CREMA TRATTAMENTO PSORIASI OFFERTA -50% !

Home Blog Page 216

Psorilax:Prezzi |pubblicita tv della nuova crema x la psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, originale

J Family Med Prim Care. 2020 Jan; 9 (1): 20–24.

Astratto

La psoriasi è una malattia caratterizzata dalla presenza di papule e placche sulla superficie della pelle con morfologia, distribuzione e gravità variabili. Le lesioni della psoriasi sono distinte da queste altre entità e sono classicamente papule o placche rosse molto ben circoscritte, circolari, con una scala secca grigia o bianco-argentea. Inoltre, le lesioni sono tipicamente distribuite simmetricamente su cuoio capelluto, gomiti, ginocchia, zona lombosacrale e nelle pieghe del corpo. Le manifestazioni orali della psoriasi possono coinvolgere la mucosa orale o la lingua. La superficie dorsale della lingua mostra caratteristiche macchie rosse circondate da un bordo bianco giallo. La relazione tra lesioni oculari e psoriasi sono i risultati attuali in letteratura. Le complicanze oculari insieme alle numerose manifestazioni extracutanee sono complicazioni comuni osservate nella psoriasi. La patogenesi della relazione esatta tra questi due è ancora controversa. Studi immunologici hanno dimostrato una relazione positiva tra le cellule T helper e l'uveite. Vari segni e sintomi della psoriasi oculare possono essere trascurati. Pertanto, una comprensione completa del coinvolgimento oftalmico è importante per la cura completa dei pazienti con psoriasi. Quasi ogni parte del corpo può essere colpita dalla psoriasi, ma le complicanze oftalmiche della psoriasi di solito rimangono clinicamente sottili. Questa recensione mette in evidenza le varie manifestazioni della psoriasi con i loro segni e sintomi clinici.

Parole chiave: Cellule infiammatorie, manifestazioni, macchie, psoriasi

introduzione

La psoriasi è una malattia infiammatoria immuno-mediata con eziologia sconosciuta che può essere associata al difetto di proliferazione e differenziazione dei cheratinociti associato all'infiltrazione delle cellule infiammatorie, in particolare i linfociti T, i macrofagi e i neutrofili. (1) La psoriasi colpisce l'1-3% dei la popolazione adulta con varie manifestazioni extra cutanee. I pazienti affetti da psoriasi hanno manifestazioni oculari caratterizzate da iperproliferazione di cheratinociti con differenziazione anormale insieme a infiltrazione di cellule infiammatorie principalmente cellule T attivate nell'epidermide e nella parte papillare del derma. (2,3) Le lesioni oculari sono più comuni nei maschi e spesso si verificano durante le esacerbazioni della psoriasi. (4,5) Chandran et al. nel loro studio è stata riscontrata solo un'anomalia oftalmica su 67% dei pazienti con psoriasi, mentre il 20% aveva più di un'anomalia. Le cifre attuali sembrano essere più alte, come postulato dagli autori, di quanto ci si aspetterebbe; questo potrebbe essere verificato solo in presenza di un gruppo di controllo o di dati basati sulla popolazione per il confronto. (6)

Vari reperti clinici associati all'occhio psoriasico includono congiuntivite, secchezza oculare, episclerite e uveite. Lambert e Wright nel 1976 notarono la presenza di infiammazione oculare con artrite psoriasica, congiuntivite irite in pazienti affetti da psoriasi. (7)

La psoriasi è una comune malattia cutanea infiammatoria cronica che colpisce lo 0,5-2% dei bambini e dell'adolescenza. La malattia colpisce il 4% di tutti i bambini di età inferiore ai 16 anni con tutti i tipi di disturbi dermatologici. (8)

Finora sono state conosciute varie forme di psoriasi:

  1. Psoriasi a placche (caratterizzata da chiazze squamose secche)

  2. Psoriasi pustolosa (contiene liquido simile al pus principalmente infiltrato con globuli bianchi)

  3. Psoriasi eritrodermica (caratterizzata da esfoliazione della pelle squamosa con dolore e prurito)

  4. Psoriasi guttata (caratterizzata da punti simili a gocce)

  5. Psoriasi inversa (colpisce le superfici di flessione e caratterizzata da lesioni infiammate lisce)

  6. Altri tra cui la psoriasi del cuoio capelluto e la psoriasi delle unghie.

Manifestazioni orali

Le lesioni orali possono verificarsi sulle mucose della bocca, ma non è così comune come sulla pelle e di solito sono accompagnate da lesioni su altre parti del corpo. Rapporti di psoriasi orale ben documentati non mostrano un pattern di lesione coerente. I modelli vanno da lesioni in rilievo, bianche, squamose prevalentemente sul palato o mucosa buccale a lesioni ben delimitate, appiattite, eritematose che interessano la superficie dorsale della lingua con un bordo leggermente rialzato, bianco e anulare o serpiginoso. Queste ultime lesioni assomigliano molto alla lingua geografica. I pazienti con lesioni della lingua mostrano anche un coinvolgimento genitale e delle unghie e sembra che la lingua geografica sia più comune nella psoriasi ad esordio precoce e forse un indicatore della gravità della malattia. Anche lesioni della lingua aspecifiche sono state riportate frequentemente nei pazienti psoriasici. (9)

Le lesioni orali possono scomparire rapidamente o possono subire esacerbazioni o remissioni in concomitanza con lesioni cutanee. La diagnosi di psoriasi orale viene effettuata al meglio quando il decorso clinico della lesione orale è parallelo a quello della malattia della pelle ed è supportato da reperti microscopici.

Patogenesi

La psoriasi è una malattia della pelle iperproliferativa con un aumento del tasso di turnover epidermico. La patogenesi della psoriasi è collegata a vari meccanismi cellulari e al ruolo dei linfociti T, delle cellule presentanti l'antigene (APC), dei cheratinociti, delle cellule di Langerhans, dei macrofagi, delle cellule natural killer, di una serie di citochine di tipo Th1, nonché di alcuni fattori di crescita come È stato suggerito che il fattore di crescita dell'endotelio vascolare (VEGF), il fattore di crescita dei cheratinociti (KGF), ecc., abbiano un ruolo chiave nella patogenesi della psoriasi. (10) La psoriasi è una malattia immunologicamente mediata, l'attivazione dei linfociti T porta all'infiammazione nella componente dermica e secondaria agli eventi infiammatori c'è anche quella iperproliferazione epidermica. (11)

Si ipotizza che vari meccanismi siano coinvolti nella patogenesi della psoriasi:

  1. Funzione delle cellule T.

    I linfociti T sono costituiti da una popolazione funzionalmente distinta di cellule T helper e cellule T citolitiche. La funzione principale delle cellule T è quella di riconoscere gli antigeni peptidici processati che sono attaccati alle proteine ​​codificate dai geni MHC di classe II. Pertanto, per l'attivazione, le cellule T necessitano di APC per elaborare e presentare frammenti peptidici sulla superficie delle cellule APC. Le cellule T secernono varie linfochine. Le cellule T possono anche inibire le risposte immunitarie; in questo ruolo, questi sono noti come cellule T soppressori. Le distinte proteine ​​della membrana cellulare sono espresse da diverse popolazioni di cellule T. La positività CD4 è mostrata dalla maggior parte delle cellule T helper mentre le cellule citolitiche e soppressore sono CD8 positive. L'attivazione dei linfociti T richiede tre passaggi: (12) a. Binding b. Attivazione specifica dell'antigene (segnale 1) c. Interazione cellula-cellula non specifica dell'antigene (segnale 2)

  2. Ruolo delle cellule dendritiche

    Le cellule dendritiche fungono da classe principale di cellule presentanti l'antigene che si trovano in maggiore abbondanza nelle lesioni cutanee psoriasiche. (13) Le cellule di Langerhans sono un tipo di cellula dendritica immatura (iDC) che si trova nell'epidermide normale e si possono trovare anche nelle lesioni della psoriasi. (14 ) le iDC derivano da monociti del sangue o altri precursori mieloidi e hanno un ruolo immunostimolante. Questi iDC sono ulteriormente stimolati a diventare DC maturi (mDC). Le lesioni della psoriasi mostrano un marcato aumento delle DC dermiche. XIIIa e CD11c sono espressi da DC mieloidi o iDC e le proteine ​​CD83 e DC-LAMP sono positive per mDC.

  3. Iperproliferazione dei cheratinociti

    La pelle fornisce un meccanismo protettivo attraverso la sua struttura multistrato. L'epidermide è costituita da cinque strati, strato basale, strato spinoso, strato granuloso, strato lucidium e strato corneo. Principalmente i cheratinociti si formano nello strato basale e successivamente migrano verso lo strato corneo. Quando le cellule si spostano verso la superficie, i loro organelli scompaiono e sono pieni di cheratina. Lo strato più alto di cheratina fornisce una funzione protettiva. In condizioni normali il ciclo cellulare epidermico si completa in circa quattro settimane. Ma nella pelle psoriasica, il ciclo cellulare epidermico è accelerato. La divisione cellulare nello strato basale si verifica ogni 1,5 giorni e la migrazione dei cheratinociti nello strato corneo avviene entro circa 4 giorni. Ciò si traduce in iperproliferazione dei cheratinociti.

  4. Angiogenesi

    I cheratinociti producono citochine proangiogeniche (VEGF, IL-8), ma il meccanismo preciso dell'angiogenesi nella psoriasi è ancora sconosciuto. Nella psoriasi le cellule endoteliali si gonfiano e si attivano, queste cellule endoteliali attivate migrano, germogliano e depositano una membrana basale con periciti per il supporto strutturale per formare nuove reti di vasi. (15) Ciò si traduce in un allargamento degli spazi intercellulari e, quindi, dermico i vasi sanguigni si dilatano rendendo così più facile la migrazione dei leucociti nella pelle. (16)

  5. Mediatori delle citochine

    Nella psoriasi, la produzione di citochine provoca iperproliferazione epidermica, dilatazione vascolare e infiammazione dermica. Le citochine coinvolte nello sviluppo della psoriasi comprendono il fattore stimolante le colonie granulociti-macrofagi (GMCSF), il fattore di crescita epiteliale (EGF), IL-8, IL-12, IL-1, IL-6, IFN-γ e TNF-α . Queste citochine provocano la proliferazione dei cheratinociti, la migrazione dei neutrofili, il potenziamento delle risposte di tipo Th1, l'angiogenesi, la sovraregolazione delle molecole di adesione e l'iperplasia epidermica.

  6. Apoptosi ridotta

    Al fine di mantenere uno spessore costante dell'epidermide, la proliferazione dei cheratinociti nell'epidermide normale è regolata dalla morte cellulare per apoptosi. Si suggerisce che l'iperplasia epidermica caratteristica della psoriasi sia dovuta alla sovraespressione di P53 e queste cellule proliferanti tipicamente esprimono Bcl-2 che le protegge dagli stimoli apoptotici, mentre le cellule differenziate terminali perdono l'espressione di Bcl-2. (17)

Psoriasi e occhio

La psoriasi e l'occhio per i pazienti con psoriasi, l'uveite era stata comunemente pensata per verificarsi solo in concomitanza con l'artrite psoriasica, tuttavia, ci sono state molte segnalazioni di casi di uveite psoriasica che si presenta indipendentemente dalla malattia articolare. Inoltre, il rapporto temporale di queste due entità è stato contestato. Alcuni studi recenti suggeriscono che le manifestazioni infiammatorie articolari precedono l'uveite. Tuttavia, alcuni casi di uveite sono stati segnalati anche prima della malattia della pelle psoriasica e l'uveite è stata segnalata come il primo segno di presentazione di artrite psoriasica nello 0% -11,4% dei casi. La gravità dell'infiammazione oculare non è necessariamente correlata all'entità dei reperti articolari, ma può essere correlata alla malattia della pelle. (8)

Poiché il periodo di latenza per lo sviluppo di anomalie oculari sintomatiche può essere più lungo di 5 anni, è indicato il monitoraggio continuo e l'uso continuato di un'adeguata protezione oculare da parte di tutti i pazienti trattati con PUVA. (18)

Disturbo oculare

La psoriasi è una malattia infiammatoria cronica che si manifesta comunemente con varie manifestazioni extra cutanee di cui è importante il coinvolgimento degli occhi. La psoriasi può colpire la palpebra, la congiuntiva o la cornea con conseguente sviluppo di manifestazioni oculari, tra cui iperemia congiuntivale e congiuntivite, ectropion e trichiasi e secchezza corneale con cheratite puntata e scioglimento corneale. Studi condotti da Chandran et al. ed Erbagci et al. in Turchia avevano riscontrato che la prevalenza delle manifestazioni oculari nella psoriasi era rispettivamente del 67% e del 65%, che erano in congruenza con il presente studio, che mostrava una prevalenza del 70%. (2)

Congiuntivite

Articoli pubblicati hanno suggerito tassi di prevalenza della congiuntivite nei pazienti con psoriasi fino al 64,5%. La congiuntivite è una condizione degli occhi che si verifica comunemente che può essere causata dalla psoriasi, ma è più comunemente dovuta ad allergie, infezioni batteriche o infezioni virali. (8)

I sintomi della congiuntivite possono includere arrossamento, lacrimazione o secrezione gialla densa. Le lesioni congiuntivali sono state descritte come placche rosso-giallastre delimitate sulla congiuntiva palpebrale o come aree di aspetto xerotico sulla congiuntiva bulbare. La congiuntivite può portare a xerosi, symblepharon e trichiasi con ulteriori complicazioni che coinvolgono la cornea. (7)

Occhio secco (cheratocongiuntivite secca)

La cheratocongiuntivite secca è stata citata con un tasso di prevalenza del 2,7% dei pazienti con artrite psoriasica. Alcuni studi suggeriscono tassi di prevalenza di occhi asciutti fino al 18,75% dei pazienti con psoriasi. (8)

Episclerite

L'episclerite (infiammazione dello strato di tessuto che ricopre la sclera) può anche verificarsi in concomitanza con la psoriasi e si presenta con iperemia (aumento del flusso sanguigno) che può essere rosa o addirittura blu, tenerezza (sebbene una sensibilità significativa dovrebbe far sospettare la sclerite, una condizione più grave ) e irrigazione.

Blefarite

La psoriasi può colpire le palpebre in diversi modi. La blefarite, una condizione infiammatoria comune delle palpebre, è stata suggerita da Cram come il reperto oculare più diffuso nei pazienti con psoriasi. Sintomi come bruciore e prurito possono causare un notevole disagio. Il meccanismo di questa disfunzione nella psoriasi non è noto, ma Zengin et al. ha proposto che un aumento del turnover epiteliale porta ad alti volumi di produzione cellulare e conseguente spargimento che alla fine può portare a un blocco meccanico attraverso il dotto di Meibomio. La blefarite di solito può essere controllata con un'adeguata igiene delle palpebre, inclusi impacchi caldi, massaggio palpebrale e scrub palpebrale tradizionalmente con formule a base di shampoo per bambini. (7)

Uveite

L'uveite è un termine generico che si riferisce a un ampio gruppo di diverse malattie. L'International Uveitis Study Group classifica l'infiammazione intraoculare in anteriore (iride o corpo ciliare), posteriore (coroide o retina), intermedia (vitreo, retina periferica e pars plana del corpo ciliare) o panuveite (infiammazione generalizzata dell'intera uvea). (8)

L'uveite è una complicanza oculare potenzialmente grave che può verificarsi in pazienti con psoriasi. È stato segnalato che l'uveite anteriore si è verificata nel 7-20% dei pazienti con psoriasi. Il coinvolgimento uveale tende ad essere bilaterale, prolungato e più grave. L'uveite può essere controllata efficacemente utilizzando corticosteroidi e agenti cicloplegici con possibile terapia aggiuntiva con terapia immunomodulante convenzionale. Nei pazienti che sono refrattari a queste terapie o che non possono tollerare questi agenti, la terapia anti-fattore di necrosi tumorale alfa è un'altra opzione. (7)

L'uveite psoriasica può essere anteriore o posteriore o entrambe e quindi può richiedere strategie di trattamento differenti. L'uveite anteriore acuta può spesso essere trattata con un collirio dilatante per mantenere la pupilla mobile e prevenire la formazione di sinechie (aderenze tra l'iride e il cristallino). L'uveite posteriore, sebbene possa essere difficile da apprezzare all'esame obiettivo, è più comunemente responsabile della perdita della vista, aumentando l'urgenza del trattamento dell'infiammazione. La farmacoterapia raccomandata si è evoluta man mano che la comprensione della patogenesi è migliorata e sono stati identificati mediatori infiammatori specifici. Sebbene il trattamento tradizionale abbia coinvolto corticosteroidi o farmaci immunomodificanti, negli ultimi anni è stato suggerito l'uso di farmaci che prendono di mira la via del TNF nei casi più intrattabili. (8) L'uveite nei pazienti con psoriasi può avere caratteristiche cliniche distintive. (19) L'uveite è spesso la prima indicazione di una malattia extraoculare associata a HLA-B27 non diagnosticata in precedenza. (20)

Cataratta

Si ritiene generalmente che le anomalie del cristallino nei pazienti con psoriasi siano risultati accidentali. Chandran et al. ha riscontrato che il 63% (63 su 100) dei pazienti aveva però una cataratta bilaterale. Non è stata trovata un'associazione tra l'uso di corticosteroidi o fototerapia. (7) Ma alcuni casi clinici hanno suggerito che la terapia PUVA negli esseri umani può essere associata ad un aumentato rischio di anomalie del cristallino oculare, ma questo non è ben stabilito. (21)

Lesione corneale

Il coinvolgimento corneale nella psoriasi è raro e di solito secondario a complicanze palpebrali o congiuntivali come xerosi e trichiasi. La presentazione più comune è la cheratite epiteliale puntiforme, ma le lesioni possono includere opacità superficiali o profonde, infiltrati stromali, neovascolarizzazione, erosioni, cicatrici e persino scioglimenti stromali. (7)

Esame oftalmologico del paziente psoriasico

Tutti i reclami devono essere indirizzati a un oftalmologo per la valutazione. I non oftalmologi possono valutare l'acuità visiva di un paziente ed esaminare l'occhio esterno per l'iniezione circoncorneale. Il rinvio a un oftalmologo è essenziale per la diagnosi e il trattamento definitivi. (7) Gli esami oculistici di routine sono necessari nei pazienti con psoriasi di tutti i tipi, per la diagnosi precoce di patologie oculari subcliniche. (22)

Implicazioni per la pratica clinica

Il medico di base è il primo contatto di un paziente per la consultazione della malattia. La diagnosi precoce e un approccio multidisciplinare sono componenti chiave nella gestione dei vari tipi di psoriasi. Una maggiore consapevolezza e ricerca in questo campo hanno facilitato l'identificazione dei fattori di rischio e dei percorsi di causalità. Alcune terapie hanno mostrato una promessa che necessita di valutazione in studi clinici prospettici. I corticosteroidi topici sono comunemente usati in condizioni infiammatorie orali dolorose come le lesioni erosive della mucosa orale. La psoriasi orale è stata gestita con successo con steroidi topici con remissione completa. (23) Farmaci come Infliximab e ustekinumab hanno dimostrato di essere efficaci per le lesioni psoriasiche. (24)

A causa della bassa incidenza di lesioni psoriasiche nel cavo orale, la conoscenza della psoriasi rimane limitata. Bruce et al. ha spiegato che la natura asintomatica di queste lesioni è la ragione della minore prevalenza di lesioni orali nella psoriasi rispetto ad altre malattie papulosquamose. (25) Inoltre, il normale turnover epiteliale è di 28 giorni, ma nelle placche cutanee psoriasiche diminuisce da 3 a 7 giorni , che è vicino al normale tempo rigenerativo dell'epitelio orale, quindi, questo fenomeno può essere la causa della minore prevalenza di alterazioni apparenti nella mucosa orale dei pazienti con psoriasi. (26,27)

Conclusione

Le manifestazioni oculari nella psoriasi possono portare a varie complicazioni, inclusa la perdita della vista. Queste manifestazioni o complicanze possono essere osservate più comunemente nei pazienti affetti da psoriasi con artrite, ma sono state associate anche in pazienti affetti da psoriasi senza artrite. Questi segni e sintomi possono essere facilmente trascurati dal medico che non li sta cercando specificamente. Le manifestazioni oculari psoriasiche possono precedere i cambiamenti articolari. Pertanto, il paziente deve consultare il medico a intervalli regolari e lo specialista deve tenere presente una storia nota di psoriasi durante la valutazione dei sintomi oculari. Pertanto, per escludere le condizioni oftalmiche associate comuni tra cui secchezza oculare, blefarite, congiuntivite e uveite, nei pazienti affetti da psoriasi si consigliano esami oculistici regolari da parte del dermatologo esperto e dell'oftalmologo.

Supporto finanziario e sponsorizzazione

Nessuno.

Conflitto di interessi

Non ci sono conflitti di interesse.

Riferimenti

1. Talaee R, Hajheydari Z, Moghaddam AY, Moraveji SA, Ravandi BF. Prevalenza delle lesioni della mucosa orale e loro associazione con la gravità della psoriasi tra i pazienti psoriasici indirizzati alla clinica dermatologica: uno studio trasversale a Kashan / Iran. Accesso aperto Maced J Med Sci. 2017;5: 978–82. (Articolo gratuito PMC) (PubMed) (Google Scholar)
2. Kolli SR, Boda N, Reddy EA. Menifestazione oculare nella psoriasi. Natl J Med Dent Res. 2016;4: 101–4. (Google Scholar)
3. Sfikakis PP, Iliopoulos A, Elezoglou A, Kittas C, Stratigos A. Psoriasi indotta dalla terapia con fattore di necrosi tumorale: una reazione avversa paradossale. Reumatismi di artrite. 2005;52: 2513–8. (PubMed) (Google Scholar)
4. Okamoto F, Umebayasi Y, Ohtsuka F, Hommura S. Fattori associati all'aumento del flare acquoso nella psoriasi. Jpn J Ophthalmol. 2001;45: 172–6. (PubMed) (Google Scholar)
5. Campanati A, Neri P, Giuliodori K, Arapi I, Carbonari G, Borioni E, et al. Psoriasi oltre la superficie della pelle: uno studio pilota sul coinvolgimento oculare. Int Ophthalmol. 2015;35: 331–40. (PubMed) (Google Scholar)
6. Rehal B, Modjtahedi BS, Morse LS, Schwab IR, Maibach HI. Psoriasi oculare. J Am Acad Dermatol. 2011;65: 1202–12. (PubMed) (Google Scholar)
7. Au S-C, Yaniv S, Gottlieb AB. Manifestazioni oculari psoriasiche. Forum sulla psoriasi. 2011;17; 3: 169–79. (Google Scholar)
8. Zohreh H, Leila S, Soheila S. Gestione della psoriasi nei bambini: una revisione narrativa. J Pediatr Rev. 2015;3: e131. (Google Scholar)
9. Zargari O. La prevalenza e il significato della lingua fessurata e della lingua geografica nei pazienti psoriasici. Clin Exp Dermatol. 2006;31: 192–5. (PubMed) (Google Scholar)
11. Mehlis SL, Gordon KB. L'immunologia della psoriasi e l'immunoterapia biologica. J Am Acad Dermatol. 2003;49(2 Suppl): S44–50. (PubMed) (Google Scholar)
12. Joshi R. Immunopatogenesi della psoriasi. India J Dermatol Venereol Leprol. 2004;70: 1. (PubMed) (Google Scholar)
13. Shortman K, Liu YJ. Sottotipi di cellule dendritiche murine e umane. Nat Rev Immunol. 2002;2: 151–61. (PubMed) (Google Scholar)
14. McGregor JM, Barker JN, Ross EL, MacDonald DM. Le cellule dendritiche epidermiche nella psoriasi possiedono un fenotipo associato alla presentazione dell'antigene: Sul posto espressione di beta 2-integrine. J Am Acad Dermatol. 1992;27: 383–8. (PubMed) (Google Scholar)
15. Longo R, Sarmiento R, Fanelli M, Capaccetti B, Gattuso D, Gasparini G. Terapia anti-angiogenica: razionale, sfide e studi clinici. Angiogenesi. 2002;5: 237–56. (PubMed) (Google Scholar)
16. Creamer D, Sullivan D, Bicknell R, Barker J. Angiogenesis nella psoriasi. Angiogenesi. 2002;5: 231–6. (PubMed) (Google Scholar)
17. El-Domyatic M, Barakat M, Abdel-Razel R. Espressione delle proteine ​​che regolano l'apoptosi, P53 e Bcl-2, nella psoriasi. J Egypt Wom Dermatol Soc. 2006;3: 46–51. (Google Scholar)
18. Stern RS, Thibodeau LA, Kleinerman RA, Parrish JA, Fitzpatrick TB. Rischio di carcinoma cutaneo in pazienti trattati con fotochemioterapia orale con methoxsalen per la psoriasi. N Engl J Med. 1979;300: 809–13. (PubMed) (Google Scholar)
19. Durrani K, Foster CS. Uveite psoriasica: un'entità clinica distinta? Sono J Ophthalmol. 2005;139: 106–11. (PubMed) (Google Scholar)
20. Monnet D, Breban M, Hudry C, Dougados M, Brézin AP. Reperti oftalmici e frequenza delle manifestazioni extraoculari in pazienti con uveite HLA-B27: uno studio di 175 casi. Oftalmologia. 2004;111: 802–9. (PubMed) (Google Scholar)
21. Stern RS. Risultati della lente oculare in pazienti trattati con PUVA. J Invest Dermatol. 1994;103: 534–8. (PubMed) (Google Scholar)
22. Erbagci I, Erbagci Z, Gungor K, Bekir N. Patologie del segmento anteriore oculare e alterazioni del film lacrimale in pazienti con psoriasi volgare. Acta Medica Okayama. 2003;57: 299–304. (PubMed) (Google Scholar)
24. Falto-Aizpurua LA, Martin-Garcia RF, Carrasquillo OY, Nevares-Pomales OW, Sánchez-Flores X, Lorenzo-Rios D. Terapia biologica per la psoriasi pustolosa: una revisione sistematica. Int J Dermatol. 2019 doi: 101111 / ijd. 14671. (Google Scholar)
26. Reis V, Artico G, Seo J, Bruno I, Hirota SK, Lemos C, et al. Mucosite psoriasiforme delle mucose gengivali e palatali trattata con collutorio acido retinoico. Int J Dermatol. 2013;52: 113–5. (PubMed) (Google Scholar)
27. Ehsani A, Mortazavi H, Nourmohamadpure P, Azizpour A, Janesar Hoseinie M, Ghaedi F. Manifestazioni orali in pazienti con psoriasi: uno studio trasversale. J cellule staminali della pelle. 2018;5: e83956. (Google Scholar)

Articoli da Giornale di medicina di famiglia e cure primarie sono forniti qui per gentile concessione di Wolters Kluwer – Pubblicazioni Medknow

Psorilax:Spedizione |crema psoriasi ucraina

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, composizione

Clin Cosmet Investig Dermatol. 2019; 12: 953–959.

Astratto

La psoriasi inversa rappresenta una variante clinica della psoriasi che a volte è difficile da diagnosticare a causa della sua somiglianza clinica con altri disturbi della pelle che coinvolgono le pieghe, tra cui principalmente intertrigine meccanica, infezioni fungine e batteriche, dermatite da contatto, dermatite seborroica e lichen planus. La dermatoscopia rappresenta uno strumento utile per una diagnosi non invasiva potenziata. Il trattamento della psoriasi inversa può essere impegnativo e comprende corticosteroidi topici, inibitori topici della calcineurina, analoghi della vitamina D, terapie sistemiche orali tradizionali come ciclosporina e metotrexato e terapie biologiche.

parole chiave: psoriasi, inversa, diagnosi, dermatoscopia, microscopia confocale, trattamento

introduzione

La psoriasi inversa (IP), nota anche come psoriasi flessionale o intertriginosa, è una varietà di psoriasi a placche che coinvolge le pieghe del corpo, molto spesso quelle ascellari, anogenitali e inframammarie.1

Secondo diversi studi e popolazioni, la prevalenza della PI è molto variabile, dal 3 al 36%, a causa della mancanza di precisi criteri diagnostici e del consenso sul fatto che la localizzazione genitale sia considerata parte della malattia. nei bambini, specialmente nei bambini piccoli con coinvolgimento dell'area del pannolino che configura la “psoriasi del tovagliolo” .5

La patogenesi della PI non differisce da quella della psoriasi a placche e il possibile ruolo della colonizzazione fungina e / o batterica delle pieghe come possibile fattore scatenante è ancora oggetto di discussione.1

Sebbene la PI possa coinvolgere una percentuale limitata di aree del corpo della pelle, può avere un impatto significativo sulla qualità della vita, in particolare sulla funzione sessuale, sull'imbarazzo e sulla vergogna 6, come dimostrato da uno studio che utilizza uno strumento specifico per misurare il carico della malattia chiamato questionario sulla psoriasi inversa (IPBOD)

È stato anche suggerito che l'insorgenza improvvisa di PI negli adulti potrebbe essere un indicatore dell'infezione da HIV. 8,9

Presentazione clinica

La psoriasi inversa è clinicamente caratterizzata da cerotti ben delimitati ed eritematosi (-). Le aree più comunemente colpite sono le pieghe inguinali, seguite da ascelle, pieghe inframammarie, area perianale, ombelico e aree retroauricolari. Possono anche essere coinvolti fossa antecubitale e poplitea e spazi interdigitali. Il coinvolgimento dei genitali esterni è considerato parte della presentazione della PI.1 La PI può rappresentare la localizzazione esclusiva della psoriasi o, più frequentemente, può essere accompagnata da lesioni della psoriasi a placche classiche localizzate in altre aree del corpo. A differenza della psoriasi a placche, le squame biancastre sono in genere minime o assenti e la superficie delle lesioni appare umida, liscia e lucente.

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione, ecc.
Il nome dell'oggetto è CCID-12-953-g0002.jpg

Psoriasi inversa dell'area perianale in una donna di 54 anni: cerotto simmetrico, eritematoso con ridimensionamento minimo.

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione, ecc.
Il nome dell'oggetto è CCID-12-953-g0003.jpg

Psoriasi inversa dell'ascella destra in un bambino: cerotto eritematoso minimo.

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione, ecc.
Il nome dell'oggetto è CCID-12-953-g0004.jpg

Psoriasi inversa della fossa poplitea destra in un bambino di 5 anni: cerotti umidi, lucenti, eritematosi.

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione, ecc.
Il nome dell'oggetto è CCID-12-953-g0001.jpg

Psoriasi inversa delle pieghe inframammarie in una donna di 38 anni: chiazze ben delimitate, eritematose con ridimensionamento fine.

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione, ecc.
Il nome dell'oggetto è CCID-12-953-g0005.jpg

Psoriasi inversa della piega inguinale destra nell'uomo di 46 anni (UN); la dermoscopia x10 mostra “punti rossi” distribuiti omogeneamente su uno sfondo eritematoso (B); La dermoscopia x150 mostra i tipici capillari “folti”.

Nei bambini piccoli, la PI può spesso manifestarsi come placche eritematose nettamente delimitate, minimamente elevate nell'area del pannolino, con un coinvolgimento tipico delle pieghe inguinali (psoriasi del tovagliolo) .5 Si osservano frequentemente erosioni superficiali e macerazione, con conseguente forte prurito, irritazione da sudorazione e indolenzimento.10

Superinfezione da batteri e funghi (in particolare Candida spp) è frequente in PI poiché la pelle umida fornisce un ambiente ideale per la crescita di microrganismi.11 D'altro canto, la colonizzazione delle aree flessurali può anche predisporre a razzi IP.1

Diagnosi differenziale

La diagnosi differenziale di PI comprende qualsiasi eruzione cutanea che coinvolge le pieghe del corpo, generalmente definita come “intertrigine”. 12,13 Ciò può essere causato da un semplice attrito meccanico, disturbi infettivi come infezioni fungine e batteriche e alcune malattie infiammatorie.14 La diagnosi può essere fastidioso, specialmente in caso di lesioni poche / isolate, e sono spesso necessari esami di laboratorio e / o istopatologia per raggiungere una diagnosi definitiva.

L'intertrigine per attrito meccanico è più frequente nei soggetti in sovrappeso e obesi e / o nelle persone che praticano sport (ad es. Corridori e motociclisti) indotti dall'attrito dallo sfregamento pelle a pelle. Altri fattori scatenanti includono umidità, iperidrosi, scarsa igiene e uso di lana e fibre sintetiche. È clinicamente caratterizzato da eritema, macerazione, erosioni e fissurazioni.

Infezioni fungine dovute a entrambi i dermatofiti (ad es. Tinea cruris) e Candida spp. sono molto comuni sulle pieghe della pelle e sono clinicamente caratterizzati da cerotti eritematosi. La presenza di bordi rialzati, squamosi e anulari nella tinea cruris e di papule e / o pustole satellitari periferiche nella candidosi può aiutare a differenziare queste condizioni dall'IP. Gli esami micologici diretti e culturali possono indirizzare alla diagnosi corretta, sebbene spesso la PI possa coesistere con queste infezioni.

Le infezioni batteriche possono anche essere la causa dell'intertrigine che può simulare la PI. Eritrasma, che è causato da Corynebacterium minutissimum, appare come macchie rosso-brunastre con bordi ben definiti. L'esame con la luce di Wood può aiutare a identificare questo modulo mostrando una fluorescenza rosso corallo, 11 e una coltura batterica positiva è diagnostica. Altri batteri possono spesso complicare l'intertrigine meccanica incluso Staphylococcus aureus, Streptococcus, Pseudomonas aeruginosa, Proteus mirabilis e Proteus vulgaris.

La dermatite seborroica delle pieghe appare come un'eruzione eritematosa, spesso con erosioni e ragadi. La presenza di squame giallastre e unte può aiutare a differenziare la dermatite seborroica dal PI, sebbene possano essere assenti.11 Il coinvolgimento simultaneo di aree tipiche (viso, cuoio capelluto) può indirizzare alla corretta diagnosi.

Il lichen planus può coinvolgere le pieghe simulando l'IP e la presenza di tipiche lesioni cutanee e / o mucose concomitanti o il riconoscimento clinico delle striature di Wickham può indirizzare alla diagnosi che dovrebbe essere confermata dall'istopatologia.

Dermatite da contatto irritante e allergica si incontrano spesso sulle pieghe della pelle. Sono principalmente dovuti al contatto con deodoranti, profumi e biancheria sintetica colorata e sono generalmente caratterizzati dalla presenza di chiazze e vescicole eritematose poco definite. I test allergici (patch test) possono essere utili per la diagnosi.

Altri disturbi della pelle che possono presentare cerotti / placche intertriganti comprendono dermatite atopica, malattia di Darier, malattia di Hailey-Hailey, malattia di Paget extramammaria, sindrome di glucagonoma, acrodermatite enteropatica e istiocitosi a cellule di Langerhans.

Infine, in caso di coinvolgimento genitale, la mucosite delle cellule plasmatiche di Zoon e l'eritroplasia di Queyrat dovrebbero essere prese in considerazione come diagnosi differenziali.15,16

Diagnosi

La diagnosi di IP () è generalmente clinica e l'esame obiettivo dovrebbe includere oltre le pieghe della pelle, l'intera superficie del corpo, comprese le mucose, al fine di verificare altre aree colpite dalla psoriasi. Le unghie e le articolazioni dovrebbero essere esaminate per qualsiasi cambiamento indicativo di psoriasi e una storia familiare dovrebbe essere presa in considerazione per migliorare ulteriormente la diagnosi.

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione, ecc.
Il nome dell'oggetto è CCID-12-953-g0006.jpg

Diagramma di flusso diagnostico della psoriasi inversa.

In alcuni casi, la diagnosi di PI può essere difficile, specialmente quando appare come l'unica manifestazione della malattia, richiedendo quindi una biopsia cutanea. All'istopatologia, l'IP presenta il modello classico di psoriasi a placche, costituito da iperplasia epidermica e allungamento delle creste della rete, con acantosi, parakeratosi, assottigliamento delle placche sovrapapillari, riduzione dello strato di granulosus e, in alcuni casi, microabcessi Munro e micropustole di Kogoj. Rispetto alla psoriasi a placche classica, l'iperplasia epidermica è meno pronunciata e la spongiosi è più comune.1

Negli ultimi anni, la dermoscopia ha dimostrato di migliorare la diagnosi clinica della psoriasi. 17-19 In particolare, la dermoscopia a basso ingrandimento (X10) mostra la presenza caratteristica di squame biancastre e “punti rossi” distribuiti omogeneamente nell'intera placca su uno sfondo eritematoso (). Ad ingrandimento maggiore (> X100), i punti rossi appaiono come tipici “cespugli” di capillari contorti () che istopatologicamente corrispondono alla tipica modificazione dell'architettura microvascolare nella psoriasi, ovvero anse capillari dilatate, allungate e tortuose nel derma papillare.20 –22 La dermatoscopia può aiutare la diagnosi della psoriasi, specialmente in siti anatomici insoliti e / o presentazione, come la psoriasi palmo-plantare, genitale, del cuoio capelluto e inversa.16,23–27 In particolare, uno studio specifico ha dimostrato l'utilità della dermoscopia nella diagnosi in PI, in cui la visualizzazione delle strutture vascolari è semplice a causa dell'assenza di squame.26 Sono stati studiati trenta pazienti con lesioni eritematose localizzate in pieghe cutanee del corpo (ascellari, inframammarie, inguinali o interglutei): 10 con concomitante tipica psoriasi a placche e 20 con coinvolgimento esclusivo della flessione. La dermoscopia ad alto ingrandimento ha mostrato i tipici capillari “folti” in tutti i casi del primo gruppo, confermando così la diagnosi di IP. Nel secondo gruppo di pazienti, il modello capillare “folto” è stato osservato in 12 casi, suggerendo la diagnosi di PI successivamente confermata dall'esame istologico, mentre nei restanti 8 soggetti, in cui questo modello non è stato osservato, altre diagnosi (extramammary di Paget malattia, eritrasma, candidosi e dermatite irritante) sono stati dimostrati mediante esame istologico e / o altri test di laboratorio (esami micologici e batteriologici, patch test, lampada di legno).

La dermatoscopia è anche utile per la diagnosi del coinvolgimento genitale, sia nei maschi che nelle femmine, mostrando lo stesso schema vascolare.28,29 In uno studio aperto su 12 soggetti con diversi tipi di balanite, solo i pazienti con balanite psoriasica comprovata da biopsia hanno mostrato Capillari “folti”, mentre nei restanti casi (2 lichen planus, 1 lichen sclerosus, 1 balanite di Zoon e 2 candidosi) era evidente un pattern capillare non specifico.24

Un'altra tecnica non invasiva che è stata segnalata per migliorare la diagnosi della psoriasi genitale è la microscopia confocale a riflettanza in vivo (RCM), che è attualmente utilizzata nella valutazione di lesioni melanocitiche, tumori della pelle e alcune malattie infiammatorie e infettive.30,31 In uno studio su 10 pazienti con balanite psoriasica comprovata da biopsia, RCM palmare ha rivelato uno schema peculiare, costituito da papille dermiche allargate, irregolari, sfocate e scure (“non cerchiati”) piene di vasi sanguigni dilatati e separate da sottili creste interpapillari della rete .29 Questo modello è correlato ai “punti rossi” / “capillari folti” osservati durante la dermatoscopia. 22,29 RCM può essere utile per la diagnosi differenziale con altri disturbi genitali infiammatori, sebbene sia attualmente disponibile solo in centri accademici selezionati a causa del alto costo.29

Trattamento

Il trattamento dell'IP () differisce in modo significativo da quello della psoriasi a placche a causa delle caratteristiche dell'area interessata, in cui la pelle è generalmente sottile e più soggetta agli effetti collaterali locali. Inoltre, è importante considerare il contatto pelle a pelle che può provocare un effetto occlusivo.

Tabella 1

Opzioni terapeutiche per la psoriasi inversa

Prima linea

  • Corticosteroidi topici (potenza medio-bassa)

  • Inibitori topici della calcineurina (tacrolimus, pimecrolimus)

  • Analoghi di vitamina D topici (calcipotriolo, calcitriolo)

Seconda linea
IP resistente / severo
Altro

  • Dithranol topico

  • Retinoidi topici

  • Acido salicilico topico

  • Laser ad eccimeri

  • Tossina botulinica

I corticosteroidi topici e gli immunomodulatori topici rappresentano i trattamenti più utilizzati per la PI. Tuttavia, l'evidenza dell'efficacia e della sicurezza dei trattamenti sia topici che sistemici per la PI è generalmente bassa, come dimostrato da una recente revisione sistematica.6

Secondo le linee guida del consiglio medico della National Psoriasis Foundation, la terapia di prima linea per la PI dovrebbe essere rappresentata da corticosteroidi topici a bassa e media potenza.32 Questa raccomandazione è supportata da uno studio randomizzato su 80 pazienti adulti con IP in quale betametasone 0,1% applicato per 4 settimane ha determinato una riduzione dell'86% del punteggio PASI modificato. Inoltre, il 78% dei pazienti ha riportato una riduzione del prurito.33 In un altro studio in aperto su 20 pazienti adulti, l'unguento al fluticasone propionato allo 0,005% applicato per due settimane ha portato a un miglioramento della valutazione globale del medico dello stato della malattia delle lesioni target superiori a 75 % nell'85% dei casi.34 Tuttavia, i corticosteroidi sono raccomandati solo per una terapia a breve termine (<4 settimane) al fine di evitare i noti effetti avversi, come atrofia, teleangectasie, strie, assorbimento con effetti collaterali sistemici e tachifilassi.32,33,35 Man mano che la psoriasi inizia a migliorare, può essere gradualmente ridotta.

Le opzioni per una terapia topica a lungo termine (> 4 settimane) possono includere inibitori topici della calcineurina (TCI), come tacrolimus o pimecrolimus e analoghi della vitamina D, come supportati da diversi studi.32,36–43

In particolare, i TCI sono considerati scelte di prima linea per la PI a causa della mancanza di effetti collaterali significativi, sebbene possano essere meno efficaci dei corticosteroidi topici. Il loro uso nella psoriasi, tuttavia, è off-label. Uno studio multicentrico randomizzato controllato di tacrolimus contro placebo su 167 pazienti di età pari o superiore a 16 anni con psoriasi facciale o intertriginosa, ha prodotto dopo 8 settimane un miglioramento clinico “eccellente” (definito come> 90% utilizzando la valutazione globale del medico) nel 66,7% di soggetti trattati con unguento allo 0,1% di tacrolimus rispetto al 36,8% dei pazienti trattati con veicolo.37 D'altra parte, in uno studio in doppio cieco su 57 pazienti adulti con IP da moderato a grave, la crema all'1% di pimecrolimus applicata due volte al giorno era sicura ed efficace nel 71% dei pazienti che mostravano uno stato “chiaro” o “quasi chiaro” dopo 8 settimane di trattamento rispetto al 21% nel gruppo crema veicolo, con un'incidenza molto bassa di eventi avversi segnalati e nessuna atrofia.38

Per quanto riguarda gli analoghi della vitamina D, l'unguento con calcipotriolo allo 0,005% ha determinato un miglioramento del 62% nel punteggio PASI modificato in pazienti adulti con IP.33 In un altro studio in aperto su 12 pazienti adulti, l'unguento con calcipotriolo allo 0,005% applicato due volte al giorno per 6 settimane ha determinato un miglioramento significativo, con riduzione del punteggio PASI modificato dal 31,7 al 6,2,44 Tuttavia, il 42% dei pazienti ha presentato irritazione cutanea perilesionale o lesionale.44 In un confronto randomizzato intra-individuale su 75 soggetti adulti tra l'applicazione due volte al giorno di 3 μg / g Unguento di calcitriolo rispetto a 50 μg / g di unguento di calcipotriolo sullo studio correlato delle lesioni di destra-sinistra, il calcitriolo è risultato più tollerato e più efficace nel trattamento della psoriasi nelle aree di flessione: 20 su 30 (67%) soggetti con calcitriolo e solo 10 33%) i soggetti con calcipotriolo erano chiari o quasi chiari.42

La terapia di seconda linea per la PI comprende emollienti e prodotti topici a base di catrame.32 Gli emollienti sono ben tollerati e possono essere usati in associazione con corticosteroidi topici. I prodotti a base di catrame potrebbero essere potenzialmente irritanti, quindi sono usati meno frequentemente. Dato che nel PI si riscontrano frequentemente superinfezioni batteriche e / o fungine, la terapia antimicrobica può essere utile per il potenziale ruolo di questi microrganismi nella produzione di reazioni infiammatorie e razzi, 45–47 sebbene l'evidenza sia bassa. Il consiglio medico della National Psoriasis Foundation suggerisce l'uso di agenti antibatterici e / o antifungini topici in combinazione con un corticosteroide o calcipotriolo topico a potenza medio-bassa. Pochi studi suggeriscono anche l'uso di antisettici come lo 0,5% di clorexidina, il 2% di eosina e lo 0,3% di cloroxilenolo.48,49

Le prove relative all'efficacia dei trattamenti sistemici per la PI (comprese le terapie sistemiche orali tradizionali come ciclosporina e metotrexato, sostanze biologiche, inibitori della PDE4 e dimetil fumarato) sono molto basse, principalmente perché sono indicate per la psoriasi a placche da moderata a grave e non hanno specificamente studiato in IP.6 isolato Alcune esperienze possono derivare dal trattamento della psoriasi dell'area anogenitale con sostanze biologiche. In particolare, un paziente con artrite psoriasica e un significativo coinvolgimento dei genitali e delle pieghe interglutei ha subito una regressione quasi completa delle lesioni genitali dopo 90 giorni di trattamento con adalimumab.50 In un altro paziente con lesioni psoriasiche che coinvolgono inguine, schisi glutea, fusto e glande pene, così come altre aree del corpo, è stato registrato un miglioramento significativo dopo 4 iniezioni di ustekinumab.51 Recentemente, uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato in placebo di fase IIIb ha riportato l'efficacia di ixekizumab nel trattamento da moderato a grave psoriasi genitale, con il 73% dei pazienti che raggiungono una pelle genitale chiara o quasi chiara alla settimana 12,52 Sebbene queste poche segnalazioni non forniscano dati sufficienti per supportare l'efficacia del trattamento biologico in PI, il loro uso potrebbe essere raccomandato in recalcitrante, da moderato a grave casi. Complessivamente, i trattamenti sistemici e biologici tradizionali potrebbero essere utili per gravi IP resistenti al trattamento topico e / o alla psoriasi diffusa con coinvolgimento della flessione / genitale.6

Altri trattamenti riportati aneddoticamente per IP resistenti ai trattamenti tradizionali comprendono il laser ad eccimeri, che ha dimostrato efficacia in alcuni casi con effetti collaterali minimi, 53 e iniezioni di tossina botulinica che hanno determinato un certo miglioramento probabilmente attraverso la prevenzione del sudore e la conseguente macerazione cutanea e infezioni secondarie.54 , il dithranol topico, i retinoidi e l'acido salicilico potrebbero essere usati come terapia di terza linea, poiché sono generalmente irritanti.32

conclusioni

La psoriasi inversa è considerata un sito speciale di coinvolgimento della psoriasi piuttosto che una malattia separata.1 A volte è difficile da diagnosticare a causa della sua somiglianza clinica con altri disturbi della pelle che coinvolgono le pieghe. La dermatoscopia rappresenta uno strumento utile per una diagnosi non invasiva potenziata. Il trattamento può essere impegnativo poiché le aree intergiganti sono più soggette agli effetti collaterali indotti dalle terapie topiche tradizionali. Secondo un consenso e una recente revisione sistematica, alternare TCI o un analogo della vitamina D con corticosteroidi topici a breve termine può rappresentare la migliore strategia.6

Divulgazione

Maria Letizia Musumeci riporta tasse personali da Abbvie, tasse personali da Biogen, tasse personali da Janssen Cilag, tasse personali da Eli Lilly, tasse personali da Novartis, al di fuori dell'opera presentata. Gli autori non segnalano altri conflitti di interesse in questo lavoro.

Riferimenti

1. Omland SH, Gniadecki R. La psoriasi inversa: un'identità separata o una variante della psoriasi vulgaris?
Clin Dermatol. 2015;33(4): 456-461. doi: 10.1016 / j.clindermatol.2015.04.007 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
2. Syed ZU, Khachemoune A. Psoriasi inversa: presentazione e revisione del caso. Am J Clin Dermatol. 2011;12(2): 143-146. doi: 10.2165 / 11532060-000000000-00000 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
3. Fan X, Yang S, Sun LD, et al. Confronto delle caratteristiche cliniche dei pazienti con psoriasi HLA-Cw * 0602 positiva e negativa in una popolazione cinese Han. Acta Derm Venereol. 2007;87: 335-340. doi: 10.2340 / 00015555-0253 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
4. Fouere S, Adjadj L, Pawin H. In che modo i pazienti sperimentano la psoriasi: risultati di un sondaggio europeo. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2005;3(Suppl 19): 2-6. doi: 10.1111 / j.1468-3083.2005.01329.x (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
5. Bronckers IM, Paller AS, van Geel MJ, van de Kerkhof PC, Seyger MM. Psoriasi nei bambini e negli adolescenti: diagnosi, gestione e comorbidità. Farmaci pediatrici. 2015;17(5): 373-384. doi: 10.1007 / s40272-015-0137-1 (Articolo gratuito PMC) (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
6. Reynolds KA, Pithadia DJ, Lee EB, Wu JJ. Trattamenti per la psoriasi inversa: una revisione sistematica. J Dermatolog Treat. 2019; 1-23. doi: 10.1080 / 09546634.2019.1620912 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
7. Cohen JM, Halim K, Joyce CJ, Patel M, Qureshi AA, Merola JF. Fare luce sulla “psoriasi nascosta”: uno studio pilota sul questionario sulla psoriasi inversa (IPBOD). J Drugs Dermatol. 2016;15(8): 1011-1016. (PubMed) (Google Scholar)
9. Morar N, Willis-Owen SA, Maurer T, Bunker CB. Psoriasi associata all'HIV: patogenesi, caratteristiche cliniche e gestione. Lancet Infect Dis. 2010;10: 470-478. doi: 10.1016 / S1473-3099 (10) 70101-8 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
10. Merola JF, Qureshi A, Husni ME. Psoriasi non diagnosticata e non trattata: sfumature di trattamento della psoriasi che colpiscono il cuoio capelluto, il viso, le aree intergiganti, i genitali, le mani, i piedi e le unghie. Dermatol Ther. 2018;31(3): E12589. doi: 10.1111 / dth.2018.31.issue-3 (Articolo gratuito PMC) (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
11. Wilmer EN, Hatch RL. Resistente “intertrigine candidale”: la psoriasi inversa potrebbe essere il vero colpevole?
J Am Board Fam. Med. 2013;26(2): 211-214. doi: 10.3122 / jabfm.2013.02.120210 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
12. Weisenseel P, Reich K. La psoriasi inversa. Hautarzt. 2015;6: 408-412. doi: 10.1007 / s00105-015-3628-7 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
13. Janniger CK, Schwartz RA, Szepietowski JC, Reich A. Intertrigo e comuni infezioni cutanee secondarie. Am Fam Physician. 2005;72(5): 833-838. (PubMed) (Google Scholar)
14. Brandon A, Mufti A, Gary Sibbald R. Diagnosi e gestione della psoriasi cutanea: una revisione. Adv Skin Wound Care. 2019;32(2): 58-69. doi: 10.1097 / 01.ASW.0000550592.08674.43 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
15. Errichetti E, Lacarrubba F, Micali G, Stinco G. Dermoscopia della balanite plasmatica degli zooni. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2016;30(12): E209-E210. doi: 10.1111 / jdv.13538 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
16. Errichetti E, Lallas A, Di Stefani A, et al. Precisione della dermoscopia nel distinguere l'eritroplasia del queyrat dalle forme comuni di balanite cronica: risultati di uno studio osservazionale multicentrico. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2019;33(5): 966-972. doi: 10.1111 / jdv.2019.33.issue-5 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
17. Micali G, Lacarrubba F, Massimino D, Schwartz RA. Dermatoscopia: usi alternativi nella pratica clinica quotidiana. J Am Acad Dermatol. 2011;64(6): 1135-1146. doi: 10.1016 / j.jaad.2010.03.010 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
18. Lacarrubba F, Ardigò M, Di Stefani A, Verzì AE, Micali G. Correlazioni di microscopia confocale di dermatoscopia e riflettanza nei disturbi non melanocitici. Dermatol Clin. 2018;36(4): 487-501. doi: 10.1016 / j.det.2018.05.015 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
19. Micali G, Verzì AE, Lacarrubba F. Usi alternativi della dermoscopia nella pratica clinica quotidiana: un aggiornamento. J Am Acad Dermatol. 2018;79(6): 1117-1132.e1. doi: 10.1016 / j.jaad.2018.06.021 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
20. Micali G, Lacarrubba F, Musumeci ML, Massimino D, Nasca MR. Modelli vascolari cutanei nella psoriasi. Int J Dermatol. 2010;49(3): 249-256. doi: 10.1111 / ijd.2010.49.issue-3 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
21. Lacarrubba F, Musumeci ML, Ferraro S, Stinco G, Verzì AE, Micali G. Un confronto a tre coorti con evidenza videodermatoscopica del modello microvascolare capillare distinto omogeneo nella psoriasi vs dermatite atopica e dermatite da contatto. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2016;30(4): 701-703. doi: 10.1111 / jdv.12998 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
22. Nasca MR, Lacarrubba F, Caltabiano R, Micali G. Galleria di immagini: riproduzione del segno di auspitz mediante videodermatoscopia, microscopia confocale e istopatologia orizzontale. Br J Dermatol. 2019;180(6): E178. doi: 10.1111 / bjd.2019.180.issue-6 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
23. Micali G, Nardone B, Scuderi A, Lacarrubba F. La videodermatoscopia migliora la capacità diagnostica della psoriasi palmare e / o plantare. Am J Clin Dermatol. 2008;9(2): 119-122. doi: 10.2165 / 00128071-200809020-00005 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
24. Lacarrubba F, Nasca MR, Micali G. La videodermatoscopia migliora la capacità diagnostica nella balanite psoriasica. J Am Acad Dermatol. 2009;61(6): 1084-1086. doi: 10.1016 / j.jaad.2009.04.012 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
25. Musumeci ML, Lacarrubba F, Verzì AE, Micali G. Valutazione del modello vascolare nelle placche psoriasiche nei bambini mediante videodermatoscopia: uno studio comparativo aperto. Dermatol pediatrico. 2014;31(5): 570-574. doi: 10.1111 / pde.2014.31.issue-5 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
26. Musumeci ML, Lacarrubba F, Catalfo P, Scilletta B, Micali G. La valutazione della videodermatoscopia del modello vascolare distinto della psoriasi migliora la capacità diagnostica della psoriasi inversa. G Ital Dermatol Venereol. 2017;152(1): 88-90. doi: 10.23736 / S0392-0488.16.05212-3 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
27. Rosina P, Zamperetti MR, Giovannini A, Girolomoni G. Videocapillaroscopia nella diagnosi differenziale tra psoriasi e dermatite seborroica del cuoio capelluto. Dermatologia. 2007;214(1): 21-24. doi: 10.1159 / 000096908 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
28. Borghi A, Virgili A, Corazza M. Dermoscopia delle malattie genitali infiammatorie: approfondimenti pratici. Dermatol Clin. 2018;36(4): 451-461. doi: 10.1016 / j.det.2018.05.013 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
29. Lacarrubba F, Verzì AE, Ardigò M, Micali G. Microscopia confocale a riflettanza portatile, dermatoscopia e correlazione istopatologica della balanite infiammatoria comune. Skin Res Technol. 2018;24(3): 499-503. doi: 10.1111 / srt.2018.24.issue-3 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
30. Lacarrubba F, Pellacani G, Gurgone S, Verzì AE, Micali G. Progressi nelle tecniche non invasive come ausilio per la diagnosi e il monitoraggio della risposta terapeutica nella psoriasi a placche: una revisione. Int J Dermatol. 2015;54(6): 626-634. doi: 10.1111 / ijd.2015.54.issue-6 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
31. Verzì AE, Lacarrubba F, Caltabiano R, Broggi G, Musumeci ML, Micali G. Le caratteristiche al microscopio confocale a riflettanza della psoriasi a placche si sovrappongono a sezioni istopatologiche orizzontali: una serie di casi. Am J Dermatopathol. 2019;41(5): 355-357. doi: 10.1097 / DAD.0000000000001297 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
32. Khosravi H, deputato Siegel, Van Voorhees AS, Merola JF. Trattamento della psoriasi inversa / intertriginosa: linee guida aggiornate dal consiglio medico della fondazione nazionale per la psoriasi. J Drugs Dermatol. 2017;16(8): 760-766. (PubMed) (Google Scholar)
33. Kreuter A, Sommer A, Hyun J, et al. 1% di pimecrolimus, 0,005% di calcipotriolo e 0,1% di betametasone nel trattamento della psoriasi intertriginosa: uno studio controllato in doppio cieco, randomizzato. Arch Dermatol. 2006;142(9): 1138-1143. doi: 10.1001 / archderm.142.9.1138 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
34. Lebwohl MG, Tan MH, Meador SL, Cantante G. Applicazione limitata di unguento al fluticasone propionato, 0,005% nei pazienti con psoriasi del viso e aree intertriginose. J Am Acad Dermatol. 2001;44(1): 77-82. doi: 10.1067 / mjd.2001.110046 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
35. Kalb RE, Bagel J, Korman NJ, et al., National Psoriasis Foundation. Trattamento della psoriasi intergigante: dal consiglio medico della fondazione nazionale per la psoriasi. J Am Acad Dermatol. 2009;60(1):120–124. doi:10.1016/j.jaad.2008.06.041 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
36. Malecic N, Young H. Tacrolimus for the management of psoriasis: clinical utility and place in therapy. Psoriasis (Auckl). 2016;6:153–163. doi:10.2147/PTT.S101233 (PMC free article) (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
37. Lebwohl M, Freeman AK, Chapman MS, Feldman SR, Hartle JE, Henning A. Tacrolimus ointment is effective for facial and intertriginous psoriasis. J Am Acad Dermatol. 2004;51(5):723–730. doi:10.1016/j.jaad.2004.07.011 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
38. Gribetz C, Ling M, Lebwohl M, et al. Pimecrolimus cream 1% in the treatment of intertriginous psoriasis: a double-blind, randomized study. J Am Acad Dermatol. 2004;51(5):731–738. doi:10.1016/j.jaad.2004.06.010 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
39. Freeman AK, Linowski GJ, Brady C, et al. Tacrolimus ointment for the treatment of psoriasis on the face and intertriginous areas. J Am Acad Dermatol. 2003;48:564–568. doi:10.1067/mjd.2003.169 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
40. Ezquerra GM, Regana MS, Acosta EH, Millet PU. Topical tacrolimus for the treatment of psoriasis on the face, genitalia, intertriginous areas and corporal plaques. J Drugs Dermatol. 2006;5:334–343. (PubMed) (Google Scholar)
41. Brune A, Miller DW, Lin P, Cotrim-Russi D, Paller AS. Tacrolimus ointment is effective for psoriasis on the face and intertriginous areas in pediatric patients. Pediatr Dermatol. 2007;24:76–80. doi:10.1111/j.1525-1470.2007.00341.x (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
42. Ortonne JP, Humbert P, Nicolas JF, et al. Intra-individual comparison of the cutaneous safety and efficacy of calcitriol 3 ug g-1 ointment and calcipotriol 50 ug g-1 ointment on chronic plaque psoriasis localized in facial, hairline, retroauricular or flexural areas. Br J Dermatol. 2003;148(2):326–333. doi:10.1046/j.1365-2133.2003.05228.x (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
43. Dattola A, Silvestri M, Bennardo L, et al. Update of calcineurin inhibitors to treat inverse psoriasis: a systematic review. Dermatol Ther. 2018;31(6):e12728. doi:10.1111/dth.v31.6 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
44. Kienbaum S, Lehmann P, Ruzicka T. Topical calcipotriol in the treatment of intertriginous psoriasis. Br J Dermatol. 1996;135(4):647–650. doi:10.1111/j.1365-2133.1996.tb03851.x (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
45. Noah PW. The role of microorganisms in psoriasis. Semin Dermatol. 1990;9(4):269–276. (PubMed) (Google Scholar)
46. Rosenberg EW, Noah PW, Skinner RB Jr, Vander Zwaag R, West SK, Browder JF. Microbial associations of 167 patients with psoriasis. Acta Derm Venereol Suppl (Stockh). 1989;146:72–74. (PubMed) (Google Scholar)
47. Flytström I, Bergbrant IM, Bråred J, Brandberg LL. Microorganisms in intertriginous psoriasis: no evidence of candida. Acta Derm Venereol. 2003;83(2):121–123. doi:10.1080/00015550310007463 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
48. Arnold WP, Van Der Meer YG. Does adding of chlorhexidine 0.5% to topical corticosteroids enhance efficacy in the treatment of atopic dermatitis and inverse psoriasis? Results of a double-blind study. Ned Tijdschr Dermatol Venereol. 2005;15(8):340–342. (Google Scholar)
49. Leigheb G, Gallus D, Spano G. Treatment of psoriasis with an antiseptic combination, in a double-blind comparison versus eosin. G Ital Dermatol Venereol. 2000;135(1):107‐14. (Google Scholar)
50. Ješe R, Perdan-Pirkmajer K, Dolenc-Voljč M, Tomšič M. A case of inverse psoriasis successfully treated with adalimumab. Acta Dermatovenerol Alp Pannonica Adriat. 2014;23(1):21–23. (PubMed) (Google Scholar)
52. Ryan C, Menter A, Guenther L, et al.; IXORA-Q Study Group. Efficacy and safety of ixekizumab in a randomized, double-blinded, placebo-controlled phase IIIb study of patients with moderate-to-severe genital psoriasis. Br J Dermatol. 2018;179(4):844–852. doi:10.1111/bjd.2018.179.issue-4 (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
53. Mafong EA, Friedman PM, Kauvar AN, Bernstein LJ, Alexiades-Armenakas M, Geronemus RG. Treatment of inverse psoriasis with the 308 nm excimer laser. Dermatol Surg. 2002;28(6):530–532. doi:10.1046/j.1524-4725.2002.12005.x (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)
54. Zanchi M, Favot F, Bizzarini M, Piai M, Donini M, Sedona P. Botulinum toxin type-A for the treatment of inverse psoriasis. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2008;22(4):431–436. doi:10.1111/j.1468-3083.2007.02457.x (PubMed) (CrossRef) (Google Scholar)

Articles from Clinical, Cosmetic and Investigational Dermatology are provided here courtesy of Dove Press

Psorilax:Eliminare |crema nivea per psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, originale

L'elenco degli ingredienti di molti prodotti di bellezza può essere estremamente lungo, per non parlare delle parole e dei simboli scientifici che non hanno molto senso.

Voglio sapere di più su ciò che mi schiaffeggia sul viso, ma le liste che inducono mal di testa sul retro dei miei prodotti sono travolgenti e mi fanno scoraggiare dal mondo della bellezza pulita.

Ma quando ho sentito Queer Eye l'ospite Jonathan Van Ness – o come mi piace chiamarlo affettuosamente “Clean Kween” – stava visitando l'Australia, sapevo che era un'opportunità per diventare realisti su ciò che è nei miei prodotti.

JVN, l'esperto di toelettatura dello show Netflix di successo, è stato un grande fan del marchio di bellezza pulita Biossance sin da quando era un “bambino”, dicendo a The Beauty Diary che ha iniziato a usarlo a giugno 2017, durante le riprese della prima stagione di Queer Eye.

L'elenco degli ingredienti che inducono mal di testa sul retro di uno dei miei prodotti per la cura della pelle a casa. Immagine: fornita

L'elenco degli ingredienti che inducono mal di testa sul retro di uno dei miei prodotti per la cura della pelle a casa. Immagine: fornita

“Vivevo ad Atlanta e avevo una riacutizzazione della psoriasi, che è una condizione in cui il sistema immunitario del tuo bambino sta perdendo troppa pelle”, ha recentemente dichiarato Van Ness a TBD in occasione di un evento di Biossance.

“È stato un tale riacutizzazione e tutto ciò che stavo usando mi ha sconvolto la pelle, che è stato quando ho scoperto il marchio e ho iniziato a usarlo in modo coerente e sento che mi ha tranquillamente calmato.”

Ora è un ambasciatore dell'azienda, con Catherine Gore, il presidente del marchio che rivela che non poteva crederci quando ha saputo che Jonathan era un fan.

“Ricordiamo che quando ha usato Biossance per la prima volta, stavamo tutti esultando, pensando” come fa a saperlo “perché eravamo un marchio per bambini”, ha spiegato. “Ma Jonathan è stata una delle prime persone a utilizzare il marchio e a seguirlo davvero.”

Il personaggio televisivo americano Jonathan Van Ness si è rivolto a prodotti con ingredienti minimi e ha trovato un marchio

Il personaggio televisivo americano Jonathan Van Ness si è rivolto a prodotti con ingredienti minimi e ha trovato un marchio “pulito” chiamato Biossance. Immagine: fornita

L'azienda ha ormai quattro anni e ha 18 prodotti per la cura della pelle “puliti” – ma nonostante il suo successo, Catherine afferma che le persone spesso si confondono su ciò che significa effettivamente pulizia, in particolare su come differisce dalla bellezza naturale.

È sicuramente qualcosa di cui io stesso e i lettori di The Beauty Diary abbiamo discusso nel nostro gruppo di Facebook – quindi ero desideroso di approfondire.

“Per la pulizia, l'attenzione è rivolta alla formulazione dei prodotti utilizzando ingredienti che si sono dimostrati sicuri e non dannosi per la salute o la salute del pianeta”, ha spiegato Catherine a TBD.

“Un marchio naturale trarrà i suoi ingredienti dalla natura, esempi possono includere olii vegetali, sali naturali e resine, ma non tutti gli ingredienti non completamente naturali sono sicuri o di provenienza sostenibile.

“Un buon esempio” naturale “è il legno di sandalo, spesso questo ingrediente non è di origine sostenibile o coltivato.”

“Un buon esempio di prodotto pulito e naturale è il balsamo per le labbra”, ha continuato. “Storicamente, molti balsami per le labbra dicono che sono naturali ma c'è ancora un derivato animale – di solito cera d'api – in loro.”

Catherine Gore e Jonathan Van Ness hanno svelato alcuni miti sulla bellezza per The Beauty Diary. Immagine: fornita

Catherine Gore e Jonathan Van Ness hanno svelato alcuni miti sulla bellezza per The Beauty Diary. Immagine: fornita

Un'altra battaglia Catherine ha affermato che il marchio deve affrontare la convinzione che “pulito” non sia efficace quanto i suoi concorrenti “non puliti” che utilizzano ingredienti sostenuti dalla scienza.

“Quando si tratta di prodotti per la cura della pelle, dover scegliere tra ingredienti puliti o efficacia non è più una decisione che devi prendere”, ha detto.

“Gli ingredienti provati clinicamente, efficaci e sostenibili sono possibili perché la scienza e gli ingredienti sono così buoni, che pulito e clinico sono la stessa cosa.

“Lo chiamiamo cleanical.”

Jonathan è un grande sostenitore dei risultati, rivelando che i suoi prodotti preferiti includono Balsamo labbra alla rosa vegana ($ 18 a Sephora) che usa anche come gel per sopracciglia “tutto il tempo”.
“È incredibile, mi sento come se avesse un effetto duraturo sulle mie labbra tra un utilizzo e l'altro, non è uno di quei balsami per le labbra che si perpetuano dove devi continuare a usarlo, altrimenti ti si screpolano ulteriormente”, ha detto.

Un altro dei suoi favoriti, è il Squalane + Crema occhi alle alghe marine ($ 54 a Sephora) è il suo eroe “letterale”, ammettendo che è stato conosciuto per usarlo su tutto il viso oltre ad essere un “fan gigantesco” del Squalane + Tea Tree Balancing Oil ($ 49 a Sephora) che ha detto è stato ottimo per la pelle grassa e per i breakout.

Se hai notato che usano molto lo squalane, avresti ragione: è un ingrediente fondamentale in tutti i suoi prodotti e proviene dal 100% di canna da zucchero rinnovabile a base vegetale.

I drogati di bellezza lo sapranno, lo squalane è un ingrediente spuntato in molti prodotti ultimamente, ma se non ne hai mai sentito parlare prima, Catherine lo spiega brillantemente.

“Se pensi all'acido iauronico come trattenere l'umidità, lo squalano è umidità”, ha detto, aggiungendo che si trova naturalmente nella nostra pelle “, ma perdiamo quasi completamente all'età di 60 anni”, afferma Catherine.

Ora hai la testa su cos'è la bellezza pulita, ecco alcuni dei miei prodotti puliti preferiti.

Hai perso una colonna? Resta aggiornato su tutte le azioni di The Beauty Diary qui.

SIERO DUO BIOLOGI BQK RADIANCE FACE

Questo marchio Byron Bay ha ingredienti super minimali, con solo due articoli in ciascuno di questi sieri. Immagine: fornita

Questo marchio Byron Bay ha ingredienti super minimali, con solo due articoli in ciascuno di questi sieri. Immagine: fornita

Disponibile su biologi.com.au e adorebeauty.com.au

Prezzo: $ 138

Ci sono molti lettori di Beauty Diary che parlano di questo marchio Byron Bay nel nostro gruppo di Facebook – ed è perché è dannatamente buono. Il siero Bqk è in realtà composto da due prodotti abbinati, un siero mattutino a base di estratto di prugna Kakadu e un siero da sera a base di estratto di Quandong. Entrambi contengono 0,2 per cento di benzoato di sodio, un conservante che mantiene stabile l'estratto. Quello a base di prugna è da utilizzare al mattino quando ti assorbe con una quantità di livello successivo di vitamina C (100 volte quella inn un'arancia). Trovato naturalmente nel frutto nativo, è usato per illuminare la pelle e ridurre l'infiammazione. Contiene anche acido gallico, un attivo che viene utilizzato per trattare le occhiaie e battere le rughe. Di notte dopo una doppia pulizia, si utilizza quindi una pompa salutare del Quandong – un siero di pesca nativo – che aiuta la pelle a riprendersi da fattori ambientali come i danni del sole che possono causare secchezza e sensibilità. Rimette anche l'umidità in faccia.

E santo guac, questi due sieri insieme sono come una magia. Dalla prima applicazione mattutina, la mia pelle è stata immediatamente illuminata e meno gonfia intorno agli occhi, un'area in cui faccio fatica a essere un nottambulo che deve svegliarsi ogni giorno prima dell'alba.

La formula non è come un normale siero, è super sottile, oleosa quasi uniforme, quindi ci vuole un po 'più di tempo per immergerti nella pelle – ma resta fedele, lascialo riposare qualche minuto e poi massaggia in eccesso. È il prodotto più semplice, con solo due ingredienti ciascuno, semplificherà sicuramente la tua routine di cura della pelle se stai cercando di tornare indietro e tornare alle origini.

OLIO PER IL CORPO DEL SONNO INDE LEE

Hai bisogno di qualche Zzz in più? Prova questo bambino. Immagine: fornita

Hai bisogno di qualche Zzz in più? Prova questo bambino. Immagine: fornita

Disponibile a Sephora

Prezzo: $ 70

Chi non vuole dormire meglio? So di prima mano che è un argomento di cui i lettori di news.com.au sono ossessionati, quindi quando un prodotto di bellezza si è presentato sulla mia scrivania che afferma che ti calma e rilassa per un sonno più profondo, più riposante E dona alla tua pelle una bontà idratante , Ero incuriosito. La bottiglia ha un ugello spray, qualcosa che non mi aspettavo da un prodotto a base di olio, ma si spruzza uniformemente e sei immediatamente colpito da una distesa rilassante di lavanda e camomilla. Ero un po 'preoccupato che avrebbe lasciato la mia pelle unta e avrebbe lasciato segni sulla mia biancheria da letto quando l'ho applicata appena prima di andare a letto, ma la formula è davvero delicata e non segna le mie lenzuola. Per quanto riguarda la pelle, mi fa sentire il bambino morbido dappertutto e l'ho trovato massaggiato molto facilmente. Non posso dire che mi abbia sicuramente aiutato a ottenere degli Zzz extra, ma è un bel tocco rilassante prima di andare a letto che ti aiuta a rilassarti e ad avere voglia di dormire.

BIOSSANCE SQUALANE + OLIO DI ROSA VITAMINA C

Se è abbastanza buono per JVN, è abbastanza buono per me. Immagine: fornita

Se è abbastanza buono per JVN, è abbastanza buono per me. Immagine: fornita

Disponibile a Sephora

Prezzo: $ 112

Sì, lo so, il secondo olio in questa colonna che è scioccante per questa persona grassa dalla pelle grassa. Ma ora sono un fan degli olii, quindi se ti sei perso quel memo, ma puoi scoprire cosa mi ha influenzato qui. Il motivo per cui mi piace questo prodotto “pulito” è perché è super idratante e illuminante senza farmi sembrare lucido e lucido. In realtà lascia la mia pelle super luminosa e richiede solo poche gocce per essere efficace. Ovviamente, ho verificato con il mio nuovo BFF JVN come questo dovrebbe essere usato (ok, era un rappresentante del marchio ma whatevs) e non abbandonare i sieri per questo. Invece, applica la tua routine di cura della pelle come di consueto e quindi l'ultimo passo è usare questo olio per bloccare tutta la bontà. Parlare di genio.

TASTI ESFOLIANTI GO-TO

Sono ossessionato da tutte le cose da fare e questi colpi sono irreali. Immagine: fornita

Sono ossessionato da tutte le cose da fare e questi colpi sono irreali. Immagine: fornita

Disponibile su La Mecca e gotoskincare.com

Prezzo: $ 46

Sono un piacere così sanguinoso, non so nemmeno da dove cominciare. L'elenco degli ingredienti è super semplice, con ingredienti tra cui acqua, acido lattico e aloe vera. Go-To promette di mantenere la cura della pelle semplice e questi sono davvero all'altezza di tale affermazione. Sono super maneggevoli, regalano al viso uno scrub profondo senza danneggiare la pelle e hanno un profumo di agrumi fresco e sognante a base di una miscela di oli essenziali. Sono un grande fan di questo marchio, essendo stato convertito ad includere una purificazione dell'olio nella mia routine dal creatore del marchio Zoe Foster-Blake di recente e adoro anche le maschere per il viso. Ma gli Swipey sono probabilmente uno dei miei articoli preferiti nella linea in quanto sono così convenienti ed efficaci.

IDRATANTE GEL IDALURONICO TATA HARPER

Una volta superato il profumo terroso, sarai catturato da questo marchio pulito. Immagine: fornita

Una volta superato il profumo terroso, sarai catturato da questo marchio pulito. Immagine: fornita

Disponibile a Sephora

Prezzo: $ 190

Tutto ciò che riguarda questo marchio è boujee AF, dalla bottiglia di vetro verde che ti incoraggiano a riciclare agli ingredienti all'interno che sono coltivati ​​nella fattoria biologica di 200 acri del marchio nella Champlain Valley, nel Vermont. Prende il nome dal comproprietario Tata che ha fondato il marchio di cura della pelle con suo marito, ogni prodotto realizzato è atossico e con ingredienti supportati dalla scienza. Sono stato innamorato di questa crema idratante da quando è atterrato sulla mia scrivania l'anno scorso, è super idratante e il gel leggero è super calmante e ottimo per i tipi di pelle grassa. Funziona grazie all'acido ialuronico, un idratante naturale che contiene 1000 volte il suo peso in acqua. Ciò che è sorprendentemente diverso nei prodotti Tata rispetto ad altri marchi puliti è la sua netta mancanza di fragranza – non c'è un accenno di olio essenziale da soffiare qui. Questa crema idratante in gel ha un odore terroso davvero unico che richiede alcuni usi per abituarsi ed è molto diversa dalle offerte troppo elaborate che sporcano l'industria della bellezza. Se vuoi una bellezza pulita, naturale e sostenuta dalla scienza, questo è il marchio che fa per te.

Questa colonna non è un contenuto pubblicitario. Ogni recensione è indipendente, onesta e senza pubblicità.

Se hai una domanda su un prodotto di bellezza o un oggetto che vorresti vedere testato su strada nel Diario di bellezza, passa al nostro gruppo Facebook ufficiale dove puoi unirti ai drogati di bellezza affini.

Puoi anche prendermi su Instagram o Tweet io – non dimenticare di hashtag #TheBeautyDiary

La bottiglia di un prodotto Biossance ha un elenco di ingredienti molto più piccolo. Immagine: fornita

La bottiglia di un prodotto Biossance ha un elenco di ingredienti molto più piccolo. Immagine: fornita

Psorilax:come si usa |psoriasi quale crema solare mettere

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, originale

L'elenco degli ingredienti di molti prodotti di bellezza può essere estremamente lungo, per non parlare delle parole e dei simboli scientifici che non hanno molto senso.

Voglio sapere di più su ciò che mi schiaffeggia sul viso, ma le liste che inducono mal di testa sul retro dei miei prodotti sono travolgenti e mi fanno scoraggiare dal mondo della bellezza pulita.

Ma quando ho sentito Queer Eye l'ospite Jonathan Van Ness – o come mi piace chiamarlo affettuosamente “Clean Kween” – stava visitando l'Australia, sapevo che era un'opportunità per diventare realisti su ciò che è nei miei prodotti.

JVN, l'esperto di toelettatura dello show Netflix di successo, è stato un grande fan del marchio di bellezza pulita Biossance sin da quando era un “bambino”, dicendo a The Beauty Diary che ha iniziato a usarlo a giugno 2017, durante le riprese della prima stagione di Queer Eye.

L'elenco degli ingredienti che causano mal di testa sul retro di uno dei miei prodotti per la cura della pelle a casa. Immagine: fornita

L'elenco degli ingredienti che inducono mal di testa sul retro di uno dei miei prodotti per la cura della pelle a casa. Immagine: fornita

“Vivevo ad Atlanta e avevo una riacutizzazione della psoriasi, che è una condizione in cui il sistema immunitario del tuo bambino sta perdendo troppa pelle”, ha recentemente dichiarato Van Ness a TBD in occasione di un evento di Biossance.

“È stato un tale riacutizzazione e tutto ciò che stavo usando mi ha sconvolto la pelle, che è stato quando ho scoperto il marchio e ho iniziato a usarlo in modo coerente e sento che mi ha tranquillamente calmato.”

Ora è un ambasciatore dell'azienda, con Catherine Gore, il presidente del marchio che rivela che non poteva crederci quando ha saputo che Jonathan era un fan.

“Ricordiamo che quando ha usato Biossance per la prima volta, stavamo tutti esultando, pensando” come fa a saperlo “perché eravamo un marchio per bambini”, ha spiegato. “Ma Jonathan è stata una delle prime persone a utilizzare il marchio e a seguirlo davvero.”

Il personaggio televisivo americano Jonathan Van Ness si è rivolto a prodotti con ingredienti minimi e ha trovato un marchio

Il personaggio televisivo americano Jonathan Van Ness si è rivolto a prodotti con ingredienti minimi e ha trovato un marchio “pulito” chiamato Biossance. Immagine: fornita

L'azienda ha ormai quattro anni e ha 18 prodotti per la cura della pelle “puliti” – ma nonostante il suo successo, Catherine afferma che le persone spesso si confondono su ciò che significa effettivamente pulizia, in particolare su come differisce dalla bellezza naturale.

È sicuramente qualcosa di cui io stesso e i lettori di The Beauty Diary abbiamo discusso nel nostro gruppo di Facebook – quindi ero desideroso di approfondire.

“Per la pulizia, l'attenzione è rivolta alla formulazione dei prodotti utilizzando ingredienti che si sono dimostrati sicuri e non dannosi per la salute o la salute del pianeta”, ha spiegato Catherine a TBD.

“Un marchio naturale trarrà i suoi ingredienti dalla natura, esempi possono includere olii vegetali, sali naturali e resine, ma non tutti gli ingredienti non completamente naturali sono sicuri o di provenienza sostenibile.

“Un buon esempio” naturale “è il legno di sandalo, spesso questo ingrediente non è di origine sostenibile o coltivato.”

“Un buon esempio di prodotto pulito e naturale è il balsamo per le labbra”, ha continuato. “Storicamente, molti balsami per le labbra dicono che sono naturali ma c'è ancora un derivato animale – di solito cera d'api – in loro.”

Catherine Gore e Jonathan Van Ness hanno svelato alcuni miti sulla bellezza per The Beauty Diary. Immagine: fornita

Catherine Gore e Jonathan Van Ness hanno svelato alcuni miti sulla bellezza per The Beauty Diary. Immagine: fornita

Un'altra battaglia Catherine ha affermato che il marchio deve affrontare la convinzione che “pulito” non sia efficace quanto i suoi concorrenti “non puliti” che utilizzano ingredienti sostenuti dalla scienza.

“Quando si tratta di prodotti per la cura della pelle, dover scegliere tra ingredienti puliti o efficacia non è più una decisione che devi prendere”, ha detto.

“Gli ingredienti provati clinicamente, efficaci e sostenibili sono possibili perché la scienza e gli ingredienti sono così buoni, che pulito e clinico sono la stessa cosa.

“Lo chiamiamo cleanical.”

Jonathan è un grande sostenitore dei risultati, rivelando che i suoi prodotti preferiti includono Balsamo labbra alla rosa vegana ($ 18 a Sephora) che usa anche come gel per sopracciglia “tutto il tempo”.
“È incredibile, mi sento come se avesse un effetto duraturo sulle mie labbra tra un utilizzo e l'altro, non è uno di quei balsami per le labbra che si perpetuano dove devi continuare a usarlo, altrimenti ti si screpolano ulteriormente”, ha detto.

Un altro dei suoi favoriti, è il Squalane + Crema occhi alle alghe marine ($ 54 a Sephora) è il suo eroe “letterale”, ammettendo che è stato conosciuto per usarlo su tutto il viso oltre ad essere un “fan gigantesco” del Squalane + Tea Tree Balancing Oil ($ 49 a Sephora) che ha detto è stato ottimo per la pelle grassa e per i breakout.

Se hai notato che usano molto lo squalane, avresti ragione: è un ingrediente fondamentale in tutti i suoi prodotti e proviene dal 100% di canna da zucchero rinnovabile a base vegetale.

I drogati di bellezza lo sapranno, lo squalane è un ingrediente spuntato in molti prodotti ultimamente, ma se non ne hai mai sentito parlare prima, Catherine lo spiega brillantemente.

“Se pensi all'acido iauronico come trattenere l'umidità, lo squalano è umidità”, ha detto, aggiungendo che si trova naturalmente nella nostra pelle “, ma perdiamo quasi completamente all'età di 60 anni”, afferma Catherine.

Ora hai la testa su cos'è la bellezza pulita, ecco alcuni dei miei prodotti puliti preferiti.

Hai perso una colonna? Resta aggiornato su tutte le azioni di The Beauty Diary qui.

SIERO DUO BIOLOGI BQK RADIANCE FACE

Questo marchio Byron Bay ha ingredienti super minimali, con solo due articoli in ciascuno di questi sieri. Immagine: fornita

Questo marchio Byron Bay ha ingredienti super minimali, con solo due articoli in ciascuno di questi sieri. Immagine: fornita

Disponibile su biologi.com.au e adorebeauty.com.au

Prezzo: $ 138

Ci sono molti lettori di Beauty Diary che parlano di questo marchio Byron Bay nel nostro gruppo di Facebook – ed è perché è dannatamente buono. Il siero Bqk è in realtà composto da due prodotti abbinati, un siero mattutino a base di estratto di prugna Kakadu e un siero da sera a base di estratto di Quandong. Entrambi contengono 0,2 per cento di benzoato di sodio, un conservante che mantiene stabile l'estratto. Quello a base di prugna è da utilizzare al mattino quando ti assorbe con una quantità di livello successivo di vitamina C (100 volte quella inn un'arancia). Trovato naturalmente nel frutto nativo, è usato per illuminare la pelle e ridurre l'infiammazione. Contiene anche acido gallico, un attivo che viene utilizzato per trattare le occhiaie e battere le rughe. Di notte dopo una doppia pulizia, si utilizza quindi una pompa salutare del Quandong – un siero di pesca nativo – che aiuta la pelle a riprendersi da fattori ambientali come i danni del sole che possono causare secchezza e sensibilità. Rimette anche l'umidità in faccia.

E santo guac, questi due sieri insieme sono come una magia. Dalla prima applicazione mattutina, la mia pelle è stata immediatamente illuminata e meno gonfia intorno agli occhi, un'area in cui faccio fatica a essere un nottambulo che deve svegliarsi ogni giorno prima dell'alba.

La formula non è come un normale siero, è super sottile, oleosa quasi uniforme, quindi ci vuole un po 'più di tempo per immergerti nella pelle – ma resta fedele, lascialo riposare qualche minuto e poi massaggia in eccesso. È il prodotto più semplice, con solo due ingredienti ciascuno, semplificherà sicuramente la tua routine di cura della pelle se stai cercando di tornare indietro e tornare alle origini.

OLIO PER IL CORPO DEL SONNO INDE LEE

Hai bisogno di qualche Zzz in più? Prova questo bambino. Immagine: fornita

Hai bisogno di qualche Zzz in più? Prova questo bambino. Immagine: fornita

Disponibile a Sephora

Prezzo: $ 70

Chi non vuole dormire meglio? So di prima mano che è un argomento di cui i lettori di news.com.au sono ossessionati, quindi quando un prodotto di bellezza si è presentato sulla mia scrivania che afferma che ti calma e rilassa per un sonno più profondo, più riposante E dona alla tua pelle una bontà idratante , Ero incuriosito. La bottiglia ha un ugello spray, qualcosa che non mi aspettavo da un prodotto a base di olio, ma si spruzza uniformemente e sei immediatamente colpito da una distesa rilassante di lavanda e camomilla. Ero un po 'preoccupato che avrebbe lasciato la mia pelle unta e avrebbe lasciato segni sulla mia biancheria da letto quando l'ho applicata appena prima di andare a letto, ma la formula è davvero delicata e non segna le mie lenzuola. Per quanto riguarda la pelle, mi fa sentire il bambino morbido dappertutto e l'ho trovato massaggiato molto facilmente. Non posso dire che mi abbia sicuramente aiutato a ottenere degli Zzz extra, ma è un bel tocco rilassante prima di andare a letto che ti aiuta a rilassarti e ad avere voglia di dormire.

BIOSSANCE SQUALANE + OLIO DI ROSA VITAMINA C

Se è abbastanza buono per JVN, è abbastanza buono per me. Immagine: fornita

Se è abbastanza buono per JVN, è abbastanza buono per me. Immagine: fornita

Disponibile a Sephora

Prezzo: $ 112

Sì, lo so, il secondo olio in questa colonna che è scioccante per questa persona grassa dalla pelle grassa. Ma ora sono un fan degli olii, quindi se ti sei perso quel memo, ma puoi scoprire cosa mi ha influenzato qui. Il motivo per cui mi piace questo prodotto “pulito” è perché è super idratante e illuminante senza farmi sembrare lucido e lucido. In realtà lascia la mia pelle super luminosa e richiede solo poche gocce per essere efficace. Ovviamente, ho verificato con il mio nuovo BFF JVN come questo dovrebbe essere usato (ok, era un rappresentante del marchio ma whatevs) e non abbandonare i sieri per questo. Invece, applica la tua routine di cura della pelle come di consueto e quindi l'ultimo passo è usare questo olio per bloccare tutta la bontà. Parlare di genio.

TASTI ESFOLIANTI GO-TO

Sono ossessionato da tutte le cose da fare e questi colpi sono irreali. Immagine: fornita

Sono ossessionato da tutte le cose da fare e questi colpi sono irreali. Immagine: fornita

Disponibile su La Mecca e gotoskincare.com

Prezzo: $ 46

Sono un piacere così sanguinoso, non so nemmeno da dove cominciare. L'elenco degli ingredienti è super semplice, con ingredienti tra cui acqua, acido lattico e aloe vera. Go-To promette di mantenere la cura della pelle semplice e questi sono davvero all'altezza di tale affermazione. Sono super maneggevoli, regalano al viso uno scrub profondo senza danneggiare la pelle e hanno un profumo di agrumi fresco e sognante a base di una miscela di oli essenziali. Sono un grande fan di questo marchio, essendo stato convertito ad includere una purificazione dell'olio nella mia routine dal creatore del marchio Zoe Foster-Blake di recente e adoro anche le maschere per il viso. Ma gli Swipey sono probabilmente uno dei miei articoli preferiti nella linea in quanto sono così convenienti ed efficaci.

IDRATANTE GEL IDALURONICO TATA HARPER

Una volta superato il profumo terroso, sarai catturato da questo marchio pulito. Immagine: fornita

Una volta superato il profumo terroso, sarai catturato da questo marchio pulito. Immagine: fornita

Disponibile a Sephora

Prezzo: $ 190

Tutto ciò che riguarda questo marchio è boujee AF, dalla bottiglia di vetro verde che ti incoraggiano a riciclare agli ingredienti all'interno che sono coltivati ​​nella fattoria biologica di 200 acri del marchio nella Champlain Valley, nel Vermont. Prende il nome dal comproprietario Tata che ha fondato il marchio di cura della pelle con suo marito, ogni prodotto realizzato è atossico e con ingredienti supportati dalla scienza. Sono stato innamorato di questa crema idratante da quando è atterrato sulla mia scrivania l'anno scorso, è super idratante e il gel leggero è super calmante e ottimo per i tipi di pelle grassa. Funziona grazie all'acido ialuronico, un idratante naturale che contiene 1000 volte il suo peso in acqua. Ciò che è sorprendentemente diverso nei prodotti Tata rispetto ad altri marchi puliti è la sua netta mancanza di fragranza – non c'è un accenno di olio essenziale da soffiare qui. Questa crema idratante in gel ha un odore terroso davvero unico che richiede alcuni usi per abituarsi ed è molto diversa dalle offerte troppo elaborate che sporcano l'industria della bellezza. Se vuoi una bellezza pulita, naturale e sostenuta dalla scienza, questo è il marchio che fa per te.

Questa colonna non è un contenuto pubblicitario. Ogni recensione è indipendente, onesta e senza pubblicità.

Se hai una domanda su un prodotto di bellezza o un oggetto che vorresti vedere testato su strada nel Diario di bellezza, passa al nostro gruppo Facebook ufficiale dove puoi unirti ai drogati di bellezza affini.

Puoi anche prendermi su Instagram o Tweet io – non dimenticare di hashtag #TheBeautyDiary

La bottiglia di un prodotto Biossance ha un elenco di ingredienti molto più piccolo. Immagine: fornita

La bottiglia di un prodotto Biossance ha un elenco di ingredienti molto più piccolo. Immagine: fornita

Psorilax:controindicazioni |crema per la psoriasi inversa

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, quanto costa

Per chi soffre di artrite, spesso è difficile trovare il rimedio perfetto per eliminare tutto il dolore o persino sentirsi abbastanza a suo agio da funzionare nella vita quotidiana. Innumerevoli ricette, creme e creme speciali e antidolorifici da banco possono essere sia costosi che dannosi.

La buona notizia è che nel CBD è stata trovata una nuova speranza per alleviare il dolore da artrite. Il CBD, o cannabidiolo, è un composto chimico presente nelle piante di canapa e cannabis che calma, lenisce e ha proprietà curative senza gli effetti collaterali psicoattivi dell'altro composto chimico della pianta di cannabis, THC o tetraidrocannabinolo.

Per questo articolo, abbiamo compilato un elenco delle migliori creme di CBD per il dolore da artrite e abbiamo trovato numerosi studi che supportano l'uso del CBD per l'artrite e il dolore associato alla condizione.

Come abbiamo compilato la crema al CBD per l'elenco del dolore da artrite:

Al fine di comporre questo articolo, abbiamo messo insieme un lungo elenco di vari marchi di crema al CBD che sono oggi popolari tra i consumatori. E a causa del recente aumento della popolarità del CBD, la nostra lista ha iniziato a diventare ingombrante.

Successivamente, abbiamo cercato tutti i marchi controllando le recensioni dei clienti, imparando come ogni azienda acquistava i suoi estratti di CBD, esaminando se la società rendeva o meno i rapporti sui test di laboratorio di terze parti prontamente disponibili per i suoi clienti e molto altro ancora.

Sulla base di ciò che abbiamo scoperto, abbiamo rimosso i nomi delle società dalla nostra lista fino a quando non ci sono stati lasciati con una manciata di marchi che hanno incontrato e superato le nostre rigide linee guida.

Mettiamo quindi questi marchi al microscopio per esaminarli più intensamente fino a quando non restiamo con i primi 5 nomi nel CBD che sono elencati più in basso in questo articolo.

Infine, il nostro elenco non sarebbe completo se non avessimo letto i contributi pubblicati da rispettati giornalisti del CBD, esperti di nicchia e utenti reali del CBD.

Cosa stavamo cercando:

Nel restringere il nostro elenco di marchi di crema al CBD, abbiamo esaminato attentamente ogni marchio e i suoi prodotti per:

  • Artrite alleviare il dolore. Volevamo specificamente esplorare l'efficacia di ciascun marchio nell'alleviare il dolore da artrite.
  • Fonti di canapa
  • Le strutture di elaborazione dell'azienda e se soddisfano le linee guida della FDA.
  • Se i prodotti sono realizzati con estratti a spettro completo, ad ampio spettro o isolati.
  • I livelli di THC lasciati nei prodotti finali una volta che sono stati collocati sugli scaffali.
  • Volevamo vedere se l'azienda ha testato in laboratorio i suoi prodotti e se e come ha reso questi risultati disponibili per i suoi clienti.
  • Istruzioni di dosaggio e utilizzo che l'azienda / marchio fornisce ai propri clienti.
  • La reputazione generale dell'azienda e le recensioni dei clienti.
  • Se il marchio di crema CBD offre informazioni conclusive, affidabili e verificate sul CBD: cos'è, come funziona, i suoi benefici, ecc.

Nell'esaminare questi fattori vitali, abbiamo quindi rasato la nostra lista fino ai seguenti cinque marchi.

La migliore crema al CBD per il dolore da artrite

Elaborato con VSCO con preimpostazione s3

FAB CBD è stata fondata nel 2017 con l'obiettivo di creare una linea di prodotti CBD di qualità, affidabile e di cui tutti possano godere.

Il fondatore dell'azienda e il suo staff hanno molti anni di esperienza nelle nicchie di salute, nutrizione e fitness. Tutti i prodotti FAB CBD sono formulati secondo i più alti standard dell'azienda. FAB ha una crema di CBD topica, una linea di oli di CBD in vari punti di forza, gomme di CBD, prelibatezze per cani di CBD e una nuovissima linea di supercibi non CBD.

Tutti i prodotti dell'azienda sono coltivati ​​dalla migliore canapa biologica coltivata in Colorado, che viene trasformata in estratto top shelf attraverso un processo di estrazione di CO2 altamente preferito e privo di solventi.

Il risultato sono estratti super puliti ricchi di terpeni e importanti cannabinoidi. I prodotti FAB CBD consentono ai suoi clienti di raccogliere tutti gli enormi benefici per la salute della canapa.

Punti salienti:

FAB è chiaramente la migliore crema al CBD per il dolore da artrite in numerosi modi:

  • Selezione: FAB offre una crema di CBD topica fresca e profumata agli agrumi, oli con diversi punti di forza, gomme al CBD e molto altro. FAB offre ai suoi clienti una serie di modi per curare il loro dolore da artrite e qualsiasi altro problema di dolore che potrebbero avere. La crema topica FAB allevia il dolore associato all'artrite, mentre il suo olio di CBD agisce a livello cellulare per calmare l'infiammazione. Le gomme al CBD dell'azienda sono un'ottima opzione per affrontare il dolore viscerale perché offrono un sollievo prolungato semplicemente prendendo una singola dose.
  • Fonti di canapa organiche, prodotti a spettro completo: FAB ricava la sua canapa coltivata biologicamente dal Colorado per fabbricare l'estratto utilizzato in tutti i suoi prodotti. Tutti gli usi della canapa FAB sono coltivati ​​utilizzando pratiche e attrezzature di coltivazione, estrazione e clonazione all'avanguardia in modo che l'azienda possa garantire ai suoi clienti prodotti che contengono materie prime di alta qualità e un prodotto finale di qualità superiore.
  • Test di laboratorio di terze parti: Tutti i prodotti FAB sono testati utilizzando laboratori ProVerde Laboratories di terze parti. La società rende inoltre disponibili i risultati dei test ai propri clienti tramite il proprio sito Web.
  • Soddisfatti o rimborsati: FAB offre a tutti i suoi clienti una garanzia di rimborso di 30 giorni su tutti i suoi prodotti. Questa è un'opzione ideale per i clienti che provano i prodotti CBD per la prima volta.

Professionisti:

  • Crema topica al CBD dall'odore fresco, pulito e calmante
  • Sapori fantastici dell'olio di degustazione in punti di forza di 300 mg, 600 mg, 1200 mg e 2400 mg.
  • Le migliori gomme al CBD.
  • Servizio clienti fenomenale.
  • Spedizione sicura e veloce.
  • Opzioni vegane di superfood non CBD disponibili.
  • Spedizione gratuita per tutti gli ordini superiori a $ 89.

Contro:

  • Nessuna spedizione in Canada o nel Regno Unito.
  • Nessuna opzione per abbonamenti di spedizione automatica o abbonamento per ordini regolari.

Puoi acquistare i prodotti Fabcbd qui

# 2 Lord Jones

Lord Jones è stato fondato per la prima volta da Robert Rosenheck. Non ci sono molte più informazioni sulla società. I prodotti dell'azienda sono creati da estratti di CBD ad ampio spettro derivati ​​dalla canapa coltivata e coltivata negli Stati Uniti. I prodotti di Lord Jones non contengono alcun THC.

Punti salienti:

  • Sconti per insegnanti e militari: La compagnia offre uno sconto del 20% a tutti i membri dell'esercito e agli insegnanti di livello pre-K, K-12 e universitario.
  • Varietà di prodotti: Lord Jones offre una varietà di prodotti tra cui creme e lozioni al CBD, tinture al CBD, sali da bagno, confezioni e altro.

Professionisti:

  • L'azienda offre la spedizione gratuita senza un punto di acquisto minimo.
  • Lord Jones ha una scheda “CBD 101” sul suo sito Web che consente ai clienti di saperne di più sul CBD e sui suoi vantaggi, tra gli altri argomenti.
  • Ampia varietà di opzioni di prodotti tra cui oli, confezioni, una linea per la cura della pelle, creme, capsule, sali da bagno e altro ancora.

Contro:

  • Test di laboratorio di terze parti non sono disponibili sul sito Web dell'azienda.
  • Quasi nessuna informazione può essere trovata online sull'azienda.
  • I prodotti di Lord Jones funzionano in modo costoso.

# 3 Joy Organics

Joy Organics è stata fondata da madre, nonna e umanitaria, Joy Smith, che ha usato il CBD per aiutarla ad affrontare i disturbi del sonno e altri problemi di salute.

Joy Organics ha una grande varietà di prodotti che includono oli di CBD, capsule in gel morbido, sali topici, gomme da masticare, prodotti per animali domestici, una maschera per il viso alla canapa e una bevanda energetica alla canapa.

Punti salienti:

  • Varietà proprietarie: Tutto il CBD di Joy Organics proviene dai ceppi di canapa organici ricchi di CBD proprietari dell'azienda, coltivati ​​negli Stati Uniti.
  • I prodotti non contengono THC: Joy Organics purifica e separa tutti i suoi estratti rimuovendo tutti i pigmenti di THC, cera, clorofilla e piante che rimangono dopo che la lavorazione è stata completata.

Professionisti:

  • Zero THC. I prodotti Joy Organics sono ideali per coloro che desiderano prodotti CBD completamente privi di THC.
  • Tutti i prodotti dell'azienda sono testati da un laboratorio di terze parti. I clienti possono accedere a questi risultati tramite un codice QR sulla confezione.
  • Spedizione gratuita.

Contro:

  • Tutti gli estratti sono ad ampio spettro.
  • Le tinture di CBD di Joy Organics arrivano solo a 1500mg.
  • I prodotti non sono biologici.

I vantaggi dell'utilizzo della crema al CBD per il dolore da artrite

Oltre 50 milioni di americani sono affetti da artrite, in quanto è la prima causa di disabilità negli Stati Uniti.

Le forme più comunemente conosciute di artrite sono:

  • Artrite reumatoide (RA): l'AR è una malattia autoimmune che attacca il sistema immunitario causando un'infiammazione dolorosa alle articolazioni. L'AR si trova più comunemente nelle mani e nei piedi, ma provoca anche articolazioni gonfie, dolorose e rigide in altre parti del corpo.
  • Artrosi (OA): l'OA è una malattia degenerativa che attacca le ossa e la cartilagine articolare. Di solito provoca dolore e rigidità in aree come fianchi, ginocchia e articolazioni del pollice.

Studi recenti hanno scoperto che il CBD può aiutare ad alleviare e trattare il dolore infiammatorio associato all'artrite. Scienziati e ricercatori stanno studiando diligentemente l'effetto del CBD sul dolore da artrite in modo da offrire a coloro che soffrono della malattia opzioni più sicure, più efficaci e senza prescrizione medica.

Una ricerca condotta nel 2011 ha scoperto che il CBD era efficace nel ridurre l'infiammazione e il dolore nei ratti alterando il modo in cui i recettori del dolore reagiscono agli stimoli esterni. Inoltre, in uno studio del 2014 sono stati scoperti risultati più positivi che hanno scoperto che il CBD era un modo promettente di trattamento del dolore associato all'osteoartrite. Infine, uno studio del 2017 ha scoperto che il CBD ha prevenuto sia il dolore che i danni ai nervi nei ratti con osteoartrite.

Ma, indipendentemente dal tipo di dolore da artrite che stai affrontando, e indipendentemente da qualsiasi altra condizione che stai cercando di gestire come colite ulcerosa, morbo di Crohn, fibromialgia, mal di schiena, mal di testa, indolenzimento muscolare o crampi, la crema topica al CBD può aiutare per alleviare ed eliminare potenzialmente il dolore, permettendoti di essere più a tuo agio e di funzionare a un livello superiore.

Il CBD, o cannabidiolo, si trova naturalmente nella marijuana e nella canapa della pianta di cannabis. E a differenza del THC, o del tetraidrocannabinolo, cugino dei cannabinoidi del CBD, non ti farà sentire alcun tipo di euforia.

Se applicate direttamente sulla pelle, le creme topiche di CBD agiscono influenzando i numerosi recettori dei cannabinoidi nella pelle per attenuare, alleviare e persino eliminare il dolore per brevi periodi di tempo. Le creme di CBD topiche di alta qualità, come la Topical Cream di FAB CBD, elimineranno efficacemente il dolore per un periodo di tempo e non maschereranno il dolore e l'infiammazione come fanno altre creme, salve e argomenti di CBD inaffidabili.

Sia che tu usi un CBD topico sulla tua pelle o lo prendi per via orale in una tintura di CBD, il CBD offre molti meravigliosi benefici a più sistemi nel corpo. Ad esempio, l'olio di CBD funziona con il sistema endocannabinoide del corpo attraverso i recettori del sistema nervoso centrale e periferico per aiutare a regolare funzioni come:

  • Dolore
  • Infiammazione
  • piacere
  • Funzione del sistema immunitario
  • Appetito
  • Digestione
  • Dormire
  • Umore
  • Regolazione della temperatura
  • Controllo del motore
  • Memoria

Il CBD è fantastico per alleviare e ridurre l'infiammazione. Un recente studio riporta che il CBD e il THC sono più efficaci nel trattamento dell'infiammazione rispetto ai FANS.

I benefici della crema al CBD per il dolore da artrite sono visti nel miglioramento e nell'attenuazione generale di:

  • Dolore da artrite
  • Artrite reumatoide (RA)
  • Artrosi (OA)
  • Spasmi muscolari
  • Dolore cronico
  • Infiammazione cronica
  • Mal di testa
  • Lombalgia
  • Dolore neuropatico

Cose da considerare quando si acquista la crema al CBD per il dolore da artrite:

A causa dell'aumento della popolarità delle creme e degli argomenti di CBD, il mercato è invaso da nuovi marchi di CBD. Alla luce di ciò, è importante ricordare che tutti i marchi di CBD non sono creati uguali.

Se hai intenzione di rendere la crema al CBD una parte regolare del tuo regime di gestione del dolore da artrite, dovresti:

  • Sapere da dove provengono le aziende di CBD. La cannabis coltivata in Asia e in Europa non ha gli stessi standard della canapa coltivata negli Stati Uniti.
  • Scopri quanto THC è presente in un prodotto. Il THC si trova naturalmente nella cannabis, ma tutti i prodotti a base di CBD creati e venduti negli Stati Uniti devono contenere legalmente meno dello 0,3% di THC. Come consumatore, dovresti sempre scegliere prodotti di aziende che aderiscono a questa legge.
  • Conoscere la differenza tra isolati a spettro completo, ad ampio spettro e CBD. I prodotti a spettro completo offrono i maggiori vantaggi perché contengono una vasta gamma di terpeni, cannabinoidi e altri attivi di canapa. Questi prodotti sono più efficaci perché tutti questi composti lavorano insieme per interagire sinergicamente tra loro nel corpo in quello che viene generalmente chiamato effetto entourage.
  • Cerca i prodotti del marchio per vedere cos'altro c'è dentro. Tinture, edibili e cosmesi possono anche contenere agenti aromatizzanti, conservanti e altri ingredienti non benefici. Seleziona sempre prodotti certificati biologici e completamente naturali.
  • Acquista prodotti da aziende che utilizzano test di laboratorio di terze parti per testare i loro prodotti e che rendono questi risultati facilmente disponibili per i suoi clienti. I risultati dei test di laboratorio di terze parti consentono ai consumatori di sapere esattamente cosa stanno inserendo nei loro corpi.

Qual è il miglior dosaggio di crema al CBD per il dolore da artrite?

Come con qualsiasi integratore naturale, anche il corretto dosaggio del CBD è della massima importanza.

Temi e commestibili del CBD:

Gli argomenti non sono così complicati. Dal momento che non entreranno nel flusso sanguigno, sentiti libero di usare tutte le volte che ne hai bisogno.

Se l'olio di CBD non fa per te, perché non provare la linea FAB di gomme vegane al CBD? Un singolo gommoso contiene 25 mg di CBD e assorbe più lentamente e in modo diverso nel corpo rispetto all'olio di CBD.

Oli di CBD:

Innanzitutto, ricorda che il corpo di ognuno è diverso. Non esiste una “dose corretta” per una singola persona. Quindi, ciò che funziona meglio per te potrebbe non funzionare meglio per qualcun altro.

Più in alto non è sempre meglio con il CBD. In genere, le dosi di fascia media ti daranno maggiori benefici rispetto alle dosi basse o alte.

I principianti dovrebbero iniziare prendendo una singola dose giornaliera da 5 mg per circa una settimana prima di rivalutare e potenzialmente aumentare la dose. Quando aumenta la dose, aumenta gradualmente. Bassa e lenta è la migliore regola empirica da seguire con il CBD.

Ogni volta che si aumenta la dose, attenersi alla nuova dose per almeno una settimana prima di aumentare nuovamente poiché il corpo ha bisogno di tempo sufficiente per adattarsi al nuovo dosaggio.

Se sei una persona che non ha mai provato prima il CBD, inizia con un contagocce ½ di olio di CBD da 300 mg di CBD FAB una volta al giorno. Questo equivarrà a circa 5 mg.

Dopo una settimana, rivaluta e vedi come ti senti. Se hai bisogno di più olio di CBD, inizia a prendere ½ contagocce due volte al giorno per equivalere a circa 10 mg al giorno.

Il CBD può essere acquistato legalmente online?

L'acquisto di CBD online è legale in tutti gli Stati Uniti, a condizione che il CBD provenga da cannabis non inebriante, più comunemente nota come canapa, che contiene meno dello 0,3% di THC.

Questa canapa è stata coltivata per contenere basse quantità di THC. Tutti i prodotti a base di CBD che contengono più dello 0,3% di THC sono illegali se non acquistati in stati che hanno legalizzato la cannabis.

Considerazioni finali sulla crema al CBD per il dolore da artrite

Sono stati pubblicati numerosi studi che dimostrano l'efficacia del CBD nell'alleviare e migliorare il dolore da artrite.

Alla luce dell'attuale crisi degli oppiacei e dell'aumento dei tassi di dipendenza da antidolorifici da prescrizione, un numero sempre maggiore di consumatori è alla ricerca di alternative sicure e naturali come creme al CBD, commestibili al CBD e oli di CBD per aiutare a ridurre l'infiammazione e il dolore da artrite lancinante, nonché eliminare eventualmente il dolore sensazione di irritazioni comuni come mal di testa e dolori muscolari e irritazione da condizioni croniche come la malattia di Crohn, l'artrite e la fibromialgia.

Il CBD non ha effetti inebrianti. Allo stesso modo, ha anche una presenza molto bassa di effetti collaterali negativi. La maggior parte di coloro che usano regolarmente il CBD come parte del loro regime di salute quotidiano, come il fatto che non causerà alcun danno alla pelle. In effetti, la crema al CBD viene utilizzata anche sulla pelle con eczema, psoriasi, dermatite atopica e cicatrici con un miglioramento significativo.

Non importa se il tuo dolore da artrite proviene da OA o RA, un buon consiglio è quello di considerare fortemente di provare alcuni dei prodotti discussi in questo articolo.

Se stai pensando di provare la crema al CBD per il dolore da artrite, ti consigliamo di parlare con il tuo medico di base o reumatologo prima di iniziare.

Psorilax:Facile |crema prurito psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, quanto costa


Entra in Wall Street con StreetInsider Premium. Richiedi la tua prova gratuita di 1 settimana qui.


  • L'ultima visita del paziente è avvenuta negli Stati Uniti il ​​16 marzo 2020
  • Pubblicazione dei risultati principali dello studio previsti per giugno 2020


Daix (Francia), 17 marzo 2020
– Inventiva (Euronext: IVA), un'azienda biofarmaceutica in fase clinica che sviluppa terapie orali a piccole molecole per il trattamento di malattie nelle aree della fibrosi, dei disturbi da accumulo lisosomiale e dell'oncologia, ha annunciato oggi l'ultima visita dell'ultimo paziente su 247 pazienti arruolato nel suo studio clinico di Fase IIb con lanifibranor nella NASH. L'ultima biopsia del paziente è stata eseguita a febbraio e l'ultima visita di sicurezza ha avuto luogo negli Stati Uniti il ​​16 marzo 2020. Tutte le biopsie sono state analizzate dall'epatologo centrale e la pubblicazione dei risultati principali dello studio è prevista nel giugno 2020, in linea con le aspettative dell'azienda.

The NATIVE (N / Ash Trioal a Validato IVA337 Efficacy) è uno studio clinico di fase IIb randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, della durata di 24 settimane, che ha valutato lanifibranor nel trattamento di pazienti con steatoepatite non alcolica (NASH). Lo scopo principale dello studio è valutare l'efficacia di lanifibranor nel migliorare l'infiammazione e il palloncino del fegato, i due marcatori istologici inclusi nella definizione dell'endpoint regolatorio della risoluzione NASH. Gli endpoint secondari dello studio includono anche la risoluzione e il miglioramento della NASH in ciascuno dei punteggi di steatosi, infiammazione, mongolfiera e fibrosi rispetto al basale.

Durante lo studio, il profilo di sicurezza di lanifibranor è stato regolarmente valutato da un comitato esterno indipendente di monitoraggio della sicurezza dei dati (DSMB). Tra giugno 2018 e settembre 2019 si sono svolte quattro riunioni del DSMB e, poiché non sono stati segnalati problemi di sicurezza, il DSMB ha ripetutamente raccomandato la prosecuzione dello studio senza alcuna modifica del protocollo, confermando così il buon profilo di sicurezza di lanifibranor.

Prof. Sven Francque, M.D., Ph.D. dall'ospedale universitario di Anversa e co-principale investigatore dello studio, ha detto: “Con quest'ultima pietra miliare prima della pubblicazione dei risultati dello studio raggiunti nei tempi previsti, sono molto lieto di vedere che la sperimentazione sta procedendo come previsto. L'impegno e la qualità del lavoro svolto dai clinici e dai centri coinvolti nella sperimentazione sono stati eccezionali e sono sicuro che ciò porterà a dati di alta qualità. Sono ansioso di vedere i risultati di questo studio e di continuare a lavorare allo sviluppo di lanifibranor. ”

Prof. Manal Abdelmalek, M.D., M.P.H. della Duke University e co-principale investigatore dello studio con il Prof. Sven Francque, ha aggiunto: “Sono molto lieto di aver completato quest'ultima visita del paziente e sono orgoglioso del nostro team che è stato in grado di accelerare l'arruolamento dei pazienti negli Stati Uniti. Il profilo di lanifibranor, in quanto candidato al farmaco che potrebbe rivelarsi utile per i pazienti con NASH in tutto il mondo, è forte e convincente. io attendo con impazienza il completamento con successo di questo studio e l'imminente pubblicazione dei risultati principali dello studio “.

Pierre Broqua, CSO e cofondatore di Inventiva, ha dichiarato: “Supportato dal solido design e dall'introduzione dello studio clinico NATIVE e dai risultati preclinici e clinici finora ottenuti da lanifibranor, siamo convinti che il suo profilo di agonista pan-PPAR e la sua capacità di combinare gli effetti benefici di tutti e tre Le isoforme PPAR costituiscono un chiaro vantaggio nel trattamento della NASH. Queste caratteristiche offrono al nostro principale candidato alla droga un meccanismo d'azione differenziato che dovrebbe consentirgli di raggiungere gli endpoint di efficacia del nostro studio clinico di Fase IIb. Non vediamo l'ora di pubblicare i risultati principali nei prossimi mesi, che, se positivi, supporteranno il lancio dello studio fondamentale di Fase III con lanifibranor. ”

•••

Informazioni su lanifibranor

Lanifibranor, il principale candidato del prodotto Inventiva, è una piccola molecola disponibile per via orale che agisce per indurre cambiamenti metabolici anti-fibrotici, anti-infiammatori e benefici nel corpo attivando tutti e tre le isoforme del recettore attivato dal proliferatore del perossisoma (“PPAR”), che sono proteine ​​del recettore nucleare ben caratterizzate che regolano l'espressione genica. Lanifibranor è un agonista PPAR progettato per colpire tutte e tre le isoforme PPAR in modo moderatamente potente, con un'attivazione ben bilanciata di PPARα e PPARδ e un'attivazione parziale di PPARγ. Mentre ci sono altri agonisti PPAR che prendono di mira solo una o due isoforme PPAR per l'attivazione, il lanifibranor è l'unico agonista pan-PPAR nello sviluppo clinico. Inventiva ritiene che il profilo di legame pan-PPAR moderato ed equilibrato di lanifibranor contribuisca al profilo favorevole di sicurezza e tollerabilità finora osservato negli studi clinici e negli studi preclinici.

Inventiva sta attualmente valutando lanifibranor in uno studio clinico di fase IIb per il trattamento della steatoepatite non alcolica (“NASH”), una malattia epatica cronica comune e progressiva, per la quale non esiste attualmente una terapia approvata.


Informazioni sulla sperimentazione NATIVE Fase IIb

Lo studio clinico NATIVE (NAsh Trial to Validate IVA337 Efficacy) è uno studio clinico di fase IIb randomizzato, in doppio cieco, controllato in placebo, della durata di 24 settimane, che ha valutato lanifibranor nel trattamento di pazienti con steatoepatite non alcolica (“NASH”). Lo scopo principale dello studio è valutare l'efficacia di lanifibranor nel migliorare l'infiammazione e il palloncino del fegato, i due marcatori istologici inclusi nella definizione dell'endpoint regolatorio della risoluzione NASH. Per essere considerati per l'inclusione, i pazienti devono avere: una diagnosi di NASH confermata dalla biopsia epatica; un punteggio cumulativo di infiammazione e mongolfiera (misurato utilizzando la steatosi, l'attività e la fibrosi, o “SAF”, sistema di punteggio) di tre o quattro su quattro, indicando la presenza di infiammazione e mongolfiera da moderata a grave; un punteggio di steatosi maggiore o uguale a uno, che indica la presenza di steatosi da moderata a grave; e un punteggio di fibrosi inferiore a quattro, che indica l'assenza di cirrosi. L'endpoint primario dello studio è una riduzione del punteggio combinato di infiammazione e ballooning di due punti rispetto al basale, senza peggioramento della fibrosi. Gli endpoint secondari includono la risoluzione della NASH, i miglioramenti in ciascuno dei punteggi di steatosi, infiammazione, mongolfiera e fibrosi dal basale misurati usando il punteggio SAF, e anche in varie altre misure di fibrosi, in diversi marker metabolici, nonché in steatosi, infiammazione e mongolfiera misurato utilizzando il punteggio “NAS” e sicurezza.

Lo studio ha randomizzato 247 pazienti con NASH in oltre 70 siti in Australia, Canada, Europa, Mauritius e Stati Uniti. I risultati del processo sono attesi per giugno 2020.


Informazioni su Inventiva

Inventiva è una società biofarmaceutica in fase clinica focalizzata sullo sviluppo di terapie orali a piccole molecole per il trattamento di malattie con significative esigenze mediche insoddisfatte nelle aree della fibrosi, dei disturbi da accumulo lisosomiale e dell'oncologia.

Sfruttando la sua significativa competenza ed esperienza nel campo dei composti destinati ai recettori nucleari, ai fattori di trascrizione e alla modulazione epigenetica, Inventiva sta attualmente avanzando due candidati clinici – lanifibranor e odiparcil – nella steatoepatite non alcolica (“NASH”) e nella mucopolisaccaridosi (“MPS”) , rispettivamente, nonché una profonda pipeline di programmi di stage precedenti.

Lanifibranor, il suo candidato principale, è stato sviluppato per il trattamento di pazienti con NASH, una malattia epatica cronica comune e progressiva. Inventiva sta attualmente valutando lanifibranor in uno studio clinico di fase IIb per il trattamento di questa malattia per la quale non esistono attualmente terapie approvate.

Inventiva sta inoltre sviluppando l'odiparcil, una seconda risorsa di fase clinica, per il trattamento di pazienti con MPS, un gruppo di malattie genetiche rare. Uno studio clinico di fase I / II su bambini con MPS VI è attualmente in preparazione a seguito dei risultati positivi dello studio clinico di fase IIa su pazienti adulti con MPS VI pubblicati alla fine del 2019.

Parallelamente, Inventiva sta selezionando un candidato per lo sviluppo dell'oncologia per il suo programma di percorsi di segnalazione dell'ippopotamo. Inoltre, la Società ha stretto una partnership strategica con AbbVie nell'area delle malattie autoimmuni. AbbVie ha avviato la fase di sviluppo clinico di ABBV ‑ 157, un farmaco candidato per il trattamento della psoriasi da moderata a grave derivante dalla sua collaborazione con Inventiva. Questa collaborazione autorizza Inventiva a ricevere pagamenti miliari al raggiungimento di obiettivi preclinici, clinici, normativi e commerciali, oltre ai diritti d'autore su tutti i prodotti approvati risultanti da questa partnership.

La Società ha un team scientifico di circa 70 persone con una profonda esperienza nei settori della biologia, chimica medicinale e computazionale, farmacocinetica e farmacologia e nello sviluppo clinico. Possiede anche una vasta libreria chimica di circa 240.000 molecole farmacologicamente rilevanti, di cui circa il 60% sono proprietarie, nonché una struttura di ricerca e sviluppo interamente posseduta.

Inventiva è una società pubblica quotata nel comparto C del mercato regolamentato di Euronext Parigi (Euronext: IVA – ISIN: FR0013233012). www.inventivapharma.com


Contatti

inventiva
Frédéric Cren
Presidente e Amministratore Delegato
info@inventivapharma.com
+33 3 80 44 75 00

Gruppo di Brunswick
Yannick Tetzlaff / Tristan Roquet Montegon /
Aude Lepreux
Relazioni con i media
inventiva@brunswickgroup.com
+33 1 53 96 83 83


Avviso IMPORTANTE

Il presente comunicato stampa contiene dichiarazioni previsionali, previsioni e stime in merito ai piani di sviluppo clinico, alla strategia aziendale e normativa e alle prestazioni future previste di Inventiva e del mercato in cui opera. Alcune di queste affermazioni, previsioni e stime possono essere riconosciute dall'uso di parole come, senza limitazione, “crede”, “anticipa”, “aspetta”, “intende”, “piani”, “cerca”, “stime”, “May”, “will” e “continue” e espressioni simili. Tali dichiarazioni non sono fatti storici ma piuttosto sono dichiarazioni di aspettative future e altre dichiarazioni previsionali che si basano sulle convinzioni del management. Queste dichiarazioni riflettono tali opinioni e ipotesi prevalenti alla data delle dichiarazioni e implicano rischi e incertezze noti e sconosciuti che potrebbero far sì che risultati, prestazioni o eventi futuri differiscano materialmente da quelli espressi o impliciti in tali dichiarazioni. Gli eventi reali sono difficili da prevedere e possono dipendere da fattori che sfuggono al controllo di Inventiva. Non ci sono garanzie in merito ai candidati per i prodotti della pipeline che i candidati riceveranno le necessarie autorizzazioni normative o che si dimostreranno di successo commerciale. Pertanto, i risultati effettivi possono rivelarsi sostanzialmente diversi dai risultati futuri previsti, dalle prestazioni o dai risultati espressi o impliciti da tali dichiarazioni, previsioni e stime. Date queste incertezze, non viene fornita alcuna dichiarazione circa l'accuratezza o l'equità di tali dichiarazioni, previsioni e stime previsionali. Inoltre, dichiarazioni previsionali, previsioni e stime parlano solo alla data del presente comunicato stampa. Si avvisano i lettori di non fare eccessivo affidamento su nessuna di queste dichiarazioni previsionali.

Per ulteriori informazioni in merito a tali fattori, rischi e incertezze, consultare il Documento di riferimento universale depositato presso l'Autorité des Marchés Financiers il 7 febbraio 2020 al n. D.20-0038.

Inventiva non ha alcuna intenzione e non ha alcun obbligo di aggiornare o rivedere le dichiarazioni previsionali di cui sopra. Di conseguenza, Inventiva non si assume alcuna responsabilità per eventuali conseguenze derivanti dall'uso di una delle suddette dichiarazioni.

  • Inventiva PR Ultima visita dell'ultimo paziente 170320 – VF – IT – clean

Psorilax:Per gli studenti |trasyd crema anche per psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, dove si compra

Cos'è il cuoio capelluto della psoriasi?

Il cuoio capelluto della psoriasi è la forma di psoriasi più diffusa. I segni clinici del cuoio capelluto della psoriasi sono macchie rosse traballanti che coprono il cuoio capelluto, i processi infiammatori e il prurito. Il cuoio capelluto della psoriasi non mette a rischio la tua salute, ma spesso innesca lo sviluppo di complessi psicologici e l'isolamento sociale a causa di un aspetto poco attraente: questa parte del corpo è visibile e le placche ripugnanti sono difficili da nascondere. Il cuoio capelluto della psoriasi può emergere in persone di tutte le fasce d'età, ma è più spesso osservato nei giovani. Il cuoio capelluto della psoriasi è anche chiamato psoriasi seborroica, sebbene questo termine sia rilevante anche per le altre aree della pelle colpite con un'alta densità di ghiandole sebacee: le aree dietro l'orecchio, le pieghe nasolabiali, il seno e l'area interpupillare. Di norma, la psoriasi sul cuoio capelluto si manifesta inizialmente con desquamazione della pelle che ricorda la forfora. L'emergere di placche è accompagnato da prurito e la pelle in questa zona viene coperta da squame argentee. È importante sapere che il cuoio capelluto della psoriasi, anche nella fase del processo infiammatorio espresso, non provoca la caduta dei capelli, che è il segno distintivo di questa malattia.

Sintomi del cuoio capelluto della psoriasi

I segni iniziali della psoriasi sul cuoio capelluto sono eruzioni cutanee psoriasiche. All'inizio, l'eruzione cutanea si manifesta sotto forma di una papula di colore rosa, può essere di forma rotonda, coperta da piccole squame in cima. Una caratteristica di tali papule è la crescita periferica accompagnata dalla formazione di placche.

1. Nella fase iniziale della psoriasi sul cuoio capelluto non ci sono sintomi clinici pronunciati. La maggior parte dei pazienti non presenta alcun reclamo.

2. Lo sviluppo del cuoio capelluto della psoriasi porta alla comparsa di lieve ecdisi, che è accompagnata da prurito e irritazione.

3. La fase successiva è caratterizzata dall'aggiunta di un processo infiammatorio, aumento del prurito e dell'irritazione.

4. La pettinatura della pelle diventa la causa della comparsa di piccole crepe, abrasioni, ferite.

5. L'ulteriore progressione della psoriasi sul cuoio capelluto porta alla sostituzione del ridimensionamento con placche di grandi dimensioni, ispessimento e ingrossamento della pelle.

6. Un sintomo tipico del cuoio capelluto della psoriasi è l'esfoliazione delle cellule epiteliali sul cuoio capelluto e la formazione di forfora biancastra.

7. Nel tempo, le squame aumentano di dimensioni, si addensano e iniziano a somigliare a fiocchi bianchi.

8. La pelle è coperta da grandi placche rosse squamose, c'è un aumento del prurito. La pettinatura della pelle e l'irritazione causano danni alla pelle, portando ad un aggravamento della condizione e un'ulteriore esacerbazione della malattia.

9. C'è una significativa riduzione dell'elasticità della pelle, di conseguenza, è facilmente influenzato.

10. L'ulteriore progressione della psoriasi si manifesta con sintomi più vividi: l'esfoliazione attiva dei tubercoli e delle placche formate sul cuoio capelluto provoca l'emergere di squame grigiastre che coprono gradualmente l'intero cuoio capelluto.

11. Un trattamento errato del cuoio capelluto della psoriasi porta alla diffusione del processo di infiammazione della pelle oltre la linea di crescita dei capelli.

Cause del cuoio capelluto della psoriasi

Il cuoio capelluto della psoriasi è una malattia misteriosa ed è difficile per gli scienziati contemporanei spiegare la sua comparsa e trovare un trattamento per il cuoio capelluto della psoriasi. Ogni anno sorgono sempre più nuove teorie su ciò che sta causando la reazione infiammatoria e l'eccessiva sintesi delle cellule della pelle sul corpo nei pazienti. L'ipotesi principale è genetica: secondo essa, alcune persone hanno una predisposizione congenita al rinnovamento accelerato dei cheratinociti, che, in caso di manifestazione della malattia, porta a una reazione specifica del sistema immunitario. L'effetto è un circolo vizioso: più nuove cellule che formano placche psoriasiche vengono prodotte, più attiva è l'infiammazione della pelle (l'organismo la percepisce come qualcosa di alieno) e più gravemente la pelle viene ferita sotto l'influenza delle cellule del sistema immunitario, più i cheratinociti sono attivamente divisi.

In alcuni casi, il punto di partenza dello sviluppo del cuoio capelluto della psoriasi diventa la patologia del sistema immunitario, che a sua volta è una conseguenza di grave stress o di una malattia infettiva. Pertanto, si osserva che tra le persone con infezione da HIV, la psoriasi sul cuoio capelluto si verifica tre volte più spesso rispetto alla media della popolazione.

I fautori di tutte le teorie esistenti oggi convergono in una sola: la psoriasi è una malattia multifattoriale e il suo sviluppo è associato a molte cause. I più frequenti sono:

– Disfunzione dei processi metabolici;

– Disturbi endocrini;

– turni immunologici;

– La presenza di focolai di infiammazione nel corpo;

– Malattie infettive;

– Cambiamenti nello stato ormonale: questa causa è rilevante nell'adolescenza, durante la gravidanza e all'inizio della menopausa;

– Lesioni che portano alla disfunzione del cuoio capelluto;

– Malattie degli organi del tratto gastrointestinale

– Tensione nervosa;

– Stati di stress;

– Esposizione prolungata della pelle a basse temperature

– Esposizione a composti tossici;

– Assunzione di medicine;

– Cattive abitudini.

fasi

Nel corso della patologia, si distinguono diverse fasi:

1. Progressione: durante questa fase compaiono nuovi elementi e le eruzioni esistenti si diffondono alla periferia (il cosiddetto fenomeno di Kebner).

2. Fermo: durante questa fase non compaiono nuovi elementi patologici, ma anche quelli vecchi non scompaiono.

3. Regressivo, durante il quale i sintomi del cuoio capelluto della psoriasi scompaiono gradualmente e l'eruzione cutanea viene sostituita da macchie pigmentate.

A seconda della stagione, le manifestazioni della psoriasi sul cuoio capelluto si distinguono per le forme autunnali, fuori stagione ed estive.

Trattamento del cuoio capelluto psoriasi

Al fine di condurre un efficace trattamento della psoriasi del cuoio capelluto, viene adottata una serie di misure, tra cui:

– terapia generale;

– trattamento topico;

– procedure fisioterapiche;

– Trattamento Spa.

Terapia Generale

L'essenza del trattamento generale del cuoio capelluto con psoriasi è la prescrizione dei seguenti farmaci:

– sedativo;

– Iposensibilizzante;

– Antistaminici;

– immunoterapia aspecifica significa: pirogena, ATP, aloe, ecc .;

– Complessi vitaminici;

– Immunomodulatori: decari, tattina, splenina, metiluracile, leacadin;

– Retinoidi aromatici-etretinato, acitretina;

– Citostatics;

– Corticosteroidi;

– Soluzione Gemodeza per flebo endovenosa;

– Autoinnesto calcinato.

L'inclusione di farmaci corticosteroidi e citotossici nel corso del trattamento del cuoio capelluto della psoriasi è consigliabile in caso di psoriasi grave e di una grave gravità dei sintomi sul cuoio capelluto. Devono essere usati con molta attenzione: tali fondi possono provocare aggravamento del decorso della malattia.

Puoi trattare la psoriasi con antibiotici solo in caso di danno infettivo del cuoio capelluto.

Farmaci per il trattamento topico del cuoio capelluto della psoriasi

Medicinali

Tra i preparati medici utilizzati per il trattamento del cuoio capelluto della psoriasi dell'emergenza della psoriasi locale ci sono:

– Unguenti cheratoplastici: ittiolo, catrame di zolfo, naftalanico, salicilico;

– unguenti lucocorticoidi – sono prescritti solo per malattie gravi.

– Un mezzo efficace per il trattamento del cuoio capelluto della psoriasi locale è Solkoderm. La composizione del farmaco include acidi concentrati. Solkoderm viene rilasciato sotto forma di soluzione, che deve essere trattata con aree interessate del cuoio capelluto.

PsoEasy Trattamento naturale per il cuoio capelluto della psoriasi

La società PsoEasy offre un trattamento naturale del cuoio capelluto della psoriasi. Per ottenere un effetto superiore, è necessario utilizzare tre prodotti naturali della serie PsoEasy: sapone, crema e olio.

Sapone PsoEasy contiene ingredienti naturali che accelerano il rinnovamento della pelle di Zelln. Questo speciale sapone fatto a mano è realizzato con metodi tradizionali che si basano su un processo di asciugatura di tre settimane per aumentare l'efficacia dei principi attivi.

Crema attiva PsoEasy è usato per alleviare secchezza, prurito, arrossamento e guarire la pelle. Questa crema contiene 21 ingredienti naturali, ovvero estratti di piante, olii essenziali e minerali del Mar Morto che rendono il trattamento del cuoio capelluto della psoriasi più semplice ed efficace. L'unicità di questa crema consiste nel fatto di avere un'alta concentrazione del principio attivo (circa il 39% .. o 40.000 mg / 100 g).

Olio naturale delicato PsoEasy è progettato per alleviare secchezza, prurito, arrossamento e desquamazione della pelle. L'olio naturale fornisce alla pelle abbastanza idratazione e contiene olio di olivello spinoso, olio di calendula, olio di rosmarino, olio dell'albero del tè e molti altri oli essenziali. Stai attento! L'olio può lasciare macchie di grasso sui vestiti.

Indicazioni d'uso: lavarsi le mani con sapone PsoEasy ogni giorno al mattino e lasciarlo inzuppare dalla pelle. Quindi applicare la crema attiva PsoEasy sulla pelle interessata. Il trattamento dura 14 giorni senza interruzione per alleviare il cuoio capelluto della psoriasi. La crema può essere utilizzata due o più volte. Prima di andare a letto, si consiglia di mettere alcune gocce di olio sui punti PsoEasy. L'olio naturale PsoEasy deve essere usato per 2 settimane.

Suggerimenti per la cura dei capelli

Con il cuoio capelluto della psoriasi, i capelli hanno bisogno di cure speciali. Seguire queste regole rudimentali in combinazione con le misure necessarie per il trattamento del cuoio capelluto della psoriasi contribuirà a ottenere un miglioramento significativo nel trattamento di questa condizione della pelle.

1. I capelli e il cuoio capelluto devono essere lavati con lo shampoo raccomandato.

2. Utilizzare solo un pettine con setole naturali.

3. Effettuare la lavorazione quotidiana dei prodotti per l'igiene con soluzioni disinfettanti.

4. Pettina i capelli delicatamente, con molta attenzione in modo da evitare danni alle placche.

5. Se possibile, usa un asciugacapelli meno spesso. Accendilo a temperatura media e mantienilo a una distanza di 30 cm dalla testa.

6. Evitare di eseguire procedure in cui è possibile ferire la pelle colpita da psoriasi ed eruzioni cutanee. Non usare bigodini, ferri arricciacapelli.

7. In caso di malattia grave, è meglio fare un taglio di capelli corto, perché l'uso frequente di unguenti, creme inquina fortemente i capelli e devono essere lavati quotidianamente.

8. Se hai la psoriasi, dovresti evitare acconciature complesse, styling e, se possibile, tirare i capelli con una fascia elastica meno spesso.

I capelli hanno bisogno di cure speciali. Il rispetto delle regole elementari in combinazione con le misure necessarie per il trattamento del cuoio capelluto della psoriasi aiuterà a ottenere un miglioramento significativo delle condizioni della pelle.

Una corretta alimentazione con il cuoio capelluto della psoriasi

La dieta per i pazienti con psoriasi, con l'aiuto della selezione razionale dell'assunzione dietetica, ha lo scopo di correggere il disturbo dei processi metabolici e prevenire l'esacerbazione delle reazioni cutanee.

Il cibo per la psoriasi dovrebbe rispettare alcuni principi:

– i prodotti che possono provocare reazioni allergiche sono selezionati per ogni paziente con la successiva completa eliminazione dalla dieta identificata;

– Riduzione completa del consumo di alcol;

– Mangiare piccole quantità di 4-5 volte al giorno;

– L'esclusione del consumo di cibi fritti, affumicati e piccanti;

– Riduzione dell'uso del sale da cucina;

– Eliminazione di alimenti contenenti conservanti, emulsionanti, coloranti alimentari, stabilizzanti, disintegranti e altri additivi artificiali;

– Nessun agrume (esclude dalla dieta arance, mandarini, limoni, lime, pompelmi);

– Nessun carboidrato digeribile (prodotti con livelli più alti di farina, zucchero);

– I cibi vegetali, ad eccezione degli agrumi, dei legumi e delle verdure della famiglia delle Solanacee è la categoria che può essere consumata in grandi quantità per i pazienti con psoriasi

– In nutrizione, la predominanza dei cereali (la dieta del grano saraceno con la psoriasi è molto popolare);

– Uso di prodotti lattiero-caseari fermentati a basso contenuto di grassi;

– Nella dieta quotidiana è fondamentale includere oli vegetali che forniscano l'alimentazione dietetica nella psoriasi.

Cosa non puoi mangiare se hai il cuoio capelluto della psoriasi? Cosa puoi mangiare con il cuoio capelluto della psoriasi

Quando si compila un menu settimanale per una settimana con la psoriasi, gli esperti suggeriscono un'opzione per un giorno:

– Colazione: frittata, dessert di carote bollite, tè.

– Pranzo: zuppa di verdure con riso, carne al forno con porridge di grano saraceno, mela, frutta secca essiccata.

– Cena: ricotta scremata con panna acida, budino di verdure, caffè bianco

– Prima di andare a letto si consiglia di utilizzare latte fermentato a basso contenuto di grassi.

C'è un'opinione secondo cui l'astensione curativa dal cibo porta alla normalizzazione dei processi metabolici. Tuttavia, le opinioni degli scienziati sull'efficacia dell'uso di questo metodo divergono. Poiché la maggior parte del metabolismo lipidico dei pazienti è interrotta, la nutrizione dovrebbe essere basata sulla scelta di alimenti con una quantità limitata di grassi. Pertanto, la dieta si basa spesso sull'uso di cibi semplici, diversi e ricchi di vitamine.

Una corretta alimentazione nella psoriasi si basa sul seguire i regimi dietetici. Molti esperti concordano sul fatto che è necessario limitare le spezie, i condimenti, i brodi forti.

Psorilax:Migliore online |creme grasse peggiorano la psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, ingredienti

Normally when the cells grow old or get damaged, they die, and new cells take their place. Sometimes, this process goes awry. New cells form when the body doesn’t need them, and old or damaged cells don’t die as they should. This accumulation of extra cells form a mass of tissue called tumor or cancer. Cancer is the condition when cells in the body divide and grow uncontrollably and start spreading and infiltrating to other parts of the body. Cancer is the uncontrolled growth of abnormal cells anywhere in a body. These abnormal cells are called cancer cells, malignant cells, or tumor cells.

Everything about Cancer Pain

Many cancers are identified by the name of the tissue that the abnormal cells originated from, e.g. breast cancer, lung cancer, colon cancer, mouth cancer, brain cancer, skin cancer etc. The majority of cancer patients experience pain at some time or another. The pain results from the cancer itself or from its treatment. In some cases, people who have been cured of their cancer also continue to suffer from pain. Pain or discomfort from the cancer and its treatment can be controlled most of the time. There are various medicines and methods available to alleviate cancer pain. People having cancer along with pain need to inform their doctor immediately. The earlier the pain treatment is started, the more effective it is. Cancer pain is caused due to many reasons but most cancer pain occurs when a tumor presses on nerves or body organs or when cancer cells invade bones or body organs. Cancer treatments such as chemotherapy, radiation, or surgery also may cause pain.The symptoms of cancer pain differ from person to person. Pain and other symptoms depend on the type of cancer, the stage of cancer, the extent of the cancer and the patient’s pain threshold (tolerance for pain). Cancer pain can range anywhere from mild to severe and occasional to constant.

Pathophysiology of Cancer Pain

The pathophysiology of cancer pain is complex. It involves inflammatory, neuropathic, ischemic and compression mechanisms at multiple sites. Knowledge of these mechanisms and the ability to decide whether a pain is nociceptive, neuropathic, and visceral or a combination of all three will lead to better pain management. Cancer pain has the same neuro-patho-physiological pathways as non-cancer pain. Cancer pain is a mixed mechanism pain. It rarely presents as a pure neuropathic, visceral or somatic pain syndrome. It involves inflammatory, neuropathic, ischemic and compressive mechanisms at multiple sites. Development of pain over time is complex and varied. It depends on the cancer type, its treatment and underlying concurrent morbidities. Opioids are the mainstay of treatment and are associated with tolerance. A variety of neurotransmitters modulate pain sensations at the level of the synapses. Some of the neurotransmitters are serotonin, noradrenalin, prostaglandins, substance P, endorphins, and enkephalins. These neurotransmitters are active at the level of the nociceptors and at the level of the spinal cord and the brain. Nociceptive pain is due to stimulation of normal pain receptors (nociceptors) in the peripheral nervous system that detect tissue damage from mechanical (pressure or stretch), chemical, and thermal stimuli. Local inflammation causes nociceptive pain through the release of prostaglandins, substance P, serotonin, histamine, acetylcholine, and bradykinin. Neuropathic pain results from pathophysiological changes to the peripheral or central nervous system. The changes to the peripheral nervous system can be caused by trauma, distortion, cancer treatment (chemotherapy or radiation therapy), attempts of the nervous system to respond or regrow after damage, or even unrelieved pain. Central nervous system changes include sensitization, and central pain syndromes. The cause of neuropathic pain may be difficult to identify when compared to nociceptive pain.

Classification And Types of Cancer Pain

1. Acute and Chronic Cancer Pain: Cancer pain may be acute or chronic depending on its duration. Acute cancer pain lasts for less than 6 months. Chronic cancer pain is continuous pain, lasting more than 6 months. Cancer pain may be an early or late symptom. Bone cancers or testicular cancer are predominantly presented with early pain. Persistent and continuous headache not responding to analgesics could be a sign of brain tumor or brain metastasis. Back pain can be a symptom of cancer of the colon, rectum, or ovary with or without metastasis of vertebrae. Cancer patients with rapid growing malignant cancer may not survive for more than 6 months. Aggressive rapid growing cancer causes severe and intolerable pain during last few weeks. Cancer is the second most common cause of death after heart disease. Cancer can be cured in few cases depending on early diagnosis and aggressive treatment. Non-aggressive cancer can give a lifetime of over 5 years in some cases after extensive therapy. Advanced aggressive cancer associated with metastasis is fatal and gives limited time. The life span can be prolonged for weeks to months after cancer treatment. Periodic check up of urine, blood, sputum and stool can be helpful in early diagnosis. Cancer is either benign or malignant.

2. Benign Cancers: In this type of cancer, the tissue or cells enlarges in size, but do not infiltrate into the surrounding tissue. Metastasis or spread to other organs through blood or lymphatics is not commonly observed with benign cancer. In few cases, benign tumor size could be massive and may cause erosion of surrounding normal tissue secondary to pressure and ischemia. Ischemia is diminished or lack of blood supply to normal tissue. These changes occur secondary to pressure and compression of blood vessels. Ischemic tissue may end up necrotic and lead to symptoms such as nausea, vomiting, dizziness and bleeding. Some time massive size of tumor can cause obstruction of organs followed by constipation and retention of urine or stool.

3. Malignant Cancers: This type of cancer spreads to surrounding and distant tissues, as well as organs. Local cancer tissue spread involves increase of size as well as penetration and infiltration of surrounding normal tissue or organs. Distant spread is metastasis and observed with spread of cancer cells into distant organs through blood or lymphatics. Penetration of cancer tissue into blood vessel causes ischemia by obstruction to flow and bleeding by tear or rupture of blood vessels. Tear or rupture follows life threatening major or minor bleeding. Cancer tissue may spread to liver, brain and lungs through blood vessels and lymphatics. Tumor tissue mass is called metastasis when spread into other distant organs.

Epidemiology of Cancer Pain

Pain may not be the first symptom in diagnosis of cancer. In various studies of different cancer patients, between 19 to 49% of patients had pain as early symptoms. Pain could be a predominant symptom in metastatic cancer than benign cancer. Cancer could be diagnosed earlier if other symptoms with or without pain are closely monitored. Pain symptom when occurs in over 60% patients, the cancer may have progressed beyond primary location.

Epidemiologic Studies Have Revealed Following Incidence And Prevalence Of Cancer Pain:

  • Chronic cancer pain is observed in 30% of all cancer patients.
  • Chronic cancer pain is as high as 90% in advanced cancer patients.
  • Chronic pain is under treated in over 50% of patients.
  • Most common cause of pain in 60 to 80% cancer patient is bone metastasis, tumor infiltration and pressure over nerve or pain receptors. The most common cancer pain is from tumors that metastasize to the bone.
  • Chemotherapy, radiation and post surgical pain are observed in advanced cancer patients.

Economic Consequences of Cancer Pain Are As Follows:

  • Lost income.
  • Enormous cost to patient as out of pocket expense and health care.
  • Lost productivity at work.
  • Annual expenses for treatment and lost income are close to 200 billion dollars a year.
  • Impaired daily living.

Causes And Risk Factors for Cancer Pain

Causes of cancer pain are many, but most cancer pain occurs when a tumor presses on nerves or body organs or when cancer cells invade bones or body organs. Cancer treatments such as chemotherapy, radiation, or surgery also may cause pain.

The Following Are The Causes For Cancer:

  • Chemical or Toxic Compound Exposures: Benzene, asbestos, nickel, cadmium, vinyl chloride, benzidine, N-nitrosamines, tobacco or cigarette smoke (contains at least 66 known potential carcinogenic chemicals and toxins), and aflatoxin.
  • Ionizing Radiation: Uranium, radon, ultraviolet rays from sunlight, radiation from alpha, beta, gamma, and X-ray-emitting sources.
  • Pathogens : Human papillomavirus (HPV), EBV or Epstein-Barr virus, hepatitis viruses B and C, Kaposi’s sarcoma-associated herpesvirus (KSHV), Merkel cell polyomavirus, Schistosoma spp., and Helicobacter pylori; other bacteria are being researched as possible agents.
  • Hereditary: A number of specific cancers have been shown linked to human genes. E.g. Breast cancer, ovarian cancer, colorectal cancer, prostate cancer, skin cancer and melanoma.

Causes of Chronic Intractable Cancer Pain

  • Infiltration of cancer cells into normal soft tissues and bones.
  • Pressure or invasion on surrounding sympathetic and somatic pain nerves.
  • Side effects from chemotherapy such as peripheral neuropathy.
  • Radiation therapy causes inflammation, tissue necrosis, tissue injuries and scarring. Inflamed tissue heals with scarring. Scar tissue may encroach upon the nerve causing severe pain.
  • Ischemic pain secondary to obstruction of blood vessels causing poor circulation.
  • Bone fracture and metastasis.
  • Infection

Most of the pain in cancer patients is because of tumor mass pressing on soft tissue, bones or nerves. Pain intensity depends on direct contact with nerve and nerve receptors. Advanced cancer is extremely painful because the cancer tissue encroaches and penetrates normal organs, nerves and nervous system. In few cases chronic pain is excruciating secondary to cancer tissue infiltration into spinal cord.

Cancer Pain Following Spinal Cord Compression: Three layers of membrane called dura, arachnoid and pia surround spinal cord. Dura is the outer layer and pia is the inner layer. Pia membrane is closely attached to spinal cord. Cerebrospinal fluid (CSF) consists of water, element of glucose and electrolytes. CSF lies between pia and arachnoid membrane, also known as subarachnoid space. CSF and three layers of membrane (pia, arachnoid and dura) surround and protect spinal cord from injuries. Nerves come out of spinal canal from right and left side through transverse foramina. Primary or metastatic cancer cells can spread into spinal canal through transverse foramina. Alternatively malignant cancer tissue may spread into spinal canal either by triggering bony metastasis of vertebral body or by the developing growth within the spinal canal. Metastasis of spinal cord occurs through spread by lymphatics and/or blood. Most common cause of spinal cord compression is metastatic tumor mass of vertebral body overrunning the anterior half of spinal cord. It may also spread through supplementary bones of vertebrae into spinal canal and spinal cord. Spinal cord spread causes compression of spinal cord and nerves.

Dermatome Spread of Symptoms: This depends on the segment of spinal cord compressed by primary or metastatic tumor. Cervical spread may cause symptoms in neck, upper extremities or level below the tumor encroachment of spinal cord. In cervical spinal cord compression, symptoms such as numbness and weakness may be wide spread causing monoplegia involving only one limb or paraplegia involving both limbs of upper or lower extremities or in few cases quadriplegia. Intensity of pain increases with certain commotions such as coughing or sneezing. These physiological disturbances cause pressure changes in spinal canal. Activities or movement of vertebral column such as flexion, extension or lateral rotation can also trigger severe intractable pain. Continuous pressure on sensory and motor nerve ultimately results in permanent nerve damage. Permanent destruction of nerves to bladder and intestine initiates loss of control on bladder (bladder incontinence and retentions) or bowel function (bowel incontinence and retentions).

Bone Pain Related to Cancer: Cancer tissue may spread into skeletal system, either distant skeleton by metastasis or confined at the primary cancer site. Example: Lung cancer in advanced stage may spread locally into ribs or to distant skeletal system such as extremities into femur and humerus bone. Pancreatic and abdominal cancer can spread to vertebrae. Cancer that has spread into bones causes osseous pain and also occasional fracture. Fracture of bones itself can cause severe pain.

Surgical Pain Related to Cancer Treatment: Surgical treatment of cancer may include excision of tumor mass and/or excision of metastasis tissue. Surgery could be biopsy or extensive operation causing substantial tissue trauma involving several dermatome segments of spinal cord. Surgery pain is acute and nociceptive. Cancer pain is chronic and neuropathic. Pain felt by patient is enormous and diverse than cancer pain, but severity may be considerably complex and intractable. Resistance and tolerance to pain medication may set a challenge to treat post-surgical pain. Sometimes stubborn resident physician or attending physician may not request assistance from pain specialist. Most of the surgeons will consider the same modalities of analgesics for cancer and non-cancer patients following surgery. Procedures related to cancer pain, such as biopsies, blood draws, lumbar punctures, laser treatments etc. can cause pain.

Phantom Pain: Phantom pain is a neuropathic pain caused by excision of the nerve. It is commonly observed in an amputated limb and mastectomy. Phantom pain is difficult to treat. Phantom pain results in neuropathic complex regional pain syndrome.

Severe Cancer Pain Causes Cognitive Symptoms As The Following:

  • Severe cancer pain is also observed after chemotherapy.
  • Chemotherapy complication causing increase in pain
  • Mouth sores (mucositis).
  • Peripheral neuropathy (numb and painful sensations in the feet, legs, fingers, hands and arms).
  • Constipation, diarrhea, nausea, vomiting and abdominal cramps.
  • Some people also experience bone and joint pain.
  • Risk of infection after chemotherapy increases as immunity is compromised in pain and infection.

Signs and Symptoms of Cancer Pain

Cancer can develop in any organ and tissue. The characteristics and influence of symptoms depends on location and size of cancer. Symptoms could be common symptoms, specific warning symptoms and/or deceptive non-specific symptoms.

  • Common symptoms may not suggest any particular organ system or region of the body involvement.
  • Warning symptoms could be early and specific. Warning symptoms may assist in early diagnosis of cancer.
  • Deceptive symptoms could be secondary to underlying disease or cancer. If symptoms are secondary to disease and not cancer then it may lead to unnecessary investigation and treatment.
  • Common symptoms: Fatigue, pain, loss of weight, fever, night sweating, persistent coughing, urinary retention and constipation.

Specific Warning Symptoms: These are more diagnostic oriented.

  • Pain, weight loss, night sweating and fever: all types of cancer can cause these symptoms.
  • Blood in saliva: Caused by cancer of oral cavity, tonsil, pharynx and larynx.
  • Hoarseness: Caused by cervical lymph node, cancer of larynx.
  • Non healing ulcer and /or white or red patch in oral cavity: Caused by cancer of tonsil, tongue and gum.
  • Repeated infections such as bronchitis, sinusitis: Caused by cancer of lungs, trachea and bronchi.
  • Persistent cough, blood in mucus: Caused by cancer of lungs, trachea and bronchi.
  • Constipation and/or Obstruction: Large Intestine, rectum cancer.
  • Continuous diarrhea, pencil thin stools: Colon cancer.
  • Multiple bowel movements with no stool: Cancer of small intestine.
  • Blood in stool, Anemia: Cancer of small or large intestine.
  • Anal itching, pain: Anal or rectal cancer.
  • Anemia and Flank pain: Cancer of Kidney.
  • Abnormal discharge, breast lump: Breast cancer.
  • Swelling and painless mass over testicles: Cancer of Testicles.
  • Male urinary infection, enlargement prostate : Cancer of Prostate
  • Pelvic pain : Ovarian cancer.
  • Blood in urine, frequency, pressure feeling, urinary infection: Cancer of Urinary Bladder.
  • Heartburn, Barrett esophagus, difficulty swallowing : Cancer of Esophagus
  • Vaginal bleeding, discharge, postmenopausal bleeding : Cancer of uterus
  • Itching, skin discoloration, infection like psoriasis, non healing sores: Skin cancer.
  • Moles- multicolored, irregular edges, bleeding, larger moles: Melanoma.
  • Deceptive and misleading symptoms: May or may not be associated with cancer.
  • Regurgitation, epigastric pain: Esophageal ulcer or varices.
  • Hemorrhoid, diarrhea, fissure : Rectal bleeding
  • Gastric or stomach pain : Gastric Ulcer
  • Anemia : Iron deficiency.
  • Varicocele, epididymitis: Testicle vascular disease or infection.
  • Urinary infection: Bladder stone.
  • Vocal cord polyp: Larynx.
  • Wart mole: Skin Cancer.
  • Ulcer, psoriasis: Skin.

Cognitive symptoms observed in chronic cancer pain are: Depression, fatigue, tiredness, anxiety, anger, irritation, loneliness and isolated feelings, apprehension, fear, memory lapse, and attention deficit.

Cancer Pain Symptoms Secondary To Spinal Cord Compression Are:

  • Initial mild to moderate pain followed by severe to very severe pain in very short period of time.
  • Numbness and weakness in extremities with compression of sensory and motor nerves.

Evaluation of Cancer Pain

  • Detailed Comprehensive History of Cancer Pain: Detailed history of cancer pain provides valuable information to consider appropriate treatment. History should be accurate and comprehensive. Patient or intimate relatives may be writing diary of complaints, which may include history of pain. Description of pain such as dull, aching, throbbing, stabbing, piercing, pinching, sharp, aching, burning and tingling suggests evidence of nociceptive or neuropathic pain. Patient may add descriptive words such as “worst possible pain experienced in my life” suggesting pain is intractable and severe. Location of pain such as headache, neck pain, throat pain, and chest pain, abdominal pain, back pain or pain over upper or lower extremities suggest the source of pain.
  • Intensity of Cancer Pain is expressed as mild, moderate, severe or very severe, also described as Visual Analogue Score (VAS) from 0 to 10. Zero is no pain and 10 is worst possible pain. Duration of pain may be described as days, weeks, months or years. Pain interval may be continuous or intermittent. Pain may be continuous with moderate intensity and intermittently severe to very severe of VAS score 10. Cancer patient may or may not suffer with continuous pain, but intermittent dull to extremely severe pain. History of intermittent pain may include how often pain comes and how long does it last. When pain comes, is it always mild, moderate or severe? If pain is sudden in occurrence, how long pain lasts. In 24 hours how many incidents of pain are observed.
  • Initial Phase: Cancer patient in initial phase may control pain by maintaining inactivity or trying medication sold over the counter. If medications are taken then the pharmacological name, dosage and how often the medication is consumed is important history to evaluate pain and suffering as well as response to treatment. Some cancer patients may have been trying herbs or homeopathic medications. History of any side effects to medication is also important. History will include any medications taken in the past for any other illnesses and leading side effects.
  • Patient Activities: Detailed history of patient’s activities should be documented. Activities limited by pain and activities improved after pain medications should be recorded. Patient’s quality of life is defined by the activities.

Changes In Vital Signs Following Severe Intractable Cancer Pain Are :

  • Tachycardia: Increase in heart rate
  • Hypertension: Increase in blood pressure
  • Rapid breathing
  • Grimacing
  • Sweating

These signs are observed mostly in few patients with inadequate pain relief. Adequate treatment of chronic cancer pain will eliminate some of these symptoms.

Treatment for Cancer Pain

  1. Cancer Pain Treatment Includes

    1. Chemotherapy.
    2. Radiation therapy.
    3. Treatment of symptoms other than pain.
    4. Surgery.
    5. Treatment of Pain.
  2. Treatment of Chronic Cancer Pain

    Early cancer pain is mild to moderate and later it may become intractable and severe. Treatment of mild to moderate pain:

    • NSAIDs: Naproxene, Advil.
    • Adjuvant pain medications like Cymbalta (antidepressants) and Neurontin (antiepileptic).
  3. Treatment of Severe Intractable Cancer Pain

    • Opioids, if not responding to NSAIDS.
    • Adjuvant pain medications like Cymbalta (antidepressants) and Neurontin (antiepileptic).
    • Radiation.
    • Chemotherapy
    • Surgery.
    • Interventional Pain Therapy: Nerve block, Nerve ablation using radiofrequency and cryotherapy.
    • Spinal cord stimulator
    • Programmable pump delivering intrathecal medications.
  4. Treatment Of Cognitive Symptoms Associated With Chronic Cancer Pain

    • Depression – antidepressants.
    • Anxiety – Anti-anxiety or anxiolytic medications.
    • Psychotherapy.
  5. Difficulties In Treating Chronic Cancer Pain

    • Resistance to pain medication
    • Tolerance
    • Emotional suffering
    • Denial of end result of cancer treatment
    • Secondary gain
    • Apprehensive family
  6. Alternative Treatment for Cancer Pain

    • Psychotherapy for denial
    • Family discussion
    • Social and spiritual communication

Cancer Pain Management And Informed Consent

  • Informed Consent:Treatment of cancer patients involves patient and patient’s families. Families could be spouse, children, parents and close relatives. Patient’s pain is somatic pain secondary to cancer. Family members or group of family members suffer with emotional pain. Emotional pain becomes predominant when spouse, children, parents and family members are very close to patient. Pain medications such as opioids causes unwanted side effects such as drowsiness, sleepiness, nausea, vomiting, constipation and loss of appetite. These symptoms can bring apprehension within family members leading to multiple questions.
  • Registered nurse as a pain coordinator can answer most of the questions. Pain coordinator has an important role in explaining the change of treatment if needed or observation of any complications. Pain coordinator would be available on short notice, as physician may be tied up in other more urgent schedules. Informed consent is an important part of the treatment, as it brings all the parties together before initiating the treatment and also during continuation of the treatment if change is needed in medication or dosage.
  • Audio or visual and/or written information of pain therapy and choices should be available for patients. Patients will work with their doctors once detailed information of pain therapies and choices are read by the patients and their close relatives. The doctor should not insist on treatment which the patient has rejected. Patient should not be convinced to accept the treatment, which could be harmful or riskier than the possible benefits. Some, especially exhausted, terminally ill patients, may not wish to be involved in making pain management decisions. Patient may delegate such choices to their physicians or legal guardian. The patient’s participation in ongoing treatment is essential, but could be counterproductive if patient is confused and disoriented. Patient’s choice to have minimum pain relief must be respected. Achieving adequate control of pain with minimum side effects is sometimes difficult. Side effects end up with poor quality of life, exhaustion, lethargy, somnolence and drowsiness. In spite of inadequate pain relief and several side effects, often oral, intramuscular or intravenous opioid treatment is continued for chronic cancer pain instead of intrathecal route of opioid treatment. Although cancer pain can be relieved, surveys have shown that pain is often undertreated in many patients. Patients may be reluctant to report their pain to avoid opioids; patients may be reluctant to use morphine and other opioids for pain control because of fear of addiction. Addiction is extremely rare in people with cancer.

Informed Consent Is Advised For:

  • Initiating medications.
  • Change of medications or introduction of new medications.
  • Consulting a specialist for spiritual or psychological treatment.

Cancer Pain Reduction Goals

Goal is to achieve less pain and suffering. Goal is to obtain informed consent from the patient or legal guardian if life threatening side effects such as bradycardia, hypotension, somnolence and apnea are expected in achieving optimum pain relief. Informed consent and few informative meetings with patient and relatives or legal guardian should eliminate the fear of side effects with adequate pain relief.

Intention is to achieve adequate pain relief with minimum side effects. Intention of physician and nurses is to provide adequate pain relief. Fear of severe side effects leading to fatal outcome hinders provision of adequate pain medications. Lack of knowledge or limited expertise of pain management results in inadequate pain relief and continuation of suffering in several patients.

Objective is to prevent life threatening side effects in underweight terminally ill patients. Objective is to reduce pain to tolerable level, keep patient attentive as much as possible. Patient could thus communicate with families and travel short distance as permitted by disease and side effects. Daily follow up and detailed history should identify patients need of pain.

Investigations for Cancer Pain

  • Firstly a physical exam and medical history, history of symptoms help in diagnosing cancer.
  • Complete Blood Count, electrolyte levels, other blood studies that may give additional information like PSA or prostate specific antigen test etc.
  • Imaging studies such as X-rays, CT and MRI scans, and ultrasound, and endoscopy also help physicians to detect abnormalities in the body that may be cancer.
  • Tissue sample such as biopsy gives a definitive diagnosis of cancer. Biopsy can identify the cancer type, and the stage of the cancerous cells.
  • In some cases, surgery needs to be done for biopsy and it may result in a cure if all of the cancerous tissue is removed at the time of biopsy.

Also Read:

  • Does Cancer Pain Hurt & How Long Does Cancer Pain Last?
  • Treatment Plan for Cancer Pain
  • Cancer Pain Management: Chemotherapy, Radiation, Surgery, Interventional Pain Therapy
  • Malignant Cancer Pain: Everything You Need to Know!
  • How is Pain Generated in Benign and Malignant Cancer?
  • What is Kojic Acid Used For?|Does Kojic Acid Work & What are its Side Effects?
  • Melasma or Chloasma or Mask of Pregnancy: Causes, Location, Types, Treatment, Prevention
  • Incontinentia Pigmenti Achromians or Hypomelanosis of Ito
  • Darken Skin or Hyperpigmentation: Causes, Symptoms, Treatment- Daily Exercise, Medication

Psorilax:Ordine |crema lamelloderm just psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, composizione

Fatti di psoriasi pustolosa

La psoriasi pustolosa è una forma rara di psoriasi. La psoriasi pustolosa appare come dossi sollevati chiaramente definiti, riempiti con un fluido bianco e denso composto da globuli bianchi. Questo essudato purulento è comunemente chiamato pus. La pelle sotto e intorno a questi dossi è rossa. Sebbene il pus sia spesso un segno di infezione, non ci sono prove che l'infezione abbia un ruolo nella psoriasi pustolosa.

Psoriasi pustolosa Nota i dossi sollevati chiaramente definiti sulla pelle che sono pieni di pus (pustole). La pelle sotto e intorno a questi dossi è rossa.

Psoriasi pustolosa Nota i dossi sollevati chiaramente definiti sulla pelle che sono pieni di pus (pustole). La pelle sotto e intorno a questi dossi è rossa.

La psoriasi pustolosa può precedere, accompagnare o seguire la forma standard della psoriasi a placche.

La psoriasi pustolosa è classificata in uno di diversi tipi, a seconda dei sintomi. I sintomi possono essere improvvisi e gravi (acuti), a lungo termine (cronici) o intermedi (subacuti). La psoriasi pustolosa diffusa (tipo von Zumbusch) colpisce vaste aree della pelle e può produrre una malattia febbrile sistemica. È stato anche descritto un tipo a forma di anello (anulare o circolare). Di solito è subacuto o cronico e le persone con questo tipo di solito non hanno sintomi a parte il coinvolgimento della pelle. Le pustole possono essere localizzate su palmi e suole (pustulosi palmoplantare) o sulla punta delle dita e sulle unghie (acrodermatite continua di Hallopeau). Meno comune è il tipo giovanile o infantile, che si verifica nei bambini. La psoriasi pustolosa in gravidanza (impetigine herpetiformis) è talvolta pericolosa per la vita.

La psoriasi pustolosa non è una malattia comune. Le forme molto più comuni di psoriasi sono la psoriasi a placche e la psoriasi guttata, che rappresentano oltre il 90% della psoriasi. La psoriasi pustolosa colpisce tutte le razze. Negli adulti, colpisce ugualmente uomini e donne. Nei bambini, colpisce i ragazzi un po 'più spesso delle ragazze. L'età media delle persone con psoriasi pustolosa è di 50 anni. I bambini di età compresa tra 2 e 10 anni possono essere colpiti dalla malattia, ma questo è raro.

Quali sono le cause e i fattori di rischio della psoriasi pustolosa?

Per comprendere la psoriasi pustolosa, è necessario riconoscere gli aspetti della psoriasi a placche classica. È generalmente concordato che una combinazione di genetica e ambiente induca la psoriasi, incluso questo sottotipo pustoloso. Di seguito è riportato un elenco di fattori che sono noti per esacerbare la psoriasi pustolosa:

  • Sospensione acuta degli steroidi sistemici ad alte dosi
  • Vari farmaci sono stati associati a esacerbazioni della psoriasi, tra cui:
    • Ioduri orali (SSKI)
    • Litio
    • Fenilbutazone o ossifenbutazone, farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) inclusa l'aspirina
    • Idrossiclorochina, un farmaco antimalarico
    • Iniezioni di interferone alfa e interferone beta ricombinante
  • Soluzioni topiche forti e irritanti (creme o unguenti applicate sulla pelle), tra cui catrame, antralina

Nella maggior parte delle persone, un fattore scatenante per la malattia non viene mai identificato.

Che cosa sono la psoriasi pustolosa Sintomi e segni?

Nella forma generalizzata, la pelle è inizialmente rosso fuoco e tenera. Qualcuno può avere sintomi come mal di testa, febbre, brividi, dolori articolari, una sensazione di disagio generale o disagio, diminuzione dell'appetito e nausea. Entro poche ore, si possono vedere gruppi di pustole.

I luoghi più comuni in cui appaiono queste pustole sono le aree anale e genitale e le pieghe della pelle. Le pustole possono apparire sul viso, ma questo è insolito. Pustole possono apparire sulla lingua, il che può rendere difficile la deglutizione. Possono anche verificarsi sotto le unghie e far staccare le unghie.

Entro un giorno, le pustole si uniscono per formare “laghi” di pus che si seccano e si staccano in fogli. La pelle sotto è una superficie rossastra liscia, su cui possono apparire nuove pustole. Questi episodi possono ripetersi per giorni o settimane. Possono rendere qualcuno a disagio ed esaurito.

Una volta che le pustole migliorano, la maggior parte degli altri sintomi (come mal di testa e febbre) generalmente scompare. Occasionalmente, la pelle può rimanere di colore rosso vivo e può seguire la classica patologia a placche.

Il tipo a forma di anello è più comune nei bambini piccoli. Questo tipo tende ad essere subacuto o cronico e i sintomi sono meno gravi rispetto al tipo generalizzato. Le placche ad anello (aree elevate) appaiono e sono spesso ricorrenti. Pustole possono apparire ai bordi dell'anello. Queste aree dei sintomi della pelle compaiono principalmente sul tronco ma anche sulle braccia e sulle gambe. I bordi si espandono e il centro guarisce. Altri sintomi sono assenti o lievi.

Il tipo di psoriasi pustolosa giovanile o infantile è generalmente lieve senza sintomi sistemici. La condizione si risolve spesso da sola.

La psoriasi pustolosa dei palmi e delle piante dei piedi è generalmente cronica ed è spesso associata a infiammazione ossea o articolare (artrite psoriasica). I palmi o le suole sono rossi con pustole bianche o gialle.




PRESENTAZIONE

Tipi di psoriasi: immagini e trattamenti medici
Vedi presentazione

Quali specialità dei medici trattano la psoriasi pustolosa?

Un individuo dovrebbe visitare un medico se ha un'eruzione cutanea di protuberanze sollevate e piene di pus sulla pelle, specialmente se ha sintomi generalizzati come mal di testa, febbre, brividi, dolori articolari, una sensazione di disagio generale o disagio , diminuzione dell'appetito e nausea. È importante per un medico valutare l'individuo per una condizione di salute potenzialmente curabile causata da un organismo infettivo, nonché valutare se si possa avere o meno un altro problema cronico associato. Un dermatologo è uno specialista della pelle con una particolare esperienza nella valutazione e nel trattamento della psoriasi pustolosa.

Visita un medico ogni volta che si hanno ferite di qualsiasi tipo in bocca o in gola che rendono difficile respirare o deglutire.

Come fanno gli operatori sanitari a diagnosticare la psoriasi pustolosa?

Un medico può eseguire esami del sangue, tra cui i seguenti, al fine di effettuare una diagnosi:

  • Un emocromo completo spesso rivela linfociti ridotti (linfopenia), un tipo di globuli bianchi con un gran numero di un altro tipo di leucociti chiamati leucociti polimorfonucleati, fino a 40.000 per microlitro di sangue.
  • Il tasso di sedimentazione degli eritrociti è in genere elevato, indicando un'infiammazione.
  • La chimica del siero (scomposizione dei livelli di vari componenti del sangue) può rivelare un aumento delle globuline plasmatiche (una proteina di tipo nel sangue) e una riduzione dell'albumina (una proteina semplice), calcio e zinco.

Un medico può prelevare un piccolo campione del contenuto di una pustola per eseguire una coltura. I risultati di queste colture e emocolture sono generalmente negativi (nessun segno di infezione). Poiché la pelle è danneggiata, può essere infettata e le colture sono importanti. Di tanto in tanto, un patologo può esaminare una biopsia della pelle per confermare la diagnosi.

Che cosa sono la psoriasi pustolosa Trattamento Opzioni?

Le persone con la forma generalizzata di psoriasi pustolosa sono di tanto in tanto ricoverate in ospedale per assicurarsi che abbiano un'adeguata assunzione di liquidi e riposo a letto e non perdano troppo calore o abbiano troppa tensione sul cuore. Impacchi di ghiandole vengono applicati sulla pelle del paziente e soluzioni saline (acqua salata) e bagni di farina d'avena aiutano a lenire e a guarire le aree colpite. Nei bambini con psoriasi pustolosa, questo trattamento è spesso tutto ciò che serve.

Esistono due tipi base di trattamenti per la psoriasi: (1) terapia topica (farmaci usati sulla pelle) e (2) terapia sistemica (farmaci assunti nel corpo del paziente). Tutti questi trattamenti possono essere usati da soli o in combinazione.

  • Terapia topica: i farmaci applicati direttamente sulla pelle sono il primo corso di opzioni di trattamento. I principali trattamenti topici sono corticosteroidi, derivati ​​della vitamina D-3, catrame di carbone, antralina o retinoidi. Non esiste un farmaco topico che sia il migliore per tutti i pazienti con psoriasi. Poiché ogni farmaco ha effetti collaterali specifici, è comune ruotarli. A volte i farmaci vengono combinati con altri farmaci per preparare un preparato più utile di un singolo farmaco topico. Ad esempio, a questi preparati vengono spesso aggiunti cheratolitici (sostanze utilizzate per abbattere squame o cellule della pelle in eccesso). Alcuni farmaci sono incompatibili con i principi attivi di questi preparati. Ad esempio, l'acido salicilico (un componente dell'aspirina) inattiva il calcipotriene (forma di vitamina D-3). D'altra parte, farmaci come l'antralina (estratto di corteccia di albero) possono richiedere l'aggiunta di acido salicilico per funzionare in modo efficace.
  • Luce ultravioletta B (UV-B) e banda stretta UV-B: la luce UV-B viene utilizzata anche per il trattamento della psoriasi. UV-B è una luce con lunghezze d'onda di 290-320 nanometri (nm). (La gamma di luce visibile è di 400-700 nm.) La terapia UV-B è generalmente combinata con uno o più trattamenti topici. I principali svantaggi di questa terapia sono l'impegno di tempo richiesto per i trattamenti e l'accessibilità delle apparecchiature UV-B.
  • Agenti sistemici: per la psoriasi pustolosa generalizzata, possono essere richiesti agenti sistemici come i retinoidi dall'inizio del trattamento. Questo può essere seguito dal trattamento PUVA. Per le forme più lievi e croniche di psoriasi pustolosa, è possibile provare prima il trattamento topico o il trattamento leggero. I pazienti la cui malattia è disabilitante per motivi fisici, psicologici, sociali o economici possono anche essere considerati per il trattamento sistemico.

Quali farmaci trattano la psoriasi pustolosa?

Gli obiettivi dei farmaci sono di ridurre i sintomi e prevenire le complicanze. In generale, il trattamento topico è di utilità limitata nel trattamento della psoriasi pustolosa estesa. Le opzioni da considerare per la malattia limitata includono emollienti insipidi e steroidi topici, sostanze che difficilmente possono provocare irritazione o infiammazione locale. I principali trattamenti topici sono corticosteroidi, derivati ​​della vitamina D-3, catrame di carbone, antralina o retinoidi. I nomi di farmaci generici sono elencati di seguito con esempi di marchi tra parentesi.

Farmaci topici

  • I corticosteroidi: Clobetasol (Temovate), fluocinolone (Synalar) e betametasone (Diprolene) sono alcuni dei corticosteroidi comunemente prescritti. Queste creme o unguenti vengono solitamente applicate due volte al giorno, ma la dose dipende dalla gravità della psoriasi.

Farmaci sistemici (quelli che circolano in tutto il corpo)

  • Acitretina (Soriatane) o isotretinoina (Accutane, Amnesteem, Claravis, Sotret) sono entrambi farmaci simili alla vitamina A disponibili per via orale. Questi farmaci vengono generalmente utilizzati immediatamente per controllare l'eruzione pustolosa acuta e quindi seguiti da altri farmaci e terapie a lungo termine, come indicato di seguito.
  • Metotrexato (Rheumatrex): Questo farmaco sopprime il sistema immunitario e rallenta la produzione di cellule della pelle. Il metotrexato viene assunto per via orale (compressa) o per iniezione una volta alla settimana. Le donne che stanno pianificando una gravidanza o che sono in gravidanza non devono assumere questo farmaco. Gli uomini non devono assumere questo farmaco se esiste la possibilità che essi impregnino i loro partner perché possono penetrare nello sperma. Il medico prescriverà esami del sangue per controllare il conteggio delle cellule del sangue e la funzionalità epatica e renale su base regolare mentre assume questo medicinale.
  • Ciclosporina (Sandimmune, Neoral): Questo farmaco somministrato per via orale sopprime il sistema immunitario. Un medico ordinerà esami del sangue per controllare la funzionalità renale ed epatica e i livelli di ciclosporina per monitorare la tossicità. La ciclosporina può aumentare il rischio di infezione o linfoma e può causare ipertensione.
  • Infliximab (Remicade, Inflectra) è un farmaco biologico che è stato usato per trattare la psoriasi pustolosa. Deve essere somministrato per infusione endovenosa.
  • Etanercept (Enbrel): Questo farmaco è una proteina artificiale che blocca il TNF, inibendo l'infiammazione. È approvato dalla FDA per la psoriasi e l'artrite psoriasica. Etanercept viene somministrato per iniezione due volte alla settimana. Il farmaco può essere iniettato a casa. Enbrel colpisce il sistema immunitario e non viene utilizzato nelle persone con insufficienza cardiaca significativa o infezioni attive.
  • Adalimumab (Humira) è un anticorpo che si lega al TNF, un mediatore chiave dell'infiammazione. Adalimumab viene iniettato ogni due settimane e non viene utilizzato nelle persone con insufficienza cardiaca significativa o infezioni attive.
  • Ustekinumab (Stelara): Questo farmaco proteico iniettabile interferisce con la cascata infiammatoria bloccando i messaggeri chimici dell'infiammazione per trattare la psoriasi pustolosa.

Quali sono le altre terapie per la psoriasi pustolosa?

Per la maggior parte, le terapie alternative non sono state testate con studi clinici e la FDA non ha approvato integratori alimentari per il trattamento della psoriasi. Tuttavia, la National Psoriasis Foundation discute alcune altre terapie sul loro sito web. Le persone dovrebbero consultare il proprio medico prima di iniziare qualsiasi terapia.

È possibile prevenire la psoriasi pustolosa?

  • Evitare i fattori ambientali che scatenano la psoriasi, come il fumo, l'esposizione al sole e lo stress, possono aiutare a prevenire o ridurre al minimo le riacutizzazioni della psoriasi. L'esposizione al sole può aiutare in molti casi di psoriasi e aggravarla in altri.
  • L'alcol è considerato un fattore di rischio per la psoriasi negli uomini giovani e di mezza età. Evitare o minimizzare l'uso di alcol se si ha la psoriasi.
  • Non ci sono restrizioni dietetiche specifiche o integratori per la psoriasi, oltre a consumare una dieta ben bilanciata e adeguata.

Qual è la prognosi della psoriasi pustolosa?

Le complicazioni possono includere quanto segue:

  • Infezioni batteriche della pelle, perdita di capelli e perdita delle unghie
  • Ipoalbuminemia (quantità anormalmente basse di albumina nel sangue) a causa della perdita di proteine ​​del sangue nei tessuti
  • Ipocalcemia (livelli anormalmente bassi di calcio nel sangue)
  • Danno ai reni
  • Danno al fegato
  • Malassorbimento (in cui il tratto gastrointestinale non assorbe sufficientemente i nutrienti) e malnutrizione

Il tipo von Zumbusch (con febbre e tossicità) può causare la morte se non viene trattato durante la fase acuta. Negli anziani e in quelli con funzionalità cardiopolmonare compromessa, la psoriasi pustolosa può essere una condizione molto grave.

Occasionalmente, la sindrome da distress respiratorio acuto può complicare la psoriasi pustolosa generalizzata. Le persone che hanno la psoriasi tipica prima di sperimentare un episodio pustoloso generalizzato tendono a fare meglio delle persone con forme insolite di psoriasi prima della riacutizzazione pustolosa.

I bambini tendono a riprendersi bene fino a quando si evitano gravi infezioni della pelle.




DOMANDA

La psoriasi provoca infiammazione dello strato superiore delle cellule della pelle, crescita troppo rapida e sfaldamento.
Vedi la risposta

Psoriasi pustolosa Gruppi di supporto e consulenza

L'istruzione è una delle basi per gestire questa condizione cronica e tipicamente recidivante. Le persone con psoriasi dovrebbero avere familiarità con le opzioni di trattamento al fine di prendere le giuste decisioni informate sulla terapia. La National Psoriasis Foundation è un'organizzazione eccellente che fornisce supporto alle persone con psoriasi.

Psoriasi pustolosa Immagine

File multimediale 2: psoriasi pustolosa palmoplantare, un tipo di psoriasi pustolosa che appare sul palmo delle mani o sulla pianta dei piedi.

Psoriasi pustolosa palmoplantare, un tipo di psoriasi pustolosa che appare sul palmo delle mani o sulla pianta dei piedi.

Riferimenti

Levin, Ethan C., et al. “Terapia biologica nella psoriasi eritodermica e pustolosa.” Journal of Drugs in Dermatology 13.3 marzo 2014: 342-354.

Posso-De Los Rios, Claudia J., et al. “Una revisione sistematica di farmaci sistemici per la psoriasi pustolosa in pediatria.” Dermatologia pediatrica (2014): 1-10.

Robinson, A., et al. “Trattamento della psoriasi pustolosa: dal Consiglio medico della National Psoriasis Foundation.” J Am Acad Dermatol 67,2 agosto 2012: 279-288.

Umezawa, Y., et al. “Linee guida terapeutiche per il trattamento della psoriasi pustolosa generalizzata (GPP) basate su una proposta classificazione di gravità della malattia.” Arch Dermatol Res 295 (2003): S43-S54.

Viguier, M., et al. “Efficacia e sicurezza degli inibitori del fattore di necrosi tumorale nella psoriasi pustolosa acuta generalizzata.” Arch Dermatol 148.12 dicembre 2012: 1423-1425.

Psorilax:Migliorare |crema similw a diprosalic per psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, dove si compra

Neem è meno conosciuto nel mondo occidentale, ma i suoi potenti benefici per la salute e la longevità sono stati apprezzati per secoli in Asia e India. Ecco perché dovresti conoscere meglio il neem naturale.

Dove, cosa e come?

Secondo le Accademie nazionali di scienze, ingegneria e medicina, si pensa che il neem dell'albero del neem sia nato in Assam e in Birmania. L'albero è stato anche coltivato in India per migliaia di anni.

È stato introdotto in Africa all'inizio di questo secolo ed è ormai ben consolidato in almeno 30 paesi. Nel corso dell'ultimo secolo circa, l'albero è stato stabilito anche nelle isole Figi, Mauritius, nei Caraibi e in molti paesi dell'America centrale e meridionale. Negli Stati Uniti, le piccole piantagioni prosperano nel sud della Florida. Esistono anche aree esplorative nella California meridionale e in Arizona.

Oltre alle sue qualità medicinali, le foglie e la corteccia dell'albero sono anche diventate un importante fornitore di combustibile e legname.

Benefici della “buona salute” di longevità

Neem in sanscrito, è arista. Ciò significa qualcosa di perfetto, imperituro e completo. Non solo le sue foglie, ma i semi, le radici e la corteccia dell'albero contengono anche composti importanti che hanno molte proprietà di longevità. L'albero denota “buona salute” nell'Ayurveda indiano.

I primi scritti medici in sanscrito si riferiscono ai benefici dei suoi frutti, semi, olio, foglie, radici e corteccia. Nel corso di migliaia di anni, milioni di asiatici hanno anche usato il neem in medicina.

Per mangiare

Secondo Plants for the Future puoi mangiare frutta, foglie, fiori e linfa di neem. Nonostante la loro amarezza, le foglie giovani vengono cotte e mangiate in India. Vengono consumati crudi o fritti insieme ad altre verdure. I fiori sono usati per sapore; ma sono anche amari se non cotti.

Maturo o fermentato

La polpa di frutta completamente matura viene consumata cruda o cotta e utilizzata per le bevande. L'olio raffinato dai semi può essere usato per cucinare.

Una bevanda alcolica fermentata è prodotta dalla linfa dei rami. Alcuni possono persino preparare la frutta come bevanda da dessert o limonata. È interessante notare che il neem può anche essere usato come cibo di carestia in quanto le foglie contengono il 15% di proteine, quindi possono fornire un supporto vitale.

Neem Tea

Neem è una bevanda molto salutare per il tè. Chiamato tè lilla indiano, è un infuso di erbe fatto dalle foglie secche intere o macinate dell'albero del neem.

Poiché il tè di neem ha un sapore amaro da solo, è meglio miscelarlo con altre erbe e ingredienti per contrastare questa amarezza. Alcuni tè di neem sono miscelati con tè nero o verde. Il sapore esatto dipenderà dalla miscela ma aspettiamo una nota amara dalle foglie di neem.

Il tè Neem è privo di caffeina.

Come preparare il tè di Neem

Il tè di Neem può essere preparato con foglie fresche. Tuttavia, è più comunemente fatto da foglie intere o macinate essiccate.

tè al neem naturale

È super salutare, ma è molto amaro. A causa di questo sapore amaro, le foglie di tè di neem sono spesso mescolate con tè nero o verde o erbe e spezie come la cannella. Miscelare il tè con sapori dolci e speziati aiuta a bilanciare l'amarezza della foglia.

Miscela fatta in casa

Puoi creare la tua miscela a casa, aggiungendo ingredienti come cardamomo, finocchio e / o buccia d'arancia, oppure usando un rapporto tra 1 parte di tè di neem e 1 parte di tè nero, verde o rooibos. Controbilanciare l'amarezza aggiungendo miele o zucchero e succo di limone.

Le foglie di Neem sono anche vendute come polvere fine. Una piccola quantità di polvere deve essere mescolata in acqua calda o fredda e mescolata bene prima di consumarla. Consultare sempre la confezione per il dosaggio raccomandato.

Un antiossidante naturale

Neem ha buone proprietà anti-invecchiamento. Grazie alle sue proprietà antiossidanti, questo estratto protegge la pelle dai dannosi raggi UV, dall'inquinamento e da altri fattori ambientali. Le vitamine e gli acidi grassi di Neem miglioreranno e manterranno l'elasticità della pelle, riducendo rughe e rughe. Questo rende te e la tua pelle ringiovaniti e giovani.

Proprietà antisettiche

In India, il neem naturale si trova in molti beni di consumo popolari. L'olio di Neem, ad esempio, è stato un ingrediente importante nei saponi da almeno 50 anni. Le sue proprietà antisettiche sono state utilizzate nella produzione di saponi e dentifrici medicati.

È anche utile nella lotta contro l'infezione fungina. Le proprietà antibatteriche tengono a bada batteri e funghi dannosi, proteggendo la pelle dalle malattie della pelle.

Un disintossicante naturale

Neem è considerata una farmacia a sé stante in India, dove ogni parte della pianta viene utilizzata in medicina. Contiene una serie di sostanze attive dal punto di vista medico. Ciò include meliacine, amari triterpenoidi, tannini e flavonoidi.

Uno spermicida naturale

Non sorprende che sia uno dei più importanti disintossicanti nella medicina ayurvedica. Questo perché è un'erba amara e tonica che cancella le tossine, riduce l'infiammazione, riduce le febbri, promuove la guarigione e generalmente migliora le funzioni corporee. Distrugge anche una vasta gamma di organismi parassiti. E che ci crediate o no, è persino uno spermicida. Alcuni studi hanno dimostrato che agisce come un contraccettivo naturale.

Un riepilogo dei 13 principali vantaggi reali dell'utilizzo del neem naturale

1. Cura personale

Gli estratti di alberi di Neem sono stati una parte di molti rimedi domestici che gli indiani seguono da tempo immemorabile. Per secoli le comunità indiane lo hanno usato per mantenere i capelli lunghi e lucenti e la pelle chiara.

Troverai comunemente che viene utilizzato in prodotti come polveri da bagno, shampoo, lozione per la pelle, dentifricio.

Aumenta la salute della pelle

Neem naturale è anche un'ottima fonte di idratante per la pelle. Applicando l'olio di neem, i suoi acidi grassi e vitamine idratano e condizionano la pelle, rendendola più chiara e giovane. La vitamina E nell'olio di neem ripara la pelle danneggiata e limita anche l'effetto dell'ambiente che può causare danni alla pelle.

2. Smagliature e cicatrici

Neem aiuta a curare le ferite senza lasciare brutte cicatrici. Previene anche le infezioni settiche. Neem è comunemente usato per curare le ferite a causa delle sue proprietà antisettiche. Applicare quotidianamente una piccola quantità di olio di neem sulle ferite e sulle cicatrici. L'olio contiene gli acidi grassi necessari, che promuovono anche la guarigione delle ferite e rendono la pelle sana.

3. Denti e gengive sani

Masticare ramoscelli di neem per l'igiene e la cura dei denti è una tradizione indiana secolare. Nelle famiglie indiane, le persone si lavavano i denti con rametti di neem.

Placca dentale

Le prime ricerche suggeriscono che l'applicazione di gel di estratto di foglie di neem su denti e gengive due volte al giorno per 6 settimane potrebbe ridurre la formazione di placca. Potrebbe anche ridurre il numero di batteri nella bocca che possono causare placca.

denti (longevità viva)

Una forma lieve di malattia gengivale (gengivite)

La maggior parte della ricerca mostra che l'applicazione di un gel contenente l'estratto di foglie o l'uso di un collutorio neem può ridurre la gengivite in alcune persone. Tuttavia, non sembra essere utile come il collutorio alla clorexidina e potrebbe non essere efficace per le persone con gengivite di vecchia data.

4. Capelli più forti e più lunghi

Come accennato in precedenza, Neem aiuta anche a rafforzare la qualità dei capelli e favorisce la crescita dei capelli. La pasta viene utilizzata come balsamo per capelli. Grazie alle sue proprietà antibatteriche, antimicotiche e antinfiammatorie, la preparazione è un modo eccellente per ridurre la forfora. Questo rende i follicoli piliferi più forti, incoraggiando anche la crescita dei capelli.

5. Trattamento dei disturbi della pelle

Forse uno dei reali vantaggi di Neem è nel suo uso per la pelle. È perché ha una proprietà disintossicante. È usato per trattare l'eczema e altre infezioni della pelle.

Chi soffre di psoriasi ha ottenuto risultati positivi dall'uso dell'estratto di neem. Infatti. ela ricerca arly è promettente. Suggerisce di assumere estratti di neem per via orale per 12 settimane, insieme all'esposizione quotidiana al sole e all'applicazione di catrame di carbone e crema di acido salicilico, riduce la gravità dei sintomi della psoriasi nelle persone.

Le proprietà antinfiammatorie di Neem possono aiutare a ridurre l'acne.

Aiuterà ad alleviare la secchezza della pelle, prurito della pelle, arrossamento e prevenire brufoli e imperfezioni della pelle.

6. Gestione della glicemia

Neem naturale contiene sostanze chimiche che potrebbero aiutare a ridurre i livelli di zucchero nel sangue.

7. Proprietà antifungine e antibatteriche

Le foglie sono usate per trattare le infezioni fungine e batteriche. Sono usati per trattare le verruche e la varicella. O la pasta viene applicata sulla zona interessata o la persona viene fatta il bagno in acqua neem. Può anche trattare i funghi ai piedi.

8. Repellente per insetti naturalet

Le prime ricerche suggeriscono che l'applicazione dell'estratto di radice o foglia di neem sulla pelle aiuta a respingere le mosche nere. Inoltre, l'applicazione di crema all'olio di neem sulla pelle sembra proteggere da alcuni tipi di zanzare.malaria | Longevità LIVE

Poiché l'estratto di erbe è efficace contro le zanzare, può anche avere proprietà antimalariche. La malaria è un parassita che portano alcune zanzare.

Puoi tenere il cotone imbevuto di neem vicino alle finestre o bruciare le foglie per allontanare gli insetti.

8. Ulcere allo stomaco

Ulcera allo stomaco. Alcune ricerche suggeriscono che l'assunzione di 30-60 mg di corteccia di neem estratto due volte al giorno per bocca per 10 settimane aiuta a guarire le ulcere dello stomaco e dell'intestino.

9. Diabete

Esistono prove del fatto che Neem può abbassare i livelli di zucchero nel sangue e potrebbe causare un livello troppo basso di zucchero nel sangue. Se hai il diabete e usi neem, controlla attentamente la glicemia. Potrebbe essere necessario modificare la dose dei farmaci per il diabete.

10. Aumenta l'immunità

Il neem naturale è un forte antiossidante che neutralizza i radicali liberi che possono influenzare lo sviluppo di alcune condizioni. È anche un forte agente antinfiammatorio. Il tè di Neem è anche ampiamente prescritto per ridurre la febbre, in particolare dalla malaria. Le aziende hanno persino iniziato a commercializzare capsule di foglie di neem per una migliore immunità.

11. Gestire i pidocchi

La ricerca clinica dimostra che l'applicazione di uno shampoo con estratto di neem naturale sul cuoio capelluto una volta cura completamente i pidocchi nei bambini.

12. Agricoltura biologica con neem naturale

La famosa torta di semi di neem, che è fondamentalmente un residuo di semi di neem che viene lasciato dopo l'estrazione dell'olio, è estremamente utile per arricchire il terreno. Riduce anche la perdita di azoto e funziona come un nematicida.

13. Salute degli animali domestici

Alcuni produttori aggiungono l'estratto agli shampoo animali per respingere le zecche e le pulci. E viene aggiunto all'alimentazione del bestiame o ai cereali per respingere parassiti e parassiti.

Iscriviti | Longevità dal vivo

Precauzioni speciali e avvertenze

Secondo RX.com non tutti dovrebbero usare Neem.

Bambini

Prendere i semi o l'olio per via orale è Probabilmente insicuro per bambini. Effetti collaterali gravi nei neonati e nei bambini piccoli possono verificarsi entro poche ore dall'assunzione di olio di neem. Questi gravi effetti collaterali includono vomito, diarrea, sonnolenza, disturbi del sangue, convulsioni, perdita di coscienza, coma, disturbi cerebrali e morte.

Gravidanza e allattamento

La corteccia di petrolio e neem sono Probabilmente insicuro se assunto per via orale durante la gravidanza. Possono causare un aborto spontaneo.

Non si sa abbastanza sulla sicurezza del bisogno durante l'allattamento. Rimani al sicuro ed evita l'uso.

Malattie autoimmuni

Malattie autoimmuni “come la sclerosi multipla (SM), il lupus (lupus eritematoso sistemico, LES), l'artrite reumatoide (AR) o altre condizioni: Neem potrebbe rendere più attivo il sistema immunitario. Ciò potrebbe aumentare i sintomi delle malattie autoimmuni. Se hai una di queste condizioni, è meglio evitare di usarla.

Diabete

Esistono prove del fatto che Neem può abbassare i livelli di zucchero nel sangue e potrebbe causare un livello troppo basso di zucchero nel sangue. Se hai il diabete e usi neem, controlla attentamente la glicemia. Potrebbe essere necessario modificare la dose dei farmaci per il diabete.

Ridotta capacità di avere figli (infertilità)

Ci sono alcune prove che può danneggiare lo sperma. Potrebbe anche ridurre la fertilità in altri modi. Se stai cercando di avere figli, non usarlo.

Trapianto d'organo

Neem potrebbe ridurre l'efficacia dei farmaci usati per prevenire il rigetto degli organi. Non usare i preparati se hai subito un trapianto di organi.

Chirurgia

Neem potrebbe abbassare i livelli di zucchero nel sangue. Si teme che possa interferire con il controllo della glicemia durante e dopo l'intervento chirurgico. Smetti di usarlo almeno 2 settimane prima di un intervento chirurgico programmato.

La linea di fondo

Esistono molti rapporti e studi positivi che dimostrano i benefici del neem naturale in termini di benefici generali per la salute e la longevità. Le sue naturali capacità di guarigione possono aiutare le famiglie di tutto il mondo.

Riferimenti

  • Piante per il futuro: https://pfaf.org/plants/neem-azadirachta-indica/
  • Neem. Un albero per risolvere i problemi globali: Accademie nazionali di scienze, ingegneria e medicina, https://www.nap.edu/read/1924/chapter/4#25
  • Benefici del tè di Neem https://www.thespruceeats.com/tea-infusion-definition-765719
  • Tempi dell'India: Vantaggi di Neem https://timesofindia.indiatimes.com/life-style/health-fitness/home-remedies/herbal-remedies-20-health-benefits-of-neem/articleshow/20083389.cms
  • Notizie mediche oggi. Neem: https://www.medicalnewstoday.com/articles/301506.php
  • Neem Precauzioni speciali e avvertenze: HTPPS: //www.RX.com

Documenti accademici

  • Pai MR, Acharya LD, Udupa N. Valutazione dell'attività antiplaque del gel di estratto di foglie di Azadirachta indica – uno studio clinico di 6 settimane. J Ethnopharmacol 2004; 90: 99-103.
  • Semmler M, Abdel-Ghaffar F, Gestmann F, et al. Studio clinico randomizzato, accecato dallo sperimentatore, controllato con shampoo per pidocchi (Licener®) contro dimeticone (Jacutin® Pedicul Fluid) per il trattamento delle infestazioni con i pidocchi. Parasitol Res 2017; 116 (7): 1863-70.
  • Upadhyay SN, Dhawan S, Garg S, GP di Talwar. Effetti immunomodulatori dell'olio di neem (Azadirachta indica). Int J Immunopharmacol 1992; 14: 1187-93.
  • Ali BH. Tossicologia di Azadirachta indica. J Ethnopharmacol 1994; 42: 71-2.
  • Balappanavar AY, Sardana V, Singh M. Confronto dell'efficacia di 0,5% di tè, 2% di neem e 0,2% di collutori alla clorexidina sulla salute orale: uno studio di controllo randomizzato. Indian J Dent Res. 2013; 24 (1): 26-34.
  • Biswas K, Chattopadhyay I, Banerjee RK, Bandyopadhyay U. Attività biologiche e proprietà medicinali del neem (Azadirachta indica). Curr Sci 2002; 82: 1336-45.
  • Etebu E, Tasie AA, Daniel-Kalio LA. Qualità fungina post-raccolta di bastoncini da masticare selezionati. Oral Dis 2003; 9: 95-8.
  • Halim EM. Riduzione della glicemia mediante estratto di acqua di Azadirachta indica e Abroma augusta nei ratti diabetici. Indian J Exp Biol 2003; 41: 636-40.
  • Jalaluddin M, Rajasekaran UB, Paul S, Dhanya RS, Sudeep CB, Adarsh ​​VJ. Valutazione comparativa del collutorio Neem su placca e gengivite: uno studio crossover in doppio cieco. J Contemp Dent Pract 2017; 18 (7): 567-71.
  • Khillare B, Shrivastav TG. Attività spermicida dell'estratto di foglie di Azadirachta indica (neem). Contraccezione 2003; 68: 225-9.
  • Nishad A, Sreesan NS, Joy J, Lakshmanan L, Thomas J, Anjali VA. Impatto dei collutori sull'attività antibatterica di soggetti con apparecchi ortodontici fissi: uno studio clinico randomizzato. J Contemp Dent Pract 2017; 18 (12): 1112-6.
  • Abdel-Ghaffar, F. e Semmler, M. Efficacia dello shampoo con estratto di semi di neem sui pidocchi di esseri umani naturalmente infetti in Egitto. Parasitol.Res 2007; 100 (2): 329-332.
  • Balappanavar, A. Y., Nagesh, L., Ankola, A. V., Tangade, P. S., Kakodkar, P. e Varun, S. Efficacia antimicrobica di varie soluzioni disinfettanti nel ridurre la contaminazione dello spazzolino da denti – uno studio comparativo. Oral Health Prev.Dent. 2009; 7 (2): 137-145.
  • Bhaskar, M. V., Pramod, S. J., Jeevika, M. U., Chandan, P. K. e Shetteppa, G. MR scoperte di imaging di avvelenamento da olio di neem. AJNR Am J Neuroradiol. 2010; 31 (7): E60-E61.
  • Dua, V. K., Nagpal, B. N. e Sharma, V. P. Azione repellente della crema di neem contro le zanzare. Indian J.Malariol. 1995; 32 (2): 47-53.
  • Iyyadurai, R., Surekha, V., Sathyendra, S., Paul, Wilson B. e Gopinath, avvelenamento da K. G. Azadirachtin: un caso clinico. Clin Toxicol. (Phila) 2010; 48 (8): 857-858.
  • Jones, I. W., Denholm, A. A., Ley, S. V., Lovell, H., Wood, A. e Sinden, R. E. Lo sviluppo sessuale dei parassiti della malaria è inibito in vitro dall'estratto di neem azadirachtin e dai suoi analoghi semisintetici. FEMS Microbiol.Lett. 1994/07/15; 120 (3): 267-273.