CREMA TRATTAMENTO PSORIASI OFFERTA -50% !

Home Uncategorized Psorilax:Composizione |desametasone crema per psoriasi

Psorilax:Composizione |desametasone crema per psoriasi

0
Psorilax:Composizione |desametasone crema per psoriasi

CREMA TRATTAMENTO PSORIASI OFFERTA -50% !



* Più della pelle in profondità * – The Jerusalem Post






















Sebbene la psoriasi sia nota da tempo come una malattia della pelle, i medici ora la considerano sistemica e interessano altri organi.

Prof. Michael David (credito fotografico: cortesia)

Prof. Michael David

(credito fotografico: cortesia)

La psoriasi – la malattia infiammatoria cronica della pelle che provoca desquamazione, prurito e arrossamento in varie parti del corpo e colpisce più di 125 milioni di persone in tutto il mondo – non è più considerata solo una condizione dermatologica: colpisce circa il tre percento degli israeliani di tutte le età, la psoriasi è stata riconosciuta come una malattia sistemica recidivante / remittente che può essere collegata a una varietà di organi interni, ha legami genetici e risultati da una risposta immunitaria incontrollata. Il suo nome deriva dal greco per “prurito” ed è stato conosciuto fin dai tempi antichi. La Giornata mondiale di sensibilizzazione alla psoriasi è stata contrassegnata a livello globale alla fine del mese scorso e l'Associazione israeliana per la psoriasi ha tenuto vari eventi nel Mar Morto e altrove in modo che il pubblico potesse capire che non è contagioso e che i trattamenti stanno migliorando. L'associazione fa pressioni per il riconoscimento di trattamenti innovativi e illimitati, negozia prezzi speciali per soggiorni in hotel sul Mar Morto, aiuta a finanziare i trattamenti nell'area resort per coloro che non possono permetterseli, gestisce un campo estivo per bambini che soffrono della condizione, tiene conferenze e fornisce informazioni aggiornate sulla psoriasi. L'organizzazione volontaria, istituita nei primi anni '70, è accessibile (in ebraico, inglese, russo e arabo) su www.psoriasis.org.il. Inoltre, l'associazione pubblica una newsletter inviata a tutti i suoi membri e un avvocato specializzato in questioni mediche fornisce consulenza legale preliminare pro bono. L'associazione può essere raggiunta al numero (03) 624-7611. Per l'occasione della consapevolezza annuale giorno, il Jerusalem Post ha intervistato uno dei dermatologi e specialisti più esperti del paese nella psoriasi, il Prof.Michael David, fino alla sua pensione tre anni fa presidente del dipartimento di dermatologia del Rabin Medical Center-Campus di Beilinson a Petah Tikva e della Facoltà di Sackler di Medicina all'Università di Tel Aviv, rimane attivo con una pratica di dermatologia privata e svolge anche ricerche cliniche nel suo campo a Beilinson. David è nato ad Aden nello Yemen e si è trasferito in Israele nel 1949 all'età di cinque anni. È cresciuto a Tel Aviv e ha studiato medicina presso la Facoltà di medicina dell'Università ebraica di Gerusalemme nell'ambito del programma accademico delle forze di difesa israeliane. Ha servito per un po 'come medico IDF e poi se n'è andato, ma è tornato durante la guerra dello Yom Kippur, dopo di che ha studiato la sua specialità a Beilinson. Nel 1993, è diventato presidente del dipartimento. Alla domanda sul perché sia ​​entrato in dermatologia, David ha dichiarato: “È una specialità molto fisica, in cui si tocca il paziente. Dà anche molte soddisfazioni, perché puoi diagnosticare la malattia di solito solo guardando la pelle. Ho lavorato molto duramente e non ho pensato alle lunghe ore. ”Sua moglie è un'infermiera in pensione, ei suoi tre figli adulti sono in terapia occupazionale, lavoro sociale e legge. Nella pelle SANO, spiegò David, le cellule epidermiche crescono e sostituiscono le strati esterni della pelle mentre si perdono circa una volta al mese. La psoriasi si sviluppa quando il sistema immunitario confonde una normale cellula della pelle per invasori stranieri come un batterio o un virus e invia segnali sbagliati, che causano la sovrapproduzione di nuove cellule della pelle.Il tasso di psoriasi tra gli israeliani varia dal 2,2% al 3,5%, a seconda sulle loro origini e abitudini, secondo David. “È più raro in Cina, dove la prevalenza è solo dello 0,5%, e negli africani, e più comune – tra il 5% e il 7% – nei caucasici in Scandinavia e nel nord Europa. Le donne e gli uomini sono ugualmente a rischio di ottenerlo, ma, ha aggiunto, ci sono anche fattori scatenanti ambientali come stress, tonsillite, infezioni da streptococco e alcuni farmaci come beta-bloccanti, litio (per la depressione maniacale), farmaci anti-infiammatori e altri . Fumare e consumare troppo alcol può spesso scatenare la comparsa di psoriasi. Appare per la prima volta a qualsiasi età, ma il più comune è tra i 16 ei 30 anni. David ha aggiunto che si verifica più spesso nelle persone con celiachia, ipertensione, diabete e livelli elevati di colesterolo. “Abbiamo controllato 1.000 pazienti con psoriasi ricoverati negli anni nel nostro ospedale e, rispetto a un gruppo di controllo, abbiamo scoperto che il primo gruppo avevano maggiori probabilità di avere malattie metaboliche croniche. Quindi oggi più ricercatori considerano la psoriasi non solo una malattia della pelle, ma una malattia sistemica “, ha osservato il dermatologo. “Quando incontro i giovani con esso, dico loro che sono a maggior rischio di malattie metaboliche come il diabete e consiglio loro di cambiare il loro stile di vita esercitandosi e mangiando una dieta più sana, senza cibo spazzatura”, ha detto. “Se loro sono obesi, dovrebbero anche prendere in considerazione la chirurgia bariatrica, poiché la tecnica di accorciamento o restringimento dello stomaco può provocare una drastica riduzione della psoriasi ”, ha osservato David. “Non c'era quasi nessuna psoriasi nei detenuti nei campi di concentramento durante l'Olocausto perché erano molto magri, mi è stato detto.” C'è anche un rischio leggermente più alto di linfoma e leucemia (tumori del sangue) tra le persone con psoriasi. Pazienti con HIV avanzato / L'AIDS spesso sviluppa anche la malattia. I tassi di condizioni gastroenterologiche come la malattia di Crohn e la colite ulcerosa sono più elevati nei pazienti con psoriasi. Fortunatamente, la maggior parte dei malati ha una condizione lieve, con macchie localizzate di pelle rossa e squamosa. Solo una minoranza ha le lesioni in tutto il corpo. Circa nove casi di psoriasi su 10 sono del tipo a placche (psoriasi vulgaris), che si presentano come chiazze squamose bianche rosso-argentee sullo strato superiore della pelle. Le cellule della pelle crescono rapidamente in questi siti della placca, che sono più spesso sui gomiti e sulle ginocchia, ma sono anche comuni sul cuoio capelluto, sulla pianta dei piedi, sui palmi delle mani e sui genitali. Anche le unghie e le unghie dei piedi sono spesso colpite, con vaiolatura. Inoltre, l'infiammazione delle articolazioni – nota come artrite psoriasica – colpisce fino a un terzo dei pazienti con il tipo di placca, ha detto David. Ciò comporta l'infiammazione delle articolazioni e del tessuto connettivo circostante, in particolare le articolazioni delle dita delle mani e dei piedi. Ciò può provocare un gonfiore a forma di salsiccia delle dita delle mani e dei piedi e può anche influenzare i fianchi, le ginocchia, la colonna vertebrale e l'articolazione sacroiliaca.Altri tipi meno comuni includono la psoriasi inversa (flessionale), in cui la lesione appare come chiazze lisce e infiammate di pelle, specialmente nelle pieghe della pelle, tra la coscia e l'inguine, le ascelle, tra i glutei e sotto il seno. La psoriasi napkin è un sottotipo di psoriasi comune nei neonati che hanno papule rosse (lesioni) con scaglie d'argento nel pannolino area che può estendersi al busto o agli arti. La psoriasi guttata è caratterizzata da numerose lesioni piccole, squamose, rosse o rosa a forma di lacrima su vaste aree del corpo.La psoriasi orale è molto rara. Nella psoriasi simil-seborroica, ci sono placche rosse con squame unte sul cuoio capelluto, sulla fronte, sulle pieghe della pelle accanto al naso, sulla pelle che circonda la bocca e sulla pelle del torace sopra lo sterno. Anche se le cause della psoriasi non sono completamente comprese, è ancora incurabile. Quando è grave e sfigurante, può anche causare problemi psicologici e sociali, ansia e depressione. Il dermatologo semi-pensionato ha affermato che circa un terzo dei pazienti con psoriasi riferisce una storia familiare della malattia. Se esiste un gemello identico, l'altro ha un rischio del 70% di svilupparlo; se un gemello non identico lo ottiene, l'altro ha un rischio del 20%. Ciò indica le doppie cause genetiche e ambientali della malattia. All'inizio di quest'anno, David è stato presidente di un comitato del National Dermatology Council sulla definizione di nuove linee guida per il trattamento della psoriasi. La maggior parte dei pazienti con psoriasi lieve riceve creme (agenti topici ) come i corticosteroidi, per circa otto settimane, ma non possono essere assunti per lunghi periodi a causa di effetti collaterali. I retinoidi e il catrame di carbone, che a volte sono anche prescritti, non hanno dimostrato di essere di grande utilità. Idratanti ed emollienti come olio minerale e vaselina aiutano a eliminare le squame esistenti. Gli agenti topici sono in genere utilizzati per le malattie lievi e, quando combinati con la vitamina D, possono essere più utili.Le località del Mar Morto sono conosciute in tutto il mondo per la balneoterapia (climatoterapia) – esposizione graduale per un periodo di settimane alla luce ultravioletta di il Sole. Poiché si trova nel punto più basso della Terra, con 400 metri di atmosfera in più rispetto alla maggior parte dei luoghi, la maggior parte dei raggi nocivi del sole viene filtrata, consentendo l'esposizione al sole senza il rischio di cancro della pelle, ha affermato David, che ha fatto ricerche sugli effetti UV sulla psoriasi del Mar Morto. “La stagione della psoriasi del Mar Morto va da aprile a ottobre e molti pazienti raggiungono la remissione completa, ma dura solo per diversi mesi. Non è una cura permanente. “David ha osservato che ci sono altri posti, come l'Islanda e le Isole Canarie, dove tale terapia è disponibile, ma non esiste un posto adatto come il Mar Morto allo scopo.” I fondi sanitari ” piani di assicurazione sanitaria integrativa aiutano a sovvenzionare le cure del Mar Morto e molti turisti medici arrivano dalla Russia e dalla Germania per ricevere cure. È anche una vacanza che migliora le loro condizioni riducendo lo stress. Aiuta anche i pazienti asmatici. ”PUVA è un trattamento di fototerapia (che utilizza la luce artificiale) per la psoriasi e varie altre condizioni della pelle, con il farmaco psoralene assunto per via orale o applicato sulla pelle per sensibilizzarlo prima dell'esposizione ai raggi UV. Quando i pazienti sono lontani dal Mar Morto, possono utilizzare speciali lampade ultraviolette A per curare la malattia, che agisce riducendo la rapida produzione di cellule nella pelle. David, tuttavia, scoraggia l'uso dei lettini, in quanto rappresentano un grave rischio di cancro della pelle. Il dermatologo ha aggiunto che un certo numero di nuovi farmaci biologici sono stati sviluppati per il trattamento della psoriasi e stanno gradualmente entrando nel mercato. Questi contengono proteine ​​che interferiscono con il processo immunitario che provoca le placche. “I biologici hanno creato una nuova era. Farmaci molto potenti vengono iniettati nel paziente. Quattro di questi farmaci sono stati approvati dal Ministero della Salute per la commercializzazione. Sono efficaci al 70% e talvolta hanno un effetto anche per anni, ma in alcuni casi la condizione ritorna in settimane o mesi. Non esiste una cura. ”La maggior parte dei biologici, ha aggiunto, devono essere iniettati perché se ingeriti, sarebbero distrutti dal sistema digestivo. Altri due farmaci, apremilast e antijak1, sono in preparazione. Un altro nuovo farmaco biologico, che sarà presto introdotto, è noto genericamente come secukinumab; somministrato una volta alla settimana e poi una volta al mese, ha avuto successo nel 50-90% dei pazienti, ma non è una cura. Questi farmaci, solo alcuni dei quali sono nel cestino della salute, vengono utilizzati per casi più gravi. La loro desinenza nelle lettere MAB rappresenta gli anticorpi monoclonali; queste molecole bersaglio chiamate citochine, che le cellule usano per inviare reciprocamente segnali infiammatori. Numerosi anticorpi monoclonali colpiscono le citochine, le molecole utilizzate dalle cellule per inviare segnali infiammatori tra loro e possono alleviare la psoriasi. la FDA dopo che gli studi clinici sono stati effettuati presso la Icahn School of Medicine del Mount Sinai Medical Center. È il primo farmaco orale per la condizione da approvare da decenni. “Ma non credo che la psoriasi sarà completamente spazzata via nel prossimo futuro”, ha concluso David. “Ci saranno ancora pazienti con psoriasi, ma i dermatologi offriranno un grande miglioramento nel trattamento”.

Iscriviti alla nostra newsletter quotidiana

Iscrivendomi accetto i termini di utilizzo

Utilizziamo cookie sia di prime parti che di terze parti per fornire esperienze su misura in tutto il nostro sito Web. Puoi leggere la nostra privacy
            politica per saperne di più. Facendo clic su “Accetto”, accetti l'utilizzo di tali cookie, nonché i nostri
politiche sulla privacy

CREMA TRATTAMENTO PSORIASI OFFERTA -50% !