CREMA TRATTAMENTO PSORIASI OFFERTA -50% !

Home Blog Page 215

Psorilax:promo |crema calendula per psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, dove si compra

Le società chiave incluse nel rapporto di ricerche di mercato CDMO sono Catalent, Inc, Baxter, Vetter, Recipharm AB, Albany Molecular Research Inc. (AMRI), Thermo Fisher Scientific Inc. (Patheon), Unither, DPT LABORATORIES LTD., NextPharma Technologies e altri attori chiave del mercato.

Pune, 24 marzo 2020 (GLOBE NEWSWIRE) – Il globale sviluppo del contratto e mercato delle organizzazioni produttive la dimensione è proiettata a raggiungere 278,98 miliardi di dollari entro la fine del 2026. Fusioni e acquisizioni sono una tendenza in crescita tra le principali aziende in tutto il mondo. Secondo un rapporto pubblicato da Fortune Business Insights, intitolato “Organizzazione del contratto di sviluppo e produzione (CDMO) Dimensione del mercato, analisi delle quote e del settore, per servizio Per CMO (API, prodotto finito Moduli di dosaggio solidi, iniettabili e altri e imballaggio) Per CRO (Discovery, Preclinical, Clinical Prova e servizi di laboratorio) e previsioni regionali, 2019-2026, “Il mercato ha raggiunto un valore di 130,80 miliardi di dollari nel 2018 e presenterà a CAGR del 10,0% durante il periodo di previsione, 2019-2026.


Per ulteriori informazioni nell'analisi di questo rapporto, visitare:
https://www.fortunebusinessinsights.com/contract-development-and-manufacturing-organization-cdmo-outsourcing-market-102502

Panoramica del rapporto:

Lo sviluppo del contratto e il mercato delle organizzazioni manifatturiere è segmentato sulla base di fattori come il servizio e le aree geografiche. Il rapporto fornisce valori di previsione per il mercato per il periodo 2019-2026. Le cifre fattuali sono state ottenute attraverso fonti attendibili. Inoltre, queste previsioni sono fatte sulla base di estesi metodi di analisi della ricerca, abbinati alle opinioni di esperti di ricerche di mercato. Il rapporto evidenzia gli ultimi lanci di prodotti e identifica le principali innovazioni sul mercato. Inoltre, indica l'impatto di questi prodotti sulla crescita del mercato. Il panorama competitivo è stato discusso in dettaglio e nei prossimi anni vengono fatte previsioni rispetto alle principali aziende e prodotti.

Panoramica del Prodotto:

Un'organizzazione di sviluppo e produzione a contratto (CDMO) aiuta le aziende sanitarie a sviluppare farmaci. È coinvolto nel processo complessivo, fin dalle prove cliniche fino alla commercializzazione e alla distribuzione dei farmaci. La complessità delle terapie e la mancanza di capacità produttive interne avranno un impatto positivo sulla crescita del mercato nei prossimi anni. L'elevato investimento in CDMO farà ben sperare per il mercato globale nei prossimi anni. Inoltre, il crescente numero di fusioni e collaborazioni strategiche contribuirà alla crescita del mercato. L'uso di tecnologie avanzate nei processi di sviluppo dei farmaci emergerà a favore delle aziende che operano nel mercato.

Richiedi una copia di prova del rapporto di ricerca: https://www.fortunebusinessinsights.com/enquiry/request-sample-pdf/contract-development-and-manufacturing-organization-cdmo-outsourcing-market-102502

Recipharm AB presenta la nuova piattaforma di servizi completamente integrata

Tenendo conto dell'enorme potenziale detenuto dai CDMO, diverse aziende stanno cercando di investire di più nello sviluppo di nuovi prodotti. Gli enormi investimenti hanno prodotto alcuni prodotti eccezionali negli ultimi anni. Nel maggio 2019, Recipharm AB ha annunciato il lancio di una piattaforma di servizi completamente integrata per i prodotti per inalazione. Ciò includerà le prime fasi dei prodotti, compresi gli studi preclinici per la commercializzazione dei prodotti. L'ultimo prodotto di Recipharm genererà enormi vendite e conseguentemente alti ricavi per l'azienda. Ciò non solo gioverà alla società, ma avrà un impatto positivo sulla crescita del mercato globale nei prossimi anni.

Asia Pacifico per registrare il CAGR più alto; L'aumento delle collaborazioni aziendali favorirà la crescita del mercato regionale

Il rapporto analizza le tendenze del mercato CDMO in corso in Nord America, America Latina, Europa, Asia-Pacifico, Medio Oriente e Africa. Tra queste regioni, il mercato dell'Asia del Pacifico registrerà il CAGR più elevato nei prossimi anni, guidato dal crescente numero di collaborazioni e fusioni di società in diversi paesi del mondo. Si prevede che il mercato in Nord America emergerà dominante nei prossimi anni, grazie alla presenza di diverse aziende affermate. A partire dal 2018, il mercato in Nord America valeva 48,72 miliardi di USD nel 2018 e si prevede che questo valore aumenterà ulteriormente nei prossimi anni.

Elenco delle principali aziende profilate nel Rapporto di ricerche di mercato CDMO sono riportate:

Sviluppi del settore:

Febbraio 2019: Jubilant Biosys ha collaborato con Sanofi per sviluppare inibitori di piccole molecole nell'area terapeutica del SNC.


Hai qualche domanda? Chiedi ai nostri esperti:
https://www.fortunebusinessinsights.com/enquiry/speak-to-analyst/contract-development-and-manufacturing-organization-cdmo-outsourcing-market-102502


Tabella dei contenuti dettagliata:

1. introduzione
1.1. Ambito di ricerca
1.2. Segmentazione del mercato
1.3. Metodologia di ricerca
1.4. Definizioni e presupposti
2. Sintesi
3. Dinamica del mercato
3.1. Trend di mercato
3.2. Driver di mercato
3.3. Vincoli di mercato
3.4. Opportunità di mercato
4. Informazioni chiave
4.1. Principali sviluppi del settore (fusioni, acquisizioni e partenariati)
4.2. Lo scenario normativo per i principali paesi / regioni
4.3. Principali tendenze del mercato
4.4. Mappatura dei servizi chiave da parte dei giocatori principali
5. Analisi, approfondimenti e previsioni del mercato dell'organizzazione globale di sviluppo e produzione (CDMO), 2015-2026
5.1. Risultati chiave / Riepilogo
5.2. Analisi di mercato, approfondimenti e previsioni – Per servizio
5.2.1. CMO
5.2.1.1. Produzione API
5.2.1.2. Produzione di prodotti finiti
5.2.1.2.1. Forme di dosaggio solide
5.2.1.2.2. iniettabili
5.2.1.2.3. Altri (semisolidi / liquidi, polvere)
5.2.1.3. Confezione
5.2.2. CRO
5.2.2.1. Scoperta
5.2.2.2. preclinici
5.2.2.3. Clinico
5.2.2.4. Servizi di laboratorio
5.3. Analisi di mercato, approfondimenti e previsioni – Per regione
5.3.1. Nord America
5.3.2. Europa
5.3.3. Asia Pacifico
5.3.4. Resto del mondo

TOC Continua ….

Richiesta di personalizzazione: https://www.fortunebusinessinsights.com/enquiry/customization/contract-development-and-manufacturing-organization-cdmo-outsourcing-market-102502

Dai un'occhiata ai rapporti correlati:

Mercato dei servizi della Contract Research Organization (CRO) Dimensione, condivisione e tendenza globale per tipo di servizio (scoperta, pre-clinica, clinica, servizi di laboratorio), per applicazione (oncologia, cardiologia, malattie infettive, disturbi metabolici), per utente finale (aziende farmaceutiche e biotecnologiche, società di dispositivi medici, accademico E istituti di ricerca) e previsioni geografiche fino al 2026

Mercato dei servizi di laboratorio clinico Dimensione, quota e tendenza globale per tipo di laboratorio (laboratorio clinico specializzato, laboratorio clinico integrato), proprietà (laboratorio clinico di proprietà ospedaliera, laboratorio clinico autonomo, altro), utente finale (ospedali, cliniche, centri di ricerca, altro) e geografia Previsioni fino al 2026

Mercato di chimica clinica Dimensione, quota e tendenza globale per tipo di prodotto (analizzatori, reagenti e materiali di consumo), per applicazione (test di chimica generale, test di funzionalità epatica, test di funzionalità renale, analisi delle urine, pannello elettrolitico, profilo lipidico, test di specialità chimiche, altri), per utente finale (Ospedali, centri diagnostici / patologici, centri di chirurgia ambulatoriale (ASC), altri) e previsioni geografiche fino al 2026

Drug Discovery Informatics Market Dimensioni, analisi delle analisi e del settore, per tipo di servizio (interno, esternalizzato), per modalità (sistemi basati su cloud, piattaforma all'interno del campus), per applicazione (sequenziamento dei dati, docking molecolare, informatica di identificazione e convalida, analisi dei dati di destinazione, Altri), per utente finale (aziende farmaceutiche, organizzazioni di ricerca a contratto, società di biotecnologia, altri) e previsioni regionali, 2019-2026

Dimensione del mercato dei biomarcatori, analisi delle quote e del settore, per indicazione (oncologia, cardiologia, neurologia e altri), per utente finale (aziende farmaceutiche e biotecnologiche, laboratori di diagnostica e ricerca, ospedali e cliniche specializzate, e altri) e previsioni regionali, 2019 -2026

Dimensione del mercato dei farmaci per l'influenza, analisi delle quote e del settore, per trattamento (Baloxavir marboxil, oseltamivir fosfato, altri), per tipo di influenza (influenza A, influenza B), per via di somministrazione (orale, altri), per canale di distribuzione (farmacie ospedaliere, Farmacie al dettaglio, Farmacie online, Altro) e previsioni regionali, 2019-2026

Dimensioni del mercato della telemedicina, analisi delle quote e del settore per tipo (prodotti, servizi), per applicazione (teleradiologia, telepatologia, teledermatologia, telepsichiatria, telecardiologia, altri), per modalità (store-and-forward (asincrono), real-time (sincrono) , Altri), per utente finale (strutture sanitarie, assistenza domiciliare) e previsioni regionali 2019-2026

Dimensioni del mercato della Telehealth, analisi delle quote e del settore per tipo (prodotti, servizi), per applicazione (telemedicina, monitoraggio dei pazienti, formazione medica continua, altro), per modalità (store-and-forward (asincrono), in tempo reale (sincrono), Monitoraggio remoto dei pazienti), per utente finale (strutture sanitarie, assistenza domiciliare, altro) e previsioni geografiche, 2019-2026

Dimensione del mercato della consegna di farmaci iniettabili, analisi delle quote e del settore per tipo di dispositivo (iniettabili convenzionali, siringhe preriempite, autoiniettori, iniettori di penna, altri), per applicazione (disturbi autoimmuni, diabete, gestione del dolore, trattamenti estetici, altri), Per via di somministrazione (sottocutanea, endovenosa, intramuscolare, altri), per utente finale (ospedali, strutture di assistenza domiciliare, cliniche, altro) e previsioni regionali 2019-2026

Dimensione del mercato della medicina rigenerativa, analisi delle quote e del settore per prodotto (terapia cellulare, terapia genica, ingegneria tissutale, plasma ricco di piastrine), applicazione (ortopedia, cura delle ferite, oncologia), canale di distribuzione (ospedali, cliniche) e previsioni regionali, 2019 – 2026

Dimensione del mercato immunologico, analisi delle quote e del settore per classe di farmaci (anticorpo monoclonale (mAb), proteine ​​di fusione, immunosoppressori, anticorpo policlonale (pAb), altri), per indicazione di malattia (artrite reumatoide, artrite psoriasica, psoriasi a placche, spondilite anchilosante, arco infiammatorio Malattia, profilassi del rigetto dell'organo, altri), per canale distributivo e previsioni regionali 2019-2026

Riguardo a noi:

Fortune Business Insights ™ offre analisi aziendali esperte e dati accurati, aiutando le organizzazioni di tutte le dimensioni a prendere decisioni tempestive. Adattiamo soluzioni innovative per i nostri clienti, aiutandoli ad affrontare le sfide distinte per le loro attività. Il nostro obiettivo è fornire ai nostri clienti informazioni di mercato olistiche, offrendo una panoramica granulare del mercato in cui operano.

I nostri report contengono un mix unico di intuizioni tangibili e analisi qualitative per aiutare le aziende a raggiungere una crescita sostenibile. Il nostro team di analisti e consulenti esperti utilizza strumenti e tecniche di ricerca leader del settore per compilare studi di mercato completi, intervallati da dati rilevanti.

A Fortune Business Insights ™ miriamo a evidenziare le opportunità di crescita più redditizie per i nostri clienti. Pertanto, offriamo raccomandazioni, rendendo più semplice la navigazione tra i cambiamenti tecnologici e di mercato. I nostri servizi di consulenza sono progettati per aiutare le organizzazioni a identificare opportunità nascoste e comprendere le sfide competitive prevalenti.

Contattaci:

Fortune Business Insights ™ Pvt. Ltd.
308, sede suprema,
Sondaggio n. 36, Baner,
Autostrada Pune-Bangalore,
Pune – 411045, Maharashtra, India.
Telefono:
Stati Uniti: +1 424253 0390
Regno Unito: +44 2071 939123
APAC: +91 744740 1245
E-mail: sales@fortunebusinessinsights.com
Fortune Business Insights ™
LinkedIn | cinguettio | Blog

Comunicato stampa: https://www.fortunebusinessinsights.com/press-release/contract-development-and-manufacturing-organization-cdmo-market-9673

Psorilax:Confronto |crema psoriasi psorcutan

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, dove si compra

Pune, 24 marzo 2020 (GLOBE NEWSWIRE) – Il globale sviluppo del contratto e mercato delle organizzazioni produttive la dimensione è proiettata a raggiungere 278,98 miliardi di dollari entro la fine del 2026. Fusioni e acquisizioni sono una tendenza in crescita tra le principali aziende in tutto il mondo. Secondo un rapporto pubblicato da Fortune Business Insights, intitolato “Organizzazione del contratto di sviluppo e produzione (CDMO) Dimensione del mercato, analisi delle quote e del settore, per servizio Per CMO (API, prodotto finito Moduli di dosaggio solidi, iniettabili e altri e imballaggio) Per CRO (Discovery, Preclinical, Clinical Prova e servizi di laboratorio) e previsioni regionali, 2019-2026, “il mercato valeva 130,80 miliardi di dollari nel 2018 e presenterà a CAGR del 10,0% durante il periodo di previsione, 2019-2026.


Per ulteriori informazioni nell'analisi di questo rapporto, visitare:
https://www.fortunebusinessinsights.com/contract-development-and-manufacturing-organization-cdmo-outsourcing-market-102502

Panoramica del rapporto:

Lo sviluppo del contratto e il mercato delle organizzazioni manifatturiere è segmentato sulla base di fattori come il servizio e le aree geografiche. Il rapporto fornisce valori di previsione per il mercato per il periodo 2019-2026. Le cifre fattuali sono state ottenute attraverso fonti attendibili. Inoltre, queste previsioni sono fatte sulla base di estesi metodi di analisi della ricerca, abbinati alle opinioni di esperti di ricerche di mercato. Il rapporto evidenzia gli ultimi lanci di prodotti e identifica le principali innovazioni sul mercato. Inoltre, indica l'impatto di questi prodotti sulla crescita del mercato. Il panorama competitivo è stato discusso in dettaglio e nei prossimi anni vengono fatte previsioni rispetto alle principali aziende e prodotti.

Panoramica del Prodotto:

Un'organizzazione di sviluppo e produzione a contratto (CDMO) aiuta le aziende sanitarie a sviluppare farmaci. È coinvolto nel processo complessivo, fin dalle prove cliniche fino alla commercializzazione e alla distribuzione dei farmaci. La complessità delle terapie e la mancanza di capacità produttive interne avranno un impatto positivo sulla crescita del mercato nei prossimi anni. L'elevato investimento in CDMO farà ben sperare per il mercato globale nei prossimi anni. Inoltre, il crescente numero di fusioni e collaborazioni strategiche contribuirà alla crescita del mercato. L'uso di tecnologie avanzate nei processi di sviluppo dei farmaci emergerà a favore delle aziende che operano nel mercato.

Richiedi una copia di prova del rapporto di ricerca: https://www.fortunebusinessinsights.com/enquiry/request-sample-pdf/contract-development-and-manufacturing-organization-cdmo-outsourcing-market-102502

Recipharm AB presenta la nuova piattaforma di servizi completamente integrata

Tenendo conto dell'enorme potenziale detenuto dai CDMO, diverse aziende stanno cercando di investire di più nello sviluppo di nuovi prodotti. Gli enormi investimenti hanno prodotto alcuni prodotti eccezionali negli ultimi anni. Nel maggio 2019, Recipharm AB ha annunciato il lancio di una piattaforma di servizi completamente integrata per i prodotti per inalazione. Ciò includerà le prime fasi dei prodotti, compresi gli studi preclinici per la commercializzazione dei prodotti. L'ultimo prodotto di Recipharm genererà enormi vendite e conseguentemente alti ricavi per l'azienda. Ciò non solo gioverà alla società, ma avrà un impatto positivo sulla crescita del mercato globale nei prossimi anni.

Asia Pacifico per registrare il CAGR più alto; L'aumento delle collaborazioni aziendali favorirà la crescita del mercato regionale

Il rapporto analizza le tendenze del mercato CDMO in corso in Nord America, America Latina, Europa, Asia-Pacifico, Medio Oriente e Africa. Tra queste regioni, il mercato dell'Asia del Pacifico registrerà il CAGR più elevato nei prossimi anni, guidato dal crescente numero di collaborazioni e fusioni di società in diversi paesi del mondo. Si prevede che il mercato in Nord America emergerà dominante nei prossimi anni, grazie alla presenza di diverse aziende affermate. A partire dal 2018, il mercato in Nord America valeva 48,72 miliardi di USD nel 2018 e si prevede che questo valore aumenterà ulteriormente nei prossimi anni.

Elenco delle principali aziende profilate nel Rapporto di ricerche di mercato CDMO sono riportate:

  • Catalent, Inc
  • Baxter
  • Vetter
  • Recipharm AB
  • Albany Molecular Research Inc. (AMRI)
  • Thermo Fisher Scientific Inc. (Patheon)
  • Unither
  • DPT LABORATORIES LTD.
  • NextPharma Technologies
  • Altri

Sviluppi del settore:

Febbraio 2019: Jubilant Biosys ha collaborato con Sanofi per sviluppare inibitori di piccole molecole nell'area terapeutica del SNC.


Hai qualche domanda? Chiedi ai nostri esperti:
https://www.fortunebusinessinsights.com/enquiry/speak-to-analyst/contract-development-and-manufacturing-organization-cdmo-outsourcing-market-102502


Tabella dei contenuti dettagliata:

1. introduzione
1.1. Ambito di ricerca
1.2. Segmentazione del mercato
1.3. Metodologia di ricerca
1.4. Definizioni e presupposti
2. Sintesi
3. Dinamica del mercato
3.1. Trend di mercato
3.2. Driver di mercato
3.3. Vincoli di mercato
3.4. Opportunità di mercato
4. Informazioni chiave
4.1. Principali sviluppi del settore (fusioni, acquisizioni e partenariati)
4.2. Lo scenario normativo per i principali paesi / regioni
4.3. Principali tendenze del mercato
4.4. Mappatura dei servizi chiave da parte dei giocatori principali
5. Analisi, approfondimenti e previsioni del mercato dell'organizzazione globale di sviluppo e produzione (CDMO), 2015-2026
5.1. Risultati chiave / Riepilogo
5.2. Analisi di mercato, approfondimenti e previsioni – Per servizio
5.2.1. CMO
5.2.1.1. Produzione API
5.2.1.2. Produzione di prodotti finiti
5.2.1.2.1. Forme di dosaggio solide
5.2.1.2.2. iniettabili
5.2.1.2.3. Altri (semisolidi / liquidi, polvere)
5.2.1.3. Confezione
5.2.2. CRO
5.2.2.1. Scoperta
5.2.2.2. preclinici
5.2.2.3. Clinico
5.2.2.4. Servizi di laboratorio
5.3. Analisi di mercato, approfondimenti e previsioni – Per regione
5.3.1. Nord America
5.3.2. Europa
5.3.3. Asia Pacifico
5.3.4. Resto del mondo

TOC Continua ….

Richiesta di personalizzazione: https://www.fortunebusinessinsights.com/enquiry/customization/contract-development-and-manufacturing-organization-cdmo-outsourcing-market-102502

Dai un'occhiata ai rapporti correlati:

Mercato dei servizi della Contract Research Organization (CRO) Dimensione, condivisione e tendenza globale per tipo di servizio (scoperta, pre-clinica, clinica, servizi di laboratorio), per applicazione (oncologia, cardiologia, malattie infettive, disturbi metabolici), per utente finale (aziende farmaceutiche e biotecnologiche, società di dispositivi medici, accademico E istituti di ricerca) e previsioni geografiche fino al 2026

Mercato dei servizi di laboratorio clinico Dimensione, quota e tendenza globale per tipo di laboratorio (laboratorio clinico specializzato, laboratorio clinico integrato), proprietà (laboratorio clinico di proprietà ospedaliera, laboratorio clinico autonomo, altro), utente finale (ospedali, cliniche, centri di ricerca, altro) e geografia Previsioni fino al 2026

Mercato di chimica clinica Dimensione, quota e tendenza globale per tipo di prodotto (analizzatori, reagenti e materiali di consumo), per applicazione (test di chimica generale, test di funzionalità epatica, test di funzionalità renale, analisi delle urine, pannello elettrolitico, profilo lipidico, test di specialità chimiche, altri), per utente finale (Ospedali, centri diagnostici / patologici, centri di chirurgia ambulatoriale (ASC), altri) e previsioni geografiche fino al 2026

Drug Discovery Informatics Market Dimensioni, analisi delle analisi e del settore, per tipo di servizio (interno, esternalizzato), per modalità (sistemi basati su cloud, piattaforma all'interno del campus), per applicazione (sequenziamento dei dati, docking molecolare, informatica di identificazione e convalida, analisi dei dati di destinazione, Altri), per utente finale (aziende farmaceutiche, organizzazioni di ricerca a contratto, società di biotecnologia, altri) e previsioni regionali, 2019-2026

Dimensione del mercato dei biomarcatori, analisi delle quote e del settore, per indicazione (oncologia, cardiologia, neurologia e altri), per utente finale (aziende farmaceutiche e biotecnologiche, laboratori di diagnostica e ricerca, ospedali e cliniche specializzate, e altri) e previsioni regionali, 2019 -2026

Dimensione del mercato dei farmaci per l'influenza, analisi delle quote e del settore, per trattamento (Baloxavir marboxil, oseltamivir fosfato, altri), per tipo di influenza (influenza A, influenza B), per via di somministrazione (orale, altri), per canale di distribuzione (farmacie ospedaliere, Farmacie al dettaglio, Farmacie online, Altro) e previsioni regionali, 2019-2026

Dimensioni del mercato della telemedicina, analisi delle quote e del settore per tipo (prodotti, servizi), per applicazione (teleradiologia, telepatologia, teledermatologia, telepsichiatria, telecardiologia, altri), per modalità (store-and-forward (asincrono), real-time (sincrono) , Altri), per utente finale (strutture sanitarie, assistenza domiciliare) e previsioni regionali 2019-2026

Dimensioni del mercato della Telehealth, analisi delle quote e del settore per tipo (prodotti, servizi), per applicazione (telemedicina, monitoraggio dei pazienti, formazione medica continua, altro), per modalità (store-and-forward (asincrono), in tempo reale (sincrono), Monitoraggio remoto dei pazienti), per utente finale (strutture sanitarie, assistenza domiciliare, altro) e previsioni geografiche, 2019-2026

Dimensione del mercato della consegna di farmaci iniettabili, analisi delle quote e del settore per tipo di dispositivo (iniettabili convenzionali, siringhe preriempite, autoiniettori, iniettori di penna, altri), per applicazione (disturbi autoimmuni, diabete, gestione del dolore, trattamenti estetici, altri), Per via di somministrazione (sottocutanea, endovenosa, intramuscolare, altri), per utente finale (ospedali, strutture di assistenza domiciliare, cliniche, altro) e previsioni regionali 2019-2026

Dimensione del mercato della medicina rigenerativa, analisi delle quote e del settore per prodotto (terapia cellulare, terapia genica, ingegneria tissutale, plasma ricco di piastrine), applicazione (ortopedia, cura delle ferite, oncologia), canale di distribuzione (ospedali, cliniche) e previsioni regionali, 2019 – 2026

Dimensione del mercato immunologico, analisi delle quote e del settore per classe di farmaci (anticorpo monoclonale (mAb), proteine ​​di fusione, immunosoppressori, anticorpo policlonale (pAb), altri), per indicazione di malattia (artrite reumatoide, artrite psoriasica, psoriasi a placche, spondilite anchilosante, arco infiammatorio Malattia, profilassi del rigetto dell'organo, altri), per canale distributivo e previsioni regionali 2019-2026

Riguardo a noi:

Fortune Business Insights ™ offre analisi aziendali esperte e dati accurati, aiutando le organizzazioni di tutte le dimensioni a prendere decisioni tempestive. Adattiamo soluzioni innovative per i nostri clienti, aiutandoli ad affrontare le sfide distinte per le loro attività. Il nostro obiettivo è fornire ai nostri clienti informazioni di mercato olistiche, offrendo una panoramica granulare del mercato in cui operano.

I nostri report contengono un mix unico di intuizioni tangibili e analisi qualitative per aiutare le aziende a raggiungere una crescita sostenibile. Il nostro team di analisti e consulenti esperti utilizza strumenti e tecniche di ricerca leader del settore per compilare studi di mercato completi, intervallati da dati rilevanti.

A Fortune Business Insights ™ miriamo a evidenziare le opportunità di crescita più redditizie per i nostri clienti. Pertanto, offriamo raccomandazioni, rendendo più semplice la navigazione tra i cambiamenti tecnologici e di mercato. I nostri servizi di consulenza sono progettati per aiutare le organizzazioni a identificare opportunità nascoste e comprendere le sfide competitive prevalenti.

Contattaci:

Fortune Business Insights ™ Pvt. Ltd.
308, sede suprema,
Sondaggio n. 36, Baner,
Autostrada Pune-Bangalore,
Pune – 411045, Maharashtra, India.
Telefono:
Stati Uniti: +1 424253 0390
Regno Unito: +44 2071 939123
APAC: +91 744740 1245
E-mail: sales@fortunebusinessinsights.com
Fortune Business Insights ™
LinkedIn | cinguettio | Blog

Comunicato stampa: https://www.fortunebusinessinsights.com/press-release/contract-development-and-manufacturing-organization-cdmo-market-9673

Logo principale

Psorilax:Guadagnare |crema retinolo psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, composizione

L'indagine Rx Dermatology Topical Drug Delivery fornisce informazioni chiave sul settore, compresi fatti e cifre molto utili e importanti, opinioni di esperti e gli ultimi sviluppi in tutto il mondo. Il rapporto sul mercato globale è un documento importante per ogni appassionato di mercato, decisore politico, investitore e giocatore. Il rapporto fornisce fluttuazioni del valore CAGR durante il periodo di previsione 2019-2026 per il mercato. I rapporti di mercato di Rx Dermatology Topical Drug Delivery forniscono dati su modelli e miglioramenti e indirizzano settori e materiali aziendali, limiti e avanzamenti. In questo rapporto, viene fornita un'analisi SWOT e un'analisi degli investimenti approfondite che prevedono opportunità imminenti per gli operatori del mercato di Rx Dermatology Topical Drug Delivery.

Il mercato globale della consegna di farmaci per dermatologia Rx globale dovrebbe raggiungere 40.646,26 milioni di USD entro il 2026 da 29.475,18 milioni di USD nel 2018, con un CAGR del 4,2% nel periodo di previsione dal 2019 al 2026.

Scarica la copia di esempio gratuita in PDF di (e-mail protetta) https://databridgemarketresearch.com/request-a-sample/?dbmr=global-rx-dermatology-topical-drug-delivery-market

Analisi competitiva:

Alcuni dei principali attori che operano in questo mercato sono Galderma Laboratories, LP, Hisamitsu Pharmaceutical Co., Inc., Pfizer Inc., LEO Pharma A / S, GlaxoSmithKline plc., ALLERGAN, Bayer AG, 3M, Bausch Health Companies Inc., The Lubrizol Corporation, Cipla Inc., Kaken Pharmaceutical Co., Ltd. tra gli altri.

I farmaci topici svolgono un ruolo importante nella terapia delle malattie dermatologiche. I farmaci per dermatologia topica incorniciano una grande percentuale di prodotti nel mercato dei farmaci. Questi prodotti sono fabbricati attraverso processi di produzione specializzati come riempimento di volume preciso, miscelazione su larga scala, riscaldamento e imballaggio.

La somministrazione topica di farmaci può essere effettuata nel corpo attraverso percorsi oftalmici, rettali, vaginali e cutanei come vie topiche. Nel settore della dermatologia, la pelle svolge un ruolo importante nella somministrazione di farmaci topici per il trattamento delle malattie della pelle nei pazienti. I preparati topici vengono applicati sulla pelle per effetti superficiali, locali o sistemici. Le formulazioni topiche includono ingredienti terapeuticamente attivi che aiutano a trattare le malattie della pelle nei pazienti.

Il rilascio topico di farmaci è uno dei modi più efficaci di rilascio di farmaci in quanto fornisce risultati terapeutici ottimali. A poco a poco, il sistema topico di consegna dei farmaci è diventato sempre più importante nell'industria farmaceutica. La risposta farmacologica, sia l'effetto terapeutico desiderato sia l'effetto indesiderato indesiderato di un farmaco dipendono dalla concentrazione del farmaco nel luogo di azione, che a sua volta dipende dalla forma di dosaggio e dall'entità dell'assorbimento del farmaco nel sito di azione. Nel settore della dermatologia, molecola di farmaco applicata sulla pelle che penetra principalmente attraverso il percorso intercellulare tortuoso e continuo. Questi prodotti sono disponibili in diverse forme come unguenti, creme, lozioni, gel e altri che hanno la capacità di essere assorbiti nel corpo e mostrano rispettivamente la risposta positiva nella guarigione della ferita.

Mercato globale di consegna di farmaci topici dermatologici per tipo di prodotto (semisolido, liquido, solido), applicazione (infezioni della pelle, dermatite, antiaging, acne, iperpigmentazione, rosacea, cancro della pelle, psoriasi, onicomicosi, altri), categoria (marchiato, generico ), Geografia (Nord America, Europa, Asia-Pacifico, Sud America, Medio Oriente e Africa) – Tendenze e previsioni del settore fino al 2026

Segmentazione: Mercato globale della consegna di farmaci per dermatologia Rx globale

Il mercato globale della consegna di farmaci topici dermatologici Rx è segmentato in base al tipo di prodotto, all'applicazione e alla categoria.

  • Sulla base del tipo di prodotto, il mercato è segmentato in solido, liquido e semisolido. Il solido è sottosegmentato in polvere e altri. Il liquido viene suddiviso in soluzione, emulsione, sospensione, lozione e altri. Semisolid è sottosegmentato in creme, gel, unguenti, pasta, altri.
    • Nel dicembre 2016, Pfizer Inc. ha ricevuto l'approvazione da parte della Food and Drug Administration (FDA) statunitense per il prodotto chiamato EUCRISATM (crisaborole) unguento al 2%. È un nuovo inibitore topico non steroideo della fosfodieterasi-4 (PDE-4). È usato per il trattamento della dermatite atopica da lieve a moderata (AD). Con questo lancio del prodotto l'azienda ha costruito un patrimonio nel settore dell'infiammazione e dell'immunologia.
  • Sulla base dell'applicazione, il mercato è segmentato in acne, dermatite, psoriasi, infezioni della pelle, antiaging, cancro della pelle, iperpigmentazione, onicomicosi, rosacea, altri.
    • Nel marzo 2017, Galderma Laboratories, L.P., produttori del marchio Cetaphil hanno lanciato sette nuovi prodotti per la cura della pelle del viso. Con questo lancio dei prodotti il ​​portafoglio Cetaphil dell'azienda è aumentato. La società ha ora un'ampia gamma di soluzioni specializzate per i pazienti con problemi di pelle, tra cui idratazione e altri.
  • Sulla base della categoria, il mercato è segmentato in generico e marchiato.
    • Nel febbraio 2016, Allergan plc ha ricevuto un'approvazione per il suo prodotto ACZONE (dapsone) Gel, 7,5% dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti. Questo prodotto è un nuovo trattamento topico di prescrizione che è utile per il trattamento dell'acne nei pazienti di età pari o superiore a 12 anni. Il prodotto ha aiutato il paziente a trattare facilmente l'acne che alla fine ha contribuito ad aumentare le entrate.

Richiedi questo rapporto dal nostro esperto @ https://databridgemarketresearch.com/inquire-before-buying/?dbmr=global-rx-dermatology-topical-drug-delivery-market

Recenti sviluppi:

  • Nell'aprile 2016, Allergan plc ha acquisito Topokine Therapeutics, Inc. con un pagamento anticipato di 85,8 milioni di USD ed è stato idoneo a ricevere pietre miliari potenziali di sviluppo e commercializzazione fino a 260,0 milioni di USD.
  • Nel febbraio 2019, Kaken Pharmaceutical Co., Ltd. ha concluso un accordo di licenza e distribuzione esclusiva per la formulazione topica di onicomicosi nella Repubblica popolare cinese. Secondo l'accordo Kaken Pharmaceutical Co., Ltd., ha fornito il diritto esclusivo per lo sviluppo e la commercializzazione del Prodotto in RPC e questo ha portato a un'elevata generazione di entrate.
  • Nell'aprile 2019, The Lubrizol Corporation ha lanciato il suo nuovissimo modificatore di reologia 2 in 1 multifunzionale, polimero Carbopol Style 2.0. Il prodotto ha i benefici per la cura della pelle come l'aspetto liscio lucido, le texture uniche e altro. Con questo lancio è aumentato il portafoglio di prodotti dell'azienda che ha comportato una maggiore generazione di entrate.
  • Nell'agosto 2018, Cipla INC. Ha ricevuto l'approvazione finale per la nuova domanda abbreviata di farmaci (ANDA) per il Diclofenac Sodium Topical Gel, 1% dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti (US FDA). Per questo motivo l'azienda ha aumentato il proprio portafoglio di prodotti e una forte posizione sul mercato, specialmente nel campo della dermatologia.
  • Nel novembre 2010, 3M ha rilanciato la linea Cavilon Professional Skin Care. Questo prodotto ha aiutato a prevenire danni alla pelle da umidità, attrito e traumi adesivi. Il portafoglio di prodotti dell'azienda è aumentato per quanto riguarda la dermatologia archiviata e quindi le entrate sanitarie.

Opportunità:

BASSA PENETRAZIONE BIOLOGICA:

I biologici sono i farmaci che sono fatti da proteine ​​animali o umane che hanno la capacità di trattare rispettivamente le malattie. Hanno la capacità di trattare il numero di malattie come la psoriasi, l'artrite psoriasica, altri tipi di artrite e malattie infiammatorie intestinali. A causa della bassa attività dei farmaci biologici nel trattamento di eventuali malattie del derma, i farmaci topici stanno superando il mercato a fini terapeutici e quindi la sua domanda è in aumento sul mercato.

AUMENTO DEL CONCORSO CHE GUIDA AD ALTI INVESTIMENTI IN R&S PER INNOVARE NUOVI PRODOTTI:

La malattia della pelle negli ultimi tempi è una delle principali malattie tra le persone per le quali sono disponibili trattamenti. Uno dei trattamenti avanzati è il sistema topico di rilascio del farmaco in cui la pelle svolge un ruolo importante poiché il farmaco viene applicato sulla pelle che ha la capacità di trattare le aree interessate. Numero di aziende ha preso l'iniziativa nel fornire alta qualità di prodotti o farmaci per il trattamento delle malattie della pelle. Ciò comporta il processo di innovazione nella ricerca farmaceutica. L'aumento del numero di malattie richiede un trattamento adeguato per il quale i farmaci topici svolgono attualmente un ruolo importante. Di conseguenza, molte aziende hanno aumentato le proprie strutture di ricerca e sviluppo al fine di fornire i farmaci che saranno ritenuti un fattore importante per guidare il mercato in futuro.

AUMENTO DI FUSIONI E ACQUISIZIONI:

Le industrie farmaceutiche probabilmente subiscono la maggior parte dell'attività di fusione e acquisizione (M&A) rispetto a qualsiasi altra industria che coinvolge il numero di operazioni e la spesa in denaro. Questa attività è necessaria a causa dell'aumento dello sviluppo di un nuovo farmaco nell'industria farmaceutica. Ad esempio, a luglio 2018, Leo Pharma ha acquisito un'unità globale di dermatologia su prescrizione di Bayer AG (Germania) a un prezzo non divulgato. Lo scopo di questa acquisizione era di espandere il loro prodotto nei farmaci per la pelle. Leo Pharma sviluppa ulteriormente l'attività di dermatologia su prescrizione con questa acquisizione. L'aumento delle acquisizioni e delle fusioni aiuta le aziende a rafforzare i propri ricavi insieme a strutture di ricerca e sviluppo e produzione e questo ultimo aiuto nella crescita del mercato particolare.

MERCATO EMERGENTE:

L'elevata accessibilità per i pazienti sta portando a maggiori investimenti dal settore privato. Molte aziende si stanno concentrando sull'intraprendere sviluppi strategici per aumentare la loro presenza nelle economie emergenti. Insieme a questo, l'invecchiamento della popolazione e l'aumento del reddito disponibile contribuiranno alla crescita del mercato. Il mercato di consegna di farmaci topici ha una grande opportunità in quanto questa piattaforma ha nuovi elementi che sono stati incorporati per il trattamento di malattie della pelle e delle mucose. Le condizioni della pelle stanno aumentando in tutto il mondo, che alla fine richiede un trattamento. Aumentare la consapevolezza delle malattie della pelle è anche un fattore che sta aiutando il mercato a crescere in futuro.

sfide:

EFFETTI COLLATERALI:

L'effetto collaterale dei farmaci si verifica nell'uomo a causa dell'uso a lungo termine dei farmaci. Ci sono alcuni effetti collaterali che possono verificarsi nel corpo del paziente dopo aver consumato farmaci topici. Ad esempio, il consumo a lungo termine di corticosteroidi può causare difetti alla nascita nel feto. I farmaci topici possono fornire un trattamento migliore ma a parte questo anche il prodotto ha effetti collaterali. Ciò accade a causa dell'uso eccessivo di trattamenti topici che aumentano il rischio di effetti collaterali sia cutanei che sistemici e quindi ostacolano la crescita del mercato.

RICHIAMO DEL PRODOTTO:

Negli ultimi anni, il numero di richiami di prodotti nel mercato topico della consegna di droghe è aumentato enormemente. Questi richiami di prodotti possono verificarsi a causa di inadempienze come difetti di progettazione o di fabbricazione che possono essere negoziati con la sicurezza, l'efficacia e la purezza del farmaco o dei dispositivi di consegna del farmaco da parte di un'azienda produttrice di farmaci. Ad esempio, a luglio 2016, GlaxoSmithKline (Regno Unito) ha annunciato il richiamo dell'unguento Bactroban e della crema Bactroban a causa della presenza di contaminazione durante la produzione; queste formulazioni sono state usate localmente per le infezioni della pelle. Inoltre, a giugno 2016, il cerotto per emicrania di Teva Phamaceutical chiamato Zecuity è stato ricordato per aver riportato gravi ustioni e potenziali cicatrici permanenti. Il richiamo dei prodotti influisce sui ricavi dell'azienda e, in definitiva, sul mercato particolare.

Nota: se hai esigenze particolari, faccelo sapere e ti offriremo il rapporto come desideri.

Informazioni sulla ricerca di mercato di Data Bridge:

Data Bridge Market Research si è presentata come una società di ricerca e consulenza di mercato non convenzionale e neoterica con un livello di resilienza senza precedenti e approcci integrati. Siamo determinati a scoprire le migliori opportunità di mercato e promuovere informazioni efficienti per far prosperare il tuo business sul mercato. Data Bridge si impegna a fornire soluzioni adeguate alle complesse sfide aziendali e avvia un processo decisionale senza sforzo.

Contatto:

Ricerche di mercato di Data Bridge

Tel: + 1-888-387-2818

E-mail: (E-mail protetto)

Psorilax:Trattare |ph21 crema coad psoriasi 30ml

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, quanto costa

Lyn Guenther, MD, FRCPC, FAAD

Division of Dermatology, University of Western Ontario, London, ON, Canada
The Guenther Dermatology Research Centre (GDRC), London, ON, Canada

Conflitto d'interesse:
Il Dr. Guenther è stato relatore, consulente e coinvolto nella ricerca clinica per: Abbvie, Allergan, Amgen, Celgene, Eli Lilly, Galderma, GlaxoSmithKline, Janssen, Leo Pharma, Merck Frosst, Novartis, Pfizer e Stiefel.

ASTRATTO
Il cuoio capelluto è coinvolto fino all'80% delle persone con psoriasi. L'ottanta percento di quelli con psoriasi del cuoio capelluto sperimenta un impatto negativo sulla qualità della vita. Il trattamento topico con corticosteroidi con o senza analoghi della vitamina D3 è il pilastro del trattamento. La terapia topica più adatta per il cuoio capelluto è formulata come soluzione, lozione, gel, schiuma, spray, olio o shampoo. La manutenzione due volte a settimana in recidive frequenti può ridurre il tempo alla prima ricaduta. Gli steroidi intralesionali, la fototerapia e il laser ad eccimeri sono usati occasionalmente per casi resistenti. In pazienti con psoriasi da moderata a grave, apremilast, adalimumab ed etanercept hanno dimostrato di migliorare significativamente la psoriasi del cuoio capelluto. Dovrebbero essere presi in considerazione nei pazienti che hanno fallito la terapia topica.

Parole chiave:
biologici, terapie laser e luminose, dermatosi del cuoio capelluto, psoriasi del cuoio capelluto, steroidi, derivati ​​della vitamina D

introduzione

Fino all'80% delle persone con psoriasi ha un coinvolgimento del cuoio capelluto e l'80% delle persone con psoriasi del cuoio capelluto ha un impatto negativo sulla qualità della vita.1 La terapia topica è un trattamento di prima linea, con entrambi gli ingredienti attivi e il veicolo che influenza l'efficacia, la tollerabilità e l'aderenza al trattamento.2 Nel 2009, la National Psoriasis Foundation americana ha raccomandato corticosteroidi intralesionali come trattamento di seconda linea e fototerapia, sistemica convenzionale e prodotti biologici come trattamenti di terza linea.3

Terapia topica

Steroidi topici

Gli steroidi topici sono i trattamenti per il cuoio capelluto più comunemente prescritti.4 Sono più efficaci di calcipotriolo, catrame di carbone e tazarotene.3 Il cuoio capelluto è relativamente resistente all'atrofia indotta dagli steroidi topici.3

Il clobetasol propionato (CP) in varie formulazioni sembra essere altamente efficace per la psoriasi del cuoio capelluto. In uno studio randomizzato, randomizzato, in doppio cieco, controllato dal veicolo, dopo 4 settimane di applicazione due volte al giorno, l'85% dei pazienti trattati con spray CP era chiaro / quasi chiaro rispetto al 13% sul veicolo (p <0,001).5 Un altro studio ha dimostrato che la soluzione di 0,05% di CP era superiore alla soluzione di dipropionato di betametasone allo 0,05%.6 In un altro studio condotto su 142 soggetti con psoriasi del cuoio capelluto, dopo 4 settimane, lo shampoo con CP 0,05% è stato più efficace del veicolo nel ridurre il punteggio di gravità totale (p <0,001) e il 42,1% trattato con CP era chiaro / quasi chiaro rispetto al 2,1% nel braccio del veicolo.7 Dopo un trattamento giornaliero iniziale per 4 settimane, l'uso di questo shampoo due volte alla settimana per 6 mesi ha ridotto il tempo mediano alla prima ricaduta (141 giorni contro 30,5 giorni per il veicolo, p <0,0001).8

La formulazione dello steroide topico può fare la differenza. Le schiume hanno i seguenti vantaggi estetici, tra cui l'asciugatura rapida, l'applicazione facile e il minimo residuo dopo l'applicazione.9 Inoltre, il modello di pelle di cadavere umano ha mostrato un maggiore assorbimento di schiuma CP rispetto alla soluzione, con una frequenza di picco più che doppia.10 In uno studio di 14 giorni su 26 pazienti con psoriasi da moderata a grave con> 20% di superficie corporea (BSA), sia la schiuma CP che l'unguento CP hanno causato una soppressione dell'asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA) reversibile simile (3 in ciascun gruppo ) come è stato notato con altri corticosteroidi topici di classe I.10 In uno studio in doppio cieco su 188 adulti con psoriasi del cuoio capelluto da moderata a grave, al 15 ° giorno è stata osservata una maggiore riduzione del ridimensionamento con schiuma CP (Olux®) rispetto alla soluzione CP (p = 0,0142); la differenza è stata mantenuta nei 14 giorni successivi, nonostante nessun trattamento aggiuntivo.10 Il settantaquattro percento su schiuma CP, il 63% su soluzione CP e il 4% e il 10% nei gruppi placebo erano chiari / quasi chiari dopo 14 giorni di trattamento.10

Allo stesso modo, nello studio sulla pelle di cadavere umano, dopo 12 ore, la biodisponibilità del betametasone valerato (BMV) era maggiore del 300% con la schiuma rispetto alla lozione.11 Tuttavia, uno studio sulla dermatite atopica in cui la schiuma è stata applicata al 30% o più della BSA ha mostrato che la schiuma BMV aveva poca propensione a indurre la soppressione dell'asse ipotalamo-ipofisario.11 In uno studio di 4 settimane due volte al giorno, confrontando la schiuma BMV 0,12% (Luxiq®) con lozione BMV, schiuma placebo e lozione placebo, il 72% su schiuma BMV era chiaro / quasi chiaro rispetto al 47% su lozione BMV e il 21% su schiuma placebo (p <0.05).11 In uno studio incrociato su 210 pazienti, l'88% con schiuma BMV era chiaro / quasi chiaro rispetto al 66% con terapia standard (altri steroidi topici nel 55% dei casi (mometasone (70%), betametasone dipropionato (25%), BMV (3%) e idrocortisone butirrato (2%)) o lozione calcipotriolo nel 45% dei casi; p <.001).12 Feldman et al. Hanno trovato un'efficacia simile tra una e due volte al giorno la schiuma BMV nel trattamento della psoriasi del cuoio capelluto, suggerendo che una volta al giorno l'applicazione dovrebbe essere sufficiente.13

Derivati ​​della vitamina D.

I derivati ​​della vitamina D possono causare irritazione, ma non causare atrofia.3 Ci vuole più tempo per vedere un miglioramento ottimale con i derivati ​​della vitamina D (8 settimane) che con gli steroidi (2-3 settimane).14 In un ampio studio osservazionale (n = 3396) sulla psoriasi del cuoio capelluto, l'80% delle persone trattate con soluzione di calcipotriolo ha avuto un miglioramento “buono” o “molto buono” dopo 8 settimane.15 Uno studio ha mostrato un'efficacia simile tra la soluzione di calcipotriolo e lozione BMV all'1%,16 sebbene in un altro studio che ha coinvolto 474 pazienti con psoriasi del cuoio capelluto, più pazienti (75%) sono stati chiari o notevolmente migliorati con la soluzione di BMV 0,1% rispetto alla soluzione di calcipotriolo 50 mcg / ml (58%, p <0,001) e si è verificata una maggiore riduzione il punteggio totale (rispettivamente 61% e 45%, p <0,001).17 Un ulteriore studio ha dimostrato che la soluzione di calcipotriolo era inferiore allo shampoo propionato di clobetasol.18

Combinazione di vitamina D / steroidi: il gel Dovobet® (precedentemente Xamiol®; chiamato anche Daivobet® e Taclonex®) contiene calcipotriolo 0,005% e betametasone dipropionato 0,05%.4 Ha un rapido inizio d'azione ed è superiore ai suoi singoli ingredienti,4 e soluzione di cuoio capelluto calcipotriolo.19 Più del doppio dei pazienti trattati con Dovobet® gel (68,6% vs. 31,4% sulla soluzione di cuoio capelluto) ha avuto una malattia assente / molto lieve dopo 8 settimane di utilizzo.19 Una malattia assente o molto lieve viene raggiunta da circa il 60% dei pazienti dopo solo 2 settimane di terapia e il 70% dopo 8 settimane.4 Il gel Dovobet® è efficace per la psoriasi del cuoio capelluto molto grave. Dopo 8 settimane, il 36,4% che aveva una malattia molto grave al basale, ha dimostrato una malattia assente / molto lieve rispetto a nessuna trattata con soluzione di calcipotriolo.19

Due studi a lungo termine di 52 settimane hanno dimostrato che il gel Dovobet® è efficace e ben tollerato.20,21 La malattia assente / molto lieve / lieve è stata osservata nel 92,3% delle visite con Dovobet® gel rispetto all'80% con calcipotriolo nel primo studio, mentre nel secondo studio il numero mediano di visite con malattia chiara / minima / lieve è stato del 100% .

Dovobet® gel è ben tollerato senza segnalazioni di atrofia, strie, porpora o cambiamenti significativi nel calcio sierico negli studi.4 Alcuni pazienti, tuttavia, hanno avuto difficoltà a rimuovere il gel Dovobet® dai loro capelli. L'applicazione di shampoo, in particolare uno shampoo chiarificante, sui capelli asciutti in cui è stato applicato il gel Dovobet®, prima di entrare nella doccia e bagnare i capelli, aiuta in modo significativo nella rimozione del gel.

Altri trattamenti topici

A causa del suo effetto cheratolitico, l'acido salicilico può migliorare la penetrazione dei corticosteroidi topici.3 La National Psoriasis Foundation raccomanda il tazarotene come terapia di prima linea basata sulla sua efficacia dal cuoio capelluto.3 Mancano studi sul cuoio capelluto, ma l'autore ha usato con successo la formulazione in gel in casi resistenti.

Shampoo topici diversi dagli shampoo steroidi

Gli shampoo antifungini di catrame e imidazolo hanno un'efficacia modesta, nella migliore delle ipotesi, nella psoriasi del cuoio capelluto.22 In uno studio randomizzato di 8 settimane in aperto condotto su 475 pazienti, uno shampoo all'1% di catrame di carbone / 1% di olio di cocco / 0,5% di acido salicilico è risultato inferiore al calcipotriolo (p <0,001). Il cattivo odore del catrame, la colorazione e l'asciugatura dei capelli, la scarsa efficacia e la cancerogenicità ne limitano l'uso.3,22 Gli antifungini imidazolo sono stati provati da quando la crescita eccessiva di pityrosporon è stata associata alla psoriasi, tuttavia non tutti gli studi hanno dimostrato efficacia.22

Terapie sistemiche, luminose e laser

Corticosteroidi intralesionali

Non ci sono studi sui corticosteroidi intralesionali nella psoriasi del cuoio capelluto, sebbene le relazioni aneddotiche ne supportino l'uso per le malattie localizzate.3

Fototerapia e trattamento laser ad eccimeri

Il trattamento della psoriasi del cuoio capelluto con fototerapia o laser è difficile poiché i capelli proteggono il cuoio capelluto dalle radiazioni ultraviolette (UV). I pettini UV sono stati sviluppati per l'uso del cuoio capelluto e gli asciugacapelli possono aiutare a esporre il cuoio capelluto per il trattamento con laser ad eccimeri (308 nm), ma mancano ampi studi controllati e il trattamento può essere ingombrante.2,3

Trattamento sistemico / biologico

Sebbene i tradizionali agenti sistemici metotrexato, ciclosporina e acitretina siano stati utilizzati in pazienti con psoriasi da moderata a grave con coinvolgimento del cuoio capelluto,22 mancano studi sulla psoriasi del cuoio capelluto.

Apremilast, un inibitore orale della fosfodiesterasi 4, che ha recentemente ricevuto l'approvazione per il trattamento della psoriasi a placche da moderata a grave, migliora la psoriasi del cuoio capelluto. Nello studio di fase 3 ESTEEM I, alla settimana 16 (n = 374 su apremilast e n = 189 su placebo, che aveva un punteggio basale di Scalp Physician's Global Assessment (ScPGA) di almeno 3; 66,7% del totale dei pazienti), 46,5% su apremilast ha raggiunto uno ScPGA di 0 o 1 rispetto al 17,5% con placebo (p <0,0001).23 Alla settimana 52, la risposta ScPGA è stata raggiunta dal 73% dei pazienti con apremilast.23

Una sottoanalisi dello studio di fase 3 adalimumab BELIEVE ha mostrato che entro la settimana 8, il 76,5% dei pazienti con psoriasi del cuoio capelluto al basale aveva ottenuto una risposta all'indice di gravità del cuoio capelluto (PSSI) (PSSI 4 o inferiore). Alla settimana 16, la riduzione mediana e media della PSSI era rispettivamente del 100% e del 77,2%.24 I pazienti con coinvolgimento del cuoio capelluto avevano una risposta inferiore all'Indice di Psoriasi e Severity (PASI) 75 all'inizio del trattamento, ma le differenze sono diminuite con il tempo e alla settimana 16, i punteggi PSSI erano correlati con PASI 75.24

Uno studio in doppio cieco, controllato con placebo, su etanercept in 124 adulti con psoriasi da moderata a grave che coinvolge il 10% o più della superficie corporea, un punteggio PASI di almeno il 10 e un coinvolgimento del 30% o più del cuoio capelluto con un PSSI di a almeno 15, ha mostrato un miglioramento dell'86,8% della PSSI dopo 12 settimane di etanercept 50 mg due volte alla settimana rispetto al 20,4% per il braccio placebo.25 Dalla settimana 12 alla 24, il braccio etanercept è stato ridotto a 50 mg una volta alla settimana, mentre il braccio placebo è stato trattato con etanercept 50 mg due volte a settimana. Alla settimana 24, i miglioramenti medi alla PSSI erano del 90,6% per il braccio etanercept / etanercept e del 79,1% per il braccio placebo / etanercept.

Conclusione

Gli steroidi topici con o senza calcipotriolo sono il pilastro della terapia per la psoriasi del cuoio capelluto. Esistono numerose nuove formulazioni tra cui schiume, shampoo, gel e spray che migliorano l'accettabilità e l'adesione cosmetica. Il trattamento due volte alla settimana deve essere considerato come terapia di mantenimento per i pazienti che ricadono rapidamente.26 Il trattamento sistemico deve essere considerato per i casi recalcitranti. Gli studi hanno dimostrato un'eccellente efficacia con apremilast, adalimumab ed etanercept.

Riferimenti

  1. Krueger G, Koo J, Lebwohl M, et al. L'impatto della psoriasi sulla qualità della vita: risultati di un sondaggio di appartenenza al paziente della National Psoriasis Foundation del 1998. Arch Dermatol. 2001 marzo; 137 (3): 280-4.
  2. Papp K, Berth-Jones J, Kragballe K, et al. Psoriasi del cuoio capelluto: una revisione delle attuali opzioni di trattamento topico. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2007 ottobre; 21 (9): 1151-1160.
  3. Chan CS, Van Voorhees AS, Lebwohl MG, et al. Trattamento della psoriasi del cuoio capelluto grave: dal Consiglio medico della National Psoriasis Foundation. J Am Acad Dermatol. Giugno 2009; 60 (6): 962-71.
  4. Guenther LC. Trattamenti per la psoriasi del cuoio capelluto con enfasi sul calcipotriolo più il gel dipropionato di betametasone (Xamiol). Terapia della pelle Lett. Maggio 2009; 14 (4): 1-4.
  5. Sofen H, Hudson CP, Cook-Bolden FE, et al. Clobetasol propionato spray 0,05% per la gestione della psoriasi a placche da moderata a grave del cuoio capelluto: risultati di uno studio randomizzato controllato. J Drugs Dermatol. Agosto 2011; 10 (8): 885-92.
  6. Lassus A. Trattamento locale della psoriasi del cuoio capelluto con clobetasol propionato e betametasone-17,21-dipropionato: un confronto in doppio cieco. Opinioni di Curr Med Res. 1976 4 (5): 365-7.
  7. Jarratt M, Breneman D, Gottlieb AB, et al. Shampoo propionato di clobetasol 0,05%: una nuova opzione per il trattamento di pazienti con psoriasi del cuoio capelluto da moderata a grave. J Drugs Dermatol. 2004 lug-ago; 3 (4): 367-73.
  8. Poulin Y, Papp K, Bissonnette R, et al. Lo shampoo propionato di clobetasol 0,05% è efficace e sicuro per il controllo a lungo termine della psoriasi del cuoio capelluto. Cute. 2010 gennaio; 85 (1): 43-50.
  9. Stein L. Studi clinici su una nuova formulazione del veicolo per corticosteroidi topici nel trattamento della psoriasi. J Am Acad Dermatol. 2005 lug; 53 (1 Suppl 1): S39-49.
  10. Franz TJ, Parsell DA, Myers JA, et al. Schiuma di propionato di clobetasol 0,05%: un nuovo veicolo con consegna migliorata. Int J Dermatol. 2000 lug; 39 (7): 535-8.
  11. Franz TJ, Parsell DA, Halualani RM, et al. Schiuma di valerato di betametasone 0,12%: un nuovo veicolo con maggiore efficacia ed efficacia. Int J Dermatol. 1999 agosto; 38 (8): 628-32.
  12. Andreassi L, Giannetti A, Milani M, Gruppo Investigatori Scala. Efficacia della mousse di valerato di betametasone rispetto alle terapie standard sulla psoriasi del cuoio capelluto: uno studio aperto, multicentrico, randomizzato, controllato, crossover su 241 pazienti. Br J Dermatol. 2003 gennaio; 148 (1): 134-8.
  13. Feldman SR, Ravis SM, Fleischer AB, Jr, et al. Il betametasone valerato nel veicolo schiumogeno è efficace sia con dosaggio giornaliero che due volte al giorno: uno studio in cieco, in aperto, nel trattamento della psoriasi del cuoio capelluto. J Cutan Med Surg. 2001 settembre-ottobre; 5 (5): 386-9.
  14. van der Vleuten CJ, van de Kerkhof PC. Gestione della psoriasi del cuoio capelluto: linee guida per l'uso di corticosteroidi nel trattamento in associazione. Droga. 2001 61 (11): 1593-8.
  15. Thaci D, Daiber W, Boehncke WH, et al. Soluzione di calcipotriolo per il trattamento della psoriasi del cuoio capelluto: valutazione di efficacia, sicurezza e accettazione in 3.396 pazienti. Dermatologia. 2001 203 (2): 153-6.
  16. Duweb GA, Abuzariba O, Rahim M, et al. Psoriasi del cuoio capelluto: calcipotriolo topico 50 microgrammi / g / ml soluzione vs betametasone valerato 1% lozione. Int J Clin Pharmacol Res. 2000 20 (3-4): 65-8.
  17. Klaber MR, Hutchinson PE, Pedvis-Leftick A, et al. Effetti comparativi della soluzione di calcipotriolo (50 microgrammi / ml) e della soluzione di 17-valerato di betametasone (1 mg / ml) nel trattamento della psoriasi del cuoio capelluto. Br J Dermatol. 1994 Nov; 131 (5): 678-83.
  18. Reygagne P, Mrowietz U, Decroix J, et al. Shampoo propionato di clobetasol 0,05% e soluzione di calcipotriolo 0,005%: un confronto randomizzato di efficacia e sicurezza nei soggetti con psoriasi del cuoio capelluto. J Dermatolog Treat. Febbraio 2005; 16 (1): 31-6.
  19. Kragballe K, Hoffmann V, Tan J, et al. Calcipotriene più gel di dipropionato di betametasone rispetto alla soluzione di calcipotriene in pazienti con psoriasi del cuoio capelluto. J Am Acad Dermatol. Febbraio 2008; 58 (2 Suppl 2): ​​AB131.
  20. Luger TA, Cambazard F, Larsen FG, et al. Uno studio sulla sicurezza e l'efficacia della formulazione del cuoio capelluto dipropionato di calcipotriolo e betametasone nella gestione a lungo termine della psoriasi del cuoio capelluto. Dermatologia. 2008 217 (4): 321-8.
  21. Tyring S, Mendoza N, Appell M, et al. Una formulazione del cuoio capelluto bicomponente calcipotriene / betametasone dipropionato nel trattamento della psoriasi del cuoio capelluto in pazienti ispanici / latini e neri / afroamericani: risultati della fase randomizzata, di 8 settimane, in doppio cieco di uno studio clinico. Int J Dermatol. 2010 Nov; 49 (11): 1328-33.
  22. van de Kerkhof PC, Franssen ME. Psoriasi del cuoio capelluto. Diagnosi e gestione. Am J Clin Dermatol. 2001; 2 (3): 159-65.
  23. Papp K, Reich K, Leonardi C, et al. Apremilast, un inibitore orale della fosfodiesterasi 4, nella psoriasi delle unghie e del cuoio capelluto: risultati di 52 settimane dallo studio ESTEEM 1. (e-poster IST13-2033). 22a riunione annuale dell'Accademia europea di dermatologia e Venereologia, 2-6 ottobre 2013, Istanbul, Turchia.
  24. Thaci D, Unnebrink K, Sundaram M, et al. Adalimumab per il trattamento della psoriasi da moderata a grave: sottoanalisi degli effetti sul cuoio capelluto e sulle unghie nello studio BELIEVE. J Eur Acad Dermatol Venereol. Febbraio 2015; 29 (2): 353-60.
  25. Bagel J, Lynde C, Tyring S, et al. Psoriasi a placche da moderata a grave con coinvolgimento del cuoio capelluto: uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo su etanercept. J Am Acad Dermatol. Luglio 2012; 67 (1): 86-92.
  26. Ortonne J, Chimenti S, Luger T, et al. Psoriasi del cuoio capelluto: consenso europeo sull'algoritmo di classificazione e trattamento. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2009 dic; 23 (12): 1435-44.

Psorilax:farmacia |psoriasi genitale crema

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, originale

Stephen Calabria: Ciao e benvenuto su Viral News. Stephen Calabria: Sono il tuo ospite, Stephen Calabria. Viral News è un podcast di whowhatwhy.org dedicato a tutto ciò che riguarda il coronavirus. Stephen Calabria: Il nostro show presenterà discussioni con esperti in diversi settori che possono far luce su come il virus sta influenzando le loro aree di competenza Stephen Calabria: In alcuni casi, come nel programma di oggi, avremo notizie da professionisti medici che possono offrire agli ascoltatori consigli pratici su come affrontare l'epidemia. Stephen Calabria: Ora, so che probabilmente stai pensando. Chi diavolo è questo ragazzo, e cosa lo rende idoneo a parlare a distanza di coronavirus? Stephen Calabria: A questo, risponderei, bene prima di tutto, che non è molto bello. E in secondo luogo, sono un giornalista di professione, e se c'è una storia al mondo in questo momento che è importante coprire, è il coronavirus. Stephen Calabria: Il nostro primo ospite del programma è il Dr. Kelly Bay, un medico di medicina funzionale che discuterà come navigare nella pandemia di coronavirus dal punto di vista della salute. Stephen Calabria: Quindi parleremo con Alisa Kriegel, una psicologa che ci guiderà attraverso le ramificazioni della salute mentale del coronavirus e della quarantena. Stephen Calabria: Ma prima, ecco la dottoressa Kelly Bay. Stephen Calabria: Ciao Kelly Kelly Bay: Ciao, come stai, Stephen? Stephen Calabria: Sto bene. Come stai? Kelly Bay: Sto facendo il meglio che posso durante tutto questo. Stephen Calabria: Sì. Parlamene. Quindi, puoi dirci prima qual è il tuo titolo? Kelly Bay: Sono un chiropratico, ma sono specializzato in medicina funzionale. Ho fatto qualche formazione aggiuntiva e ho un master in biochimica della nutrizione umana. E quindi questa è la mia cosa principale. Ho una lunga storia di trattamento di individui sieropositivi con protocolli funzionali per migliorare il loro sistema immunitario. Kelly Bay: E in realtà sono stato recentemente riconosciuto per quel lavoro dalla rete LGBT, che mi ha premiato a dicembre. Stephen Calabria: Che cos'è esattamente la medicina funzionale? Kelly Bay: Questa è una buona domanda. È una specie di filosofia di guardare alla malattia. Quindi è una specie di sistema basato, e invece di concentrarsi sui sintomi che un individuo potrebbe sperimentare e provare a sbarazzarsi dei sintomi, dà un'occhiata a quella che potrebbe essere la causa principale dei sintomi, guardando la persona come un totale. Kelly Bay: Quindi le varianti genetiche di una persona, il loro stato nutrizionale, proprio come un quadro completo, incluso lo stato mentale, le tecniche di riduzione dello stress, tutto, per cercare di arrivare alla causa principale e prevenire la malattia dall'inizio. Stephen Calabria: Quindi presumo tu stia leggendo molto sul coronavirus. Kelly Bay: Sì. Stephen Calabria: Quindi, potresti dire ai nostri ascoltatori, qual è il coronavirus? Kelly Bay: I coronavirus in generale sono in realtà una famiglia di virus e includono i coronavirus che sono cause del comune raffreddore a coronavirus più gravi come SARS e MERS. Kelly Bay: Quindi COVID-19 appartiene a quella famiglia di virus, la grave sindrome respiratoria acuta coronavirus due, in realtà. Stephen Calabria: Qual è la differenza tra un virus e una malattia? Kelly Bay: I virus sono agenti infettivi e sono diversi dai batteri e dagli altri insetti perché vivono in uno stato crepuscolare e possono vivere solo usando le cellule viventi come ospiti. Dirottano le tue cellule e le usano per replicarsi. Stephen Calabria: Al contrario di una malattia, che è cosa? Kelly Bay: Bene, la malattia può essere una manifestazione di praticamente qualsiasi cosa, variante genetica del virus, batteri. Kelly Bay: È solo un termine per descrivere qualcosa che ha alterato la normale funzione del corpo e la produzione di malattie. Una malattia può essere una malattia genetica, una malattia virale o un'infezione batterica. Sono tutte malattie. Stephen Calabria: Giusto. E in che modo il coronavirus è diverso dal raffreddore o dall'influenza? Kelly Bay: Quindi raffreddori e influenza sono molto comuni, l'influenza è causata dal virus dell'influenza. COVID-19 è simile all'influenza e al fatto che si diffonde ad altre persone attraverso le goccioline respiratorie. Kelly Bay: Ma è significativamente più contagioso, stiamo imparando. E in realtà, l'ultima ricerca afferma che cose come la via aerea dell'infezione è solo molto, molto più elevata del virus dell'influenza. Kelly Bay: Ma causano sintomi simili, la tosse, la febbre, i brividi e ci vogliono circa quattro o cinque giorni dopo l'esposizione per far apparire questi sintomi, ma sono solo virus diversi. E il coronavirus, stiamo imparando, è un virus molto più grave perché ha queste piccole proteine ​​spuntate all'esterno, che sono persino diverse dagli altri coronavirus di quella famiglia. E perché ciò è negativo perché queste proteine ​​del picco possono penetrare nelle cellule in cui normalmente non sarebbero in grado di penetrare altri virus. Kelly Bay: Quindi in pratica lo rende molto più contagioso, se questo ha senso. Stephen Calabria: Si certo. Ora, ci sono suggerimenti generali che puoi offrire ai nostri ascoltatori sui modi in cui possono proteggersi dal virus? Kelly Bay: Si. Sono davvero un fan dell'intera opzione di allontanamento sociale a causa di questi nuovi studi che dimostrano che COVID ha fondamentalmente questa via di infezione nell'aria molto grave. Kelly Bay: Ciò significa essere nella stessa stanza di qualcuno che è infetto e respirare la stessa aria in quanto è abbastanza per farti ammalare. Kelly Bay: So che ci sono così tante battute sul perché non possiamo solo mettere in quarantena le persone anziane o, devo davvero prenderle sul serio? Ma il distanziamento sociale è davvero fondamentale per appiattire la curva e assicurarsi che le persone non agiscano come portatori di persone che sono più a rischio con il sistema immunitario ridotto. Kelly Bay: Se qualcuno si sottopone a trattamenti contro il cancro, l'HIV, le persone che assumono farmaci anti-smorzamento per malattie immunitarie come la psoriasi, anche queste persone camminano ogni giorno intorno a te, potresti non esserne consapevole, non sono solo le persone anziane. Quindi penso che sia davvero importante stare dentro e stare lontano dalle altre persone perché la respirazione può farli ammalare. Stephen Calabria: E in relazione a ciò, che tipo di cose dovrebbero mangiare le persone per adottare misure preventive? Kelly Bay: Ok, quindi posso dare alcune linee guida generali. Sappiamo sicuramente cose come bere alcolici può deprimere il sistema immunitario, mangiare quantità eccessive di zucchero può causare disregolazione immunitaria, quindi stare lontano da zucchero, alcol, cibi trasformati, le cose con additivi è davvero importante, con qualsiasi malattia davvero. Kelly Bay: E cercare di mangiare cibi ricchi di nutrienti, penso sia davvero importante. Quindi vuoi andare per le verdure, in particolare verdure colorate, verdure a foglia verde. Contengono una tonnellata di antiossidanti, vitamine, sostanze nutritive, minerali che sono tutti davvero utili e necessari per il sistema immunitario. Kelly Bay: Le verdure crocifere in particolare contengono questa sostanza chiamata sulforaphane, ed è un antiossidante davvero potente che ha anche proprietà anti-cancro. Kelly Bay: Ma perché è davvero ottimo per prevenire le malattie, è davvero buono per lo stress ossidativo nel corpo, diminuisce davvero l'infiammazione e aiuta il tuo corpo a produrre una sostanza chimica chiamata glutatione, che è, il tuo corpo lo rende, è il più potente antiossidante che può fare, e viene utilizzato molto di più quando sei malato. Quindi la tua necessità è più alta e mangiare cibi del genere può davvero aumentare la tua produzione. Kelly Bay: Quindi attenersi a cibi integrali, proteine ​​magre, grassi sani antinfiammatori come noci, avocado, olio d'oliva, cose del genere possono essere davvero utili per mantenere il corpo in perfetta forma. Stephen Calabria: Se qualcuno dovesse scoprire di essere risultato positivo, come pensi che dovrebbe modificare il proprio approccio in termini di scelte di vita, medicine e dieta? Kelly Bay: Voglio prefigurarlo dicendo che stiamo ancora imparando molto su questo virus. Kelly Bay: Quindi ci sono molti interventi che suggerirei per altri virus di cui sappiamo di più, che non mi sento a mio agio a raccomandare per questo caso particolare. Ma direi che se qualcuno è positivo, sarei in contatto con il tuo medico di base o con chiunque tu sia in cura, e mi assicurerei di essere monitorato correttamente e seguire tutte le raccomandazioni che ti danno. Kelly Bay: E se ti dicono che va bene per te restare a casa in auto-quarantena, sarei molto diligente riguardo alla dieta. Penso che tutto ciò che ho appena affermato sull'adesione agli alimenti antiossidanti e ricchi di nutrienti sia la chiave. Evitare lo zucchero, l'alcool, quella roba, i cibi trasformati sarebbe molto utile. Kelly Bay: Ma alcuni interventi naturali molto conservativi che potrei dire potrebbero essere utili è che ci sono alcune ricerche su un botanico chiamato astragalo, ed è un'erba cinese. E 'stato dimostrato che ha una certa attività antivirale contro altri tipi di coronavirus. Quindi, è qualcosa a cui pensare. Kelly Bay: Ma oltre ai semplici interventi botanici, vorrei tornare agli antiossidanti, come la vitamina C, il glutatione. Sai, la vitamina C è questa cosa incredibile e incredibile che non ha solo un effetto sulla riduzione dell'infiammazione, ma i tuoi globuli bianchi, che sono le cellule del tuo sistema immunitario, richiedono vitamina C per combattere agenti patogeni e radicali liberi, quindi puoi effettivamente sostenere il tuo assumendo dosi più elevate di vitamina C, ed è anche un antistaminico naturale, quindi è quello che fa per te, e ci sono alcuni integratori di glutatione che possono essere davvero utili per aiutare il tuo corpo con la riparazione dei tessuti e qualsiasi danno ossidativo causato da un virus. Kelly Bay: Oltre a questo, c'è anche il tè alla melissa, che è un antivirale naturale. Potrebbe essere un intervento naturale da esplorare. Queste cose non hanno effetti collaterali. Sono molto sicuri da provare. Quindi penso che sarebbero gli interventi naturali che probabilmente suggerirei a qualcuno che è auto-messo in quarantena e in condizioni stabili, ma malato di virus. Stephen Calabria: Va bene E cosa diresti, in base a ciò che hai osservato, so che le cose sono costantemente in evoluzione ed è difficile avere una buona presa su quasi tutto, ma quali diresti che sono le maggiori sfide che la comunità medica deve affrontare, mentre tenta alle prese con la crisi? Kelly Bay: Penso che le maggiori sfide siano proprio le forniture mediche. Così tante persone hanno acquistato le maschere mediche N95 che ho sentito dai colleghi che solo forniture mediche di base, quelle maschere e disinfettanti, cose di cui gli ospedali hanno bisogno per stare al passo con le pandemie come queste, sono davvero difficili da ottenere proprio ora . E hanno bisogno di loro per aiutare a contenere questo focolaio. Kelly Bay: E fare la tua parte con il distanziamento sociale è davvero importante, perché penso che l'altra sfida nella comunità medica in questo momento sia il sovraccarico degli ospedali. Kelly Bay: Siamo già in un posto dove i bambini non vanno a scuola e i loro genitori, che hanno tutti i tipi di professioni diverse, ma pensano alle professioni mediche. Non hanno già assistenza all'infanzia, si stanno arrampicando per capire le cose e devono andare al lavoro ogni giorno e curare le persone che entrano con COVID-19. E solo essere consapevole di questi bisogni della società e fare la tua parte con il distanziamento sociale, penso che sia così importante, perché queste sfide sono reali e determinerà il risultato di questa crisi. Stephen Calabria: Va bene, grazie Kelly, e apprezzo molto che tu sia venuto allo show. Kelly Bay: Ovviamente. Grazie mille per avermi. Stephen Calabria: Successivamente sentiremo da Alisa Kriegel, PhD, una psicologa clinica con oltre 20 anni di esperienza nella fornitura di terapia per giovani adulti, adulti e coppie. Stephen Calabria: Attualmente è in uno studio privato a Manhattan e il suo sito web è alisakriegel.com. Stephen Calabria: Ciao Alisa. Alisa Kriegel: Ciao Stephen. Stephen Calabria: Quindi grazie per essere nello show. Qual è il tuo background? Alisa Kriegel: Sono uno psicologo clinico. Ho un dottorato di ricerca in psicologia clinica e ho lavorato, ho uno studio privato qui a Manhattan, a New York City, lavorando con giovani adulti, adulti e coppie. Lo faccio da circa 20 anni. Stephen Calabria: Quindi quello sfondo sembra davvero utile in questo momento. Stephen Calabria: Quindi questo è solo una speculazione qui, ma anche se il coronavirus non ha un precedente moderno, a cosa confronteresti i suoi effetti sul comportamento umano e sulla psicologia? Alisa Kriegel: Ho letto e sentito parlare di confronti con la guerra. E mentre non sono mai stato in guerra, penso che solo l'estremo sconvolgimento, e la paura del non sapere cosa accadrà, è il massimo, il che è estremo. Alisa Kriegel: Ci sono ovviamente differenze. Non siamo in guerra. Non è come la seconda guerra mondiale e Londra venga bombardata. Ma penso solo che dover rimanere nelle nostre case, restare fermi, paura di non avere rifornimenti di cui abbiamo bisogno, solo questo cambiamento generale sconosciuto ed estremo che tutti stanno attraversando è il massimo che mi viene in mente. Stephen Calabria: C'è un prezzo psicologico da pagare per lunghi periodi di tempo in cui le persone lo percepiscono o dove si trovano da sole? Alisa Kriegel: Sì, penso che questo possa essere davvero stimolante e difficile per molte persone, e penso che avere quel tipo di sentimento davvero isolato, molte persone, a New York, soprattutto, già, può essere anche se è una grande città , le persone possono sentirsi molto sole. Alisa Kriegel: Detto questo, è davvero interessante perché c'è anche, le persone hanno una storia, come ad esempio Walt Whitman, o le persone pagheranno effettivamente per andare in un ritiro di meditazione di 10 giorni. Alisa Kriegel: Quindi c'è anche qualcosa da dire che è davvero positivo per passare il tempo da solo, passare il tempo con te stesso. Avere un po 'di quell'isolamento. Alisa Kriegel: Siamo in un momento in questo momento in cui è interessante dove penso che non siamo abituati, siamo davvero social, siamo molto interessati a stare con altre persone. Alisa Kriegel: Siamo in un momento in cui dobbiamo essere più isolati, ma vogliamo anche, a differenza di Walt Whitman, o diversamente da un ritiro di meditazione, abbiamo accesso a Internet, connessioni e telefoni e parlare con le persone e vedere le persone online e videoconferenze. Alisa Kriegel: So che i clienti che stanno facendo un video come l'happy hour con tutti i loro vecchi amici del college, o gruppi come AA hanno ora optato per un formato Zoom. Alisa Kriegel: Quindi non solo stai solo chattando tra loro o mandando messaggi, ma stai vedendo i volti delle persone. Alisa Kriegel: Quindi penso che ci sia questo equilibrio in cui, sì, è una sfida e i tempi da soli possono essere dannosi. Ma abbiamo ancora questa opportunità di connessione sociale. Alisa Kriegel: L'unica cosa che non stiamo ottenendo, penso, è quel social, è il tocco, giusto? Stephen Calabria: Giusto. Alisa Kriegel: Non sei in grado di raggiungere e abbracciare qualcuno, e penso che possa essere difficile, specialmente se sei qualcuno che vive da solo, non avere quel tocco. Ma penso che devi assicurarti di utilizzare tutti gli strumenti disponibili per mantenere la connessione sociale. Stephen Calabria: Bene, e anche tutto sull'isolamento. È utile, ovviamente, spesso essere da soli, ma immagino che cambi completamente l'esperienza, specialmente psicologicamente, quando è forzata su di te. Alisa Kriegel: Sì, ci penso quasi come quando le carceri che hai usato per mettere i detenuti in isolamento. In realtà è stato eliminato, che non gli è stato permesso di farlo dopo 24 ore, perché potrebbe farti conoscere guasti psicologici e traumi. Alisa Kriegel: Quindi, quel tipo di isolamento estremo non è salutare. E ovviamente questo è un isolamento che non è per scelta, come un Walt Whitman, quindi abbiamo un punto tra questi due estremi. Sebbene non sia estremo come un isolamento in prigione, sono anche pochissime le persone che avrebbero scelto questa opzione come, ehi, lasciami uscire in casa per il solo mese successivo. Alisa Kriegel: Quindi, ma penso che dobbiamo esserne consapevoli. Raggiungere, anche al di là degli amici per un aiuto professionale, anche questo è un ottimo momento per farlo. Stephen Calabria: Giusto giusto. E, voglio dire, a quel punto, ci sono delle strategie che le persone possono usare per far fronte alla solitudine e solo ai sentimenti generali di impotenza e disperazione che molti di noi sembrano provare in questo momento? Alisa Kriegel: Sì, sicuramente. Alisa Kriegel: E penso che una delle cose in primo luogo sia solo la convalida che questo è molto reale. E anche che non sei solo in questo. Questa è l'unica volta in cui penso che potremmo dire che non sono solo i tuoi vicini, ma tutti in tutto il mondo stanno vivendo molte delle stesse esperienze. Penso che probabilmente tutti abbiano visto quel video che è diventato virale delle persone che cantano dai loro balconi in Italia, ma che, parla davvero alle persone che vogliono solo essere, hanno quella connessione e quella connessione emotiva. Alisa Kriegel: Quindi le strategie di coping diventano davvero importanti in un momento come questo. Direi che utilizzando sicuramente tutte le risorse, ora c'è ancora più che mai riunioni online, come ho detto, AA è ora, quindi se fai parte di un gruppo di 12 passaggi, tutte sono ora online. Molti di loro partecipano a riunioni Zoom, quindi puoi effettivamente vedere i volti delle persone e parlare con loro. Ci sono gruppi di supporto online, c'è terapia online, attraverso la chat, ci sono linee di chat, BetterHelp, Talkspace. Ci sono linee di crisi. Alisa Kriegel: Quindi vorrei davvero incoraggiare le persone a Google che, date un'occhiata a quello. Penso che l'altra cosa che sia davvero una buona abilità di coping in un momento come ora è davvero stare nel momento presente. Tutti abbiamo la tendenza al futuro viaggio e alla catastrofe, e siamo già in qualcosa che sembra una tale catastrofe che la nostra ansia peggiorerà le cose. Alisa Kriegel: Quindi, se sei qualcuno che viene davvero attivato dalle notizie, dì, concediti una finestra di tempo per aggiornarti sulle notizie del giorno e poi smetti di cercare. Alcune persone sono drogate di notizie. È fantastico se non ti senti stressato dalle notizie, ma molte persone con le quali so di lavorare semplicemente scendono in una tana di coniglio e si sentono davvero stressati leggendo sempre più informazioni. Stephen Calabria: Giusto, è difficile non farlo. Alisa Kriegel: Sì, e se sei una di quelle persone e stai notando, mentre lo leggi, ti senti più ansioso, è un momento per … va bene non sapere tutte le ultime notizie nel momento in cui sta accadendo. Sarà ancora lì, quindi concediti una pausa. Prenditi del tempo lontano da quello. Alisa Kriegel: Direi che se non sei stato qualcuno che ha esplorato la meditazione. Faccio molta meditazione e consapevolezza con i miei clienti, e quasi tutti si sono connessi. Ci sono così tante app online adesso. Questo è un grande momento e conosco così tante persone che hanno detto “Oh sì, dovrei farlo” o “Voglio farlo, ma non ho tempo”. Alisa Kriegel: Bene, ora c'è tempo. E ci sono fantastiche app di meditazione che puoi fare. Alcuni sono gratuiti Alcuni per cui paghi. Lo spazio di testa è grande. Calma, è un altro davvero fantastico che farà come una meditazione per principianti introduttiva di 10 giorni. Alisa Kriegel: E così puoi fare la tua sessione di 10 minuti al giorno, e davvero, ti dà lo spazio per mettere in pausa e non farti prendere. L'idea della meditazione è che il nostro cervello penserà. Il nostro cervello si preoccuperà. I nostri cervelli pianificheranno per il futuro e anche se a volte è fantastico, abbiamo bisogno di una pausa. Alisa Kriegel: La meditazione ti insegna davvero a fare una pausa. Quindi, accedere a una di quelle app ora è fantastico. Quello che ho usato di recente si chiama Insight Timer. Ed è essenzialmente una biblioteca gratuita che ha lezioni, corsi. C'è un corso di 10 giorni sull'ansia. Molte persone stanno pubblicando ora corsi specificamente legati al coronavirus, come affrontare l'ansia attorno ad esso, come affrontare la paura. Lasciar andare la paura. Alisa Kriegel: Ci sono meditazioni sul sonno. Per molti di noi, il nostro sonno è davvero disturbato, a causa di tutte le ansie, preoccupazioni e cambiamenti. Alisa Kriegel: Quindi, ci sono meditazioni sul sonno davvero belle. C'è davvero fantastico, sulla stessa app, la musica del sonno, alcuni che in realtà bilanciano persino le onde cerebrali, quindi se la ascolti con le cuffie, può effettivamente creare più calma nel cervello. Alisa Kriegel: Quindi ora è un ottimo momento per aggiungere alla tua cassetta degli attrezzi le abilità di coping. Parlare con un amico, mettersi online, FaceTiming con un amico, in modo da vedere davvero il viso. Alisa Kriegel: L'altra cosa che mi è davvero piaciuta è che è questo tipo di terapia chiamata EFT, Emotional Freedom Technique. È più comunemente noto come toccando e il tocco è diventato molto popolare. Alisa Kriegel: La cosa grandiosa è che puoi fare da solo. Non hai bisogno di un terapista che lo fa con te, che ti parla attraverso di esso. E c'è un'app meravigliosa chiamata Soluzione Tapping. Penso che ci sia anche un online, come un sito web. Alisa Kriegel: Quindi la soluzione toccante è stata fatta da quest'uomo, Nick Ortner, e ha appena rilasciato, credo, una serie di 11 diverse meditazioni toccanti. E toccando, se vai sul sito Web, ti dà un po 'di introduzione. Fondamentalmente stai battendo le dita su diversi punti meridiani nel corpo e la ricerca ha dimostrato che può alleviare molti sintomi diversi. Persone che hanno avuto un successo incredibile con questo. Ho visto un video di qualcuno che effettivamente ha migliorato la sua respirazione, stava attraversando COVID e ha migliorato la sua respirazione toccando, facendo uno di questi esercizi di toccando. Alisa Kriegel: E così hanno creato, gratuitamente. Alcune di queste app, dobbiamo pagare solo per un sacco di contenuti gratuiti e sono state create gratuitamente e manterranno gratuitamente tutti gli esercizi di intercettazione relativi al coronavirus. Quindi, penso, sia una grande risorsa a cui le persone possono dare un'occhiata. Stephen Calabria: Poi c'è il problema delle coppie. Quindi le coppie che sono rinchiuse in casa insieme, specialmente in spazi angusti che sono comuni qui a New York City, sono particolarmente vulnerabili ai sentimenti di impotenza e frustrazione, giusto? Alisa Kriegel: Sicuramente, sicuramente. Voglio dire, penso soprattutto per noi newyorkesi, giusto? Sappiamo. E chiunque sia in coppia e abbia viaggiato e preso parte a combattimenti davvero intensi, viaggiando in macchina o solo con quella persona per 10 giorni alla volta e hai idee diverse su cosa dovresti fare e ti dai sui nervi a vicenda. Alisa Kriegel: Si. Voglio dire, penso, avevo appena letto qualcosa a proposito del fatto che c'è un numero davvero elevato di richieste di divorzio in Cina, a seguito di persone che hanno lasciato la quarantena. Quindi il tasso di divorzi sta sostanzialmente aumentando dopo questo. Alisa Kriegel: Quindi si Penso che la linea di fondo sia che tutti abbiamo bisogno di tempo e spazio, l'uno lontano dall'altro. Mentre penso che possa essere davvero meraviglioso, ovviamente, per le persone che sono sole, o come, “Ehi, mi piacerebbe essere, sai, avere qualcun altro lì.” Penso che le persone che sono lì in qualche modo preoccupanti, “Come farò a stare con questa persona così a lungo?” Quindi, penso che questa sia una cosa molto reale. Sì. Stephen Calabria: Quindi cosa possono fare le coppie per mitigare il rischio di scaricarsi l'un l'altro mentre sono rinchiusi dentro? Alisa Kriegel: Si, come no. Abbiamo così tante frustrazioni aumentate, c'è paura, c'è impotenza, e quando fai parte di una coppia, che spesso si mettono l'un l'altro, giusto? Ci scambiamo le cose a vicenda. Alisa Kriegel: Penso che una cosa davvero importante sia che devi stabilire dei limiti. Se fai parte di una coppia e ci sei dentro insieme, devi stabilire alcuni limiti. Mentre il tempo delle coppie è fantastico, è davvero importante ricordare che tutti abbiamo bisogno di tempo a parte. Alisa Kriegel: Abbiamo tutti bisogno di tempo per fare le nostre cose e non stai danneggiando i sentimenti del tuo partner per dire: “Ehi, devo andare a chiamare un amico”. Il tuo partner non dovrebbe essere la fine di essere tutto, solo la persona di cui hai bisogno nella tua vita. Hai bisogno anche di altre persone. Quindi, se stai ancora lavorando, anche se non stai lavorando, penso che sia davvero importante stabilire un programma con il tempo incorporato per essere funzionante, o se c'è un libro che vuoi leggere o un progetto che stai lavorando su, per fissare un programma per il proprio esercizio o meditazione e ciascuno di voi per farlo separatamente. Per comunicare con ognuna delle tue famiglie, ognuno dei tuoi amici. Alisa Kriegel: Anche intrattenimento, giusto? A tutti piace, oh sì, guarderemo insieme Netflix, ma le coppie non sono sempre d'accordo su ciò che vogliono guardare, e a volte è davvero bello guardare abbuffato quello spettacolo davvero stupido che il tuo partner non vuole vedere ma è davvero un piacere colpevole. Alisa Kriegel: Il tuo tempo non deve essere tutto un paio di volte. Alisa Kriegel: Penso che, al contrario, sia anche un ottimo momento per sfruttare al meglio il tuo tempo insieme, giusto? Questo è un grande momento, se sei solo e non ci sono bambini di cui ti preoccupi, e hai la massima privacy, come questo è un ottimo momento per fare molto sesso, giusto? Riconnetterti a quel livello fisico, e non deve essere solo il tuo solito andare, e non sto solo parlando di rapporti sessuali. Alisa Kriegel: Anche solo entrare in contatto con esperienze più sensuali, giusto? Darsi reciprocamente massaggi ogni giorno. Organizza un appuntamento notturno. Chiedi a ogni persona di pianificare, da solo, un appuntamento notturno. Anche se non esci, chiedi a quella persona di organizzare un picnic o di accendere delle candele e concedere alla persona un massaggio. Alisa Kriegel: Questo è il momento di diventare un po 'creativi, di uscire dalla zona di comfort di ciò che fai di solito in coppia e fare piccoli passi su come puoi mantenere le cose positive, mantenere viva la passione. Alisa Kriegel: È quasi come vederlo come quando passi del tempo insieme, come un ritiro in coppia. Cosa faresti se fossi in vacanza o trascorressi una notte? O anche se avessi dei bambini, cosa faresti se avessi una notte lontana dai bambini? Quindi prepara i bambini con il loro film o lasciali addormentare, e dopo che sono addormentati, organizza il tuo appuntamento notturno. Alisa Kriegel: È fantastico, è iniziato come un articolo, a cui rimando molti dei miei clienti di coppia. Il New York Times, diversi anni fa, ha pubblicato un articolo intitolato “36 domande che portano all'amore”. Si basava su ricerche condotte in cui hanno effettivamente riunito estranei per rispondere a queste 36 domande, che vanno da domande più superficiali a più sempre più intimo e personale. Alisa Kriegel: E alla fine delle 36 domande, si sono esercitati solo per guardarsi negli occhi senza parlare, penso che sia stato un minuto. Alisa Kriegel: E alla fine di ciò, tutte queste coppie che erano estranee l'una all'altra, descrivevano di sentirsi più di una connessione di legame con l'altra persona. Alisa Kriegel: Quello che è successo da allora è che le persone sono come, ehi, se funziona per gli estranei, funzionerà davvero bene per le coppie, quindi è un ottimo esercizio se sei in quarantena. In realtà ci sono app, anche se cerchi “36 domande che portano all'amore, ci sono un sacco di diverse app che sono state sviluppate intorno ad essa. Quindi puoi effettivamente passare ogni domanda una per una. Ci sono delle linee guida su come farlo. Ma che meravigliosa opportunità. Le persone di solito non hanno il tempo o non hanno il tempo di fare qualcosa del genere, quindi questo può effettivamente essere il momento di conoscere il tuo partner in un modo diverso, a un livello più profondo. Alisa Kriegel: Quindi penso a qualcosa del genere, questa è anche un'opportunità per fare qualcosa di diverso con quel partner, in modo che non si tratti solo di lamentarsi, stress e frustrazione. Stephen Calabria: Giusto. E hai toccato un po 'i bambini. Quali diresti che sono i rischi psicologici presentati unicamente ai bambini in una crisi come questa? Alisa Kriegel: Si. Sai, l'unica cosa che voglio dire prima di tutto alle persone è ricordare che i bambini sono altamente resistenti, in molti modi anche più di quanto siamo adulti, giusto? Possono davvero gestire molto più di quanto pensiamo. Alisa Kriegel: Quello che sento è che, anche online e da clienti e amici, molti genitori sono in realtà più presi dal panico, in parte perché si preoccupano che i loro figli non abbiano abbastanza attività, la noia, la paura. Alisa Kriegel: Ma penso che la cosa più difficile per i bambini sia che abbiano una routine prestabilita. Di solito erano nei parchi, giocavano, erano con altri bambini. Quindi questo è davvero il rischio più grande, è come mantenere i bambini stimolati e come tenerli anche con un senso di sicurezza? Alisa Kriegel: C'è così tanto sconosciuto. Quanto condividiamo? Quanto non condividiamo? Queste sono le cose che penso che dobbiamo guardare. Penso che, in un certo senso, ciò che è interessante sia, per ognuno di voi che ha figli, c'erano molte domande su quanto tempo passasse in TV, ma poi è diventato tempo online. Quanto tempo di gioco è troppo? Quanto va bene. Alisa Kriegel: E penso che ora siamo in un posto dove sento i genitori ringraziare Dio per il gioco online. È un modo per i bambini, in qualche modo, sono abituati a questo. Molti bambini si stavano già connettendo con gli amici online, stavano già chattando, erano già Instagramming. Possono condividere la loro giornata l'uno con l'altro. Alisa Kriegel: Sto pubblicando a riguardo e pubblicando le loro storie. Se sono bambini più grandi. Per i bambini più piccoli, penso che molti anche i più piccoli stessero facendo Minecraft e puoi giocarci con altri bambini, Fortnite. Quindi ce ne sono molti, penso che ci siano molti aspetti positivi dei bambini, in termini di un mondo tecnologico con cui sono cresciuti, che sono davvero abituati a che gli adulti, alcuni adulti, sono più nel mondo della tecnologia, ma molti non lo sono. Quindi penso che i bambini abbiano quella familiarità, quindi per certi versi quella parte non sarà una novità per loro. Stephen Calabria: Quindi, per i genitori stressati e terrorizzati che stanno vivendo questo, quali diresti che sono le strategie migliori e più pratiche per i genitori? Alisa Kriegel: Esattamente. Ottima domanda La prima cosa che direi, che è, sì, una sorta di strategia, ma non concreta, è che i bambini avranno molte domande. Alisa Kriegel: Esiste una regola nella genitorialità che rispondi alle domande che fanno con risposte semplici e dirette. E non dire loro più di quello che stanno chiedendo. Alisa Kriegel: Un bambino più grande potrebbe essere una conversazione, ma per un bambino più piccolo, stai molto attento. Cos'è questo? They may not want to know the details of how the virus is spreading and how long and how long until the vaccine. They just want to know, with some of their questions, am I going to be okay? Are you going to be okay? Are we safe? Alisa Kriegel: And so it’s really important to keep the answers to questions simple. It’s okay to say you don’t know. Don’t say more than they’re able to, for what you know your child’s comprehension level to be. Alisa Kriegel: Reassure them that you’re there, that they’re going to be okay. I think that’s the first most important thing. After that, I think it’s really important for kids that you help structure their day. Alisa Kriegel: Most kids, school aged kids, are used to, even preschoolers, are used to having a set schedule. And I think setting a schedule for them, even in this time, is equally important, and it’s going to help them maintain a sense of normalcy. Alisa Kriegel: So having a set schedule that builds in, if they’re online school, that builds that in, builds in some exercise, right, if they can do something online, if you can have a dance party, but build in some sort of exercise for them so they’re getting that energy out, that builds in a social time for them, that builds in, so basically you’re creating a schedule just like they would have if they were going to school and having play dates, virtual play dates. I think anything virtual is going to be a great way to connect to friends. Stephen Calabria: All right, well that’s terrific. Was there anything else you wanted to say? Alisa Kriegel: So yeah, I think this is a tough time. I’m going to reiterate that this is tough for a lot of people. I do need to say, if you are really struggling with any sort of more serious mental health condition, make sure you are getting the help you need. Alisa Kriegel: If you are getting to a place where you really are feeling so helpless, so depressed, suicidal, reach out to hotlines, to your doctor, even your general doctor, to get referrals. Look for therapists. A lot of therapists are continuing to do work online or doing video sessions, phone sessions. Alisa Kriegel: So, do not be afraid to do that. You are not alone in this. And we will get through this, so I think that’s really important. Alisa Kriegel: That said, I think this was also a really interesting opportunity. I’m going to speak totally as a therapist. Alisa Kriegel: I’m in the business of change and I think that for most of us, the human nature is that we like safety and we like things to be the same. And we are now in a time where we don’t have a choice but to change. Alisa Kriegel: And in some ways, as difficult as that is, it’s also an opportunity, and it’s an opportunity to work on yourself, to work on your relationships. I see it as a reset of sorts, a reset for the things that we haven’t been doing. Alisa Kriegel: Have you been working too hard and not making time for self-care? Well, now’s the time where you have plenty of time to really work on yourself. Alisa Kriegel: And what I mean by self-care is just taking time for yourself, taking a bath, talking with friends, doing the things you may not have spent enough time doing. Alisa Kriegel: Were you spending quality time with your children or just sort of going through the motions? Were you not really being present with family and loved ones, not keeping up contact with friends? I think all of us have a list of things that scared us, or that we knew that we wanted to be when they should be doing, but weren’t. Alisa Kriegel: And so I think this is actually a really interesting opportunity where we may be in the situation for a while, and we are going to come out of this situation. Do we want to come out of it better than we went in? Alisa Kriegel: Are there things we want to learn? Academically, is there a course you want to do, do you want to learn a language or are there things you want to learn emotionally? How to handle better, do things different. Right? Talk with people you don’t get to talk with every day. Alisa Kriegel: So I think if we can reframe this. Sometimes there’s this idea that… I’ll give you this equation. Pain plus non acceptance equals misery. And it comes somewhat from Buddhist ideas, but the idea is that we all have pain, and obviously going through this, that we’re all going through on a global level, is painful. In a lot of ways, it’s scary. People don’t know what’s going to happen. Alisa Kriegel: That pain is there and it’s real. If we don’t accept it, or if we can’t deal with it, then we’re going to be really miserable, but what we have an opportunity to do is reframe it, and instead of focusing on the pain, and by non-acceptance I mean like this is so terrible, just repeating, “Oh my God, this is so bad. This is so bad, and what’s going to happen?” And da-da-da. Alisa Kriegel: And being in that cycle of just freaking out, we’re going to just keep being miserable. Alisa Kriegel: If we can reframe this, as, you know what? Yeah, this sucks and it’s going to be hard, but this is something we can do different. This is an opportunity. Alisa Kriegel: There’s a saying in Buddhism, or actually in Buddhist circles or Buddhism light, I should say, I would refer to something like this as a gift from the Buddha. And a gift from the Buddha is the idea of it is that we are being given something that we don’t like, and it doesn’t feel good, but that in the end, is good for us, and we will grow from. Alisa Kriegel: And I think the people who are going to be able to go into this with that sort of reframe of “this isn’t great and there’s nothing I can do about it, but what can I do to look at myself, to come out better, to work on some of the things, to change some of the patterns in my life, because we have the time to do it now.” Alisa Kriegel: And if we can see that as a blessing in disguise, reframing it in that way can actually change our mental health, and how we deal with it. Alisa Kriegel: So I would really encourage all people to find their way of being able to find your way to do that, to reframe this in a way that you can make it a more positive, more livable situation for yourself. Stephen Calabria: Alisa, thank you so much for being on the show. Alisa Kriegel: Thank you, Stephen, and be well and stay safe. Stephen Calabria: Grazie. Alisa Kriegel: Va bene. Take care. Stephen Calabria: Bye. Stephen Calabria: If you liked this podcast, please share and help us by rating it and reviewing it on iTunes, Spotify and wherever you get your podcasts. Stephen Calabria: You can also support the podcast and all the work we do by going to whowhatwhy.org/donate. Stephen Calabria: Once again, I’m your host, Stephen Calabria. Stephen Calabria: Stay safe, and stay home.

Psorilax:Risolvi |crema cinese per psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, come si usa

Lavarsi le mani dovrebbe essere ovvio, ma in questo momento sembra essere l'unica cosa di cui la gente parla.

Con il peggioramento della pandemia di coronavirus, è più importante che mai garantire che le mani siano pulite e in salute.

Ciò significa lavarli con sapone per almeno venti secondi il più spesso possibile.

Presta particolare attenzione al lavaggio delle mani quando entri o lasci edifici, cucini cibo, dopo essere entrato in casa o quando hai toccato qualcun altro.

Utilizzare disinfettante per le mani quando non sono disponibili acqua e sapone.

Sfortunatamente, un lavaggio così frequente lascerà inevitabilmente le mani asciutte e screpolate.

La Daily Star ha parlato con Lucy Xu, specialista della pelle e fondatrice di The London Premier Laser and Skin Clinics e ha rivelato i suoi sei migliori consigli per mantenere le mani in buone condizioni.

Ecco i suoi migliori consigli.

Usa acqua calda

Lucy ha detto: “Potresti pensare che usare l'acqua calda funzionerà meglio quando si tratta di liberare le mani dai germi, ma in realtà il caldo è altrettanto efficace e non toglierà le mani dai loro oli naturali”.

Quindi, non è necessario scottarsi le mani per pulirle!

Ha aggiunto: “L'acqua tiepida farà altrettanto bene, devi solo farti lavorare il sapone in una schiuma per garantire un lavaggio adeguato.”

Compra il sapone giusto

Lucy ha detto al Daily Star: “Scegliere il sapone giusto per te è estremamente importante in quanto molti possono davvero seccare o sfuggire alla pelle, soprattutto se soffri di condizioni della pelle preesistenti come la psoriasi o l'eczema.

“Dovresti evitare saponi fortemente profumati, saponi in formato bar e cercare di optare per saponi anti-bac di consistenza lattea poiché questi idratheranno sulla pelle e allo stesso tempo puliranno efficacemente …

“Idealmente vuoi cercare ingredienti come glicerina e lanolina in quanto questi ammorbidiscono e fungono da barriera per lo strato esterno della pelle.”

Se il tuo eczema si sta infiammando o si spezza, chiama l'ufficio del medico o consulta un farmacista sul miglior sapone emolliente da usare.

Inoltre, tieni d'occhio eventuali spaccature nella pelle per segni di infezione.



Mantenere le mani e le unghie belle seguendo questi consigli da esperti

Fai la crema per le mani il tuo nuovo migliore amico

Lucy ha dichiarato: “In questo momento devi investire i tuoi soldi in una serie di fantastiche creme per le mani.

“Per l'uso quotidiano suggerirei una crema dalla consistenza più sottile che viene rapidamente assorbita dalla pelle, che può essere utilizzata subito dopo aver lavato le mani.”

Ha continuato: “Potresti anche voler acquistare una crema per le mani pesante e densa per l'uso durante la notte che può essere spalmata liberamente e ti lascerà con mani super morbide e lenitive al mattino.”

Per la tua crema per le mani più leggera, o se la tua pelle è intollerante alle fragranze, ti consigliamo la crema per le mani idratante Cetaphil, £ 4,99, Chemist.co.uk o la crema per le mani idratante quotidiana non profumata di Aveeno, £ 5,99, Stivali.

Una versione molto più spessa è la crema per le mani all'olio di cocco di Palmer, £ 2,49, Superdrug, è più sostanziosa.

Vuoi regalarti?

La crema per le mani Lady Muck, £ 12,50, Trouva, è profumata alla lavanda e al bergamotto ed è stata creata in collaborazione con ARTHOUSE per creare un bellissimo tubo con opere d'arte di Peter Andrews.

Utilizzare guanti per la notte

Lucy ha detto: “Un trucco per dare alle tue mani un ottimo coccole è usare guanti in lattice.

“Prima di andare a letto, spalmati un po 'di crema per le mani assicurandoti di applicarlo dappertutto senza strofinarlo troppo, quindi indossa i guanti in lattice, questi intrappoleranno l'umidità nella pelle assicurandoti che le tue mani ne traggano i benefici.”

Ha continuato: “Dovresti svegliarti sentendoti come se le tue mani avessero l'equivalente di una maschera idratante per il viso”.

Se hai bisogno di un trattamento pesante, acquista una maschera per le mani appositamente formulata per questo.



Lavati le mani per 20 secondi ogni ora, ma applica una crema per le mani in mezzo per mantenere la pelle elastica

Exfoliate

Questo aiuta a levigare la pelle secca o danneggiata.

Lucy ha affermato: “Un modo per liberare le mani da eventuali cellule morte della pelle o dalla pelle secca è quello di esfoliare alcune volte alla settimana, puoi farlo usando uno scrub corporeo grintoso o guanti esfolianti.

“Assicurati di non esfoliare eccessivamente, poiché ciò può aggravare ulteriormente la tua pelle, e successivamente assicurati di applicare liberamente un balsamo, una lozione o una crema per le mani per bloccare l'umidità nella pelle.”

Balsamo

Lucy ha aggiunto: “Se soffri di condizioni di pelle secca come la psoriasi o l'eczema e la tua pelle appare screpolata, cruda o semplicemente dolorante, dovresti acquistare un balsamo per la pelle o vaselina che puoi applicare direttamente su qualsiasi area dolorante e questo dovrebbe entrambi lenire e proteggere eventuali aree da ulteriori danni.

“Probabilmente è meglio applicare la vaselina di notte perché può essere unta o durante il giorno su qualsiasi area dolorante se le tue mani stanno davvero subendo un colpo.”

Leggi di più

Pandemia di coronavirus

Qui al Daily Star, sulla scrivania Lifestyle raccomandiamo in modo massiccio l'unguento Zeroderm per coloro che preferiscono non usare la vaselina.

È spesso … molto spesso.

Ma funziona e questo è ciò che conta.

Stai al sicuro là fuori, continua a lavarti le mani e usare un disinfettante, e se segui queste regole le tue mani dovrebbero rimanere morbide ed elastiche.

Psorilax:Per le ragazze |crema psoriasi fascia protetta

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, originale

La perdita di capelliLa perdita di capelli o alopecia è una perdita parziale o completa dei capelli risultante da malattia, disturbo funzionale o disposizione ereditaria. Al giorno d'oggi è una delle condizioni mediche più comuni, che può insorgere a causa di diversi fattori o può associarsi a varie condizioni di malattia. Di solito si sviluppa gradualmente.

Ogni giorno si perdono circa 100 peli dalla testa. Il cuoio capelluto medio contiene circa 100.000 capelli. Ogni singolo capello sopravvive per una media di 4-1 / 2 anni, durante i quali cresce di circa mezzo pollice al mese. Di solito al suo 5 ° anno, i capelli cadono e vengono sostituiti entro 6 mesi da uno nuovo.

La calvizie genetica è causata dall'incapacità del corpo di produrre nuovi capelli e non dall'eccessiva perdita di capelli. Sia gli uomini che le donne tendono a perdere lo spessore e la quantità dei capelli mentre invecchiano. Eredità o “calvizie di tipo” colpisce molti più uomini che donne. All'età di 30 anni, circa il 25% degli uomini inizia a diventare calvo e circa i due terzi sono calvi o hanno un modello calvo all'età di 60 anni.

La tipica calvizie maschile comporta una linea sottile e un assottigliamento intorno alla corona con eventuali punti calvi. In definitiva, si può avere solo un anello a ferro di cavallo di capelli attorno ai lati. Oltre ai geni, la calvizie maschile sembra richiedere la presenza dell'ormone maschile testosterone.

Gli uomini che non producono testosterone (a causa di anomalie genetiche o castrazione) non sviluppano questo modello di calvizie. Alcune donne sviluppano anche un particolare modello di perdita di capelli a causa della genetica, dell'età e degli ormoni maschili che tendono ad aumentare nelle donne dopo la menopausa. Il modello è diverso da quello degli uomini. La calvizie femminile comporta un assottigliamento in tutto il cuoio capelluto, mentre l'attaccatura frontale rimane generalmente intatta.

La perdita di capelli è stato un problema finché esiste l'uomo. Per la maggior parte del tempo, gli umani hanno anche provato i trattamenti per la caduta. Mentre la comprensione del processo di perdita dei capelli è progredita enormemente, la capacità umana di interrompere il processo o invertire i suoi effetti al 100% non è progredita.

La caduta dei capelli, sebbene non pericolosa per la vita, può certamente essere pericolosa per l'ego. Numerosi studi hanno illustrato l'impatto psicologico della calvizie sugli adulti e sui bambini. Esistono ancora stereotipi sociali che descrivono le persone calve come meno virili e più deboli di quelle con una chioma piena.

La perdita dei capelli colpisce 35 milioni di uomini e 21 milioni di donne solo negli Stati Uniti. Si stima che il 40% degli uomini abbia una certa perdita di capelli evidente entro i 35 anni e il 65% degli uomini abbia una certa perdita di capelli entro i 60 anni.

Tipi di alopecia

Alopecia non cicatrizzante

Alopecia androgenetica

    • Dopo la pubertà nei maschi, successivamente nelle femmine
    • si presenta come un progressivo diradamento dei capelli sull'attaccatura o sul vertice

Telogen effluvium

  • Perdita di capelli diffusa del cuoio capelluto a seguito di gravidanza, cambiamento nelle pillole anticoncezionali, stress, farmaci.

Anagen effluvium

  • Perdita di capelli diffusa, come nell'effluvio telogen, ma più rapida e pronunciata.
  • Solitamente causato da agenti antineoplastici.

Alopecia areata

  • Può essere associato a malattia autoimmune
  • Perdita di capelli in zone arrotondate localizzate

Alopecia cicatrizzante

  • Tinea capitus
  • Acne keloidalis
  • Pseudopelata di brocq
  • Lupus eritematoso discoide
  • Pseudofolliculite barbae
  • Follicolite decalvante
  • Cellulite da dissezione
  • Neoplasie e infezioni
  • Lichen planopilaris
  • sclerodermia
  • sarcoidosi

rimedi omeopatici per l'alopecia areata perdita di capelli

L'alopecia può essere divisa in cicatriziale e non cicatriziale. Cicatrici da perdita di capelli, conosciuto anche come alopecia cicatriziale, è la perdita di capelli che è accompagnata da cicatrici.

Può essere causato da un gruppo diversificato di rari disturbi che distruggono il follicolo pilifero, lo sostituiscono con tessuto cicatriziale e causano la perdita permanente dei capelli. Perdita di capelli non cicatrizzante, conosciuto anche come alopecia non giudiziale, è la perdita di capelli senza che vi siano cicatrici ed è la solita forma di perdita di capelli comunemente riscontrata.

Quando la perdita dei capelli si verifica in una sezione, è noto come alopecia areata, in cui si manifesta improvvisamente un cerotto ben circoscritto, completamente calvo e liscio, che di solito colpisce il cuoio capelluto. Un'altra forma è alopecia universalis in cui vi è completa perdita di capelli sul corpo.

Si chiama modello di perdita di capelli, che colpisce i maschi perdita di capelli maschile (MPHL) e quando colpisce le femmine si chiama perdita di capelli a motivo femminile (FPHL). La caduta dei capelli è la caduta dei capelli che colpisce principalmente la parte superiore e anteriore del cuoio capelluto. Nei maschi, la perdita di capelli si presenta spesso come a stempiatura, mentre nelle femmine, si presenta in genere come a diradamento dei capelli.

Psicologia della caduta dei capelli

Sebbene l'alopecia non sia una condizione pericolosa per la vita, alcuni studi hanno dimostrato che la caduta dei capelli può avere effetti significativi sulla qualità della vita. I pazienti possono provare ulteriore stress a causa della caduta dei capelli che a sua volta può aumentare la perdita di capelli. Sono stati condotti molti studi che rafforzano il fatto che la caduta dei capelli può portare un tributo psicologico alla persona con la perdita e portare stereotipi negativi.

Trattamento di perdita dei capelli

Secondo il sito web del centro di apprendimento sulla perdita dei capelli, uno studio del 1971 condotto con una foto della stessa persona con diversi gradi di calvizie è stato mostrato a 60 persone. Gli intervistati hanno indicato che la persona con la testa calva era classificata come cattiva, cattiva e brutta. Eppure la stessa persona con la testa piena è stata giudicata bella, virile, forte, attiva e acuta.

Purtroppo gli adulti non sono gli unici pazienti affetti da perdita di capelli. Anche i bambini soffrono di alopecia e l'impatto psicologico dovrebbe essere ridotto al minimo.

Cause di perdita dei capelli / alopecia

L'alopecia è causata dall'invecchiamento, dal cambiamento degli ormoni, da alcune malattie, dall'anamnesi familiare di calvizie, ustioni o traumi. Altre possibili cause di perdita di capelli, specialmente se in uno schema insolito, includono l'alopecia areata (macchie calve che si sviluppano sul cuoio capelluto, sulla barba e, possibilmente, sulle sopracciglia; anche le ciglia possono cadere), condizioni autoimmuni (come il lupus), ustioni, alcune malattie infettive (come la sifilide), la chemioterapia, lo stress emotivo o fisico, l'eccessivo shampoo, l'asciugatura, la febbre, i cambiamenti ormonali (esempio: malattie della tiroide, parto, uso di pillole anticoncezionali), abitudini nervose (come il continuo stiramento dei capelli o sfregamento del cuoio capelluto), radioterapia, tinea capitis (tigna del cuoio capelluto), tumore dell'ovaio o delle ghiandole surrenali.

La calvizie di solito non è causata da una malattia, ma è correlata a invecchiamento, ereditarietà e testosterone (DHT). Oltre ai comuni modelli maschili e femminili da una combinazione di questi fattori, altre possibili cause di perdita di capelli, specialmente se in uno schema insolito, includono:

  • Predisposizione genetica – la storia familiare di perdita di capelli aumenta il rischio.
  • Malattia autoimmune – alcune volte la caduta dei capelli è associata ad alcune malattie autoimmuni come LES, vitiligine ecc
  • Disturbi ormonali – la perdita dei capelli può verificarsi anche in condizioni in cui vi sono disturbi ormonali come ipertiroidismo, ipotiroidismo, parto, contraccettivi orali.
  • Malattie della pelle – malattie della pelle come la tinea capitis (tigna del cuoio capelluto), la psoriasi, l'eczema, la dermatite causano comunemente la caduta dei capelli.
  • Un serio malattia (come un tumore dell'ovaio o delle ghiandole surrenali) o febbre
  • Abitudini nervose come il continuo stiramento dei capelli o lo sfregamento del cuoio capelluto
  • Radioterapia o chemioterapia – in alcune malattie come il cancro provoca una grave caduta dei capelli. Causa effluvio di Anagen.
  • Carenza nutrizionale – carenze nutrizionali come carenza di ferro, vitamine, zinco causano la caduta dei capelli.
  • Pettinatura eccessiva – può causare la caduta dei capelli dal cuoio capelluto.
  • Burns – ustioni dovunque nella pelle causano perdita di capelli.
  • Menopausa – la perdita dei capelli è molto comune nell'età della menopausa delle donne.
  • farmaci – farmaci per abbassare il colesterolo Atorvastatina e simvastatina, anticoagulanti – warfarin, farmaci per la pressione arteriosa – captopril e lisinopril, farmaco anti-aritmia – amiodarone, antiacido – cimetidina, farmaci per la gotta – colchicina, steroidi – testosterone e progesterone, acne – isotina ketoconazolo. Tutti questi medicinali sono noti per causare la caduta dei capelli.
  • Altre cause: principalmente febbre di alto grado, interventi chirurgici importanti, emorragia, fame, esposizione chimica, disfunzione renale, uso eccessivo di prodotti chimici e cosmetici sui capelli, eccessivo shampoo, stress emotivo o fisico ecc.

La perdita dei capelli di tipo maschile è causata da una combinazione di fattori genetici e l'ormone maschile diidrotestosterone (DHT). La causa della caduta dei capelli nel modello femminile rimane poco chiara.

Diagnosi della causa della caduta dei capelli

Include principalmente anamnesi dettagliata, emocromo completo, ferro sierico, test di funzionalità renale, test di funzionalità tiroidea, test di funzionalità epatica, esame microscopico di capelli, ecc.

Trattamento di perdita dei capelli

Il trattamento della caduta dei capelli dipende dalla causa e dalle condizioni mediche sottostanti. I trattamenti per le varie forme di alopecia nella medicina convenzionale hanno un successo limitato.

Tre farmaci hanno prove a supporto del loro uso nella caduta dei capelli di tipo maschile: minoxidil, finasteride e dutasteride.

Le iniezioni di corticosteroidi nel cuoio capelluto possono essere utilizzate per trattare l'alopecia areata. Il trapianto di capelli sta diventando sempre più popolare per ripristinare la perdita di capelli.

Trapianto di capelli è una tecnica chirurgica che rimuove i follicoli piliferi da una parte del corpo, chiamata “sito del donatore”, a una parte calva o calva del corpo nota come “sito ricevente”. La tecnica viene utilizzata principalmente per trattare la calvizie maschile.

L'attuale metodo accettato di trapianto di capelli si chiama FUE. Con l'estrazione dell'unità follicolare o la raccolta FUE, le singole unità follicolari contenenti da 1 a 4 peli vengono rimosse in anestesia locale. Il chirurgo quindi perfora i siti per ricevere gli innesti usando micro-lame molto piccole, posizionandole in una densità e uno schema predeterminati e inclinando le ferite in modo coerente per promuovere un modello di capelli realistico.

Prevenire la perdita dei capelli

Di seguito sono riportati suggerimenti utili per la prevenzione e per far fronte alla perdita di capelli.

* Spazzolare e lavare via i capelli che cadono.
* Pulire i capelli e il cuoio capelluto delicatamente due volte a settimana e massaggiare il cuoio capelluto.
* Evitare prodotti dannosi contenenti candeggina, perossido, ammoniaca, alcool o lacca.
* Evitare calore, ferri arricciacapelli e rulli caldi.
* Mantenere i capelli corti e facili da acconciare.
* Per evitare la rottura di ciocche di capelli, trecce o code di cavallo da evitare.
* Pettine a denti larghi da utilizzare.
* Testa per essere protetta dal sole con un cappello.
* Durante il sonno è possibile utilizzare un cuscino di raso o una retina per capelli.

Trattamento omeopatico di perdita dei capelli

Rimedi omeopatici per il trattamento della perdita dei capelli

L'omeopatia è uno dei sistemi olistici più popolari della medicina. La selezione del rimedio si basa sulla teoria dell'individualizzazione e sulla somiglianza dei sintomi usando un approccio olistico.

Questo è l'unico modo in cui uno stato di completa salute può essere recuperato rimuovendo tutti i segni e sintomi di cui soffre il paziente.

Lo scopo dell'omeopatia non è solo quello di trattare la caduta dei capelli, ma anche di affrontarne la causa e la suscettibilità individuali. Per quanto riguarda i farmaci terapeutici, sono disponibili diversi rimedi ben collaudati per il trattamento omeopatico della caduta dei capelli che possono essere selezionati in base a causa, posizione, modalità ed estensione della caduta.

La perdita dei capelli è di nuovo solo un indicatore del fatto che c'è qualcosa che non va nel tuo corpo. I peli possono cadere a causa di un'infezione locale o a causa di un disordine o carenza sistemica. Anche il trattamento varia di conseguenza.

Oltre al trattamento basato sulla totalità, le raccomandazioni in letteratura includono l'applicazione locale di Arctium lappa, Ceanothus, Malva Sylvestis e Tropaeolum in forma di tintura madre mescolata con cocco o altro olio.

Phosphoricum acidum, Ambra grisea sono indicati se la caduta dei capelli è dovuta a dolori ripetuti. Se è dovuto a depressione, irritabilità e ansia, possono essere indicati acido nitrico e album di arsenico. Se si trova in pazienti lenti, costipati e sicotici, grafiti e thuja possono essere utili. Lycopodium, Sepia e Natrum muriaticum possono essere somministrati per la caduta dei capelli dopo la gravidanza. Anche gli altri sintomi dovrebbero corrispondere.

Per la selezione e il trattamento dei rimedi personalizzati, il paziente deve consultare personalmente un medico omeopatico qualificato. Ci sono i seguenti rimedi per la perdita dei capelli che sono molto utili nel trattamento omeopatico del trattamento per la perdita dei capelli:

Thuja, fosforo, phos acido, carb Kali, selenio, farina acida, calcarea phos, grafiti, farina acida, Natrum mur, acido nitrico, lachesi, Pulsatilla, seppia, rhus tox, zolfo, medorrhinum, vinca minor, merc sol, arsenico alb , Arnica e molte altre medicine.

  • Thuja – caduta dei capelli a causa della forfora bianca squamosa. Calvizie maschile.
  • fosforo – caduta di capelli in mazzi. Lasciando patch qua e là. Caduta di capelli dopo la chemioterapia.
  • Fos acido – caduta dei capelli dalla testa, anche da sopracciglia, ciglia e genitali; a causa di dolore debilitante, tifo, masturbazione eccessiva. I pazienti si sentono molto deboli e hanno voglia di bevande fredde e rinfrescanti.
  • Cina – La Cina ha anche la perdita dei capelli dopo una malattia prolungata come tifo, ittero, malaria o perdita di sangue. I capelli sono doloranti al tatto.
  • Calcarea phos – perdita di capelli negli adolescenti, che sono anemici e inclini all'acne e al mal di testa.
  • Baryta carb – la caduta dei capelli è quella dei giovani sensibili al freddo. Avere ricorrenti raffreddore e mal di gola / tonsillite durante l'infanzia. Potrebbe avere scarsa memoria e crescita lenta.
  • Selenio – caduta dei capelli da tutta la testa lasciando il cuoio capelluto liscio e senza peli (alopecia universalis). Caduta di capelli dalle sopracciglia e dal viso che danno uno strano aspetto.
  • Sphingurus mar. – caduta dei capelli dalla barba.
  • Pix liquida – alopecia dovuta a malattie del cuoio capelluto, graffi intensi del cuoio capelluto che sanguinano al graffio.
  • Alumina – ampia caduta di peli del cuoio capelluto, parti completamente denudate. Caduta di peli su tutto il corpo comprese le ciglia. Il paziente ha spesso costipazione con feci molli ma difficili. Ha paura del sangue, del coltello, degli incidenti, degli ospedali.
  • Farina acida – caduta dei capelli a causa della sifilide. I peli sono asciutti, mat. si dividono e si rompono. Diventa sfilacciato in massa e senza lucentezza. Un buon rimedio per l'Alopecia areata dove i capelli cadono a mazzi. Il paziente avverte molto calore e si sente meglio in atmosfera fredda. alopecia di vecchiaia o invecchiamento prematuro a causa della sifilide, caduta dei capelli in chiazze, caduta dei capelli a causa della febbre tifoide.
  • Natrum mur – caduta dei capelli in gravidanza e dopo il parto. Perdere i capelli dopo mal di testa cronico, capelli grigi a causa di disturbi estenuanti. Il paziente è di solito introverso, ha un dolore silenzioso, ha sete e ha una sudorazione abbondante. Desiderio di cibi salati.
  • Lachesis – caduta dei capelli durante la gravidanza e durante la menopausa. Il paziente Lachesis è loquace, ama parlare e socializzare (simile al fosforo) ma può essere vendicativo.
  • Borace – i capelli ruvidi e corti non possono essere pettinati lisci. I capelli si aggrovigliano sulle punte e restano uniti. Se questi grappoli vengono tagliati, si formano di nuovo. Plica polonica.
  • Pulsatilla – ottimo rimedio per la caduta dei capelli, sensazione di capelli negli occhi. Caduta di capelli dopo il parto. Il paziente di solito ha sete, ha desiderio ed è anche aggravato da cibi ricchi e grassi. Desiderio di aria fresca. Disposizioni piangenti, piange facilmente e ha una disposizione lieve.
  • Acido nitrico– abbondante caduta dei capelli, in particolare del vertice con eruzioni. Può essere dovuto a sifilide, mal di testa nervoso, debolezza o emaciazione. Sensibile al cuoio capelluto. Il desiderio di grasso è lì. Il paziente è facilmente irritato dalla natura.
  • Vinca minor – punti calvi con prurito della pelle, trasudando umidità, arruffando i capelli insieme. Irresistibile desiderio di graffiare. Macchie di perdita di capelli, nitide e ben definite, circoscritte che lasciano il cuoio capelluto liscio e che i capelli bianchi o grigi possono crescere sui punti calvi come la lana bianca.
  • Ammon mur – caduta dei capelli dalle sopracciglia.
  • Rhus tox – caduta delle ciglia.
  • Mercurius solubilis– caduta dei capelli a causa della sifilide. Alopecia con eruzioni sul cuoio capelluto; la secrezione dalle eruzioni è fetida e accompagnata da bruciore al cuoio capelluto. Il paziente ha sudorazione abbondante, sete eccessiva e salivazione.
  • mezereum – perdita di capelli nei casi in cui i capelli vengono distrutti a causa di lesioni cutanee eczematose del cuoio capelluto. Spesse eruzioni croccanti sul cuoio capelluto, insieme a uno scarico di pus spesso offensivo con conseguente opacizzazione dei capelli, allevamento di parassiti in essi e, in definitiva, il consumo di capelli via dalle scariche che portano alla caduta dei capelli.
  • grafiti – forfora erpetica, cuoio capelluto squamoso con molto prurito, bruciore al vertice, caduta dei capelli.
  • Psorinum – perdita di capelli che si è verificata a causa di lesioni cutanee eczematose sul cuoio capelluto che scaricano liquido appiccicoso e offensivo, che fa sì che i capelli si attacchino, il che porta ulteriormente i capelli ad aggrovigliarsi e alla fine distruggersi. Il paziente che richiede Psorinum si sente freddo e desidera essere caldamente coperto anche in estate.
  • Zolfo– capelli molto indisciplinati con prurito del cuoio capelluto, meglio sul mare. Caduta di capelli dopo l'infezione cutanea soppressa. Perde i capelli da tutto il cuoio capelluto, completa calvizie.
  • nero di seppia – caduta dei capelli durante la menopausa e la gravidanza. Mal di testa che peggiorano quando il paziente perde un pasto. Nessun desiderio di coniugato, avversione al sesso. Sensibile al freddo. Ansia per la famiglia e i bambini. Il mal di schiena cronico può essere presente.
  • Medorrhinum – caduta dei capelli con prurito del cuoio capelluto. Seborrea. Meglio al mare. Possono essere presenti allergie familiari, asma o gonorrea.
  • Lycopodium – Diradamento dei capelli dalla testa con crescita eccessiva su altre parti del corpo. Ciò si verifica nella calvizie femminile, in particolare nel PCOD. Ingrigimento precoce dei peli. Desiderio di dolci.
  • Album dell'Arsenico – alopecia dovuta all'uso di arsenico metallico, prurito al cuoio capelluto intollerabile. Macchie circolari di punti nudi, caduta dei capelli in persone debilitate. I pazienti sono mentalmente irrequieti e molto ansiosi per la propria salute o caduta di capelli. Sensibile al freddo in generale e alle bevande fredde. Temperamento meticoloso.
  • Wiesbaden – i capelli crescono rapidamente e diventano più scuri con l'uso di questo rimedio. Arnica e Cantharis sono anche noti per favorire la crescita dei capelli.

Questo elenco di rimedi omeopatici per la caduta dei capelli non è né completo né esaustivo. L'omeopatia deve trattare la causa e la persona nel suo insieme, dopo la debita individuazione di ogni paziente.

Casi di perdita dei capelli curati con medicina omeopatica

Grave perdita di capelli in una donna di 43 anni – di Juhi Malhotra, Gaurang Gaikwad

Perdita di capelli e costipazione – di Jennifer Metzger

Un caso di forfora e perdita di capelli – di V. Charuvahan

A Case of Hairfall – di Aradhana Chitra

A Case of Alopecia Areata – di Rahi Nagda

A Case of Alopecia – di Shamim Sherwani

Omeopatia in casi acuti – di Santanu Maity

Una storia di due casi – di Arup Bhattacharya

Exploring The Third Row – di Rajan Sankaran

Il cefalopode: Sepia Officinalis – di Atul Rajgurav

Psorilax:Nuovo |crema psoriasi israeliana

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, originale

Astratto

Contesto: La psoriasi è una malattia cronica e sistemica con l'effetto benefico degli analoghi di vitamina D3 topici, noti da molto tempo. Bassi livelli di vitamina D sono sempre più associati allo sviluppo iniziale di alcune malattie autoimmuni. Esistono segnalazioni contraddittorie di bassi livelli sierici di vitamina D3 nella patogenesi della psoriasi. finalità: (1) Per determinare i livelli sierici di vitamina D, calcio e proteina C-reattiva (CRP) nei pazienti con psoriasi vulgaris, (2) Confrontare questi livelli con i livelli sierici di controlli e (3) Correlarli con la gravità della malattia. Materie e metodi: È stato intrapreso uno studio caso-controllo ospedaliero con 61 pazienti con psoriasi e 61 controlli per età e sesso. È stata presa una storia dettagliata ed è stato fatto un esame che includeva l'indice di massa corporea, l'area della psoriasi e l'indice di gravità (PASI). Sono state fatte le stime dei livelli sierici di vitamina D, calcio sierico e CRP. risultati: Il livello medio di vitamina D (25) non era significativamente diverso tra le persone con e senza psoriasi. Il livello medio di vitamina D nei casi era 18,41 ± 9,41 e quello nei controlli era 17,24 ± 13,03 (P= 0,63). Tuttavia, in entrambi i casi il livello di vitamina D era significativamente più basso nelle femmine rispetto ai maschi (P= 0,02) e controlli (P= 0.006). Non vi era alcuna correlazione significativa tra la gravità della psoriasi e i livelli sierici di vitamina D, calcio sierico e CRP. conclusioni: Il livello sierico di vitamina D non era correlato alla gravità della psoriasi nel nostro studio.

parole chiave: Proteina C-reattiva, Indice di area e gravità della psoriasi, psoriasi vulgaris, calcio sierico, vitamina sierica D

Come citare questo articolo:
Nayak PB, Girisha BS, Noronha TM, Sripathi H. Bassa vitamina D nella psoriasi: realtà o mito ?. Indian J Dermatol 2018; 63: 255-60

Come citare questo URL:
Nayak PB, Girisha BS, Noronha TM, Sripathi H. Bassa vitamina D nella psoriasi: realtà o mito ?. Indian J Dermatol (serial online) 2018 (citato il 1 ° aprile 2020); 63: 255-60. Disponibile da: http://www.e-ijd.org/text.asp?2018/63/3/255/232719

Cosa si sapeva?

Prove contraddittorie di un'associazione tra i livelli sierici di vitamina D e la gravità della psoriasi vulgaris.

introduzione Superiore

La psoriasi è una malattia della pelle poligenica immuno-mediata.(1) Sebbene la causa della psoriasi rimanga sconosciuta, una crescente evidenza suggerisce che la psoriasi è un disturbo complesso causato dall'interazione di più geni, del sistema immunitario e di fattori ambientali.(2) La sua patogenesi non è chiara, ma è noto che esiste un'attivazione di settori di risposte immunitarie innate e adattive.(3) La vitamina D regola sia l'immunità innata che quella adattativa ed è un dato di fatto che livelli più bassi di vitamina D sono associati allo sviluppo iniziale di alcune malattie autoimmuni e alla mortalità prematura.(4), (5) La vitamina D svolge anche un ruolo vitale nel metabolismo del calcio. L'ipocalcemia è un noto fattore di rischio nella precipitazione della psoriasi pustolosa.(6), (7) La proteina C-reattiva (CRP) è stata riconosciuta come uno dei marker più sensibili dell'infiammazione ed è associata alle citochine responsabili dell'infiammazione della pelle. La CRP può anche essere impiegata come misura della gravità della malattia nei pazienti psoriasici insieme all'area della psoriasi e all'indice di gravità (PASI).(8) Gli scopi e gli obiettivi di questo studio erano: (1) Determinare i livelli sierici di vitamina D, calcio e CRP in pazienti con psoriasi vulgaris. (2) Confrontare questi livelli con i livelli sierici di controlli. (3) Per correlarli con la gravità della malattia.

Materie e metodi Superiore

Questo studio caso-controllo su 122 pazienti è stato condotto nel reparto ambulatoriale di Dermatologia, Venereologia e Lebbra, presso il Justice KS Hegde Charitable Hospital, Deralakatte da ottobre 2015 a marzo 2017. Sessantuno pazienti con psoriasi sono stati arruolati nello studio insieme a 61 controlli per età e sesso. Questo studio è stato avviato dopo aver ottenuto l'autorizzazione dal Comitato etico istituzionale. I criteri di inclusione erano di età> 18 anni, pazienti con psoriasi cronica a placche che non avevano ricevuto trattamenti topici nel mese precedente o terapia sistemica negli ultimi 3 mesi. Sono stati inclusi nello studio controlli abbinati per età e sesso senza psoriasi volgare che frequentano il reparto ambulatoriale di dermatologia per disturbi minori senza alcun disturbo infiammatorio. Altri tipi di psoriasi, quelli in trattamento con integratori di vitamina D o fototerapia, malattie infiammatorie croniche come sclerosi multipla, malattia infiammatoria intestinale, artrite reumatoide, lupus eritematoso, linfoma cutaneo, carcinoma cutaneo non melananico o qualsiasi altro tumore.

Dopo aver soddisfatto i criteri di selezione, tutti i pazienti sono stati informati dello studio ed è stato ottenuto il consenso scritto informato. Sono stati intrapresi una storia dettagliata e un esame fisico completo comprendente l'entità della malattia, il tipo di lesione, l'indice di massa corporea (BMI), la PASI dei pazienti e l'esame locale delle placche psoriasiche. Le indagini condotte includevano la stima del livello sierico di vitamina D (25 (OH) vitamina D), del livello sierico di calcio, del livello di CRP e dell'emogramma completo.

La gravità del punteggio PASI è stata classificata come lieve, moderata e grave con punteggi di <5, 5–10, and >10, rispettivamente. Un BMI rivisto per gli indiani asiatici raccomandato dall'Organizzazione mondiale della sanità è stato considerato come valore di riferimento e interpretato come segue: <18,5 kg / m2 come sottopeso, 18,5-23 kg / m2 normalmente 23–27,5 kg / m2 come sovrappeso, e 27,5 kg / m2 o superiore come obeso. Carenza, insufficienza e livelli normali di vitamina D sierica sono stati considerati rispettivamente a livelli <20 ng / ml, 20-30 ng / ml e 30–100 ng / ml.

analisi statistica

I dati raccolti sono stati inseriti nel foglio di calcolo di Microsoft Excel e analizzati utilizzando IBM SPSS Statistics, versione 22 (IBM Corp, Armonk, NY, USA). I dati descrittivi sono stati presentati sotto forma di frequenza, percentuale per variabili categoriali e sotto forma di media, mediana, deviazione standard e quartili per variabili continue. Il test di Kruskal-Wallis, il test esatto di Fisher e il test Chi-quadrato sono stati eseguiti anche per determinare le differenze nelle varie variabili di studio tra casi e controlli. Il test di correlazione di Spearman è stato utilizzato per testare la correlazione tra le variabili di studio. Un valore di P<0,05 è stato considerato statisticamente significativo.

risultati Superiore

In questo studio sono stati arruolati 61 pazienti con psoriasi e 61 controlli per età e sesso. Tra le 122 persone partecipanti, 94 (77%) erano maschi e 28 (23%) erano femmine con un rapporto maschio-femmina di 3,36: 1. L'età media era di 44,12 ± 13,15 anni nei casi e 43,15 ± 13,15 anni nei controlli. La maggior parte dei pazienti psoriasici (41,0%) apparteneva alla fascia d'età di 50-65 anni (Tabella 1) e (Tabella 2).

Tabella 2: Deviazione media e standard di vari parametri nei pazienti con psoriasi e in quelli senza psoriasi

Clicca qui per vedere

Su 61 pazienti, due pazienti avevano associato l'artrite psoriasica (3,3%), 23 (37,27%) avevano un coinvolgimento delle unghie e 49 (80,3%) avevano un coinvolgimento del cuoio capelluto insieme a lesioni del corpo. Quarantacinque (73,7%) pazienti hanno avuto la psoriasi per meno di 5 anni, mentre 16 (26,2%) hanno avuto la psoriasi per più di 5 anni. La durata media della psoriasi è stata di 73,38 ± 91,20 mesi (Tabella 2).

Tredici (21,3%) pazienti hanno consumato alcol e 5 (8,2%) pazienti hanno fumato su base regolare, ed è stato significativamente (P= 0,01) in meno nei controlli costituiti solo da 2 (3,3%) individui che consumano alcol e nessuno fuma.

Trentacinque (57,4%) casi avevano un BMI ≥23 kg / m2 che rientra nella categoria sovrappeso e obesi, mentre era solo 21 (34,4%) nel gruppo di controllo. Un BMI normale è stato osservato in 22 (36,1%) casi e 37 (60,7%) controlli. C'era una differenza significativa (P= 0,009) in BMI medio in pazienti con psoriasi e quelli senza psoriasi (Tabella 1) e (Tabella 2).

Tra 61 pazienti con psoriasi il 39,3% aveva una malattia grave. La PASI media nei pazienti con psoriasi era di 9,25 ± 5,87. C'era una significativa associazione tra durata della malattia e gravità della psoriasi (P= 0,02) (tabella 1) e (tabella 2).

Il livello medio di CRP nei casi era 3,54 ± 6,89 e quello nei controlli era 1,97 ± 2,79. Sebbene non statisticamente significativo, il livello stimato di CRP era più alto nei pazienti con psoriasi rispetto a quelli senza la malattia (Tabella 2). Il livello sierico di calcio era compreso nell'intervallo normale tra 61 (100%) pazienti e 59 (96,7%) controlli.

Nella nostra popolazione di studio, l'86,9% dei pazienti con psoriasi e l'83,6% dei pazienti senza psoriasi presentavano livelli più bassi di vitamina D. Non vi erano differenze significative nei livelli medi di vitamina D tra casi e controlli (P= 0,10). Abbiamo scoperto che i pazienti con psoriasi con malattia grave erano tra quelli con carenza di vitamina D. Tuttavia, non era statisticamente significativo (P= 0,67) (Figura 1). Mentre correlando la gravità della malattia con i livelli di vitamina D, non abbiamo trovato una correlazione statisticamente significativa tra i due (r = −0,19, P = 0,15). Non vi era alcuna associazione significativa tra i livelli di vitamina D e CRP tra i pazienti con psoriasi e tra i controlli (P= 0.43 e P= 1,00, rispettivamente) (Figura 2). Non c'era alcuna relazione significativa tra i livelli sierici di vitamina D e i livelli di BMI nei casi (P= 0,27) e controlli (P= 0.44). Nessuna associazione significativa è stata trovata tra i livelli sierici di vitamina D e la durata della malattia (P= 0,11)

Figura 1: livelli sierici di vitamina D, calcio e proteina C reattiva in relazione alla gravità della psoriasi

Clicca qui per vedere

Figura 2: Livelli di vitamina D in relazione alla gravità della proteina C reattiva tra i casi e il controllo

Clicca qui per vedere

La relazione tra gravità della malattia data dalla PASI e livelli sierici di vitamina D, calcio, CRP nei casi è presentata in (Tabella 3).

Tabella 3: Relazione tra gravità della malattia data dall'area della psoriasi e indice di gravità e livelli sierici di vitamina D, calcio, proteina C reattiva tra i casi

Clicca qui per vedere

Discussione Superiore

La psoriasi è una malattia cronica sistemica che colpisce l'1–3% della popolazione globale.

Numerosi fattori sono coinvolti nella patogenesi della psoriasi. È noto che la predisposizione genetica nella psoriasi dipende dalla vitamina D se i geni hanno un recettore della vitamina D nella loro regione promotrice. Inoltre, il metabolismo della vitamina D può essere anormale nella psoriasi. È stato scoperto che la vitamina D regola le citochine antinfiammatorie come l'interleuchina (IL-10) e regola o inibisce le citochine pro-infiammatorie come IL-6 e TNF-α.(9) Nella pelle psoriasica, le citochine IL-1, IL-6 e TNF-α sono up-regolate.(1) 1,25 (OH) D3, è noto che un metabolita attivo della vitamina D regola sia l'immunità innata che quella adattiva e ha anche un ruolo di modulazione delle cellule dendritiche.(2), (4), (10), (11), (12) Vi sono segnalazioni contrastanti di miglioramento clinico delle lesioni psoriasiche a seguito del supplemento orale di vitamina D con alcuni studi che mostrano un buon miglioramento e altri che non ne mostrano nessuno.(10), (11), (13)

Abbiamo osservato che la maggior parte della nostra popolazione in studio aveva bassi livelli sierici di vitamina D. I soggetti carenti di vitamina D presentavano la forma grave della malattia. Tuttavia, non è stato possibile stabilire una correlazione tra la gravità della malattia e i livelli sierici di vitamina D. Vari studi che mostrano l'associazione / nessuna associazione tra i livelli sierici di vitamina D e la psoriasi sono riportati in (Tabella 4).

Tabella 4: vari studi che mostrano associazione / assenza di associazione tra i livelli sierici di vitamina D e la psoriasi

Clicca qui per vedere

I risultati della bassa vitamina D in entrambi i casi e i controlli nei pazienti maschi ci fanno riflettere sul suo ruolo nella patogenesi della psoriasi. Una carenza di vitamina D del 70–100% è stata osservata in studi condotti in diverse parti dell'India in individui apparentemente sani. Insieme a bassa assunzione, esposizione al sole insufficiente, dieta vegetariana con elevato rapporto fitato / calcio, fattori genetici ed epigenetici sono stati postulati per questa osservazione.(20) Pertanto, speculiamo che la popolazione indiana avrebbe potuto essere acclimatata al livello relativamente basso di vitamina D e, quindi, qualsiasi significato tratto dalla scoperta di livelli bassi può essere errato.

Il calcio intracellulare svolge un ruolo importante nella differenziazione e proliferazione dei cheratinociti. Nella psoriasi, si osservano intensificazione ed estensione delle lesioni a seguito della diminuzione dei livelli di calcio.(21) Esistono molte segnalazioni di insorgenza di psoriasi pustolosa generalizzata ed eritroderma, forme gravi di psoriasi associate a lieve ipocalcemia.(6), (7)

Non vi era alcuna differenza significativa nei livelli medi di calcio sierico nella psoriasi lieve, moderata e grave (P= 0.83). Poiché nessuno dei casi di psoriasi presentava livelli anormali di calcio nel siero, non è stato possibile valutare la relazione tra gravità della malattia e livello sierico di calcio. Allo stesso modo, Gisondi et al. inoltre non ha riscontrato alcuna differenza nel livello medio di calcio nel siero dei pazienti e dei controlli psoriasici ((9,5 ± 0,4 mg / dl e 9,3 ± 0,3 mg / dl) (P= 0,2)).(10) Contraddittorio per il nostro studio, Solak et al. osservato un livello sierico di calcio medio significativamente basso nei pazienti con psoriasi rispetto ai controlli ((9,4 ± 0,4 mg / dl e 9,7 ± 0,2 mg / dl) (P= 0.006)).(19)

In questo studio, il 9,8% dei casi e il 6,6% dei controlli presentavano livelli di CRP superiori a 6 mg / L. Abbiamo trovato una differenza significativa tra i livelli medi di CRP tra casi e controlli (P= 0,002). Tuttavia, non siamo riusciti a correlare in modo significativo tra i livelli di CRP e la gravità della psoriasi (r= 0,12, P= 0,36). Questa scoperta era contraddittoria con uno studio precedente che aveva mostrato una relazione significativa tra CRP e gravità della malattia.(8) Riteniamo che ciò sia dovuto alla remissione e alla ricaduta della natura della malattia e anche a quale punto sia stata effettuata la stima della CRP. La stima, durante uno stato attivo della malattia, potrebbe dare un valore di CRP più elevato. Poiché i pazienti dello studio erano psoriasi a placche cronica, è stata ipotizzata un'infiammazione cronica di basso grado in corso per un aumento della CRP nei nostri pazienti.

Uno studio ha osservato che la CRP aveva una correlazione positiva con PASI, neutrofili e suoi prodotti di attivazione elastasi e lattoferrina, leucociti totali e inibitore specifico dell'antitrypsin alfa-1 elastasi.(22) Ciò rafforza l'associazione tra psoriasi e aumento del livello dei mediatori infiammatori. Pertanto, la CRP può essere utilizzata come marker del sangue per la gravità insieme all'ausilio visivo della PASI. Tuttavia, un altro studio non ha mostrato una relazione significativa tra CRP e PASI e ha concluso che non esiste un unico strumento per valutare la gravità della psoriasi. Hanno sostenuto l'ipotesi che sia necessaria una combinazione di marker infiammatori con coefficienti diversi come quella della combinazione del punteggio PASI insieme ai livelli plasmatici di elastasi e CRP.(23)

I limiti di questo studio includono la sua piccola dimensione del campione; quindi, questo potrebbe non essere il riflesso reale della popolazione generale. Poiché questo studio è stato condotto durante tutto l'anno, non sono stati considerati i cambiamenti stagionali che possono causare variazioni nei livelli di vitamina D. Infine, non sono stati considerati i fattori dietetici che potrebbero contribuire al livello ematico di calcio e in una certa misura alla vitamina D.

Conclusione Superiore

La gravità della psoriasi non era correlata ai livelli di vitamina D e CRP

Riconoscimento

Questo studio è stato possibile grazie alla sovvenzione finanziaria del Trust NITTE (ritenuto università). Vorremmo estendere la nostra sincera gratitudine al nostro statistico Dr. Vinayak Kamath B.

Supporto finanziario e sponsorizzazione

Questo studio è stato sostenuto finanziariamente da una borsa di ricerca della NITTE Trust (ritenuta università).

Conflitto di interessi

Non ci sono conflitti di interesse.

Riferimenti Superiore

1.
van de Kerkhof PC, Nestlé FO. Psoriasi. In: Bolognia JL, editore. Dermatologia. 3rd ed. Spagna: Elsevier Ltd .; 2012. p. 135-57. Torna al testo citato no. 1
2.
Suárez-Varela MM, Reguera-Leal P, Grant WB, Rubio-López N, Llopis-González A. Vitamina D e patologia della psoriasi nella regione mediterranea, Valencia (Spagna). Int J Environ Res Public Health 2014; 11: 12108-17. Torna al testo citato no. 2
3.
Zuchi MF, Azevedo PO, Tanaka AA, Schmitt JV, Martins LE. Livelli sierici di 25-idrossivitamina D in pazienti psoriasici. Un reggiseno Dermatol 2015; 90: 430-2. Torna al testo citato no. 3
4.
Grazio S, Nagli ÐB, Ani B, Grubiši F, Bobek D, Bakula M, et al. Livello sierico di vitamina D, attività della malattia e capacità funzionale in diversi pazienti reumatici. Am J Med Sci 2015; 349: 46-9. Torna al testo citato no. 4
5.
Wilson PB. Status di 25-idrossivitamina D nel siero in soggetti con psoriasi nella popolazione generale. Endocrine 2013; 44: 537-9. Torna al testo citato no. 5
(PUBMED)
6.
Lee Y, Nam YH, Lee JH, Park JK, Seo YJ. Eruzione cutanea simile alla psoriasi pustolosa indotta da ipocalcemia. Br J Dermatol 2005; 152: 591-3. Torna al testo citato no. 6
(PUBMED)
7.
Plavina T, Hincapie M, Wakshull E, Subramanyam M, Hancock WS. Aumento delle concentrazioni plasmatiche di proteine ​​leganti citoscheletriche e Ca2 + e dei loro peptidi nei pazienti con psoriasi. Clin Chem 2008; 54: 1805-14. Torna al testo citato no. 7
(PUBMED)
8.
Beygi S, Lajevardi V, Abedini R. Proteina C reattiva nella psoriasi: una revisione della letteratura. J Eur Acad Dermatol Venereol 2014; 28: 700-11. Torna al testo citato no. 8
(PUBMED)
9.
Atwa MA, Balata MG, Hussein AM, Abdelrahman NI, Elminshawy HH. Concentrazione sierica di 25-idrossivitamina D in pazienti con psoriasi e artrite reumatoide e sua associazione con l'attività della malattia e il fattore sierico di necrosi tumorale alfa. Saudi Med J 2013; 34: 806-13. Torna al testo citato no. 9
(PUBMED)
10.
Gisondi P, Rossini M, Di Cesare A, Idolazzi L, Farina S, Beltrami G, et al. Stato della vitamina D in pazienti con psoriasi a placche cronica. Br J Dermatol 2012; 166: 505-10. Torna al testo citato no. 10
(PUBMED)
11.
Kincse G, Bhattoa PH, Herédi E, Varga J, Szegedi A, Kéri J, et al. Livelli di vitamina D3 e densità minerale ossea in pazienti con psoriasi e / o artrite psoriasica. J Dermatol 2015; 42: 679-84. Torna al testo citato no. 11
12.
Pavlov SI, Ivanova II, Gerova D. Stato della vitamina D in pazienti con psoriasi. Scr Sci Med 2016; 8: 50-4. Torna al testo citato no. 12
13.
Perez A, Raab R, Chen TC, Turner A, Holick MF. Sicurezza ed efficacia del calcitriolo orale (1,25-diidrossivitamina D3) per il trattamento della psoriasi. Br J Dermatol 1996; 134: 1070-8. Torna al testo citato no. 13
(PUBMED)
14.
Orgaz-Molina J, Buendía-Eisman A, Arrabal-Polo MA, Ruiz JC, Arias-Santiago S. Carenza di concentrazione sierica di 25-idrossivitamina D in pazienti psoriasici: uno studio caso-controllo. J Am Acad Dermatol 2012; 67: 931-8. Torna al testo citato no. 14
15.
Chandrashekar L, Kumarit GR, Rajappa M, Revathy G, Munisamy M, Thappa DM, et al. 25-idrossi Vitamina D e livelli di albumina modificati con ischemia nella psoriasi e loro associazione con la gravità della malattia. Br J Biomed Sci 2015; 72: 56-60. Torna al testo citato no. 15
16.
Al-Mutairi N, El Eassa B, Nair V. Misurazione dei livelli di vitamina D e catelicidina (LL-37) in pazienti con psoriasi con comorbilità. Indiano J Dermatol Venereol Leprol 2013; 79: 492-6. Torna al testo citato no. 16
(PUBBLICATO) (Testo completo)
17.
Morimoto S, Yoshikawa K, Fukuo K, Shiraishi T, Koh E, Imanaka S, et al. Relazione inversa tra gravità della psoriasi e livello sierico di 1,25-diidrossi-vitamina D. J Dermatol Sci 1990; 1: 277-82. Torna al testo citato no. 17
(PUBMED)
18.
Maleki M, Nahidi Y, Azizahari S, Meibodi NT, Hadianfar A. Siero 25-OH Livello di vitamina D nei pazienti psoriasici e confronto con soggetti di controllo. J Cutan Med Surg 2016; 20: 207-10. Torna al testo citato no. 18
(PUBMED)
19.
Solak B, Dikicier BS, Celik HD, Erdem T. Bone densità minerale, 25-OH Vitamina D e infiammazione nei pazienti con psoriasi. Photodermatol Photoimmunol Photomed 2016; 32: 153-60. Torna al testo citato no. 19
(PUBMED)
20.
G R, Gupta A. Carenza di vitamina D in India: prevalenza, causalità e interventi. Nutrienti 2014; 6: 729-75. Torna al testo citato no. 20
(PUBMED)
21.
Guilhou JJ. Gli effetti terapeutici della vitamina D3 e dei suoi analoghi nella psoriasi. Opinioni degli esperti Investig Drugs 1998; 7: 77-84. Torna al testo citato no. 21
(PUBMED)
22.
Coimbra S, Oliveira H, Reis F, Belo L, Rocha S, Quintanilha A, et al. Proteina C reattiva e attivazione dei leucociti nella psoriasi vulgaris in base alla gravità e alla terapia. J Eur Acad Dermatol Venereol 2010; 24: 789-96. Torna al testo citato no. 22
(PUBMED)
23.
Kanelleas A, Liapi C, Katoulis A, Stavropoulos P, Avgerinou G, Georgala S, et al. Il ruolo dei marker infiammatori nella valutazione della gravità della malattia e della risposta al trattamento nei pazienti con psoriasi trattati con etanercept. Clin Exp Dermatol 2011; 36: 845-50. Torna al testo citato no. 23
(PUBMED)

Cosa c'è di nuovo?

  • Nel nostro studio non è stata osservata alcuna associazione tra i livelli sierici di vitamina D e la gravità della psoriasi
  • La misurazione della CRP e del calcio nei pazienti con psoriasi a placche cronica aggiunge poco valore poiché entrambi i parametri non hanno mostrato livelli significativamente aumentati nei casi rispetto ai controlli.

(Figura 1), (Figura 2)

(Tabella 1), (Tabella 2), (Tabella 3), (Tabella 4)

Psorilax:Ora |resolve psoriasi crema 100 ml

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, quanto costa

Una donna stressata in primo piano con una foto di un'eruzione cutanea.

Meno stress è il migliore

Lo stress è un fattore scatenante comune della psoriasi (una malattia che produce bagliori argentati, squamosi, secchi e ispessiti con macchie rossastre); tuttavia, i razzi della psoriasi causano anche stress. Lo stress aumenta l'infiammazione nel corpo. I composti infiammatori sono dannosi per i tessuti del corpo. Le donne sembrano particolarmente vulnerabili a sperimentare riacutizzazioni della psoriasi a causa dello stress. Le persone che hanno condizioni autoimmuni, come la psoriasi, sembrano avere sistemi immunitari che rispondono in modo eccessivo e rilasciano un'abbondanza di composti infiammatori.

Stress Busters

Il controllo dello stress è un modo per ridurre al minimo il rischio di futuri razzi della psoriasi. Esistono molti metodi per combattere lo stress.

  • La respirazione diaframmatica profonda coinvolge il cosiddetto sistema nervoso parasimpatico “riposo e digest”. Inspirare attraverso il naso, lentamente e profondamente dal diaframma. Trattieni il respiro e poi espira lentamente attraverso la bocca.
  • L'esercizio fisico migliora l'umore, migliora i livelli di energia e rilascia endorfine, sostanze chimiche di benessere associate alla riduzione del dolore. L'esercizio fisico regolare riduce l'ansia e migliora il sonno. Le donne che si esercitano vigorosamente e hanno meno probabilità di sviluppare la psoriasi rispetto alle donne che sono meno attive fisicamente.
  • Chiedi l'aiuto di un terapista o iscriviti a un programma di gestione dello stress per imparare a gestire lo stress in modo più efficace. Un terapista può utilizzare la terapia cognitivo comportamentale (CBT) per aiutarti a cambiare pensieri e comportamenti per mantenere bassi i livelli di stress.

Sia le allergie che la psoriasi sono dovute a disfunzione immunitaria ma non ci sono prove scientifiche che la psoriasi sia una reazione allergica.

Ottieni una gestione delle allergie

Allergie e Psoriasi

Sebbene sia le allergie che la psoriasi siano dovute a disfunzione immunitaria, non ci sono prove scientifiche che la psoriasi sia una reazione allergica. Alcune persone che hanno entrambe le condizioni riferiscono che i sintomi di allergia scatenano razzi della psoriasi. Le lesioni cutanee psoriasiche possono essere confuse con condizioni allergiche, ma i due processi patologici sono diversi.

Allergy Busters

Se hai allergie e psoriasi, adottare misure per controllare le allergie può aiutare a ridurre il rischio di flare della psoriasi.

  • Evitare allergeni noti è una strategia efficace per ridurre i sintomi. Ad esempio, se si è allergici agli acari della polvere, ridurre al minimo i mobili imbottiti, sostituire la moquette con pavimenti duri e polvere e vuoto frequentemente per ridurre l'esposizione.
  • Prendi i farmaci per le allergie come prescritto dal medico. L'assunzione di medicinali allergici nei momenti corretti e dosaggi corretti contribuirà a ridurre al minimo i sintomi allergici.
  • Tieni traccia dei tuoi sintomi in un diario. Se emergono sintomi nuovi o preoccupanti, tenere traccia di ciò che si mangia, dove si va e ciò a cui si è esposti può aiutare a rivelare schemi che possono essere utilizzati per regolare il trattamento.

Alcuni studi mostrano un legame tra bere alcolici pesanti e razzi della psoriasi.

Fai attenzione al consumo di alcol

Alcol e Psoriasi

Alcuni studi mostrano un legame tra bere pesante e razzi psoriasi. Sembra che gli uomini che bevono molto abbiano maggiori probabilità di soffrire di psoriasi rispetto agli uomini che non bevono alcolici. Il consumo di alcol influisce negativamente sul trattamento e riduce la probabilità di remissione. L'alcol può interagire con alcuni farmaci per la psoriasi. Chiedi al tuo medico se è sicuro per te consumare alcol se hai la psoriasi.

Suggerimenti per smettere di bere

Se stai cercando di ridurre o smettere di bere tutti insieme, la gestione dei trigger può aiutarti a raggiungere il tuo obiettivo. In generale, evita situazioni ad alto rischio in cui prevedi che sarà difficile evitare la tentazione. Se non riesci a evitare una situazione che ti preoccupa potresti essere innescato, metti in atto alcune strategie per aiutarti a rimanere in pista e farcela.

  • Distraiti chiamando o inviando un SMS a un amico o guardando un video divertente online. Fai una passeggiata o prenditi qualche minuto per praticare la respirazione profonda o la meditazione.
  • Rivedi i tuoi motivi per non voler bere. Scrivi i motivi su una carta che tieni nella borsetta o nel portafoglio per rivisitarli quando è necessario.
  • Parla con un amico fidato quando sei tentato di bere e discuti i motivi per cui stai cercando di astenermi.

L'aria fredda, le temperature secche e la luce solare ridotta contribuiscono ai razzi della psoriasi.

Proteggiti da tempo freddo o secco

Psoriasi invernale

L'aria fredda, le temperature secche e la luce solare ridotta contribuiscono a razzi della psoriasi in inverno. Combatti queste condizioni usando un umidificatore al chiuso. L'uso di idratanti pesanti aiuta a combattere la pelle secca e riduce il disagio causato dalla psoriasi invernale. Scegli idratanti e prodotti per la pelle che sono privi di profumo, ipoallergenici e formulati per le pelli sensibili.

Consigli per la cura della pelle invernale

La pelle ha bisogno di cure e attenzioni extra in inverno, sia che tu abbia la psoriasi o meno. Usa questi consigli per la cura della pelle invernale per mantenere la pelle sana quando fuori fa freddo e si secca.

  • Pelle pulita ed esfoliante: Usa detergenti delicati e senza sapone che non toglieranno l'umidità dalla pelle. Distendi delicatamente le cellule morte con un panno morbido o uno scrub esfoliante delicato per rivelare una pelle fresca e sana sotto.
  • Salta i bagni caldi e le docce: Anche se è allettante riscaldarsi in un bagno caldo o fare la doccia in una fredda giornata invernale, l'acqua calda in realtà toglie l'umidità dalla pelle. Fare il bagno o la doccia in acqua calda invece.
  • Aumenta la crema idratante: Potrebbe essere necessario passare a un idratante più pesante a base di olio in inverno per estinguere la pelle secca.
  • Vestire a strati e rimuovere prontamente gli indumenti bagnati: Stare seduti con indosso vestiti bagnati può irritare la pelle e causare rotture e piaghe. Rimuovere prontamente gli indumenti bagnati. E vestiti a strati in modo da poter rimuovere gli indumenti se diventi troppo caldo ed evita la sudorazione eccessiva.
  • Affidati al tuo umidificatore: Il tempo secco secca la pelle e può provocare crepe e prurito. Usa un umidificatore per rendere il tuo spazio abitativo meno arido. L'umidità aiuta a mantenere la pelle sana e inumidisce le mucose nella cavità nasale, il che può aiutare a ridurre il rischio di sinusite.

I tatuaggi sono associati a traumi cutanei che possono scatenare la psoriasi.

Ripensare l'inchiostro: tatuaggi

Tatuaggi e psoriasi

Potresti apprezzare l'aspetto dei tatuaggi, ma potrebbero non essere una buona idea se hai la psoriasi. Il piercing alla pelle e l'iniezione di colorante sotto la pelle sono associati a un trauma cutaneo che può scatenare la psoriasi. Alcune persone che hanno la psoriasi sviluppano nuove lesioni psoriasiche da 10 a 14 giorni dopo aver fatto un tatuaggio. Anche la pelle tatuata può essere infettata. Le infezioni della pelle sono anche potenziali fattori scatenanti della psoriasi.

Trauma cutaneo e psoriasi

Altri tipi di traumi della pelle oltre all'agopuntura possono scatenare razzi della psoriasi. Questi includono

  • tagli e graffi,
  • gravi scottature solari
  • punture di insetti e
  • piercing alla pelle.

I farmaci possono scatenare i razzi della psoriasi o peggiorare la situazione.

Valuta i tuoi farmaci

I farmaci possono scatenare la psoriasi?

Alcuni farmaci possono scatenare riacutizzazioni della psoriasi o peggiorare la psoriasi. Alcuni farmaci per controllare l'ipertensione, le malattie cardiache, l'artrite o i disturbi dell'umore possono influenzare la psoriasi. Non interrompere l'assunzione di un farmaco o regolare la dose di un farmaco senza parlare con il medico. Se hai dubbi sul fatto che un farmaco abbia un impatto negativo sulla tua psoriasi, discuti la situazione con il tuo medico.

Farmaci che scatenano la psoriasi

Esistono diverse classi di farmaci che possono scatenare i razzi della psoriasi. Parla con il tuo medico se sei preoccupato che uno qualsiasi dei seguenti farmaci possa esacerbare la tua psoriasi.

  • La chinidina è un farmaco per il cuore che può scatenare la psoriasi.
  • Inderal è un farmaco per la pressione sanguigna che può peggiorare la psoriasi in circa il 30% delle persone che lo assumono e hanno entrambe le condizioni.
  • I farmaci antimalarici tra cui clorochina, idrossiclorochina e chinacrina possono essere associati a un flare psoriasi circa 2-3 settimane dopo l'assunzione di questi farmaci.
  • L'indometacina è un farmaco antinfiammatorio prescritto per il trattamento dell'artrite. Può peggiorare la psoriasi in alcune persone.
  • Il litio è un farmaco prescritto per trattare la depressione maniacale e altri tipi di disturbi dell'umore. Può peggiorare la psoriasi in circa il 50% delle persone che la assumono.

Le infezioni attivano il sistema immunitario e possono scatenare una riacutizzazione della psoriasi.

Diagnosticare e trattare le infezioni

Psoriasi e Strep

Quando il sistema immunitario è impegnato a combattere un'infezione, la psoriasi può esplodere. L'infezione da streptococco o mal di gola, come è più comunemente noto, è un'infezione che è particolarmente legata alle riacutizzazioni della psoriasi. Lo streptococco è collegato a un tipo di psoriasi chiamata psoriasi guttata (tipo di lesione cutanea in cui compaiono squame sottili sopra lesioni rossastre simili a gocce). L'infezione da strep nei bambini può essere il fattore scatenante per l'insorgenza della psoriasi guttata. Se hai la psoriasi e hai una riacutizzazione, è una buona idea chiedere al tuo medico di valutare anche te per mal di gola.

Psoriasi e infezioni

Le infezioni attivano il sistema immunitario e possono scatenare una riacutizzazione della psoriasi. Le infezioni legate ai razzi della psoriasi comprendono

  • tonsillite,
  • infezione respiratoria,
  • mal d'orecchi e
  • bronchite.

Le riacutizzazioni della psoriasi tendono a calmarsi quando un'infezione concomitante viene trattata in modo efficace.

Proteggere e proteggere la pelle da lesioni come tagli e contusioni può aiutare a ridurre al minimo il rischio di riacutizzazioni della psoriasi.

Evita il trauma cutaneo: tagli e contusioni

Il fenomeno di Koebner

Le persone che soffrono di psoriasi possono sviluppare lesioni psoriasiche nel sito di una lesione cutanea. Questo fenomeno si chiama Koebner. Molto spesso, le persone sviluppano lesioni psoriasiche su aree cutanee ferite dove normalmente non si manifestano riacutizzazioni. Prestare particolare attenzione a proteggere la pelle da traumi evitabili e lesioni può aiutare a ridurre il rischio di riacutizzazioni della psoriasi.

Proteggi la tua pelle

Proteggere la pelle dalle lesioni può aiutare a ridurre al minimo il rischio di riacutizzazioni della psoriasi. Ci sono cose semplici che puoi fare per proteggere la tua pelle.

  • Indossare la protezione solare e stare lontano dal sole durante le ore di punta per evitare scottature.
  • Usa un repellente per insetti e indossa top a maniche lunghe e pantaloni lunghi per impedire agli insetti di mordere.
  • Taglia le unghie dei piedi dritte e evita di tagliare le unghie troppo corte.
  • Fai attenzione durante la rasatura o meglio ancora, usa un rasoio elettrico per ridurre al minimo intaccature e colpi che potrebbero scatenare la psoriasi.

Il fumo aumenta notevolmente il rischio di psoriasi e peggiora le condizioni.

I pericoli del fumo

Fumo e psoriasi

Il fumo aumenta notevolmente il rischio di psoriasi e peggiora la malattia. Gli studi hanno documentato che circa il 20% dei casi di psoriasi sono correlati al fumo. I composti nel fumo di sigaretta hanno un impatto negativo sul sistema immunitario e sulla crescita delle cellule della pelle per promuovere la psoriasi. Più sigarette una persona fuma al giorno, maggiore è il rischio di sviluppare la psoriasi.

Statistiche sul fumo e sulla psoriasi

Il fumo aumenta il rischio di sviluppare la psoriasi e aumenta la gravità della malattia. Ecco le statistiche riguardanti la psoriasi e il fumo.

  • Le persone che fumano hanno il doppio del rischio di sviluppare la psoriasi rispetto ai non fumatori.
  • I fumatori di sesso femminile hanno maggiori probabilità di sviluppare la psoriasi rispetto ai fumatori di sesso maschile.
  • Il fumo aumenta il rischio di un tipo di psoriasi chiamata pustolosi palmoplantare (psoriasi sulle mani e sui piedi).
  • Le donne che fumano 20 sigarette al giorno hanno un rischio 2,5 volte maggiore di sviluppare la psoriasi rispetto alle donne che non sono fumatori.
  • Gli uomini che fumano 20 sigarette al giorno hanno un rischio 1,7 volte maggiore di sviluppare la psoriasi rispetto agli uomini che non sono fumatori.
  • Circa il 78% delle persone che soffrono di remissione dalla psoriasi sono non fumatori. Solo il 22% delle persone che soffrono di remissione della psoriasi sono fumatori.

Fumare non fa bene a nessuno ma è particolarmente importante smettere se si ha la psoriasi.

I cambiamenti degli ormoni di solito precedono la psoriasi e possono influenzare la gravità.

Ormoni dell'equilibrio

Ormoni e psoriasi

Chiunque di qualsiasi età può avere la psoriasi, ma la condizione si verifica più comunemente nelle persone di età compresa tra 20 e 30 anni e in quelle di età superiore ai 50 anni. Si ritiene che i cambiamenti ormonali a quei tempi precedano l'insorgenza della psoriasi. Gli ormoni influenzano la gravità della condizione. I cambiamenti ormonali in gravidanza comportano una riduzione dei sintomi della psoriasi in oltre il 50% delle donne a 30 settimane di gestazione e un peggioramento dei sintomi in oltre il 20% delle donne.

Quali ormoni colpiscono la psoriasi?

Gli ormoni sessuali e la prolattina sono noti da tempo per influenzare lo sviluppo e la gravità della psoriasi, ma molti più ormoni sono stati implicati nel processo. Gli ormoni che hanno un effetto sulla psoriasi includono

  • estrogeni,
  • progesterone,
  • cortisolo,
  • epinefrina,
  • prolattina,
  • ormoni tiroidei,
  • leptina,
  • grelina e
  • insulina.

Se sospetti che gli ormoni fuori controllo contribuiscano ai sintomi della psoriasi, consulta il tuo medico o un endocrinologo per discutere delle tue preoccupazioni.

© 2005-2020 WebMD, LLC. Tutti i diritti riservati.

Psorilax:Bonus |crema tea tree just psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, ingredienti

Psoriasi a placche

Fonte: Dr P Marazzi / Science Photo Library

La psoriasi a placche è caratterizzata da placche di ridimensionamento ipercheratotico eritematose ben definite di colore bianco argenteo che si verificano sulle superfici estensorie del corpo (ad es. Gomiti, ginocchia e parte bassa della schiena)

Tradizionalmente, la psoriasi era considerata solo un problema di pelle; tuttavia, ora è meglio descritto come una malattia complessa, multifattoriale e infiammatoria(1). Si pensa che la psoriasi colpisca tra il 2% e il 4% della popolazione nei paesi occidentali(2) e sebbene non pericoloso per la vita, è associato a una significativa compromissione della qualità della vita, che influenza il lavoro, le relazioni familiari e sessuali, nonché il benessere fisico e psicologico(3),(4). Inoltre, la natura visibile della condizione è stata segnalata dai pazienti come uno degli aspetti più difficili(5).

Entrambi i sessi sono ugualmente colpiti e, per la maggior parte dei pazienti (75%), la psoriasi si presenta per la prima volta tra i 15 e i 25 anni, mentre il resto delle persone colpite presenta sintomi tra i 55 e i 60 anni(6).

Esistono diverse forme di psoriasi (vedi tabella 1 e fotoguida 1), ma la più comune – che rappresenta fino al 90% di tutti i casi – è la psoriasi a placche cronica(7). Questo articolo si concentrerà sulla gestione dei pazienti adulti con psoriasi a placche nelle cure primarie, ma non discuterà dell'uso di speciali – coperti in pubblicazioni della British Association of Dermatologists – o di una discussione sui trattamenti forniti ai pazienti in cure secondarie.

Tabella 1: diversi tipi di psoriasi e loro aspetto e trattamento clinici
Tipo di psoriasi Aspetto clinico Trattamento
Psoriasi guttata In genere si presenta come piccole (1mm-10mm) placche ovali, squamose, di colore rosso-rosa su tutto il corpo. Più comune nei bambini e nei giovani, ma può verificarsi negli adulti ed è spesso preceduto da un'infezione alla gola da streptococco Sebbene la condizione possa risolversi senza trattamento, la terapia ultravioletta (UV) viene spesso utilizzata da due a tre volte a settimana per un massimo di otto settimane
Psoriasi pustolosa Caratterizzato da pustole bianche circondate da pelle infiammata. Spesso visto negli adulti; può essere localizzato (mani / palmi) o può coprire la maggior parte del corpo (psoriasi pustolosa generalizzata). I pazienti sviluppano pelle infiammata e in poche ore sviluppano pustole che possono fondersi per formare laghi di pus La psoriasi pustolosa generalizzata è un'emergenza medica e la morte può verificarsi per insufficienza cardiorespiratoria. La gestione secondaria prevede la prevenzione della perdita di liquidi, la stabilizzazione della temperatura corporea e la correzione dell'equilibrio elettrolitico
Psoriasi inversa o flessionale Colpisce le regioni intergiganti del corpo (axilla, fessura natale, regione genitale). L'aspetto tipico può essere descritto come rosso brillante, lesioni ben definite senza scala aderente Steroidi topici di lieve potenza spesso associati a un agente antifungino, a causa del potenziale di infezioni fungine coesistenti. Possono anche essere usati analoghi della vitamina D come il calcitriolo. Tuttavia, il patch test di una piccola area della pelle è utile per via del potenziale irritazione
Psoriasi pustolosa palmoplantare Presenta una serie di pustole sterili che si verificano sulle mani (sui palmi delle mani) e sulla pianta dei piedi Sono state utilizzate varie opzioni di trattamento, tra cui steroidi topici, catrame di carbone, acitretina e fototerapia
Psoriasi eritrodermica Un rossore generalizzato e spargimento della pelle, può essere descritto come simile a una pelle bruciata. La condizione può verificarsi in modo acuto o svilupparsi nell'arco di pochi giorni o addirittura settimane Una condizione potenzialmente pericolosa per la vita e richiede il ricovero in ospedale. Il trattamento prevede un agente psoriasico sistemico, combinato con emollienti, steroidi topici e correzione degli squilibri fluidi

Fotoguida che mostra psoriasi guttata, flessibile, eritrodermica, palmoplantare e pustolosa

Fotoguida 1: diversi tipi di psoriasi

Fonte: Science Photo Library

1. Psoriasi guttata: Piccole placche ovali (1–10 mm), squamose, di colore da rosso a rosa su tutto il corpo. Più comune nei bambini e nei giovani, ma può verificarsi negli adulti ed è spesso preceduto da un'infezione alla gola da streptococco.
2. Psoriasi flessibile sotto il seno: Lesioni rosse lucide e ben definite senza scala aderente, interessano le regioni intergiganti del corpo.
3. Psoriasi eritrodermica: Rossori e spargimento generalizzati della pelle possono essere descritti come pelle bruciata.
4. Psoriasi palmoplantare: Serie di pustole sterili che si verificano sulle mani (palmi) e sulla pianta dei piedi.
5. Psoriasi pustolosa: Caratterizzato da pustole bianche circondate da pelle infiammata. Spesso visto negli adulti; può essere localizzato (mani / palmi) o può coprire la maggior parte del corpo (psoriasi pustolosa generalizzata). I pazienti sviluppano pelle infiammata e, in poche ore, le pustole possono fondersi per formare laghi di pus

fisiopatologia

La causa precisa della psoriasi rimane poco chiara ma è probabile che sia responsabile una combinazione di fattori genetici, ambientali e immunologici. Prima degli anni '80, si credeva che la psoriasi fosse solo il risultato della disregolazione dei cheratinociti, che porta all'iper proliferazione di queste cellule nell'epidermide. Il lavoro successivo ha suggerito che la psoriasi era una malattia mediata dalle cellule T e l'importante ruolo della citochina pro-infiammatoria, il fattore di necrosi tumorale alfa (TNF-α), nella psoriasi è stato illustrato in uno studio usando l'agente anti-TNF-α, etanercept , in pazienti con artrite psoriasica. Dei 19 pazienti nel gruppo etanercept che avevano la psoriasi, 5 pazienti hanno ottenuto un miglioramento significativo nella loro psoriasi, rispetto a nessuno nel gruppo placebo(8). Il lavoro successivo ha dimostrato che altre interleuchine (IL), come IL23 e IL17A, hanno un ruolo importante nella malattia, sebbene non sia ancora stato spiegato esattamente come questi interagiscano per causare la psoriasi(9).

Diagnosi

Sintomi

Clinicamente, la psoriasi a placche è caratterizzata da placche di ridimensionamento ipercheratotiche eritematose, bianche argentee ben definite che si verificano sulle superfici estensorie del corpo (ad esempio gomiti, ginocchia e parte bassa della schiena), ma la psoriasi colpisce anche il cuoio capelluto (vedi Fotoguida 2). Molti pazienti sperimentano anche cambiamenti alle unghie, tra cui una crescita anormale della lamina ungueale che porta a una corrosione caratteristica, un accumulo di materiale cheratinoso sotto l'unghia (ipercheratosi subunguale) e onicolisi (separazione dell'unghia dal suo letto) (vedi Fotoguida 2) .

Fotoguida che mostra la psoriasi del cuoio capelluto e delle unghie

Fotoguida 2: Psoriasi del cuoio capelluto e delle unghie

Fonte: Science Photo Library

A. Psoriasi del cuoio capelluto: Placche di ridimensionamento ipercheratotiche eritematose ben definite di colore bianco argenteo.
Psoriasi delle unghie: Crescita anormale della lamina ungueale che porta a una caratteristica corrosione, un accumulo di materiale cheratinoso sotto l'unghia (ipercheratosi subunguale) e onicolisi (separazione dell'unghia dal suo letto)

La psoriasi si verifica, anche se meno comunemente, nei bambini, dove può essere diagnosticata erroneamente come eczema atopico, poiché il ridimensionamento è meno prominente e le lesioni spesso colpiscono il viso.

Comorbilità e fattori di rischio comuni

Diversi fattori legati allo stile di vita sembrano associati alla psoriasi. Uno studio caso-controllo italiano ha scoperto che il fumo di sigaretta, l'indice di massa corporea e lo stress sembravano essere correlati in modo indipendente con la psoriasi(10). Altri studi hanno dimostrato un'associazione tra psoriasi e obesità(11), consumo di alcool(12) e inattività fisica(13). Inoltre, ci sono prove che suggeriscono che la modifica dello stile di vita, come la perdita di peso(14) e aumento dell'attività fisica(15), sembrano ridurre la gravità della malattia. Alcune prove indicano un potenziale aumento del rischio di malattie cardiovascolari data una maggiore incidenza di sindrome metabolica nei pazienti con psoriasi(16). Tuttavia, una revisione di 14 studi di coorte ha rilevato che, sebbene vi sia un maggior rischio di malattie cardiovascolari, ciò è stato significativo solo per i pazienti con malattia grave (definiti come quelli che richiedono terapia sistemica o ricovero ospedaliero)(17).

Una delle comorbilità più frequenti è l'artrite psoriasica (PsA), una condizione infiammatoria cronica, degenerativa associata a malattia articolare progressiva(18),(19). In questo caso, il rilevamento precoce può aiutare a fermare l'ulteriore sviluppo. Lo screening per PsA può essere ottenuto utilizzando lo strumento di screening epidemiologico della psoriasi (PEST), che è facile e veloce da completare per i pazienti e ha una sensibilità del 97% e una specificità del 79%(20).

La diagnosi formale di PsA richiede una valutazione da parte di un reumatologo e, secondo l'Istituto nazionale per l'eccellenza nella salute e nella cura (NICE), l'organismo di valutazione delle tecnologie sanitarie, fino al 30% delle persone con psoriasi ha la PsA(21). La guida di NICE raccomanda agli operatori sanitari di offrire una valutazione annuale della psa alle persone con qualsiasi tipo di psoriasi e che se si sospetta la psa, il paziente deve essere indirizzato a un reumatologo per la valutazione e la consulenza sulla pianificazione della propria assistenza(22).

Inoltre, a causa della natura molto visibile della malattia, i pazienti spesso avvertono stress e ansia, che possono portare alla depressione in circa il 28% -67% dei pazienti(23).

Valutare la gravità della malattia

La diagnosi di psoriasi a placche si basa sui sintomi clinici e sulla considerazione di una storia familiare della malattia. Al contrario, non esiste una definizione universalmente accettata di gravità della malattia. Secondo la National Psoriasis Foundation negli Stati Uniti, la gravità può essere definita in termini di superficie corporea totale (BSA) interessata(24). La superficie di una sola mano (ovvero palmo piatto e cinque dita) della persona interessata, rappresenta circa l'1% della pelle totale dell'individuo. Sulla base di questa misura, la psoriasi lieve colpisce meno del 3% di BSA, moderata tra il 3% e il 10% di BSA e grave oltre il 10% di BSA(24).

Una delle misure più complete della gravità della malattia impiegata negli studi clinici è l'area della psoriasi e l'indice di gravità (PASI). Ciò valuta la gravità della malattia in quattro regioni corporee separate e i valori sommati in modo che i punteggi PASI siano compresi tra 0 e 72, con punteggi più alti che riflettono una maggiore gravità della malattia(25). Sono disponibili numerosi calcolatori utili per aiutare a calcolare i punteggi PASI (vedere il riquadro “Risorse utili” di seguito).

NICE utilizza lo strumento PASI come criterio qualificante per il trattamento, in modo tale che meno di 10 rappresentano una malattia lieve, maggiore di 10 ma meno di 20 rappresentano una malattia moderata e chiunque abbia un punteggio superiore a 20 ha una malattia grave(22). Inoltre, negli studi viene talvolta segnalata una valutazione globale del medico o del paziente della gravità della malattia da chiara a grave.

Mentre i punteggi PASI rappresentano una misura più completa della gravità della malattia rispetto alla BSA, nessuno dei due strumenti considera l'impatto sulla qualità della vita. Negli ultimi anni, la gravità è stata ridefinita da un gruppo di consenso europeo, che incorpora BSA, PASI e qualità della vita, misurata utilizzando l'indice di qualità della vita dermatologica (DLQI). La gravità è dicotomizzata in lieve o da moderata a grave. La psoriasi lieve è definita quando tutte e tre le misure hanno un valore inferiore a dieci e da moderato a grave dove tutte e tre le misure sono maggiori di dieci(26).

Gestione della psoriasi nelle cure primarie

Fortunatamente, la maggior parte dei pazienti con psoriasi a placche (circa l'80%) ha una malattia da lieve a moderata che può essere trattata nelle cure primarie con terapie topiche(27). I pazienti con patologie più diffuse sarebbero normalmente indirizzati e gestiti in cure secondarie con una gamma più ampia di trattamenti tra cui la terapia ultravioletta (UV), i farmaci antireumatici modificanti la malattia (DMARD) o persino gli agenti biologici in quelli con la malattia più grave.

Poiché al momento non esiste una cura per la psoriasi e la condizione segue uno schema di remissione recidivante, è importante valutare l'efficacia relativa dei trattamenti per garantire che i pazienti ottengano una risposta soddisfacente e rimangano in remissione il più a lungo possibile. Esistono numerosi agenti terapeutici topici disponibili e nella Tabella 2 viene fornito un riepilogo di questi agenti, il loro inizio d'azione e i principali effetti avversi.

Le più recenti revisioni sistematiche delle terapie topiche per la psoriasi sono una revisione Cochrane con ricerche di dati fino ad agosto 2012(28) e la revisione di NICE condotta in un periodo di tempo simile (fino a marzo 2012)(21), che ha portato a raccomandazioni terapeutiche descritte in questo articolo.

Tabella 2: Riepilogo dei principali trattamenti topici autorizzati per l'uso della psoriasi
Classe di droga Modalità di azione / utilizzo Insorgenza dell'effetto clinico (settimane) Effetti avversi più comuni
Adattato da Nast et al. 2012(29)
Steroidi topici Principalmente effetti anti-infiammatori. Gli steroidi potenti sono raccomandati per il tronco e gli arti, mentre gli agenti di potenza lieve sono riservati per l'uso sul viso e nelle flessioni. Applicato una o due volte al giorno utilizzando l'unità di punta delle dita come guida (copre un'area di circa una sola mano) e continua per un massimo di quattro settimane. Quando si applica a una placca, utilizzare un movimento circolare per coprire uniformemente, lasciando uno strato sottile visibile sulla placca 1-2 Bruciore o bruciore nel sito di applicazione. Può peggiorare le condizioni esistenti come l'acne o la rosacea
Analoghi della vitamina D. Non chiaro, ma si ritiene che comporti la soppressione delle citochine pro-infiammatorie e l'inibizione della proliferazione dei cheratinociti e una maggiore differenziazione dei cheratinociti. Generalmente utilizzato sul tronco o sugli arti, sebbene possa essere utilizzato anche in flessioni, ma generalmente troppo irritante per il viso. Applicare uno strato sottile sulle placche, una o due volte al giorno per un massimo di otto settimane 1-2 Irritazione cutanea come eritema, prurito e bruciore
Dithranol Soppressione della proliferazione cellulare di cheratinociti, citochine proinfiammatorie. Normalmente utilizzato come “regime di contatto corto”, a partire da una bassa resistenza (0,1%), applicando una piccola quantità sulla placca fino a completo assorbimento. Se tollerato, la forza può essere aumentata fino a quattro settimane alla massima resistenza tollerata. Il trattamento viene applicato tra 30 minuti e 60 minuti, quindi lavato via. Il miglioramento può richiedere fino a sei settimane. Tuttavia, può essere lasciato durante la notte, se necessario 2-3 Bruciore e gli occhi nella pelle. In pratica, è possibile ridurre l'irritazione per la pelle normale coprendo la pelle circostante con paraffina morbida bianca
Catrame di carbone Ancora poco chiaro ma ritenuto antiproliferativo / antinfiammatorio. Applicato come strato sottile alle placche due o tre volte al giorno 4-8 Minimo ma i pazienti possono provare irritazione cutanea e persino fotosensibilità. A molti pazienti non piace l'odore del catrame di carbone
Tazarotene Colpisce la proliferazione epidermica e la differenziazione agendo sui recettori dei retinoidi nella pelle. Applicato come strato sottile la sera per un massimo di tre mesi 1-2 Prurito, bruciore, eritema nel sito di applicazione e irritazione

trattamenti

emollienti

Sebbene generalmente non coperti dalle linee guida cliniche, gli emollienti hanno potenzialmente un ruolo aggiuntivo importante nella psoriasi, contribuendo ad ammorbidire e idratare lo strato corneo, migliorare la desquamazione (spargimento) della pelle ipercheratotica e fornire sollievo al prurito. C'è anche un suggerimento che gli emollienti potrebbero migliorare la penetrazione di altri trattamenti topici per la psoriasi. Nonostante il loro uso diffuso nella psoriasi e a Formulario nazionale britannico (BNF) raccomandazione che questi agenti potrebbero essere l'unico trattamento necessario nella psoriasi lieve, mancano dati attendibili sull'efficacia degli emollienti nella psoriasi, sebbene alcune prove suggeriscano che i prodotti contenenti urea o acido salicilico possano essere di beneficio(30).

Gli emollienti dovrebbero essere usati quotidianamente per aiutare a ridurre la pelle secca, ruvida, squamosa e squamosa. Possono essere applicati circa 30 minuti prima di qualsiasi trattamento attivo e devono essere usati come sostituti del sapone nel bagno o nella doccia. I pazienti devono essere informati che dopo la doccia o il bagno devono idratare tutto il corpo, nonché idratare eventuali aree secche o pruriginose della pelle o della psoriasi durante il giorno. I pazienti devono evitare di graffiare o raccogliere placche di psoriasi.

I farmacisti e gli operatori sanitari dovrebbero avvertire i pazienti che alcuni emollienti a base di paraffina rappresentano un rischio di incendio.

Terapia di combinazione

Ad oggi, l'unica terapia topica di combinazione commerciale è il calcipotriolo (un analogo della vitamina D) e il potente steroide topico, il betametasone. Il prodotto era originariamente disponibile solo come unguento ma ora è anche disponibile come gel, applicato da solo o tramite un dispositivo applicatore e una formulazione in schiuma. Numerose revisioni sistematiche hanno valutato l'efficacia della terapia di combinazione, con i dati più recenti inclusi fino ad aprile 2015(31). Questa revisione sistematica ha concluso che la terapia di combinazione era più efficace di uno dei componenti utilizzati da soli. Questa conclusione è stata anche rispecchiata nella recensione di Cochrane(28). Tuttavia, al contrario, NICE ha raccomandato di utilizzare i due componenti (calcipotriolo e betametasone) insieme, anche se separatamente, uno al mattino e uno alla sera(21) (a causa dell'elevato costo del prodotto combinato), ma i membri del gruppo di sviluppo delle linee guida per la psoriasi NICE sembravano accettare in una successiva pubblicazione che l'applicazione giornaliera del prodotto combinato era efficace quanto l'uso di uno dei due agenti separatamente(32).

Linee guida

Nel 2012, NICE ha pubblicato una linea guida per la valutazione e la gestione della psoriasi a placche. Tuttavia, altre linee guida prodotte nel Regno Unito non sono coerenti con i consigli di NICE, che sono potenzialmente fonte di confusione per gli operatori sanitari.

Come terapia iniziale, NICE ha raccomandato ai professionisti di offrire un potente corticosteroide applicato una volta al giorno, più vitamina D o un analogo della vitamina D applicato una volta al giorno (applicato separatamente, uno al mattino e l'altro alla sera) per un massimo di quattro settimane come iniziale trattamento per adulti con psoriasi del tronco o degli arti(22).

Inoltre, dati i potenti rischi dell'uso di potenti steroidi topici a lungo termine, la linea guida consiglia di rivedere i pazienti dopo quattro settimane di trattamento. Se la combinazione sembra essere efficace, lo steroide topico non deve essere usato nello stesso sito per più di otto settimane e il trattamento può essere continuato con l'analogo della vitamina D, consentendo un intervallo di “settimana senza steroidi” di quattro settimane.

La guida della Scottish Intercollegiate Guidelines Network (SIGN) è leggermente diversa e afferma che, per il trattamento iniziale, si raccomanda l'uso intermittente a breve termine di un corticosteroide topico potente o un corticosteroide potente combinato più unguento di calcipotriolo per ottenere un rapido miglioramento della psoriasi a placche(33).

Il consiglio della Primary Dermatology Society si allinea più con il SIGN piuttosto che con NICE, e afferma che molti medici generici e medici con un interesse speciale usano i prodotti di combinazione di calcipotriolo e betametasone di prima linea per incoraggiare un rapido miglioramento e quindi l'adesione alla psoriasi a placche cronica. La consulenza pertanto differisce dalle linee guida della psoriasi NICE che suggeriscono di iniziare con i suoi singoli componenti(34).

Quest'ultima raccomandazione ha chiaramente preso la strada nelle cure primarie. I dati di prescrizione del 2016 per Inghilterra e Galles mostrano che il 55% di tutti i trattamenti topici per la psoriasi emessi erano per le varie formulazioni del prodotto combinato (ad es. Gel, unguento e schiuma)(35).

Psoriasi del cuoio capelluto

Il coinvolgimento del cuoio capelluto si verifica fino al 79% dei pazienti con psoriasi del tronco o degli arti ed è spesso la prima area a mostrare segni della malattia(36). Clinicamente, le lesioni del cuoio capelluto sono placche ispessite, ben delimitate, infiammate, ridimensionanti che sono spesso pruriginose (vedi Fotoguida 2). Esistono diverse opzioni di trattamento per la psoriasi del cuoio capelluto, tra cui una gamma di shampoo da banco, che contengono catrame di carbone e / o acido salicilico, ai prodotti da prescrizione basati su steroidi topici e analoghi della vitamina D. Tuttavia, le prove sull'efficacia di questi trattamenti sono limitate.

In una recente revisione delle prove, che coinvolge l'analisi di 59 studi randomizzati con oltre 11.500 pazienti, una revisione di Cochrane ha concluso che la combinazione di un potente steroide topico e un analogo della vitamina D era più efficace di uno steroide da solo, sebbene il beneficio clinico era discutibile. Inoltre, gli autori non sono stati in grado di valutare l'efficacia di altri agenti topici come catrame, acido salicilico o dithranol(37).

Data la mancanza di dati di efficacia su shampoo da banco contenenti catrame o acido salicilico, sarebbe prudente per i farmacisti indirizzare i pazienti con psoriasi del cuoio capelluto al proprio medico di famiglia a meno che non abbiano una malattia molto lieve, nel qual caso gli shampoo possono essere di qualche beneficio .

Aderenza al trattamento

L'adesione ai regimi topici nella psoriasi è generalmente scarsa. Ad esempio, uno studio di Storm et al. ha riscontrato che il 44% dei pazienti non è riuscito a riscattare la prescrizione iniziale(38), mentre un altro studio di Richards et al. ha riscontrato che il 39% non era conforme al regime terapeutico raccomandato(39). Una migliore comprensione dei fattori associati all'aderenza può aiutare i farmacisti e altri operatori sanitari a supportare i pazienti per facilitare una migliore aderenza. Tuttavia, le prove fornite dalle recensioni della letteratura suggeriscono che l'aderenza è un problema complesso. Ad esempio, una recensione di Devaux et al trovato che i fattori più frequenti associati alla ridotta aderenza erano la bassa efficacia del trattamento, il tempo richiesto per l'applicazione e la ridotta accettabilità cosmetica della formulazione(40). Tuttavia, una successiva recensione di Thorneloe et al. ha concluso che le prove attuali rendono difficile accertare i più importanti determinanti dell'adesione(41). Infine, una recente recensione di Belinchon et al. ha suggerito che l'inclusione dei riferimenti dei pazienti nel processo decisionale del trattamento può contribuire a migliorare il trattamento, la soddisfazione, l'adesione e, in definitiva, i risultati clinici, sebbene non vi siano prove dirette a supporto di questo consiglio(42).

Un potenziale problema con la promozione di una maggiore aderenza, come identificato nella recensione di Thorneloe et al., è che quando i pazienti diventano esperti nella gestione delle loro condizioni, possono modificare il regime terapeutico per adattarsi a se stessi in modo che, sebbene la gravità della malattia possa non essere migliorata in modo ottimale, la strategia può migliorare la loro qualità di vita(41).

Come i farmacisti possono aiutare i pazienti con psoriasi

Studi qualitativi in ​​quei pazienti affetti da psoriasi hanno rivelato un uso spesso errato e incoerente di terapie topiche, un desiderio di consigli sull'uso corretto di terapie topiche (che di solito è assente nelle consultazioni) e una percezione che gli operatori sanitari non dispongono di conoscenze e competenze sufficienti di psoriasi(43),(44),(45). Di conseguenza, i pazienti spesso gestiscono in modo subottimale le loro condizioni e in isolamento dagli operatori sanitari a causa dell'assenza di consigli adeguati sui trattamenti. Questi studi illustrano chiaramente la necessità di informazioni, educazione e supporto più efficaci basati sulla comunità per i pazienti con psoriasi. Ci sono alcune prove che suggeriscono che l'educazione aggiuntiva del paziente per quelli con problemi della pelle come l'eczema atopico, porta a miglioramenti negli esiti della malattia(46), sebbene si sia concluso che gli interventi educativi per i pazienti con psoriasi impiegati negli studi clinici hanno avuto un successo limitato rispetto al miglioramento della gravità della malattia e della qualità della vita(47).

In un recente studio che ha esplorato l'impatto educativo dei consigli dei farmacisti sui pazienti con psoriasi, è stato riscontrato che i loro consigli e il loro supporto hanno portato a miglioramenti significativi nella comprensione dei pazienti delle loro condizioni, gravità della malattia e qualità della vita(48). Nello studio, i farmacisti hanno utilizzato uno strumento validato per valutare la conoscenza e la comprensione dei pazienti della loro psoriasi e della gravità della malattia e della qualità della vita autovalutata dai pazienti(49). I farmacisti hanno tenuto una consultazione iniziale e un appuntamento di follow-up sei settimane dopo, a quel punto tutte le misure di esito erano migliorate significativamente. Nelle interviste di follow-up di pazienti e farmacisti, entrambe le parti hanno concordato che l'intervento era di valore e i farmacisti si sono percepiti come membri importanti del team sanitario primario che si occupava di persone con psoriasi(50). Tuttavia, sono necessari ulteriori lavori per esplorare in modo più dettagliato il potenziale impatto dei consigli dei farmacisti sugli esiti della malattia nei soggetti con psoriasi.

Il riquadro 1 fornisce alcuni utili punti di consulenza che i farmacisti possono trasmettere ai pazienti con psoriasi.

Riquadro 1: punti di consulenza che i farmacisti possono trasmettere ai pazienti con psoriasi

  • Trova un emolliente o una gamma di prodotti emollienti per il lavaggio e l'idratazione che ti piacciono e che ti soddisfano, e usali ogni giorno;
  • Idrata tutto il corpo (comprese le aree della psoriasi) ogni giorno usando tratti lunghi, lisci e rilassanti (nella direzione della crescita dei capelli);
  • Porta con te una piccola quantità di crema idratante e applicala su placche asciutte e pruriginose durante il giorno;
  • Evitare di graffiare e raccogliere;
  • Lasciare circa 20-30 minuti tra i trattamenti topici emollienti e quelli della psoriasi, per aiutare l'efficacia di ciascuno;
  • Perseverare con i trattamenti topici della psoriasi per almeno un mese – la maggior parte impiega circa quattro settimane per iniziare a lavorare;
  • Ricorda che la scala scomparirà per prima e che la psoriasi potrebbe apparire rossa – questo è normale e continuando con il trattamento si avranno aree rosa, che gradualmente svaniranno al normale colore della pelle;
  • Se hai la psoriasi del cuoio capelluto, ridimensiona il cuoio capelluto prima di applicare trattamenti topici. Ricorda di separare i capelli e trattare il cuoio capelluto;
  • Elaborare una buona routine individuale – gli emollienti dovrebbero essere usati quotidianamente e i trattamenti di psoriasi solo quando le condizioni sono in fiamme;
  • Una volta che la pelle diventa piatta, i trattamenti attivi possono essere interrotti, anche se è necessario continuare con gli emollienti.

Dieta e psoriasi

I pazienti possono chiedere ai farmacisti il ​​ruolo della dieta nella psoriasi e se ci sono alimenti specifici che dovrebbero essere consumati o evitati. Esistono prove del fatto che il consumo di oli di pesce omega-3 può migliorare la gravità della malattia e che l'integrazione con vitamina D orale potrebbe aiutare, sebbene l'evidenza degli studi sia meno solida(51).

La Royal Pharmaceutical Society, nel suo rapporto “Migliorare l'assistenza alle persone con condizioni a lungo termine” , suggerisce che i farmacisti potrebbero aiutare i pazienti con condizioni a lungo termine e assistere quelli con la psoriasi offre l'opportunità di abbracciare quella visione(52). Sebbene al momento abbia una portata limitata, l'evidenza esistente offre alcune indicazioni su come i farmacisti potrebbero dare un importante contributo alla cura delle persone con psoriasi.

Informativa finanziaria e sui conflitti di interesse:

L'autore era un membro del gruppo NICE che ha sviluppato le linee guida per la psoriasi e ha ricevuto borse di ricerca e contributi per gli oratori da Leo Pharma, Mylan e Galderma. Nessuna assistenza scritta è stata utilizzata nella produzione di questo manoscritto.

Leggere questo articolo conta per il tuo CPD

È possibile utilizzare i seguenti moduli per registrare i punti di apprendimento e di azione da questo articolo di Pharmaceutical Journal Publications.

I risultati del tuo modulo CPD sono memorizzati sul tuo account qui a Il giornale farmaceutico. Per fare ciò è necessario essere registrati e accedere al sito. Per rivedere i risultati del modulo, vai alla scheda “Account personale” e quindi “Mio CPD”.

Qualsiasi attività di formazione, apprendimento o sviluppo intrapresa per lo sviluppo professionale continuo può anche essere registrata come prova come parte del portafoglio basato sulla pratica della Facoltà di RPS durante la preparazione per l'iscrizione alla Facoltà. Per iniziare oggi stesso il tuo viaggio nella Facoltà di RPS, accedi al portfolio e agli strumenti su www.rpharms.com/Faculty

Se il tuo apprendimento è stato pianificato in anticipo, fai clic su:

Se il tuo apprendimento è stato spontaneo, fai clic su: