di ricerca MeSH: “psoriasi” E “janus kinases;” “Psoriasi” E “TYK2 chinasi;” e “psoriasi” E “tofacitinib”. Ulteriori prove sono state ricercate manualmente negli elenchi di riferimento dei documenti pertinenti. Abbiamo inoltre cercato la versione clinica di prove non pubblicate. Abbiamo incluso solo studi clinici di fase 2 o 3 che hanno esaminato l'efficacia e la sicurezza degli inibitori sistemici di JAK e TYK2 rispetto al placebo, un altro trattamento attivo o nessun trattamento in pazienti adulti con psoriasi a placche cronica. Questo articolo si basa su studi condotti in precedenza e non contiene studi con partecipanti umani o animali condotti da nessuno degli autori.

risultati

Tofacitinib e psoriasi

Tofacitinib è l'inibitore JAK più studiato per il trattamento della psoriasi a placche cronica. Tofacitinib prende di mira principalmente JAK3, JAK2 e JAK1. È un inibitore JAK di prima generazione che è sul mercato come trattamento per RA, artrite psoriasica e colite ulcerosa (7, 9). Abbiamo identificato cinque studi clinici che hanno testato tofacitinib nella psoriasi, inclusi uno studio di fase 2 e quattro studi di fase 3 (Tabella). Tutti gli studi sono stati condotti su pazienti con psoriasi a placche da moderata a grave, classificati come PASI> 12 (studi di fase 3) o PASI> 13 (studio di fase 2). Nello studio di fase 2, tofacitinib ha mostrato un'efficacia del 25,0% (2 mg due volte al giorno), 40,8% (5 mg due volte al giorno) e 66,7% (15 mg due volte al giorno) rispetto al 2% per il placebo in termini di risposta PASI75 a settimana 12 di trattamento (12). Attraverso gli studi di fase 3, tofacitinib ha mostrato un'efficacia del 39,5–54,3% (5 mg due volte al giorno) e del 59,2–81,1% (10 mg due volte al giorno) rispetto al 5,6-12,5% per il placebo in termini di risposta PAS75 alle settimane 16-24 (13-16). Le più alte risposte PASI75 ad entrambi i dosaggi sono state osservate in una popolazione asiatica (16). Questi studi hanno anche dimostrato l'efficacia clinica di tofacitinib per endpoint secondari come l'indice di qualità della vita dermatologica (DLQI), l'indice di gravità della psoriasi delle unghie (NAPSI) e PASI90 rispetto al placebo. Nessuno degli studi su tofacitinib ha incluso risposte PASI100. In uno studio, il trattamento con tofacitinib è risultato non inferiore al trattamento con etanercept (15). Mentre tofacitinib è stato nel complesso ben tollerato, nella maggior parte degli studi sono stati osservati i seguenti: aumento del colesterolo totale circolante, colesterolo lipoproteico a bassa densità (LDL), colesterolo lipoproteico ad alta densità (HDL) e livelli di creatinina fosfochinasi e riduzione della conta emoglobinica e linfocitaria.

Tabella 1

Cenni agli studi su tofacitinib

ID studio / ricerca Fase e stato della ricerca Descrizione Punto finale primario Risultati chiave

Papp et al. (2012)

NCT00678210

(12)

2b

Completare

197 pazienti sono stati randomizzati a 2 mg, 5 mg, 15 mg o placebo due volte al giorno per 12 settimane PASI 75

I tassi di risposta PASI75 alla settimana 12 erano significativamente più alti per tutti i gruppi di tofacitinib rispetto al placebo

PASI75: 25,0% (2 mg), 40,8% (5 mg), 66,7% (15 mg), 2% (placebo)

Papp et al. (2015)

NCT01276639

NCT01309737

(13)

3

Completare

901 e 960 (in due studi paralleli) sono stati randomizzati a 5 mg, 10 mg o placebo due volte al giorno per 16 settimane

PASI 75

PGA (0 o 1)

Per entrambi gli studi, i tassi di risposta PGA (0 o 1) e PASI75 alla settimana 16 erano significativamente più alti per ogni dose rispetto al placebo

PGA (0 o 1)

Studio 1:

41,9% (5 mg), 59,2% (10 mg), 9,0% (placebo)

Studio 2:

46,0% (5 mg), 59,1% (10 mg), 10,9% (placebo)

PASI 75

Studio 1:

39,9% (5 mg), 59,2% (10 mg), 6,2% (placebo)

Studio 2:

46,0% (5 mg), 59,6% (10 mg), 11,4% (placebo)

Bachelez et al. (2015)

NCT01241591

(15)

3

Completare

1106 pazienti randomizzati a 5 mg, 10 mg o placebo due volte al giorno o etanercept 50 mg per via sottocutanea due volte a settimana per 12 settimane

PASI 75

PGA (0 o 1)

I tassi di risposta PASI75 e PGA (0 o 1) alla settimana 12 erano significativamente più alti per tofacitinib ed etanercept rispetto al placebo

Tofacitinib 10 mg due volte al giorno non era inferiore a etanercept e superiore al placebo

PASI 75:

39,5% (5 mg), 63,6% (10 mg), 58,8% (etanercept), 5,6% (placebo)

PGA (0 o 1)

47,1% (5 mg), 68,2% (10 mg), 66,3% (etanercept), 15,0% (placebo)

Bissonnette et al. (2015)

NCT01186744

(14)

3

Completare

Studio di ritiro e ritrattamento

La fase iniziale includeva 666 pazienti randomizzati a 5 mg o 10 mg due volte al giorno per 24 settimane

Nella fase di sospensione, 291 pazienti hanno continuato e sono stati randomizzati al trattamento attivo continuato (5 mg o 10 mg) o al placebo due volte al giorno per un massimo di 16 settimane

264 pazienti hanno continuato alla fase di ritrattamento e sono stati ritirati con la stessa dose di 5 mg o 10 mg due volte al giorno come avevano ricevuto nella fase iniziale. Lo studio si è concluso alla settimana 54

Ritiro del trattamento

PASI 75

PGA (0 o 1)

Ritrattamento

PASI 75

PGA (0 o 1)

Fase iniziale:

Risposta PASI75 alla settimana 24

43,8% (5 mg) e 67,6% (10 mg)

Risposta PGA (0 o 1)

41,6% (5 mg) e 62,8% (10 mg)

Il 33,5% (5 mg) e il 55,2% (10 mg) dei pazienti hanno raggiunto rispettivamente una PASI 75 e una risposta PGA e hanno continuato alla fase di sospensione

Fase di prelievo:

Una percentuale maggiore dei pazienti che hanno continuato il trattamento ha mantenuto una risposta PASI75 rispetto a coloro che sono passati al placebo dopo 16 settimane. Alla settimana 16; Il 92,3% (5 mg) e il 93,0% (10 mg) non sono ricaduti, rispetto al 32,8% (placebo, 5 mg nella fase iniziale) e al 42,9% (placebo, 10 mg nella fase iniziale)

Fase di ritrattamento:

Dei pazienti trattati con placebo nella fase di astinenza, il 48,0 / 52,0% (ritrattamento di 5 mg) e il 72,5 / 64,2% (ritrattamento di 10 mg) hanno riacquistato o mantenuto una risposta PASI75 / PGA dopo 16 settimane di ritrattamento

Dei pazienti che hanno recidivato con placebo nella fase di sospensione, il 36,8% (5 mg) e il 61,0% (10 mg) hanno raggiunto una risposta PASI75 dopo 16 settimane di ritrattamento, mentre il 44,8% (5 mg) e il 57,1% (10 mg) di quelli chi ha perso una risposta PGA ha ottenuto una risposta PGA dopo il ritiro

Zhang et al. (2017)

NCT01815424

(16)

3

Completare

266 pazienti asiatici sono stati randomizzati a 5 mg, 10 mg o placebo due volte al giorno per 16 settimane. I gruppi di trattamento attivi sono stati quindi seguiti per 36 settimane

PASI 75

PGA (0 o 1)

I tassi di risposta PASI75 e PGA (0 o 1) alla settimana 16 erano significativamente più alti per i gruppi di tofacitinib rispetto al placebo

PASI 75:

54,3% (5 mg), 81,1% (10 mg), 12,5% (placebo)

PGA (0–1):

52,3% (5 mg), 75,6% (10 mg), 19,3% (placebo)

Le risposte PASI75 e PGA sono state generalmente sostenute durante le 36 settimane di follow-up

Inibitori e psoriasi del TYK2

Gli inibitori TYK2 sono stati sviluppati per ottenere inibitori più selettivi rispetto agli inibitori JAK di prima generazione. L'inibitore TYK2 BMS-986165 è stato testato in uno studio di fase 2, in cui la risposta PASI75 è stata del 75% rispetto al 7% nel gruppo placebo dopo 12 settimane di trattamento con il dosaggio più alto testato (12 mg al giorno). Gli endpoint secondari includevano le risposte PASI90 e PASI100. La risposta PASI90 è stata del 43% dopo 12 settimane (dose giornaliera di 12 mg) rispetto al placebo. La risposta PASI100 è stata del 25% dopo 12 settimane (dose giornaliera di 12 mg) rispetto al placebo. Il trattamento non ha comportato cambiamenti significativi nella conta delle cellule del sangue o nei livelli sierici di enzimi epatici, lipidi, creatinina e immunoglobuline (17). Tuttavia, ci sono stati tre eventi avversi gravi nei gruppi BMS-986165, nonché un caso di melanoma maligno che si è verificato 3 mesi dopo l'inizio del trattamento. Secondo scientifictrials.gov, sono in corso tre studi di fase 3 che testano BMS-986165. Un altro inibitore di TYK2 (PF06826647) è attualmente in fase di test in uno studio di fase 2 (Tabella). Tuttavia, gli inibitori di TYK2 devono ancora entrare nel mercato.

Tavolo 2

Cenni agli studi sugli inibitori del TYK2

ID studio / farmaco / ricerca Fase e stato della ricerca Descrizione Risultati chiave

Papp et al. (2018) BMS-986165

NCT02931838

(17)

2

Completare

267 pazienti randomizzati a 3 mg a giorni alterni, 3 mg al giorno, 3 mg due volte al giorno, 6 mg due volte al giorno, 12 mg al giorno o placebo per 12 settimane

Tutti i gruppi che hanno ricevuto il farmaco in studio (tranne i 3 mg a giorni alterni) hanno avuto una risposta PASI75 significativamente maggiore alla settimana 12 rispetto al placebo

PASI75: 9% (3 mg a giorni alterni), 39% (3 mg al giorno) 69% (3 mg due volte al giorno), 67% (6 mg due volte al giorno), 75% (12 mg al giorno), 7% (placebo)

BMS-986.165

NCT04036435

(41)

3

Non ancora reclutare

Studio di sicurezza ed efficacia

BMS-986.165

NCT03924427

(42)

3

reclutamento

Valutazione di sicurezza ed efficacia nei pazienti giapponesi

BMS-986.165

NCT03611751

NCT03624127

(43, 44)

3

reclutamento

Due studi paralleli di efficacia rispetto ad apremilast e placebo

PF06826647

NCT03895372

(45)

2

reclutamento

Studio di sicurezza ed efficacia

Altri inibitori e psoriasi JAK

Altri quattro inibitori della JAK sono stati testati come trattamenti per la psoriasi: peficitinib (ASP015K), un inibitore della pan-JAK; solcitinib (GSK 2586184), un inibitore JAK1; baricitinib, un inibitore di JAK1 e JAK2; e itacitinib adipato, un inibitore di JAK1 (Tabella) (18-21). L'efficacia di questi inibitori di JAK era simile o inferiore a quella di tofacitinib. Non sono stati riportati eventi avversi gravi per peficitinib, baricitinib e itacitinib, ma nella maggior parte degli studi sono stati osservati cambiamenti nei parametri di laboratorio simili a quelli riportati per tofacitinib (19-21). Per solcitinib sono stati segnalati cinque eventi avversi gravi, due dei quali sono stati considerati correlati al trattamento in studio, tra cui un caso di calcolo ureterale e un caso di trombocitopenia grave. Non sono stati segnalati cambiamenti in altri parametri di laboratorio (18). Tutti questi studi erano studi di fase 2 e non sono previsti ulteriori studi su questi inibitori della JAK in relazione al trattamento della psoriasi.

Tabella 3

Cenni ad altri studi sugli inibitori della JAK

ID studio / farmaco / ricerca Fase e stato della ricerca Descrizione Punto finale primario Risultati chiave

Papp et al. (2015)

ASP015K

NCT01096862

(20)

2a

Completare

124 pazienti sono stati randomizzati a 10 mg due volte al giorno, 25 mg due volte al giorno, 60 mg due volte al giorno, 100 mg due volte al giorno, 50 mg una volta al giorno o placebo per 6 settimane Riduzione media della PASI dal basale

Tutti i gruppi di trattamento hanno mostrato miglioramenti significativi nella PASI rispetto al placebo

È stato osservato un effetto dose-dipendente

Variazione media della PASI rispetto al basale: – 6,4 (10 mg due volte al giorno), – 6,5 (25 mg due volte al giorno), – 8,3 (60 mg due volte al giorno), – 11,9 (100 mg due volte al giorno), – 6,6 (50 mg una volta al giorno ), – 4.2 (placebo)

Ludbrook et al. (2016)

GSK2586184

NCT01782664

(18)

2a

Completare

60 pazienti sono stati randomizzati a 100 mg, 200 mg, 400 mg o placebo due volte al giorno per 12 settimane PASI 75 Il tasso di risposta PASI 75 alla settimana 12 per il gruppo 400 mg era significativamente diverso da quello del gruppo placebo. Miglioramenti dose-dipendenti di PASI75 descritti: 13% (100 mg), 25% (200 mg), 57% (400 mg), 0% (placebo)

Papp et al. (2016)

Baricitinib

NCT01490632

(21)

2b

Completare

238 pazienti nordamericani sono stati randomizzati a 2 mg, 4 mg, 8 mg, 10 mg una volta al giorno o placebo per 12 settimane PASI 75 La risposta PASI75 alla settimana 12 era significativamente diversa per il gruppo 8 mg (43%) e il gruppo 10 mg (54%) rispetto al placebo (17%)

Bissonnette et al. (2016)

INCB039110

NCT01634087

(19)

2

Completare

50 pazienti sono stati randomizzati a 100 mg al giorno, 200 mg al giorno, 200 mg due volte al giorno, 600 mg al giorno o placebo per 28 giorni Riduzione media della PGA dal basale

È stato osservato un miglioramento significativo nella riduzione percentuale media della PGA rispetto al basale per i gruppi di 200 mg due volte al giorno e 600 mg al giorno rispetto al placebo

Riduzione media della PGA dal basale: 22,2% (100 mg al giorno), 29,4% (200 mg al giorno), 35,2% (200 mg due volte al giorno), 42,4% (600 mg al giorno), 12,5% (placebo)

Discussione

Il numero di studi sugli inibitori JAK per la psoriasi rimane limitato. Molti dei farmaci testati sono stati esaminati solo negli studi di fase 2 ed è dubbio che saranno testati ulteriormente. Solo tofacitinib è stato testato fino alla fase 3 e sono attualmente in corso numerosi studi di fase 3 per l'inibitore TYK2 BMS-986165. L'inibitore selettivo TYK2 BMS-986165 ha mostrato la massima efficacia nei confronti della psoriasi di qualsiasi inibitore JAK fino ad oggi, con una risposta PASI75 del 75% dopo 12 settimane di trattamento in uno studio di fase 2 (17). Tofacitinib è l'inibitore JAK più studiato per il trattamento della psoriasi, con quattro studi di fase 3 segnalati che mostrano una notevole efficacia in termini di risposta PASI75, in particolare a una dose elevata di 10 mg due volte al giorno (13–16). Anche altri inibitori della JAK sono stati testati per la psoriasi; questi hanno prodotto risposte PASI75 inferiori o simili a quelle ottenute con tofacitinib. Tuttavia, nessuno di questi è stato testato oltre la fase 2 (18-21).

Vi è una forte concorrenza nell'industria farmaceutica a causa del numero di farmaci biologici sul mercato che sono tutti molto efficaci nel trattamento della psoriasi e hanno relativamente pochi effetti collaterali. L'obiettivo di efficacia standard per i nuovi trattamenti biologici per la psoriasi è la PASI90, osservata nel 60-70% dei pazienti (3, 22). Per la massima dose di BMS-986165 testata, PASI90 è stata del 43% (16). Di conseguenza, i dati attuali non indicano che i nuovi inibitori JAK, compresi gli inibitori TYK2, supereranno i più recenti prodotti biologici. Tuttavia, l'efficacia osservata per gli inibitori di JAK è migliore di quella osservata per alcuni trattamenti sistemici attuali come l'apremilast e alcuni dei più vecchi prodotti biologici come l'etanercept (3). A condizione che non presentino tassi di reazione avversa aumentati, gli inibitori di JAK potrebbero essere incorporati nell'algoritmo di trattamento della psoriasi perché sono trattamenti orali e sono meno costosi dei biologici contemporanei.

La conoscenza della sicurezza degli inibitori di JAK si basa principalmente su studi di tofacitinib, in particolare quando somministrato per AR. Tofacitinib è stato associato a cambiamenti nei parametri di laboratorio nei pazienti con AR e psoriasi e in entrambi i gruppi di pazienti sono stati osservati aumenti dei livelli di colesterolo HDL e LDL (23, 24). È noto che i pazienti con psoriasi hanno un aumentato rischio di malattie cardiovascolari, in particolare i pazienti con malattia da moderata a grave (25, 26). In uno studio che ha studiato gli effetti di tofacitinib sui livelli lipidici in tali pazienti, sono stati osservati aumenti dai livelli basali di colesterolo LDL, colesterolo HDL e trigliceridi alla settimana 4 rispetto al placebo, ma questi livelli erano relativamente stabili dalle settimane 4 a 16. Il il rapporto colesterolo totale / colesterolo HDL non è cambiato e gli investigatori hanno pertanto concluso che i cambiamenti osservati nei livelli lipidici non erano indicativi di un aumento del rischio cardiovascolare (23). Inoltre, un'indagine sui livelli circolanti di proteine ​​associate a infiammazione e rischio cardiovascolare in pazienti con psoriasi da moderata a grave trattati con tofacitinib per 12 settimane ha mostrato che questo farmaco ha ridotto diversi marcatori di rischio cardiovascolare infiammatorio. Tuttavia, lo ha fatto solo nei pazienti che hanno risposto al trattamento (26). La conclusione è stata che il trattamento sistemico a breve termine della psoriasi con tofacitinib può causare riduzioni dei livelli circolanti di proteine ​​infiammatorie e altre proteine ​​associate al rischio cardiovascolare (27). In particolare, un aumento dei livelli sierici di creatinina è associato a tofacitinib, ma questi livelli di solito ritornano al basale dopo l'interruzione del farmaco e la disfunzione renale cronica non è considerata un effetto avverso di tofacitinib (6, 28).

Questi studi indicano che il trattamento con tofacitinib probabilmente non aumenta il rischio cardiovascolare nei pazienti con psoriasi, ma i risultati si basano sull'uso a breve termine, quindi sono necessari ulteriori studi per esplorare gli effetti dell'uso a lungo termine in particolare.

Un aumento del rischio di infezione deve essere sempre considerato quando viene utilizzato un trattamento mirato al sistema immunitario. In pazienti con psoriasi trattati con tofacitinib sono state osservate lievi riduzioni della conta dei linfociti nel sangue ed emoglobina. Queste diminuzioni non erano progressive ed erano spesso transitorie o reversibili (29). Tofacitinib è stato associato ad un aumentato rischio di infezione da virus dell'herpes zoster rispetto al placebo. I fattori di rischio includevano la razza asiatica, l'aumento dell'età, una dose di farmaco più elevata e una precedente esposizione ai farmaci biologici (30). Inoltre, un'indagine sugli effetti di tofacitinib sulle cariche virali di citomegalovirus e Virus di Epstein-Barr non ha indicato effetti clinicamente significativi di questo inibitore di JAK (31). Il rischio di infezione durante il trattamento con tofacitinib sembra essere simile a quello durante il trattamento con farmaci biologici (6, 9) e il profilo beneficio / rischio complessivo del farmaco quando usato per la psoriasi sembra essere comparabile a quello di altri trattamenti sistemici (32 ).

Sia la Food and Drug Administration statunitense che l'Agenzia europea per i medicinali hanno recentemente emesso avvisi in scatola nera di maggiori rischi di embolia polmonare e mortalità generale nei pazienti con AR che ricevono tofacitinib 10 mg due volte al giorno. Queste avvertenze sono state fornite a causa dei risultati di un'analisi intermedia di uno studio clinico in aperto in corso per valutare la sicurezza di tofacitinib 5 mg due volte o 10 mg due volte al giorno rispetto a un inibitore del TNF in pazienti con AR (NCT A3921133) (33, 34 ). Uno studio indipendente ha anche indicato un rischio numericamente più elevato, sebbene statisticamente insignificante, di tromboembolia venosa nei pazienti con AR che hanno ricevuto tofacitinib rispetto a quelli che hanno ricevuto inibitori del TNF (35).

Non conosciamo ancora i profili di sicurezza completi e gli effetti collaterali degli inibitori di TYK2 quando vengono utilizzati per la psoriasi, ma a giudicare dai risultati dell'unico studio di fase 2 pubblicato su BMS-986165, in cui non sono stati osservati cambiamenti nei parametri di laboratorio, questo agente può avere un profilo di rischio migliore rispetto a tofacitinib (17). Sarà entusiasmante vedere i risultati degli studi di fase 3 di questo agente che sono attualmente in corso e questi dati forniranno una base molto migliore per il confronto con i prodotti biologici attualmente commercializzati.

Tofacitinib è approvato per l'artrite psoriasica sia dalla Food and Drug Administration statunitense che dall'Agenzia europea per i medicinali. È indicato per i pazienti che hanno una risposta inadeguata al trattamento convenzionale con farmaci antireumatici modificanti la malattia (DMARD) ed è inoltre raccomandato per l'uso in combinazione con un DMARD come metotrexato, sulfasalazina e leflunomide (36). Negli studi clinici, l'efficacia di tofacitinib è stata misurata in termini di risposta dell'American College of Rheumatology 20 (ACR20) e della variazione rispetto al basale del punteggio Health Assessment Questionnaire — Disability Index (HAQ-DI). In one study testing tofacitinib in patients with active psoriatic arthritis that had responded inadequately to DMARDs, the ACR20 was 50% (5 mg twice daily) and 61% (10 mg twice daily) compared to 33% for placebo after 3 months. The mean change in the HAQ-DI score was − 0.35 (5 mg twice daily) and − 0.40 (10 mg twice daily) compared with − 0.18 for placebo (37). Another study tested tofacitinib in patients with active psoriatic arthritis that had responded inadequately to TNF inhibitors. The ACR20 response after 3 months was 50% (5 mg twice daily) and 47% (10 mg twice daily) compared with 24% for placebo; the corresponding mean changes in the HAQ-DI score from baseline were − 0.39 and − 0.35, compared with − 0.14 for placebo (38).

Although not covered in this review, one particularly exciting area of research is the use of JAK inhibitors as a local treatment for psoriasis, since new topical treatments for mild psoriasis are urgently needed. Topical formulations of tofacitinib and ruxolitinib have been tested in a few phase 2 trials for psoriasis. Topical tofacitinib showed significant efficacy at 8 weeks of treatment compared to placebo, but the effect was transient and was not apparent at 12 weeks, when the study ended (39). Ruxolitinib showed clinical efficacy towards psoriasis after 4 weeks of treatment, and was shown to modulate proinflammatory cytokines in psoriatic lesions (40). Importantly, no local or systemic adverse effects were observed with topical treatment, and more studies on this interesting field of research are awaited.

Conclusions

JAK inhibitors are an exciting new group of drugs for the treatment of psoriasis. Tofacitinib is the best-studied JAK inhibitor for psoriasis to date; it has demonstrated considerable clinical efficacy and is well tolerated overall when used for a short period. Selective TYK2 inhibitors have shown even better clinical efficacy in psoriasis, and seem to have an improved safety profile, but only the results from one phase 2 trial of a selective TYK2 inhibitor have been published. It is therefore clear that more studies are needed to determine the long-term effects and safety of JAK inhibitors.

Acknowledgements

Funding

No funding or sponsorship was received for this study or the publication of this article.

Authorship

All named authors meet the International Committee of Medical Journal Editors (ICMJE) criteria for authorship for this article, take responsibility for the integrity of the work as a whole, and have given their approval for this version to be published.

Disclosures

Amanda Kvist-Hansen has nothing to disclose. Peter Riis Hansen is supported by a Borregaard Clinical Scientist fellowship from the Novo Nordisk Foundation and research grants from the LEO Foundation. Lone Skov has received speaker honoraria from AbbVie, Eli Lilly & Co, Novartis, and LEO Pharma, and has attended advisory boards for AbbVie, Janssen-Cilag, Novartis, Eli Lilly & Co, UCB, Almirall, LEO Pharma, and Sanofi. She has served as an investigator for Pfizer, AbbVie, Eli Lilly, Novartis, Amgen, Regeneron, Almirall, and LEO Pharma, and received research and educational grants from Pfizer, AbbVie, Novartis, Sanofi, Janssen-Cilag, and LEO Pharma.

Compliance with Ethics Guidelines

This article is based on previously conducted studies and does not contain any studies with human participants or animals performed by any of the authors.

Data Availability

Data sharing is not applicable to this article as no datasets were generated or analyzed during the current study.

Open Access

This article is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial 4.0 International License, which permits any non-commercial use, sharing, adaptation, distribution and reproduction in any medium or format, as long as you give appropriate credit to the original author(s) and the source, provide a link to the Creative Commons licence, and indicate if changes were made. The images or other third party material in this article are included in the article’s Creative Commons licence, unless indicated otherwise in a credit line to the material. If material is not included in the article’s Creative Commons licence and your intended use is not permitted by statutory regulation or exceeds the permitted use, you will need to obtain permission directly from the copyright holder. To view a copy of this licence, visit http://creativecommons.org/licenses/by-nc/4.0/.

Footnotes

Enhanced Digital Features

To view enhanced digital features for this article go to 10.6084/m9.figshare.11316773.

Riferimenti

1. Nestle FO, Kaplan DH, Barker J. Psoriasis. N Engl J Med. 2009;361:496–509. doi: 10.1056/NEJMra0804595. (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
3. Sawyer LM, Malottki K, Sabry-Grant C, et al. Assessing the relative efficacy of interleukin-17 and interleukin-23 targeted treatments for moderate-to-severe plaque psoriasis: a systematic review and network meta-analysis of PASI response. PLoS One. 2019;14:e0220868. doi: 10.1371/journal.pone.0220868. (PMC free article) (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
4. Egeberg A, Ottosen MB, Gniadecki R, et al. Safety, efficacy and drug survival of biologics and biosimilars for moderate-to-severe plaque psoriasis. Br J Dermatol. 2018;178:509–519. doi: 10.1111/bjd.16102. (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
5. Warren RB, Smith CH, Yiu ZZN, et al. Differential drug survival of biologic therapies for the treatment of psoriasis: a prospective observational cohort study from the British Association of Dermatologists Biologic Interventions Register (BADBIR) J Invest Dermatol. 2015;135:2632–2640. doi: 10.1038/jid.2015.208. (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
6. Schwartz DM, Kanno Y, Villarino A, Ward M, Gadina M, O’Shea JJ. JAK inhibition as a therapeutic strategy for immune and inflammatory diseases. Nat Rev Drug Discov. 2017;17:78. doi: 10.1038/nrd.2017.267. (PMC free article) (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
7. He X, Chen X, Zhang H, Xie T, Ye XY. Selective Tyk2 inhibitors as potential therapeutic agents: a patent review (2015–2018) Expert Opin Ther Pat. 2019;20:137–149. doi: 10.1080/13543776.2019.1567713. (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
8. Hsu L, Armstrong AW. JAK inhibitors: treatment efficacy and safety profile in patients with psoriasis. J Immunol Res. 2014;2014:283617. doi: 10.1155/2014/283617. (PMC free article) (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
10. Singh S, Pradhan D, Puri P, et al. Genomic alterations driving psoriasis pathogenesis. Gene. 2019;683:61–71. doi: 10.1016/j.gene.2018.09.042. (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
11. Ishizaki M, Muromoto R, Akimoto T, et al. Tyk2 is a therapeutic target for psoriasis-like skin inflammation. Int Immunol. 2014;26:257–267. doi: 10.1093/intimm/dxt062. (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
12. Papp KA, Menter A, Strober B, et al. Efficacy and safety of tofacitinib, an oral Janus kinase inhibitor, in the treatment of psoriasis: a phase 2b randomized placebo-controlled dose-ranging study. Br J Dermatol. 2012;167:668–77. (PubMed)
13. Papp KA, Menter MA, Abe M, et al. Tofacitinib, an oral Janus kinase inhibitor, for the treatment of chronic plaque psoriasis: results from two randomized, placebo-controlled, phase III trials. Br J Dermatol. 2015;173:949–961. doi: 10.1111/bjd.14018. (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
14. Bissonnette R, Iversen L, Sofen H, et al. Tofacitinib withdrawal and retreatment in moderate-to-severe chronic plaque psoriasis: a randomized controlled trial. Br J Dermatol. 2015;172:1395–1406. doi: 10.1111/bjd.13551. (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
15. Bachelez H, van de Kerkhof PCM, Strohal R, et al. Tofacitinib versus etanercept or placebo in moderate-to-severe chronic plaque psoriasis: a phase 3 randomised non-inferiority trial. Lancet (London, England) 2015;386:552–561. doi: 10.1016/S0140-6736(14)62113-9. (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
16. Zhang J, Tsai T-F, Lee M-G, et al. The efficacy and safety of tofacitinib in Asian patients with moderate to severe chronic plaque psoriasis: a phase 3, randomized, double-blind, placebo-controlled study. J Dermatol Sci. 2017;88:36–45. (PubMed)
17. Papp K, Gordon K, Thaçi D, et al. Phase 2 trial of selective tyrosine kinase 2 inhibition in psoriasis. N Engl J Med. 2018;379:1313–21. (PubMed)
18. Ludbrook VJ, Hicks KJ, Hanrott KE, et al. Investigation of selective JAK1 inhibitor GSK2586184 for the treatment of psoriasis in a randomized placebo-controlled phase IIa study. Br J Dermatol. 2016;174:985–995. doi: 10.1111/bjd.14399. (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
19. Bissonnette R, Luchi M, Fidelus-Gort R, et al. A randomized, double-blind, placebo-controlled, dose-escalation study of the safety and efficacy of INCB039110, an oral Janus kinase 1 inhibitor, in patients with stable, chronic plaque psoriasis. J Dermatolog Treat. 2016;27:332–8. (PubMed)
20. Papp K, Pariser D, Catlin M, et al. A phase 2a randomized, double-blind, placebo-controlled, sequential dose-escalation study to evaluate the efficacy and safety of ASP015K, a novel Janus kinase inhibitor, in patients with moderate-to-severe psoriasis. Br J Dermatol. 2015;173:767–776. doi: 10.1111/bjd.13745. (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
21. Papp KA, Menter MA, Raman M, et al. A randomized phase 2b trial of baricitinib, an oral Janus kinase (JAK) 1/JAK2 inhibitor, in patients with moderate-to-severe psoriasis. Br J Dermatol. 2016;174:1266–1276. doi: 10.1111/bjd.14403. (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
22. Puig L. PASI90 response: the new standard in therapeutic efficacy for psoriasis. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2015;10:645–648. doi: 10.1111/jdv.12817. (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
23. Wolk R, Armstrong EJ, Hansen PR, et al. Effect of tofacitinib on lipid levels and lipid-related parameters in patients with moderate to severe psoriasis. J Clin Lipidol. 2017;11:1243–1256. doi: 10.1016/j.jacl.2017.06.012. (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
24. Charles-Schoeman C, Wicker P, Gonzalez-Gay MA, et al. Cardiovascular safety findings in patients with rheumatoid arthritis treated with tofacitinib, an oral Janus kinase inhibitor. Semin Arthritis Rheum. 2016;46:261–271. doi: 10.1016/j.semarthrit.2016.05.014. (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
25. Ahlehoff O, Gislason GH, Charlot M, et al. Psoriasis is associated with clinically significant cardiovascular risk: a Danish nationwide cohort study. J Intern Med. 2011;270:147–157. doi: 10.1111/j.1365-2796.2010.02310.x. (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
26. Samarasekera EJ, Neilson JM, Warren RB, Parnham J, Smith CH. Incidence of cardiovascular disease in individuals with psoriasis: a systematic review and meta-analysis. J Invest Dermatol. 2013;133:2340–2346. doi: 10.1038/jid.2013.149. (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
27. Kim J, Tomalin L, Lee J, et al. Reduction of inflammatory and cardiovascular proteins in the blood of patients with psoriasis: differential responses between tofacitinib and etanercept after 4 weeks of treatment. J Invest Dermatol. 2018;138:273–281. doi: 10.1016/j.jid.2017.08.040. (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
28. Kremer JM, Kivitz AJ, Simon-Campos JA, et al. Evaluation of the effect of tofacitinib on measured glomerular filtration rate in patients with active rheumatoid arthritis: results from a randomised controlled trial. Arthritis Res Ther. 2015;17:95. doi: 10.1186/s13075-015-0612-7. (PMC free article) (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
29. Strober B, Buonanno M, Clark JD, et al. Effect of tofacitinib, a Janus kinase inhibitor, on haematological parameters during 12 weeks of psoriasis treatment. Br J Dermatol. 2013;169:992–999. doi: 10.1111/bjd.12517. (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
30. Winthrop KL, Lebwohl M, Cohen AD, et al. Herpes zoster in psoriasis patients treated with tofacitinib. J Am Acad Dermatol. 2017;77:302–309. doi: 10.1016/j.jaad.2017.03.023. (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
31. Valenzuela F, Papp KA, Pariser D, et al. Effects of tofacitinib on lymphocyte sub-populations, CMV and EBV viral load in patients with plaque psoriasis. BMC Dermatol. 2015;20:15. (PMC free article) (PubMed) (Google Scholar)
32. Strober BE, Gottlieb AB, van de Kerkhof PCM, et al. Benefit–risk profile of tofacitinib in patients with moderate-to-severe chronic plaque psoriasis: pooled analysis across six clinical trials. Br J Dermatol. 2019;180:67–75. (PubMed)
35. Desai RJ, Pawar A, Weinblatt ME, Kim SC. Comparative risk of venous thromboembolism in rheumatoid arthritis patients receiving tofacitinib versus those receiving tumor necrosis factor inhibitors: an observational cohort study. Arthritis Rheumatol. 2019;71:892–900. doi: 10.1002/art.40798. (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
36. Ly K, Beck KM, Smith MP, Orbai A-M, Liao W. Tofacitinib in the management of active psoriatic arthritis: patient selection and perspectives. Psoriasis (Auckland, NZ) 2019;9:97–107. (PMC free article) (PubMed) (Google Scholar)
37. Mease P, Hall S, FitzGerald O, et al. Tofacitinib or adalimumab versus placebo for psoriatic arthritis. N Engl J Med. 2017;377:1537–1550. doi: 10.1056/NEJMoa1615975. (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
38. Gladman D, Rigby W, Azevedo VF, et al. Tofacitinib for psoriatic arthritis in patients with an inadequate response to TNF inhibitors. N Engl J Med. 2017;377:1525–1536. doi: 10.1056/NEJMoa1615977. (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
39. Papp KA, Bissonnette R, Gooderham M, et al. Treatment of plaque psoriasis with an ointment formulation of the Janus kinase inhibitor, tofacitinib: a phase 2b randomized clinical trial. BMC Dermatol. 2016;16:15. (PMC free article) (PubMed)
40. Punwani N, Burn T, Scherle P, et al. Downmodulation of key inflammatory cell markers with a topical Janus kinase 1/2 inhibitor. Br J Dermatol. 2015;173:989–997. doi: 10.1111/bjd.13994. (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)

Psorilax:Facilmente |crema psoriasi esselunga

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, come si usa

Per ulteriori informazioni su Curcuma, visitare www.FinestTurmeric.com

Per ulteriori informazioni sul registro delle acque di Kangen per il 9 serie di video qui: www.HealthSuccessCenter.net/Ludwigg

Untitled-5

di Joseph Gee, 8 maggio 2016

Usi per acqua acida

Utilizzare a un pH di circa 2.5 per il suo valore antisettico. Metti il ​​tuo generatore di acqua continua ad elettrolisi sull'impostazione dell'acqua acida forte e usa questa acqua come antisettico (uscendo dal piccolo tubo o piccolo rubinetto da 1/4 di pollice), tonico per la pelle (una volta al giorno solo per l'acne) .. Puoi metterlo in un flacone spray per un comodo utilizzo in cucina o in bagno come disinfettante. Acqua acida ha un effetto astringente su ciò con cui viene in contatto. Per questo motivo, è in grado di rassodare e levigare la pelle ed è particolarmente efficace nel trattamento e nella prevenzione di acne, brufoli ed eruzioni cutanee. Inoltre, la sua capacità disinfettante e sterilizzante aiuta anche nel trattamento di piccole ferite della pelle. Può essere sterilizzato su forature o lacerazioni cutanee aperte e uccide i batteri senza uccidere la pelle circostante a differenza di altri noti prodotti chimici.

L'acqua acida forte (pH 2,5) non è adatta per bere ma è perfetta per altre attività. L'acqua acida forte ha un grande potere disinfettante ed è spesso usata dai ristoranti per prevenire intossicazioni alimentari: immergere gli alimenti per meno di 5 minuti. Quest'acqua è il disinfettante più potente del suo genere! È ottimo per:

Per la tua pelle, capelli e denti – vantaggi specifici includono:

5.5 Cuticole per capelli Kangen

  • L'acqua acida forte (pulsante arancione 2,5 pH acqua dal piccolo tubo o rubinetto) migliora molti disturbi della pelle come il piede dell'atleta, l'acne, l'eruzione cutanea, quei piccoli brufoli di micio
  • shampooing: Quando si utilizza acqua acida delicata (pulsante giallo o acqua di bellezza pH 5,5 – 6,0 che fuoriesce dal tubo superiore – la modalità viene modificata nella macchina per creare acqua acida che fuoriesce dal tubo flessibile -solo volta che l'acqua acida uscirà dal tubo superiore-) prima e dopo lo shampoo, non solo proteggerà i capelli, ma previene anche la caduta, il prurito e la forfora.
  • Cura dei capelli: utilizzare questa acqua acida delicata anziché un risciacquo condizionante. Ridurrà i grovigli e donerà ai tuoi capelli una lucentezza sana.
  • bagnarsi: Mescolare 6-10 litri di acqua acida delicata a pH 5,5-6,0 (pulsante giallo acqua di bellezza) nell'acqua del rubinetto nella vasca da bagno. Fare il bagno in quest'acqua migliorerà la salute e la bellezza generale della pelle. Acqua del bagno: l'acqua acida delicata manterrà la vasca priva di anelli mantenendo la pelle luminosa.
  • Burns: L'applicazione di acqua di bellezza lievemente acida allevia il dolore delle ustioni e ne accelera il recupero.
  • scottatura: L'acqua acida delicata allevia anche l'infiammazione e accelera il recupero.
  • Eczema e acne: Forte 2,5 pH L'acqua ionizzata acida è in grado di uccidere i batteri, mantenere la pelle pulita e migliorare le sue condizioni. 2-3 volte al giorno con un applicatore spray. Se è troppo forte, solo una volta al giorno, seguito da 2 o più applicazioni di acqua di bellezza. Untitled-6
  • Lavarsi i denti: Se usi regolarmente acqua acida a 2,5 pH per lavarti i denti, ti aiuterà a mantenere i denti sani con risultati sbiancanti, sterilizzanti e disinfettanti. Poiché questo è fortemente acido .. ricordati di sciacquare con acqua alcalina.
  • gargarismi: Gargarismi con acqua acida forte a 2,5 pH prevengono l'infezione da germi uccidendo i microbi che causano raffreddori e tonsillite. Metti un flacone spray e spruzza la gola di bambini o neonati e la tua. Abbastanza delicato da poter essere ingerito ma abbastanza forte da uccidere i batteri. Puoi persino eseguire una tecnica di sciacquatura nasale o netti con il pH 2,5. Sarà orribile, ma funziona ..
  • Brufoli, bolle, infezioni o altre eruzioni cutanee usano a pH 2,5 acido più forte impostare e immergere l'area infetta per periodi di 20 minuti da 2 a 3 volte al giorno o più se lo si desidera fino alla guarigione. Se l'area diventa e rimane rossa, ridurre l'intensità e ridurre il livello di acidità eseguendo questa operazione una sola volta al giorno seguita dall'immersione in acqua acida delicata 5,5-6,0.
  • Tagli, lividi e graffi puliti utilizzano il disinfettante 2,5 pH di acqua
  • Uccidi i batteri dell'acne 2,5 pH d'acqua
  • Ridurre l'infiammazione e il rossore lieve 5,5 – 6,0 pH
  • Immergi ustioni, psoriasi o altre piaghe della pelle a 2,5 pH, seguito da 5,5-6,0 acqua di bellezza.
  • Detergente per il viso o toner – l'acqua delicata acida 5,5-6,0 pH con acqua di bellezza ha incredibili proprietà astringenti che aiutano a tonificare e rassodare la pelle. Fare il bagno è FANTASTICO. Untitled-7
  • Igiene: utilizzare l'acqua acida a 2,5 pH per disinfettare mani, spazzolino e altro.

Per la cottura (acqua acida di Waterbeauty o 5,5-6,0 pH) per carne tenera (acqua acida resistente a 2,5 pH), per frutta e verdura (acqua alcalina forte a 11,5 pH da pulire immergendo per 5-10 minuti, ma immergere a 2,5 pH cinque minuti è uccidere tutti i patogeni presenti negli alimenti)

A causa del suo effetto restrittivo, i vari Acque Acide ha anche una vasta gamma di usi di cottura, che sono:

  • Tagliatelle da cucina con acqua acida impedirà ai noodles di diventare mollicci. Alcune persone usano ancora l'acqua potabile a 8,5 pH. O va bene. Sperimenta te stesso. È metà del divertimento.
  • Usando acqua acida delicata a ricoprire i piatti fritti aiuterà a rendere il piatto molto più croccante.
  • Immergere i pesci in acqua acida delicata prima della cottura. Stringe la carne di alcuni pesci, facilitando la cottura.
  • Disinfezione di frutta e verdura con acqua acida ucciderà i batteri nocivi. Disinfettare (immergere per 3-5 minuti) le verdure con acqua acida (2,5 – 3,5) per uccidere i germi senza danneggiare la salubrità delle verdure. Quindi immergi le verdure nell'impostazione più forte che puoi ottenere di acqua alcalina (11 – 11,5) per altri 5-10 minuti. Ciò che fa è sciogliere i pesticidi dalla superficie delle verdure. Oggi gli agricoltori usano pesticidi che sono oleosi, perché i pesticidi oleosi non si lavano facilmente sotto la pioggia. Tuttavia, ciò li rende anche non facili da lavare nel lavandino! Ora puoi contrastarlo immergendo le tue verdure non biologiche nella forte acqua alcalina. L'acqua assumerà un colore brunastro. Questo è lo sporco e i pesticidi che vengono rilasciati. Dopo 10 minuti, versa quell'acqua e immergila ancora una volta in acqua fresca alcalina per circa un altro minuto e sei pronto per partire. Lavare verdure e frutta manterrà i loro colori vivaci. Anche gli alimenti biologici devono passare attraverso la catena di distribuzione prima di arrivare al tuo tavolo. Saresti sorpreso di ciò che viene fuori. Provalo .. scopri te stesso.
  • Cibo fritto – uscirà croccante con acqua acida delicata 5,5-6,0 pH acqua di bellezza.
  • Alimenti surgelati: quando si spruzza il cibo con acqua acida delicata prima del congelamento, si garantisce che il sapore non si perda quando viene scongelato.
  • Cucinare i fagioli – cucineranno alla perfezione in meno tempo! I fagioli possono essere immersi in acqua ionizzata alcalina per un tempo più breve prima della cottura. Cucinare il riso con acqua ionizzata alcalina aiuta a prevenire il deterioramento.

Riepilogo salute:

  • Fare i gargarismi per alleviare il mal di gola e uccidere i germi con acqua pH Kangen acida a 2,5 pH
  • Utilizzato negli ospedali in Giappone per sterilizzare gli endoscopi e curare le ulcere cutanee acqua Kangen acida a 2,5 pH
  • Questa acqua elettrolizzata acida forte a 2,5 pH a base di sale; uccide l'HIV e altri virus come stafilococco, streptococco, candida, fungo alimentare dell'atleta,
  • Denti: 2,5 K di acqua Kangen acida forte Utilizzato per spazzolare e gargarismi Disinfettare lo spazzolino da denti (immergere per 20-30 minuti) Rimuove efficacemente la placca dai denti. Gengive più sane. Spennellare con acqua acida ionizzata invece del dentifricio. Risciacquare con acqua di rubinetto o alcalinizzata.
  • Acqua Kangen acida forte a 2,5 pH Gargarismi per alleviare le piaghe della bocca e prevenire l'infezione da germi inclusi i microbi che causano raffreddori e tonsillite.
  • Acqua Kangen acida forte a 2,5 pH Elimina l'alitosi.
  • 2,5 pH acqua acida forte Kangen Mal di gola: nella strana possibilità di mal di gola, prova a gargarismi con acqua acida forte più volte al giorno e vedi se aiuta.
  • 5,5-6,0 pH Acqua Kangen acida delicata Agisce come un astringente per rassodare la pelle e rimuovere le piccole rughe.
  • 5,5-6,0 pH Lieve acidità Kangen wate Allevia le mani screpolate e la pelle secca e pruriginosa.
  • Ottima terapia per funghi come il piede d'atleta. Acqua Kangen acida a pH pH forte
  • Acqua Kangen acida forte a 2,5 pH Aiuta a guarire e disinfettare tagli, vesciche, graffi, eruzioni cutanee, ustioni e ferite.
  • Acqua Kangen acida forte a 2,5 pH Accelera il recupero se applicato a contusioni, distorsioni, eczema e altri problemi della pelle.
  • Acqua Kangen acida forte a 2,5 pH Aiuta a curare le ulcere diabetiche della pelle.
  • Acqua Kangen acida forte a 2,5 pH Allevia il dolore e accelera il recupero delle ustioni.
  • Acqua Kangen acida forte a 2,5 pH Allevia l'infiammazione e accelera il recupero dalle scottature solari.
  • Acqua Kangen acida forte a 2,5 pH Fornisce sollievo da punture di zanzare, punture di api, edera velenosa e quercia velenosa.
  • 11,5 pH può essere usato come un bagno antinfiammatorio. Immergi il tessuto della pelle infiammato in esso .. guarda il miracolo accadere.

In cucina e pulizia acqua Kangen acida a 2,5 pH ha eccellenti poteri disinfettanti che possono prevenire intossicazioni alimentari. e. coli, salmonella e una serie di agenti patogeni in meno di 30 secondi.

  • Pulizia e disinfezione: un'acqua acida forte uccide germi e batteri, igienizzando la tua casa nei luoghi più importanti: il bagno e la cucina. L'acqua acida forte è stata approvata come disinfettante per prodotti alimentari nel giugno 2002 in conformità con la legge sull'igiene alimentare.
  • Acqua Kangen acida pH 5,5-6,0 Lavare e risciacquare i piatti. I tuoi occhiali saranno perfettamente puliti.
  • L'acqua Kangen fortemente acida a 2,5 pH disinfetta le superfici di lavoro, i taglieri, ecc. E sciacqua i piatti con acqua ionizzata acida ad alto livello. I coltelli da taglio di alta qualità possono forare se si utilizza una lavastoviglie. Utilizzare l'acqua Kangen acida a 2,5 pH per disinfettare i coltelli e prevenire la corrosione in lavastoviglie.
  • pulizie di casa: L'acqua Kangen acida forte a 2,5 pH agisce come agente sterilizzante, prevenendo gli odori, rimuove sporco e sporcizia e germi invisibili.
  • lucidatura: 5,5-6,0 L'acqua Kangen pulisce efficacemente specchi, vetri, coltelli e occhiali.
  • Pulizia: Kangen acido 2,5 pH forte per lavare e disinfettare taglieri, stoviglie e pentole e padelle (quando sono immersi durante la notte, le macchie e le ustioni vengono facilmente rimosse).
  • spugne: 2,5 pH forte acido Kangen La crescita di funghi e batteri viene arrestata, prevenendo i cattivi odori e la contaminazione.
  • Lavarsi le mani: Lavarsi le mani con Kangen acido a 2,5 pH per rimuovere efficacemente odori e prurito.
  • Lavaggio di veicoli: Lo sporco viene rimosso molto più facilmente quando si utilizza acqua Kangen acida lieve 5,5-6,0.
  • Lucidatura: 5,5-6,0 specchi per lucidare all'acqua Kangen leggermente acidi, finestre e altro per una lucentezza elevata.
  • Pulizia della casa – l'acqua acida delicata rimuove lo sporco da piastrelle in ceramica, pavimenti in legno e altro senza lasciare un pasticcio appiccicoso alle spalle.
  • Disinfetta stracci e spugne (immergere per 20-30 minuti) con Kangen acido a 2,5 pH
  • Mettere a bagno i pesci per rimuovere le impurità Kangen acido 2,5 pH forte.
  • Pulisci la tua casa senza usare prodotti chimici tossici
  • Dimostrato di uccidere MRSA (metaphilly resistente alla stafilococco aureo) 2,5 pH acido forte Kangen
  • Risciacquo: immergere i vestiti in acqua leggermente acida prima che la centrifuga ammorbidisca l'abbigliamento.
  • Rimozione di macchie: lascia i vestiti in ammollo in acqua acida Kangen a 2,5 pH per un'intera giornata.

Usi vari:

  • Cura dell'animale domestico: dona al tuo animale una pelliccia morbida e lucente quando la spazzoli. 5,5-6,0 acqua Kangen acida delicata
  • Animali: Fare il bagno ai tuoi animali domestici in acqua Kangen 5,5-6,0 delicata acida aiuta a prevenire le malattie della pelle e il prurito e porta anche a una pelliccia complessivamente più sana.
  • Composizione floreale: Ricopri lo stelo dei fiori con acqua acida delicata diluita e i tuoi fiori appariranno freschi per un tempo molto più lungo. 5,5-6,0 acqua Kangen acida delicata
  • Fai il bagno agli animali domestici nell'acqua kangen acida MILD per una pelliccia setosa e una pelle sana.
  • Migliora la crescita delle piante sane. 5,5-6,0 acqua Kangen acida delicata
  • Le piante richiedono meno acqua.
  • Non sono necessari pesticidi.

Usi commerciali:

L'acqua di acido Kangen forte (2,5 pH a base di sale) con alti livelli di ossidante (O.R.P. di + 1100mV) è attualmente utilizzata negli ospedali americani e giapponesi nel trattamento di piaghe da decubito, ferite operative con infezioni complicate e ulcere diabetiche. Quest'acqua viene talvolta definita “acqua superossido”. È ampiamente utilizzato nelle strutture mediche giapponesi per la sterilizzazione di attrezzature chirurgiche e ferite. Per gli stessi motivi, è stato adottato dall'industria dei servizi alimentari per la sterilizzazione di utensili da cucina e la pulizia di frutti di mare e carne. In agricoltura l'acqua ionizzata acida viene utilizzata efficacemente sulle piante per uccidere funghi e muffe. Ad esempio, viene spruzzato su germogli, erba di grano e piante germinative nei vivai per prevenire la muffa. I campi da golf lo hanno utilizzato per ridurre notevolmente la loro dipendenza da pesticidi ed erbicidi.

Strong Kangen 2,5 pH (HOCl) Prima a sinistra, Dopo a destra ammollo 3 volte al giorno 10 minuti per 2 settimane

pic piedi prima dopo 2,5 ph Kangen

Acqua alcalina forte

L'acqua alcalina forte (pH 11,5) non è sicura da bere.

È un ingrassatore e viene utilizzato anche per la pulizia

Utilizza per acqua alcalina ad alto pH pH 11,5 (.. pH NON è l'unico problema .. il problema è COME viene prodotta l'acqua Kangen Kangen resistente a pH 11,5)

  • È possibile versare 2 – 4 litri di esso con il bucato e non è necessario utilizzare detersivo.
  • È possibile utilizzare per la pulizia di aree unte, come pavimenti, stufe e controsoffitti.
  • L'acqua alcalina forte viene utilizzata per rimuovere pesticidi e impurità da frutta e verdura, che rimangono se puliti con acqua normale.
  • Se si combinano olio e acqua alcalina forte, l'acqua effettivamente emulsiona l'olio! Per oli fortemente lavorati a caldo potresti aver ancora bisogno di detergenti tradizionali, ma questo Kangen da 11,5 eliminerà sicuramente la maggior parte dei detergenti per la casa. La soluzione Strong Kangen 11.5 pH è ideale per:
    • Pulizia: è ideale per ripiani da cucina, bagni e altro ancora.
    • Pulizia: è ideale per utensili, piani cucina, ecc.
    • Rimozione dell'olio – Rimuovere le sostanze oleose da oggetti difficili da pulire come la griglia esterna.
    • Piante – L'acqua forte alcalina viene utilizzata per uccidere funghi e altre malattie delle piante. Ciò è particolarmente degno di nota perché i lavoratori agricoli non devono indossare alcun equipaggiamento protettivo quando applicano acqua alcalina forte alle piante.

Acqua alcalina in cucina:

Migliora i sapori alimentari.
Riduce l'acidità del cibo.
Migliora l'assorbimento dei nutrienti da parte dell'organismo.
Elimina l'amarezza che possono avere alcune verdure

Cucinare i fagioli – cucineranno alla perfezione in meno tempo! I fagioli possono essere immersi in acqua ionizzata alcalina per un tempo più breve prima della cottura. Cucinare il riso con acqua ionizzata alcalina aiuta a prevenire il deterioramento.

.

Kangen Water (pH 8,5 – 9,5) è sicuro da bere e rende la tua acqua potabile più aromatizzata. L'acqua di Kangen aiuta l'organismo a ridurre il proprio carico per mantenersi al livello ideale di pH del sangue di 7,365. Con un uso continuato, quest'acqua aiuta a ridurre la richiesta del corpo di derubare i propri livelli di calcio per contrastare i più alti livelli di acidità nel sangue e nei sistemi cellulari. È ideale per:

  • Bere – C'è un gusto più leggero, nessun odore sgradevole e un sapore dolce.
  • Preparazione del cibo: rimuove il gusto aspro e l'odore intenso di cibi come cipolle e carne.
  • Riso – Produce riso molto soffice Provalo anche con pH 5,5-6,0.
  • “Caffè e tè”, godrai di un sapore più ricco di prima.
  • Zuppe e stufati – Gli ingredienti avranno un sapore più puro, riducendo la necessità di condimenti aggiuntivi come il sale.
  • Piante: prosperano se innaffiate con acqua pura.
  • Animali – I tuoi animali sperimenteranno un aumento della salute e dell'energia, nonché una riduzione dell'odore corporeo.
  • Artigianato – L'acqua pura è perfetta per i panni morenti.
  • Pulizia del colon – L'acqua pura aiuta a rimuovere i rifiuti accumulati quando viene utilizzata con un'unità di pulizia del colon.

Clean Water (pH 7.0) rimuove cloruro, ruggine e opacità dall'acqua, creando un'acqua assolutamente deliziosa. È ottimo per:

  • Assunzione di farmaci – L'acqua pulita di Kangen viene assorbita rapidamente e aiuta ad assimilare i farmaci più rapidamente.
  • Alimenti per bambini: l'acqua pulita è l'ideale quando si prepara la formula per bambini.

pH 9.5

  • Questo è il livello che la maggior parte degli adulti sceglie di bere.
  • Questo è anche un buon livello per preparare il tè; migliora i sapori naturali e accorcia i tempi di cottura.
  • Se bevi alcolici, questo livello di acqua è utile per i postumi di una sbornia.

pH 9.0

Dopo aver bevuto pH 8,5 acqua per una o due settimane, bere questa acqua per una o due settimane prima di bere 9,5 pH.

pH 8.5

  • Usa questo livello quando inizi a bere acqua alcalina. Bevi questo livello per una o due settimane prima di passare a 9.0 pH.
  • Questo è anche un buon livello per la miscelazione con latte in polvere e per quelli con problemi gastroenterici.

pH 5,5 (Acqua di bellezza acida delicata):

Poiché i capelli e la pelle umani sono leggermente acidi, viene utilizzata acqua acida per ridare lucentezza ai capelli e morbidezza alla pelle. Può alleviare la pelle secca e pruriginosa, incluso il prurito derivante dall'edera velenosa e dalla quercia velenosa. Aiuta a curare l'acne e l'eczema.

Utilizzare per la pulizia personale e come astringente (una sostanza che tende a restringere o restringere i tessuti del corpo, di solito usata come applicazione topica). Due esempi comuni sono la lozione alla calamina e l'amamelide. Gli usi specifici includono:

  • Restituisce lucentezza ai capelli / dona morbidezza setosa alla pelle
  • Ha eccellenti proprietà detergenti e astringenti, restringe i pori come un toner
  • Ideale per il bagno di pelli sensibili e neonati
  • Allevia le scottature
  • Allevia i problemi della pelle come psoriasi, eruzioni cutanee, eczema e secchezza
  • Piede dell'atleta
  • Lievi ustioni e graffi
  • Morsi di insetto

Psorilax:speciale |ozonia crema psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, come si usa

Una dieta restrittiva è sicuramente l'aspetto più importante della guarigione olistica della psoriasi. Molte volte, facciamo fatica a sostituire i cibi “non mangiare” con alternative salutari. Si traduce in una carenza nutrizionale a lungo termine che può effettivamente aggravare ulteriormente il problema. La spirulina secca è un integratore alimentare naturale densamente ricco di nutrienti vitali. È completamente sicuro da consumare a lungo termine. Nel suo libro La psoriasi guarisce da Inside Out, Heather ha menzionato il consumo di spirulina insieme ad altri integratori alimentari.

Leucoderma della vitiligine Psoriasi matrimonio matrimoni sposi sposi

Che cos'è la spirulina

La spirulina, un tipo di alghe blu-verdi, è un organismo che cresce nell'acqua alcalina, sia in mare (sale) che in acqua dolce. Cresce in vari corpi idrici: laghi, stagni, fiumi. In questi giorni, grazie ai suoi splendidi benefici per la salute, viene coltivato in stagni dedicati per la produzione commerciale. In termini di biologia, è un tipo di batteri chiamato cianobatteri. Ma contiene clorofilla (proprio come le piante) e utilizza il processo di fotosintesi per produrre energia dalla luce solare.

È chiamato così per il suo aspetto fisico a spirale (a molla). Le singole unità di spirulina crescono nella struttura a spirale e si attaccano l'una all'altra. Li rende facili da raccogliere.

Le comunità della prima infanzia in Messico e in alcune parti dell'Africa consumavano la spirulina come fonte primaria di proteine. L'uso della spirulina come alimento è in pratica dal IX secolo.

Contenuto nutrizionale

La spirulina è considerata un “super alimento” per la sua elevata densità nutrizionale. Diamo un'occhiata al contenuto nutrizionale ricco di energia di questo straordinario cibo verde:

Porzione 7 grammi (1 cucchiaio)

Spirulina valore nutrizionale per la psoriasi

Guardando il testo evidenziato, possiamo dire che la spirulina è una buona fonte alimentare di proteine, complesso vitaminico B, minerali (ferro, manganese, rame) e acido gamma-linolenico. Oltre a tutti questi nutrienti, la spirulina contiene una combinazione unica di vari fitonutrienti. Discuteremo di quei fitonutrienti nella parte successiva di questo articolo.

  • Proteina- La spirulina è dal 50 al 70% di proteine ​​in peso. È più della maggior parte degli alimenti ricchi di proteine ​​disponibili sul mercato

contenuto di proteine ​​nella spirulina per la psoriasi

Ma, ovviamente, per ottenere quante più proteine ​​del pesce (o di qualsiasi altro alimento in questo elenco), dovresti mangiare la spirulina tutto il giorno, il che è praticamente impossibile. Quindi, la spirulina contiene una splendida quantità di proteine. Ma il dosaggio standard di 7 grammi compenserà solo l'8% del fabbisogno giornaliero.

Ma la storia non finisce qui. La qualità delle proteine ​​contenute nella spirulina è migliore della maggior parte degli altri alimenti ricchi di proteine. La spirulina contiene tutti i 9 amminoacidi essenziali (gli amminoacidi sono i mattoni delle proteine). Le proteine ​​contenute nella spirulina non hanno pareti cellulari spesse e quindi sono altamente digeribili in natura. L'utilizzo netto di proteine ​​è piuttosto elevato, dal 55 al 60% circa. Le persone con un metabolismo corporeo compromesso, come nel caso della psoriasi, possono facilmente digerire le proteine ​​contenute nella spirulina per la crescita e lo sviluppo del corpo.

Guarigione naturale con psoriasi pagana

  • Complesso di vitamina B.– La spirulina può essere definita un alimento multivitaminico naturale. Contiene buone quantità di vitamine del complesso B, vitamina E, K con piccole quantità di vitamina A e C. Vale la pena ricordare che la spirulina non contiene vitamina B12. Contiene pseudovitamina B12 che non può essere utilizzata dall'uomo.
  • minerali– La spirulina contiene l'intera gamma di minerali in buone quantità. Il ferro è uno dei minerali più comunemente carenti nei corpi umani. Il ferro è necessario per formare i globuli rossi nel corpo che possono trasportare ossigeno in varie parti del corpo. Una porzione standard (7 grammi) di spirulina può fornire l'11% del fabbisogno giornaliero di ferro. Questa è una grande notizia. Zinco, selenio, ferro, rame, cromo, manganese-spirulina contengono tutti questi minerali vitali.
  • Acido gamma-linolenico (GLA)– GLA è un acido grasso omega 6 essenziale che il tuo corpo non può sintetizzare da solo e devi cercare fonti alimentari esterne per compensarlo. Il GLA è fornito da fonti alimentari (latte materno e spirulina) e olii essenziali (olio di enotera, olio di borragine e olio di ribes nero). Il GLA aiuta nella psoriasi in molti modi: riparazione dell'intestino che perde, riduzione dell'infiammazione, promozione della perdita di peso attraverso la combustione dei grassi, regolazione dello squilibrio ormonale.

C'è confusione tra le persone se la spirulina è una migliore fonte di GLA rispetto all'olio di enotera. Non è corretto. Una capsula (1000 mg) di olio di enotera può fornire circa 90 mg di GLA. Per ottenere la stessa quantità di GLA, dovresti consumare quasi 20 grammi di spirulina ogni giorno. Questo è troppo. Quindi, per quanto riguarda la GLA, l'olio di enotera è un'opzione migliore.

Quindi, da dove nasce questa confusione? La risposta è di tutti i grassi polinsaturi contenuti nella Spirulina, quasi il 25% è GLA dove, come nel caso dell'olio di enotera, è solo del 9%. Quindi, alcune persone considerano erroneamente questo rapporto di conversione come l'output finale di GLA. Ma, essendo un consumatore, non dovremmo preoccuparci di questo rapporto di conversione. Ciò che ci attrae è la quantità di GLA che riceverei da un dosaggio standard e in questo confronto, l'olio di enotera è un chiaro vincitore.

Leggi di più: GLA, olio di enotera e psoriasi

  • fitonutrienti– I fitonutrienti (o fitochimici) sono sostanze chimiche presenti in natura negli alimenti vegetali. Questi fitonutrienti danno il colore verde scuro alla spirulina e offrono molti benefici.

fitonutrienti nella spirulina per la psoriasi

Benefici della spirulina per la psoriasi

  • Nutriente cibo super– Durante la guarigione olistica della psoriasi, subiamo vari programmi di disintossicazione seguiti da protocolli dietetici restrittivi. Durante i programmi di disintossicazione, a volte perdi nutrienti vitali dal tuo corpo insieme ai materiali di scarto (tossine). Ad esempio, durante l'idroterapia del colon (clistere), perdi minerali dal tuo corpo. Allo stesso modo, le diete restrittive a volte possono portare alla malnutrizione perché non si sostituiscono gli alimenti eliminati con alternative salutari. Per far fronte a tali situazioni, il consumo regolare di un super alimento naturale come la spirulina è molto apprezzabile. È naturale, facile da consumare e sicuro per un consumo a lungo termine.
  • Potente antiossidante– La maggior parte di noi sa che il mirtillo è sicuramente uno dei più potenti antiossidanti naturali. A causa delle sue incredibili proprietà di protezione del cervello, a volte, la gente lo chiama come bacca di cervello. In uno studio sui ratti, pubblicato sulla rivista Neurologia Sperimentale, tre gruppi di ratti sono stati alimentati con diete arricchite rispettivamente con mirtilli, spinaci e spirulina. Alla fine dello studio, si è concluso che il potere protettivo del cervello della spirulina era paragonabile a quello del mirtillo. La spirulina, grazie ai vari fitonutrienti presenti, agisce come un potente antiossidante misurando la produzione di radicali liberi per ridurre l'infiammazione e il danno delle cellule della pelle.
  • Aiuta a disintossicare il corpo– La spirulina contiene fitonutrienti in una combinazione unica che aiuta nella disintossicazione del corpo. Questo processo di disintossicazione accelera quando la spirulina viene assunta durante il digiuno. La clorofilla è ben nota per le sue proprietà disintossicanti del corpo. Studi di ricerca condotti su ratti in Giappone dimostrano che la spirulina è sette volte più efficace della dieta controllata nel ridurre la tossicità renale causata da avvelenamento da metalli pesanti.

Leggi di più: Disintossicazione del corpo per la psoriasi

  • Aiuta la digestione– La spirulina aiuta nella disintossicazione del corpo compreso il tratto digestivo e quindi riduce lo stress sull'intero sistema digestivo. Inoltre, aiuta ad eliminare la Candida infondendo batteri sani nel tuo corpo e potenziando il tuo sistema immunitario. La spirulina promuove batteri sani come lattobacillo e bifidobatteri nell'intestino. Quasi tutti i nutrienti presenti nella spirulina vengono facilmente assorbiti dall'organismo per compensare eventuali carenze nutrizionali. Tutte queste attività salutari comportano una migliore digestione.
  • Promuove la perdita di peso– È noto che la riduzione dell'obesità / del peso corporeo allevia i sintomi della psoriasi. La spirulina ha pochissime calorie. Il dosaggio standard di 7 grammi fornisce solo 20 calorie. Quando si consuma spirulina 20-30 minuti prima del pasto, le proteine ​​e altri nutrienti vengono assorbiti dal corpo prontamente e attenuano la fame. Inoltre, questi nutrienti aumentano il metabolismo del corpo interno per abbattere il cibo in modo più efficiente. Ti aiuta a mantenere un peso corporeo sano.

Leggi di più: Obesità e Psoriasi

  • Riduce l'infiammazione– La presenza di GLA e fitonutrienti rende la spirulina un potente alimento naturale antinfiammatorio.
  • Miglioramento dell'immunità corporea– A causa del ricco contenuto di ferro, la spirulina stimola la formazione di globuli rossi. Aiuta a rafforzare l'immunità del corpo per combattere le infezioni e le malattie. Se sei soggetto a raffreddore e influenza, il consumo regolare di spirulina può rivelarti utile.

Ulteriori benefici per la salute

  • Malattia cardiovascolare– La spirulina aiuta a rendere i vasi sanguigni più elastici per ridurre la coagulazione del sangue per controllare gli attacchi di cuore. Inoltre, aiuta a controllare l'ipertensione. Uno studio sugli animali (condotto su conigli) ha concluso che il consumo regolare di spirulina può aiutare a ridurre i trigliceridi e LDL (colesterolo cattivo) e aumentare l'HDL (colesterolo buono).
  • Rinite allergica è una condizione infiammatoria nasale caratterizzata da sintomi come secrezione nasale, congestione e starnuti. L'assunzione regolare di spirulina può aiutare a ridurre questi sintomi.
  • Aiuta a curare l'anemia aumentando il contenuto di emoglobina dei globuli rossi.
  • Migliora la forza muscolare e la resistenza

Dosaggio e come consumare

La spirulina è disponibile principalmente in due forme: polvere secca e compresse. In generale, la forma in polvere di spirulina è preferita rispetto alle compresse. Ma, a causa della sua schiuma di stagno come il gusto e il sapore intenso, alcune persone optano per le compresse.

Polvere di Spirulina secca

Puoi prenderlo direttamente con acqua o puoi aggiungerlo nel tuo succhi di frutta, bevande verdi e frullati.

Il dosaggio standard è di 7 grammi (1 cucchiaio).

Non confondere il cucchiaio con il cucchiaino.

1 cucchiaio = 3 cucchiaini (approssimativi)

Ma non ci sono dimensioni standard universali di cucchiaini disponibili. Inoltre, la densità (peso) della spirulina può dipendere dal marchio del fornitore. Quindi, il modo migliore per standardizzare il dosaggio giornaliero è quello di effettuare le proprie misurazioni. Ad esempio, se si è acquistato un pacchetto di spirulina da 100 grammi, si otterrebbero 14 dosaggi da 7 grammi ciascuno. Dopo alcuni giorni di consumo, sarai in grado di misurare la dose giornaliera in modo abbastanza accurato.

Compresse di spirulina

L'altro modo di consumare la spirulina è assumere compresse di spirulina. Sono disponibili facilmente compresse da 1000 mg. Ma sarebbero necessarie 7 compresse per soddisfare il dosaggio giornaliero standard che sembra troppo. Inoltre, le compresse costano più della polvere.

Quindi, in generale, la polvere di spirulina secca è il modo migliore di consumare questo super cibo. Ma, se il gusto è un grosso problema per te, vai avanti con i tablet.

Per ottenere i migliori risultati, è necessario consumarlo almeno 20-30 minuti prima dei pasti. Questo intervallo di tempo aiuterebbe il tuo corpo ad assorbire tutti i nutrienti (contenuti nella spirulina) che aumenterebbero il metabolismo del tuo corpo e digerire meglio i tuoi pasti.

Puoi consumare l'intero importo in una volta sola oppure puoi dividerlo in due o tre rate. Ad esempio, metà quantità ciascuno prima di pranzo e cena o rispettivamente consumando l'intero importo prima di pranzo.

Possibili effetti collaterali

La spirulina è un alimento naturale con una lunga storia di consumo. Non ha effetti collaterali in quanto tali. Ma per essere più sicuri, le donne in gravidanza e in allattamento e le persone con gravi problemi di salute dovrebbero consultare il proprio medico prima di consumarlo.

Durante i primi giorni di consumo, potresti riscontrare una o più delle reazioni seguenti:

  • Leggera febbre– L'aumento del metabolismo corporeo dovuto all'alto contenuto proteico può talvolta aumentare la temperatura corporea.
  • Le feci diventano di colore verde scuro– La clorofilla contenuta nella spirulina aiuta a rimuovere le tossine accumulate. Inoltre, la clorofilla stessa è responsabile del colore verde scuro della spirulina. Quindi, a volte, potresti vedere il colore delle tue feci diventare verde scuro.
  • Gas e mal di stomaco eccessivi– Le persone con sistema digestivo compromesso possono sperimentare un passaggio eccessivo di gas e mal di stomaco durante i primi giorni.
  • Prurito e distacco della pelle– La pulizia accelerata del colon può inizialmente causare prurito e sfoghi cutanei.

Tutte queste reazioni hanno vita breve e si dissolverebbero gradualmente. Per ridurre al minimo l'impatto di questi lievi effetti, iniziare con 3 grammi al giorno per le prime due settimane e quindi aumentarlo al dosaggio standard di 7 grammi al giorno.

Attenzione alla Sripulina contaminata

La spirulina cresce nei corpi idrici, quindi le possibilità di contaminazione non possono essere ignorate. Si dovrebbe acquistare solo il senza contaminazione spirulina. La spirulina contaminata può causare complicazioni da lievi a moderate come problemi al fegato, vomito, nausea, mal di stomaco, ecc.

Da dove acquistare

Come accennato in precedenza, è molto importante acquistare spirulina senza contaminazione di un marchio di fiducia. O puoi acquistarlo da un negozio di erbe vicino a te oppure puoi controllare i seguenti link Amazon: –

Conclusione

La spirulina è un super alimento naturale, molto povero di calorie ma ricco di nutrienti vitali che possono essere facilmente assorbiti dal tuo corpo. Sul percorso della guarigione olistica della psoriasi con una dieta restrittiva, l'uso di integratori come la spirulina assicura che non manchi l'assunzione giornaliera di nutrienti vitali. A causa della proporzione unica di fitonutrienti, la spirulina agisce come detergente per il corpo e antiossidante. La spirulina non è una cura per la psoriasi, ma può aiutare ad accelerare il processo di guarigione se usata a lungo termine. Per usufruire dei migliori benefici della spirulina per la psoriasi, scegliere un pacchetto di polvere / compresse di spirulina non contaminate e consumarlo mezz'ora prima dei pasti.

Riferimenti

https://ndb.nal.usda.gov/ndb/foods/show/3306?fgcd=&manu=&lfacet=&format=&count=&max=35&offset=&sort=&qlookup=spirulina

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15817266

https://en.wikipedia.org/wiki/Spirulina_(dietary_supplement)

http://antenna.ch/en/documents/AspectNut_UK.pdf

http://umm.edu/health/medical/altmed/supplement/spirulina

EBook gratuiti sulla cura della psoriasi

Ricevi una copia gratuita degli eBook sulla cura della psoriasi iscrivendoti alla nostra mailing list

Grazie per esserti iscritto. Riceverai presto gli eBook.

Qualcosa è andato storto.

Psorilax:Veloce |creme cheratolitiche per psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, originale

Innanzitutto, alcune osservazioni generali sul simposio:

  • I pazienti con malattia psoriasica sono incredibilmente fortunati ad avere ricercatori, dermatologi e reumatologi così appassionati (intelligenti e articolati) che lavorano per nostro conto.
  • Vi è un notevole livello di coordinamento, collaborazione, consapevolezza reciproca e condivisione delle informazioni tra gli scienziati che hanno parlato e partecipato all'evento.
  • Un numero notevole di oratori ha riconosciuto come NPF avesse supportato la propria ricerca, finanziando, collaborando, risorse o dai campioni della Biobanca Victor Henschel della National Psoriasis.

Ecco i miei appunti come paziente di vari oratori al simposio:

1. Alexis Ogdie, M.D. (Università della Pennsylvania) – prevenzione dell'artrite psoriasica. Ogden ha notato i significativi progressi nella terapia per la psoriasi e l'artrite psoriasica (PsA), commentando le metriche ottenibili dagli anni '90 ad oggi. Ha notato l'eterogeneità (sintomi e gravità diversi) delle malattie tra i pazienti.

2. Nehal Mehta, M.D. (U.S. National Institutes of Health) – prevenzione delle comorbidità della psoriasi. Mehta si è concentrato sulle complicanze cardiovascolari per i pazienti con psoriasi, principalmente sull'infiammazione delle arterie intorno al cuore. Fortunatamente per i pazienti, ha confermato che il trattamento della psoriasi con farmaci biologici anti-infiammatori come gli inibitori del fattore di necrosi tumorale (Enbrel, Humira, ecc.) E persino i farmaci con interleuchina 17 (Cosentyx e Taltz) tendono a modulare gli impatti all'interno e intorno al cuore. Ha commentato che è importante per i pazienti monitorare la pressione sanguigna e l'indice di massa corporea per tentare di controllare le comorbidità (condizioni concorrenti) per la psoriasi.

3. Christopher Ritchlin, M.D. (Università di Rochester) – eterogeneità e previsione dei risultati nell'artrite psoriasica. Ritchlin notò la cassetta degli attrezzi estesa che i reumatologi ora devono trattare la PsA. Le prime indicazioni della malattia possono comparire nella pelle, nelle unghie e nel midollo osseo. Ha citato un articolo completo che ha scritto per il New England Journal of Medicine. Sfortunatamente, la PsA include più domini di malattie e impatti variabili e diversi.

4. Matthew Patrick, Ph.D. (Università del Michigan) – psoriasi e diabete di tipo 2. C'è un piccolo ma significativo effetto causale tra questi due stati patologici. Si raccomanda di mantenere un indice di massa corporea sano.

5. L'oratore principale, Rachael Clark, M.D., Ph.D. (Brigham and Women’s Hospital) – approfondimenti immunologici sulla psoriasi. Clark ha osservato che la mediazione delle cellule T è stata raggiunta dalla ciclosporina (una terapia sistemica a breve termine). Ha commentato che la malattia psoriasica coinvolge una “cellula T unicamente testarda” in una malattia unicamente umana. Ha discusso del fenomeno delle “cellule T di memoria residenti nei tessuti” (TRM), osservando che le attuali terapie sopprimono solo l'attivazione di queste cellule T; questo è meglio dimostrato dal fatto che quando una terapia viene interrotta, si verifica una recidiva della malattia, in genere con lesioni nei precedenti siti di presentazione. Delle attuali terapie farmacologiche disponibili, IL-23 è la più efficace. I ricercatori stanno cercando di sviluppare metodi per impoverire i TRM; una soluzione proposta è il blocco degli acidi grassi. È stato esplorato un altro trattamento: le aree colpite dal “bombardamento fotografico”, dove negli studi sui topi si è verificato un impoverimento dell'80% dei TRM.

6. Christopher Griffiths, M.D., OBE (Università di Manchester, Regno Unito) – eterogeneità e previsione dei risultati nella psoriasi. Griffiths notò che la pratica medica era attualmente reattiva, ma doveva essere proattiva; le sue parole chiave erano “prevedere, prevenire, personalizzare e partecipare”. Mentre elogiava i farmaci che trattavano il “ciclo infiammatorio” (IL-17 e IL-23), non vedeva l'ora di sviluppare ulteriormente i trattamenti orali di piccole molecole. Ha indicato il registro di sicurezza a lungo termine di BADBIR nel Regno Unito e in Irlanda. Ha anche detto che l'HLA Cw6 + (un segmento di DNA praticabile su un cromosoma o un allele), che è noto da tempo come prova della psoriasi, è un fattore predittivo di successo con il biologico. Come altri oratori, Griffiths ha chiesto la diagnosi precoce e l'intervento precoce come il modo migliore per curare la malattia psoriasica.

7. Jose Scher, M.D. (NYU Langone Medical Center) – contribuenti microbici alla malattia psoriasica. Un focus della ricerca di Scher sono stati i microbi (un batterio che causa la malattia) nell'intestino. I microbi sono lì per promuovere l'immunità del corpo e c'è un microbioma intestinale della psoriasi (microrganismi). Scher sta lavorando alla costruzione di un modello predittivo per la PsA nelle popolazioni psoriasiche ad alto rischio. Ha menzionato “Psorcast” – una piattaforma digitale, open source, basata su smartphone, un'app per tenere traccia degli elementi dei sintomi e del trattamento della PsA.

8. Christopher Ritchlin, M.D., MPH – eterogeneità e previsione dei risultati nell'artrite psoriasica. Ritchlin pensa che la PsA possa essere sette malattie in una. L'eterogeneità tra i pazienti mette in discussione gli sforzi per trattare costantemente il target. Le terapie combinate hanno contribuito a colpire patologie molecolari divergenti. L'infiammazione sinoviale (rivestimento delle articolazioni) è diversa in PsA rispetto all'artrite reumatoide, il che può spiegare perché i trattamenti e la loro efficacia sono diversi per le due forme di artrite.

9. Vinod Chandran, M.D., Ph.D. (Università di Toronto) – scoperta di biomarcatori nell'artrite psoriasica. I biomarcatori devono essere misurati e valutati oggettivamente. Questo è impegnativo a causa dell'eterogeneità della PsA come malattia. La previsione medica porta a inferenze sullo stato attuale o futuro della malattia e le previsioni devono essere denominate nel tempo. Finora, gli indicatori anatomici sono psoriasi cutanea, psoriasi del cuoio capelluto, uveite (occhio), conta delle articolazioni e danni. Un biomarcatore può essere tramite una biopsia sinoviale.

10. Junko Takeshita, M.D., Ph.D. (Università della Pennsylvania) – screening del cancro. Poiché esiste una preoccupazione teorica sul rischio di linfoma a cellule T nei pazienti con psoriasi grave, le linee guida raccomandano lo screening del cancro per i pazienti con psoriasi. Tali pazienti devono sottoporsi a vaccinazioni antinfluenzali ogni anno.

11. Jeremy Sokolove (che rappresenta AbbVie al momento del simposio) – approfondimenti del settore. Solo un numero limitato di fornitori sta prescrivendo terapie sistemiche (meno del 20 percento) e la maggior parte non segue le raccomandazioni NPF Treat to Target.

12. Philip Mease, M.D. (Università di Washington) – studi clinici e cure. Dobbiamo rivedere le misure dei risultati negli studi clinici sulla PsA. Ha definito la “remissione” come una diluizione della gravità del dolore, un “recupero temporaneo”. Ciò può essere determinato mediante test clinici, di imaging e immunologici. La “remissione clinica” è un'attività della malattia minima o un'attività della malattia bassa. “DAPSA” (o attività della malattia in PsA) è una misura centrata congiuntamente di PsA. Le metriche della gravità della psoriasi possono includere la misurazione della sinovite ecografica, l'entesite (infiammazione dell'area in cui il tendine o il legamento si inseriscono nell'osso) e abbiamo bisogno di più imaging molecolare. La sensibilizzazione centrale (ad es. Fibromialgia) si verifica nel 18 percento della popolazione PsA. Potrebbe esserci un'espansione delle terapie combinate per mitigare la malattia.

13. Sessione di approfondimento sulle definizioni di cura / prevenzione. Una delle sessioni più interessanti è stata una discussione in piccoli gruppi di cura contro remissione. Mi è sembrato che i dermatologi partecipanti fossero più ottimisti riguardo al potenziale per una cura per la psoriasi rispetto ai reumatologi come per una cura per la PsA. In parte, ciò riflette il fatto che la pelle soggetta a lesioni psoriasiche in genere ritorna all'aspetto normale se trattata in modo efficace (ad es. Senza cicatrici), mentre un'articolazione può subire danni irreparabili a meno che non venga trattata in una fase molto precoce dello sviluppo della malattia entro mesi di diagnosi. Tuttavia, i farmaci che potrebbero scatenare una remissione a lungo termine della psoriasi o della PsA rappresenterebbero un importante sviluppo positivo.

14. Diversi partecipanti hanno citato commenti fatti da Rachael Clarke, M.D. (vedi sopra) riguardo ai TRM per notare che forse una cura è sfuggente ma dovrebbe essere possibile una remissione a lungo termine.

Il 50% dei pazienti non è soddisfatto dei propri trattamenti. I pazienti con psoriasi da moderata a grave devono sottoporsi a terapie sistemiche (i trattamenti topici e la fototerapia potrebbero non essere sufficienti per mitigare la malattia). I trattamenti attuali e futuri hanno il potenziale per cambiare la traiettoria di vita della psoriasi e dei pazienti con PsA. L'identificazione dei sottogruppi di pazienti è l'unico modo affidabile per indirizzare la risposta del paziente. Definire l'intestino come bersaglio centrale dell'artrite da spondilite (colonna vertebrale). I ricercatori devono convincere l'industria farmaceutica che la loro proposta merita la loro attenzione ed è in grado di essere commercializzata. Tutti stanno lavorando per migliorare l'efficacia e la sicurezza dei farmaci.

Definire la cura – è troppo ambizioso senza miglioramenti nelle infrastrutture. Tuttavia, i pazienti con trapianto di midollo osseo sono stati curati dalla psoriasi. La remissione è in terapia o fuori terapia? Una definizione biologica di cura è difficile se esiste una predisposizione genetica (e TRM).

Vi era un consenso generale sul fatto che uno strumento diagnostico per la PsA fosse assolutamente necessario per garantire che una diagnosi precoce di PsA seguita da un intervento efficace precoce (ad esempio, l'uso di un farmaco biologico idealmente entro sei mesi dalla diagnosi, secondo il trattamento recentemente adottato dall'American College of Rheumatology linee guida sviluppate in collaborazione con NPF).

I reumatologi hanno spostato la discussione sulla prevenzione della psoriasi. (Questo è anche al centro delle prossime borse di ricerca NPF.)

15. Sessione di approfondimento su lacune cliniche e scientifiche nelle conoscenze e su come affrontare. Non è ancora chiaro se la psoriasi sia una malattia o una gamma di malattie multiple Esistono sottoinsiemi clinici di psoriasi. Ciò riflette l'eterogeneità clinica della malattia psoriasica e l'eterogeneità delle risposte al trattamento.

Ciò rappresenta un'opportunità per prevenire l'insorgenza della psoriasi, ma cosa dovrebbe essere studiato? Esistono biomarcatori nella pelle, nelle ossa o nelle articolazioni? I biomarcatori cutanei sono presenti nelle lesioni o sotto la pelle? Quando ci si concentra sull'immunologia, qual è l'impatto dei TRM? Che dire di malattie sovrapposte come la spondilite anchilosante (colonna vertebrale), il morbo di Crohn o il diabete? Ci sono percorsi comuni? Quali sono i modelli per il trattamento? Qual è l'onere della malattia? Non esiste uno studio statunitense sulla prevalenza della psoriasi. Ciò può essere importante per lo sviluppo di farmaci.

Come affrontare le lacune? Ognuno dei seguenti sarà rilevante: NIH, NPF, pazienti e clinici, partnership con l'industria farmaceutica. È necessario sviluppare nel tempo gruppi di studio, storie di vita reale. Dobbiamo collaborare alla raccolta dei dati e armonizzare e standardizzare la raccolta dei dati.

16. Breakout session su curare i gruppi di lavoro e curare la road map organizzativa. I dermatologi stanno aprendo la strada all'immunologia e agli studi clinici. È stata dimostrata la necessità di studi longitudinali (a lungo termine) su pazienti affetti da psoriasi e psa. Campioni di sangue e campioni di microbioma devono essere raccolti e analizzati. Dobbiamo studiare l'idea di prevenzione delle malattie per la psoriasi e di inibire lo sviluppo della PsA. Abbiamo bisogno di una migliore comprensione dell'eterogeneità della psoriasi e della psa.

In termini di cura, dobbiamo continuare ad esplorare le terapie combinate, l'eliminazione dei TRM (poiché la loro soppressione non è una cura). Ciò può richiedere un modo trasformativo di guardare allo stato della malattia.

Ciò richiederà finanziamenti significativi. NPF può fornire la scintilla e può galvanizzare le risorse. NPF utilizzerà sovvenzioni multi-istituzionali per favorire una maggiore cooperazione, collaborazione e condivisione dei dati. NPF e la comunità di ricerca chiederanno ulteriori finanziamenti da NIH e altre fonti di finanziamento.

Aiutaci a raggiungere i nostri traguardi di ricerca

Supportare ricerche promettenti che aprono la strada a migliori trattamenti, una migliore qualità della vita e una cura.

Foto: Rick Seiden (a destra) al Simposio sulla cura.

Psorilax:recensioni |crema psoriasi ungueale

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, come si usa

Potresti averlo o sentito parlare di qualcun altro che ce l'ha. Sì, è la psoriasi e 7,5 milioni di persone negli Stati Uniti soffrono di questa malattia dolorosa. Alcuni di voi l'hanno accettato e vivono con esso. La psoriasi si è diffusa abbastanza per alcuni di voi, che vi rende coscienti e che l'autocoscienza sta influenzando la vostra autostima e, in alcuni casi, vi allontana da tutto, creando stress nella vostra vita e prendendo un pedaggio sul sistema immunitario . La psoriasi è una malattia autoimmune e un sistema immunitario in declino peggiorerà la psoriasi. Per coloro che sono steroidi per un lungo periodo di tempo, quando smetti di lavorare e interrompi gli steroidi, finisci con la sindrome da astinenza da steroidi e rendi la tua vita miserabile.

Anche se ci sono così tante scoperte e farmaci disponibili ora, non esiste un'unica cura completa disponibile a causa della complessa natura della psoriasi. Puoi consultare il tuo medico e ottenere la prescrizione della psoriasi, ma se puoi integrare alcune terapie alternative, può aiutare ad alleviare un po 'della gravità. La maggior parte delle persone affette da psoriasi di solito graffia l'area a causa della secchezza e del prurito, facendo sanguinare l'area.

Trent'anni fa, Brian Jegasothy MD, formalmente presidente del Dipartimento di Dermatologia dell'Università di Pittsburg, negli Stati Uniti e io, aveva sviluppato la Crema di guarigione e ripristino di Hylunia e la Crema di ricostruzione ricostruttiva di Hymed per la pelle di psoriasi ed eczema usando le proprietà idratanti e curative dell'acido ialuronico. L'acido ialuronico è un componente importante della pelle, dove è coinvolto nella riparazione dei tessuti. La pelle fornisce una barriera meccanica all'ambiente esterno e agisce per prevenire l'ingresso di agenti infettivi. Una volta feriti, i tessuti sottostanti sono esposti alle infezioni; pertanto, una guarigione rapida ed efficace è di fondamentale importanza per ricostruire una funzione barriera. Sebbene si trovi naturalmente in tutto il nostro corpo, l'acido ialuronico – purtroppo – ha una breve durata di conservazione ed è naturalmente scomposto e scaricato dal corpo in uno o tre giorni. Per questo motivo, è indispensabile che il corpo si reintegri continuamente con acido ialuronico. L'applicazione quotidiana di Hylunia's Healing and Restoring Cream and Hymed's Reconstructive Crème quante volte sono necessarie aiuta a idratare e guarire la pelle e minimizza il prurito.

Secondo Brian Jegasothy, “L'acido ialuronico è probabilmente l'umettante topico più efficace attualmente disponibile – più efficace nelle sue proprietà di ritenzione idrica rispetto alla glicerina, sorbitolo, collagene ecc. Inoltre, la sua capacità di associarsi ai lipidi nelle membrane superficiali della pelle ne migliora notevolmente la capacità fornire la sua acqua trattenuta e arricchire la sua proprietà riducendo la perdita di acqua transepidermica ”. Negli ultimi 30 anni, la crema curativa e riparatrice di Hylunia e la crema ricostruttiva di Hymed hanno così tanto sollievo idratando, riparando e minimizzando il prurito dovuto alla psoriasi e all'eczema. Inoltre, dalla nostra esperienza nella cura postoperatoria e laser, abbiamo scoperto che l'applicazione di uno strato di siero di acido ialuronico puro prima di applicare la crema curativa e rigenerante o la crema ricostruttiva di Hymed aiuta a superidratare e fornisce l'ossigeno disciolto nell'acqua dell'acido ialuronico per riparazione continua della pelle della psoriasi. Il siero ialuronico puro è disponibile nell'idratante ialuronico di Hylunia o nell'acido ialuronico puro di Hymed.

La crema curativa e restitutiva di Hylunia e la crema ricostruttiva di Hymed hanno dato così tanto sollievo a così tanti clienti indifesi, che l'anno scorso la società ha formulato l'esclusiva crema ricostruttiva Hymed del medico in particolare per i pazienti affetti da psoriasi ed eczema e la renderà disponibile al pubblico. La nuova formulazione contiene calendula, beta-glucano di avena e curcuma oltre all'acido ialuronico. Di seguito sono riportate le informazioni sui benefici di calendula, beta-glucano e curcuma.

CONSERVANTI, FRAGRANZE E INGREDIENTI INFIAMMATORI

Qualsiasi prodotto per la cura della pelle usato per la psoriasi dovrebbe essere privo di sostanze irritanti come profumi e conservanti. Gli studi hanno dimostrato che fragranze e conservanti contribuiscono a oltre il 50% dell'irritazione della pelle e l'irritazione continua della pelle della psoriasi ferita può causare danni irreversibili. Hylunia e Hymed non usano conservanti e profumi artificiali ma usano una combinazione di non conservanti, minimizzando così l'irritazione e l'infiammazione. Pertanto, anche il detergente o il detergente per il corpo che usi dovrebbero essere privi di conservanti.

Hylunia ha un detergente per il corpo non profumato e privo di conservanti e Hymed ha un detergente delicato per la pulizia della pelle della psoriasi.

STRESS E SISTEMA IMMUNITARIO

Come tutti sappiamo, la psoriasi è una malattia autoimmune e il sistema immunitario si indebolisce a causa dello stress creato dalla tua autocoscienza, di come ti senti su di te e della peggiore risposta mentale dello scenario. Esistono terapie alternative per ridurre lo stress e riaffermare la mente per minimizzare lo stress. Ho detto a tutti quelli con cui lavoro che la chiave per ridurre lo stress sta nel “come guardi le cose”. Abbiamo un massaggio antistress e una meditazione guidata presso la Hylunia Wellness MD Spa di Orange County, in California, per aiutare le persone con psoriasi.

ABITUDINI ALIMENTARI

Anche se credo che tutti dovrebbero mangiare ciò che vivono, è consigliabile minimizzare il consumo di carne rossa e bianca ricca di ormoni e nutrita di antibiotici. Mangia tutto con moderazione e non ti chiedo di interrompere completamente tutto. Puoi ridurre la tua carne rossa e mangiare carne nutrita con erba, pollo ruspante, pesce e uova. Mangia e bevi biologico e includi insalate e verdure nei tuoi pasti. Il tuo corpo produce tossine e deve essere disintossicato. Bere latte dorato e includere la curcuma in tutti i tuoi alimenti e frullati può ridurre al minimo l'infiammazione a causa di stress e tossine nel tuo corpo. Inoltre, inclusi lo zenzero, l'aglio, il finocchio e il coriandolo durante la cottura possono aiutare a ridurre al minimo l'infiammazione.

La pelle della psoriasi necessita di una guarigione costante e la vitamina A è importante nella guarigione. Incluse le carotine nell'insalata e come spuntino e carote in cucina o bevendo succo di carota sono un'ottima fonte di vitamina A per curare la psoriasi. Inoltre, è bene assumere vitamina C 500 mg, 3 volte al giorno poiché fa bene al sistema immunitario e favorisce la sintesi del collagene.

Le fibre alimentari, sia le fibre solubili (come la farina d'avena) che le fibre insolubili sono importanti per il movimento intestinale, altrimenti la costipazione produce tossine che ostacolano la guarigione della pelle della psoriasi.

L'assunzione di psillio, semi di lino e semi di chia con succhi, frullati e tè può aiutare a rendere più fluidi i movimenti intestinali.

Se ti piacciono le alghe, mangia Spirulina per disintossicare il tuo corpo.

DISINTOSSICAZIONE.

L'ultima ma non meno importante sono le tossine prodotte nel tuo corpo. Le tossine sono prodotte nel tuo corpo come sottoprodotto del metabolismo e dai farmaci. Inoltre, le tossine si accumulano nel corpo al di fuori delle cellule, nel sangue, nella linfa, nell'intestino e nel fegato. La risposta del sistema immunitario è ridotta con tossine sopra il normale nel corpo. La disintossicazione del corpo è importante per coloro che soffrono di psoriasi, in particolare quelli che assumono steroidi e altri farmaci, nonché che usano lozioni e creme topiche. La disintossicazione tradizionale dalle erbe e dagli alimenti non rimuoverà completamente le tossine da tutte le cellule del corpo.

Hylunia ha sviluppato un sistema di disintossicazione ionico-cellulare completo e completo in grado di rimuovere completamente la maggior parte delle tossine testate negli ultimi 15 anni. Hylunia Wellness MD Spa offre servizi di disintossicazione e un programma di 21 giorni “Beyond Panchakarma” (5 passaggi di pulizia e ringiovanimento) per coloro che soffrono di psoriasi grave e altri allineamenti.

Informazioni sugli ingredienti.

Acido ialuronico (Hylunia e Hymed è un'azienda vegana e l'acido ialuronico utilizzato è derivato da fonti vegetali).

Studi clinici hanno dimostrato (Rif; 1 e 2) che le ferite irradiate guariscono più rapidamente con l'acido ialuronico. Trattenendo 1000 volte il suo peso in acqua, l'acido ialuronico lega efficacemente l'acqua alle cellule ed è responsabile dell'elasticità e della resistenza della pelle. Secondo il dott. Brian Jegasothy, MD, ex presidente del Dipartimento di Dermatologia dell'Università di Pittsburgh: “L'acido ialuronico è probabilmente gli umettanti topici più efficaci attualmente disponibili: più efficaci nelle sue proprietà di ritenzione idrica rispetto alla glicerina, sorbitolo, collagene ecc. Inoltre, la sua capacità di associarsi ai lipidi nelle membrane superficiali della pelle ne migliora notevolmente la capacità di erogare l'acqua trattenuta e ne arricchisce le proprietà riducendo la perdita di acqua transepidermica ”.

Dal 1988, Hylunia– Hymed ha lavorato sulle proprietà curative dell'acido ialuronico e ha basato l'intera linea di prodotti per la cura della pelle attorno alle comprovate proprietà curative e idratanti dell'acido ialuronico.

Rif. 1: Guarigione delle ferite arricchite con acido ialuronico: osservazione istologica.

G.Abatangelo; M. Martelli e P. Vecchia; Università di Padova, Italia

Rif. 2: Studio clinico randomizzato in doppio cieco che confronta la crema con acido ialuronico con il placebo in pazienti trattati con radioterapia

Radiother Oncol 1997 febbraio; 42 (2): 155061 (ISSN: 0167-8140). Liguori V; Guillemin C; Pesce GF; Mirimanoff R O; Bernier J. Dipartimento di Radio-Oncologia, Ospedale San Giovanni, Bellinzona, Svizzera.

calendola

La calendula, nota anche come calendula, viene utilizzata in Europa per secoli come rimedio erboristico noto per le sue proprietà antibatteriche e antinfiammatorie. L'estratto di calendula è ricco di beta-carotene, stearina, triterpenoidi, flavonoidi e cumarina, nonché di microelementi. Per questo motivo, Calendula è nota per le sue potenti proprietà cicatrizzanti e lenitive. Di solito è usato esternamente per le sue proprietà antisettiche e curative nel trattamento di infezioni della pelle, tagli, forature, graffi, ustioni e pelle screpolata o irritata. Meno comunemente, viene utilizzato internamente per curare le mucose infiammate e infette.

Beta Glucan

Il beta-glucano estratto da avena e altre fonti può comunicare con il sistema immunitario e può stimolare i macrofagi che ingeriscono e distruggono i patogeni. I macrofagi rilascia citochine che comunicano con altre cellule immunitarie. Inoltre, il beta glucano stimola i globuli bianchi a virus e tumori e rilascia sostanze chimiche per distruggerli. Il beta-glucano agisce anti-infiammatorio e anti-ossidante. Studi dell'Università di Alberta (Canada) hanno dimostrato che il beta-glucano può aiutare nella guarigione delle ferite e nella riduzione della paura.

Burro Di Karitè

Il burro di karitè è un emolliente naturale color avorio estratto dalla noce dell'albero di karité africano frantumando, bollendo e mescolando. È ampiamente usato nella cura della pelle come idratante.

I guaritori e le bellezze africane conoscono il burro di karité da migliaia di anni: la sostanza è quasi magica nei suoi effetti curativi su ustioni, condizioni della pelle, pelle ulcerata, smagliature e secchezza. Contiene un emolliente vegetale benefico che favorisce la rigenerazione e la circolazione delle cellule, rendendolo un meraviglioso guaritore e ringiovanente per la pelle problematica o invecchiata. Contiene anche protezioni solari naturali.

Il burro di karité viene talvolta chiamato “l'oro delle donne” perché l'estrazione del burro dalle noci dà lavoro e reddito a centinaia di migliaia di donne dei villaggi africani rurali. Hylunia- Hymed è una società del commercio equo e solidale e importa burro di karité dal Ghana.

Curcuma

La curcuma è una pianta erbacea perenne originaria dell'Asia meridionale ed è stata utilizzata in quella parte del mondo per migliaia di anni. La pasta di curcuma viene tradizionalmente utilizzata dalle donne nell'Asia meridionale come antimicrobico e anti-invecchiamento. La curcuma figura anche in modo prominente nelle cerimonie di abbellimento nuziale del subcontinente indiano. È anche usato nella formulazione di alcuni filtri solari.

I benefici della curcuma per la pelle

La curcuma è ben nota per le sue proprietà anti-invecchiamento, anti-infiammatorie, anti-ossidanti e antibatteriche ed è attualmente allo studio nella ricerca sul cancro. Questo bioprotettore neutralizza i radicali liberi e i danni delle radiazioni ultraviolette (UV). Il trattamento delicato della curcuma rimuove il tipico colore giallo, in modo che un'alta percentuale di curcuma possa essere incorporata nei nostri prodotti senza macchiare la pelle o comprometterne l'efficacia.

Sistema di conservazione di Hymed

La Crema ricostruttiva viene conservata con una combinazione di etilesilglicerina, glicole caprilico, estratto di Neem ed estratti di agrumi biologici.

Uno studio quinquennale sulle reazioni cosmetiche.

Adams RM, Maibach HI.

Durante 64 mesi (1977-1983), dodici dermatologi di varie sezioni degli Stati Uniti hanno studiato un totale di 713 pazienti con dermatite cosmetica su un totale stimato di 13.216 pazienti con dermatite da contatto. Il numero di pazienti osservati per tutte le cause durante questo periodo era 281.100. Una scoperta importante è stata che metà dei pazienti o dei medici non erano a conoscenza del fatto che un cosmetico fosse responsabile della loro dermatite. I prodotti per la cura della pelle, i preparati per capelli (compresi i colori) e il trucco per il viso sono stati responsabili della maggior parte delle reazioni. L'obiettivo più importante era l'identificazione dei principi causali. L'ottantasette percento dei soggetti ha avuto patch test. Fragranza, conservanti (quaternium-15, formaldeide, imidazolidinil urea e parabeni), p-fenilendiammina e gliceril monotioglicolato erano i sensibilizzatori allergici più frequentemente identificati, in questo ordine. Oltre ai dati clinici, lo studio ha consentito la valutazione della frequenza delle reazioni cosmetiche, sebbene i dati potrebbero non essere del tutto rappresentativi del paese in generale a causa degli interessi speciali dei dermatologi coinvolti.

PMID: 4078100 (PubMed – indicizzato per MEDLINE)

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/4078100

Psorilax:Guida |clobesol crema psoriasi prezzo

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, originale

CUPERTINO Mar 7, 2020 (Thomson StreetEvents) — Edited Transcript of DURECT Corp earnings conference call or presentation Tuesday, March 3, 2020 at 9:30:00pm GMT

* James E. Brown

* Michael H. Arenberg

H.C. Wainwright & Co, LLC, Research Division – MD of Equity Research & Senior Healthcare Analyst

B. Riley FBR, Inc., Research Division – Research Analyst

Greetings, and welcome to the DURECT Corporation Fourth Quarter and Fiscal Year-End 2019 Earnings Conference call. (Operator Instructions) As a reminder, this conference is being recorded.

It is now my pleasure to introduce your host, Mike Arenberg, Chief Financial Officer. Thank you. You may begin.

Michael H. Arenberg, DURECT Corporation – CFO (2)

Good afternoon, and welcome to our fourth quarter 2019 earnings conference call. This is Mike Arenberg, Chief Financial Officer of DURECT Corporation. I will provide a brief review of our financial results; and then Jim Brown, our President and CEO, will provide an update on our programs. We will then open up the call for a question-and-answer session.

Before beginning, I would like to remind you of our safe harbor statement. During the course of this call, we may make forward-looking statements regarding DURECT’s products and development, expected product benefits, our development plans, future clinical trials or projected financial results. These forward-looking statements involve risks and uncertainties that can cause actual results to differ materially from those in such forward-looking statements. Further information regarding these and other risks can be found in our SEC filings, including our 10-K and 10-Qs under the heading Risk Factors.

Let me now turn to our financials. Total revenue in Q4 2019 was $10.7 million compared to $3.6 million in Q4 2018. Q4 2019 included $6.1 million recognized from deferred revenue associated with the Gilead license agreement. Adjusting for this, total revenue was $4.6 million in Q4 2019 versus $3.6 million in Q4 2018. Excluding the recognition of deferred revenue, collaborative revenue for Q4 2019 was up about $350,000 or 45% compared to Q4 2018. Product revenue, largely from the sale of ALZET pumps and LACTEL Polymers, was $3.4 million in Q4 2019 as compared to $2.9 million in Q4 2018. This 20% increase was driven by LACTEL Polymer sales. For the year as a whole, the product revenues from ALZET and LACTEL were $11.4 million as compared to $10.4 million in 2018. The gross margin for the combined product lines was 59% in Q4 2019. These product lines continue to be strongly cash flow positive.

R&D expense was $9.5 million in Q4 2019 as compared to $5.9 million in Q4 2018, primarily due to higher clinical trial expenses for DUR-928 as well as higher costs associated with POSIMIR to prepare for the advisory committee meeting. SG&A expenses were $3.8 million in Q4 2019 as compared to $3.5 million in Q4 2018. Our underlying burn rate during this quarter was $5.3 million, although it should be recognized that this benefited from $1.7 million in proceeds from option exercises. At December 31, 2019, we had cash and investments of $64.8 million compared to $34.5 million at December 31, 2018.

With that, thanks again for joining our call, and I will now turn the call over to Jim for an update on certain of our programs.

——————————————————————————–

James E. Brown, DURECT Corporation – Co-Founder, CEO, President & Director (3)

——————————————————————————–

Thank you, Mike, and hello, everyone. The fourth quarter of 2019 was a strong one for DURECT and capped off a very good year for the company. The following are highlights from the fourth quarter. Based on the impressive data from DUR-928 Phase IIa alcoholic hepatitis, or AH trial, the American Association for the Study of Liver Disease or AASLD, granted an oral late-breaking slot to present the trial results at their annual conference known commonly as the Liver Meeting. Dr. Tarek Hassanein, who is one of our principal investigators, presented the trial results, including impressive data on important endpoints like bilirubin, Lille and MELD scores. A large audience attended the presentation and the data were well received.

These study results were also honored with the inclusion in the Best of The Liver Meeting summary slide deck in the alcohol-related liver disease category. In addition, Dr. Craig McClain from the University of Louisville, presented a poster at the Liver Meeting showing the — that severe AH patients treated with DUR-928 in our study had significantly better outcomes as compared to similarly severe AH patients treated with corticosteroids in a contemporaneous study.

We also made good progress with enrollment in the 28-day NASH study in the fourth quarter, so much so that today, we announced that we have achieved the goal of the study by enrolling 60 patients. In fact, we will end up with more than 60 patients with the last patient scheduled to be dosed next week.

We also announced data from the psoriasis trial. And although the active did not outperform the placebo group. Interestingly, both groups showed significant improvement over baseline.

With regard to POSIMIR, based on our interactions with the FDA since our advisory committee meeting in January, we believe the FDA is actively conducting their review of our pending application.

And one last point, we ended the year with $64.8 million in cash, which is almost twice the cash with which we started the year.

All that being said, our primary focus remains on our epigenetic regulator program and the lead compound, DUR-928. DUR-928 is a naturally occurring first-in-class small molecule that plays an important regulatory role in the vital functions of lipid homeostasis, inflammation, cell survival and tissue regeneration. It may have broad applicability in acute organ injuries, such as alcoholic hepatitis and in chronic liver diseases such as NASH.

We are currently developing DUR-928 for alcoholic hepatitis by injection and for nonalcoholic steatohepatitis or NASH by oral dosing.

I’ll begin with an update on our alcoholic hepatitis program. AH represents a significant unmet medical need with no approved therapies. AH is an acute form of alcoholic liver disease or ALD, that’s associated with long-term heavy intake of alcohol and often occurs after a recent period of increased alcohol consumption. AH is typically characterized by a recent offset of jaundice and liver failure. And analysis of 77 studies published between 1971 and 2016, which included data from more than 8,000 patients, show that on average, the 1-month mortality from AH was 26%.

According to the most recent data provided by the Agency for Healthcare Research and Quality, or AHRQ, a part of the U.S. Department of Health and Human Services, there were over 117,000 hospitalizations for patients with AH in 2016. And a recent publication analyzing the mortality and costs associated with alcoholic hepatitis, estimated that the cost per patient was over $50,000 in the first year, and ALD is also one of the leading causes of liver transplants in the United States, which cost in excess of $800,000.

Last year, we completed a 19-patient Phase IIa open-label dose escalation clinical study evaluating the safety and pharmacokinetics of 30, 90 and 150-milligram doses of DUR-928 in patients with moderate and severe AH. This study used MELD to determine the AH severity in a multi-study — excuse me, a multi-center study conducted in the United States. In this trial, patients with moderate and severe AH were treated with 1 or 2 doses of intravenously administered DUR-928.

Study objectives included assessment of safety, pharmacokinetics and pharmacodynamic signals, including liver chemistry, biomarkers and prognostic scores, such as Lille and MELD. The trial results were presented at a late-breaker — as a late-breaker in a podium presentation. Dr. Hassanein, one of the trial’s principal investigator presented the results.

In a separate poster presentation, Dr. McClain presented additional comparative data from the Phase IIa clinical trial of DUR-928 with a control group of severe AH patients treated with corticosteroids in a contemporary AH study conducted at the University of Louisville. This poster showed that Lille scores from this 8 severe AH patients treated with 30 and 90 milligrams of 928 were significantly lower than those from the 13 severe patients treated with corticosteroids.

Additionally, the DUR-928 AH results were selected for inclusion in the Best of The Liver Meeting 2019 summary slide deck, in the alcohol-related liver disease category. Inclusion in this slide deck is considered to be a singular honor and indicates the high level with which the American Association for the Study of Liver Diseases Review Committee regarded this research. All 19 patients treated with 928 in this trial, survived the 28-day follow-up period, and there were no drug-related serious adverse events. Patients treated with DUR-928 had a statistically significant reduction from baseline in bilirubin at Day 7 and 28 and a model of end-stage liver disease or MELD score at Day 28. Lille scores are used in clinical practice to help determine the responses and prognosis of AH patients after 7 days of treatment. The lower the Lille score, the better the prognosis or probability of survival for an AH patient. Patients with a Lille score below 0.45, have a 6-month survival rate of 85% as compared those with Lille scores above 0.45, who have a 6-month survival rate of only 25%.

When compared with historical control group consisting of 15 AH patients with similar severity of AH at the beginning of the study, from a contemporaneous University of Louisville AH trial, the DUR-928 treated patients had statistically significantly lower Lille scores. In 928 study, the mean Lille score for the 18 AH patients treated with 928 who returned for their 7-day visits was 0.10. These companies — excuse me, this compares to a median Lille score of 0.41 for the patients in the Louisville study.

Additionally, 89% of the 928-treated patients had a Lille score below 0.45 as compared to 53% of the Louisville patients. In addition to having statistically significant lower Lille scores than those from the well matched control group of patients from the contemporaneous Louisville study, the 928-treated patients also had statistically significant lower Lille scores as to compare to historically published control groups.

74% of all 928-treated patients and 67% of those with severe AH were discharged from the hospital within 4 days after receiving a single dose of 928. The patient population typically remains in the hospital, this type of patient population for an extended period of time. 928 was well tolerated in all patients at all doses treated and were now seriously related adverse events associated with any dose level. After being discharged on Day 2, 1 patient did not return for the scheduled Day 7 or Day 28 follow-up visits. Therefore, the Lille bilirubin and MELD data I just reported are based on 18 patients.

As stated earlier, all 19 patients treated with 928, including the one that did not return for the follow-up visits, survived the 28-day follow-up period. By contrast, 2 of the 15 patients from the Louisville historical control group died in the first month.

We are working with the FDA and our advisers to finalize the Phase IIb protocol. This Phase IIb trial will be a multi-center international randomized, double-blind, placebo-controlled study in severe AH patients. We are planning to initiate the trial in the middle of this year. And based on our current working assumptions related to trial design, number of clinical sites and enrollment rates, we anticipate top line data from this trial in 2022.

The next program I’ll update is the 928 NASH program. Today, we announced that we had exceeded our 60-patient enrollment target for this multi-center U.S. NASH trial, with the final patient scheduled to be dosed next week. The trial is a Phase Ib randomized open-label clinical study evaluating the safety pharmacokinetics and biological activity of 928 in NASH patients with stage 1 to 3 fibrosis.

In this study, we’re evaluating 928 doses of 50 milligrams and 150 milligrams once a day and 300-milligram twice a day. Patients in the trial, take 928 orally for 28 consecutive days and are followed afterwards for 28 days. We’ve already enrolled approximately 20 patients per dose group, and we’ll end up with a few more than 60 patients after the final patients initiate their dosing next week.

Key endpoints for this study includes safety and pharmacokinetics, clinical chemistry and biomarkers as well as liver fat and stiffness by imaging. We remain on schedule to have all patients complete their dosing and follow-up visits in the first half of 2020 and expect to announce top line data in the middle of this year.

Nonalcoholic fatty liver disease or NAFLD is one of the most common forms of liver disease in both children and adults. It’s estimated that NAFLD affects about 30% to 40% of adults and about 10% of children in the United States. NASH, a more severe and progressive form of NAFLD, is one of the most common chronic liver diseases worldwide, with an estimated prevalence of 3% to 5% globally. No drug is currently approved for NAFLD or for NASH.

And now to our 928 psoriasis program. In January 2020, we announced the results from the Phase IIa clinical trial in patients with mild to moderate plaque psoriasis. 22 patients completed the study, applying 928 topically to the plaque on one arm and the vehicle to a similar plaque in the other arm for 28 days. DUR-928 did not demonstrate a benefit over vehicle based on the Investigator’s Global Assessment, or IGA, which was the scoring system for the primary analysis or at in any of the secondary analyses. However, at the end of the 4-week application period, patients in both the 928 and vehicle treatment group experienced significant improvement over baseline in both IGA and Local Psoriasis Severity Index, or LPSI scores. The improvement was observed as soon as 1 week after dosing. In fact, 90% of the patients in both groups had at least a 1-point reduction in LPSI score after the 4-week daily application period.

Daily topical application of 928 was well tolerated with no meaningful differences in adverse events between the treatment and the vehicle groups. Based on the top line data, we do not plan to continue development of topical 928 in psoriasis at this time. And will focus our near-term development activities on AH and NASH.

Now to our legacy drug delivery business, beginning with POSIMIR. POSIMIR is an investigational postoperative pain relief depot product that utilizes our patented SABER technology. It is designed to be administered directly into the surgical site, to deliver bupivacaine for up to 3 days after surgery. A comprehensive review of the POSIMIR program in light of the issues raised by the FDA in our communications with them, including the Complete Response Letter, was prepared and submitted as a response to the Complete Response Letter. The FDA initially assigned a user goal fee date of December 27 last year, but then scheduled an advisory meeting for January 16 of this year. And a new user fee goal date has not been assigned.

In a split vote, 6 advisory committee members voted to recommend that the efficacy, safety and overall risk-benefit of profile of POSIMIR support approval, while 6 did not support approval based on the information presented. Although the FDA considers a recommendation of the advisory committee when they make a decision, the recommendation of the panel is not binding.

The effort to evaluate the program, develop the strategy for filing the response and prepare the response has been under the direction of Dr. Lee Simon, who was formerly the FDA’s Division Director of the Analgesic, Anti-inflammatory and Ophthalmologic Drug Products. Dr. Simon also led our preparation efforts for the advisory committee meeting. Subsequent to the advisory committee meeting, we continue to interact with the FDA as they continue their review.

As a reminder, in 2 adequate and well-controlled clinical trials conducted in patients undergoing inguinal hernia repair and subacromial decompression or shoulder surgery, POSIMIR demonstrated a significant decrease in pain and opioids consumed over the 0- to 72-hour period following surgery as compared to placebo. We believe these trials support the safety and efficacy of POSIMIR in the postoperative pain and meet the requirements to be considered pivotal clinical trials. In all, the company has completed 16 clinical trials in the POSIMIR program involving over 1,400 patients with over 850 of who receive POSIMIR and the remainder are control groups.

Insufficient postoperative pain control remains a significant problem with studies indicating that approximately 65% of patients experience moderate to severe pain after surgery. New non-opioid pain products are much needed in the postoperative pain setting, and we believe that POSIMIR could be an important contributor, if approved. If approved, we would plan to license POSIMIR to a partner with excellent commercial capabilities. Given the potential value of POSIMIR, we believe the deal could garner significant economic terms.

Now to the Gilead deal. In July, we signed a license agreement with Gilead to develop and commercialize a long-acting injectable HIV investigational product, utilizing our SABER technology. We’ve received $35 million in upfront, milestone, with fees plus R&D funding since signing the deal. The product is currently being reformulated and will undergo additional preclinical development work.

The final product I’ll update on today is PERSERIS. Under our agreement with Indivior, we receive quarterly earnout payments based on a single-digit percentage of U.S. net sales for PERSERIS, a long-acting injectable antipsychotic. The product was launched at the end of February in 2019 by Indivior and has been — they’ve given guidance for this year of between $15 million to $25 million in sales. As it’s still early in the launch, we’ve received modest earnout payments so far.

In summary, data from the DUR-928 AH Phase IIa trial is compelling. And compared to historical data suggests that the drug may be life-saving for patients who have no good therapeutic options in a condition with a high mortality rate. The AASLD granted us an oral late-breaking slot to present the trial results at their annual conference known as The Liver Meeting. Dr. Hassanein, who is one of the principal investigators, presented the trial results including impressive data on important endpoints like bilirubin, Lille and MELD scores. The study results were also honored with the inclusion into the Best of The Liver Meeting summary slide deck in the alcohol-related liver disease category.

In addition, Dr. McClain from the University of Louisville, presented a poster at the liver meeting showing the severe AH patients treated with 928 in our study had significantly better outcomes as compared to similarly severe AH patients treated with corticosteroids in a contemporaneous study. We believe that DUR-928 has the potential to be lifesaving in AH patients, and we plan to start a Phase IIb placebo-controlled AH trial in the middle of this year. We announced today that we have already exceeded the 60-patient enrollment goal in our DUR-928 28-day NASH trial and remain on track to report data in the middle of this year.

Post the advisory committee meeting, we continue to interact with the FDA as they continue their review of POSIMIR. We look forward to potential approval of POSIMIR and a potential commercial partnership. Most of all, we’re looking forward to a DUR 928 may be able to do to help patients with devastating conditions, such as alcoholic hepatitis.

With that, we’d now like to take any questions that you may have.

================================================================================

Questions and Answers

——————————————————————————–

Operator (1)

——————————————————————————–

(Operator Instructions) Our first question comes from Ellie Merle of Cantor Fitzgerald.

——————————————————————————–

Eliana Rachel Merle, Cantor Fitzgerald & Co., Research Division – Research Analyst (2)

——————————————————————————–

Congrats on all the progress. Just in terms of this NASH study, can you talk a little bit more about what you’re hoping to see, particularly after the 1-month time point? Are there particular biomarkers that you’re most focused on as being predictive of activity? And then since you added the higher dose level versus the last Phase I fee, what’s your expectation for the dose relationship that you’ll see? And do you expect to see greater activity at the 300 mg BID dose?

——————————————————————————–

WeiQi Lin, DURECT Corporation – EVP of Research & Development and Principal Scientist (3)

——————————————————————————–

Sure. This is WeiQi Lin. I’ll answer the question from Elaine. So I think that for this NASH study, we will certainly look at all the clinical chemistry data as well as biomarkers. Remember that we did a Phase Ib single-dose trials in Australia, in several years earlier was in those patients, including cirrhotic patients. We saw some significant reductions following the single dose of bilirubin and also CK-18, both cleaved CK and a full-length CK-18 as well as a couple of inflammatory markers were down at 12 to 24 hours. So for this repeated dosing because it’s a daily oral dosing for 28 days, we’ll see what other markers are maybe CK-18s or other inflammatory markers, similarly, will be affected following repeating dosing. Of course, these patients are F1 to F3, they are not including as full patients as we get in the single dose. However, all the clinical chemistry and other — including ALT, AST and then bilirubin and biomarkers including CK-18, inflammatory markers like interleukins as well as the imaging data to look at the liver fat and its stiffness. So well, basically, it’s like casting the net, we’ll see how much we’ll influence — what kind of biological signals we are going to achieve following repeat daily dosing, even though it’s only 1 month. Then the study results can help us to design the next phase NASH trial.

With regard to the dose response, we don’t know. We’ll have to see. We did cast out a very wide dose range from 50 to 600 milligrams per day. So this wider range, following daily administration of the drug, we’ll have to see what markers are primarily moved by what those levels. So in other words, the daily dosing may be or may be not acting the same way as the single dose. That wouldn’t give us clue that what our next dose we all know for the NASH, it’s a long-term administration of the drug. So it’s not like an age trial with a single or 2 doses at most. So that after repeating dosing, what kind of markets were moved, and then what do we need a lower dose or do we need a higher dose in terms of for the NASH patient population. I hope that helps.

——————————————————————————–

James E. Brown, DURECT Corporation – Co-Founder, CEO, President & Director (4)

——————————————————————————–

Yes. I think that’s important to note. We did cast the net very wide, as WeiQi said, there’s a tenfold difference between the low and the high. And the concept behind that was to get a sense of where we’re going to go because we don’t know what dose to go forward with. So we’re going to be circling the lower end and exploring around there or the higher end, or did we find the bracket. And is there something in between. So that’s where we’re going to go.

——————————————————————————–

Operator (5)

——————————————————————————–

Our next question comes from Mayank Mamtani of FBR.

——————————————————————————–

Mayank Mamtani, B. Riley FBR, Inc., Research Division – Research Analyst (6)

——————————————————————————–

Very impressive data on AH indeed. Very quickly, can you dig a little deep based on your dialogue with the agency on some of these working assumptions. The time line seems a little — I was thinking more of 2021, but it seems like 2022. And like, could you maybe talk to the longer-term survival endpoint also, like what was your thinking there? Is it a 3 months versus 6 months? And what you’re hearing from KOLs around that?

——————————————————————————–

James E. Brown, DURECT Corporation – Co-Founder, CEO, President & Director (7)

——————————————————————————–

Yes. Yes, we’re working with KOLs, with a lot of them, actually, as you can imagine. But we had a team that was at the — there was a meeting that’s been — that had 2 of these meetings now. And the last one was in October of last year, and it was a meeting of the European and American Associations for the Study of Liver Disease. So it was AASLD, and it was EASL from Europe and the FDA. And these 3 groups got together, particularly around alcoholic liver disease, in general, and focusing a lot on alcoholic hepatitis because it’s such a horrific problem. There’s really no good answer out there. And so a lot of time was spent talking about endpoints and the like. And so coming away from that meeting, we believe the duration that we will be pursuing, in fact, the duration we’ve suggested in the trial, we’ll see what the feedback is at the end of it all, but it looks to be a 90-day follow-up for 90-day mortality. And we’ll be looking at Lille as well on prognostics side and then, obviously, all the other indicators in between, but that’s the thought. First, how long does it take to do the study. We’re basing our estimates now on what we can glean from what’s been done before. And there’s really not been a successful trial yet. It’s a trial done by Gilead, where they enrolled 100 patients. In 18 months, they follow them for 6 months, and they used, I think, more than 40 centers, something like that?

——————————————————————————–

WeiQi Lin, DURECT Corporation – EVP of Research & Development and Principal Scientist (8)

——————————————————————————–

50.

——————————————————————————–

James E. Brown, DURECT Corporation – Co-Founder, CEO, President & Director (9)

——————————————————————————–

50 centers. Yes. So we’re going to have a lot of centers. We’ll have centers in the U.S. and in the EU. Certainly, if we can conduct a trial more rapidly, we’ll and we do everything we can, but we’re trying to be realistic to the point, even maybe a little on the conservative side, say, in 2022, just to.

——————————————————————————–

WeiQi Lin, DURECT Corporation – EVP of Research & Development and Principal Scientist (10)

——————————————————————————–

Yes, our trial will be certainly bigger than Gilead’s trial, but most likely we’ll enroll more patients than the Gilead trial. So I think 2 years is very reasonable.

——————————————————————————–

Mayank Mamtani, B. Riley FBR, Inc., Research Division – Research Analyst (11)

——————————————————————————–

Okay. Great. And then I had a follow-up on NASH. Is there any reference point you could guide to how to think about the ALD market, in particular, or even the liver fat when you think about the epigenetic modulator mechanism?

——————————————————————————–

James E. Brown, DURECT Corporation – Co-Founder, CEO, President & Director (12)

——————————————————————————–

Yes. I’ll let WeiQi further if she wants to add up behind me. As there haven’t been, as you know, because I know you follow the space very closely, there aren’t any really good biochemical markers. That’s why people use biopsy, right, to really define NASH. And so you collect everything you can and try to get — how to read the tealeaves as it were from all of the data coming from these patients. We will be gathering imaging data from MRI-PDFF for liver fat and FibroScan for stiffness at a month. That’s not something that’s typically done is people look at a month for these things. So if we see some changes, we’d be wonderfully excited to do to see that, but being more difficult to put that in relationship to others in most other — everyone else does 12-week, the longer studies. I don’t know, WeiQi, would you want to add to that?

——————————————————————————–

WeiQi Lin, DURECT Corporation – EVP of Research & Development and Principal Scientist (13)

——————————————————————————–

No, I think that’s correct. And then with a 4-week daily treatment, we’ll certainly look at all the markets change, of course, the tough target will be the PDFF, change liver fat content and stiffness change following treatment.

——————————————————————————–

James E. Brown, DURECT Corporation – Co-Founder, CEO, President & Director (14)

——————————————————————————–

Such a short time, yes.

——————————————————————————–

WeiQi Lin, DURECT Corporation – EVP of Research & Development and Principal Scientist (15)

——————————————————————————–

Yes. But certainly, we’ll look at all of these markers.

——————————————————————————–

James E. Brown, DURECT Corporation – Co-Founder, CEO, President & Director (16)

——————————————————————————–

Yes, to see if we see any trends and give us — what we’re trying to do with this, remember, is we’re trying to scout out what range to be able to take to go forward into the next study.

——————————————————————————–

Mayank Mamtani, B. Riley FBR, Inc., Research Division – Research Analyst (17)

——————————————————————————–

Right. Okay. And the high dose and also learnings from the AH in acute injury model should definitely help to see some of that. Just one more on, if I may, on POSIMIR. When you say active review with the agency, would you be able to go into any more detail if it’s about labeling or if it’s about any other additional requirements? Any other color you might be able to give there, because obviously, the user goal date is not there to work with?

——————————————————————————–

Michael H. Arenberg, DURECT Corporation – CFO (18)

——————————————————————————–

Yes, Mayank, it’s — we can’t really give any more guidance about what the nature of the interactions have been. We just wanted to convey that there is activity going on because without the PDUFA date and after the Ad Comm, we just wanted people to be aware that there seems that the FDA is continuing their review actively. So that’s really all we can say, though.

——————————————————————————–

Mayank Mamtani, B. Riley FBR, Inc., Research Division – Research Analyst (19)

——————————————————————————–

Okay. And last thing with you, Mike, the spend, how to think about — obviously, NASH is a big swing factor, whether you do go ahead with a bigger study on the back half of the year. But just your runway. Are you not giving any guidance to where this takes you?

——————————————————————————–

Michael H. Arenberg, DURECT Corporation – CFO (20)

——————————————————————————–

Well, we don’t give guidance on future cash spend because there’s a lot of factors that we’ll be reviewing in real-time that will decide that. But our historical burn rate has pretty consistently been $6 million a quarter. It will probably go up a little bit this next year given the advancing stage of some of the trials we’re doing. So — but beyond that, I don’t want to give any specific numbers.

——————————————————————————–

Operator (21)

——————————————————————————–

Our next question comes from François Brisebois of Craig-Hallum.

——————————————————————————–

François Daniel Brisebois, Craig-Hallum Capital Group LLC, Research Division – Senior Research Analyst (22)

——————————————————————————–

Just quickly here. Can you remind us a little bit what are the reasons were given maybe by Gilead for why they struggled in AH and why it might be different with you guys?

——————————————————————————–

James E. Brown, DURECT Corporation – Co-Founder, CEO, President & Director (23)

——————————————————————————–

Well, it’s really the mechanism of the drug is very different. We know 928 is an epigenetic regulator and there’s dysregulation in the liver in — for a number of diseases, but certainly for alcoholic hepatitis. And we know from some papers that have been published that — which part of the epigenome is dysregulated and we know 928 interacts there. And so can — there’s a good mechanistic reason for why. And then we have all the good animal data that suggests that. And the trial that Gilead did was that ASK1 inhibitor. So it really is just hitting 1 component. If you look at the multiple pathways in 928 associated with it would be 1 out of — I don’t even know, a dozen or so. And so it really probably didn’t have the breadth of reach to be able to do something for the patients. And certainly, the results from 928 reflect that outcome. I don’t know, WeiQi, would you add?

——————————————————————————–

WeiQi Lin, DURECT Corporation – EVP of Research & Development and Principal Scientist (24)

——————————————————————————–

Yes, that — actually, there is a very good publication just the recently came out in 2019. It was published by Argemi and others, bunches of authors, and then the lead author is Professor Bataller from the University of Pittsburgh. And then they actually studied the patient samples of some alcoholic hepatitis. They found that patients with alcoholic hepatitis, they have a lot of master regulators were dysregulated in the hepatocytes, and then which causes epigenetic dysregulation. So it’s a very good article and a very detailed study on what went wrong with the alcoholic hepatitis patients. So from that article, actually, one can take a look at it, why some drugs, if they have a singular target, may not work. And then — but then the drug with multiple targets and particularly acting at a very higher up level of master regulators might work well, which is the case of DUR-928.

——————————————————————————–

François Daniel Brisebois, Craig-Hallum Capital Group LLC, Research Division – Senior Research Analyst (25)

——————————————————————————–

Excellent. That’s very helpful. And then lastly, why did you include — as we’re trying to figure out a little bit the NASH space and what F1, what F2 or F3 really is. And how to differentiate the different stages. Why did you include F1s in the repeat dose and why exclude F4, I guess?

——————————————————————————–

James E. Brown, DURECT Corporation – Co-Founder, CEO, President & Director (26)

——————————————————————————–

Yes. Well, we would have loved to include the F4. But in Australia, we were able to, but we hadn’t done the study in severely damaged patients, in F4 patients with 928 for the U.S., so they didn’t allow that. I can tell you in the interim, we’re doing that work now. And so we will be free to dose any patients going forward. But that was the reason why, and so we included the earlier stage patients, which if you think about the potential of 928, it’s not that it can’t — might be able to help these patients, but it really is, if you look at what’s doing in AH patients, it’s really a drug, I think, that’s — I’m looking forward to it being able to help the severely ill. I don’t know. WeiQi?

——————————————————————————–

WeiQi Lin, DURECT Corporation – EVP of Research & Development and Principal Scientist (27)

——————————————————————————–

So as FDA required before you go into the liver disease, the patients, so you have to go into the mild, moderate and severe hepatic impaired patients. So that’s how we actually did mild hepatic impaired patients at a time when we initiated the NASH study, we haven’t started moderate and severe hepatic impaired patients. Although, in our AH patients, we have a lot of severe hepatic function impaired patients. But then these are by injecting regardless, they reached the drug level reached a much higher plasma concentrations. However, because it’s different dose routes. So we still have to do the oral route administration in the moderate and the severe hepatic impaired patients before the agency would allow us to move into the F4 patients in the U.S.

——————————————————————————–

James E. Brown, DURECT Corporation – Co-Founder, CEO, President & Director (28)

——————————————————————————–

So last year, while we were finishing up the long-term talks to allow for unlimited dosing, at the same time, we’re doing this other work. So now, we’ll be in a position, post this 2018 NASH trial to be able to have the freedom to dose the patients that we’d like to and think we can help to the durations that makes sense of dose range, too. Sorry.

——————————————————————————–

François Daniel Brisebois, Craig-Hallum Capital Group LLC, Research Division – Senior Research Analyst (29)

——————————————————————————–

Okay. And WeiQi, your answer is great. It’s very helpful for what to kind of expect, and when you’re looking at biomarker-wise for the repeat dose. But is there any chance — obviously, single dose, repeat dose, these are different trials. Is there any reason that it would be difficult to see a real read through between the data on the single dose and the repeat dose?

——————————————————————————–

WeiQi Lin, DURECT Corporation – EVP of Research & Development and Principal Scientist (30)

——————————————————————————–

Well, that’s — I think if you look at the DUR-928 because it’s a first-in-class epigenetic regulator so there is no similar to us like that previously. So the single dose and the multi dose, they could be different because the mechanism of action, because as they regulate at the epigenetic level and then working on the master regulator. So the repeat dosing and a single dose, they — sometimes these epigenetic regulators, they could have a long-lasting effect. And then depends on the disease state and then depends on individual patients, and then when you give repeat dosings, some — if some effects are long-lasting and then some effects are short lasting. So in other words, the single dose versus a repeat dosing can be different. So that’s why we have to look at — we are not saying, well, we won’t look at a single dose data. In fact, we’ll have to incorporate all the datas we achieved so far, including the AH patient data to consolidate and then get a sense of what a repeating dosing for the even longer term, longer than 1 month daily dosing will be like.

——————————————————————————–

James E. Brown, DURECT Corporation – Co-Founder, CEO, President & Director (31)

——————————————————————————–

Yes. I mean, there’ll be things that we’ll need to understand is, including dose regimen going forward. For AH witness that we’re dosing on Day 1 and then again, 3 days later. We’re not dosing every day because you get this — it’s really a master regulator, master switch changing. And so when you have that kind of thing occurring, these effects can last for a while. So to determine the frequency with which to modulate that switch is something that needs to be also understood as we go forward.

——————————————————————————–

Operator (32)

——————————————————————————–

(Operator Instructions) Our next question comes from Adam Walsh of Stifel.

——————————————————————————–

Xiaodong Zhang, Stifel, Nicolaus & Company, Incorporated, Research Division – Associate (33)

——————————————————————————–

This is Edwin Zhang for Adam. I have a follow-up question on AH Phase IIb design. So what are your working assumptions on the total patient enrollment? How many patients are going to be enrolled? And how many drug arms in the trial? And also, do you have any change regarding the patient inclusion or exclusion criteria compared to the Phase IIa?

——————————————————————————–

James E. Brown, DURECT Corporation – Co-Founder, CEO, President & Director (34)

——————————————————————————–

Those are great questions. Yes, I’ll start with the last one first. Yes, in this trial, we’re not going to be including moderates. We’re looking to severe patients because these are the ones that really need our help. Not that the moderates don’t have or very ill and their livers aren’t severely damaged, but the severe ones are the ones where you can see — they have the greatest opportunity to see a difference. And so we’re going to be looking at patients with higher MELDs and on higher — what they call Maddrey discriminant function scores. And as far as the dose level is concerned, it will be the severe patients, I guess, that’s one quick answer. And then with regard to the dose groups right now, we’re looking at 30 milligram, a 90 milligram of 928 as compared to a placebo. And so those are the 3 arms that we’re looking for. Don’t have final numbers now. We’re estimating maybe 50 patients per group is what we’re thinking currently.

——————————————————————————–

Operator (35)

——————————————————————————–

Our next question comes from Ed Arce of H.C. Wainwright.

——————————————————————————–

Antonio Eduardo Arce, H.C. Wainwright & Co, LLC, Research Division – MD of Equity Research & Senior Healthcare Analyst (36)

——————————————————————————–

Congrats on the recent progress with 928 in both AH and NASH. So some of my questions have been asked already, but I did want to ask a couple here. First, to confirm in the NASH study that you’re fully enrolled now. Could you remind us again, I didn’t quite get it earlier when you spoke about the range of doses? And how many of those doses, I think it went from 60 to 600 mg, but I just wanted to be sure.

——————————————————————————–

James E. Brown, DURECT Corporation – Co-Founder, CEO, President & Director (37)

——————————————————————————–

Yes, we — there are 3 different dose groups, and they’ll each have 20 patients per group, a couple of more because we’re — we’ve enrolled more than 60 by the time the trial was completed. But we’re looking at dosing, we have dosed to 50 milligrams once a day and 150 milligrams once a day and then 300 milligrams twice a day for a total daily dose in that last group of 600 milligrams. So the range is more than tenfold, daily exposure between the 50-milligram group, single dose and the 300 BID. So that’s the dose range.

——————————————————————————–

Antonio Eduardo Arce, H.C. Wainwright & Co, LLC, Research Division – MD of Equity Research & Senior Healthcare Analyst (38)

——————————————————————————–

Okay, great. And then just turning to the design that you’re working on for the Phase IIb AH study later this year. I understand that there’s — you’re setting a precedent here, and you don’t really have much to go on, and it is a bigger trial than Gilead. But just thinking about the time line that may go into 2022 before we get a readout. Just wondering if there are any plans for any sort of an interim look or any sort of advanced looking to either safety or efficacy?

——————————————————————————–

James E. Brown, DURECT Corporation – Co-Founder, CEO, President & Director (39)

——————————————————————————–

Yes. We’ll certainly have safety, always be monitored. But as you start to look to have a peak at efficacy, you get into these Bayesian statistical analysis and all the rest, that kind of stuff, it becomes quite complex and can weaken the power of your study. And so it’s not something that we’re embracing right now. We’re looking to be more straight up and just to evaluate those 3 — those groups that I described earlier, in a head-to-head to head trial, basically. And that being said, we’ll have to see how the enrollment goes. I think we’re being realistic. I think WeiQi and the team are being realistic in their estimate right now. And if we get fortunate, maybe things happen more rapidly, but you can’t bank on it. I think we should just consider it is what it is. You have to remember the difference is. If the difference at the end of that, let’s say, it does take 2 years. But at the end of that, we’ll have — if it works as it has before in the other 19 patients will have a therapy that can be life-saving in a condition that affects more than 100 — more than 120,000 people this year. Hospital presentations every year for this disease state, that’s their quoted for that, very costly, $50,000 or more per, some end up going to liver transplant. So the cost on the health care system and the potential to save lives is dramatic. So the value we’ll have for the health care system, for the patients and for shareholders of Durect is dramatic. It’s absolutely — just dramatically different from where we are today, where we sit today on a value of the company and the prospects. So it’s 2 years. 2 years, always will go by, right? And at the end of that, we could be in a very different spot.

——————————————————————————–

Antonio Eduardo Arce, H.C. Wainwright & Co, LLC, Research Division – MD of Equity Research & Senior Healthcare Analyst (40)

——————————————————————————–

And just to confirm, well, I think this is still to be seen, but there is the prospect at least that if the results are clearly positive as they were in the earlier 19 patient study, that this Phase IIb could pose the potential of being 1 of 2 confirmatory pivotal study.

——————————————————————————–

James E. Brown, DURECT Corporation – Co-Founder, CEO, President & Director (41)

——————————————————————————–

It might be enough by itself, if the data are good enough. It may be adequate for approval. That’s something that we’ll just have to see as we go forward. And what the data will dictate. If the data are as you just suggested, are as good as they — we have seen or close to that, then that would be, I would think, would hope would be enough to be able to get it out there to save lives because you’re talking about a lot of people dying every year that might not need to die if this drug were available today.

——————————————————————————–

Antonio Eduardo Arce, H.C. Wainwright & Co, LLC, Research Division – MD of Equity Research & Senior Healthcare Analyst (42)

——————————————————————————–

Yes. And then just one last follow-up for me, Jim. And that is on your release today, one of the milestones you mentioned with the new potential license and collaboration agreements. Could you just expand on that a little bit for us?

——————————————————————————–

James E. Brown, DURECT Corporation – Co-Founder, CEO, President & Director (43)

——————————————————————————–

Yes. I really can’t expand beyond what the — we have these things that we call feasibility agreements that we always have as an underlying component where we have people in our drug delivery side of the business you’re working on. And occasionally, one of those things matures to the point where we put in place a development deal. This happened with Santen, with the ophthalmologic project happen with Gilead, with the HIV product, and it has happened with others over time. But we always get the difficult projects. And so they are — that’s why we don’t talk about every feasibility deals because for every half a dozen that we work on, maybe 1 goes forward, maybe for every 10, 1 goes forward. So they’re always difficult projects. And — but if you’re successful, it’s tremendously valuable for the health care system and the patients and ourselves and our partners, potentially.

——————————————————————————–

Operator (44)

——————————————————————————–

This concludes the question-and-answer session. I would like to turn the floor back over to the management team for closing comments.

——————————————————————————–

Michael H. Arenberg, DURECT Corporation – CFO (45)

——————————————————————————–

Thanks again, everyone, for joining. And we’re out of time. We’re excited about the progress we’re making and look forward to a great 2020.

——————————————————————————–

James E. Brown, DURECT Corporation – Co-Founder, CEO, President & Director (46)

——————————————————————————–

Thank you so much. Bye.

——————————————————————————–

Operator (47)

——————————————————————————–

This concludes today’s conference call. You may disconnect your lines. Thank you for participating, and have a pleasant day.