CREMA TRATTAMENTO PSORIASI OFFERTA -50% !

Home Blog Page 116

Psorilax:Gratuito |crema fai da te per psoriasi viso

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, quanto costa

Tra le mestruazioni, la menopausa e, beh, tanti altri argomenti, a volte sembra che ci sia un elenco infinito di argomenti di conversazione che sono ritenuti troppo rozzi per noi donne di cui parlare apertamente – caduta dei capelli femminile inclusa.

Ma, come per ogni argomento “tabù”, una conversazione sulla realtà della sofferenza della caduta dei capelli femminile è in ritardo.

La domanda è: perché una condizione che colpisce un'enorme percentuale di uomini dovrebbe essere così tabù per le donne? E, come ogni altra cosa, quanto è peggio quando ti senti completamente solo con esso?

È ora di parlare.

Questo contenuto è importato da Instagram. Potresti essere in grado di trovare lo stesso contenuto in un altro formato, oppure potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni, sul loro sito web.

Il colpevole più recente dietro la caduta dei capelli femminile? Coronavirus. Man mano che la pandemia continua e si acquisiscono sempre più informazioni sui sintomi e sugli effetti fisici del virus debilitante, diventa evidente che un effetto collaterale inaspettato nelle donne è la drammatica perdita di capelli.

Ad aprire la conversazione sulla caduta dei capelli femminile a causa del Covid-19 è l'attrice Alyssa Milano che ha recentemente rivelato la sua esperienza di caduta dei capelli a causa del virus. Parlando in un video ai suoi follower, Milano ha detto: “Pensavo di mostrarti cosa fa # Covid19 ai tuoi capelli. Si prega di prenderlo sul serio ', mentre si spazzola i capelli e mostra la quantità che le era caduta tra le mani.

Capelli di Kristin Davis

Getty Images

Anche l'attrice Kristin Davis, alias Charlotte di SATC, ha recentemente rivelato a WWD le sue lotte con il diradamento dei capelli:

'Era molto bello, come se fosse andato via, non c'erano quasi i capelli lì … quando ho provato a fare qualcosa o dovevo andare da qualche parte mi sono detto, “Dove sono i miei capelli?”'

Con i dati del NHS che suggeriscono che circa la metà delle donne di età superiore ai 65 anni sperimenterà la perdita di capelli di tipo femminile, per non parlare di un'intera pletora di altre forme di perdita di capelli che colpiscono le donne ovunque, sicuramente è tempo di scrollarsi di dosso quel tabù una volta per tutte e parlare.

Ma perché i nostri capelli cadono? Ci siamo rivolti ai professionisti …

Che cosa causa la perdita dei capelli nelle donne?

“Ci sono diversi possibili fattori che possono provocare la caduta dei capelli per le donne e non tutti sono facilmente gestibili”, afferma David Brooks, capo della ricerca e sviluppo di Leonor Greyl.

1.Genetica

      “La genetica e / o lo stress emotivo o fisico intenso possono essere molto difficili da gestire. Nel caso di “Bad Genetics” probabilmente otterrai i migliori risultati usando qualcosa da banco come il minoxidil (un farmaco usato per il trattamento della caduta dei capelli di tipo maschile).

      “Sfortunatamente, quando smetti di usare il minoxidil, è più che probabile che tu possa sperimentare una perdita di capelli ancora peggiore rispetto a prima di iniziare a usarlo”, spiega Brooks.

      2. Dieta

      Altre cause di perdita di capelli nelle donne possono essere carenze nutrizionali o l'uso di determinati farmaci. Questi possono essere facilmente risolti correggendo la dieta o interrompendo l'uso di farmaci (consultare il proprio medico prima di interrompere).

      3. Elaborazione eccessiva e acconciatura dei capelli

      'L'elaborazione eccessiva dei capelli, della forfora e della psoriasi del cuoio capelluto e l'uso di acconciature troppo strette è troppo spesso qualcosa che viene davvero trascurato. La soluzione ovvia è fermarsi! Stai solo tirando le radici e quindi indebolendole nel tempo. I capelli cadranno e non ricresceranno ”.

      4. Parto e menopausa

      “Il parto e la menopausa sono un'altra possibile causa della caduta dei capelli nelle donne”, afferma Brooks. “Il rapido aumento e diminuzione dei livelli ormonali può essere molto difficile da gestire a molti livelli.”

      perdita di capelli femminile

      Klaus Vedfelt

      Il Coronavirus può causare la caduta dei capelli?

      Sebbene non sia ufficialmente elencato come un sintomo del Coronavirus, un'ondata di donne si è fatta avanti con affermazioni di perdita di capelli a causa del virus.

      “I pazienti che hanno subito un'insorgenza prolungata e intensa del coronavirus circa 2-4 mesi prima stanno ora segnalando una grave perdita di capelli”, afferma Laura Sagen, esperta di perdita di capelli e crescita.

      “La perdita dei capelli non è nell'elenco dei sintomi ufficiali, quindi all'inizio è facile allarmarsi per un potenziale sintomo in più a cui iniziare a cercare. In particolare, si verifica dopo l'inizio della malattia piuttosto che prima. Questo può essere il risultato di un forte stress che i pazienti che hanno sofferto di una forma grave o prolungata di coronavirus, altrimenti noto come telogen effluvium – perdita di capelli correlata allo stress.

      Con sempre più donne che subiscono una drammatica perdita di capelli in aggiunta ad altri sintomi, sembra essere più che una semplice coincidenza.


      Ma, come potrebbe dirti qualsiasi donna che ha sofferto di perdita di capelli, la sterile spiegazione medica della perdita di capelli raramente è correlata all'esperienza umana di essere una donna che sta perdendo i capelli.

      Abbiamo parlato con sei donne delle loro esperienze personali e di come stanno dando il dito contro la caduta dei capelli femminile, un giorno alla volta …


      Jenny Pitt – Perdita di capelli come effetto collaterale del coronavirus

      perdita di capelli da coronavirus

      Jenny prima della sua perdita di capelli

      .

      Era la metà di marzo quando sono stato ricoverato al Kingston Hospital con il Coronavirus. Sono stato davvero malato per due settimane con febbre alta e dolori gastrici terribili, ma stava peggiorando sempre di più. Alla fine, sono stato portato al pronto soccorso e mi è stato somministrato ossigeno per quattro giorni.

      Una volta lasciato l'ospedale, ho pensato che fosse tutto finito. Ma, all'improvviso, ho iniziato a sentirmi di nuovo un po 'agitato. Ero senza fiato e il mio cuoio capelluto iniziò a bruciare e mi faceva male al tatto. Mi lavavo i capelli tutti i giorni come al solito e mentre li pettinavo ho iniziato a notare che non avrebbe smesso di cadere. Ce n'erano a manciate sotto la doccia tutt'intorno ai miei piedi. Ho solo pensato, “Oh mio Dio”.

      perdita di capelli da coronavirus

      .

      Speravo fosse forse un'esperienza una tantum. Mi erano accadute così tante cose brutte nelle settimane precedenti che pensavo di andare avanti senza preoccuparmi. Ma ha continuato a succedere. Ogni giorno per un mese, ogni volta che mi pettinavo o mi spazzolavo i capelli, cadevano e coprivano il pavimento della mia camera da letto. Continuava a perdere.

      Sono arrivato al punto in cui il mio cuoio capelluto era così dolorante che era troppo doloroso anche solo sdraiare la testa sul cuscino. Prima che avessi il Coronavirus, i miei capelli erano il mio orgoglio e la mia gioia. Vorrei fare una mezza testa di momenti salienti ogni otto settimane e ottenere i phon prima di una grande serata fuori. Sono una mamma, quindi era il mio modo di prendermi cura di me stessa. Sentirlo cadere e vederlo sembrare così sottile intorno all'attaccatura dei miei capelli era così angosciante. Non riuscivo a credere a quanto stava cadendo. Sono stato così fortunato ad evitare di andare in terapia intensiva e sentirmi come se fossi di nuovo malato otto settimane dopo è stato orribile. Avevo questa terribile paura che non si sarebbe fermato e avrei dovuto indossare parrucche. Pensavo di diventare calvo.

      perdita di capelli da coronavirus

      .

      Mi sentivo così male e la mia perdita di capelli era diventata così drammatica che ho iniziato a farmi prendere dal panico perché avevo ancora il Coronavirus. Ho deciso di andare dai dottori. Pensavo che lo stress fisico di essere malato potesse aver portato all'alopecia, ma il mio medico di famiglia ha esaminato il mio cuoio capelluto e senza zone calve ha concluso che non era così. “Penso che questo sia Covid”, ha detto. Mi ha detto che l'alta temperatura che avevo avuto per così tanto tempo a causa del Coronavirus mi aveva fatto cadere i capelli.

      Poi, con la stessa rapidità con cui è iniziato, quattro settimane dopo si è fermato. Avevo passato un mese a chiedermi se sarebbe mai finita, ciuffi di capelli che cadevano, evitando di spazzolare o qualsiasi cosa che potesse peggiorare le cose e improvvisamente si è semplicemente fermato. Sembrava così spoglio e sottile – sapevo che dovevo tagliarlo. Qualsiasi tipo di tintura per capelli era completamente fuori dalle carte, ma ho pensato che un buon taglio di capelli avrebbe potuto almeno togliere il peso. Il mio parrucchiere me lo ha tagliato sulle spalle – tagliare i capelli morti era così catartico.

      Ora ha iniziato a ricrescere in ciuffi grigi e marrone topo. Prima sarei stato inorridito di avere ciuffi grigi di capelli che spuntavano, ma ora sono così eccitato che sta ricrescendo che li sto mostrando. Il sollievo che non sto diventando calvo e posso vedere che i miei capelli si stanno riprendendo è abbastanza positivo per me.


      Gina Knight – Telogen Effluvium causato dalla depressione post-natale

      Capelli, Acconciatura, Bellezza, Capelli neri, Labbro, Fronte, Umano, S-curl, Orecchio, Modello,

      Gina Knight

      Dopo aver avuto il mio primo bambino, ho iniziato a perdere i capelli dopo il parto, il che è del tutto normale. Quando sei incinta trattieni tutti i tuoi capelli e sono lucenti, folti e adorabili, e poi una volta partorito iniziano a perdere. Può sembrare abbastanza estremo perché non hai perso i capelli in modo naturale nel tempo come quando non sei incinta, ma è del tutto normale.

      Mi aspettavo lo spargimento, ma dopo tre o quattro mesi la caduta dei capelli si stava concentrando davvero in certe zone. La corona della mia testa e i lati dei miei capelli erano caduti ed era molto evidente e quando sono andato dai medici, hanno pensato che, poiché avevo avuto un bambino, fosse solo il solito spargimento.

      Ho visto tre o quattro medici perché non ero soddisfatto della loro diagnosi. Poiché sono nero, i medici presumevano che i miei capelli stessero cadendo a causa di cattive pratiche sui capelli come indossare trecce strette o una trama che non avrebbe potuto essere più fuori luogo. All'epoca ero un blogger di capelli e mi piaceva molto i trattamenti olistici per capelli, per non parlare del fatto che non avevo mai avuto trecce o una trama.

      Poiché sono nero, i medici presumevano che i miei capelli stessero cadendo a causa delle cattive pratiche dei capelli.

      Successivamente, i medici hanno cercato di diagnosticare quasi tutto, compresa un'infezione fungina! Mi hanno prescritto creme topiche che non funzionavano e la fase successiva è stata quella di testare una chiazza dei miei capelli. Mi sentivo già a disagio per le ciocche di capelli che mi mancavano, non volevo rinunciare a un altro pezzo.

      Invece, ho fatto un sacco di ricerche e ho deciso di ritagliare qualsiasi prodotto per lo styling dei capelli e semplicemente lavarlo con acqua (dove ti basta sciacquare i capelli sotto l'acqua) per sei mesi. Allora sapevo che se i miei capelli continuavano a cadere era a causa di qualcosa che accadeva internamente, non a causa di un prodotto che stavo applicando esternamente.

      Ci è voluto quasi un anno prima che mi venisse correttamente diagnosticata l'alopecia correlata allo stress come parte della mia depressione postnatale e del disturbo da stress post-traumatico. Si è scoperto che il modo in cui il mio corpo reagiva era rifiutare i miei capelli.

      Capelli, Acconciatura, Capelli neri, Ricciolo Jheri, Sopracciglia, Bellezza, Labbro, Umano, S-curl, Afro,

      Gina Knight

      Avevo un neonato da accudire e sapere che i miei capelli stavano cadendo non faceva che aumentare lo stress. C'è stato un momento in cui la mia depressione postnatale è peggiorata così tanto che il medico ha voluto prescrivermi degli antidepressivi. Ma per quanto la perdita di capelli mi stesse abbattendo, come neo mamma non volevo sentirmi fuori. Molte persone scelgono di assumere farmaci e questa è totalmente una loro scelta, ma per me non volevo essere confuso in una fase così precoce della vita di mio figlio, o mai davvero.

      Dopo la diagnosi la gente continuava a dire “Perché non ti radi la testa?”, Perché l'avevo già fatto in precedenza. Ma c'è una grande differenza tra scegliere di radersi i capelli e dover radersi i capelli. Ti senti così fuori controllo.

      Invece, ho iniziato a giocare con le parrucche. Essendo stato conosciuto come un blogger di capelli con i capelli grandi, perderlo mi ha fatto perdere la fiducia. Sono una persona stravagante e volevo comunque essere favolosa senza danneggiare ulteriormente i miei capelli.

      C'è una grande differenza tra la scelta di radersi i capelli e il dover radersi i capelli.

      All'epoca la maggior parte delle parrucche utilizzava trame eurocentriche o sembravano così false, quindi ho iniziato a crearne una mia. Oltre a indossare e creare parrucche per altre donne che soffrono di caduta dei capelli, pratico anche molta meditazione per aiutare ad affrontare le mie ansie. Non sono scomparsi del tutto, non lo fanno mai veramente, ma il modo in cui li tratto ora è molto più chiaro.

      Ho appena avuto il mio secondo bambino e la perdita dei capelli è sempre nella parte posteriore della mia mente. Lo spargimento è ricominciato e le aree che prima avevano perso più capelli sono ancora molto più sottili. Le persone spesso pensano che la caduta dei capelli sia qualcosa su cui puoi mettere una crema e sarai curato, ma la maggior parte delle volte non è così. A volte, devi solo affrontare il fatto che non ricrescerà mai e affrontarlo.


      Juliet Cooke – Alopecia

      Juliet Cooke

      Juliet Cooke

      Nove mesi fa, mentre mi asciugavo i capelli, ho notato una piccola zona calva circolare sulla tempia sinistra. Non avevo idea di cosa fosse e ho chiamato immediatamente l'ambulatorio medico sperando di prenotare un appuntamento. Mi è stato detto al telefono che sembrava che avessi qualcosa chiamato Alopecia e il dottore non poteva vedermi per alcune settimane, ma non esiste una cura, quindi non ero un caso urgente rispetto ad altri.

      La prima cosa che ho fatto è stata andare su Internet per vedere cosa fosse questa cosa misteriosa chiamata Alopecia, non avendone nemmeno una vera idea. Internet era coperto di foto di persone calve e di quelle parole distruttive stampate ovunque, nessuna cura …

      Il panico che ho provato in quel momento è stato così travolgente e in realtà indescrivibile. I pensieri che mi scorrevano in testa non si fermavano … “E se perdessi tutti i capelli?” “Chi mai vorrà guardarmi?” “Come mi guarderò?” È andato avanti all'infinito.

      Nei mesi a seguire, ho perso i capelli ogni giorno, sia sotto la doccia che usciva a manciate o mi svegliavo con tutto il cuscino. I miei genitori e io abbiamo provato di tutto per fermarlo, iniezioni, creme steroidee, immunologi, tricologi, dermatologi … un flusso infinito di appuntamenti che hanno sempre avuto la stessa risposta -Ho avuto l'alopecia, nessuno sapeva perché, da cosa fosse o come Potrei fermarlo.

      Juliet Cooke

      Juliet Cooke

      C'era solo una cosa da fare nella mia mente ed era mantenere un sorriso sul mio viso e fingere che non stesse accadendo. Mettere un fronte è una delle cose più facili da fare, l'avevo fatto molte volte in passato, quindi perché non ora. Sfortunatamente c'è solo così tanto che puoi mascherare prima che l'emozione si riversi fuori dalle cuciture, e così è stato.

      Il giorno in cui ho iniziato a perdere le sopracciglia è stato il giorno in cui ho perso ogni speranza. Ho toccato il fondo. Non potevo alzarmi la mattina o mostrare la mia faccia in pubblico. Non è che stavo piangendo tutti i giorni, perché onestamente non avevo l'energia e nemmeno mi interessava abbastanza per farlo. Mi sono sentito completamente piatto. Non riuscivo a vedere una via d'uscita dal grande buco nero e non sono sicuro in quel momento se mi importasse davvero abbastanza di me stesso da provare. L'alopecia non è solo una condizione fisica, ma influisce in modo massiccio anche sul tuo stato mentale. La depressione è un'altra cosa di cui le persone parlano raramente, ma sta finalmente ottenendo l'attenzione dei media che merita così tanto.

      Un giorno, circa 2 mesi fa, ho deciso di dare una svolta alla mia vita e di rimettermi in carreggiata. Ero seduto nella casa per le vacanze della mia famiglia a Strangford e il sole brillava sul lago e attraverso la finestra e per la prima volta mi sembrava di avere energia e persino un po 'di speranza. Ho deciso che era ora di condividere il mio viaggio con tutti così non dovevo più nascondermi.

      Alla fine ho trovato il coraggio di battere al massimo l'alopecia e mi sono rasato la testa, riprendendo il controllo che la condizione mi aveva rubato.

      Mi sono seduto, ho acceso il mio iPad e ho iniziato a parlare, spiegando alle persone quello che avevo passato personalmente, cos'è l'alopecia, mostrando loro le mie zone calve nascoste, e poi ho cantato una canzone come la musica mi aveva aiutato nei momenti più difficili . L'ho postato su Facebook prima di pensare davvero. Non ero mai stata una persona pubblica, ma per qualche motivo non avevo dubbi che il mio atto di autoaiuto dovesse essere fatto in modo molto pubblico. Siamo tutti diversi e questo era il mio modo di affrontarlo.

      Alla fine ho trovato il coraggio di battere al massimo l'alopecia e mi sono rasato la testa, riprendendo il controllo che la condizione mi aveva rubato. Dicono che lo stress causa l'alopecia, ma siamo onesti che perdere i capelli provoca stress e c'è solo un modo per fermare quel ciclo.


      Emily May Armstrong – Tricotillomania

      Questo contenuto è importato da Instagram. Potresti essere in grado di trovare lo stesso contenuto in un altro formato, oppure potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni, sul loro sito web.

      Sono Emily, una studentessa di dottorato di 24 anni che vive a Glasgow e studia scienze vegetali e vivo con Trich da 15 anni.

      La tricotillomania è un disturbo compulsivo ripetitivo focalizzato sul corpo, un sottotipo di DOC. È caratterizzato da una compulsione a tirare o rimuovere i capelli; più comunemente dalla testa, ma può coinvolgere anche ciglia, sopracciglia o peli pubici.

      Mi è stato diagnosticato il Trich per la prima volta quando avevo nove anni, quando improvvisamente ho perso tutti i capelli dalla testa. Adesso ho 24 anni e, anche se peggiora con i picchi e le depressioni, non sei mai veramente libero dall'impulso. Oppure prendi solo cattive abitudini, come fumare, per superarlo.

      Trich è sotto-studiato nel Regno Unito, con il NHS piuttosto spinto per le risorse per provare a trattarlo. Sono stato indirizzato alla CBT (terapia cognitivo comportamentale) quando avevo 10 anni, il che mi ha reso più ansioso e depresso. Cercare di identificare i trigger di Trich è incredibilmente difficile; possono essere emotivi, fisici, situazionali e differire notevolmente tra gli individui. Per me, attualmente è soprattutto quando mi imbatto in cose confuse nella mia ricerca di dottorato; anche ansia e stress lo inducono.

      Questo contenuto è importato da Instagram. Potresti essere in grado di trovare lo stesso contenuto in un altro formato, oppure potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni, sul loro sito web.

      Trich è per lo più considerato intrattabile; non c'è abbastanza ricerca sui meccanismi d'azione mentali o neurofisiologici per sostenere davvero la causa. Sospetto che funzioni in modo simile a qualsiasi altra dipendenza; uno stimolo come una piccola quantità di dolore induce una risposta alla dopamina, una sensazione piacevole. Dopo un po ', il tuo bisogno fisiologico per il colpo di dopamina prevale sul tuo ragionamento per fermarti.

      La parte più isolante di Trich è cercare più che puoi di fermarti, non vuoi farlo, ma semplicemente non puoi. Sarebbe come chiedere a un alcolizzato di smettere di bere, se avesse bottiglie di vino attaccate alle mani 24 ore su 24, 7 giorni su 7. A volte sembra impossibile.

      Al momento sono in un momento difficile con Trich; manca circa la metà dei miei capelli. Fortunatamente mi sono “ allenato '' a scegliere aree meno evidenti, il che significa che per la maggior parte non puoi dirlo dalla maggior parte delle angolazioni, oa meno che tu non stia davvero guardando.

      È un enorme distruttore di autostima, so di essere colpevole di isolarmi dagli amici quando mi sento particolarmente vulnerabile, rifiutando le serate e gli eventi sociali altrimenti piacevoli. È un circolo vizioso, ti senti depresso, perdi i capelli. Hai perso i capelli, quindi ti senti depresso. Mi sono già suicidato prima, non c'è dubbio.

      Sarebbe come chiedere a un alcolizzato di smettere di bere, se avesse bottiglie di vino attaccate alle mani 24 ore su 24, 7 giorni su 7. A volte sembra impossibile.

      Non ho mai indossato una parrucca, i capelli rimanenti che ho sono spessi e molto ricci, quindi tendono a nascondere le cose per me. Sento che se fosse progredito in modo significativo e non potessi più controllarlo, allora lo farei quasi sicuramente. Quelli di alta qualità sono molto costosi, il che è un ostacolo per molti malati. Sto pensando di radermi i capelli in questo momento; ma so che sarebbe impossibile per me non tirare del tutto la ricrescita.

      La caduta dei capelli delle donne è ancora così tabù perché il sistema socio-economico in cui viviamo attribuisce un “valore” ingiustificato e non necessario all'aspetto fisico e allo stato sociale, indipendentemente dal sesso. Fino a quando non saremo in grado di liberarci da questo sistema patriarcale e repressivo approfittando della nostra insicurezza, sarà sempre un tabù distinguersi dal “normale”, il che contribuisce a molti problemi di salute mentale su tutta la linea.

      Sto cercando di abbracciare le mie differenze; Ho una lunga strada da percorrere.


      Hannah Robinson – Perdita di capelli a causa della sindrome dell'ovaio policistico

      Hannah Robinson

      Hannah Robinson

      Ho iniziato a perdere i capelli quando avevo circa 13 anni.

      All'inizio non me ne sono accorto perché si trattava di un diradamento graduale, ma una volta capito che stavo perdendo i miei folti capelli rosso-dorati, è stato devastante. Avevo sempre dato per scontato i miei capelli e per questo avevo ricevuto complimenti per tutta la vita. All'improvviso ero un'adolescente con perdita di capelli, il che rende ancora più difficile un periodo della vita già difficile.

      Ho scoperto di avere la PCOS (sindrome dell'ovaio policistico) associata alla resistenza all'insulina, che erano le cause della caduta dei capelli. Questo è stato più di 12 anni fa e sfortunatamente per me non si sapeva molto sulla condizione, che colpisce così tante donne. Tutti i medici di base e gli specialisti che ho visto erano uomini di mezza età, che erano sprezzanti e spesso all'oscuro di quello che stava succedendo. Mi è stato detto che non c'era davvero molto da fare e ho messo la pillola che avrebbe dovuto bilanciare le cose. A un certo punto mi è stato persino detto di non preoccuparmi di qualcosa di così banale come la caduta dei capelli.

      È stata dura attraversare la mia adolescenza con i capelli molto sottili. Non ho mai avuto punti calvi ma a volte era così sottile che si poteva vedere facilmente il mio cuoio capelluto, e se portavo i capelli sciolti sembravano solo poche ciocche sottili.

      Nessuno sembra capire come ti fa sentire, quale impatto negativo ha sulla tua autostima e fiducia. Quando qualcuno ha 'una brutta giornata per i capelli', significa che l'intera giornata è una brutta giornata – è così che ci si sente ogni giorno come qualcuno con la caduta dei capelli. Tutti i miei amici si pettinavano e si travestivano per le serate e io sarei andato nel panico su come non sembrare come se fossi calvo.

      A un certo punto mi è stato persino detto di non preoccuparmi di qualcosa di così banale come la caduta dei capelli.

      I capelli spessi sono un segno di giovinezza, salute e vitalità – è qualcosa per cui tutti si battono. Siamo bombardati da annunci di prodotti per ispessire i capelli, quindi avere capelli così sottili ti fa sentire poco attraente, malsano e anormale, soprattutto quando tutti i tuoi amici hanno i capelli folti.

      I capelli folti e la femminilità sono intrinsecamente legati. Tagliarsi i capelli o radersi la testa da donna è visto come una mossa ribelle, audace o semplicemente folle (ricordi il crollo di Britney?). Ma pensa a tutte le celebrità maschili attraenti con la testa calva o rasata. Il diradamento dei capelli è visto come un tratto maschile, quindi quando una donna ne soffre, può farti sentire meno una donna.

      Personalmente amo i capelli corti sulle donne, mi sono tagliato i capelli molto corti un paio di volte. Ma è difficile scrollarsi di dosso quella sensazione che in qualche modo hai fallito come donna, perché non hai riccioli fluenti. La quantità di volte in cui i ragazzi mi hanno chiesto se ero lesbica quando avevo i capelli corti illustra solo il fatto che viviamo in un mondo in cui le persone giudicano anche la tua sessualità da come sono i tuoi capelli!

      I miei capelli sono diventati leggermente più spessi negli ultimi anni a causa di provare altri farmaci e recentemente ho iniziato a usare la schiuma Regaine per le donne. Ho dovuto fare i conti con il fatto che non avrò mai capelli folti, ma di tanto in tanto mi fa cadere ancora, soprattutto quando attraverso periodi di stress e si assottigliano di nuovo. Ho scoperto che circa 6 mesi dopo essere stato ricoverato in ospedale mentre ero in viaggio in Africa e dopo il terremoto del 2015 in Nepal (ero un volontario lì all'epoca) i miei capelli si sono improvvisamente diradati di nuovo, il che è apparentemente comune dopo eventi traumatici.

      I tuoi capelli sono una parte così importante della tua identità che è difficile non risentirne negativamente perdendoli. Anche il mio ha cambiato colore quando si è assottigliato, quindi non sono più il rosso che ero una volta. È bello sapere che se ne parla di più ora e si spera che lo stigma dell'essere una donna con perdita di capelli scomparirà gradualmente.


      Julia Esgate Christmas – Alopecia causata da una malattia autoimmune geneticamente ereditata

      Cause ed esperienze di perdita dei capelli femminili

      Getty Images

      Ho notato la mancanza di una ciocca di capelli per la prima volta durante una stagione sciistica in Francia, a 19 anni e per la prima volta lontana dai miei genitori.

      Mi stavo asciugando i capelli e l'ho sentito. Dopo aver fatto finta di star bene, ho pianto molto quella sera quando sono andato a letto. Sono andato dal medico del resort il giorno successivo e mi ha informato che era a causa dello stress e non mi curavo adeguatamente. Aveva ragione, lavoravo tutti i giorni e mi divertivo quasi tutte le sere. Mi ha informato che non c'era niente che potessi fare al riguardo, ma aspettare che ricrescesse e che mi occupassi di me e della mia dieta.

      Ero sventrato, perché i miei capelli sono sempre stati la mia coperta di sicurezza. Fortunatamente potevo coprirlo con il resto dei miei capelli, tuttavia ero costantemente paranoico che qualcuno potesse vederlo, specialmente quando mi legavo i capelli.

      Alla fine sono ricresciuti ei nuovi capelli erano super ricci e morbidi quando il resto dei miei capelli è solo un po 'ondulato. Dopo aver pensato che fosse così, al mio primo anno di università a 22 anni ha colpito di nuovo sul lato opposto della mia testa. Non me ne sono accorto fino a quando uno dei miei colleghi nel mio lavoro nel fine settimana non mi ha chiesto, con tatto, se me ne ero accorto.

      Non si parla abbastanza di perdita di capelli; si presume che non accada ai giovani.

      Il cerotto si è ingrandito e sono andato di nuovo dal medico, che mi ha informato che poiché ho una storia familiare di malattia autoimmune (mia madre ha l'artrite reumatoide) questo potrebbe aver influito sulla mia perdita di capelli. Ancora una volta, non c'era niente da fare se non prendersi cura di me stesso e aspettare che ricrescesse. Di nuovo, ero così consapevole che fosse visto da altre persone. Sta ancora ricrescendo ora e devo raddrizzare il ricciolo.

      Non si parla abbastanza di perdita di capelli; si presume che non accada ai giovani. Ho cercato di parlarne il più apertamente possibile con i miei amici e altri per cancellare lo stigma che circonda l'alopecia areata come può capitare a chiunque.

      Alcuni dei miei amici mi hanno chiamato per dirmi che è successo a loro e sapevano che avevo sofferto, quindi mi hanno chiesto consigli e l'unico consiglio che posso dare è; prenditi cura di te stesso il più possibile, parla alle persone di come ti sta influenzando e non spazzolare mai i capelli quando sono bagnati!

      Non sei il primo e non sarai l'ultimo!

      Ti piace questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere più articoli come questo direttamente nella tua casella di posta.

      Hai bisogno di più ispirazione, giornalismo premuroso e consigli di bellezza a casa? Abbonati oggi alla rivista cartacea di ELLE! ISCRIVITI QUI


      Questa sezione di commenti viene creata e gestita da una terza parte e importata in questa pagina. Potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni sul loro sito web.

    Psorilax:Basso costo |crema per psoriasi parti intime

    0

    Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, ingredienti

    Tra le mestruazioni, la menopausa e, beh, tanti altri argomenti, a volte sembra che ci sia un elenco infinito di argomenti di conversazione che sono ritenuti troppo rozzi per noi donne di cui parlare apertamente – caduta dei capelli femminile inclusa.

    Ma, come per ogni argomento “tabù”, una conversazione sulla realtà della sofferenza della caduta dei capelli femminile è in ritardo.

    La domanda è: perché una condizione che colpisce un'enorme percentuale di uomini dovrebbe essere così tabù per le donne? E, come ogni altra cosa, quanto è peggio quando ti senti completamente solo con esso?

    È ora di parlare.

    Questo contenuto è importato da Instagram. Potresti essere in grado di trovare lo stesso contenuto in un altro formato, oppure potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni, sul loro sito web.

    Il colpevole più recente dietro la caduta dei capelli femminile? Coronavirus. Man mano che la pandemia continua e si acquisiscono sempre più informazioni sui sintomi e sugli effetti fisici del virus debilitante, diventa evidente che un effetto collaterale inaspettato nelle donne è la drammatica perdita di capelli.

    Ad aprire la conversazione sulla caduta dei capelli femminile a causa del Covid-19 è l'attrice Alyssa Milano che ha recentemente rivelato la sua esperienza di caduta dei capelli a causa del virus. Parlando in un video ai suoi follower, Milano ha detto: “Pensavo di mostrarti cosa fa # Covid19 ai tuoi capelli. Si prega di prenderlo sul serio ', mentre si spazzola i capelli e mostra la quantità che le era caduta tra le mani.

    Capelli di Kristin Davis

    Getty Images

    Anche l'attrice Kristin Davis, alias Charlotte di SATC, ha recentemente rivelato a WWD le sue lotte con il diradamento dei capelli:

    'Era molto bello, come se fosse andato via, non c'erano quasi i capelli lì … quando ho provato a fare qualcosa o dovevo andare da qualche parte mi sono detto, “Dove sono i miei capelli?”'

    Con i dati del NHS che suggeriscono che circa la metà delle donne di età superiore ai 65 anni sperimenterà la perdita di capelli di tipo femminile, per non parlare di un'intera pletora di altre forme di perdita di capelli che colpiscono le donne ovunque, sicuramente è tempo di scrollarsi di dosso quel tabù una volta per tutte e parlare.

    Ma perché i nostri capelli cadono? Ci siamo rivolti ai professionisti …

    Che cosa causa la perdita dei capelli nelle donne?

    “Ci sono diversi possibili fattori che possono provocare la caduta dei capelli per le donne e non tutti sono facilmente gestibili”, afferma David Brooks, capo della ricerca e sviluppo di Leonor Greyl.

    1.Genetica

        “La genetica e / o lo stress emotivo o fisico intenso possono essere molto difficili da gestire. Nel caso di “Bad Genetics” probabilmente otterrai i migliori risultati usando qualcosa da banco come il minoxidil (un farmaco usato per il trattamento della caduta dei capelli di tipo maschile).

        “Sfortunatamente, quando smetti di usare il minoxidil, è più che probabile che tu possa sperimentare una perdita di capelli ancora peggiore rispetto a prima di iniziare a usarlo”, spiega Brooks.

        2. Dieta

        Altre cause di perdita di capelli nelle donne possono essere carenze nutrizionali o l'uso di determinati farmaci. Questi possono essere facilmente risolti correggendo la dieta o interrompendo l'uso di farmaci (consultare il proprio medico prima di interrompere).

        3. Elaborazione eccessiva e acconciatura dei capelli

        'L'elaborazione eccessiva dei capelli, della forfora e della psoriasi del cuoio capelluto e l'uso di acconciature troppo strette è troppo spesso qualcosa che viene davvero trascurato. La soluzione ovvia è fermarsi! Stai solo tirando le radici e quindi indebolendole nel tempo. I capelli cadranno e non ricresceranno ”.

        4. Parto e menopausa

        “Il parto e la menopausa sono un'altra possibile causa della caduta dei capelli nelle donne”, afferma Brooks. “Il rapido aumento e diminuzione dei livelli ormonali può essere molto difficile da gestire a molti livelli.”

        perdita di capelli femminile

        Klaus Vedfelt

        Il Coronavirus può causare la caduta dei capelli?

        Sebbene non sia ufficialmente elencato come un sintomo del Coronavirus, un'ondata di donne si è fatta avanti con affermazioni di perdita di capelli a causa del virus.

        “I pazienti che hanno subito un'insorgenza prolungata e intensa del coronavirus circa 2-4 mesi prima stanno ora segnalando una grave perdita di capelli”, afferma Laura Sagen, esperta di perdita di capelli e crescita.

        “La perdita dei capelli non è nell'elenco dei sintomi ufficiali, quindi all'inizio è facile allarmarsi per un potenziale sintomo in più a cui iniziare a cercare. In particolare, si verifica dopo l'inizio della malattia piuttosto che prima. Questo può essere il risultato di un forte stress che i pazienti che hanno sofferto di una forma grave o prolungata di coronavirus, altrimenti noto come telogen effluvium – perdita di capelli correlata allo stress.

        Con sempre più donne che subiscono una drammatica perdita di capelli in aggiunta ad altri sintomi, sembra essere più che una semplice coincidenza.


        Ma, come potrebbe dirti qualsiasi donna che ha sofferto di perdita di capelli, la sterile spiegazione medica della perdita di capelli raramente è correlata all'esperienza umana di essere una donna che sta perdendo i capelli.

        Abbiamo parlato con sei donne delle loro esperienze personali e di come stanno dando il dito contro la caduta dei capelli femminile, un giorno alla volta …


        Jenny Pitt – Perdita di capelli come effetto collaterale del coronavirus

        perdita di capelli da coronavirus

        Jenny prima della sua perdita di capelli

        .

        Era la metà di marzo quando sono stato ricoverato al Kingston Hospital con il Coronavirus. Sono stato davvero malato per due settimane con febbre alta e dolori gastrici terribili, ma stava peggiorando sempre di più. Alla fine, sono stato portato al pronto soccorso e mi è stato somministrato ossigeno per quattro giorni.

        Una volta lasciato l'ospedale, ho pensato che fosse tutto finito. Ma, all'improvviso, ho iniziato a sentirmi di nuovo un po 'agitato. Ero senza fiato e il mio cuoio capelluto iniziò a bruciare e mi faceva male al tatto. Mi lavavo i capelli tutti i giorni come al solito e mentre li pettinavo ho iniziato a notare che non avrebbe smesso di cadere. Ce n'erano a manciate sotto la doccia tutt'intorno ai miei piedi. Ho solo pensato, “Oh mio Dio”.

        perdita di capelli da coronavirus

        .

        Speravo fosse forse un'esperienza una tantum. Mi erano accadute così tante cose brutte nelle settimane precedenti che pensavo di andare avanti senza preoccuparmi. Ma ha continuato a succedere. Ogni giorno per un mese, ogni volta che mi pettinavo o mi spazzolavo i capelli, cadevano e coprivano il pavimento della mia camera da letto. Continuava a perdere.

        Sono arrivato al punto in cui il mio cuoio capelluto era così dolorante che era troppo doloroso anche solo sdraiare la testa sul cuscino. Prima che avessi il Coronavirus, i miei capelli erano il mio orgoglio e la mia gioia. Vorrei fare una mezza testa di momenti salienti ogni otto settimane e ottenere i phon prima di una grande serata fuori. Sono una mamma, quindi era il mio modo di prendermi cura di me stessa. Sentirlo cadere e vederlo sembrare così sottile intorno all'attaccatura dei miei capelli era così angosciante. Non riuscivo a credere a quanto stava cadendo. Sono stato così fortunato ad evitare di andare in terapia intensiva e sentirmi come se fossi di nuovo malato otto settimane dopo è stato orribile. Avevo questa terribile paura che non si sarebbe fermato e avrei dovuto indossare parrucche. Pensavo di diventare calvo.

        perdita di capelli da coronavirus

        .

        Mi sentivo così male e la mia perdita di capelli era diventata così drammatica che ho iniziato a farmi prendere dal panico perché avevo ancora il Coronavirus. Ho deciso di andare dai dottori. Pensavo che lo stress fisico di essere malato potesse aver portato all'alopecia, ma il mio medico di famiglia ha esaminato il mio cuoio capelluto e senza zone calve ha concluso che non era così. “Penso che questo sia Covid”, ha detto. Mi ha detto che l'alta temperatura che avevo avuto per così tanto tempo a causa del Coronavirus mi aveva fatto cadere i capelli.

        Poi, con la stessa rapidità con cui è iniziato, quattro settimane dopo si è fermato. Avevo passato un mese a chiedermi se sarebbe mai finita, ciuffi di capelli che cadevano, evitando di spazzolare o qualsiasi cosa che potesse peggiorare le cose e improvvisamente si è semplicemente fermato. Sembrava così spoglio e sottile – sapevo che dovevo tagliarlo. Qualsiasi tipo di tintura per capelli era completamente fuori dalle carte, ma ho pensato che un buon taglio di capelli avrebbe potuto almeno togliere il peso. Il mio parrucchiere me lo ha tagliato sulle spalle – tagliare i capelli morti era così catartico.

        Ora ha iniziato a ricrescere in ciuffi grigi e marrone topo. Prima sarei stato inorridito di avere ciuffi grigi di capelli che spuntavano, ma ora sono così eccitato che sta ricrescendo che li sto mostrando. Il sollievo che non sto diventando calvo e posso vedere che i miei capelli si stanno riprendendo è abbastanza positivo per me.


        Gina Knight – Telogen Effluvium causato dalla depressione post-natale

        Capelli, Acconciatura, Bellezza, Capelli neri, Labbro, Fronte, Umano, S-curl, Orecchio, Modello,

        Gina Knight

        Dopo aver avuto il mio primo bambino, ho iniziato a perdere i capelli dopo il parto, il che è del tutto normale. Quando sei incinta trattieni tutti i tuoi capelli e sono lucenti, folti e adorabili, e poi una volta partorito iniziano a perdere. Può sembrare abbastanza estremo perché non hai perso i capelli in modo naturale nel tempo come quando non sei incinta, ma è del tutto normale.

        Mi aspettavo lo spargimento, ma dopo tre o quattro mesi la caduta dei capelli si stava concentrando davvero in certe zone. La corona della mia testa e i lati dei miei capelli erano caduti ed era molto evidente e quando sono andato dai medici, hanno pensato che, poiché avevo avuto un bambino, fosse solo il solito spargimento.

        Ho visto tre o quattro medici perché non ero soddisfatto della loro diagnosi. Poiché sono nero, i medici presumevano che i miei capelli stessero cadendo a causa di cattive pratiche sui capelli come indossare trecce strette o una trama che non avrebbe potuto essere più fuori luogo. All'epoca ero un blogger di capelli e mi piaceva molto i trattamenti olistici per capelli, per non parlare del fatto che non avevo mai avuto trecce o una trama.

        Poiché sono nero, i medici presumevano che i miei capelli stessero cadendo a causa delle cattive pratiche dei capelli.

        Successivamente, i medici hanno cercato di diagnosticare quasi tutto, compresa un'infezione fungina! Mi hanno prescritto creme topiche che non funzionavano e la fase successiva è stata quella di testare una chiazza dei miei capelli. Mi sentivo già a disagio per le ciocche di capelli che mi mancavano, non volevo rinunciare a un altro pezzo.

        Invece, ho fatto un sacco di ricerche e ho deciso di ritagliare qualsiasi prodotto per lo styling dei capelli e semplicemente lavarlo con acqua (dove ti basta sciacquare i capelli sotto l'acqua) per sei mesi. Allora sapevo che se i miei capelli continuavano a cadere era a causa di qualcosa che accadeva internamente, non a causa di un prodotto che stavo applicando esternamente.

        Ci è voluto quasi un anno prima che mi venisse correttamente diagnosticata l'alopecia correlata allo stress come parte della mia depressione postnatale e del disturbo da stress post-traumatico. Si è scoperto che il modo in cui il mio corpo reagiva era rifiutare i miei capelli.

        Capelli, Acconciatura, Capelli neri, Ricciolo Jheri, Sopracciglia, Bellezza, Labbro, Umano, S-curl, Afro,

        Gina Knight

        Avevo un neonato da accudire e sapere che i miei capelli stavano cadendo non faceva che aumentare lo stress. C'è stato un momento in cui la mia depressione postnatale è peggiorata così tanto che il medico ha voluto prescrivermi degli antidepressivi. Ma per quanto la perdita di capelli mi stesse abbattendo, come neo mamma non volevo sentirmi fuori. Molte persone scelgono di assumere farmaci e questa è totalmente una loro scelta, ma per me non volevo essere confuso in una fase così precoce della vita di mio figlio, o mai davvero.

        Dopo la diagnosi la gente continuava a dire “Perché non ti radi la testa?”, Perché l'avevo già fatto in precedenza. Ma c'è una grande differenza tra scegliere di radersi i capelli e dover radersi i capelli. Ti senti così fuori controllo.

        Invece, ho iniziato a giocare con le parrucche. Essendo stato conosciuto come un blogger di capelli con i capelli grandi, perderlo mi ha fatto perdere la fiducia. Sono una persona stravagante e volevo comunque essere favolosa senza danneggiare ulteriormente i miei capelli.

        C'è una grande differenza tra la scelta di radersi i capelli e il dover radersi i capelli.

        All'epoca la maggior parte delle parrucche utilizzava trame eurocentriche o sembravano così false, quindi ho iniziato a crearne una mia. Oltre a indossare e creare parrucche per altre donne che soffrono di caduta dei capelli, pratico anche molta meditazione per aiutare ad affrontare le mie ansie. Non sono scomparsi del tutto, non lo fanno mai veramente, ma il modo in cui li tratto ora è molto più chiaro.

        Ho appena avuto il mio secondo bambino e la perdita dei capelli è sempre nella parte posteriore della mia mente. Lo spargimento è ricominciato e le aree che prima avevano perso più capelli sono ancora molto più sottili. Le persone spesso pensano che la caduta dei capelli sia qualcosa su cui puoi mettere una crema e sarai curato, ma la maggior parte delle volte non è così. A volte, devi solo affrontare il fatto che non ricrescerà mai e affrontarlo.


        Juliet Cooke – Alopecia

        Juliet Cooke

        Juliet Cooke

        Nove mesi fa, mentre mi asciugavo i capelli, ho notato una piccola zona calva circolare sulla tempia sinistra. Non avevo idea di cosa fosse e ho chiamato immediatamente l'ambulatorio medico sperando di prenotare un appuntamento. Mi è stato detto al telefono che sembrava che avessi qualcosa chiamato Alopecia e il dottore non poteva vedermi per alcune settimane, ma non esiste una cura, quindi non ero un caso urgente rispetto ad altri.

        La prima cosa che ho fatto è stata andare su Internet per vedere cosa fosse questa cosa misteriosa chiamata Alopecia, non avendone nemmeno una vera idea. Internet era coperto di foto di persone calve e di quelle parole distruttive stampate ovunque, nessuna cura …

        Il panico che ho provato in quel momento è stato così travolgente e in realtà indescrivibile. I pensieri che mi scorrevano in testa non si fermavano … “E se perdessi tutti i capelli?” “Chi mai vorrà guardarmi?” “Come mi guarderò?” È andato avanti all'infinito.

        Nei mesi a seguire, ho perso i capelli ogni giorno, sia sotto la doccia che usciva a manciate o mi svegliavo con tutto il cuscino. I miei genitori e io abbiamo provato di tutto per fermarlo, iniezioni, creme steroidee, immunologi, tricologi, dermatologi … un flusso infinito di appuntamenti che hanno sempre avuto la stessa risposta -Ho avuto l'alopecia, nessuno sapeva perché, da cosa fosse o come Potrei fermarlo.

        Juliet Cooke

        Juliet Cooke

        C'era solo una cosa da fare nella mia mente ed era mantenere un sorriso sul mio viso e fingere che non stesse accadendo. Mettere un fronte è una delle cose più facili da fare, l'avevo fatto molte volte in passato, quindi perché non ora. Sfortunatamente c'è solo così tanto che puoi mascherare prima che l'emozione si riversi fuori dalle cuciture, e così è stato.

        Il giorno in cui ho iniziato a perdere le sopracciglia è stato il giorno in cui ho perso ogni speranza. Ho toccato il fondo. Non potevo alzarmi la mattina o mostrare la mia faccia in pubblico. Non è che stavo piangendo tutti i giorni, perché onestamente non avevo l'energia e nemmeno mi interessava abbastanza per farlo. Mi sono sentito completamente piatto. Non riuscivo a vedere una via d'uscita dal grande buco nero e non sono sicuro in quel momento se mi importasse davvero abbastanza di me stesso da provare. L'alopecia non è solo una condizione fisica, ma influisce in modo massiccio anche sul tuo stato mentale. La depressione è un'altra cosa di cui le persone parlano raramente, ma sta finalmente ottenendo l'attenzione dei media che merita così tanto.

        Un giorno, circa 2 mesi fa, ho deciso di dare una svolta alla mia vita e di rimettermi in carreggiata. Ero seduto nella casa per le vacanze della mia famiglia a Strangford e il sole brillava sul lago e attraverso la finestra e per la prima volta mi sembrava di avere energia e persino un po 'di speranza. Ho deciso che era ora di condividere il mio viaggio con tutti così non dovevo più nascondermi.

        Alla fine ho trovato il coraggio di battere al massimo l'alopecia e mi sono rasato la testa, riprendendo il controllo che la condizione mi aveva rubato.

        Mi sono seduto, ho acceso il mio iPad e ho iniziato a parlare, spiegando alle persone quello che avevo passato personalmente, cos'è l'alopecia, mostrando loro le mie zone calve nascoste, e poi ho cantato una canzone come la musica mi aveva aiutato nei momenti più difficili . L'ho postato su Facebook prima di pensare davvero. Non ero mai stata una persona pubblica, ma per qualche motivo non avevo dubbi che il mio atto di autoaiuto dovesse essere fatto in modo molto pubblico. Siamo tutti diversi e questo era il mio modo di affrontarlo.

        Alla fine ho trovato il coraggio di battere al massimo l'alopecia e mi sono rasato la testa, riprendendo il controllo che la condizione mi aveva rubato. Dicono che lo stress causa l'alopecia, ma siamo onesti che perdere i capelli provoca stress e c'è solo un modo per fermare quel ciclo.


        Emily May Armstrong – Tricotillomania

        Questo contenuto è importato da Instagram. Potresti essere in grado di trovare lo stesso contenuto in un altro formato, oppure potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni, sul loro sito web.

        Sono Emily, una studentessa di dottorato di 24 anni che vive a Glasgow e studia scienze vegetali e vivo con Trich da 15 anni.

        La tricotillomania è un disturbo compulsivo ripetitivo focalizzato sul corpo, un sottotipo di DOC. È caratterizzato da una compulsione a tirare o rimuovere i capelli; più comunemente dalla testa, ma può coinvolgere anche ciglia, sopracciglia o peli pubici.

        Mi è stato diagnosticato il Trich per la prima volta quando avevo nove anni, quando improvvisamente ho perso tutti i capelli dalla testa. Adesso ho 24 anni e, anche se peggiora con i picchi e le depressioni, non sei mai veramente libero dall'impulso. Oppure prendi solo cattive abitudini, come fumare, per superarlo.

        Trich è sotto-studiato nel Regno Unito, con il NHS piuttosto spinto per le risorse per provare a trattarlo. Sono stato indirizzato alla CBT (terapia cognitivo comportamentale) quando avevo 10 anni, il che mi ha reso più ansioso e depresso. Cercare di identificare i trigger di Trich è incredibilmente difficile; possono essere emotivi, fisici, situazionali e differire notevolmente tra gli individui. Per me, attualmente è soprattutto quando mi imbatto in cose confuse nella mia ricerca di dottorato; anche ansia e stress lo inducono.

        Questo contenuto è importato da Instagram. Potresti essere in grado di trovare lo stesso contenuto in un altro formato, oppure potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni, sul loro sito web.

        Trich è per lo più considerato intrattabile; non c'è abbastanza ricerca sui meccanismi d'azione mentali o neurofisiologici per sostenere davvero la causa. Sospetto che funzioni in modo simile a qualsiasi altra dipendenza; uno stimolo come una piccola quantità di dolore induce una risposta alla dopamina, una sensazione piacevole. Dopo un po ', il tuo bisogno fisiologico per il colpo di dopamina prevale sul tuo ragionamento per fermarti.

        La parte più isolante di Trich è cercare più che puoi di fermarti, non vuoi farlo, ma semplicemente non puoi. Sarebbe come chiedere a un alcolizzato di smettere di bere, se avesse bottiglie di vino attaccate alle mani 24 ore su 24, 7 giorni su 7. A volte sembra impossibile.

        Al momento sono in un momento difficile con Trich; manca circa la metà dei miei capelli. Fortunatamente mi sono “ allenato '' a scegliere aree meno evidenti, il che significa che per la maggior parte non puoi dirlo dalla maggior parte delle angolazioni, oa meno che tu non stia davvero guardando.

        È un enorme distruttore di autostima, so di essere colpevole di isolarmi dagli amici quando mi sento particolarmente vulnerabile, rifiutando le serate e gli eventi sociali altrimenti piacevoli. È un circolo vizioso, ti senti depresso, perdi i capelli. Hai perso i capelli, quindi ti senti depresso. Mi sono già suicidato prima, non c'è dubbio.

        Sarebbe come chiedere a un alcolizzato di smettere di bere, se avesse bottiglie di vino attaccate alle mani 24 ore su 24, 7 giorni su 7. A volte sembra impossibile.

        Non ho mai indossato una parrucca, i capelli rimanenti che ho sono spessi e molto ricci, quindi tendono a nascondere le cose per me. Sento che se fosse progredito in modo significativo e non potessi più controllarlo, allora lo farei quasi sicuramente. Quelli di alta qualità sono molto costosi, il che è un ostacolo per molti malati. Sto pensando di radermi i capelli in questo momento; ma so che sarebbe impossibile per me non tirare del tutto la ricrescita.

        La caduta dei capelli delle donne è ancora così tabù perché il sistema socio-economico in cui viviamo attribuisce un “valore” ingiustificato e non necessario all'aspetto fisico e allo stato sociale, indipendentemente dal sesso. Fino a quando non saremo in grado di liberarci da questo sistema patriarcale e repressivo approfittando della nostra insicurezza, sarà sempre un tabù distinguersi dal “normale”, il che contribuisce a molti problemi di salute mentale su tutta la linea.

        Sto cercando di abbracciare le mie differenze; Ho una lunga strada da percorrere.


        Hannah Robinson – Perdita di capelli a causa della sindrome dell'ovaio policistico

        Hannah Robinson

        Hannah Robinson

        Ho iniziato a perdere i capelli quando avevo circa 13 anni.

        All'inizio non me ne sono accorto perché si trattava di un diradamento graduale, ma una volta capito che stavo perdendo i miei folti capelli rosso-dorati, è stato devastante. Avevo sempre dato per scontato i miei capelli e per questo avevo ricevuto complimenti per tutta la vita. All'improvviso ero un'adolescente con perdita di capelli, il che rende ancora più difficile un periodo della vita già difficile.

        Ho scoperto di avere la PCOS (sindrome dell'ovaio policistico) associata alla resistenza all'insulina, che erano le cause della caduta dei capelli. Questo è stato più di 12 anni fa e sfortunatamente per me non si sapeva molto sulla condizione, che colpisce così tante donne. Tutti i medici di base e gli specialisti che ho visto erano uomini di mezza età, che erano sprezzanti e spesso all'oscuro di quello che stava succedendo. Mi è stato detto che non c'era davvero molto da fare e ho messo la pillola che avrebbe dovuto bilanciare le cose. A un certo punto mi è stato persino detto di non preoccuparmi di qualcosa di così banale come la caduta dei capelli.

        È stata dura attraversare la mia adolescenza con i capelli molto sottili. Non ho mai avuto punti calvi ma a volte era così sottile che si poteva vedere facilmente il mio cuoio capelluto, e se portavo i capelli sciolti sembravano solo poche ciocche sottili.

        Nessuno sembra capire come ti fa sentire, quale impatto negativo ha sulla tua autostima e fiducia. Quando qualcuno ha 'una brutta giornata per i capelli', significa che l'intera giornata è una brutta giornata – è così che ci si sente ogni giorno come qualcuno con la caduta dei capelli. Tutti i miei amici si pettinavano e si travestivano per le serate e io sarei andato nel panico su come non sembrare come se fossi calvo.

        A un certo punto mi è stato persino detto di non preoccuparmi di qualcosa di così banale come la caduta dei capelli.

        I capelli spessi sono un segno di giovinezza, salute e vitalità – è qualcosa per cui tutti si battono. Siamo bombardati da annunci di prodotti per ispessire i capelli, quindi avere capelli così sottili ti fa sentire poco attraente, malsano e anormale, soprattutto quando tutti i tuoi amici hanno i capelli folti.

        I capelli folti e la femminilità sono intrinsecamente legati. Tagliarsi i capelli o radersi la testa da donna è visto come una mossa ribelle, audace o semplicemente folle (ricordi il crollo di Britney?). Ma pensa a tutte le celebrità maschili attraenti con la testa calva o rasata. Il diradamento dei capelli è visto come un tratto maschile, quindi quando una donna ne soffre, può farti sentire meno una donna.

        Personalmente amo i capelli corti sulle donne, mi sono tagliato i capelli molto corti un paio di volte. Ma è difficile scrollarsi di dosso quella sensazione che in qualche modo hai fallito come donna, perché non hai riccioli fluenti. La quantità di volte in cui i ragazzi mi hanno chiesto se ero lesbica quando avevo i capelli corti illustra solo il fatto che viviamo in un mondo in cui le persone giudicano anche la tua sessualità da come sono i tuoi capelli!

        I miei capelli sono diventati leggermente più spessi negli ultimi anni a causa di provare altri farmaci e recentemente ho iniziato a usare la schiuma Regaine per le donne. Ho dovuto fare i conti con il fatto che non avrò mai capelli folti, ma di tanto in tanto mi fa cadere ancora, soprattutto quando attraverso periodi di stress e si assottigliano di nuovo. Ho scoperto che circa 6 mesi dopo essere stato ricoverato in ospedale mentre ero in viaggio in Africa e dopo il terremoto del 2015 in Nepal (ero un volontario lì all'epoca) i miei capelli si sono improvvisamente diradati di nuovo, il che è apparentemente comune dopo eventi traumatici.

        I tuoi capelli sono una parte così importante della tua identità che è difficile non risentirne negativamente perdendoli. Anche il mio ha cambiato colore quando si è assottigliato, quindi non sono più il rosso che ero una volta. È bello sapere che se ne parla di più ora e si spera che lo stigma dell'essere una donna con perdita di capelli scomparirà gradualmente.


        Julia Esgate Christmas – Alopecia causata da una malattia autoimmune geneticamente ereditata

        Cause ed esperienze di perdita dei capelli femminili

        Getty Images

        Ho notato la mancanza di una ciocca di capelli per la prima volta durante una stagione sciistica in Francia, a 19 anni e per la prima volta lontana dai miei genitori.

        Mi stavo asciugando i capelli e l'ho sentito. Dopo aver fatto finta di star bene, ho pianto molto quella sera quando sono andato a letto. Sono andato dal medico del resort il giorno successivo e mi ha informato che era a causa dello stress e non mi curavo adeguatamente. Aveva ragione, lavoravo tutti i giorni e mi divertivo quasi tutte le sere. Mi ha informato che non c'era niente che potessi fare al riguardo, ma aspettare che ricrescesse e che mi occupassi di me e della mia dieta.

        Ero sventrato, perché i miei capelli sono sempre stati la mia coperta di sicurezza. Fortunatamente potevo coprirlo con il resto dei miei capelli, tuttavia ero costantemente paranoico che qualcuno potesse vederlo, specialmente quando mi legavo i capelli.

        Alla fine sono ricresciuti ei nuovi capelli erano super ricci e morbidi quando il resto dei miei capelli è solo un po 'ondulato. Dopo aver pensato che fosse così, al mio primo anno di università a 22 anni ha colpito di nuovo sul lato opposto della mia testa. Non me ne sono accorto fino a quando uno dei miei colleghi nel mio lavoro nel fine settimana non mi ha chiesto, con tatto, se me ne ero accorto.

        Non si parla abbastanza di perdita di capelli; si presume che non accada ai giovani.

        Il cerotto si è ingrandito e sono andato di nuovo dal medico, che mi ha informato che poiché ho una storia familiare di malattia autoimmune (mia madre ha l'artrite reumatoide) questo potrebbe aver influito sulla mia perdita di capelli. Ancora una volta, non c'era niente da fare se non prendersi cura di me stesso e aspettare che ricrescesse. Di nuovo, ero così consapevole che fosse visto da altre persone. Sta ancora ricrescendo ora e devo raddrizzare il ricciolo.

        Non si parla abbastanza di perdita di capelli; si presume che non accada ai giovani. Ho cercato di parlarne il più apertamente possibile con i miei amici e altri per cancellare lo stigma che circonda l'alopecia areata come può capitare a chiunque.

        Alcuni dei miei amici mi hanno chiamato per dirmi che è successo a loro e sapevano che avevo sofferto, quindi mi hanno chiesto consigli e l'unico consiglio che posso dare è; prenditi cura di te stesso il più possibile, parla alle persone di come ti sta influenzando e non spazzolare mai i capelli quando sono bagnati!

        Non sei il primo e non sarai l'ultimo!

        Ti piace questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere più articoli come questo direttamente nella tua casella di posta.

        Hai bisogno di più ispirazione, giornalismo premuroso e consigli di bellezza a casa? Abbonati oggi alla rivista cartacea di ELLE! ISCRIVITI QUI


        Questa sezione di commenti viene creata e gestita da una terza parte e importata in questa pagina. Potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni sul loro sito web.

      Psorilax:codice coupon |vedi crema schiuma per psoriasi enstilar

      0

      Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, originale

      Tra le mestruazioni, la menopausa e, beh, tanti altri argomenti, a volte sembra che ci sia un elenco infinito di argomenti di conversazione che sono ritenuti troppo rozzi per noi donne di cui parlare apertamente – caduta dei capelli femminile inclusa.

      Ma, come per ogni argomento “tabù”, una conversazione sulla realtà della sofferenza della caduta dei capelli femminile è in ritardo.

      La domanda è: perché una condizione che colpisce un'enorme percentuale di uomini dovrebbe essere così tabù per le donne? E, come ogni altra cosa, quanto è peggio quando ti senti completamente solo con esso?

      È ora di parlare.

      Questo contenuto è importato da Instagram. Potresti essere in grado di trovare lo stesso contenuto in un altro formato, oppure potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni, sul loro sito web.

      Il colpevole più recente dietro la caduta dei capelli femminile? Coronavirus. Man mano che la pandemia continua e si acquisiscono sempre più informazioni sui sintomi e sugli effetti fisici del virus debilitante, diventa evidente che un effetto collaterale inaspettato nelle donne è la drammatica perdita di capelli.

      Ad aprire la conversazione sulla caduta dei capelli femminile a causa del Covid-19 è l'attrice Alyssa Milano che ha recentemente rivelato la sua esperienza di caduta dei capelli a causa del virus. Parlando in un video ai suoi follower, Milano ha detto: “Pensavo di mostrarti cosa fa # Covid19 ai tuoi capelli. Si prega di prenderlo sul serio ', mentre si spazzola i capelli e mostra la quantità che le era caduta tra le mani.

      Capelli di Kristin Davis

      Getty Images

      Anche l'attrice Kristin Davis, alias Charlotte di SATC, ha recentemente rivelato a WWD le sue lotte con il diradamento dei capelli:

      'Era molto bello, come se fosse andato via, non c'erano quasi i capelli lì … quando ho provato a fare qualcosa o dovevo andare da qualche parte mi sono detto, “Dove sono i miei capelli?”'

      Con i dati del NHS che suggeriscono che circa la metà delle donne di età superiore ai 65 anni sperimenterà la perdita di capelli di tipo femminile, per non parlare di un'intera pletora di altre forme di perdita di capelli che colpiscono le donne ovunque, sicuramente è tempo di scrollarsi di dosso quel tabù una volta per tutte e parlare.

      Ma perché i nostri capelli cadono? Ci siamo rivolti ai professionisti …

      Che cosa causa la perdita dei capelli nelle donne?

      “Ci sono diversi possibili fattori che possono provocare la caduta dei capelli per le donne e non tutti sono facilmente gestibili”, afferma David Brooks, capo della ricerca e sviluppo di Leonor Greyl.

      1.Genetica

          “La genetica e / o lo stress emotivo o fisico intenso possono essere molto difficili da gestire. Nel caso di “Bad Genetics” probabilmente otterrai i tuoi migliori risultati usando qualcosa da banco come il minoxidil (un farmaco usato per il trattamento della caduta dei capelli di tipo maschile).

          “Sfortunatamente, quando smetti di usare il minoxidil, è molto probabile che tu possa sperimentare una perdita di capelli ancora peggiore rispetto a prima di iniziare a usarlo”, spiega Brooks.

          2. Dieta

          Altre cause di perdita di capelli nelle donne possono essere carenze nutrizionali o l'uso di determinati farmaci. Questi possono essere facilmente risolti correggendo la dieta o interrompendo l'uso di farmaci (consultare il proprio medico prima di interrompere).

          3. Elaborazione eccessiva e acconciatura dei capelli

          'L'elaborazione eccessiva dei capelli, della forfora e della psoriasi del cuoio capelluto e l'uso di acconciature troppo strette è troppo spesso qualcosa che viene davvero trascurato. La soluzione ovvia è fermarsi! Stai solo tirando le radici e quindi indebolendole nel tempo. I capelli cadranno e non ricresceranno ”.

          4. Parto e menopausa

          “Il parto e la menopausa sono un'altra possibile causa della caduta dei capelli nelle donne”, afferma Brooks. “Il rapido aumento e diminuzione dei livelli ormonali può essere molto difficile da gestire a molti livelli.”

          perdita di capelli femminile

          Klaus Vedfelt

          Il Coronavirus può causare la caduta dei capelli?

          Sebbene non sia ufficialmente elencato come un sintomo del Coronavirus, un'ondata di donne si è fatta avanti con affermazioni di perdita di capelli a causa del virus.

          “I pazienti che hanno subito un'insorgenza prolungata e intensa del coronavirus circa 2-4 mesi prima stanno ora segnalando una grave perdita di capelli”, afferma Laura Sagen, esperta di perdita di capelli e crescita.

          'La perdita dei capelli non è nell'elenco dei sintomi ufficiali, quindi all'inizio è facile allarmarsi per un potenziale sintomo in più a cui iniziare a cercare. In particolare, si verifica dopo l'inizio della malattia piuttosto che prima. Questo può essere il risultato di un forte stress che i pazienti che hanno sofferto di una forma grave o prolungata di coronavirus, altrimenti noto come telogen effluvium – perdita di capelli correlata allo stress.

          Con sempre più donne che subiscono una drammatica perdita di capelli in aggiunta ad altri sintomi, sembra essere più che una semplice coincidenza.


          Ma, come potrebbe dirti qualsiasi donna che ha sofferto di perdita di capelli, la sterile spiegazione medica della perdita di capelli raramente è correlata all'esperienza umana di essere una donna che sta perdendo i capelli.

          Abbiamo parlato con sei donne delle loro esperienze personali e di come stanno dando il dito contro la caduta dei capelli femminile, un giorno alla volta …


          Jenny Pitt – Perdita di capelli come effetto collaterale del coronavirus

          perdita di capelli da coronavirus

          Jenny prima della sua perdita di capelli

          .

          Era la metà di marzo quando sono stato ricoverato al Kingston Hospital con il Coronavirus. Sono stato davvero malato per due settimane con febbre alta e dolori gastrici terribili, ma stava peggiorando sempre di più. Alla fine, sono stato portato al pronto soccorso e mi è stato somministrato ossigeno per quattro giorni.

          Una volta lasciato l'ospedale, ho pensato che fosse tutto finito. Ma, all'improvviso, ho iniziato a sentirmi di nuovo un po 'agitato. Ero senza fiato e il mio cuoio capelluto iniziò a bruciare e mi faceva male al tatto. Mi lavavo i capelli tutti i giorni come al solito e mentre li pettinavo ho iniziato a notare che non avrebbe smesso di cadere. Ce n'erano a manciate sotto la doccia tutt'intorno ai miei piedi. Ho solo pensato, “Oh mio Dio”.

          perdita di capelli da coronavirus

          .

          Speravo fosse forse un'esperienza una tantum. Mi erano accadute così tante cose brutte nelle settimane precedenti che pensavo di andare avanti senza preoccuparmi. Ma ha continuato a succedere. Ogni giorno per un mese, ogni volta che mi pettinavo o mi spazzolavo i capelli, cadevano e coprivano il pavimento della mia camera da letto. Continuava a perdere.

          Sono arrivato al punto in cui il mio cuoio capelluto era così dolorante che era troppo doloroso anche solo sdraiare la testa sul cuscino. Prima che avessi il Coronavirus, i miei capelli erano il mio orgoglio e la mia gioia. Vorrei fare una mezza testa di momenti salienti ogni otto settimane e ottenere i phon prima di una grande serata fuori. Sono una mamma, quindi era il mio modo di prendermi cura di me stessa. Sentirlo cadere e vederlo sembrare così sottile intorno all'attaccatura dei miei capelli era così angosciante. Non riuscivo a credere a quanto stava cadendo. Sono stato così fortunato ad evitare di andare in terapia intensiva e sentirmi come se fossi di nuovo malato otto settimane dopo è stato orribile. Avevo questa terribile paura che non si sarebbe fermato e avrei dovuto indossare parrucche. Pensavo di diventare calvo.

          perdita di capelli da coronavirus

          .

          Mi sentivo così male e la mia perdita di capelli era diventata così drammatica che ho iniziato a farmi prendere dal panico perché avevo ancora il Coronavirus. Ho deciso di andare dai dottori. Pensavo che lo stress fisico di essere malato potesse aver portato all'alopecia, ma il mio medico di famiglia ha esaminato il mio cuoio capelluto e senza zone calve ha concluso che non era così. “Penso che questo sia Covid”, ha detto. Mi ha detto che l'alta temperatura che avevo avuto per così tanto tempo a causa del Coronavirus mi aveva fatto cadere i capelli.

          Poi, con la stessa rapidità con cui è iniziato, quattro settimane dopo si è fermato. Avevo passato un mese a chiedermi se sarebbe mai finita, ciuffi di capelli che cadevano, evitando di spazzolarli o qualsiasi cosa che potesse peggiorare le cose e all'improvviso si è semplicemente fermato. Sembrava così spoglio e sottile – sapevo che dovevo tagliarlo. Qualsiasi tipo di tintura per capelli era completamente fuori dalle carte, ma ho pensato che un buon taglio di capelli avrebbe potuto almeno togliere il peso. Il mio parrucchiere me lo ha tagliato sulle spalle – tagliare i capelli morti era così catartico.

          Ora ha iniziato a ricrescere in ciuffi grigi e marrone topo. Prima sarei stato inorridito di avere ciuffi grigi di capelli che spuntavano, ma ora sono così eccitato che sta ricrescendo e li sto mostrando. Il sollievo che non sto diventando calvo e posso vedere che i miei capelli si stanno riprendendo è abbastanza positivo per me.


          Gina Knight – Telogen Effluvium causato dalla depressione post-natale

          Capelli, Acconciatura, Bellezza, Capelli neri, Labbro, Fronte, Umano, S-curl, Orecchio, Modello,

          Gina Knight

          Dopo aver avuto il mio primo bambino, ho iniziato a perdere i capelli dopo il parto, il che è del tutto normale. Quando sei incinta trattieni tutti i tuoi capelli e sono lucenti, folti e adorabili, e poi una volta partorito iniziano a perdere. Può sembrare abbastanza estremo perché non hai perso i capelli in modo naturale nel tempo come quando non sei incinta, ma è del tutto normale.

          Mi aspettavo lo spargimento, ma dopo tre o quattro mesi la caduta dei capelli si stava concentrando davvero in certe zone. La corona della mia testa e i lati dei miei capelli erano caduti ed era molto evidente e quando sono andato dai medici, hanno pensato che, poiché avevo avuto un bambino, fosse solo il solito spargimento.

          Ho visto tre o quattro medici perché non ero soddisfatto della loro diagnosi. Poiché sono nero, i medici presumevano che i miei capelli stessero cadendo a causa di cattive pratiche sui capelli come indossare trecce strette o una trama che non avrebbe potuto essere più fuori luogo. All'epoca ero un blogger di capelli e mi piaceva molto i trattamenti olistici per capelli, per non parlare del fatto che non avevo mai avuto trecce o una trama.

          Poiché sono nero, i medici presumevano che i miei capelli stessero cadendo a causa delle cattive pratiche dei capelli.

          Successivamente, i medici hanno cercato di diagnosticare quasi tutto, compresa un'infezione fungina! Mi hanno prescritto creme topiche che non funzionavano e la fase successiva è stata quella di testare una chiazza dei miei capelli. Mi sentivo già a disagio per le ciocche di capelli che mi mancavano, non volevo rinunciare a un altro pezzo.

          Invece, ho fatto un sacco di ricerche e ho deciso di tagliare tutti i prodotti per lo styling dei capelli e semplicemente lavarli con acqua (dove ti basta sciacquare i capelli sotto l'acqua) per sei mesi. Allora sapevo che se i miei capelli continuavano a cadere era a causa di qualcosa che accadeva internamente, non a causa di un prodotto che stavo applicando esternamente.

          Ci è voluto quasi un anno prima che mi venisse correttamente diagnosticata l'alopecia correlata allo stress come parte della mia depressione postnatale e del disturbo da stress post-traumatico. Si è scoperto che il modo in cui il mio corpo reagiva era rifiutare i miei capelli.

          Capelli, Acconciatura, Capelli neri, Ricciolo Jheri, Sopracciglia, Bellezza, Labbro, Umano, S-curl, Afro,

          Gina Knight

          Avevo un neonato da accudire e sapere che i miei capelli stavano cadendo non faceva che aumentare lo stress. C'è stato un momento in cui la mia depressione postnatale è peggiorata così tanto che il medico ha voluto prescrivermi degli antidepressivi. Ma per quanto la perdita di capelli mi stesse abbattendo, come neo mamma non volevo sentirmi fuori. Molte persone scelgono di assumere farmaci e questa è totalmente una loro scelta, ma per me non volevo essere confuso in una fase così precoce della vita di mio figlio, o mai davvero.

          Dopo la diagnosi la gente continuava a dire “Perché non ti radi la testa?”, Perché l'avevo già fatto in precedenza. Ma c'è una grande differenza tra scegliere di radersi i capelli e dover radersi i capelli. Ti senti così fuori controllo.

          Invece, ho iniziato a giocare con le parrucche. Essendo stato conosciuto come un blogger di capelli con i capelli grandi, perderlo mi ha fatto perdere la fiducia. Sono una persona stravagante e volevo comunque essere favolosa senza danneggiare ulteriormente i miei capelli.

          C'è una grande differenza tra la scelta di radersi i capelli e il dover radersi i capelli.

          All'epoca la maggior parte delle parrucche utilizzava trame eurocentriche o sembravano così false, quindi ho iniziato a crearne una mia. Oltre a indossare e creare parrucche per altre donne che soffrono di caduta dei capelli, pratico anche molta meditazione per aiutare ad affrontare le mie ansie. Non sono scomparsi del tutto, non lo fanno mai veramente, ma il modo in cui li tratto ora è molto più chiaro.

          Ho appena avuto il mio secondo bambino e la perdita dei capelli è sempre nella parte posteriore della mia mente. Lo spargimento è ricominciato e le aree che prima avevano perso più capelli sono ancora molto più sottili. Le persone spesso pensano che la caduta dei capelli sia qualcosa su cui puoi mettere una crema e sarai curato, ma la maggior parte delle volte non è così. A volte, devi solo affrontare il fatto che non ricrescerà mai e affrontarlo.


          Juliet Cooke – Alopecia

          Juliet Cooke

          Juliet Cooke

          Nove mesi fa, mentre mi asciugavo i capelli, ho notato una piccola zona calva circolare sulla tempia sinistra. Non avevo idea di cosa fosse e ho chiamato immediatamente l'ambulatorio medico sperando di prenotare un appuntamento. Mi è stato detto al telefono che sembrava che avessi qualcosa chiamato Alopecia e il dottore non poteva vedermi per alcune settimane, ma non esiste una cura, quindi non ero un caso urgente rispetto ad altri.

          La prima cosa che ho fatto è stata andare su Internet per vedere cosa fosse questa cosa misteriosa chiamata Alopecia, non avendone nemmeno una vera idea. Internet era coperto di foto di persone calve e di quelle parole distruttive stampate ovunque, nessuna cura …

          Il panico che ho provato in quel momento è stato così travolgente e in realtà indescrivibile. I pensieri che mi scorrevano in testa non si fermavano … “E se perdessi tutti i capelli?” “Chi mai vorrà guardarmi?” “Come mi guarderò?” È andato avanti all'infinito.

          Nei mesi a seguire, ho perso i capelli ogni giorno, sia sotto la doccia che usciva a manciate o mi svegliavo con tutto il cuscino. I miei genitori e io abbiamo provato di tutto per fermarlo, iniezioni, creme steroidee, immunologi, tricologi, dermatologi … un flusso infinito di appuntamenti che hanno sempre avuto la stessa risposta -Ho avuto l'alopecia, nessuno sapeva perché, da cosa fosse o come Potrei fermarlo.

          Juliet Cooke

          Juliet Cooke

          C'era solo una cosa da fare nella mia mente ed era mantenere un sorriso sul mio viso e fingere che non stesse accadendo. Mettere un fronte è una delle cose più facili da fare, l'avevo fatto molte volte in passato, quindi perché non ora. Sfortunatamente c'è solo così tanto che puoi mascherare prima che l'emozione si riversi fuori dalle cuciture, e così è stato.

          Il giorno in cui ho iniziato a perdere le sopracciglia è stato il giorno in cui ho perso ogni speranza. Ho toccato il fondo. Non potevo alzarmi la mattina o mostrare la mia faccia in pubblico. Non è che stavo piangendo tutti i giorni, perché onestamente non avevo l'energia e nemmeno mi interessava abbastanza per farlo. Mi sono sentito completamente piatto. Non riuscivo a vedere una via d'uscita dal grande buco nero e non sono sicuro in quel momento se mi importasse davvero abbastanza di me stesso da provare. L'alopecia non è solo una condizione fisica, ma influisce in modo massiccio anche sul tuo stato mentale. La depressione è un'altra cosa di cui le persone parlano raramente, ma sta finalmente ottenendo l'attenzione dei media che merita così tanto.

          Un giorno, circa 2 mesi fa, ho deciso di dare una svolta alla mia vita e di rimettermi in carreggiata. Ero seduto nella casa per le vacanze della mia famiglia a Strangford e il sole brillava sul lago e attraverso la finestra e per la prima volta mi sembrava di avere energia e persino un po 'di speranza. Ho deciso che era ora di condividere il mio viaggio con tutti così non dovevo più nascondermi.

          Alla fine ho trovato il coraggio di battere al massimo l'alopecia e mi sono rasato la testa, riprendendo il controllo che la condizione mi aveva rubato.

          Mi sono seduto, ho acceso il mio iPad e ho iniziato a parlare, spiegando alle persone quello che avevo passato personalmente, cos'è l'alopecia, mostrando loro le mie zone calve nascoste, e poi ho cantato una canzone come la musica mi aveva aiutato nei momenti più difficili . L'ho postato su Facebook prima di pensare davvero. Non ero mai stata una persona pubblica, ma per qualche motivo non avevo dubbi che il mio atto di autoaiuto dovesse essere fatto in modo molto pubblico. Siamo tutti diversi e questo era il mio modo di affrontarlo.

          Alla fine ho trovato il coraggio di battere al massimo l'alopecia e mi sono rasato la testa, riprendendo il controllo che la condizione mi aveva rubato. Dicono che lo stress causa l'alopecia, ma siamo onesti che perdere i capelli provoca stress e c'è solo un modo per fermare quel ciclo.


          Emily May Armstrong – Tricotillomania

          Questo contenuto è importato da Instagram. Potresti essere in grado di trovare lo stesso contenuto in un altro formato, oppure potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni, sul loro sito web.

          Sono Emily, una studentessa di dottorato di 24 anni che vive a Glasgow e studia scienze vegetali e vivo con Trich da 15 anni.

          La tricotillomania è un disturbo compulsivo ripetitivo focalizzato sul corpo, un sottotipo di DOC. È caratterizzato da una compulsione a tirare o rimuovere i capelli; più comunemente dalla testa, ma può coinvolgere anche ciglia, sopracciglia o peli pubici.

          Mi è stato diagnosticato il Trich per la prima volta quando avevo nove anni, quando improvvisamente ho perso tutti i capelli dalla testa. Adesso ho 24 anni e, anche se peggiora con i picchi e le depressioni, non sei mai veramente libero dall'impulso. Oppure prendi solo cattive abitudini, come fumare, per superarlo.

          Trich è sotto-studiato nel Regno Unito, con il NHS piuttosto spinto per le risorse per provare a trattarlo. Sono stato indirizzato alla CBT (terapia cognitivo comportamentale) quando avevo 10 anni, il che mi ha reso più ansioso e depresso. Cercare di identificare i trigger di Trich è incredibilmente difficile; possono essere emotivi, fisici, situazionali e differire notevolmente tra gli individui. Per me, attualmente è soprattutto quando mi imbatto in cose confuse nella mia ricerca di dottorato; anche ansia e stress lo inducono.

          Questo contenuto è importato da Instagram. Potresti essere in grado di trovare lo stesso contenuto in un altro formato, oppure potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni, sul loro sito web.

          Trich è per lo più considerato intrattabile; non c'è abbastanza ricerca sui meccanismi d'azione mentali o neurofisiologici per sostenere davvero la causa. Sospetto che funzioni in modo simile a qualsiasi altra dipendenza; uno stimolo come una piccola quantità di dolore induce una risposta alla dopamina, una sensazione piacevole. Dopo un po ', il tuo bisogno fisiologico per il colpo di dopamina prevale sul tuo ragionamento per fermarti.

          La parte più isolante di Trich è cercare più che puoi di fermarti, non vuoi farlo, ma semplicemente non puoi. Sarebbe come chiedere a un alcolizzato di smettere di bere, se avesse bottiglie di vino attaccate alle mani 24 ore su 24, 7 giorni su 7. A volte sembra impossibile.

          Al momento sono in un momento difficile con Trich; manca circa la metà dei miei capelli. Fortunatamente mi sono “ allenato '' a scegliere aree meno evidenti, il che significa che per la maggior parte non puoi dirlo dalla maggior parte delle angolazioni, oa meno che tu non stia davvero guardando.

          È un enorme distruttore di autostima, so di essere colpevole di isolarmi dagli amici quando mi sento particolarmente vulnerabile, rifiutando le serate e gli eventi sociali altrimenti piacevoli. È un circolo vizioso, ti senti depresso, perdi i capelli. Hai perso i capelli, quindi ti senti depresso. Mi sono già suicidato prima, non c'è dubbio.

          Sarebbe come chiedere a un alcolizzato di smettere di bere, se avesse bottiglie di vino attaccate alle mani 24 ore su 24, 7 giorni su 7. A volte sembra impossibile.

          Non ho mai indossato una parrucca, i capelli rimanenti che ho sono spessi e molto ricci, quindi tendono a nascondere le cose per me. Sento che se fosse progredito in modo significativo e non potessi più controllarlo, allora lo farei quasi sicuramente. Quelli di alta qualità sono molto costosi, il che è un ostacolo per molti malati. Sto pensando di radermi i capelli in questo momento; ma so che sarebbe impossibile per me non tirare del tutto la ricrescita.

          La caduta dei capelli delle donne è ancora così tabù perché il sistema socio-economico in cui viviamo attribuisce un “valore” ingiustificato e non necessario all'aspetto fisico e allo stato sociale, indipendentemente dal sesso. Fino a quando non saremo in grado di liberarci da questo sistema patriarcale e repressivo approfittando della nostra insicurezza, sarà sempre un tabù distinguersi dal “normale”, il che contribuisce a molti problemi di salute mentale su tutta la linea.

          Sto cercando di abbracciare le mie differenze; Ho una lunga strada da percorrere.


          Hannah Robinson – Perdita di capelli a causa della sindrome dell'ovaio policistico

          Hannah Robinson

          Hannah Robinson

          Ho iniziato a perdere i capelli quando avevo circa 13 anni.

          All'inizio non me ne sono accorto perché si trattava di un diradamento graduale, ma una volta capito che stavo perdendo i miei folti capelli rosso-dorati, è stato devastante. Avevo sempre dato per scontato i miei capelli e per questo avevo ricevuto complimenti per tutta la vita. All'improvviso ero un'adolescente con perdita di capelli, il che rende ancora più difficile un periodo della vita già difficile.

          Ho scoperto di avere la PCOS (sindrome dell'ovaio policistico) associata alla resistenza all'insulina, che erano le cause della caduta dei capelli. Questo è stato più di 12 anni fa e sfortunatamente per me non si sapeva molto sulla condizione, che colpisce così tante donne. Tutti i medici di base e gli specialisti che ho visto erano uomini di mezza età, che erano sprezzanti e spesso all'oscuro di quello che stava succedendo. Mi è stato detto che non c'era davvero molto da fare e ho messo la pillola che avrebbe dovuto bilanciare le cose. A un certo punto mi è stato persino detto di non preoccuparmi di qualcosa di così banale come la caduta dei capelli.

          È stata dura attraversare la mia adolescenza con i capelli molto sottili. Non ho mai avuto punti calvi, ma a volte era così sottile che si poteva vedere facilmente il mio cuoio capelluto e se portavo i capelli sciolti sembravano solo pochi ciuffi.

          Nessuno sembra capire come ti fa sentire, quale impatto negativo ha sulla tua autostima e fiducia. Quando qualcuno ha 'una brutta giornata per i capelli', significa che l'intera giornata è una brutta giornata – è così che ci si sente ogni giorno come qualcuno con la caduta dei capelli. Tutti i miei amici si pettinavano e si travestivano per le serate e io sarei andato nel panico su come non sembrare come se fossi calvo.

          A un certo punto mi è stato persino detto di non preoccuparmi di qualcosa di così banale come la caduta dei capelli.

          I capelli spessi sono un segno di giovinezza, salute e vitalità – è qualcosa per cui tutti si battono. Siamo bombardati da annunci di prodotti per ispessire i capelli, quindi avere capelli così sottili ti fa sentire poco attraente, malsano e anormale, soprattutto quando tutti i tuoi amici hanno i capelli folti.

          I capelli folti e la femminilità sono intrinsecamente legati. Tagliarsi i capelli o radersi la testa da donna è visto come una mossa ribelle, audace o semplicemente folle (ricordi il crollo di Britney?). Ma pensa a tutte le celebrità maschili attraenti con la testa calva o rasata. Il diradamento dei capelli è visto come un tratto maschile, quindi quando una donna ne soffre, può farti sentire meno una donna.

          Personalmente amo i capelli corti sulle donne, mi sono tagliato i capelli molto corti un paio di volte. Ma è difficile scrollarsi di dosso quella sensazione che in qualche modo hai fallito come donna, perché non hai riccioli fluenti. La quantità di volte in cui i ragazzi mi hanno chiesto se ero una lesbica quando avevo i capelli corti illustra solo il fatto che viviamo in un mondo in cui le persone giudicano anche la tua sessualità da come sono i tuoi capelli!

          I miei capelli sono diventati leggermente più spessi negli ultimi anni a causa di provare altri farmaci e recentemente ho iniziato a usare la schiuma Regaine per le donne. Ho dovuto fare i conti con il fatto che non avrò mai capelli folti, ma di tanto in tanto mi fa cadere ancora, soprattutto quando attraverso periodi di stress e si assottigliano di nuovo. Ho scoperto che circa 6 mesi dopo essere stato ricoverato in ospedale mentre ero in viaggio in Africa e dopo il terremoto del 2015 in Nepal (ero un volontario lì all'epoca) i miei capelli si sono improvvisamente diradati di nuovo, il che è apparentemente comune dopo eventi traumatici.

          I tuoi capelli sono una parte così importante della tua identità che è difficile non risentirne negativamente perdendoli. Anche il mio ha cambiato colore quando si è assottigliato, quindi non sono più il rosso che ero una volta. È bello sapere che se ne parla di più ora e si spera che lo stigma dell'essere una donna con perdita di capelli scomparirà gradualmente.


          Julia Esgate Christmas – Alopecia causata da una malattia autoimmune geneticamente ereditata

          Cause ed esperienze di perdita dei capelli femminili

          Getty Images

          Ho notato la mancanza di una ciocca di capelli per la prima volta durante una stagione sciistica in Francia, a 19 anni e per la prima volta lontana dai miei genitori.

          Mi stavo asciugando i capelli e l'ho sentito. Dopo aver fatto finta di star bene, ho pianto molto quella sera quando sono andato a letto. Sono andato dal medico del resort il giorno successivo e mi ha informato che era a causa dello stress e non mi curavo adeguatamente. Aveva ragione, lavoravo tutti i giorni e mi divertivo quasi tutte le sere. Mi ha informato che non c'era niente che potessi fare al riguardo, ma aspettare che ricrescesse e che mi prendessi cura di me e della mia dieta.

          Ero sventrato, perché i miei capelli sono sempre stati la mia coperta di sicurezza. Fortunatamente potevo coprirlo con il resto dei miei capelli, tuttavia ero costantemente paranoico che qualcuno potesse vederlo, specialmente quando mi legavo i capelli.

          Alla fine sono ricresciuti ei nuovi capelli erano super ricci e morbidi quando il resto dei miei capelli è solo un po 'ondulato. Dopo aver pensato che fosse così, al mio primo anno di università a 22 anni ha colpito di nuovo sul lato opposto della mia testa. Non me ne sono accorto finché uno dei miei colleghi nel mio lavoro nel fine settimana non mi ha chiesto, con tatto, se me ne ero accorto.

          Non si parla abbastanza di perdita di capelli; si presume che non accada ai giovani.

          Il cerotto si è ingrandito e sono andato di nuovo dal medico, che mi ha informato che poiché ho una storia familiare di malattia autoimmune (mia madre ha l'artrite reumatoide) questo potrebbe aver influito sulla mia perdita di capelli. Ancora una volta, non c'era niente da fare se non prendersi cura di me stesso e aspettare che ricrescesse. Di nuovo, ero così consapevole che fosse visto da altre persone. Sta ancora ricrescendo ora e devo raddrizzare il ricciolo.

          Non si parla abbastanza di perdita di capelli; si presume che non accada ai giovani. Ho cercato di parlarne il più apertamente possibile con i miei amici e altri per cancellare lo stigma che circonda l'alopecia areata come può capitare a chiunque.

          Alcuni dei miei amici mi hanno chiamato per dirmi che è successo a loro e sapevano che avevo sofferto, quindi mi hanno chiesto consigli e l'unico consiglio che posso dare è; prenditi cura di te stesso il più possibile, parla alle persone di come ti sta influenzando e non spazzolare mai i capelli quando sono bagnati!

          Non sei il primo e non sarai l'ultimo!

          Ti piace questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere più articoli come questo direttamente nella tua casella di posta.

          Hai bisogno di più ispirazione, giornalismo premuroso e consigli di bellezza a casa? Abbonati oggi alla rivista cartacea di ELLE! ISCRIVITI QUI


          Questa sezione di commenti viene creata e gestita da una terza parte e importata in questa pagina. Potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni sul loro sito web.

        Psorilax:Per le donne |miglior crema corpo per psoriasi

        0

        Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, quanto costa

        Tra le mestruazioni, la menopausa e, beh, tanti altri argomenti, a volte sembra che ci sia un elenco infinito di argomenti di conversazione che sono ritenuti troppo rozzi per noi donne di cui parlare apertamente – caduta dei capelli femminile inclusa.

        Ma, come per ogni argomento “tabù”, una conversazione sulla realtà della sofferenza della caduta dei capelli femminile è in ritardo.

        La domanda è: perché una condizione che colpisce un'enorme percentuale di uomini dovrebbe essere così tabù per le donne? E, come ogni altra cosa, quanto è peggio quando ti senti completamente solo con esso?

        È ora di parlare.

        Questo contenuto è importato da Instagram. Potresti essere in grado di trovare lo stesso contenuto in un altro formato, oppure potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni, sul loro sito web.

        Il colpevole più recente dietro la caduta dei capelli femminile? Coronavirus. Man mano che la pandemia continua e si acquisiscono sempre più informazioni sui sintomi e sugli effetti fisici del virus debilitante, diventa evidente che un effetto collaterale inaspettato nelle donne è la drammatica perdita di capelli.

        Ad aprire la conversazione sulla caduta dei capelli femminile a causa del Covid-19 è l'attrice Alyssa Milano che ha recentemente rivelato la sua esperienza di caduta dei capelli a causa del virus. Parlando in un video ai suoi follower, Milano ha detto: “Pensavo di mostrarti cosa fa # Covid19 ai tuoi capelli. Si prega di prenderlo sul serio ', mentre si spazzola i capelli e mostra la quantità che le era caduta tra le mani.

        Capelli di Kristin Davis

        Getty Images

        Anche l'attrice Kristin Davis, alias Charlotte di SATC, ha recentemente rivelato a WWD le sue lotte con il diradamento dei capelli:

        'Era molto bello, come se fosse andato via, non c'erano quasi i capelli lì … quando ho provato a fare qualcosa o dovevo andare da qualche parte mi sono detto, “Dove sono i miei capelli?”'

        Con i dati del NHS che suggeriscono che circa la metà delle donne di età superiore ai 65 anni sperimenterà la perdita di capelli di tipo femminile, per non parlare di un'intera pletora di altre forme di perdita di capelli che colpiscono le donne ovunque, sicuramente è tempo di scrollarsi di dosso quel tabù una volta per tutte e parlare.

        Ma perché i nostri capelli cadono? Ci siamo rivolti ai professionisti …

        Che cosa causa la perdita dei capelli nelle donne?

        “Ci sono diversi possibili fattori che possono provocare la caduta dei capelli per le donne e non tutti sono facilmente gestibili”, afferma David Brooks, capo della ricerca e sviluppo di Leonor Greyl.

        1.Genetica

            “La genetica e / o lo stress emotivo o fisico intenso possono essere molto difficili da gestire. Nel caso di “Bad Genetics” probabilmente otterrai i tuoi migliori risultati usando qualcosa da banco come il minoxidil (un farmaco usato per il trattamento della caduta dei capelli di tipo maschile).

            “Sfortunatamente, quando smetti di usare il minoxidil, è molto probabile che tu possa sperimentare una perdita di capelli ancora peggiore rispetto a prima di iniziare a usarlo”, spiega Brooks.

            2. Dieta

            Altre cause di perdita di capelli nelle donne possono essere carenze nutrizionali o l'uso di determinati farmaci. Questi possono essere facilmente risolti correggendo la dieta o interrompendo l'uso di farmaci (consultare il proprio medico prima di interrompere).

            3. Elaborazione eccessiva e acconciatura dei capelli

            'L'elaborazione eccessiva dei capelli, della forfora e della psoriasi del cuoio capelluto e l'uso di acconciature troppo strette è troppo spesso qualcosa che viene davvero trascurato. La soluzione ovvia è fermarsi! Stai solo tirando le radici e quindi indebolendole nel tempo. I capelli cadranno e non ricresceranno ”.

            4. Parto e menopausa

            “Il parto e la menopausa sono un'altra possibile causa della caduta dei capelli nelle donne”, afferma Brooks. “Il rapido aumento e diminuzione dei livelli ormonali può essere molto difficile da gestire a molti livelli.”

            perdita di capelli femminile

            Klaus Vedfelt

            Il Coronavirus può causare la caduta dei capelli?

            Sebbene non sia ufficialmente elencato come un sintomo del Coronavirus, un'ondata di donne si è fatta avanti con affermazioni di perdita di capelli a causa del virus.

            “I pazienti che hanno subito un'insorgenza prolungata e intensa del coronavirus circa 2-4 mesi prima stanno ora segnalando una grave perdita di capelli”, afferma Laura Sagen, esperta di perdita di capelli e crescita.

            'La perdita dei capelli non è nell'elenco dei sintomi ufficiali, quindi all'inizio è facile allarmarsi per un potenziale sintomo in più a cui iniziare a cercare. In particolare, si verifica dopo l'inizio della malattia piuttosto che prima. Questo può essere il risultato di un forte stress che i pazienti che hanno sofferto di una forma grave o prolungata di coronavirus, altrimenti noto come telogen effluvium – perdita di capelli correlata allo stress.

            Con sempre più donne che subiscono una drammatica perdita di capelli in aggiunta ad altri sintomi, sembra essere più che una semplice coincidenza.


            Ma, come potrebbe dirti qualsiasi donna che ha sofferto di perdita di capelli, la sterile spiegazione medica della perdita di capelli raramente è correlata all'esperienza umana di essere una donna che sta perdendo i capelli.

            Abbiamo parlato con sei donne delle loro esperienze personali e di come stanno dando il dito contro la caduta dei capelli femminile, un giorno alla volta …


            Jenny Pitt – Perdita di capelli come effetto collaterale del coronavirus

            perdita di capelli da coronavirus

            Jenny prima della sua perdita di capelli

            .

            Era la metà di marzo quando sono stato ricoverato al Kingston Hospital con il Coronavirus. Sono stato davvero malato per due settimane con febbre alta e dolori gastrici terribili, ma stava peggiorando sempre di più. Alla fine, sono stato portato al pronto soccorso e mi è stato somministrato ossigeno per quattro giorni.

            Una volta lasciato l'ospedale, ho pensato che fosse tutto finito. Ma, all'improvviso, ho iniziato a sentirmi di nuovo un po 'agitato. Ero senza fiato e il mio cuoio capelluto iniziò a bruciare e mi faceva male al tatto. Mi lavavo i capelli tutti i giorni come al solito e mentre li pettinavo ho iniziato a notare che non avrebbe smesso di cadere. Ce n'erano a manciate sotto la doccia tutt'intorno ai miei piedi. Ho solo pensato, “Oh mio Dio”.

            perdita di capelli da coronavirus

            .

            Speravo fosse forse un'esperienza una tantum. Mi erano accadute così tante cose brutte nelle settimane precedenti che pensavo di andare avanti senza preoccuparmi. Ma ha continuato a succedere. Ogni giorno per un mese, ogni volta che mi pettinavo o mi spazzolavo i capelli, cadevano e coprivano il pavimento della mia camera da letto. Continuava a perdere.

            Sono arrivato al punto in cui il mio cuoio capelluto era così dolorante che era troppo doloroso anche solo sdraiare la testa sul cuscino. Prima che avessi il Coronavirus, i miei capelli erano il mio orgoglio e la mia gioia. Vorrei fare una mezza testa di momenti salienti ogni otto settimane e ottenere i phon prima di una grande serata fuori. Sono una mamma, quindi era il mio modo di prendermi cura di me stessa. Sentirlo cadere e vederlo sembrare così sottile intorno all'attaccatura dei miei capelli era così angosciante. Non riuscivo a credere a quanto stava cadendo. Sono stato così fortunato ad evitare di andare in terapia intensiva e sentirmi come se fossi di nuovo malato otto settimane dopo è stato orribile. Avevo questa terribile paura che non si sarebbe fermato e avrei dovuto indossare parrucche. Pensavo di diventare calvo.

            perdita di capelli da coronavirus

            .

            Mi sentivo così male e la mia perdita di capelli era diventata così drammatica che ho iniziato a farmi prendere dal panico perché avevo ancora il Coronavirus. Ho deciso di andare dai dottori. Pensavo che lo stress fisico di essere malato potesse aver portato all'alopecia, ma il mio medico di famiglia ha esaminato il mio cuoio capelluto e senza zone calve ha concluso che non era così. “Penso che questo sia Covid”, ha detto. Mi ha detto che l'alta temperatura che avevo avuto per così tanto tempo a causa del Coronavirus mi aveva fatto cadere i capelli.

            Poi, con la stessa rapidità con cui è iniziato, quattro settimane dopo si è fermato. Avevo passato un mese a chiedermi se sarebbe mai finita, ciuffi di capelli che cadevano, evitando di spazzolarli o qualsiasi cosa che potesse peggiorare le cose e all'improvviso si è semplicemente fermato. Sembrava così spoglio e sottile – sapevo che dovevo tagliarlo. Qualsiasi tipo di tintura per capelli era completamente fuori dalle carte, ma ho pensato che un buon taglio di capelli avrebbe potuto almeno togliere il peso. Il mio parrucchiere me lo ha tagliato sulle spalle – tagliare i capelli morti era così catartico.

            Ora ha iniziato a ricrescere in ciuffi grigi e marrone topo. Prima sarei stato inorridito di avere ciuffi grigi di capelli che spuntavano, ma ora sono così eccitato che sta ricrescendo e li sto mostrando. Il sollievo che non sto diventando calvo e posso vedere che i miei capelli si stanno riprendendo è abbastanza positivo per me.


            Gina Knight – Telogen Effluvium causato dalla depressione post-natale

            Capelli, Acconciatura, Bellezza, Capelli neri, Labbro, Fronte, Umano, S-curl, Orecchio, Modello,

            Gina Knight

            Dopo aver avuto il mio primo bambino, ho iniziato a perdere i capelli dopo il parto, il che è del tutto normale. Quando sei incinta trattieni tutti i tuoi capelli e sono lucenti, folti e adorabili, e poi una volta partorito iniziano a perdere. Può sembrare abbastanza estremo perché non hai perso i capelli in modo naturale nel tempo come quando non sei incinta, ma è del tutto normale.

            Mi aspettavo lo spargimento, ma dopo tre o quattro mesi la caduta dei capelli si stava concentrando davvero in certe zone. La corona della mia testa e i lati dei miei capelli erano caduti ed era molto evidente e quando sono andato dai medici, hanno pensato che, poiché avevo avuto un bambino, fosse solo il solito spargimento.

            Ho visto tre o quattro medici perché non ero soddisfatto della loro diagnosi. Poiché sono nero, i medici presumevano che i miei capelli stessero cadendo a causa di cattive pratiche sui capelli come indossare trecce strette o una trama che non avrebbe potuto essere più fuori luogo. All'epoca ero un blogger di capelli e mi piaceva molto i trattamenti olistici per capelli, per non parlare del fatto che non avevo mai avuto trecce o una trama.

            Poiché sono nero, i medici presumevano che i miei capelli stessero cadendo a causa delle cattive pratiche dei capelli.

            Successivamente, i medici hanno cercato di diagnosticare quasi tutto, compresa un'infezione fungina! Mi hanno prescritto creme topiche che non funzionavano e la fase successiva è stata quella di testare una chiazza dei miei capelli. Mi sentivo già a disagio per le ciocche di capelli che mi mancavano, non volevo rinunciare a un altro pezzo.

            Invece, ho fatto un sacco di ricerche e ho deciso di tagliare tutti i prodotti per lo styling dei capelli e semplicemente lavarli con acqua (dove ti basta sciacquare i capelli sotto l'acqua) per sei mesi. Allora sapevo che se i miei capelli continuavano a cadere era a causa di qualcosa che accadeva internamente, non a causa di un prodotto che stavo applicando esternamente.

            Ci è voluto quasi un anno prima che mi venisse correttamente diagnosticata l'alopecia correlata allo stress come parte della mia depressione postnatale e del disturbo da stress post-traumatico. Si è scoperto che il modo in cui il mio corpo reagiva era rifiutare i miei capelli.

            Capelli, Acconciatura, Capelli neri, Ricciolo Jheri, Sopracciglia, Bellezza, Labbro, Umano, S-curl, Afro,

            Gina Knight

            Avevo un neonato da accudire e sapere che i miei capelli stavano cadendo non faceva che aumentare lo stress. C'è stato un momento in cui la mia depressione postnatale è peggiorata così tanto che il medico ha voluto prescrivermi degli antidepressivi. Ma per quanto la perdita di capelli mi stesse abbattendo, come neo mamma non volevo sentirmi fuori. Molte persone scelgono di assumere farmaci e questa è totalmente una loro scelta, ma per me non volevo essere confuso in una fase così precoce della vita di mio figlio, o mai davvero.

            Dopo la diagnosi la gente continuava a dire “Perché non ti radi la testa?”, Perché l'avevo già fatto in precedenza. Ma c'è una grande differenza tra scegliere di radersi i capelli e dover radersi i capelli. Ti senti così fuori controllo.

            Invece, ho iniziato a giocare con le parrucche. Essendo stato conosciuto come un blogger di capelli con i capelli grandi, perderlo mi ha fatto perdere la fiducia. Sono una persona stravagante e volevo comunque essere favolosa senza danneggiare ulteriormente i miei capelli.

            C'è una grande differenza tra la scelta di radersi i capelli e il dover radersi i capelli.

            All'epoca la maggior parte delle parrucche utilizzava trame eurocentriche o sembravano così false, quindi ho iniziato a crearne una mia. Oltre a indossare e creare parrucche per altre donne che soffrono di caduta dei capelli, pratico anche molta meditazione per aiutare ad affrontare le mie ansie. Non sono scomparsi del tutto, non lo fanno mai veramente, ma il modo in cui li tratto ora è molto più chiaro.

            Ho appena avuto il mio secondo bambino e la perdita dei capelli è sempre nella parte posteriore della mia mente. Lo spargimento è ricominciato e le aree che prima avevano perso più capelli sono ancora molto più sottili. Le persone spesso pensano che la caduta dei capelli sia qualcosa su cui puoi mettere una crema e sarai curato, ma la maggior parte delle volte non è così. A volte, devi solo affrontare il fatto che non ricrescerà mai e affrontarlo.


            Juliet Cooke – Alopecia

            Juliet Cooke

            Juliet Cooke

            Nove mesi fa, mentre mi asciugavo i capelli, ho notato una piccola zona calva circolare sulla tempia sinistra. Non avevo idea di cosa fosse e ho chiamato immediatamente l'ambulatorio medico sperando di prenotare un appuntamento. Mi è stato detto al telefono che sembrava che avessi qualcosa chiamato Alopecia e il dottore non poteva vedermi per alcune settimane, ma non esiste una cura, quindi non ero un caso urgente rispetto ad altri.

            La prima cosa che ho fatto è stata andare su Internet per vedere cosa fosse questa cosa misteriosa chiamata Alopecia, non avendone nemmeno una vera idea. Internet era coperto di foto di persone calve e di quelle parole distruttive stampate ovunque, nessuna cura …

            Il panico che ho provato in quel momento è stato così travolgente e in realtà indescrivibile. I pensieri che mi scorrevano in testa non si fermavano … “E se perdessi tutti i capelli?” “Chi mai vorrà guardarmi?” “Come mi guarderò?” È andato avanti all'infinito.

            Nei mesi a seguire, ho perso i capelli ogni giorno, sia sotto la doccia che usciva a manciate o mi svegliavo con tutto il cuscino. I miei genitori e io abbiamo provato di tutto per fermarlo, iniezioni, creme steroidee, immunologi, tricologi, dermatologi … un flusso infinito di appuntamenti che hanno sempre avuto la stessa risposta -Ho avuto l'alopecia, nessuno sapeva perché, da cosa fosse o come Potrei fermarlo.

            Juliet Cooke

            Juliet Cooke

            C'era solo una cosa da fare nella mia mente ed era mantenere un sorriso sul mio viso e fingere che non stesse accadendo. Mettere un fronte è una delle cose più facili da fare, l'avevo fatto molte volte in passato, quindi perché non ora. Sfortunatamente c'è solo così tanto che puoi mascherare prima che l'emozione si riversi fuori dalle cuciture, e così è stato.

            Il giorno in cui ho iniziato a perdere le sopracciglia è stato il giorno in cui ho perso ogni speranza. Ho toccato il fondo. Non potevo alzarmi la mattina o mostrare la mia faccia in pubblico. Non è che stavo piangendo tutti i giorni, perché onestamente non avevo l'energia e nemmeno mi interessava abbastanza per farlo. Mi sono sentito completamente piatto. Non riuscivo a vedere una via d'uscita dal grande buco nero e non sono sicuro in quel momento se mi importasse davvero abbastanza di me stesso da provare. L'alopecia non è solo una condizione fisica, ma influisce in modo massiccio anche sul tuo stato mentale. La depressione è un'altra cosa di cui le persone parlano raramente, ma sta finalmente ottenendo l'attenzione dei media che merita così tanto.

            Un giorno, circa 2 mesi fa, ho deciso di dare una svolta alla mia vita e di rimettermi in carreggiata. Ero seduto nella casa per le vacanze della mia famiglia a Strangford e il sole brillava sul lago e attraverso la finestra e per la prima volta mi sembrava di avere energia e persino un po 'di speranza. Ho deciso che era ora di condividere il mio viaggio con tutti così non dovevo più nascondermi.

            Alla fine ho trovato il coraggio di battere al massimo l'alopecia e mi sono rasato la testa, riprendendo il controllo che la condizione mi aveva rubato.

            Mi sono seduto, ho acceso il mio iPad e ho iniziato a parlare, spiegando alle persone quello che avevo passato personalmente, cos'è l'alopecia, mostrando loro le mie zone calve nascoste, e poi ho cantato una canzone come la musica mi aveva aiutato nei momenti più difficili . L'ho postato su Facebook prima di pensare davvero. Non ero mai stata una persona pubblica, ma per qualche motivo non avevo dubbi che il mio atto di autoaiuto dovesse essere fatto in modo molto pubblico. Siamo tutti diversi e questo era il mio modo di affrontarlo.

            Alla fine ho trovato il coraggio di battere al massimo l'alopecia e mi sono rasato la testa, riprendendo il controllo che la condizione mi aveva rubato. Dicono che lo stress causa l'alopecia, ma siamo onesti che perdere i capelli provoca stress e c'è solo un modo per fermare quel ciclo.


            Emily May Armstrong – Tricotillomania

            Questo contenuto è importato da Instagram. Potresti essere in grado di trovare lo stesso contenuto in un altro formato, oppure potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni, sul loro sito web.

            Sono Emily, una studentessa di dottorato di 24 anni che vive a Glasgow e studia scienze vegetali e vivo con Trich da 15 anni.

            La tricotillomania è un disturbo compulsivo ripetitivo focalizzato sul corpo, un sottotipo di DOC. È caratterizzato da una compulsione a tirare o rimuovere i capelli; più comunemente dalla testa, ma può coinvolgere anche ciglia, sopracciglia o peli pubici.

            Mi è stato diagnosticato il Trich per la prima volta quando avevo nove anni, quando improvvisamente ho perso tutti i capelli dalla testa. Adesso ho 24 anni e, anche se peggiora con i picchi e le depressioni, non sei mai veramente libero dall'impulso. Oppure prendi solo cattive abitudini, come fumare, per superarlo.

            Trich è sotto-studiato nel Regno Unito, con il NHS piuttosto spinto per le risorse per provare a trattarlo. Sono stato indirizzato alla CBT (terapia cognitivo comportamentale) quando avevo 10 anni, il che mi ha reso più ansioso e depresso. Cercare di identificare i trigger di Trich è incredibilmente difficile; possono essere emotivi, fisici, situazionali e differire notevolmente tra gli individui. Per me, attualmente è soprattutto quando mi imbatto in cose confuse nella mia ricerca di dottorato; anche ansia e stress lo inducono.

            Questo contenuto è importato da Instagram. Potresti essere in grado di trovare lo stesso contenuto in un altro formato, oppure potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni, sul loro sito web.

            Trich è per lo più considerato intrattabile; non c'è abbastanza ricerca sui meccanismi d'azione mentali o neurofisiologici per sostenere davvero la causa. Sospetto che funzioni in modo simile a qualsiasi altra dipendenza; uno stimolo come una piccola quantità di dolore induce una risposta alla dopamina, una sensazione piacevole. Dopo un po ', il tuo bisogno fisiologico per il colpo di dopamina prevale sul tuo ragionamento per fermarti.

            La parte più isolante di Trich è cercare più che puoi di fermarti, non vuoi farlo, ma semplicemente non puoi. Sarebbe come chiedere a un alcolizzato di smettere di bere, se avesse bottiglie di vino attaccate alle mani 24 ore su 24, 7 giorni su 7. A volte sembra impossibile.

            Al momento sono in un momento difficile con Trich; manca circa la metà dei miei capelli. Fortunatamente mi sono “ allenato '' a scegliere aree meno evidenti, il che significa che per la maggior parte non puoi dirlo dalla maggior parte delle angolazioni, oa meno che tu non stia davvero guardando.

            È un enorme distruttore di autostima, so di essere colpevole di isolarmi dagli amici quando mi sento particolarmente vulnerabile, rifiutando le serate e gli eventi sociali altrimenti piacevoli. È un circolo vizioso, ti senti depresso, perdi i capelli. Hai perso i capelli, quindi ti senti depresso. Mi sono già suicidato prima, non c'è dubbio.

            Sarebbe come chiedere a un alcolizzato di smettere di bere, se avesse bottiglie di vino attaccate alle mani 24 ore su 24, 7 giorni su 7. A volte sembra impossibile.

            Non ho mai indossato una parrucca, i capelli rimanenti che ho sono spessi e molto ricci, quindi tendono a nascondere le cose per me. Sento che se fosse progredito in modo significativo e non potessi più controllarlo, allora lo farei quasi sicuramente. Quelli di alta qualità sono molto costosi, il che è un ostacolo per molti malati. Sto pensando di radermi i capelli in questo momento; ma so che sarebbe impossibile per me non tirare del tutto la ricrescita.

            La caduta dei capelli delle donne è ancora così tabù perché il sistema socio-economico in cui viviamo attribuisce un “valore” ingiustificato e non necessario all'aspetto fisico e allo stato sociale, indipendentemente dal sesso. Fino a quando non saremo in grado di liberarci da questo sistema patriarcale e repressivo approfittando della nostra insicurezza, sarà sempre un tabù distinguersi dal “normale”, il che contribuisce a molti problemi di salute mentale su tutta la linea.

            Sto cercando di abbracciare le mie differenze; Ho una lunga strada da percorrere.


            Hannah Robinson – Perdita di capelli a causa della sindrome dell'ovaio policistico

            Hannah Robinson

            Hannah Robinson

            Ho iniziato a perdere i capelli quando avevo circa 13 anni.

            All'inizio non me ne sono accorto perché si trattava di un diradamento graduale, ma una volta capito che stavo perdendo i miei folti capelli rosso-dorati, è stato devastante. Avevo sempre dato per scontato i miei capelli e per questo avevo ricevuto complimenti per tutta la vita. All'improvviso ero un'adolescente con perdita di capelli, il che rende ancora più difficile un periodo della vita già difficile.

            Ho scoperto di avere la PCOS (sindrome dell'ovaio policistico) associata alla resistenza all'insulina, che erano le cause della caduta dei capelli. Questo è stato più di 12 anni fa e sfortunatamente per me non si sapeva molto sulla condizione, che colpisce così tante donne. Tutti i medici di base e gli specialisti che ho visto erano uomini di mezza età, che erano sprezzanti e spesso all'oscuro di quello che stava succedendo. Mi è stato detto che non c'era davvero molto da fare e ho messo la pillola che avrebbe dovuto bilanciare le cose. A un certo punto mi è stato persino detto di non preoccuparmi di qualcosa di così banale come la caduta dei capelli.

            È stata dura attraversare la mia adolescenza con i capelli molto sottili. Non ho mai avuto punti calvi, ma a volte era così sottile che si poteva vedere facilmente il mio cuoio capelluto e se portavo i capelli sciolti sembravano solo pochi ciuffi.

            Nessuno sembra capire come ti fa sentire, quale impatto negativo ha sulla tua autostima e fiducia. Quando qualcuno ha 'una brutta giornata per i capelli', significa che l'intera giornata è una brutta giornata – è così che ci si sente ogni giorno come qualcuno con la caduta dei capelli. Tutti i miei amici si pettinavano e si travestivano per le serate e io sarei andato nel panico su come non sembrare come se fossi calvo.

            A un certo punto mi è stato persino detto di non preoccuparmi di qualcosa di così banale come la caduta dei capelli.

            I capelli spessi sono un segno di giovinezza, salute e vitalità – è qualcosa per cui tutti si battono. Siamo bombardati da annunci di prodotti per ispessire i capelli, quindi avere capelli così sottili ti fa sentire poco attraente, malsano e anormale, soprattutto quando tutti i tuoi amici hanno i capelli folti.

            I capelli folti e la femminilità sono intrinsecamente legati. Tagliarsi i capelli o radersi la testa da donna è visto come una mossa ribelle, audace o semplicemente folle (ricordi il crollo di Britney?). Ma pensa a tutte le celebrità maschili attraenti con la testa calva o rasata. Il diradamento dei capelli è visto come un tratto maschile, quindi quando una donna ne soffre, può farti sentire meno una donna.

            Personalmente amo i capelli corti sulle donne, mi sono tagliato i capelli molto corti un paio di volte. Ma è difficile scrollarsi di dosso quella sensazione che in qualche modo hai fallito come donna, perché non hai riccioli fluenti. La quantità di volte in cui i ragazzi mi hanno chiesto se ero una lesbica quando avevo i capelli corti illustra solo il fatto che viviamo in un mondo in cui le persone giudicano anche la tua sessualità da come sono i tuoi capelli!

            I miei capelli sono diventati leggermente più spessi negli ultimi anni a causa di provare altri farmaci e recentemente ho iniziato a usare la schiuma Regaine per le donne. Ho dovuto fare i conti con il fatto che non avrò mai capelli folti, ma di tanto in tanto mi fa cadere ancora, soprattutto quando attraverso periodi di stress e si assottigliano di nuovo. Ho scoperto che circa 6 mesi dopo essere stato ricoverato in ospedale mentre ero in viaggio in Africa e dopo il terremoto del 2015 in Nepal (ero un volontario lì all'epoca) i miei capelli si sono improvvisamente diradati di nuovo, il che è apparentemente comune dopo eventi traumatici.

            I tuoi capelli sono una parte così importante della tua identità che è difficile non risentirne negativamente perdendoli. Anche il mio ha cambiato colore quando si è assottigliato, quindi non sono più il rosso che ero una volta. È bello sapere che se ne parla di più ora e si spera che lo stigma dell'essere una donna con perdita di capelli scomparirà gradualmente.


            Julia Esgate Christmas – Alopecia causata da una malattia autoimmune geneticamente ereditata

            Cause ed esperienze di perdita dei capelli femminili

            Getty Images

            Ho notato la mancanza di una ciocca di capelli per la prima volta durante una stagione sciistica in Francia, a 19 anni e per la prima volta lontana dai miei genitori.

            Mi stavo asciugando i capelli e l'ho sentito. Dopo aver fatto finta di star bene, ho pianto molto quella sera quando sono andato a letto. Sono andato dal medico del resort il giorno successivo e mi ha informato che era a causa dello stress e non mi curavo adeguatamente. Aveva ragione, lavoravo tutti i giorni e mi divertivo quasi tutte le sere. Mi ha informato che non c'era niente che potessi fare al riguardo, ma aspettare che ricrescesse e che mi prendessi cura di me e della mia dieta.

            Ero sventrato, perché i miei capelli sono sempre stati la mia coperta di sicurezza. Fortunatamente potevo coprirlo con il resto dei miei capelli, tuttavia ero costantemente paranoico che qualcuno potesse vederlo, specialmente quando mi legavo i capelli.

            Alla fine sono ricresciuti ei nuovi capelli erano super ricci e morbidi quando il resto dei miei capelli è solo un po 'ondulato. Dopo aver pensato che fosse così, al mio primo anno di università a 22 anni ha colpito di nuovo sul lato opposto della mia testa. Non me ne sono accorto finché uno dei miei colleghi nel mio lavoro nel fine settimana non mi ha chiesto, con tatto, se me ne ero accorto.

            Non si parla abbastanza di perdita di capelli; si presume che non accada ai giovani.

            Il cerotto si è ingrandito e sono andato di nuovo dal medico, che mi ha informato che poiché ho una storia familiare di malattia autoimmune (mia madre ha l'artrite reumatoide) questo potrebbe aver influito sulla mia perdita di capelli. Ancora una volta, non c'era niente da fare se non prendersi cura di me stesso e aspettare che ricrescesse. Di nuovo, ero così consapevole che fosse visto da altre persone. Sta ancora ricrescendo ora e devo raddrizzare il ricciolo.

            Non si parla abbastanza di perdita di capelli; si presume che non accada ai giovani. Ho cercato di parlarne il più apertamente possibile con i miei amici e altri per cancellare lo stigma che circonda l'alopecia areata come può capitare a chiunque.

            Alcuni dei miei amici mi hanno chiamato per dirmi che è successo a loro e sapevano che avevo sofferto, quindi mi hanno chiesto consigli e l'unico consiglio che posso dare è; prenditi cura di te stesso il più possibile, parla alle persone di come ti sta influenzando e non spazzolare mai i capelli quando sono bagnati!

            Non sei il primo e non sarai l'ultimo!

            Ti piace questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere più articoli come questo direttamente nella tua casella di posta.

            Hai bisogno di più ispirazione, giornalismo premuroso e consigli di bellezza a casa? Abbonati oggi alla rivista cartacea di ELLE! ISCRIVITI QUI


            Questa sezione di commenti viene creata e gestita da una terza parte e importata in questa pagina. Potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni sul loro sito web.

          Psorilax:Come |crema ossido di zinco per psoriasi

          0

          Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, dove si compra

          Tra le mestruazioni, la menopausa e, beh, tanti altri argomenti, a volte sembra che ci sia un elenco infinito di argomenti di conversazione che sono ritenuti troppo rozzi per noi donne di cui parlare apertamente – caduta dei capelli femminile inclusa.

          Ma, come per ogni argomento “tabù”, una conversazione sulla realtà della sofferenza della caduta dei capelli femminile è in ritardo.

          La domanda è: perché una condizione che colpisce un'enorme percentuale di uomini dovrebbe essere così tabù per le donne? E, come ogni altra cosa, quanto è peggio quando ti senti completamente solo con esso?

          È ora di parlare.

          Questo contenuto è importato da Instagram. Potresti essere in grado di trovare lo stesso contenuto in un altro formato, oppure potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni, sul loro sito web.

          Il colpevole più recente dietro la caduta dei capelli femminile? Coronavirus. Man mano che la pandemia continua e si acquisiscono sempre più informazioni sui sintomi e sugli effetti fisici del virus debilitante, diventa evidente che un effetto collaterale inaspettato nelle donne è la drammatica perdita di capelli.

          Ad aprire la conversazione sulla caduta dei capelli femminile a causa del Covid-19 è l'attrice Alyssa Milano che ha recentemente rivelato la sua esperienza di caduta dei capelli a causa del virus. Parlando in un video ai suoi follower, Milano ha detto: “Pensavo di mostrarti cosa fa # Covid19 ai tuoi capelli. Si prega di prenderlo sul serio ', mentre si spazzola i capelli e mostra la quantità che le era caduta tra le mani.

          Capelli di Kristin Davis

          Getty Images

          Anche l'attrice Kristin Davis, alias Charlotte di SATC, ha recentemente rivelato a WWD le sue lotte con il diradamento dei capelli:

          'Era molto bello, come se fosse andato via, non c'erano quasi i capelli lì … quando ho provato a fare qualcosa o dovevo andare da qualche parte mi sono detto, “Dove sono i miei capelli?”'

          Con i dati del NHS che suggeriscono che circa la metà delle donne di età superiore ai 65 anni sperimenterà la perdita di capelli di tipo femminile, per non parlare di un'intera pletora di altre forme di perdita di capelli che colpiscono le donne ovunque, sicuramente è tempo di scrollarsi di dosso quel tabù una volta per tutte e parlare.

          Ma perché i nostri capelli cadono? Ci siamo rivolti ai professionisti …

          Che cosa causa la perdita dei capelli nelle donne?

          “Ci sono diversi possibili fattori che possono provocare la caduta dei capelli per le donne e non tutti sono facilmente gestibili”, afferma David Brooks, capo della ricerca e sviluppo di Leonor Greyl.

          1.Genetica

              “La genetica e / o lo stress emotivo o fisico intenso possono essere molto difficili da gestire. Nel caso di “Bad Genetics” probabilmente otterrai i tuoi migliori risultati usando qualcosa da banco come il minoxidil (un farmaco usato per il trattamento della caduta dei capelli di tipo maschile).

              “Sfortunatamente, quando smetti di usare il minoxidil, è molto probabile che tu possa sperimentare una perdita di capelli ancora peggiore rispetto a prima di iniziare a usarlo”, spiega Brooks.

              2. Dieta

              Altre cause di perdita di capelli nelle donne possono essere carenze nutrizionali o l'uso di determinati farmaci. Questi possono essere facilmente risolti correggendo la dieta o interrompendo l'uso di farmaci (consultare il proprio medico prima di interrompere).

              3. Elaborazione eccessiva e acconciatura dei capelli

              'L'elaborazione eccessiva dei capelli, della forfora e della psoriasi del cuoio capelluto e l'uso di acconciature troppo strette è troppo spesso qualcosa che viene davvero trascurato. La soluzione ovvia è fermarsi! Stai solo tirando le radici e quindi indebolendole nel tempo. I capelli cadranno e non ricresceranno ”.

              4. Parto e menopausa

              “Il parto e la menopausa sono un'altra possibile causa della caduta dei capelli nelle donne”, afferma Brooks. “Il rapido aumento e diminuzione dei livelli ormonali può essere molto difficile da gestire a molti livelli.”

              perdita di capelli femminile

              Klaus Vedfelt

              Il Coronavirus può causare la caduta dei capelli?

              Sebbene non sia ufficialmente elencato come un sintomo del Coronavirus, un'ondata di donne si è fatta avanti con affermazioni di perdita di capelli a causa del virus.

              “I pazienti che hanno subito un'insorgenza prolungata e intensa del coronavirus circa 2-4 mesi prima stanno ora segnalando una grave perdita di capelli”, afferma Laura Sagen, esperta di perdita di capelli e crescita.

              'La perdita dei capelli non è nell'elenco dei sintomi ufficiali, quindi all'inizio è facile allarmarsi per un potenziale sintomo in più a cui iniziare a cercare. In particolare, si verifica dopo l'inizio della malattia piuttosto che prima. Questo può essere il risultato di un forte stress che i pazienti che hanno sofferto di una forma grave o prolungata di coronavirus, altrimenti noto come telogen effluvium – perdita di capelli correlata allo stress.

              Con sempre più donne che subiscono una drammatica perdita di capelli in aggiunta ad altri sintomi, sembra essere più che una semplice coincidenza.


              Ma, come potrebbe dirti qualsiasi donna che ha sofferto di perdita di capelli, la sterile spiegazione medica della perdita di capelli raramente è correlata all'esperienza umana di essere una donna che sta perdendo i capelli.

              Abbiamo parlato con sei donne delle loro esperienze personali e di come stanno dando il dito contro la caduta dei capelli femminile, un giorno alla volta …


              Jenny Pitt – Perdita di capelli come effetto collaterale del coronavirus

              perdita di capelli da coronavirus

              Jenny prima della sua perdita di capelli

              .

              Era la metà di marzo quando sono stato ricoverato al Kingston Hospital con il Coronavirus. Sono stato davvero malato per due settimane con febbre alta e dolori gastrici terribili, ma stava peggiorando sempre di più. Alla fine, sono stato portato al pronto soccorso e mi è stato somministrato ossigeno per quattro giorni.

              Una volta lasciato l'ospedale, ho pensato che fosse tutto finito. Ma, all'improvviso, ho iniziato a sentirmi di nuovo un po 'agitato. Ero senza fiato e il mio cuoio capelluto iniziò a bruciare e mi faceva male al tatto. Mi lavavo i capelli tutti i giorni come al solito e mentre li pettinavo ho iniziato a notare che non avrebbe smesso di cadere. Ce n'erano a manciate sotto la doccia tutt'intorno ai miei piedi. Ho solo pensato, “Oh mio Dio”.

              perdita di capelli da coronavirus

              .

              Speravo fosse forse un'esperienza una tantum. Mi erano accadute così tante cose brutte nelle settimane precedenti che pensavo di andare avanti senza preoccuparmi. Ma ha continuato a succedere. Ogni giorno per un mese, ogni volta che mi pettinavo o mi spazzolavo i capelli, cadevano e coprivano il pavimento della mia camera da letto. Continuava a perdere.

              Sono arrivato al punto in cui il mio cuoio capelluto era così dolorante che era troppo doloroso anche solo sdraiare la testa sul cuscino. Prima che avessi il Coronavirus, i miei capelli erano il mio orgoglio e la mia gioia. Vorrei fare una mezza testa di momenti salienti ogni otto settimane e ottenere i phon prima di una grande serata fuori. Sono una mamma, quindi era il mio modo di prendermi cura di me stessa. Sentirlo cadere e vederlo sembrare così sottile intorno all'attaccatura dei miei capelli era così angosciante. Non riuscivo a credere a quanto stava cadendo. Sono stato così fortunato ad evitare di andare in terapia intensiva e sentirmi come se fossi di nuovo malato otto settimane dopo è stato orribile. Avevo questa terribile paura che non si sarebbe fermato e avrei dovuto indossare parrucche. Pensavo di diventare calvo.

              perdita di capelli da coronavirus

              .

              Mi sentivo così male e la mia perdita di capelli era diventata così drammatica che ho iniziato a farmi prendere dal panico perché avevo ancora il Coronavirus. Ho deciso di andare dai dottori. Pensavo che lo stress fisico di essere malato potesse aver portato all'alopecia, ma il mio medico di famiglia ha esaminato il mio cuoio capelluto e senza zone calve ha concluso che non era così. “Penso che questo sia Covid”, ha detto. Mi ha detto che l'alta temperatura che avevo avuto per così tanto tempo a causa del Coronavirus mi aveva fatto cadere i capelli.

              Poi, con la stessa rapidità con cui è iniziato, quattro settimane dopo si è fermato. Avevo passato un mese a chiedermi se sarebbe mai finita, ciuffi di capelli che cadevano, evitando di spazzolarli o qualsiasi cosa che potesse peggiorare le cose e all'improvviso si è semplicemente fermato. Sembrava così spoglio e sottile – sapevo che dovevo tagliarlo. Qualsiasi tipo di tintura per capelli era completamente fuori dalle carte, ma ho pensato che un buon taglio di capelli avrebbe potuto almeno togliere il peso. Il mio parrucchiere me lo ha tagliato sulle spalle – tagliare i capelli morti era così catartico.

              Ora ha iniziato a ricrescere in ciuffi grigi e marrone topo. Prima sarei stato inorridito di avere ciuffi grigi di capelli che spuntavano, ma ora sono così eccitato che sta ricrescendo e li sto mostrando. Il sollievo che non sto diventando calvo e posso vedere che i miei capelli si stanno riprendendo è abbastanza positivo per me.


              Gina Knight – Telogen Effluvium causato dalla depressione post-natale

              Capelli, Acconciatura, Bellezza, Capelli neri, Labbro, Fronte, Umano, S-curl, Orecchio, Modello,

              Gina Knight

              Dopo aver avuto il mio primo bambino, ho iniziato a perdere i capelli dopo il parto, il che è del tutto normale. Quando sei incinta trattieni tutti i tuoi capelli e sono lucenti, folti e adorabili, e poi una volta partorito iniziano a perdere. Può sembrare abbastanza estremo perché non hai perso i capelli in modo naturale nel tempo come quando non sei incinta, ma è del tutto normale.

              Mi aspettavo lo spargimento, ma dopo tre o quattro mesi la caduta dei capelli si stava concentrando davvero in certe zone. La corona della mia testa e i lati dei miei capelli erano caduti ed era molto evidente e quando sono andato dai medici, hanno pensato che, poiché avevo avuto un bambino, fosse solo il solito spargimento.

              Ho visto tre o quattro medici perché non ero soddisfatto della loro diagnosi. Poiché sono nero, i medici presumevano che i miei capelli stessero cadendo a causa di cattive pratiche sui capelli come indossare trecce strette o una trama che non avrebbe potuto essere più fuori luogo. All'epoca ero un blogger di capelli e mi piaceva molto i trattamenti olistici per capelli, per non parlare del fatto che non avevo mai avuto trecce o una trama.

              Poiché sono nero, i medici presumevano che i miei capelli stessero cadendo a causa delle cattive pratiche dei capelli.

              Successivamente, i medici hanno cercato di diagnosticare quasi tutto, compresa un'infezione fungina! Mi hanno prescritto creme topiche che non funzionavano e la fase successiva è stata quella di testare una chiazza dei miei capelli. Mi sentivo già a disagio per le ciocche di capelli che mi mancavano, non volevo rinunciare a un altro pezzo.

              Invece, ho fatto un sacco di ricerche e ho deciso di tagliare tutti i prodotti per lo styling dei capelli e semplicemente lavarli con acqua (dove ti basta sciacquare i capelli sotto l'acqua) per sei mesi. Allora sapevo che se i miei capelli continuavano a cadere era a causa di qualcosa che accadeva internamente, non a causa di un prodotto che stavo applicando esternamente.

              Ci è voluto quasi un anno prima che mi venisse correttamente diagnosticata l'alopecia correlata allo stress come parte della mia depressione postnatale e del disturbo da stress post-traumatico. Si è scoperto che il modo in cui il mio corpo reagiva era rifiutare i miei capelli.

              Capelli, Acconciatura, Capelli neri, Ricciolo Jheri, Sopracciglia, Bellezza, Labbro, Umano, S-curl, Afro,

              Gina Knight

              Avevo un neonato da accudire e sapere che i miei capelli stavano cadendo non faceva che aumentare lo stress. C'è stato un momento in cui la mia depressione postnatale è peggiorata così tanto che il medico ha voluto prescrivermi degli antidepressivi. Ma per quanto la perdita di capelli mi stesse abbattendo, come neo mamma non volevo sentirmi fuori. Molte persone scelgono di assumere farmaci e questa è totalmente una loro scelta, ma per me non volevo essere confuso in una fase così precoce della vita di mio figlio, o mai davvero.

              Dopo la diagnosi la gente continuava a dire “Perché non ti radi la testa?”, Perché l'avevo già fatto in precedenza. Ma c'è una grande differenza tra scegliere di radersi i capelli e dover radersi i capelli. Ti senti così fuori controllo.

              Invece, ho iniziato a giocare con le parrucche. Essendo stato conosciuto come un blogger di capelli con i capelli grandi, perderlo mi ha fatto perdere la fiducia. Sono una persona stravagante e volevo comunque essere favolosa senza danneggiare ulteriormente i miei capelli.

              C'è una grande differenza tra la scelta di radersi i capelli e il dover radersi i capelli.

              All'epoca la maggior parte delle parrucche utilizzava trame eurocentriche o sembravano così false, quindi ho iniziato a crearne una mia. Oltre a indossare e creare parrucche per altre donne che soffrono di caduta dei capelli, pratico anche molta meditazione per aiutare ad affrontare le mie ansie. Non sono scomparsi del tutto, non lo fanno mai veramente, ma il modo in cui li tratto ora è molto più chiaro.

              Ho appena avuto il mio secondo bambino e la perdita dei capelli è sempre nella parte posteriore della mia mente. Lo spargimento è ricominciato e le aree che prima avevano perso più capelli sono ancora molto più sottili. Le persone spesso pensano che la caduta dei capelli sia qualcosa su cui puoi mettere una crema e sarai curato, ma la maggior parte delle volte non è così. A volte, devi solo affrontare il fatto che non ricrescerà mai e affrontarlo.


              Juliet Cooke – Alopecia

              Juliet Cooke

              Juliet Cooke

              Nove mesi fa, mentre mi asciugavo i capelli, ho notato una piccola zona calva circolare sulla tempia sinistra. Non avevo idea di cosa fosse e ho chiamato immediatamente l'ambulatorio medico sperando di prenotare un appuntamento. Mi è stato detto al telefono che sembrava che avessi qualcosa chiamato Alopecia e il dottore non poteva vedermi per alcune settimane, ma non esiste una cura, quindi non ero un caso urgente rispetto ad altri.

              La prima cosa che ho fatto è stata andare su Internet per vedere cosa fosse questa cosa misteriosa chiamata Alopecia, non avendone nemmeno una vera idea. Internet era coperto di foto di persone calve e di quelle parole distruttive stampate ovunque, nessuna cura …

              Il panico che ho provato in quel momento è stato così travolgente e in realtà indescrivibile. I pensieri che mi scorrevano in testa non si fermavano … “E se perdessi tutti i capelli?” “Chi mai vorrà guardarmi?” “Come mi guarderò?” È andato avanti all'infinito.

              Nei mesi a seguire, ho perso i capelli ogni giorno, sia sotto la doccia che usciva a manciate o mi svegliavo con tutto il cuscino. I miei genitori e io abbiamo provato di tutto per fermarlo, iniezioni, creme steroidee, immunologi, tricologi, dermatologi … un flusso infinito di appuntamenti che hanno sempre avuto la stessa risposta -Ho avuto l'alopecia, nessuno sapeva perché, da cosa fosse o come Potrei fermarlo.

              Juliet Cooke

              Juliet Cooke

              C'era solo una cosa da fare nella mia mente ed era mantenere un sorriso sul mio viso e fingere che non stesse accadendo. Mettere un fronte è una delle cose più facili da fare, l'avevo fatto molte volte in passato, quindi perché non ora. Sfortunatamente c'è solo così tanto che puoi mascherare prima che l'emozione si riversi fuori dalle cuciture, e così è stato.

              Il giorno in cui ho iniziato a perdere le sopracciglia è stato il giorno in cui ho perso ogni speranza. Ho toccato il fondo. Non potevo alzarmi la mattina o mostrare la mia faccia in pubblico. Non è che stavo piangendo tutti i giorni, perché onestamente non avevo l'energia e nemmeno mi interessava abbastanza per farlo. Mi sono sentito completamente piatto. Non riuscivo a vedere una via d'uscita dal grande buco nero e non sono sicuro in quel momento se mi importasse davvero abbastanza di me stesso da provare. L'alopecia non è solo una condizione fisica, ma influisce in modo massiccio anche sul tuo stato mentale. La depressione è un'altra cosa di cui le persone parlano raramente, ma sta finalmente ottenendo l'attenzione dei media che merita così tanto.

              Un giorno, circa 2 mesi fa, ho deciso di dare una svolta alla mia vita e di rimettermi in carreggiata. Ero seduto nella casa per le vacanze della mia famiglia a Strangford e il sole brillava sul lago e attraverso la finestra e per la prima volta mi sembrava di avere energia e persino un po 'di speranza. Ho deciso che era ora di condividere il mio viaggio con tutti così non dovevo più nascondermi.

              Alla fine ho trovato il coraggio di battere al massimo l'alopecia e mi sono rasato la testa, riprendendo il controllo che la condizione mi aveva rubato.

              Mi sono seduto, ho acceso il mio iPad e ho iniziato a parlare, spiegando alle persone quello che avevo passato personalmente, cos'è l'alopecia, mostrando loro le mie zone calve nascoste, e poi ho cantato una canzone come la musica mi aveva aiutato nei momenti più difficili . L'ho postato su Facebook prima di pensare davvero. Non ero mai stata una persona pubblica, ma per qualche motivo non avevo dubbi che il mio atto di autoaiuto dovesse essere fatto in modo molto pubblico. Siamo tutti diversi e questo era il mio modo di affrontarlo.

              Alla fine ho trovato il coraggio di battere al massimo l'alopecia e mi sono rasato la testa, riprendendo il controllo che la condizione mi aveva rubato. Dicono che lo stress causa l'alopecia, ma siamo onesti che perdere i capelli provoca stress e c'è solo un modo per fermare quel ciclo.


              Emily May Armstrong – Tricotillomania

              Questo contenuto è importato da Instagram. Potresti essere in grado di trovare lo stesso contenuto in un altro formato, oppure potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni, sul loro sito web.

              Sono Emily, una studentessa di dottorato di 24 anni che vive a Glasgow e studia scienze vegetali e vivo con Trich da 15 anni.

              La tricotillomania è un disturbo compulsivo ripetitivo focalizzato sul corpo, un sottotipo di DOC. È caratterizzato da una compulsione a tirare o rimuovere i capelli; più comunemente dalla testa, ma può coinvolgere anche ciglia, sopracciglia o peli pubici.

              Mi è stato diagnosticato il Trich per la prima volta quando avevo nove anni, quando improvvisamente ho perso tutti i capelli dalla testa. Adesso ho 24 anni e, anche se peggiora con i picchi e le depressioni, non sei mai veramente libero dall'impulso. Oppure prendi solo cattive abitudini, come fumare, per superarlo.

              Trich è sotto-studiato nel Regno Unito, con il NHS piuttosto spinto per le risorse per provare a trattarlo. Sono stato indirizzato alla CBT (terapia cognitivo comportamentale) quando avevo 10 anni, il che mi ha reso più ansioso e depresso. Cercare di identificare i trigger di Trich è incredibilmente difficile; possono essere emotivi, fisici, situazionali e differire notevolmente tra gli individui. Per me, attualmente è soprattutto quando mi imbatto in cose confuse nella mia ricerca di dottorato; anche ansia e stress lo inducono.

              Questo contenuto è importato da Instagram. Potresti essere in grado di trovare lo stesso contenuto in un altro formato, oppure potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni, sul loro sito web.

              Trich è per lo più considerato intrattabile; non c'è abbastanza ricerca sui meccanismi d'azione mentali o neurofisiologici per sostenere davvero la causa. Sospetto che funzioni in modo simile a qualsiasi altra dipendenza; uno stimolo come una piccola quantità di dolore induce una risposta alla dopamina, una sensazione piacevole. Dopo un po ', il tuo bisogno fisiologico per il colpo di dopamina prevale sul tuo ragionamento per fermarti.

              La parte più isolante di Trich è cercare più che puoi di fermarti, non vuoi farlo, ma semplicemente non puoi. Sarebbe come chiedere a un alcolizzato di smettere di bere, se avesse bottiglie di vino attaccate alle mani 24 ore su 24, 7 giorni su 7. A volte sembra impossibile.

              Al momento sono in un momento difficile con Trich; manca circa la metà dei miei capelli. Fortunatamente mi sono “ allenato '' a scegliere aree meno evidenti, il che significa che per la maggior parte non puoi dirlo dalla maggior parte delle angolazioni, oa meno che tu non stia davvero guardando.

              È un enorme distruttore di autostima, so di essere colpevole di isolarmi dagli amici quando mi sento particolarmente vulnerabile, rifiutando le serate e gli eventi sociali altrimenti piacevoli. È un circolo vizioso, ti senti depresso, perdi i capelli. Hai perso i capelli, quindi ti senti depresso. Mi sono già suicidato prima, non c'è dubbio.

              Sarebbe come chiedere a un alcolizzato di smettere di bere, se avesse bottiglie di vino attaccate alle mani 24 ore su 24, 7 giorni su 7. A volte sembra impossibile.

              Non ho mai indossato una parrucca, i capelli rimanenti che ho sono spessi e molto ricci, quindi tendono a nascondere le cose per me. Sento che se fosse progredito in modo significativo e non potessi più controllarlo, allora lo farei quasi sicuramente. Quelli di alta qualità sono molto costosi, il che è un ostacolo per molti malati. Sto pensando di radermi i capelli in questo momento; ma so che sarebbe impossibile per me non tirare del tutto la ricrescita.

              La caduta dei capelli delle donne è ancora così tabù perché il sistema socio-economico in cui viviamo attribuisce un “valore” ingiustificato e non necessario all'aspetto fisico e allo stato sociale, indipendentemente dal sesso. Fino a quando non saremo in grado di liberarci da questo sistema patriarcale e repressivo approfittando della nostra insicurezza, sarà sempre un tabù distinguersi dal “normale”, il che contribuisce a molti problemi di salute mentale su tutta la linea.

              Sto cercando di abbracciare le mie differenze; Ho una lunga strada da percorrere.


              Hannah Robinson – Perdita di capelli a causa della sindrome dell'ovaio policistico

              Hannah Robinson

              Hannah Robinson

              Ho iniziato a perdere i capelli quando avevo circa 13 anni.

              All'inizio non me ne sono accorto perché si trattava di un diradamento graduale, ma una volta capito che stavo perdendo i miei folti capelli rosso-dorati, è stato devastante. Avevo sempre dato per scontato i miei capelli e per questo avevo ricevuto complimenti per tutta la vita. All'improvviso ero un'adolescente con perdita di capelli, il che rende ancora più difficile un periodo della vita già difficile.

              Ho scoperto di avere la PCOS (sindrome dell'ovaio policistico) associata alla resistenza all'insulina, che erano le cause della caduta dei capelli. Questo è stato più di 12 anni fa e sfortunatamente per me non si sapeva molto sulla condizione, che colpisce così tante donne. Tutti i medici di base e gli specialisti che ho visto erano uomini di mezza età, che erano sprezzanti e spesso all'oscuro di quello che stava succedendo. Mi è stato detto che non c'era davvero molto da fare e ho messo la pillola che avrebbe dovuto bilanciare le cose. A un certo punto mi è stato persino detto di non preoccuparmi di qualcosa di così banale come la caduta dei capelli.

              È stata dura attraversare la mia adolescenza con i capelli molto sottili. Non ho mai avuto punti calvi, ma a volte era così sottile che si poteva vedere facilmente il mio cuoio capelluto e se portavo i capelli sciolti sembravano solo pochi ciuffi.

              Nessuno sembra capire come ti fa sentire, quale impatto negativo ha sulla tua autostima e fiducia. Quando qualcuno ha 'una brutta giornata per i capelli', significa che l'intera giornata è una brutta giornata – è così che ci si sente ogni giorno come qualcuno con la caduta dei capelli. Tutti i miei amici si pettinavano e si travestivano per le serate e io sarei andato nel panico su come non sembrare come se fossi calvo.

              A un certo punto mi è stato persino detto di non preoccuparmi di qualcosa di così banale come la caduta dei capelli.

              I capelli spessi sono un segno di giovinezza, salute e vitalità – è qualcosa per cui tutti si battono. Siamo bombardati da annunci di prodotti per ispessire i capelli, quindi avere capelli così sottili ti fa sentire poco attraente, malsano e anormale, soprattutto quando tutti i tuoi amici hanno i capelli folti.

              I capelli folti e la femminilità sono intrinsecamente legati. Tagliarsi i capelli o radersi la testa da donna è visto come una mossa ribelle, audace o semplicemente folle (ricordi il crollo di Britney?). Ma pensa a tutte le celebrità maschili attraenti con la testa calva o rasata. Il diradamento dei capelli è visto come un tratto maschile, quindi quando una donna ne soffre, può farti sentire meno una donna.

              Personalmente amo i capelli corti sulle donne, mi sono tagliato i capelli molto corti un paio di volte. Ma è difficile scrollarsi di dosso quella sensazione che in qualche modo hai fallito come donna, perché non hai riccioli fluenti. La quantità di volte in cui i ragazzi mi hanno chiesto se ero una lesbica quando avevo i capelli corti illustra solo il fatto che viviamo in un mondo in cui le persone giudicano anche la tua sessualità da come sono i tuoi capelli!

              I miei capelli sono diventati leggermente più spessi negli ultimi anni a causa di provare altri farmaci e recentemente ho iniziato a usare la schiuma Regaine per le donne. Ho dovuto fare i conti con il fatto che non avrò mai capelli folti, ma di tanto in tanto mi fa cadere ancora, soprattutto quando attraverso periodi di stress e si assottigliano di nuovo. Ho scoperto che circa 6 mesi dopo essere stato ricoverato in ospedale mentre ero in viaggio in Africa e dopo il terremoto del 2015 in Nepal (ero un volontario lì all'epoca) i miei capelli si sono improvvisamente diradati di nuovo, il che è apparentemente comune dopo eventi traumatici.

              I tuoi capelli sono una parte così importante della tua identità che è difficile non risentirne negativamente perdendoli. Anche il mio ha cambiato colore quando si è assottigliato, quindi non sono più il rosso che ero una volta. È bello sapere che se ne parla di più ora e si spera che lo stigma dell'essere una donna con perdita di capelli scomparirà gradualmente.


              Julia Esgate Christmas – Alopecia causata da una malattia autoimmune geneticamente ereditata

              Cause ed esperienze di perdita dei capelli femminili

              Getty Images

              Ho notato la mancanza di una ciocca di capelli per la prima volta durante una stagione sciistica in Francia, a 19 anni e per la prima volta lontana dai miei genitori.

              Mi stavo asciugando i capelli e l'ho sentito. Dopo aver fatto finta di star bene, ho pianto molto quella sera quando sono andato a letto. Sono andato dal medico del resort il giorno successivo e mi ha informato che era a causa dello stress e non mi curavo adeguatamente. Aveva ragione, lavoravo tutti i giorni e mi divertivo quasi tutte le sere. Mi ha informato che non c'era niente che potessi fare al riguardo, ma aspettare che ricrescesse e che mi prendessi cura di me e della mia dieta.

              Ero sventrato, perché i miei capelli sono sempre stati la mia coperta di sicurezza. Fortunatamente potevo coprirlo con il resto dei miei capelli, tuttavia ero costantemente paranoico che qualcuno potesse vederlo, specialmente quando mi legavo i capelli.

              Alla fine sono ricresciuti ei nuovi capelli erano super ricci e morbidi quando il resto dei miei capelli è solo un po 'ondulato. Dopo aver pensato che fosse così, al mio primo anno di università a 22 anni ha colpito di nuovo sul lato opposto della mia testa. Non me ne sono accorto finché uno dei miei colleghi nel mio lavoro nel fine settimana non mi ha chiesto, con tatto, se me ne ero accorto.

              Non si parla abbastanza di perdita di capelli; si presume che non accada ai giovani.

              Il cerotto si è ingrandito e sono andato di nuovo dal medico, che mi ha informato che poiché ho una storia familiare di malattia autoimmune (mia madre ha l'artrite reumatoide) questo potrebbe aver influito sulla mia perdita di capelli. Ancora una volta, non c'era niente da fare se non prendersi cura di me stesso e aspettare che ricrescesse. Di nuovo, ero così consapevole che fosse visto da altre persone. Sta ancora ricrescendo ora e devo raddrizzare il ricciolo.

              Non si parla abbastanza di perdita di capelli; si presume che non accada ai giovani. Ho cercato di parlarne il più apertamente possibile con i miei amici e altri per cancellare lo stigma che circonda l'alopecia areata come può capitare a chiunque.

              Alcuni dei miei amici mi hanno chiamato per dirmi che è successo a loro e sapevano che avevo sofferto, quindi mi hanno chiesto consigli e l'unico consiglio che posso dare è; prenditi cura di te stesso il più possibile, parla alle persone di come ti sta influenzando e non spazzolare mai i capelli quando sono bagnati!

              Non sei il primo e non sarai l'ultimo!

              Ti piace questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere più articoli come questo direttamente nella tua casella di posta.

              Hai bisogno di più ispirazione, giornalismo premuroso e consigli di bellezza a casa? Abbonati oggi alla rivista cartacea di ELLE! ISCRIVITI QUI


              Questa sezione di commenti viene creata e gestita da una terza parte e importata in questa pagina. Potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni sul loro sito web.

            Psorilax:opinioni |creme psoriasi a placche

            0

            Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, dove si compra

            Tra le mestruazioni, la menopausa e, beh, tanti altri argomenti, a volte sembra che ci sia un elenco infinito di argomenti di conversazione che sono ritenuti troppo rozzi per noi donne di cui parlare apertamente – caduta dei capelli femminile inclusa.

            Ma, come per ogni argomento “tabù”, una conversazione sulla realtà della sofferenza della caduta dei capelli femminile è in ritardo.

            La domanda è: perché una condizione che colpisce un'enorme percentuale di uomini dovrebbe essere così tabù per le donne? E, come ogni altra cosa, quanto è peggio quando ti senti completamente solo con esso?

            È ora di parlare.

            Questo contenuto è importato da Instagram. Potresti essere in grado di trovare lo stesso contenuto in un altro formato, oppure potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni, sul loro sito web.

            Il colpevole più recente dietro la caduta dei capelli femminile? Coronavirus. Man mano che la pandemia continua e si acquisiscono sempre più informazioni sui sintomi e sugli effetti fisici del virus debilitante, diventa evidente che un effetto collaterale inaspettato nelle donne è la drammatica perdita di capelli.

            Ad aprire la conversazione sulla caduta dei capelli femminile a causa del Covid-19 è l'attrice Alyssa Milano che ha recentemente rivelato la sua esperienza di caduta dei capelli a causa del virus. Parlando in un video ai suoi follower, Milano ha detto: “Pensavo di mostrarti cosa fa # Covid19 ai tuoi capelli. Si prega di prenderlo sul serio ', mentre si spazzola i capelli e mostra la quantità che le era caduta tra le mani.

            Capelli di Kristin Davis

            Getty Images

            Anche l'attrice Kristin Davis, alias Charlotte di SATC, ha recentemente rivelato a WWD le sue lotte con il diradamento dei capelli:

            'Era molto bello, come se fosse andato via, non c'erano quasi i capelli lì … quando ho provato a fare qualcosa o dovevo andare da qualche parte mi sono detto, “Dove sono i miei capelli?”'

            Con i dati del NHS che suggeriscono che circa la metà delle donne di età superiore ai 65 anni sperimenterà la perdita di capelli di tipo femminile, per non parlare di un'intera pletora di altre forme di perdita di capelli che colpiscono le donne ovunque, sicuramente è tempo di scrollarsi di dosso quel tabù una volta per tutte e parlare.

            Ma perché i nostri capelli cadono? Ci siamo rivolti ai professionisti …

            Che cosa causa la perdita dei capelli nelle donne?

            “Ci sono diversi possibili fattori che possono provocare la caduta dei capelli per le donne e non tutti sono facilmente gestibili”, afferma David Brooks, capo della ricerca e sviluppo di Leonor Greyl.

            1.Genetica

                “La genetica e / o lo stress emotivo o fisico intenso possono essere molto difficili da gestire. Nel caso di “Bad Genetics” probabilmente otterrai i tuoi migliori risultati usando qualcosa da banco come il minoxidil (un farmaco usato per il trattamento della caduta dei capelli di tipo maschile).

                “Sfortunatamente, quando smetti di usare il minoxidil, è molto probabile che tu possa sperimentare una perdita di capelli ancora peggiore rispetto a prima di iniziare a usarlo”, spiega Brooks.

                2. Dieta

                Altre cause di perdita di capelli nelle donne possono essere carenze nutrizionali o l'uso di determinati farmaci. Questi possono essere facilmente risolti correggendo la dieta o interrompendo l'uso di farmaci (consultare il proprio medico prima di interrompere).

                3. Elaborazione eccessiva e acconciatura dei capelli

                'L'elaborazione eccessiva dei capelli, della forfora e della psoriasi del cuoio capelluto e l'uso di acconciature troppo strette è troppo spesso qualcosa che viene davvero trascurato. La soluzione ovvia è fermarsi! Stai solo tirando le radici e quindi indebolendole nel tempo. I capelli cadranno e non ricresceranno ”.

                4. Parto e menopausa

                “Il parto e la menopausa sono un'altra possibile causa della caduta dei capelli nelle donne”, afferma Brooks. “Il rapido aumento e diminuzione dei livelli ormonali può essere molto difficile da gestire a molti livelli.”

                perdita di capelli femminile

                Klaus Vedfelt

                Il Coronavirus può causare la caduta dei capelli?

                Sebbene non sia ufficialmente elencato come un sintomo del Coronavirus, un'ondata di donne si è fatta avanti con affermazioni di perdita di capelli a causa del virus.

                “I pazienti che hanno subito un'insorgenza prolungata e intensa del coronavirus circa 2-4 mesi prima stanno ora segnalando una grave perdita di capelli”, afferma Laura Sagen, esperta di perdita di capelli e crescita.

                'La perdita dei capelli non è nell'elenco dei sintomi ufficiali, quindi all'inizio è facile allarmarsi per un potenziale sintomo in più a cui iniziare a cercare. In particolare, si verifica dopo l'inizio della malattia piuttosto che prima. Questo può essere il risultato di un forte stress che i pazienti che hanno sofferto di una forma grave o prolungata di coronavirus, altrimenti noto come telogen effluvium – perdita di capelli correlata allo stress.

                Con sempre più donne che subiscono una drammatica perdita di capelli in aggiunta ad altri sintomi, sembra essere più che una semplice coincidenza.


                Ma, come potrebbe dirti qualsiasi donna che ha sofferto di perdita di capelli, la sterile spiegazione medica della perdita di capelli raramente è correlata all'esperienza umana di essere una donna che sta perdendo i capelli.

                Abbiamo parlato con sei donne delle loro esperienze personali e di come stanno dando il dito contro la caduta dei capelli femminile, un giorno alla volta …


                Jenny Pitt – Perdita di capelli come effetto collaterale del coronavirus

                perdita di capelli da coronavirus

                Jenny prima della sua perdita di capelli

                .

                Era la metà di marzo quando sono stato ricoverato al Kingston Hospital con il Coronavirus. Sono stato davvero malato per due settimane con febbre alta e dolori gastrici terribili, ma stava peggiorando sempre di più. Alla fine, sono stato portato al pronto soccorso e mi è stato somministrato ossigeno per quattro giorni.

                Una volta lasciato l'ospedale, ho pensato che fosse tutto finito. Ma, all'improvviso, ho iniziato a sentirmi di nuovo un po 'agitato. Ero senza fiato e il mio cuoio capelluto iniziò a bruciare e mi faceva male al tatto. Mi lavavo i capelli tutti i giorni come al solito e mentre li pettinavo ho iniziato a notare che non avrebbe smesso di cadere. Ce n'era a manciate sotto la doccia tutt'intorno ai miei piedi. Ho solo pensato, “Oh mio Dio”.

                perdita di capelli da coronavirus

                .

                Speravo fosse forse un'esperienza una tantum. Mi erano accadute così tante cose brutte nelle settimane precedenti che pensavo di andare avanti senza preoccuparmi. Ma ha continuato a succedere. Ogni giorno per un mese, ogni volta che mi pettinavo o mi spazzolavo i capelli, cadevano e coprivano il pavimento della mia camera da letto. Continuava a perdere.

                Sono arrivato al punto in cui il mio cuoio capelluto era così dolorante che era troppo doloroso anche solo sdraiare la testa sul cuscino. Prima che avessi il Coronavirus, i miei capelli erano il mio orgoglio e la mia gioia. Vorrei fare una mezza testa di momenti salienti ogni otto settimane e ottenere i phon prima di una grande serata fuori. Sono una mamma, quindi era il mio modo di prendermi cura di me stessa. Sentirlo cadere e vederlo sembrare così sottile intorno all'attaccatura dei miei capelli era così angosciante. Non riuscivo a credere a quanto stava cadendo. Sono stato così fortunato ad evitare di andare in terapia intensiva e sentirmi come se fossi di nuovo malato otto settimane dopo è stato orribile. Avevo questa terribile paura che non si sarebbe fermato e avrei dovuto indossare parrucche. Pensavo di diventare calvo.

                perdita di capelli da coronavirus

                .

                Mi sentivo così male e la mia perdita di capelli era diventata così drammatica che ho iniziato a farmi prendere dal panico perché avevo ancora il Coronavirus. Ho deciso di andare dai dottori. Pensavo che lo stress fisico di essere malato potesse aver portato all'alopecia, ma il mio medico di famiglia ha esaminato il mio cuoio capelluto e senza zone calve ha concluso che non era così. “Penso che questo sia Covid”, ha detto. Mi ha detto che l'alta temperatura che avevo avuto per così tanto tempo a causa del Coronavirus mi aveva fatto cadere i capelli.

                Poi, con la stessa rapidità con cui è iniziato, quattro settimane dopo si è fermato. Avevo passato un mese a chiedermi se sarebbe mai finita, ciuffi di capelli che cadevano, evitando di spazzolarli o qualsiasi cosa che potesse peggiorare le cose e all'improvviso si è semplicemente fermato. Sembrava così spoglio e sottile – sapevo che dovevo tagliarlo. Qualsiasi tipo di tintura per capelli era completamente fuori dalle carte, ma ho pensato che un buon taglio di capelli avrebbe potuto almeno togliere il peso. Il mio parrucchiere me lo ha tagliato sulle spalle – tagliare i capelli morti era così catartico.

                Ora ha iniziato a ricrescere in ciuffi grigi e marrone topo. Prima sarei stato inorridito di avere ciuffi grigi di capelli che spuntavano, ma ora sono così eccitato che sta ricrescendo e li sto mostrando. Il sollievo che non sto diventando calvo e posso vedere che i miei capelli si stanno riprendendo è abbastanza positivo per me.


                Gina Knight – Telogen Effluvium causato dalla depressione post-natale

                Capelli, Acconciatura, Bellezza, Capelli neri, Labbro, Fronte, Umano, S-curl, Orecchio, Modello,

                Gina Knight

                Dopo aver avuto il mio primo bambino, ho iniziato a perdere i capelli dopo il parto, il che è del tutto normale. Quando sei incinta trattieni tutti i tuoi capelli e sono lucenti, folti e adorabili, e poi una volta partorito iniziano a perdere. Può sembrare abbastanza estremo perché non hai perso i capelli in modo naturale nel tempo come quando non sei incinta, ma è del tutto normale.

                Mi aspettavo lo spargimento, ma dopo tre o quattro mesi la caduta dei capelli si stava concentrando davvero in certe zone. La corona della mia testa e i lati dei miei capelli erano caduti ed era molto evidente e quando sono andato dai medici, hanno pensato che, poiché avevo avuto un bambino, fosse solo il solito spargimento.

                Ho visto tre o quattro medici perché non ero soddisfatto della loro diagnosi. Poiché sono nero, i medici presumevano che i miei capelli stessero cadendo a causa di cattive pratiche sui capelli come indossare trecce strette o una trama che non avrebbe potuto essere più fuori luogo. All'epoca ero un blogger di capelli e mi piaceva molto i trattamenti olistici per capelli, per non parlare del fatto che non avevo mai avuto trecce o una trama.

                Poiché sono nero, i medici presumevano che i miei capelli stessero cadendo a causa delle cattive pratiche dei capelli.

                Successivamente, i medici hanno cercato di diagnosticare quasi tutto, compresa un'infezione fungina! Mi hanno prescritto creme topiche che non funzionavano e la fase successiva è stata quella di testare una chiazza dei miei capelli. Mi sentivo già a disagio per le ciocche di capelli che mi mancavano, non volevo rinunciare a un altro pezzo.

                Invece, ho fatto un sacco di ricerche e ho deciso di tagliare tutti i prodotti per lo styling dei capelli e semplicemente lavarli con acqua (dove ti basta sciacquare i capelli sotto l'acqua) per sei mesi. Allora sapevo che se i miei capelli continuavano a cadere era a causa di qualcosa che accadeva internamente, non a causa di un prodotto che stavo applicando esternamente.

                Ci è voluto quasi un anno prima che mi venisse correttamente diagnosticata l'alopecia correlata allo stress come parte della mia depressione postnatale e del disturbo da stress post-traumatico. Si è scoperto che il modo in cui il mio corpo reagiva era rifiutare i miei capelli.

                Capelli, Acconciatura, Capelli neri, Ricciolo Jheri, Sopracciglia, Bellezza, Labbro, Umano, S-curl, Afro,

                Gina Knight

                Avevo un neonato da accudire e sapere che i miei capelli stavano cadendo non faceva che aumentare lo stress. C'è stato un momento in cui la mia depressione postnatale è peggiorata così tanto che il medico ha voluto prescrivermi degli antidepressivi. Ma per quanto la perdita di capelli mi stesse abbattendo, come neo mamma non volevo sentirmi fuori. Molte persone scelgono di assumere farmaci e questa è totalmente una loro scelta, ma per me non volevo essere confuso in una fase così precoce della vita di mio figlio, o mai davvero.

                Dopo la diagnosi la gente continuava a dire “Perché non ti radi la testa?”, Perché l'avevo già fatto in precedenza. Ma c'è una grande differenza tra scegliere di radersi i capelli e dover radersi i capelli. Ti senti così fuori controllo.

                Invece, ho iniziato a giocare con le parrucche. Essendo stato conosciuto come un blogger di capelli con i capelli grandi, perderlo mi ha fatto perdere la fiducia. Sono una persona stravagante e volevo comunque essere favolosa senza danneggiare ulteriormente i miei capelli.

                C'è una grande differenza tra la scelta di radersi i capelli e il dover radersi i capelli.

                All'epoca la maggior parte delle parrucche utilizzava trame eurocentriche o sembravano così false, quindi ho iniziato a crearne una mia. Oltre a indossare e creare parrucche per altre donne che soffrono di caduta dei capelli, pratico anche molta meditazione per aiutare ad affrontare le mie ansie. Non sono scomparsi del tutto, non lo fanno mai veramente, ma il modo in cui li tratto ora è molto più chiaro.

                Ho appena avuto il mio secondo bambino e la perdita dei capelli è sempre nella parte posteriore della mia mente. Lo spargimento è ricominciato e le aree che prima avevano perso più capelli sono ancora molto più sottili. Le persone spesso pensano che la caduta dei capelli sia qualcosa su cui puoi mettere una crema e sarai curato, ma la maggior parte delle volte non è così. A volte, devi solo affrontare il fatto che non ricrescerà mai e affrontarlo.


                Juliet Cooke – Alopecia

                Juliet Cooke

                Juliet Cooke

                Nove mesi fa, mentre mi asciugavo i capelli, ho notato una piccola zona calva circolare sulla tempia sinistra. Non avevo idea di cosa fosse e ho chiamato immediatamente l'ambulatorio medico sperando di prenotare un appuntamento. Mi è stato detto al telefono che sembrava che avessi qualcosa chiamato Alopecia e il dottore non poteva vedermi per alcune settimane, ma non esiste una cura, quindi non ero un caso urgente rispetto ad altri.

                La prima cosa che ho fatto è stata andare su Internet per vedere cosa fosse questa cosa misteriosa chiamata Alopecia, non avendone nemmeno una vera idea. Internet era coperto di foto di persone calve e di quelle parole distruttive stampate ovunque, nessuna cura …

                Il panico che ho provato in quel momento è stato così travolgente e in realtà indescrivibile. I pensieri che mi scorrevano in testa non si fermavano … “E se perdessi tutti i capelli?” “Chi mai vorrà guardarmi?” “Come mi guarderò?” È andato avanti all'infinito.

                Nei mesi a seguire, ho perso i capelli ogni giorno, sia sotto la doccia che usciva a manciate o mi svegliavo con tutto il cuscino. I miei genitori e io abbiamo provato di tutto per fermarlo, iniezioni, creme steroidee, immunologi, tricologi, dermatologi … un flusso infinito di appuntamenti che hanno sempre avuto la stessa risposta -Ho avuto l'alopecia, nessuno sapeva perché, da cosa fosse o come Potrei fermarlo.

                Juliet Cooke

                Juliet Cooke

                C'era solo una cosa da fare nella mia mente ed era mantenere un sorriso sul mio viso e fingere che non stesse accadendo. Mettere un fronte è una delle cose più facili da fare, l'avevo fatto molte volte in passato, quindi perché non ora. Sfortunatamente c'è solo così tanto che puoi mascherare prima che l'emozione si riversi fuori dalle cuciture, e così è stato.

                Il giorno in cui ho iniziato a perdere le sopracciglia è stato il giorno in cui ho perso ogni speranza. Ho toccato il fondo. Non potevo alzarmi la mattina o mostrare la mia faccia in pubblico. Non è che stavo piangendo tutti i giorni, perché onestamente non avevo l'energia e nemmeno mi interessava abbastanza per farlo. Mi sono sentito completamente piatto. Non riuscivo a vedere una via d'uscita dal grande buco nero e non sono sicuro in quel momento se mi importasse davvero abbastanza di me stesso da provare. L'alopecia non è solo una condizione fisica, ma influisce in modo massiccio anche sul tuo stato mentale. La depressione è un'altra cosa di cui le persone parlano raramente, ma sta finalmente ottenendo l'attenzione dei media che merita così tanto.

                Un giorno, circa 2 mesi fa, ho deciso di dare una svolta alla mia vita e di rimettermi in carreggiata. Ero seduto nella casa per le vacanze della mia famiglia a Strangford e il sole brillava sul lago e attraverso la finestra e per la prima volta mi sembrava di avere energia e persino un po 'di speranza. Ho deciso che era ora di condividere il mio viaggio con tutti così non dovevo più nascondermi.

                Alla fine ho trovato il coraggio di battere al massimo l'alopecia e mi sono rasato la testa, riprendendo il controllo che la condizione mi aveva rubato.

                Mi sono seduto, ho acceso il mio iPad e ho iniziato a parlare, spiegando alle persone quello che avevo passato personalmente, cos'è l'alopecia, mostrando loro le mie zone calve nascoste, e poi ho cantato una canzone come la musica mi aveva aiutato nei momenti più difficili . L'ho postato su Facebook prima di pensare davvero. Non ero mai stata una persona pubblica, ma per qualche motivo non avevo dubbi che il mio atto di autoaiuto dovesse essere fatto in modo molto pubblico. Siamo tutti diversi e questo era il mio modo di affrontarlo.

                Alla fine ho trovato il coraggio di battere al massimo l'alopecia e mi sono rasato la testa, riprendendo il controllo che la condizione mi aveva rubato. Dicono che lo stress causa l'alopecia, ma siamo onesti che perdere i capelli provoca stress e c'è solo un modo per fermare quel ciclo.


                Emily May Armstrong – Tricotillomania

                Questo contenuto è importato da Instagram. Potresti essere in grado di trovare lo stesso contenuto in un altro formato, oppure potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni, sul loro sito web.

                Sono Emily, una studentessa di dottorato di 24 anni che vive a Glasgow e studia scienze vegetali e vivo con Trich da 15 anni.

                La tricotillomania è un disturbo compulsivo ripetitivo focalizzato sul corpo, un sottotipo di DOC. È caratterizzato da una compulsione a tirare o rimuovere i capelli; più comunemente dalla testa, ma può coinvolgere anche ciglia, sopracciglia o peli pubici.

                Mi è stato diagnosticato il Trich per la prima volta quando avevo nove anni, quando improvvisamente ho perso tutti i capelli dalla testa. Adesso ho 24 anni e, anche se peggiora con i picchi e le depressioni, non sei mai veramente libero dall'impulso. Oppure prendi solo cattive abitudini, come fumare, per superarlo.

                Trich è sotto-studiato nel Regno Unito, con il NHS piuttosto spinto per le risorse per provare a trattarlo. Sono stato indirizzato alla CBT (terapia cognitivo comportamentale) quando avevo 10 anni, il che mi ha reso più ansioso e depresso. Cercare di identificare i trigger di Trich è incredibilmente difficile; possono essere emotivi, fisici, situazionali e differire notevolmente tra gli individui. Per me, attualmente è soprattutto quando mi imbatto in cose confuse nella mia ricerca di dottorato; anche ansia e stress lo inducono.

                Questo contenuto è importato da Instagram. Potresti essere in grado di trovare lo stesso contenuto in un altro formato, oppure potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni, sul loro sito web.

                Trich è per lo più considerato intrattabile; non c'è abbastanza ricerca sui meccanismi d'azione mentali o neurofisiologici per sostenere davvero la causa. Sospetto che funzioni in modo simile a qualsiasi altra dipendenza; uno stimolo come una piccola quantità di dolore induce una risposta alla dopamina, una sensazione piacevole. Dopo un po ', il tuo bisogno fisiologico per il colpo di dopamina prevale sul tuo ragionamento per fermarti.

                La parte più isolante di Trich è cercare più che puoi di fermarti, non vuoi farlo, ma semplicemente non puoi. Sarebbe come chiedere a un alcolizzato di smettere di bere, se avesse bottiglie di vino attaccate alle mani 24 ore su 24, 7 giorni su 7. A volte sembra impossibile.

                Al momento sono in un momento difficile con Trich; manca circa la metà dei miei capelli. Fortunatamente mi sono “ allenato '' a scegliere aree meno evidenti, il che significa che per la maggior parte non puoi dirlo dalla maggior parte delle angolazioni, oa meno che tu non stia davvero guardando.

                È un enorme distruttore di autostima, so di essere colpevole di isolarmi dagli amici quando mi sento particolarmente vulnerabile, rifiutando le serate e gli eventi sociali altrimenti piacevoli. È un circolo vizioso, ti senti depresso, perdi i capelli. Hai perso i capelli, quindi ti senti depresso. Mi sono già suicidato prima, non c'è dubbio.

                Sarebbe come chiedere a un alcolizzato di smettere di bere, se avesse bottiglie di vino attaccate alle mani 24 ore su 24, 7 giorni su 7. A volte sembra impossibile.

                Non ho mai indossato una parrucca, i capelli rimanenti che ho sono spessi e molto ricci, quindi tendono a nascondere le cose per me. Sento che se fosse progredito in modo significativo e non potessi più controllarlo, allora lo farei quasi sicuramente. Quelli di alta qualità sono molto costosi, il che è un ostacolo per molti malati. Sto pensando di radermi i capelli in questo momento; ma so che sarebbe impossibile per me non tirare del tutto la ricrescita.

                La caduta dei capelli delle donne è ancora così tabù perché il sistema socio-economico in cui viviamo attribuisce un “valore” ingiustificato e non necessario all'aspetto fisico e allo stato sociale, indipendentemente dal sesso. Fino a quando non saremo in grado di liberarci da questo sistema patriarcale e repressivo approfittando della nostra insicurezza, sarà sempre un tabù distinguersi dal “normale”, il che contribuisce a molti problemi di salute mentale su tutta la linea.

                Sto cercando di abbracciare le mie differenze; Ho una lunga strada da percorrere.


                Hannah Robinson – Perdita di capelli a causa della sindrome dell'ovaio policistico

                Hannah Robinson

                Hannah Robinson

                Ho iniziato a perdere i capelli quando avevo circa 13 anni.

                All'inizio non me ne sono accorto perché si trattava di un diradamento graduale, ma una volta capito che stavo perdendo i miei folti capelli rosso-dorati, è stato devastante. Avevo sempre dato per scontato i miei capelli e per questo avevo ricevuto complimenti per tutta la vita. All'improvviso ero un'adolescente con perdita di capelli, il che rende ancora più difficile un periodo della vita già difficile.

                Ho scoperto di avere la PCOS (sindrome dell'ovaio policistico) associata alla resistenza all'insulina, che erano le cause della caduta dei capelli. Questo è stato più di 12 anni fa e sfortunatamente per me non si sapeva molto sulla condizione, che colpisce così tante donne. Tutti i medici di base e gli specialisti che ho visto erano uomini di mezza età, che erano sprezzanti e spesso all'oscuro di quello che stava succedendo. Mi è stato detto che non c'era davvero molto da fare e ho messo la pillola che avrebbe dovuto bilanciare le cose. A un certo punto mi è stato persino detto di non preoccuparmi di qualcosa di così banale come la caduta dei capelli.

                È stata dura attraversare la mia adolescenza con i capelli molto sottili. Non ho mai avuto punti calvi, ma a volte era così sottile che si poteva vedere facilmente il mio cuoio capelluto e se portavo i capelli sciolti sembravano solo pochi ciuffi.

                Nessuno sembra capire come ti fa sentire, quale impatto negativo ha sulla tua autostima e fiducia. Quando qualcuno ha 'una brutta giornata per i capelli', significa che l'intera giornata è una brutta giornata – è così che ci si sente ogni giorno come qualcuno con la caduta dei capelli. Tutti i miei amici si pettinavano e si travestivano per le serate e io sarei andato nel panico su come non sembrare come se fossi calvo.

                A un certo punto mi è stato persino detto di non preoccuparmi di qualcosa di così banale come la caduta dei capelli.

                I capelli spessi sono un segno di giovinezza, salute e vitalità – è qualcosa per cui tutti si battono. Siamo bombardati da annunci di prodotti per ispessire i capelli, quindi avere capelli così sottili ti fa sentire poco attraente, malsano e anormale, soprattutto quando tutti i tuoi amici hanno i capelli folti.

                I capelli folti e la femminilità sono intrinsecamente legati. Tagliarsi i capelli o radersi la testa da donna è visto come una mossa ribelle, audace o semplicemente folle (ricordi il crollo di Britney?). Ma pensa a tutte le celebrità maschili attraenti con la testa calva o rasata. Il diradamento dei capelli è visto come un tratto maschile, quindi quando una donna ne soffre, può farti sentire meno una donna.

                Personalmente amo i capelli corti sulle donne, mi sono tagliato i capelli molto corti un paio di volte. Ma è difficile scrollarsi di dosso quella sensazione che in qualche modo hai fallito come donna, perché non hai riccioli fluenti. La quantità di volte in cui i ragazzi mi hanno chiesto se ero una lesbica quando avevo i capelli corti illustra solo il fatto che viviamo in un mondo in cui le persone giudicano anche la tua sessualità da come sono i tuoi capelli!

                I miei capelli sono diventati leggermente più spessi negli ultimi anni a causa di provare altri farmaci e recentemente ho iniziato a usare la schiuma Regaine per le donne. Ho dovuto fare i conti con il fatto che non avrò mai capelli folti, ma di tanto in tanto mi fa cadere ancora, soprattutto quando attraverso periodi di stress e si assottigliano di nuovo. Ho scoperto che circa 6 mesi dopo essere stato ricoverato in ospedale mentre ero in viaggio in Africa e dopo il terremoto del 2015 in Nepal (ero un volontario lì all'epoca) i miei capelli si sono improvvisamente diradati di nuovo, il che è apparentemente comune dopo eventi traumatici.

                I tuoi capelli sono una parte così importante della tua identità che è difficile non risentirne negativamente perdendoli. Anche il mio ha cambiato colore quando si è assottigliato, quindi non sono più il rosso che ero una volta. È bello sapere che se ne parla di più ora e si spera che lo stigma dell'essere una donna con perdita di capelli scomparirà gradualmente.


                Julia Esgate Christmas – Alopecia causata da una malattia autoimmune geneticamente ereditata

                Cause ed esperienze di perdita dei capelli femminili

                Getty Images

                Ho notato la mancanza di una ciocca di capelli per la prima volta durante una stagione sciistica in Francia, a 19 anni e per la prima volta lontana dai miei genitori.

                Mi stavo asciugando i capelli e l'ho sentito. Dopo aver fatto finta di star bene, ho pianto molto quella sera quando sono andato a letto. Sono andato dal medico del resort il giorno successivo e mi ha informato che era a causa dello stress e non mi curavo adeguatamente. Aveva ragione, lavoravo tutti i giorni e mi divertivo quasi tutte le sere. Mi ha informato che non c'era niente che potessi fare al riguardo, ma aspettare che ricrescesse e che mi prendessi cura di me e della mia dieta.

                Ero sventrato, perché i miei capelli sono sempre stati la mia coperta di sicurezza. Fortunatamente potevo coprirlo con il resto dei miei capelli, tuttavia ero costantemente paranoico che qualcuno potesse vederlo, specialmente quando mi legavo i capelli.

                Alla fine sono ricresciuti ei nuovi capelli erano super ricci e morbidi quando il resto dei miei capelli è solo un po 'ondulato. Dopo aver pensato che fosse così, al mio primo anno di università a 22 anni ha colpito di nuovo sul lato opposto della mia testa. Non me ne sono accorto finché uno dei miei colleghi nel mio lavoro nel fine settimana non mi ha chiesto, con tatto, se me ne ero accorto.

                Non si parla abbastanza di perdita di capelli; si presume che non accada ai giovani.

                Il cerotto si è ingrandito e sono andato di nuovo dal medico, che mi ha informato che poiché ho una storia familiare di malattia autoimmune (mia madre ha l'artrite reumatoide) questo potrebbe aver influito sulla mia perdita di capelli. Ancora una volta, non c'era niente da fare se non prendersi cura di me stesso e aspettare che ricrescesse. Di nuovo, ero così consapevole che fosse visto da altre persone. Sta ancora ricrescendo ora e devo raddrizzare il ricciolo.

                Non si parla abbastanza di perdita di capelli; si presume che non accada ai giovani. Ho cercato di parlarne il più apertamente possibile con i miei amici e altri per cancellare lo stigma che circonda l'alopecia areata come può capitare a chiunque.

                Alcuni dei miei amici mi hanno chiamato per dirmi che è successo a loro e sapevano che avevo sofferto, quindi mi hanno chiesto consigli e l'unico consiglio che posso dare è; prenditi cura di te stesso il più possibile, parla alle persone di come ti sta influenzando e non spazzolare mai i capelli quando sono bagnati!

                Non sei il primo e non sarai l'ultimo!

                Ti piace questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere più articoli come questo direttamente nella tua casella di posta.

                Hai bisogno di più ispirazione, giornalismo premuroso e consigli di bellezza a casa? Abbonati oggi alla rivista cartacea di ELLE! ISCRIVITI QUI


                Questa sezione di commenti viene creata e gestita da una terza parte e importata in questa pagina. Potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni sul loro sito web.

              Psorilax:forum |psoriasi crema vietnam thailandia

              0

              Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, come si usa

              Tra le mestruazioni, la menopausa e, beh, tanti altri argomenti, a volte sembra che ci sia un elenco infinito di argomenti di conversazione che sono ritenuti troppo rozzi per noi donne di cui parlare apertamente – caduta dei capelli femminile inclusa.

              Ma, come per ogni argomento “tabù”, una conversazione sulla realtà della sofferenza della caduta dei capelli femminile è in ritardo.

              La domanda è: perché una condizione che colpisce un'enorme percentuale di uomini dovrebbe essere così tabù per le donne? E, come ogni altra cosa, quanto è peggio quando ti senti completamente solo con esso?

              È ora di parlare.

              Questo contenuto è importato da Instagram. Potresti essere in grado di trovare lo stesso contenuto in un altro formato, oppure potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni, sul loro sito web.

              Ad aprire la conversazione sulla caduta dei capelli femminile è la top model Sara Sampaio che ha recentemente rivelato la sua lotta con la tricotillomania, un disturbo che, nel suo caso, la porta a tirarsi i peli delle sopracciglia finché non escono, lasciando vuoti visibili.

              La modella VS ha discusso della sua continua lotta con il disturbo tramite Instagram dicendo: 'La mia è iniziata quando avevo circa 15 anni! È iniziato con me che mi tiravo le ciglia e quasi subito dopo è arrivato a me che mi tiravo i peli delle sopracciglia! Non mi tiro più le ciglia e da allora ho tirato le sopracciglia! Gli episodi sono peggiori sotto molto stress o quando non sto facendo niente come guardare la tv o leggere un libro! '

              Capelli di Kristin Davis

              Getty Images

              Anche l'attrice Kristin Davis, alias Charlotte di SATC, ha recentemente rivelato a WWD le sue lotte con il diradamento dei capelli:

              'Era molto bello, come se fosse andato via, non c'erano quasi i capelli lì … quando ho provato a fare qualcosa o dovevo andare da qualche parte mi sono detto, “Dove sono i miei capelli?”'

              Con i dati del NHS che suggeriscono che circa la metà delle donne di età superiore ai 65 anni sperimenterà la perdita di capelli di tipo femminile, per non parlare di un'intera pletora di altre forme di perdita di capelli che colpiscono le donne ovunque, sicuramente è tempo di scrollarsi di dosso quel tabù una volta per tutte e parlare.

              Ma perché i nostri capelli cadono? Ci siamo rivolti ai professionisti …

              Che cosa causa la perdita dei capelli nelle donne?

              “Ci sono diversi possibili fattori che possono provocare la caduta dei capelli per le donne e non tutti sono facilmente gestibili”, afferma David Brooks, capo della ricerca e sviluppo di Leonor Greyl.

              1.Genetica

                  “La genetica e / o lo stress emotivo o fisico intenso possono essere molto difficili da gestire. Nel caso di “Bad Genetics” probabilmente otterrai i tuoi migliori risultati usando qualcosa da banco come il minoxidil (un farmaco usato per il trattamento della caduta dei capelli di tipo maschile).

                  “Sfortunatamente, quando smetti di usare il minoxidil, è molto probabile che tu possa sperimentare una perdita di capelli ancora peggiore rispetto a prima di iniziare a usarlo”, spiega Brooks.

                  2. Dieta

                  Altre cause di perdita di capelli nelle donne possono essere carenze nutrizionali o l'uso di determinati farmaci. Questi possono essere facilmente risolti correggendo la dieta o interrompendo l'uso di farmaci (consultare il proprio medico prima di interrompere).

                  3. Elaborazione eccessiva e acconciatura dei capelli

                  'L'elaborazione eccessiva dei capelli, della forfora e della psoriasi del cuoio capelluto e l'uso di acconciature troppo strette è troppo spesso qualcosa che viene davvero trascurato. La soluzione ovvia è fermarsi! Stai solo tirando le radici e quindi indebolendole nel tempo. I capelli cadranno e non ricresceranno ”.

                  4. Parto e menopausa

                  “Il parto e la menopausa sono un'altra possibile causa della caduta dei capelli nelle donne”, afferma Brooks. “Il rapido aumento e diminuzione dei livelli ormonali può essere molto difficile da gestire a molti livelli.”


                  Ma, come potrebbe dirti qualsiasi donna che ha sofferto di perdita di capelli, la sterile spiegazione medica raramente è correlata all'esperienza umana di essere una donna che sta perdendo i capelli.

                  Abbiamo parlato con cinque donne delle loro esperienze personali e di come stanno dando il dito alla caduta dei capelli femminile, un giorno alla volta …


                  Gina Knight – Telogen Effluvium causato dalla depressione post-natale

                  Capelli, Acconciatura, Bellezza, Capelli neri, Labbro, Fronte, Umano, S-curl, Orecchio, Modello,

                  Gina Knight

                  Dopo aver avuto il mio primo bambino, ho iniziato a perdere i capelli dopo il parto, il che è del tutto normale. Quando sei incinta trattieni tutti i tuoi capelli e sono lucenti, folti e adorabili, e poi una volta partorito iniziano a perdere. Può sembrare abbastanza estremo perché non hai perso i capelli in modo naturale nel tempo come quando non sei incinta, ma è del tutto normale.

                  Mi aspettavo lo spargimento, ma dopo tre o quattro mesi la caduta dei capelli si stava concentrando davvero in certe zone. La corona della mia testa e i lati dei miei capelli erano caduti ed era molto evidente e quando sono andato dai medici, hanno pensato che, poiché avevo avuto un bambino, fosse solo il solito spargimento.

                  Ho visto tre o quattro medici perché non ero soddisfatto della loro diagnosi. Poiché sono nero, i medici presumevano che i miei capelli stessero cadendo a causa di cattive pratiche sui capelli come indossare trecce strette o una trama che non avrebbe potuto essere più fuori luogo. All'epoca ero un blogger di capelli e mi piaceva molto i trattamenti olistici per capelli, per non parlare del fatto che non avevo mai avuto trecce o una trama.

                  Poiché sono nero, i medici presumevano che i miei capelli stessero cadendo a causa delle cattive pratiche dei capelli.

                  Successivamente, i medici hanno cercato di diagnosticare quasi tutto, compresa un'infezione fungina! Mi hanno prescritto creme topiche che non funzionavano e la fase successiva è stata quella di testare una chiazza dei miei capelli. Mi sentivo già a disagio per le ciocche di capelli che mi mancavano, non volevo rinunciare a un altro pezzo.

                  Invece, ho fatto un sacco di ricerche e ho deciso di tagliare tutti i prodotti per lo styling dei capelli e semplicemente lavarli con acqua (dove ti basta sciacquare i capelli sotto l'acqua) per sei mesi. Allora sapevo che se i miei capelli continuavano a cadere era a causa di qualcosa che accadeva internamente, non a causa di un prodotto che stavo applicando esternamente.

                  Ci è voluto quasi un anno prima che mi venisse correttamente diagnosticata l'alopecia correlata allo stress come parte della mia depressione postnatale e del disturbo da stress post-traumatico. Si è scoperto che il modo in cui il mio corpo reagiva era rifiutare i miei capelli.

                  Capelli, Acconciatura, Capelli neri, Ricciolo Jheri, Sopracciglia, Bellezza, Labbro, Umano, S-curl, Afro,

                  Gina Knight

                  Avevo un neonato da accudire e sapere che i miei capelli stavano cadendo non faceva che aumentare lo stress. C'è stato un momento in cui la mia depressione postnatale è peggiorata così tanto che il medico ha voluto prescrivermi degli antidepressivi. Ma per quanto la perdita di capelli mi stesse abbattendo, come neo mamma non volevo sentirmi fuori. Molte persone scelgono di assumere farmaci e questa è totalmente una loro scelta, ma per me non volevo essere confuso in una fase così precoce della vita di mio figlio, o mai davvero.

                  Dopo la diagnosi la gente continuava a dire “Perché non ti radi la testa?”, Perché l'avevo già fatto in precedenza. Ma c'è una grande differenza tra scegliere di radersi i capelli e dover radersi i capelli. Ti senti così fuori controllo.

                  Invece, ho iniziato a giocare con le parrucche. Essendo stato conosciuto come un blogger di capelli con i capelli grandi, perderlo mi ha fatto perdere la fiducia. Sono una persona stravagante e volevo comunque essere favolosa senza danneggiare ulteriormente i miei capelli.

                  C'è una grande differenza tra la scelta di radersi i capelli e il dover radersi i capelli.

                  All'epoca la maggior parte delle parrucche utilizzava trame eurocentriche o sembravano così false, quindi ho iniziato a crearne una mia. Oltre a indossare e creare parrucche per altre donne che soffrono di caduta dei capelli, pratico anche molta meditazione per aiutare ad affrontare le mie ansie. Non sono scomparsi del tutto, non lo fanno mai veramente, ma il modo in cui li tratto ora è molto più chiaro.

                  Ho appena avuto il mio secondo bambino e la perdita dei capelli è sempre nella parte posteriore della mia mente. Lo spargimento è ricominciato e le aree che prima avevano perso più capelli sono ancora molto più sottili. Le persone spesso pensano che la caduta dei capelli sia qualcosa su cui puoi mettere una crema e sarai curato, ma la maggior parte delle volte non è così. A volte, devi solo affrontare il fatto che non ricrescerà mai e affrontarlo.


                  Juliet Cooke – Alopecia

                  Juliet Cooke

                  Juliet Cooke

                  Nove mesi fa, mentre mi asciugavo i capelli, ho notato una piccola zona calva circolare sulla tempia sinistra. Non avevo idea di cosa fosse e ho chiamato immediatamente l'ambulatorio medico sperando di prenotare un appuntamento. Mi è stato detto al telefono che sembrava che avessi qualcosa chiamato Alopecia e il dottore non poteva vedermi per alcune settimane, ma non esiste una cura, quindi non ero un caso urgente rispetto ad altri.

                  La prima cosa che ho fatto è stata andare su Internet per vedere cosa fosse questa cosa misteriosa chiamata Alopecia, non avendone nemmeno una vera idea. Internet era coperto di foto di persone calve e di quelle parole distruttive stampate ovunque, nessuna cura …

                  Il panico che ho provato in quel momento è stato così travolgente e in realtà indescrivibile. I pensieri che mi scorrevano in testa non si fermavano … “E se perdessi tutti i capelli?” “Chi mai vorrà guardarmi?” “Come mi guarderò?” È andato avanti all'infinito.

                  Nei mesi a seguire, ho perso i capelli ogni giorno, sia sotto la doccia che usciva a manciate o mi svegliavo con tutto il cuscino. I miei genitori e io abbiamo provato di tutto per fermarlo, iniezioni, creme steroidee, immunologi, tricologi, dermatologi … un flusso infinito di appuntamenti che hanno sempre avuto la stessa risposta -Ho avuto l'alopecia, nessuno sapeva perché, da cosa fosse o come Potrei fermarlo.

                  Juliet Cooke

                  Juliet Cooke

                  C'era solo una cosa da fare nella mia mente ed era mantenere un sorriso sul mio viso e fingere che non stesse accadendo. Mettere un fronte è una delle cose più facili da fare, l'avevo fatto molte volte in passato, quindi perché non ora. Sfortunatamente c'è solo così tanto che puoi mascherare prima che l'emozione si riversi fuori dalle cuciture, e così è stato.

                  Il giorno in cui ho iniziato a perdere le sopracciglia è stato il giorno in cui ho perso ogni speranza. Ho toccato il fondo. Non potevo alzarmi la mattina o mostrare la mia faccia in pubblico. Non è che stavo piangendo tutti i giorni, perché onestamente non avevo l'energia e nemmeno mi interessava abbastanza per farlo. Mi sono sentito completamente piatto. Non riuscivo a vedere una via d'uscita dal grande buco nero e non sono sicuro in quel momento se mi importasse davvero abbastanza di me stesso da provare. L'alopecia non è solo una condizione fisica, ma influisce in modo massiccio anche sul tuo stato mentale. La depressione è un'altra cosa di cui le persone parlano raramente, ma sta finalmente ottenendo l'attenzione dei media che merita così tanto.

                  Un giorno, circa 2 mesi fa, ho deciso di dare una svolta alla mia vita e di rimettermi in carreggiata. Ero seduto nella casa per le vacanze della mia famiglia a Strangford e il sole brillava sul lago e attraverso la finestra e per la prima volta mi sembrava di avere energia e persino un po 'di speranza. Ho deciso che era ora di condividere il mio viaggio con tutti così non dovevo più nascondermi.

                  Alla fine ho trovato il coraggio di battere al massimo l'alopecia e mi sono rasato la testa, riprendendo il controllo che la condizione mi aveva rubato.

                  Mi sono seduto, ho acceso il mio iPad e ho iniziato a parlare, spiegando alle persone quello che avevo passato personalmente, cos'è l'alopecia, mostrando loro le mie zone calve nascoste, e poi ho cantato una canzone come la musica mi aveva aiutato nei momenti più difficili . L'ho postato su Facebook prima di pensare davvero. Non ero mai stata una persona pubblica, ma per qualche motivo non avevo dubbi che il mio atto di autoaiuto dovesse essere fatto in modo molto pubblico. Siamo tutti diversi e questo era il mio modo di affrontarlo.

                  Alla fine ho trovato il coraggio di battere al massimo l'alopecia e mi sono rasato la testa, riprendendo il controllo che la condizione mi aveva rubato. Dicono che lo stress causa l'alopecia, ma siamo onesti che perdere i capelli provoca stress e c'è solo un modo per fermare quel ciclo.


                  Emily May Armstrong – Tricotillomania

                  Questo contenuto è importato da Instagram. Potresti essere in grado di trovare lo stesso contenuto in un altro formato, oppure potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni, sul loro sito web.

                  Sono Emily, una studentessa di dottorato di 24 anni che vive a Glasgow e studia scienze vegetali e vivo con Trich da 15 anni.

                  La tricotillomania è un disturbo compulsivo ripetitivo focalizzato sul corpo, un sottotipo di DOC. È caratterizzato da una compulsione a tirare o rimuovere i capelli; più comunemente dalla testa, ma può coinvolgere anche ciglia, sopracciglia o peli pubici.

                  Mi è stato diagnosticato il Trich per la prima volta quando avevo nove anni, quando improvvisamente ho perso tutti i capelli dalla testa. Adesso ho 24 anni e, anche se peggiora con i picchi e le depressioni, non sei mai veramente libero dall'impulso. Oppure prendi solo cattive abitudini, come fumare, per superarlo.

                  Trich è sotto-studiato nel Regno Unito, con il NHS piuttosto spinto per le risorse per provare a trattarlo. Sono stato indirizzato alla CBT (terapia cognitivo comportamentale) quando avevo 10 anni, il che mi ha reso più ansioso e depresso. Cercare di identificare i trigger di Trich è incredibilmente difficile; possono essere emotivi, fisici, situazionali e differire notevolmente tra gli individui. Per me, attualmente è soprattutto quando mi imbatto in cose confuse nella mia ricerca di dottorato; anche ansia e stress lo inducono.

                  Questo contenuto è importato da Instagram. Potresti essere in grado di trovare lo stesso contenuto in un altro formato, oppure potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni, sul loro sito web.

                  Trich è per lo più considerato intrattabile; non c'è abbastanza ricerca sui meccanismi d'azione mentali o neurofisiologici per sostenere davvero la causa. Sospetto che funzioni in modo simile a qualsiasi altra dipendenza; uno stimolo come una piccola quantità di dolore induce una risposta alla dopamina, una sensazione piacevole. Dopo un po ', il tuo bisogno fisiologico per il colpo di dopamina prevale sul tuo ragionamento per fermarti.

                  La parte più isolante di Trich è cercare più che puoi di fermarti, non vuoi farlo, ma semplicemente non puoi. Sarebbe come chiedere a un alcolizzato di smettere di bere, se avesse bottiglie di vino attaccate alle mani 24 ore su 24, 7 giorni su 7. A volte sembra impossibile.

                  Al momento sono in un momento difficile con Trich; manca circa la metà dei miei capelli. Fortunatamente mi sono “ allenato '' a scegliere aree meno evidenti, il che significa che per la maggior parte non puoi dirlo dalla maggior parte delle angolazioni, oa meno che tu non stia davvero guardando.

                  È un enorme distruttore di autostima, so di essere colpevole di isolarmi dagli amici quando mi sento particolarmente vulnerabile, rifiutando le serate e gli eventi sociali altrimenti piacevoli. È un circolo vizioso, ti senti depresso, perdi i capelli. Hai perso i capelli, quindi ti senti depresso. Mi sono già suicidato prima, non c'è dubbio.

                  Sarebbe come chiedere a un alcolizzato di smettere di bere, se avesse bottiglie di vino attaccate alle mani 24 ore su 24, 7 giorni su 7. A volte sembra impossibile.

                  Non ho mai indossato una parrucca, i capelli rimanenti che ho sono spessi e molto ricci, quindi tendono a nascondere le cose per me. Sento che se fosse progredito in modo significativo e non potessi più controllarlo, allora lo farei quasi sicuramente. Quelli di alta qualità sono molto costosi, il che è un ostacolo per molti malati. Sto pensando di radermi i capelli in questo momento; ma so che sarebbe impossibile per me non tirare del tutto la ricrescita.

                  La caduta dei capelli delle donne è ancora così tabù perché il sistema socio-economico in cui viviamo attribuisce un “valore” ingiustificato e non necessario all'aspetto fisico e allo stato sociale, indipendentemente dal sesso. Fino a quando non saremo in grado di liberarci da questo sistema patriarcale e repressivo approfittando della nostra insicurezza, sarà sempre un tabù distinguersi dal “normale”, il che contribuisce a molti problemi di salute mentale su tutta la linea.

                  Sto cercando di abbracciare le mie differenze; Ho una lunga strada da percorrere.


                  Hannah Robinson – Perdita di capelli a causa della sindrome dell'ovaio policistico

                  Hannah Robinson

                  Hannah Robinson

                  Ho iniziato a perdere i capelli quando avevo circa 13 anni.

                  All'inizio non me ne sono accorto perché si trattava di un diradamento graduale, ma una volta capito che stavo perdendo i miei folti capelli rosso-dorati, è stato devastante. Avevo sempre dato per scontato i miei capelli e per questo avevo ricevuto complimenti per tutta la vita. All'improvviso ero un'adolescente con perdita di capelli, il che rende ancora più difficile un periodo della vita già difficile.

                  Ho scoperto di avere la PCOS (sindrome dell'ovaio policistico) associata alla resistenza all'insulina, che erano le cause della caduta dei capelli. Questo è stato più di 12 anni fa e sfortunatamente per me non si sapeva molto sulla condizione, che colpisce così tante donne. Tutti i medici di base e gli specialisti che ho visto erano uomini di mezza età, che erano sprezzanti e spesso all'oscuro di quello che stava succedendo. Mi è stato detto che non c'era davvero molto da fare e ho messo la pillola che avrebbe dovuto bilanciare le cose. A un certo punto mi è stato persino detto di non preoccuparmi di qualcosa di così banale come la caduta dei capelli.

                  È stata dura attraversare la mia adolescenza con i capelli molto sottili. Non ho mai avuto punti calvi, ma a volte era così sottile che si poteva vedere facilmente il mio cuoio capelluto e se portavo i capelli sciolti sembravano solo pochi ciuffi.

                  Nessuno sembra capire come ti fa sentire, quale impatto negativo ha sulla tua autostima e fiducia. Quando qualcuno ha 'una brutta giornata per i capelli', significa che l'intera giornata è una brutta giornata – è così che ci si sente ogni giorno come qualcuno con la caduta dei capelli. Tutti i miei amici si pettinavano e si travestivano per le serate e io sarei andato nel panico su come non sembrare come se fossi calvo.

                  A un certo punto mi è stato persino detto di non preoccuparmi di qualcosa di così banale come la caduta dei capelli.

                  I capelli spessi sono un segno di giovinezza, salute e vitalità – è qualcosa per cui tutti si battono. Siamo bombardati da annunci di prodotti per ispessire i capelli, quindi avere capelli così sottili ti fa sentire poco attraente, malsano e anormale, soprattutto quando tutti i tuoi amici hanno i capelli folti.

                  I capelli folti e la femminilità sono intrinsecamente legati. Tagliarsi i capelli o radersi la testa da donna è visto come una mossa ribelle, audace o semplicemente folle (ricordi il crollo di Britney?). Ma pensa a tutte le celebrità maschili attraenti con la testa calva o rasata. Il diradamento dei capelli è visto come un tratto maschile, quindi quando una donna ne soffre, può farti sentire meno una donna.

                  Personalmente amo i capelli corti sulle donne, mi sono tagliato i capelli molto corti un paio di volte. Ma è difficile scrollarsi di dosso quella sensazione che in qualche modo hai fallito come donna, perché non hai riccioli fluenti. La quantità di volte in cui i ragazzi mi hanno chiesto se ero una lesbica quando avevo i capelli corti illustra solo il fatto che viviamo in un mondo in cui le persone giudicano anche la tua sessualità da come sono i tuoi capelli!

                  I miei capelli sono diventati leggermente più spessi negli ultimi anni a causa di provare altri farmaci e recentemente ho iniziato a usare la schiuma Regaine per le donne. Ho dovuto fare i conti con il fatto che non avrò mai capelli folti, ma di tanto in tanto mi fa cadere ancora, soprattutto quando attraverso periodi di stress e si assottigliano di nuovo. Ho scoperto che circa 6 mesi dopo essere stato ricoverato in ospedale mentre ero in viaggio in Africa e dopo il terremoto del 2015 in Nepal (ero un volontario lì all'epoca) i miei capelli si sono improvvisamente diradati di nuovo, il che è apparentemente comune dopo eventi traumatici.

                  I tuoi capelli sono una parte così importante della tua identità che è difficile non risentirne negativamente perdendoli. Anche il mio ha cambiato colore quando si è assottigliato, quindi non sono più il rosso che ero una volta. È bello sapere che se ne parla di più ora e si spera che lo stigma dell'essere una donna con perdita di capelli scomparirà gradualmente.


                  Julia Esgate Christmas – Alopecia causata da una malattia autoimmune geneticamente ereditata

                  Cause ed esperienze di perdita dei capelli femminili

                  Getty Images

                  Ho notato la mancanza di una ciocca di capelli per la prima volta durante una stagione sciistica in Francia, a 19 anni e per la prima volta lontana dai miei genitori.

                  Mi stavo asciugando i capelli e l'ho sentito. Dopo aver fatto finta di star bene, ho pianto molto quella sera quando sono andato a letto. Sono andato dal medico del resort il giorno successivo e mi ha informato che era a causa dello stress e non mi curavo adeguatamente. Aveva ragione, lavoravo tutti i giorni e mi divertivo quasi tutte le sere. Mi ha informato che non c'era niente che potessi fare al riguardo, ma aspettare che ricrescesse e che mi prendessi cura di me e della mia dieta.

                  Ero sventrato, perché i miei capelli sono sempre stati la mia coperta di sicurezza. Fortunatamente potevo coprirlo con il resto dei miei capelli, tuttavia ero costantemente paranoico che qualcuno potesse vederlo, specialmente quando mi legavo i capelli.

                  Alla fine sono ricresciuti ei nuovi capelli erano super ricci e morbidi quando il resto dei miei capelli è solo un po 'ondulato. Dopo aver pensato che fosse così, al mio primo anno di università a 22 anni ha colpito di nuovo sul lato opposto della mia testa. Non me ne sono accorto finché uno dei miei colleghi nel mio lavoro nel fine settimana non mi ha chiesto, con tatto, se me ne ero accorto.

                  Non si parla abbastanza di perdita di capelli; si presume che non accada ai giovani.

                  Il cerotto si è ingrandito e sono andato di nuovo dal medico, che mi ha informato che poiché ho una storia familiare di malattia autoimmune (mia madre ha l'artrite reumatoide) questo potrebbe aver influito sulla mia perdita di capelli. Ancora una volta, non c'era niente da fare se non prendersi cura di me stesso e aspettare che ricrescesse. Di nuovo, ero così consapevole che fosse visto da altre persone. Sta ancora ricrescendo ora e devo raddrizzare il ricciolo.

                  Non si parla abbastanza di perdita di capelli; si presume che non accada ai giovani. Ho cercato di parlarne il più apertamente possibile con i miei amici e altri per cancellare lo stigma che circonda l'alopecia areata come può capitare a chiunque.

                  Alcuni dei miei amici mi hanno chiamato per dirmi che è successo a loro e sapevano che avevo sofferto, quindi mi hanno chiesto consigli e l'unico consiglio che posso dare è; prenditi cura di te stesso il più possibile, parla alle persone di come ti sta influenzando e non spazzolare mai i capelli quando sono bagnati!

                  Non sei il primo e non sarai l'ultimo!

                  Questa sezione di commenti viene creata e gestita da una terza parte e importata in questa pagina. Potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni sul loro sito web.

                Psorilax:Unico |fucimixbeta crema x psoriasi

                0

                Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, ingredienti

                Cos'è la psoriasi del cuoio capelluto?

                Come suggerisce il termine, la psoriasi del cuoio capelluto è la psoriasi sul cuoio capelluto. È comune e circa la metà di tutte le persone con psoriasi ce l'ha anche sul cuoio capelluto. Il motivo per cui merita una menzione speciale è che può essere più difficile da trattare e di solito richiede trattamenti specificamente formulati.

                La psoriasi sul cuoio capelluto si forma come su altre parti del corpo ma i capelli intrappolano le squame e quindi non si sfregano come farebbe, ad esempio, sul gomito. Il risultato è che la scala può accumularsi rapidamente, causando una placca più spessa che diventa più difficile da trattare. Questa difficoltà è aggravata dal capello, che funge da barriera fisica ostacolando la facile applicazione di creme e unguenti sulla pelle colpita. Anche i bambini possono contrarre la psoriasi del cuoio capelluto. I trattamenti saranno più o meno gli stessi di quelli usati per gli adulti. In rare occasioni, è noto che la psoriasi del cuoio capelluto scompare spontaneamente, ma può rimanere sul cuoio capelluto anche per lunghi periodi di tempo.

                Quali sono i sintomi?

                La psoriasi del cuoio capelluto provoca arrossamenti e squamosità, che possono interessare anche l'attaccatura dei capelli, la fronte, dietro le orecchie e la parte posteriore del collo. Può variare da molto lieve con una leggera desquamazione fine a una desquamazione spessa e crosta molto grave che copre l'intero cuoio capelluto. In alcuni casi può verificarsi perdita di capelli durante la riacutizzazione, ma normalmente i capelli ricresceranno. La psoriasi può essere pruriginosa, rendere il cuoio capelluto teso e occasionalmente causare dolore, soprattutto se ci sono crepe nella pelle.

                Qual è il trattamento

                Esistono molte opzioni di trattamento che possono aiutare la psoriasi del cuoio capelluto e spesso può essere necessario un approccio combinato che utilizza una serie di trattamenti diversi fino a quando i sintomi non si sono risolti. È importante ricordare di continuare a trattare il cuoio capelluto anche se i capelli cadono. I capelli di solito ricrescono una volta che l'infiammazione e la scala si sono risolte.

                I trattamenti possono richiedere molto tempo e potresti trovarli più facili se chiedi a qualcuno di aiutarti. È importante sceglierne uno che si adatti al tuo stile di vita; eseguire trattamenti intensivi durante il fine settimana, ad esempio, quando si ha più tempo libero. La psoriasi non è curabile, ma i segni ei sintomi possono essere ben controllati.

                Possono essere necessarie almeno otto settimane prima di ottenere un controllo adeguato delle placche, qualunque sia il trattamento utilizzato. Ricordati di provare a curare la psoriasi quotidiano quando è attivo.

                Se, tuttavia, non ha riscontrato alcun miglioramento dopo 4 settimane di trattamento continuo, dovrebbe tornare dal medico o dall'infermiere per un'ulteriore valutazione.

                Una volta ottenuta l'autorizzazione, è importante mantenere il miglioramento. Questo di solito può essere fatto con l'uso regolare di uno shampoo a base di catrame eo idratando il cuoio capelluto occasionalmente con un olio o un emolliente. Alcune persone trovano che il trattamento quotidiano del cuoio capelluto sia un vantaggio nell'impedire il ritorno della bilancia, ma questo sarebbe un riferimento personale a seconda delle circostanze. Se non riesci a controllare la psoriasi del cuoio capelluto, chiedi al tuo medico di famiglia di indirizzarti a uno specialista.

                Nel 2012, il National Institute for Health and Care Excellence (NICE) ha pubblicato una linea guida sul trattamento della psoriasi del cuoio capelluto. Si consiglia di iniziare con il processo di trattamento di seguito. Questa guida si basa sulle prove scientifiche disponibili e non sarà sempre adatta a tutti. Abbiamo incluso alcune informazioni aggiuntive sui tipi di trattamenti disponibili e su come utilizzarli.

                Trattamento topico per la psoriasi del cuoio capelluto negli adulti, nei giovani e nei bambini

                1. Potente corticosteroide una volta al giorno per un massimo di 4 settimane come trattamento iniziale. Se trovi difficile o non puoi usare i corticosteroidi sul cuoio capelluto, o hai una psoriasi del cuoio capelluto da lieve a moderata, il tuo medico potrebbe invece offrirti un preparato di vitamina D.
                2. Se non ci sono miglioramenti dopo 4 settimane, è possibile che venga offerta: una diversa formulazione di corticosteroidi (ad esempio uno shampoo o una mousse); e / o un trattamento del cuoio capelluto per rimuovere le squame (come un emolliente o un olio) prima di ulteriori applicazioni del potente corticosteroide.
                3. Se la situazione non migliora dopo altre 4 settimane ti dovrebbe essere offerto:
                • un prodotto combinato contenente un potente corticosteroide e vitamina D applicato una volta al giorno per un massimo di 4 settimane; o
                • una preparazione di vitamina D applicata una volta al giorno (se non puoi usare corticosteroidi e hai una psoriasi del cuoio capelluto da lieve a moderata).
                1. Se un prodotto combinato o una preparazione di vitamina D non controlla la psoriasi del cuoio capelluto dopo 8 settimane, ti dovrebbe essere offerta una delle seguenti opzioni:
                • solo per gli adulti, un corticosteroide molto potente applicato fino a due volte al giorno per 2 settimane
                • una preparazione di catrame di carbone applicata una o due volte al giorno
                • rinvio a uno specialista per assistenza con applicazioni topiche o consigli su altri trattamenti.

                Ecco un elenco di trattamenti topici menzionati da NICE e che potresti trovare utili per la psoriasi del cuoio capelluto:

                Steroidi topici (corticosteroidi)

                Gli steroidi topici sono disponibili in varie formulazioni e alcuni sono specificamente progettati come prodotti per il cuoio capelluto. Questi tendono ad essere lozioni, gel, schiume, spray o shampoo, quindi possono essere usati più facilmente nelle aree coperte dai capelli, sono più esteticamente accettabili e sono più facili da lavare. Quando sono presenti molte incrostazioni e indolenzimento, si consiglia di evitare trattamenti topici ad alto contenuto di alcol in quanto spesso causano secchezza e bruciore; un prodotto a base di gel o lozione potrebbe essere più adatto.

                I corticosteroidi sono disponibili in diversi punti di forza, che vanno dalla potenza lieve a quella molto forte. Potenti steroidi sono generalmente prescritti per il trattamento del cuoio capelluto, ma questi non sono adatti per il viso o intorno alle orecchie. Non devono essere utilizzati continuamente per lunghi periodi di tempo. Vengono utilizzati, idealmente, per alcune settimane per tenere sotto controllo la psoriasi, e poi gradualmente eliminati, passando al trattamento di mantenimento con shampoo al catrame di carbone e / o emollienti. A volte il corticosteroide diventa meno efficace dopo un uso ripetuto e potrebbe essere necessario provare una formulazione o un trattamento alternativo per un po '.

                Quando si utilizzano potenti steroidi sul cuoio capelluto, fare attenzione a non lasciare che il trattamento venga eseguito sul viso o dietro le orecchie, poiché la pelle è molto più sottile in queste aree e più soggetta a danni. È importante lavarsi le mani dopo aver usato questi trattamenti in modo da non diffondere il trattamento ad altre aree per errore.

                Analoghi della vitamina D.

                Gli analoghi della vitamina D sono disponibili come unguento, gel, schiuma o lozione a seconda della marca. Di solito vengono applicati una o due volte al giorno e lasciati a contatto con il cuoio capelluto (cioè non hanno bisogno di essere lavati). Non odorano né macchiano i vestiti e sono relativamente facili da usare, sebbene nessuno sia specificamente progettato per l'uso sul cuoio capelluto. Possono essere usati per tenere sotto controllo la psoriasi del cuoio capelluto e mantenerlo. Un produttore combina il trattamento con un potente steroide e questo deve quindi essere evitato sul viso e dietro le orecchie. I prodotti senza contenuto di steroidi sono sicuri da usare anche sulla fronte, ma a volte possono causare irritazione. È consigliabile testare un piccolo cerotto prima di applicarlo su tutto il cuoio capelluto. In tutti i casi, evitare il contatto con gli occhi.

                Prodotti di catrame

                Shampoo, gel, unguenti e creme al catrame sono comunemente usati per trattare la psoriasi del cuoio capelluto e possono essere usati sull'attaccatura dei capelli, sulla fronte e intorno alle orecchie. Possono essere combinati con altri farmaci, come l'acido salicilico o l'olio di cocco, per aiutare a rimuovere le incrostazioni. Il catrame è efficace ma può macchiare vestiti e gioielli e ha un forte odore, quindi ad alcune persone non piace usarlo. Le precise istruzioni per l'uso dipenderanno dalla formulazione del prodotto, ma i prodotti a base di catrame vengono solitamente massaggiati sul cuoio capelluto, lasciati a contatto per un periodo di tempo (forse 1-2 ore) e poi lavati via. I vestiti e la biancheria da letto possono essere protetti dalle macchie indossando una cuffia da doccia durante il periodo di contatto. Assicurati di ricevere istruzioni complete dal tuo infermiere, medico o farmacista su come utilizzare il prodotto in modo sicuro ed efficace.

                Shampoo medicati

                Ci sono diversi catrame di carbone e shampoo medicati per il trattamento della psoriasi del cuoio capelluto disponibili presso il farmacista locale. Per ulteriori consigli, parla con il tuo farmacista. Tieni presente che gli shampoo medicati sono progettati per il trattamento del cuoio capelluto piuttosto che per lavare i capelli, quindi usare uno shampoo e un balsamo regolari dopo i trattamenti sul cuoio capelluto ridurrà l'odore sgradevole e lascerà i capelli lucenti e pettinabili. Quando si usano shampoo per catrame, massaggiare lo shampoo sul cuoio capelluto e lasciare agire per 5-10 minuti prima di risciacquare. Lo shampoo a base di catrame da solo non è raccomandato per il trattamento della psoriasi del cuoio capelluto grave (cioè dove c'è una spessa desquamazione e arrossamento).

                Emollienti / oli

                A volte gli unguenti o gli oli emollienti possono essere utili per ammorbidire le squame spesse e aderenti sulle placche della psoriasi. Altri trattamenti “attivi” come gli steroidi o il catrame funzioneranno meglio se la bilancia viene prima rimossa, perché possono quindi penetrare meglio nell'area che deve essere trattata. Ci sono un paio di prodotti specificatamente commercializzati per questo scopo, ma possono essere utilizzati preparati come olio d'oliva, olio di cocco o unguento emulsionante ammorbidito, oppure il farmacista potrebbe consigliarti un emolliente o una lozione alternativi.

                L'olio può essere gocciolato sul cuoio capelluto e massaggiato, sezione per sezione, cercando di evitare che vada troppo sui capelli. Il cuoio capelluto può quindi essere avvolto in un asciugamano, una cuffia da doccia o una pellicola trasparente e lasciato agire per 30-60 minuti. Il cuoio capelluto e i capelli possono quindi essere lavati con shampoo normale o catrame. Mentre il cuoio capelluto è ancora umido, le squame dovrebbero essere ammorbidite e allentate, rendendole più facili da rimuovere a mano. Potresti trovare questo più gestibile se hai qualcuno che ti aiuta. Posiziona un pettine di plastica a denti fini piatto contro il cuoio capelluto e ruotalo delicatamente con un movimento circolare. Allenta la bilancia con attenzione e cerca di pettinarla via dai capelli. Non rimuovere le squame troppo violentemente in quanto ciò può danneggiare la pelle e causare la caduta dei capelli. Puoi quindi fare di nuovo lo shampoo per lavare via i detriti dal cuoio capelluto e dai capelli. I capelli potrebbero aver bisogno di due lavaggi se rimangono unti. Ovviamente puoi usare un asciugacapelli per asciugare i capelli in seguito. Fatto ciò, può essere applicato un trattamento attivo come una lozione a base di corticosteroidi. Alcune persone trovano che una combinazione di tecniche funzioni meglio per loro, quindi elabora un regime che si adatti alle tue circostanze e ti dia i risultati che ritieni più convenienti

                NB: Gli unguenti al catrame sono usati in modo simile.

                Altri trattamenti

                Dithranol

                Le creme al ditranolo possono essere efficaci nella psoriasi del cuoio capelluto ma, come il catrame di carbone, possono essere difficili da usare e spesso non sono prescritte per l'uso domestico. Il dithranol viene solitamente applicato sulle placche squamose e lasciato a contatto fino a 30 minuti prima di essere risciacquato. Deve essere applicato con molta cura in quanto può irritare e causare macchie viola sui capelli biondi o rossi. Il dithranol può anche bruciare la pelle non influenzata dalle placche. Il ditranolo stabilizzato con lipidi, se usato correttamente, può ridurre la colorazione. Tieni presente che il ditranolo macchia gli indumenti, i bagni, le docce e i lavabi. È necessaria un'attenzione particolare e quindi è probabilmente meglio riservarla all'uso supervisionato solo nelle cliniche dermatologiche.

                Trattamento antimicrobico

                Se è presente un'infezione batterica o di lievito, la psoriasi del cuoio capelluto può peggiorare. Una formazione di croste sul cuoio capelluto insieme a desquamazione e / o ingrossamento dei linfonodi del collo possono indicare al medico che sarà necessario un trattamento antimicrobico in quanto è presente un'infezione.

                La psoriasi lieve del cuoio capelluto può anche imitare o coincidere con un'infezione da lievito e quindi può rispondere bene al trattamento con shampoo antifungini. Successivamente, per mantenere i risultati, potrebbe essere necessario utilizzare shampoo antifungini una o due volte alla settimana.

                Luce ultravioletta

                L'esito positivo dell'utilizzo di trattamenti con luce UV è scadente perché i capelli bloccano la penetrazione della luce UV nel cuoio capelluto. Funziona meglio su teste rasate. La luce solare naturale può anche aiutare se la tua testa è rasata o i capelli sono sottili. Vedi Psoriasi e fototerapia e Psoriasi e sole.

                Acido salicilico

                Molti trattamenti del prodotto contengono acido salicilico, noto come cheratolitico. Questo ingrediente mira a scomporre le squame della psoriasi in modo che possano essere lavate via più facilmente. È contenuto sia nei prodotti da banco (OTC) che in quelli soggetti a prescrizione. Vale la pena ricordare che il trattamento con alte concentrazioni di questo ingrediente può causare irritazione e talvolta indebolire i capelli, con conseguente perdita temporanea dei capelli. I capelli, tuttavia, dovrebbero tornare alla normalità dopo aver interrotto il trattamento.

                Farmaci combinati

                Il trattamento della psoriasi dovrebbe essere adattato a ogni persona. Il medico o l'infermiere possono provare varie combinazioni di trattamenti prima di trovare quello che funziona meglio per te. Assicurati di chiedere come utilizzare i trattamenti e, se possibile, di avere alcune istruzioni scritte, poiché può creare confusione se ti vengono prescritti diversi prodotti.

                Trattamenti sistemici

                Per la psoriasi del cuoio capelluto grave e recalcitrante (difficile da trattare) può essere preso in considerazione un trattamento sistemico. Questo sarebbe sotto la cura di un dermatologo.

                Parrucchiere

                Alcune persone con psoriasi del cuoio capelluto trovano imbarazzante quando visitano per la prima volta un nuovo parrucchiere o barbiere. Qualsiasi parrucchiere rispettabile dovrebbe avere una comprensione di condizioni come la psoriasi del cuoio capelluto ed essere in grado di consigliarti su stili, colorazioni e prodotti per capelli. Vale sempre la pena fare domande generali di amici e parenti sui parrucchieri locali o contattare il Consiglio dei parrucchieri per ulteriori consigli. Alcuni parrucchieri sono anche felici di visitare la tua casa se preferisci non andare in un salone.

                Non ci sono prove che suggeriscano che l'uso di tinture per capelli, lacche per capelli o permanenti influirà sul cuoio capelluto, ma assicurati di chiedere al tuo parrucchiere di applicare patch test prima di intraprendere qualsiasi trattamento, per vedere se i prodotti irriteranno il cuoio capelluto o le lesioni della psoriasi . Potrebbero essere in grado di utilizzare o consigliarti prodotti più delicati.

                Gravidanza

                Alcuni trattamenti non devono essere utilizzati durante la gravidanza o l'allattamento, quindi prima di utilizzarli verificarne sempre l'idoneità con il proprio medico. Come regola generale, gli emollienti, alcuni oli e formulazioni di corticosteroidi (senza aggiunta di antimicrobici o acido salicilico) sono sicuri da usare.

                Rischi

                I prodotti per la pelle a base di paraffina possono rappresentare un pericolo di incendio se vengono a contatto con indumenti o biancheria da letto poiché possono essere facilmente infiammati con una fiamma libera. Tenere lontano da fiamme libere o sigarette se gli indumenti o la biancheria da letto hanno assorbito paraffina.

                Questo articolo è adattato dal foglio illustrativo della psoriasi del cuoio capelluto.

                Scarica il nostro opuscolo sulla psoriasi del cuoio capelluto in formato pdf

                Consultare sempre il proprio medico o operatore sanitario.

                Psorilax:Tutorial gratuiti |crema emolliente psoriasi

                0

                Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, quanto costa

                Novità DGAP: MorphoSys AG

                / Parola (e) chiave: Varie

                18.08.2020 / 22:02
                L'emittente è l'unico responsabile del contenuto di questo annuncio.

                National Comprehensive Cancer Network(R) Aggiunge Monjuvi(R) (tafasitamab-cxix) alle sue Linee guida di pratica clinica in oncologia per i linfomi a cellule B

                PLANEGG / MUNICH, Germania e WILMINGTON, Del. – 18 agosto 2020 – MorphoSys AG (FSE: MOR; Prime Standard Segment; MDAX & TecDAX; NASDAQ: MOR) e Incyte (Nasdaq: INCY) hanno annunciato oggi che Monjuvi(R) (tafasitamab-cxix), un CD19 citolitico umanizzato modificato da Fc che prende di mira l'anticorpo monoclonale, è stato incluso nell'ultimo National Comprehensive Cancer Network(R) Linee guida per la pratica clinica (Linee guida NCCN(R)) in Oncologia per i linfomi a cellule B. In particolare, le Linee guida del NCCN negli Stati Uniti ora includono Monjuvi in ​​combinazione con lenalidomide con una designazione di Categoria 2A come opzione per il trattamento di pazienti adulti precedentemente trattati con linfoma diffuso a grandi cellule B (DLBCL) recidivante o refrattario non altrimenti specificato, compreso DLBCL derivante da linfoma di basso grado non idoneo al trapianto autologo di cellule staminali (ASCT).

                “Siamo molto gratificati che il NCCN abbia agito rapidamente per includere Monjuvi in ​​combinazione con lenalidomide con una designazione di Categoria 2A nelle sue Linee guida di pratica clinica in oncologia come trattamento per i pazienti con DLBCL recidivante o refrattario che non sono candidati al trapianto. Questa opzione terapeutica mirata aiuta affrontare una necessità medica immediata per i pazienti che in precedenza avevano opzioni di trattamento limitate “, ha affermato il dottor Malte Peters, responsabile della ricerca e sviluppo, MorphoSys. “Non esiste un altro trattamento di seconda linea approvato dalla FDA per questi pazienti con una designazione 2A all'interno delle linee guida del NCCN”.

                La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha approvato Monjuvi in ​​combinazione con lenalidomide con approvazione accelerata il 31 luglio 2020, per il trattamento di pazienti adulti con DLBCL recidivante o refrattario non diversamente specificato, incluso DBLCL derivante da linfoma di basso grado, e che sono non idoneo per ASCT. L'approvazione si è basata sui dati dello studio L-MIND di fase 2 sponsorizzato da MorphoSys, uno studio multicentrico in aperto a braccio singolo. L'approvazione continua per questa indicazione può essere subordinata alla verifica e alla descrizione del beneficio clinico in uno o più studi di conferma.1

                L'NCCN è un'alleanza senza scopo di lucro di 30 importanti centri oncologici dedicati alla cura, alla ricerca e all'istruzione dei pazienti. L'intento delle Linee guida del NCCN è di assistere nel processo decisionale delle persone coinvolte nella cura del cancro – inclusi medici, infermieri, farmacisti, pagatori, pazienti e le loro famiglie – con l'obiettivo finale di migliorare la cura del paziente e gli esiti.

                “L'inclusione di Monjuvi nelle linee guida del NCCN aiuterà a informare ulteriormente gli operatori sanitari di questo progresso per i pazienti”, ha affermato Peg Squier, M.D., Vicepresidente del gruppo, U.S. Medical Affairs, Incyte. “Riteniamo che Monjuvi abbia il potenziale per affrontare un bisogno medico urgente per i pazienti con DLBCL recidivante o refrattario e siamo lieti che il NCCN abbia riconosciuto il beneficio clinico di questa opzione terapeutica mirata”.

                DLBCL è il tipo più comune di linfoma non Hodgkin negli adulti in tutto il mondo,2 caratterizzato da masse in rapida crescita di cellule B maligne nei linfonodi, milza, fegato, midollo osseo o altri organi. È una malattia aggressiva con circa un paziente su tre che non risponde alla terapia iniziale o recidiva in seguito.3 Negli Stati Uniti ogni anno, a circa 10.000 pazienti viene diagnosticata una DLBCL recidivante o refrattaria che non sono eleggibili per ASCT.4,5,6

                Le linee guida NCCN aggiornate sono disponibili su www.nccn.org.

                NCCN(R) e le linee guida NCCN(R) sono marchi registrati di National Comprehensive Cancer Network.

                A proposito di Monjuvi(R) (Tafasitamab-CXIX)
                Monjuvi è un CD19 citolitico modificato da Fc umanizzato mirato all'anticorpo monoclonale. Nel 2010, MorphoSys ha concesso in licenza i diritti esclusivi in ​​tutto il mondo per sviluppare e commercializzare tafasitamab da Xencor, Inc. Tafasitamab incorpora un XmAb(R) dominio Fc ingegnerizzato, che media la lisi delle cellule B attraverso l'apoptosi e il meccanismo dell'effettore immunitario, compresa la citotossicità cellulo-mediata dipendente da anticorpi (ADCC) e la fagocitosi cellulare dipendente da anticorpi (ADCP).

                Monjuvi è approvato dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti in combinazione con lenalidomide per il trattamento di pazienti adulti con linfoma diffuso a grandi cellule B (DLBCL) recidivante o refrattario non altrimenti specificato, incluso DLBCL derivante da linfoma di basso grado e che non sono idonei per trapianto autologo di cellule staminali (ASCT).

                Nel gennaio 2020, MorphoSys e Incyte hanno stipulato un accordo di collaborazione e licenza per sviluppare ulteriormente e commercializzare Monjuvi a livello globale. Monjuvi sarà co-commercializzato da Incyte e MorphoSys negli Stati Uniti. Incyte ha diritti di commercializzazione esclusivi al di fuori degli Stati Uniti.

                Una domanda di autorizzazione all'immissione in commercio (MAA) che richiede l'approvazione di tafasitamab in combinazione con lenalidomide nell'UE è stata convalidata dall'Agenzia europea per i medicinali (EMA) ed è attualmente in fase di revisione per il trattamento di pazienti adulti con DLBCL recidivante o refrattario, compreso DLBCL derivante da linfoma di basso grado, che non sono candidati per ASCT.

                Tafasitamab-cxix è stato studiato clinicamente come opzione terapeutica nei tumori maligni delle cellule B in una serie di studi di combinazione in corso.

                Monjuvi(R) è un marchio registrato di MorphoSys AG.
                XmAb(R) è un marchio registrato di Xencor, Inc.

                Informazioni importanti sulla sicurezza
                Quali sono i possibili effetti collaterali di MONJUVI?
                MONJUVI può causare gravi effetti collaterali, tra cui:

                – Reazioni all'infusione. Il tuo medico ti monitorerà per le reazioni all'infusione durante l'infusione di MONJUVI. Informi immediatamente il medico se avverte brividi, vampate di calore, mal di testa o mancanza di respiro durante un'infusione di MONJUVI.

                – Conta dei globuli bassi (piastrine, globuli rossi e globuli bianchi). Con MONJUVI sono comuni conteggi bassi delle cellule del sangue, ma possono anche essere gravi o gravi. Il tuo medico curante monitorerà la tua conta ematica durante il trattamento con MONJUVI. Informa immediatamente il tuo medico se hai la febbre di 100,4 F (38 C) o superiore o se hai lividi o sanguinamento.

                – Infezioni. Infezioni gravi, comprese infezioni che possono causare la morte, si sono verificate in persone durante i trattamenti con MONJUVI e dopo l'ultima dose. Informa immediatamente il tuo medico se hai la febbre di 100,4 F (38 C) o superiore o se sviluppi segni e sintomi di un'infezione.

                Gli effetti collaterali più comuni di MONJUVI includono:

                – Sensazione di stanchezza o debolezza

                – Diarrea

                – Tosse

                – Febbre

                – Gonfiore della parte inferiore delle gambe o delle mani

                – Infezione del tratto respiratorio

                – Diminuzione dell'appetito

                Questi non sono tutti i possibili effetti collaterali di MONJUVI.

                Chiamate il vostro medico per un consiglio medico circa gli effetti collaterali. È possibile segnalare gli effetti collaterali alla FDA al numero 1-800-FDA-1088.

                Prima di ricevere MONJUVI, informa il tuo medico di tutte le tue condizioni mediche, incluso se:

                – Ha un'infezione attiva o ne ha avuta una di recente.

                – È incinta o sta pianificando una gravidanza. MONJUVI potrebbe danneggiare il tuo bambino non ancora nato. Non deve rimanere incinta durante il trattamento con MONJUVI. Non ricevere il trattamento con MONJUVI in combinazione con lenalidomide se è incinta perché lenalidomide può causare difetti alla nascita e la morte del feto.

                o Deve utilizzare un metodo efficace di controllo delle nascite (contraccezione) durante il trattamento e per almeno 3 mesi dopo la dose finale di MONJUVI.

                o Informi immediatamente il medico se rimane incinta o se pensa di essere incinta durante il trattamento con MONJUVI.

                – Stanno allattando o stanno pianificando di allattare. Non è noto se MONJUVI passi nel latte materno. Non allatti al seno durante il trattamento per almeno 3 mesi dopo l'ultima dose di MONJUVI.

                Dovresti anche leggere la Guida ai farmaci di lenalidomide per informazioni importanti su gravidanza, contraccezione e donazione di sangue e sperma.

                Informa il tuo medico di tutti i farmaci che prendi, compresi farmaci da prescrizione e da banco, vitamine e integratori a base di erbe.

                Si prega di consultare le informazioni complete sulla prescrizione di Monjuvi, comprese le informazioni sul paziente, per ulteriori importanti informazioni sulla sicurezza.

                Informazioni su MorphoSys
                MorphoSys è una società biofarmaceutica in fase commerciale dedicata alla scoperta, sviluppo e commercializzazione di terapie eccezionali e innovative per pazienti affetti da malattie gravi. L'attenzione è sul cancro. Sulla base della sua esperienza leader nelle tecnologie di anticorpi, proteine ​​e peptidi, MorphoSys, insieme ai suoi partner, ha sviluppato e contribuito allo sviluppo di oltre 100 prodotti candidati, 27 dei quali sono attualmente in fase di sviluppo clinico. Nel 2017, Tremfya(R), commercializzato da Janssen per il trattamento della psoriasi a placche, è diventato il primo farmaco basato sulla tecnologia degli anticorpi MorphoSys a ricevere l'approvazione normativa. Con sede nei pressi di Monaco di Baviera, in Germania, il gruppo MorphoSys, inclusa la consociata americana al 100% MorphoSys US Inc., ha circa 500 dipendenti. Maggiori informazioni su www.morphosys.com.

                Tremfya(R) è un marchio registrato di Janssen Biotech.

                A proposito di Incyte
                Incyte è una società biofarmaceutica globale con sede a Wilmington, Delaware, focalizzata sulla ricerca di soluzioni per gravi esigenze mediche insoddisfatte attraverso la scoperta, lo sviluppo e la commercializzazione di terapie proprietarie. Per ulteriori informazioni su Incyte, visitare Incyte.com e seguire @Incyte.

                Dichiarazioni previsionali di MorphoSys
                La presente comunicazione contiene alcune dichiarazioni previsionali riguardanti il ​​gruppo di società MorphoSys, comprese le aspettative riguardanti la capacità di Monjuvi di trattare pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B recidivante o refrattario, l'ulteriore sviluppo clinico di tafasitamab-cxix, inclusi studi di conferma in corso, interazioni con le autorità di regolamentazione e le aspettative in merito a futuri documenti normativi e possibili approvazioni aggiuntive per tafasitamab-cxix, nonché la performance commerciale di Monjuvi. Le parole “anticipare”, “credere”, “stimare”, “aspettarsi”, “intendere”, “può”, “pianificare”, “prevedere”, “progetto”, “sarebbe”, “potrebbe”, “potenziale” “possibile”, “speranza” e espressioni simili hanno lo scopo di identificare dichiarazioni previsionali, sebbene non tutte le dichiarazioni previsionali contengano queste parole di identificazione. Le dichiarazioni previsionali contenute nel presente documento rappresentano il giudizio di MorphoSys alla data del presente comunicato e comportano rischi e incertezze noti e sconosciuti, che potrebbero causare i risultati effettivi, le condizioni finanziarie e la liquidità, le prestazioni o i risultati di MorphoSys o i risultati del settore, essere materialmente diverso da qualsiasi risultato storico o futuro, condizione finanziaria e liquidità, performance o risultati espressi o impliciti in tali dichiarazioni previsionali. Inoltre, anche se i risultati, le prestazioni, le condizioni finanziarie e la liquidità di MorphoSys e lo sviluppo del settore in cui opera sono coerenti con tali dichiarazioni previsionali, potrebbero non essere predittivi dei risultati o degli sviluppi nei periodi futuri. Tra i fattori che possono determinare differenze vi sono le aspettative di MorphoSys riguardo ai rischi e alle incertezze relative all'impatto della pandemia COVID-19 sull'attività, le operazioni, la strategia, gli obiettivi e le tappe previste di MorphoSys, comprese le attività di ricerca in corso e pianificate, la capacità di condurre sperimentazioni cliniche in corso e pianificate, fornitura clinica di farmaci candidati attuali o futuri, fornitura commerciale di prodotti approvati attuali o futuri e lancio, commercializzazione e vendita di prodotti approvati attuali o futuri, la collaborazione globale e l'accordo di licenza per tafasitamab, l'ulteriore sviluppo clinico di tafasitamab, compresi gli studi di conferma in corso, e la capacità di MorphoSys di ottenere e mantenere le approvazioni normative richieste e di arruolare i pazienti nei suoi studi clinici pianificati, ulteriori interazioni con le autorità di regolamentazione e le aspettative riguardo ai futuri documenti normativi e possibili approvazioni aggiuntive anche per tafasitamab-cxix come il commer prestazioni ufficiali di Monjuvi, affidamento di MorphoSys su collaborazioni con terze parti, stima del potenziale commerciale dei suoi programmi di sviluppo e altri rischi indicati nei fattori di rischio inclusi nella relazione annuale di MorphoSys sul modulo 20-F e altri documenti depositati presso la US Securities and Exchange Commissione. Date queste incertezze, si consiglia al lettore di non fare indebito affidamento su tali dichiarazioni previsionali. Queste dichiarazioni previsionali si riferiscono solo alla data di pubblicazione di questo documento. MorphoSys declina espressamente qualsiasi obbligo di aggiornare tali dichiarazioni previsionali in questo documento per riflettere qualsiasi cambiamento nelle sue aspettative al riguardo o qualsiasi cambiamento in eventi, condizioni o circostanze su cui tale dichiarazione si basa o che possa influenzare la probabilità che i risultati saranno diversi da quelli indicati nelle dichiarazioni previsionali, a meno che non sia specificamente richiesto da leggi o regolamenti.

                Dichiarazioni previsionali di Incyte
                Fatta eccezione per le informazioni storiche qui esposte, le questioni esposte in questo comunicato stampa contengono previsioni, stime e altre dichiarazioni previsionali, comprese, senza limitazioni, dichiarazioni riguardanti: il potenziale di Monjuvi di affrontare un bisogno medico urgente per i pazienti con grande diffusione recidivante o refrattaria Linfoma a cellule B. Queste dichiarazioni previsionali sono soggette a rischi e incertezze che possono far sì che i risultati effettivi differiscano materialmente, inclusi sviluppi imprevisti e rischi relativi a: efficacia e sicurezza di Monjuvi; l'accettazione di Monjuvi sul mercato; determinazioni effettuate dalla FDA e dalle agenzie di regolamentazione al di fuori degli Stati Uniti; gli effetti della concorrenza sul mercato; e altri rischi dettagliati di volta in volta nei rapporti di Incyte depositati presso la US Securities and Exchange Commission, inclusa la sua relazione trimestrale sul modulo 10-Q per il trimestre che termina il 30 giugno 2020. Incyte declina qualsiasi intenzione o obbligo di aggiornare queste previsioni dichiarazioni.

                Riferimenti:

                1. Monjuvi(R) (tafasitamab-cxix) Informazioni sulla prescrizione. Boston, MA, MorphoSys.

                2. Sarkozy C, et al. Gestione del DLBCL recidivante / refrattario. Ricerca sulle migliori pratiche ed ematologia clinica. 2018 31: 209-16. doi.org/10.1016/j.beha.2018.07.014.

                3. Skrabek P, et al. Terapie emergenti per il trattamento del linfoma diffuso a grandi cellule B recidivante o refrattario. Oncologia attuale. 2019 26 (4): 253-265. doi.org/10.3747/co.26.5421.

                4. Dati epidemiologici DRG.

                5. Ricerca di mercato Kantar (test TPP 2018).

                6. Friedberg, Jonathan W. Linfoma diffuso a grandi cellule B recidivante / refrattario. Ematologia Am Soc Hematol Educ Program 2011; 2011: 498-505. doi: 10.1182 / asheducation-2011.1.498.

                Per ulteriori informazioni, contattare:


                18.08.2020 Diffusione di una notizia aziendale, trasmessa da DGAP – un servizio di EQS Group AG.
                L'emittente è l'unico responsabile del contenuto di questo annuncio.

                I servizi di distribuzione DGAP includono annunci normativi, notizie finanziarie / aziendali e comunicati stampa.
                Archivio su www.dgap.de


                Psorilax:Recensione |kedos crema psoriasi

                0

                Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, quanto costa

                “Siamo molto gratificati che l'NCCN abbia agito rapidamente per includere Monjuvi in ​​combinazione con lenalidomide con una designazione di Categoria 2A nelle sue Linee guida di pratica clinica in oncologia come trattamento per i pazienti con DLBCL recidivante o refrattario che non sono candidati al trapianto. Questa opzione terapeutica mirata aiuta affrontare una necessità medica immediata per i pazienti che in precedenza avevano opzioni di trattamento limitate “, ha affermato il dottor Malte Peters, responsabile della ricerca e sviluppo, MorphoSys. “Non esiste un altro trattamento di seconda linea approvato dalla FDA per questi pazienti con una designazione 2A all'interno delle linee guida del NCCN”.

                L'NCCN è un'alleanza senza scopo di lucro di 30 importanti centri oncologici dedicati alla cura, alla ricerca e all'istruzione dei pazienti. L'intento delle Linee guida del NCCN è quello di assistere nel processo decisionale delle persone coinvolte nella cura del cancro – inclusi medici, infermieri, farmacisti, pagatori, pazienti e le loro famiglie – con l'obiettivo finale di migliorare l'assistenza ai pazienti e gli esiti.

                “L'inclusione di Monjuvi nelle linee guida del NCCN aiuterà a informare ulteriormente gli operatori sanitari di questo progresso per i pazienti”, ha affermato Peg Squier, M.D., Vicepresidente del gruppo, U.S. Medical Affairs, Incyte. “Riteniamo che Monjuvi abbia il potenziale per affrontare un bisogno medico urgente per i pazienti con DLBCL recidivante o refrattario e siamo lieti che il NCCN abbia riconosciuto il beneficio clinico di questa opzione terapeutica mirata”.

                La storia continua

                www.nccn.org. “data-reactid =” 43 “> Le linee guida NCCN aggiornate sono disponibili su www.nccn.org.

                Monjuvi è approvato dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti in combinazione con lenalidomide per il trattamento di pazienti adulti con linfoma diffuso a grandi cellule B (DLBCL) recidivante o refrattario non altrimenti specificato, incluso DLBCL derivante da linfoma di basso grado e che non sono idonei per trapianto autologo di cellule staminali (ASCT).

                Nel gennaio 2020, MorphoSys e Incyte hanno stipulato un accordo di collaborazione e licenza per sviluppare ulteriormente e commercializzare Monjuvi a livello globale. Monjuvi sarà co-commercializzato da Incyte e MorphoSys negli Stati Uniti. Incyte ha diritti di commercializzazione esclusivi al di fuori degli Stati Uniti.

                Una domanda di autorizzazione all'immissione in commercio (MAA) che richiede l'approvazione di tafasitamab in combinazione con lenalidomide nell'UE è stata convalidata dall'Agenzia europea per i medicinali (EMA) ed è attualmente in fase di revisione per il trattamento di pazienti adulti con DLBCL recidivante o refrattario, compreso DLBCL derivante da linfoma di basso grado, che non sono candidati per ASCT.

                Tafasitamab-cxix è stato studiato clinicamente come opzione terapeutica nei tumori maligni delle cellule B in una serie di studi di combinazione in corso.

              1. Reazioni all'infusione. Il tuo medico ti monitorerà per le reazioni all'infusione durante l'infusione di MONJUVI. Informi immediatamente il medico se avverte brividi, vampate di calore, mal di testa o mancanza di respiro durante un'infusione di MONJUVI.
              2. Conta dei globuli bassi (piastrine, globuli rossi e globuli bianchi). Con MONJUVI sono comuni conteggi bassi delle cellule del sangue, ma possono anche essere gravi o gravi. Il tuo medico curante monitorerà la tua conta ematica durante il trattamento con MONJUVI. Informa immediatamente il tuo medico se hai la febbre di 100,4 ° F (38 ° C) o superiore, o se hai lividi o sanguinamento.
              3. Infezioni. Infezioni gravi, comprese infezioni che possono causare la morte, si sono verificate in persone durante i trattamenti con MONJUVI e dopo l'ultima dose. Informa immediatamente il tuo medico se hai la febbre di 100,4 ° F (38 ° C) o superiore o se sviluppi segni e sintomi di un'infezione.
              4. Gli effetti collaterali più comuni di MONJUVI includono:

                • Sensazione di stanchezza o debolezza
                • Diarrea
                • Tosse
                • Febbre
                • Gonfiore della parte inferiore delle gambe o delle mani
                • Infezione del tratto respiratorio
                • Diminuzione dell'appetito

                Questi non sono tutti i possibili effetti collaterali di MONJUVI.

                Chiamate il vostro medico per un consiglio medico circa gli effetti collaterali. È possibile segnalare gli effetti collaterali alla FDA al numero 1-800-FDA-1088.

              5. Hai un'infezione attiva o ne hai avuta una di recente.
              6. Sei incinta o stai pianificando una gravidanza. MONJUVI potrebbe danneggiare il tuo bambino non ancora nato. Non deve rimanere incinta durante il trattamento con MONJUVI. Non ricevere il trattamento con MONJUVI in combinazione con lenalidomide se è incinta perché lenalidomide può causare difetti alla nascita e la morte del feto.
                • Deve utilizzare un metodo efficace di controllo delle nascite (contraccezione) durante il trattamento e per almeno 3 mesi dopo la dose finale di MONJUVI.
                • Informi immediatamente il medico se rimane incinta o se pensa di essere incinta durante il trattamento con MONJUVI.
              7. Stanno allattando al seno o stanno pianificando di allattare. Non è noto se MONJUVI passi nel latte materno. Non allatti al seno durante il trattamento per almeno 3 mesi dopo l'ultima dose di MONJUVI.
              8. Informazioni sulla prescrizione per Monjuvi, comprese le informazioni sul paziente, per ulteriori importanti informazioni sulla sicurezza. “data-reactid =” 76 “> Si prega di consultare il Informazioni sulla prescrizione per Monjuvi, comprese le informazioni sul paziente, per ulteriori importanti informazioni sulla sicurezza.

                www.morphosys.com. “data-reactid =” 77 “>Informazioni su MorphoSys
                MorphoSys è una società biofarmaceutica in fase commerciale dedicata alla scoperta, sviluppo e commercializzazione di terapie eccezionali e innovative per pazienti affetti da malattie gravi. L'attenzione è sul cancro. Sulla base della sua esperienza leader nelle tecnologie di anticorpi, proteine ​​e peptidi, MorphoSys, insieme ai suoi partner, ha sviluppato e contribuito allo sviluppo di oltre 100 prodotti candidati, 27 dei quali sono attualmente in fase di sviluppo clinico. Nel 2017, Tremfya®, commercializzato da Janssen per il trattamento della psoriasi a placche, è diventato il primo farmaco basato sulla tecnologia degli anticorpi MorphoSys a ricevere l'approvazione normativa. Con sede nei pressi di Monaco di Baviera, in Germania, il gruppo MorphoSys, inclusa la consociata americana al 100% MorphoSys US Inc., ha circa 500 dipendenti. Maggiori informazioni su www.morphosys.com.

                Incyte.com e segui @Incyte. “data-reactid =” 79 “>A proposito di Incyte
                Incyte è una società biofarmaceutica globale con sede a Wilmington, Delaware, impegnata nella ricerca di soluzioni per gravi esigenze mediche insoddisfatte attraverso la scoperta, lo sviluppo e la commercializzazione di terapie proprietarie. Per ulteriori informazioni su Incyte, visitare Incyte.com e segui @Incyte.

              9. Monjuvi® (tafasitamab-cxix) Informazioni sulla prescrizione. Boston, MA, MorphoSys.
              10. Sarkozy C, et al. Gestione del DLBCL recidivante / refrattario. Ricerca sulle migliori pratiche ed ematologia clinica. 2018 31: 209-16. doi.org/10.1016/j.beha.2018.07.014.
              11. Skrabek P, et al. Terapie emergenti per il trattamento del linfoma diffuso a grandi cellule B recidivante o refrattario. Oncologia attuale. 2019 26 (4): 253-265. doi.org/10.3747/co.26.5421.
              12. Dati epidemiologici DRG.
              13. Ricerca di mercato Kantar (test TPP 2018).
              14. Friedberg, Jonathan W. Linfoma diffuso a grandi cellule B recidivante / refrattario. Ematologia Am Soc Hematol Educ Program 2011; 2011: 498-505. doi: 10.1182 / asheducation-2011.1.498.
              15. Per ulteriori informazioni, contattare: