CREMA TRATTAMENTO PSORIASI OFFERTA -50% !

Home Uncategorized Psorilax:Risparmi |travocort crema anche per psoriasi

Psorilax:Risparmi |travocort crema anche per psoriasi

0

CREMA TRATTAMENTO PSORIASI OFFERTA -50% !

Psorilax: prezzo, funziona, recensioni, opinioni, composizione

diagnosi

Nella maggior parte dei casi, la diagnosi di psoriasi è abbastanza semplice.

  • Esame fisico e anamnesi. Il medico di solito può diagnosticare la psoriasi con la tua storia medica ed esaminando la tua pelle, cuoio capelluto e unghie.
  • Biopsia cutanea In rare occasioni, il medico può prelevare un piccolo campione di pelle (biopsia). Probabilmente ti verrà somministrata prima l'anestesia locale. Il campione viene esaminato al microscopio per determinare il tipo esatto di psoriasi e per escludere altri disturbi.

trattamento

I trattamenti per la psoriasi riducono l'infiammazione e alleggeriscono la pelle. I trattamenti possono essere suddivisi in tre tipi principali: trattamenti topici, fototerapia e farmaci sistemici.

Trattamenti topici

Se usati da soli, creme e unguenti applicati sulla pelle sono efficaci nel trattamento della psoriasi da lieve a moderata. Quando la malattia è più estesa, è probabile che le creme siano combinate con farmaci per via orale o fototerapia. I trattamenti topici per la psoriasi includono:

  • Corticosteroidi topici. Questi farmaci sono i più frequentemente prescritti per il trattamento della psoriasi da lieve a moderata. Riducono l'infiammazione e alleviano il prurito e possono essere utilizzati con altri trattamenti.

    Gli unguenti corticosteroidi lievi sono generalmente raccomandati per le aree sensibili, come il viso o le pieghe della pelle, e per trattare le imperfezioni estese della pelle danneggiata.

    Il medico può prescrivere un unguento corticosteroideo più potente per aree piccole, meno sensibili o più difficili da trattare.

    L'uso prolungato o eccessivo di potenti corticosteroidi può causare l'assottigliamento della pelle. Nel tempo, i corticosteroidi topici possono smettere di funzionare. In generale, è meglio usare corticosteroidi topici come trattamento a breve termine durante le esacerbazioni.

  • Analoghi della vitamina D. Queste forme sintetiche di vitamina D rallentano la crescita delle cellule della pelle. Il calcipotriolo (Dovonex) è una crema o una soluzione di prescrizione che contiene un analogo della vitamina D ed è usato per trattare la psoriasi da lieve a moderata insieme ad altri trattamenti. Il calcipotriolo può irritare la pelle. Il calcitriolo (Vectical) è costoso, ma può essere altrettanto efficace e forse meno irritante del calcipotriolo.
  • Anthralin. Questo medicinale aiuta a rallentare la crescita delle cellule della pelle. Anthralin (Dritho-Scalp) può anche rimuovere le squame e ammorbidire la pelle. Tuttavia, l'antralina può irritare la pelle e macchia quasi tutto ciò con cui viene a contatto. Generalmente, viene applicato per un breve periodo e quindi rimosso con acqua.
  • Retinoidi topici. Questi sono derivati ​​della vitamina A che possono ridurre l'infiammazione. L'effetto collaterale più frequente è l'irritazione della pelle. Questi farmaci possono anche aumentare la sensibilità alla luce solare, motivo per cui è necessario applicare la protezione solare prima di uscire all'aperto durante l'utilizzo del farmaco.

    Il rischio di difetti alla nascita è molto più basso per i retinoidi topici che per i retinoidi orali. Tuttavia, il tazarotene (Tazorac, Avage) non è raccomandato in caso di gravidanza o in allattamento o se si intende rimanere incinta.

  • Inibitori della calcineurina. Gli inibitori della calcineurina, il tacrolimus (Prograf) e il pimecrolimus (Elidel), riducono l'infiammazione e l'accumulo di placca.

    Gli inibitori della calcineurina non sono raccomandati per un uso prolungato o continuo, a causa di un potenziale aumento del rischio di cancro della pelle e linfoma. Possono essere particolarmente utili nelle regioni della pelle sottile, come intorno agli occhi, dove le creme steroidee o retinoidi sono troppo irritanti o possono causare effetti dannosi.

  • Acido salicilico. Disponibile in modalità over-the-counter (over-the-counter), l'acido salicilico promuove lo spargimento di cellule morte della pelle e riduce la formazione di calcare. A volte è combinato con altri farmaci, come corticosteroidi topici o catrame di carbone, per aumentarne l'efficacia. Per trattare la psoriasi del cuoio capelluto, l'acido salicilico è disponibile in shampoo medicinali e soluzioni di cuoio capelluto.
  • Catrame di carbone. Derivato dal carbone, il catrame di carbone riduce la formazione di calcare, il prurito e l'infiammazione. Il catrame di carbone può irritare la pelle. Inoltre è sporco, macchia i vestiti e la biancheria da letto e ha un forte odore.

    Il catrame di carbone è disponibile in shampoo, creme e oli da banco. Può anche essere acquistato in concentrazioni più elevate con una prescrizione. Questo trattamento non è raccomandato per le donne in gravidanza o in allattamento.

  • Creme idratanti Le creme idratanti non curano la psoriasi da sole, ma possono ridurre il prurito, la formazione di calcare e la secchezza. Le creme idratanti a base di unguento sono generalmente più efficaci delle creme e lozioni più leggere. Dovrebbero essere applicati immediatamente dopo il bagno o la doccia per trattenere l'umidità.

Terapia della luce (fototerapia)

Questo trattamento utilizza luce ultravioletta naturale o artificiale. La forma più semplice e più semplice di fototerapia è esporre la pelle a quantità controllate di luce solare naturale.

Altre forme di fototerapia includono l'uso della luce artificiale ultravioletta A o ultravioletta B, da sola o in combinazione con farmaci.

  • Luce del sole. L'esposizione ai raggi ultravioletti della luce solare o artificiale rallenta il turnover delle cellule della pelle e riduce l'infiammazione e la formazione di calcare. Brevi esposizioni quotidiane a piccole quantità di luce solare possono migliorare la psoriasi, ma un'intensa esposizione al sole può peggiorare i sintomi e causare danni alla pelle. Prima di iniziare un regime di luce solare, chiedi al tuo medico il modo più sicuro di utilizzare la luce solare naturale per il trattamento della psoriasi.
  • Fototerapia a luce ultravioletta B. Dosi controllate di luce ultravioletta B da una fonte di luce artificiale possono migliorare i sintomi della psoriasi a diffusione lieve o moderata. La fototerapia a luce ultravioletta B, chiamata anche “fototerapia a luce ultravioletta a banda larga B”, può essere utilizzata per il trattamento di punti isolati, psoriasi diffusa e psoriasi resistenti ai trattamenti topici. Gli effetti collaterali a breve termine possono includere arrossamento, prurito e pelle secca. L'uso di una crema idratante può aiutare a ridurre questi effetti collaterali.
  • Fototerapia a luce ultravioletta B a banda stretta. La fototerapia a luce ultravioletta a banda stretta B è un nuovo tipo di trattamento della psoriasi che può essere più efficace della terapia a luce ultravioletta a banda larga B. Di solito viene somministrato 2 o 3 volte a settimana fino a quando la pelle non migliora e quindi la manutenzione può richiedere solo sessioni settimanali. Tuttavia, la fototerapia a luce ultravioletta B a banda stretta può causare ustioni più gravi e durature.
  • Terapia di Goeckerman. Alcuni medici combinano il trattamento con la luce ultravioletta B e il trattamento con catrame di carbone, che è noto come “trattamento Goeckerman”. Le due terapie combinate sono più efficaci di entrambe separatamente, poiché il catrame di carbone aumenta la ricettività della pelle alla luce UV B.
  • Psoralen plus ultraviolet light A. Questa forma di fotochemioterapia prevede l'assunzione di un farmaco sensibilizzante alla luce (psoralene) prima dell'esposizione alla luce UV La luce UV A penetra nella pelle più in profondità della luce UV B e psoralene migliora la risposta di la pelle all'esposizione alla luce ultravioletta A.

    Questo trattamento più aggressivo migliora la pelle in modo uniforme ed è spesso usato nei casi più gravi di psoriasi. Gli effetti collaterali a breve termine includono nausea, mal di testa, bruciore e prurito. Gli effetti collaterali a lungo termine includono pelle secca e rugosa, lentiggini, elevata sensibilità al sole e un aumentato rischio di cancro della pelle, come il melanoma.

  • Laser ad eccimeri. Questa forma di fototerapia, utilizzata nella psoriasi da lieve a moderata, tratta solo la pelle colpita senza danneggiare la pelle sana. Un raggio controllato di luce UV B colpisce le placche di psoriasi per controllare desquamazione e infiammazione. La terapia laser con eccimeri richiede meno sessioni rispetto alla fototerapia tradizionale poiché viene utilizzata una luce UV B più potente. Gli effetti collaterali includono arrossamento e vesciche.

Farmaci orali o iniettabili

Se hai una psoriasi estesa o resistente ad altri tipi di trattamento, il medico può prescrivere farmaci per via orale o iniettabili. Questo è noto come “trattamento sistemico”. A causa di gravi effetti collaterali, alcuni di questi farmaci vengono utilizzati solo per brevi periodi e possono essere alternati con altre forme di trattamento.

  • I retinoidi. Se hai una psoriasi grave che non risponde ad altre terapie, questo gruppo di farmaci correlati alla vitamina A può essere utile. Gli effetti collaterali possono includere gonfiore delle labbra e perdita di capelli. E poiché i retinoidi, come l'acitretina (Soriatane), possono causare gravi difetti alla nascita, le donne dovrebbero evitare la gravidanza per almeno tre anni dopo l'assunzione del farmaco.
  • Methotrexate. Il metotrexato (Rheumatrex) viene somministrato per via orale e aiuta la psoriasi diminuendo la produzione di cellule della pelle e riducendo l'infiammazione. In alcune persone, può anche rallentare la progressione dell'artrite psoriasica. Il metotrexato è generalmente ben tollerato a basse dosi, sebbene possa causare mal di stomaco, perdita di appetito e affaticamento. Se usato per lunghi periodi, può causare una serie di gravi effetti collaterali, tra cui gravi danni al fegato e riduzione della produzione di piastrine e globuli rossi e bianchi.
  • Ciclosporina. La ciclosporina (Gengraf, Neoral) sopprime il sistema immunitario e la sua efficacia è simile a quella del metotrexato, ma può essere assunta solo per un breve periodo. Come altri farmaci immunosoppressori, la ciclosporina aumenta il rischio di infezione e altri problemi di salute, incluso il cancro. La ciclosporina ti rende anche più sensibile ai problemi renali e alla pressione alta; il rischio aumenta con dosi più elevate e terapia a lungo termine.
  • Farmaci che alterano il sistema immunitario (biosimilari). Molti di questi farmaci sono stati approvati per il trattamento della psoriasi da moderata a grave. Questi includono etanercept (Enbrel), infliximab (Remicade), adalimumab (Humira), ustekinumab (Stelara), golimumab (Simponi), apremilast (Otezla), secukinumab (Cosentyx) e ixekizumab (Taltz). La maggior parte di questi farmaci sono iniettabili (l'apremilast viene somministrato per via orale) e sono generalmente utilizzati in persone che non hanno risposto alla terapia tradizionale o che hanno associato l'artrite psoriasica. I farmaci biologici devono essere usati con cautela, poiché hanno gravi effetti sul sistema immunitario e possono causare infezioni potenzialmente letali. In particolare, le persone che seguono questi trattamenti dovrebbero sottoporsi a un test di screening della tubercolosi.
  • Altri farmaci. La tioguanina (tabloide) e l'idrossiurea (Droxia, Hydrea) sono farmaci che possono essere utilizzati quando altri non possono essere somministrati.

Considerazioni sul trattamento

Sebbene i medici scelgano i trattamenti in base al tipo e all'estensione della psoriasi e alle regioni cutanee colpite, l'approccio tradizionale è quello di iniziare con i trattamenti più lievi – creme topiche e fototerapia a luce ultravioletta – in pazienti con lesioni del pelle tipica (piastre) e poi passare al più potente, solo se necessario. In generale, i pazienti con psoriasi eritrodermica, pustolosa o associata ad artrite hanno bisogno di un trattamento sistemico sin dall'inizio. L'obiettivo è trovare il modo più efficace per rallentare il ricambio cellulare con il minor numero di effetti collaterali possibili.

Possibili trattamenti futuri

Ci sono una serie di nuovi farmaci che sono attualmente in fase di studio e che possono migliorare il trattamento della psoriasi. I trattamenti mirano a diverse proteine ​​che funzionano con il sistema immunitario.

Medicina alternativa

Esistono diversi trattamenti alternativi che sostengono di alleviare i sintomi della psoriasi, come diete speciali, creme, integratori alimentari ed erbe. L'efficacia di nessuno di questi trattamenti non è dimostrata. Ma alcuni trattamenti alternativi sono generalmente considerati sicuri e possono essere utili ad alcune persone riducendo segni e sintomi, come prurito e desquamazione. Questi trattamenti sarebbero più adatti per le persone con la più lieve malattia della placca, ma non per quelle con pustole, eritroderma o artrite.

  • Aloe Vera. La crema con estratto di aloe, prelevata dalla pianta di aloe vera, può ridurre arrossamenti, desquamazione, prurito e infiammazione. Potrebbe essere necessario utilizzare la crema più volte al giorno per un mese o più per notare miglioramenti nella pelle.
  • Olio di pesce Gli acidi grassi omega-3 negli integratori di olio di pesce possono ridurre l'infiammazione causata dalla psoriasi, sebbene i risultati degli studi non siano conclusivi. L'assunzione di 3 grammi o meno di olio di pesce al giorno è generalmente considerata sicura e può essere utile.
  • Uva dell'Oregon. L'uva dell'Oregon, chiamata anche “crespino”, ha applicazioni topiche che possono ridurre l'infiammazione e alleviare i sintomi della psoriasi.

Se stai pensando di utilizzare integratori alimentari o altri trattamenti alternativi per alleviare i sintomi della psoriasi, consulta il medico. Può aiutarti ad analizzare i vantaggi e gli svantaggi di trattamenti alternativi specifici.

Studi clinici

Esplora gli studi della Mayo Clinic che valutano nuovi trattamenti, interventi e test come un modo per prevenire, rilevare, trattare o controllare questa malattia.

Stile di vita e rimedi casalinghi

Sebbene le misure di auto-cura non curino la psoriasi, possono aiutare a migliorare l'aspetto e la sensazione della pelle danneggiata. Queste misure possono essere utili:

  • Fare il bagno ogni giorno. Facendo il bagno ogni giorno, rimuovi le squame e lenisci la pelle infiammata. Aggiungi olio da bagno, avena colloidale, solfato di magnesio naturale o sali del Mar Morto all'acqua e immergiti. Evitare acqua calda e saponi abrasivi, che possono peggiorare i sintomi; usare acqua calda e saponi delicati con oli e grassi aggiunti. Immergiti per circa 10 minuti e poi asciuga la pelle.
  • Usa una crema idratante. Dopo il bagno, applica una crema idratante a base di unguento mentre la pelle è ancora bagnata. Per la pelle molto secca, sono preferibili oli, poiché tendono a rimanere più a lungo di creme o lozioni e sono più efficaci nel prevenire l'evaporazione dell'acqua dalla pelle. Nei climi freddi e asciutti, dovrai applicare una crema idratante più volte al giorno.
  • Esporre la pelle a piccole quantità di luce solare. Una quantità controllata di luce solare può migliorare la psoriasi, ma troppo sole può innescare o peggiorare i razzi e aumentare il rischio di cancro della pelle. Prima di tutto chiedi al tuo medico il modo migliore per usare la luce solare naturale per curare la tua pelle. Registra il tempo che passi al sole e usa la protezione solare sulle aree della pelle che non sono interessate dalla psoriasi.
  • Se possibile, evitare i fattori scatenanti per la psoriasi. Scopri cosa innesca o peggiora la psoriasi nel tuo caso e prendi provvedimenti per prevenire o evitare questi fattori scatenanti. Infezioni, lesioni cutanee, stress, fumo e intensa esposizione al sole possono peggiorare la psoriasi.
  • Evita di consumare alcolici. Bere alcolici può ridurre l'efficacia di alcuni trattamenti per la psoriasi. Se hai la psoriasi, evita di bere alcolici. Se bevi, fallo in modo moderato.

Strategie di supporto e supporto

Far fronte alla psoriasi può essere una vera sfida, specialmente se la malattia colpisce vaste aree del corpo o appare in luoghi facilmente visibili da altri, come il viso o le mani. La natura continua e persistente della malattia e le difficoltà del suo trattamento non fanno che aumentare il problema.

Ecco alcuni modi per aiutarti ad affrontarlo e avere la sensazione di poterlo controllare:

  • Scoprilo Trova quante più informazioni possibili sulla malattia e sulle opzioni di trattamento della ricerca. Comprendi quali sono i possibili fattori scatenanti di questa malattia per prevenire le esacerbazioni. Informa chi ti circonda (compresi familiari e amici) in modo che possano identificare, riconoscere e supportare i tuoi sforzi per affrontare questa malattia.
  • Segui le raccomandazioni del medico. Se il medico raccomanda determinati trattamenti e cambiamenti nello stile di vita, assicurati di seguirli. Chiedi se qualcosa non ti sembra chiaro.
  • Trova un gruppo di supporto. Prendi in considerazione l'idea di unirti a un gruppo di supporto con altri che hanno la malattia e sanno cosa stai passando. Può essere confortante condividere la tua esperienza e la tua lotta e incontrare persone che affrontano sfide simili. Chiedi al tuo medico informazioni sui gruppi di supporto della psoriasi in cui vivi o sei virtuale.
  • Indossa abiti che ti coprano quando ritieni che sia necessario. In quei giorni in cui ti senti particolarmente imbarazzato, copri la tua psoriasi con abiti o prodotti cosmetici speciali come il trucco per il corpo o il correttore. Questi prodotti possono nascondere placche e arrossamenti psoriasici. Tuttavia, possono irritare la pelle e non devono essere utilizzati su piaghe, tagli o lesioni che non sono ancora guarite.

Preparazione per la consultazione

Probabilmente vedrai prima il tuo medico di famiglia o il medico di famiglia. In alcuni casi, possono indirizzarti direttamente a uno specialista in malattie della pelle (dermatologo).

Qui hai informazioni che ti aiuteranno a prepararti per la consultazione e a sapere cosa aspettarti dal medico.

Cosa puoi fare

Fai un elenco di quanto segue:

  • I sintomi che hai, anche quelli che sembrano non correlati al motivo per cui hai programmato l'appuntamento
  • Tutti i farmaci, le vitamine e le erbe che prendi e le loro dosi
  • Domande da porre al medico

Per la psoriasi, le domande di base che potresti porre al medico sono:

  • Cosa può causare i miei segni e sintomi?
  • Ho bisogno di test diagnostici?
  • Quali trattamenti sono disponibili e quali mi consigliate?
  • Quali tipi di effetti collaterali posso aspettarmi?
  • Il trattamento raccomandato causerà la remissione dei miei sintomi?
  • Quanto tempo posso aspettare risultati?
  • Quali sono le alternative all'approccio principale che suggerisci?
  • Ho altri problemi di salute. Come posso controllarli insieme?
  • Quali prodotti di routine e per la cura della pelle sono raccomandati per migliorare i miei sintomi?

Cosa aspettarsi dal medico

Il medico probabilmente ti farà diverse domande, come le seguenti:

  • Quando hai iniziato ad avere sintomi?
  • Quanto spesso hai questi sintomi?
  • I sintomi sono stati continui o occasionali?
  • C'è qualcosa che sembra migliorare i sintomi?
  • C'è qualcosa che sembra peggiorare i sintomi?
Scritto dallo staff della Mayo Clinic

CREMA TRATTAMENTO PSORIASI OFFERTA -50% !