CREMA TRATTAMENTO PSORIASI OFFERTA -50% !

Home Blog Page 111

Psorilax:come si usa |creme naturali per psoriasi al cuoio capelluto

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, dove si compra

psoriasis vitamin d deficiency: The Ultimate Guide

As more and more people with psoriasis are switching to natural ways to treat their condition, one of the first things you need to explore is the psoriasis vitamin d deficiency connection.

Psoriasis and Vitamin D deficiency is nearly always overlooked by dermatologists when they first diagnose you with psoriasis.

This post will hopefully open your eyes to the huge benefits of using vitamin D to improve your psoriasis.

It is a quite lengthy post but here is a summary of what you will learn today

  • How I stumbled upon the vitamin d3 psoriasis connection
  • What is vitamin D and difference between vitamin D2 and D3?
  • What are the effective forms of vitamin D?
  • What are the benefits of using vitamin D/D3 other than treating your psoriasis?
  • The science behind vitamin d deficiency and psoriasis
  • What Medical Professionals say about psoriasis and Vitamin D Deficiency?
  • How to know if you have vitamin d deficiency other than having psoriasis?
  • How to test psoriasis vitamin d deficiency
  • Where you can order a vitamin D level test online
  • Understanding your Vitamin D test results so you can treat your psoriasis
  • How much Vitamin D to take for psoriasis once you know your results
  • Vitamin D and Psoriasis Success Stories
  • Best Vitamin D3 Supplement for Psoriasis

So it’s time to sit back and learn why you must consider using vitamin d to treat your psoriasis.

FREE SMART PSORIASIS DIET PLAN EBOOK: How I Control My Psoriasis Through Diet & Supplements

How I stumbled upon the vitamin d3 psoriasis connection

I have been to more than 20 doctors, dermatologists and skin specialists during the early years of my psoriasis condition and NOT ONE doctor recommended that I should get my vitamin d levels checked even though I lived in a country that gets about 60 good days of sunshine a year.

The first time I knew that sun/vitamin D/D3 was a major factor in my psoriasis was when I made a journal of all the places I have lived in the world and noted how good/bad my psoriasis was. Here is a recap for you and hopefully it will make it clear to you how I spotted that vitamin D is good for psoriasis.

Below is a list of places I have lived in for more than 3 months. I rated my diet, my stress levels and my exposure to sun/vitamin d3 in those places along with the total coverage of psoriasis on my body.

vitamin d psoriasis connection

To make things easier for you to see, I have just included all places where I had less than 5% coverage of psoriasis on my body.

is vitamin d good for psoriasis? Yes of course

Look at the correlation. In all cases where I had less than 5% coverage I was getting sunshine every day or taking a vitamin d3 supplement when I was not able to get natural sunlight.

One very important thing to note is that just getting sunshine alone will not eliminate your psoriasis entirely. When I lived in Malta for the first time which gets 300 days of sunshine a year, I still had 50% coverage on my body as my diet and stress levels were not under control.

FREE SMART PSORIASIS DIET PLAN EBOOK: How I Control My Psoriasis Through Diet & Supplements

What is Vitamin D?

Vitamin D also known as “sunshine vitamin” is the vitamin that you make when your skin is exposed to the rays of the sun and that can also be obtained from animal and plant based dietary supplements available online or in local pharmacies or health stores.

Vitamin D is a form of fat-soluble vitamin, which means that it is stored in the fat tissues and liver if your body has more than enough of them already.

Taking vitamin D naturally or via dietary supplements have both significant health benefits and positive effects on your body. It is responsible for the maintenance of calcium and phosphorus level in our blood and improves other bodily functions such as:

  • Regulation of cell growth to normal levels
  • Fighting infection
  • Bone mineralization or strengthening
  • Improves communication between the brain and muscles and even has a role in cancer treatments

You can get vitamin D from different kinds of food such as salmon, sardines, mushrooms, and cod liver oil.

Also, you can get Vitamin D naturally through ultraviolet light or the rays of the sun. Sun exposure for 10 to 15 minutes is a great excuse to go outside and get your vitamin D intake.

What are the effective forms of Vitamin D?

Vitamin D can be classified into two forms, D2 and D3.

Vitamin D3 (cholecalciferol) is the recommended and natural source of Vitamin D that your body produces out of the sunlight, and can also be obtained from animal tissue (sheep’s’ wool).

While Vitamin D2 (ergocalciferol) “plant-based Vitamin D” are derived from mushrooms cured with ultraviolet light. However, nutritionists recommend using D3 because of its potency.

What are the benefits of using Vitamin D/D3 other than treating your psoriasis?

Understanding Vitamin D and Its Benefits

Vitamin D plays significant roles to protect and maintain our bodily functions. It is proven to contribute in the regulation of cell growth, improvement of sensory and motor functions, and reduces tissue inflammation. Aside from these, Vitamin D also;

  1. Improves Fertility – Vitamin D can boost levels of progesterone and estrogen. These hormones are responsible for the regulation of menstrual cycle and improve the success of conception.
  2. Activates Immune Response – A study conducted by scientists at the University of Copenhagen suggested that   Vitamin D plays a vital role in activation of the immune response.Before the Killer T-cells (cells that fight off infections) respond to infections, they first search for vitamin D in order to activate; and if they fail, they cannot continue to work as guards in fighting off diseases. Needless to say, vitamin deficiency can greatly disable the body’s immune response and can cause systemic infections which may contribute to the development of autoimmune disorders that could also lead to other health problems.
  3. Prevents Cancer – Vitamin D is associated in preventing the development of cancer cells by decreasing growth of cancer cells, reducing blood vessel formation on tumours, and stimulating cancer cell death. Also, research studies suggest that people who have more sunlight exposure and higher levels of vitamin D have lower cancer incidence and mortality rate.
  4. Make our bones stronger – In our gut, vitamin D promotes absorption of calcium that we get from different food sources, and supplements. The calcium that is absorbed is responsible for the normal bone growth and re-growth when we experience fractures.
  5. It boosts our immune system – In recent clinical trials and research studies, it is proven that vitamin D can significantly boost your immune system by increasing the production of lymphocytes (a component of our blood that fights infection) and reduces your chances of getting cardiovascular diseases, osteoporosis, cancer and cognitive impairments.

FREE SMART PSORIASIS DIET PLAN EBOOK: How I Control My Psoriasis Through Diet & Supplements

The Science behind Vitamin D Deficiency and Psoriasis

Vitamin D is associated to the improvement of different health alterations of the body by working on the regulation of cellular growth and immune response empowerment.

Since psoriasis is mainly characterized by the abnormal growth of skin cells, researchers conducted studies to find out if Vitamin D supplementation does affect psoriasis.

In Japan (British Journal of Dermatology, Oct. 1986), researchers conducted a Vitamin D and psoriasis trial to 19 affected individuals, the results yielded that within 3 weeks, 16 out of 19 or about 85% of the subject reported significant improvement on their condition.

The psoriatic plaques dramatically loosened up, became thinner and less scaly. The reason for this, as explained by medical experts:

  1. Vitamin D is scientifically considered to affect cell growth. With the right level of this vitamin, cellular growth is controlled causing the abnormal speed of cellular growth of psoriatic patient to stabilize.
  2. Vitamin D is known to affect the immune system, and because psoriasis is an act of imbalanced immune system function, it could be that vitamin D is shifting the balance in a good way.

Psoriasis is not contagious, however, we all know that it is still imperative to treat this condition to uplift self- esteem and improve overall health.

What Medical Professionals say about psoriasis and Vitamin D Deficiency?

Vitamin D is commonly associated mainly with the strengthening of your bones, but, more important, it plays a role on autoimmune conditions like psoriasis, vitiligo and respiratory problems like pneumonia.

The Journal Science Translational Medicine

On the report, medical scientists concluded that Vitamin D helps counteract the body’s immune response to inflammation (one of the major problems of psoriatic patients) that is associated with red scaly patches (plaques).

The finding—based on analysis of genetic material in skin biopsies from psoriasis patients and healthy volunteers—could lead to new therapies, report the team of researchers from the U.S. and Germany.

Dermatology Clinic of the Hospital Heliópolis and the Internal Medicine Clinic of Universidade Federal de São Paulo, BRAZIL (2008)

Clinical finding suggests that a daily maintained dose of Vitamin D is safe and effective therapeutic approach for reducing disease activity of autoimmune disorders like vitiligo and psoriasis.
The clinical condition of all psoriasis affected participants significantly improved during the treatment.

Photograph of a male participant that underwent Vitamin D treatment.

brazil psoriasis and vitamin d3 connection 2008

Before and after of psoriasis patient who was placed on 35,000 iu of vitamin d3 for 6 months

Dr Richard Gallo also states

“One of the effects of vitamin D is changing the way cells grow. Since the symptoms of psoriasis on skin include an increase of the skin’s cells, if you put something on the skin that slows growth, (it) may cause the plaques to become thinner and less scaly”.

How to know if you have vitamin D deficiency other than having psoriasis?

Symptoms of Vitamin D deficiency

The big thing that you might have if you are suffering vitamin D deficiency are immune and physical issues such as:

  1. Muscle and bone weakness – Vitamin D is important for bone health, muscles, and teeth. This vitamin is essential to the process of producing calcium in the body which is the main nutrient needed by our bones and other tissues.
  2. Emotional ups and downs or depression or anxiety–clinical findings suggest that women with lower vitamin D are more likely to be depressed or struggle with deep emotional feelings of sadness. The fact thatVitamin D stimulates sex hormones such as estrogen, (improves brain function) it is responsible to the behavior and physiological growth of females.
  3. Diabetes – Vitamin D makes our body more sensitive to insulin and helps in preventing leaky gut that could lead to other autoimmune disease and type 1 diabetes, various neurological conditions Multiple Sclerosis, Parkinson’s Disease, and Ulcerative Colitis (inflammation of the colon).
  4. Chronic gum disease – people with low levels of vitamin D are more vulnerable to swelling, bleeding, and reddening of the gums.
  5. High blood pressure – Vitamin D plays vital role in controlling minerals such as potassium and magnesium to help muscle tissues to contract (heart) and keep artery walls supple and pliable. While calcium, regulates heart beat and blood vessel dilation.
  6. Fatigue and daytime sleepiness – individuals with musculoskeletal discomfort (linked to Vitamin D deficiency) are more likely have difficulty to produce good quality of rest and sleep that could lead to these conditions.
  7. Mood swings – Vitamin D is responsible for the production of serotonin production (happy hormone), which has a major impact on our mood.
  8. Decreased endurance – studies have shown that people with lower levels of this vitamin are less effective in performing cardiovascular exercise and strengthening exercise compared to with individuals with normal or higher levels.

If you experience one or two of these signs and symptoms provided, get your levels check to assure if you are Vitamin D deficient. You should have your vitamin D levels checked periodically and maintain it at the desired level.

FREE SMART PSORIASIS DIET PLAN EBOOK: How I Control My Psoriasis Through Diet & Supplements

How to Test Psoriasis and Vitamin D Deficiency

Vitamin D levels can only be accurately measured by drawing your blood by you (In-home test kit) or a healthcare practitioner in a medical testing facility. The blood test that you need is called a 25-hydroxy vitamin D test.
Ways to get your Vitamin D levels checked

  1. At your doctor’s clinic – you can directly ask your doctor to order a laboratory evaluation to assess your levels. There is another type of test to measure your vitamin D (1,25 (OH) 2D), but the recommended and accurate one that will tell you if your level is adequate is 25-hydroxy vitamin D test.
  2. Online laboratory website – In the United Kingdom and the United states, websites offer diagnostic examinations where you can have the procedure straight in a laboratory clinic without requiring your doctor’s order. You can sign-up through their sites and be scheduled on when to go to their testing facility.
  3. In-home test kits – these kits are ordered online or on other accredited medical facility, and are sent to your doorsteps. In this way, you will take your blood by pricking on your fingers and placing drops of blood in a blotter paper, then you’ll send the paper to a laboratory to be tested.

Results in some organizations are posted on their websites and can be checked using your unique identification pin code included in every test package.

Where you can order a vitamin D level test online

The United States of America

Heartland Assays is a small mid-west company located in Ames, Iowa and is excited to be partnering with the Vitamin D Council in providing affordable vitamin D blood spot testing to its readers, subscribers and the general public.

The Great Plains Laboratory, Inc. (GPL) is the global leader in metabolic, environmental, and genetic testing for people with chronic illnesses and diseases. They offer a variety of clinical tests which help diagnose underlying conditions that are not routinely available through other laboratories.

ZRT is a CLIA certified diagnostic laboratory and the leader in hormone and wellness testing. They provide accurate and meaningful test results that assist healthcare providers in making informed treatment decisions. ZRT has developed and refined Vitamin D testing (both D2 and D3) in dried blood spots.

The United Kingdom

Cityassays.org.uk offer a home test kit for Vitamin D using dried blood spot technology. This work is performed in the NHS Vitamin D laboratory that also offers a national Vitamin D service for the NHS in the United Kingdom.

Understanding your Vitamin D test results so you can treat your psoriasis

Understanding the results of your vitamin D level test is important to know whether you’re getting too little or too much, and what action you might need to take. When you get your test results you will see units in either ng/ml or nmol/L which can be confusing.

Here is how you convert between the two:

Blood level of 25 (OH) Vitamin D Calculator

  • 1 ng/ml = 2.5 nmol/L
  • 30 ng/ml = 75 nmol/L
  • 100 ng/ml = 250 nmol/L

Glossary

  • ng = nanogram
  • ml = milliliter
  • nmol= nanomole
  • L = Liter

Results and Interpretation (according to the Vitamin D council)

  • Your level is between 0 – 10ng/ml – Severely Deficient
    This means that your levels are way too low and needs immediate supplementation. In this range, you may experience decrease in mobility and muscle strength. Your health is at risk and needs immediate medical attention.
  • Your level is between 10 – 20ng/ml – Mildly Deficient / Insufficient
    This means that in these levels you’re more likely to develop bone problems like fractures and osteoporosis because calcium absorption is affected by vitamin D deficiency.
  • Your level is between 20-30ng/ml – Deficient
    In these levels, experts say that it is less likely to have health problems associated with Vitamin D. Research shows that a level of 30ng/ml can prevent bone problems such as fractures.
  • Your level is between 30 – 40 ng/ml – Quite Sufficient
    In these levels, vitamin D is absorbing calcium efficiently. Also, researchersfound that this range of vitamin D levels may reduce your risk of developing cancer and improve your immune response against infection.
  • Your level is between 40 – 50 ng/ml – Sufficient
    These levels suggest that vitamin D is working well to control your bodily functions. This range is linked to reduced risk of some cancers, better heart health and blood circulation.
  • Your level is between 50 – 60 ng/ml – Standard levels
    These levels are the best to aim for.
  • Your level is between 60 – 80 ng/ml – High – Normal
    These levels are considered as healthy and natural levels. There is no known risk in keeping your levels within these range.
  • Your level is between 80 -100 ng/ml – High
    These levels are above the levels that you can achieve naturally. You can only achieve this range by taking dietary supplements.

How much Vitamin D to take for psoriasis once you know your results

Once you know you Vitamin D level, you can now take supplements to cope with your deficiency. As I am not a qualified medical professional, I would strongly advise you to talk to your most trusted medical practitioner before proceeding on a course of supplementation, in order to see what your recommended daily dose is and in case you experience side effects while taking it.

Once they see your results, they will be able to look over your overall general medical history and see what the best course of action is.

According to Dr. Sarfraz Zaidi’s, California-based Endocrinologist and author of “Power Of Vitamin D“, the optimal healing levels for psoriasis sufferers is in fact 125 – 200 nmol/L (that is 50 – 80 ng/ml).

To achieve these figures, we again reference the Vitamin D Councils recommendation guide:

Here is their general warning first: Note that everybody is different and not everybody achieves the same levels after supplementing with the same amounts. The figures below show on average how much a supplement regimen might raise your blood levels, but you can think of the amounts listed as more of a prediction than a guarantee. This is why you may consider checking your levels twice per year or more, to see if you need to increase or decrease your dosage.

If your results are between 0-10 ng/ml,

  • To reach 50 ng/ml take 5300 IU supplement per day
  • To reach 60 ng/ml take 7400 IU supplement per day
  • To reach 70 ng/ml take 10100 IU supplement per day

If your results are between 10-20 ng/ml,

  • To reach 50 ng/ml take 4900 IU supplement per day
  • To reach 60 ng/ml take 7000 IU supplement per day
  • To reach 70 ng/ml take 9700 IU supplement per day

If your results are between 20-30 ng/ml,

  • To reach 50 ng/ml take 3700 IU supplement per day
  • To reach 60 ng/ml take 5800 IU supplement per day
  • To reach 70 ng/ml take 8600 IU supplement per day

If your results are between 30-40 ng/ml,

  • To reach 50 ng/ml take 2500 IU supplement per day
  • To reach 60 ng/ml take 4600 IU supplement per day
  • To reach 70 ng/ml take 7300 IU supplement per day

If your results are between 40-50 ng/ml,

  • To reach 50 ng/ml take 900 IU supplement per day
  • To reach 60 ng/ml take 3000 IU supplement per day
  • To reach 70 ng/ml take 5700 IU supplement per day

I.U v mcg measurements explained

  • 400 IU = 10 mcg
  • 1000 IU = 25 mcg
  • 50000 IU = 1250 mcg or 1.25 mg

Vitamin D3’s natural partner is vitamin K2

According to the Riordan Clinic, vitamin D3’s natural partner is vitamin K2.

They state that “the genius of this combo begins with proper respect for D3’s function of powerfully enhancing calcium absorption. Recent research has shown that excessive calcium intake alone can be harmful to the body. The additional calcium must be correctly utilized or it can show up in the wrong places and cause disease.

By conscientiously using vitamin K2 in conjunction with D3, this issue of “metastatic calcium” is thoroughly avoided.

Vitamin K2 activates several important proteins in the body. Henrick Dam, a Danish researcher, discovered vitamin K in 1939 (and won the Nobel Prize for his discovery in 1943). Because the Danish word for blood clotting was koagulation, Dam named the molecule vitamin K. Vitamin K is essential for the functioning of eight proteins involved in blood clotting.

Vitamin K, through a chemical step called carboxylation, REGULATES and balances the coagulation system as a whole. Keep in mind that the coagulation system stands ready to CLOT if you are hemorrhaging to death, but it must also PREVENT THE CLOT if there are no lacerations or bleeding points. The eight proteins counter-regulate one another in this balancing act. Vitamin K is needed for this amazing feat.

The Riordan Clinic advise for every 5,000–10,000 units of D3 being recommended and tested for, they are recommending 100 mcg of K2 mk7 to be sure and prevent the inappropriate calcification that higher doses of D3 alone could cause.

Dr. Sarfraz Zaidi’s also recommends taking 200 mcg of K2 mk7 daily when supplementing with high doses of Vitamin D3 (5,000 IU-10,000IU daily) in his book, “The Power Of Vitamin D” which is thoroughly backed up with medical research and cited clinical studies.

I personally take 100 mcg K2 mk7 for every 5000 IU of Vitamin D3 to be on the safe side.

Vitamin D and Psoriasis Success Stories

From Sergie, Medical Doctor
Personal and professional story:
“As a doctor with long-standing past psoriasis, particularly on elbows, shins and scalp I am fully at ease in recommending Vitamin D for the condition. I have been practicing medicine for 45 years.

“I have been taking 4000 IU per day (I formerly had low serum Vitamin D levels). All flaking, scaling, plaques, irritation and bleeding that followed whenever I was tempted to scratch have vanished, leaving only pale residual inconsequential fading of the skin at its former sites.

“Effect on morale: terrific!”
From Arnold, Writer/blogger

“The P started to get worse again. I got a large supply of D3 and started to take 9000 IU every day. Within a week my P started to look noticeably better and in about 2 months I was 99% clear, a few small spots remained on my knees and elbows and the only joint pain I had was (and it is) in my right wrist. I took the D3 alone now, so I can say that for me it is the thing that works. I lowered the dose to 5000 IU daily, it keeps me clear. Most likely my body has a problem with the D3 synthesis from sun (sun bathing alone has never helped much), now I’ll try to figure out why and maybe I can remain clear on lower doses of D3.”
“Obviously the Vitamin D3 deficiency made my immune system function improperly and it caused Psoriasis because I have genetic predisposition for it. Many genes are associated with this genetic predisposition and no one knows how they work together, this is why this disease is so difficult to treat – different people have a different gene combination, different factors trigger their psoriasis and a different treatment works for them. I just wanted to share my story, maybe it helps someone to get rid of their psoriasis too.”
“Most people have Vitamin D3 deficiency, I suggest to everyone to check their Vitamin D3 levels (although I never did) and to consult their doctor before taking high doses of D3.Experts recommend 10 000 IU as the upper limit, so I consider the amount I take safe.”

Best Vitamin D3 Supplement for Psoriasis

Below are the top 3 best vitamin d supplements for psoriasis. We used the labdoor results which rates various vitamins using the following criteria

  • Laboratory checks for false claims on the product labeling
  • Product purity where they check to see if contaminated
  • Nutritional value to see how it affects your diet
  • Ingredient safety level
  • Projected efficiency by analyzing existing clinical tests

Psorilax:Il miglior risparmio per |crema per far ricrescere unghie psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, dove si compra

Che cos'è la psoriasi?
Psoriasi
è una malattia della pelle relativamente comune che colpisce dall'1% al 2% della
popolazione. La caratteristica principale della psoriasi è una zona rossa, squamosa o
rattoppare. Le toppe appaiono in particolare su ginocchia, gomiti e cuoio capelluto
e talvolta su altre parti del tronco e delle gambe. La psoriasi colpisce
entrambi i sessi e tutte le razze. Può accadere in qualsiasi fase della vita, sebbene
inizia più frequentemente nei giovani adulti.

pizzicore
di solito è solo lieve. La psoriasi influisce solo raramente sulla salute generale
a parte l'artrite. Un bagliore nella psoriasi di una persona può, tuttavia,
avere un profondo impatto sui sentimenti di benessere di un individuo e
hanno un impatto notevole sul loro stile di vita e sulle attività quotidiane. Una volta a
la persona sviluppa la psoriasi di solito continua, anche se può arrivare
meglio o peggio nel tempo e sembra addirittura scomparire per un periodo prolungato
periodi.
soriasi sul corpo

Quali sono le cause della psoriasi?

Sebbene non sia stata trovata una sola causa per la psoriasi, è noto che i fattori ereditari sono importanti.

Nel
una persona predisposta per ottenere la psoriasi, la psoriasi può essere portata fuori o
aggravato da stress emotivo, graffi, sfregamenti, lesioni, certo
farmaci, alcune infezioni e fumo.

esso
si ritiene attualmente che il problema principale nella psoriasi sia un aumento
attività del sistema immunitario nella pelle, causando cellule immunitarie bianche
(linfociti) per accumularsi nella pelle e produrre una gamma di
sostanze chimiche (come il fattore di necrosi tumorale, interleuchine, interferoni
e fattori di crescita). Queste cellule immunitarie e le sostanze chimiche prodotte
innescare cambiamenti nella pelle che portano a un tasso anormalmente rapido di
moltiplicazione o turnover delle cellule della pelle, che a sua volta provoca la pelle
affetto da psoriasi ad addensarsi, arrossarsi, perdere un numero maggiore di
squame cutanee visibili e contribuisce a sensazioni di irritazione cutanea o
prurito. Patch pustolose di psoriasi

Quali parti del corpo sono coinvolte?

Qualsiasi parte della pelle può essere coinvolta tra cui ginocchia, gomiti, palmi, suole, cuoio capelluto e area genitale. Le unghie
sono frequentemente coinvolti e può essere difficile distinguerlo da un fungo
infezione. A volte colpisce però l'intera superficie della pelle di una persona
per fortuna questo è raro. Molti casi sono molto lievi.

Di
Anche l'8% delle persone con psoriasi cutanea può avere un coinvolgimento
le articolazioni. Il coinvolgimento articolare può causare dolore e gonfiore (artrite).
La forma più frequente di artrite coinvolge una delle articolazioni più grandi
come le ginocchia, le caviglie o la schiena. Altre persone potrebbero averlo
coinvolgimento delle articolazioni delle dita adiacente all'unghia o occasionalmente
l'artrite può essere diffusa.

Quali tipi di trattamenti sono disponibili?


sono molti i trattamenti disponibili per le persone con psoriasi. Sfortunatamente,
nessun trattamento aiuta tutti con la psoriasi e in precedenza
le terapie benefiche potrebbero non riuscire a sistemare un bagliore successivo ma poi
lavorare di nuovo in futuro. Le raccomandazioni terapeutiche di solito variano
a seconda della gravità e della posizione della psoriasi, il suo impatto su a
qualità o stile di vita della persona e altre condizioni mediche esistenti.

esso
può essere necessario ruotare attraverso diversi trattamenti in differenti
volte o per combinare i trattamenti per una più rapida eliminazione della psoriasi,
particolarmente in quelli con la malattia più grave o diffusa.

Se
la tua psoriasi ti sta abbattendo o interferendo con il tuo divertimento
della vita, dovresti dirlo al tuo medico di famiglia o al dermatologo
sui tuoi sentimenti e su come la tua psoriasi sta influenzando il tuo
attività quotidiane.

TRATTAMENTI ATTUALI

Parecchi
le terapie topiche sono disponibili senza prescrizione medica. Sul bancone
i prodotti che possono aiutare quelli con psoriasi includono: bagni di catrame e olio,
shampoo medicati e l'uso regolare di una crema idratante. Possono essere
tutto ciò che è necessario in quelli con malattia lieve.

Cortisone,
creme a base di catrame, antralina (Dithranol) e vitamina D (calcipotriolo)
e gli unguenti rimangono il pilastro del trattamento per la maggior parte della psoriasi.

CREME DI CORTISONE (STEROIDE)
Questi sono i trattamenti più comuni prescritti per la psoriasi e lo sono
utile nel ridurre l'infiammazione e l'irritazione. I problemi principali sono
che la pelle può abituarsi allo steroide per un periodo di
tempo e, con l'uso prolungato di creme forti al cortisone, l'assottigliamento di
può verificarsi la pelle. La scelta dello steroide varia a seconda del
gravità delle lesioni e loro posizione (ad es. cuoio capelluto, viso o pelle
pieghe). Si dovrebbe verificare con il proprio medico e farmacista come
spesso e per quanto tempo può essere utilizzata la crema steroidea prescritta per te
nella stessa area. Inoltre, frequentando il medico è raccomandato
appuntamenti di follow-up, il medico può valutare e personalizzare la tua attività in corso
piano di gestione per ridurre al minimo il rischio di entrambi questi problemi.

CATRAME
Il catrame è stato usato per oltre cento anni ed è generalmente efficace
nel trattamento della psoriasi. Sfortunatamente, può essere puzzolente e può macchiare
capi di abbigliamento. Le ceneri sono prodotte dalla distillazione di carbone e legno. Essi
può essere usato come creme e shampoo. L'applicazione è di solito di notte a
minimizzare l'odore durante il giorno. Tars può anche renderti più sensibile
il Sole.

calcipotriolo
Il calcipotriolo è un farmaco correlato alla vitamina D e può essere efficace
nel trattamento della psoriasi. Di solito è ben tollerato. Può causare
irritazione, in particolare se usato su aree sensibili della pelle come
viso o inguine. Se sta rendendo la tua psoriasi più rossa, più arrabbiata o più
prurito e scomodo, dovresti interrompere il suo uso e consultare il medico.
Se viene usato troppo (una quantità maggiore di quella raccomandata, in particolare in
bambini), esiste la possibilità di aumentare il livello di calcio
nel sangue. È possibile controllare il livello di calcio nel sangue
periodicamente se sono necessarie grandi quantità.

ANTRALINA (DITRANOLO)
Anthralin viene estratto dalla corteccia degli alberi. Può essere usato in uno spesso
unguento che rimane durante la notte, a volte sotto le medicazioni o altro
comunemente applicato a concentrazioni più elevate per 10-15 minuti prima
rimozione.

anthralin
di solito è molto efficace nel trattamento della psoriasi. Il potenziale principale
problemi con antralina sono irritazione della pelle, pelle temporanea
scolorimento e colorazione permanente del tessuto.

TRATTAMENTO LEGGERO (FOTOTERAPIA)
Le persone con psoriasi spesso sfruttano la luce solare naturale
Effetti benefici. La luce solare è composta da luce visibile e una varietà
di raggi invisibili. Questi raggi invisibili includono ultravioletti e
raggi infrarossi o di calore. Le lunghezze d'onda ultraviolette della luce solare hanno
dimostrato di essere più efficace nel migliorare la psoriasi.

Leggero
il trattamento è efficace nella maggior parte delle persone con psoriasi. La luce è principalmente
usato per il trattamento di persone con psoriasi diffusa. Ce ne sono tre
principali tipi di trattamenti di luce ultravioletta (UV) utilizzati in Australia per
trattare la psoriasi: UVB a banda stretta, UVB a banda larga e PUVA. A misurato
la dose della lunghezza d'onda della luce appropriata è erogata da un numero di
tubi fluorescenti appositamente progettati che rivestono le pareti di uno speciale
mobile leggero (per il trattamento di tutto il corpo) o organizzato in pannelli
Ideato per il trattamento di mani e / o piedi.

Sfortunatamente,
come è noto, la luce ultravioletta può causare il cancro della pelle. Tuttavia,
quando le creme hanno fallito, la luce ultravioletta è di solito estremamente
efficace, ma potrebbe non funzionare per tutti con la psoriasi. In modo da
minimizzare i pericoli, sono stati sviluppati metodi di trattamento speciali.

UVA
è la forma più “debole” di luce ultravioletta e questo è combinato con
la somministrazione di psoraleni, sostanze naturali che provengono
piante come il sedano. La combinazione si chiama PUVA che è l'abbreviazione di
psoraleni e UVA. Questa combinazione, tuttavia, ha il rischio più elevato di
effetti collaterali.

Un altro metodo è l'uso
di banda stretta UVB. Questo può essere paragonato alla sintonizzazione di una radio su un singolo
banda (circa 311nm). La lunghezza d'onda della luce determina la qualità o
effetti di diverse parti dello spettro luminoso come calore, colore
e capacità di bruciare la pelle. Questa banda stretta incorpora quella del sole
raggi più benefici per il trattamento della psoriasi e porta a più veloce e
benefici più prolungati rispetto alla fototerapia a banda larga e naturale
luce del sole. NB-UVB non contiene più ultravioletti più corti
scottature solari e lunghezze d'onda potenzialmente pericolose.

Perché
è un trattamento potente e potenzialmente pericoloso, la luce ultravioletta
deve essere somministrato solo da professionisti esperti nel suo utilizzo.
Gli svantaggi includono la necessità di diversi trattamenti a settimana
diverse settimane e danni a lungo termine alla pelle, incluso un possibile
aumento del rischio di tumori della pelle e aumento dell'invecchiamento cutaneo (foto).

Il trattamento della luce è disponibile in alcuni ospedali, fondazioni di pelle e cancro e negli uffici di alcuni dermatologi.

TRATTAMENTI ORALI (INTERNI)
Sono disponibili numerosi trattamenti per tablet, che si sono dimostrati molto validi
efficace nella maggior parte delle persone affette da psoriasi ma, come tutti
farmaci e terapie, possono causare effetti collaterali potenzialmente gravi.
Questi trattamenti comprendono metotrexato, acitretina e ciclosporina.
Un'attenta scelta della terapia e un attento monitoraggio riducono il potenziale
rischi di queste terapie, che sono generalmente molto efficaci in
controllo anche dei casi gravi di psoriasi. Il metotrexato viene assunto una volta
una settimana e funziona in gran parte modulando il sistema immunitario. L'acitretina è
un derivato della vitamina A. L'acitretina aiuta a programmare le cellule della pelle
alla normalità e ha anche effetti sul sistema immunitario. Ciclosporina, come
metotrexato, agisce attraverso i suoi effetti sul sistema immunitario.

NUOVI TRATTAMENTI INTERNI
Un certo numero di nuovi agenti biologici sono stati sviluppati o sono sotto
sviluppo per il trattamento della psoriasi. Questi interferiscono con il sistema immunitario
meccanismi che portano alla psoriasi, contribuendo a riequilibrare o normalizzare
il sistema immunitario cutaneo. Funzionano mirando al sistema immunitario anormale
cellule o loro prodotti chimici coinvolti nel causare lesioni di
psoriasi.

A
attualmente, è stato dimostrato che solo un numero limitato di agenti biologici
essere efficace nel trattamento della psoriasi. Tutti questi devono essere dati da
iniezione (in una vena o nel muscolo). Attualmente sono utilizzati per
casi più gravi e recalcitranti e sono costosi.

TERAPIE NATURALI E CAMBIAMENTI DI STILE DI VITA
Le persone che fumano hanno un rischio maggiore di sviluppare la psoriasi rispetto a
non fumatori. Smettere di fumare dopo l'inizio della psoriasi non lo farà,
sfortunatamente, portare alla liquidazione della psoriasi.

Persone
con la psoriasi spesso sfruttano i benefici della luce solare naturale
effetti. La terapia della luce con una speciale lampadina fluorescente è,
tuttavia, più sicuro ed efficace.

Qualunque
la crema con proprietà idratanti può essere utile per migliorare
psoriasi e questa è la base probabile per un certo numero di
trattamenti “miracolosi” senza prescrizione medica.

Dieta
non ha dimostrato di essere un fattore importante nel controllo o nel trattamento
psoriasi. Tuttavia, l'obesità che porta a grandi pieghe della pelle può fare
la psoriasi in queste pieghe è difficile da gestire. Alcool eccessivo
il consumo può peggiorare la psoriasi.

Indossare abiti chiari piuttosto che scuri può rendere meno evidenti i fiocchi di pelle caduta.

Vitamina
A e vitamina D sono utili nella psoriasi, ma le dosi elevate
richiesto per aiutare quelli con psoriasi sono potenzialmente tossici o
pericoloso. Pertanto, sono stati analoghi vitaminici più sicuri e meno tossici
sviluppato (calcipotriolo e acetretina) che richiedono una prescrizione medica
dal tuo medico. Verificare con il proprio medico prima di prendere un massimo specifico
dose di vitamina A o integratore di vitamina D.

Psicologico
l'angoscia può avere effetti profondi sul sistema immunitario. Tale angoscia
è segnalato come fattore scatenante da circa due terzi delle persone con
la psoriasi e i più stressati fanno meno bene in terapia. UN
lo psicologo potrebbe essere in grado di insegnarti modi migliori per affrontare il
problema.

IN SINTESI …
Con un trattamento adeguato, la psoriasi può essere ben controllata per il
la stragrande maggioranza dei malati e uno stile di vita normale goduto.
Sfortunatamente, non tutti rispondono a tutte le terapie e, in alcuni
persone, in particolare quelle con psoriasi più grave, combinazione
la terapia può essere richiesta.

In questa fase non è possibile curare la psoriasi.

QUALI ULTERIORI INFORMAZIONI SONO DISPONIBILI SULLA PSORIASI
Se pensi di avere la psoriasi, è importante avere la diagnosi
confermato da un medico. Se sai di avere la psoriasi,
quindi il tuo medico e, se necessario, il tuo dermatologo
può fornire ulteriori informazioni sul suo trattamento. C'è molto
gruppo attivo di auto-aiuto, The Psoriasis Association, nella maggior parte di
Australia, che è una fonte di informazioni pratiche fornite da
compagni di sofferenza. È importante rendersi conto che l'estensione di
il coinvolgimento con la psoriasi varia notevolmente da un individuo all'altro
il prossimo e la maggior parte delle persone non ha più di fastidi
con esso per tutta la vita.

I gruppi di supporto per la psoriasi australiana sono raggiungibili a questi link:

AUSTRALIA

Stati Uniti d'America

Fondazione nazionale per la psoriasi

Psorilax:Istruzioni |dermomycin crema per psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, quanto costa

Can you use diet to cure psoriasis?

The short answer is YES. But you would never guess that if you read any of the mainstream medical literature and sites. In fact, most, if not all, of the medical sites say that psoriasis IS NOT curable – only treatable.  Bear in mind that one of the primary drugs used to treat psoriasis, Humira, is set to balloon to $20 BILLION A YEAR by 2020.  With those sorts of numbers at stake, why would anyone be invested in finding a cure, especially with something like diet?  No one can patent a diet and sell it for boku bucks.

Well, there is such a person.  And before I share with you who he is and howhe does it – I want you to ponder a question. What is a cure?  What does a curemean to you?

As someone seeking a cure myself,I’ve pondered this question long and hard. I realize that I used to think a cure was some magic pill that could betaken once or a handful of times and then whatever issued plagued you would goaway.

If you took this magic pill, you could go back to living your life like you did before – without having to ever think about the thing you cured… without side effects…. without major expense…. without much effort really.

Central to that belief is a deep desire to live in ignorant bliss.

This cure is something that is done to you, versus something you do.

It’s quick, easy, and painless.

I’ve come to realize that this is not a real cure – this is magical thinking.

Another thought that goes in hand with the above is that the way we live today is natural.

The way we eat is natural… it’s the way humans are meant to eat.

But what we don’t realize is that the foods we eat today are not the same as the foods 50-75 years ago.  Even McDonald’s hamburgers and fries were debatably closer to “nature” when they opened their doors in 1955 than they are today.  For example, the”yoga matt chemical” found in McDonald’s buns, wasn’t even on the market until 1962.

We’ve slowly introduced chemicals, processes, ways of living and eating into our worlds so that where we are today feels natural, easy, and even sensible.  And we will fight tooth and nail to continue the status quo.  And so we desire the “magic pill.”

But magic pills are not cures.  They are trade offs.  They may keep total destruction at bay temporarily, but they extract a cost.

I think psoriasis is like this.  The biologics used to treat psoriasis feed magic pill thinking.  They enable someone with psoriasis to tame the plaques and other immune issues while maintaining the lifestyle that caused it.  They mask what is really going on.

A real cure takes work.  A cure is a lifestyle – not a static magical transformation in moment.

So back to the cure for psoriasis…

Before you read on, I need you to understand what I’ve said above – A cure is a lifestyle. If this resonates with you READ ON… If it doesn’t then this interview is not for you.

Dr. Haines Ely, clinical professor of dermatology at UC Davis has been curing psoriasis since the 1980’s.  You read that right – since the 80’s!

He doesn’t hawk his wears with fancy commercials or ​pharmaceutical partnerships.

He gives it away for free.

It’s a simple diet and TWO to, if you really want to clear up, FOUR supplement protocol that cures 99.99% of the psoriasis patients who stick to it.

I spoke with Dr. Ely about his protocol, which he wrote about here.

Healing Hacker: Good morning Dr. Ely.  Can you give me a little bit of background information on who you are and how you came to this protocol?

Dr. Haines Ely: I’m a clinical professor of dermatology at UC Davis. I work at the Mather field VA teaching dermatology residents.

I got interested in the bowel and its relationship to the skin in 1975.  At the start of my practice, I was seeing overweight women who had a peculiar syndrome involving joint pain, pustules on their skin, fever and malaise. All of these overweight women had ​gone through bowel bypass surgery. I had ten of them as patients. I contacted the surgeon who did the surgery on these women, and he gave me the names of fifty more women who had the same bowel bypass surgery.

Upon contacting them I discovered that ten of them had the syndrome, which I named the bowel bypass syndrome.

I wrote an article called “The bowel bypass syndrome: a response to bacterial peptidoglycans.”

Bacterial peptidoglycans are part of the cell wall of all bacteria.  All of the bacteria in your gut have the same peptidoglycan.   It’s a universal thing among all bacteria. It’s what makes their cell walls rigid. What these women were experiencing was a neutrophilic dermatosis, similar to sweets syndrome, so I used patients with psoriasis for controls. (Since psoriasis is a neutrophilic dermatosis).

Comparing the psoriasis patients to my bowel bypass patients, I was shocked to find that they both had very high levels of peptidoglycan antibodies.  The question then became, what’s going on in psoriasis that patients have antibodies to these intestinal bacteria.

I’d thought about this for many years.

I first lectured on the topic of psoriasis as a bowel disease in 1981. I postulated that in psoriasis, as in bowel bypass syndrome, when peptidoglycans damage the liver, these peptidoglycans go to the skin where the body speeds up its skin production to expel them.   It’s a sort of cathartic event.

Healing Hacker: So the plaques seen in psoriasis are basically the body trying to rid itself of peptidoglycans through the skin, because the liver is too damaged to do that work?

Dr. Haines Ely: Yes. That’s basically the background of how I got interested in the connection between the bowel and psoriasis.

Now fast-forward to the mid-to late1980’s, a lot of articles about endotoxemia in psoriasis started to appear.  At that time, we didn’t have any good tests for endotoxins.

Endotoxins are lipopolysaccharides. They’re byproducts of the bacteria in the intestines, whereas peptidoglycans are part of the bacterial cell wall.   Peptidoglycans are very toxic to the liver and skin. Endotoxins, on the other hand, cause all kinds of things like ​metabolic syndrome, atherosclerosis, type two diabetes, obesity, and the list goes on and on.

And all of these things that endotoxins cause are the comorbidities of psoriasis.       Nearly all patients with psoriasis experience one or more of these comorbidities.

So if all the comorbidities are caused by endotoxins, why isn’t psoriasis caused by endotoxins?

In 2010 there was a study, which I like to call the McDonald’s study, where investigators measured the endotoxin levels in people who had McDonald’s for breakfast. They discovered that if a person drank orange juice with that breakfast, they were protected from endotoxemia.

If they drank orange juice they didn’t absorb endotoxins. But if they didn’t have orange juice, they did.  And so, they had high endotoxin levels in their blood. Orange juice’s effects were attributed to citrus bioflavonoids.

Another study, put out the same year from Hungary, discussed successfully treating psoriasis patients with bile acids.  Bile acids breakdown endotoxins in the gut, therefore the body can’t absorb them.

Let’s go back to my bowel bypass patients for a moment. I forgot to tell you that these patients, some of them were so severe that they had to have their bowel put back together.  I asked the surgeon to do liver biopsies during the procedure. Every one of these patients had severe cirrhosis of the liver, even though their liver enzymes were normal.

And if you look at psoriasis patients, and there is A LOT of literature on this, almost all have fatty livers or micro-nodular cirrhosis. They all have bad livers.

They also have abnormal bowels.  There was a Russian scientist who discovered this.  He cannulated the bile ducts of psoriatic patients and found that their bile was very different from normal people’s bile. Their bile wasn’t able to break down endotoxins.  In these patients, the peptidoglycans and endotoxins absorbed from the gut caused liver damage.  And given that most psoriatic patients have poor liver function, the end result is that the endotoxins and the peptidoglycans get to the skin in psoriatic patients.  All of this comes together to cause psoriasis.

So you can see, treating psoriasis with biologics, which destroy the immune response, is like treating a fire with a smoke evacuator rather than putting out the fire.

Healing Hacker: I can’t believe that you have been lecturing on this and known about this since the 80s! Everywhere I look now, on the Internet and TV, psoriasis seems like a huge issue.  And the only options I see and hear about are the biologics that you mentioned.

Dr. Haines Ely: It’s money.  AbbVie ​made 20 billion with its psoriasis biologic… that’s $20 BILLION with a B-, selling biologics to patients with psoriasis.

My treatment costs nothing.  You don’t have to see a doctor. You basically follow a diet. The diet is no alcohol, no pepper, no spicy foods of any kind, high fiber, lots of vegetables, and minimizing meat.

The reason for the no pepper and no alcohol is that pepper and alcohol both cause tremendous absorption of bacterial byproducts in the gut.  When you eliminate those from the diet, you automatically cut down the absorption of bacterial byproducts.  Then if you take Quercetin, which is the mother molecule that citrus bioflavonoids are made from, you tighten up the tight junctions in the gut that prevent the absorption of endotoxins.

You can substitute citrus bioflavonoids for quercetin, both of which you can buy in any health foodstore.

On top of that, if you take bile acids with each meal, you break down the endotoxins.

By doing these things: breaking down the endotoxins with bile acids, preventing their absorption with Quercetin, and avoiding alcohol and pepper, you cure your psoriasis.  Your psoriatic arthritis goes away.

The ONLY OBSTACLE on this protocol is that people’s lifestyles are tough to change.

Try to stop someone from drinking alcohol. Try to stop someone from smoking. Try to stop someone from eating barbecue every day. It’s very difficult!

Healing Hacker: Is eczema similar to psoriasis and what you’re describing?

Dr. Haines Ely: I’ve been asked that many, many times and I don’t think so.

Healing Hacker: Why do you say that?

Dr. Haines Ely: That’s a whole other lecture. But basically eczema is an inherited condition.  It’s anabnormality of the t-lymphocytes.  It’s an immune problem where the cells react to various antigens.  It’s not a problem of one antigen. There are multiple antigens in eczema that people react to. In psoriasis it’s endotoxin. In eczema it’s pollen and other things you breathe and eat. Eczema runs in families with asthma and hay fever. So people withe czema often have asthma.  It’s triggered by things they breathe, eat, or are exposed to.

I’ve heard many people with eczema say, “Oh yeah, by avoiding gluten, I’m better.” “If I avoid sugar, I’m better.” I say, “Good for you. Avoid those things that you know make you worse.”  But it isn’t just one thing. In eczema it’s many things. Each person with eczema has a different story about what makes it worse.

Healing Hacker: So you don’t think there’s a connection between leaky gut and the ​skin eczema?

Dr. Haines Ely: I can stop eczema, any eczema, with very low dose steroids. Within two days the people’s dry skin is no longer dry. Their itching is no longer there, and theire czema is completely gone. All I’ve done is just barely tweaked the immune system using an almost homeopathic dose. I haven’t changed their diet or their gut, but I’ve changed their eczema.

Healing Hacker: You say that you can change what’s going on in the microbiome in one day.  Can you talk about shifting the microbiome?

Dr. Haines Ely: The DNA in the gut bacteria and the microbiome dwarfs the human genome. Absolutely dwarfs it.  There’s so much life​ in your gut that we don’t understand.

The microbiome is trillions oforganisms… many trillions… And I’d say two thirds to three quarters have never even been identified. We don’t even know what they are. The microbiome is not just one thing. There are colonies of bacteria all up and down the gut that are influenced by what you eat, the acidity of the gut, the amount of bile in the gut,…. And it’s a fluid, constantly changing, environment.

So let’s say you eat a lot of meat for two or three days, your microbiome shifts toward things like bacteroides and the actual diversity of the microbiome goes down.

A whole lot of those bacteria seem to disappear.  But then if you stop eating meat and eat vegetables and fruit instead, within two or three days, all of those bacteria that you couldn’t find before are all back. They didn’t die. So once you feed the bacteria, they’ll grow wildly.  When they get the right food they grow. When they don’t get the right food, they diminish. But they don’t die completely.They’re still there, they’re just aren’t as many of them.

The only way you can address this topic is with machine learning.  You need  ​gigantic computers. ​ There are so many trillions of bacteria doing different things, you can’t figure it out. You can only do it with mass data crunching.  And in that mass data crunching, you’d find that the microbiome shifts daily, literally daily, depending on what you eat.

Healing Hacker: It sounds like you can have a very significant and fast impact on your gut microbiome just by shifting your diet.

Dr. Haines Ely:  Indeed.

Healing Hacker: So psoriasis is not something that you’re necessarily born with or that happens when your immune system goes out of whack.  Your lifestyle impacts your liver, and then your liver causes psoriasis.

Dr. Haines Ely:  You could say that​, but it’s more complex.  Obviously there are genetic factors. I always get asked about children with psoriasis.  That’s a different disease. That’s a genetic predisposition to something going on. And I don’t think children necessarily have bad livers. I think they may have an extreme absorption of endotoxin for one reason or another, and it just bypasses the liver or gets right to the skin. But in adults, you don’t develop psoriasis until your liver doesn’t work very well.

Healing Hacker: How can you have normal liver enzymes on a blood draw, but you actually have cirrhosis when you have a biopsy done?

Dr. Haines Ely:  It’s not that uncommon. I’ve seen it many, many times, not just with those patients. When I was doing internal medicine, we would do liver biopsies on people sometimes and be just shocked by how bad their livers were when they didn’t have bad enzyme levels. It’s not that uncommon to see.

Healing Hacker: Are there any other indicators that someone is walking around with cirrhosis?

Dr. Haines Ely:  There are a bunch of tests for fatty liver and what not. There are ways of looking for fatty liver, but they’re not the normal blood test.

Healing Hacker: Can you explain the peptidoglycan hypothesis in Layman’s terms?

Dr. Haines Ely:  In Layman’s terms, it means that there’s not one particular bacteria that people area bsorbing. There’s not one particular microbiome in psoriasis that’s totally different from the normal microbiome. There are studies showing some differences in the psoriatic microbiome, but they’re preliminary studies. They’ve only come out in the last year or two. The point is that all bacteria have peptidoglycans.  It’s a common thing.

Let me use the metaphor. Most married men wear a simple gold wedding ring. It doesn’t mean you know anything about that man or his marriage.  It’s just that most men have the same kind of wedding rings.

Most bacteria have the same kind of shell, the same kind of cell wall which is made of peptidoglycans. And peptidoglycans are extremely toxic. They’re not supposed to be floating around in the body or blood. ​ When they get from the gut into the portal circulation, the first place they go is the liver.  And they’re quite toxic to your liver cells. So you damage the liver when you absorb peptidoglycans. Peptidoglycans are the main assault on the liver.

Whether the bacteria is pathogenic or completely benign, they all have peptidoglycans. Peptidoglycans make the cellwall of bacteria rigid. It’s a long molecule made up of a bunch of sugars.  But it’s basically the same with only a couple of peptides side chain differences.

Some bacteria have peptide side-chains that are very antigenic.  For example, strep pyogenes is extraordinarily antigenic.  It’s also one of the bacteria that ​strongly fuels psoriasis.

Patients with psoriasis often start with strep throat ​and pus on their tonsils.  They swallow the pus full of strep pyogenes, which colonizes the upper bowel, the ilium and jejunum.  And once it gets going in the bowel, then that particular peptidoglycan is very, very reactive as far as causing trouble in the liver or elsewhere.

If a person’s psoriasis started with strep throat, then I will recommend starting with antibiotics first. In that case, you’ve got to get rid of the strep pyogenes.  Strep pyogenes is not a normal inhabitant of the human gut. It’s rare that it gets into the gut. It causes bad problems.

Otherwise, I don’t recommend antibiotics because they mess up the microbiome.

The protocol I recommend is​:  avoid, alcohol and pepper and take bile acids and quercetin with every meal.  It’s simple. That’s all you’ve got to do.

But you would be surprised how hard it is for most people to do that. ​People don’t want to ​change their lifestyles. They don’t want to give up cocktails.  They don’t want to give up a lot of meat.  They don’t want to give up spicy foods. They don’t want to have to take a handful of pills every day.

Healing Hacker: ​This lifestyle change, is ​it something that someone with psoriasis ​has to do for the rest of their lives?

Dr. Haines Ely:  Yes.  Like I said in my article, psoriasis can be converted from a disease to a career.

But basically it’s something that you’ve got to work at every day, like your career.

I’ve also found that most psoriatics are very depressed.  They’ve had ​a horrible crash.  They often have arthritis and it’s very disfiguring.  It’s very depressing.  And a lot of them drink because they’re depressed, and they’re drinking makes the psoriasis worse. It’s a vicious circle.

Healing Hacker: When you say peppers and spicy food, do you also include ​bell peppers?

Dr. Haines Ely:   ​No, it’s anything hot on the tongue.

The Hungarian investigators who started the bile acid protocol also said to avoid onions, garlic, bay leaf and carbonated drinks. I had one patient horrendously flare because she was eating red onions every day. She read my article and one of the sources of quercetin is onion.  So she started eating onions and she markedly worsened. So there might be something to onions, garlic and bay leaf that the Hungarian investigators said to avoid.  But I try to not bother people with too many restrictions. I make it real simple. And then if it’s not working, we can talk about it.

Healing Hacker: What is the problem with spicy foods?  What do spicy foods do that exacerbate psoriasis?

Dr. Haines Ely:  Peppers, open up the gut and make it leak. In the d-xylose absorption test or I-51 chromium absorption test, if you give someone d-xylose by mouth, it should not be absorbed.  None of it should come out in the urine. It should come out in the stool.  But if you give a patient with psoriasis the d-xylose absorption test, they pee out d-xylose. This means they have a leaky gut.  And if you just give a normal person d-xylose and some pepper with it,  they’ll absorb and pee out d-xylose, which should never have been absorbed.

Healing Hacker: ​You also talk about Crohn’s and ulcerative colitis and endotoxin toxemia.  Do you have any comments about ulcerative colitis and Crohn’s?

Dr. Haines Ely:  Patients with psoriasis have a much higher incidence of inflammatory bowel disease. And patients with inflammatory bowel disease have high endotoxemia.  So there are similarities.  Back to the bit about pepper, you see many brands of turmeric on the market or Curcumin that have what’s called bioperine to help absorption of the curcumin.  Curcumin is badly absorbed. Well bioperine is just regular old black pepper.  All these companies say, “We have 2000% more absorption because of bioperine.”  All they’re saying is, take pepper with your curcumin and you’ll absorb it because ​pepper opens your gut.

It opens it up and lets things ​through.

Healing Hacker: When someone follows your protocol, how long before they start to see their psoriasis go away?

Dr. Haines Ely:  If they follow it strictly for three to four weeks, they’re completely clear of psoriasis, including arthritis.

I corresponded with people all over the world. ​ They read my article and then they want to talk to me. They write to me.  And I have them send me pictures. I enjoy it. So I have people from everywhere following my protocol.

I mentioned in my article for dermatologists, that you have to have these people come in once a week and hold their hand because they screw up. They stop taking pills. They eat things they shouldn’t be eating. They drink stuff that they shouldn’t be drinking. It’s a real job to change a person’s set pattern of life.

Healing Hacker: You also mentioned ​Silymarin ​as a part of bringing the liver back to health. Can you talk about that a bit?

Dr. Haines Ely:  Sylimarin is ​very important.  I’m a big believer in sylimarin.

In my protocol I mention Sylimarin and curcumin. I highly recommend taking both of those things.  But again I try and keep it simple, quercetin, bile acids, no alcohol and no pepper.  Most people can’t handle too much.  Once you start adding the curcumin and sylimarin it gets tot he point where people are taking a cereal bowl full of pills every day. And people who do that, they really clear up. But it’s hard to get people to take that many pills. I can’t take that many, so I can’t imagine telling patients to.

Healing Hacker: And so after doing this protocol, has anyone had their liver turn back around from cirrhosis to not?

Dr. Haines Ely:  I don’t know. And that’s not something I’ve ever investigated. Yeah.  There’ll be a lot of stuff going onsince this article came out.  It’s been widely cited.  So there’ll be people looking into all this stuff, I’m sure.  And from the industry, there’ll be all kinds of shills trashing the article, writing, this doesn’t work and this is craziness because, there are BIG BUCKS in not following this protocol.

Healing Hacker: How many patients has this worked forthat you know of?

Dr. Haines Ely: I’ve never counted, but it’s hundreds and hundreds.

Healing Hacker: Wow. Is there anything that we missed or anything else that you think is important for people to know?

Dr. Haines Ely:  You can give ​your readers my email. It’s just my name, Haynes Ely. hainesely@hotmail.com.   If someone has psoriasis and wants to do this program, I send them the article. I have them read the article, send me pictures of their psoriasis, and then every month send how they’re progressing.

What I’ve found, and what many other people have found, is that people get 50% or 70% better, they’re delighted, and then they quit and go back to their old habits. The people that stick with it clear up completely.

Healing Hacker: Once they fall off the wagon do they they get back on?

Dr. Haines Ely: I don’t know. It’s a hard question to answer. If they write to me and have 50% improvement, I say, “good for you, stay with it.”   And then if I don’t hear from them again, I don’t know what happened to them.  If you want a hundred percent improvement, stick with it.

Psorilax:Trattare |crema rinfrescante infiammazip e per psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, originale

Psoriasis oder Schuppenflechte ist eine chronisch entzündliche Hauterkrankung, die sich in trockener, schuppender und teilweise auch juckender Haut äussert. Gleichzeitig bilden sich an manchen Hautstellen dicke gelbe Krusten. Die von der Schulmedizin verordneten Medikamente sind stark und nebenwirkungsreich.

Psoriasis – Vitalstoffe und die richtige Ernährung helfen

Psoriasis – auch Schuppenflechte genannt – gilt aus Sicht der Schulmedizin als nicht heilbar. Die verordneten Medikamente versuchen, direkt in den Hautstoffwechsel einzugreifen, die Entzündungen zu hemmen oder das Immunsystem zu unterdrücken. Entsprechend vielfältig sind die Nebenwirkungen.

Inzwischen werden jedoch immer mehr Studien veröffentlicht, die zeigen, Psoriasis lässt sich von der Art der Ernährung beeinflussen, ja in manchen Fällen kann Psoriasis gar durch eine bestimmte Ernährung verursacht sein. Verändert man nun die Ernährung, dann kann dies natürlich die Psoriasis auch bessern oder die Symptome ganz zum Verschwinden bringen.

Vitalstoffe bessern nicht nur die Psoriasis, sondern auch häufige Begleiterkrankungen

Möglicherweise wirkt sich die richtige Ernährung auch deshalb so positiv bei der Psoriasis aus, weil sie mehr Vitamine und Antioxidantien liefert als die herkömmliche Ernährung. Denn genau diese beiden Stoffgruppen untersuchte man im Zusammenhang mit der Psoriasis in Studien näher und stellte fest, dass sie auch in Form von Nahrungsergänzungsmitteln die Psoriasis sehr positiv beeinflussen können.

Eine Psoriasis tritt ausserdem selten alleine auf. Viele Betroffenen leiden noch zusätzlich an anderen Erkrankungen, wie z. B. Herzkrankheiten, Bluthochdruck, Diabetes und Übergewicht. Alle diese Zustände jedoch lassen sich ebenfalls mit Hilfe einer gesunden Ernährung und ergänzenden Vitalstoffen mildern oder ganz aus der Welt schaffen.

Fallbericht: Psoriasis mit gesunder Ernährung und Vitalstoffen geheilt

Ein interessanter Fallbericht wurde dazu im September 2015 im Fachjournal Experimental and Therapeutic Medicine veröffentlicht:

Eine 36jährige Frau litt an schwerer Psoriasis, die in den letzten 14 Jahren mit einer cortisonhaltigen Creme behandelt wurde. Die Frau stellte nun nach Anleitung ihre Ernährung um (viel Gemüse, minimale Mengen Fleisch, völliges Meiden von Junk Food und von Zucker – sowohl in Getränken als auch in Speisen).

Gleichzeitig nahm sie verschiedene Nahrungsergänzungen ein: Vitamin C (ca. 2 g täglich in drei Dosen aufgeteilt), eine Lysin-Prolin-Mischung (Lysin und Prolin sind Aminosäuren, die der Organismus für den Aufbau gesunder Haut und eines gesunden Bindegewebes benötigt) und eine Vitalstoff-Aminosäuremischung. Nach einem halben Jahr waren die typischen Psoriasiserscheinungen auf der Haut der Patientin verschwunden.

Vitalstoffe bei Psoriasis

Wie bei jeder chronischen Erkrankung, so gilt auch bei der Psoriasis, dass man jeden Vitalstoff überprüfen sollte, um zu schauen, ob man rundum gut versorgt ist. Kein Vitalstoff ist somit wichtiger als ein anderer, und jeder Mangel – ganz gleich von welchem Vitalstoff – kann die Krankheit verschlimmern bzw. eine Linderung verhindern.

Vitamin D bei Psoriasis

Vitamin D stellt eine Ausnahme im Kreise der Vitamine dar, denn es kann nicht in ausreichenden Mengen über die Ernährung aufgenommen werden. Es wird vielmehr in der Haut vom Organismus selbst gebildet, aber nur, wenn dieser genügend Sonnenlicht abbekommt.

Viele Menschen leiden gerade im sonnenarmen Mitteleuropa an chronischem Vitamin-D-Mangel. Inzwischen weiss man, dass es kaum eine chronische Krankheit gibt, die nicht mit schlechten Vitamin-D-Werten einhergeht. Und so findet man auch bei Psoriasis-Patienten häufig einen Vitamin-D-Mangel.

Gleichzeitig ist bekannt, dass sich die Psoriasis mit einer Lichttherapie bessert, was natürlich auch darauf zurückzuführen ist, dass sich bei einer Bestrahlung mit UV-Licht der Vitamin-D-Spiegel erholen kann.

Vitamin D nun greift regulierend in die gestörte Zelldifferenzierung und -proliferation der Haut ein, so Apotheker Uwe Gröber in seinem Buch Orthomolekulare Medizin. Das bedeutet, dass Vitamin D den schnellen Hautstoffwechsel bei Psoriasis verlangsamt. Zusätzlich wirkt es entzündungshemmend.

Vitamin D sollte einerseits eingenommen werden, und zwar in der individuell benötigten Menge. Andererseits kann es auch direkt auf die Haut aufgetragen werden – in Form von Vitamin-D-Cremes.

Im Jahr 2013 las man im Journal of Dermatological Treatment, dass die topische Anwendung von Vitamin-D-Cremes zwar bei der Psoriasis-Therapie eingesetzt werde, man darüber hinaus aber ganz die orale Einnahme des Vitamins vergessen habe. Diese jedoch sei – so die Forscher der University of California nach einer Überprüfung der vorhandenen Studiendaten – gerade bei Psoriasis äusserst wichtig und wirksam.

Vitamin D könne überdies nicht nur die Hautgesundheit bei der Psoriasis verbessern, sondern auch die Gelenkgesundheit, insbesondere dann, wenn die Gelenke ebenfalls von der Psoriasis betroffen sind (Psoriasis Arthritis).

Da Vitamin D so viele positive Auswirkungen bei jedweder chronischen Erkrankung hat, kann ein Psoriasis-Betroffener auf vielen Ebenen von der Vitamin-D-Einnahme profitieren. So weiss man beispielsweise, dass Vitamin D die Herz-Kreislauf-Gesundheit verbessert und das Krebsrisiko mindert.

Diese Zusatzwirkungen sind umso willkommener, da bekannt ist, dass Psoriasis-Patienten häufiger als gesunde Menschen zu weiteren chronischen Erkrankungen neigen, besonders im Herz-Kreislauf-Bereich. Da Vitamin D ausserdem sehr preiswert und überall erhältlich ist, sollte es stets in die Therapie der Psoriasis integriert werden.

Zwei Jahre später – im April 2015 – schrieben Forscher der University of California im International Journal of Dermatoloy, dass die orale sowie die topische Anwendung von Vitamin D bei der Psoriasis vergleichbare, teilweise sogar bessere Effekte erziele als der Einsatz von Cortisonpräparaten.

Während jedoch Vitamin-D-Präparate nebenwirkungsfrei seien, gehe es bei Cortison so gut wie nie ohne Nebenwirkungen. Die Wissenschaftler schrieben daher genau wie die Kollegen schon zwei Jahre zuvor: Die Anwendung von Vitamin D sollte ein unverzichtbarer Bestandteil der aktuellen Therapie von Psoriasis sein.

Die für Sie richtige Vitamin-D-Dosis sollten Sie mit Ihrem Arzt besprechen. Die Dosis sollte Ihrem Bedarf gemäss ausgesucht werden: Ihr Vitamin-D-Spiegel – Was Sie wissen müssen

Vitamin A bei Psoriasis

Vitamin A ist jenes Vitamin, das sich der Organismus am allerbesten aus dem pflanzlichen Betacarotin selbst herstellt. Betacarotin ist in grünen, gelben und orangefarbenen Gemüsearten enthalten. Das daraus entstehende Vitamin A ist für die gesunde Hautzellbildung unabdingbar.

Zwar wird reines Vitamin A bei Psoriasis in manchen Fällen auch als Nahrungsergänzung in hohen Dosen gegeben (30.000 bis 100.000 IE), doch sollte dies nur auf Anraten des Arztes geschehen, da derart hohe Vitamin-A-Dosen auch Nebenwirkungen haben können.

Aus ganzheitlicher und naturheilkundlicher Sicht sollte man daher zunächst viel eher darauf achten, täglich viele betacarotinreiche Lebensmittel zu essen. Auf diese Weise kann es nicht zu einer Vitamin-A-Überdosierung kommen, da sich der Körper dann aus dem Betacarotin nur so viel Vitamin A herstellt, wie er auch gerade benötigt.

Zu den betacarotinreichen Lebensmitteln gehören die folgenden:

Karottensaft, Karotten, Grünkohl, Trockenaprikosen, Honigmelonen, Hagebutten und grüne Wildgemüse wie z. B. Brennnessel und Löwenzahn. Auch Mikroalgen sind betacarotinreich. Aus einer Tagesdosis Spirulina kann der Körper beispielsweise 2000 µg Vitamin A (ca. 6000 IE) herstellen.

Vitamin A gibt es jedoch auch in Creme-Form. Diese Creme wird zur Behandlung von Hautschäden durch zu starke Lichteinstrahlung verwendet, aber auch bei Psoriasis, bei der die Creme die Überproduktion der Hautzellen bremst sowie entzündliche Reaktionen lindert. Bei Vitamin-A-Cremes kommt es natürlich auch viel seltener zu Nebenwirkungen als bei der oralen Einnahme sehr hoher Vitamin-A-Dosen.

Vitamin B bei Psoriasis

Zu den B-Vitaminen gehört beispielsweise die Folsäure. Sie ist im Körper u. a. für den Abbau der sog. Homocysteinsäure (Abfallprodukt des Proteinstoffwechsels) verantwortlich. In einer Studie aus dem Jahr 2008 stellte man nun fest, dass der Homocysteinspiegel umso höher war, je stärker die Psoriasis ausgeprägt war. Je höher ferner der Homocysteinspiegel stieg, umso niedriger war der Folsäurespiegel der Betroffenen.

Ein hoher Homocysteinspiegel wiederum wird mit einem erhöhten Herz-Kreislauf-Risiko in Verbindung gebracht. Man tut also gut daran, einen niedrigen Homocysteinspiegel anzustreben. Dazu benötigt man nicht nur Folsäure, sondern auch die Vitamine B6 und B12.

Bei der Psoriasis lohnt es sich daher – wie bei jedem chronischen Problem – einen hochdosierten B-Komplex einzunehmen. Da viele B-Vitamine aber direkt am Hautstoffwechsel beteiligt sind, ist gerade bei der Psoriasis genau wie bei der Neurodermitis die sehr gute Versorgung mit den B-Vitaminen unumgänglich.

Wie Sie bereits Ihre Ernährung folsäurereich gestalten können, lesen Sie hier.

Vitamin C bei Psoriasis

Bei der Psoriasis kommt es zu einem starken oxidativen Stress – wie immer bei Autoimmunerkrankungen und wie immer, wenn Entzündungen im Spiel sind. Eine gute Antioxidantienversorgung ist daher auch bei der Psoriasis das A und O.

Zu den wichtigsten Antioxidantien gehören die Vitamine C und E. Sie verhindern Schäden, die andernfalls der oxidative Stress und die freien Radikale verursachen würden.

Vitamin C kann sehr einfach über Obst und Gemüse eingenommen werden. Natürlich kann man zur Erhöhung dieser Vitaminmengen auch eine Vitamin-C-Nahrungsergänzung dazu nehmen. Manche Psoriasis-Patienten reagieren auf Säuren empfindlich und erleben nach der Einnahme von Säuren einen Psoriasis-Schub. Daher sollte das Vitamin C in hohen Dosen nicht als reine Ascorbinsäure verwendet werden. Wählen Sie stattdessen ein ganzheitliches Vitamin-C-Präparat (z. B. Acerolapulver) oder ein Vitamin-C-Präparat aus Ascorbaten, also den neutralisierten Salzen der Ascorbinsäure.

Vitamin E und Selen bei Psoriasis

Viele Personen mit Psoriasis leiden an deutlich reduzierten Selenwerten im Serum. Auch das Spurenelement Selen agiert im Körper als Antioxidans und schützt somit vor oxidativem Stress und seiner schädlichen Wirkung.

Eine Nahrungsergänzung mit Vitamin E nun hat sich als hilfreich darin gezeigt, den Selenspiegel bei Psoriasis-Patienten zu erhöhen. Zwar liegen keine Beweise dafür vor, dass dies auch die Psoriasis bessern kann. Da jedoch zu einer ganzheitlichen Therapie grundsätzlich die Optimierung aller Vitalstoffwerte gehört und man davon ausgehen kann, dass sich jede Krankheit bessert, wenn der Mensch mit allen Vitalstoffen gut versorgt und somit wieder im Gleichgewicht ist, sollte auch dieser Aspekt berücksichtigt werden.

Vitamin E sollte am besten nur über die Nahrung zugeführt werden. Z. B. mit einem Löffel Weizenkeimöl pro Tag, mit Moringa, Erdnüssen, Haselnüssen und Mandeln.

Selen findet sich nur in wenigen Lebensmitteln in relevanten Mengen, z. B. in der Kokosnuss und in den Paranüssen. Offenbar sollen bereits etwa 3 Paranüsse genügen, um den Tagesbedarf an Selen zu decken.

Ein Antioxidans, das um ein Vielfaches stärker antioxidativ wirkt als Vitamin E und Vitamin C ist das OPC:

Kiefernrindenextrakt/OPC bei Psoriasis

Italienische Wissenschaftler veröffentlichten im Jahr 2014 eine Studie, derzufolge man bei der Gabe von täglich 150 mg Kiefernrindenextrakt (Pycnogenol) bei immerhin einem Drittel der Patienten eine merkliche Verbesserung der Psoriasis-Symptome feststellen konnte. Der Extrakt musste dazu mindestens drei Monate lang eingenommen werden.

Weitere Informationen dazu finden Sie hier: Kiefernrinde bei Schuppenflechte und Bluthochdruck

Der Hauptwirkstoff des Kiefernrindenextraktes ist das OPC (Oligomere Proanthocyanidine), so dass manche Psoriasis-Patienten auch hochdosierte OPC-Präparate verwenden. Die tägliche OPC-Menge sollte dabei 200 mg betragen. Achten Sie darauf! Denn viele OPC-Präparate sind deutlich unterdosiert, so dass man dann natürlich auch keinen Effekt bemerken kann.

Zink bei Psoriasis

Auch eine Zinksubstitution gilt bei Psoriasis (genau wie bei der Neurodermitis) als sinnvoll. Denn über die starke Schuppung der Haut findet ein verstärkter Zinkverlust statt, so dass der Zinkbedarf bei diesen Erkrankungen steigt.

Bei beiden Krankheiten liegt überdies eine Störung des Prostaglandinstoffwechsels vor, was den Zinkbedarf noch weiter steigen lässt, da Zink den Prostaglandinstoffwechsel regulieren hilft. Prostaglandine sind Botenstoffe, die Entzündungen ankurbeln können.

Wird jedoch Zink eingenommen, sollte man auch den Kupferhaushalt nicht aus den Augen verlieren, da beide Spurenelemente einander beeinflussen, was bedeutet, dass zu hohe Zinkmengen die Resorption des Kupfers verhindern könnten. Daher darauf achten, beide (Zink und Kupfer) im Verhältnis 10 : 1 einzunehmen.

Omega-3-Fettsäuren bei Psoriasis

In den befallenen Hautarealen von Psoriasis-Betroffenen lassen sich stark erhöhte Konzentrationen der Arachidonsäure finden, eine Omega-6-Fettsäure mit entzündlichen Eigenschaften. Auch im Blut lassen sich bei Psoriatikern erhöhte Arachidonsäurewerte beobachten, während gleichzeitig die Werte der Alpha-Linolensäure sehr niedrig sind (Omega-3-Fettsäure).

Die Gabe von Omega-3-Fettsäuren kann das gestörte Omega-6-Omega-3-Verhältnis regulieren, was sich in einer Besserung der Psoriasis-Symptome zeigt. Allerdings sind recht hohe Omega-3-Dosen erforderlich. In einer Studie nahmen die Probanden beispielsweise 9 Gramm Fischöl pro Tag – und zwar über einen Zeitraum von 12 Wochen hinweg. Juckreiz, Rötung und Schuppung nahmen merklich ab. Gleichzeitig konnten die Nebenwirkungen der starken Psoriasis-Medikamente (Ciclosporin A) durch die Einnahme der Omega-3-Fettsäuren verringert werden.

Da Fischöl nur zu 30 – 35 Prozent aus Omega-3-Fettsäuren besteht, genügt es, wenn Sie zu therapeutischen Zwecken etwa 3 Gramm Omega-3-Fettsäuren pro Tag einnehmen.

Gleichzeitig sollten Sie eine arachidonsäurearme Ernährung praktizieren, wie wir im Link am Ende des Artikels beschrieben haben (Die richtige Ernährung bei Psoriasis). Arachidonsäure ist eine Fettsäure, die sich ausschliesslich in tierischen Fetten befindet. Je weniger tierische Lebensmittel Sie also verzehren, umso niedriger ist Ihre Arachidonsäureaufnahme.

Doch auch die Linolsäure – eine Omega-6-Fettsäure, die zu hohen Anteilen in vielen pflanzlichen Lebensmitteln enthalten ist – kann zu einer Erhöhung der Arachidonsäurewerte führen. Denn die Linolsäure kann vom Körper in die entzündungsfördernde Arachidonsäure umgewandelt werden. Daher sollte auch darauf geachtet werden, Öle mit hohem Linolsäuregehalt zu meiden (Sonnenblumenöl, Distelöl, Maiskeimöl, Sojaöl etc.).

Wenn Sie mit diesen Tipps Ihre Omega-6-Zufuhr reduzieren, dann kommen Sie auch mit geringeren Omega-3-Mengen aus. Denn es geht ja darum, ein gesundes Gleichgewicht zwischen den beiden Fettsäuren zu erreichen. Gelingt dies, dann führt schon allein diese Massnahme zu einer entzündungshemmenden Wirkung.

Probiotika bei Psoriasis

Probiotika sind nützliche Bakterien, die sich in manchen Lebensmitteln (Sauerkraut, Joghurt bzw. allen milchsauer fermentierten Speisen) und probiotischen Nahrungsergänzungsmitteln befinden. Sie werden zur Regulierung der Darmflora eingenommen, können jedoch die Gesundheit weit über das Verdauungssystem hinaus enorm positiv beeinflussen. Ja, inzwischen gibt es kaum noch eine Krankheit, deren Entstehen nicht auch mit einer gestörten Darmflora in Verbindung gebracht wird.

Längst ist diese Tatsache durch sicher Tausende von Studien belegt und täglich werden weitere veröffentlicht, die zeigen, dass der Zustand des Verdauungssystems darüber entscheidet, wie gesund oder wie krank man ist.

Besonders Autoimmunerkrankungen und andere chronisch entzündliche Krankheiten werden auf eine Störung im Verdauungssystem zurückgeführt (Leaky Gut Syndrom). Da die Psoriasis genau zu diesen Krankheitsgruppen gehört, liegt der Verdacht nahe, dass Probiotika auch die Schuppenflechte lindern können.

Im Jahr 2013 beispielsweise wurde im JournalGut Microbeseine Studie veröffentlicht, an der neben Colitis-ulcerosa-Patienten auch Psoriasis-Patienten sowie Patienten mit CFS (Chronischem Erschöpfungssyndrom) teilgenommen hatten. Die Patienten erhielten – genau wie eine gesunde Kontrollgruppe – über 6 bis 8 Wochen hinweg ein Probiotikum mit Bifidobacterium infantis.

Nach Ablauf dieses Zeitraums stellte man fest, dass die Entzündungswerte (im Blut) aller Gruppen enorm abgenommen hatten, so dass die beteiligten Forscher schlussfolgerten, dass die Einnahme von Probiotika keinesfalls – wie mancher vielleicht denken mag – nur im Darm, sondern im gesamten Organismus wirken und sich sehr gut zur Entzündungshemmung bei entzündlichen Erkrankungen wie der Psoriasis eignen.

Achten Sie bei der Wahl Ihres Probiotikums darauf, dass Bifidobacterium infantis enthalten ist.

Curcumin bei Psoriasis

Curcumin ist der aktive Wirkstoff im asiatischen Gewürz namens Curcuma (oder Kurkuma bzw. Gelbwurz). Curcumin gilt als starkes Antioxidans, als Krebsschutz und entzündungshemmendes sowie entgiftendes und leberpflegendes Naturheilmittel, das bei sehr vielen chronischen Erkrankungen als Nahrungsergänzung empfohlen wird. Ähnlich wie bei Probiotika liegen auch zu den vorteilhaften Wirkungen des Curcumins inzwischen sehr viele wissenschaftliche Studien vor. Die wichtigsten haben wir hier zusammengefasst: Curcumin wirkt besser als Medikamente

Im April 2016 veröffentlichten überdies chinesische Forscher eine Studie, in der sie feststellten, dass Curcumin auch bei Psoriasis helfen könnte. Das gelbe Pulver scheint hier sogar direkt die autoimmunen Prozesse zu hemmen – und zwar folgendermassen:

Curcumin kann die sog. Kaliumkanäle vom Subtyp Kv1.3 hemmen. Genau diese Kanäle sind bei den T-Zellen besonders ausgeprägt. T-Zellen aber spielen eine Schlüsselrolle bei der Psoriasis. Werden die Kaliumkanäle der T-Zellen nun ein wenig blockiert, dann können diese nicht mehr so viele Entzündungsstoffe ausschütten und die typischen Psoriasis-Symptome gehen zurück. Gleichzeitig konnte man durch das Curcumin keine negativen Nebenwirkungen feststellen, so dass es ein sehr sicheres und natürliches Mittel darstellt.

Zusammengefasst könnte ein Vitalstoffplan bei Psoriasis so aussehen:

Der Vitalstoffplan bei Psoriasis

  • 3 g Omega-3-Fettsäuren
  • 20 – 50 mg Zink
  • Vitamin A in Absprache mit dem Therapeuten; besser eine betacarotinreiche Ernährung praktizieren
  • Vitamin D nach Bedarf
  • Vitamin E in Absprache mit dem Therapeuten
  • 1000 – 2000 mg Vitamin C
  • 400 – 800 µg Folsäure
  • 1 – 3 mg Kupfer (abhängig von der Zinkeinnahme)
  • 100 – 200 µg Selen

Zusätzlich könnte man jetzt noch

  • 200 mg OPC bzw. 150 mg Kiefernrindenextrakt einnehmen
  • 2 x täglich ein Probiotikum, z. B. Combi Flora
  • 400 – 800 mg Curcumin als Extrakt oder 2000 – 3000 mg Kurkumapulver

Gehen Sie jedoch behutsam vor. Denn jeder Psoriasis-Patient hat andere Empfindlichkeiten und Trigger, so dass es auch bei den genannten Nahrungsergänzungen und Vitalstoffen zu Überreaktionen kommen kann, wenn man zu schnell und mit zu hohen Dosen startet.

Vitalstoffe statt Medikamente bei Psoriasis?

Selbstverständlich bedeutet dies nicht, dass jeder Psoriasis-Patient alle diese Vitalstoffe auch benötigt und einnehmen muss. Besprechen Sie jeden einzelnen Vitalstoff mit Ihrem Arzt oder Heilpraktiker und lassen Sie sich von diesem einen auf Sie zugeschnittenen Vitalstoffplan zusammenstellen.

Auch bedeutet die Tatsache, dass Vitalstoffe in Kombination mit der richten Ernährung die Psoriasis lindern können, nicht, dass Sie jetzt alle Ihre Medikamente in den Müll werfen sollten, falls Sie bereits welche nehmen. Beobachten Sie stattdessen zunächst, wie es Ihnen mit den ganzheitlichen Massnahmen geht. Wenn Sie spüren, dass Ihre Symptome nachlassen, können Sie – in Absprache mit Ihrem Arzt – Ihre Medikamente vielleicht langsam ausschleichen.

Weitere Informationen zur Psoriasis finden Sie hier:

360 Euro sparen + gratis Entschlackungskur bei Studienstart

Lernen Sie, wie sich Nähr- und Vitalstoffe auf den Körper auswirken – aus ganzheitlicher Sicht! Die Akademie der Naturheilkunde bildet interessierte Menschen wie Sie in rund 16 Monaten zum ganzheitlichen Ernährungsberater aus. Kostenlose Infobroschüre bestellen.

Machen Sie sich zum Neujahrsstart selber ein Geschenk und werden Sie Experte für Ernährung und Gesundheit! Melden Sie sich bis zum 19.01.2020 bei der Akademie der Naturheilkunde an und erhalten Sie das Digital-Paket im Wert von 360 Euro gratis dazu.

Zum Spezialangebot >


Quellen

  • Fairris, G. M. et al., The effect of supplementation with selenium and vitamin E in psoriasis.Annals of Clinical Biochemistry, Januar 1998, (Die Wirkung von Selen und Vitamin E bei Psoriasis)
  • Kamangar, F. et al. Oral vitamin D, still a viable treatment option for psoriasis,August 2013, Journal of Dermatological Treatment, (Die Einnahme von Vitamin D, nach wie vor eine mögliche Therapie bei Psoriasis)
  • Maroon, J. C. et al., Omega-3 fatty acids (fish oil) as an anti-inflammatory: An alternative to nonsteroidal anti-inflammatory drugs for discogenic pain,April 2006, Surgical Neurology, (Omega-3-Fettsäuren (Fischöl) als Entzündungshemmer: Eine Alternative zu nichtsteroidalen entzündungshemmenden Arzneimitteln gegen diskogene Schmerzen)
  • Ricketts, J. R. et al., Nutrition and psoriasis, Dezember 2010,Clinical Dermatology, (Ernährung und Psoriasis)
  • Soleymani, T et al., The role of vitamin D in psoriasis: A review, April 2015, International Journal of Dermatology, (Die Rolle von Vitamin D bei Psoriasis: Eine Übersichtsarbeit)
  • National Psoriasis Foundation, Vitamins and supplements, (Vitamine und Nahrungsergänzungen)
  • May, Brandon. “What Vitamins Are Best for Psoriasis?”Medical News Today. MediLexicon, Intl., 12. Dezember 2016, (Welche Vitamine sind die besten bei Psoriasis)
  • Groeger, D. et al., Bifidobacterium infantis 35624 modulates host inflammatory processes beyond the gut,Gut Microbes, Juni 2013, (B. infantis moduliert entzündliche Prozesse des Wirts über den Darm hinaus)
  • Danilo C Finamor et al., A pilot study assessing the effect of prolonged administration of high daily doses of vitamin D on the clinical course of vitiligo and psoriasis, Januar 2013, Dermatoendocrinology, (Eine Pilotstudie zur Einschätzung der langfristigen Gabe hoher täglicher Dosen mit Vitamin D auf den klinischen Verlauf von Vitiligo und Psoriasis)
  • Wong AP et al., Efficacy of nutritional treatment in patients with psoriasis: A case report, September 2015, Experimental and Therapeutic Medicine, (Wirksamkeit einer Ernährungstherapie bei Patienten mit Psoriasis: ein Fallbericht)
  • Gl et al., Homocysteine, vitaminB12and folicacid levels in psoriasis patients, Dezember 2008, JEADV, (Homocystein-, Vitamin-B12- und Folsäure-Spiegel bei Psoriasispatienten)
  • Sagredos AN, Fettsuren-Zusammensetzung von Fischölkapseln, European Journal of Lipid Science and Technology, 1991
  • Kang D et al., Curcumin shows excellent therapeutic effect onpsoriasisin mouse model. Biochimie, April 2016, (Curcumin zeigt exzellente therapeutische Wirkung bei Psoriasis im Mausmodell)

Psorilax:Dove si può |crema idratante rilastil psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, quanto costa

1-30
su
41058
risultati

  • SORIGÉN - Shampoo per il trattamento della psoriasi dei capelli, eczema, desquamazione e prurito del cuoio capelluto, combatte l'eccesso di sebo - 250 ml

    SORIGÉN – Shampoo per …

    Trattamento per l'igiene dei capelli consigliato per capelli con cappuccio per psoriasi …

    Trattamento di igiene dei capelli raccomandato per capelli con psoriasi, eczema, prurito del cuoio capelluto e forfora secca. Particolarmente indicato per uomini e donne che soffrono di ridimensionamento, noto anche come …

    più

    dettagli

  • Cura e balsamo Wella Luxe Oil elixir cura dei capelli 100ml Donna unica

    Wella Care & Conditioner …

    Cura e balsamo Wella Luxe Oil elixir cura dei capelli 100ml Altro Di …

    Cura e balsamo Wella Luxe Olio elisir cura dei capelli 100 ml Altro Disponibile in taglia donna 232 Donna> Bellezza> Cura e balsamo.

    più

    dettagli



  • 64%

    Maschera per capelli con cocco e cheratina: 1

    Maschera per capelli con cocco …

    Questa maschera per capelli in cocco e cheratina ridona vita, morbidezza, idratazione …

    Questa maschera per capelli in cocco e cheratina ridona vita, morbidezza, idratazione, forza e densità ai capelli fragili

    più

    dettagli



  • 65%

    Maschera per capelli con cocco e cheratina: 2

    Maschera per capelli con cocco …

    Questa maschera per capelli in cocco e cheratina ridona vita, morbidezza, idratazione …

    Questa maschera per capelli in cocco e cheratina ridona vita, morbidezza, idratazione, forza e densità ai capelli fragili

    più

    dettagli



  • 52%

    Maschera per capelli Glamza 60 ml: x3

    Glamza maschera per capelli 60 ml …

    La maschera per capelli idradiante Gamza mira a ravvivare i tuoi capelli …

    La maschera per capelli idradiante Gamza mira a ravvivare i capelli secchi e danneggiati

    più

    dettagli

  • Wella Invigo Senso Shampoo Calm Sensitive Shampoo 1000 ml uomini Unico

    Wella Invigo Senso Shampoo …

    Wella Invigo Senso Shampoo Calm Sensitive Shampoo 1000 ml multicolor Disponibile …

    Shampoo Wella Invigo Senso Calm Sensitive Shampoo 1000 ml multicolor Disponibile in taglia uomo 232 Uomini> Bellezza> Shampoo.

    più

    dettagli

  • Shampoo per la difesa quotidiana - Shampoo idratante alla cheratina - 946 ml Donna unica

    Shampoo Difesa Quotidiani – Sh …

    Daily Defense Shampoos – Shampoo idratante alla cheratina – 946ml Altro disponibile …

    Shampoo per la difesa quotidiana – Shampoo idratante alla cheratina – 946 ml Altro Disponibile in misura da donna 232 Donne> Bellezza> Shampoo.

    più

    dettagli



  • 69%

    Maschera per capelli con cocco e cheratina: 3

    Maschera per capelli con cocco …

    Questa maschera per capelli in cocco e cheratina ridona vita, morbidezza, idratazione …

    Questa maschera per capelli in cocco e cheratina ridona vita, morbidezza, idratazione, forza e densità ai capelli fragili

    più

    dettagli



  • 48%

    Maschera per capelli Glamza 60 ml: x2

    Glamza maschera per capelli 60 ml …

    La maschera per capelli idradiante Gamza mira a ravvivare i tuoi capelli …

    La maschera per capelli idradiante Gamza mira a ravvivare i capelli secchi e danneggiati

    più

    dettagli

Prodotti per pagina

15

30

60

120

Trova e acquista tutti i tuoi prodotti online, fare shopping non è mai stato così facile! PrixLoinsCher ti dà la possibilità di confrontare i prezzi di una vasta gamma di articoli molto convenienti. Scegli dalla nostra vasta gamma di commercianti online certificati e leggi le recensioni degli acquirenti per trovare il prodotto più adatto alle tue esigenze e creare un'esperienza di acquisto unica.

Psorilax:Come sbarazzarsi di |la crema alla lumaca va bene per la psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, originale

la vitamina D cura la psoriasi
$ 15.000 – $ 20.000 all'anno

Guarda quasi tutti i canali televisivi / via cavo oggi e verrai bombardato da pubblicità di droghe che tutti dichiarano di fare la stessa cosa, riducendo le probabilità che tu abbia un'epidemia di psoriasi. Di cosa stiamo parlando? Che ne dici di $ 15.000 a $ 20.000 all'anno per “prodotti biologici” come –

  • Adalimumab (Humira)
  • Brodalumab (Siliq)
  • Etanercept (Enbrel)
  • Golimumab (Simponi)
  • Infliximab (Remicade)
  • Ixekizumab (Taltz)
  • Secukinumab (Cosentyx)
  • Ustekinumab (Stelara)

Oh sì, e potrebbero esserci alcuni effetti collaterali come –

  • Infezione
  • Riattivazione della tubercolosi o di un'altra infezione dormiente, come l'epatite B o C
  • Cancro, come linfoma o cancro della pelle
  • Malattie neurologiche
  • Reazioni autoimmuni, come il lupus o la vasculite

E se ti dicessi che esiste un trattamento che costa forse meno di $ 50 all'anno? Un trattamento che cura completamente la psoriasi, praticamente senza effetti collaterali se stai solo minimamente attento al suo utilizzo? Sì, ancora una volta, la terapia con alte dosi di vitamina D3 e K2.

Sunburn Aiuta la vitamina D

Prima di continuare, vorrei condividere con te una testimonianza di un medico che ha provato per anni tutti i farmaci per la psoriasi senza alcun beneficio. Ecco la sua storia:

Una recensione del Dr. Donn Carroll

58 di 62 persone hanno ritenuto utili le seguenti opinioni

5.0 su 5 stelle Cured My Incurable Psoriasis con 50.000 / giorno in 2 mesi !! 12 giugno 2012

Di Don Carroll

Questo è il libro più utile del secolo. Jeff è un geniale pensatore pronto a inventare questo. Fa ricerche su migliaia di studi su D3 per scoprire i grandi benefici con effetti collaterali quasi nulli. Quindi si usa come esperimento per trovare il giusto dosaggio. Gli studi mostrano che quasi ogni malattia viene eliminata con D3 a grandi dosi perché è un ormone prodotto naturalmente nel corpo dal sole.

Ho appena ottenuto i risultati del mio laboratorio usando 50.000 unità di D-3 con vitamina K-2 MenaQ7 (manutenzione metabolica) ogni giorno per 2 mesi. Il mio test ha mostrato 150 ng / mL, questo è nella gamma alta di ciò che la maggior parte delle autorità afferma che dovrebbe essere, ma odio ridurlo. Solo quattro mesi fa ho avuto la peggior psoriasi che tu possa immaginare di coprire il mio corpo. Nessuno dei farmaci ha aiutato. Potevo solo dormire sul mio stomaco, mi sentivo come Giobbe dalla Bibbia. La mia ricerca non ha trovato quasi nulla che potesse aiutarlo.

Ho iniziato con una dieta vegana per lo più cruda, senza glutine con super alimenti e super erbe e senza zucchero e alcune verdure coltivate. Ho quindi iniziato a prendere la D-3. Ora mi sento così bene e ho avuto così tanti buoni risultati oltre alla scomparsa della psoriasi. Dormo come un bambino, le mie cisti gangliari stanno scomparendo, il mio pollice precedentemente ferito si sta rimodellando, la mia pelle non è così secca, la mia prostata è guarita, la gamba irrequieta è andata via e potrei continuare all'infinito. Mi sento totalmente in cima al mondo. Se hai un disturbo soprattutto incurabile, leggi questo libro.

Che cos'è la psoriasi?

psoriasi - Vitamina D

Presumibilmente è incurabile (il tipo di malattia preferito dalla comunità medica).

La psoriasi è una condizione autoimmune cronica che si sviluppa quando il processo di produzione della pelle del corpo accelera. Ciò si traduce in un rapido aumento delle cellule della pelle. In genere, la produzione di cellule della pelle richiede settimane, ma nelle persone con psoriasi ci vogliono solo giorni. Queste cellule extra si accumulano quindi sulla superficie della pelle formando squame pruriginose e chiazze rosse.

tipi

La psoriasi ha diversi tipi:

  • La psoriasi pustolosa – comune negli adulti, localizzata in piccole aree del corpo (piedi, mani, punta delle dita), può anche essere diffusa.
  • Psoriasi guttata – comune durante l'infanzia, colpisce il cuoio capelluto, il busto e le estremità (braccia, gambe).
  • Psoriasi a placche – il tipo più comune, che si trova nei gomiti, nelle ginocchia e nei tessuti molli all'interno della bocca.
  • Psoriasi inversa: si sviluppa all'inguine, sotto le ascelle e il seno e nelle pieghe della pelle dei genitali.
  • Psoriasi eritrodermica – molto rara, colpisce gran parte del corpo.

Causa

Decenni di ricerca hanno attribuito i seguenti due fattori chiave alla causa della psoriasi:

Genetica

  • Le persone ereditano geni che li rendono più propensi a sviluppare la condizione della pelle. Avere un membro della famiglia con la psoriasi aumenta il rischio di svilupparlo. Tuttavia, non tutti coloro che ereditano i geni svilupperanno la psoriasi.

Sistema immunitario

  • La psoriasi è classificata come una condizione autoimmune. Le malattie autoimmuni si verificano quando il corpo attacca se stesso. I globuli bianchi del corpo, chiamati cellule T, attaccano le cellule della pelle per errore causando un eccesso di produzione della pelle.

Opzioni di trattamento:

Trattamento topico

  • Ci sono unguenti e creme che possono essere applicati sulla pelle per aiutare a ridurre la psoriasi da lieve a moderata.

Farmaci sistemici

  • Farmaci orali o iniettati possono essere somministrati a persone con psoriasi da moderata a grave. Poiché possono verificarsi effetti collaterali, questi farmaci sono generalmente prescritti per una breve durata.

Esposizione alla luce

  • Lo storico trattamento di scelta, la fototerapia sotto forma di luce solare è stata a lungo utilizzata per la psoriasi. Le lunghezze d'onda di 311–313 nanometri sono le più efficaci e per questa applicazione sono state sviluppate lampade speciali. Il tempo di esposizione deve essere controllato per evitare sovraesposizione e bruciore della pelle. Le lampade UVB dovrebbero avere un timer che spegnerà la lampada allo scadere del tempo. La quantità di luce utilizzata è determinata dal tipo di pelle di una persona. L'aumento dei tassi di cancro dal trattamento sembra essere piccolo. È stato dimostrato che la fototerapia con luce UVB a banda stretta (NBUVB) ha un'efficacia simile a PUVA.
  • Cosa fa l'esposizione alla luce UVB? Fa sì che la tua pelle produca vitamina D3 attivata! Quindi perché non provare la terapia con alte dosi di vitamina D3 per curare la psoriasi piuttosto che tutti questi farmaci pericolosi e con un prezzo ridicolo? Perché non c'è profitto in esso! I dermatologi pensano che se brilli la luce UV sulle aree colpite in qualche modo diminuisce il sintomo della psoriasi. Ma prevedo che se lo fai brillare sulla pelle non affetta otterrai lo stesso effetto, perché? Perché in entrambi i casi, sta causando un aumento della quantità di vitamina D3 nel proprio sistema.

Costo

Il costo annuale per il trattamento della psoriasi negli Stati Uniti è stimato a 32,5 miliardi di dollari, di cui 12,2 miliardi di costi diretti. I costi della farmacia sono la principale fonte di spesa diretta, con la terapia biologica la più diffusa. Questi costi aumentano significativamente quando vengono prese in considerazione condizioni di comorbilità come malattie cardiache, ipertensione, diabete, malattie polmonari e disturbi psichiatrici. Le spese legate alle comorbilità sono stimate a ulteriori $ 23.000 per paziente all'anno.

Altri fatti interessanti

Circa 7,4 milioni di adulti o circa il 3% della popolazione adulta negli Stati Uniti hanno la psoriasi. Questa è un'industria enorme, che genera molti profitti per Big Pharma e i loro venditori MD che spingono le pillole.

Inoltre, l'incidenza della malattia di Crohn e della colite ulcerosa, due tipi di malattia infiammatoria intestinale, è da 3,8 a 7,5 volte maggiore nei pazienti con psoriasi rispetto alla popolazione generale. La prevalenza della depressione nei pazienti con psoriasi può raggiungere il 50 percento.

Questi fatti di Crohn, della colite ulcerosa e della depressione sono molto più alti nei pazienti con psoriasi che nei controlli sono importanti, perché? Perché, come ho indicato negli altri miei articoli e nel mio libro, e confermato dagli utenti D3, possono essere tutti eliminati con la terapia con vitamina D3 ad alte dosi !!

Va bene, abbastanza di questo; vediamo cosa hanno da dire alcuni altri malati di psoriasi dopo aver preso la terapia D3 / K2 ad alte dosi. Abbiamo solo bisogno di consultare il motore di ricerca per case study sulla vitamina D3 ad alte dosi e digitare il termine di ricerca “psoriasi”.

Il link per il motore di ricerca è >>

https://taked3.com/can-high-dose-vitamin-d3-cure-your-disease/

5,0 su 5 stelle Miraculous is Right !!!

Di B. Taylor il 29 giugno 2014

Formato: Edizione Kindle|Acquisto verificato

Ho ordinato questo libro su kindle dopo aver letto una recensione su come è incurabile il recensore psoriasi è stato guarito. Ho sofferto di guttate psoriasi da oltre 30 anni. Ero un po 'scettico. Sono stato da molti dermatologi e ho provato quasi tutto quello che avevano da offrire, ma mi sono rifiutato di seguire la via del soppressore immunitario biologico. Ho provato tutti i tipi di vitamine, erbe e rimedi casalinghi. Alcuni hanno aiutato un po ', ma nulla l'ha mai messo in totale remissione. Prendo la vitamina D3 da anni, per via orale, topica e abbronzante. Uno dei miei medici ha controllato i miei livelli ematici una volta e ha commentato quanto fosse alto. Quindi non pensavo davvero che le informazioni di questo libro avrebbero fatto la differenza. Ragazzo ho sbagliato !! Ho aumentato la mia dose di D3 a 20.000 UI al giorno e ho iniziato a prendere vitamina k2 (di cui non avevo mai sentito parlare). Entro quattro giorni ci fu un grande miglioramento. (Ho delle foto se qualcuno vuole vederle). Entro sei settimane … totalmente al 100% !!!

Ho anche notato alcuni altri miglioramenti. I miei occhi non sono più perpetuamente iniettati di sangue, il mio viso sembra più giovane, le linee del sorriso non sono così profonde, la mia pelle è più morbida, e un paio di vecchi brufoli che si sono induriti e sono diventati una caratteristica permanente sul mio viso si stanno ammorbidendo e si spera che scompaiano per sempre.

Sento alcuni dolori e dolori in alcune delle mie articolazioni precedentemente ferite e guarite, quindi spero che sia il processo di rimodellamento di cui Jeff parla. Una cosa grande che ho notato, che sorprendentemente, Jeff non ha nemmeno menzionato è che o le zanzare non mi mordono più, o il mio corpo non reagisce più con il gonfiore e il prurito. Atterrano ancora su di me, ma non ho ancora avuto segni di essere morso quest'anno! Ed ero una calamita per zanzare !!

A proposito del libro, ho adorato lo stile di scrittura di Jeff. È come leggere un'email da un amico con grandi notizie. Puoi solo percepire la sua eccitazione! È decisamente contagioso! Adoro il fatto che salti da un punto all'altro in quanto ti fa decisamente venire voglia di leggere l'intero libro. Altrimenti, probabilmente avrei letto solo i capitoli chiave. L'unico aspetto negativo è che quando vuoi tornare a rileggere qualcosa, può essere difficile da trovare. Questo è particolarmente vero per me da quando ho accidentalmente investito il mio kindle con il mio autobus e devo ricorrere a leggerlo sulla mia app per iPhone. Ne prenderò un altro un giorno.

Ma comunque, questo libro è fantastico e in anticipo sui tempi. Mio figlio è uno studente di medicina del terzo anno e non ha imparato quasi nulla su vitamine e trattamenti naturali. Quindi, se stai cercando un incoraggiamento dal tuo medico, probabilmente non lo otterrai. I medici apprendono gli studi finanziati dalle compagnie farmaceutiche. Non troveranno uno studio su un trattamento da cui non possono fare soldi. Gli studenti di medicina a volte fanno i loro studi e pubblicano i loro risultati, ma è probabile che non farà notizia.

Grazie Jeff Bowles per averlo scritto e reso così conveniente! Non riesco ancora a crederci psoriasi è andato!!! Sìì!!!

Mi è piaciuto molto questo libro

Di Ern il 30 novembre 2014

Formato: Edizione Kindle|Acquisto verificato

Mi è piaciuto molto questo libro e sono molto contento di averlo acquistato. Penso che il signor Bowles abbia fatto molti sforzi e ricerche per ottenere queste informazioni. Dà la sua testimonianza e fornisce anche altre testimonianze. Oltre a conoscere la vitamina D3, ho anche imparato molto sulla vitamina K2 e su quanto sia utile prenderli insieme. Da quando seguo la filosofia del libro per soli quattro giorni, noto che le mie caviglie sono tornate alle loro dimensioni normali più piccole. Un membro della famiglia ha il diabete di tipo 1; Mi chiedo se qualcuno con questa condizione sia migliorato con l'integrazione di D3 e K2. Ho sempre pensato che le terapie naturali fossero desiderabili, poiché di solito hanno effetti collaterali scarsi o assenti. Grazie per l'ottimo libro, Jeff. Attendo con ansia ulteriori ricerche e nuovi sviluppi! Che Dio ti benedica.

steven j schulman 2 anni fa In risposta a un post precedente

Lo scrittore ha uno stile insolito, ma le informazioni impartite sono molto facili da capire oltre che estremamente preziose. Gettare casualmente le tue irresponsabili accuse è di cattivo gusto. Ho preso 10.000 UI di D3 al giorno per diversi anni. Dopo aver letto il libro, l'ho aumentato a 30.000 UI al giorno. Nelle ultime due settimane ho preso 40.000 UI al giorno. Per molti anni ho avuto un piccolo quarto di dimensione psoriasi eruzione cutanea circa due pollici sotto il mio gomito sinistro. Dopo aver assunto queste dosi più elevate di D3 per oltre un mese, è quasi del tutto scomparso. Posso assicurarti che questo non è un falso.

informazione eccellente

Di Aquari63 l'8 gennaio 2015

Formato: Edizione Kindle

Avevo letto molte informazioni su Internet riguardo a D3, questo è il secondo libro che ho comprato sull'argomento. Mio marito era afflitto psoriasi da quando aveva 20 anni (ora ha 44 anni). Ho iniziato a somministrargli D3 solo 10.000 UI al giorno e in pochi mesi la sua pelle si stava schiarendo. Ho aumentato il dosaggio a 15.000 UI al giorno e in un altro mese suo psoriasi cancellato quasi completamente. Ha ancora 2 punti sulla schiena e dopo aver letto questo libro mi sento più fiducioso di aumentare la D3 a 30.000 UI dal momento che è un grande uomo. Quello che ho imparato da questo libro era sulla vitamina K, che comprerò per aggiungere con il dosaggio D3, non sapevo di aggiungere questa vitamina fino a quando non ho letto questo libro.

Condizioni della pelle di 10 anni guarite

Da parte del Cliente Amazon il 22 ottobre 2016

Formato: Edizione Kindle

Questo libro è uno dei tanti esempi di cui ABBIAMO BISOGNO di oltre 400 UI di vitamina D. Fornisce un po 'di storia su come siamo entrati in questo casino di pensare che un po' andasse bene. Impariamo anche a megadose in sicurezza. La mia dermatite seborroica, dermatite cerebrale, eczema, psoriasi se ne andò quando trascorsi un mese nel deserto allenandomi con la mia unità, a malapena facendo il bagno, il che non aveva senso per me fino a quando non ho letto questo. Mi sono ammaliato e ho avuto un sacco di sole estivo ed è andato via. Abbiamo esaurito il K2, quindi ho smesso di usarlo, anche la D, ma a malapena è tornata. È ereditario, ma si è presentato solo quando ho iniziato a crescere e ho smesso di giocare fuori al sole. So che una volta cambiato la mia dieta in uno stile Markus Rothkranz E continuo a usare la vitamina D di almeno 20.000 UI. o superiore rimarrà. Una persona nel libro ha impiegato 2 mesi per sbarazzarsi delle proprie condizioni. Ho fatto il megadose a partire da 10 o 20.000 aggiungendo 10.000 ogni giorno fino a quando non ho raggiunto i 100.000, che è dove ho alloggiato fino a quando non abbiamo finito il K2. La mia condizione era scomparsa in circa 2 settimane. Non tutti potrebbero essere in grado di andare più velocemente di me. Ho fatto molte pulizie profonde del mio corpo e sono vegetariano. Qualcuno potrebbe avere la sindrome di herx, ma forse no, è solo la vitamina D. Non uccidere te stesso con un trattamento, ma non aver paura di fare cose del genere. Fai delle ricerche in modo da non aver paura. Questo libro è un'aggiunta importante alle cose che uso per mantenere in salute mia moglie, i miei amici e i miei genitori. Lasciami aggiungere che puoi mangiare merda totale e questo ti aiuterà ancora. Ho mangiato un sacco di cibo spazzatura come anelli di frutta e patatine fritte. Continuo a malapena a sfaldarmi, anche se non ho preso la D o la K2 da circa un mese. Qualsiasi domanda darthfrobi3@sbcglobal.net è la mia e-mail personale.

psoriasi - Vitamina D

Conclusione

Quindi è tutto … è ora che le persone inizino a prendere il controllo della propria salute e vedere la truffa di Big Pharma per quello che è. È tempo che i medici inizino a dire di no ai viaggi gratuiti, alle cene, ai vini costosi e a tutti i vantaggi offerti dai venditori di farmaci di Big Pharma. Ora è il momento per i medici di iniziare a fare ciò che è giusto per i loro pazienti e iniziare i propri studi clinici per curare la psoriasi in modo economico e sicuro con vitamina D3 / K2 ad alte dosi.

E infine, se hai intenzione di eseguire il tuo esperimento di dose elevata di vitamina D3 / vitamina K2 per curare la tua psoriasi o altre condizioni. Potresti prendere in considerazione l'acquisto di vitamine / ormoni in polvere sfusi anziché di pillole date le alte dosi coinvolte e l'alto costo delle pillole. Ad esempio, la vitamina K2 può costare $ 6.500 al grammo se acquisti le pillole del Dr. Mercola, 30 volte il costo dell'oro !! Se acquisti polvere K2 sfusa pura puoi ottenerla per soli $ 15 al grammo. Non è solo BigPharma che ci sta derubando! Scopri di più da questo articolo >>>>

Come risparmiare il 90% + su vitamine, ormoni: ACQUISTA Bulk in polvere-Vit K2 può costare 30 volte più dell'oro!

Psorilax:Migliore online |crema toleriane per psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, ingredienti

La psoriasi è una malattia cronica della pelle caratterizzata da prurito, chiazze rosse squamose di pelle su varie parti del corpo.

Più di 7,5 milioni di persone negli Stati Uniti da sole hanno la psoriasi.

La causa alla base della malattia è un disturbo del sistema immunitario in cui le cellule della pelle crescono rapidamente e salgono in superficie.

Generalmente, negli esseri umani normali, questo processo dura circa un mese, ma nella psoriasi può verificarsi in un giorno che porta all'accumulo di cellule morte in superficie.

Questi cambiamenti si verificano a causa del processo infiammatorio e delle risposte inadeguate da parte delle cellule immunitarie.

Infezione, lesioni alla pelle, stress, farmaci, freddo, ecc. Possono peggiorare la condizione.

A seconda dell'aspetto, ci sono 5 tipi di psoriasi: inversa, placca, guttata, eritrodermica e pustolosa. Il più comune è la placca o la psoriasi vulgaris.

Sembra macchie di pelle bianca o rossa argentata che è squamosa e spessa al tatto. Si verifica principalmente su gomiti, ginocchia, cuoio capelluto e parte bassa della schiena.

Le cause della psoriasi sono ancora allo studio perché è molto complessa.

Tuttavia, anche il contatto intimo non può trasmettere la psoriasi.

Non esiste un gruppo particolare che sia più vulnerabile alla psoriasi contratta. Sia uomini che donne di tutte le età possono capirlo con la storia familiare come una causa.

Il trattamento generale include un'applicazione di creme steroide, trattamento UV e agenti immunosoppressori.

Non esitate a usare il Sommario di seguito per passare alla sezione pertinente nell'articolo.

Come può la curcuma aiutare nella psoriasi

La curcumina può rivelarsi utile nella psoriasi perché riduce l'infiammazione e monitora le interazioni cellulari per alleviare i marker della malattia. La curcumina rinforza le difese delle cellule della pelle e blocca gli agenti nocivi. La curcumina e la delfinidina possono prevenire interazioni genetiche che portano alla psoriasi. Aumenta gli effetti della fototerapia sulla psoriasi a placche rendendola così un utile complemento terapeutico.

La curcumina ha un esclusivo sistema multi-targeting che aiuta a monitorare molti diversi tipi di attività cellulari. I nutrienti presenti in esso hanno la capacità di controllare il tasso di divisione cellulare e riparare il danno cellulare.

Esaminiamo alcune proprietà farmacologiche che rendono la curcuma un potenziale agente anti-psoriasico.

Come la curcuma aiuta nella psoriasi

1. La curcumina è benefica per la pelle

La ricerca ha dimostrato che la curcumina può essere utilizzata efficacemente nel trattamento e nella prevenzione di malattie della pelle come vitiligine, sclerodermia, melanoma, ecc.

Pochi modi in cui la curcumina serve per essere terapeutico sono:

  • Protegge la pelle eliminando le specie reattive ossidanti.
  • Controlla l'infiammazione inibendo il fattore nucleare kappa B, un gruppo di proteine ​​che regolano l'infiammazione nel corpo.
  • Accelera la guarigione delle ferite e ha un potenziale di rigenerazione della pelle.
  • Influenza gli enzimi di disintossicazione che proteggono dallo stress ossidativo.
  • È usato per trattare i pruriti della pelle come la scabbia.

Cosa significa questo? La curcumina ha il potenziale di trattare molti disturbi della pelle come la psoriasi, la vitiligine, il cancro della pelle ecc. Ed è considerata un potenziale farmaco nel campo della dermatologia.

2. Ha proprietà anti-infiammatorie

L'infiammazione si verifica quando il corpo tenta di curare le sue cellule danneggiate. È uno dei principali responsabili del rossore e del gonfiore della pelle in caso di psoriasi. L'azione antinfiammatoria della curcumina è utile in tali condizioni.

I ricercatori hanno condotto ampi studi basati su modelli animali sulla curcumina per concludere i suoi potenti effetti antinfiammatori.

L'evidenza di tali capacità è stata fornita attraverso lo studio Biochemie, che ha dimostrato che la curcumina ha bloccato gli effetti di numerosi marker pro-infiammatori del 50%.

I marcatori chiave che ha bloccato sono stati l'interleuchina-1 beta e IL-6, come si è visto in un'infiammazione simile a quella della psoriasi.

La curcumina è il principale costituente della curcuma che presenta proprietà antinfiammatorie. Anche gli estratti di curcuma senza curcuma possiedono questa proprietà.

La curcuma manipola varie vie biochimiche e proteine ​​coinvolte nell'infiammazione per controllarla.

Il fattore alfa necrosi tumorale e l'interleuchina sono importanti proteine ​​coinvolte nell'infiammazione e nella diffusione della psoriasi.

La curcumina inibisce efficacemente l'attività di queste proteine ​​in modo tale da inibire l'attivazione di altri percorsi biochimici che potrebbero portare alla progressione della malattia.

I ricercatori concludono che questa proprietà della curcumina potrebbe essere utile nel trattamento della psoriasi.

Vengono prescritti farmaci specifici per bloccare l'attività del fattore di necrosi tumorale al fine di trattare una condizione infiammatoria come la psoriasi.

La ricerca suggerisce che la curcumina può essere un'alternativa economica e sicura a questi farmaci.

Cosa significa questo? La psoriasi è caratterizzata da infiammazione e la curcumina ha dimostrato di controllare tale reazione.

3. Ha proprietà antiossidanti

Studi sull'uomo indicano che le difese antiossidanti sono basse nei pazienti con psoriasi. Si osserva una diminuzione degli enzimi antiossidanti e un aumento delle specie reattive dell'ossigeno.

La natura antiossidante della curcuma è più forte della vitamina E e C. La curcumina è un antiossidante non tossico. Gli estratti di curcuma mostrano anche una significativa attività antiossidante.

La curcuma esercita la sua attività antiossidante distruggendo le specie reattive dannose, aumentando i livelli di enzima antiossidante e riducendo lo stress ossidativo (squilibrio tra agenti proossidanti e antiossidanti).

Cosa significa questo? La curcuma può ripristinare lo stato antiossidante alterato nei pazienti con psoriasi.

4. È un agente antimicrobico

Gli individui che soffrono di psoriasi sono altamente sensibili allo sviluppo di infezioni che possono peggiorare la condizione. La curcuma è un agente antimicrobico naturale.

La curcumina ha proprietà antibatteriche, antimicotiche e antivirali.

Gli estratti di curcuma hanno attività parassiticida.

L'ar-tumerone, un composto ottenuto dall'olio di curcuma, ha dimostrato di avere un'attività antimicotica più forte del ketoconazolo, un farmaco standard prescritto per trattare le infezioni fungine.

Cosa significa questo? L'olio di curcuma e la curcumina possono ridurre il rischio di sviluppare infezioni della pelle.

5. La curcumina aiuta a combattere le malattie autoimmuni

La psoriasi è una malattia autoinfiammatoria. Si verifica a seguito di risposte inadeguate dal sistema immunitario.

La curcumina ha effetti terapeutici in caso di malattie autoimmuni.

La curcumina ha proprietà immunomodulanti: può controllare le risposte immunitarie inadeguate e migliorare la condizione.

Le cellule T sono le principali cellule immunitarie coinvolte nella proliferazione della psoriasi. Queste cellule secernono proteine ​​che stimolano la produzione anomala delle cellule della pelle.

Gli immunosoppressori o gli steroidi sono prescritti come prima linea di trattamento per la psoriasi.

La curcuma, in particolare la curcumina, è un'ottima alternativa agli steroidi.

Leggi qui: Perché la curcuma batte molte mani sui farmaci steroidei

La curcumina dimostra attività di soppressione immunitaria sopprimendo specificamente l'attività delle cellule T e questo lo rende un farmaco valido per l'immunoterapia.

In effetti, la curcuma può anche proteggere da effetti collaterali come danni al fegato causati da immunosoppressori.

Cosa significa questo? La curcumina può influenzare le risposte immunitarie inadeguate che si verificano nella psoriasi.

6. La curcumina può regolare lo sviluppo della psoriasi a livello genetico

La principale causa genetica della psoriasi è la cancellazione dei geni LCE3B e LCE3C. Questi geni sono responsabili della regolazione delle proteine ​​strutturali. Se non monitorato, questo porta a cellule di cheratina indifferenziate.

Un articolo pubblicato nell'Archivio di ricerca dermatologica nel 2013 ha testato quali benefici si potrebbero ottenere attraverso l'uso della curcumina e di un altro derivato vegetale, la delfinidina (un pigmento vegetale antiossidante che impartisce colori blu ai fiori viola e delfinio) per correggere questo difetto genetico.

Potrebbero sovraregolare l'espressione dei geni LCE. Ciò ha comportato livelli più elevati delle proteine ​​richieste e quindi evitato l'insorgenza delle malattie.

Cosa significa questo?
Attraverso la sovraregolazione dei geni LCE e dei livelli proteici, la curcumina e la delfinidina possono prevenire interazioni genetiche che portano alla psoriasi.

7. La curcumina può migliorare gli effetti della fototerapia

Come accennato in precedenza, la terapia della luce viene spesso utilizzata per curare le lesioni psoriasiche. La psoriasi a placche è la forma più comune della malattia. È accoppiato con la pelle infiammata rossa.

Nello studio clinico di fase 4, ai pazienti affetti da psoriasi a placche è stata somministrata la curcumina insieme alla fototerapia.

Effetti positivi sono stati osservati nella maggior parte dei 21 candidati trattati.

Circa l'80% ha mostrato una riduzione delle lesioni cutanee e tutte le placche moderate e gravi sono state eliminate tramite il trattamento.

Inoltre, dallo studio non sono stati segnalati effetti collaterali dannosi.

Cosa significa questo?
Come visto da uno studio clinico di fase 4, la curcumina aumenta gli effetti della fototerapia sulla psoriasi a placche rendendola così un utile supplemento terapeutico.

8. Le terapie mirate a base di curcumina hanno un futuro luminoso nel trattamento della psoriasi

Nonostante le sue eccellenti proprietà curative e protettive, un comune ostacolo all'applicazione della curcumina come agente farmacologico è la sua bassa biodisponibilità.

Le terapie mirate offrono una soluzione per superare questo ostacolo in quanto forniscono il composto in un modo specifico per il sito.

Nel 2015, Esposito E e colleghi hanno creato quattro curcumina contenenti dispersioni lipidiche Nano (NLD 1, 2, 3 e 4). Una serie di test ha dimostrato che queste strutture potrebbero inibire la proliferazione e la migrazione cellulare.

Questo fenomeno mostra il potenziale per il trattamento di malattie iperproliferative come la psoriasi.

Cosa significa questo?
Gli scienziati di tutto il mondo stanno tentando di creare nuove terapie basate sulla curcumina per curare l'iperproliferazione. Ciò indica una prospettiva positiva per la terapia della psoriasi.

Che cosa ha da dire la ricerca sulla curcuma come rimedio per la psoriasi?

Modi in cui la curcuma può essere utilizzata per la psoriasi

Sulla base dell'esperienza degli utenti e anche degli studi condotti qui ci sono alcuni modi in cui la curcuma può essere utilizzata per la psoriasi:

  • Può essere incluso nella dieta quotidiana. Questo è uno dei modi migliori per ottenere benefici dalla curcuma. Ecco qui alcune fantastiche ricette per darti alcune idee
  • La pasta d'oro è un altro ottimo modo per prendere la curcuma. Ha già grassi e pepe nero per aiutare nel suo assorbimento. Ricetta qui>
  • Prepara una pasta di polvere di curcuma e acqua e applica sulle lesioni della psoriasi
  • Latte di curcuma – Prepara una bevanda a base di polvere di curcuma e latte caldo. Ricetta qui>

Qualsiasi polvere di curcuma di buona qualità può essere utilizzata. se sei confuso su quale acquistare, ecco un nostro elenco marche di curcuma consigliate>

Evita i supplementi di curcuma in caso di gravidanza e allattamento, prima dell'intervento o in caso di problemi alla cistifellea.

Inoltre, evitalo se stai assumendo farmaci per ridurre la glicemia. Dai un colpo alla curcuma quando si tratta di psoriasi e facci sapere la tua esperienza.

Dosaggio di curcumina di curcuma

Non è stato prescritto un dosaggio specifico di curcuma / curcumina per il trattamento della psoriasi.

La maggior parte degli studi di ricerca utilizza una dose di 500-1000 mg di curcumina al giorno. È meglio consultare un medico per il dosaggio e la formulazione appropriati della curcumina.

Gli integratori di curcumina più comunemente usati sono l'estratto di curcumina standardizzato al 95% con Bioperina.

La curcumina richiede piperina o grassi per l'assorbimento. (Leggi: Come migliorare la biodisponibilità della curcumina?)

Tuttavia, puoi passare attraverso altre formulazioni di integratori di curcumina qui che aiutano ad aumentare la biodisponibilità della curcumina. (Leggi: I migliori marchi di integratori di curcumina oggi)

Iniziare sempre con un dosaggio basso e aumentare gradualmente nel corso delle settimane. Gli integratori di curcumina sono meglio assumere dopo i pasti ed evitare di prenderli contemporaneamente a qualsiasi altro farmaco. Mantenere un intervallo di 3-4 ore.

Precauzioni

La curcuma nella dieta è sicura e la maggior parte degli studi ha dimostrato che la curcumina, anche ad alti dosaggi, è sicura. Tuttavia, è necessario prendere alcune precauzioni

Leggi: Possibili effetti collaterali e precauzioni con la curcumina

Escludere eventuali allergie con curcuma e curcuma.

Evitare di assumere integratori di curcumina a stomaco vuoto in quanto possono innescare reflusso acido in soggetti sensibili.

Il disagio gastrico è possibile con l'introduzione improvvisa di curcumina, specialmente ad alte dosi.

Inizia con piccoli dosaggi e aumenta gradualmente nel corso delle settimane ai dosaggi raccomandati per ridurre al minimo gli effetti collaterali gastrici. In caso di gravi effetti collaterali gastrici, interrompere l'uso della curcumina.

La curcumina interferisce con il metabolismo dei farmaci.

Pertanto si consiglia di evitare l'assunzione di integratori di curcumina contemporaneamente all'assunzione di altri medicinali. Mantenere un intervallo di 3-4 ore. Inoltre, consultare un medico in merito a questo per evitare eventuali interazioni farmacologiche.

La curcumina ha attività di fluidificazione del sangue. Se si assumono fluidificanti del sangue o affetti da un disturbo emorragico / di coagulazione, in questo caso è consigliabile evitare integratori di curcumina.

Leggi: La curcuma è un fluidificante del sangue?

Consultare un medico in merito a questo.

Interrompere i supplementi di curcumina 2 settimane prima delle procedure chirurgiche per evitare il rischio di sanguinamento.
In caso di calcoli biliari o ostruzioni del dotto biliare, evitare gli integratori di curcumina.

Leggi: la curcuma è sicura nei calcoli biliari?

Evita i supplementi di curcuma durante la gravidanza e l'allattamento.

Assicurati di optare per integratori di curcumina di buona qualità che siano privi di tossicità, contaminazione da metalli pesanti, riempitivi o additivi.

È meglio assumere integratori di curcumina con Bioperina o altri agenti che ne aumentano la biodisponibilità.

Consultare un medico prima di assumere integratori di curcumina.

Sommario

La psoriasi è una malattia governata da fattori genetici e risposte immunitarie, quindi non esiste una cura per essa, ma un trattamento sintomatico e regolare può migliorare la condizione.

La ricerca sostiene l'idea di utilizzare la curcuma e, soprattutto, la curcumina come trattamento per la psoriasi.

Per iniziare, puoi includere la curcuma nella tua dieta. Puoi anche assumere integratori di curcumina o applicare pasta di curcuma localmente sulla zona interessata.

Psorilax:Eliminare |che crema usare per la psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, quanto costa

Ultimo aggiornamento il

La psoriasi del cuoio capelluto è pruriginosa e scomoda. Anche se non è contagioso, è sgradevole. Inoltre, può portare alla caduta dei capelli da graffi e infezioni secondarie. Pertanto, è importante utilizzare uno dei migliori shampoo e trattamenti per la psoriasi per tenerlo sotto controllo.

Molti rimedi da banco per la psoriasi includono catrame di carbone o acido salicilico. In effetti, lo shampoo due volte alla settimana con uno shampoo per la psoriasi può tenere a bada la condizione. Potresti anche scoprire che la terapia laser o della luce a basso livello aiuta a gestire anche la psoriasi.

In che modo aiuta l'acido salicilico?

L'acido salicilico è un cheratolitico che accelera lo spargimento della pelle. Ammorbidisce e rimuove le squame che si forma la psoriasi. È anche un trattamento comune per la pelle incline all'acne perché aiuta a sbloccare i pori. Ma fai attenzione perché l'uso quotidiano di acido salicilico sul cuoio capelluto può indebolire i capelli.

In che modo aiuta il catrame di carbone?

Il catrame di carbone rallenta la crescita eccessivamente rapida delle cellule della pelle causata dalla psoriasi. Riduce anche l'infiammazione e il prurito.

Se vivi in ​​California, potresti aver visto avvisi di cancro su prodotti contenenti catrame di carbone. In realtà, sembra che dovresti esporti a dosi elevate regolari per aumentare il rischio. Lo shampoo un paio di volte a settimana non dovrebbe essere un problema secondo la FDA.

Cos'altro aiuta a ridurre la psoriasi sul cuoio capelluto?

Non dimenticare il balsamo dopo lo shampoo. Usa prodotti per la cura della pelle e dei capelli senza profumi artificiali.

I migliori shampoo per la psoriasi

Ecco una selezione dei migliori shampoo per gestire la psoriasi e ridurre il prurito e la desquamazione.

Neutrogena TGel Shampoo terapeutico Formula originale

Uno dei prodotti di riferimento per le persone con psoriasi è lo shampoo T-Gel di Neutrogena. Contiene estratto di catrame di carbone che blocca la forfora traballante e lenisce il prurito dopo un solo lavaggio. Ovviamente, dovrai continuare a usarlo una o due volte a settimana per tenere sotto controllo i sintomi. Ma puoi alternare con il prossimo prodotto qui sotto.

Neutrogena T / Sal Shampoo terapeutico

Lo shampoo T-Sal di Neutrogena rimuove i fiocchi in eccesso e mantiene pulito il cuoio capelluto. Contiene acido salicilico al 3% che rimuove le squame, riducendo così il prurito. Inoltre, la formula è priva di conservanti, profumi e coloranti.

Sebex Shampoo antiforfora generico per Sebulex

Sebex aumenta la posta con acido salicilico al 2% più zolfo al 2%. Lo zolfo aiuta anche a eliminare la pelle morta in eccesso e combatte anche i batteri. Insieme, questi due ingredienti riducono desquamazione e prurito.

Shampoo DHS SAL

Lo shampoo SAL (acido salicilico) di DHS elimina l'accumulo croccante e riduce le screpolature durante il giorno dopo la doccia. È spesso raccomandato dai medici come soluzione efficace per la psoriasi e altre condizioni della pelle come la dermatite seborroica.

MG217 Shampoo formula di catrame di carbone condizionato al 3% con trattamento psoriasi

Per chi ha fretta, prova lo shampoo condizionante medicato MG217. Contiene catrame di carbone al 3% per eliminare l'accumulo di cuoio capelluto e fermare l'irritazione. È una scelta intelligente per la psoriasi grave, inoltre ha un profumo gradevole.

DHS Tar Gel Shampoo Profumato

Lo shampoo DHS Tar Gel è leggermente profumato per coprire lo sgradevole odore chimico del catrame di carbone. Gli utenti commentano che lascia i capelli morbidi e non eccessivamente asciutti dopo il lavaggio. Per risultati ottimali, lasciare agire lo shampoo per cinque minuti.

Shampoo P&S

Lo shampoo P&S sembra ingannevolmente semplice e generico. Ma sembra essere raccomandato dalla Mayo Clinic tra gli altri nomi più importanti in medicina. Questo perché la formula al 2% di acido salicilico e acido lattico allenta e rimuove squame e scaglie mentre rende i capelli morbidi e gestibili.

Denorex Shampoo e balsamo extraforfora

La combinazione di shampoo e balsamo Extra Strength di Denorex contiene acido salicilico al 3% per maggiore potenza contro desquamazione e squame. Ma contiene anche vitamina B5 per rafforzare i capelli contro gli effetti collaterali dell'acido salicilico. E lascia i capelli lucenti e lisci.

Shampoo antiforfora con gel di catrame di carbone medicinale

Medicasp offre una soluzione delicata allo 0,5% di catrame di carbone per i casi meno gravi di forfora e psoriasi. Fa la differenza positiva la prima volta che viene utilizzato. E dal momento che ha un profumo, non ha un forte odore medicinale di alcuni shampoo al catrame di carbone.

Psoriasi catrame di carbone Shampoo Psoriatrax 25% soluzione di catrame di carbone

Se vuoi il massimo shampoo al catrame di carbone sul mercato, prova questo da Psoriatrax. È la soluzione migliore per i casi più gravi in ​​quanto contiene una soluzione al 25% di catrame di carbone (per un totale del 5% di catrame di carbone puro). Ma bastano solo uno o due minuti per fare il lavoro. Inoltre, tieni presente che contiene solfati e potrebbe asciugarsi ai capelli se usato più di due volte a settimana.

Shampoo antiforfora del cuoio capelluto ArtNaturals 18

Oltre al catrame di carbone, lo shampoo Scalp 18 ha utili estratti naturali. Blocca il prurito e la desquamazione, ma ripristina anche la lucentezza, ripara le doppie punte e idrata i capelli. Fa questo lavoro con oli di jojoba e di argan, aloe e tea tree, menta piperita e oli essenziali di rosmarino.

Shampoo antiforfora del cuoio capelluto sereno ORIBE

ORIBE è una scelta solida se hai una psoriasi lieve e un'ossessione per i capelli. Con la sua concentrazione al 3% di acido salicilico e ingredienti che favoriscono la salute dei capelli, è un prodotto popolare. Inoltre, ha un delizioso profumo di firma ORIBE.

Shampoo Dermacare per il cuoio capelluto, sollievo dal prurito

Lo shampoo Dermacare di Dove è delicato ma utile nella lotta contro prurito e desquamazione. Contiene zinco piritione che risolve secchezza e forfora. Inoltre, il profumo di burro di karité e cocco è abbastanza attraente.

Shampoo antiforfora senza solfati di Puriya con olio dell'albero del tè

Lo shampoo di Puriya con olio dell'albero del tè manca di molte delle sostanze irritanti più comuni come parabeni, solfati, sale e profumi sintetici. Invece, ha ingredienti anti-infiammatori come tea tree, arnica, rosmarino e salvia in una base a pH bilanciato. Si raccoglie bene e lascia i capelli morbidi. Inoltre, Puriya offre una garanzia di rimborso di 180 giorni.

Shampoo allo zinco DHS

Lo shampoo al 2% di zinco piritione di DHS lenisce la pelle arrossata e irritata e riduce il prurito e la desquamazione. I fan di questa formula dicono che lascia i capelli morbidi e lucenti.

Selsun Blue Sensitive Shampoo per cuoio capelluto

Lo shampoo per cuoio capelluto sensibile di Selsun Blue si basa sullo zinco piritione e sul lattato di mentolo per evitare che il cuoio capelluto smetta di prudere. Riduce la desquamazione e rinforza i capelli con aloe e vitamine B5 ed E. Inoltre, ha una fragranza pulita.

Trattamenti del cuoio capelluto per la psoriasi

Oltre agli shampoo, puoi anche applicare catrame di carbone e altri trattamenti da banco per la psoriasi direttamente sul cuoio capelluto.

Terapia del cuoio capelluto terapeutico con catrame di carbone al 3% di psoriasi MG217

MG217 offre una terapia con catrame di carbone al 3% da massaggiare sul cuoio capelluto, lasciar riposare per alcuni minuti, quindi risciacquare. Controlla e riduce i sintomi come desquamazione, desquamazione, infiammazione e prurito. Ed è abbastanza potente da essere riconosciuto dalla National Psoriasis Foundation.

Balsamo all'olio dell'albero del tè olistico all'acero + trattamento antiforfora sicuro e antiforfora + capelli danneggiati

Maple Holistics vende questo trattamento con olio dell'albero del tè per il cuoio capelluto secco che funge da compagno per il tuo shampoo antiforfora. Si basa su condizionatori naturali come cheratina, aminoacidi e pantenolo per levigare e riparare i capelli danneggiati. Inoltre, contiene rosmarino, lavanda e olio dell'albero del tè per risolvere l'infiammazione. E fornisce un formicolio fresco per lenire il cuoio capelluto.

Sollievo dal prurito del cuoio capelluto

La scalpicina utilizza l'1% di idrocortisone per alleviare il prurito da psoriasi, eczema e dermatite. Non ha profumo e non è grasso. Applicalo non appena compaiono i primi pruriti e arrossamenti, quindi continua il trattamento fino alla scomparsa del problema o fino a sette giorni.

Dermasolve psoriasi cuoio capelluto

L'olio di cuoio capelluto psoriasi Dermasolve è una combinazione di oltre 10 oli naturali per aiutarti a ridurre l'accumulo di squame sul cuoio capelluto. Dermasolve è stato inventato per idratare, fermare il peeling e condizionare il cuoio capelluto. Aiuta anche a raffreddare e calmare il cuoio capelluto. Dovresti applicare uno strato sottile sulla parte interessata di notte e lavare i capelli il giorno successivo.

Dermasolve è lieve e non ha irritazione, profumo o steroidi. È sicuro da usare sul corpo e sul cuoio capelluto come il viso, i gomiti, ecc. È adatto anche a partire dai sei anni. Questo prodotto è realizzato negli Stati Uniti.

Liquido per capelli P e S.

Hair Liquid di P&S è progettato per essere lasciato sul cuoio capelluto durante la notte. La glicerina, l'olio minerale e il fenolo allentano le squame in modo che possano lavarsi al mattino. Potresti anche voler usare uno shampoo come Neutrogena T-Gel più un pennello per il cuoio capelluto per rimuovere i fiocchi.

Come rimuovere le squame dal cuoio capelluto

Quelle squame argentate bianche e rosse, tutta quella pelle morta che si accumula sul cuoio capelluto, deve scomparire. Prude, sembra male e impedisce alla medicina di funzionare al meglio. Ma raccogliere l'accumulo con le dita non è la scelta più saggia in quanto ciò può causare infezioni. Invece, prova questi suggerimenti per rimuovere le scale in modo sicuro.

I medici raccomandano spesso beta e alfa idrossiacidi che sono esfolianti chimici. Ad esempio, l'acido salicilico è un beta idrossiacido. Ammorbidisce la cheratina nella pelle in modo che cadano le parti morte. L'acido lattico e glicolico si comportano allo stesso modo, ma sono meno aggressivi su capelli e pelle.

Successivamente, c'è l'urea che idrata e assottiglia la pelle. Inoltre, agisce anche come un lieve anestetico che riduce il prurito.

Certo, c'è del catrame di carbone che ferma l'infiammazione ed esfolia la pelle morta. Ma può anche renderti più incline alle scottature solari, puzza e può macchiare asciugamani e vestiti.

Per la psoriasi sul tuo corpo, puoi immergerti nel bagno con sale Epsom. Se le croste sono sull'attaccatura dei capelli, prova lo stesso trattamento.

Infine, molte persone con psoriasi scoprono che oliando il loro cuoio capelluto e dormendo con una cuffia da doccia è possibile rimuovere le squame al mattino. Mentre ci sono prodotti commerciali per questo scopo, puoi usare anche oli di oliva e cocco naturali.

Dopo aver ammorbidito le squame con umidità, olio o un trattamento per il cuoio capelluto, è tempo di liberarle con cura dalla testa. Prova una spazzola per il cuoio capelluto o appoggia un pettine e solleva la pelle morta con esso. Quindi lavare con il tuo shampoo e balsamo preferiti.

Tieni presente che potrebbero essere necessari un paio di giorni per rimuovere tutte le scale. Per quanto allettante sia affrettare il processo, non ne vale la pena a causa dell'emorragia e del fatto che potresti finire con piaghe aperte.

Evita una riacutizzazione della psoriasi

Non è un segreto che un eccessivo stress prolungato o improvviso può scatenare una riacutizzazione della psoriasi. Ma altre cose possono far reagire la tua pelle in modi indesiderati.

Per iniziare, qualsiasi lesione cutanea può portare al ritorno della psoriasi. Ciò include scottature solari, punture di insetti e persino farsi un tatuaggio. Pertanto, utilizzare la protezione solare e spray spray e cercare di non raccogliere croste o graffi.

Sfortunatamente, anche le medicine possono causare una riacutizzazione. In tal caso, contattare immediatamente il medico.

Successivamente, la malattia può influenzare la psoriasi. Stranamente, il mal di gola è un trasgressore frequente. Così sono le bronchiti e le infezioni alle orecchie.

Ma anche il tempo ha un impatto. Le basse temperature e la bassa umidità possono rendere la pelle infelice. Tuttavia, così possono fare alte temperature e troppa traspirazione. Assicurati di indossare abiti adeguati per proteggerti. Potresti anche goderti un umidificatore a nebbia fredda.

E il cibo? L'unico chiaro legame finora è che le persone che bevono molto alcol non rispondono ai trattamenti per la psoriasi e ai non bevitori. Inoltre, alcuni farmaci per la psoriasi interagiscono negativamente con l'alcol.

Rimedi casalinghi rapidi per la psoriasi

Ci sono alcune cose che puoi fare a casa per alleviare il prurito e ridurre lo sfaldamento e il ridimensionamento. Queste sono soluzioni economiche che possono aiutarti a cavartela fino a quando non avrai più shampoo o trattamento topico per la psoriasi.

Per prima cosa, prova un bagno tiepido con farina d'avena, olio d'oliva, sale Epsom o sale del Mar Morto. Mettere a bagno per quindici minuti, quindi sciacquare bene con acqua tiepida e applicare una lozione. Alcune persone godono di creme spesse (purché non siano inclini a sblocchi dell'acne) per ridurre arrossamenti e pruriti.

L'aceto di mele potrebbe alleviare il bisogno di graffiare. Assicurati di risciacquare bene dopo averlo lasciato riposare per alcuni minuti. Evita di metterlo sulla pelle rotta.

Infine, il gel di aloe vera è un trattamento universale per prurito e infiammazione. Potresti averne una bottiglia per curare le scottature solari o puoi aprire la foglia della pianta stessa.

Conclusione

Anche se potresti essere frustrato dal desquamazione, dal ridimensionamento e dal prurito della psoriasi, c'è speranza. Prova uno dei migliori shampoo e trattamenti per la psoriasi e trova sollievo. Molti di questi prodotti producono risultati positivi dopo un solo utilizzo.



->

Psorilax:Rapidamente |crema alla bava di lumaca per psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, originale

La grave psoriasi è stata associata a carenze nutrizionali a causa di una perdita accelerata di nutrienti, in particolare di vitamina D, dovuta all'iperproliferazione e alla desquamazione dello strato epidermico di pelle (62, 63, 64). L'integrazione di vitamina D è di particolare interesse per i nutrizionisti per due importanti motivi. Innanzitutto, oltre al suo uso topico, l'integrazione orale di vitamina D rappresenta un'importante opzione di trattamento aggiuntivo per i pazienti psoriasici (9); in secondo luogo, l'integrazione di vitamina D potrebbe essere molto importante per la prevenzione della comorbidità correlata alla psoriasi (65), ipertensione (66) e sindrome metabolica (67).

3.1 Cibo e vitamina D

Esistono due modi per soddisfare i fabbisogni di vitamina D nei mammiferi: attraverso l'alimentazione e la sintesi nella pelle da parte del sole o di altre fonti UVB (8). Sono state pubblicate diverse raccomandazioni sull'assunzione dietetica di vitamina D (68, 69, 70). In particolare, queste raccomandazioni fanno riferimento a assunzioni dietetiche di riferimento per calcio e vitamina D aggiornate dall'Institute of Medicine (IOM) nel 2010 (71). Ad oggi, poiché le prove degli effetti extra skelatal della vitamina D sono incoerenti e insufficienti, le raccomandazioni sull'assunzione si basavano sugli effetti benefici della vitamina D solo sulla salute scheletrica. Le Indennità dietetiche raccomandate (RDA) che coprono requisiti di ≥97,5% della popolazione sono mostrate nella Tabella 2. Altre organizzazioni hanno raccomandato diversi RDA: la Endocrine Society ha suggerito che gli adulti di età compresa tra 19 e 50 anni richiedono almeno 600 unità internazionali (UI) di vitamina D al giorno per mantenere la funzione ossea e muscolare (72). Tuttavia, la task force ha inoltre annotato che sono necessari 1500–2000 UI al giorno per aumentare costantemente il livello sierico di 25 (OH) D oltre 30 ng / mL. Infine, per gli anziani di età pari o superiore a 60 anni, la International Osteoporosis Foundation (IOF) ha raccomandato un RDA di 800-1000 UI al fine di raggiungere un livello sierico di 25 (OH) D di 30 ng / mL (73).

Tavolo 2

La dieta D di riferimento dietetico assume per fase di vita

La dieta è un fattore determinante per lo stato della vitamina D (71, 74). Alcuni studi hanno calcolato che la quantità di assunzione di vitamina D che assicurerebbe che la maggior parte della popolazione (97,5%) mantenga concentrazioni plasmatiche di 25 (OH) D> 25 nmol / l durante l'anno è di 8,7 mg / d (75). Solo pochi alimenti contengono naturalmente vitamina D e questi alimenti sono principalmente di origine animale. Lo stato della vitamina D è la somma della combinazione di sintesi nella pelle dopo l'esposizione al sole e l'assunzione delle due principali forme dietetiche di vitamina D: ergocalciferolo (vitamina D2) e colecalciferolo (vitamina D3) (76). Il primo è prodotto dalle piante, sebbene la frutta e la verdura nella dieta umana contengano solo quantità minime di questo nutriente, nonostante quantità significative di vitamina D2 siano disponibili attraverso integratori alimentari. I funghi forniscono quantità variabili di vitamina D2 e ​​se esposti alla luce ultravioletta in condizioni controllate, i funghi possono migliorare il loro contenuto di vitamina D2 (77, 78). La vitamina D3 invece si trova naturalmente in alcuni alimenti di origine animale, in particolare nei pesci grassi, tra cui salmone, aringhe e sgombro, e negli oli di pesce (79). I pesci (in particolare i pesci grassi e il fegato di pesce) hanno il più alto contenuto naturale di vitamina D (80) Anche il tuorlo d'uovo ha un alto contenuto di vitamina D3 (80), che è fortemente correlato al contenuto di vitamina D3 dell'alimentazione della gallina (77). A seconda della dieta della gallina (81) e l'esposizione ai raggi UVB (82), la vitamina D3 e 25 (OH) D3 sono state trasferite dalla gallina al tuorlo d'uovo. Per quanto riguarda i prodotti a base di carne, il contenuto di vitamina D dipende dal contenuto di vitamina D nel foraggio, dal contenuto di grassi del prodotto a base di carne e dalla latitudine in cui gli animali hanno pascolato (83). Infine, la vitamina D3 è disponibile anche attraverso integratori alimentari ed è la forma presente negli alimenti arricchiti con vitamina D come latte, succo d'arancia e cereali. La fortificazione del cibo con vitamina D è stata considerata la strategia più promettente con la portata e l'impatto più ampi (84, 85, 86). In effetti, nei paesi in cui questa strategia è stata adottata ha dimostrato di avere un'influenza significativa sull'assunzione giornaliera di vitamina D nell'adulto medio (87). Le fonti alimentari di vitamina D sono elencate nella tabella 3 (88).

Tabella 3

Fonti alimentari di vitamina D (88)

3.2 Biodisponibilità e influenza della lavorazione e della cottura

La vitamina D, come altre vitamine liposolubili (A, E, K), viene assorbita incorporata in micelle miste dall'intestino negli enterociti mediante diffusione passiva non saturabile. Successivamente, la vitamina D viene trasportata nei chilomicroni attraverso la linfa alla circolazione (89). Più il metabolita polare 25 (OH) D viene assorbito meglio e più velocemente della vitamina D perché viene anche assorbito direttamente dal digiuno prossimale nella vena porta (79). Esistono pochi dati sulla sua disponibilità da fonti naturali. L'assorbimento della vitamina D dagli integratori può variare a seconda della sostanza usata del veicolo, come oli, polveri, etanolo (90). Ad esempio, è stato riferito che la biodisponibilità della vitamina D dal formaggio a pasta dura fortificata è equivalente agli integratori (91) e che la biodisponibilità della vitamina D non è influenzata dal contenuto di grassi del latte fortificato (92).

La cottura non influenza molto il contenuto di vitamina D degli alimenti per animali. Mattila et al. (93) ha riscontrato che, nelle uova bollite per 10 minuti, la concentrazione di vitamina D3 era inferiore dell'1–6% e il contenuto del 25 (OH) -D-3 era inferiore del 6-11% rispetto alle uova crude. Inoltre, anche nei pesci, l'effetto di cottura era moderato: cuocere vari tipi di pesce (ad es. Pesce persico, trota iridea, aringhe baltiche) in forno a 172 ° C o 200 ° C per 20 minuti ha indotto una perdita di vitamina D3 di < 10%, calcolato su base di sostanza secca (93). La stabilità della vitamina D3 e 25 (OH) D e della vitamina D2 nei prodotti alimentari durante la cottura ha dimostrato di variare ampiamente con il processo di riscaldamento e i prodotti alimentari, con segnalazioni di ritenzione in uova, margarina e pane dopo l'ebollizione, la frittura e la cottura tra il 40% e 88% (94).

3.3 Il nutrizionista e integratori di vitamina D.

I supplementi sono il determinante più importante della variazione dell'apporto di vitamina D (85, 86, 95) Numerosi studi hanno dimostrato che l'assunzione giornaliera di vitamina D era maggiore negli adulti che assumevano integratori di vitamina D rispetto a quelli senza integratori di vitamina D (348 UI contro 84 UI di vitamina D) (86). La maggior parte dei nutrizionisti raccomanda l'uso della vitamina D3 per trattare e prevenire la carenza di vitamina D, poiché diversi studi indicano una maggiore efficacia della vitamina D3 nell'aumentare le concentrazioni sieriche di 25 (OH) D rispetto alla vitamina D2 (96). Sebbene esista una variazione interindividuale significativa, a causa di diverse variabili tra cui peso corporeo, esposizione alla luce solare e apporto di calcio, è stato calcolato che l'integrazione di 1000 UI di vitamina D3 al giorno porta ad un aumento approssimativo dei livelli di 25 (OH) D di 10 –20 ng / mL (25-50 mmol / L), (97, 98, 99). I risultati di studi randomizzati controllati verso placebo condotti durante l'inverno hanno dimostrato che ogni 1 mg di vitamina D supplementare è associato ad un aumento del siero 25 (OH) D compreso tra 0,7 nmol / L (100) e 2 nmol / L (75).

Numerosi studi hanno osservato i problemi di sicurezza relativi al dosaggio della supplementazione di vitamina D. Tuttavia, l'assunzione orale di vitamina D fino a 10.000 UI al giorno non è stata associata ad alcun effetto dannoso (101), poiché questa dose è paragonabile alla produzione cutanea massima di vitamina D e non esistono segnalazioni di intossicazione da vitamina D da sola sintesi cutanea (101). In questo contesto, l'IOM e l'Autorità europea per gli alimenti e la sicurezza (EFSA) raccomandano un livello di assunzione superiore tollerabile e sicuro di 4000 UI di vitamina D per giorno per tutti gli adulti, comprese le donne in gravidanza e in allattamento (102), sebbene ad oggi pochissimi studi abbiano studiato gli effetti a lungo termine dell'assunzione di vitamina D al di sopra della soglia suggerita di 4000 UI per giorno (103, 104). Per raggiungere uno stato stazionario, dopo 2-3 mesi consecutivi di trattamento con supplementazione di vitamina D, è necessaria una nuova misurazione di 25 livelli di siero (OH) D (98).

Pertanto, i nutrizionisti dovrebbero prendere in considerazione una supplementazione generale di vitamina D nelle popolazioni ad alto rischio di carenza di vitamina D, come i pazienti psoriasici (105). I composti di vitamina D comunemente usati negli studi clinici variavano da 1,25 (OH) D, la forma fisiologicamente attiva della vitamina D, a 1αOHD, alfa-calcidolo, richiedendo che solo il metabolismo del fegato fosse convertito nella forma attiva in vitamina D o colecalciferolo, che richiede sia il metabolismo epatico che renale per diventare attivo. Perez et al. osservato un 88% complessivo di miglioramento clinico della psoriasi con vitamina D orale con una diminuzione dei punteggi medi PASI (61). I risultati sono stati confermati in diversi studi su un numero limitato di pazienti, riportando un miglioramento moderato o maggiore della psoriasi nel 25-50% dei soggetti (106, 107, 108, 109). È stato anche proposto l'uso terapeutico dell'alfa-calcidolo sistemico nei pazienti con artrite psoriasica (61). Un altro studio ha dimostrato che una combinazione di acitretina e calcitriolo orale ha portato a una riduzione più rapida della PASI nei pazienti con psoriasi a placche cronica (110). Uno studio su un ampio campione di popolazione che includeva 70.437 femmine statunitensi per un periodo di 14 anni, ha esaminato i livelli di assunzione di vitamina D e l'incidenza della psoriasi nella popolazione. Dopo essersi aggiustato per le variabili confondenti, lo studio ha scoperto che non vi era alcuna associazione significativa tra l'assunzione di vitamina D (dietetica, supplementare e vitamina D totale) e il rischio di psoriasi incidente. Pertanto, gli autori hanno proposto che non vi era alcun ruolo dell'apporto dietetico o supplementare di vitamina D per prevenire lo sviluppo della psoriasi (111). Tuttavia, le attuali raccomandazioni per l'assunzione dietetica di vitamina D si basano solo sul suo effetto sulla salute scheletrica, mentre non sono presenti informazioni sulla psoriasi. Inoltre, esiste una discrepanza tra gli RDA raccomandati e l'assunzione giornaliera effettiva di vitamina D. Pertanto, devono essere sviluppate soluzioni come la fortificazione alimentare e la dieta personalizzata o l'integrazione di vitamina D nei pazienti psoriasici. Inoltre, tenendo conto dell'associazione comune tra psoriasi, obesità e Mets di cui sarà discusso nel prossimo capitolo, il vantaggio del potenziale uso di integrazioni orali di vitamina D per il trattamento della psoriasi e della sindrome metabolica contemporaneamente attraverso i suoi effetti anti-infiammatori era fortemente supportato da una meta-analisi completa che includa i risultati di studi clinici che utilizzano l'integrazione di vitamina D nella psoriasi (106).

3.4 Vitamina D, obesità e psoriasi

Molti studi hanno mostrato il legame tra psoriasi, obesità e MetS (112, 113). L'obesità è un importante fattore di rischio per la psoriasi (114, 115). La relazione tra le due condizioni è probabilmente bidirezionale, con l'obesità, principalmente l'obesità viscerale, che predispone alla psoriasi e alla psoriasi che favoriscono l'obesità (116). In particolare, vi era un rischio aumentato di 2 volte per lo sviluppo della psoriasi nel contesto dell'obesità rispetto ai soggetti con peso normale (117). Inoltre, per ogni aumento di incremento nell'indice di massa corporea (BMI) è stato riportato un rischio maggiore del 9% per l'insorgenza della psoriasi e un rischio maggiore del 7% per un aumento del punteggio PASI (118). Un'ulteriore prova del legame tra obesità, infiammazione e malattie cardiovascolari nei pazienti con psoriasi è fornita da numerosi studi che riportano una correlazione tra il punteggio PASI e l'aumento dei livelli di CRP (119) e tra la psoriasi e la circonferenza della vita (120). La CRP è una proteina della fase acuta significativamente associata all'obesità, che rappresenta i marker più sensibili di infiammazione e un rischio indipendente per le malattie cardiovascolari. La circonferenza della vita rappresenta una misura surrogata della distribuzione del grasso altamente correlata al grasso viscerale (121), la principale fonte di citochine infiammatorie nell'obesità (122). In particolare, l'obesità e la psoriasi sono entrambe condizioni pro-infiammatorie, in cui l'equilibrio delle adipokine viene spostato a favore dell'azione adipokine pro-infiammatoria (123, 124). Da un lato, il predominio delle adipokine pro-infiammatorie favorisce lo sviluppo e il mantenimento dell'obesità e le sue conseguenze, tra cui malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2 e MetS (125); d'altra parte, la produzione di citochine infiammatorie nell'obesità viscerale rappresenta l'anello di congiunzione coinvolto nei complessi meccanismi che portano all'esacerbazione della psoriasi e alla comorbilità della psoriasi (126). In effetti, la psoriasi è frequentemente associata a comorbilità cardio-metaboliche e ad un aumento della mortalità cardiovascolare (127, 128).

Analogamente, vi sono associazioni significative tra basso stato di vitamina D e aumento del rischio di obesità e comorbilità correlate all'obesità e mortalità cardiovascolare (127). In particolare, un indice di massa corporea più elevato porta a uno stato inferiore di vitamina D, con un'associazione inversa tra rischio di mortalità e livelli di vitamina D, sebbene questa associazione possa essere indirettamente mediata dall'obesità in sé (129). Ju SY et al. ha eseguito una meta-analisi della relazione dose-risposta tra i livelli di vitamina D nel sangue e il rischio di MetS. Utilizzando i dati sui livelli ematici di 25 (OH) D, è stata osservata una relazione monotonicamente decrescente per bassi livelli ematici di 25 (OH) D nelle analisi aggregate di 16 studi trasversali (OR = 0,89 per 30 nmol / L, OR = 0,80 per 60 nmol / L, OR = 0,71 per 90 nmol / L e OR = 0,63 per 120 nmol / L). Un aumento di 25 nmol / L nei livelli di 25 (OH) D è stato associato a una riduzione del 13% del rischio di MetS negli studi trasversali (130). Numerosi meccanismi potrebbero spiegare il basso livello di vitamina D nei soggetti obesi (131). Oltre a un basso apporto dietetico di vitamina D collegato a una dieta dimagrante restrittiva, le spiegazioni più probabili del basso livello di vitamina D nell'obesità sono il sequestro della vitamina D nel tessuto adiposo (132), diluizione volumetrica correlata al maggior volume di distribuzione di 25 (OH) D, minore esposizione della pelle alla luce solare a causa della minore attività all'aperto e dell'inquinamento atmosferico (133). Le associazioni di basso livello di vitamina D con l'obesità da un lato, e con la psoriasi dall'altro, supportano l'ipotesi di considerare la vitamina D come un ulteriore legame tra obesità e psoriasi. In questo contesto, un circolo vizioso potrebbe operare tra il basso livello di vitamina D, l'obesità e la psoriasi, con effetti dannosi additivi sul rischio cardio-metabolico nei pazienti psoriasici obesi. Secondo questa ipotesi, l'integrazione di vitamina D potrebbe essere di particolare utilità per la prevenzione delle comorbilità correlate alla psoriasi.

Psorilax:Per i neofiti |creme just psoriasi

0

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, ingredienti

Per alcune persone con un tipo di psoriasi, un disturbo autoimmune che causa pelle secca, pruriginosa e traballante, la dieta e altri fattori di stile di vita possono avere un ruolo nella gestione della loro condizione. Ad esempio, alcuni hanno scoperto che una dieta ipocalorica migliora i sintomi della psoriasi. Seguire una dieta priva di glutine funziona per altri, e alcuni integratori alimentari mostrano potenziale anche nel trattamento della psoriasi. Tuttavia, non esiste un approccio dietetico singolare per la condizione che è stata supportata da prove scientifiche schiaccianti.

Per questo motivo, gli esperti consigliano che i trattamenti medici sono ancora la principale linea di difesa nella lotta alla psoriasi. Ma se hai problemi a gestire la condizione, potresti voler discutere interventi dietetici e di stile di vita personalizzati.

Benefici

Nel 2018, la National Psoriasis Foundation ha condotto una revisione completa della ricerca che ha incluso oltre 50 studi e 4.500 pazienti. I risultati, pubblicati in JAMA Dermatology, ha concluso che, quando prescritti insieme a trattamenti medici standard e adattati alle esigenze dei singoli pazienti, alcuni cambiamenti nella dieta possono essere utili per le persone con condizioni psoriasiche.

Perdita di peso

Se sei in sovrappeso o obeso, il raggiungimento di un peso sano può fornire sollievo dai sintomi della psoriasi. In una recensione di ricerca che esplora la relazione tra peso corporeo e psoriasi, i ricercatori spiegano che il grasso corporeo in eccesso è noto per promuovere l'infiammazione. L'infiammazione provoca riacutizzazioni della psoriasi e dolori articolari associati all'artrite psoriasica. Ridurre il grasso corporeo può aiutare a limitare questi sintomi e una dieta ipocalorica svolge un ruolo chiave nel raggiungimento di tale obiettivo.

Uno studio del 2019 su PLoS Medicine ha scoperto che per ogni aumento di 1 kg / m2 nell'indice di massa corporea (BMI), il rischio di sintomi della psoriasi è aumentato del 9%. Questo era vero sia per i bambini che per gli adulti.

Gli scienziati hanno concluso che l'obesità non era necessariamente la causa della psoriasi, ma sembrava promuovere il flare dei sintomi nelle persone con una predisposizione genetica al disturbo.

Uno studio del 2014 pubblicato su British Journal of Dermatology guardò le persone che avevano la psoriasi resistente al trattamento. Più di 300 persone sono state arruolate nello studio e sono state randomizzate a prendere parte a un programma di dieta ed esercizio fisico di 20 settimane o un piano che includeva solo la consulenza sull'importanza della perdita di peso per il controllo clinico della malattia psoriasica.

Alla fine dello studio, la gravità della psoriasi nelle persone che hanno partecipato alla dieta e all'esercizio fisico è stata ridotta del 48%. Il gruppo che ha ricevuto consulenza ha visto una riduzione media del 25,5% della gravità della sua psoriasi.

Altre recensioni di ricerca hanno studiato l'uso di una dieta a basso contenuto calorico (circa 1.200 calorie al giorno), una dieta a bassissimo contenuto calorico (800 calorie al giorno) o un intervento chirurgico di perdita di peso per ridurre l'eccesso di peso. Tuttavia, gli autori dello studio riconoscono che sono necessari studi clinici più estesi per comprendere ulteriormente l'efficacia degli interventi sulla dieta e sulla perdita di peso nel miglioramento della psoriasi.

Ridurre l'apporto calorico nelle persone con un peso sano non ha dimostrato di essere efficace.

Infiammazione ridotta

Una rassegna di studi pubblicata nel Diario dell'American Academy of Dermatology scoperto che seguire una dieta priva di glutine può essere utile in alcuni pazienti con psoriasi, in particolare quelli che risultano positivi alla sensibilità al glutine o alla celiachia.

Il beneficio probabilmente deriva da una riduzione dell'infiammazione, ma la relazione tra consumo di glutine e psoriasi non è ancora chiara. I ricercatori hanno notato che le persone con psoriasi hanno spesso o continuano a sviluppare altre condizioni infiammatorie, in particolare la celiachia.Ma gli anticorpi trovati nelle persone con psoriasi potrebbero non essere stimolati dal glutine come nelle persone con celiachia.

Perché lì Maggio essere un collegamento, gli esperti consigliano ai pazienti con psoriasi di discutere i potenziali sintomi con i loro operatori sanitari. I sintomi della sensibilità al glutine o della celiachia comprendono (ma non sono limitati a) diarrea, costipazione, gonfiore, affaticamento e dolore addominale. Il fornitore può ordinare test diagnostici e, se i risultati indicano celiachia o sensibilità al glutine, può essere consigliata una dieta priva di glutine.

È importante notare che non ci sono prove che suggeriscano che una dieta senza glutine sia utile per chiunque non abbia dato risultati positivi ai marcatori per la sensibilità al celiaco o al glutine.

Pelle più sana

Alcuni integratori alimentari tra cui vitamina D, selenio, olio di pesce e vitamina B12 sono stati associati al sollievo dal sollievo della psoriasi. Questi integratori possono migliorare la salute generale della pelle e portare a sollievo dai sintomi.

Secondo le raccomandazioni dietetiche pubblicate in JAMA Dermatology dal consiglio medico della National Psoriasis Foundation, ci sono prove deboli a supporto della supplementazione di vitamina D. L'uso topico della vitamina D è talvolta usato come terapia efficace, ma l'assunzione per via orale non è probabile che fornisca un beneficio a meno che tu non sia carente. Il documento suggerisce che i pazienti continuano le cure standard ma parlano con il loro medico circa la sperimentazione di un mese di integrazione di vitamina D.

Altre recensioni di ricerca hanno trovato prove moderate a sostegno dell'uso di un integratore di omega-3 per la psoriasi.

Una revisione della ricerca del 2014 pubblicata nel Diario dell'American Academy of Dermatology ha riferito che mentre i supplementi di olio di pesce talvolta alleviavano l'eritema (arrossamento irregolare) nelle persone con psoriasi, non sembrava avere alcun effetto sul ridimensionamento, sul prurito o sulla formazione di placca.Il rapporto ha esaminato 12 studi (sei studi controllati, sei studi non controllati) che hanno mostrato un beneficio clinico e tre studi (due controllati, uno non controllato) che non hanno mostrato alcun beneficio. Gli autori dello studio notano che l'integrazione può essere più efficace se combinata con altri trattamenti.

Questi autori hanno anche notato che ci sono pochi studi a supporto dell'efficacia del selenio o della supplementazione di vitamina B12 nel trattamento della psoriasi, ma hanno aggiunto che i risultati degli studi disponibili erano spesso contraddittori. Hanno concluso che non ci sono prove sufficienti per supportare l'uso di vitamina B12 o integratori di selenio.

Poiché la forte evidenza clinica è limitata per quanto riguarda l'uso di qualsiasi integratore per la psoriasi, non sono considerati cure standard per il trattamento della condizione.

Come funziona

Sulla base delle prove attuali, non esiste un'unica dieta per la psoriasi stabilita. Ma i ricercatori hanno scoperto che il 73% dei pazienti con psoriasi gestisce anche almeno un'altra condizione come obesità, sindrome metabolica, colesterolo alto, ipertensione, aterosclerosi o diabete. Pertanto, gli esperti consigliano che la gestione della dieta dovrebbe tenere conto non solo della psoriasi ma anche di queste altre condizioni.

Ad esempio, cibi a basso contenuto di grassi e cibi a basso contenuto calorico possono essere utili per coloro che sono in sovrappeso o obesi. Evitare il glutine sarà importante per coloro che soffrono di celiachia o sensibilità al glutine non celiaca. Limitare gli alimenti trasformati ad alto contenuto di zucchero e sodio aggiunti può aiutare a gestire il diabete o l'ipertensione.

Non è ancora chiaro, tuttavia, se questi alimenti abbiano o meno un impatto diretto sui sintomi della psoriasi. Inoltre, ciò che funziona per una persona potrebbe non funzionare per un'altra.

Se scegli di sperimentare uno o più dei cambiamenti dietetici proposti per la gestione della psoriasi, tieni presente che la ricerca è ancora in gran parte inconcludente.

Se non sei sicuro di quali (se presenti) consigli sulla dieta per la psoriasi siano adatti a te, potrebbe essere utile lavorare con un nutrizionista o dietista registrato.

Durata

Alcuni studi che studiano le raccomandazioni dietetiche per la psoriasi suggeriscono di provare una prova di un mese quando si aggiungono o sottraggono alimenti. Ma dovresti collaborare con il tuo medico per determinare una durata appropriata per testare diversi interventi.

Alla fine, potresti scoprire di dover apportare alcune modifiche permanenti alla tua dieta per gestire i sintomi. Ad esempio, se ti accorgi che hai la sensibilità al glutine, seguire una dieta priva di glutine sarebbe un cambiamento che probabilmente vorresti rispettare a lungo termine per la tua salute generale.

Tuttavia, potresti scoprire che la tua dieta non aiuta a prevenire l'insorgenza dei sintomi, ma può aiutare a ridurre la gravità di un flare della psoriasi. Ad esempio, quando si hanno sintomi attivi, è possibile scegliere di evitare caffè, alcool e cibi con molto zucchero.

Potrebbe essere necessario sperimentare la dieta per la psoriasi e apportare modifiche di volta in volta, in particolare se si sviluppa un'altra condizione di salute o si inizia a prendere un nuovo farmaco.

Cosa mangiare

Mentre crei la tua dieta psoriasi, concentrati su prodotti nutrienti e ricchi di fibre, fonti di proteine ​​minimamente trasformate e grassi sani. Cerca modi per includere anche una gamma di cibi e bevande antinfiammatori.

Le raccomandazioni dietetiche sulla psoriasi per limitare ed evitare carne grassa, zucchero, carboidrati raffinati e prodotti lattiero-caseari grassi saranno doppiamente utili se stai lavorando anche per raggiungere obiettivi di perdita di peso.

Conforme

  • Frutta e verdura fresca biologica

  • Pesce grasso (salmone, sardine, merluzzo)

  • Pollame magro

  • Erbe e spezie

  • Noci e semi

  • Fagioli, legumi e lenticchie

  • Yogurt probiotico, kefir

  • Oli a base vegetale

Non conforme

  • Nightshades (pomodori, patate, melanzane)

  • Alimenti molto elaborati

  • Prodotti da forno e dolci

  • carne rossa

  • Uova

  • latteria

  • Caffeina

  • alcool

  • Maiale

  • mollusco

  • agrume

  • Glutine, frumento, orzo, segale, malto (se diagnosticato anche con celiachia o sensibilità al glutine)

Frutta e verdura: Cerca prodotti biologici, se possibile. Studi di ricerca hanno indicato che quando i partecipanti scelgono frutta e verdura biologica, è più probabile che si verifichino una diminuzione dei sintomi. Tuttavia, i nightshades (in particolare i pomodori), dovrebbero essere limitati o evitati completamente in quanto potrebbero innescare i sintomi in alcuni. Altre belladonna includono patate bianche, peperoni e melanzane, nonché la paprika delle spezie.

Inoltre, alcune persone trovano gli agrumi irritanti e scelgono di limitare arance, pompelmi, limoni e lime. Puoi sperimentare con questi frutti e vedere se influenzano i tuoi sintomi.

Dairy: I prodotti lattiero-caseari grassi come latte, formaggio e gelato tendono ad essere ricchi di grassi e zuccheri, quindi sono generalmente limitati o esclusi da una dieta per la psoriasi, in particolare da coloro che sono in sovrappeso o obesi. Alcune persone possono tollerare latticini a basso contenuto di grassi, ma possono innescare una riacutizzazione in altri. Alcuni alimenti come yogurt e kefir ricchi di probiotici sono approvati e possono aiutare a ridurre i sintomi.

Grani: A meno che non ti venga diagnosticata la celiachia o la sensibilità al glutine, non hai bisogno di seguire una dieta priva di glutine se hai la psoriasi. Tuttavia, potresti voler limitare o evitare pane, pasta e cracker preparati con farina bianca raffinata poiché è stato identificato come un potenziale fattore scatenante in alcune persone con psoriasi. Puoi anche evitare avena preconfezionata, muesli e cereali, che possono essere ricchi di zuccheri aggiunti.

Proteina: Quando scegli le proteine ​​per i tuoi pasti, considera i pesci grassi come salmone, tonno o acciughe, che forniscono acidi grassi omega-3. Vi sono alcune prove che gli acidi grassi omega-3 possano essere utili nel trattamento della psoriasi e nel ridurre il rischio di altre condizioni come le malattie cardiache.

Se vuoi includere proteine ​​animali, scegli tagli magri di pollame come il tacchino o il petto di pollo. Cerca di evitare prodotti a base di carne trasformati come salsicce, hot dog, pancetta e carne per il pranzo con la dieta della psoriasi. Le uova vengono anche citate occasionalmente come fattore scatenante per la psoriasi, quindi potresti volerle limitare fino a quando non sai come reagisce il tuo corpo.

Dolci: Uno degli obiettivi principali della dieta per la psoriasi è ridurre l'assunzione di zucchero. Ti consigliamo di evitare dolcificanti a base di zucchero tra cui miele, nettare di agave, zucchero di canna e altri. Ti consigliamo inoltre di evitare la maggior parte dei prodotti da forno come biscotti, torte e pasticcini, nonché cioccolato, caramelle e bevande dolci. Puoi aggiungere sapore a molti piatti con ingredienti come lo zenzero e la cannella.

Bevande: L'alcool viene evitato dalla dieta della psoriasi e potresti voler sperimentare anche la limitazione dell'assunzione di caffeina. Cerca di evitare bibite zuccherate, succhi di frutta e bevande a base di caffè dolci a base di latte.

Tempi raccomandati

La dieta della psoriasi può essere adattata al normale programma, ma potresti voler sperimentare i tempi dei tuoi pasti e spuntini se stai cercando di perdere peso.

Uno studio ha studiato diversi interventi di perdita di peso sui sintomi della psoriasi. Un gruppo a cui è stata data una dieta specifica che includeva tre pasti e non più di due spuntini al giorno ha riportato il massimo sollievo dai sintomi. La dieta era povera di calorie ed era composta da 55% di carboidrati, 30% di grassi e 15% di proteine, oltre a 40 minuti di allenamento tre volte alla settimana.

Alcune persone con psoriasi provano anche il digiuno intermittente. Uno studio del 2019 pubblicato sulla rivista Nutrienti ha esplorato se il digiuno intermittente circadiano (seguito da coloro che osservano il Ramadan) ha avuto alcun impatto sulle persone con malattia psoriasica, in particolare l'artrite psoriasica (PsA).

I ricercatori hanno scoperto che i partecipanti allo studio sembravano beneficiare di questo tipo di digiuno anche se non avevano perso peso.Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere meglio il legame proposto dallo studio e per determinare se pratiche specifiche relative al Ramadan (come la tendenza ad assumere farmaci in un determinato momento della giornata durante il digiuno) possano aver influenzato i risultati.

Consigli di cucina

Quando pianifichi i pasti per la tua dieta per la psoriasi, tieni presente che potresti essere in grado di rendere il cibo adatto al tuo piano alimentare a seconda di come lo prepari e cucini.

Ad esempio, scegliere tagli magri di carne e grigliare invece di friggerli può aiutare a ridurre le calorie (per perdere peso). Oli sani a base vegetale possono essere utilizzati durante la cottura di pesce e pasta o conditi su un'insalata.

Puoi persino preparare dessert usando gli swap da forno per latte, uova, grassi e farina e zucchero raffinati. Con moderazione, queste prelibatezze più sane possono soddisfare i tuoi golosi senza interferire con gli obiettivi della tua dieta per la psoriasi.

modifiche

Coloro che seguono diete specializzate (come una dieta vegetariana o vegana) non dovrebbero avere problemi ad adeguare il proprio piano alimentare per adattarsi ai sintomi della psoriasi. Sebbene, i pescatariani potrebbero voler scegliere i frutti di mare più alti negli omega-3 ed evitare i crostacei. Coloro che seguono una dieta priva di glutine vorranno scegliere cereali come quinoa, miglio o avena.

Inoltre, mentre modifichi il tuo piano alimentare, potresti prendere in considerazione l'idea di aggiungere esercizio fisico alla tua routine quotidiana. Ci sono state alcune ricerche preliminari che suggeriscono che una regolare attività fisica può aiutare a ridurre il peso e i sintomi psoriasici.

La National Psoriasis Foundation suggerisce di seguire le linee guida raccomandate di 30 minuti di esercizio fisico moderato almeno cinque volte a settimana. Se il dolore da artrite psoriasica si mette in mezzo, l'organizzazione raccomanda l'esercizio dell'acqua.

considerazioni

Cambiare il modo in cui mangi ha un impatto maggiore rispetto alla tua lista della spesa. Anche la tua vita domestica, la vita lavorativa e la vita sociale possono essere influenzate. Prenditi il ​​tempo per riflettere su questi cambiamenti e fare un piano per adattarti.

Sapere come ti adatterai e assicurarti di avere il supporto necessario per farlo, renderà il processo più semplice. Ti aiuterà anche a rispettare il tuo piano per il lungo raggio, anche se a volte diventa frustrante.

Nutrizione Generale

La nutrizione generale della dieta per la psoriasi sarà unica in base a ciò che scegli di includere, limitare o evitare. Ma dovresti essere in grado di raggiungere le linee guida nutrizionali stabilite dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) quando crei una dieta per la psoriasi.

La maggior parte delle persone sarà in grado di consumare verdure, frutta, cereali, proteine ​​e oli vegetali sani. Chi sceglie di non consumare prodotti lattiero-caseari può sostituire le bevande alla soia. Limitare i grassi saturi, gli zuccheri aggiunti e il sodio non solo ti aiuterà a rispettare le linee guida nutrizionali consigliate, ma può anche aiutarti a ridurre i sintomi della psoriasi.

Flessibilità

La tua scelta di pasti e spuntini con una dieta per la psoriasi potrebbe essere un po 'più limitata di quella a cui sei abituato, ma avrai comunque un bel po' di varietà.

La sfida principale di seguire una dieta speciale, in particolare quella che limita o elimina determinati gruppi alimentari, è capire cosa fare quando si mangia fuori.

Potrebbe essere necessario esaminare un po 'più da vicino i menu del ristorante o richiedere informazioni aggiuntive, come elenchi di ingredienti o come viene preparato un pasto. Potresti essere in grado di ottenere sostituzioni per alcuni articoli per creare un piatto adatto alla tua dieta per la psoriasi, oppure puoi ordinare articoli à la carte per preparare il tuo pasto.

Supporto e comunità

La psoriasi può essere frustrante da gestire, soprattutto se è necessario apportare importanti cambiamenti al proprio stile di vita. Mentre il tuo medico e gli altri membri del tuo team sanitario saranno in grado di rispondere alle tue domande sulla condizione e darti consigli su come mettere insieme una dieta per la psoriasi, ci possono essere momenti in cui vuoi solo parlare con qualcuno che sa davvero cosa sei passando in prima persona.

Potresti trovare utile unirti a un gruppo di supporto per la psoriasi, di persona o online. Questi, così come bacheche, forum e gruppi di social media, possono essere un modo per connettersi con altre persone che hanno la psoriasi, molti dei quali potrebbero aver provato varie versioni di una dieta per la psoriasi.

Mentre ciò che ha funzionato per qualcun altro potrebbe non essere giusto per te, può aiutare a parlare con gli altri per ottenere idee, rimanere motivati ​​e aiutarti a gestire i tuoi sentimenti.

Effetti collaterali

Non è raro notare alcuni cambiamenti digestivi quando si modifica la dieta o la routine alimentare. Questi sintomi sono generalmente temporanei e miglioreranno gradualmente man mano che il tuo corpo si adegua.

Se avverti costipazione o diarrea mentre ti adegui alla dieta per la psoriasi, aggiustare l'assunzione di fibre può fornire sollievo. Tuttavia, se il disagio digestivo non migliora o sembra peggiorare, informi il medico. I sintomi possono indicare che hai un'allergia alimentare o essere un segno di un problema di salute di base, come la sensibilità al glutine o la celiachia.

Restrizioni dietetiche

Parlate con il vostro medico prima di apportare modifiche alla vostra dieta, specialmente se vi è stato prescritto un trattamento per la psoriasi. Alcuni dei farmaci usati per trattare i disturbi autoimmuni non devono essere miscelati con determinati alimenti o integratori a base di erbe.

Se hai altre condizioni di salute o stai assumendo farmaci per un'altra condizione, potresti dover modificare la tua dieta per la psoriasi. Collabora sempre con il tuo medico per ottenere consigli personalizzati.

Inoltre, se sei incinta o stai allattando, le tue esigenze nutrizionali generali saranno aumentate. Una corretta alimentazione è fondamentale per una gravidanza sana e, sebbene possa essere utile cambiare dieta per aiutare a gestire i sintomi della psoriasi (soprattutto se sembrano peggiorare durante questo periodo), ti consigliamo di assicurarti di ottenere ciò che bisogno di ciò che mangi.

Una parola da Verywell

La psoriasi è una condizione comune. Mentre non esiste una cura, è possibile gestire la condizione con i farmaci e possibilmente con cambiamenti dietetici. Sperimenta con le modifiche al tuo piano alimentare per vedere se aiuta. Tenere un diario alimentare può essere utile in questo processo. Apporta le modifiche gradualmente e poi prendi nota se provi o meno sollievo dai sintomi.