CREMA TRATTAMENTO PSORIASI OFFERTA -50% !

Home Blog Page 178

Psorilax:Acquisto |cetafil crema psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, ingredienti


Entra a Wall Street con StreetInsider Premium. Richiedi la tua prova gratuita di 1 settimana qui.


STATI UNITI
SICUREZZA E COMMISSIONE DI SCAMBIO

Washington, DC 20549

MODULO 8-K

RELAZIONE ATTUALE
Ai sensi della Sezione 13 o 15 (d) del Securities Exchange Act del 1934

Data del rapporto (data del primo evento
riportato): 15 giugno 2020

IMMUNIC, INC.

(Nome esatto del dichiarante come specificato
nella sua carta)

Delaware 001-36.201 56-2358443
(Stato o altra giurisdizione
di costituzione)
(Numero file della Commissione) (N. di identificazione del datore di lavoro IRS)

1200 Avenue of the Americas,
Suite 200

New York, NY 10036

Stati Uniti d'America

(Indirizzo delle principali sedi esecutive)

Numero di telefono del registrante, incluso
prefisso: 49 89 250079460

Selezionare la casella appropriata di seguito se si intende il deposito del modulo 8-K
per soddisfare contemporaneamente l'obbligo di deposito del dichiarante ai sensi di una delle seguenti disposizioni:

Comunicazioni scritte ai sensi dell'articolo 425 del Securities Act (17 CFR 230.425)
Richiesta di materiale ai sensi della Regola 14a-12 ai sensi dello Exchange Act (17 CFR 240.14a-12)
Comunicazioni preliminari ai sensi della regola 14d-2 (b) ai sensi dello Exchange Act (17 CFR 240.14d-2 (b))
Comunicazioni preliminari ai sensi della regola 13e-4 (c) ai sensi dello Exchange Act (17 CFR 240.13e-4 (c))

Titoli registrati ai sensi della Sezione 12 (b) della Legge:

Titolo di ogni classe Simbolo / i di trading Nome dello scambio su cui registrato
Azioni ordinarie, valore nominale $ 0,0001 IMUX Nasdaq Stock Market LLC

Indicare con un segno di spunta se il dichiarante è un emergente
società in crescita come definita nella Regola 405 del Securities Act del 1933 (§ 230.405 del presente capitolo) o nella Regola 12b-2 dei Titoli
Exchange Act del 1934 (§ 240.12b2 di questo capitolo).

Azienda in crescita emergente

Se un'azienda emergente in crescita, indicare con un segno di spunta se il
il dichiarante ha scelto di non utilizzare il periodo di transizione esteso per conformarsi a principi contabili finanziari nuovi o rivisti
fornito ai sensi della Sezione 13 (a) dello Exchange Act. sì
No

Articolo 8.01. Altri eventi

Il 2020, Immunic, Inc. (il “Azienda“)
ha emesso un comunicato stampa, una copia del quale è archiviato nel presente documento come allegato 99.1, annunciando il dosaggio dei primi pazienti nella sua fase
2, studio clinico CALVID-1 di IMU-838, l'inibitore selettivo DHODH orale della Società, nella malattia di coronavirus 2019 (COVID-19),
in diversi siti in diversi paesi europei.

Dichiarazione cautelativa relativa alle dichiarazioni previsionali

Alcune dichiarazioni in questa comunicazione e le mostre allegate
sono “dichiarazioni previsionali” che comportano rischi e incertezze sostanziali ai fini del porto sicuro
fornito dal Private Securities Litigation Reform Act del 1995. Tutte le dichiarazioni, tranne le dichiarazioni di fatti storici, incluse
in questa comunicazione e nelle mostre allegate relative a strategia, operazioni future, posizione finanziaria futura, futuro
entrate, spese previste, prospettive, piani e obiettivi di gestione sono dichiarazioni previsionali. Esempi di tali dichiarazioni
includere, ma non solo, dichiarazioni relative ai tre programmi di sviluppo della Società e alle malattie mirate;
il potenziale per IMU-838 di colpire in modo sicuro ed efficace le malattie; dati preclinici e clinici per IMU-838; i tempi della corrente
e futuri studi clinici; il potenziale di IMU-838 come potenziale trattamento per le infezioni da SARS-CoV-2 che causano la malattia di coronavirus
2019 (COVID-19) e altri virus ed eventuali studi clinici, collaborazioni e approvazioni relative a tale potenziale trattamento; il
natura, strategia e focus dell'azienda; e lo sviluppo e il potenziale commerciale di qualsiasi prodotto candidato della Società.
La Società non può effettivamente realizzare i piani, realizzare le intenzioni o soddisfare le aspettative o le proiezioni descritte nel
dichiarazioni previsionali e non dovresti fare eccessivo affidamento su queste dichiarazioni previsionali. Tali dichiarazioni sono basate
sulle aspettative attuali della direzione e comportano rischi e incertezze. I risultati e le prestazioni effettivi potrebbero differire materialmente
da quelli previsti nelle dichiarazioni previsionali a seguito di numerosi fattori, tra cui, senza limitazione, rischi e incertezze
associato alla capacità di proiettare l'utilizzo futuro del contante e le riserve necessarie per future passività e affari futuri
operazioni, la disponibilità di risorse sufficienti per soddisfare gli obiettivi aziendali e i requisiti operativi, il fatto che il
i risultati di studi e studi precedenti potrebbero non essere in grado di prevedere i risultati dei futuri studi clinici, la protezione e l'esclusività del mercato
fornito dalla proprietà intellettuale della Società, i rischi relativi allo sviluppo del farmaco e al processo di approvazione normativa
e l'impatto di prodotti competitivi e cambiamenti tecnologici. Un ulteriore elenco e descrizioni di questi rischi, incertezze
e altri fattori sono disponibili nella sezione intitolata “Fattori di rischio”, nel Rapporto annuale sulla Società
10-K per l'esercizio chiuso al 31 dicembre 2019, depositato presso la SEC il 16 marzo 2020 e nelle successive dichiarazioni della Società
con la Commissione titoli e cambio. Copie di questi documenti sono disponibili online all'indirizzo www.sec.gov o ir.immunic-therapeutics.com/sec-filings.
Qualsiasi dichiarazione previsionale fatta in questa versione parla solo alla data di questa versione. La Società declina ogni intenzione
o obbligo di aggiornare queste dichiarazioni previsionali per riflettere eventi o circostanze esistenti dopo la data in cui
sono stati fatti. La Società declina espressamente ogni responsabilità in relazione alle azioni intraprese o non intraprese sulla base di una o tutte le
contenuto della presente comunicazione e dei reperti allegati.

Articolo 9.01. Bilanci ed esposizioni.

(d) Mostre

FIRME

In conformità con i requisiti del Securities Exchange Act
del 1934, il Registrante ha debitamente fatto firmare questa relazione per suo conto dal sottoscritto, qui debitamente autorizzato.

Datato: 19 giugno 2020 Immunic, Inc.
Di: / s / Daniel Vitt
Daniel Vitt
Amministratore delegato

Macintosh HD: Utenti: annabaytosh: Desktop: Rx: Risorse: Extra: Loghi client: Immunic.png

Immunic,
Inc. annuncia i primi pazienti dosati nella fase 2, studio clinico CALVID-1 di IMU-838 in COVID-19

NUOVO
YORK, 15 giugno 2020 – Immunic, Inc. (Nasdaq: IMUX),
focalizzata un'azienda biofarmaceutica in fase clinica
sullo sviluppo delle migliori terapie orali per il trattamento delle malattie infiammatorie croniche e autoimmuni, annunciato oggi
dosaggio dei primi pazienti nella fase 2, studio clinico CALVID-1 di IMU-838, l'inibitore selettivo di DHODH orale della società,
nella malattia di coronavirus 2019 (COVID-19), in diversi siti in diversi paesi europei. I pazienti saranno arruolati dalle 10 alle 35
centri in Germania, Stati Uniti e mezza dozzina di paesi europei.

CALVID-1
recentemente ricevuto l'indennità regolamentare dall'autorità sanitaria tedesca, BfArM (Bundesinstitut für Arzneimittel und Medizinprodukte),
dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti e dalle autorità di regolamentazione di altri paesi europei coinvolti nello studio.
Si tratta di uno studio clinico prospettico, multicentrico, randomizzato, controllato con placebo, in doppio cieco in pazienti con COVID-19 moderato,
progettato per valutare l'efficacia, la sicurezza e la tollerabilità di IMU-838. I dati top line dovrebbero essere disponibili entro la fine dell'anno.

“dosaggio
dei primi pazienti nel nostro studio CALVID-1 rappresenta una pietra miliare fondamentale per far avanzare il nostro asset principale, IMU-838, come potenziale romanzo
opzione terapeutica per COVID-19 “, ha dichiarato Daniel Vitt, Ph.D., Amministratore delegato e Presidente di Immunic. “Inoltre,
lo studio CALVID-1 è un'importante espansione strategica del nostro sviluppo clinico di IMU-838 e aggiunge un'altra lettura dei dati a breve termine
alla nostra pipeline. “

Andreas
Muehler, M.D., Chief Medical Officer di Immunic, ha osservato: “Supportato da forti dati preclinici e un profilo unico, IMU-838
ha il potenziale per diventare un'importante terapia per il trattamento di COVID-19. Ci aspettiamo di includere circa 230 COVID-19 ospedalizzati
pazienti per valutare l'efficacia, la sicurezza e la tollerabilità di IMU-838. Un'analisi intermedia dell'efficacia è programmata dopo circa
Sono stati arruolati 200 pazienti. Se l'attività viene mostrata in questa analisi intermedia, il nostro obiettivo è di espanderci in una fase di conferma
3 prova utilizzando un design di prova adattivo. “

Per
ulteriori informazioni su questo studio clinico, visitare: www.clinicaltrials.gov, NCT04379271.

Informazioni su IMU-838

IMU-838 è un
modulatore immunitario selettivo di prossima generazione disponibile oralmente che inibisce il metabolismo intracellulare delle cellule immunitarie attivate
bloccando l'enzima diidroorotato deidrogenasi (DHODH). IMU-838 agisce sulle cellule T e B attivate lasciando altri immunitari
cellule in gran parte non colpite e consente al sistema immunitario di funzionare, ad es. nella lotta alle infezioni. Nelle precedenti prove, IMU-838
non ha mostrato un aumento del tasso di infezioni rispetto al placebo. Inoltre, sono noti inibitori DHODH, come IMU-838
possiede un effetto antivirale basato sull'ospite, che è indipendente rispetto a specifiche proteine ​​virali e alla loro struttura. Perciò,
L'inibizione del DHODH può essere ampiamente applicabile contro più virus. IMU-838 è stato testato con successo in due studi clinici di fase 1
nel 2017 ed è attualmente in fase di sperimentazione in studi di fase 2 in pazienti con COVID-19, sclerosi multipla recidivante-remittente e ulcerosa
colite. Inoltre, il partner di collaborazione di Immunic, la Mayo Clinic, ha avviato una dimostrazione del concetto sponsorizzata dagli investigatori
studio clinico che verifica l'attività di IMU-838 in pazienti con colangite sclerosante primaria. Ad oggi, IMU-838 è già stato testato
in circa 650 individui e ha mostrato un profilo farmacocinetico, di sicurezza e di tollerabilità attraente.

Macintosh HD: Utenti: annabaytosh: Desktop: Rx: Risorse: Extra: Loghi client: Immunic.png

Di
Immunic, Inc.

Immunic,
Inc. (Nasdaq: IMUX) è un'azienda biofarmaceutica in fase clinica con una pipeline di terapie selettive di immunologia orale mirate
nel trattamento di malattie infiammatorie croniche e autoimmuni, compresa la sclerosi multipla recidivante-remittente, colite ulcerosa,
Morbo di Crohn e psoriasi. La società sta sviluppando tre prodotti di piccole molecole: programma di sviluppo principale, IMU-838,
è un modulatore immunitario selettivo che inibisce il metabolismo intracellulare delle cellule immunitarie attivate bloccando l'enzima DHODH
ed esibisce un effetto antivirale basato sull'ospite; IMU-935 è un agonista inverso di RORγt; e IMU-856 ha come obiettivo il ripristino di
la funzione di barriera intestinale. IMU-838 è in fase di sviluppo clinico di fase 2 per COVID-19, sclerosi multipla recidivante-remittente
e colite ulcerosa, con un ulteriore studio di fase 2 considerato nella malattia di Crohn. Un proof-of-concept sponsorizzato dallo sperimentatore
presso la Mayo Clinic è in corso uno studio clinico per IMU-838 nella colangite sclerosante primitiva. Per ulteriori informazioni, visitare:
www.imux.com.

cauzionale
Dichiarazione relativa alle dichiarazioni previsionali

Questo comunicato stampa contiene “lungimiranti
dichiarazioni “che comportano rischi e incertezze sostanziali ai fini del porto sicuro fornito dai Titoli privati
Litigation Reform Act del 1995. Tutte le dichiarazioni, tranne le dichiarazioni di fatti storici, incluse in questo comunicato stampa riguardante
strategia, operazioni future, posizione finanziaria futura, entrate future, spese previste, prospettive, piani e obiettivi di
la gestione è dichiarazioni previsionali. Esempi di tali dichiarazioni includono, ma non sono limitati a, dichiarazioni relative a
I tre programmi di sviluppo di Immunic e le malattie mirate; il potenziale per IMU-838 di colpire in modo sicuro ed efficace
malattie; dati preclinici e clinici per IMU-838; i tempi delle sperimentazioni cliniche attuali e future; il potenziale per IMU-838
come trattamento per le infezioni da coronavirus 2 (SARS-CoV-2) della sindrome respiratoria acuta grave associate alla malattia di coronavirus
2019 (COVID-19) ed eventuali studi clinici, collaborazioni e approvazioni relative a tale potenziale trattamento; la natura, la strategia
e focus dell'azienda; e lo sviluppo e il potenziale commerciale di qualsiasi prodotto candidato dell'azienda. Immunic no
realizzare effettivamente i piani, realizzare le intenzioni o soddisfare le aspettative o le proiezioni divulgate nelle dichiarazioni previsionali
e non dovresti fare eccessivo affidamento su queste dichiarazioni previsionali. Tali dichiarazioni si basano sulla gestione corrente
aspettative e comportano rischi e incertezze. I risultati e le prestazioni effettivi potrebbero differire materialmente da quelli previsti
le dichiarazioni previsionali a seguito di numerosi fattori, tra cui, a titolo esemplificativo, la pandemia di COVID-19, i rischi e le incertezze
associato alla capacità di proiettare l'utilizzo futuro del contante e le riserve necessarie per future passività e affari futuri
operazioni, la disponibilità di risorse sufficienti per soddisfare gli obiettivi aziendali e i requisiti operativi, il fatto che il
i risultati di studi e studi precedenti potrebbero non essere in grado di prevedere i risultati dei futuri studi clinici, la protezione e l'esclusività del mercato
fornito dalla proprietà intellettuale di Immunic, i rischi relativi allo sviluppo di farmaci e al processo di approvazione normativa e
l'impatto di prodotti competitivi e cambiamenti tecnologici. Un ulteriore elenco e descrizioni di questi rischi, incertezze e
altri fattori sono disponibili nella sezione intitolata “Fattori di rischio”, nella relazione annuale della società sul modulo 10-K
per l'esercizio chiuso al 31 dicembre 2019, depositato presso la SEC il 16 marzo 2020, il Rapporto trimestrale sulla società
10-Q per il trimestre chiuso al 31 marzo 2020, depositato presso la SEC l'8 maggio 2020 e nelle successive limature dell'azienda con
la Commissione titoli e cambio. Copie di questi documenti sono disponibili online all'indirizzo www.sec.gov o ir.immunic-therapeutics.com/sec-filings.
Qualsiasi dichiarazione previsionale fatta in questa versione parla solo alla data di questa versione. Immunic declina qualsiasi intenzione o
obbligo di aggiornare tali dichiarazioni previsionali per riflettere eventi o circostanze esistenti dopo la data in cui sono stati
sono stati fatti. Immunic declina espressamente ogni responsabilità in relazione alle azioni intraprese o non intraprese sulla base di uno o tutti i contenuti
di questo comunicato stampa.

Macintosh HD: Utenti: annabaytosh: Desktop: Rx: Risorse: Extra: Loghi client: Immunic.png

Informazioni sui contatti

Immunic, Inc.
Jessica Breu
Responsabile relazioni con gli investitori e comunicazioni
+49 89 2080 477 09
jessica.breu@imux.com

Contatto IR USA

Rx Communications Group

Melody Carey

+ 1-917-322-2571

immunic@rxir.com

Contatto per i media statunitensi

Parla Life Science, LLC

Amy Speak

+ 1-617-420-2461

amy@speaklifescience.com

Psorilax:Cura |creme cortisoniche per psoriasi al pene

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, come si usa

Statistiche sulla psoriasi per età della diagnosi, sesso, numero di americani diagnosticati, percentuale di pazienti con il gene della psoriasi e tipi di psoriasi
Nikki Cagle
Tipi di psoriasi: psoriasi a placche, psoriasi inversa, psoriasi del cuoio capelluto, psoriasi ungueale, psoriasi eritrodermica, psorasi guttata e psoriasi pustolosa
Nikki Cagle
Trattamenti comuni per la psoriasi: creme e lozioni, trattamenti per la luce, farmaci per via orale, prodotti biologici
Nikki Cagle

Qual è la causa principale della psoriasi?

Gli esperti non sono sicuri esattamente, ma è chiaro che la genetica e fattori scatenanti esterni come lo stress, alcuni farmaci e le infezioni, tra gli altri, possono causare l'insorgenza e riacutizzazioni associate alla psoriasi. Come molte malattie, la psoriasi è causata dal sistema immunitario.

Qual è la differenza tra psoriasi ed eczema?

Sia la psoriasi che l'eczema sono condizioni della pelle che possono essere pruriginose e debilitanti. Ma le somiglianze si fermano qui. La psoriasi si presenta in genere come chiazze di pelle ispessita, squamosa, infiammata, argentea o rossa mentre l'eczema è secco e traballante in casi lievi e rosso e irritato in quelli più gravi. L'eczema è anche più comune, lasciando il 10-15% degli adulti e il 20% dei bambini che graffiano, rispetto alla psoriasi, che colpisce circa il 3% della popolazione e di solito colpisce più tardi nella vita.

Esiste un esame del sangue per la psoriasi?

No. Non esiste un test o uno strumento per determinare se si ha la psoriasi. Invece, il tuo MD determinerà che hai la psoriasi e il suo tipo guardando la tua pelle ad occhio nudo e possibilmente tramite una biopsia microscopica.

Qual è il miglior shampoo per la psoriasi del cuoio capelluto?

Gli shampoo medicinali sono più efficaci per la psoriasi del cuoio capelluto rispetto allo shampoo tradizionale, ma il medico può prescrivere altri argomenti come corticosteroidi, ammorbidenti, un medicinale a base di vitamina D3 chiamato calcipotriene o tazarotene.

Psorilax:Prevenire |crema psoriasi prezzo

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, quanto costa

CHICAGO NORD, Ill., 18 giugno 2020 / PRNewswire / –AbbVie (NYSE: ABBV), una società biofarmaceutica globale basata sulla ricerca, ha annunciato oggi che la monoterapia con upadacitinib (15 mg e 30 mg, una volta al giorno) ha soddisfatto gli endpoint co-primari di un miglioramento di almeno il 75% nell'eczema Area Severity Index (EASI 75) e una valutazione globale dello sperimentatore convalidata per la dermatite atopica (vIGA-AD) di chiara o quasi chiara (0/1) alla settimana 16 negli adulti e adolescenti con dermatite atopica da moderata a grave che sono candidati per la terapia sistemica .1 Measure Up 1 è il primo studio fondamentale di Fase 3 per valutare l'efficacia e la sicurezza di RINVOQ per il trattamento della dermatite atopica da moderata a grave.

In questo studio, i pazienti che hanno ricevuto 15 mg o 30 mg di upadacitinib in monoterapia hanno mostrato un miglioramento significativo della clearance cutanea.1 Dei pazienti trattati con upadacitinib 15/30 mg, il 70/80 percento ha raggiunto l'EASI 75 alla settimana 16, rispettivamente, rispetto al 16 percento nel gruppo placebo (p <0,001).1 Di quelli trattati con upadacitinib 15/30 mg, il 48/62 percento dei pazienti ha raggiunto vIGA-AD 0/1, rispettivamente, rispetto all'8 percento dei pazienti trattati con placebo (p <0,001).1

“Le persone con dermatite atopica spesso lottano con pelle implacabile e sintomi di prurito, con conseguente significativo bisogno insoddisfatto”, ha detto Michele Severino, M.D., vicepresidente e presidente, AbbVie. “Siamo entusiasti di questi risultati, che mostrano il potenziale di RINVOQ per le persone che vivono con il peso della dermatite atopica”.

Per entrambe le dosi, i pazienti hanno manifestato una riduzione precoce del prurito, che è stata mantenuta fino alla settimana 16.1 La riduzione clinicamente significativa del prurito è stata definita come miglioramento della peggiore scala di valutazione numerica del prurito (NRS) ≥4,1 che è stato raggiunto da una proporzione significativamente più elevata di pazienti trattati con upadacitinib 15/30 mg alla settimana 16 rispetto al placebo (52/60 percento, rispettivamente, rispetto al 12 percento, p <0,001).1 Riduzioni clinicamente significative del prurito rispetto al placebo sono state osservate già un giorno dopo la prima dose (giorno 2) per i pazienti trattati con upadacitinib 30 mg (12% contro 4%, p <0,001) e due giorni dopo la prima dose (giorno 3 ) per i pazienti trattati con upadacitinib 15 mg (16 percento contro 3 percento, p <0,001).1

Misura 1 risultati alla settimana 16 *, 1

Upadacitinib 15 mg

(N = 281)

Upadacitinib 30 mg

(N = 281)

Placebo

(N = 285)

EASI 75un'

70%

80%

16%

VIGA-AD 0/1B

48%

62%

8%

Miglioramento del peggior prurito NRS≥4c

52%

60%

12%

* Gli endpoint co-primari erano EASI 75 e vIGA 0/1 alla settimana 16. Gli endpoint co-primari hanno raggiunto valori p <0,001. Il miglioramento del peggior prurito NRS≥4 al giorno 2, giorno 3 e settimana 16 erano endpoint secondari. Tutti gli endpoint secondari hanno raggiunto valori p <0,001. Non vengono visualizzati tutti gli endpoint secondari.

un' EASI 75 è definito come una riduzione di almeno il 75 percento nell'Eczema Area e nell'indice di gravità.

B vIGA-AD 0/1 è definito come valutazione globale dello sperimentatore convalidata per la dermatite atopica di chiara o quasi chiara (0/1) con almeno due gradi di riduzione rispetto al basale.

c Il miglioramento del Prurito peggiore NRS≥4 è definito come un miglioramento (riduzione) del Prurito peggiore NRS≥4. L'endpoint è stato analizzato per i partecipanti con prurito NRS≥4 al basale.

La dermatite atopica è una malattia infiammatoria della pelle comune, cronica, recidivante, che può manifestarsi come un ciclo ricorrente di prurito e graffi che porta a una pelle dolorosa e screpolata.13,14 Colpisce fino a circa il 25 percento degli adolescenti e il 10 percento degli adulti ad un certo punto della loro vita.15 Tra il 20 e il 46 percento degli adulti con dermatite atopica ha una malattia da moderata a grave.16 La gamma di sintomi comporta un notevole onere fisico, psicologico ed economico per le persone colpite dalla malattia.13,14

“Sia i pazienti adolescenti che gli adulti che vivono con dermatite atopica da moderata a grave spesso soffrono di un enorme carico di malattia che può influenzare ogni aspetto della loro vita quotidiana”, ha detto il ricercatore capo Emma Guttman-Yassky, M.D., Ph.D., professore di dermatologia e immunologia, Icahn School of Medicine presso il Mount Sinai Medical Center. “È incoraggiante vedere l'elevata percentuale di pazienti che raggiungono la pelle chiara o quasi chiara con upadacitinib e la significativa e rapida riduzione del prurito con entrambe le dosi.”

Non sono stati osservati nuovi rischi per la sicurezza rispetto al profilo di sicurezza osservato in pazienti con artrite reumatoide e artrite psoriasica trattati con RINVOQ.1-5 Nella misura 1, si sono verificati eventi avversi gravi nel 2,1% dei pazienti trattati con upadacitinib 15 mg, nel 2,8% dei pazienti trattati con upadacitinib 30 mg e nel 2,8% dei pazienti trattati con placebo alla settimana 16.1 Gli eventi avversi più comuni emergenti dal trattamento sono stati acne, infezione del tratto respiratorio superiore e rinofaringite.1 L'acne è stata osservata con entrambe le dosi di upadacitinib (6,8 per cento dei pazienti con 15 mg e 17,2 per cento dei pazienti con 30 mg) rispetto al placebo (2,1 per cento dei pazienti) ed è stata da lieve a moderata nella maggior parte dei casi.1 Eczema erpetico è stato osservato in pazienti in trattamento con upadacitinib 30 mg (1,1 per cento dei pazienti) e placebo (1,4 per cento dei pazienti); non è stato osservato nei pazienti trattati con upadacitinib 15 mg.1 Infezioni gravi sono state riportate di rado (lo 0,7 per cento dei pazienti trattati con upadacitinib 15 mg o 30 mg; nessuna è stata osservata sul placebo).1 Non sono stati riportati decessi, eventi tromboembolici venosi (TEV) o eventi avversi cardiaci maggiori (MACE).1

I risultati completi di Measure Up 1 saranno presentati in una futura riunione medica e pubblicati in una pubblicazione peer-reviewed. L'uso di RINVOQ nella dermatite atopica non è approvato e la sua sicurezza ed efficacia non sono state valutate dalle autorità di regolamentazione.

Informazioni sullo studio di misura 11,17

Measure Up 1 è uno studio di fase 3, multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, di gruppo parallelo, controllato con placebo, progettato per valutare la sicurezza e l'efficacia di upadacitinib in pazienti adulti e adolescenti (di età pari o superiore a 12 anni) con dermatite atopica da moderata a grave che sono candidati per il trattamento sistemico. I pazienti sono stati randomizzati con upadacitinib 15 mg, upadacitinib 30 mg o placebo, seguito da upadacitinib 15 mg o upadacitinib 30 mg alla settimana 16.

Gli endpoint co-primari erano la percentuale di pazienti che raggiungevano l'EASI 75 e un punteggio vIGA di 0/1 dopo 16 settimane di trattamento. Gli endpoint secondari includevano il miglioramento del Prurito peggiore NRS≥4 alla settimana 16, EASI 90, variazione percentuale nel peggiore Prurito NRS, variazione percentuale nell'EASI alla settimana 16, nonché miglioramento del Peggiore Prurito NRS≥4 al giorno 2 (un giorno dopo il prima dose) per i pazienti trattati con upadacitinib 30 mg e miglioramento del peggior prurito NRS≥4 al giorno 3 (due giorni dopo la prima dose) per i pazienti trattati con upadacitinib 15 mg. Lo studio è in corso e il periodo di prolungamento a lungo termine rimane cieco per gli investigatori e i pazienti, per valutare la sicurezza, la tollerabilità e l'efficacia a lungo termine delle due dosi giornaliere (15 mg e 30 mg) di upadacitinib nei pazienti che hanno completato il periodo controllato con placebo. Ulteriori informazioni su questo studio sono disponibili all'indirizzo www.clinicaltrials.gov (NCT03569293).

Informazioni su RINVOQ (upadacitinib)

Scoperto e sviluppato dagli scienziati AbbVie, RINVOQ è un inibitore JAK orale, una volta al giorno, selettivo e reversibile studiato in diverse malattie infiammatorie immuno-mediate.1,6-12 È stato progettato per avere una maggiore potenza inibitoria per JAK1 rispetto a JAK2, JAK3 e TYK2.2 In Agosto 2019, RINVOQ ha ricevuto l'approvazione della Food and Drug Administration statunitense per i pazienti adulti con artrite reumatoide da moderatamente a gravemente attiva che hanno avuto una risposta inadeguata o intolleranza al metotrexato. In Dicembre 2019, RINVOQ ha anche ricevuto l'approvazione della Commissione europea per il trattamento di pazienti adulti con artrite reumatoide attiva da moderata a grave che hanno risposto in modo inadeguato o che sono intolleranti a uno o più farmaci antireumatici modificanti la malattia. La dose approvata per RINVOQ nell'artrite reumatoide è di 15 mg. Sono in corso studi di fase 3 su RINVOQ in dermatite atopica, artrite reumatoide, artrite psoriasica, spondiloartrite assiale, morbo di Crohn, colite ulcerosa e arterite a cellule giganti.7-12,14 L'uso di RINVOQ nella dermatite atopica non è approvato e la sua sicurezza ed efficacia non sono state valutate dalle autorità di regolamentazione.

Informazioni importanti sulla sicurezza di RINVOQ ™ (upadacitinib)

RINVOQ US Usa e importanti informazioni sulla sicurezza

RINVOQ è un medicinale di prescrizione usato per il trattamento di adulti con artrite reumatoide da moderata a grave in cui il metotrexato non ha funzionato bene o non è stato tollerato. Non è noto se RINVOQ sia sicuro ed efficace nei bambini di età inferiore ai 18 anni.

Quali sono le informazioni più importanti che dovrei sapere su RINVOQ?

RINVOQ è un medicinale che può ridurre la capacità del sistema immunitario di combattere le infezioni. Non dovresti iniziare a prendere RINVOQ se hai qualche tipo di infezione a meno che il tuo medico (HCP) ti dica che va bene.

  • In alcune persone che hanno assunto RINVOQ si sono verificate gravi infezioni, tra cui la tubercolosi (TB) e le infezioni causate da batteri, funghi o virus che possono diffondersi in tutto il corpo. Alcune persone sono morte per queste infezioni. L'operatore sanitario deve testare la tubercolosi prima di iniziare RINVOQ e controllare attentamente segni e sintomi di tubercolosi durante il trattamento con RINVOQ. Potresti essere maggiormente a rischio di sviluppare herpes zoster (herpes zoster).
  • Il linfoma e altri tumori, inclusi i tumori della pelle, possono verificarsi nelle persone che assumono RINVOQ.
  • In alcune persone che assumono RINVOQ sono possibili coaguli di sangue nelle vene delle gambe o dei polmoni e delle arterie. Questo può essere pericoloso per la vita e causare la morte.
  • Possono verificarsi lacrime nello stomaco o nell'intestino e cambiamenti in alcuni test di laboratorio. Il medico deve eseguire esami del sangue prima di iniziare a prendere RINVOQ e mentre lo prende. Il medico può interrompere il trattamento con RINVOQ per un periodo di tempo, se necessario, a causa di cambiamenti nei risultati di questi esami del sangue.

Cosa devo dire al mio HCP PRIMA di avviare RINVOQ?

Informa il tuo operatore sanitario se:

  • Sono in cura per un'infezione, hanno un'infezione che non scompare o continua a tornare o presenta sintomi di un'infezione come:
    • Febbre, sudorazione o brividi
    • Fiato corto
    • Pelle o piaghe calde, rosse o dolorose sul corpo
    • Dolori muscolari
    • Sentirsi stanco
    • Sangue in catarro
    • Diarrea o mal di stomaco
    • Tosse
    • Perdita di peso
    • Bruciore durante la minzione o la minzione più spesso del normale
  • Hai la tubercolosi o sei stato in stretto contatto con qualcuno con la tubercolosi.
  • Hai avuto qualsiasi tipo di cancro, epatite B o C, fuoco di Sant'Antonio (herpes zoster) o coaguli di sangue nelle vene delle gambe o dei polmoni, diverticolite (infiammazione in parti dell'intestino crasso) o ulcere nello stomaco o nell'intestino.
  • Hanno altre condizioni mediche tra cui problemi al fegato, conta delle cellule del sangue bassa, diabete, malattie polmonari croniche, HIV o un sistema immunitario debole.
  • Vivi, hai vissuto o hai viaggiato in parti del paese che aumentano il rischio di contrarre determinati tipi di infezioni fungine, come il Ohio e le valli del fiume Mississippi e il sud-ovest. Se non sei sicuro di essere stato in queste aree, chiedi al tuo medico.
  • Recentemente hanno ricevuto o sono in programma di ricevere un vaccino. Le persone che assumono RINVOQ non devono ricevere vaccini vivi.
  • Sono incinta o stanno pianificando una gravidanza. Sulla base di studi sugli animali, RINVOQ può danneggiare il feto. L'operatore sanitario controllerà se sei incinta o meno prima di iniziare RINVOQ. Deve usare un efficace controllo delle nascite (contraccezione) per evitare una gravidanza durante l'assunzione di RINVOQ e per almeno 4 settimane dopo l'ultima dose.
  • Allattano o pianificano di allattare. RINVOQ può passare nel latte materno. Non deve allattare durante l'assunzione di RINVOQ e per almeno 6 giorni dopo l'ultima dose.

Informa il tuo operatore sanitario di tutti i medicinali che assumi, tra cui farmaci da prescrizione e da banco, vitamine e integratori a base di erbe. RINVOQ e altri medicinali possono influenzarsi a vicenda, causando effetti indesiderati.

In particolare, informa il tuo medico se prendi:

  • Medicinali per infezioni fungine o batteriche
  • Rifampicina o fenitoina
  • Medicinali che influenzano il sistema immunitario

Chiedi al tuo medico o farmacista se non sei sicuro di assumere uno di questi medicinali.

Cosa devo dire al mio operatore sanitario dopo aver avviato RINVOQ?

Informa subito il tuo operatore sanitario se:

  • Hai sintomi di un'infezione. RINVOQ può aumentare le probabilità di contrarre infezioni o peggiorare le infezioni.
  • Ha segni o sintomi di coaguli di sangue durante il trattamento con RINVOQ, inclusi:
    • Rigonfiamento
    • Improvviso inspiegabile dolore toracico
    • Dolore o tenerezza alla gamba
    • Fiato corto
  • Avere una febbre o un dolore alla zona dello stomaco che non scompare e un cambiamento nelle abitudini intestinali.

Quali sono gli effetti collaterali comuni di RINVOQ?

Questi includono: infezioni del tratto respiratorio superiore (raffreddore comune, infezioni del seno), nausea, tosse e febbre. Questi non sono tutti i possibili effetti collaterali di RINVOQ.

RINVOQ viene assunto una volta al giorno con o senza cibo. Non dividere, rompere, schiacciare o masticare il tablet. Prendi RINVOQ esattamente come l'HCP ti dice di usarlo.

Questa è l'informazione più importante da sapere su RINVOQ. Per ulteriori informazioni, rivolgersi al proprio operatore sanitario. Siete incoraggiati a segnalare alla FDA gli effetti collaterali negativi dei farmaci da prescrizione. Visita www.fda.gov/medwatch o chiama il numero 1-800-FDA-1088.

Se ha difficoltà a pagare per le medicine, AbbVie potrebbe essere in grado di aiutare. Visita AbbVie.com/myAbbVieAssist per saperne di più.

Fare clic qui per la guida completa ai farmaci e alle informazioni di prescrizione.

A livello globale, le informazioni sulla prescrizione variano; fare riferimento all'etichetta del prodotto del singolo paese per informazioni complete.

Informazioni su AbbVie in Dermatologia

Per oltre un decennio, AbbVie ha lavorato per scoprire nuove soluzioni e migliorare l'assistenza alle persone con gravi malattie della pelle, tra cui la psoriasi, l'artrite psoriasica, l'idradenite suppurativa e la dermatite atopica. Con un ampio programma di sperimentazione clinica, continuiamo a ricercare attivamente e ad adattarci alle esigenze in evoluzione della comunità dermatologica e avanzare la nostra pipeline per aiutare le persone a raggiungere i loro obiettivi di trattamento e vivere al di là della malattia della pelle. Per ulteriori informazioni su AbbVie in dermatologia, visitare https://www.abbvie.com/our-science/therapeutic-focus-areas/immunology/immunology-focus-areas/dermatology.html.

Informazioni su AbbVie

La missione di AbbVie è scoprire e fornire medicinali innovativi che risolvano oggi gravi problemi di salute e affrontino le sfide mediche di domani. Ci sforziamo di avere un impatto notevole sulla vita delle persone in diverse aree terapeutiche chiave: immunologia, oncologia, neuroscienza, cura degli occhi, virologia, salute delle donne e gastroenterologia, oltre a prodotti e servizi nel suo portafoglio di allergie estetiche. Per ulteriori informazioni su AbbVie, visitare il sito Web www.abbvie.com. Segui @abbvie su cinguettio, Facebook, Instagram, YouTube e LinkedIn.

Dichiarazioni previsionali

Alcune dichiarazioni in questo comunicato stampa sono, o possono essere considerate, dichiarazioni previsionali ai fini del Private Securities Litigation Reform Act del 1995. Le parole “credere”, “aspettarsi”, “anticipare”, “” progetto “ed espressioni simili, tra l'altro, generalmente identificare dichiarazioni previsionali. AbbVie avverte che queste dichiarazioni previsionali sono soggette a rischi e incertezze che possono far sì che i risultati effettivi differiscano materialmente da quelli indicati nelle dichiarazioni previsionali. Tali rischi e incertezze comprendono, a titolo esemplificativo, la concorrenza di altri prodotti, le sfide alla proprietà intellettuale, le difficoltà inerenti al processo di ricerca e sviluppo, i contenziosi avversi o le azioni del governo e le modifiche alle leggi e ai regolamenti applicabili al nostro settore. Ulteriori informazioni sui fattori economici, competitivi, governativi, tecnologici e di altro tipo che possono influenzare le operazioni di AbbVie sono riportate nella voce 1A, “Fattori di rischio”, del Rapporto annuale 2019 di AbbVie sul modulo 10-K, che è stato depositato presso i Titoli e Commissione di cambio. AbbVie non si assume alcun obbligo di rilasciare pubblicamente eventuali revisioni a dichiarazioni previsionali a seguito di eventi o sviluppi successivi, ad eccezione di quanto richiesto dalla legge.

Riferimenti:

  1. AbbVie Data on File. ABVRRTI70713.
  2. Cohen S., et al. Profilo di sicurezza di upadacitinib nell'artrite reumatoide: analisi integrata dal programma clinico di fase 3 SELECT. EULAR 2019; THU0167.
  3. Guttman-Yassky, E et al. ePoster # P0236. 27 ° Congresso dell'Accademia europea di dermatologia e venerologia (EADV). Settembre 2018.
  4. Genovese MC, et al. Efficacia e sicurezza di Upadacitinib in pazienti con artrite psoriasica attiva e risposta inadeguata ai farmaci anti-reumatici che modificano le malattie biologiche (SELECT-PsA-2): una prova di fase 3 controllata in doppio cieco, randomizzata. E-Congresso EULAR 2020; OP0223.
  5. McInnes I, et al. Efficacia e sicurezza di Upadacitinib rispetto a Placebo e Adalimumab nei pazienti con artrite psoriasica attiva e risposta inadeguata ai farmaci anti-reumatici modificanti le malattie non biologiche (SELECT-PsA-1): una prova di fase 3 controllata in doppio cieco, randomizzata. E-Congresso EULAR 2020; LB0001.
  6. Pipeline – La nostra scienza | Abbvie. Abbvie. 2019. Disponibile su: https://www.abbvie.com/our-science/pipeline.html. Accessibile su 8 maggio 2020.
  7. Burmester G.R., et al. Sicurezza ed efficacia di upadacitinib in pazienti con artrite reumatoide e risposta inadeguata ai farmaci antireumatici convenzionali modificanti la malattia sintetica (SELECT-NEXT): uno studio di fase 3 randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo. Lancetta. 23 giu 2018; 391 (10139): 2503-2512. doi: 10.1016 / S0140-6736 (18) 31115-2. Epub 2018 giu 18.
  8. Uno studio multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo per ABT-494 per l'induzione della remissione sintomatica ed endoscopica in soggetti con malattia di Crohn da moderatamente grave a grave che hanno risposto in modo inadeguato o sono intolleranti agli immunomodulatori o alla terapia anti-TNF. ClinicalTrials.gov. 2020. Disponibile all'indirizzo: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT02365649. Accessibile su 8 maggio 2020.
  9. Uno studio che confronta Upadacitinib (ABT-494) con Placebo e Adalimumab in partecipanti con artrite psoriasica che hanno una risposta inadeguata a almeno una droga non reumatica modificante la malattia non biologica (SELECT – PsA 1). ClinicalTrials.gov. 2020. Disponibile all'indirizzo: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT03104400. Accessibile su 8 maggio 2020.
  10. Uno studio per valutare la sicurezza e l'efficacia di ABT-494 per la terapia di induzione e mantenimento in soggetti con colite ulcerosa da moderata a gravemente attiva. ClinicalTrials.gov. 2020. Disponibile all'indirizzo: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT02819635. Accessibile su 8 maggio 2020.
  11. Uno studio che valuta la sicurezza e l'efficacia di Upadacitinib nei soggetti con spondilite anchilosante attiva (SELECT Axis 1). ClinicalTrials.gov. 2020. Disponibile all'indirizzo: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/study/NCT03178487. Accessibile su 8 maggio 2020.
  12. Uno studio per valutare la sicurezza e l'efficacia di Upadacitinib nei partecipanti con arterite a cellule giganti (SELECT-GCA). ClinicalTrials.gov. 2020. Disponibile all'indirizzo: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT03725202. Accessibile su 8 maggio 2020.
  13. Dermatite atopica di Nutten S.: epidemiologia globale e fattori di rischio. Ann Nutr Metab 2015; 66 (suppl 1): 8–16.
  14. EFA. Eczema atopico: rapporto Prurito per la vita. 2018. Disponibile all'indirizzo: https://www.efanet.org/images/2018/EN_-_Itching_for_life_Quality_of_Life_and_costs_for_people_with_severe_atopic_eczema_in_Europe_.pdf. Accessibile su 11 giugno 2020.
  15. Weidinger, S., et al. Dermatite atopica. Nat Rev Dis Primers 4, 1 (2018). https://doi.org/10.1038/s41572-018-0001-z.
  16. Shrestha S et al. Onere della dermatite atopica in gli Stati Uniti: Analisi dei dati relativi alle richieste di assistenza sanitaria nei database commerciali, Medicare e Medi-Cal. Adv Ther. 2017; 34 (8): 1989-2006.
  17. Valutazione di Upadacitinib in pazienti adolescenti e adulti con dermatite atopica da moderata a grave (eczema) (Misura 1). ClinicalTrials.gov. 2020. Disponibile all'indirizzo: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/record/NCT03569293. Accessibile su 8 maggio 2020.

Cision Visualizza il contenuto originale: http: //www.prnewswire.com/news-releases/rinvoq-upadacitinib-monotherapy-shows-improvement-in-skin-clearance-and-itch-in-first-phase-3-study-for- atopica-dermatiti-301079479.html

FONTE AbbVie

Psorilax:Come faccio a |ecoval crema psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, composizione

CHICAGO NORD, Ill., 18 giugno 2020 / PRNewswire / – & nbsp; AbbVie (NYSE: ABBV), una società biofarmaceutica globale basata sulla ricerca, ha annunciato oggi che la monoterapia con upadacitinib (15 mg e 30 mg, una volta al giorno) ha raggiunto gli endpoint co-primari di un miglioramento di almeno il 75% l'Eczema Area Severity Index (EASI 75) e una valutazione globale dello sperimentatore convalidata per la dermatite atopica (vIGA-AD) di chiara o quasi chiara (0/1) alla settimana 16 negli adulti e adolescenti con dermatite atopica da moderata a grave che sono candidati per terapia sistemica.1& Nbsp;Measure Up 1 è il primo studio cardine di Fase 3 per valutare l'efficacia e la sicurezza di RINVOQ per il trattamento della dermatite atopica da moderata a grave. “Data-reagid =” 15 “>CHICAGO NORD, Ill., 18 giugno 2020 / PRNewswire / – AbbVie (NYSE: ABBV), un'azienda biofarmaceutica globale basata sulla ricerca, ha annunciato oggi che la monoterapia con upadacitinib (15 mg e 30 mg, una volta al giorno) ha soddisfatto gli endpoint co-primari di un miglioramento di almeno il 75% nell'eczema Area Severity Index (EASI 75) e una valutazione globale dello sperimentatore convalidata per la dermatite atopica (vIGA-AD) di chiara o quasi chiara (0/1) alla settimana 16 in adulti e adolescenti con dermatite atopica da moderata a grave che sono candidati per la terapia sistemica .1 Measure Up 1 è il primo studio cardine di Fase 3 per valutare l'efficacia e la sicurezza di RINVOQ per il trattamento della dermatite atopica da moderata a grave.

Michele Severino, M.D., vicepresidente e presidente, AbbVie. “Siamo entusiasti di questi risultati, che mostrano il potenziale di RINVOQ per le persone che vivono con il peso della dermatite atopica.” “Data-reagid =” 17 “>” Le persone con dermatite atopica spesso lottano con pelle implacabile e sintomi di prurito, con conseguente in un bisogno insoddisfatto significativo “, ha detto Michele Severino, M.D., vicepresidente e presidente, AbbVie. “Siamo entusiasti di questi risultati, che mostrano il potenziale di RINVOQ per le persone che vivono con il peso della dermatite atopica”.

Misura 1 risultati alla settimana 16 *, 1

Upadacitinib 15 mg

(N = 281)

Upadacitinib 30 mg

(N = 281)

Placebo

(N = 285)

EASI 75un'

70%

80%

16%

VIGA-AD 0/1B

48%

62%

8%

Miglioramento del peggior prurito NRS≥4c

52%

60%

12%

* Gli endpoint co-primari erano EASI 75 e vIGA 0/1 alla settimana 16. Gli endpoint co-primari hanno raggiunto valori p <0,001. Il miglioramento del peggior prurito NRS≥4 al giorno 2, giorno 3 e settimana 16 erano endpoint secondari. Tutti gli endpoint secondari hanno raggiunto valori p <0,001. Non vengono visualizzati tutti gli endpoint secondari.

un' EASI 75 è definito come una riduzione di almeno il 75 percento nell'Eczema Area e nell'indice di gravità.

B vIGA-AD 0/1 è definito come valutazione globale dello sperimentatore convalidata per la dermatite atopica di chiara o quasi chiara (0/1) con almeno due gradi di riduzione rispetto al basale.

c Il miglioramento del Prurito peggiore NRS≥4 è definito come un miglioramento (riduzione) del Prurito peggiore NRS≥4. L'endpoint è stato analizzato per i partecipanti con prurito NRS≥4 al basale.

Emma Guttman-Yassky, M.D., Ph.D., professore di dermatologia e immunologia, Icahn School of Medicine presso il Mount Sinai Medical Center. “È incoraggiante vedere l'elevata percentuale di pazienti che raggiungono la pelle chiara o quasi chiara con upadacitinib, e la significativa e rapida riduzione del prurito con entrambe le dosi.” “Data-reazioni” = “22”> “Sia i pazienti adolescenti che adulti che vivono con la dermatite atopica da moderata a grave spesso soffre di un enorme carico di malattia che può influenzare ogni aspetto della loro vita quotidiana “, ha detto il ricercatore capo Emma Guttman-Yassky, M.D., Ph.D., professore di dermatologia e immunologia, Icahn School of Medicine presso il Mount Sinai Medical Center. “È incoraggiante vedere l'elevata percentuale di pazienti che raggiungono la pelle chiara o quasi chiara con upadacitinib e la significativa e rapida riduzione del prurito con entrambe le dosi.”

La storia continua

I risultati completi di Measure Up 1 saranno presentati in una futura riunione medica e pubblicati in una pubblicazione peer-reviewed. L'uso di RINVOQ nella dermatite atopica non è approvato e la sua sicurezza ed efficacia non sono state valutate dalle autorità di regolamentazione.

Measure Up 1 è uno studio di fase 3, multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, di gruppo parallelo, controllato con placebo, progettato per valutare la sicurezza e l'efficacia di upadacitinib in pazienti adulti e adolescenti (di età pari o superiore a 12 anni) con dermatite atopica da moderata a grave che sono candidati per il trattamento sistemico. I pazienti sono stati randomizzati con upadacitinib 15 mg, upadacitinib 30 mg o placebo, seguito da upadacitinib 15 mg o upadacitinib 30 mg alla settimana 16.

www.clinicaltrials.gov (NCT03569293). “Data-reagente =” 31 “> Gli endpoint co-primari erano la percentuale di pazienti che raggiungevano EASI 75 e un punteggio vIGA di 0/1 dopo 16 settimane di trattamento. Gli endpoint secondari includevano il miglioramento del peggior prurito NRS≥4 alla settimana 16, EASI 90, variazione percentuale nella peggiore Prurito NRS, variazione percentuale nella EASI alla settimana 16, nonché miglioramento del peggiore Prurito NRS≥4 al giorno 2 (un giorno dopo la prima dose) per i pazienti che assumono upadacitinib 30 mg e miglioramento del peggior prurito NRS≥4 al giorno 3 (due giorni dopo la prima dose) per i pazienti trattati con upadacitinib 15 mg. Lo studio è in corso e il periodo di prolungamento a lungo termine rimane cieco per gli investigatori e i pazienti, per valutare il lungo termine sicurezza, tollerabilità ed efficacia delle due dosi giornaliere (15 mg e 30 mg) di upadacitinib in pazienti che hanno completato il periodo controllato con placebo. Ulteriori informazioni su questo studio sono disponibili sul sito www.clinicaltrials.gov (NCT03569293).

Agosto 2019, RINVOQ ha ricevuto l'approvazione della Food and Drug Administration statunitense per i pazienti adulti con artrite reumatoide da moderatamente a gravemente attiva che hanno avuto una risposta inadeguata o intolleranza al metotrexato. In Dicembre 2019, RINVOQ ha anche ricevuto l'approvazione della Commissione europea per il trattamento di pazienti adulti con artrite reumatoide attiva da moderata a grave che hanno risposto in modo inadeguato o che sono intolleranti a uno o più farmaci antireumatici modificanti la malattia. La dose approvata per RINVOQ nell'artrite reumatoide è di 15 mg. Sono in corso studi di fase 3 su RINVOQ in dermatite atopica, artrite reumatoide, artrite psoriasica, spondiloartrite assiale, morbo di Crohn, colite ulcerosa e arterite a cellule giganti.7-12,14 L'uso di RINVOQ nella dermatite atopica non è approvato e la sua sicurezza ed efficacia non sono state valutate dalle autorità di regolamentazione. “Data-reagid =” 33 “> Scoperto e sviluppato dagli scienziati AbbVie, RINVOQ è un medicinale orale, una volta al giorno, selettivo e reversibile Inibitore di JAK studiato in diverse malattie infiammatorie immuno-mediate.1,6-12 È stato progettato per avere una maggiore potenza inibitoria per JAK1 rispetto a JAK2, JAK3 e TYK2.2 In Agosto 2019, RINVOQ ha ricevuto l'approvazione della Food and Drug Administration statunitense per i pazienti adulti con artrite reumatoide da moderatamente a gravemente attiva che hanno avuto una risposta inadeguata o intolleranza al metotrexato. In Dicembre 2019, RINVOQ ha anche ricevuto l'approvazione della Commissione europea per il trattamento di pazienti adulti con artrite reumatoide attiva da moderata a grave che hanno risposto in modo inadeguato o che sono intolleranti a uno o più farmaci antireumatici modificanti la malattia. La dose approvata per RINVOQ nell'artrite reumatoide è di 15 mg. Sono in corso studi di fase 3 su RINVOQ in dermatite atopica, artrite reumatoide, artrite psoriasica, spondiloartrite assiale, morbo di Crohn, colite ulcerosa e arterite a cellule giganti.7-12,14 L'uso di RINVOQ nella dermatite atopica non è approvato e la sua sicurezza ed efficacia non sono state valutate dalle autorità di regolamentazione.

  • In alcune persone che hanno assunto RINVOQ si sono verificate gravi infezioni, tra cui la tubercolosi (TB) e le infezioni causate da batteri, funghi o virus che possono diffondersi in tutto il corpo. Alcune persone sono morte per queste infezioni. L'operatore sanitario deve testare la tubercolosi prima di iniziare RINVOQ e controllare attentamente segni e sintomi di tubercolosi durante il trattamento con RINVOQ. Potresti essere maggiormente a rischio di sviluppare herpes zoster (herpes zoster).
  • Il linfoma e altri tumori, inclusi i tumori della pelle, possono verificarsi nelle persone che assumono RINVOQ.
  • In alcune persone che assumono RINVOQ sono possibili coaguli di sangue nelle vene delle gambe o dei polmoni e delle arterie. Questo può essere pericoloso per la vita e causare la morte.
  • Possono verificarsi lacrime nello stomaco o nell'intestino e cambiamenti in alcuni test di laboratorio. Il medico deve eseguire esami del sangue prima di iniziare a prendere RINVOQ e mentre lo prende. Il medico può interrompere il trattamento con RINVOQ per un periodo di tempo, se necessario, a causa di cambiamenti nei risultati di questi esami del sangue.
  • Sono in cura per un'infezione, hanno un'infezione che non scompare o continua a tornare o presenta sintomi di un'infezione come:
  • Hai la tubercolosi o sei stato in stretto contatto con qualcuno con la tubercolosi.
  • Hai avuto qualsiasi tipo di cancro, epatite B o C, fuoco di Sant'Antonio (herpes zoster) o coaguli di sangue nelle vene delle gambe o dei polmoni, diverticolite (infiammazione in parti dell'intestino crasso) o ulcere nello stomaco o nell'intestino.
  • Hanno altre condizioni mediche tra cui problemi al fegato, conta delle cellule del sangue bassa, diabete, malattie polmonari croniche, HIV o un sistema immunitario debole.
  • Vivi, hai vissuto o hai viaggiato in parti del paese che aumentano il rischio di contrarre determinati tipi di infezioni fungine, come il Ohio e le valli del fiume Mississippi e il sud-ovest. Se non sei sicuro di essere stato in queste aree, chiedi al tuo medico.
  • Recentemente hanno ricevuto o sono in programma di ricevere un vaccino. Le persone che assumono RINVOQ non devono ricevere vaccini vivi.
  • Sono incinta o stanno pianificando una gravidanza. Sulla base di studi sugli animali, RINVOQ può danneggiare il feto. L'operatore sanitario controllerà se sei incinta o meno prima di iniziare RINVOQ. Deve usare un efficace controllo delle nascite (contraccezione) per evitare una gravidanza durante l'assunzione di RINVOQ e per almeno 4 settimane dopo l'ultima dose.
  • Allattano o pianificano di allattare. RINVOQ può passare nel latte materno. Non deve allattare durante l'assunzione di RINVOQ e per almeno 6 giorni dopo l'ultima dose.
  • Medicinali per infezioni fungine o batteriche
  • Rifampicina o fenitoina
  • Medicinali che influenzano il sistema immunitario
  • Chiedi al tuo medico o farmacista se non sei sicuro di assumere uno di questi medicinali.

  • Hai sintomi di un'infezione. RINVOQ può aumentare le probabilità di contrarre infezioni o peggiorare le infezioni.
  • Ha segni o sintomi di coaguli di sangue durante il trattamento con RINVOQ, inclusi:
  • Avere una febbre o un dolore alla zona dello stomaco che non scompare e un cambiamento nelle abitudini intestinali.
  • RINVOQ viene assunto una volta al giorno con o senza cibo. Non dividere, rompere, schiacciare o masticare il tablet. Prendi RINVOQ esattamente come l'HCP ti dice di usarlo.

    www.fda.gov/medwatch& nbsp; oppure chiama il numero 1-800-FDA-1088.“data-reactionid =” 66 “>Questa è l'informazione più importante da sapere su RINVOQ. Per ulteriori informazioni, rivolgersi al proprio operatore sanitario. Siete incoraggiati a segnalare alla FDA gli effetti collaterali negativi dei farmaci da prescrizione. Visita www.fda.gov/medwatch o chiama il numero 1-800-FDA-1088.

    AbbVie.com/myAbbVieAssist per saperne di più.“data -eagido =” 67 “>Se ha difficoltà a pagare per le medicine, AbbVie potrebbe essere in grado di aiutare. Visita AbbVie.com/myAbbVieAssist per saperne di più.

    Informazioni di prescrizione complete& Nbsp; e & nbsp;Guida ai farmaci. “data -eagid =” 68 “> Fare clic qui per la guida completa alle informazioni e alla prescrizione di farmaci.

    https://www.abbvie.com/our-science/therapeutic-focus-areas/immunology/immunology-focus-areas/dermatology.html“data -eagid =” 71 “> Da oltre un decennio, AbbVie ha lavorato per scoprire nuove soluzioni e migliorare l'assistenza alle persone con gravi malattie della pelle, tra cui psoriasi, artrite psoriasica, idradenite suppurativa e dermatite atopica. Con un ampio studio clinico programma, continuiamo a ricercare attivamente e ad adattarci alle esigenze in evoluzione della comunità dermatologica e avanzare la nostra pipeline per aiutare le persone a raggiungere i loro obiettivi di trattamento e vivere al di là delle loro malattie della pelle. Per ulteriori informazioni su AbbVie in dermatologia, visitare https: // www. abbvie.com/our-science/therapeutic-focus-areas/immunology/immunology-focus-areas/dermatology.html.

    www.abbvie.com. Segui @abbvie su cinguettio, Facebook, Instagram, Youtube e LinkedIn. “data -eagid =” 73 “> La missione di AbbVie è quella di scoprire e fornire farmaci innovativi che risolvano oggi gravi problemi di salute e affrontino le sfide mediche di domani. Ci impegniamo ad avere un impatto notevole sulla vita delle persone in diverse aree terapeutiche chiave: l'immunologia , oncologia, neuroscienza, cura degli occhi, virologia, salute e gastroenterologia delle donne, oltre a prodotti e servizi nel suo portafoglio di allergie estetiche. Per ulteriori informazioni su AbbVie, visitare il sito www.abbvie.com. Seguire @abbvie su cinguettio, Facebook, Instagram, YouTube e LinkedIn.

    Alcune dichiarazioni in questo comunicato stampa sono, o possono essere considerate, dichiarazioni previsionali ai fini del Private Securities Litigation Reform Act del 1995. Le parole “credere”, “aspettarsi”, “anticipare”, “” progetto “ed espressioni simili, tra l'altro, generalmente identificare dichiarazioni previsionali. AbbVie avverte che queste dichiarazioni previsionali sono soggette a rischi e incertezze che possono far sì che i risultati effettivi differiscano materialmente da quelli indicati nelle dichiarazioni previsionali. Tali rischi e incertezze comprendono, a titolo esemplificativo, la concorrenza di altri prodotti, le sfide alla proprietà intellettuale, le difficoltà inerenti al processo di ricerca e sviluppo, i contenziosi avversi o le azioni del governo e le modifiche alle leggi e ai regolamenti applicabili al nostro settore. Ulteriori informazioni sui fattori economici, competitivi, governativi, tecnologici e di altro tipo che possono influenzare le operazioni di AbbVie sono riportate nella voce 1A, “Fattori di rischio”, del Rapporto annuale 2019 di AbbVie sul modulo 10-K, che è stato depositato presso i Titoli e Commissione di cambio. AbbVie non si assume alcun obbligo di rilasciare pubblicamente eventuali revisioni a dichiarazioni previsionali a seguito di eventi o sviluppi successivi, ad eccezione di quanto richiesto dalla legge.

    Riferimenti:

    1. AbbVie Data on File. ABVRRTI70713.
    2. Cohen S., et al. Profilo di sicurezza di upadacitinib nell'artrite reumatoide: analisi integrata dal programma clinico di fase 3 SELECT. EULAR 2019; THU0167.
    3. Guttman-Yassky, E et al. ePoster # P0236. 27 ° Congresso dell'Accademia europea di dermatologia e venerologia (EADV). Settembre 2018.
    4. Genovese MC, et al. Efficacia e sicurezza di Upadacitinib in pazienti con artrite psoriasica attiva e risposta inadeguata ai farmaci anti-reumatici che modificano le malattie biologiche (SELECT-PsA-2): una prova di fase 3 controllata in doppio cieco, randomizzata. E-Congresso EULAR 2020; OP0223.
    5. McInnes I, et al. Efficacia e sicurezza di Upadacitinib rispetto a Placebo e Adalimumab in pazienti con artrite psoriasica attiva e risposta inadeguata a farmaci anti-reumatici modificanti le malattie non biologiche (SELECT-PsA-1): una prova di fase 3 controllata in doppio cieco, randomizzata. E-Congresso EULAR 2020; LB0001.
    6. Pipeline – La nostra scienza | Abbvie. Abbvie. 2019. Disponibile su: https://www.abbvie.com/our-science/pipeline.html. Accessibile su 8 maggio 2020.
    7. Burmester G.R., et al. Sicurezza ed efficacia di upadacitinib in pazienti con artrite reumatoide e risposta inadeguata ai farmaci antireumatici convenzionali modificanti la malattia sintetica (SELECT-NEXT): uno studio di fase 3 randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo. Lancetta. 23 giu 2018; 391 (10139): 2503-2512. doi: 10.1016 / S0140-6736 (18) 31115-2. Epub 2018 giu 18.
    8. Uno studio multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo per ABT-494 per l'induzione della remissione sintomatica ed endoscopica in soggetti con malattia di Crohn da moderatamente grave a grave che hanno risposto in modo inadeguato o sono intolleranti agli immunomodulatori o alla terapia anti-TNF. ClinicalTrials.gov. 2020. Disponibile all'indirizzo: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT02365649. Accessibile su 8 maggio 2020.
    9. Uno studio che confronta Upadacitinib (ABT-494) con Placebo e Adalimumab in partecipanti con artrite psoriasica che hanno una risposta inadeguata a almeno una droga non reumatica modificante la malattia non biologica (SELECT – PsA 1). ClinicalTrials.gov. 2020. Disponibile all'indirizzo: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT03104400. Accessibile su 8 maggio 2020.
    10. Uno studio per valutare la sicurezza e l'efficacia di ABT-494 per la terapia di induzione e mantenimento in soggetti con colite ulcerosa da moderata a gravemente attiva. ClinicalTrials.gov. 2020. Disponibile all'indirizzo: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT02819635. Accessibile su 8 maggio 2020.
    11. Uno studio che valuta la sicurezza e l'efficacia di Upadacitinib nei soggetti con spondilite anchilosante attiva (SELECT Axis 1). ClinicalTrials.gov. 2020. Disponibile all'indirizzo: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/study/NCT03178487. Accessibile su 8 maggio 2020.
    12. Uno studio per valutare la sicurezza e l'efficacia di Upadacitinib nei partecipanti con arterite a cellule giganti (SELECT-GCA). ClinicalTrials.gov. 2020. Disponibile all'indirizzo: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT03725202. Accessibile su 8 maggio 2020.
    13. Dermatite atopica di Nutten S.: epidemiologia globale e fattori di rischio. Ann Nutr Metab 2015; 66 (suppl 1): 8–16.
    14. EFA. Eczema atopico: rapporto Prurito per la vita. 2018. Available at: https://www.efanet.org/images/2018/EN_-_Itching_for_life_Quality_of_Life_and_costs_for_people_with_severe_atopic_eczema_in_Europe_.pdf. Accessed on June 11, 2020.
    15. Weidinger, S., et al. Atopic dermatitis. Nat Rev Dis Primers 4, 1 (2018). https://doi.org/10.1038/s41572-018-0001-z.
    16. Shrestha S et al. Burden of Atopic Dermatitis in the United States: Analysis of Healthcare Claims Data in the Commercial, Medicare, and Medi-Cal Databases. Adv Ther. 2017;34(8):1989–2006.
    17. Evaluation of Upadacitinib in Adolescent and Adult Patients With Moderate to Severe Atopic Dermatitis (Eczema) (Measure Up 1). ClinicalTrials.gov. 2020. Available at: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/record/NCT03569293. Accessed on May 8, 2020.

    http://www.prnewswire.com/news-releases/rinvoq-upadacitinib-monotherapy-shows-improvement-in-skin-clearance-and-itch-in-first-phase-3-study-for-atopic-dermatitis-301079479.html” data-reactid=”109″>View original content:http://www.prnewswire.com/news-releases/rinvoq-upadacitinib-monotherapy-shows-improvement-in-skin-clearance-and-itch-in-first-phase-3-study-for-atopic-dermatitis-301079479.html

    SOURCE AbbVie

    Psorilax:Confronto |crema rinfrescante gambe con psoriasi

    0

    Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, dove si compra

    CHICAGO NORD, Ill., 18 giugno 2020 / PRNewswire / – AbbVie (NYSE: ABBV), un'azienda biofarmaceutica globale basata sulla ricerca, ha annunciato oggi che la monoterapia con upadacitinib (15 mg e 30 mg, una volta al giorno) ha soddisfatto gli endpoint co-primari di un miglioramento di almeno il 75% nell'eczema Area Severity Index (EASI 75) e una valutazione globale dello sperimentatore convalidata per la dermatite atopica (vIGA-AD) di chiara o quasi chiara (0/1) alla settimana 16 negli adulti e adolescenti con dermatite atopica da moderata a grave che sono candidati per la terapia sistemica .1 Measure Up 1 è il primo studio cardine di Fase 3 per valutare l'efficacia e la sicurezza di RINVOQ per il trattamento della dermatite atopica da moderata a grave.

    In questo studio, i pazienti che hanno ricevuto 15 mg o 30 mg di upadacitinib in monoterapia hanno mostrato un miglioramento significativo della clearance cutanea.1 Dei pazienti trattati con upadacitinib 15/30 mg, il 70/80 percento ha raggiunto l'EASI 75 alla settimana 16, rispettivamente, rispetto al 16 percento nel gruppo placebo (p <0,001).1 Di quelli trattati con upadacitinib 15/30 mg, il 48/62 percento dei pazienti ha raggiunto vIGA-AD 0/1, rispettivamente, rispetto all'8 percento dei pazienti trattati con placebo (p <0,001).1

    “Le persone con dermatite atopica spesso lottano con la pelle implacabile e i sintomi di prurito, con conseguente significativo bisogno insoddisfatto”, ha detto Michele Severino, M.D., vicepresidente e presidente, AbbVie. “Siamo entusiasti di questi risultati, che mostrano il potenziale di RINVOQ per le persone che vivono con il peso della dermatite atopica”.

    Per entrambe le dosi, i pazienti hanno manifestato una riduzione precoce del prurito, che è stata mantenuta fino alla settimana 16.1 La riduzione clinicamente significativa del prurito è stata definita come miglioramento della peggiore scala di valutazione numerica del prurito (NRS) ≥4,1 che è stato raggiunto da una proporzione significativamente più elevata di pazienti trattati con upadacitinib 15/30 mg alla settimana 16 rispetto al placebo (52/60 percento, rispettivamente, rispetto al 12 percento, p <0,001).1 Riduzioni clinicamente significative del prurito rispetto al placebo sono state osservate già un giorno dopo la prima dose (giorno 2) per i pazienti che assumevano upadacitinib 30 mg (12% contro 4%, p <0,001) e due giorni dopo la prima dose (giorno 3 ) per i pazienti trattati con upadacitinib 15 mg (16 percento contro 3 percento, p <0,001).1

    Misura 1 risultati alla settimana 16 *, 1


    Upadacitinib 15 mg

    (N = 281)

    Upadacitinib 30 mg

    (N = 281)

    Placebo

    (N = 285)

    EASI 75un'

    70%

    80%

    16%

    VIGA-AD 0/1B

    48%

    62%

    8%

    Miglioramento del peggior prurito NRS≥4c

    52%

    60%

    12%

    * Gli endpoint co-primari erano EASI 75 e vIGA 0/1 alla settimana 16. Gli endpoint co-primari hanno raggiunto valori p <0,001. Il miglioramento del peggior prurito NRS≥4 al giorno 2, giorno 3 e settimana 16 erano endpoint secondari. Tutti gli endpoint secondari hanno raggiunto valori p <0,001. Non vengono visualizzati tutti gli endpoint secondari.

    un' EASI 75 è definito come una riduzione di almeno il 75 percento nell'Eczema Area e nell'indice di gravità.

    B vIGA-AD 0/1 è definito come valutazione globale dello sperimentatore convalidata per la dermatite atopica di chiara o quasi chiara (0/1) con almeno due gradi di riduzione rispetto al basale.

    c Il miglioramento del Prurito peggiore NRS≥4 è definito come un miglioramento (riduzione) del Prurito peggiore NRS≥4. L'endpoint è stato analizzato per i partecipanti con prurito NRS≥4 al basale.

    La dermatite atopica è una malattia infiammatoria della pelle comune, cronica, recidivante, che può manifestarsi come un ciclo ricorrente di prurito e graffi che porta a una pelle dolorosa e screpolata.13,14 Colpisce fino a circa il 25 percento degli adolescenti e il 10 percento degli adulti ad un certo punto della loro vita.15 Tra il 20 e il 46 percento degli adulti con dermatite atopica ha una malattia da moderata a grave.16 La gamma di sintomi comporta un notevole onere fisico, psicologico ed economico per le persone colpite dalla malattia.13,14

    “Sia i pazienti adolescenti che gli adulti che vivono con dermatite atopica da moderata a grave spesso soffrono di un enorme carico di malattia che può influenzare ogni aspetto della loro vita quotidiana”, ha detto il ricercatore capo Emma Guttman-Yassky, M.D., Ph.D., professore di dermatologia e immunologia, Icahn School of Medicine presso il Mount Sinai Medical Center. “È incoraggiante vedere l'elevata percentuale di pazienti che raggiungono la pelle chiara o quasi chiara con upadacitinib e la significativa e rapida riduzione del prurito con entrambe le dosi.”

    Non sono stati osservati nuovi rischi per la sicurezza rispetto al profilo di sicurezza osservato in pazienti con artrite reumatoide e artrite psoriasica trattati con RINVOQ.1-5 Nella misura 1, si sono verificati eventi avversi gravi nel 2,1% dei pazienti trattati con upadacitinib 15 mg, nel 2,8% dei pazienti trattati con upadacitinib 30 mg e nel 2,8% dei pazienti trattati con placebo alla settimana 16.1 Gli eventi avversi più comuni emergenti dal trattamento sono stati acne, infezione del tratto respiratorio superiore e rinofaringite.1 L'acne è stata osservata con entrambe le dosi di upadacitinib (6,8 per cento dei pazienti con 15 mg e 17,2 per cento dei pazienti con 30 mg) rispetto al placebo (2,1 per cento dei pazienti) ed è stata da lieve a moderata nella maggior parte dei casi.1 Eczema erpetico è stato osservato in pazienti in trattamento con upadacitinib 30 mg (1,1 per cento dei pazienti) e placebo (1,4 per cento dei pazienti); non è stato osservato in pazienti trattati con upadacitinib 15 mg.1 Infezioni gravi sono state riportate di rado (lo 0,7 per cento dei pazienti trattati con upadacitinib 15 mg o 30 mg; nessuna è stata osservata sul placebo).1 Non sono stati riportati decessi, eventi tromboembolici venosi (TEV) o eventi avversi cardiaci maggiori (MACE).1

    I risultati completi di Measure Up 1 saranno presentati in una futura riunione medica e pubblicati in una pubblicazione peer-reviewed. L'uso di RINVOQ nella dermatite atopica non è approvato e la sua sicurezza ed efficacia non sono state valutate dalle autorità di regolamentazione.

    Informazioni sullo studio di misura 11,17

    Measure Up 1 è uno studio di fase 3, multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, di gruppo parallelo, controllato con placebo, progettato per valutare la sicurezza e l'efficacia di upadacitinib in pazienti adulti e adolescenti (di età pari o superiore a 12 anni) con dermatite atopica da moderata a grave che sono candidati per il trattamento sistemico. I pazienti sono stati randomizzati con upadacitinib 15 mg, upadacitinib 30 mg o placebo, seguito da upadacitinib 15 mg o upadacitinib 30 mg alla settimana 16.

    Gli endpoint co-primari erano la percentuale di pazienti che raggiungevano l'EASI 75 e un punteggio vIGA di 0/1 dopo 16 settimane di trattamento. Gli endpoint secondari includevano il miglioramento del Prurito peggiore NRS≥4 alla settimana 16, EASI 90, variazione percentuale nel Prurito peggiore NRS, variazione percentuale nell'EASI alla settimana 16, nonché miglioramento del Peggiore Prurito NRS≥4 al giorno 2 (un giorno dopo il prima dose) per i pazienti trattati con upadacitinib 30 mg e miglioramento del peggior prurito NRS≥4 al giorno 3 (due giorni dopo la prima dose) per i pazienti trattati con upadacitinib 15 mg. Lo studio è in corso e il periodo di estensione a lungo termine rimane cieco per gli investigatori e i pazienti, per valutare la sicurezza, la tollerabilità e l'efficacia a lungo termine delle due dosi giornaliere (15 mg e 30 mg) di upadacitinib nei pazienti che hanno completato il periodo controllato con placebo. Ulteriori informazioni su questo studio sono disponibili all'indirizzo www.clinicaltrials.gov (NCT03569293).

    Informazioni su RINVOQ (upadacitinib)

    Scoperto e sviluppato dagli scienziati AbbVie, RINVOQ è un inibitore JAK orale, una volta al giorno, selettivo e reversibile studiato in diverse malattie infiammatorie immuno-mediate.1,6-12 È stato progettato per avere una maggiore potenza inibitoria per JAK1 rispetto a JAK2, JAK3 e TYK2.2 In Agosto 2019, RINVOQ ha ricevuto l'approvazione della Food and Drug Administration statunitense per i pazienti adulti con artrite reumatoide da moderatamente a gravemente attiva che hanno avuto una risposta inadeguata o intolleranza al metotrexato. In Dicembre 2019, RINVOQ ha anche ricevuto l'approvazione della Commissione europea per il trattamento di pazienti adulti con artrite reumatoide attiva da moderata a grave che hanno risposto in modo inadeguato o che sono intolleranti a uno o più farmaci antireumatici modificanti la malattia. La dose approvata per RINVOQ nell'artrite reumatoide è di 15 mg. Sono in corso studi di fase 3 su RINVOQ in dermatite atopica, artrite reumatoide, artrite psoriasica, spondiloartrite assiale, morbo di Crohn, colite ulcerosa e arterite a cellule giganti.7-12,14 L'uso di RINVOQ nella dermatite atopica non è approvato e la sua sicurezza ed efficacia non sono state valutate dalle autorità di regolamentazione.

    Informazioni importanti sulla sicurezza di RINVOQ ™ (upadacitinib)

    RINVOQ US Usa e importanti informazioni sulla sicurezza
    RINVOQ è un medicinale di prescrizione usato per il trattamento di adulti con artrite reumatoide da moderata a grave in cui il metotrexato non ha funzionato bene o non è stato tollerato. Non è noto se RINVOQ sia sicuro ed efficace nei bambini di età inferiore ai 18 anni.

    Quali sono le informazioni più importanti che dovrei sapere su RINVOQ?
    RINVOQ è un medicinale che può ridurre la capacità del sistema immunitario di combattere le infezioni. Non dovresti iniziare a prendere RINVOQ se hai qualche tipo di infezione a meno che il tuo medico (HCP) ti dica che va bene.

    • In alcune persone che hanno assunto RINVOQ si sono verificate gravi infezioni, tra cui la tubercolosi (TB) e le infezioni causate da batteri, funghi o virus che possono diffondersi in tutto il corpo. Alcune persone sono morte per queste infezioni. L'operatore sanitario deve testare la tubercolosi prima di iniziare RINVOQ e controllare attentamente segni e sintomi di tubercolosi durante il trattamento con RINVOQ. Potresti essere maggiormente a rischio di sviluppare herpes zoster (herpes zoster).
    • Il linfoma e altri tumori, inclusi i tumori della pelle, possono verificarsi nelle persone che assumono RINVOQ.
    • In alcune persone che assumono RINVOQ sono possibili coaguli di sangue nelle vene delle gambe o dei polmoni e delle arterie. Questo può essere pericoloso per la vita e causare la morte.
    • Possono verificarsi lacrime nello stomaco o nell'intestino e cambiamenti in alcuni test di laboratorio. Il medico deve eseguire esami del sangue prima di iniziare a prendere RINVOQ e mentre lo prende. Il medico può interrompere il trattamento con RINVOQ per un periodo di tempo, se necessario, a causa di cambiamenti nei risultati di questi esami del sangue.

    Cosa devo dire al mio operatore sanitario prima di avviare RINVOQ?
    Informa il tuo operatore sanitario se:

    • Sono in cura per un'infezione, hanno un'infezione che non scompare o continua a tornare o hanno sintomi di un'infezione come:
      • Febbre, sudorazione o brividi
      • Fiato corto
      • Pelle o piaghe calde, rosse o dolorose sul corpo
      • Dolori muscolari
      • Sentirsi stanco
      • Sangue in catarro
      • Diarrea o mal di stomaco
      • Tosse
      • Perdita di peso
      • Bruciore durante la minzione o la minzione più spesso del normale
    • Hai la tubercolosi o sei stato in stretto contatto con qualcuno con la tubercolosi.
    • Hai avuto qualsiasi tipo di cancro, epatite B o C, fuoco di Sant'Antonio (herpes zoster) o coaguli di sangue nelle vene delle gambe o dei polmoni, diverticolite (infiammazione in parti dell'intestino crasso) o ulcere nello stomaco o nell'intestino.
    • Hanno altre condizioni mediche tra cui problemi al fegato, conta delle cellule del sangue bassa, diabete, malattie polmonari croniche, HIV o un sistema immunitario debole.
    • Vivi, hai vissuto o hai viaggiato in parti del paese che aumentano il rischio di contrarre determinati tipi di infezioni fungine, come il Ohio e le valli del fiume Mississippi e il sud-ovest. Se non sei sicuro di essere stato in queste aree, chiedi al tuo medico.
    • Recentemente hanno ricevuto o sono in programma di ricevere un vaccino. Le persone che assumono RINVOQ non devono ricevere vaccini vivi.
    • Sono incinta o stanno pianificando una gravidanza. Sulla base di studi sugli animali, RINVOQ può danneggiare il feto. L'operatore sanitario controllerà se sei incinta o meno prima di iniziare RINVOQ. Deve usare un efficace controllo delle nascite (contraccezione) per evitare una gravidanza durante l'assunzione di RINVOQ e per almeno 4 settimane dopo l'ultima dose.
    • Allattano o pianificano di allattare. RINVOQ può passare nel latte materno. Non deve allattare durante l'assunzione di RINVOQ e per almeno 6 giorni dopo l'ultima dose.

    Informa il tuo operatore sanitario di tutti i medicinali che assumi, tra cui farmaci da prescrizione e da banco, vitamine e integratori a base di erbe. RINVOQ e altri medicinali possono influenzarsi a vicenda, causando effetti indesiderati.

    In particolare, informa il tuo medico se prendi:

    • Medicinali per infezioni fungine o batteriche
    • Rifampicina o fenitoina
    • Medicinali che influenzano il sistema immunitario

    Chiedi al tuo medico o farmacista se non sei sicuro di assumere uno di questi medicinali.

    Cosa devo dire al mio operatore sanitario dopo aver avviato RINVOQ?
    Informa subito il tuo operatore sanitario se:

    • Hai sintomi di un'infezione. RINVOQ può aumentare le probabilità di contrarre infezioni o peggiorare le infezioni.
    • Ha segni o sintomi di coaguli di sangue durante il trattamento con RINVOQ, inclusi:
      • Rigonfiamento
      • Improvviso inspiegabile dolore toracico
      • Dolore o tenerezza alla gamba
      • Fiato corto
    • Avere una febbre o un dolore alla zona dello stomaco che non scompare e un cambiamento nelle abitudini intestinali.

    Quali sono gli effetti collaterali comuni di RINVOQ?
    Questi includono: infezioni del tratto respiratorio superiore (raffreddore comune, infezioni del seno), nausea, tosse e febbre. Questi non sono tutti i possibili effetti collaterali di RINVOQ.

    RINVOQ viene assunto una volta al giorno con o senza cibo. Non dividere, rompere, schiacciare o masticare il tablet. Prendi RINVOQ esattamente come l'HCP ti dice di usarlo.

    Questa è l'informazione più importante da sapere su RINVOQ. Per ulteriori informazioni, rivolgersi al proprio operatore sanitario. Siete incoraggiati a segnalare alla FDA gli effetti collaterali negativi dei farmaci da prescrizione. Visita www.fda.gov/medwatch o chiama il numero 1-800-FDA-1088.

    Se ha difficoltà a pagare per le medicine, AbbVie potrebbe essere in grado di aiutare. Visita AbbVie.com/myAbbVieAssist per saperne di più.

    Fare clic qui per la guida completa ai farmaci e alle informazioni di prescrizione.

    A livello globale, le informazioni sulla prescrizione variano; fare riferimento all'etichetta del prodotto del singolo paese per informazioni complete.

    Informazioni su AbbVie in Dermatologia

    Per oltre un decennio, AbbVie ha lavorato per scoprire nuove soluzioni e migliorare l'assistenza alle persone con gravi malattie della pelle, tra cui la psoriasi, l'artrite psoriasica, l'idradenite suppurativa e la dermatite atopica. Con un ampio programma di sperimentazione clinica, continuiamo a ricercare attivamente e ad adattarci alle esigenze in evoluzione della comunità dermatologica e avanzare la nostra pipeline per aiutare le persone a raggiungere i loro obiettivi di trattamento e vivere oltre la malattia della pelle. Per ulteriori informazioni su AbbVie in dermatologia, visitare https://www.abbvie.com/our-science/therapeutic-focus-areas/immunology/immunology-focus-areas/dermatology.html.

    Informazioni su AbbVie

    La missione di AbbVie è quella di scoprire e fornire medicinali innovativi che risolvano oggi gravi problemi di salute e affrontano le sfide mediche di domani. Ci sforziamo di avere un impatto notevole sulla vita delle persone in diverse aree terapeutiche chiave: immunologia, oncologia, neuroscienza, cura degli occhi, virologia, salute delle donne e gastroenterologia, oltre a prodotti e servizi nel suo portafoglio di allergie estetiche. Per ulteriori informazioni su AbbVie, visitare il sito Web www.abbvie.com. Segui @abbvie su cinguettio, Facebook, Instagram, YouTube e LinkedIn.

    Dichiarazioni previsionali

    Alcune dichiarazioni in questo comunicato stampa sono, o possono essere considerate, dichiarazioni previsionali ai fini del Private Securities Litigation Reform Act del 1995. Le parole “credere”, “aspettarsi”, “anticipare”, “” progetto “ed espressioni simili, tra l'altro, generalmente identificare dichiarazioni previsionali. AbbVie avverte che queste dichiarazioni previsionali sono soggette a rischi e incertezze che possono far sì che i risultati effettivi differiscano materialmente da quelli indicati nelle dichiarazioni previsionali. Tali rischi e incertezze comprendono, a titolo esemplificativo, la concorrenza di altri prodotti, le sfide alla proprietà intellettuale, le difficoltà inerenti al processo di ricerca e sviluppo, i contenziosi avversi o le azioni del governo e le modifiche alle leggi e ai regolamenti applicabili al nostro settore. Ulteriori informazioni sui fattori economici, competitivi, governativi, tecnologici e di altro tipo che possono influenzare le operazioni di AbbVie sono contenute nella voce 1A, “Fattori di rischio”, del Rapporto annuale 2019 di AbbVie sul modulo 10-K, che è stato depositato presso i Titoli e Commissione di cambio. AbbVie non si assume alcun obbligo di rilasciare pubblicamente eventuali revisioni a dichiarazioni previsionali a seguito di eventi o sviluppi successivi, ad eccezione di quanto richiesto dalla legge.

    Riferimenti:

    1. AbbVie Data on File. ABVRRTI70713.
    2. Cohen S., et al. Profilo di sicurezza di upadacitinib nell'artrite reumatoide: analisi integrata dal programma clinico di fase 3 SELECT. EULAR 2019; THU0167.
    3. Guttman-Yassky, E et al. ePoster # P0236. 27 ° Congresso dell'Accademia europea di dermatologia e venerologia (EADV). Settembre 2018.
    4. Genovese MC, et al. Efficacia e sicurezza di Upadacitinib in pazienti con artrite psoriasica attiva e risposta inadeguata ai farmaci anti-reumatici che modificano le malattie biologiche (SELECT-PsA-2): una prova di fase 3 controllata in doppio cieco, randomizzata. E-Congresso EULAR 2020; OP0223.
    5. McInnes I, et al. Efficacia e sicurezza di Upadacitinib rispetto a Placebo e Adalimumab in pazienti con artrite psoriasica attiva e risposta inadeguata a farmaci antireumatici non modificanti la malattia non biologica (SELECT-PsA-1): una prova di fase 3 controllata in doppio cieco, randomizzata. E-Congresso EULAR 2020; LB0001.
    6. Pipeline – La nostra scienza | Abbvie. Abbvie. 2019. Disponibile su: https://www.abbvie.com/our-science/pipeline.html. Accessibile su 8 maggio 2020.
    7. Burmester G.R., et al. Sicurezza ed efficacia di upadacitinib in pazienti con artrite reumatoide e risposta inadeguata ai farmaci antireumatici convenzionali modificanti la malattia sintetica (SELECT-NEXT): uno studio di fase 3 randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo. Lancetta. 23 giu 2018; 391 (10139): 2503-2512. doi: 10.1016 / S0140-6736 (18) 31115-2. Epub 2018 giu 18.
    8. Uno studio multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo per ABT-494 per l'induzione della remissione sintomatica ed endoscopica in soggetti con malattia di Crohn da moderatamente a gravemente attiva che hanno risposto in modo inadeguato o sono intolleranti agli immunomodulatori o alla terapia anti-TNF. ClinicalTrials.gov. 2020. Disponibile all'indirizzo: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT02365649. Accessibile su 8 maggio 2020.
    9. Uno studio che confronta Upadacitinib (ABT-494) con Placebo e Adalimumab in partecipanti con artrite psoriasica che hanno una risposta inadeguata a almeno una droga non reumatica modificante la malattia non biologica (SELECT – PsA 1). ClinicalTrials.gov. 2020. Disponibile all'indirizzo: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT03104400. Accessibile su 8 maggio 2020.
    10. Uno studio per valutare la sicurezza e l'efficacia di ABT-494 per la terapia di induzione e mantenimento in soggetti con colite ulcerosa da moderata a gravemente attiva. ClinicalTrials.gov. 2020. Disponibile all'indirizzo: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT02819635. Accessibile su 8 maggio 2020.
    11. Uno studio che valuta la sicurezza e l'efficacia di Upadacitinib nei soggetti con spondilite anchilosante attiva (SELECT Axis 1). ClinicalTrials.gov. 2020. Disponibile all'indirizzo: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/study/NCT03178487. Accessibile su 8 maggio 2020.
    12. Uno studio per valutare la sicurezza e l'efficacia di Upadacitinib nei partecipanti con arterite a cellule giganti (SELECT-GCA). ClinicalTrials.gov. 2020. Disponibile all'indirizzo: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT03725202. Accessibile su 8 maggio 2020.
    13. Dermatite atopica di Nutten S.: epidemiologia globale e fattori di rischio. Ann Nutr Metab 2015; 66 (suppl 1): 8–16.
    14. EFA. Eczema atopico: rapporto Prurito per la vita. 2018. Disponibile all'indirizzo: https://www.efanet.org/images/2018/EN_-_Itching_for_life_Quality_of_Life_and_costs_for_people_with_severe_atopic_eczema_in_Europe_.pdf. Accessibile su 11 giugno 2020.
    15. Weidinger, S., et al. Dermatite atopica. Nat Rev Dis Primers 4, 1 (2018). https://doi.org/10.1038/s41572-018-0001-z.
    16. Shrestha S et al. Onere della dermatite atopica in gli Stati Uniti: Analisi dei dati relativi alle richieste di assistenza sanitaria nei database commerciali, Medicare e Medi-Cal. Adv Ther. 2017; 34 (8): 1989-2006.
    17. Valutazione di Upadacitinib in pazienti adolescenti e adulti con dermatite atopica da moderata a grave (eczema) (Misura 1). ClinicalTrials.gov. 2020. Disponibile all'indirizzo: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/record/NCT03569293. Accessibile su 8 maggio 2020.

    FONTE AbbVie

    Link correlati

    abbvie.com

    Psorilax:Ottenere |psoriasi glande e crema cicaplast

    0

    Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, come si usa

  • Vence L, Schmitt A, Meadows CE, Gress T. Riconoscendo la psoriasi guttata e iniziando un trattamento adeguato. W V Med J. 2015 lug-ago. 111 (4): 26-8. (Medline).

  • Baker BS, Powles AV, Fry L. Un possibile ruolo per la vaccinazione nel trattamento della psoriasi ?. G Ital Dermatol Venereol. 2008. 143 (2): 105-117.

  • Nahary L, Tamarkin A, Kayam N, Sela S, Fry L, Baker B, et al. Un'indagine sulle risposte anticorpali antistreptococciche nella psoriasi guttata. Arch Dermatol Res. 300 settembre 2008 (8): 441-9. (Medline).

  • Ulger Z, Gelenava T, Kosay Y, psoriasi guttata acuta di Darcan S. associata a dermatite perianale streptococcica. Clin Pediatr (Phila). 2007 gennaio 46 (1): 70-2. (Medline).

  • Ledoux M, Chazerain V, Saiag P, Mahe E. (dermatite perianale streptococcica e psoriasi guttata). Ann Dermatol Venereol. 136 gennaio 2009 (1): 37-41. (Medline).

  • Lewis DJ, Chan WH, Hinojosa T, Hsu S, Feldman SR. Meccanismi di patogenesi microbica e ruolo del microbioma cutaneo nella psoriasi: una revisione. Clin Dermatol. 2019 marzo – 37 aprile (2): 160-166. (Medline).

  • Shin MS, Kim SJ, Kim SH, Kwak YG, Park HJ. Psoriasi guttata di nuova insorgenza in seguito alla vaccinazione contro l'influenza pandemica H1N1. Ann Dermatol. 25 novembre 2013 (4): 489-92. (Medline). (Testo intero).

  • Vanaki E, Ataei M, Sanati MH, Mansouri P, Mahmoudi M, Zarei F, et al. Schemi di espressione dei fattori di trascrizione Th1 / Th2 in pazienti con psoriasi guttata. Acta Microbiol Immunol Hung. 60 giugno 2013 (2): 163-74. (Medline).

  • Hwang YJ, Jung HJ, Kim MJ, Roh NK, Jung JW, Lee YW, et al. Livelli sierici di LL-37 e citochine infiammatorie nella psoriasi a placche e guttate. Mediatori Inflamm. 2014. 2014: 268257. (Medline).

  • Qian L, Chen W, Sun W, Li M, Zheng R, Qian Q, et al. Il peptide antimicrobico LL-37 insieme alla polarizzazione dei monociti guida i peptidoglicani verso il sottoinsieme CD14 (alto) CD16 (+) e può svolgere un ruolo cruciale nella patogenesi della psoriasi guttata. Am J Transl Res. 2015. 7 (6): 1081-94. (Medline).

  • Holm SJ, Sakuraba K, Mallbris L, Wolk K, Stahle M, Sanchez FO. Il profilo distinto del genotipo HLA-C / KIR è associato alla psoriasi guttata. J Invest Dermatol. 125 ottobre 2005 (4): 721-30. (Medline).

  • Mallbris L, Wolk K, Sanchez F. HLA-Cw * 0602 si associa a una duplice maggiore prevalenza di tampone strepotococcico positivo all'inizio della psoriasi: uno studio caso-controllo. BMC Dermatol. 2009. 9: 5.

  • Eaton LH, Chularojanamontri L, Ali FR, Theodorakopoulou E, Dearman RJ, Kimber I. La psoriasi guttata è associata a un fenotipo intermedio di alterata migrazione cellulare di Langerhans. Br J Dermatol. 13 marzo 2014 (Medline).

  • McFadden JP, Baker BS, Powles AV, Fry L. Psoriasi e streptococchi: la selezione naturale di psoriasi rivisitata. Br J Dermatol. 2009 maggio. 160 (5): 929-37. (Medline).

  • Farber EM, Nall L. Epidemiology: storia naturale e genetica. In: Roenigk HH, Maibach HI. Psoriasi. 1998. 3a edizione:

  • Krengel S, GM di Schaumburg-Lever, Geilen CC, et al. Krengel S, GM di Schaumburg-Lever, Geilen CC, et al. Psoriasi. 1998. 3o:

  • Leung DY, Travers JB, Giorno R, Norris DA, Skinner R, Aelion J, et al. Prove per un processo guidato da superantigene streptococcico nella psoriasi guttata acuta. J Clin Invest. 96 novembre 1995 (5): 2106-12. (Medline). (Testo intero).

  • Inghilterra RJ, Strachan DR, Knight LC. Tonsillite streptococcica e sua associazione con la psoriasi: una revisione. Clin Otolaryngol Allied Sci. 22 dicembre 1997 (6): 532-5. (Medline).

  • Veraldi S, Lunardon L, Dassoni F. La psoriasi guttata innescata dalla varicella. G Ital Dermatol Venereol. 2009 agosto 144 (4): 501-2. (Medline).

  • Friggere L, Baker BS. Innescare la psoriasi: il ruolo delle infezioni e dei farmaci. Clin Dermatol. 2007 nov-dic. 25 (6): 606-15. (Medline).

  • Goiriz R, Dauden E, Perez-Gala S, Guhl G, Garcia-Diez A. Flare e cambiamento della morfologia della psoriasi nel corso del trattamento con bloccanti del fattore di necrosi tumorale. Clin Exp Dermatol. 2007 32 marzo (2): 176-9. (Medline).

  • Costa-Romero M, Coto-Segura P, Suarez-Saavedra S, et al. Psoriasi guttata indotta dall'infliximab in un bambino con malattia di Crohn. Inflamm Bowel Dis. 2008. 14 (10): 1462-1463.

  • Cheng H, Geist DE, Piperdi M, Virk R, Piperdi B. Gestione dell'esacerbazione della psoriasi correlata a imatinib in un paziente con tumore stromale gastrointestinale. Australas J Dermatol. 2009 febbraio 50 (1): 41-3. (Medline).

  • Yamamoto T. Placca indotta dalla morte della cellula anti-programmata 1 e psoriasi guttata. Dermatol indiano J. 2018 gennaio-febbraio. 63 (1): 88-89. (Medline).

  • Fan X, Yang S, Sun LD, Liang YH, Gao M, Zhang KY, et al. Confronto delle caratteristiche cliniche dei pazienti con psoriasi HLA-Cw * 0602 positiva e negativa in una popolazione cinese Han. Acta Derm Venereol. 2007. 87 (4): 335-40. (Medline).

  • Pfingstler LF, Maroon M, Mowad C. Esiti della psoriasi guttata. Cute. 97 febbraio 2016 (2): 140-4. (Medline).

  • Zhang XJ, Zhang AP, Yang S, Gao M, Wei SC, He PP, et al. Associazione degli alleati di classe I HLA con la psoriasi vulgaris nel sud-est cinese Hans. J Dermatol Sci. 33 ottobre 2003 (1): 1-6. (Medline).

  • Friggere L, Powles AV, Corcoran S, et al. HLA Cw * 06 non è essenziale per la psoriasi indotta da streptococco. Br J Dermatol. 2006. 154 (5): 850-853.

  • Gudjonsson JE, Karason A, Antonsdottir A, Runarsdottir EH, Hauksson VB, Upmanyu R, et al. I pazienti con psoriasi omozigoti per l'allele HLA-Cw * 0602 hanno un rischio aumentato di 2,5 volte di sviluppare la psoriasi rispetto agli eterozigoti Cw6. Br J Dermatol. 2003 febbraio 148 (2): 233-5. (Medline).

  • Atasoy M, Pirim I, Bayrak OF, Ozdemir S, Ikbal M, Erdem T, et al. Associazione degli alleli HLA di classe I e di classe II con la psoriasi vulgaris nella popolazione turca. Influenza della psoriasi di tipo I e II. Saudi Med J. 2006 27 marzo (3): 373-6. (Medline).

  • Carlen LM, Sanchez F, Bergman AC, Becker S, Hirschberg D, Franzen B, et al. L'analisi del proteoma della pelle distingue il guttato acuto dalla psoriasi a placche cronica. J Invest Dermatol. 2005 gennaio 124 (1): 63-9. (Medline).

  • Yazici AC, Karabulut AA, Ozen O, Eksioglu M, Ustun H. Espressione di p53 in lesioni e cute non affetta di pazienti con psoriasi a placche e guttate: uno studio comparativo quantitativo. J Dermatol. 34 giugno 2007 (6): 367-74. (Medline).

  • Telfer NR, Chalmers RJ, Whale K, Colman G. Il ruolo dell'infezione da streptococco nell'inizio della psoriasi guttata. Arch Dermatol. 1992 gennaio 128 (1): 39-42. (Medline).

  • Wilson AG, Clark I, Heard SR, Munro DD, Kirby JD. Immunoblotting di antigeni streptococcici nella psoriasi guttata. Br J Dermatol. 1993, febbraio 128 (2): 151-8. (Medline).

  • Gudjonsson JE, Thorarinsson AM, Sigurgeirsson B, Kristinsson KG, Valdimarsson H. Streptococcal, infezioni della gola ed esacerbazione della psoriasi a placche cronica: uno studio prospettico. Br J Dermatol. 149 settembre 2003 (3): 530-4. (Medline).

  • Baker BS, Bokth S, Powles A, et al. Linfociti T specifici dell'antigene streptococcico di gruppo A nelle lesioni psoriasiche guttate. Br J Dermatol. 1993. 128 (5): 493-499.

  • Villeda-Gabriel G, Santamaria-Cogollos LC, Perez-Lorenzo R, Reyes-Maldonado E, Saul A, Jurado-Santacruz F, et al. Riconoscimento di Streptococcus pyogenes e autoantigeni cutanei nella psoriasi guttata. Arch Med Res. Estate 1998. 29 (2): 143-8. (Medline).

  • Leung DY, Gately M, Trumble A, Ferguson-Darnell B, Schlievert PM, Picker LJ. I superantigeni batterici inducono l'espressione delle cellule T del recettore della pelle selettivo, l'antigene cutaneo associato ai linfociti, attraverso la stimolazione della produzione di interleuchina 12. J Exp Med. 1995, febbraio 1. 181 (2): 747-53. (Medline). (Testo intero).

  • Aydogan K, Tore O, Akcaglar S, Oral B, Ener B, Tunali S, et al. Effetti dei lieviti Malassezia sulle citochine Th1 e Th2 sieriche in pazienti con psoriasi guttata. Int J Dermatol. 18 aprile 2012 (Medline).

  • Perez-Lorenzo R, Zambrano-Zaragoza JF, Saul A, Jimenez-Zamudio L, Reyes-Maldonado E, Garcia-Latorre E. Autoanticorpi per la pelle autologa in forme guttate e placca di psoriasi e reazione crociata di antigeni cutanei con antigeni streptococcici. Int J Dermatol. 1998 luglio 37 (7): 524-31. (Medline).

  • Gunes AT, Fetil E, Akarsu S, Ozbagcivan O, Babayeva L. Possibile effetto scatenante della vaccinazione antinfluenzale sulla psoriasi. J Immunol Res. 2015. 2015: 258430. (Medline).

  • Sbidian E, Eftekahri P, Viguier M, Laroche L, Chosidow O, Gosselin P, et al. Indagine nazionale sulla riacutizzazione della psoriasi dopo il 2009 vaccini monovalenti H1N1 / stagionali. Dermatologia. 2014. 229 (2): 130-5. (Medline).

  • Baloria A, La Bella S, Gaudiello F, Psoriasi guttata indotta da Balato N. Efalizumab. Gestione e ritrattamento efficaci. J Dermatolog Treat. 2008. 19 (3): 182-4. (Medline).

  • Kim BY, Choi JW, Kim BR, Youn SW. I reperti istopatologici sono associati ai tipi clinici di psoriasi ma non al corrispondente indice di gravità della psoriasi lesionale. Ann Dermatol. 27 febbraio 2015 (1): 26-31. (Medline).

  • Krishnamurthy K, Walker A, Gropper CA, Hoffman C. Trattare o non trattare? Gestione della psoriasi guttata e della pitiriasi rosea in pazienti con evidenza di infezione da streptococco di gruppo A. J Drugs Dermatol. 2010 9 marzo (3): 241-50. (Medline).

  • Mobini N, Toussaint S, Kamino H. Malattie eritematose, papulari e squamose non infettive. 10 ° ed. Editori Lippincott-Raven; 2009. In: Istopatologia della pelle della leva:

  • Chalmers RJ, O'Sullivan T, Owen CM, Griffiths CE. Una revisione sistematica dei trattamenti per la psoriasi guttata. Br J Dermatol. 145 dicembre 2001 (6): 891-4. (Medline).

  • Mentore A, Gottlieb A, Feldman SR, Van Voorhees AS, Leonardi CL, Gordon KB, et al. Linee guida di cura per la gestione della psoriasi e l'artrite psoriasica: Sezione 1. Panoramica della psoriasi e linee guida di cura per il trattamento della psoriasi con sostanze biologiche. J Am Acad Dermatol. 2008 maggio. 58 (5): 826-50. (Medline).

  • Mentore A, Korman NJ, Elmets CA, Feldman SR, Gelfand JM, Gordon KB, et al. Linee guida di cura per la gestione della psoriasi e dell'artrite psoriasica. Sezione 3. Linee guida di cura per la gestione e il trattamento della psoriasi con terapie topiche. J Am Acad Dermatol. 60 aprile 2009 (4): 643-59. (Medline).

  • Rosenberg EW, Noah PW, Zanolli MD, Skinner RB Jr, Bond MJ, Crutcher N. Uso di rifampicina con penicillina ed eritromicina nel trattamento della psoriasi. Rapporto preliminare. J Am Acad Dermatol. 1986 maggio. 14 (5 Pt 1): 761-4. (Medline).

  • Dogan B, Karabudak O, Harmanyeri Y. Trattamento antistreptococcico della psoriasi guttata: uno studio controllato. Int J Dermatol. 2008 settembre 47 (9): 950-2. (Medline).

  • Owen CM, Chalmers RJ, O'Sullivan T, Griffiths CE. Una revisione sistematica degli interventi antistreptococcici per la psoriasi a placche guttate e croniche. Br J Dermatol. 145 dicembre 2001 (6): 886-90. (Medline).

  • Baughman RD. Cerca Streptococco. Arch Dermatol. 1992 gennaio 128 (1): 103. (Medline).

  • Thappa DM, Laxmisha C. Suit PUVA come modalità di trattamento efficace e sicura nella psoriasi guttata. J Eur Acad Dermatol Venereol. 20 ottobre 2006 (9): 1146-7. (Medline).

  • Borroni G, Vignati G, Zaccone C, Gorani A, Brazzelli V, Rabbiosi G. Photofibrosis: un ulteriore cambiamento istopatologico indotto dalla terapia PUVA attraverso i mastociti nella psoriasi guttata. Rapporto preliminare. Acta Derm Venereol Suppl (Stockh). 1994. 186: 159-61. (Medline).

  • Fernández-Guarino M, Aboín-González S, Velázquez D, Barchino L, Cano N, Lázaro P. Fototerapia con UVB a banda stretta nella psoriasi guttata adulta: risultati e valutazione del paziente. Dermatologia. 2016. 232 (5): 626-632. (Medline).

  • Koek MB, Buskens E, van Weelden H, Steegmans PH, Bruijnzeel-Koomen CA, Sigurdsson V. Home vs fototerapia ultravioletta B ambulatoriale per la psoriasi da lieve a grave: studio pragmatico multicentrico randomizzato controllato non inferiorità (studio PLUTO). BMJ. 2009, 7 maggio. 338: b1542. (Medline). (Testo intero).

  • (Linea guida) Elmets CA, Lim HW, Stoff B, et al. Linee guida comuni dell'American Academy of Dermatology-National Psoriasis Foundation per la cura e il trattamento della psoriasi con fototerapia. J Am Acad Dermatol. 2019 settembre 81 (3): 775-804. (Medline). (Testo intero).

  • Wilson JK, Al-Suwaidan SN, Krowchuk D, Feldman SR. Trattamento della psoriasi nei bambini: esiste un ruolo per la terapia antibiotica e la tonsillectomia ?. Dermatol pediatrico. 2003 gennaio-febbraio 20 (1): 11-5. (Medline).

  • Wu W, Debbaneh M, Moslehi H, Koo J, Liao W. Tonsillectomia come trattamento per la psoriasi: una recensione. J Dermatolog Treat. 25 dicembre 2014 (6): 482-6. (Medline).

  • Cohn JE, Pfeiffer M, Vernose G. Risoluzione completa della psoriasi guttata dopo tonsillectomia. Orecchio naso gola J. 2018 marzo 97 (3): 62-63. (Medline).

  • Martin BA, Chalmers RJ, Telfer NR. Quanto è grande il rischio di ulteriore psoriasi a seguito di un singolo episodio di psoriasi guttata acuta ?. Arch Dermatol. 1996 giugno 132 (6): 717-8. (Medline).

  • Williams RC, McKenzie AW, Roger JH, Joysey VC. Antigeni HL-A in pazienti con psoriasi guttata. Br J Dermatol. 95 agosto 1976 (2): 163-7. (Medline).

  • Psorilax:promo |beta 21 crema psoriasi

    0

    Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, come si usa

    Gli steroidi topici sono prescritti da un medico per aiutare a controllare la psoriasi riducendo l'infiammazione (gonfiore) e per rallentare la produzione di cellule della pelle, che può aiutare con il prurito. Sono spesso prescritti con analoghi della vitamina D, sia come crema combinata che come crema aggiuntiva. Quasi tutti quelli con cui abbiamo parlato avevano usato steroidi topici, che vengono strofinati sulla pelle. L'unica eccezione era Carys la cui psoriasi era così divampata quando le fu diagnosticato per la prima volta che il suo dermatologo raccomandò invece la fototerapia.

    Russell trova che una crema steroidea funzioni bene per la sua pelle.

    Russell trova che una crema steroidea funzioni bene per la sua pelle.

    Età al colloquio: 20

    Il sesso maschile

    Età alla diagnosi: 19

    MOSTRA VERSIONE DI TESTO

    STAMPA TRASCRIZIONE

    E lo stavo solo prendendo in considerazione e peggiorando e si stava avvicinando al punto in cui iniziava a sanguinare e roba del genere e ho pensato che avrei dovuto, so di cosa ho bisogno, ho bisogno di tornare indietro, ho praticamente bisogno del crema steroidea e ho detto al medico e hanno detto “bene se ha funzionato l'ultima volta, lo proveremo di nuovo questa volta” e proviamo a continuare, penso che mi hanno dato un po 'più grande che mi hanno detto, mi hanno detto per usarlo più a lungo e mi hanno dato un po 'più di crema steroidea e metà è rimasta non aperta ma ce l'ho ancora e sono contento che mi abbiano dato così un paio di volte quando è divampato mettici sopra la crema steroidea per un paio di giorni e quel tipo di lo prende di nuovo giù. quando dico divampare in quel senso, niente rispetto ad entrambe le volte che sono andato a vedere la G – proprio quando penso che questo, diventerà, potrebbe potenzialmente diventare serio.

    Non c'è un vero modo per dire che è meglio se non come la mia intuizione di quanto mi sembri male in un determinato momento e altri fattori entreranno in quel tipo di, se so che è un periodo dell'anno occupato, quindi se si accende , si infiamma durante una settimana con due o tre scadenze entro – so che non realisticamente andrò a letto presto, dormirò molto e quant'altro, probabilmente andrò tardi, a mangiare spazzatura, a stressarmi per il lavoro, quindi Ricorrerò alla crema. Quindi è bello averlo lì, ma da quando sono tornato dalla seconda volta dai dottori non ho avuto bisogno di tornare indietro e non ho sentito il bisogno di tornare indietro. Una specie di avere la crema steroidea e abbastanza idratante e sapere un po 'di più su cibo, dieta e cosa dovrei mettere nel mio corpo e cosa posso fare per cambiarlo in quel senso, io in un certo senso, sono molto meglio equipaggiato ora gestirlo da solo senza dover andare in qualche modo a chiedere l'aiuto del dottore. Se fosse tornato davvero male non avrei avuto scrupoli nel tornare dal dottore.

    Lola utilizza una combinazione di steroidi e creme analogiche alla vitamina D.

    Solo testo

    Leggere sotto

    Lola utilizza una combinazione di steroidi e creme analogiche alla vitamina D.

    Età al colloquio: 17 anni

    Sesso: femmina

    Età alla diagnosi: 14

    NASCONDI TESTO

    STAMPA TRASCRIZIONE

    E poi c'è una crema di steroidi per la tua pelle normale e poi c'è una specie di debole crema di steroidi D-D3 in modo che sia la vitamina D per il tuo viso. È il tipo di parti più sensibili della pelle, delle orecchie, delle ascelle, non so se ce l'hai all'inguine, quindi ovunque più sensibile che non vuoi assumere steroidi forti. E sì, penso che sia a questo proposito. E so se la mia psoriasi non migliora, vorrebbero mandarmi a vedere un dermatologo, ma le creme che penso da allora in poi sono piuttosto dure e per la mia età non vogliono mettermi su creme così forti .

    Gli steroidi topici utilizzati dai giovani per la psoriasi variavano in:

    • principali tipi / ingredienti di steroidi – ad esempio idrocortisone o clobetasone (Eumovate, Trimovate, Dermovate) o betametasone butirrato (Betnovate)
    • forma (crema, unguento)
    • potenza (la forza – questo dipende dalla quantità di steroidi che contiene)
    • per diverse parti del corpo

    Ci sono state esperienze miste di steroidi topici. Alcune persone, come Jack e Russell, hanno scoperto di aver funzionato bene, quindi non avevano bisogno di altri trattamenti. Jack dice che le sue creme steroide aiutano a “alleviare il dolore”. Louis scoprì di aver fornito una “barriera” tra la sua pelle e i suoi vestiti in modo da strofinare di meno. Altri non hanno trovato steroidi topici aiutati o sono diventati meno efficaci dopo un po '. Adam dice “la cosa generica ha smesso di funzionare per me”. Molte persone sentivano che gli steroidi topici funzionavano per alcune persone ma meno efficacemente per altre. Potrebbe essere frustrante provare molte diverse creme steroidee – a volte Zara e Abbie hanno perso la speranza. Alcune persone temono di aver esaurito i trattamenti per la psoriasi per provare se le creme steroidi smettono di funzionare per loro. Alcuni pensavano che non ci fossero abbastanza “nuovi” trattamenti per la psoriasi in fase di sviluppo. Steven pensa che gli argomenti siano meno “glamour” rispetto ad altre medicine: “non si tende a sentire nelle notizie come” È stata creata una nuova crema meravigliosa “. Ad esempio, non è possibile, non lo segnaleranno. “Un nuovo meraviglioso tablet”, sono come “Yay, compresse, droghe”. ” Alcune persone hanno scoperto che irrita la pelle se i loro steroidi topici si seccano e diventano “cakey” durante il giorno. Lucy scopre che i trattamenti con steroidi le allentano le scaglie della pelle e dice che aspira più spesso.

    Le istruzioni per l'uso di steroidi topici da parte di professionisti medici dipendono da cose come la gravità della psoriasi e da dove si trova sul corpo. Alcune persone hanno detto che usano una crema steroidea solo in occasioni in cui hanno riacutizzazioni. Altri usano steroidi topici come parte della loro routine per la gestione della psoriasi – Ella spiega, “Metto le mie creme su ogni singola notte”. Il medico di Damini le ha detto di usare la crema steroidea solo per un certo periodo di tempo, ma non è sicura di cosa fare dopo. Adam dice che se ha una brutta giornata e pensa che la sua psoriasi sia più visibile, “allora mi innescherà di tornare a casa e iniziare a curare la mia pelle”.

    Russell parla di come usa il suo steroide topico per la psoriasi.

    Russell parla di come usa il suo steroide topico per la psoriasi.

    Età al colloquio: 20

    Il sesso maschile

    Età alla diagnosi: 19

    MOSTRA VERSIONE DI TESTO

    STAMPA TRASCRIZIONE

    Puoi dirmi un po 'su come decidi quanta crema steroidea usare o per quanto tempo la usi?

    Penso che abbiano detto di non usarlo per più di due settimane di fila senza una pausa di qualche giorno. Quindi provo ad aderire a quella regola, ma non credo di aver mai fatto più di due settimane, un paio di giorni di riposo e poi altre due settimane e forse un giorno o due in più, ma penso che sia piuttosto il max. Solo perché all'inizio puoi vedere un cambiamento così netto molto, molto rapidamente e poi di nuovo è solo un caso di giudizio personale su dove ho smesso di vedere un cambiamento e poi ho pensato che probabilmente avrei dovuto concedergli una pausa. In pratica, quindi, quando smetto di vedere qualsiasi tipo di cambiamento.

    E tu, quanto metteresti su una patch? È di nuovo una specie di giudizio?

    Ancora una volta il tuo giudizio, sempre, è abbastanza spesso è più simile a un gel davvero che un po 'come il tuo tipo medio della tua Nivea media o qualsiasi altra cosa. quindi è piuttosto difficile da strofinare, in un certo senso. La prima volta che ho messo decisamente troppo su così saresti seduto lì con mani davvero oleose, gel-y e tipo, mi sarei seduto lì, mi sarei seduto lì forse per dieci o quindici minuti e poi avrei devo eliminare un po 'di eccesso perché è che non puoi davvero sederti per ore, ore e ore e anche allora probabilmente non riuscirà ancora ad affondare. Quindi di nuovo solo un caso di giudizio ma, ma piuttosto sottilmente, era probabilmente il migliore perché è stato molto, molto spesso, non credo di avere una risposta migliore a questo.

    Adam si preoccupa di cosa potrebbe riservare il futuro con la gravità della sua psoriasi e se i trattamenti, come le creme steroide, saranno ancora efficaci sulla sua pelle.

    Solo testo

    Leggere sotto

    Adam si preoccupa di cosa potrebbe riservare il futuro con la gravità della sua psoriasi e se i trattamenti, come le creme steroide, saranno ancora efficaci sulla sua pelle.

    Età al colloquio: 24

    Il sesso maschile

    NASCONDI TESTO

    STAMPA TRASCRIZIONE

    Mi preoccupo del giorno e prevedo il giorno in cui nulla sarà in grado di aiutarmi. Non vedo, seguo una sorta di notizie sui progressi della psoriasi e cose del genere, e non ci vedo progredire da nessuna parte rispetto ai trattamenti che usiamo ora e ai trattamenti che abbiamo usato venti anni fa. E così vedi che altre condizioni sono come muoversi molto velocemente in termini di cosa, perché hanno la priorità o qualcosa del genere. E questo è qualcosa di veramente importante per me. E non credo che alcune condizioni della pelle siano prioritarie in termini di ricerca o investimento.

    E seguo quel genere di cose. E sono preoccupato che quello che ho usato è che non funzionerà presto su di me, perché le cose hanno smesso di funzionare su di me in passato. E, o non sono così, questo unguento che uso, era solito, ricordo che quando lo indossavo, letteralmente, vedrei un miglioramento entro la fine della giornata. Come se fosse così bello quando l'ho preso per la prima volta. È stato stupefacente. Ora ci vorrebbe, se dovessi dirlo oggi, ci vorrebbero forse quattro giorni per gli effetti per dare il via al calcio. Il che non è ancora così male.

    La maggior parte ha visto gli steroidi topici come la prima scelta di trattamento per la psoriasi. Se questi non hanno aiutato, sapevano che avrebbero potuto essere offerti altri trattamenti, come creme di tacrolimus, dithranol topicals, fototerapia e trattamento sistemico. Lucy spiega “può essere frustrante se la tua psoriasi è piuttosto grave e stai ancora ricevendo creme e roba e forse vuoi qualcosa di un po 'più forte. Ma capisco che devono essere accurati e professionali e superare tutte le fasi ”.

    Oltre alle difficoltà generali nell'uso di trattamenti topici (che richiedono tempo, confusione, appiccicoso, puzzolente, macchie), c'erano altre preoccupazioni sugli steroidi topici. Gli steroidi molto potenti devono essere usati con attenzione in quanto a volte possono causare problemi come razzi “rimbalzo” quando il trattamento viene interrotto. Alcuni giovani con cui abbiamo parlato sono preoccupati per l'assottigliamento della pelle e per i danni ai reni, ma non li hanno sperimentati da soli. Lola ha smesso di usare creme steroidi per un po 'di preoccupazione, ma alla fine è tornata da loro. I dottori di Adam volevano che smettesse di usare creme steroidei come se fosse stato su di loro da molto tempo, ma non voleva che la sua psoriasi si infiammasse. Sofia e Damini pensavano che le creme steroidei avessero causato macchie bianche sulla loro pelle (iperpigmentazione). Steven trova delle creme steroide pungenti quando le usa per la prima volta. Lucy dice che le creme steroidi possono irritare l'acne sulle sue spalle.

    Ella afferma che l'uso di steroidi topici è una cosa in più per adattarsi.

    Ella afferma che l'uso di steroidi topici è una cosa in più per adattarsi.

    Età al colloquio: 16 anni

    Sesso: femmina

    Età alla diagnosi: 3

    MOSTRA VERSIONE DI TESTO

    STAMPA TRASCRIZIONE

    Potrei chiedere qualcosa in merito alle tue creme e quanto tempo impieghi a fare quelle al giorno?

    Si. Non ci vuole molto, ma è solo … è come fare qualsiasi altra cosa davvero; è come, è solo un'altra cosa aggiunta ad esso, come se mi togliessi il trucco e poi mi lavassi il viso e poi esfoliassi il viso, poi idratassi e poi mi metto le creme, sai che è un sacco di cose a cui devo pensare ogni giorno. E poi se mi lavo i capelli, come se fossi una doccia, è come un'altra cosa a cui devo pensare. E a volte altre cose sono più importanti come la mia vita sociale o come il lavoro scolastico e cose del genere. A volte, o come ho dieci minuti prima di andare a letto: devo fare dieci minuti di lavoro o dieci minuti di relax o mi piacerebbe fare la mia routine di pelle? Come se fosse solo diverso: cosa dovrei decidere di fare?

    Louie scopre che ci sono molte cose scoraggianti sugli steroidi topici. Alcuni di questi hanno un impatto sulla vita scolastica per lui.

    Solo testo

    Leggere sotto

    Louie scopre che ci sono molte cose scoraggianti sugli steroidi topici. Alcuni di questi hanno un impatto sulla vita scolastica per lui.

    Età al colloquio: 16 anni

    Il sesso maschile

    Età alla diagnosi: 13

    NASCONDI TESTO

    STAMPA TRASCRIZIONE

    Ho avuto creme in passato che sono come colate, quindi quando le metti su devi darle il tempo di asciugare di cui quando sei la mattina prima di andare a scuola o prima di andare a lavorare se ' sei un po 'più vecchio – non hai davvero il tempo di mettere le cose per solo 10 minuti per metterle e poi 15 minuti per lasciarle asciugare prima di indossare gli abiti da lavoro o la scuola perché non sei alzarsi tre ore prima di andare a scuola o tre ore prima di andare a lavorare. Soprattutto nei miei anni, sono passati gli anni in cui sono davvero raro andare a scuola, sono al tipo di punto in cui sono tipo 'ahh, devo alzarmi dal letto, devo andare a scuola'. Quindi mi lascio passare 45 minuti, mezz'ora, e non voglio davvero fare creme per 15 minuti e poi correre per andare a scuola, correre per prendere l'autobus, eccetera. E altre cose come le creme che sono appiccicose sulla pelle e si attaccano ai tuoi vestiti e hai delle creme che hanno un po 'di odore e hai delle creme che lasciano come una glassa lucente sulla tua pelle. E pensi solo “bene, non posso davvero spiegare se qualcuno ti chiede cosa sia perché non vuoi entrare nei dettagli”, come ho detto che non vuoi attirare l'attenzione su di te. E quindi queste sono alcune altre cose che i medici non realizzano e le loro alternative potrebbero essere un po 'un po' meglio, ma sono ancora, la maggior parte delle creme richiede tempo e impiega molto tempo al mattino e la sera, quando a volte vuoi solo tornare a casa e andare a letto o alzarti la mattina e andare subito a scuola.

    Adam teme che l'uso di crema steroidea sul viso abbia danneggiato la pelle.

    Solo testo

    Leggere sotto

    Adam teme che l'uso di crema steroidea sul viso abbia danneggiato la pelle.

    Età al colloquio: 24

    Il sesso maschile

    NASCONDI TESTO

    STAMPA TRASCRIZIONE

    Penso di averlo applicato, applicando idrocortisone sul viso. Quindi, e ho applicato come steroidi molto sottili sul mio viso. Quindi a volte quello che faccio, non so nemmeno se fa la differenza, dopo averlo messo sul mio corpo, allora hai, come se fossi coperto di unguento sulle mani. Ma è molto sottile. Allora, andrò in un certo senso, come un pennello sul mio viso con esso. Sai, perché non è come schiaffeggiarlo. E poi l'idrocortisone, generalmente lo applico proprio attorno al naso e qui. E mi sento come se avessi smagliature intorno al naso da dove sono, da dove, da dove l'ho applicato. Mi sento come se avessi smagliature, un po 'piccole e cose del genere. E penso che sia un rischio che si ottiene dall'applicazione di unguenti steroidi forti.

    I medici hanno spesso detto alle persone di stare attenti all'utilizzo di creme steroidi sul viso, dove la pelle è più sottile e più sensibile. A molti era stata prescritta una crema steroidea più debole per quest'area e altre parti sensibili (come il seno) rispetto al resto del corpo. Altri, come Adam, usavano la stessa crema steroidea ma tendevano ad applicare meno sul viso.

    Megan ha diversi steroidi topici per parti del suo corpo. Usa anche oli da bagno / emollienti e uno shampoo medicato.

    Solo testo

    Leggere sotto

    Megan ha diversi steroidi topici per parti del suo corpo. Usa anche oli da bagno / emollienti e uno shampoo medicato.

    Età al colloquio: 16 anni

    Sesso: femmina

    Età alla diagnosi: 7

    NASCONDI TESTO

    STAMPA TRASCRIZIONE

    Hai detto che hai diverse creme per diverse parti del corpo?

    Sì e questo è stato davvero confuso. Ad esempio, perché non potevo usare la crema che avevo per il mio corpo sul viso, a causa di ciò, penso che fosse steroideo o qualcosa del genere, quindi non potevo usarlo sul mio viso. Quindi, ho dovuto etichettare le mie creme come “Corpo”, “Capelli”, “Viso”; e poi ne avevo anche uno che dovevo mettere nel bagno, e ne avevo uno che dovevo indossare dopo il bagno, ed era tutto molto confuso. Ma li abbiamo etichettati e tenuti insieme, in modo da sapere quale fosse quale.

    Louis parla dell'uso di creme steroidi sul viso.

    Solo testo

    Leggere sotto

    Louis parla dell'uso di creme steroidi sul viso.

    Età al colloquio: 21

    Il sesso maschile

    Età alla diagnosi: 18

    NASCONDI TESTO

    STAMPA TRASCRIZIONE

    Nessuno di loro mi ha dato effetti collaterali di per sé. Gli steroidi più forti, non dovresti metterti sul viso a lungo perché assottigliano la pelle. E molto tempo è una specie di mesi alla volta. Quindi stavo andando verso il palcoscenico in cui avrei rischiato di danneggiare la mia pelle dall'assunzione di steroidi per troppo tempo. Ma non c'era davvero un'altra opzione a quel punto. Quindi ho appena preso quel rischio e ho sperato per il meglio. E in un certo senso è andato via. Soprattutto dalla mia faccia. Non è stato sulla mia faccia per molto più di circa due o tre settimane. Quindi non mi sono fatto alcun danno a lungo termine. Ma quella era una preoccupazione, che avrei dovuto continuare a buttare via la roba e poi alla fine mi avrebbe dato dei problemi. Ma indossarlo era molto meglio che non indossarlo. Quindi dovevi seguirlo.

    Adam ha provato vari trattamenti topici. Una crema steroidea è stata molto efficace nel chiarire la sua psoriasi.

    Solo testo

    Leggere sotto

    Adam ha provato vari trattamenti topici. Una crema steroidea è stata molto efficace nel chiarire la sua psoriasi.

    Età al colloquio: 24

    Il sesso maschile

    NASCONDI TESTO

    STAMPA TRASCRIZIONE

    Lui (il dottore) disse: “Oh, che ne dici di questi cerotti sul viso?” o qualcosa di simile. E poi mi ha dato come un tubicino di unguento che ha appena tirato giù dallo scaffale o qualcosa del genere e, chiamato, penso che sia Dermovate. Che non credo tu possa, in realtà dovresti metterti in faccia. Ma ha detto: “Bene, usa, come se ti mettessi un po 'di quello in faccia quando torni a casa o qualcosa del genere e vedi cosa succede.” E così sono andato a casa con esso. Ed era questo piccolo tubo e sono stato in grado di estrarre tutto dal tubo e l'ho messo su tutto il mio corpo. E mi sono svegliato la mattina dopo e la mia psoriasi era sparita. E io, ricordo solo che è stato il più felice, un po 'come uno dei giorni più felici della mia vita. Perché all'improvviso qualcosa ha funzionato. Ancora una volta, le cose hanno funzionato in passato e poi hanno smesso di funzionare. Alcuni di loro hanno lavorato di nuovo. E questo unguento ha funzionato. E da allora ho usato quell'unguento. E non è così grande ora. Posso indossarlo e non sarà più domani. Ma se lo metto, probabilmente lo metto come adesso. Quindi è così, sono passati due o tre anni da quando questo mi è stato dato.

    Sebbene sia importante stare attenti quando si usano creme steroidi, alcuni lo trovano frustrante se sentono che il loro medico non gli darebbe uno steroide topico abbastanza forte o prendere in considerazione altri trattamenti. A Simon è stato somministrato uno shampoo medicato quando gli è stata diagnosticata la psoriasi del cuoio capelluto e pensa che un trattamento con steroidi avrebbe funzionato meglio.

    Abbie ha provato molti steroidi topici senza miglioramenti. Il suo dermatologo voleva che ci provasse di più, ma Abbie ha spinto per la fototerapia.

    Abbie ha provato molti steroidi topici senza miglioramenti. Il suo dermatologo voleva che ci provasse di più, ma Abbie ha spinto per la fototerapia.

    Età al colloquio: 20

    Sesso: femmina

    Età alla diagnosi: 10

    MOSTRA VERSIONE DI TESTO

    STAMPA TRASCRIZIONE

    E cosa è successo dopo? Hanno suggerito trattamenti diversi rispetto agli steroidi?

    Beh, è ​​stato quando le ho detto che le avevo detto che non avrei provato le creme, ed è allora che si è rivolta a me e ha detto: “Beh, ovviamente la fototerapia, probabilmente non funzionerà; non funziona su tutti e provavamo sempre queste creme prima di fare la fototerapia “, ma lei mi ha fatto avanzare lo stesso per me ed ero tipo,” Beh, se dici che non funzionerà, ha senso che io lo faccia? ” Era “Beh, dipende da te”, che non mi ha aiutato molto. Quindi l'ho fatto comunque e poi sono dovuto andare a trovarla non molto tempo fa ed ero tipo “Guarda, ora è tutto cancellato”. Quindi è stato un po 'come' Aha a te ', ma il modo in cui mi ha fatto sentire quel giorno non è stato come il più positivo perché io le ho detto che avevo provato di tutto, anche quando mi hanno fatto riferimento dal mio medico durante l'inverno aveva esaminato il precedente, il mio precedente medico – tutto ciò che mi era stato dato ed era praticamente tutti gli steroidi che avrebbero potuto essere somministrati, o creme, che ho provato negli ultimi dieci anni.

    È per questo che sono stato segnalato.

    Adam ha talvolta discusso con i medici di medicina generale sui trattamenti per la psoriasi.

    Solo testo

    Leggere sotto

    Adam ha talvolta discusso con i medici di medicina generale sui trattamenti per la psoriasi.

    Età al colloquio: 24

    Il sesso maschile

    NASCONDI TESTO

    STAMPA TRASCRIZIONE

    Di solito lo fanno, quindi di solito ascoltano quello che ho da dire. Potrebbero andare a ricontrollarlo o qualcosa del genere. Loro, cos'era? Come farebbero, ti direbbero di allontanarti dagli unguenti. E spesso dovrei lottare e, dietro di loro, avrei avuto il loro ragionamento. Avrei avuto quel tipo di “Steroidi, e non è bene pompare il tuo corpo con simili, o applicare tutte queste cose al tuo corpo tutto il tempo”. Così fanno, erano soliti provare in qualche modo a spostarmi in alcuni dei trattamenti più delicati, specialmente se piace, se risolto un po '. E poi andrei dal GP. Vorrei chiedere come mi ero abituato e poi avrebbero chiesto di vedere la mia pelle. E poi sarebbero come “Penso che dovremmo prenderne un paio di tacche perché la tua pelle sta andando bene in questo momento”. E direi “No”. Perché sono tipo “Potrebbe andare bene in questo momento. Ma quando andrà male non voglio una sorta di roba del genere che non funzionerà. Voglio le cose forti. ” E dovrei quasi combatterli per questo.

    E capisco il loro ragionamento. E penso che sia quando ti piace, c'è, ovviamente per il tuo corpo, ottengo quello che stanno dicendo in termini di “Okay, forse dovresti provare e, un po 'come qualcosa di più debole e vedere come va.” Ma in termini di mente, mentalità e come mi fa sentire, non mi interessa. Voglio le cose che sono più forti. Quindi, e spesso si inchinano a quel perché vedono che è un po 'come se fossi abbastanza disperato.

    Me lo ricordo una volta in realtà, di nuovo in realtà sono andato al GP. E non c'è niente contro di loro o qualcosa del genere. Ma mi ricordo di loro, quindi Dermovate, hai la crema e hai l'unguento. E l'unguento funziona meglio. La crema è migliore in termini di tipo, non so perché la crema sia migliore, per alcune cose. Ma so che l'unguento funziona più velocemente. E ricordo che continuavo a chiedere unguento m-, perché diceva che funzionava più velocemente. E il GP era tipo “No, la crema funziona più velocemente”. E io ero tipo “No, l'unguento lo fa”. E, e non è stato fino a quando sono tornato a vedere nuovamente un dermatologo perché questo dottore sh-, per qualche ragione non mi stava dando unguento. E sono andato a vedere, no, non era un dermatologo, sono andato a trovare qualcun altro. E io ero proprio come, ed erano come “Ah, non vuoi l'unguento? Perché è più veloce. ” Ed ero tipo “lo sapevo, sapevo che era più veloce” e cose del genere. Quindi, e da allora sono tornato all'unguento.

    Gli steroidi topici hanno aiutato alcune persone a mantenere la pelle dopo che altri trattamenti per la psoriasi avevano funzionato bene. Megan e Abbie scoprono che le creme steroidee sono sufficienti per tenere il passo con la loro psoriasi dopo aver terminato altri trattamenti (iniezioni biologiche, fototerapia). Simon ha la psoriasi delle unghie e pensa che strofinarsi un trattamento steroideo liquido sul suo cuoio capelluto aiuta a mettersi sotto le unghie.

    Psorilax:Veloce |creme efficaci psoriasi

    0

    Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, ingredienti

    Come stilista / consulente di moda anteriore e centrale, Stacy London non è estraneo ad essere agli occhi del pubblico. Ma mentre è sempre apparsa fiduciosa sullo schermo, specialmente durante le sue giornate come conduttrice Cosa non indossare, questo equilibrio non è sempre stato facile. Da bambina, Londra ha combattuto la psoriasi e, a causa di una varietà di trattamenti, porta con sé alcune cicatrici mentali e fisiche che sono un costante promemoria della condizione. E, durante la sua ultima stagione di Cosa non indossare, A Londra è stata diagnosticata una condizione dolorosa nota come l'artrite psoriasica, che se non gestita correttamente, può lasciarla raggomitolata a letto per giorni in un'immensa quantità di dolore.

    Cos'è l'artrite psoriasica?

    L'artrite psoriasica (PsA) è una malattia cronica in cui il sistema immunitario crea infiammazione che può portare a dolori articolari, gonfiore, rigidità e affaticamento. Mentre la condizione può iniziare a qualsiasi età, si verifica più spesso tra i 30-50 anni. E la PsA tende a presentarsi in circa un terzo delle persone con psoriasi, il che è spesso dovuto al fatto che l'infiammazione è un indicatore sottostante dei due disturbi. In effetti, gli esperti notano che quelli con casi più gravi di psoriasi possono avere maggiori probabilità di sviluppare l'artrite psoriasica lungo la strada – in media, 10 anni dopo una diagnosi di psoriasi.

    London ammette che vivere con la PsA non è sempre stato facile e che la sua diagnosi ha avuto una curva di apprendimento. Tuttavia, nel corso degli anni, ha imparato ad attuare alcuni cambiamenti nello stile di vita che rendono gestibile la vita con PsA. Cose come evitare determinati alimenti, attenuare i suoi allenamenti e rallentare l'hanno aiutata moltissimo a tenere a bada le sue condizioni. Ha anche sottolineato l'importanza di prendersi cura di sé e assicurarsi di essere gentile con se stessa nel caso in cui non sia sempre perfetta nel reparto di manutenzione.

    Parade.com ha raggiunto Londra che ci ha accompagnato nel suo viaggio con l'artrite psoriasica e ha condiviso i suoi consigli su come respingere una fiammata dolorosa:

    Una diagnosi di psoriasi infantile

    Ho avuto la psoriasi quando avevo circa quattro anni e mezzo. Era negli anni '70 e non si sapeva molto sulla psoriasi. Era dietro le mie orecchie e avrei avuto un paio di punti. E mi è stata data una crema per questo. Quando ho compiuto 11 anni, ho avuto un mal di gola ancora e ancora un anno, e poi sono scoppiato dal collo in giù con squame psoriasiche. Dopodiché, ci sono voluti due anni per liberarmene. Ero in penicillina ogni giorno per tre anni. Ci sono state molte cose che hanno cercato di risolvere qualunque cosa non andasse. Alla fine ho avuto le mie tonsille quando avevo 17 anni. Da allora ho avuto solo un paio di riacutizzazioni nel corso degli anni.

    I primi segni di artrite psoriasica

    L'artrite psoriasica è qualcosa di molto diverso dalla psoriasi. L'avevo saputo perché avevo fatto cose per la National Psoriasis Foundation, ma non mi era mai venuto in mente che quella fosse una possibilità per me. L'ultima stagione di Cosa non indossare, Ero sfinito tutto il tempo. Ero gonfio. Avrei sentito la tensione nei talloni d'Achille e non avevo idea del perché. Stavo ingrassando. Mi sono sentito totalmente letargico. E non è stato fino a quando stavo facendo un'intervista con la Fondazione per la psoriasi e con un dermatologo che ho capito che avevo l'artrite psoriasica. Mi lamentavo di avere sintomi come essere stanco tutto il tempo. E il dermatologo ha iniziato a farmi domande del tipo: “Quanti anni hai? Quando hai avuto la psoriasi? Hai mai avuto unghie dentellate? ” E stavo dicendo “sì” a tutto. E lei disse: “Devi vedere un reumatologo. Penso che tu abbia l'artrite psoriasica. ” Sono andato a vederne uno – e questo è stato dopo ogni altro tipo di test che avrei potuto fare, solo cercando di capire la tiroide, qualsiasi cosa. E mi ha diagnosticato.

    Trattamento dell'artrite psoriasica

    Mi ci sono voluti davvero circa due anni per metterlo sotto controllo. Molto di ciò era con la dieta e attraverso i farmaci a diversi intervalli. E davvero, è qualcosa che ho notato man mano che invecchio devo davvero prestare attenzione. Ad esempio, nessuno sapeva che esistesse una connessione tra lo stress cronico e la psoriasi, quindi la gestione dello stress è un'altra cosa che ho davvero imparato a implementare.

    I disturbi fisici sono come un dolore artritico all'interno del corpo ed è dovuto all'infiammazione. Comincio a prenderlo nella mia spina dorsale. Comincio a prenderlo nei miei fianchi. Sembra che tu abbia un movimento limitato. Quando avrò un vero bagliore, questo mi metterà a letto per qualche giorno. Sembra di essere l'uomo di latta e hai bisogno di olio. È difficile muovere tutto. Ci sono stati momenti in cui ho sofferto così tanto che non mi sono alzato dal letto per un paio di giorni. Ci sono due cose che possono creare quel bagliore ed è una vera caduta fisica o un dolore o un dolore o un eccesso di esercizio fisico o un vero trauma emotivo. O uno può davvero provocare il caos quando si ha una malattia autoimmune.

    Programma di dieta per l'artrite psoriasica

    Ci sono molte ricerche dietro il fatto che ci sono alcune cose che sono infiammatorie: latticini di glutine, soia, zucchero, alcool, nicotina, verdure di belladonna. Tutti hanno dimostrato di essere più difficili da gestire per le persone con malattie autoimmuni. Se sei celiaco, non riesci a gestire il glutine. Quindi è davvero minimizzare quelle cose nella tua dieta e aiutare a evitare che il tuo corpo non si senta infiammato. Quindi quelle sono le cose che cerco. Non sono vegano. Mangio carne, ma tutto si basa sull'ottenere tutte le vitamine e i minerali di cui hai bisogno. Vi sono prove che le malattie autoimmuni e la salute dell'intestino sono correlate. Quindi è molto importante per me.

    Correlati: I 20 migliori alimenti per ridurre l'infiammazione e alleviare il dolore da artrite

    Esercizi di artrite psoriasica

    Ho dovuto personalizzare il mio esercizio perché se provo ad allenarmi ogni giorno o troppo in un giorno, sto praticamente rendendo impossibile per me recuperare. Quindi non posso esagerare con l'esercizio. È molto importante ascoltare il tuo corpo. Quando provo dolore, non riesco ad allenarmi come vorrei. Quindi devo davvero personalizzare i miei allenamenti e invece di optare per il tipo di mentalità d'oro, è più come mantenere un ritmo uniforme; assicurati che il tuo corpo non faccia male. Perché allenarsi troppo per l'artrite è il peggio.

    Superare la storia familiare Solo perché tuo genitore ha l'artrite non significa che lo farai. Potresti essere più incline all'artrite, ma i ricercatori stanno ancora studiando il ruolo della genetica come fattore determinante.

    Gestione dello stress

    Quando stavo facendo Cosa non indossare, ci sono stati circa 10 anni in cui sono stato continuamente stressato continuamente. Quindi non mi sorprende che sia successo quando è successo, durante l'ultima stagione. Mi sentivo solo sul punto di crollare e non riuscivo a capire perché. Per me, l'esaurimento era il sintomo numero uno. E dopo ciò, ho iniziato a prendere le cose un po 'più lentamente. La gestione consapevole di questa situazione è stata davvero la priorità negli ultimi anni. Ma prima, sembrava che il mio corpo avesse solo bisogno di riequilibrarsi. E dopo essere stato così duro per così tanto tempo, ha avuto bisogno di un po 'di pausa.

    Uso la meditazione quando sento di aver bisogno di più per l'ansia e lo stress a breve termine e funziona. Mi piace un po 'di yoga. Ho molto titanio nella colonna vertebrale, quindi non posso arricciare la schiena allo stesso modo. Quindi non è così divertente per me come una volta. Ma mi piace allungare. Davvero per me si trattava di un esercizio per imparare a esercitarsi all'interno in modo più specifico. Adoro i video di Walk at Home. Questa donna, Leslie Sansone, ha 60 anni e insegna danza e aerobica e cammina da sempre. Ho trovato il suo canale quindi lo faccio il più possibile invece di cose di grande impatto.

    Correlati: lo stress può causare l'artrite?

    Cosa causa le riacutizzazioni dell'artrite psoriasica?

    Se non ti prendi cura di te stesso, allora sei più suscettibile ai razzi. Quindi, se non stai mangiando nel miglior modo possibile, se non stai esercitando e usando i tuoi muscoli il più possibile per proteggere le articolazioni, ciò che accade è un bagliore che potrebbe durare da due giorni a un settimana. E questo mi mette a letto. E sembra davvero che faccia male muoversi.

    Correlati: Come mantenere in salute le articolazioni

    I consigli di Stacy London per la gestione dell'artrite psoriasica

    È un po 'difficile dirti esattamente quali sono i migliori consigli da seguire perché con l'artrite psoriasica le persone vivono le cose in modo diverso. E ci sono un sacco di sintomi dell'artrite psoriasica. Quindi queste sono alcune idee generali per coloro che lottano con esso: cose che ho trovato che aiutano:

    1. Metti in pausa e respira

    Più che meditazione, perché sento che alcune persone non amano la meditazione, direi respirazione profonda. Questo è uno dei più grandi antistress che ho provato. È un momento in cui ti fermi e fai davvero il punto della situazione e devi pensare a quello che stai facendo. E per me è stato molto utile.

    Correlati: come si sente l'artrite psoriasica?

    2. Mangia bene e muoviti in modo intelligente

    Sicuramente dieta ed esercizio fisico sono importanti, ma esercitati davvero con l'avvertenza che non puoi farlo troppo duramente o rischi di scatenare un bagliore. In modo che include davvero stretching e camminata e cose che non hanno impatto. Ero solito fare kickboxing per un po 'e continuavo a ricevere razzi perché colpire borse pesanti era semplicemente un impatto eccessivo.

    3. Vedi un reumatologo

    Sono andato da tanti dottori prima di rendermi conto che era quello che dovevo vedere. Molti sintomi strani che non sembrano avere senso a volte hanno qualcosa a che fare con l'autoimmune. Quindi vale la pena vedere un reumatologo, specialmente quando hai strani dolori e dolori o esaurimento totale. Queste sono davvero cose da guardare. E una diagnosi può essere davvero catartica. Ho visto tanti dottori e nutrizionisti diversi. Ho pensato che mi stavo inventando in testa ad un certo punto!

    4. Sii gentile con te stesso

    C'è così tanta ansia in ciò che fai o non fai quando hai una malattia che le persone non riescono a vedere. Perché penso che per quanto siamo duri con noi stessi, è molto difficile parlare alla gente di malattie croniche che si sentono come “bene, puoi funzionare, puoi farlo, puoi camminare, puoi lavorare, puoi qualunque cosa. ” Non sembra davvero che tu voglia nemmeno lamentarti. Ma penso che il problema sia che non capiamo solo le malattie croniche e quindi è davvero difficile per le persone che hanno a che fare con un senso di dolore cronico. E devono continuare a spiegarsi. Questo diventa un po 'complicato e ci arrabbiamo con noi stessi se stiamo rovinando. Ma ci vuole davvero molta cura di sé per essere gentili con te stesso. E quindi una cosa che ho imparato è che devi trattarti con un po 'di grazia, perché è molto difficile non sbagliare ed è molto difficile sentire come se fossi trattenuto dal fare cose che sembra dovresti essere in grado di fare.

    5. Abbraccia la tua fiducia

    Questa roba influisce sulla tua sicurezza in un modo così importante. E quelle sono cicatrici che ho portato con me da bambino e sono cresciuto sentendomi un po 'invisibile. Ma ho imparato a convivere con altre cose. Ho enormi cicatrici sul mio corpo da un trattamento che ho avuto per la psoriasi che era uno steroide topico. E lo stavo applicando per aiutare la mia psoriasi ad andare via, ma ha lasciato cicatrici in cui la mia pelle ha iniziato a spaccarsi perché era così sottile per l'uso di steroidi. E ho anche quelle cicatrici. Quindi sicuramente non ci riesci perché devi ancora convivere con la malattia. Ti ci abitui. Cerchi di gestirlo nel miglior modo possibile. Ma devi accettare radicalmente che questo è il corpo che hai perché è difficile conviverci ed è difficile non essere visto. Non tutte queste sono disabilità visibili, ma penso anche che abbiano un pedaggio psicologico super.

    6. Fallo comunque!

    Se passassi il tempo a non fare nulla per paura o insicurezza, probabilmente non avrei mai lasciato la mia casa. Quindi “fallo comunque!”

    Successivamente, il cracking delle nocche provoca l'artrite?

    Psorilax:Guida |crema spuma contro la psoriasi

    0

    Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, come si usa

    Come stilista / consulente di moda anteriore e centrale, Stacy London non è estraneo ad essere agli occhi del pubblico. Ma mentre è sempre apparsa fiduciosa sullo schermo, specialmente durante le sue giornate come conduttrice Cosa non indossare, questo equilibrio non è sempre stato facile. Da bambina, Londra ha combattuto la psoriasi e, a causa di una varietà di trattamenti, porta con sé alcune cicatrici mentali e fisiche che sono un costante promemoria della condizione. E, durante la sua ultima stagione di Cosa non indossare, A Londra è stata diagnosticata una condizione dolorosa nota come l'artrite psoriasica, che se non gestita correttamente, può lasciarla raggomitolata a letto per giorni in un'immensa quantità di dolore.

    Cos'è l'artrite psoriasica?

    L'artrite psoriasica (PsA) è una malattia cronica in cui il sistema immunitario crea infiammazione che può portare a dolori articolari, gonfiore, rigidità e affaticamento. Mentre la condizione può iniziare a qualsiasi età, si verifica più spesso tra i 30-50 anni. E la PsA tende a presentarsi in circa un terzo delle persone con psoriasi, il che è spesso dovuto al fatto che l'infiammazione è un indicatore sottostante dei due disturbi. In effetti, gli esperti notano che quelli con casi più gravi di psoriasi possono avere maggiori probabilità di sviluppare l'artrite psoriasica lungo la strada – in media, 10 anni dopo una diagnosi di psoriasi.

    London ammette che vivere con la PsA non è sempre stato facile e che la sua diagnosi ha avuto una curva di apprendimento. Tuttavia, nel corso degli anni, ha imparato ad attuare alcuni cambiamenti nello stile di vita che rendono gestibile la vita con PsA. Cose come evitare determinati alimenti, attenuare i suoi allenamenti e rallentare l'hanno aiutata moltissimo a tenere a bada le sue condizioni. Ha anche sottolineato l'importanza di prendersi cura di sé e assicurarsi di essere gentile con se stessa nel caso in cui non sia sempre perfetta nel reparto di manutenzione.

    Parade.com ha raggiunto Londra che ci ha accompagnato nel suo viaggio con l'artrite psoriasica e ha condiviso i suoi consigli su come respingere una fiammata dolorosa:

    Una diagnosi di psoriasi infantile

    Ho avuto la psoriasi quando avevo circa quattro anni e mezzo. Era negli anni '70 e non si sapeva molto sulla psoriasi. Era dietro le mie orecchie e avrei avuto un paio di punti. E mi è stata data una crema per questo. Quando ho compiuto 11 anni, ho avuto un mal di gola ancora e ancora un anno, e poi sono scoppiato dal collo in giù con squame psoriasiche. Dopodiché, ci sono voluti due anni per liberarmene. Ero in penicillina ogni giorno per tre anni. Ci sono state molte cose che hanno cercato di risolvere qualunque cosa non andasse. Alla fine ho avuto le mie tonsille quando avevo 17 anni. Da allora ho avuto solo un paio di riacutizzazioni nel corso degli anni.

    I primi segni di artrite psoriasica

    L'artrite psoriasica è qualcosa di molto diverso dalla psoriasi. L'avevo saputo perché avevo fatto cose per la National Psoriasis Foundation, ma non mi era mai venuto in mente che quella fosse una possibilità per me. L'ultima stagione di Cosa non indossare, Ero sfinito tutto il tempo. Ero gonfio. Avrei sentito la tensione nei talloni d'Achille e non avevo idea del perché. Stavo ingrassando. Mi sono sentito totalmente letargico. E non è stato fino a quando stavo facendo un'intervista con la Fondazione per la psoriasi e con un dermatologo che ho capito che avevo l'artrite psoriasica. Mi lamentavo di avere sintomi come essere stanco tutto il tempo. E il dermatologo ha iniziato a farmi domande del tipo: “Quanti anni hai? Quando hai avuto la psoriasi? Hai mai avuto unghie dentellate? ” E stavo dicendo “sì” a tutto. E lei disse: “Devi vedere un reumatologo. Penso che tu abbia l'artrite psoriasica. ” Sono andato a vederne uno – e questo è stato dopo ogni altro tipo di test che avrei potuto fare, solo cercando di capire la tiroide, qualsiasi cosa. E mi ha diagnosticato.

    Trattamento dell'artrite psoriasica

    Mi ci sono voluti davvero circa due anni per metterlo sotto controllo. Molto di ciò era con la dieta e attraverso i farmaci a diversi intervalli. E davvero, è qualcosa che ho notato man mano che invecchio devo davvero prestare attenzione. Ad esempio, nessuno sapeva che esistesse una connessione tra lo stress cronico e la psoriasi, quindi la gestione dello stress è un'altra cosa che ho davvero imparato a implementare.

    I disturbi fisici sono come un dolore artritico all'interno del corpo ed è dovuto all'infiammazione. Comincio a prenderlo nella mia spina dorsale. Comincio a prenderlo nei miei fianchi. Sembra che tu abbia un movimento limitato. Quando avrò un vero bagliore, questo mi metterà a letto per qualche giorno. Sembra di essere l'uomo di latta e hai bisogno di olio. È difficile muovere tutto. Ci sono stati momenti in cui ho sofferto così tanto che non mi sono alzato dal letto per un paio di giorni. Ci sono due cose che possono creare quel bagliore ed è una vera caduta fisica o un dolore o un dolore o un eccesso di esercizio fisico o un vero trauma emotivo. O uno può davvero provocare il caos quando si ha una malattia autoimmune.

    Programma di dieta per l'artrite psoriasica

    Ci sono molte ricerche dietro il fatto che ci sono alcune cose che sono infiammatorie: latticini di glutine, soia, zucchero, alcool, nicotina, verdure di belladonna. Tutti hanno dimostrato di essere più difficili da gestire per le persone con malattie autoimmuni. Se sei celiaco, non riesci a gestire il glutine. Quindi è davvero minimizzare quelle cose nella tua dieta e aiutare a evitare che il tuo corpo non si senta infiammato. Quindi quelle sono le cose che cerco. Non sono vegano. Mangio carne, ma tutto si basa sull'ottenere tutte le vitamine e i minerali di cui hai bisogno. Vi sono prove che le malattie autoimmuni e la salute dell'intestino sono correlate. Quindi è molto importante per me.

    Correlati: I 20 migliori alimenti per ridurre l'infiammazione e alleviare il dolore da artrite

    Esercizi di artrite psoriasica

    Ho dovuto personalizzare il mio esercizio perché se provo ad allenarmi ogni giorno o troppo in un giorno, sto praticamente rendendo impossibile per me recuperare. Quindi non posso esagerare con l'esercizio. È molto importante ascoltare il tuo corpo. Quando provo dolore, non riesco ad allenarmi come vorrei. Quindi devo davvero personalizzare i miei allenamenti e invece di optare per il tipo di mentalità d'oro, è più come mantenere un ritmo uniforme; assicurati che il tuo corpo non faccia male. Perché allenarsi troppo per l'artrite è il peggio.

    Superare la storia familiare Solo perché tuo genitore ha l'artrite non significa che lo farai. Potresti essere più incline all'artrite, ma i ricercatori stanno ancora studiando il ruolo della genetica come fattore determinante.

    Gestione dello stress

    Quando stavo facendo Cosa non indossare, ci sono stati circa 10 anni in cui sono stato continuamente stressato continuamente. Quindi non mi sorprende che sia successo quando è successo, durante l'ultima stagione. Mi sentivo solo sul punto di crollare e non riuscivo a capire perché. Per me, l'esaurimento era il sintomo numero uno. E dopo ciò, ho iniziato a prendere le cose un po 'più lentamente. La gestione consapevole di questa situazione è stata davvero la priorità negli ultimi anni. Ma prima, sembrava che il mio corpo avesse solo bisogno di riequilibrarsi. E dopo essere stato così duro per così tanto tempo, ha avuto bisogno di un po 'di pausa.

    Uso la meditazione quando sento di aver bisogno di più per l'ansia e lo stress a breve termine e funziona. Mi piace un po 'di yoga. Ho molto titanio nella colonna vertebrale, quindi non posso arricciare la schiena allo stesso modo. Quindi non è così divertente per me come una volta. Ma mi piace allungare. Davvero per me si trattava di un esercizio per imparare a esercitarsi all'interno in modo più specifico. Adoro i video di Walk at Home. Questa donna, Leslie Sansone, ha 60 anni e insegna danza e aerobica e cammina da sempre. Ho trovato il suo canale quindi lo faccio il più possibile invece di cose di grande impatto.

    Correlati: lo stress può causare l'artrite?

    Cosa causa le riacutizzazioni dell'artrite psoriasica?

    Se non ti prendi cura di te stesso, allora sei più suscettibile ai razzi. Quindi, se non stai mangiando nel miglior modo possibile, se non stai esercitando e usando i tuoi muscoli il più possibile per proteggere le articolazioni, ciò che accade è un bagliore che potrebbe durare da due giorni a un settimana. E questo mi mette a letto. E sembra davvero che faccia male muoversi.

    Correlati: Come mantenere in salute le articolazioni

    I consigli di Stacy London per la gestione dell'artrite psoriasica

    È un po 'difficile dirti esattamente quali sono i migliori consigli da seguire perché con l'artrite psoriasica le persone vivono le cose in modo diverso. E ci sono un sacco di sintomi dell'artrite psoriasica. Quindi queste sono alcune idee generali per coloro che lottano con esso: cose che ho trovato che aiutano:

    1. Metti in pausa e respira

    Più che meditazione, perché sento che alcune persone non amano la meditazione, direi respirazione profonda. Questo è uno dei più grandi antistress che ho provato. È un momento in cui ti fermi e fai davvero il punto della situazione e devi pensare a quello che stai facendo. E per me è stato molto utile.

    Correlati: come si sente l'artrite psoriasica?

    2. Mangia bene e muoviti in modo intelligente

    Sicuramente dieta ed esercizio fisico sono importanti, ma esercitati davvero con l'avvertenza che non puoi farlo troppo duramente o rischi di scatenare un bagliore. In modo che include davvero stretching e camminata e cose che non hanno impatto. Ero solito fare kickboxing per un po 'e continuavo a ricevere razzi perché colpire borse pesanti era semplicemente un impatto eccessivo.

    3. Vedi un reumatologo

    Sono andato da tanti dottori prima di rendermi conto che era quello che dovevo vedere. Molti sintomi strani che non sembrano avere senso a volte hanno qualcosa a che fare con l'autoimmune. Quindi vale la pena vedere un reumatologo, specialmente quando hai strani dolori e dolori o esaurimento totale. Queste sono davvero cose da guardare. E una diagnosi può essere davvero catartica. Ho visto tanti dottori e nutrizionisti diversi. Ho pensato che mi stavo inventando in testa ad un certo punto!

    4. Sii gentile con te stesso

    C'è così tanta ansia in ciò che fai o non fai quando hai una malattia che le persone non riescono a vedere. Perché penso che per quanto siamo duri con noi stessi, è molto difficile parlare alla gente di malattie croniche che si sentono come “bene, puoi funzionare, puoi farlo, puoi camminare, puoi lavorare, puoi qualunque cosa. ” Non sembra davvero che tu voglia nemmeno lamentarti. Ma penso che il problema sia che non capiamo solo le malattie croniche e quindi è davvero difficile per le persone che hanno a che fare con un senso di dolore cronico. E devono continuare a spiegarsi. Questo diventa un po 'complicato e ci arrabbiamo con noi stessi se stiamo rovinando. Ma ci vuole davvero molta cura di sé per essere gentili con te stesso. E quindi una cosa che ho imparato è che devi trattarti con un po 'di grazia, perché è molto difficile non sbagliare ed è molto difficile sentire come se fossi trattenuto dal fare cose che sembra dovresti essere in grado di fare.

    5. Abbraccia la tua fiducia

    Questa roba influisce sulla tua sicurezza in un modo così importante. E quelle sono cicatrici che ho portato con me da bambino e sono cresciuto sentendomi un po 'invisibile. Ma ho imparato a convivere con altre cose. Ho enormi cicatrici sul mio corpo da un trattamento che ho avuto per la psoriasi che era uno steroide topico. E lo stavo applicando per aiutare la mia psoriasi ad andare via, ma ha lasciato cicatrici in cui la mia pelle ha iniziato a spaccarsi perché era così sottile per l'uso di steroidi. E ho anche quelle cicatrici. Quindi sicuramente non ci riesci perché devi ancora convivere con la malattia. Ti ci abitui. Cerchi di gestirlo nel miglior modo possibile. Ma devi accettare radicalmente che questo è il corpo che hai perché è difficile conviverci ed è difficile non essere visto. Non tutte queste sono disabilità visibili, ma penso anche che abbiano un pedaggio psicologico super.

    6. Fallo comunque!

    Se passassi il tempo a non fare nulla per paura o insicurezza, probabilmente non avrei mai lasciato la mia casa. Quindi “fallo comunque!”

    Successivamente, il cracking delle nocche provoca l'artrite?

    Psorilax:Acquista |crema viso psoriasi fai da te

    0

    Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, quanto costa

    (1)

    Huerta, C., Rivero, E. and Rodriguez, L.A. (2007) Incidence and Risk Factors for Psoriasis in the General Population. Archives of Dermatology, 143, 1559-1565.
    http://dx.doi.org/10.1001/archderm.143.12.1559

    (2)

    Braathen, L.R., Botten, G. and Bjerkedal, T. (1989) Prevalence of Psoriasis in Norway. Acta Dermato-Venereologica, 142, 5-8.

    (3)

    Nevitt, G.J. and Hutchinson, P.E. (1966) Psoriasis in the Community: Prevalence, Severity and Patients’ Beliefs and Attitudes towards the Disease. British Journal of Dermatology, 135, 533-537.
    http://dx.doi.org/10.1111/j.1365-2133.1996.tb03826.x

    (4)

    Lomholt, G. (1963) Psoriasis: Prevalence, Spontaneous Course and Genetics. A Census Study on the Prevalence of Skin Disease on the Faroe Islands. G.E.C. Gad, Copenhagen.

    (5)

    Zeljko-Penavic, J., Situm, M., Simic, D. and Vurnek-Zivkovic, M. (2010) Quality of Life in Psoriatic Patients and the Relationship between Type I and Type II Psoriasis. Collegium Antropologicum, 34, 195-198.

    (6)

    Kastelan, M., Prpic-Massari, L. and Brajac, I. (2009) Apoptosis in Psoriasis. Acta Dermatovenerologica Croatica, 17, 182-186.

    (7)

    Castelijns, F.A., Gerritsen, M.J., van Erp, P.E. and van de Kerkhof, P.C. (2000) Cell-Kinetic Evidence for Increased Recruitment of Cycling Epidermal Cells in Psoriasis: The Ratio of Histone and Ki-67 Antigen Expression Is Constant. Dermatology, 201, 105-110.
    http://dx.doi.org/10.1159/000018471

    (8)

    Soler, D.C. and McCormick, T.S. (2011) The Dark Side of Regulatory T Cells in Psoriasis. Journal of Investigative Dermatolology, 131, 1785-1786.
    http://dx.doi.org/10.1038/jid.2011.200

    (9)

    Chan, C.S., Van Voorhees, A.S., Lebwohl, M.G., Korman, N.J., Young, M., Bebo, B.F., et al. (2009) Treatment of Severe Scalp Psoriasis: From the Medical Board of the National Psoriasis Foundation. Journal of the American Academy of Dermatology, 60, 962-971.
    http://dx.doi.org/10.1016/j.jaad.2008.11.890

    (10)

    Tracey, W. (2010) Psoriasis: Impact and Management of Moderate to Severe Disease. British Journal of Nursing, 19, 10-17.
    http://dx.doi.org/10.12968/bjon.2010.19.1.45905

    (11)

    Rongioletti, F., Fiorucci, C. and Parodi, A. (2009) Psoriasis Induced or Aggravated by Drugs. Journal of Rheumatology, 83, 59-61.
    http://dx.doi.org/10.3899/jrheum.090227

    (12)

    Telfer, N.R., Chalmers, R.J., Whale, K. and Colman, G. (1992) The Role of Streptococcal Infection in the Initiation of Guttate Psoriasis. Archives of Dermatolology, 128, 39-42.
    http://dx.doi.org/10.1001/archderm.1992.01680110049004

    (13)

    Navarini, A.A. and Trueb, R.M. (2010) Psoriasis. Therapeutische Umschau, 67, 153-165.
    http://dx.doi.org/10.1024/0040-5930/a000029

    (14)

    Van de Kerkhof, P.C., de Hoop, D., de Korte, J. and Kuipers, M.V. (1998) Scalp Psoriasis Clinical Presentations and Therapeutic Management. Dermatology, 197, 326-334.
    http://dx.doi.org/10.1159/000018026

    (15)

    Farber, E.M. and Nall, M.L. (1974) The Natural History of Psoriasis in 5,600 Patients. Dermatologica, 148, 1-18.
    http://dx.doi.org/10.1159/000251595

    (16)

    Ortonne, J., Chimenti, S., Luger, T., Puig, L., Reid, F. and Trüeb, R. (2009) Scalp Psoriasis: European Consensus on Grading and Treatment Algorithm. Journal of the European Academy of Dermatology & Venereology, 23, 1435-1444.
    http://dx.doi.org/10.1111/j.1468-3083.2009.03372.x

    (17)

    Kim, G.W., Jung, H.J., Ko, H.C., Kim, M.B., Lee, W.J., Lee, S.J., Kim, D.W., et al. (2011) Dermoscopy Can Be Useful in Differentiating Scalp Psoriasis from Seborrhoeic Dermatitis. British Journal of Dermatology, 164, 652-656.
    http://dx.doi.org/10.1111/j.1365-2133.2010.10180.x

    (18)

    Mashaly, H.M., Masood, N.A. and Mohamed, A.S. (2011) Classification of Papulo-Squamous Skin Diseases Using Image Analysis. Skin Research and Technology, 18, 36-44.
    http://dx.doi.org/10.1111/j.1600-0846.2011.00511.x

    (19)

    Del Rosso, J.Q. (2011) Adult Seborrheic Dermatitis: A Status Report on Practical Topical Management. The Journal of Clinical Aesthetic Dermatology, 4, 32-38.

    (20)

    Kimball, A.B., Guerin, A., Tsaneva, M., Yu, A.P., Wu, E.Q., Gupta, S.R., et al. (2011) Economic Burden of Comorbidities in Patients with Psoriasis Is Substantial. Journal of the European Academy of Dermatology & Venereology, 25, 157-163.
    http://dx.doi.org/10.1111/j.1468-3083.2010.03730.x

    (21)

    Antoni, C.E., Kavanaugh, A., Kirkham, B., Tutuncu, Z., Burmester, G.R., Schneider, U., et al. (2005) Sustained Benefits of Infliximab Therapy for Dermatologic and Articular Manifestations of Psoriatic Arthritis: Results from the Infliximab Multinational Psoriatic Arthritis Controlled Trial (IMPACT). Arthritis & Rheumatism, 52, 1227-1236.
    http://dx.doi.org/10.1002/art.20967

    (22)

    Mazzotta, A., Esposito, M., Carboni, I., Schipani, C. and Chimenti, S. (2007) Clobetasol Propionate Foam 0.05% as a Novel Topical Formulation for Plaque-Type and Scalp Psoriasis. Journal of Dermatological Treatment, 8, 84-87.
    http://dx.doi.org/10.1080/09546630601123835

    (23)

    Spandonaro, F., Altomare, G., Berardesca, E., Calzavara-Pinton, P., Chimenti, S., Girolomoni, G., et al. (2011) Health-Related Quality of Life in Psoriasis: An Analysis of Psocare Project Patients. Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia, 146, 169-178.

    (24)

    Basra, M.K., Fenech, R., Gatt, R.M., Salek, M.S. and Finlay, A.Y. (2008) The Dermatology Life Quality Index 1994-2007: A Comprehensive Review of Validation Data and Clinical Results. British Journal of Dermatology, 159, 997-1035.
    http://dx.doi.org/10.1111/j.1365-2133.2008.08832.x

    (25)

    Shikiar, R., Bresnahan, B.W., Stone, S.P., Thompson, C., Koo, J. and Revicki, D.A. (2003) Validity and Reliability of Patient Reported Outcomes Used in Psoriasis: Results from Two Randomized Clinical Trials. Health & Quality of Life Outcomes, 1, 53.
    http://dx.doi.org/10.1186/1477-7525-1-53

    (26)

    Menter, A., Gordon, K., Carey, W., Hamilton, T., Glazer, S., Caro, I., et al. (2005) Efficacy and Safety Observed during 24 Weeks of Efalizumab Therapy in Patients with Moderate to Severe Plaque Psoriasis. Archives of Dermatolology, 141, 31-38.
    http://dx.doi.org/10.1001/archderm.141.1.31

    (27)

    Gottlieb, A.B., Chaudhari, U., Baker, D.G., Perate, M. and Dooley, L.T. (2003) The National Psoriasis Foundation Psoriasis Score (NPF-PS) System versus the Psoriasis Area Severity Index (PASI) and Physician’s Global Assessment (PGA): A Comparison. Journal of Drugs in Dermatology, 2, 260-266.

    (28)

    Liberati, A., Altman, D.G., Tetzlaff, J., Mulrow, C., Gotzsche, P.C., Ioannidis, J.P., et al. (2009) The PRISMA Statement for Reporting Systematic Reviews and Meta-Analyses of Studies That Evaluate Health Care Interventions: Explanation and Elaboration. PLoS Medicine, 6, e1000100.
    http://dx.doi.org/10.1371/journal.pmed.1000100

    (29)

    Sofen, H., Hudson, C.P., Cook-Bolden, F.E., Preston, N., Colón, L.E., Colón, L.E, et al. (2011) Clobetasol Propionate 0.05% Spray for the Management of Moderate-to-Severe Plaque Psoriasis of the Scalp: Results from a Randomized Controlled Trial. Journal of Drugs in Dermatology, 10, 885-892.

    (30)

    Olsen, E.A., Cram, D.L., Ellis, C.N., Hickman, J.G., Jacobson, C., Jenkins, E.E., et al. (1991) A Double-Blind, Vehicle-Controlled Study of Clobetasol Propionate 0.05% (Temovate) Scalp Application in the Treatment of Moderate to Severe Scalp Psoriasis. Journal of the American Academy of Dermatology, 24, 443-447.
    http://dx.doi.org/10.1016/0190-9622(91)70069-E

    (31)

    Jarratt, M., Breneman, D., Gottlieb, A.B., Poulin, Y., Liu, Y. and Foley, V. (2004) Clobetasol Propionate Shampoo 0.05%: A New Option to Treat Patients with Moderate to Severe Scalp Psoriasis. Journal of Drugs in Dermatology, 3, 367-373.

    (32)

    Franz, T.J., Parsell, D.A., Myers, J.A. and Hannigan, J.F. (2000) Clobetasol Propionate Foam 0.05%: A Novel Vehicle with Enhanced Delivery. International Journal of Dermatology, 39, 535-538.
    http://dx.doi.org/10.1046/j.1365-4362.2000.00986-4.x

    (33)

    Reygagne, P., Diaconu, J., Pres, H., Ernst, T.M., Meyer, K.G. and Arsonnaud, S. (2002) Efficacy and Safety Comparison of Clobetasol Propionate Shampoo, Gel and Vehicle in Scalp Psoriasis. European Academy of Dermatology and Venereology, 16, 283.

    (34)

    Franz, T.J., Parsell, D.A., Halualani, R.M., Hannigan, J.F., Kalbach, J.P. and Harkonen, W.S. (1999) Betamethasone Valerate Foam 0.12%: A Novel Vehicle with Enhanced Delivery and Efficacy. International Journal of Dermatolology, 38, 628-632.
    http://dx.doi.org/10.1046/j.1365-4362.1999.00782.x

    (35)

    Medansky, R.S. and Handler, R.M. (1974) Treating Psoriasis of the Scalp with a New Corticosteroid Lotion. IMJ Illinois Medical Journal, 145, 503-504.

    (36)

    Tyring, S., Mendoza, N., Appell, M., Bibby, A., Foster, R., Hamilton, T., et al. (2010) A Calcipotriene/Betamethasone Dipropionate Two-Compound Scalp Formulation in the Treatment of Scalp Psoriasis in Hispanic/Latino and Black/ African American Patients: Results of the Randomized, 8-Week, Double-Blind Phase of a Clinical Trial. International Journal of Dermatology, 49, 1328-1333.
    http://dx.doi.org/10.1111/j.1365-4632.2010.04598.x

    (37)

    Harris, J.J. (1972) A National Double-Blind Clinical Trial of a New Corticosteroid Lotion: A 12-Investigator Cooperative Analysis. Current Therapeutic Research, Clinical and Experimental, 14, 638-646.

    (38)

    Jemec, G.B., Ganslandt, C., Ortonne, J.P., Poulin, Y., Burden, A.D., de Unamuno, P., et al. (2008) A New Scalp Formulation of Calcipotriene Plus Betamethasone Compared with Its Active Ingredients and the Vehicle in the Treatment of Scalp Psoriasis: A Randomized, Double-Blind, Controlled Trial. Journal of the American Academy of Dermatology, 59, 455-463.
    http://dx.doi.org/10.1016/j.jaad.2008.04.027

    (39)

    Green, C., Ganpule, M., Harris, D., Kavanagh, G., Kennedy, C., Mallett, R., et al. (1994) Comparative Effects of Calcipotriol (MC903) Solution and Placebo (Vehicle of MC903) in the Treatment of Psoriasis of the Scalp. British Journal of Dermatology, 130, 483-487.
    http://dx.doi.org/10.1111/j.1365-2133.1994.tb03382.x

    (40)

    Pauporte, M., Maibach, H., Lowe, N., Pugliese, M., Friedman, D.J., Mendelsohn, H., et al. (2004) Fluocinolone Acetonide Topical Oil for Scalp Psoriasis. Journal of Dermatological Treatment, 15, 360-364.
    http://dx.doi.org/10.1080/09546630410023566

    (41)

    Lepaw, M.I. (1978) Double-Blind Comparison of Halcinonide Solution and Placebo Control in Treatment of Psoriasis of the Scalp. Cutis, 21, 571-573.

    (42)

    Ellis, C.N., Horwitz, S.N. and Mente, A. (1988) Amcinonide Lotion 0.1% in the Treatment of Patients with Psoriasis of the Scalp. Current Therapeutic Research, Clinical and Experimental, 44, 315-324.

    (43)

    Shuttleworth, D., Galloway, D.B., Boorman, G.C. and Donald, A.E. (1998) A Double-Blind, Placebo-Controlled Study of the Clinical Efficacy of Ciclopirox Olamine (1.5%) Shampoo for the Control of Scalp Psoriasis. Journal of Dermatological Treatment, 9, 163-167.
    http://dx.doi.org/10.3109/09546639809160548

    (44)

    Van Voorhees, A.S. and Fried, R. (2009) Depression and Quality of Life in Psoriasis. Postgraduate Medicine, 121, 154-161.
    http://dx.doi.org/10.3810/pgm.2009.07.2040

    (45)

    Zampieron, A., Buja, A., Fusco, M., Linder, D., Bortune, M., Piaserico, S., et al. (2015) Quality of Life in Patients with Scalp Psoriasis. Giornale Italiano di Dermatolologia e Venereologia, 150, 309-316.

    (46)

    Mrowietz, U., Macheleidt, O. and Eicke, C. (2011) Effective Treatment and Improvement of Quality of Life in Patients with Scalp Psoriasis by Topical Use of Calcipotriol/Betamethasone (Xamiol&reg-Gel): Results. Journal der Deutschen Dermatologischen Gesellschaft, 9, 825-831.
    http://dx.doi.org/10.1111/j.1610-0387.2011.07695.x

    (47)

    Griffiths, C.E., Finlay, A.Y., Fleming, C.J., Barker, J.N., Mizzi, F. and Arsonnaud, S. (2006) A Randomized, Investigator-Masked Clinical Evaluation of the Efficacy and Safety of Clobetasol Propionate 0.05% Shampoo and Tar Blend 1% Shampoo in the Treatment of Moderate to Severe Scalp Psoriasis. Journal of Dermatological Treatment, 17, 90-95.
    http://dx.doi.org/10.1080/09546630500515701

    (48)

    Wauters, O., Roland, I. and De la Brassinne, M. (2007) Corticosteroids and Their Vehicle in the Treatment of Scalp Psoriasis. Revue Medicale de Liege, 62, 196-199.

    (49)

    Freeman, K. (2010) The Two-Compound Formulation of Calcipotriol and Betamethasone Dipropionate for Treatment of Moderately Severe Body and Scalp Psoriasis—An Introduction. Current Medical Research Opinion, 27, 197-203.
    http://dx.doi.org/10.1185/03007995.2010.540985

    (50)

    Menter, A., Abramovits, W., Colón, L.E., Johnson, L.A. and Gottschalk, R.W. (2009) Comparing Clobetasol Propionate 0.05% Spray to Calcipotriene 0.005% Betamethasone Dipropionate 0.064% Ointment for the Treatment of Moderate to Severe Plaque Psoriasis. Journal of Drugs in Dermatolology, 8, 52-57.

    (51)

    Meredith, F. and Ormerod, A.D. (2012) Patient Preferences for Psoriasis Treatment: Process Characteristics Considered More Important than Outcome Attributes. Expert Review of Pharmacoeconomics & Outcomes Research, 12, 145-147.
    http://dx.doi.org/10.1586/erp.12.9

    (52)

    Nast, A., Boehncke, W.H., Mrowietz, U., Ockenfels, H.M., Philipp, S., Reich, K., et al. (2012) Deutsche Dermatologische Gesellschaft (DDG); Berufsverband Deutscher Dermatologen (BVDD). S3—Guidelines on the Treatment of Psoriasis Vulgaris (English Version). Update. Journal der Deutschen Dermatologischen Gesellschaft, 10, S1-S95.
    http://dx.doi.org/10.1111/j.1610-0387.2012.07919.x

    (53)

    Kortuem, K.R., Davis, M.D., Witman, P.M., McEvoy, M.T. and Farmer, S.A. (2010) Results of Goeckerman Treatment for Psoriasis in Children: A 21-Year Retrospective Review. Pediatric Dermatology, 27, 518-524.
    http://dx.doi.org/10.1111/j.1525-1470.2010.01124.x

    (54)

    Carretero, G., Puig, L., Dehesa, L., Carrascosa, J.M., Ribera, M., Sánchez-Regana, M., et al. (2010) Metotrexato: Guía de uso en psoriasis (Guidelines on the Use of Methotrexate in Psoriasis). Actas Dermo-Sifiliográficas, 101, 600-613.
    http://dx.doi.org/10.1016/j.ad.2010.04.002

    (55)

    Due, E., Blomberg, M., Skov, L. and Zachariae, C. (2011) Discontinuation of Methotrexate in Psoriasis. Acta Dermato Venereologica, 92, 353-354.
    http://dx.doi.org/10.2340/00015555-1233

    (56)

    Vergou, T., Moustou, A.E., Sfikakis, P.P., Antoniou, C. and Stratigos, A.J. (2011) Pharmacodynamics of TNF-α Inhibitors in Psoriasis. Expert Review of Clinical Pharmacology, 4, 515-523.
    http://dx.doi.org/10.1586/ecp.11.28

    (57)

    Gordon, K., Papp, K., Poulin, Y., Gu, Y., Rozzo, S. and Sasso, E.H. (2012) Long-Term Efficacy and Safety of Adalimumab in Patients with Moderate to Severe Psoriasis Treated Continuously over 3 Years: Results from an Open-Label Extension Study for Patients from REVEAL. Journal of the American Academy of Dermatology, 66, 241-251.
    http://dx.doi.org/10.1016/j.jaad.2010.12.005

    (58)

    Kimball, A.B., Jacobson, C., Weiss, S., Vreeland, M.G. and Wu, Y. (2005) The Psychosocial Burden of Psoriasis. American Journal of Clinical Dermatology, 6, 383-392.
    http://dx.doi.org/10.2165/00128071-200506060-00005

    (59)

    Kurd, S.K., Troxel, A.B., Crits-Christoph, P. and Gelfand, J.M. (2010) The Risk of Depression, Anxiety, and Suicidally in Patients with Psoriasis: A Population-Based Cohort Study. Archives of Dermatology, 146, 891-895.

    (60)

    Gupta, M.A., Schork, N.J., Gupta, A.K., Kirkby, S. and Ellis, C.N. (1993) Suicidal Ideation in Psoriasis. International Journal of Dermatology, 32, 188-190.
    http://dx.doi.org/10.1111/j.1365-4362.1993.tb02790.x