CREMA TRATTAMENTO PSORIASI OFFERTA -50% !

Home Blog Page 211

Psorilax:Per gli studenti |crema mani e piedi secchi psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, originale

Astratto

L'assunzione giornaliera di AF del 5% di americani di età pari o superiore a 50 anni e in uno studio su donne americane psoriasiche è di circa 1 mg. Un paziente con psoriasi a placche con 10 mg di lisinopril non ha migliorato le sole vitamine B12 e B6. Quando sono stati aggiunti 5 mg di acido folico al giorno, la PASI è migliorata del 50%. Tre casi di psoriasi a placche divamparono quando somministrati 1-2 mg di acido folico (FA), 100 mg di vitamina B6 e 1000 mcg di B12 al giorno. Quando la FA giornaliera è stata aumentata da 4 a 7 mg al giorno, tutti e tre i casi hanno migliorato la loro malattia.

introduzione

L'omocisteina (Hcy) influenza l'attività dei neutrofili aumentando il rilascio di superossido, IL-8 mRNA e oncogene alfa legato alla crescita causando una riduzione dell'apoptosi dei neutrofili spontanea (1). Hcy aumenta anche la produzione intracellulare di H2O2 da parte dei neutrofili e della migrazione dei neutrofili (2,3). L'Hcy riduce la sintasi dell'ossido nitrico endoteliale causando disfunzione endoteliale (4,5). Cinque mg di acido folico settimana 1 seguiti da 1 mg per le successive 3 settimane somministrate a pazienti con Hcy plasmatica superiore a 15 umol / L riducono le chemochine da cellule mononucleate (6). Il plasma Hcy si correla direttamente e i livelli di FA inversamente con l'area della psoriasi e l'indice di gravità (PASI) (7). I livelli di acido folico nel plasma sono inversamente correlati alla PASI (8).

L'omocisteina può essere ridotta di 1 mg di acido folico 500 mcg di vitamina B12 e di un minimo di 10 mg di vitamina B6 al giorno per un periodo di 12 settimane (9). Altri studi tuttavia usano la vitamina B6 a 100 mg al giorno (10).

Uno studio passato non ha mostrato alcun beneficio nel trattamento della psoriasi con 6 settimane di FA 5 milligrammi (mg) due volte al giorno e 1-2000 microgrammi (mcg) B12 (7). Tuttavia, abbiamo pubblicato casi clinici in cui la FA (5-6 mg al giorno) con vitamine B6 (100 mg al giorno) e B12 (1000 mcg al giorno) migliora la psoriasi in due alcolisti e cancella la pustolosi plantare palmare, un disturbo geneticamente correlato ad alcune psoriasi attraverso il gene CARD14 (11,12). Le mutazioni CARD14 sono associate alla psoriasi plantare palmare attraverso l'attivazione di solito di NF-Kappa B. La CARD 14 si trova sui cheratinociti epidermici e sulle cellule cutanee (13,14). Dosi antinfiammatorie di acido folico riducono NF-kappaB (15).

Nel nostro studio in cui 12 settimane di approvazione della farmacopea degli Stati Uniti (USP) o della certificazione NSF International (16,17) di 5 mg giornalieri di FA, B6 e B12 sono state aggiunte a pazienti già in 16 settimane di adalimumab 4 su 7 soggetti hanno continuato a migliorare, ma La psoriasi di 2 pazienti su 7 è peggiorata e 1 non è cambiata. Entrambi i pazienti che sono peggiorati inizialmente hanno livelli sierici endoteliali di ossido nitrico endoteliale molto elevati (18).

Presento un paziente con psoriasi con lisinopril 10 mg al giorno che non ha risposto alle vitamine B12 e B12 ma che è stato migliorato quando è stato aggiunto acido folico. A tre pazienti affetti da psoriasi viene quindi presentato un elevato livello di omocisteina che si è infiammata con FA 1-2 mg al giorno. Questi tre successivamente sono migliorati con acido folico giornaliero 4-7 mg, più vitamina B12 1000 mcg e vitamina B6 100 mg.

Segnalazioni di casi

Caso 1

L'auto-sperimentazione può portare a interpretazioni distorte (19), ma quando il bene e il male provengono da tale esperienza, la distorsione dovrebbe essere bilanciata se non minimizzata.

Un uomo di 55 anni pesava 87 chilogrammi (kg) e aveva una malattia renale cronica di stadio 3. La sua psoriasi apparve inizialmente all'età di 23 anni. Non era stata controllata con unguento al clobetasol e crema al calcipotriene (Figura 1). L'omocisteina plasmatica a digiuno era di 15,8 micromoli per litro (umol / L) (normale 4-14umol / L). Si è ritenuto possibile ridurre l'omocisteina con almeno 0,8 mg di FA più B6 e B12 (21). Quattro settimane di USP FA 1-2 mg al giorno, 100 mg B6 più 100 mcg B12 hanno portato all'elevazione di Hcy a 16,2 e PASI 7,6, aumentando a 16,9 e PASI 11,3 tra le settimane 4 e 9 (Figura 2).

Figura 1. Paziente 1 prima di acido folico, vitamina B6 e vitamina B12.

Figura 2. Paziente 1 dopo settimana 4 acido folico 1-2 mg, B6 e B12.

In seguito fu scoperto che erano necessari cinque mg di FA per abbassare l'iperomocisteinemia nei pazienti con insufficienza renale cronica predialysis (21). La FA orale è stata aumentata da 5 a 7-8 mg con B6 100 mg, B12 1000 mcg al giorno e, per 2 settimane, il resveratrolo a 10-37,5 mg o 4 once di vino rosso di Muscadine al giorno (da allora il resveratrolo orale è stato screditato come un trattamento) (22,23). La riduzione della PASI ha raggiunto il 78% entro la settimana 10 di questo regime (Figura 3). Hcy è sceso a 13,5 umol / L.

Figura 3 Paziente 1 settimana 10 acido folico 5-8 mg FA, vitamina B6 e B12.

È andato via da vitamine, ha sofferto di infarto miocardico della parete inferiore 14 settimane dopo e poi la sindrome dell'arteria coronaria è stata riparata usando un triplo bypass coronarico.

I 3 B sono stati riavviati (FA 5 mg al giorno) per Hcy che a quel punto aveva raggiunto 18 umol / L. Sette mesi e mezzo dopo, durante l'assunzione del farmaco scolpito con 3,125 mg due volte al giorno, le fosse sono state rilevate solo all'estremità delle unghie e sono scomparse un mese dopo (Figure 4 e 5). Si è leggermente infiammato quando sono stati aggiunti 2,5 mg di lisinopril al giorno. Il controllo è stato ripreso quando la dose di acido folico è stata aumentata a 7 mg al giorno e poi mantenuta a 6 mg al giorno (Figure 6 e 7).

Figura 4 Unghie 6 ½ mesi con FA 5mg. B6 e B12.

Figura 5 Chiodi 7 mesi e mezzo su FA 5 mg, B6 e B12.

Figura 6 Dopo 1isinopril 2,5 mg su 5 mg FA, B6 e B12.

Figura 7 Dopo Lisinopril 2,5 mg su 7 mg FA, B6 e B12.

Caso 2

81 kg di 90 anni. maschio bianco con psoriasi ha una storia di melanoma maligno in situ, altri tumori della pelle e uno stent cardiaco. La sua omocisteina era leggermente elevata (12,1 umol / L). Era in trattamento con Lisinopril 10 mg al giorno. Non ha avuto risposta ai soli farmaci topici. Durante il periodo successivo di 8 settimane e ancora su 10 mg. ogni giorno Lisinopril aggiungendo 5 mg di acido folico a vitamina B12 e vitamina B6l ha portato alla settimana 3 BSA il 7,7% a scendere alla settimana 11 BSA al 4,5% con un miglioramento dello spessore e della scala della lesione (PASI 50) (Figure 8 e 9). Questa risposta non è stata notata dal paziente se non che il prurito è stato ridotto.

Figura 8. Paziente 2. Prima delle vitamine.

Figura 9 Paziente 2 su vitamine.

Caso 3

Un uomo di 40 kg di 60 anni con psoriasi era in fototerapia di mantenimento con oltre 18 trattamenti di fototerapia a banda stretta ultravioletta B (nb-UVB) e calcipotriene 0,005% -betametasone dipropionato unguento allo 0,064%. Hcy era 15,1 umol / L (normale da 4 a 14 umol / L). Il suo coinvolgimento nella superficie corporea (BSA) era dell'1,5 percento (%). Sempre su nb-UVB, gli fu detto di assumere le 3 vitamine del gruppo B, ma prese 1 mg di FA al giorno più B6 (100 mg) e B12 (1000 mcg). La sua psoriasi è divampata 10 settimane dopo (5% BSA).

Nelle successive 6 settimane con 4 mg di FA il suo BSA è migliorato del 22%.

Caso 4

Quest'uomo aveva 56 anni, pesava 104 kg ed era alto 67 pollici. Aveva una psoriasi a placche diffusa nonostante una sperimentazione di NB-UVB e poi alefacept. Alla settimana 13 di Alefacept con Hcy 17 umol / L (normale 4-14 umol / L) è stato iniziato con FA 1 mg al giorno, B6 (100 mg) e B12 (1000 mcg). Era anche su calcipotriene allo 0,005% – betametasone dipropionato allo 0,064% unguento e tacrolimus allo 0,1% unguento. Dopo 16 settimane di alefacept, la sua BSA era ancora del 15-20%. Sette settimane di pausa, ma ancora con le 3 vitamine del gruppo B, la sua BSA era del 28%.

Etanercept 50 mg due volte a settimana è stato iniziato con l'aggiunta giornaliera di FA 1 mg, B6 e B12. Quattro mesi dopo la sua psoriasi BSA era del 4,8%. Aveva bisogno di aspirina 325 mg tre volte al giorno per dolori articolari. Dieci mesi dopo aver iniziato etanercept e aspirina e ancora assumendo 50 mg una volta alla settimana e per l'anno successivo ha avuto l'1% di BSA coinvolto. Il suo peso era aumentato a 250 libbre. Sei mesi dopo il suo dolore alle articolazioni è peggiorato e la sua psoriasi è aumentata al 3% di BSA. Poco dopo ebbe una infezione respiratoria con etanercept trattenuto per 1 mese, ricominciato un mese dopo e poi trattenuto per 3 mesi. Quando etanercept è stato nuovamente avviato, è stata avviata anche l'unguento topico clobetasol. Le sue gambe e glutei avevano placche più grandi con tronco sparso e placche anche sul braccio. Il suo peso era di 247 sterline. Visto due mesi dopo, l'ibuprofene da 800 mg al giorno a due volte al giorno era stato aggiunto insieme alla colchicina da 0,6 mg per il dolore articolare ripensato come secondario alla gotta. La FA era stata aumentata a 2000 mcg al giorno. La BSA era aumentata al 9% di BSA. Tre settimane dopo, mentre l'ibuprofene e la colchicina continuavano, la sua FA veniva aumentata a 5 mg al giorno. Venti settimane dopo la sua psoriasi era quasi scomparsa (BSA 0,1%) (Figura 10).

Figura 10 Paziente 4 BSA su alefacept e poi su etanercept.

Commento

Le cellule T regolatorie (TReg) che esprimono il fattore di trascrizione forkhead box P3 (Foxp3 + cellule) sono naturalmente presenti nel sistema immunitario. Sono indispensabili per il mantenimento dell'autotolleranza dominante e dell'omeostasi immunitaria (24). Le celle T della memoria centrale CD4 + possono differenziarsi in cellule T Foxp3 + (25). I recettori dei folati si trovano sulle cellule T della memoria nella psoriasi (26). Pertanto, l'acido folico può promuovere l'attività del proprio metodo di controllo dell'infiammazione eccessiva.

In uno studio la FA è stata incubata su cellule endoteliali in 0,5 e in 5 umoli. Il rapporto dimero ossido nitrico sintasi endoteliale rispetto al rapporto monomero è aumentato da 1,5 a 1 nei controlli, da circa 1,7 a uno con 0,5 umol FA e da circa 2,25 a uno con 5 umol (27). In questo stesso articolo è stato riportato un rapporto su ottantaquattro pazienti con malattia coronarica che hanno ricevuto 400 mcg o 5 mg di acido folico al giorno per un periodo di trattamento di 6 settimane. Sia 400 mcg / die che 5 mg / die di FA aumentano significativamente il folato plasmatico e diminuiscono l'Hcy plasmatica 5 mg / die – ma non 400 mcg / die di acido folico migliora la funzione delle cellule dei vasi sanguigni nei pazienti con malattia coronarica misurata mediante dilatazione mediata dal flusso (27 . Pertanto, i rapporti eNOS da dimeri (coniugati) a monomerici più elevati hanno proprietà antinfiammatorie non osservate con acido folico inferiore.

In un precedente studio condotto da altri (10), nel Regno Unito è stata eseguita la mancata somministrazione di FA ad alta dose (10 mg al giorno) più 1-2000 mcg settimanali di influenza sulla psoriasi (10). Lì, il dosaggio di FA è stato trovato spesso inaccurato, per lo più troppo basso (28). Tuttavia, abbiamo anche usato la vitamina B6. L'ossido nitrico sintasi inducibile (iNOS) è un locus di suscettibilità alla psoriasi (29).

La pelle con psoriasi cancellata da Etanercept ha l'87% in meno di iNOS (30) La vitamina B6 supplementare abbassa anche iNOS (31). L'espressione dell'RNA Messenger di iNOS è aumentata nella psoriasi (32). I modelli di psoriasi mostrano una maggiore produzione vascolare di perossinitrite accompagnata da una maggiore espressione dell'iNOS e della nicotinamide dinucleotide fosfato (NADPH) ossidasi (33). Il perossinitrito ossida il cofattore NOS essenziale (6R-5,6,7,8-tetraidrobiopterina (BH4). Di conseguenza, la riduzione dell'ossigeno si disaccoppia dalla sintesi NO, trasformando il NOS in un enzima superossido ossido proinfiammatorio (34). L'integrazione BH4 converte il NOS endoteliale (eNOS) torna alla produzione di NO antinfiammatorio (34).

Relativamente ai casi di cui sopra, la dose elevata di FA può migliorare il riciclo di BH4 a causa del ripristino dell'espressione del didrofolato reduttasi (35). La dose elevata di FA aiuta anche a disattivare i radicali derivati ​​dal perossinitrito (36,37).

Uno o due mg di acido folico al giorno sembrano essere pro-infiammatori per la psoriasi. Con una possibile perdita media dei livelli di folati fino al 27% mentre il paziente 3 era in terapia con nb-UVB in 18 trattamenti (38), la psoriasi di questo paziente si infiammava con 1 mg di acido folico al giorno ma si schiariva leggermente quando veniva somministrata 4 mg al giorno.

Le indennità giornaliere raccomandate per il folato negli adulti sono 400 mg di DFE equivalenti di folati nella dieta per uomini e donne adulti a meno che la donna non stia allattando (quando è DFE 500 mg) o incinta (DFE 600 mg). Gli americani di età pari o superiore a 50 anni hanno inutilmente il più alto apporto totale di folati. Il cinque percento di questa popolazione ha un consumo superiore all'UL di 1.000 mcg al giorno. Ciò è dovuto principalmente all'acido folico contenuto negli integratori alimentari (40). Mille mcg al giorno sono considerati eccessivi perché alcuni ma non tutta la letteratura suggerisce che l'acido folico ad alte dosi aumenta il rischio di cancro al colon e alla prostata (39). Tuttavia, uno studio recente suggerisce che 600 mg al giorno di acido folico riducono i biomarcatori del DNA del cancro adiacenti ai siti del polipo del colon (40). Dopo un aggiustamento multivariato, uno studio recentemente pubblicato su infermiere statunitensi ha mostrato un aumento non statisticamente significativo del rischio di psoriasi per il sottogruppo con un basso consumo di folato equivalente (DFE) tra coloro che bevono oltre 5 birre non leggere a settimana rispetto al gruppo DFE alto in questo studio. L'assunzione mediana è stata di 976 ug in questo studio dal 1991-2002 e di 1000 ug nel periodo 2003-2006 (41). Entrambi i gruppi includono tuttavia DFE alla dose giornaliera compresa tra 1000 e 2000 ug in cui il folato nei nostri casi sembra svasare la psoriasi.

Il fattore di crescita endoteliale vascolare (VEGF) è elevato nei modelli di psoriasi (42). Si pensa che i pazienti con psoriasi grave e quelli con insorgenza di psoriasi di età compresa tra 20 e 40 anni abbiano livelli plasmatici elevati di VEGF, alleli VEGF e recettori VEGF (42). Nel nostro studio in cui 5 mg di FA, 100 mg di B6 e 1000 mcg di B12 al giorno sono stati aggiunti ad adalimumab per 16 settimane (18), l'Adalimumab da solo ha indotto tutti i pazienti dello studio a ridurre il loro VEGF. L'aggiunta delle vitamine del gruppo B ha causato un lieve aumento del VEGF. Due dei tre pazienti con VEGF basale elevato (147 e 259 pg / ml) e con BMI di 23 e 24,9 (e quindi meno leptina per stabilizzare le attività antinfiammatorie di eNOS accoppiato) hanno infiammato la loro psoriasi quando 5 mg di FA, B6 e Sono stati aggiunti B12. Uno di questi pazienti ha anche sviluppato anticorpi anti-H. pylori che potrebbero aver impedito la piena ingestione delle vitamine del gruppo B, inducendo il dosaggio a promuovere eNOS disaccoppiato (43). Un paziente in questo stesso studio ha avuto il suo aumento di Hcy durante l'assunzione di vitamine del gruppo B e nonostante il suo alto VEGF iniziale, la sua psoriasi ha continuato a migliorare con adalimumab (12). Hcy in vitro riduce l'espressione di VEGF-A e VEGFR (44). Ridurre l'Hcy con 1-2 mg di FA al giorno può anche aver promosso la psoriasi consentendo all'effetto VEGF di aumentare nei pazienti 1 e 3.

Il paziente 3 è migliorato del 22% con 4 mg di FA, B6 e B12. La dose di 4 mg abbassata ulteriormente dall'NB-UVB sembra una dose troppo bassa per un notevole miglioramento nonostante l'NB-UVB riduca anche il suo VEGF (45). Da quando aveva 40 anni quando si infiammò e il suo indice di massa corporea era basso, il rischio di avere un VEGF elevato era alto (43), probabilmente rendendolo un candidato più povero per gli effetti di una dose elevata di AF.

L'attività dei neutrofili è stata aumentata dall'aumento dell'Hcy nel paziente 1 quando è stata somministrata una FA bassa. Quando è stato aggiunto lisinopril, l'effetto VEGF potrebbe aver riaffermato i suoi effetti.

La PASI del paziente 2 ha superato solo il 50%. Stava assumendo 10 mg di lisinopril al giorno; Il paziente 1 è divampato quando sono stati aggiunti 2,5 mg di lisinopril al giorno essendo già su dose ridotta di Carvedilolo, ma è migliorato di nuovo quando l'acido folico è stato aumentato da 5 a 7 mg al giorno. Il paziente 4 è divampato quando è stato aggiunto ibuprofene nonostante fosse su etanercept. Il paziente 4 è stato quasi eliminato con etanercept quando 1 mg di FA è stato aumentato a 5 mg di FA senza interrompere l'ibuprofene. L'ibuprofene e i beta-bloccanti di terza generazione come carvedilolo preservano o promuovono la NOS o il VEGF o entrambi (46-48). Teoricamente, a seconda del tipo di NOS preservato, questi farmaci potrebbero migliorare o peggiorare la psoriasi. L'omocisteina è ridotta dagli ACE-inibitori e dai beta-bloccanti che da soli dovrebbero migliorare la psoriasi (49). Uno studio caso-controllo non ha associato l'uso del beta-bloccante con il flare della psoriasi (501). Tuttavia, uno studio caso-controllo ha tuttavia associato i chiarori della psoriasi all'ACE-inibitore e all'ingestione di farmaci antinfiammatori non steroidei (51). Come gli ACE-inibitori non sono noti per la psoriasi bagliore sconosciuto Wilkin et al., seguito da Coulter ha suggerito che gli ACE-inibitori non solo inibiscono la produzione di angiotensina II, ma inibiscono anche il catabolismo della chinina. Pertanto, gli ACE-inibitori potenziano l'attività delle chinine e quindi possono causare esacerbazione dei disturbi della pelle associati alla chinina (52). Forse rilevante per il caso 4 è che almeno nei topi, dosi di ibuprofene di 1,0 mg / kg o più aumentano i livelli di VEGF (53).

Rilevanti casi futuri sarebbero i tentativi di trattare i pazienti con deficit e mutazioni della metiltetraidrofolato reduttasi. La conversione dell'omocisteina in un altro amminoacido metionina richiede metilenetetraidrofolato reduttasi. Questo enzima converte una molecola chiamata 5,10-methylenetetrahydrofolate in una molecola chiamata 5-methyltetrahydrofolate (54).

I pazienti con grave carenza di MTHFR hanno elevato omocisteina e bassa metionina nel sangue e preimpostati in modo variabile nell'infanzia o in età avanzata con anomalie neurologiche e vascolari. Una carenza MTHFR più lieve, associata a un enzima termolabile, può aumentare la suscettibilità alle malattie cardiovascolari e ai difetti del tubo neurale (55).

La metiltetraidrofolato reduttasi ha due mutazioni comuni. Ad esempio, l'incidenza delle mutazioni MTHFR 677T è compresa tra il 10 e il 36% della popolazione (56). I pazienti con mutazione 677C o 677T mostrano comunemente elevata Hcy totale e basso folato plasmatico. Un'alta dose orale di acido folico può tra il 23% e il 40% dei pazienti, a seconda del genotipo specifico, ridurre la tHcy (57). Ulteriori cause di ridotto metabolismo dell'omocisteina sono le mutazioni MTHFR A1298C (58). L'omocisteina è elevata negli alcolisti. Una moderata assunzione di alcol e una bassa attività di MTHFR e il genotipo MTHFR677 (ma non il genotipo MTHFR1298) hanno effetti avversi su tHcy, ma tali effetti possono essere superati dall'assunzione di folati sufficiente (59,60). L'acido folico ad alte dosi sembra essere un trattamento per almeno alcuni pazienti che necessitano di acido folico che hanno mutazioni MTHFR (61,62).

conclusioni

La dose giornaliera di 1-2 mg può infiammare la psoriasi. Questa daina è comune nella popolazione degli Stati Uniti oltre i 50 anni e nella popolazione della psoriasi.

Quattro o più mg giornalieri di FA sembrano migliorare in modo variabile la psoriasi in questi stessi pazienti. La riduzione o l'interruzione di FA 4-8 mg al giorno può mettere a rischio un paziente per eventi di comorbidità a causa del passaggio attraverso i livelli di FA che promuovono effetti collaterali pro-infiammatori. La sicurezza di interrompere e la sicurezza di continuare questa terapia richiede studio.

Ringraziamenti

L'autore è investigatore in uno studio citato nel manoscritto finanziato da Abbott e ABBVIE (Aronson PJ, Swearingen J, Malick F, Mehregan DA e Mehregan DM. L'acido folico ad alte dosi, più le vitamine B6 e B12 aggiunte ad Adalimumab possono peggiorare la psoriasi in pazienti con basso indice di massa corporea e in altri può causare effetti di elettrocardiogramma imprevisti J Dermatolog Clin Res.2015 3 gennaio 2015 (10): 1039 http://www.jscimedcentral.com/Dermatology/) e parte di un caso faceva parte del Osservare lo studio -5 di Amgen su etanercept di cui abbiamo ricevuto l'autorizzazione a riferire separatamente.

Riferimenti

  1. Glynn PC, Henney E, Hall IP (2002) L'antagonista selettivo CXCR @ SB272844 blocca l'interleuchina-8 e l'inibizione mediata da oncogene-alfa correlata alla crescita dell'apoptosi neutrofila spontanea. Pulm Pharmacol Ther 15: 103-110. (Crossref)
  2. Ubagai T, Tansho S, Ito T, Ono Y (2008) Influenze dell'aflatossina B (1) sulla generazione di specie reattive dell'ossigeno e chemiotassi dei leucociti polimorfonucleati umani. Toxicol In Vitro 22: 1115-11120. (Crossref)
  3. Fuhler GM, Knol GJ, Drayer AL, Vellenga E (2005) La fosforilazione di interleuchina-8 e GROalpha indotta compromessa della chinasi regolata dal segnale extracellulare determina una riduzione della migrazione dei neutrofili dai pazienti con mielodisplasia. J Leukoc Biol 77: 7. (Crossref)
  4. Bechara C, Wang X, Chai H, Lin PH, Yao Q, et al. (2007) L'oncogene-alfa correlato alla crescita induce disfunzione endoteliale attraverso stress ossidativo e downregulation di eNOS nelle arterie coronarie suine. Am J Physiol Heart Circ Physiol 293: H3088-H3095. (Crossref)
  5. Alvarez-Maqueda M, El Bekay R, Monteseirín J, Alba G, Chacón P, et al. (2004) L'aterosclerosi L'omocisteina migliora il rilascio di anione superossido e l'assemblaggio di NADPH ossidasi da parte dei neutrofili umani. Effetti sull'attivazione del MAPK e sulla migrazione dei neutrofili. Aterosclerosi 172: 229-386. (Crossref)
  6. Holven KB, Aukrust P, Holm T, Ose L, Nenseter MS (2002) Il trattamento con acido folico riduce il rilascio di chemochine da cellule mononucleate del sangue periferico in soggetti iperomocisteinemici. Arterioscler Thromb Vasc Biol 22: 699-703. (Crossref)
  7. Malherba M, Gisondi P, Radaeli A, Sala R, Calzavara Pinton PG, et al. (2006) Omocisteina plasmatica e livelli di folati nei pazienti con psoriasi a placche cronica. Br J Dermatol 155: 1165-1169. (Crossref)
  8. Cakmak SK1, Gül U, Kiliç C, Gönül M, Soylu S, et al. (2009) Omocisteina, vitamina B12 e livelli di acido folico nei pazienti con psoriasi. J Eur Acad Dermatol Venereol 23: 300-303. (Crossref)
  9. Ubbink JB, van der Merwe A, Vermaak WJ, Delport R (1993) Iperomocisteinemia e la risposta alla supplementazione vitaminica. Clin Investig 71: 993-998. (Crossref)
  10. Dawson TA, Scott KW, Merrett JD (1978) Prova della terapia con acido folico nella psoriasi. Ulster Med J 47: 100-101. (Crossref)
  11. Aronson PJ, Malick F (2010) Verso un trattamento razionale della psoriasi grave negli alcolisti: rapporto di due casi. J Drugs Dermatol 9: 405-408. (Crossref)
  12. Aronson PJ, Zhang J (2016) Pustolosi plantare palmare che risponde all'acido folico ad alte dosi più vitamine B6 e B12. Rep. Caso JAAD 2: 19-21. (Crossref)
  13. Feng D1, Zhou Y, Xia M, Ma J (2011) L'acido folico inibisce la risposta infiammatoria indotta dai lipopolisaccaridi nei macrofagi RAW264.7 sopprimendo l'attivazione di MAPK e NF-B. Inflamm Res 60: 817-822. (Crossref)
  14. Mössner R, Frambach Y, Wilsmann-Theis D, Löhr S, Jacobi A, et al. (2015) La psoriasi pustolosa palmoplantare è associata a varianti missenso in CARD14, ma non con mutazioni di perdita di funzione in IL36RN in pazienti europei. J Invest Dermatol 135: 2538-2541. (Crossref)
  15. Jordan CT, Cao L, Roberson ED, Duan S, Helms CA, et al. (2012) Varianti rare e comuni in CARD14, che codificano un regolatore epidermico di NF-kappa B, nella psoriasi. Am J Hum Genetics 90: 796-808. (Crossref)
  16. http://www.nist.gov/standardsgov/upload/USP.pdf (consultato il 3/12/2016)
  17. http://www.nsf.org/about-nsf/nsf-mark (consultato il 24 aprile 2016)
  18. Aronson PJ, Swearingen J, Malick F, Mehregan DA, Mehregan DM (2015) L'acido folico ad alte dosi, oltre alle vitamine B6 e B12 aggiunte ad Adalimumab possono peggiorare la psoriasi in pazienti con basso indice di massa corporea e in altri possono causare effetti di ECG imprevisti. J Dermatolog Clin Res 3: 1039.
  19. www.news.harvard.edu/gazette/2004/04.29/11-selfexperiment.html (consultato il 3/12/2016).
  20. Clarke R, Lewington S, Sherliker P, Armitage J (2007) Effetti delle vitamine del gruppo B sulle concentrazioni plasmatiche di omocisteina e sul rischio di malattie cardiovascolari e demenza. Curr Opinioni Clin Nutr Metab Care 10: 32-39.
  21. Thambyrajah J, Landray MJ, McGlynn FJ, Jones HJ, Wheeler DC, et al. (2000) L'acido folico riduce l'omocisteina plasmatica e migliora la funzione endoteliale nei pazienti con insufficienza renale predialysis? Circolazione 102: 871-875. (Crossref)
  22. Schroecksnadel K, Winkler C, Wirleitner B, Schennach H, Weiss G, et al. (2005) Il resveratrolo composto antinfiammatorio sopprime la formazione di omocisteina in cellule mononucleate di sangue periferico umano stimolato in vitro. Clin Chem Lab Med 43: 1084-1088. (Crossref)
  23. Farris P, Krutmann J, Li YH, McDaniel D, Krol Y (2013) Resveratrolo: un antiossidante unico che offre un approccio multi-meccanicistico per il trattamento dell'invecchiamento della pelle. J Drugs Dermatol 12: 1389-1394. (Crossref)
  24. Sakaguchi S, Miyara M, Costantino CM, David A. Hafler DA (2010) FOXP3 + cellule T regolatorie nel sistema immunitario umano. Nat Rev Immunol 10: 490-500. (Crossref)
  25. Zhang X, Li XC, Xiao X, Sun R, Tian Z, et al. (2013) Le celle T della memoria centrale CD4 + CD62L + possono essere convertite in celle T Foxp3 +. PLoS One 8: e77322. (Crossref)
  26. Walker LS1 (2007) Cellule T regolatorie: recettore dei folati 4: una nuova impugnatura su regolazione e memoria? Immunol Cell Biol 85: 506-507. (Crossref)
  27. Fossato SJ1, Madhavan A, Taylor SY, Payne N, Allen RH, et al. (2006) L'acido folico ad alta ma non bassa dose migliora la funzione endoteliale nella malattia coronarica. Eur J Clin Invest 36: 850-859. (Crossref)
  28. Sculthorpe NF, Davies B, Ashton T, Allison S, McGuire DN, et al. (2001) Integratori di acido folico disponibili in commercio e loro conformità con il test di farmacopea britannica per lo scioglimento. J Public Health Med 23: 195-197. (Crossref)
  29. Suarez-Farinas M, Fuentes-Duculan J, Lowes MA, Krueger JG (2011) Le lesioni della psoriasi risolte mantengono l'espressione di un sottoinsieme di geni correlati alla malattia. J Invest Dermatol 131: 391-400. (Crossref)
  30. Stuart PE, Nair RP, Ellinghaus E, Ding J, Tejasvi T, et al. (2010) L'analisi dell'associazione a livello del genoma identifica tre loci di suscettibilità alla psoriasi. Nat Genet 42: 1000-1004. (Crossref)
  31. Komatsu S1, Yanaka N, Matsubara K, Kato N (2003) Effetto antitumorale della vitamina B6 e dei suoi meccanismi. Biochim Biophys Acta 1647: 127-130. (Crossref)
  32. Sirsjö A, Karlsson M, Gidlöf A, Rollman O, Törmä H (1996) Aumento dell'espressione dell'inducibile ossido nitrico sintasi nella pelle psoriasica e nei cheratinociti coltivati ​​stimolati dalle citochine. Br J Dermatol 134: 643-648. (Crossref)
  33. Karbach S, Croxford AL, Oelze M, et al. (2014) L'interleuchina 17 guida l'infiammazione vascolare, la disfunzione endoteliale e l'ipertensione arteriosa nella malattia della pelle simile alla psoriasi. Arterioscler Thromb Vasc Biol 34: 2658-2668. (Crossref)
  34. Schmidt TS, Alp NJ (2007) Meccanismi per il ruolo della tetraidrobiopterina nella funzione endoteliale e nelle malattie vascolari. Clin Sci (Lond) 113: 47-63. (Crossref)
  35. Förstermann U (2006) Ruolo affrontato da Janus della sintasi endoteliale NO nelle malattie vascolari: disaccoppiamento della riduzione dell'ossigeno dalla sintesi di NO e sua inversione farmacologica. Biol Chem 387: 1521-1533. (Crossref)
  36. Chalupsky K, Kracun D, ​​Kanchev I, Bertram K, Görlach A (2015) L'acido folico promuove il riciclaggio della tetraidrobiopterina e protegge dall'ipertensione polmonare indotta dall'ipossia attraverso il ricostituzione della sintesi dell'ossido nitrico endoteliale. Segnale redox antiossidante 23: 1076-1091. (Crossref)
  37. McCarty MF, Barroso-Aranda J, Contreras F (2009) I folati ad alto dosaggio e le purine dietetiche promuovono l'eliminazione del potenziale clinico dei radicali derivati ​​dal perossinitrite nei disturbi infiammatori. Ipotesi Med 73: 824-834. (Crossref)
  38. El-Saie LT1, Rabie AR, Kamel MI, Seddeik AK, Elsaie ML (2011) Effetto della fototerapia a banda stretta ultravioletta B sui livelli sierici di acido folico in pazienti con psoriasi. Lasers Med Sci 26: 481-485. (Crossref)
  39. https://ods.od.nih.gov/factsheets/Folate-HealthProfessional/ (consultato il 24 maggio 2017)
  40. O'Reilly SL, McGlynn AP, McNulty H, Reynolds J, Wasson GR, et al. (2016) Supplemento di acido folico in pazienti postpolipectomici in una sperimentazione controllata randomizzata aumenta le concentrazioni di folati tissutali e riduce i biomarcatori di DNA aberrante nei tessuti del colon adiacente al precedente sito di polipo. J Nutr 146: 933-939. (Crossref)
  41. Qureshi AA1, Dominguez PL, Choi HK, Han J, Curhan G (2010) Assunzione di alcol e rischio di psoriasi incidente nelle donne statunitensi: uno studio prospettico. Arch Dermatol 146: 1364-1369. (Crossref)
  42. Canavese M, Altruda F, Ruzicka T, Schauber J (2010) Fattore di crescita endoteliale vascolare (VEGF) nella patogenesi della psoriasi – un possibile bersaglio per nuove terapie? J Dermatol Sci 58: 171-176. (Crossref)
  43. Young HS, Summers AM, Bhushan M, Brenchley PE, Griffiths CE (2004) Polimorfismi a singolo nucleotide del fattore di crescita endoteliale vascolare nella psoriasi a esordio precoce. J Invest Dermatol 122: 209-215. (Crossref)
  44. Chen HQ, Li X, Tang R (2015) Effetti dell'ultravioletto B a banda stretta sui livelli sierici di fattore di crescita endoteliale vascolare e interleuchina-8 in pazienti con psoriasi. Am J Ther 23: e655-e662. (Crossref)
  45. Zhang Q, Li Q, Chen Y, Huang X, Yang IH, et al. (2012) L'angiogenesi compromessa dall'omocisteina è associata all'inibizione di VEGF / VEGFR. Front Biosci (Elite Ed) 4: 2525-2535. (Crossref)
  46. de Boer RA, Siebelink HJ, Tio RA, Boomsma F, van Veldhuisen DJ (2001) Carvedilol aumenta il fattore di crescita endoteliale vascolare plasmatica (VEGF) in pazienti con insufficienza cardiaca cronica. Eur J Heart Fail 3: 331-333. (Crossref)
  47. Vanhoutte PM1, Gao Y (2013) Beta bloccanti, ossido nitrico e malattie cardiovascolari. Curr Opin Pharmacol 13: 265-273. (Crossref)
  48. Li W, Xu RJ, Lin ZY, Zhuo GC, Zhang HH (2009) Effetti di un inibitore selettivo della cicloossigenasi-1 in un modello murino di carcinoma ovarico, somministrato da solo o in combinazione con ibuprofene, un inibitore non selettivo della cicloossigenasi. Med Oncol 26: 170-177. (Crossref)
  49. Poduri A, Kaur J, Thakur JS, Kumari S, Jain S, et al. (2008) Effetto di ACE-inibitori e beta-bloccanti sui livelli di omocisteina nell'ipertensione essenziale. J Hum Hypertens 22: 289–294. (Crossref)
  50. Brauchli YB, Jick SS, Curtin F, Meier CR (2008) Associazione tra beta-bloccanti, altri farmaci antiipertensivi e psoriasi: studio caso-controllo basato sulla popolazione. The Br J Dermatol 158: 1299-1300. (Crossref)
  51. Cohen AD, Bonneh DY, Reuveni H, Vardy DA, Naggan L, et al. (2005) Esposizione ai farmaci e psoriasi vulgaris: studi caso-controllo e caso-crossover. Acta Derm Venereol 85: 299-303. (Crossref)
  52. www.lareb.nl/Signalen/Signals_2015_ACE_inhibitors_psoriasis.aspx (consultato a maggio 28,2017).
  53. Beharry KD1, Modanlou HD, Hasan J, Gharraee Z, Abad-Santos P, et al. (2006) Effetti comparativi dell'ibuprofene postnatale precoce e dell'indometacina su VEGF, IGF-I e GH durante lo sviluppo oculare del ratto. Invest Ophthalmol Vis Sci 47: 3036-3043. (Crossref)
  54. https://ghr.nlm.nih.gov/gene/MTHFR (accesso 21 maggio 2017).
  55. Goyette P1, Christensen B, Rosenblatt DS, Rozen R (1996) Mutazioni gravi e lievi in ​​cis per il gene metilenetetraidrofolato reduttasi (MTHFR) e descrizione di cinque nuove mutazioni in MTHFR. Am J Hum Genet 59: 1268-1275. (Crossref)
  56. Isotalo PA, Wells GA, Donnelly JG (2000) Polimorfismi genetici metilenetetraidrofolato reduttasi neonatale e fetale: un esame delle mutazioni C677T e A1298C. Am J Hum Genet 67: 986-990. (Crossref)
  57. Il polimorfismo del metilenetetraidrofolato reduttasi di Liu CS, Chiang HC, Chen HW (2004) determina l'effetto di riduzione dell'omocisteina nel plasma dell'integrazione di acido folico ad alte dosi in pazienti con malattie cardiovascolari. Nutrizione 20: 974-978. (Crossref)
  58. Pawlak AL, Strauss E (2001) Polimorfismo del gene metilenetetraidrofolato reduttasi (MTHFR) e incidenza di malattie correlate all'iperomocisteinemia. Postepy Hig Med Dosw 55: 233-256. (Crossref)
  59. Chiuve SE, Giovannucci EL, Hankinson SE, Hunter DJ, Stampfer MJ, et al. (2005) L'assunzione di alcol e il polimorfismo della metilenetetraidrofolato reduttasi modificano la relazione tra assunzione di folati e omocisteina plasmatica. Am J Clin Nutr 82: 155-162. (Crossref)
  60. http://pubs.niaaa.nih.gov/publications/arcr351/25-35.htm (consultato il 25 luglio 2016)
  61. Lynn B. Bailey LR, Gregory JFIII (1999) Polimorfismi del metilenetetraidrofolato reduttasi e altri enzimi: significato metabolico, rischi e impatto sul requisito dei folati. J Nutr 129: 919-922. (Crossref)
  62. Weisberg I, Pamela Tran P, Christensen B, Sibani S, Rima Rozen (1998) Secondo polimorfismo genetico nel metilenetetraidrofolato reduttasi (MTHFR) associato ad una ridotta attività enzimatica. Metabolismo. Mol Genet Metab 64: 169-172. (Crossref)

Psorilax:Trova |crema calendula psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, composizione

Un ragazzo di 14 anni è morto dopo essersi ammalato di coronavirus in Portogallo.

La morte dell'adolescente segue quella di una studentessa francese di 16 anni che è stata descritta venerdì come la più giovane vittima per il coronavirus in Europa dopo essere morta in un ospedale di Parigi.

Il giovane portoghese di Ovar, a mezz'ora di macchina a sud di Porto, ha perso la sua battaglia per la vita nelle prime ore di questa mattina dopo essere stato ricoverato all'ospedale Sao Sebastiao nella vicina Santa Maria da Feira.

Si dice che i medici abbiano deciso di non trasferirlo in un ospedale con un'unità pediatrica di pronto soccorso a Porto, la seconda città più grande del Portogallo, a causa della gravità delle sue condizioni.



L'adolescente è morta all'ospedale Sao Sebastiao di Santa Maria da Feira

Rapporti locali hanno detto che soffriva di psoriasi, una malattia della pelle che può influenzare il sistema immunitario.

È stato confermato come la persona più giovane del Portogallo affetta da coronavirus a morire finora.

La ragazza descritta all'inizio di questa settimana come la più giovane vittima del coronavirus d'Europa, di nome Julie Alliot, è stata portata d'urgenza dal suo medico locale a Longjumeau, a sud di Parigi, martedì prima di essere trasferita all'ospedale Necker nella capitale francese.

È morta il giorno seguente.

Sua sorella Manon le ha reso omaggio dopo che la notizia della sua morte è diventata pubblica, dicendo che era “brillante e molto amata” e “amava ballare, cantare e far ridere la gente”.



Il ragazzo di 14 anni si è ammalato in Portogallo

Il numero di morti per coronavirus in Portogallo è stato di 119 oggi all'ora di pranzo.

Quasi 6.000 sono stati infettati dal virus e altri 5.500 erano in attesa dei risultati dei test secondo i dati del Ministero della Salute.

Oggi è emerso che un uomo britannico è morto in Algarve dopo essersi ammalato di coronavirus.

L'OAP, che era sulla settantina, ha perso la sua lotta per la vita di due settimane ieri / sabato al Faro Hospital.

Viveva a Benagil, una zona balneare vicino a Lagoa, nota per la sua spettacolare grotta.

Il sindaco di Lagoa Luis Encarnacao ha confermato la morte, la seconda della città dall'inizio della crisi del coronavirus.

Il primo era un insegnante di 60 anni che viveva a Carvoeiro ed è stato chiamato Manuel Magalhaes.

Il signor Encarnacao ha detto di aver parlato alle famiglie di entrambi gli uomini per porgere loro le sue condoglianze.

L'espatriato britannico non è stato nominato.

Psorilax:Come si può |crema just alla calendula per psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, ingredienti

Psoriasi psoriasi e sistema immunitario

Una delle scoperte più importanti sulla psoriasi è che è più di una semplice malattia della pelle; è un
disturbo infiammatorio cronico del sistema immunitario,
noto come condizione autoimmune. Questo sistema
include un tipo di globuli bianchi, chiamato cellula T, che normalmente aiuta a proteggere il corpo da infezioni e malattie.
Gli scienziati ora pensano che, nella psoriasi, un sistema immunitario anormale causi attività da parte delle cellule T nella pelle.

Queste cellule T attivano il
 infiammazione ed eccessiva riproduzione delle cellule della pelle osservate nelle persone con psoriasi. Si crede che
 devi avere una tendenza genetica ad essere sensibile alla condizione. Ma
una volta che il tuo sistema immunitario viene attivato, invia un falso allarme alle cellule della pelle, dicendo loro che sono state danneggiate. La pelle
le cellule reagiscono tentando di riparare questo “danno”. Iniziano a riprodursi a una velocità accelerata (il processo
ci vogliono circa 26 giorni
la pelle normale ora si presenta in circa 5), ​​salendo alla superficie della pelle,
morire e costruire lassù. La superficie della pelle si ispessisce. Come sangue
i vasi si espandono e più sangue scorre sulla pelle, diventa rosso.
Il risultato sono le chiazze rosse traballanti che conosci come placche. Perché
la psoriasi è una condizione del sistema immunitario, hanno i ricercatori
rivolto gli sforzi verso medicinali che colpiscono direttamente il sistema immunitario.

La psoriasi causa disabilità che equivale ad altre principali malattie mediche

Il confronto della psoriasi con altri medici cronici debilitanti
e le condizioni psichiatriche suggeriscono che, sebbene non in pericolo di vita,
la psoriasi può gravemente minacciare la qualità della vita. Si è classificato anche
più dannoso per la qualità della vita rispetto persino all'angina o all'ipertensione.
Dai risultati di questo studio, sembra che la psoriasi possa essere
debilitante fisicamente ed emotivamente e non è semplicemente un fastidio cosmetico.

La psoriasi interferisce con le funzioni quotidiane, genera psicologia
angoscia e interruzione delle relazioni sociali. I risultati del
lo studio ha confermato ciò che i malati di psoriasi sanno da tempo: la psoriasi
può causare la stessa disabilità di altre principali malattie mediche.

La qualità della vita correlata alla salute (HRQL) è una valutazione del
influenze sullo stato di salute attuale del paziente e sulla sua capacità
raggiungere e mantenere un livello di funzionamento globale che lo consenta
loro per perseguire importanti obiettivi di vita. HRQL valuta otto domini
dello stato di salute: funzionamento fisico, funzionamento relativo al ruolo
allo stato fisico, dolore fisico, salute generale, vitalità, sociale
funzionamento, funzionamento del ruolo correlato allo stato emotivo e mentale
Salute.


Opportunità di lavoro della casa base

I pazienti con psoriasi hanno riportato una riduzione del funzionamento fisico
e funzionamento mentale paragonabile a quello osservato in cancro, artrite,
ipertensione, malattie cardiache, diabete e depressione. Alcuni aspetti
strettamente associato con un impatto negativo sulla dimensione fisica
di HRQL includono sensazioni di bruciore, dolori articolari e come le ossa / articolazioni
Guarda. La “caduta delle scale” era predittiva di un funzionamento fisico superiore,
indicando che i pazienti che segnalano un migliore funzionamento fisico
tendono a essere infastiditi maggiormente dalle scale che cadono.

Divisore di pagina

Approccio senza droga alla psoriasi curativa

Dr. Mercola – “Siamo in grado di risolvere ben oltre il 90% del tutto cronico
malattie con terapie naturali semplici ed economiche. Seguendo il
piano alimentare e ridurre radicalmente l'assunzione di cereali e zucchero mentre
ottimizzazione del rapporto grassi omega 6: 3
ridurrà probabilmente oltre il 50% dei problemi di salute americani attualmente
Esperienza. So che questo è vero perché ho trattato con successo
molte migliaia di pazienti provenienti da tutto il paese con questi
tecniche. “Steroidi (cortisone) – Cortisone
creme, pomate e lozioni comunemente prescritti per le malattie della pelle
può cancellare temporaneamente la pelle e controllare la condizione in molti
pazienti. Gli effetti collaterali degli steroidi includono l'assottigliamento della pelle,
vasi sanguigni dilatati, ecchimosi e alterazioni del colore della pelle. sosta
questi farmaci improvvisamente possono provocare una riacutizzazione della malattia.
Dopo molti mesi di trattamento, la psoriasi può diventare resistente
ai preparati steroidi.

Psoriasi curativa
La psoriasi curativa è un rapporto completo che delinea
Il regime di psoriasi del dottor Pagano e racconta i risultati dei suoi pazienti
ottenuto utilizzando le sue procedure naturali libere dalla droga,
senza bagni di catrame, iniezioni o trattamenti ultravioletti. Il 300
le ricette del ricettario seguono i principi del regime.

La dieta Pagano, come descritto nel libro Healing Psoriasis del chiropratico John Pagano, utilizza il
idea di ripristinare una buona pista digestiva per risolvere il problema
di psoriasi. L'implicazione è che l'accumulo di tossicità
porta la psoriasica ad espellere le tossine attraverso sistemi secondari, vale a dire
la pelle.
Pagano suggerisce un regime di tisane, digiuno di mele,
aggiustamenti spinali, coliche e un rapporto dietetico suggerito dell'80%
frutta e verdura al 20% di amidi e proteine. Mentre alcuni hanno
ha trovato il regime un po '”estremo” o “impraticabile”, lo fa Pagano
fornire informazioni eccellenti su molti “cibi flare” e offre a
numero di foto e testimonianze, suggerendo che alcune delle sue
le raccomandazioni possono essere piuttosto preziose.

“Anche il libro Healing Psoriasis percepisce la psoriasi
come eczema, come se avesse origine nel tratto intestinale. Visto
dall'interno verso l'esterno, piuttosto che dall'esterno verso l'interno, un tutto nuovo
si evolve l'approccio alla malattia. Questo concetto, prima promulgato
dal compianto Edgar Cayce, identifica il problema come un accumulo di
tossine (veleni) nel sistema che si fanno strada attraverso la pelle,
ma non originario della pelle. Individua una causa primaria come essere
a causa di pareti intestinali sottili, porose, che consentono questi elementi tossici
da “seep” a (ora indicato come “The Leaky
Sindrome dell'intestino
“). Sottolinea ulteriormente che una corretta DIETA e
adeguate ELIMINAZIONI sono una parte importante della soluzione. Questo libro
dimostra l'efficacia di questa teoria attraverso case history documentate,
affidavit paziente e fotografie sorprendenti prima e dopo.

  • Elimina dalla mia dieta e dall'ambiente tutti gli elementi offensivi
    a cui il mio corpo era sensibile. Principalmente, ho dovuto eliminare
    cibi ricchi di amido dalla mia dieta (farina, riso, pasta, patate), come
    così come i latticini e gli alimenti più cotti o trasformati).
    (vedi la mia testimonianza per i dettagli)
  • Fornisci al mio corpo nutrienti di vitale importanza
    necessario per iniziare il processo di guarigione e sostenere il sistema immunitario. Tali sostanze nutritive comprendono formule di erbe toniche

Erbe alternative per la purificazione del sangue

Gli AlteraAlterativi sono erbe che alterano (purificano) il sangue. La maggior parte delle erbe
per la purificazione del sangue favorire l'azione detergente della milza,
fegato, reni e intestino. Queste erbe dovrebbero essere utilizzate per un lungo periodo
periodo di tempo, permettendo la disintossicazione graduale di tutto il sangue
flusso che a sua volta, migliorerà la digestione, l'assimilazione e la ghiandola
secrezioni. Le cattive abitudini e la cattiva alimentazione devono essere corrette per la rimozione
la causa della tossicità del sangue. Infezioni, cancro, artrite
e le malattie della pelle sono alcune delle malattie causate da sangue impuro.

  • Cat's Clawng> – Uña de Gato (Cat's Claw) è conosciuta come detergente. Supporta il sistema digestivo, il tratto intestinale
    e aiuta con le funzioni intestinali
  • Sangre de Drago è ampiamente utilizzato nella foresta pluviale
    per la sua capacità di aiutare a riparare / rigenerare sano
    tessuto corporeo e pelle. È uno dei più potenti antiossidanti naturali conosciuti.

Le foglie di cachi fanno parte degli ingredienti del tè disintossicante VelociTea del Dr. Miller
di Dr. Bill Miller, Ph.D. in Scienze nutrizionali, il

Tè Santo VelociTea
è una miscela di erbe unica di ingredienti sicuri e completamente naturali
progettato per favorire la guarigione pulendo delicatamente il tratto digestivo,
disintossicante per il corpo, migliorando le condizioni della pelle. Il nome “Holy Tea”
è preso dal nome tradizionale di uno degli ingredienti, a
erba medicinale ampiamente usata conosciuta come Holy Thistle o Blessed Thistle,
e non intende implicare alcun significato religioso – sebbene
utenti riconoscenti che hanno subito notevoli miglioramenti della salute dopo
bere il tè santo spesso ringrazia Dio per questo dono di guarigione!

Divisore di pagina

Gliconutrienti per una pelle radiosa e sana

Dr. Douglas Willen – “Mi ci è voluto un mio collega oltre 9 mesi per convincermi ad usare
integrazione di gliconutrienti (saccaridi) nella mia pratica e l'ho provato solo perché l'ho fatto
un caso cronico ed estremamente difficile, una bambina di 7 anni
con orribile eczema su tutto il suo corpo, e non andavo da nessuna parte
usando tutti i miei protocolli provati e veri. Per non parlare del fatto che
questa bambina era la migliore amica di mia figlia! Bene, i gliconutrienti
dimostrato di essere l'anello mancante in quel caso … Il suo rapido recupero
ha davvero attirato la mia attenzione! Ho iniziato a fare la ricerca e il
leggendo su questo argomento e sono rimasto incredibilmente colpito dalla scienza
supporto a questi prodotti. Quattro degli ultimi otto vincitori del premio Nobel
hanno vinto i loro premi grazie alla loro ricerca in quest'area chiamata glycobiology,
e ogni anno vengono pubblicati migliaia di nuovi articoli di ricerca
il campo. Inutile dire che ho continuato a utilizzare questo tipo di
nutrizione nella mia pratica da allora “.

La supplementazione gliconutrizionale ottiene risultati positivi con la psoriasi

“Mi hanno diagnosticato gravi psoriasi a placche oltre i 40 anni
anni fa. Durante quel periodo ho provato tutti i tipi di trattamenti
che sono stati disponibili. Dai un nome a crema, lozione, pillola, iniezione,
nulla ha funzionato. È stato molto dannoso per me stesso
la stima e mi ha causato un grande danno emotivo durante la mia adolescenza
anni. La psoriasi stava persino iniziando a manifestarsi sul mio viso e sul mio
mani. Quando stavo ricevendo cure mediche, gli effetti collaterali erano superiori
i benefici. È stato molto imbarazzante tagliarsi i capelli, come il mio cuoio capelluto
era coperto e anche la maggior parte del mio corpo. Non ho mai indossato pantaloncini o
Magliette in estate. Il nuoto in una piscina pubblica era esaurito
la domanda. Mi sono risentito per le domande maleducate e gli sguardi. Tutto questo
è cambiato circa quattro mesi fa, quando mi hanno presentato i gliconutrienti.
L'ho bevuto solo per due settimane, quando le macchie rosse hanno smesso di prudere,
bruciore e desquamazione ridotti. Per la prima volta in 40 anni la mia pelle
migliorata. Dopo un mese, i cerotti hanno cominciato a ridursi, la mia pelle
mi sentivo più calmo. Sto ancora migliorando e felice di vedere il positivo
cambiamenti in me. Ora lo prendo fedelmente ogni giorno e mai
sembrava così bello. Quest'estate mi comprerò il mio primo paio di
pantaloncini. Sono così impressionato da questo meraviglioso prodotto che lo farò
prendilo finché vivo. “Liz, Ontario, Canada

“Mia figlia Stef aveva problemi ai piedi. Lo aveva gravemente
talloni screpolati e unghie gialle spesse che erano difficili e
doloroso per lei da tagliare, poiché crescevano sempre ai lati delle dita dei piedi. Due settimane dopo aver iniziato a bere
glyconutrients,
mi chiese di tagliarmi le unghie dei piedi, ed ecco, lo erano
assolutamente normale! Erano facili da tagliare senza dolore, con un buon colore;
la sua pelle screpolata è completamente guarita. Tutto in solo un paio
di settimane “.

“Ho avuto la psoriasi del cuoio capelluto da quando avevo circa 13 anni
vecchio. Ho dovuto usare aceto, biotina e B-12 per tenerlo sotto
controllo. Non uso niente da 2 mesi ormai da quando lo sono
prendendo fitoplancton marino e prurito
è andato.”

Divisore di pagina

Testimonianza di guarigione della psoriasi con olio di ricino

Data: 10 gennaio 2005

Ho avuto una psoriasi molto grave circa un anno fa (e da quando lo ero
un bambino piccolo e ho 38 anni) e lo scorso aprile ho iniziato a massaggiare
olio di ricino sul fegato dopo ogni doccia (ogni giorno)
e da allora ho visto una riduzione del 90% della mia psoriasi.
Non ho avuto la pazienza di fare i pacchetti quindi faccio solo il quotidiano
massaggio e ho visto risultati sorprendenti. Ho messo su un importo di dieci centesimi
nella mia mano e senza aver asciugato l'area del mio addome dopo
la mia doccia in modo che sia ancora umida, massaggio nell'olio.
Non lo massaggio per un periodo di tempo reale, non più di quanto trascorro massaggiando gli altri
L'olio che guariscelozioni
nella mia pelle. Dopo un paio di settimane a temperature di 30 gradi
Ho avuto un po 'di psoriasi pop-up, ma la quantità è così minima
rispetto a ciò che ho vissuto in passato, non mi preoccupo
e imperterrito. Ho anche lottato con l'endometriosi e ho
i medici volevano farmi un intervento chirurgico per la condizione.
Faccio un massaggio addominale completo con l'olio e i sintomi dell'endometriosi
anche notevolmente ridotto. Si suppone anche l'olio di ricino
aiuta ad ammorbidire il tessuto cicatriziale. Ho avuto 2 sezioni c e dopo
8 mesi di utilizzo dell'olio di ricino, una volta era una volta un brutto spessore e
la cicatrice solida è ora quasi impercettibile.

L'olio che guarisce

William A. McGarey, M.D.

Un'affascinante analisi della ricerca e della verifica di un medico
delle proprietà curative delle confezioni di olio di ricino, inizialmente raccomandato
dal noto sensitivo Edgar Cayce in aggiunta a molti disturbi
che resistono alle cure mediche tradizionali.

Questo olio naturale ha incredibili proprietà curative. Esso ha
stato usato praticamente in ogni grande civiltà fin dall'antichità
per la cura di condizioni invalidanti normalmente fatali. In India, loro
lo chiamava erand. Nell'antica Grecia era noto come kiki. È menzionato
nella Bibbia e nel più antico papiro egiziano ancora trovato.
In Europa, nel Medioevo, fu usato da alcuni per curare la peste.
Lo chiamavano “palma christi” o “mano di Cristo”. Questo
l'estratto di ricino è un rimedio sicuro, delicato e facile da usare
praticamente per qualsiasi malattia, quando viene utilizzata esternamente.

Trattare la psoriasi con i farmaci omeopatici

I farmaci esterni servono a fornire solo un sollievo temporaneo da
il prurito e le eruzioni riappaiono quasi sempre non appena
sono fermati. Le medicine omeopatiche sono praticamente completamente sicure
e non ci sono quasi possibilità di effetti collaterali anche se il farmaco
è preso per alcuni anni. L'omeopatia può offrire molto sotto forma di trattamento
per la psoriasi. Attraverso la prescrizione di un corretto omeopatico costituzionale
la maggior parte dei farmaci interni è una soluzione duratura.

Il moderno sistema di omeopatia tratta la psoriasi senza usare
qualsiasi crema o lozione locale. La saggezza nel trattamento della psoriasi
sta nello stimolare il processo di guarigione dall'interno. Questo sito web
è dedicato ai malati di psoriasi e porta loro un nuovo raggio
di speranza attraverso l'omeopatia.

La combinazione di trattamenti allopatici danneggia i pazienti con psoriasi

Cosa succede quando la ciclosporina viene somministrata a pazienti con
la psoriasi, i cui trattamenti precedenti, come PUVA, sono noti a
anche causare il cancro? Potrebbe anche rendere difficile una situazione
peggio aumentando ulteriormente il rischio che la psoriasi
i pazienti già affrontano? La risposta è si. Pazienti con psoriasi
l'uso della ciclosporina ha un aumento drammatico del numero di
tumori a cellule squamose della pelle. In uno studio riportato in The
Lancet, (Vol. 358, No. 9287: 1042-1045), Isabelle Marcil, MD,
e Robert Stern, MD, del dipartimento di dermatologia di
Seguì Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston, Massachussets
1.380 pazienti che avevano ricevuto la terapia PUVA dal 1975 in poi
1976. Un totale di 844 pazienti erano disponibili per far parte del
presente studio. Di quel gruppo, 31 pazienti avevano ricevuto ciclosporina
trattamento tra il 1975 e il 1998. Quando i ricercatori hanno confrontato
i pazienti con psoriasi che hanno ricevuto ciclosporina a coloro che
no, hanno scoperto che qualsiasi uso di ciclosporina ha aumentato il
rischio di sviluppare il cancro della pelle a cellule squamose circa tre volte.
Se il farmaco è stato assunto per più di tre mesi, il rischio è stato aumentato quattro volte.

Steroidi (cortisone)

Creme, unguenti e lozioni al cortisone possono eliminare temporaneamente la pelle
e controllare la condizione in molti pazienti. Gli effetti collaterali includono
assottigliamento della pelle, vasi sanguigni dilatati, ecchimosi e pelle
cambi di colore. La sospensione improvvisa di questi farmaci può provocare
in una riacutizzazione della malattia. Dopo molti mesi di trattamento,
la psoriasi può diventare resistente ai preparati steroidi.

Divisore di pagina

Aggiunte e approcci alla guarigione

Quella che segue è una descrizione di alcuni dei prodotti e degli approcci
che può essere utile per gli altri. Alcuni di questi potrebbero
essere più utile di altri a seconda delle specifiche di come
persone diverse rispondono. La psoriasi è una condizione molto individuale.
L'ho distillato fino a una manciata di cose che sento
può essere davvero utile, piuttosto che un elenco di tutti i numerosi
e suppose “cure” che ho incontrato.

Diete speciali e “Flare Foods”

Una delle cose più utili per iniziare a guardare è il
risposta che si ha a determinati tipi di alimenti. Io li chiamo
Alimenti “flare” o “trigger” perché spesso causano
un peggioramento della condizione, a volte immediatamente, a volte
cumulativamente. Quelli predominanti tra gli psoriasici sono lo zucchero,
alcol, agrumi e verdure di belladonna (pomodori, patate,
melanzane, peperoni e tabacco). Inoltre, alcuni dei più comuni
allergeni alimentari come grano, latte, soia e noci possono anche causare
problemi perché generalmente la psoriasi si verifica quando c'è un
aumento dell'infiammazione allergica. Anche il consumo in eccesso di
carne, latticini, farine raffinate e cibi spazzatura possono portare a un peggioramento
della condizione.

.

Gli acidi grassi essenziali aiutano a regolare gli ormoni

La psoriasi è ormonale !? Giusto. Molte persone non se ne rendono conto
a cui il nostro corpo produce tutti i tipi di ormoni in risposta
cosa mangiamo e come viviamo. Il sistema cutaneo in particolare
si basa su un numero di diversi ormoni; eicosanoidi e prostaglandine,
per regolare l'infiammazione, produrre nuove cellule e sostenere la salute
membrane cellulari. Credo che questo sia uno dei pezzi più potenti
di conoscenza per la psoriasica, perché mostra direttamente questo
il bilanciamento di queste risposte ormonali può causare profonde conseguenze
cambiamenti nella produzione di nuove cellule della pelle.

Ma come si regolano queste risposte ormonali? A parte seguire un totale
dieta sana, la risposta è grasso. Più specificamente, essenziale
acidi grassi (EFA).
Gli EFA sono una categoria di grassi cruciali
al completamento di ogni sorta di diverse funzioni cellulari.
Sfortunatamente, molte persone non ricevono i livelli adeguati
di EFA nella loro dieta regolare e quindi l'integrazione è spesso
necessario. Prestando particolare attenzione al rapporto tra Omega-3 e
Omega-6 EFA e fornire livelli adeguati di specifici
nutrienti (vitamine B3, B6, C, E, magnesio e zinco) coinvolti
nel convertire gli EFA in ormoni desiderabili, aumenta il nostro
capacità di produrre pelle sana.

Il seme di Chia
è una delle fonti più ricche di olio omega-3
e altro
nutrienti essenziali per a pelle sana. Li avevamo
il potere alimentare degli antichi Aztechi. Secondo i manoscritti spagnoli,
gli Aztechi mangiarono i semi di Chia per migliorare la loro resistenza
lo chiamava il loro “cibo da corsa” perché i messaggeri potevano presumibilmente
correre tutto il giorno solo su una manciata.

Divisore di pagina

Cibi e succhi verdi

Questi includono cose come i succhi d'orzo e di erba di grano,
così come spirulina in polvere, clorella e
alghe blu verdi. C'è un bel po 'di dibattito su quale
di questi sono migliori. Il mio consiglio personale è di provarne alcuni
di loro. Personalmente sono parziale ai succhi freschi, come mi sento
come se fossero più vitali e offrano un effetto più immediato.
Cibi e succhi verdi sono buoni perché possono purificare il
sangue e stimolare la produzione di vari enzimi, che
può essere usato per scomporre correttamente gli alimenti. Anche gli alimenti verdi aiutano
aumentando l'immunità generale.

Trattamenti topici

Non credo davvero che una compensazione coerente o duratura
può verificarsi da qualsiasi approccio attuale, olistico o convenzionale.
Tuttavia, dopo aver sopportato innumerevoli giorni e notti prurito, screpolature,
e desquamazione, riconosco pienamente la necessità di ottenere un po 'di sollievo
ove possibile. Di seguito sono riportati alcuni dei più efficaci
e argomenti sicuri che potrebbero essere in grado di lenire i sintomi di
psoriasi.

L'argilla è stata usata storicamente, dal punto di vista medico e interculturale per la guarigione sia interna che esterna.
L'argilla rende un impiastro eccellente. Ancora meglio, una tazza piena di argilla in polvere in un bagno caldo può fare miracoli per alleviare un po 'di calore,
 prurito e infiammazione da psoriasi. Questa argilla è disponibile in piccole quantità nei negozi di salute e bellezza e in grandi quantità,
per l'uso nei bagni, dai fornitori di argilla ceramica. Un punto importante: se prevedi di utilizzare l'argilla nell'acqua del bagno, è essenziale che venga macinata molto finemente,
in modo che non possa ostruire l'impianto idraulico! io raccomando
TerraBathe

Oli per uso topico

Ci sono molti oli diversi che possono essere in grado di idratare
pelle infiammata e ridurre lo sfaldamento. Due dei più popolari
quelli che sono spesso suggeriti per la psoriasi sono l'olio di emu e
olio di neem.

L'olio di emu deriva da grandi uccelli simili a struzzi, tu
potrebbe essersi incontrato allo zoo. L'olio è altamente permeabile
e si assorbe nella pelle molto facilmente e rapidamente. Uno svantaggio
dell'olio di Emu è un prezzo elevato, spesso da $ 7 a $ 10 per oncia. Anche,
alcune persone sono a disagio con l'idea di applicare grasso animale
direttamente sulla loro pelle.

L'olio di Neem invece è derivato dai semi di
pianta di neem. In India il neem è stato ampiamente utilizzato per migliaia di persone
di anni e ha una storia nella medicina ayurvedica di essere utilizzato
per problemi della pelle come l'eczema e la psoriasi. A differenza dell'olio di emu,
L'olio di neem è abbastanza economico da circa $ 2 a $ 4 per oncia. purtroppo
Neem ha un odore molto forte e caratteristico e quindi alcune persone
potrebbe trovarlo proibitivo per l'uso quotidiano.

Infine, è spesso necessaria una buona lozione idratante
la maggior parte dei malati di psoriasi e alcuni si dimostrano migliori di altri.
In generale, una crema idratante molto semplice è probabilmente la migliore. Dopo
tutti, nessuno vuole rischiare di infiammare ulteriormente la propria pelle
eventuali reazioni potenziali a profumi o estratti forti. Uno
suggerimento comune è lozione con farina d'avena colloidale in esso, tale
come lozione Aveeno che può essere trovata nei supermercati e nelle farmacie.
La maggior parte delle lozioni di farina d'avena colloidale sono solo leggermente più costose
rispetto alle normali creme idratanti e può essere più benefico della semplice
lozioni.

Una ricetta per una pelle più chiara

Quando si tratta di psoriasi, una taglia non va bene
tutti.
Ciò che funziona per una persona, non funzionerà necessariamente per
tutti. Chiunque sia veramente impegnato a risolvere questa condizione
ha bisogno innanzitutto di prestare attenzione al proprio corpo
e come rispondono a determinati trattamenti. Detto ciò,
il seguente è un breve foglio di lavoro, in ordine di importanza,
dei miei suggerimenti per procedere con un regime di psoriasi naturale.
Ricorda, la guarigione olistica è spesso un processo lento, e così è
importante impegnarsi a provare qualcosa per almeno 1-2 mesi
prima di rivalutare se continuare o meno.

  • Identificare e ridurre “Flare Foods”

    Uno dei modi migliori per farlo è ruotare alcuni sospetti
    alimenti fuori dalla dieta per diverse settimane alla volta. Se tu
    notare miglioramenti in assenza di quel cibo o un aumento
    nell'infiammazione quando il cibo viene reintrodotto, quindi tu
    hanno probabilmente identificato un trigger-food. La cattiva notizia è
    che questi tendono ad essere gli alimenti a cui siamo più affezionati
    a, la buona notizia è che quando inizi ad avere qualche successo
    nella lotta contro la psoriasi si può notare in seguito un aumento
    tolleranza per questi alimenti. Come regola generale, è la cosa migliore
    per ridurre al minimo il consumo di cibi fortemente raffinati.
    Più processi sono coinvolti nel metterlo nel piatto,
    peggio probabilmente sarà per te. Tuttavia, è importante
    per mantenere l'equilibrio con questo. “Sainthood” non è richiesto
    ma possono dimostrarsi abitudini alimentari moderatamente attente alla salute
    per essere cruciale nella tua ricerca di una pelle sana.

  • La salute intestinale è una parte vitale del benessere generale.
    Senza un adeguato assorbimento nella traccia GI, il tuo corpo non può
    ottenere correttamente l'alimentazione necessaria per funzionare correttamente
    e sostenere la produzione di pelle sana. I probiotici dovrebbero essere
    preso in una forma o nell'altra almeno una volta, se non in tre
    volte al giorno. Quelli che usano forme di cibo come yogurt o
    crauti, dovrebbero prestare particolare attenzione per evitare pastorizzati
    prodotti che avranno eliminato tutti i benefici
    batteri prima che possano essere consumati.
  • Prova alcuni cibi verdi
    Che si tratti di un colpo quotidiano di erba di grano o di un cucchiaino di
    succo di spirulina misto, che incorpora “cibi verdi” in
    la tua dieta è semplice e può essere abbastanza efficace. Non solo
    vedrai probabilmente un miglioramento nella trama e nel bagliore
    della tua pelle, ma la maggior parte delle persone segnala un aumento di entrambi
    energia e salute generale. Spero che altre persone che soffrono di questo incorreggibile
    condizione può trovare un certo uso per le informazioni, ho offerto
    Qui. Se non altro, lo presento come prova di tale compensazione
    dalla psoriasi attraverso mezzi naturali è possibile! io incoraggio
    tutti con la psoriasi non rinunciano alla ricerca di risposte.
    Non lasciare nulla di intentato nella tua ricerca per chiarirti. . .

Psorilax:Vantaggi |ph 21 crema coad psoriasi 30ml

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, come si usa

Quando a Brenda Kong fu diagnosticata la psoriasi nel 1993, la sua famiglia era negli Stati Uniti da circa 11 anni. “I miei genitori parlavano un inglese limitato e non esiste una parola nella nostra lingua per la psoriasi”, afferma Kong, nato in Cambogia e i cui genitori parlavano khmer. “Non capivano cosa fosse e per molto tempo non riuscivano a capire perché i medici occidentali non potessero guarirmi.”

Kong, che ora ha 37 anni, le è stata diagnosticata la psoriasi a 13 anni e l'artrite psoriasica a 22. Da giovane atleta attiva, ha provato a nascondere la pelle indossando calze lunghe quando giocava a pallavolo e tennis, ma le sue condizioni erano difficili da nascondere. Gli amici dei suoi genitori hanno offerto consigli non richiesti su quali cibi tagliare dalla sua dieta e quali tisane da bere. Avrebbero fatto domande imbarazzanti e sollevato le maniche per esaminare la sua pelle. “Stavano cercando di aiutare, ma quando sei un adolescente, sei sensibile a tutto”, afferma Kong, che vive a Oakland, in California.

Delores Teddleton ha anche cercato di nascondere la sua psoriasi. Ora 53, Teddleton ricorda di essersi sentita sola e imbarazzata dopo la sua diagnosi. Come donna di colore, non conosceva altre persone di colore con la malattia. “Ti senti come l'unico”, dice. “Non pensavo che nessuno avrebbe capito; ecco perché non ne ho mai parlato e ho sempre cercato di nasconderlo “.

Milioni di persone possono relazionarsi con le loro esperienze. La psoriasi è una malattia immuno-mediata comune che tocca la pelle di ogni colore, ma le minoranze affrontano sfide uniche – sia fisicamente che psicologicamente – legate alla malattia. Comprendendo come può influenzarli in modo diverso rispetto ai caucasici, le persone di colore possono diventare meglio attrezzate per gestire la loro malattia.

Diverse tonalità di psoriasi

Quando Teddleton iniziò a scoppiare con piccoli dossi su braccia e gomiti, il medico della base militare dove lavorava pensò che fosse una reazione ai solventi e ad altri prodotti chimici che usava per preservare le parti del veicolo nel suo lavoro. Le diede una crema e la riassegnò. Ma i dossi continuavano a peggiorare. Il medico di base di Teddleton ha condotto test allergologici e le ha dato più creme e antibiotici. Niente ha aiutato. A quel punto, la sua pelle era infiammata dal suo cuoio capelluto ai suoi piedi, anche all'interno della sua bocca.


Delores Teddleton

Grave dolore e prurito alla fine la portarono al pronto soccorso. Alla fine, dopo un'analisi del sangue e una biopsia, un dermatologo ha diagnosticato la sua psoriasi all'età di 21 anni. “Ne ho sofferto molti anni. Tutti (i dottori) mi darebbero delle creme e peggiorerebbe ”, afferma Teddleton, che vive a Long Beach, nel Mississippi. “Probabilmente era perché non avevano mai visto persone di colore con la psoriasi prima. Quando sono arrivato al computer per cercarlo, non ho mai visto persone di colore con esso. Sono sempre state le foto dei caucasici. “

La psoriasi si presenta in modo diverso nella pelle di colore, il che può rendere difficile la diagnosi. Sulla pelle caucasica, la psoriasi appare in genere con eritema o placche rosse squamose, ma sulla pelle di colore, lo scolorimento è più scuro e più spesso. “Invece di essere classicamente rossa, la psoriasi in tipi di pelle più scuri può presentare più di un colore viola o grigiastro o marrone più scuro”, afferma Junko Takeshita, MD, Ph.D., assistente professore di dermatologia ed epidemiologia all'Università della Pennsylvania Scuola di medicina Perelman. “Per questo motivo, può essere diagnosticato erroneamente o non diagnosticato più frequentemente tra i non bianchi.”

La psoriasi è spesso più grave sulla pelle di colore. Nel 2011, il Journal of Drugs in Dermatology ha pubblicato uno studio sulle variazioni razziali ed etniche tra 2.511 pazienti affetti da psoriasi e ha scoperto che gli asiatici avevano la percentuale più alta di superficie corporea (BSA) colpita al 41% e che i caucasici avevano il più basso al 28%.

Ottenere una diagnosi precoce è un primo ostacolo importante. Potrebbero essere necessari fino a sei dermatologi prima che una persona di colore ottenga la diagnosi corretta. Prima succede, prima gli individui possono trovare trattamenti efficaci.

“Quei pazienti potenzialmente perdono terapie che potrebbero essere utili per aiutare a controllare la loro malattia, perché non vengono diagnosticate in modo appropriato”, afferma Amy J. McMichael, MD, professore e presidente del dipartimento di dermatologia della Wake Forest School of Medicine di Winston- Salem, nella Carolina del Nord, e immediato presidente della Skin of Color Society. “Molti pazienti con pelle di colore non sono assicurati o non assicurati. Questa è una popolazione in cui probabilmente ci manca un numero enorme di pazienti perché non arrivano nemmeno “.

Takeshita ha recentemente valutato l'utilizzo dell'assistenza sanitaria per la psoriasi per razza negli Stati Uniti. Le sue ricerche sono state pubblicate nel numero di gennaio 2018 del Journal of American Academy of Dermatology. Lo studio ha scoperto che le minoranze razziali non ispaniche, tra cui neri, asiatici e nativi americani, hanno il 40% in meno di probabilità di vedere un dermatologo per la loro psoriasi rispetto ai bianchi non ispanici, indipendentemente dalla loro assicurazione sanitaria o stato socioeconomico. Ciò si traduce in oltre 3 milioni di visite ambulatoriali in meno per le minoranze razziali non ispaniche con psoriasi, rispetto ai bianchi non ispanici.

“Questi risultati sono particolarmente notevoli alla luce dei dati che suggeriscono che i soggetti neri con psoriasi possono avere una malattia più grave e le minoranze riportano una qualità di vita più scarsa a causa della psoriasi rispetto ai bianchi, indipendentemente dalla gravità della malattia”, afferma Takeshita. “Pertanto, le minoranze possono avere un maggiore carico di malattia, ma hanno un minor utilizzo della cura della salute per la loro psoriasi che, a sua volta, può spiegare il maggiore carico di malattia”.

Spettro delle opzioni di trattamento

Sebbene la psoriasi si presenti in modo diverso su vari tipi di pelle, il colore non determina necessariamente le opzioni di trattamento. I pazienti devono consultare i loro fornitori di assistenza sanitaria per personalizzare i loro piani di trattamento. Creme, unguenti e steroidi topici sono in genere la prima linea di difesa contro la psoriasi, mentre i casi più gravi richiedono terapie più aggressive.

“Quando le persone di colore presentano la psoriasi, in particolare i pazienti afroamericani, spesso presentano lesioni più ipercheratotiche o con una scala più spessa”, afferma McMichael. “Ciò significa che le lesioni impiegheranno più tempo a controllare, con farmaci a livelli di potenza più elevati.”

Se le creme non aiutano, la fototerapia può essere molto efficace per le persone con un pigmento della pelle più scuro, dice, sottolineando la mancanza di ricerca sul trattamento della pelle di colore, poiché la maggior parte degli studi riguarda prevalentemente pazienti bianchi. Ma presto cambierà. Lo scorso ottobre, uno dei colleghi di Takeshita, Joel M. Gelfand, M.D., ha ricevuto una sovvenzione di 8,6 milioni di dollari per studiare l'efficacia della fototerapia sulla psoriasi attraverso i toni della pelle. Lo studio, condotto in collaborazione con NPF, assegnerà in modo casuale circa 1.000 pazienti con psoriasi alla fototerapia a casa o presso l'ufficio del loro fornitore.

Per Aimee Perez, un messicano-americano di 30 anni, la terapia della luce è stata il trattamento più efficace per schiarire la sua pelle scura, che in genere è coperta dal 70 all'80% di placche. Da quando le è stata diagnosticata la psoriasi all'età di 17 anni e l'artrite psoriasica a 22 anni, ha provato una varietà di terapie sistemiche, trattamenti biologici e altri farmaci per trovare il miglior trattamento per la sua pelle e articolazioni.

“È un lavoro 24 ore su 24, 7 giorni su 7, avere la psoriasi”, afferma Perez. “Una volta trovato un trattamento che funziona, la psoriasi trova il modo di sopravvivere, quindi la combatti costantemente.”

Allo stesso modo, la pelle di Teddleton si schiarì per la prima volta dopo aver iniziato il trattamento con la luce ultravioletta (UV), ma perse efficacia dopo alcuni anni. Questo è quando Teddleton, a cui è stata anche diagnosticata l'artrite psoriasica all'età di 31 anni, è passato al biologico. Descrive il suo primo biologico come “la prima cosa che mi ha chiarito e ha aiutato la mia artrite allo stesso tempo”. Ha funzionato per circa 10 anni, dice. Passò a un secondo biologico, ma non le piacevano gli effetti collaterali respiratori. Il suo terzo biologico si schiarì la pelle ma non aiutò le articolazioni. Alla fine dell'anno scorso, è tornata al suo primo biologico.

Uno studio del 2011 su un prodotto biologico pubblicato sul Journal of Drugs in Dermatology ha scoperto che, dopo 12 settimane di terapia, tutti i gruppi etnici hanno ottenuto risultati simili: il coinvolgimento della BSA è diminuito di oltre il 50 percento. Kong afferma di aver sviluppato l'artrite psoriasica a 12 anni, ma i medici hanno diagnosticato un infortunio sportivo. Non è stato fino a quando era completamente divampata e riusciva a malapena a muoversi che le è stata diagnosticata l'artrite psoriasica all'età di 22 anni.

Kong ha ottenuto risultati ancora migliori quando ha iniziato a prendere un biologico a 24 anni, dopo che un bagliore eritrodermico – caratterizzato da arrossamenti diffusi e infuocati e dall'esfoliazione della pelle che può essere pericolosa per la vita – l'ha mandata al pronto soccorso. “Sono letteralmente passato dall'essere costretto a letto con la psoriasi eritrodermica al 100%, al 99% chiaro e in grado di camminare, il che è stato un miracolo”, dice.

Lasciando un segno

Una delle maggiori sfide per i pazienti con pelle di colore è ottenere una pelle veramente chiara. Le placche di psoriasi e altri tipi di infiammazione possono lasciare iperpigmentazione (macchie scure) o ipopigmentazione (punti luminosi), che possono essere più evidenti sulla pelle più scura. La terapia della luce può enfatizzare il contrasto, afferma Perez. “Fondamentalmente sembri avere la vitiligine (una condizione in cui la pelle perde le sue cellule pigmentarie, causando macchie scolorite), perché quando le persone con cicatrici della pelle più scura si scurisce. Sembra macchie o lividi. Ho dovuto fare pace con il fatto che anche quando è “andato”, non è andato. Le cicatrici sono lì per sempre. “

Mentre questo può auto-correggersi nel tempo, quel processo richiede più tempo sulla pelle più scura. “Il modo migliore per prevenire la dispigmentazione (un'anomalia nella formazione o distribuzione del pigmento nella pelle) è quello di provare a trattare adeguatamente le condizioni della pelle, prima”, afferma Takeshita.

Le creme sbiancanti possono aiutare a schiarire l'iperpigmentazione, ma ciò richiede che la pelle si schiarisca prima dalla psoriasi – e molte persone hanno difficoltà a raggiungerlo.

“Quei cerotti iperpigmentati a volte sono altrettanto preoccupanti per i pazienti quanto la psoriasi originale”, afferma McMichael. “Non sono così pruriginosi, ma lasciano ancora lesioni che altre persone notano. È deprimente, perché hanno lavorato così duramente per far scomparire le lesioni, e poi hanno ancora l'indicatore rivelatore della malattia sulla loro pelle “.

Stigmi combattenti

A causa di incomprensioni culturali e stimmi sociali, la psoriasi può avere un impatto emotivo sui pazienti ben oltre le loro condizioni fisiche. Gli studi, sebbene limitati, suggeriscono che l'impatto psicologico può essere peggiore per i pazienti di colore.

“Ho avuto difficoltà a nascondere e nascondere i fiocchi ai miei compagni di classe e colleghi”, afferma Kong. “Sono uscito a malapena, uscivo a malapena; Ero un eremita per la maggior parte del tempo. Sono stato vittima di bullismo e preso in giro al lavoro così tanto che alla fine me ne sono andato. “

Secondo un sondaggio NPF pubblicato nel 2010, il 54 percento degli intervistati bianchi afferma che la psoriasi ha interferito con la loro qualità di vita, rispetto al 72 percento delle minoranze. Le persone di colore avevano anche maggiori probabilità di sentirsi imbarazzate, imbarazzate, arrabbiate e indifese. “Non credo che molte persone sappiano quanto di un effetto mentale abbia”, afferma Teddleton.

Per alcuni, questi sentimenti si mescolano al pregiudizio razziale, facendoli sentire ancora più stigmatizzati a causa della loro pelle.

“Come donna messicana … devo dimostrare che non sono queste cose negative associate alla mia cultura – e poi aggiungere la psoriasi in più, lo rende molto più difficile”, dice Perez. “Non solo sono giudicato in base al colore della mia pelle, ma anche alle condizioni della mia pelle. La mia autostima ha avuto un enorme successo. “

Tuttavia, si rende conto che i pazienti di ogni colore affrontano sfide e persino alcuni pazienti caucasici affrontano la dispigmentazione. Perez non minimizza la loro esperienza individuale con la malattia perché sa che, indipendentemente dalla razza, la psoriasi è una battaglia che dura tutta la vita attraverso le culture.

Kong condivide un sentimento simile. “Spanning diversi colori della pelle, tutti affrontiamo lo stesso stigma, mentalmente ed emotivamente, a causa della psoriasi”, dice. “Le nostre esperienze con la psoriasi – indipendentemente dal colore o dalla razza – sono simili.”

Sostenere la consapevolezza

Man mano che i pazienti di colore si rendono conto di non essere soli, stanno iniziando a parlare e ad aumentare la consapevolezza.

“Quando mi è stato diagnosticato per la prima volta, non avevo mai visto prima una persona di colore con la psoriasi”, afferma Teddleton. “Ora ho iniziato a partecipare a conferenze sulla psoriasi, a partecipare a sondaggi e ad aderire a gruppi NPF. Aiuta davvero quando sai che ci sono altre persone del tuo colore che attraversano la stessa cosa. Molte persone non sanno nemmeno quanto aiuto ci sia. “

La scoperta di eventi, risorse e forum disponibili tramite NPF è stata una svolta importante anche per Kong.

“Non è stato fino a quando ho trovato NPF all'età di 24 anni e ho incontrato altri che soffrivano come me che ho iniziato a uscire dal mio guscio. Ha cambiato tutto. Ho fatto un completo 180 “, dice Kong, che ha iniziato a ricercare la sua malattia dopo che quel grave flare l'ha fatta atterrare nel pronto soccorso. “Ho passato troppi anni al buio e il mio corpo ha sofferto irreversibilmente. Devi educare te stesso e trovare una comunità che ti autorizzi. “

Kong ha anche aiutato i suoi genitori a capire la malattia. “Sanno che non è qualcosa da cui posso essere guarito, che devo gestirlo continuamente con i trattamenti in corso”, afferma.

Perez condivide la sua esperienza per educare gli altri sulla psoriasi, utilizzando i social media come piattaforma per raggiungere oltre 4.100 follower su Instagram tramite il suo account, @aimeestephanieperez. “Lo presento in modo semi-glamour facendo selfie e servizi fotografici, quindi quando le persone mi vedono, sanno di cosa si tratta”, dice.

Come tata nel melting pot di Los Angeles, Perez coglie ogni opportunità per educare i bambini sulla malattia e sull'importanza di accettare gli altri indipendentemente dall'aspetto della loro pelle. Quando i bambini indicano le sue macchie o chiedono perché indossa le maniche lunghe, la trasforma in una lezione e dice loro: “Mi amo così come sono con le mie macchie e dovresti amarti per la tua pelle”, dice. “Adoro insegnare loro a non giudicare le persone dal colore o dalle condizioni della loro pelle”.

Psorilax:Immediatamente |crema psoriasi corpo

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, originale

Dr. Ronald Kleinman, Capo del Dipartimento di Pediatria del Massachusetts General Hospital, su tutto, dall'importanza delle date di gioco virtuali a cosa fare se i tuoi figli ricevono il coronavirus.

Supporta la risposta critica dell'UNICEF all'emergenza sanitaria globale del coronavirus.

PER FAVORE DONA

Il 23 marzo, il chirurgo generale americano Dr. Jerome Adams ha emesso questo avvertimento durante un'intervista con la NBC: “Voglio che l'America capisca – questa settimana andrà male.”

I genitori spaventati difficilmente hanno bisogno di più motivo di preoccupazione mentre osservano il numero di casi in aumento negli Stati Uniti tra notizie di carenze di approvvigionamento, lasciando gli ospedali mal equipaggiati per gestire la crisi.

Il dottor Ronald Kleinman, medico capo, Massachusetts General Hospital for Children, fa eco alle previsioni del dottor Adams. “In alcuni stati come Washington, New York e California, il numero di pazienti infetti e malati salirà a livelli che sfideranno i sistemi di assistenza sanitaria in ciascuna di quelle aree nelle prossime settimane. L'ondata in altri stati probabilmente seguirà. “

Ma tra le previsioni terribili, il Dr. Kleinman offre questo promemoria calmante: sappiamo tutto ciò che dobbiamo sapere su come mantenere noi stessi e i nostri bambini al sicuro. La cosa migliore che possiamo fare, dice, è “seguire le linee guida sul distanziamento fisico, lavarci le mani, tenere le mani lontane dai nostri volti, prestare attenzione alla guida delle agenzie statali e accovacciarsi”.

Abbiamo sentito che i sintomi del coronavirus possono imitare quelli di un comune raffreddore. Come faccio a sapere che mio figlio non ce l'ha se lui o lei scende con il naso?

DR. RONALD KLEINMAN: La sfida è che in questo periodo dell'anno i raffreddori sono molto comuni. Quindi il nostro miglior consiglio è se tuo figlio non è stato esposto a qualcuno con coronavirus e lui o lei è altrimenti sano, quindi fai gli stessi passi che faresti per qualsiasi raffreddore. Dai a tuo figlio liquidi e paracetamolo per una temperatura di basso grado e tienili d'occhio.

Se il bambino è stato esposto a qualcuno con COVID-19, avvisa il pediatra ma tieni il bambino a casa e osserva. Se il corso è tipico, passerà e il bambino dovrebbe stare bene. Ma se i sintomi si intensificano – la respirazione del bambino diventa affannosa, la febbre aumenta o il bambino si lamenta di dolori muscolari – è tempo di consultare un medico.

Quali sono i sintomi del coronavirus nei bambini? Sono gli stessi degli adulti?

DR. RONALD KLEINMAN: I sintomi del coronavirus nella maggior parte dei bambini sembrano essere significativamente più lievi. A volte, i bambini non hanno alcun sintomo e il virus non li fa ammalare. Ma sappiamo che alcuni bambini si ammalano e, a differenza degli adulti, possono sviluppare sintomi gastrointestinali all'inizio della malattia, inclusi dolori di pancia, diarrea, cattivo gusto in bocca o incapacità di assaggiare il cibo.

Quindi, ancora una volta, è importante ricordare che, per la maggior parte, i bambini hanno una malattia più lieve. E, proprio come con gli adulti, quei bambini maggiormente a rischio di avere forme gravi di malattia sono quelli il cui sistema immunitario è compromesso o perché sono in trattamento con farmaci per sopprimere il loro sistema immunitario o hanno una malattia polmonare sottostante, come come fibrosi cistica.

Uno studio pubblicato sulla rivista online Pediatrics ha fatto notizia con l'avvertimento che i bambini possono ammalarsi gravemente di coronavirus. Ha rivelato qualcosa che non sapevamo prima sui pericoli di COVID-19 per i bambini?

DR. RONALD KLEINMAN: Ci aspettavamo da sempre che alcuni bambini fossero gravemente colpiti. Per quanto ne sappiamo, in Cina c'è stata una morte solitaria di un bambino di età compresa tra 10 e 20 anni. Degli altri che si sono ammalati gravemente, per la maggior parte, tutti questi bambini hanno avuto una malattia di base che li ha resi più vulnerabili a questa malattia, il che spiega perché si sono ammalati gravemente.

Ci aspettiamo che ci sia un intero spettro di malattie nei bambini e stiamo imparando mentre andiamo dai paesi che hanno più esperienza con la pandemia COVID-19 di noi. Ho citato alcuni dei sintomi che i bambini possono manifestare meno frequentemente negli adulti, ma tutte le informazioni finora ci dicono che lo spettro della malattia nei bambini è fortemente ponderato verso sintomi lievi o assenti.

Se mio figlio ha il raffreddore e ha la febbre, dovrei sottopormi al test?

DR. RONALD KLEINMAN: Prenditi cura di lui come faresti se non ci fosse COVID-19. Puoi aspettarti che questi sintomi scompaiano molto probabilmente dopo pochi giorni. Ma se si intensificano e si trasformano in sintomi simil-influenzali più gravi, in particolare se il bambino ha difficoltà a respirare, contattare il pediatra.

Se mio figlio ha il coronavirus, come mi prendo cura di lei proteggendo il resto della mia famiglia? Devo isolarla?

DR. RONALD KLEINMAN: Quando tuo figlio ha sintomi, probabilmente tutti i membri della famiglia sono stati esposti a COVID-19, quindi non c'è niente di speciale che tu abbia bisogno o che tu possa fare per proteggere tutti. Ricorda a tutti di praticare una buona igiene respiratoria starnutendo o tossendo in un gomito o in un tessuto, continua a lavarsi spesso le mani e resiste all'impulso di toccarsi il viso. Pulisci le superfici della tua casa regolarmente durante il giorno.

Cosa succede se mio figlio si ammala e vivo in una famiglia multigenerazionale con un nonno o un prozio o una zia che ha una condizione di salute di fondo?

DR. RONALD KLEINMAN: È molto importante proteggere coloro che hanno maggiori probabilità di ammalarsi gravemente. Se i membri della tua famiglia principale hanno più di 60 anni e hanno l'opportunità di stare altrove, dove nessuno è malato, dovrebbero – specialmente se hanno un rischio maggiore di malattie gravi a causa delle condizioni mediche sottostanti la loro età avanzata.

Quali sono le condizioni di salute sottostanti che presentano il rischio più elevato?

DR. RONALD KLEINMAN: Il rischio di malattie gravi aumenta significativamente oltre i 60 anni e raggiunge picchi tra gli 80 e i 90 anni. Qualsiasi condizione polmonare sottostante che si è già manifestata come una difficoltà respiratoria, come la BPCO, la fibrosi cistica o le bronchiectasie, è un altro fattore di rischio. Le persone che assumono immunosoppressori usati per trattare malattie autoimmuni come l'artrite reumatoide, la psoriasi o la malattia infiammatoria intestinale e coloro che hanno il cancro o sono sottoposti a trapianti di organi – sono anche molto vulnerabili a ammalarsi gravemente di COVID-19.

Esiste un trattamento per il coronavirus?

DR. RONALD KLEINMAN: Non ci sono farmaci specifici in questo momento che hanno dimostrato di impedire al virus di infettare l'uomo o di causare lesioni una volta che qualcuno è stato infettato. La terapia di supporto per bambini e adulti infetti da COVID-19 è la stessa. Forniamo fluidi e farmaci per la febbre e altre infezioni che potrebbero coesistere con COVID-19, come l'influenza o mal di gola o polmonite batterica. Per i pazienti con difficoltà respiratorie, viene utilizzato ossigeno – e in casi estremi, un respiratore.

Stiamo testando un farmaco qui chiamato remdesivir, un antivirale che è stato promesso come trattamento per l'Ebola. Insieme a più centri negli Stati Uniti e a livello internazionale, stiamo ora arruolando pazienti in uno studio. Tuttavia, probabilmente passeranno diversi mesi prima che abbiamo la sensazione che funzioni.

Quanto siamo lontani dall'avere un vaccino contro il coronavirus?

DR. RONALD KLEINMAN: La maggior parte di coloro che lavorano su un vaccino ritengono che ne avremo uno nei prossimi 12-18 mesi. C'è un'enorme quantità di lavoro coinvolto. Venire con il componente attivo del vaccino che proteggerà qualcuno è il primo passo. A tale proposito sono già stati compiuti progressi significativi. Ma poi dimostrare la sua efficacia, testandolo prima negli animali, poi nell'uomo, richiede tempo.

Il Numero del 13 marzo del Journal of Clinical Investigation riferito sugli sforzi proposti per utilizzare il plasma (siero) dal sangue dei sopravvissuti per la protezione e il trattamento fino a quando non sono disponibili un vaccino e farmaci antivirali. Qual è la tua reazione?

DR. RONALD KLEINMAN: La strategia dell'immunità passiva, che significa che prendi anticorpi da qualcuno che si è ripreso dall'infezione per proteggerne un altro, può essere utilizzata in singoli casi. Ma non è una strategia per proteggere l'intera popolazione. Il motivo non è che devi prendere il siero da più sopravvissuti, trattarlo in modo che sia sicuro iniettare negli altri e quindi creare un sistema di distribuzione per esso. È molto più efficace concentrarsi sulla costruzione dell'immunità attiva con i vaccini.

I genitori e i bambini a cui mancano i loro amici e la famiglia potrebbero essere tentati di cercare modi per incontrarsi in sicurezza. Le famiglie o gli amici che hanno osservato protocolli di sicurezza identici possono incontrarsi di persona?

DR. RONALD KLEINMAN: Dobbiamo aspettare fino a quando non ci viene comunicato dalle autorità statali o federali di sanità pubblica che possiamo riunirci di nuovo tutti. Fino a quel momento, dovremmo tutti seguire le linee guida su ciò che preferisco chiamare “distanziamento fisico” piuttosto che “distanziamento sociale”. In questo momento, non dovremmo distanziarci socialmente l'uno dall'altro. Invece, dovremmo trovare modi per connetterci che non ci richiedono di essere fisicamente presenti l'uno con l'altro.

“Dovremmo tutti seguire le linee guida su ciò che preferisco chiamare” distanziamento fisico “piuttosto che” distanziamento sociale “. Al momento, non dovremmo distanziarci socialmente l'uno dall'altro. Invece, dovremmo trovare modi di connetterci che non ci richiedono di essere fisicamente presenti gli uni con gli altri. ”

Dr. Ronald Kleinman, Capo del Dipartimento di Pediatria, Massachusetts General Hospital

Di chi consiglio di distanza fisica dovremmo seguire?

DR. RONALD KLEINMAN: Se stai ascoltando a livello federale, il Dr. Anthony Fauci, leader del National Institute of Allergy and Malattie infettive per tre decenni e mezzo, è stato un eccellente leader e portavoce. A livello locale, la gente dovrebbe rivolgersi ai propri governatori ea coloro che guidano lo sforzo di salute pubblica all'interno dei loro stati. Il Centers for Disease Control (CDC) è una fonte eccellente per una guida generale sullo stato dell'epidemia negli Stati Uniti.

Dovrei portare mia figlia fuori alla sua visita ben programmata durante questo periodo?

DR. RONALD KLEINMAN: Qui al MassGeneral Hospital for Children, abbiamo cancellato tutte le visite dei bambini benestanti per tutti i bambini di età superiore ai 2 anni. Facciamo un'eccezione per i bambini più piccoli di così in modo da poter iniziare le vaccinazioni che sono date tra la nascita e 2 anni di età . I colpi di richiamo o i vaccini che arrivano più tardi nell'infanzia possono essere rimandati per un mese o due.

Ciò non significa che non siamo disponibili per vedere i pazienti. Abbiamo convertito la maggior parte dei nostri appuntamenti qui in visite virtuali. Quindi, se è possibile, ovunque tu sia, approfittane sicuramente. Puoi fare così tanto in una visita virtuale senza schiacciare gli uffici dei medici e mettere gli altri a rischio. Nella maggior parte dei casi, sia le visite telefoniche che le visite mediche dirette tramite una piattaforma creata dall'ambulatorio o dall'ospedale funzionano molto bene.

In che modo stai aiutando i tuoi figli e nipoti in questo momento difficile?

DR. RONALD KLEINMAN: Sul lato positivo, vediamo i nostri nipoti molto più del solito perché affrontiamo loro ogni giorno. Abbiamo due figli (e i “suoceri”), tutti sulla quarantina, e ogni famiglia ha due figli, che vanno dai 2 agli 11 anni.

Cosa funziona per loro? Per i più grandi, il loro sistema scolastico è impostato per l'apprendimento remoto, quindi hanno lezioni online da due a tre ore al giorno. Fanno giochi virtuali e una delle mie nipoti Facetimes regolarmente con la sua squadra di calcio. È terrificante. Si esercitano nel cortile di casa, lavorano su progetti con i genitori e quelli più grandi hanno iniziato a cuocere, quindi stanno imparando nuove abilità nel processo.

“Il mantenimento della struttura ai tempi di un bambino è davvero importante. Attenersi a una routine supporterà la resilienza intrinseca di un bambino e li aiuterà a passare da ciò che avevano prima a ciò che avranno di nuovo una volta che questo è finito. ”

È importante mantenere la struttura nella giornata di un bambino. Preparali e vestiti e pronti per un'intera giornata di attività – pasti, compiti scolastici, esercizio fisico e attività, date di gioco virtuali, snack – a orari prestabiliti. Attenersi a una routine supporterà la resilienza intrinseca di un bambino e li aiuterà a passare da ciò che avevano prima a ciò che avranno di nuovo una volta che questo è finito.

Che consiglio hai per le famiglie che vivono in città, per le quali i parchi e i parchi giochi sono essenziali per fare esercizio e divertirsi?

DR. RONALD KLEINMAN: Non vorrei portare i bambini al parco in questo momento. In un ambiente del genere, in cui i bambini sono abituati ad avere le redini libere di correre, è molto difficile convincerli a mantenere una distanza fisica di sei piedi dagli altri. Quindi, per ora, è meglio evitare parchi e luoghi in cui le persone si riuniscono.

Ovviamente, evitare gli altri sui marciapiedi della città può rendere difficili anche le gite al negozio di alimentari e alla farmacia. Il mio consiglio personale è che se tu e la tua famiglia dovete uscire per fare commissioni o fare una passeggiata, un adulto esce con un bambino alla volta. E stare insieme. Tieni le mani con i bambini più piccoli, cammina spalla a spalla con i bambini più grandi e, prima di uscire, fai un patto per stare insieme e passeggiare con altre persone. Allora dovresti stare bene.

Le segnalazioni di carenza di approvvigionamento sono incredibilmente allarmanti. Qual è la tua valutazione della pipeline a questo punto?

DR. RONALD KLEINMAN: Dipende da dove ti trovi e dal numero di pazienti malati infetti. Siamo a corto di scorte in molti luoghi, ma in questo momento si sta verificando un enorme aumento degli approvvigionamenti e della produzione e se ciò può continuare per la prossima settimana o dieci giorni dovremmo essere in condizioni ragionevoli nella maggior parte del paese.

Al Massachusetts General, siamo in buona forma con respiratori, scrub e abiti. Abbiamo sperimentato carenze di maschere, sia maschere per il respiratore antiparticolato N95 che maschere regolari, ma stiamo continuamente ricevendo spedizioni. La preoccupazione per le risorse è comprensibile perché molti posti sono scarsamente forniti, ma quelli che sono responsabili di assicurarsi che abbiamo abbastanza forniture funzionano senza sosta per portarli dentro.

Ciò che è anche incoraggiante è che ci sono tutti i tipi di cose incredibilmente inventive che stanno accadendo ora per affrontare la carenza, da Stampa 3D di maschere alle offerte di produttori come GM e Tesla per dedicare risorse per aiutare a risolvere la carenza di ventilatori della nazione.

Vorrei certamente che tutti i nostri sforzi fossero iniziati dalle quattro alle sei settimane fa; quello sarebbe stato il momento di mobilitare queste risorse. Detto questo, è davvero impressionante che queste risorse si stiano ora riunendo, e penso che il cittadino medio dovrebbe lasciarsi preoccupare dagli altri in questo momento.

“Aiutare i bambini a rimanere sociali mantenendo la distanza fisica renderà molto più facile per loro tornare alla connessione fisica e all'amicizia una volta che questo è finito – e sarà finita”.

Mio figlio può avere date di gioco?

DR. RONALD KLEINMAN: I playdate virtuali sono l'unico tipo sicuro. Sono anche essenziali. Rimanere connessi è vitale per il benessere sociale, emotivo e fisico dei bambini a così tanti livelli. I bambini sono creature molto sociali e tu vuoi sostenere il loro sviluppo sociale e permettere loro di vedere che i loro amici e altri bambini sono sani e funzionanti durante questo periodo. Le date di gioco virtuali consentono inoltre ai bambini di vedere come tutti possono utilizzare i social media e altri programmi online per incontrarsi.

Ci sono dozzine di ragioni per mantenere i bambini socialmente attivi durante questo periodo. Ma forse uno dei più importanti di tutti è che aiutare i bambini a rimanere sociali mantenendo la distanza fisica renderà molto più facile per loro tornare alla connessione fisica e all'amicizia una volta che questo è finito – e sarà finito.

Supporta la risposta critica dell'UNICEF all'emergenza sanitaria globale del coronavirus.

PER FAVORE DONA

Oltre alle sue funzioni presso il Massachusetts General Hospital, il Dr. Ronald Kleinman è medico capo presso il Mass General Hospital for Children (MGHfC) e Partners Pediatrics, Charles Wilder Professore di Pediatria presso la Harvard Medical School e membro della New England Regional dell'UNICEF negli Stati Uniti Consiglio di Amministrazione.

Psorilax:codice coupon |bruciore crema idratante psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, ingredienti

Psorilax:Strategie |le creme solari avene sono adatte in caso di psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, originale

HERTFORDSHIRE, Inghilterra, PITTSBURGH e MUMBAI, India, 27 marzo 2020 / PRNewswire / – Mylan NV (NASDAQ: MYL) e Lupine Limited (Lupine) hanno annunciato oggi che il Comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) dell'Agenzia europea dei medicinali ha ha adottato un parere positivo raccomandando l'approvazione di Nepexto®, un biosimilare a Enbrel® (etanercept), per tutte le indicazioni del prodotto di riferimento tra cui l'artrite reumatoide, l'artrite idiopatica giovanile, l'artrite psoriasica, la spondiloartrite assiale (inclusa la spondilite anchilosante e la spondilite non radiografica) ), psoriasi a placche e psoriasi a placche pediatrica.

L'opinione positiva del CHMP si basa su una valutazione della biosimilarità che includeva studi preclinici e clinici che dimostrano la bioequivalenza al prodotto di riferimento. Inoltre, uno studio clinico di fase 3 in pazienti con artrite reumatoide attiva da moderata a grave ha confermato l'equivalenza di Nepexto al prodotto di riferimento in termini di efficacia, sicurezza e immunogenicità.

Il parere positivo del CHMP sarà ora esaminato dalla Commissione europea (CE). Una volta approvata, la CE concederà un'autorizzazione centralizzata all'immissione in commercio per i paesi membri dell'UE. La decisione sull'approvazione della CE è prevista per maggio 2020.

Rajiv Malik, presidente di Mylan, ha commentato: “Siamo soddisfatti dell'opinione positiva del CHMP per Nepexto, etanercept biosimilare. Questa raccomandazione convalida il forte programma scientifico a supporto di questo importante trattamento, che è uno dei 20 prodotti nel nostro ampio e diversificato portafoglio di biosimilari, impegno con Lupin per aiutare ad aumentare l'accesso a trattamenti biologici più convenienti, come etanercept, in Europa e in molte altre regioni del mondo. ”

Vinita Gupta, CEO di Lupine Limited, ha dichiarato: “I biosimilari come Nepexto svolgeranno un ruolo fondamentale nell'espansione dell'accesso ai pazienti in Europa, fornendo un trattamento efficace per più terapie tra cui l'artrite reumatoide. Siamo estremamente soddisfatti dell'opinione positiva del CHMP sulla nostra applicazione. Questo traguardo ci avvicina di un passo alla realizzazione di un biosimilare economico per etanercept sul mercato europeo attraverso il nostro partner Mylan. Una volta approvato dalla Commissione europea, Nepexto sarà il nostro primo biosimilare a ricevere l'approvazione normativa in Europa. Sulla base di questi progressi, continuiamo concentrarsi sull'avanzamento della nostra pipeline biosimilare “.

Enbrel ha registrato vendite per circa 9,6 miliardi di dollari a livello globale per i 12 mesi chiusi a dicembre 2019, secondo IQVIA.

Nel giugno 2018, Lupin e Mylan hanno annunciato una collaborazione per commercializzare un biosimilare su etanercept in diversi mercati globali.

Informazioni su Etanercept Etanercept è un medicinale biologico iniettabile che inibisce il fattore di necrosi tumorale (TNF). Il TNF è una citochina chiave coinvolta nella cascata pro-infiammatoria in molte malattie infiammatorie croniche immuno-mediate come l'artrite reumatoide, l'artrite psoriasica, la spondiloartrite assiale o la psoriasi a placche. Legandosi specificamente al TNF, etanercept blocca la sua attività, riducendo così l'infiammazione e altri sintomi della malattia.

Informazioni su MylanMylan è una società farmaceutica globale impegnata a stabilire nuovi standard nel settore sanitario. Lavorando insieme in tutto il mondo per fornire a 7 miliardi di persone l'accesso a medicinali di alta qualità, innoviamo per soddisfare bisogni insoddisfatti; fare dell'abitudine l'affidabilità e l'eccellenza del servizio; fai ciò che è giusto, non ciò che è facile; e avere un impatto sul futuro attraverso un'appassionata leadership globale. Offriamo un portafoglio in crescita di oltre 7.500 prodotti commercializzati in tutto il mondo, comprese le terapie antiretrovirali dalle quali dipende circa il 40% delle persone in cura per l'HIV / AIDS a livello globale. Commercializziamo i nostri prodotti in oltre 165 paesi e territori. Siamo uno dei maggiori produttori al mondo di ingredienti farmaceutici attivi. Ogni membro della nostra forza lavoro di oltre 35.000 dipendenti è dedicato a creare una salute migliore per un mondo migliore, una persona alla volta. Ulteriori informazioni su Mylan.com. Pubblichiamo regolarmente informazioni che potrebbero essere importanti per gli investitori sul nostro sito Web all'indirizzo investor.mylan.com.

Informazioni su Lupine Limited Lupin è una società farmaceutica transnazionale guidata dall'innovazione con sede a Mumbai, in India. La Società sviluppa e commercializza una vasta gamma di formulazioni di marca e generiche, prodotti biotecnologici e API in oltre 100 mercati negli Stati Uniti, in India, in Sudafrica e in Asia-Pacifico (APAC), America Latina (LATAM), Europa e Medio Oriente .

La società gode di una posizione di leadership nei segmenti cardiovascolare, antidiabetico e respiratorio e ha una presenza significativa nelle aree antinfettive, gastrointestinali (GI), del sistema nervoso centrale (SNC) e delle donne. Lupin è la terza più grande azienda farmaceutica negli Stati Uniti per prescrizione e in India per entrate globali. La Società investe il 9,6% dei propri ricavi in ​​ricerca e sviluppo.

Lupin ha quindici siti produttivi, sette centri di ricerca, oltre 20.000 professionisti che lavorano in tutto il mondo ed è stato costantemente riconosciuto come un 'Great Place to Work' nel settore delle biotecnologie e dei prodotti farmaceutici.

Per ulteriori informazioni, visitare www.lupin.com. Seguici su Twitter: https://twitter.com/LupinGlobal LinkedIn: https://www.linkedin.com/company/lupin/ Facebook: http://www.facebook.com/LupinWorld/

Dichiarazioni lungimiranti: Mylan Il presente comunicato stampa include dichiarazioni che costituiscono “dichiarazioni previsionali”, anche per quanto riguarda i tempi delle approvazioni normative; che il parere positivo del CHMP sarà ora preso in considerazione dalla CE; una volta approvata, la CE concederà un'autorizzazione centralizzata all'immissione in commercio per i paesi membri dell'UE; e la decisione sull'approvazione della CE è prevista per maggio 2020. Poiché le dichiarazioni previsionali implicano intrinsecamente rischi e incertezze, i risultati futuri effettivi possono differire materialmente da quelli espressi o impliciti da tali dichiarazioni. I fattori che potrebbero causare o contribuire a tali differenze includono, ma non si limitano all'impatto di epidemie e pandemie sulla salute pubblica, come la pandemia COVID-19; qualsiasi modifica, interruzione o difficoltà della capacità di Mylan o dei suoi partner di sviluppare, fabbricare e commercializzare prodotti; l'effetto di eventuali cambiamenti nelle relazioni con i clienti e dei fornitori di Mylan o dei suoi partner e dei modelli di acquisto dei clienti; altri cambiamenti nelle relazioni con terzi; l'impatto della concorrenza; cambiamenti nelle condizioni economiche e finanziarie delle imprese di Mylan o dei suoi partner; portata, tempistica ed esito di eventuali procedimenti legali in corso e impatto di tali procedimenti sulle attività di Mylan o dei suoi partner; qualsiasi ostacolo normativo, legale o di altro genere alla capacità di Mylan o dei suoi partner di commercializzare prodotti; azioni e decisioni dei regolatori sanitari e farmaceutici e modifiche delle leggi e dei regolamenti sanitari e farmaceutici, negli Stati Uniti e all'estero; Capacità di Mylan e dei suoi partner di proteggere la proprietà intellettuale e preservare i diritti di proprietà intellettuale; rischi associati alle operazioni internazionali; altre incertezze e questioni al di fuori del controllo della gestione; e gli altri rischi dettagliati nei documenti di Mylan presso la Securities and Exchange Commission. Mylan non si assume alcun obbligo di aggiornare queste dichiarazioni per revisioni o modifiche dopo la data di questo rilascio.

Dichiarazioni lungimiranti: lupino Questo comunicato stampa include dichiarazioni che costituiscono “dichiarazioni previsionali”, anche per quanto riguarda: la commercializzazione di Mylan e Lupin di un biosimilare a Enbrel® (etanercept); che l'introduzione dei biosimilari è un meccanismo importante per aiutare ad aumentare l'accesso a trattamenti biologici più convenienti e che il nostro portafoglio leader di 20 prodotti biosimilari posiziona Mylan in prima linea nella realizzazione di tali risparmi; che Mylan non vede l'ora di lavorare a stretto contatto con Lupin per portare il loro etanercept biosimilare sul mercato e raggiungere pazienti in Europa, Australia, America Latina e Asia. Queste dichiarazioni sono rese in conformità alle disposizioni del Safe Harbor del Private Securities Litigation Reform Act del 1995. Poiché tali dichiarazioni implicitamente implicano rischi e incertezze, i risultati futuri effettivi possono differire materialmente da quelli espressi o impliciti da tali dichiarazioni previsionali. I fattori che potrebbero causare o contribuire a tali differenze includono, ma non sono limitati a: successo degli studi clinici e capacità dei nostri o dei nostri partner di attuare nuove opportunità di prodotto; eventuali impedimenti normativi, legali o di altro genere alla capacità dei nostri o dei nostri partner di immettere sul mercato prodotti; altri rischi inerenti allo sviluppo del prodotto; portata, tempistica ed esito di eventuali procedimenti legali in corso, comprese le indagini governative, e l'impatto di tali procedimenti sulle nostre attività o sui nostri partner; azioni e decisioni dei regolatori sanitari e farmaceutici e modifiche delle leggi e dei regolamenti sanitari e farmaceutici, negli Stati Uniti e all'estero; l'impatto della concorrenza; strategie di concorrenti o di terzi per ritardare o impedire l'introduzione di prodotti; l'effetto di eventuali cambiamenti nelle relazioni con i clienti e fornitori dei nostri o dei nostri partner e dei modelli di acquisto dei clienti; qualsiasi altra modifica nelle relazioni con terzi; cambiamenti nelle condizioni economiche e finanziarie delle imprese di Mylan o dei suoi partner; incertezze e questioni al di fuori del controllo della gestione; e gli altri rischi dettagliati nei documenti di Mylan presso la Securities and Exchange Commission. Mylan non si assume alcun obbligo di aggiornare queste dichiarazioni per revisioni o modifiche dopo la data di questo rilascio.

i Yamanaka H et al., Uno studio comparativo per valutare l'efficacia, la sicurezza e l'immunogenicità di YLB113 e del prodotto di riferimento di Etanercept per il trattamento di pazienti con artrite reumatoide Rheumatol Ther. 2020; 7 (1): 149-163. doi: 10.1007 / s40744-019-00186-3

Mylan (PRNewsfoto / Mylan N.V.)

Cision Visualizza contenuti originali per scaricare contenuti multimediali: http: //www.prnewswire.com/news-releases/mylan-and-lupin-announce-positive-chmp-opinion-for-nepexto-biosimilar-etanercept-301030934.html

FONTE Mylan N.V.

Psorilax:Eliminare |psoriasi foto creme

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, composizione

Autori: Geoffrey William Fisher, DO e Carolyne Riehle, OMS-IV UNECOM // A cura di: Alex Koyfman, MD (@EMHighAK) e Brit Long, MD (@long_brit)

Astuccio

Una donna di 31 anni arriva con una denuncia principale di “tosse”. Di recente ha sperimentato attacchi di tosse non produttivi. Ammette di sentirsi “calda” a casa ma non ha preso la sua temperatura. Ha anche avuto rinorrea e congestione.

La paziente ha anche notato alcuni cambiamenti nella sua visione, cosa mai accaduta prima. Afferma che 4 o 5 settimane fa ha avuto sintomi di “formicolio” alle gambe che sono durati circa una settimana, ma nega qualsiasi evento traumatico o cambiamenti nell'attività che potrebbero aver incitato a questo evento. Nega eventuali parestesie o disturbi dell'andatura / coordinazione.

VS iniziale: BP 114/76, HR 77, T 100.7F orale, RR 16 e SpO2 100% su aria ambiente. L'esame fisico è normale tranne che per il suo esame neuro. Ha un leggero ritardo nell'adduzione oculare allo sguardo laterale, bilateralmente. Tuttavia, al momento della convergenza entrambi gli occhi si addensano rapidamente. A parte questo risultato, i nervi cranici II-XII sembrano intatti. I riflessi sono 2/4 in tutto, i sensori sono intatti e il paziente non mostra anomalie dell'andatura durante la deambulazione.

I risultati di laboratorio sono pertinenti per WBC 14.000 cellule / mcL, con test di gravidanza negativo, elettroliti normali e test di funzionalità epatica.

In base a ciò che hai visto finora, cosa potrebbe succedere?

Diagnosi differenziale

Una giovane donna con sintomi neurologici e segni di infezione virale può avere una diagnosi differenziale lunga. Fortunatamente, la diagnosi differenziale per l'oftalmoplegia internucleare (INO) è estremamente breve!

  • Sclerosi multipla; dove la lesione demielinizzante ha preso di mira il fascicolo longitudinale mediale (MLF)
    • Spesso si presenta in una popolazione più giovane
    • Si presenta come ritardo bilaterale dell'adduzione con lo sguardo laterale ma la convergenza viene preservata (perché l'MLF non è coinvolto nello sguardo convergente)
  • Malattia cerebrovascolare che coinvolge la malattia lacunare e l'occlusione delle piccole arterie penetranti derivanti dall'arteria basilare
    • Spesso nella popolazione anziana con più comorbilità
    • Regali abituali unilateralmente
    • Può o meno aver preservato la convergenza
  • Paralisi parziale del terzo nervo – non vero INO
    • Di solito si presenta con debolezza unilaterale di elevazione, ptosi, dilatazione della pupilla e compromissione della convergenza
  • Infezione
    • Spesso i pazienti presentano fotofobia, nistagmo e altri sintomi di meningite / encefalite
  • Ematoma sub durale
    • Presenta una storia di traumi cranici
  • Intossicazioni da farmaci: antidepressivi triciclici, fenotiazine, narcotici, litio, barbiturici, propranololo
    • I pazienti hanno spesso una storia di ansia / depressione con precedenti tentativi di autolesionismo.
    • Il paziente è spesso presente in vari stati di stato mentale depresso insieme ad altri segni di sovradosaggio di farmaci.

Risposta: Sclerosi multipla, bagliore secondario all'URI.

Qual è il ruolo di un documento EM quando si tratta di sclerosi multipla?

La gestione e il controllo delle complicanze potenzialmente letali vengono prima di tutto. Con una presentazione iniziale non pericolosa per la vita, tuttavia, non solo la diagnosi farà ottenere ai pazienti le risorse di cui hanno bisogno prima attraverso un referral neurologico, ma è stato dimostrato che il trattamento precoce al momento della presentazione ha un impatto significativo sulla progressione della malattia, in alcuni istanze che ritardano la ricorrenza e la progressione fino a 5 anni.1

Epidemiologia

Secondario al trauma, la SM è la più comune causa di disabilità neurologica nei giovani adulti.2 L'incidenza è generalmente 2-3 volte maggiore nelle femmine rispetto ai maschi, con un'età media di insorgenza di 28-31 anni. Si ritiene che la SM sia una condizione autoimmune e, come molte altre condizioni autoimmuni, ha una maggiore prevalenza in pazienti affetti da altre condizioni autoimmuni, la più comune è la psoriasi e la malattia della tiroide (rispettivamente 7,7 e 6,4%).3

fisiopatologia

La sclerosi multipla è una malattia demielinizzante del sistema nervoso centrale che porta a una lesione assonale diffusa. La patogenesi di questo è in qualche modo dibattuta, sebbene la teoria predominante sia la risposta autoimmune mediata da cellule T diretta contro componenti strutturali della guaina mielinica trovata nel sistema nervoso centrale. Questo paziente presenta INO bilaterale, che è classico nei pazienti con SM a causa della mielinizzazione eccezionalmente densa, nonché della posizione periventricolare dell'MLF.

INO è un disturbo dello sguardo laterale coniugato in cui l'occhio o gli occhi interessati mostrano una compromissione dell'adduzione. Quando si tenta di guardare in modo controlaterale (rispetto all'occhio interessato), l'occhio interessato non riesce ad addurre. L'occhio controlaterale rapirà ma mostrerà nistagmo. La divergenza degli occhi porterà a diplopia orizzontale o “visione doppia”. Ad esempio, se l'occhio destro è interessato, il paziente “vedrà il doppio” guardando a sinistra. La convergenza è generalmente preservata.

L'INO è causato da un'interruzione dell'MLF, in particolare la sua connessione tra il nucleo CN VI su un lato del ponte e il subnucleo del retto mediale della CN III nel mesencefalo controlaterale. L'MLF collega i nuclei vestibolari con i nuclei oculomotori, trocleari e addotti, nonché i motoneuroni che controllano la muscolatura cervicale. Specifici per lo sguardo orizzontale, gli interneuroni eccitatori si proiettano contralateralmente dal nucleo degli abduceni (CN VI) attraverso l'MLF al nucleo oculomotore opposto, per sinapsi con i motoneuroni che forniscono il muscolo retto mediale. L'effetto combinato è di addurre l'occhio (Figura 2).

E l'URI del paziente?

Gli studi suggeriscono che le risposte infettive e infiammatorie sistemiche che spesso si trovano negli URI e nelle IVU sono un fattore di mediazione per i razzi della SM.4 È noto che i pazienti con SM hanno recettori difettosi sulle cellule T regolatorie, che sono responsabili nel prevenire la produzione di anticorpi contro i tessuti ospiti nativi. Con queste protezioni autoimmuni difettose, gli anticorpi diretti verso la mielina vengono creati per inciso o attraverso l'autoreattività delle cellule T, il mimetismo molecolare o l'attivazione delle cellule immunitarie guidate dai superantigeni.5 Pertanto, è importante essere sospettosi della SM in un paziente con nuovi disturbi neurologici in presenza di infezione.

Sottotipi di SM e presentazione clinica

Normalmente, i pazienti inizialmente presentano una “Sindrome clinicamente isolata” (CIS) che dimostra sintomi coerenti con la malattia demielinizzante, ma che potrebbero non soddisfare tutte le caratteristiche di una presentazione classica di SM. I sintomi clinicamente più rilevanti spesso osservati in questi pazienti sono elencati nella Tabella 1.

Circa il 15% dei pazienti che presentano un CIS non dimostrerà mai una seconda ricaduta o ulteriore progressione, chiamata “SM benigna”. Nel resto della popolazione di pazienti, l'85% alla fine soffrirà del tipo di recidiva e remissione (RRMS), caratterizzato da episodi chiaramente definiti di insulto neurologico, spesso senza deficit residuo al momento del recupero. La maggior parte dei pazienti con RRMS subirà ulteriori razzi neurologici periodici per il resto della loro vita. Un piccolo sottogruppo di pazienti con RRMS progredirà con ciò che è noto come SM progressiva secondaria (SPMS), in cui non vi sono periodi di sollievo per la remissione dei sintomi e invece il paziente sperimenta una graduale progressione dei sintomi. Lo SPMS si verifica in genere 19 anni dopo il CIS iniziale del paziente. Infine, il 10% dei pazienti sperimenterà una forma di SM nota come Progressivo Primario (PPMS), caratterizzata da disabilità progressiva, con plateau periodici nei sintomi (e raramente stati di remissione molto lievi e brevi).

PERLA: Patients con PPMS esibiscono classicamente paralisi spastica durante il loro CIS e spesso sono inizialmente diagnosticati con mielite trasversa.

io. Uno studio ha scoperto che quasi il 18% dei pazienti che presentavano razzi acuti della sclerosi multipla ha mostrato un'analisi dell'astina di livello urinaria coerente con l'IVU.5

ii. La demenza da Frank si verifica in meno del 5% dei pazienti; tuttavia, i test neuropsicologici di solito dimostrano alcuni compromissione dell'attenzione complessa, efficienza dell'elaborazione delle informazioni, funzionamento esecutivo, velocità di elaborazione o memoria a lungo termine.

Pratiche presentazioni cliniche “fuori regola”16

Non solo ci sono presentazioni cliniche classiche indicative della SM, ma ci sono diverse presentazioni chiave dei pazienti che consentono di posizionare la SM molto più in basso sul differenziale, in particolare: perdita dell'udito (soprattutto bilaterale), presentazione di parestesie in pazienti di età inferiore ai 10 anni o maggiore di 50, ESR sierica> 80, proteina CSF> 100 e WBC CSF> 50.

Diagnosi: TEMPO e SPAZIO

  • La diagnosi di SM è ampiamente clinica e utilizza i criteri McDonald, spiegati di seguito.
  • Le punture lombari non sono più necessarie per la diagnosi di SM.
    • Gli LP cercano bande oligoclonali e IgG elevate come indicatori della sclerosi multipla, e sebbene non siano più necessarie, possono ancora avere qualche utilità in determinate situazioni.

Criteri di McDonald: Questi sono stati originariamente stabiliti per aiutare la diagnosi clinica della SM in base alla ricorrenza dei sintomi (diffusione attraverso TIME) e alla presenza di nuovi sintomi diversi da quelli della CSI (diffusione tramite SPACE del sistema nervoso centrale). Ciò ha richiesto l'osservazione nel corso degli anni per dimostrare la diffusione della malattia attraverso “tempo” e “spazio” e ha ritardato la diagnosi. Nel 2010 è stata realizzata una versione rivista e le linee guida attuali hanno rispettivamente una sensibilità e una specificità del 77% e del 92%.6

Qual è il valore reale dell'analisi del liquido cerebrospinale di un paziente?

La presenza di IgG (e meno frequentemente, IgM) e bande oligoclonali (OCB) sull'elettroforesi servono da marker di attività immunitaria all'interno del sistema nervoso centrale. Le immunoglobuline non attraversano facilmente la Blood Brain Barrier (BBB), quindi un elevato rapporto tra CSF e Ig sierica è un segno distintivo della patologia della SM. Nei pazienti con diagnosi di SM, la presenza di OCB è unica per il liquido cerebrospinale rispetto al siero. In questi stessi pazienti, il 70-90% ha un CSF significativamente elevato: indice sierico di IgG.7

Nella CSI, gli OCB si trovano in circa il 60% dei pazienti. Tuttavia, gli studi hanno dimostrato che la quantità di OCB nella CSI è fortemente correlata al numero di lesioni presenti su una risonanza magnetica al basale.8

Mentre questa evidenza mostra che c'è qualche utilità diagnostica in un indice di IgG, ricorda che ci sono molte altre cause di infiammazione del sistema nervoso centrale e interruzione del BBB che possono portare a un elevato indice di IgG, tra cui meningite virale, PML, linfoma, neurosifilide, infiammazione acuta polradiculoneuropatia e panencefalite sclerosante subacuta. Fondamentalmente, dovresti cercare OCB e un indice IgG elevato quando una risonanza magnetica non è disponibile solo quando puoi tranquillamente escludere altre cause di risultati potenzialmente positivi.

Necessità e applicazione della risonanza magnetica

Una risonanza magnetica con e senza contrasto dovrebbe essere ottenuta in tutti i pazienti sospettati di avere CIS o SM. I pazienti avranno bisogno di una base per il follow-up con la neurologia. Detto questo, è irragionevole pensare che tutti gli ED abbiano immediatamente accesso a una risonanza magnetica. In questi casi, è possibile eseguire un LP alla ricerca di prove di OCB e un indice Ig elevato. Se il paziente non ha una diagnosi nota di sclerosi multipla con deficit focali, l'ammissione è garantita.

Se hai accesso a una risonanza magnetica, ecco cosa devi considerare: in un'immagine T1, la materia grigia emette una bassa luminosità del segnale, mentre la materia bianca emette il segnale più luminoso (e CSF, che è principalmente acqua al confronto, dà quasi senza segnale). T2 è praticamente un'immagine inversa di ciò (pensatelo come negativo) e FLAIR (recupero dell'inversione attenuato dal fluido) seleziona in modo intelligente e scarta il segnale prodotto dal CSF. Con un'immagine T2-FLAIR normalmente sana mieliniche la sostanza bianca apparirà grigio scuro, mentre le regioni demielinizzate rappresentative dei vecchi bagliori appariranno bianche luminose! Al contrario, le placche attive sono meglio visualizzate con il potenziamento del gadolinio T1, perché durante un bagliore attivo il BBB è compromesso consentendo la permeazione della lesione mediante il contrasto che circola nel sangue. Questo è un buon modo per utilizzare una risonanza magnetica per soddisfare i criteri di diffusione nel tempo.

La diagnosi di MRI si concentra sulla diffusione nello spazio e la diagnosi di SM include lesioni in almeno 2 dei 5 seguenti luoghi: Periventricolare: ≥3 lesioni, Cortico-Juxtacortical: ≥1 lesione, Infratentoriale: ≥1 lesione, Midollo spinale: ≥1 lesione , Nervo ottico: ≥1 lesione.19,20-24, 27-32


Trattamento

  • Chiarore acuto della SM17-18
    • Nei pazienti con diagnosi di SM, il metilprednisolone o il prednisone orale sono i trattamenti di scelta per i razzi.
      • Metodo preferito: Un corso di 5 giorni di metilprednisolone endovenoso 1000 mg al giorno senza rastremazione orale, comunemente completato come ricoverato.
      • Metodo alternativo: Un ciclo di 3-7 giorni di prednisone orale, da 625 a 1250 mg al giorno, con o senza cono corto può essere utilizzato anche in pazienti che desiderano una terapia ambulatoriale che non vogliono tornare in ospedale per infusioni quotidiane.
    • perle:
      • Se il paziente ha segni di infezione sistemica, il trattamento con glucocorticoidi deve essere ritardato fino a quando l'infezione non è stata trattata e risolta.
      • I pazienti con osteoporosi / penia, altri disturbi della demineralizzazione ossea o storia di fratture dovranno essere informati sul loro aumento del rischio di frattura durante il trattamento con glucocorticoidi.
  • CIS: Trattare come una terapia di interferone acuta con flare +/- β
    • In studi randomizzati e controllati, il trattamento con interferoni beta, glatiramer acetato e immunoglobuline IV ha dimostrato di ritardare la conversione della CIS in SM fino a 5 anni.1,9-15 Tuttavia, non è ancora noto se tali trattamenti abbiano alcun effetto sulla disabilità a lungo termine.
    • Il ruolo della terapia con interferone nella DE dovrebbe essere svolto su richiesta di un consulto di neurologia. Se i sintomi del paziente giustificano la dimissione, è necessario contattare la neurologia per confermare se una dose iniziale di terapia con interferone deve essere somministrata prima della dimissione.

Disposizione

I motivi dell'ammissione comprendono diverse considerazioni. I pazienti con deficit neurologici focali o per coloro nei quali la diagnosi di SM non è confermata devono essere ammessi. Altri motivi per l'ammissione includono sintomi invalidanti / potenzialmente letali, pazienti con diabete preesistente (a causa del trattamento con glucocorticoidi ad alte dosi, questi pazienti possono manifestare iperglicemia grave e richiedono un rigoroso monitoraggio del glucosio ospedaliero con controllo dell'insulina), pazienti con grave eventi incitanti come la sepsi e coloro che non sono in grado di ottenere follow-up o con situazioni sociali sfavorevoli. I pazienti possono essere appropriati per la dimissione se la diagnosi di SM è confermata e la neurologia e l'assistenza di base sono assicurate entro i prossimi giorni.

Porta a casa i punti

  • La storia e la presentazione sono forse le più importanti e possono fornire prove sufficienti della progressione della malattia “attraverso tempo e spazio“Per raggiungere una diagnosi.
  • MRI sarà necessario ad un certo punto per cercare lesioni asintomatiche e stabilire una base per il monitoraggio futuro.
  • LP può essere utilizzato se una risonanza magnetica non è disponibile o inequivocabile, ma la sensibilità è spesso bassa nella CSIe la specificità è elevata solo quando è possibile escludere altre cause di un indice Ig elevato.
  • Il trattamento consiste in steroidi ad alte dosi +/- β interferone se hai motivo di credere che si tratti di un CIS.

Riferimenti / Ulteriori letture:

  1. Kinkel RP, Kollman C, O’Connor P, et al., CHAMPIONS Study Group. L'interferone IM beta-1a ritarda la sclerosi multipla definita 5 anni dopo un primo evento demielinizzante. Neurologia. 2006; 66 (5): 678. Epub 2006, 25 gennaio
  2. Ramagopalan SV, Sadovnick AD. Epidemiologia della sclerosi multipla. Neurologic Clinics, 29 maggio 2011. Volume 29, Numero 2, Pagine 207-217
  3. Marrie RA, Reider N, Cohen J, et al. Una revisione sistematica dell'incidenza e della prevalenza della malattia autoimmune nella sclerosi multipla. Sclerosi multipla. 2015 marzo; 21 (3): 282–293
  4. Correale J, Fiol M, Gilmore W. Il rischio di recidive nella sclerosi multipla durante le infezioni sistemiche. Neurologia. 22 agosto 2006; 67 (4): 652-9
  5. Infezioni da Mahadeva A, Tanasescu R e Gran B. Infezioni del tratto urinario nella sclerosi multipla: mal diagnosticata e maltrattata? Un audit clinico presso un grande ospedale universitario. American Journal of Clinical and Experimental Immunology. 2014; 3 (1): 57–67
  6. Swanton JK, Fernando K, Dalton CM e altri. Modifica dei criteri di RM per la sclerosi multipla in pazienti con sindromi clinicamente isolate. Journal of Neurology, Neurosurgery & Psychiatry. 2006; 77 (7): 830-3.
  7. Luzzio C, Dangond F. Sclerosi multipla – Puntura lombare. emedicine.medscape.com 02 giu 2017
  8. Kuhle J, et al. Conversione dalla sindrome clinicamente isolata alla sclerosi multipla: un ampio studio multicentrico. Diario della sclerosi multipla. 2015, vol. 21 (8) 1013-1024
  9. Jacobs LD, Beck RW, Simon JH, et al. Terapia con beta-1a interferone intramuscolare iniziata durante un primo evento demielinizzante nella sclerosi multipla. Gruppo di studio CHAMPS. New England Journal of Medicine. 28 settembre 2000; 343 (13): 898-904
  10. Comi G, Filippi M, Barkhof F, et al, gruppo di studio per il trattamento precoce della sclerosi multipla. Effetto del trattamento precoce dell'interferone sulla conversione in sclerosi multipla definita: uno studio randomizzato. Lancetta. 2001; 357 (9268): 1576.
  11. Filippi M, Rovaris M, Inglese M, et al. L'interferone beta-1a per la perdita di tessuto cerebrale nei pazienti alla presentazione con sindromi indicative di sclerosi multipla: uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo. 2004; 364 (9444): 1489.
  12. Kappos L, Polman CH, Freedman MS, et al. Il trattamento con interferone beta-1b ritarda la conversione in MS clinicamente definito e McDonald nei pazienti con sindromi clinicamente isolate. 2006; 67 (7): 1242. Epub 2006, 16 agosto.
  13. Clerico M, Faggiano F, Palace J, et al. Interferone beta ricombinante o glatiramer acetato per ritardare la conversione del primo evento demielinizzante in sclerosi multipla. Database Cochrane Syst Rev. 2008
  14. Kappos L, Freedman MS, Polman CH, et al, gruppo di studio BENEFIT. Effetto del trattamento precoce contro ritardato dell'interferone beta-1b sulla disabilità dopo un primo evento clinico indicativo di sclerosi multipla: un'analisi di follow-up di 3 anni dello studio BENEFIT. 2007; 370 (9585): 389.
  15. Kappos L, Freedman MS, Polman CH, et al. Gruppo di studio BENEFIT. Effetto a lungo termine del trattamento precoce con interferone beta-1b dopo un primo evento clinico indicativo di sclerosi multipla: estensione del trattamento attivo di 5 anni dello studio di fase 3 BENEFIT. Lancet Neurol. 2009; 8 (11): 987.
  16. Westover B, DeCroos E, Awad K, Bianchi M. Pocket Neurology: Second Edition. Wolters Kluwer Publishing.
  17. Kupersmith MJ, Kaufman D, Paty DW, Ebers G, McFarland H, Johnson K, Reingold S, Whitaker J. Megadose corticosteroidi nella sclerosi multipla. 1994 gennaio; 44 (1): 1-4.
  18. Murray TJ. Diagnosi e trattamento della sclerosi multipla. 2006; 332 (7540): 525.
  19. Kang H, Metz LM, Traboulsee AL, Eliasziw M, Zhao GJ, Cheng Y, Zhao Y, Li1 DKB e la minociclina nel gruppo di studio della CSI. Applicazione e una proposta di modifica dei criteri McDonald 2010 per la diagnosi di sclerosi multipla in una coorte canadese di pazienti con sindromi clinicamente isolate. Journal della sclerosi multipla 2014, vol. 20 (4) 458–463
  20. Filippi M, Rocca MA, Ciccarelli O, et al. Criteri di risonanza magnetica per la diagnosi di sclerosi multipla: linee guida di consenso MAGNIMS. The Lancet Neurology, Volume 15, Numero 3, 2016, Pagine 292-303, ISSN 1474-4422
  21. Absinta M, Rocca MA, Colombo B, et al. I pazienti con emicrania non presentano lesioni corticali visibili alla RM. Journal of Neurology, 259 (2012) pagg. 2695-2698
  22. Miller D, Barkhof F, Montalban X, Thompson A, Filippi M. Sindromi clinicamente isolate che suggeriscono la sclerosi multipla, parte I: storia naturale, patogenesi, diagnosi e prognosi. The Lancet Neurology, Volume 4, Numero 5, 2005, Pagine 281-288, ISSN 1474-4422
  23. Tintore M, Rovira A, Rio J, et al. Definizione di fattori prognostici ad alto, medio e basso impatto per lo sviluppo della sclerosi multipla. Brain, 138 (2015), pagg. 1863-1874
  24. Calabrese M, Oh MS, Favaretto A, et al. Nessuna evidenza di risonanza magnetica delle lesioni corticali nella neuromielite optica. Neurology, 79 (2012), pagg. 1671-1676
  25. Favaretto A, Poggiali D, Lazzarotto A, Rolma G, Causin F, Gallo P. L'analisi parallela delle immagini di recupero di inversione sensibile alla fase (PSIR) e di doppia inversione (DIR) migliora significativamente il rilevamento di lesioni corticali nella sclerosi multipla (SM) dall'inizio clinico. PLoS One, 10 (2015), pag. e0127805
  26. Calabrese M, De Stefano N, Atzori M, et al. Rilevazione di lesioni infiammatorie corticali mediante imaging a risonanza magnetica a doppia inversione di recupero in pazienti con sclerosi multipla. Arch Neurol, 64 (2007), pagg. 1416-1422
  27. Sombekke MH, Wattjes MP, Balk LJ, et al. Lesioni del midollo spinale in pazienti con sindrome clinicamente isolata: un potente strumento di diagnosi e prognosi. Neurology, 80 (2013), pagg. 69-75
  28. Bot JC, Barkhof F, Polman CH, et al. Anomalie del midollo spinale in pazienti con SM recentemente diagnosticati: valore aggiunto dell'esame RM spinale. Neurology, 62 (2004), pagg. 226-233
  29. Weier K, Mazraeh J, Naegelin Y, et al. Risonanza magnetica biplanare per la valutazione del midollo spinale nella sclerosi multipla. Mult Scler, 18 (2012), pagg. 1560-1569
  30. Nair G, Absinta M, Reich DS. Sequenza T1-MPRAGE ottimizzata per una migliore visualizzazione delle lesioni della sclerosi multipla del midollo spinale a 3T. AJNR Am J Neuroradiol, 34 (2013), pagg. 2215-2222
  31. Giorgio A., et al. La localizzazione delle lesioni cerebrali prevede la conversione di sindromi clinicamente isolate in sclerosi multipla. Neurology, 80 (3) (2013), pagg. 234-241
  32. Droby A, Fleischer V, Carnini M, Zimmermann H, Siffrin V, Gawehn J, Erb M, Hildebrandt A, Baier B, Zipp F. L'impatto di lesioni isolate su tratti di fibre di sostanza bianca in pazienti con sclerosi multipla. NeuroImage: Clinical, Volume 8, 2015, Pages 110-116, ISSN 2213-1582

Psorilax:Risolvi |crema per psoriasi protosone

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, ingredienti

La psoriasi è un processo patologico imprevedibile che può colpire non solo la pelle di mani, piedi, testa, ma anche articolazioni, unghie e occhi. Ma a causa di cosa sorge e cosa fare in caso di esacerbazione della malattia?

La psoriasi o il lichene squamoso è una malattia cronica non trasmissibile.

Di solito è caratterizzato dalla comparsa di macchie rosa sulla pelle che ricoprono i fiocchi bianchi secchi. Nel corso del tempo, le aree colpite si ingrossano, ricoperte da una crosta. La malattia è caratterizzata da periodi di remissione e recidiva, che si alternano a seconda di fattori provocatori.

Cause di esacerbazione della malattia

Molto spesso, i fattori dipendono dalle caratteristiche individuali di una persona. Ma ci sono ancora cause comuni che portano allo sviluppo del lichene squamoso.

Le fonti della malattia possono essere:

  • stress, tensione e stress,
  • sistema immunitario indebolito
  • danno chimico e meccanico alla pelle,
  • attività fisica prolungata,
  • nutrizione squilibrata e mancanza di vitamine e minerali essenziali,
  • cambiamenti ormonali durante la gravidanza,
  • abuso di sigarette e alcol,
  • un forte cambiamento nel clima
  • alcuni ingredienti nei cosmetici
  • interruzioni nel sistema endocrino,
  • prendendo ormoni
  • patologie infettive e virali,
  • gli effetti negativi di antibiotici, vaccinazioni e alcuni tipi di dispositivi medici.

Remissione della psoriasi: che cos'è?

Il termine remissione si riferisce all'indebolimento temporaneo o alla completa scomparsa dei sintomi della malattia. Per quanto riguarda la psoriasi, questa condizione significa l'attenuazione del processo infiammatorio, la scomparsa di placche psoriasiche e sensazioni spiacevoli (prurito, desquamazione).

In questo caso, il paziente deve capire che il periodo di remissione non è un recupero. Anche dopo il restauro e la guarigione della pelle, i cambiamenti patologici sono preservati nel derma e può verificarsi in qualsiasi momento un'esacerbazione del processo psoriasico. Durante i periodi di miglioramento, il compito più importante del paziente e del medico è seguire misure preventive e assumere farmaci in grado di mantenere e prolungare lo stato di remissione.

Come ottenere la remissione della psoriasi?

Per ottenere la remissione della psoriasi, è necessario seguire attentamente le raccomandazioni del medico curante e riconsiderare completamente lo stile di vita. La complessa terapia della psoriasi comprende le seguenti misure:

Trattamento sistemico

I seguenti farmaci sono prescritti ai pazienti:

  1. Antistaminici per alleviare il prurito e l'infiammazione,
  2. Farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS),
  3. Antibiotici (con attaccamento di infezioni secondarie),
  4. Nelle forme gravi di psoriasi, vengono prescritti citostatici (Sandimun, Metotrexato), retinoidi arotmici.

Inoltre, la composizione della terapia complessa include preparazioni di calcio, tiosolfato di sodio, diuretici. Ciò ti consente di purificare il corpo dalle tossine ed eliminare il gonfiore. Complessi vitaminici-minerali e corticosteroidi aiutano a rafforzare l'efficacia del trattamento. Per mantenere il sistema nervoso, vengono prescritti sedativi e antidepressivi.

Trattamento della psoriasi esterna

Un ruolo importante nel raggiungimento della remissione della psoriasi è svolto da agenti esterni (unguenti, gel, soluzioni, creme, aerosol). Il loro uso consente di rimuovere rapidamente i sintomi dolorosi, eliminare il prurito, l'infiammazione e prevenire la comparsa di nuove eruzioni cutanee.

Unguenti e creme a base di acido salicilico, zinco, catrame, olio di naftalano e solidolo sono particolarmente popolari. L'industria farmaceutica produce molti farmaci basati su questi componenti, che possono essere utilizzati a lungo, perché non creano dipendenza e hanno un minimo di effetti collaterali.

Con gravi manifestazioni di psoriasi, vengono usati pomate ormonali (Advantan, Dermoveit, Lokoid, Flucinar, Fluorocort e molti altri). Un medico dovrebbe prescrivere tali farmaci, che dovrebbero essere usati in brevi corsi, poiché i farmaci a base di ormoni hanno molti effetti collaterali e controindicazioni.

Procedure fisioterapiche e dieta

La fisioterapia fornisce un grande aiuto per raggiungere la remissione. Per il trattamento della psoriasi viene utilizzato il metodo PUVA (i farmaci a base di psoralene sono prescritti contemporaneamente alle radiazioni ultraviolette). Inoltre, le procedure come applicazioni di paraffina per lesioni, crioterapia, terapia con eccimeri laser aiutano a migliorare.

Durante un'esacerbazione della psoriasi, al paziente viene prescritta una dieta di scarico. Nella fase più acuta della malattia, al paziente viene raccomandato il digiuno terapeutico e l'assunzione di acqua minerale calda, che consente di purificare il corpo dalle tossine. In futuro, devi aderire a una dieta sana. Specialisti: i nutrizionisti ti aiuteranno a scegliere la dieta ottimale (leggi di più qui), che prolungherà il periodo di remissione.

Psoriasi in remissione

Dopo aver raggiunto la remissione della psoriasi, tutti gli sforzi dovrebbero essere mirati a mantenere questa condizione e prevenire la ricaduta della malattia. Con il giusto approccio e l'osservanza delle misure preventive, il disturbo potrebbe non ricordare te stesso per molto tempo, a volte per 2-3 anni. Quindi, scopriamo quali misure il paziente dovrebbe adottare per evitare esacerbazioni della psoriasi.

  • Gli esperti raccomandano da tempo di continuare il trattamento e assumere i farmaci necessari anche dopo la scomparsa delle manifestazioni visibili della psoriasi. È impossibile interrompere bruscamente il corso del trattamento, poiché negli strati profondi del derma il processo infiammatorio persiste ancora e può portare a nuove esacerbazioni.
  • Dopo aver raggiunto una remissione stabile, non devono essere assunti altri farmaci, ad eccezione di quelli prescritti dal medico per motivi di salute (cardiaca, antidiabetica, antiipertensiva). I farmaci non controllati e non sistematici possono provocare reazioni allergiche e causare nuovamente esacerbazione della psoriasi.
  • Durante i periodi di remissione, è necessario identificare ed eliminare tempestivamente eventuali focolai di infezione nel corpo (sinusite, otite media, tonsillite, carie, colecistite, ecc.), Per prevenire raffreddori e ipotermia.
  • Evita situazioni stressanti! L'eccessiva tensione neuropsichica, il sovraccarico di lavoro, i esaurimenti nervosi possono causare una esacerbazione della malattia. Per rafforzare il sistema nervoso, bere sedativi a base di erbe (tintura di valeriana, erba madre, menta, marshmallow). Di grande importanza è l'atteggiamento psicologico e l'atteggiamento di una persona nei confronti della sua malattia. Non dovresti concentrarti sulle manifestazioni della malattia ed evitare la comunicazione con altre persone. È necessario lottare per adattarsi in un ambiente sociale e professionale, questo aiuterà ad evitare complessi inverosimili e stati depressivi.
  • Spesso la causa di eruzioni cutanee ripetute è un danno meccanico alla pelle (il cosiddetto fenomeno di Koebner). Pertanto, durante i periodi di remissione, proteggere la pelle dall'apparizione di abrasioni, lesioni, tagli, ustioni. Per evitare graffi e graffi, accorcia le unghie.
  • Non lasciarti coinvolgere dal sole e resta alla luce diretta del sole per molto tempo. L'ultravioletto con psoriasi ha un effetto positivo, ma le radiazioni devono essere dosate.
  • Cerca di ridurre al minimo il contatto con prodotti chimici (vernici, vernici, solventi) e prodotti chimici domestici (polveri, detergenti). Possono facilmente provocare una reazione allergica ed esacerbazione della malattia.
  • Quando si fa un bagno caldo o una doccia, non usare salviette rigide. Per lavare il corpo, acquista una spugna morbida e, invece del sapone (che irrita e secca la pelle), usa gel morbidi ipoallergenici o latte per la doccia. Dopo le procedure idriche, la pelle non deve essere strofinata, deve essere picchiettata con un asciugamano morbido e si applica una crema idratante ed emolliente. Ciò contribuirà ad eliminare secchezza, prurito e desquamazione.
  • Scegli i vestiti giusti. Rifiuta i sintetici, tutte le cose e il lino dovrebbero provenire da materiali naturali (soprattutto dal cotone). Indossa un capospalla leggero e spazioso che non stringe il corpo, non si schiaccia e non strofina la pelle. Inoltre, la giusta scelta di abbigliamento risolverà il problema estetico. Se dai la preferenza ai tessuti leggeri, le squame psoriasiche sgretolate saranno assolutamente invisibili sullo sfondo.
  • Se le placche psoriasiche sono localizzate sul cuoio capelluto, la tintura dei capelli e l'uso di altri cosmetici per lo styling (vernici, spray) sono controindicati. Inoltre, cerca di evitare effetti termici e rifiuta l'acconciatura quotidiana con un asciugacapelli e l'uso di stiratura o arricciatura.

Al fine di prolungare il più a lungo possibile lo stato di remissione, gli esperti consigliano di pulire periodicamente il corpo. A tale scopo vengono presi gli enterosorbenti (carbone attivo, Polysorb, Enterosgel, Sorbex). Tali farmaci aiutano a rimuovere allergeni, prodotti di decomposizione e sostanze tossiche dal corpo. È particolarmente importante assumere sorbenti per violazioni della dieta o dopo aver bevuto alcolici.

Durante il trattamento della psoriasi, il paziente è costretto a prendere molti farmaci, molti dei quali influenzano negativamente il sistema digestivo e sconvolgono l'equilibrio della microflora benefica. I preparati enzimatici e i probiotici (Linex, Bifiform, Bifidumbacterin) aiuteranno ad eliminare la disbiosi e migliorare il funzionamento dello stomaco e dell'intestino.

Le esacerbazioni della psoriasi nella maggior parte dei casi provocano un indebolimento delle funzioni del sistema immunitario, quindi i medici raccomandano di prestare particolare attenzione al mantenimento delle difese del corpo. Il rafforzamento dell'immunità aiuterà a prendere farmaci immunomodulatori e complessi vitaminico-minerali. Dovrebbero essere prescritti dal medico curante; raccomandano un ciclo di terapia vitaminica due volte l'anno.

Trattamento spa per mantenere la remissione della psoriasi

Il ruolo più importante nel prolungare i periodi di remissione nella psoriasi è la terapia termale. Alcune settimane in mare consentiranno di ottenere miglioramenti duraturi per molti mesi. Thalassoterpia (bagni di mare), fangoterapia, idrogeno solforato e bagni di radon, il trattamento con acque minerali sono particolarmente utili per i pazienti con psoriasi.

Le località più famose della costa. Cura anche l'aria imbevuta di iodio e bromuri. E l'acqua di mare è un vero magazzino di utili oligoelementi, contiene quasi l'intera tavola periodica (iodio, ferro, calcio, magnesio, potassio, sodio, fosforo, ecc.). E maggiore è la concentrazione di sali, maggiori saranno i benefici che un paziente affetto da psoriasi può ottenere dall'acqua di mare. L'acqua di mare ha un potente effetto antibatterico, antisettico e stimolante, ravviva il potenziale energetico del corpo, attiva il sistema immunitario e aiuta a far fronte a qualsiasi infezione.

Gli impacchi di fango hanno un eccellente effetto terapeutico, perché oltre ai minerali e alle vitamine, il fango terapeutico contiene una vasta gamma di sostanze biologicamente attive che influenzano favorevolmente le condizioni della pelle problematica. Con la psoriasi, i medici consigliano di visitare le località del Mar Morto, dove ci sono tutte le condizioni per il trattamento e la riabilitazione dei pazienti con gravi patologie dermatologiche. Le acque del Mar Morto sono caratterizzate dalla più alta concentrazione di sale e i fanghi terapeutici non hanno proprietà meno uniche. Centinaia di migliaia di pazienti da tutto il mondo vengono qui ogni anno per la guarigione.

Inoltre, puoi andare nelle aree del resort situate sulle rive del Mar Rosso, Azov e Mar Nero, prendere procedure mediche in sanatori specializzati in Bulgaria, Abkhazia, Crimea. Le sorgenti minerali e termali nel Caucaso sono un'opzione di trattamento eccellente. Facendo il bagno in idrogeno solforato o bagni di radon, un ciclo di trattamento con acque minerali fornirà un potente effetto curativo. Secondo le statistiche, stare in mare per 4 settimane aiuta l'80% dei pazienti con psoriasi a raggiungere una remissione stabile e dimenticare le manifestazioni della malattia per diversi anni.

Se non c'è modo di andare alla località balneare, presta attenzione ai laghi salati, che sono quasi ovunque in Russia. Le acque salate di tali bacini non aiutano peggio dell'acqua di mare. Contengono un insieme unico di oligoelementi e in combinazione con fanghi di limo e meraviglie del lavoro ultravioletto. L'acqua salata (salamoia) è molto concentrata nei laghi e quindi è necessario nuotare in uno stagno per non più di 15 minuti, poiché il corpo sperimenta un effetto potente, con un carico elevato sul sistema cardiovascolare e nervoso.

La terapia termale per la psoriasi è considerata il principale fattore che consente di consolidare i risultati del trattamento. Permette al paziente di dimenticare la malattia e di vivere una vita piena per lungo tempo.

Stile di vita e adeguamento nutrizionale

Per mantenere l'effetto della remissione della psoriasi, è semplicemente necessaria una dieta adeguata. La dieta dovrebbe essere progettata in modo tale che gli alimenti alcalini prevalgano sul menu giornaliero. La verdura e la frutta fresche hanno tali proprietà alcaline, aiutano a mantenere l'equilibrio acido-base e forniscono l'immunità.

I prodotti che formano acidi comprendono proteine ​​e amido. Questo è, prima di tutto, prodotti a base di carne, grassi animali. Quindi cereali, patate, latticini grassi (formaggio, panna, panna acida). Il loro contenuto nella dieta dovrebbe essere due volte inferiore al volume di prodotti con proprietà alcaline.

Quale dovrebbe essere la base della dieta quotidiana?
  • La dieta giornaliera dovrebbe essere composta da frutta e verdura fresche al 50%. Dovrebbero essere preparate insalate di barbabietole, carote, cavoli condite con olio vegetale naturale. È utile mangiare cetrioli freschi, cipolle, sedano, aglio, verdure varie.
  • Le proteine ​​(proteine) devono essere incluse nella dieta. Possono essere ottenuti da varietà a basso contenuto di grassi di carne e pesce, noci, semi.
  • I carboidrati complessi presenti nei legumi, nel grano saraceno o nell'orzo completano questo insieme di alimenti.

Si consiglia di escludere completamente dolci e carboidrati semplici. Puoi sostituirli con frutta secca: uvetta, albicocche secche, datteri. È utile consumare oli vegetali (girasole, oliva), prodotti a base di latte acido a basso contenuto di grassi, ricotta.

Un prerequisito della dieta durante i periodi di remissione è l'assunzione di liquidi sufficiente. Un giorno consigliamo di bere almeno 8-10 bicchieri di acqua potabile pulita. Questo volume può includere succhi di frutta, bevande alla frutta, composte, tisane. Durante il digiuno e i “giorni di fame” si consiglia di bere acqua minerale. Il medico curante ti aiuterà a scegliere l'acqua curativa, tenendo conto del contenuto di minerali utili.

Perché la malattia peggiora in inverno e in estate

Spesso la malattia si manifesta nella stagione fredda, poiché durante questo periodo l'immunità umana viene ferita. In inverno, i microrganismi dannosi sono più attivi, quindi hanno maggiori probabilità di infettare un organismo debole. I raggi del sole hanno un effetto positivo sull'epidermide, ma un'eccessiva quantità di radiazioni ultraviolette, specialmente in estate, provoca la formazione di placche sulla pelle.

Quanto dura la fase di ricaduta?

Di solito l'esacerbazione dura in media 17 giorni. Ma questo è previsto che il trattamento venga effettuato. Se non aderisci a misure preventive, la psoriasi si manifesta da cinque a dieci volte l'anno. La malattia non è guarita per sempre. La remissione massima può essere raggiunta solo grazie al parere di un medico.

Se la psoriasi peggiora, cosa fare

Quando si notano abbondanti eruzioni cutanee sull'epidermide, vale la pena andare a un appuntamento con un dermatologo.

Se le articolazioni sono interessate, l'esame viene eseguito da un reumatologo o ortopedico.

Il medico farà domande al fine di stabilire la causa esatta della comparsa di formazioni sul corpo e condurre le necessarie misure diagnostiche: esame visivo, laboratorio e studi strumentali.

Con forme lievi di lichene squamoso, l'emocromo è normale. Se la condizione è grave, vengono rilevati processi infiammatori, reumatismi o disturbi endocrini. A volte, sono necessari un esame istopatologico dei campioni di pelle e una biopsia per chiarire la diagnosi.

Come alleviare rapidamente l'esacerbazione della psoriasi a casa

Dopo la diagnosi, il medico, tenendo conto delle condizioni del paziente, prescriverà una terapia complessa che ha cinque obiettivi:

  • eliminazione dell'infiammazione,
  • rimozione di una reazione allergica,
  • disintossicazione del corpo
  • rafforzare l'immunità
  • diminuzione dell'eccitazione nervosa.

Trattamento farmacologico

La terapia tradizionale consiste nel trattamento delle aree interessate con unguenti, creme, gel e farmaci per via orale.

  1. Glucocorticosteroidi. Il mezzo più veloce. Hanno molti effetti collaterali e controindicazioni. Sono usati solo nella psoriasi grave con la nomina di un medico. Questi farmaci creano dipendenza: una diminuzione dell'effetto terapeutico, quindi devono essere utilizzati solo per un mese. Dermoveit è un forte glucocorticosteroide. Più debole: Lokasalen, Uniderm, Nazakort.
  2. Unguenti, gel e spray non ormonali. Препараты медленно убирают симптомы псориаза. Но они безопаснее. Средства, как и глюкокортикостероиды, снимают раздражение, оказывают антимикробное действие. Самые распространённые из них салициловая и цинковая мази, крем «Цинокап».
  3. Гепатопротекторы. I farmaci sono necessari per mantenere il fegato, poiché la malattia ne interrompe la funzione. I farmaci di questo gruppo includono: “Karsil”, “Heptral”.
  4. Assorbenti. La pulizia del corpo di sostanze tossiche comporta un lungo apporto di carbone attivo. Per accelerare la disintossicazione, il medico prescrive: “Smecta”, “Enterosgel”, “Polysorb” o “Sorbex”.
  5. Sedativi. I farmaci supportano il sistema nervoso centrale, indebolito durante la malattia. Questi sono medicinali: Persen, Parasidol, Imizin, infusi alcolici di valeriana o motherwort.
  6. Antistaminici. Allevia il prurito e l'irritazione. Questi includono Suprastin, Tavegil e Claritin.

Assunzione di vitamina

Le vitamine normalizzano il metabolismo, saturano le cellule della pelle con l'ossigeno, accelerano il rinnovamento epidermico e rafforzano l'immunità. Pertanto, la loro assunzione è importante per un paziente con psoriasi. Le principali vitamine necessarie per il trattamento del lichene squamoso: gruppi B, A, E, C, P.

Alcuni preparati contenenti queste sostanze devono essere somministrati per via endovenosa, sottocutanea o intramuscolare:

Altri sono meglio assorbiti dalla somministrazione orale:

Fisioterapia

Se i farmaci non sono abbastanza efficaci, il medico prescrive la fisioterapia, che aiuta ad alleviare i sintomi acuti della psoriasi e accelera la guarigione delle aree della pelle colpite.

  1. Crioterapia. Il metodo si basa sull'esposizione ad aree infiammate a basse temperature o su un rapido raffreddamento del corpo, a seguito del quale viene ricostruito il sistema immunitario, che cambia il decorso della malattia.
  2. Terapia ad onde d'urto. Le onde acustiche riducono l'infiammazione e accelerano la rigenerazione dell'epidermide.
  3. Idroterapia. Il metodo consiste nel prendere bagni di conifere o di sale di conifere. I bagni con sali del Mar Morto saranno efficaci.
  4. Fototerapia selettiva L'essenza della manipolazione è di colpire l'area interessata con un “colpo” pulsato, aumentando gradualmente la potenza della radiazione.
  5. Ultraviolet. I raggi UV riducono l'effetto delle cellule immunitarie sulle placche, favorendo la guarigione della pelle.
  6. Cambiamento climatico. Al paziente viene prescritto un trattamento nelle località del Mar Morto o del Mar Morto. L'azione dell'acqua di mare e del sole ha un effetto benefico sul corpo: i sintomi della psoriasi diminuiscono o scompaiono, il sistema immunitario si rafforza.

Terapia dietetica

La dieta nella fase di remissione ed esacerbazione della malattia gioca un ruolo importante, poiché è necessario migliorare il metabolismo e ridurre il carico sul pancreas, sul fegato e sui reni.

Si consiglia di escludere dal menu i prodotti che provocano allergie:

Sul tavolo devono essere costantemente presenti:

  • Verdure fresche, frutta, bacche.
  • Zuppe vegetariane, cereali, stufati di verdure.
  • Il menu può includere pollo in umido o bollito, coniglio, vitello, pesce di fiume, prodotti non grassi a base di latte acido.

Rimozione dell'infiammazione sul corpo con rimedi popolari

Il trattamento domiciliare è un metodo ausiliario di terapia e non si dovrebbe fare completamente affidamento su di esso. Ma metodi alternativi, associati a farmaci, possono far sentire meglio il paziente.

  1. Allevia l'irritazione, migliora le condizioni della pelle con impacchi di burro con propoli o cipolle schiacciate.
  2. Il catrame di betulla con alcool salicilico e olio di olivello spinoso aiuterà durante un'esacerbazione della malattia.
  3. L'olio di celidonia allevia il prurito, accelera la rigenerazione dell'epidermide.
  4. La pulizia con acqua e aceto eliminerà una forte sensazione di bruciore.
  5. Per il trattamento e la prevenzione della psoriasi vengono utilizzati pomate a base di miele.
  6. Migliorano le condizioni della pelle, alleviano l'irritazione del bagno con decotti di piante medicinali: aghi di achillea, achillea, saponaria, valeriana o pino.

Come fermare lo sviluppo della patologia senza ormoni

I preparativi per uso esterno sono divisi in 3 gruppi:

  1. a base vegetale (Antipsor, Acrustal, Kartalin),
  2. su sostanze minerali (unguento di Rybakov),
  3. combinato (“Magnipsor”, “Cytopsor”).

I medici raccomandano anche l'uso di unguenti salicilici e di zinco, Dayvoneks, Losterin, Tsinokap, Psoriaten.

Come trattare l'artrite psoriasica acuta

Il processo di trattamento della malattia è lungo e richiede una stretta aderenza alle raccomandazioni del medico. Oggi, gli esperti offrono cinque metodi nella lotta contro l'artrite psoriasica: terapia farmacologica, trattamento locale, fisioterapia, esercizi di fisioterapia e chirurgia.

Terapia farmacologica

La tecnica prevede l'assunzione di compresse e iniezioni.

  • I farmaci antinfiammatori sono prescritti per ridurre l'infiammazione: “Diclofenac”, “Nimesulide”, “Meloxicam”.
  • I farmaci citostatici rallentano i processi patologici e di solito vengono assunti entro due anni. Tra questi, i più comunemente prescritti sono: metotrexato, sulfasalazina.
  • Sedativi – Persen e Afobazole aiutano con disturbi nevrotici e grave stress.
  • Gli immunomodulatori ripristinano le funzioni protettive del corpo. Per il trattamento complesso dell'artrite sono adatti Immunal e Likopid.
  • Immunosoppressori – Adalimumab ed Etanercept sopprimono l'infiammazione nella psoriasi e nell'artrite.
  • I preparati multivitaminici – “Alphabet” e “Vitrum” sono presi per rafforzare l'immunità e come prevenzione dell'ipovitaminosi.

Trattamento locale

Il metodo consiste nell'applicare gel e unguenti speciali sulle aree interessate della malattia. I farmaci ormonali come Fluorocort, Sinalar hanno un effetto maggiore.. In alternativa, i medici offrono un unguento salicilico, poiché lenisce, accelera la riparazione dei tessuti della pelle e allevia l'infiammazione.

Quali prodotti sono vietati?

Con la psoriasi, è vietato mangiare cibi con un alto indice di attività allergica. Il loro uso può causare reazioni indesiderate e portare a una esacerbazione della malattia. Questi prodotti includono:

  • agrume
  • Bacche e frutti di colore rosso e arancione,
  • Cioccolato,
  • Uova di gallina,
  • Frutti di mare,
  • Noccioline
  • Funghi
  • Dolci,
  • Bevande gassate contenenti conservanti e coloranti artificiali.

Inoltre, il paziente deve escludere dalla dieta cibi piccanti, salati, grassi e affumicati, rifiutare alimenti a rapida preparazione, cibi in scatola e altri prodotti contenenti conservanti o carboidrati “veloci”. Il cibo è meglio non friggere, ma cuocere a vapore, bollire o cuocere. Non essere coinvolto in grassi animali e prodotti lattiero-caseari ad alto contenuto di grassi, non dovresti bere tè e caffè forti.

Sotto lo speciale divieto di bevande alcoliche. Studi a lungo termine hanno dimostrato che il consumo di alcol è direttamente associato a esacerbazioni del processo psoriasico e ad un aumento delle lesioni. Inoltre, l'alcol etilico ha un effetto estremamente negativo sul fegato, che già soffre degli effetti tossici dei farmaci usati per trattare la psoriasi.

Pertanto, oltre ad adeguare la dieta, il paziente dovrà riconsiderare l'intero stile di vita. Per motivi di remissione prolungata, è necessario dimenticare le cattive abitudini e semplificare il regime. Il rispetto del regime del giorno, la corretta alternanza di periodi di lavoro e riposo contribuiranno a ridurre lo stress fisico e nervoso ed eliminare il fattore stressante.

Inoltre, durante i periodi di remissione, sono benvenuti sport, attività fisica fattibile, procedure per rafforzare il corpo e rafforzare l'immunità. Si consiglia al paziente lunghe passeggiate all'aria aperta, aumento dell'attività, dosaggio del sole dosato.

Tutte le raccomandazioni di cui sopra mirano a raggiungere l'unico obiettivo: estendere lo stadio di remissione della psoriasi, prevenire la ricaduta e riportare il paziente a una vita piena e piena.

Fisioterapia

La terapia viene solitamente eseguita durante il periodo di miglioramento della malattia. Nel processo, vengono utilizzati bagni terapeutici, acque minerali, bagni di paraffina ed ultrasuoni. In questo momento è consigliabile un massaggio articolare.

Il metodo mira a migliorare le funzioni motorie delle articolazioni mediante una serie di esercizi su piedi e mani.

Intervento chirurgico

Quando la terapia conservativa non ha prodotto risultati o in un caso piuttosto avanzato, vengono prescritte operazioni. L'intervento chirurgico è necessario per la sconfitta dell'artrite psoriasica delle grandi articolazioni – ginocchio e anca. In questo caso, vengono sostituiti con impianti.

Il lichene squamoso è un grave disturbo cronico. I periodi di remissione con costanza invidiabile sono sostituiti da esacerbazioni. Per evitare complicazioni durante la ricaduta, è necessario iniziare la terapia in modo tempestivo sotto la supervisione di un medico. Solo il trattamento complesso prescritto dal medico aiuterà a fermare l'avanzamento della malattia.

Cosa aspettarsi durante la remissione nella psoriasi?

La remissione può verificarsi dopo un trattamento efficace della psoriasi.

La psoriasi manifesta la sua attività in cicli di remissioni e focolai.

Le remissioni sono talvolta il risultato del trattamento, ma è molto difficile prevedere come la psoriasi si comporterà nel tempo in una persona e come questa condizione medica risponderà alla terapia.

Alcune persone sperimentano remissioni spontanee che si verificano per ragioni non ovvie.

Durante la remissione, alcune persone notano una significativa riduzione dei sintomi, mentre altri possono scoprire che la loro pelle è completamente pulita. Tuttavia, una volta che i sintomi ritornano anche in quei pazienti che osservano rigorosamente le raccomandazioni terapeutiche del medico.

Come si manifesta la malattia

L'eruzione cutanea con la malattia è spesso localizzata nella regione delle ginocchia e dei gomiti, colpisce la pelle sotto i capelli. Le macchie sono placche arrotondate, la cui superficie è coperta da squame. Il colore delle formazioni varia dal rosa al rosso vivo. Sono elevati sopra il livello della pelle e si trovano principalmente simmetricamente, a volte possono concentrarsi su una determinata parte del corpo, mentre hanno l'aspetto di strisce peculiari.

Nella fase iniziale, la dimensione delle placche è solo di pochi millimetri, ma man mano che la malattia progredisce, possono raggiungere 10 cm o più. La pelle è secca, screpolata e soggetta a sanguinamento.

La malattia può colpire parzialmente la pelle quando ci sono diversi punti di dimensioni diverse, o quasi completamente, con i fuochi che si diffondono nella maggior parte del corpo.

Quanto durano le remissioni?

La psoriasi è un disturbo imprevedibile. La durata delle remissioni in diversi casi differisce – da alcune settimane a diversi mesi e persino anni.

Tuttavia, nella maggior parte delle persone, le remissioni sono osservate da un mese a un anno.

L'inizio dello stadio inattivo della psoriasi e la sua durata dipendono da diversi fattori. Ad esempio, alcune persone hanno remissioni in estate e quando arriva l'inverno si sviluppano focolai.

Come prevenire i focolai di psoriasi?

La psoriasi è una condizione medica cronica, quindi un focolaio un giorno cambierà la remissione. Tuttavia, alcune strategie terapeutiche e cambiamenti positivi nello stile di vita possono prolungare i periodi di remissione.

Gli esperti ritengono che lo sviluppo della psoriasi sia influenzato da una combinazione della componente genetica e di fattori provocatori esterni, che sono comunemente chiamati fattori scatenanti nella pratica medica. Tuttavia, gli studi dimostrano che questa condizione non si verifica in ogni persona tra coloro che hanno ereditato uno o più geni specifici della psoriasi. Ciò significa che se le persone evitano i trigger esterni, possono ridurre al minimo il rischio di psoriasi e riportare la malattia a uno stadio attivo dopo la remissione.

Prodotti farmaceutici

I seguenti farmaci possono scatenare focolai di psoriasi.

  • farmaci antimalarici
  • propranololo usato per trattare la pressione alta (ipertensione),
  • indometacina, un membro del gruppo di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS),
  • litio prescritto per alcuni disturbi mentali
  • chinidina usata per trattare problemi cardiaci.

Danni alla pelle

La psoriasi si sviluppa spesso nelle aree danneggiate della pelle. Forature o graffi, nonché punture di insetti e scottature solari, possono scatenare tutti i sintomi.

Lo stress è un potenziale fattore scatenante per molti disturbi autoimmuni cronici, inclusa la psoriasi. Speciali tecniche di rilassamento possono ridurre lo stress e alleviare o prevenire i sintomi. Queste tecniche includono esercizi di yoga, meditazione e respirazione.

Le infezioni indeboliscono il sistema immunitario, che a volte colpisce la psoriasi. L'infezione da streptococco o la gola da streptococco (mal di gola) possono provocare la cosiddetta psoriasi a forma di goccia.

Altre infezioni che possono causare focolai di psoriasi includono:

  • bronchite,
  • Infezioni respiratorie
  • infezioni della pelle
  • tonsillite.

Fattori dietetici

Alcune persone credono che le allergie alimentari e dietetiche possano influenzare i sintomi della psoriasi. Gli scienziati suggeriscono che la carenza di vitamina D può essere associata non solo alla psoriasi, ma anche ad altre malattie autoimmuni.

I sintomi della psoriasi si attenuano spesso in estate e nei mesi invernali iniziano a peggiorare. Il freddo è un fattore scatenante comune per i focolai di psoriasi.

Medicinali topici

La psoriasi da lieve a moderata può recedere dopo aver usato creme e unguenti, ad esempio:

  • inibitori della calcineurina che fermano l'infiammazione e la formazione di placche psoriasiche,
  • catrame di carbone per eliminare squame, prurito e infiammazione sulla pelle,
  • corticosteroidi per alleviare infiammazione e prurito,
  • creme idratanti per combattere prurito e secchezza,
  • acido salicilico per rimuovere le cellule morte della pelle e parti di pelle traballante,
  • retinoidi topici, cioè derivati ​​della vitamina A, che aiutano a ridurre il grado di infiammazione.
  • analoghi della vitamina D, cioè forme sintetiche di vitamina D.

Questi farmaci non sono adatti a tutti i pazienti. Ad esempio, alcuni retinoidi non possono essere utilizzati durante la gravidanza.

Per gestire con successo i sintomi della psoriasi, molte persone devono utilizzare diversi farmaci dall'elenco sopra.

Terapia della luce

La fototerapia o la terapia della luce comportano l'uso dei raggi ultravioletti per alleviare i sintomi della psoriasi. Questo tipo di trattamento può essere fornito dall'esposizione al corpo di luce naturale o dal paziente che riceve determinate dosi di radiazioni ultraviolette artificiali.

Se una persona vuole provare la fototerapia, quindi prima dovrebbe discutere di questo problema con un medico. Lo specialista spiegherà tutti i benefici di questo trattamento e parlerà dei suoi effetti collaterali, tra cui pelle secca, nausea e eruzione cutanea.

Farmaci sistemici

Le persone con forme gravi di psoriasi possono aver bisogno di farmaci per via orale o iniettabili, che sono anche chiamati farmaci sistemici, poiché colpiscono tutte le cellule del corpo.

Questi farmaci includono i seguenti:

  • agenti biologici che colpiscono il sistema immunitario,
  • ciclosporina, che sopprime l'attività del sistema immunitario,
  • metotrexato, che rallenta la formazione delle cellule della pelle e riduce l'infiammazione,
  • retinoidi orali o derivati ​​della vitamina A.

Systemic drugs can cause severe side effects, therefore, as a rule, doctors prescribe them for a short period of time and suggest using them with topical creams or phototherapy.

Lifestyle & Home Care Methods

Alcohol and smoking can trigger psoriasis symptoms.

If a person suffering from psoriasis wants to improve his condition by making changes in his lifestyle, then, first of all, he should think about how to avoid stress, cigarette smoke and other provoking factors, including cold weather.

You can also try home care methods. The following are recommendations that can not be cured of psoriasis, but itching, dryness and other uncomfortable symptoms can be alleviated:

  • apply aloe vera gel to relieve redness and itching,
  • Avoid alcohol and smoking
  • take baths with colloidal oatmeal or Epsom salt,
  • take omega-3 fatty acid supplements
  • Use moisturizers every day to treat dry skin, especially during the winter months.

Prospects

Psoriasis is a disorder that usually manifests itself in waves of outbreaks and remissions. Although this condition worries people until the end of life, its symptoms can be alleviated by the use of drugs and positive changes in lifestyle.

To achieve remissions, triggering factors should be avoided and the available treatment options discussed with your doctor. Modern medicine offers patients with psoriasis a number of effective therapeutic strategies. People usually try several different treatment approaches to find one that works best.

Even when psoriasis goes into the active stage, home care methods and topical ointments can be used to minimize discomfort.

Non-drug treatments

According to statistics, a list of the main methods of treating psoriasis is arranged in this sequence (as the effectiveness decreases):

An active lifestyle, including any moderate physical activity, improves the general condition of the patient, improves immunity and psychological comfort. This, in turn, has a positive effect on the dynamics of the treatment of psoriasis.

Internal complex therapy

Комплексное лечение заболевания всегда преследует три цели: устранение причины обострений, избавление от симптомов и поддержание иммунитета на должном уровне. Unfortunately, even this approach does not help to recover completely, but only to extend the period of remission as much as possible.

Internal therapy includes the following drugs:

In addition, multivitamins (Aevit, Complivit, Decamevit) are mandatory – a monthly course twice a year.

Outdoor facilities

These drugs are selected taking into account the form and severity of the disease.

In mild cases, non-hormonal ointments and gels are indicated; in more severe cases, therapy may include hormone-containing agents.

The most common external drugs are:

Unfortunately, external remedies can only eliminate or reduce the symptoms of the disease, but are not able to cure it. Only a combination of several methods and an individual approach to the treatment of each patient help achieve sustainable remission.

Alternative medicine

Therapy of psoriasis with alternative methods is advisable only if the disease is not accompanied by pathological changes in the joints (finger deformation, night pain), a violation of the general condition of the body (temperature or weakness). The area of ​​rashes should not exceed 3% of the entire surface of the skin.

Treatment of psoriasis at home is not carried out if the disease proceeds in a generalized form.

Here are some pretty effective recipes that improve your skin condition for psoriasis:

  1. Grind fresh calendula flowers, celandine root and propolis (10 g each) in a mortar, add St. John's wort (20 g) and 1 teaspoon of vegetable oil. Apply the mixture 3 times a day to the affected area.
  2. Lubricate the spots with tar, rinse with tar soap. It is better to carry out the procedure before bedtime, since the product has a specific smell that lasts several hours after washing off. Start with 10 minutes, then bring the exposure time to 40 minutes.
  3. Beat 2 chicken eggs with half a tablespoon of acetic acid and a tablespoon of vegetable oil. Lubricate the foci before bedtime.
  4. Tear out the celandine with a root, wash, grind and squeeze the juice. Lubricate locally every stain. To process the entire flowering season.
  5. Brew 1 tablespoon of dry pulp with 250 ml of boiling water. Insist 1 hour and strain, add water to obtain the original volume, take 50 ml before each meal.

Sometimes herbal remedies are much more effective than pharmacotherapy, so this treatment has a right to exist. In any case, the tactics of therapy are selected individually by trial and error. But with severe forms and a large area of ​​damage, treatment is recommended to be carried out in a hospital.

The most effective medicines

You can quickly get rid of symptoms with the help of drugs: Psoril, Methotrexate, Neotigazone. Their reception is necessarily complemented by external processing.

Adequate treatment is possible only after a complete examination of the patient. This is a lengthy process, which at times will not give a result, so it must occur under the constant supervision of a doctor.

Only a specialist can determine the effectiveness of the technique and choose a method that will provide the patient with a long-term remission.

What is psoriasis?

Psoriasis or scaly lichen is a disease characterized by a chronic course, frequent relapses and remissions. In some patients, simultaneously with skin disease, there are lesions of the musculoskeletal system, as well as dysfunctions of some internal organs (liver, kidneys, etc.) and physiological systems (nervous, endocrine, etc.).

For many decades, psoriasis has been the subject of comprehensive study, and the famous aphorism of dermatovenerologist Auspitz, expressed by him at the end of the 19th century: “What psoriasis is, no one knows today” – it does not lose its significance even now, since not a single one of previously proposed or existing hypotheses is not universally accepted.

Prognosis – the disease is uncertain in terms of duration, timing of clinical recovery, relapse and exacerbation. In a significant part of patients, especially those who did not receive intensive treatment, primarily with corticosteroids and cytostatics, long-term, including spontaneous periods of clinical cure, are possible. The prognosis is less favorable for arthropatic psoriasis, which develops in some patients as a result of periarticular tissue infiltration.

Interphalangeal joints are most often affected, but large joints can also be involved in the pathological process and very rarely sacroiliac joints and spinal joints. Initially, patients are only concerned about pain in the joints (arthralgia, then their swelling develops, movements are limited, subluxations and dislocations appear. Osteoporosis and narrowing of the joint gap appear on radiographs. The process ends with ankylosis and persistent joint deformities, which can lead to disability. In contrast to disability. other psoriatic arthritis develops in the presence of characteristic rashes on the skin, often accompanied by nail damage, as well as exacerbation and remission of the joint process, usually adayut with aggravation on the skin.

Theories of Psoriasis

How to achieve persistent remission

Having established the patient with a diagnosis of psoriasis, a competent doctor will explain that the goal of the treatment is the longest possible remission. In the event of its occurrence, the psoriatic rash can completely resolve and clinical cure occurs, and in some cases the absolute majority of the elements is resolved, with the exception of several papules, usually located in “favorite” places (knees, elbows, scalp). These so-called “duty plaques” sometimes remain for years.

To achieve and maintain remission as long as possible, it is necessary to follow a diet and recommendations for a healthy lifestyle, sanitize the oral cavity, and other existing foci of chronic infection. It is during the period of remission that it is necessary to contact the infectious disease specialist for the treatment of opisthorchiasis and giardiasis, we also do not forget that at this time herbal medicine is aimed at improving the functions of the liver and gall bladder, taking hepatoprotective courses, treating dysbiosis and candidiasis, as well as sanatorium resort treatment.

Remember also about strengthening the immune system, regular, but moderate physical activity and walking in the fresh air. Strive for a positive attitude to all life events, remember that stress is a provocateur of new exacerbations of the disease.

Achieving remission of psoriasis is perhaps an occasion for further improvement, meditation, and the search for peace of mind, which will contribute to strengthening the nervous system and the stability of remission. It is imperative to praise yourself for any positive result achieved, adherence to recommendations and diet, and never indulge in despair. Remember that negative emotions are closed by a vicious circle and will cause a new aggravation of the skin process.

Kochergin N.G. Psoriasis: the latest news. Dermatology. Adj. Consilium Medicum 2007, 2: 14–7.

Skin Diseases: A Multi-Volume Guide to Dermatovenereology. – T.3 / Under the editorship of L.N. Mashkillayson. – M.: Medicine, 1964 .– 678s.

Skin and Sexually Transmitted Diseases: A Guide for Physicians. In two volumes. – 2nd ed., Revised. and add. – T.2 / Ed. Yu.K. Skripkina and V.N. Mordovtseva. – M .: Medicine, 1999 .– 880s.

Skin and sexually transmitted diseases / Ed. OK. Shaposhnikov. – M .: Medicine, 1985 .– 368 p.

Actual Dermatology / Ed. V.P. Adaskevich – M .: Medical book, N. Novgorod: Publishing house of the Novosibirsk State Medical Academy, 2000. – 306s.

Podgornova E.S. Dermatovenerologist of the highest category, MD

Psoriasis is characterized by a chronic course, the disease has been pursuing a person for years, exacerbating, then temporarily fading. Remission of psoriasis can last from 6 months to several years, during this period the main skin symptoms disappear and the patient forgets about his illness. But, unfortunately, modern medicine is not able to completely cure the disease and any adverse factor (stress, hypothermia, allergic reaction), can restart the pathological process. In this article, we will look at how to achieve remission in psoriasis.

Psoriasis is a severe dermatosis, which is manifested by damage to the skin, nails, and in complicated cases, and joints. For professionals, the origin of psoriasis is still a mystery. Scientists even apply the scientific term to it – a multifactorial disease, which, ultimately, does not mean anything concrete, but only confirms that the disease can arise from anything and anytime.

There are many hypotheses and theories in the medical community about the causes of psoriasis. This is genetic, viral, allergenic, infectious, neurogenic and others. Regardless of what the trigger of the disease is, the main efforts of doctors are aimed at achieving a stable and long-term remission that allows the patient to live a full life.

The term remission refers to the temporary weakening or complete disappearance of the symptoms of the disease. With regard to psoriasis, this condition means the attenuation of the inflammatory process, the disappearance of psoriatic plaques and unpleasant sensations (itching, peeling).

In this case, the patient should understand that the period of remission is not a recovery. Even after the restoration and healing of the skin, pathological changes are preserved in the dermis, and an exacerbation of the psoriatic process can occur at any time. During periods of improvement, the most important task of the patient and the doctor is to follow preventive measures and take medications that can maintain and prolong the state of remission.

How to achieve remission of psoriasis?

To achieve the remission of psoriasis, it is necessary to carefully follow the recommendations of the attending physician and completely reconsider the lifestyle. The complex therapy of psoriasis includes the following measures:

The following medications are prescribed to patients:

  1. Antihistamines to relieve itching and inflammation,
  2. Nonsteroidal anti-inflammatory drugs (NSAIDs),
  3. Antibiotics (with the attachment of secondary infections),
  4. In severe forms of psoriasis, cytostatics (Sandimun, Methotrexate), arotmatic retinoids are prescribed.

In addition, the composition of complex therapy includes preparations of calcium, sodium thiosulfate, diuretics are used. This allows you to cleanse the body of toxins and eliminate puffiness. Vitamin-mineral complexes and corticosteroids help strengthen the effectiveness of treatment. To maintain the nervous system, sedatives and antidepressants are prescribed.

An important role in achieving remission of psoriasis is played by external agents (ointments, gels, solutions, creams, aerosols). Their use allows you to quickly remove painful symptoms, eliminate itching, inflammation and prevent the appearance of new rashes.

Ointments and creams, zinc, tar, Naftalan oil, and solid oil are especially popular. The pharmaceutical industry produces many drugs based on these components, they can be used for a long time, because they are not addictive and have a minimum of side effects.

With severe manifestations of psoriasis (Advantan, Dermoveyt, Lokoid, Flucinar, Fluorocort and many others). A doctor should prescribe such drugs, they should be used in short courses, since hormone-based drugs have many side effects and contraindications.

Great help in achieving remission is provided by physiotherapy. For the treatment of psoriasis, the PUVA method is used (psoralen-based drugs are prescribed simultaneously with ultraviolet radiation). In addition, procedures such as paraffin applications for lesions, cryotherapy, laser excimer therapy help to improve.

The patient is prescribed an unloading diet. In the most acute phase of the disease, the patient is recommended therapeutic fasting and taking warm mineral water, which allows you to cleanse the body of toxins. In the future, you must adhere to a healthy diet. Specialists – nutritionists will help you choose the optimal diet (read more), which will extend the period of remission.

Is it possible to achieve remission

Experts give many tips on how to achieve remission of psoriasis. All of them have a relative positive effect and can extend the period of mitigation of symptoms:

  1. After the signs of pathology have disappeared, it is impossible to immediately stop taking medications: it is necessary to continue drug therapy until the removal of deep skin inflammations.
  2. Compliance with the diet and the Pegano principle – 70-80% of the diet should be alkali-forming products: fruits – apples, melon, bananas, citruses and their juices, vegetables (except for tomatoes, potatoes, peppers, eggplant), beans, pumpkin, cabbage, various fruit juices (grapes, pears, apricot, papaya, mango, pineapple, grapefruit and oranges) and vegetables (carrot, beetroot, onion, spinach, etc.), lemon tea, stewed fruits and vegetables, etc. 20-30% of the remaining food should be acid-forming foods containing protein, starches, sugar, fats and oils.
  3. Negative factors affecting the course of psoriasis should be avoided.
  4. You must play sports or take daily walks in the fresh air.
  5. Help sunbathing, visiting specialized tanning salons, swimming in radon springs.
  6. Repeated courses of physiotherapeutic procedures (paraffin baths, cryotherapy, laser excimer therapy, ultraviolet radiation, etc.).
  7. Avoid exposure to various chemicals on damaged skin (household chemicals, hair dyes, various chemical drugs).
  8. It is better to wear loose clothing and underwear made from natural fabrics.
  9. It is necessary to use soft washcloths and towels to avoid skin damage, wipe the body with soaking movements. Shampoos used in helium should be drug-based.
  10. If possible, all inflammatory processes in the body should be eliminated – to remove diseased teeth, to treat respiratory infections (rhinitis, sinusitis, sinusitis, pneumonia, etc.).

They also achieve remission in psoriasis in various additional ways that are not directly related to psoriasis:

  1. It is necessary from time to time to cleanse the body of toxins and toxins that provoke psoriasis: undergo treatment with sorbent preparations (Activated Carbon, Smecta, Sorbex, Enterosgel) in coordination with the doctor in charge, use cleansing enemas.
  2. It is necessary to take medications to restore intestinal microflora (Linex, Lactofiltrum, Bifiform, etc.) and hepatoprotectors (Essentiale Forte, Ursosan, Hepanorm, etc.).
  3. To stop allergic attacks, you need to take antihistamines, but only for medical purposes.
  4. It will help strengthen the protective functions of the body with folic acid preparations, vitamin and multivitamin complexes (A, I, C).

In addition, drugs containing calcium, sodium thiosulfate, and drugs with diuretic action are prescribed as complex therapy. They activate the excretory function of the kidneys, help in cleaning the genitourinary system of decay products and eliminate puffiness. To stabilize the nervous system and reduce emotional arousal, sedatives and antidepressants are taken.

Non-pharmacological methods of supporting the patient’s body are good for prolonging remission and rashes. Yoga classes affect the psycho-emotional state of a person, support and tone the muscle system.

Practical meditation can help overcome irritability, depression, and mental disorders. Homeopathy and apitherapy (treatment with bee stings, honey and propolis) also positively affect the relief of symptoms in psoriasis.

Summary and Conclusions

Thus, the basic rules for extending remission are as follows:

  • stabilization of the patient’s mental state,
  • identification and neutralization of harmful factors provoking an exacerbation of the disease,
  • diet and daily routine
  • refusal of alcohol, smoking.

It is useful to control the duration of the remission process.


Condividere

Pin

Tweet

Send

Condividere

Send

Send

Psorilax:Dove si compra |psoriasi crema disfiammante

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, come si usa

INTRODUZIONE

Psoriasi è una malattia infiammatoria cronica, con una prevalenza riportata dall'1% al 3% in Europa e negli Stati Uniti.1 Può presentarsi a qualsiasi età, ma ha una distribuzione bimodale della prima presentazione tra i 15-20 e i 55-60 anni. L'età più giovane all'inizio è associata a una malattia più grave e una storia familiare che colpisce più membri della famiglia.2 In generale, circa il 36% dei pazienti ha una storia familiare di psoriasie sono stati identificati loci multipli di suscettibilità genetica.3,4

Sindrome metabolica (tre dei cinque componenti: obesità centrale, ipertensione, glicemia alta, trigliceridi sierici elevati e lipoproteine ​​sieriche ad alta densità sieriche)5 è stato associato a psoriasi. Psoriasi è anche associato a broncopneumopatia cronica ostruttiva, epatopatia adiposa non alcolica e coronaropatia.6-8 Persone con psoriasi può anche avere una qualità della vita significativamente ridotta e un carico psicologico inclusi ansia, depressione e pensieri e comportamenti suicidi.2,9,10 La revisione di questo articolo faciliterà la conoscenza del provider psoriasi fisiopatologia, diagnosi e gestione.

FISIOPATOLOGIA

Psoriasi è una malattia autoimmune cronica con più leucociti e citochine che interagiscono per produrre il processo patologico (Figura 1). La cascata infiammatoria di psoriasi inizia quando gli antigeni nella pelle attivano le cellule dendritiche e i neutrofili, che rilasciano citochine tra cui il fattore di necrosi tumorale α (TNF-α), l'interleuchina 23 (IL-23) e IL-12. Queste citochine partecipano a circuiti di feedback positivi attivando i leucociti, che quindi rilasciano più citochine, con conseguente infiammazione continua. Ad esempio, IL-23 converte un gruppo di cellule 4-differenziazione positive in T-helper 17 (TH17) cellule che rilasciano IL-17A; TH17 cellule e IL-17A agiscono per sovraregolare TNF-α. Queste citochine esercitano anche effetti sulla pelle con IL-17A, IL-20 e IL-22 e TNF-α che contribuiscono alla funzione cheratinocitaria modificata e alla TH17 cellule promuovono l'angiogenesi.11,12

Figura 1
Figura 1:

LA FISIOPATOLOGIA DI BASE DI PSORIASI© 2018 Alisa Brandon.

PRESENTAZIONE CLINICA

Psoriasi è una malattia recidivante-remittente che spesso migliora con climi più caldi e recidiva durante eventi di vita stressanti o in combinazione con infezioni. Le presentazioni comuni includono (Figura 2):

figura 2
Figura 2:

COINVOLGIMENTO DI PELLE, UNGHIA E SCALP CON PSORIASI VOLGARE

  1. Placca psoriasi, con aree elevate di oltre 1 cm. Questo è il sottotipo più comune e presenta lesioni anulari ben delimitate che comprendono una base eritematosa e una spessa scala argentea. Queste lesioni si trovano spesso sulla superficie dell'estensore (gomiti, ginocchia), cuoio capelluto, area lombosacrale e fessura intergluteo.
  2. Inverso psoriasi, visto nelle pieghe del corpo. Chiamato anche flexurale psoriasi, è caratterizzato da lesioni rosse lucide prive di squame nelle aree inframammaria, perineale e ascellare.
  3. guttata psoriasi, presentandosi come lesioni a forma di lacrima. Guttate acuta psoriasi è spesso preceduto da mal di gola associato a infezione da streptococco di gruppo B ed è costituito da lesioni psoriasiche multiple, piccole (2-10 mm), più spesso sul tronco.
  4. eritrodermica psoriasi, in cui il 90% o più del corpo è rosso. Questa variante consiste nel coinvolgimento completo o quasi completo della pelle ed è caratterizzata da una graduale coalescenza delle placche causata da infezione, farmaci, malattie sistemiche o astinenza da corticosteroidi.
  5. generalizzato pustoloso psoriasi si manifesta come pustole sterili multiple uniformi sul corpo ed è spesso accompagnato da febbre. Può anche essere precipitato dall'interruzione di corticosteroidi sistemici o infezione e rappresenta una malattia instabile che spesso richiede il ricovero in ospedale.
  6. Pustolosi palmoplantare psoriasi si presenta sulle mani e sui piedi come pustole sterili su una base di eritema e squame.2,13

Manifestazioni extracutanee di psoriasi comprendono anomalie delle unghie e artrite psoriasica. Circa l'80% dei pazienti con psoriasi ha un coinvolgimento dell'unghia, tra cui vaiolatura (piccole depressioni sulla superficie dell'unghia), onicolisi (separazione distale dell'unghia dal letto ungueale), ipercheratosi subunguale e macchie giallo arancione sotto la lamina ungueale (macchie d'olio).2,13

La prevalenza dell'artrite psoriasica tra i pazienti con cutaneo psoriasi è del 30%,14,15 con pazienti che sviluppano artrite in media 12 anni dopo l'insorgenza di cutaneo psoriasi.16 Esistono cinque forme di artrite psoriasica. Dal più comune al meno, questi includono oligoartrite distale (infiammazione che coinvolge quattro o meno articolazioni), poliartrite negativa da fattore reumatoide, artrite mutilante (riassorbimento e accorciamento delle ossa delle dita), sacroiliite e spondilite anchilosante.13 La forma più comune di artrite colpisce le articolazioni distali delle cifre in un modello asimmetrico. Il tessuto molle può gonfiarsi, producendo cifre simili a salsicce chiamate dattilite.2,13

VALUTAZIONE E DIAGNOSI

La diagnosi di psoriasi è di solito clinico. L'esame obiettivo dovrebbe includere un esame della lesione primaria e delle altre aree comuni interessate psoriasi compreso il cuoio capelluto. Le unghie e le articolazioni devono essere esaminate per eventuali cambiamenti coerenti con psoriasie una storia familiare dovrebbe essere presa per chiarire ulteriormente la diagnosi.13 La diagnosi può essere ulteriormente supportata dal segno Auspitz o Fenomeno di Koebner. Il segno di Auspitz si verifica perché un eccesso di piccoli capillari superficiali provoca più punti sanguinanti quando la scala grigio-argento viene sollevata.17 Il Fenomeno di Koebner consiste nella comparsa di lesioni psoriasiche sulla pelle precedentemente normale a causa di un precedente trauma; clinico psoriasi le lesioni compaiono dopo 7 giorni o più.18 Questo fenomeno può causare la comparsa di lesioni psoriasiche intorno ai siti della ferita, sotto le medicazioni e intorno ai siti di stomia. Infine, se sussistono ancora dubbi sulla diagnosi, è possibile eseguire una semplice biopsia del punch.13

Placca cronica Psoriasi

Classificazione della placca psoriasi la gravità può guidare il trattamento appropriato. Strumenti comunemente usati per la classificazione della placca psoriasi includere il Psoriasi Area and Severity Index (PASI), body surface area (BSA) e Dermatology Life Quality Index, con un punteggio superiore a 10 su ciascuno di questi parametri che indica da moderato a grave psoriasi. Il trattamento può anche essere guidato dalla posizione delle placche, prurito associato, limitazioni funzionali e psicosociali, artrite psoriasica associata, unghie o cuoio capelluto psoriasi, trattamenti precedentemente prescritti e preferenze del paziente.13,19

Il punteggio PASI è una formula calcolata sulla base della BSA interessata, eritema, spessore delle placche e quantità di scala, con ciascun criterio valutato su una scala da 0 a 4 punti. Il PASI viene spesso utilizzato per misurare il tasso di risposta, con i punteggi PASI 90 (ovvero una riduzione del 90% della gravità rispetto al basale) come obiettivo comune.13,19 Il metodo più comune per stimare la BSA è con l'impronta della mano completa del paziente (comprese le dita) pari all'1% della BSA totale.20

TRATTAMENTO

Trattamento topico

La lieve malattia può essere efficacemente trattata con terapie topiche, tra cui corticosteroidi, derivati ​​della vitamina D, retinoidi, catrame, agenti cheratolitici che degradano la scala (urea, acido salicilico, acido α-idrossi) e idratanti emollienti (Tabella 1). La scelta dell'agente topico dipende dall'area anatomica, dalle dimensioni e dallo spessore della placca e dal fatto che l'agente sia utilizzato per l'inizio o la terapia di mantenimento.

Tabella 1
Tabella 1:

TERAPIE TEMATICHE COMUNI PER PSORIASI

Si raccomanda un prodotto combinato di betametasone dipropionato e calcipotriolo per iniziare il trattamento sul tronco o sulle estremità perché questa preparazione è più efficace della monoterapia.21 Questo prodotto è troppo forte per il viso o le pieghe. Quando è stato stabilito il controllo della malattia, i derivati ​​della vitamina D sono raccomandati per la terapia di mantenimento. Inoltre, placche spesse (spessore clinico> 0,75 mm) rispondono agli agenti cheratolitici tra cui acido salicilico o urea, l'uso di emollienti (idratanti lubrificanti) e maggiore resistenza corticosteroidi topici (formulazione unguento).21

La scelta del corticosteroide topico dipende dalla posizione anatomica della placca, dallo spessore della placca e dall'età del paziente. Per placche spesse sul tronco o sugli arti, devono essere usati corticosteroidi di potenza medio-alta. Per i neonati e i bambini piccoli, le pieghe del corpo e il viso, devono essere usati corticosteroidi a bassa e media potenza. I palmi delle mani e le piante dei piedi richiedono corticosteroidi ad alta e altissima potenza (Tabella 2).13

Tavolo 2
Tavolo 2:

CORTICOSTEROIDI CONSIGLIATI PER AREA CORPOREA

Gli analoghi della vitamina D (calcipotriolo, calcitriolo e tacalcitolo) sono più efficaci dei derivati ​​topici della vitamina A (retinoidi), catrame di carbone e placebo per tronco e arto psoriasi.22 Inoltre, la combinazione di un potente corticosteroide topico e di betametasone dipropionato una volta al giorno è più efficace di corticosteroidi topici, catrame di carbone o analoghi della vitamina D da soli e retinoide topico una volta al giorno.22 Oltre alla loro efficacia, gli analoghi della vitamina D hanno un buon profilo di sicurezza a lungo termine, rendendoli la scelta ideale per la terapia di mantenimento a lungo termine e per l'uso in combinazione con la fototerapia.21,23

Gli inibitori topici della calcineurina sono attualmente disponibili come unguento al tacrolimus (0,03% e 0,1%) e crema al pimecrolimus (1%). Sebbene non vi sia l'approvazione della FDA per il loro uso in psoriasi, possono essere utilizzati come farmaci topici per il risparmio di steroidi per il trattamento acuto e di mantenimento delle placche sul viso, sulle aree genitali o intertriginose. a differenza di corticosteroidi topici, l'uso prolungato non comporta un aumento dell'assorbimento e dell'assottigliamento della pelle.21,24

Il tazarotene è un retinoide topico (derivato della vitamina A). Esistono prove limitate della sua efficacia in monoterapia spesso a causa dell'irritazione da contatto. Pertanto, viene solitamente utilizzato in combinazione con un corticosteroide topico; detto ciò, le donne incinte dovrebbero evitare i retinoidi topici.13,22

Gli emollienti limitano l'evaporazione dell'acqua dalla pelle, aumentando l'idratazione dello strato corneo. Gli agenti cheratolitici tra cui acido salicilico, urea e acidi α-idrossi (acido glicolico e acido lattico) possono avere alcuni benefici clinici per l'ipercheratosi psoriasi lesioni, inclusa la riduzione di eritema, desquamazione e prurito. L'efficacia dell'acido salicilico per ridurre la scala è supportata dalla maggior quantità di prove ed è più comunemente usata per questa indicazione.25 Un ulteriore vantaggio degli agenti cheratolitici è la maggiore penetrazione associata di altri agenti topici attivi.13,21,25

Il catrame di carbone è considerato una terapia topica alternativa per psoriasie può essere utile quando trattamenti come corticosteroidi e analoghi della vitamina D non producono i risultati desiderati. È anche un componente negli shampoo. I pazienti possono diffidare del disordine, della colorazione e della follicolite associati al catrame di carbone che ne limita l'uso.26

Steroidi intralesionali

Iniezioni di steroidi intralesionali possono essere utilizzate per recalcitranti psoriasi placche. Sebbene a conoscenza degli autori non ci siano intralesionali psoriasi studi clinici pubblicati dagli anni '60, l'esperienza clinica suggerisce un'efficacia quasi del 100% per le piccole placche. È improbabile che dosi fino a 25 mg di triamcinolone intralesionale totale (di solito iniettato come 4–8 mg / mL) abbiano effetti sistemici.27 Il triamcinolone acetonide può essere diluito con soluzione salina sterile o lidocaina all'1%. Lo spray al cloruro di etile può anche essere usato prima dell'iniezione per ridurre il dolore.28

fototerapia

Modalità di fotochemioterapia comunemente utilizzate per il trattamento psoriasi comprendono l'ultravioletto B a banda stretta (NB-UVB; 311–313 nm), l'ultravioletto B a banda stretta (BB-UVB; 280–320 nm), il laser UVB mirato o con eccimeri (308 nm) e un trattamento combinato di 8-metossiproporal orali o topici e UVA (PUVA; 320–400 nm).29 L'inizio di BB-UVB, NB-UVB o PUVA è di solito considerato quando è coinvolto almeno il 10% della BSA o in pazienti che non hanno risposto a terapie topiche. Al contrario, il laser ad eccimeri può essere utilizzato come trattamento di terza linea di lesioni localizzate o resistenti al trattamento.29,30 Sia NB-UVB che PUVA sono ugualmente efficaci; tuttavia, NB-UVB è la terapia fotografica di prima linea (chemio) più comunemente usata a causa del ridotto profilo del fotodamaggio.29-32

La luce ultravioletta esercita i suoi effetti inibendo la capacità delle cellule epidermiche di Langerhans di presentare antigeni alle cellule T, riducendo in tal modo la risposta immunitaria.29 La terapia PUVA funziona come fotochemioterapia reticolando il DNA e inducendo l'apoptosi.29 Le controindicazioni assolute alla fototerapia includono lupus eritematoso sistemico, xeroderma pigmentoso e porfiria. Le controindicazioni relative includono una storia di tumore della pelle, fotomontaggio esteso, immunosoppressione e uso di farmaci fotosensibilizzanti diversi dai psoraleni topici o sistemici prescritti.13,31 La fototerapia è generalmente ben tollerata. Tuttavia, gli effetti collaterali acuti possono includere eritema, sensazione di bruciore, vesciche e prurito.33 Inoltre, PUVA può essere associato ad un aumentato rischio di cancro della pelle perché gli psoraleni agiscono come fotosensibilizzanti e gli UVA penetrano più a fondo nella pelle.34,35

Trattamenti sistemici convenzionali

I trattamenti sistemici convenzionali sono di solito iniziati quando è interessato il 10% o più della BSA, quando la psoriasi ha un effetto debilitante sulla qualità della vita del paziente (ad esempio, coinvolgimento dei palmi delle mani o delle piante dei piedi) o quando la risposta a trattamenti topici e fototerapia non è sufficiente.13 I farmaci sistemici convenzionali più comunemente usati includono metotrexato, ciclosporina, acitretina e sulfasalazina (Tabella 3). Il metotrexato, la ciclosporina e l'acitretina sono agenti sistemici di prima linea. Sulfasalazina e apremilast, tra gli altri, possono essere utilizzati quando il trattamento con agenti sistemici di prima linea non produce l'effetto desiderato, la terapia di prima linea è controindicata o il farmaco provoca reazioni avverse indesiderabili.36

Tabella 3
Tabella 3:

MEDICAZIONI SISTEMICHE TRADIZIONALI PER PSORIASI

Una revisione del 2018 ha riportato una forte dichiarazione di consenso sull'uso di metotrexato e ciclosporina per la terapia di induzione sistemica di prima linea. Le controindicazioni assolute al metotrexato comprendono compromissione epatica (consumo eccessivo di alcol ed epatite B o C attiva), gravidanza e tubercolosi o altre infezioni attive.37 I benefici del metotrexato comprendono la prova dell'efficacia per l'artrite psoriasica36 e il miglior profilo di sicurezza tra tutti gli agenti sistemici e le terapie biologiche comunemente usati.38 Le controindicazioni assolute alla ciclosporina comprendono insufficienza renale, ipertensione non controllata, tubercolosi attiva o altre infezioni e alcune neoplasie attuali e passate. Inoltre, la ciclosporina viene attivata attraverso la via del CYP3A4, determinando interazioni farmacologiche multiple.37 Un vantaggio della ciclosporina è la rapida insorgenza dell'azione.36

La recensione precedentemente citata ha concluso che l'acitretina è meno efficace sia del metotrexato che della ciclosporina per la placca cronica psoriasi. Inoltre, l'acitretina ha un potenziale teratogeno; pertanto, nelle donne in età fertile, deve essere iniziato dal secondo al terzo giorno del periodo mestruale. La contraccezione deve essere iniziata 1 mese prima e continuata fino a 3 anni dopo l'interruzione di acitretina. Inoltre, l'acitretina è controindicata per le donne che allattano e per i pazienti con grave disfunzione renale o epatica.37 Può essere usato il trattamento combinato di fototerapia con acitretina e UVB, specialmente per i pazienti con placche più spesse, e si traduce in dosi più basse di acitretina e UVB.29 Tuttavia, l'acitretina (e l'agente biologico orale apremilast) non causa immunosoppressione associata a metotrexato, ciclosporina o altri agenti biologici.36

Agenti biologici

Negli ultimi dieci anni, diversi prodotti biologici sono stati autorizzati negli Stati Uniti e in Canada come trattamenti sicuri ed efficaci per la placca da moderata a grave psoriasi (Tabella 4). Attualmente agenti anti-IL-17 (secukinumab brodalumab, ixekizumab), inibitori anti-IL-23 (guselkumab) e inibitori anti-IL-12-23 (ustekinumab) sono agenti comunemente usati per la placca psoriasi e l'artrite psoriasica. Gli agenti anti-TNF (adalimumab, etanercept, infliximab, certolizumab pegol) sono stati i primi sul mercato e possono ancora essere utilizzati per l'artrite psoriasica, ma i nuovi agenti hanno sostituito gli inibitori del TNF per una maggiore efficacia nella placca psoriasi.

Tabella 4
Tabella 4:

AGENTI BIOLOGICI PER MODERARE A GRAVI GRAVI PSORIASI

La scelta del biologico è spesso difficile per il fornitore e il paziente.39-41 Ai pazienti che richiedono un trattamento sistemico possono essere offerti trattamenti biologici basati su criteri tra cui il fallimento di due o più trattamenti sistemici convenzionali. L'efficacia, la sicurezza e la facilità di somministrazione di ogni particolare agente devono essere bilanciate con la copertura fornita dall'assicurazione sanitaria del paziente.13

L'interleuchina 17A svolge un ruolo critico nella fisiopatologia di psoriasied è il bersaglio di molti agenti biologici di recente sviluppo, tra cui secukinumab, ixekizumab e brodalumab. A differenza di secukinumab e ixekizumab, che si legano allo stesso IL-17A, il brodalumab prende di mira il recettore dell'IL-17A su cheratinociti e cellule immunitarie, fornendo un obiettivo terapeutico più diretto.42 Infliximab, adalimumab, certolizumab pegol ed etanercept target TNF-α.43 Ustekinumab impedisce a IL-12 e IL-23 di stimolare i complessi recettoriali legandosi alla subunità p40 comune ad entrambe le citochine.44 Al contrario, guselkumab prende di mira solo IL-23 legandosi alla sua subunità p19.45

Una revisione Cochrane del 2017 (prima della commercializzazione di alcuni dei nuovi agenti) ha concluso che ustekinumab, infliximab e certolizumab hanno la migliore combinazione di efficacia e sicurezza quando prescritto per la placca psoriasi. Ixekizumab ha avuto la massima efficacia in termini di raggiungimento della PASI 90, mentre il certolizumab ha avuto il rischio relativo più basso di eventi avversi gravi.38

Esistono diverse considerazioni sulla sicurezza associate agli agenti biologici. Tutti i pazienti che iniziano i farmaci biologici dovrebbero avere l'opportunità di prendere parte a registri più sicuri a lungo termine. Vaccini vivi devono essere evitati in pazienti in terapia biologica e neonati (fino a 6 mesi di età) nati da madri che assumono terapia biologica oltre le 16 settimane di gestazione. Prestare particolare attenzione quando si prescrivono farmaci biologici a pazienti con una storia di cancro, in particolare negli ultimi 5 anni, e i pazienti che iniziano terapia biologica deve essere testato per l'infezione da epatite B e C, virus dell'immunodeficienza umana, anticorpo varicella-zoster e tubercolosi latente (preferibilmente con un test di rilascio di interferone γ).19,46

PSORIASI SOTTOTIPI

Cuoio capelluto Psoriasi

Psoriasi del cuoio capelluto è comune, con circa la metà dei pazienti con cutaneo psoriasi esibendo un certo coinvolgimento del cuoio capelluto.47 Il cuoio capelluto deve essere esaminato in tutti i pazienti con psoriasi. Mentre il cuoio capelluto psoriasi risponde agli stessi trattamenti topici e sistemici di psoriasi su altre parti del corpo, i pazienti trovano spesso indesiderabili trattamenti topici sul cuoio capelluto a causa di problemi estetici. Lozioni e gel sono generalmente preferiti a creme e unguenti più spessi. La terapia laser con eccimeri può essere utilizzata se i capelli possono essere separati in modo sufficiente. Gli shampoo cheratolitici e a base di catrame possono anche essere usati con effetto ottimale da un tempo di contatto più lungo (si consigliano 10-20 minuti).13,48

Unghie e cuticole Psoriasi

Il coinvolgimento delle unghie è stato osservato in circa un quarto dei pazienti con psoriasi.47 Le unghie che mostrano cambiamenti psoriasici possono rispondere alle terapie sistemiche utilizzate per il controllo psoriasi su altri siti del corpo. Per colpire specificamente la cuticola psoriasi, i fornitori dovrebbero considerare la potenza elevata corticosteroidi topici da solo o in combinazione con calcipotriolo attorno alla piega dell'unghia. In casi selezionati, le iniezioni di steroidi intralesionali possono integrare il trattamento, ma possono essere molto dolorose.48

Intertriginose / Inverse Psoriasi

intertriginose psoriasi può verificarsi nel punto di contatto di due pieghe della pelle; la piega inguinale, l'ascia e i genitali esterni sono i siti più comuni. Questo sito è caratterizzato da placche rosse lucide ben delimitate con una scala minima o nulla. A causa della macerazione della pelle, può verificarsi una superinfezione. Qualsiasi eruzione eritematosa nelle pieghe può essere chiamata intertrigine, con una diagnosi differenziale che include condizioni infiammatorie (psoriasi, lichen planus), infezione fungina (dermatofiti, lievito), infezioni batteriche tra cui eritrasma e dermatite da contatto irritante e allergica.49,50 intertriginose psoriasi può essere distinto da queste entità sulla base di una storia di psoriasi combinato con un esame fisico che rivela il caratteristico coinvolgimento uniforme dal rosa al rosso. Altri criteri per la differenziazione includono:

  • esame microscopico di idrossido di potassio e colture fungine per escludere lieviti o funghi dermatofiti;
  • esame della luce del bosco (luce nera con fluorescenza del corallo caratteristica dell'eritrasma);
  • tampone batterico esaminato microscopicamente con coltura per identificare gli organismi responsabili della cellulite / impetigine; e
  • biopsia cutanea se necessario per escludere il lichen planus, la dermatite da contatto e altri.13,50

L'intertrigine psoriasica viene spesso trattata con corticosteroidi a bassa potenza (spesso combinati con un agente anti-lievito per prevenire la colonizzazione secondaria) ininterrottamente per 2-4 settimane e successivamente da una a due volte alla settimana per la terapia di mantenimento. In alternativa, gli inibitori topici della calcineurina (crema di pimecrolimus, unguento di tacrolimus) possono essere usati come agenti risparmiatori di steroidi o quando la pelle è sottile o fragile. Ci sono poche prove per l'uso di terapie sistemiche convenzionali o biologici.

eritrodermica Psoriasi

eritrodermica psoriasi è pericoloso per la vita e colpisce il 75% o più della BSA con accompagnamento di eritema, desquamazione e occasionalmente pustole. Può essere associato a sintomi sistemici tra cui febbre, brividi, affaticamento, malessere, edema periferico, insufficienza cardiaca, insufficienza renale, squilibri elettrolitici, difficoltà di termoregolazione e superinfezione. L'eritroderma può essere indotta sia dall'introduzione che dalla brusca sospensione dei farmaci, dall'uso eccessivo di corticosteroidi topici, stress e consumo di alcol, tra le altre cause.51 La diagnosi differenziale comprende grave dermatite atopica, eruzioni da farmaci, linfoma cutaneo e un raro psoriasi-come il disturbo cheratinizzante (pitiriasi rubra pilaris) con una caratteristica ipercheratosi gialla dei palmi e delle piante dei piedi.51

La gestione prevede la valutazione e il trattamento delle anomalie sistemiche e della superinfezione, nonché i farmaci sistemici. Potrebbe essere necessario il ricovero in ospedale. Le terapie di prima linea includono metotrexato, acitretina, ciclosporina e infliximab a causa della loro rapida insorgenza d'azione. I corticosteroidi sistemici dovrebbero essere generalmente evitati perché possono essere un fattore scatenante eritrodermica psoriasi (ma può essere l'unica scelta in gravidanza o in allattamento) e la fototerapia è controindicata in quanto questi pazienti sono spesso fotosensibili.51 Potenza da lieve a moderata corticosteroidi topici sono spesso usati in sicurezza in combinazione con trattamenti sistemici.

pustoloso Psoriasi

pustoloso psoriasi si presenta come pelle eritematosa ricoperta da pustole da 2 a 3 mm e presenta forme generalizzate (acute, subacute) e localizzate (pustolosi palmoplantare e acrodermatite continua di Hallopeau). generalizzato pustoloso psoriasi può essere accompagnato da sintomi sistemici tra cui febbre, malessere, artralgie, edema periferico, congiuntivite, irite, uveite, pustolosi orale e cheilite, tra gli altri. Sia generalizzato che localizzato pustoloso psoriasi possono essere indotti dall'avvio e dall'interruzione di farmaci sistemici e topici, infezione, vaccino H1N1, scottature solari, stress e cambiamenti ormonali, tra gli altri.52

La diagnosi differenziale di generalizzata pustoloso psoriasi include eruzione pustolosa di farmaci, dermatite con infezione secondaria, immunoglobulina A pemfigo e tinea corporis pustolosa. Una diagnosi definitiva può essere fatta sulla base di anamnesi, esame fisico e, se la diagnosi non è ancora chiara, punch biopsia di una pustola intatta. Trattamenti di prima linea per generalizzati pustoloso psoriasi comprendono acitretina, ciclosporina e metotrexato, con infliximab riservato ai casi gravi. I trattamenti di seconda linea comprendono adalimumab, etanercept e PUVA. In associazione con trattamenti sistemici possono essere usati trattamenti topici aggiuntivi inclusi corticosteroidi, calcipotriene, tacrolimus e pimecrolimus.52

localizzato pustoloso psoriasi ha un impatto debilitante sulla qualità della vita ed è spesso resistente al trattamento. Per localizzato pustoloso psoriasi senza artrite psoriasica, la terapia di prima linea raccomandata è corticosteroidi potenti o ultrapotenti con occlusione e, se applicabile, cessazione del fumo.53

guttata Psoriasi

guttata psoriasi è caratterizzato da un'eruzione acuta di papule e placche ridimensionanti rosse a forma di goccia. Può verificarsi da 2 a 3 settimane dopo un'infezione da streptococco nei bambini e nei giovani adulti. La diagnosi differenziale comprende la pitiriasi rosacea, la tinea corporis, la sifilide secondaria, la pitiriasi lichenoides chronica, la dermatite nummulare e le eruzioni farmacologiche. Queste entità possono essere differenziate da guttate psoriasi in base all'anamnesi e all'esame obiettivo con biopsia cutanea quando necessario.54

A conoscenza degli autori, l'ultima revisione dei trattamenti specifici per guttate psoriasi è stato pubblicato nel 2001. Indagini su trattamenti specifici per guttate psoriasi sono limitati. Non ci sono prove che suggeriscano alcuna efficacia per gli antibiotici. Prove di scarsa qualità suggeriscono che la tonsillectomia può essere efficace in alcuni pazienti. I trattamenti più comunemente usati comprendono la fototerapia, corticosteroidi topici, analoghi della vitamina D e catrame. La storia naturale di guttate psoriasi è vario; può cancellare da solo, trasformarsi in placca cronica psoriasioppure rimetti e riappaiono.54

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL DOLORE IN PSORIASI

Psoriasi è spesso associato a bruciore e dolore lancinante, in particolare con un aumento dell'infiammazione e della formazione di ragadi all'interno delle placche.55 Il controllo del dolore può essere ottenuto attraverso un migliore controllo di psoriasi con farmaci sistemici e topici e analgesici. La scala del dolore dell'Organizzazione mondiale della sanità è uno strumento di uso frequente per la scelta degli analgesici per la componente del dolore nocicettivo (rosicchia, dolorante, tenero, pulsante). La scala del dolore suggerisce di iniziare con il paracetamolo e i farmaci antinfiammatori non steroidei e quindi, se necessario, l'aggiunta di oppioidi lievi (codeina, tramadolo o idromorfone).55,56 Per il componente neuropatico (bruciore, bruciore, tiro, pugnalato), gli agenti orali tra cui pregabalin, gabapentin, nortriptilina e carbamazepina possono fornire controllo dei sintomi. I fornitori devono affrontare la componente psicologica del dolore e qualsiasi comorbidità psichiatrica deve essere diagnosticata e trattata.55

PSORIASI E FERITE

Specialisti nella cura delle ferite possono essere chiamati per il trattamento del peristomale psoriasi. Un recente studio ha riportato una prevalenza di peristomale psoriasi del 5% in una clinica di stomia generale.57 Mentre la maggior parte di questi pazienti (70%) era diffusa cutaneo psoriasi, Il 3% aveva psoriasi solo nella regione peristomale e il 27% presentava solo lievi segni di malattia psoriasica al di fuori dell'area peristomale.57 Recenti raccomandazioni di un team di dermatologi che gestiscono il peristomale psoriasi è stato riportato.57 Coprendo semplicemente il peristomale psoriasi con una spessa medicazione idrocolloide può essere efficace in alcuni casi. Vengono anche usati occlusione e lozione corticosteroide topica, gel e veicoli schiumogeni; i fornitori dovrebbero evitare creme e unguenti più grassi perché impediscono l'adesione dell'apparecchiatura per stomia. I prodotti topici devono essere lasciati asciugare prima di riattaccare l'apparecchio per stomia. In casi resistenti, le iniezioni di steroidi intralesionali che usano triamcinolone da 2,5 a 8 mg / ml usando da 1 a 3 ml possono spesso controllare la malattia. Ridurre al minimo il trauma peristomale è indispensabile durante l'applicazione di trattamenti topici. Per evitare fenomeni di Koebner, gli apparecchi piatti sono preferiti alle alternative convesse. Vengono anche utilizzati trattamenti sistemici convenzionali, fototerapia (con lo stoma protetto) e prodotti biologici.57

Un argomento di alcuni dibattiti è se raccomandare la continuazione o l'interruzione di terapia biologica per i pazienti con psoriasi che stanno subendo un intervento chirurgico. La linea guida della British Association of Dermatologists 2017 raccomanda di interrompere terapia biologica per 3-5 emivite del farmaco o per la durata di un ciclo di trattamento, a seconda di quale sia la durata più lunga, prima dell'intervento chirurgico.46 Tuttavia, due studi recenti su pazienti con psoriasi gestito da terapia biologica ha documentato che dal 66% al 74% ha continuato il trattamento per tutto il periodo perioperatorio, con un numero maggiore di pazienti che hanno sospeso la terapia per un intervento chirurgico cardiotoracico e ortopedico più esteso. Entrambi gli studi non hanno riportato un aumento del rischio di complicanze o infezioni della ferita con il proseguimento terapia biologica. Tuttavia, questi risultati erano basati rispettivamente su 77 e 131 procedure chirurgiche e una popolazione di pazienti più ampia deve essere studiata prima di formulare raccomandazioni alternative definitive.58,59

In generale, psoriasi non sembra avere un effetto negativo sulla guarigione della ferita.60,61 comunque, il Fenomeno di Koebner può provocare pazienti che sviluppano lesioni psoriasiche su siti chirurgici62 e tatuaggi,63 tra le altre lesioni. Questo fenomeno è più comune nei pazienti con malattia instabile e non trattata. Sia l'epidermide che il derma devono essere coinvolti affinché si verifichi una malattia clinica.62 Le lesioni insorgono in genere da 10 a 20 giorni dopo il trauma, ma è noto che insorgono da 3 giorni a 2 anni dopo il postumi.18,62

CONCLUSIONI

In conclusione, psoriasi può essere differenziato in forme di placca, inversa, eritrodermica, pustolosa e guttata. Oltre alle manifestazioni cutanee, possono essere presenti anomalie sistemiche delle unghie, del cuoio capelluto, delle articolazioni e. Pertanto, i pazienti che presentano una diagnosi sospetta di psoriasi dovrebbe sottoporsi a un'anamnesi approfondita e ad un esame fisico, inclusi cuoio capelluto, unghie e articolazioni.

La gestione ottimale dipende dalla forma di psoriasi, gravità, posizione e preferenza del paziente. Psoriasi che colpisce meno del 10% della BSA del paziente e senza effetti debilitanti sul paziente può essere trattato con terapie topiche. Un coinvolgimento della BSA di oltre il 10%, un impatto debilitante sulla vita o una risposta non ottimale con terapie topiche dovrebbe portare alla considerazione della fototerapia o della terapia sistemica convenzionale. Terapia biologica è di solito riservato a pazienti con almeno il 10% del corpo coinvolto, un punteggio PASI maggiore di 10 e un punteggio di Dermatologia di indice di qualità della vita maggiore di 10. Questi pazienti di solito hanno fallito o hanno una controindicazione a due o più terapie sistemiche convenzionali e / o fotochemioterapia.

Attualmente, psoriasi il trattamento comprende un toolkit efficace di opzioni terapeutiche. Ci sono ancora più nuovi agenti all'orizzonte, ognuno con il potenziale per dare ai pazienti psoriasi miglioramento della qualità della vita e controllo degli aspetti chiave di psoriasi.

PERLE DI PRATICA

  • Psoriasi può manifestarsi in placche, inverse, guttate, pustolose o forme eritrodermiche.
  • Esamina completamente la pelle, le unghie, il cuoio capelluto e le articolazioni per documentare l'estensione della malattia.
  • I pazienti con meno del 10% di BSA affetti sono generalmente trattati con trattamenti topici: i corticosteroidi e gli analoghi della vitamina D sono terapie di prima linea.
  • For patients with moderate to severe disease (≥10 BSA or debilitating disease), consider phototherapy and conventional systemic treatments.
  • Biologic therapies are usually reserved for patients who have failed or have contraindications to two or more conventional systemic therapies and with residual psoriasis impairing their quality of life.

REFERENCES

1. Parisi R, Symmons DP, Griffiths CE, Ashcroft DM. Global epidemiology of psoriasis: a systematic review of incidence and prevalence. J Invest Dermatol 2013;133(2):377–85.
2. Langley RGB, Krueger GG, Griffiths CEM. Psoriasis: epidemiology, clinical features, and quality of life. Ann Rheum Dis 2005;64(Suppl 2):ii18–ii23.
3. Farber EM, Bright RD, Nall ML. Psoriasis: a questionnaire survey of 2,144 patients. Arch Dermatol 1968;98(3):248–59.
4. Dand N, Mucha S, Tsoi LC, et al. Exome-wide association study reveals novel psoriasis susceptibility locus at TNFSF15 and rare protective alleles in genes contributing to type I IFN signalling. Hum Mol Genet 2017;26(21):4301–13.
5. Rodríguez-Zúñiga MJM. Systematic review and meta-analysis of the association between psoriasis and metabolic syndrome. J Am Acad Dermatol 2017;77(4):657–66.e8.
6. Li X, Kong L, Li F, et al. Association between psoriasis and chronic obstructive pulmonary disease: a systematic review and meta-analysis. PloS One 2015;10(12):e0145221.
7. Candia R, Ruiz A, Torres-Robles R, Chávez-Tapia N, Méndez-Sánchez N, Arrese M. Risk of non-alcoholic fatty liver disease in patients with psoriasis: a systematic review and meta-analysis. J Eur Acad Dermatol Venereol 2015;29(4):656–62.
8. Horreau C, Pouplard C, Brenaut E, et al. Cardiovascular morbidity and mortality in psoriasis and psoriatic arthritis: a systematic literature review. J Eur Acad Dermatol Venereol 2013;27 Suppl 3:12–29.
9. Singh S, Taylor C, Kornmehl H, Armstrong AW. Psoriasis and suicidality: a systematic review and meta-analysis. J Am Acad Dermatol 2017;77(3):425–40.e2.
10. Dowlatshahi EA, Wakkee M, Arends LR, Nijsten T. The prevalence and odds of depressive symptoms and clinical depression in psoriasis patients: a systematic review and meta-analysis. J Invest Dermatol 2014;134(6):1542–51.
11. Nestle FO, Kaplan DH, Barker J. Psoriasis. N Engl J Med 2009;361(5):496–509.
12. Gooderham MJ, Papp KA, Lynde CW. Shifting the focus: the primary role of IL-23 in psoriasis and other inflammatory disorders. J Eur Acad Dermatol Venereol 2018;32(7):1111–9.
13. Ladizinski B, Lee KC, Wilmer E, Alavi A, Mistry N, Sibbald RG. A review of the clinical variants and the management of psoriasis. Adv Skin Wound Care 2013;26(6):271–84.
14. Zachariae H. Prevalence of joint disease in patients with psoriasis. Am J Clin Dermatol 2003;4(7):441–7.
15. Brockbank JE, Schentag C, Rosen C, Gladman DD. Psoriatic arthritis (PSA) is common among patients with psoriasis and family medicine clinic attendees. Arthritis Rheum 2001;44(9):S94.
16. Gottlieb A, Korman NJ, Gordon KB, et al. Guidelines of care for the management of psoriasis and psoriatic arthritis: section 2. Psoriatic arthritis: overview and guidelines of care for treatment with an emphasis on the biologics. J Am Acad Dermatol 2008;58(5):851–64.
17. Mehta S, Singal A, Singh N, Bhattacharya SN. A study of clinicohistopathological correlation in patients of psoriasis and psoriasiform dermatitis. Indian J Dermatol Venereol Leprol 2009;75(1):100.
18. Weiss G. The Koebner phenomenon: review of the literature. J Eur Acad Dermatol Venereol 2002;16(3):241–8.
19. Daudén E, Puig L, Ferrándiz C, Sánchez-Carazo JL, Hernanz-Hermosa JM, the Spanish Psoriasis Group of the Spanish Academy of Dermatology and Venereology. Consensus document on the evaluation and treatment of moderate-to-severe psoriasis: Psoriasis Group of the Spanish Academy of Dermatology and Venereology. J Eur Acad Dermatol Venereol 2016;30:1–18.
20. Thomas CL, Finlay AY. The ‘handprint’ approximates to 1% of the total body surface area whereas the ‘palm minus the fingers’ does not. Br J Dermatol 2007;157(5):1080–1.
21. Chiricozzi A, Pimpinelli N, Ricceri F, et al. Treatment of psoriasis with topical agents: recommendations from a Tuscany Consensus. Dermatol Ther 2017;30(6):e12549.
22. Samarasekera EJ, Sawyer L, Wonderling D, Tucker R, Smith CH. Topical therapies for the treatment of plaque psoriasis: systematic review and network meta-analyses. Br J Dermatol 2013;168(5):954–67.
23. Takahashi H, Tsuji H, Ishida-Yamamoto A, Iizuka H. Comparison of clinical effects of psoriasis treatment regimens among calcipotriol alone, narrowband ultraviolet B phototherapy alone, combination of calcipotriol and narrowband ultraviolet B phototherapy once a week, and combination of calcipotriol and narrowband ultraviolet B phototherapy more than twice a week. J Dermatol 2013;40(6):424–7.
24. Wang C, Lin A. Efficacy of topical calcineurin inhibitors in psoriasis. J Cutan Med Surg 2014;18(1):8–14.
25. Jacobi A, Mayer A, Augustin M. Keratolytics and emollients and their role in the therapy of psoriasis: a systematic review. Dermatol Ther 2015;5(1):1–18.
26. Roelofzen JH, Aben KK, van der Valk PG, van Houtum JL, van de Kerkhof PC, Kiemeney LA. Coal tar in dermatology. J Dermatol Treat 2007;18(6):329–34.
27. McGugan AD, Shuster S, Bottoms E. Adrenal suppression from intradermal triamcinolone. J Invest Dermatol 1963;40(6):271–2.
28. Richards RN. Update on intralesional steroid: focus on dermatoses. J Cutan Med Surg 2010;14(1):19–23.
29. Mehta D, Lim HW. Ultraviolet B phototherapy for psoriasis: review of practical guidelines. Am J Clin Dermatol 2016;17(2):125–33.
30. Matos TR, Ling TC, Sheth V. Ultraviolet B radiation therapy for psoriasis: pursuing the optimal regime. Clin Dermatol 2016;34(5):587–93.
31. Menter A, Korman NJ, Elmets CA, et al. Guidelines of care for the management of psoriasis and psoriatic arthritis: section 5. Guidelines of care for the treatment of psoriasis with phototherapy and photochemotherapy. J Am Acad Dermatol 2010;62(1):114–35.
32. Pathirana D, Ormerod AD, Saiag P, et al. European S3-guidelines on the systemic treatment of psoriasis vulgaris. J Eur Acad Dermatol Venereol 2009;23 Suppl 2:1–70.
33. George SL. Adverse effects with PUVA and UVB phototherapy. J Dermatol Treat 2001;12(2):101–5.
34. Archier E, Devaux S, Castela E, et al. Carcinogenic risks of psoralen UV-A therapy and narrowband UV-B therapy in chronic plaque psoriasis: a systematic literature review. J Eur Acad Dermatol Venereol 2012;26 Suppl 3:22–31.
35. Stern RS. The risk of squamous cell and basal cell cancer associated with psoralen and ultraviolet A therapy: a 30-year prospective study. J Am Acad Dermatol 2012;66(4):553–62.
36. Menter A, Korman NJ, Elmets CA, et al. Guidelines of care for the management of psoriasis and psoriatic arthritis: section 4. Guidelines of care for the management and treatment of psoriasis with traditional systemic agents. J Am Acad Dermatol 2009;61(3):451–85.
37. Nast A, Amelunxen L, Augustin M, et al. S3 Guideline for the treatment of psoriasis vulgaris, update—short version part 1—systemic treatment. J Dtsch Dermatol Ges 2018;16(5):645–69.
38. Sbidian E, Chaimani A, Garcia-Doval I, et al. Systemic pharmacological treatments for chronic plaque psoriasis: a network meta-analysis. Cochrane Database Syst Rev 2017;12:CD011535.
39. Jabbar-Lopez ZK, Yiu ZZ, Ward V, et al. Quantitative evaluation of biologic therapy options for psoriasis: a systematic review and network meta-analysis. J Invest Dermatol 2017;137(8):1646–54.
40. Papp KA, Reich K, Paul C, et al. A prospective phase III, randomized, double-blind, placebo-controlled study of brodalumab in patients with moderate-to-severe plaque psoriasis. Br J Dermatol 2016;175(2):273–86.
41. Sofen H, Smith S, Matheson RT, et al. Guselkumab (an IL-23–specific mAb) demonstrates clinical and molecular response in patients with moderate-to-severe psoriasis. J Allergy Clin Immunol 2014;133(4):1032–40.
42. Sawyer L, Fotheringham I, Wright E, Yasmeen N, Gibbons C, Holmen Møller A. The comparative efficacy of brodalumab in patients with moderate-to-severe psoriasis: a systematic literature review and network meta-analysis. J Dermatol Treat 2018;29(6):557–68.
43. Nesbitt A, Fossati G, Bergin M. Mechanism of action of certolizumab pegol (CDP870): in vitro comparison with other anti–tumor necrosis factor α agents. Inflamm Bowel Dis 2007;13(11):1323–32.
44. Benson JM, Peritt D, Scallon BJ, et al. Discovery and mechanism of ustekinumab: a human monoclonal antibody targeting interleukin-12 and interleukin-23 for treatment of immune-mediated disorders. MAbs 2011;3(6):535–45.
45. Guselkumab (Tremfya) for psoriasis. JAMA 2017;318(24):2487–88.
46. Smith CH, Jabbar-Lopez ZK, Yiu ZZ, et al. British Association of Dermatologists guidelines for biologic therapy for psoriasis 2017. Br J Dermatol 2017;177(3):628–36.
47. Merola JF, Li T, Li W-Q, Cho E, Qureshi AA. Prevalence of psoriasis phenotypes among men and women in the USA. Clin Exp Dermatol 2016;41(5):486–9.
48. Merola JF, Qureshi A, Husni ME. Underdiagnosed and undertreated psoriasis: nuances of treating psoriasis affecting the scalp, face, intertriginous areas, genitals, hands, feet, and nails. Dermatol Ther 2018;31(3):e12589.
49. Lisi P. Differential diagnosis of psoriasis. Reumatismo 2007;59(1s):56–60.
50. Syed ZU, Khachemoune A. Inverse psoriasis: case presentation and review. J Clin Dermatol 2011;12(2):143–6.
51. Rosenbach M, Hsu S, Korman NJ, et al. Treatment of erythrodermic psoriasis: from the medical board of the National Psoriasis Foundation. J Am Acad Dermatol 2010;62(4):655–62.
52. Hoegler KM, John AM, Handler MZ, Schwartz RA. Generalized pustular psoriasis: a review and update on treatment. J Eur Acad Dermatol Venereol 2018;32(10):1645–51.
53. Sevrain M, Richard MA, Barnetche T, et al. Treatment for palmoplantar pustular psoriasis: systematic literature review, evidence-based recommendations and expert opinion. J Eur Acad Dermatol Venereol 2014;28:13–16.
54. Chalmers RJG, O’Sullivan T, Owen CM, Griffiths CEM. A systematic review of treatments for guttate psoriasis. Br J Dermatol 2001;145(6):891–4.
55. Pithadia D, Reynolds K, Lee E, Wu J. Psoriasis-associated cutaneous pain: etiology, assessment, impact, and management. J Dermatolog Treat 2018:1–21.
56. Vargas-Schaffer G. Is the WHO analgesic ladder still valid? Twenty-four years of experience. Can Fam Physician 2010;56(6):514–7.
57. Marshall C, Woodmansey S, Lyon CC. Peristomal psoriasis. Clin Exp Dermatol 2017;42(3):282–6.
58. Bakkour W, Purssell H, Chinoy H, Griffiths CEM, Warren RB. The risk of post-operative complications in psoriasis and psoriatic arthritis patients on biologic therapy undergoing surgical procedures. J Eur Acad Dermatol Venereol 2016;30(1):86–91.
59. Fabiano A, De Simone C, Gisondi P, et al. Management of patients with psoriasis treated with biological drugs needing a surgical treatment. Drug Dev Res 2014;75 Suppl 1:S24–6.
60. Morhenn VB, Nelson TE, Gruol DL. The rate of wound healing is increased in psoriasis. J Dermatol Sci 2013;72(2):87–92.
61. Young PM, Parsi KK, Schupp CW, Armstrong AW. Psoriasis and wound healing outcomes: a retrospective cohort study examining wound complications and antibiotic use. Dermatol Online J 2017;23(11).
62. Ganguly AK, Laghimsetty S, Bhagyalakshmi N. Koebner phenomenon triggered by external dacryocystorhinostomy scar in a patient with psoriasis: a case report and literature review. Ophthal Plast Reconstr Surg 2018;34(2):e52–e53.
63. Kluger N, Estève E, Fouéré S, Dupuis-Fourdan F, Jegou M-H, Lévy-Rameau C. Tattooing and psoriasis: a case series and review of the literature. Int J Dermatol 2017;56(8):822–7.
64. Norris DA. Mechanisms of action of topical therapies and the rationale for combination therapy. J Am Acad Dermatol 2005;53(1):S17–S25.
65. Lebwohl M, Ali S. Treatment of psoriasis. Part 1. Topical therapy and phototherapy. J Am Acad Dermatol 2001;45(4):487–502.
66. Menter A, Korman NJ, Elmets CA, et al. Guidelines of care for the management of psoriasis and psoriatic arthritis. Section 3. Guidelines of care for the management and treatment of psoriasis with topical therapies. J Am Acad Dermatol 2009;60(4):643–59.
67. Fluhr JW, Cavallotti C, Berardesca E. Emollients, moisturizers, and keratolytic agents in psoriasis. Clin Dermatol 2008;26(4):380–6.
68. Siegfried EC, Jaworski JC, Hebert AA. Topical calcineurin inhibitors and lymphoma risk: evidence update with implications for daily practice. Am J Clin Dermatol 2013;14(3):163–78.
69. Keating GM. Apremilast: a review in psoriasis and psoriatic arthritis. Drugs 2017;77(4):459–72.